Aumento degli eosinofili nel sangue


Un aumento degli eosinofili nel sangue (eosinofilia) è una deviazione verso l'alto dalla norma, che può indicare lo sviluppo di un certo processo patologico nel corpo, ma può anche essere di natura fisiologica. Ulteriori misure diagnostiche e il trattamento sono determinati dal medico su base individuale.

Gli eosinofili elevati non hanno un quadro clinico specifico, quindi i sintomi possono essere assenti per qualche tempo o dipenderanno dal fattore sottostante.

È possibile determinare le cause di un tale processo patologico solo eseguendo le misure diagnostiche necessarie. Non viene preso in considerazione solo il numero di eosinofili, ma anche altri indicatori della composizione del sangue, quindi solo un medico può decifrare.

Norma

È possibile affermare che gli eosinofili aumentano se il loro numero supera i seguenti indicatori:

  • dalla nascita a un anno - non più del 6%;
  • fino a due anni - non più del 7%;
  • da 2 a 5 anni - non più del 6%;
  • da 6 a 12 anni - non più del 5,5%.

Per gli adulti, nel sangue di donne e uomini, il numero di eosinofili non dovrebbe essere superiore al 5%. È consentita una deviazione verso l'alto o verso il basso di pochi decimi, ma non di più.

Eziologia

L'aumento del contenuto di eosinofili può essere dovuto sia a fattori fisiologici che patologici.

Le ragioni patologiche per cui gli eosinofili sono al di sopra del normale sono le seguenti:

  • malattie parassitarie - invasioni elmintiche, giardiasi, ascariasi;
  • tumore maligno;
  • reazioni allergiche;
  • asma;
  • tubercolosi;
  • leucemia acuta;
  • reazione reumatica;
  • vagotonia;
  • ipotiroidismo e altre malattie del sistema endocrino;
  • malattie del sangue;
  • disturbi gastroenterologici.

Inoltre, non è esclusa una forma ereditaria di eosinofilia..

Gli eosinofili nel sangue fisiologicamente elevati possono essere nei seguenti casi:

  • l'inizio del ciclo mestruale;
  • durante il sonno;
  • uso di farmaci - preparati ormonali, beta-bloccanti, antibiotici, sulfamidici;
  • dieta malsana - quantità eccessive di dolci e alcol.

Separatamente, è necessario evidenziare i motivi per cui gli eosinofili nel sangue aumenteranno in un bambino:

  • nei neonati - conflitto Rh, reazione allergica, malattia emolitica, infezione da stafilococco;
  • da 1,5 a 2 anni - edema di Quincke, dermatite atopica, reazione allergica al cibo o ai farmaci;
  • nei bambini di età superiore a tre anni - elmintiasi, malattie virali o infettive, reazioni allergiche.

Solo un medico può determinare esattamente perché una persona ha alti eosinofili eseguendo le misure diagnostiche necessarie. Pertanto, in caso di sintomi, consultare un medico e non eseguire un trattamento sintomatico a propria discrezione..

Classificazione

Si distinguono i seguenti gradi di gravità dell'eosinofilia:

  • facile - fino al 10%;
  • medio - 10-15%;
  • grave - oltre il 15% (questa forma del processo patologico può essere accompagnata da carenza di ossigeno nei tessuti, che è estremamente pericolosa per la vita).

Per determinare la gravità della patologia, viene eseguito un esame del sangue generale con il calcolo degli eosinofili abs, cioè la quantità assoluta.

Distinguere anche tra le forme relative e assolute della malattia. Lo stadio relativo è raramente una manifestazione di una malattia grave, poiché in questo caso si parla di un aumento del numero di eosinofili e la loro percentuale rimane entro un intervallo accettabile. La forma assoluta suscita preoccupazione: in questo caso, è la percentuale di aumento cellulare che viene diagnosticata, che indica lo sviluppo della malattia.

Sintomi

Gli eosinofili elevati nel sangue di un adulto non hanno un quadro clinico specifico, poiché questa non è una malattia separata. I sintomi dipenderanno dal fattore sottostante.

Possono comparire i seguenti sintomi:

  • interruzione del funzionamento del tratto gastrointestinale;
  • ricadute di malattie croniche, se presenti;
  • eruzioni cutanee sulla pelle, che possono essere accompagnate da prurito, desquamazione, formazioni di varia natura;
  • linfonodi ingrossati;
  • alta o alta temperatura;
  • sintomi di ARVI, influenza;
  • disturbi del sistema genito-urinario - minzione frequente, prurito e bruciore nell'area genitale, dolore nella zona inferiore dell'addome e dell'inguine, secrezione esterna;
  • nelle donne - irregolarità mestruali;
  • mal di testa, vertigini senza motivo apparente;
  • casi frequenti di morbilità da ARVI, processo di guarigione prolungato.

È impossibile determinare dal solo quadro clinico attuale che gli eosinofili sono aumentati o diminuiti in un adulto, quindi è consigliabile consultare un medico e non effettuare un trattamento sintomatico.

Diagnostica

La determinazione del livello di eosinofili nel sangue viene effettuata mediante un esame del sangue generale da un dito.

Affinché il risultato sia corretto, è necessario rispettare le seguenti regole della procedura:

  • donare il sangue solo in uno stato calmo ed emotivo;
  • il giorno prima della procedura, è necessario interrompere l'uso di farmaci (se possibile), bevande alcoliche ed escludere anche uno stress fisico ed emotivo eccessivo;
  • se il paziente sta assumendo farmaci, è imperativo informare il medico di questo anche prima dell'analisi.

Prende in considerazione non solo il numero di eosinofili, ma anche altri componenti del sangue.

Le combinazioni più comunemente utilizzate sono:

  • aumento dei monociti ed eosinofili: è probabile che si sviluppi una malattia infettiva o parassitaria nel corpo;
  • gli eosinofili sono aumentati e i neutrofili sono diminuiti - una conseguenza dell'assunzione di droghe, cancro, infiammazione;
  • eosinofili e basofili sono aumentati: una reazione allergica, una malattia infettiva al suo apice.

Se i test confermano che il numero di tali cellule nel sangue è molto più alto di quanto dovrebbe essere in base all'età, vengono eseguiti un esame del sangue ripetuto e le seguenti misure diagnostiche:

  • analisi generale delle urine;
  • analisi generale delle feci e analisi del contenuto di parassiti;
  • Ultrasuoni degli organi interni;
  • test allergologici.

L'elenco esatto delle misure diagnostiche sarà determinato su base individuale.

