Intervento di bypass cardiaco


Il bypass cardiaco è un metodo radicale per ripristinare il normale flusso sanguigno nel miocardio; durante l'operazione, i medici creano soluzioni alternative per garantire il trofismo dei tessuti e prevenire complicazioni mortali.

La procedura è difficile, in media un team di medici e personale di 8-10 persone impiega circa 3-4 ore.

C'è un altro nome per questa tecnica: innesto di bypass dell'arteria coronaria. Questi sono nomi equivalenti.

La scelta del metodo, la determinazione della tattica del trattamento chirurgico, in generale l'opportunità di tale terapia. Tutte queste domande vengono risolte da un cardiochirurgo dopo un esame completo..

Con una formazione adeguata, salute normale e qualifiche sufficienti di medici specialisti, i rischi sono minimi.

L'essenza e i tipi di operazioni

Per capire cos'è l'innesto di bypass coronarico, è necessario comprendere l'anatomia.

Il cuore, il suo strato muscolare o il miocardio richiedono un'enorme quantità di risorse. Questo è comprensibile, dato il carico sull'organo. La nutrizione e la respirazione cellulare sono fornite attraverso due grandi rami che si estendono dall'aorta. Si chiamano arterie coronarie.

A loro volta, i tronchi destro e sinistro sono divisi in strutture ancora più piccole e queste, a loro volta, in una rete aggiuntiva. Questo è il trofismo di tutto il cuore.

In alcune malattie, ad esempio l'aterosclerosi, i vasi non possono più svolgere il loro lavoro e distillare il sangue nel posto giusto. Nel caso descritto, il motivo è che le placche di colesterolo si depositano sulle pareti delle arterie. Questi sono ostacoli meccanici.

Maggiore è l'istruzione, la stratificazione dei grassi - minore è la quantità di nutrienti e ossigeno per unità di tempo che l'organo riceverà.

Il risultato finale è una malattia coronarica. È anche possibile l'angina pectoris. I processi sono diversi, ma l'essenza è approssimativamente la stessa: flusso sanguigno insufficiente, alimentazione e respirazione alterate, morte graduale dei tessuti funzionali dello strato muscolare stesso, che ha solo contrattilità, pompa sangue.

Sono possibili anche altre cause di ischemia. Ad esempio, malformazioni congenite o coaguli di sangue. A condizione che gli ostacoli meccanici non possano essere eliminati con altri metodi (stent, ballooning, cioè per espandere l'area), ricorrono al bypass dell'innesto.

L'essenza può essere descritta in diversi punti:

  • Determina quale percorso può essere quello principale da bypassare. È necessario collegare l'arteria coronaria e una nave sana.
  • Scegli una vena o un'altra struttura che, in termini di dimensioni, calibro e proprietà, potrebbe diventare uno shunt.
  • Trova un'area sovrapposta meccanicamente o altrimenti alterata.
  • Creare un percorso di bypass dal vaso donatore al punto in cui il sangue non scorre più a causa di un ostacolo meccanico. Ci sono solo due opzioni chiave, quale area può diventare una fonte di solo due (vedi sotto).

Pertanto, i medici creano una garanzia artificiale. Soluzione alternativa per il normale flusso sanguigno.

Esistono 3 tipi di intervento chirurgico di bypass cardiaco. La classificazione viene effettuata in base alla nave che diventa donatrice. Ciò influisce notevolmente sia sull'efficienza nei diversi casi, sia sulla tecnica dell'operazione stessa..

Ci sono tre approcci chiave in totale:

  • Innesto di bypass coronarico (CABG). Tecnica classica. In questo caso, il flusso sanguigno al miocardio proviene direttamente dall'aorta. Per creare una soluzione del genere, è necessario un frammento abbastanza grande della nave. Ad esempio, una sezione della vena della gamba.
  • Innesto di bypass dell'arteria coronaria mammaria (MCB). È usato meno spesso. Fondamentalmente, ricorrono alla tecnica se la precedente si è rivelata inefficace. Inoltre, tale operazione è possibile quando ci sono controindicazioni: trombosi, anomalie vascolari.

L'essenza della procedura è collegare le arterie toraciche interne e il miocardio stesso per fornire una soluzione alternativa. Se entrambe le strutture coronariche vengono colpite contemporaneamente, è possibile creare un doppio shunt.

  • Con volumi insignificanti di danni cardiaci, i medici ricorrono alla chirurgia di bypass microinvasiva. Questa non è la scelta migliore se ci sono cambiamenti aterosclerotici.

L'operazione può essere classificata su un'altra base: lo stato del cuore al momento della procedura. Di conseguenza, ci sono altri due tipi:

  • Intervento su un cuore che batte. È considerato un metodo di terapia molto più difficile, poiché durante la procedura l'organo batte e si contrae. Tuttavia, i rischi di complicanze postoperatorie diminuiscono, il periodo di riabilitazione diventa molto più breve.
  • Intervento su un cuore pigro. In questo caso, il paziente deve essere collegato a una macchina cuore-polmone. In generale, l'interruzione dell'attività cardiaca non è normale e non è di buon auspicio per il paziente..