Trattamento

La terapia ha lo scopo di eliminare la causa principale, quindi non esiste un programma di trattamento generale. Va anche notato che non esistono farmaci specifici per ridurre il numero di eosinofili. Lo stesso si può dire con sicurezza sui rimedi popolari. Il problema può essere eliminato solo con un approccio integrato..

Il tasso di eosinofili nel sangue

Gli eosinofili sono una popolazione di leucociti responsabili della difesa antiparassitaria, regolando la risposta immunitaria all'invasione del corpo da parte di virus, batteri, funghi e protozoi. Secondo gli indicatori degli eosinofili e il grado della loro deviazione dalla norma per età, viene valutato lo stato del sangue e il sistema immunitario di una persona nel suo insieme.

Il tasso di eosinofili, tabella

Il modulo di analisi del sangue indica il numero di eosinofili:

  • relativo: la quota nella formula dei leucociti (in percentuale);
  • assoluto - il numero di celle per unità di volume (В10 9 / L).

Il contenuto numerico di eosinofili per età è anche espresso nel loro numero in 1 ml. Il valore di 500 cellule / ml corrisponde ad un valore pari a 5 * 10 9 / l. Sul modulo del test, i leucociti eosinofili sono abbreviati in EO - abbreviazione di eosinofili.

I tassi di eosinofili nel sangue per età, gli stessi nelle donne e negli uomini, sono mostrati nella tabella.

EtàValore EO (%)Valore (10 9 / L)
alla nascita3Da 0,05 a 0,7
Il primo giorno2allo stesso modo
la prima settimana3.5allo stesso modo
2 settimane3allo stesso modo
10-12 mesi.Da 0,5 a 7Da 0,02 a 0,7
dopo un anno fino a 12 l.da 0,5 a 70,02 - 0,6
adulti, bambini dai 12 annida 0,5 a 50,02 - 0,44

Nei bambini, la proporzione di eosinofili nella formula dei leucociti è maggiore che negli adulti. Ciò è dovuto all'immaturità del sistema immunitario. Nei bambini ci sono differenze negli indicatori per età. Dall'età di 12 anni, il contenuto di granulociti eosinofili nei bambini è lo stesso degli adulti.

Non ci sono differenze nelle norme di questa popolazione in base al sesso. Dopo 50 anni, la norma negli adulti per età aumenta leggermente. Valori compresi tra 0,02 e 5,5% sono considerati accettabili.

Deviazioni dalla norma

Il fenomeno del superamento della norma degli eosinofili nel sangue è chiamato eosinofilia. Le ragioni principali dell'aumento degli eosinofili sono malattie allergiche, autoimmuni, parassitarie, come descritto in dettaglio sul sito in precedenza.

Un falso aumento dei risultati dei test nel sangue è talvolta causato dalla colorazione con eosina non solo dei granuli di eosinofili, ma anche dei neutrofili. In tal caso, un aumento degli eosinofili sarà accompagnato da una diminuzione dei neutrofili..

Il numero di granulociti eosinofili aumenta durante la notte. Al mattino e alla sera, il contenuto di questa popolazione è inferiore alla media giornaliera, che è associata al lavoro ciclico delle ghiandole surrenali.

Nelle giovani donne, la variazione ciclica del numero di eosinofili dipende dalla fase del ciclo mestruale:

  • fino al giorno 15, il numero di eosinofili aumenta sotto l'influenza di estrogeni al 6-12%;
  • nella seconda metà del ciclo, sotto l'influenza dell'ormone progesterone, il numero di leucociti eosinofili diminuisce alla normalità.

Il test degli eosinofili nel sangue periferico viene utilizzato per valutare la salute delle ovaie nelle donne in età inferiore alla menopausa.

Eosinopenia: una condizione in cui è presente un numero ridotto (inferiore a 0,02 * 10 9 / l) di leucociti eosinofili nel sangue.

Eosinofilia

  • facile - i risultati dell'analisi sono 5 - 10;
  • moderato - da 10 a 15;
  • grave - superiore a 15.

I valori del grado (grave) espresso di eosinofilia possono raggiungere il 60% e oltre. Si notano alti gradi nei processi autoimmuni: periarterite nodosa, artrite reumatoide, pemfigo.

Un eccesso di eosinofili nel sangue può essere causato dalla dermatite di Duhring, una malattia della pelle più comune negli uomini che nelle donne. La dermatite erpetomorfa di Dühring si manifesta:

  • eruzioni cutanee sulla schiena, all'interno delle ginocchia, dei gomiti, dei glutei;
  • macchie eritematose pruriginose.

Si ammalano di dermatite erpetomorfa più spesso giovani uomini di 30-40 anni. I leucociti eosinofili con dermatite di Duhring aumentano non solo nel sangue. Si riscontrano accumuli significativi di eosinofili in eruzioni cutanee vesciche sulla pelle colpita.

La dermatite di Dühring è una malattia del paratumore (causata da un tumore), che spesso compare prima dei sintomi clinici del tumore stesso, indicando processi maligni in corso nel corpo.

Quando compaiono segni di dermatite erpetomorfa, è imperativo essere attentamente esaminati, soprattutto alle persone di età superiore ai 65 anni. La malattia di Dühring può indicare lo sviluppo di cancro ai polmoni, alla prostata, al seno, allo stomaco.

Tassi di infezione parassitaria

Il numero di leucociti eosinofili aumenta con le infezioni parassitarie. Se i risultati del test mostrano un eccesso della norma di questa popolazione, sia agli adulti che ai bambini viene assegnato uno studio per l'infezione da elminti.

Per determinare in modo indipendente la probabilità che l'organismo sia popolato da vermi, puoi valutare se devi provare sensazioni simili:

  • flatulenza, gonfiore;
  • prostrazione;
  • sonnolenza;
  • dolore addominale;
  • depressione.

Eosinopenia

Al di sotto di 0,02 * 10 9 / l, gli indicatori dei granulociti eosinofili cadono nelle malattie ormonali causate da patologie delle ghiandole surrenali, della ghiandola tiroidea. I risultati dei test possono scendere quasi a zero nella fase terminale della leucemia.

Una diminuzione dei risultati dell'analisi può essere causata da:

  • infezioni purulente, sepsi;
  • condizioni acute - appendicite, shock doloroso, un attacco di pancreatite, colelitiasi;
  • avvelenamento da metalli pesanti;
  • stress prolungato.

Gli eosinofili diminuiscono a zero il primo giorno di infarto miocardico. Come i neutrofili, i granulociti eosinofili sono attivamente coinvolti nelle reazioni infiammatorie e con un attacco di cuore si precipitano al sito di danno al muscolo cardiaco.

Ma, grazie all'effetto stimolante dei linfociti T, il giorno successivo all'attacco cardiaco, il midollo osseo compensa la perdita e la conta degli eosinofili nel sangue viene ripristinata.

Cambiamenti nella formula dei leucociti

Rappresentanti di diverse popolazioni di leucociti interagiscono tra loro durante processi immunitari, infiammatori e autoimmuni. Ciò significa che con un aumento o una diminuzione del numero di eosinofili, cambia anche la necessità di altre popolazioni di leucociti: linfociti, monociti, neutrofili, basofili.

Gli eosinofili sono più alti della norma in età e l'aumento dei monociti si osserva nelle infezioni virali, fungine, sarcoidosi, mononucleosi, gonorrea, infezione da tubercolosi.

L'eccesso della norma di eosinofili e linfociti per età si nota nelle allergie causate da infezione da parassiti, nelle dermatosi allergiche, nella scarlattina. Gli indici dei granulociti eosinofili e dei linfociti aumentano durante il trattamento con antibiotici e sulfamidici.

Che cos'è e come determinare gli eosinofili in un esame del sangue

Basso contenuto

Alcuni pazienti devono affrontare il fatto che dopo uno studio di laboratorio viene determinato un basso contenuto di eosinofili nel loro sangue.

Se gli eosinofili si abbassano, in medicina tale deviazione è chiamata eosinopenia. Le principali cause di eosinopenia sono:

  • infezione;
  • ustioni;
  • trauma;
  • sepsi;
  • infarto miocardico;
  • soggiorno sistematico in situazioni stressanti;
  • mancanza di riposo notturno;
  • malattia della tiroide;
  • malattia della ghiandola surrenale;
  • periodo postoperatorio;
  • avvelenamento da metalli pesanti.

Se un test di laboratorio restituisce un punteggio zero, ciò potrebbe avvisare che una persona ha subito la febbre tifoide o sta sviluppando un'appendicite acuta. Inoltre, un indicatore zero conferma la dissenteria..

Un basso contenuto di eosinofili e la loro costante diminuzione nel sangue di un bambino possono indicare la sindrome di Down.

Ma una quantità bassa, così come un indicatore zero durante la gravidanza o il parto, indicano il soggiorno di una donna in una situazione stressante, la presenza di forti dolori, spasmi.

Eosinofili nei bambini anormali

L'analisi del sangue di un bambino può registrare due condizioni opposte:

  • Eosinofilia: il contenuto di eosinofili supera il valore normale.
  • Eosinopenia: il peso specifico delle cellule è sceso al di sotto del valore ottimale.

Entrambi i fenomeni sono indesiderabili e richiedono un esame più dettagliato del bambino..

Eosinofili aumentati: cause

L'eosinofilia è molto più comune. Il suo valore diagnostico è piuttosto significativo, poiché le cellule sono un tipo di leucociti. Ciò significa che sono responsabili dell'eliminazione tempestiva di sostanze dannose per il corpo..

Se il contenuto di eosinofili è aumentato e ha superato il valore ottimale, significa che è così che il sistema immunitario risponde alla penetrazione di oggetti patogeni dall'esterno: proteine ​​parassitarie, funghi e virus.

Un aumento degli eosinofili è possibile senza l'invasione di microrganismi dannosi, ad esempio, quando nel corpo del bambino:

  • Carenza di magnesio.
  • Si sviluppano disturbi del sangue e neoplasie maligne.

Se in un bambino viene registrato un aumento del livello di eosinofili, ciò potrebbe indicare:

  • la presenza di infezione intrauterina;
  • reazione negativa ai farmaci o ai componenti del latte vaccino.

Nei bambini più grandi, le cause dell'eosinofilia possono essere:

  • Lesioni fungine.
  • Malattie della pelle.
  • L'infestazione da vermi è un attacco del corpo da parte dei parassiti. Quando ciò accade, gli eosinofili possono superare il range normale del 20% o più. Un livello così alto di cellule significa che c'era un'infezione acuta da parassiti come ascaridi, giardia o trichinella.
    Lo sviluppo dell'opisthorchiasis è particolarmente pericoloso, poiché il fegato e il pancreas sono colpiti. Ciò garantisce al bambino in futuro la presenza di disturbi come pancreatite o gastrite..
  • Infezione da agenti patogeni e batteri, in particolare stafilococchi che provocano lo sviluppo di tubercolosi, dermatosi, sifilide e altre malattie infettive.
  • Malfunzionamenti del sistema endocrino.
  • Ustioni termiche e congelamento.
  • Eosinofilia tropicale - possibile in climi umidi e caldi. È caratterizzato da uno stato patologico specifico causato dall'infestazione da parassiti. Un prerequisito per l'insorgenza della malattia è la mancata osservanza dell'igiene.

Il tasso di eosinofili è abbassato: perché?

L'eosinopenia viene registrata quando il livello cellulare scende al minimo

Ciò non accade spesso e non è importante per la diagnosi quanto il contrario. Ma è impossibile ignorare la diminuzione del livello di eosinofili, poiché ciò potrebbe significare la presenza di una grave patologia nel bambino.

Diminuisci la concentrazione di cellule nello stato:

  • Gravi infezioni purulente, inclusa la sepsi.
  • Intossicazione da metalli pesanti.
  • Stress cronico.

Il contenuto di eosinofili è ridotto nei bambini con sindrome di Down, bambini prematuri. La conta delle cellule scende a zero nella leucemia avanzata.

Vale la pena ricordare che la deviazione del livello degli eosinofili dalla norma nella maggior parte dei casi riflette i processi che si verificano all'interno e non è una malattia indipendente. Tuttavia, la composizione del sangue dei bambini deve essere costantemente monitorata. E se vengono rilevate deviazioni, assicurati di contattare il pediatra per un consiglio.

Eosinofili nel sangue

È necessario, credo, dire alcuni fatti. Per così dire, tuffati nella biochimica...

Da dove vengono?

La fonte di questi ragazzi è il nostro midollo osseo. Lì vengono prodotti senza sosta. L'unica cosa, a un certo punto in misura maggiore, a volte in misura minore. A proposito, dirò che non vivono così a lungo. La loro durata massima è di 2 settimane..

Il loro habitat...

In effetti, gli eosinofili nel sangue non durano così a lungo. Una volta che sono completamente maturati nel midollo osseo, ovviamente entrano nel flusso sanguigno. Ma, come ho detto, non "restano" lì per così tanto tempo - solo 2 - 5 ore.

Dopodiché, si disperdono gradualmente in tutto il nostro corpo e rimangono lì fino a quando non viene richiesto. Se non sono stati richiesti per 2 settimane, vengono distrutti e rimossi dal corpo..