Dopo la procedura, la probabilità di complicanze è maggiore, inclusa l'ischemia secondaria, l'arresto cardiaco improvviso. È anche possibile edema polmonare, processi infiammatori acuti gravi che distruggono il miocardio.

La trombosi, comprese quelle distanti, localizzata nei vasi del cervello è un'altra spiacevole sorpresa. Ci sono molte opzioni e sono tutte pericolose.

Pertanto, per molto tempo il paziente è in ospedale e quindi sotto la supervisione di un cardiologo.

Il tempo di recupero è 1,5-2 volte più lungo.

Il bypass coronarico (CABG) è considerato il gold standard del trattamento chirurgico. Ritirarsi da esso o meno, in che misura, in quale direzione - dipende dal caso. La decisione spetta al cardiochirurgo.

Indicazioni per la chirurgia

Ci sono pochissime ragioni per tale trattamento. Sono difficili perché l'operazione stessa comporta enormi rischi. Proprio così, senza una chiara comprensione, nessuno prescrive un intervento chirurgico di bypass. Tra le principali indicazioni:

Angina sviluppata

È un processo in cui i vasi si restringono bruscamente in risposta allo stress. Cambiamenti nella temperatura ambiente, condizioni meteorologiche. Anche durante lo sforzo fisico. Questa condizione patologica è chiamata angina da sforzo..

Il processo è instabile. È giustamente considerato un presagio di infarto. Quanto velocemente si svilupperà la condizione di emergenza, nessuno lo dirà in anticipo. Pertanto, i medici lavorano in modo proattivo..

Malattia coronarica

Nome generalizzato per un processo associato a una violazione del flusso sanguigno locale. L'organo muscolare non riceve abbastanza ossigeno, così come composti utili.

Quando il trofismo si indebolisce, iniziano i processi distrofici. Il tessuto cardiaco sta morendo. Ma non come con un attacco di cuore - all'improvviso, ma gradualmente.

Il risultato è più o meno lo stesso. Diminuzione della resistenza, diminuzione della contrattilità miocardica, iniziano le complicazioni critiche dagli organi interni e dal cervello.

Alla fine, si verifica un infarto o un ictus. Per evitare ciò, viene prescritto un intervento di bypass coronarico.

Incapacità di stent o palloncino

Queste operazioni non sono inoltre volte a ripristinare il flusso sanguigno nell'organo muscolare. Allo stesso tempo, l'essenza è completamente diversa. Consiste nell'espansione meccanica del lume dell'arteria interessata. Ad esempio, durante lo stent, viene utilizzato uno speciale telaio in rete metallica (leggi di più sull'operazione in questo articolo).

In alcuni casi, non ha senso adottare tali misure. Ad esempio, se è presente una malattia arteriosa acquisita o congenita. Sviluppo anormale. In questi casi è necessario solo lo smistamento..

Aneurisma cardiaco

Rappresenta una sporgenza di muro. Su uno (a forma di borsa) o due lati contemporaneamente. In genere, l'arteria interessata non è più in grado di funzionare come prima..

L'aneurisma deve essere rimosso, ma la struttura del vaso non gli consente di funzionare. Pertanto, viene creato un percorso ausiliario. Collaterale.

Non ci sono molte indicazioni per l'innesto di bypass cardiaco. A sua discrezione, il medico può prescrivere un'operazione in altri casi. Ad esempio, con difetti congeniti e altre condizioni.

Effetti attesi

L'efficacia della procedura varia a seconda dei dati iniziali. Di norma, dopo il trattamento chirurgico, il paziente può aspettarsi un miglioramento significativo della condizione..

  • Il numero di attacchi di angina dopo l'innesto di bypass coronarico scende a zero. Non c'è dolore o altri sintomi. Ciò influisce seriamente sul tenore di vita. In modo positivo.
  • Anche la probabilità di un attacco di cuore diminuisce notevolmente. Secondo varie stime, il successo dell'innesto di bypass dei vasi cardiaci riduce la probabilità di disturbi circolatori acuti nel miocardio di 3-4 volte. I rischi si stabilizzano e diventano più o meno gli stessi delle persone sane.
  • Resistenza fisica, aumenta la tolleranza all'esercizio. Questo è il risultato di un'adeguata nutrizione del miocardio stesso, dei muscoli e del tessuto nervoso. Il paziente può camminare in modo indipendente, anche salendo le scale senza problemi.

Tuttavia, ai pazienti con uno shunt non è ancora consigliato di superare la velocità consentita e raccomandata. Quante volte, con quale intensità puoi impegnarti nell'attività fisica, è meglio consultare il tuo cardiochirurgo.