I luoghi principali della loro distribuzione:

  • tratto gastrointestinale,
  • sistema polmonare,
  • bene, e possono anche concentrarsi nei capillari della nostra pelle.

Il loro ruolo principale...

Lo stesso dei leucociti: per stare a guardia del nostro corpo e proteggerlo da eventuali impurità. Ma penso che tu voglia ancora sapere quali sono le norme per la persona media?

Norma degli eosinofili

Tutte le norme degli eosinofili nel sangue, di regola, sono calcolate dalla maggior parte dei laboratori di ricerca in percentuale. Sebbene ci siano anche laboratori di questo tipo che calcolano il loro valore assoluto, cioè cercano di stabilire il loro numero specifico in un certo volume. E, se parliamo di numeri specifici come percentuale, allora:

  1. per uomini e donne, la norma va dallo 0,5% al ​​5%. Come puoi vedere, una gamma abbastanza ampia
  2. per le persone dopo i 50 anni il tasso aumenta leggermente e va già dall'1% al 5,5%

Allo stesso tempo, per non indurre in errore nessuno, dirò che questi indicatori sono calcolati per ogni litro di sangue.

Il tasso di eosinofili nei bambini

Se parliamo di bambini, il tasso di eosinofili nei bambini è molto insolito nel corso degli anni. Quindi, i bambini più piccoli possono averne anche di più rispetto ai bambini più grandi. E, se parliamo di numeri specifici, allora:

  1. i bambini di età inferiore a un anno hanno indicatori statistici medi: 0,5% - 7%
  2. da 1 anno a 12 anni, è necessario concentrarsi sul valore dello 0,5% - 6,5%
  3. da 12 anni a quasi 16 anni, l'indicatore scende gradualmente allo 0,5% - 6%.
  4. Ebbene, già all'età di 16-19 anni, acquisisce gradualmente indicatori adulti: 0,5% - 5%

Bene, ora, ti invito a leggere un articolo sul perché gli eosinofili nel sangue sono elevati, e su cosa fare al riguardo.

Il tasso di eosinofili nella tavola sanguigna

Il numero di eosinofili in un adulto subisce fluttuazioni giornaliere a seconda del livello degli ormoni surrenali (corticosteroidi). Il livello più alto di leucociti eosinofili si osserva di notte e più vicino al mattino e durante il giorno la concentrazione di cellule nel sangue diminuisce.

Età, anniIndicatore assoluto, x10⁹ / litroIndicatore relativo,%
Fino a 10 anni0-0.601-5
10-20 anni0-0,451-5
Dopo il 210-0,471-5

Il livello di eosinofili nelle donne dipende dal ciclo mestruale e dalla concentrazione degli ormoni sessuali. Nella prima metà del ciclo prima dell'ovulazione, di regola, gli eosinofili sono aumentati a causa dell'elevata concentrazione di estrogeni nel corpo..

Dal giorno dell'ovulazione fino alla fine del ciclo, il livello di progesterone aumenta, provocando una diminuzione della concentrazione di leucociti nel corpo femminile. Con l'aiuto di un'analisi per eosinofili in ginecologia, vengono determinate le funzioni ormonali delle ovaie e il tempo di ovulazione.

Per determinare il numero di eosinofili, viene eseguito un esame del sangue generale. Quando vengono rilevate patologie della concentrazione o della struttura dei leucociti, viene esaminata la formula dei leucociti del sangue venoso, inclusi gli indicatori di neutrofili, basofili, linfociti e monociti.

Come fare il test correttamente

Affinché il risultato dell'analisi del contenuto di eosinofili rifletta i risultati reali, è necessario seguire diverse regole prima di donare sangue capillare o venoso:

  • donare il sangue al mattino a stomaco vuoto;
  • il giorno prima dell'analisi, escludere l'alcol dalla dieta e non consumare molto zucchero;
  • evitare lo stress prima dell'analisi, poiché una maggiore concentrazione di adrenalina porta ad una diminuzione degli eosinofili nel sangue, aumentando il contenuto di cellule nei tessuti e nel midollo osseo.

Proteina cationica eosinofila

La proteina cationica eosinofila è una proteina che si trova nei granuli delle cellule, al momento dello sviluppo di processi infiammatori, viene rilasciata. La concentrazione normalmente non deve superare i 7 mcg per litro.

Se gli indicatori vengono aumentati più volte, al paziente viene diagnosticata l'asma bronchiale. A dieci volte l'ingrandimento - elminti. Se la proteina cationica eosinofila è elevata e la sua quantità è di 100 μg per litro di sangue, ciò indica lo sviluppo del cancro.

Non farti prendere dal panico quando ottieni questi risultati.

Prima di prescrivere il trattamento, prestare nuovamente attenzione ai sintomi e chiedere loro di ripetere il test. In futuro, è necessario escludere lo sviluppo di allergie.

E ricorda che solo un medico può fare una diagnosi accurata..

Prima di passare l'analisi a eos, è necessario conoscere tutti i requisiti per la sua consegna. Dopotutto, la mancata osservanza di un punto può influire sui risultati.

Funzioni


Gli eosinofili sono costituiti da un nucleo e molti granuli citoplasmatici con diversi tipi di proteine ​​(perossidasi, proteina cationica) e sostanze tossiche (arilsolfatasi, fosfolipasi, istaminasi) per distruggere le cellule estranee.

Il maggior numero di eosinofili si trova nei tessuti che entrano in contatto con fattori esterni (nella pelle, nei polmoni, nell'intestino e negli organi urogenitali). Le funzioni dei granulociti eosinofili nel sangue e nei tessuti sono le seguenti:

  • cattura e neutralizzazione dell'istamina e di altre sostanze che si accumulano nel corpo durante le reazioni allergiche;
  • effetto tossico sulle larve di elminti attraverso il rilascio di proteine ​​e perossidasi;
  • prevenzione dell'ingresso di antigeni (sostanze tossiche secrete da proteine ​​estranee) nel sistema circolatorio;
  • protezione degli organi a contatto con l'ambiente dall'infezione di parassiti;
  • cattura e assorbimento di piccoli batteri;
  • rilascio della proteina plasminogena coinvolta nella dissoluzione di coaguli di sangue e coaguli di sangue.

Per attuare le funzioni protettive, gli eosinofili sono nel flusso sanguigno per 5-8 ore, dopodiché si spostano nei tessuti, dove si accumulano insieme e formano sottopopolazioni di tre tipi:

  • cellule non attivate di densità normale;
  • attivato, densità normale;
  • attivato, bassa densità.

Le sottopopolazioni di eosinofili a bassa densità attivati ​​possiedono recettori di membrana per diversi tipi di anticorpi e forniscono una protezione efficace contro le infezioni parassitarie.

L'accumulo di leucociti eosinofili nei tessuti può causare conseguenze negative, ad esempio nelle allergie, l'aumento degli eosinofili porta a danni agli organi, alla pelle e alle mucose (ad esempio, danni alle vie respiratorie e ai polmoni nell'asma bronchiale).

Quando gli eosinofili sono elevati

La penetrazione di un'infezione, una proteina estranea (antigene) nel corpo, innesca l'attivazione dei leucociti eosinofili. Questo effetto stimolante è la ragione della massiccia migrazione di questa popolazione verso i tessuti colpiti..

Un aumento della concentrazione di eosinofili nel sangue si ottiene accelerando il tempo di maturazione delle cellule di questa popolazione. Le ragioni dell'aumento degli indicatori nell'analisi del sangue generale per gli eosinofili possono essere:

  • allergie di tipo immediato e ritardato;
  • infezione da vermi - nematodi, echinococchi, fascils, opisthorchomas, trichinella;
  • malattie infettive respiratorie, intestinali causate da virus, batteri, funghi;
  • malattie del collagene - periarterite nodosa, trombovasculite, malattia di Behçet, dermatomiosite, sclerodermia, lupus, fascite;
  • malattie reumatologiche - artrosi, gotta, artropatia;
  • scarlattina;
  • tubercolosi dei linfonodi;
  • gastroenterite esonofila, polmonite, mialgia;
  • corea;
  • Sindrome di Churg-Strauss;
  • colite ulcerosa;
  • insufficienza surrenalica;
  • oncologia - linfogranulomatosi eosinofila, leucemia mieloide, sarcidosi, eritremia, cancro del fegato, utero, cervice, ovaio.

Quando una donna ha livelli elevati di eosinofili nel sangue durante la gravidanza, significa che sta sviluppando una reazione allergica. Le allergie possono manifestarsi sia al cibo che all'invasione di virus o batteri con influenza o infezioni respiratorie acute, o infezione da vermi.

I sintomi di allergia sono difficili da riconoscere se questa condizione appare in una donna per la prima volta ed è mascherata dalle caratteristiche della gravidanza: tossicosi, nausea, eruzioni cutanee.

Cambiamenti nella formula dei leucociti

Un aumento della concentrazione di eosinofili è accompagnato da cambiamenti nel contenuto di altre cellule del sistema immunitario. Sia gli eosinofili che i linfociti, elevati allo stesso tempo, si trovano nel sangue quando infettati dal virus Epstein-Barr, gli elminti. Un quadro simile si osserva con dermatosi allergiche, trattamento con antibiotici e sulfonamidi (biseptolo), scarlattina.

Sopra la norma nell'analisi di eosinofili e monociti nel sangue con mononucleosi, infezioni virali, fungine. Aumento dei tassi di test per la sifilide, la tubercolosi.

Nella sindrome DRESS si osservano leucocitosi, aumento degli eosinofili, comparsa di linfociti atipici nel sangue, una reazione allergica sistemica all'assunzione di un farmaco. Possono trascorrere fino a 2 mesi tra l'assunzione del farmaco e la comparsa dei primi segni di una reazione allergica prolungata del corpo al farmaco..

I sintomi della sindrome DRESS sono:

  • linfonodi ingrossati;
  • eruzioni cutanee;
  • Aumento della temperatura;
  • prostrazione.

Se il farmaco non viene cancellato, possono esserci lesioni con granulociti accumulati nei tessuti di organi come polmoni, fegato, reni, tubo digerente..

Caratteristiche dei leucociti eosinofili

Gli eosinofili sono una popolazione di leucociti, i cui granuli citoplasmatici contengono enzimi proteolitici (distruttivi), che forniscono reattività immunitaria antiparassitaria contro proteine ​​estranee.

I leucociti eosinofili sono prodotti nel midollo osseo da una singola cellula precursore. La produzione di questa popolazione è accelerata dal rilascio di interleuchine IL4, IL5 da parte dei linfociti T.

Gli eosinofili maturi sono colorati con coloranti all'anilina (eosina), da cui hanno preso il nome. La dimensione della forma cellulare matura è di 12-17 micron.

Ciclo vitale

  • la formazione della popolazione avviene nel midollo osseo entro 34 ore;
  • le forme mature entrano nel flusso sanguigno, dove sono circa 2-10 ore;
  • quindi migrano negli spazi sottomucosi: pelle, mucosa intestinale, tratto respiratorio, cavità orale, seni paranasali;
  • funzione nei tessuti per 8-10 giorni.

In quantità maggiori, gli eosinofili sono concentrati nei tessuti della pelle, nelle mucose, dove sono 100 volte più che nel sangue. Si trovano in quantità moderate nei tessuti della milza, ghiandole mammarie, timo, linfonodi, utero.

Il flusso sanguigno totale del sangue circolante contiene non più dell'1% di tutti i leucociti umani eosinofili.

Caratteristiche strutturali

L'eosinofilo trasporta sui suoi recettori di superficie (antigeni) coinvolti nei processi immunitari. Il citoplasma cellulare contiene granuli pieni di enzimi che, se necessario, vengono rilasciati nel sito dell'infiammazione e rilasciati nello spazio extracellulare.

Gli antigeni di superficie (AH) dei leucociti eosinofili sono in grado di interagire con le immunoglobuline IgG, IgE, componenti del sistema del complemento sanguigno C3, C4.

I granuli contengono enzimi:

  • perossidasi: ha attività battericida;
  • arilsolfatasi: attiva una reazione allergica immediata;
  • fosfolipasi D - blocca l'attivazione piastrinica;
  • proteina eosinofila cationica (ECP) - stimola la risposta immunitaria dei linfociti T, è tossica per gli elminti, nonché per i neuroni, l'epitelio e il miocardio dell'ospite;
  • proteina di base - stimola la risposta antiparassitaria, attiva basofili, piastrine, neutrofili;
  • istaminasi - un enzima che distrugge l'istamina;
  • neurotossina eosinofila (EDN).

Funzioni

Il rapido aumento della concentrazione di eosinofili al centro dell'infiammazione è spiegato dalla loro capacità di:

  • a fagocitosi - la proprietà di "divorare" piccole particelle di pareti cellulari distrutte di microrganismi;
  • alla chemiotassi - movimento diretto al focus dell'infiammazione sotto l'azione della proteina eotassina, delle proteine ​​chemiotassi dei monociti, della proteina chemiotassi dei linfociti.

Sotto l'influenza delle proteine ​​chemiotassi, gli eosinofili possono accumularsi nel fuoco infiammatorio in quantità enormi, come, ad esempio, nelle allergie. Elevati eosinofili mostrano che nel sangue sono presenti microrganismi patogeni, complessi antigenici, proteine ​​tossiche estranee.

Ovviamente il leucocita eosinofilo, a causa delle sue piccole dimensioni, non è in grado di fagocitare un batterio o un elminto. Ma può distruggere il parassita e quindi consumarne i frammenti..

Gli eosinofili sono responsabili della reattività del sistema immunitario, fagocitano gli immunocomplessi antigene-anticorpo formati durante le reazioni immunitarie nel sangue, che serve come un modo per regolare l'infiammazione nel punto focale della lesione.

A causa dei recettori di superficie e dei composti attivi contenuti nei granuli citoplasmatici, nonché della capacità di fagocitosi e chemiotassi, eosinofili:

  • è un fattore di immunità locale delle mucose - non consente la penetrazione di antigeni estranei nel flusso sanguigno generale, li circonda e li distrugge negli spazi sottomucosi;
  • migliora la risposta immunitaria allergica di tipo immediato, che si manifesta con edema di Quincke, anafilassi;
  • partecipa a una reazione allergica di tipo ritardato: l'aumento dei tassi accompagna l'asma bronchiale, la rinite da fieno, l'intolleranza ai farmaci, la dermatite atopica;
  • controlla il lavoro dei basofili e dei mastociti, neutralizza l'istamina da essi rilasciata;
  • partecipa a processi autoimmuni, che si manifestano, ad esempio, orticaria da freddo;
  • uccide gli elminti e le loro larve.

L'interazione di granulociti ed elminti avviene attraverso l'interazione di IgE specifiche con i recettori di superficie del parassita. Dopo il contatto, la principale proteina e la perossidasi enzimatica vengono rilasciate dai granuli, che distruggono la membrana cellulare della larva di elminti.

Caratteristiche degli eosinofili

I granuli di eosinofili contengono potenti enzimi, proteine ​​che influenzano negativamente il sistema nervoso dei parassiti e possono distruggere gli allergeni. Il metodo di azione è il seguente: dopo che l'antigene è entrato nel corpo, i linfociti e alcune altre cellule producono anticorpi che si aggregano con loro, formando un complesso immunitario "anticorpo-antigene", in cui l'anticorpo neutralizza l'antigene.

Vale la pena notare che, nonostante la loro efficacia, gli eosinofili possono danneggiare il corpo. La proteina cationica eosinofila che contengono ha effetti collaterali sui tessuti. Se c'è troppo allergene nel sangue, la proteina cationica eosinofila è la causa della reazione allergica.

Più è patogeno nel sangue, maggiore diventa la concentrazione di proteina cationica eosinofila, più forte è il suo effetto negativo sui tessuti in un adulto o in un bambino. Questo è prurito, starnuti, naso che cola, lacrimazione. Nei casi più gravi, l'edema di Quincke e persino lo shock anafilattico, che i basofili non possono neutralizzare (tra i loro compiti c'è quello di estinguere tali manifestazioni)

Ecco perché è molto importante, avendo riscontrato un aumento degli eosinofili nel sangue, determinare la causa ed eliminarla. Dopodiché, il numero di queste cellule tornerà alla normalità da solo.

Gli eosinofili circolano nel sangue per una decina di giorni, quindi migrano nei tessuti. Qui rimangono per un po 'di tempo, così che in caso di invasione di corpi estranei, vengono in aiuto del corpo..

Il ruolo degli eosinofili nel corpo del bambino

Le cellule devono il loro nome alla capacità di assorbire rapidamente l'eosina, un colorante utilizzato nella diagnostica di laboratorio..

Il midollo osseo è responsabile della produzione e della maturazione degli eosinofili. Dopo il completamento della formazione, le cellule sono nel sangue per diverse ore, quindi vengono inviate ai polmoni, alla pelle, al tratto gastrointestinale - tessuti e organi associati all'ambiente esterno.

La missione principale degli eosinofili è creare una barriera che aiuti a proteggere il corpo del bambino da allergeni e parassiti.

Le cellule hanno la capacità di:

  • Riconosci i parassiti. Gli eosinofili, insieme ai neutrofili, identificano immediatamente lo stimolo, si dirigono verso di esso e lo assorbono. Pertanto, le cellule liberano il corpo dagli agenti patogeni, uccidendo e digerendo proteine ​​estranee.
  • Proteggere. La composizione degli eosinofili contiene un composto biogenico: l'istamina, che aiuta a far fronte alle allergie.

Grazie all'azione delle cellule, le ferite aperte guariscono più velocemente, gli organismi parassitari vengono distrutti, l'infiammazione viene soppressa e persino la crescita delle neoplasie nei tessuti rallenta.

Il normale contenuto di eosinofili nel sangue è una garanzia del lavoro ritmico del corpo. Altrimenti, il rischio di sviluppare patologie è molto alto..

Le ragioni

Quali possono essere le cause dell'eosinopenia per adulti e bambini. Gli eosinofili si abbassano nel sangue se il loro valore nell'emocromo generale è inferiore allo 0,5%. In alcune condizioni, il loro numero può scendere a 0.

Se gli eosinofili sono bassi nel sangue, i motivi possono essere i seguenti:

  • intossicazione del corpo (coma uremico, emolisi del sangue);
  • nelle prime fasi dell'infiammazione si osserva eosinopenia. Gli eosinofili migrano verso il sito dell'infiammazione e poche cellule rimangono nel sangue. Può anche essere spiegato dall'ipersecrezione di ormoni surrenali;
  • malattie infettive croniche nella fase acuta. Questi includono difterite, dissenteria, febbre tifoide, polmonite e altre condizioni patologiche. In questo caso, il contenuto assoluto di eosinofili nel sangue può essere normale. La loro percentuale diminuisce a causa di un aumento del numero di altri granulociti nel sangue;
  • recente intervento chirurgico. Lo stato è fisiologico. Quando il corpo si riprende, il numero di eosinofili tornerà alla normalità;
  • durante e dopo il trattamento con glucocorticosteroidi. Gli ormoni surrenali o farmaci simili inibiscono la moltiplicazione e la maturazione degli eosinofili. Pertanto, sotto stress o trattamento con farmaci ormonali, il numero di queste cellule nel sangue diminuisce;
  • con ustioni estese (i prodotti della proteolisi dei tessuti bruciati causano un aumento della funzione della corteccia surrenale. Di conseguenza, la formazione di eosinofili è inibita);
  • durante la gravidanza e il parto;
  • con mancanza sistematica di sonno (normalmente, gli eosinofili nel sangue si abbassano negli adulti, se spesso non dormono. Ma questa diminuzione degli eosinofili è reversibile e non indica patologia);
  • sotto stress fisico.

Qualsiasi tipo di intossicazione del corpo causa eosinopenia

Nelle donne in gravidanza

Normalmente, gli eosinofili nel sangue si abbassano nelle donne in gravidanza: questo è uno stato di quantità fisiologico. Con l'inizio del travaglio e durante il travaglio, il numero di eosinofili diminuisce durante la gravidanza. Dopo 14 giorni, torna alla normalità.

Quando si esegue un esame del sangue per gli eosinofili, si dovrebbe tener conto delle condizioni fisiologiche in cui si può osservare l'eosinopenia, sopra indicata. La diminuzione fisiologica degli eosinofili nelle donne in gravidanza è compensata dal corpo stesso e il numero di cellule del sangue tornerà rapidamente alla normalità.

Il trattamento o qualche tipo di intervento da parte di specialisti è richiesto solo in caso di diminuzione patologica del numero di queste cellule del sangue.

Durante l'infanzia

Nei bambini, il numero assoluto di eosinofili nel sangue è 0,05-0,7X109 / l, all'età di 11 anni il numero di cellule diventa 0-0,6X109 / l. Nella formula dei leucociti, viene presa in considerazione solo la percentuale di eosinofili. Sono questi numeri che hanno valore diagnostico..

Gli eosinofili si abbassano nel sangue di un bambino per gli stessi motivi di un adulto. Ma ancora una volta ti ricordiamo che devi cercare non valori assoluti, ma relativi. Perché nella norma per bambini di età diverse, gli indicatori possono differire.

L'eosinopenia non è una malattia in sé. Questo è un segno che una persona è malata di qualcosa. Non è necessario trattare questa condizione, è necessario combattere la malattia o la patologia che ha portato a questi cambiamenti. Ci auguriamo che tu capisca cosa fare se ci sono bassi livelli di eosinofili nel sangue in un adulto e nei bambini, quali sono i sintomi e le possibili cause e come trattare l'eosinopenia.

Motivi per una diminuzione o un aumento

Norma sangue periferico: 120-350 / μl. La loro quota nella formula dei leucociti rappresenta normalmente l'1–5%. Nell'analisi del sangue periferico, gli eosinofili sono aumentati in un adulto a causa di malattie allergiche, invasioni parassitarie (elminti e protozoonotici). L'eosinopenia è una diminuzione del numero assoluto o relativo di eosinofili nel sangue periferico. Osservato nella fase iniziale dell'infiammazione.

L'eosinofilia nell'analisi del sangue periferico è caratteristica delle seguenti condizioni:

  1. Asma. In questo caso, gli eosinofili non sono solo elevati nel sangue, ma sono anche contenuti nel muco dei pazienti, formando cristalli di Charcot-Leiden nella secrezione bronchiale.
  2. Elmintiasi. La tenia larga, l'echinococco nel fegato, il trematode epatico, i nematodi, gli ossiuri, la toxocara, la tenia di maiale e bovina causano una maggiore formazione di eosinofili nel germe dell'ematopoiesi mieloide. Migrano dal flusso sanguigno alla localizzazione dell'elminto.
  3. Malattie da protozoi - malattie causate da protozoi. I protozoi includono leishmania, lamblia, toxoplasma, dissenteria amebe, balantidia, ecc..
  4. Pollinosi. È una rinite allergica causata dalla fioritura di alcune piante..
  5. Angioedema della laringe.
  6. Allergodermatosi (dermatite atopica, psoriasi, eritema multiforme essudativo, rash orticarioide, eczema).
  7. Allergia al farmaco.
  8. Gastroenterocolite eritematosa. L'eritema della mucosa gastrica e intestinale è un accumulo di eosinofili. In un esame del sangue, anche queste cellule saranno elevate..
  9. Leucemia e malattie linfoproliferative.
  10. Malattie del tessuto connettivo reumatoide: periarterite nodosa, artrite autoimmune, vasculite sistemica.
  11. Immunodeficienza.
  12. Errori nella determinazione degli eosinofili: assistente di laboratorio confonde i neutrofili con i granuli eosinofili per eosinofili. Con un numero ridotto di neutrofili sullo sfondo dell'eosinofilia, è necessario ripetere l'analisi.
  13. Malattie oncologiche.
  14. Malattia polmonare: sarcoidosi, istiocitosi.
  15. Fasi acute delle malattie infettive croniche: mononucleosi, tubercolosi.
  16. Infezioni virali nelle persone inclini alle allergie. Allo stesso tempo, c'è anche un aumento assoluto e relativo del numero di linfociti..
  17. Scarlattina nei bambini.
  18. Sconfitte con citomegalovirus o virus Epstein-Barr, infezioni fungine. L'eosinofilia è combinata con la monocitosi..
  19. Ciclo mestruale. Un esame del sangue può mostrare una lieve eosinofilia. Dopo l'ovulazione, il numero di eosinofili diminuisce, raggiungendo il minimo alla fine del ciclo.

L'eosinopenia si osserva nel sangue periferico nelle seguenti condizioni:

  1. Ipercortisolismo medicinale o endogeno. Come sapete, i glucocorticoidi inibiscono l'emopoiesi.
  2. Danni da radiazioni al midollo osseo, anche dopo la radioterapia.
  3. Terapia citostatica. Gli eosinofili nel sangue si abbassano a causa della soppressione dell'ematopoiesi.
  4. Ipo e avitaminosi dell'acido folico e della cobalamina.
  5. Condizione postinfarto.
  6. Condizioni settiche.
  7. Patologie endocrine.
  8. Leucemia.
  9. Stress: causa la soppressione dell'emopoiesi.
  10. Malattia dei calcoli biliari, infiammazione del pancreas.

Panoramica sugli eosinofili

Gli eosinofili sono in grado di spostarsi al centro dell'infiammazione a causa delle escrescenze del citoplasma, che hanno la forma di pseudopodi. Possono assorbire piccole particelle estranee per fagocitosi, cioè sono microfagi. Migrano al centro dell'infiammazione dal flusso sanguigno, concentrandosi sui fattori della chemiotassi. Hanno un tropismo per le immunoglobuline E, per questo sono marker di allergia.

Capace di citotossicità mediata da anticorpi contro elminti, protozoi. Un effetto collaterale di tale citotossicità è il legame agli anticorpi reaginici che provocano reazioni allergiche fino allo shock anafilattico. Si lega alle immunoglobuline di classe E, che inducono la degranulazione dei mastociti, che porta ad un aumento della concentrazione di istamina.

Secerne sostanze sia pro-infiammatorie che anti-infiammatorie.

Di cosa sono capaci gli eosinofili

Lo studio degli eosinofili va avanti da quasi due secoli, ma si stanno ancora scoprendo nuove sostanze biologicamente attive che vengono "imbottite" con il citoplasma e la membrana di queste cellule..

Esistono dozzine di enzimi e mediatori del sistema immunitario e molecole di segnalazione per l'apoptosi (morte cellulare programmata) e numerosi recettori (per citochine, immunoglobuline, molecole chemiotassi).

Partecipazione ai processi

Tutto ciò suggerisce che gli eosinofili sono cellule multifunzionali coinvolte in un'ampia gamma di processi biologici:

  1. L'alto potenziale citotossico degli eosinofili li rende una delle cellule infiammatorie più aggressive. La distruzione di cellule estranee (e talvolta le proprie) avviene a causa dell'azione di enzimi (proteine ​​alcaline, perossidasi, neurotossina). Inoltre, gli eosinofili producono un metabolita dell'ossigeno tossico per i microbi. Il potenziale distruttivo dell'eosinofilo è attivato dalla sua interazione con anticorpi diretti contro cellule estranee;
  2. Gli eosinofili sono capaci di fagocitosi. Il fenomeno del "divorare" da parte delle cellule immunitarie di agenti estranei fu scoperto da II Mechnikov, per il quale lo scienziato ricevette il Premio Nobel nel 1908. Naturalmente, gli eosinofili non sono coinvolti attivamente nella fagocitosi come i macrofagi, che sono anche chiamati "spazzini" del corpo. Tuttavia, migrando verso il sito dell'infiammazione, assorbono piccoli antigeni estranei lì. Allo stesso tempo, non solo catturano il "nemico", ma lo abbattono completamente, utilizzando il loro invidiabile arsenale di enzimi;
  3. Negli ultimi anni, si è scoperto che gli eosinofili possono essere attribuiti a cellule che occupano una posizione intermedia nel sistema di una risposta immunitaria specifica (linfocitica) e aspecifica. Durante l'invasione batterica, sulla loro membrana compaiono dei recettori che legano gli agenti indesiderati. Inoltre, parti di cellule estranee vengono "esposte" dagli eosinofili sulla loro membrana per un attacco più efficace e specializzato da parte dell '"arma più moderna e precisa" evolutiva - i linfociti;
  4. L'eosinofilo può essere definito il "quartier generale" della regolazione della risposta immunitaria. Queste cellule secernono circa 30 immunomodulatori. Questi sono agenti pro-infiammatori (interleuchine, fattore di necrosi tumorale) e il gruppo antinfiammatorio delle interleuchine e degli immunosoppressori. Inoltre, gli eosinofili innescano reazioni enzimatiche, durante le quali viene accelerata la morte (apoptosi) di una delle popolazioni di linfociti T e la loro disattivazione. Pertanto, l'eosinofilo è capace non solo di "raccolta dei rifiuti", ma anche di "dettare" le opzioni di risposta a un sistema più evolutivamente giovane di immunità specifica.

Quindi, allo stato attuale, le idee tradizionali sul ruolo degli eosinofili nella patogenesi delle allergie e delle invasioni parassitarie si sono notevolmente ampliate..

Si è scoperto che queste cellule uniche regolano i meccanismi di entrambi i sistemi immunitari (specifico e non specifico), giocando un ruolo essenziale nella risposta alle infezioni batteriche e virali, nell'immunità antitumorale. Perché il contenuto di eosinofili devia dalla norma??

Possibili ragioni

Un aumento significativo del numero di eosinofili è considerato una condizione quando ci sono più di 700 cellule per millilitro (da 7 a 10 a 9 grammi per litro). L'aumento del contenuto di eosinofili è chiamato eosinofilia. L'eosina colora non solo i granulociti eosinofili, ma anche la granularità nei neutrofili, quindi i neutrofili si abbassano e gli eosinofili aumentano senza una buona ragione.

I linfociti e gli eosinofili sono elevati nelle infezioni virali nei soggetti allergici, nei pazienti con dermatosi allergiche o elmintiasi. La stessa immagine sarà nel sangue di coloro che vengono trattati con antibiotici o sulfonamidi. È uno dei cinque tipi di globuli bianchi che sono i principali responsabili della protezione di bambini e adulti da parassiti e allergie. Inoltre, gli eosinofili, spostandosi al centro dell'infiammazione, secernono altri enzimi che hanno un effetto tossico sui microbi.

Tra le altre funzioni, si può distinguere la partecipazione degli eosinofili al processo di allattamento nelle donne nel periodo postpartum. Il numero di eosinofili nel plasma sanguigno viene calcolato durante un esame del sangue generale quando si elabora una formula leucocitaria.

Se il valore di questo indicatore è inferiore a 4,0 * 109 / l, gli eosinofili verranno conteggiati non in termini relativi, ma in numeri assoluti. Se un numero elevato di eosinofili persiste a lungo, ciò può portare a danni ai tessuti e distruzione parziale. L'anemia da carenza di folato è una diminuzione del livello dei globuli rossi a causa della carenza di emoglobina e della ridotta maturazione degli eritrociti. Maggiori informazioni su questa patologia nell'articolo: Anemia da carenza di acido folico.

Attività degli eosinofili

Cercando di capire cosa sono gli eosinofili, perché possono essere elevati in un esame del sangue, è importante capire che il loro scopo principale è distruggere le proteine ​​estranee determinate nel sangue umano. Questo tipo di leucociti si forma nel midollo osseo, dopodiché viene inviato al flusso sanguigno, rimanendovi solo per poche ore.

Successivamente, vengono inviati ai tessuti, in cui continuano a esistere per circa una o due settimane..

Gli eosinofili sono responsabili dell'attivazione dell'immunità antiparassitaria. Inoltre, la funzione degli eosinofili è l'assorbimento, la distruzione di piccole particelle nel sangue che provocano una varietà di malattie..

I medici confermano che è proprio questo tipo di leucociti che può agire come una sorta di barriera che resiste con successo agli attacchi di microrganismi dannosi..

Non è un segreto che grazie agli eosinofili, eventuali danni o ferite sul corpo umano guariscono più velocemente..


Articolo Successivo
Aumento della VES, cause e trattamento