  • Il numero di farmaci sta gradualmente diminuendo. Non è necessario assumere la stessa quantità di medicinale. Anche se rimane ancora un certo minimo. Questa è una misura di supporto.
  • Anche il rischio di morte improvvisa è inferiore.
  • Il paziente può lavorare. Svolgi le faccende domestiche.

L'operazione elimina tutti i possibili rischi. Ti permette di tornare a una vita sana.

Controindicazioni

Ci sono molte ragioni per rifiutare. Ciò è dovuto al trauma generale e alla gravità dell'operazione. Tra loro ci sono:

  • Diabete mellito scompensato. Provoca disturbi generalizzati nel lavoro di tutti gli organi e sistemi. Le navi soffrono quasi in primo luogo. Da qui la maggiore probabilità di trombosi e complicanze. Compresi i fenomeni opposti. Coagulopatia. Quando la coagulazione del sangue diminuisce.
  • Processi infettivi acuti. Controindicazione relativa. L'operazione non può essere eseguita finché la condizione non è passata. Dopo il trattamento e il pieno recupero, puoi ricorrere all'intervento. Controlla le dinamiche in base ai risultati dei test clinici e di laboratorio.
  • Malattia polmonare con insufficienza respiratoria scompensata. Lo stesso, fino a quando il processo non passa in secondo piano. È pericoloso eseguire un intervento chirurgico su pazienti con malattie polmonari, poiché la probabilità di edema polmonare aumenta notevolmente. La polmonite è possibile anche dopo l'intervento..
  • Tumori, cancro. I processi maligni, in linea di principio, escludono il trattamento chirurgico fuori profilo. Questi sono rischi grandi e completamente inutili. Pertanto, sono limitati a metodi meno radicali. Almeno fino a quando l'oncologia non viene eliminata o trasferita in una remissione stabile a tutti gli effetti.
  • Danni ai reni e al fegato. Forme di disfunzione sub- e scompensate. Ad esempio, sullo sfondo di nefrite trascurata, cirrosi.
  • Restringimento delle sezioni terminali delle arterie coronarie. In questo caso, il trattamento avrà poco senso. Abbiamo bisogno di altri modi. Sebbene non ci siano controindicazioni formali allo smistamento.
  • Ampio attacco di cuore. È pericoloso intervenire, poiché si può provocare un arresto cardiaco. O almeno una ricaduta dell'emergenza.
  • Grave cardiosclerosi. Sostituzione di tessuto attivo funzionale, miociti, con tessuto cicatriziale. Non è in grado di contrarsi. L'operazione in questo caso è inutile, poiché è impossibile ripristinare il flusso sanguigno a causa di cambiamenti organici nel miocardio..
  • Insufficienza cardiaca scompensata. Nelle fasi avanzate, l'operazione comporta rischi troppo grandi. I potenziali benefici sono molto meno probabili delle complicazioni.

Le controindicazioni all'innesto di bypass coronarico sono principalmente correlate alle gravi condizioni generali del paziente. Il rischio che non resista all'interferenza. Pertanto, prima di iniziare, viene eseguita una diagnosi completa e completa..

Formazione

Il sondaggio è il fondamento. Misure corrette riducono il rischio di complicazioni pericolose dopo l'intervento chirurgico.

Quali procedure sono prescritte:

  • ECO. Tecnica ad ultrasuoni, il compito è valutare lo stato organico del cuore, il miocardio.
  • ECG. Sulla base dei risultati, costruisce un grafico, sulla base del quale si possono trarre conclusioni sui disturbi funzionali da parte dell'organo muscolare. Prescritto insieme all'ecocardiografia.
  • Angiografia coronarica. Tecnica obbligatoria. Al centro, è una radiografia con contrasto migliorato. Consente di esaminare in dettaglio i vasi del cuore, esplorare aree di restringimento e altre anomalie. Usato per primo.
  • FVD. Funzione di respirazione esterna. Viene eseguito per valutare la qualità della funzione polmonare. Compreso con carico aumentato. È importante comprendere lo stato del sistema respiratorio..
  • Analisi del sangue generale, biochimica. Per escludere l'infiammazione.
    Esame delle urine. Per lo stesso scopo.
  • Test speciali per agenti infettivi. Reazione di Wasserman, test HIV e altri.
  • Consultazione con un anestesista. Poiché c'è una lunga anestesia, è necessario rispondere alle domande di uno specialista. Preferibilmente in dettaglio, senza tralasciare nulla. La sicurezza dipende da questo.

Il giorno prima dell'operazione, il paziente rifiuta il cibo. Inoltre, pochi giorni prima dell'inizio del trattamento o anche di più, i farmaci vengono cancellati. Anticoagulanti, altri pericolosi. Ma rigorosamente a discrezione di uno specialista. Questo è necessario per ridurre al minimo i rischi di sanguinamento, aritmie.

Eseguire l'innesto di bypass dell'arteria coronaria

L'intervento di bypass delle arterie coronariche viene eseguito in un ospedale di cardiochirurgia. L'algoritmo della procedura è stato elaborato ed è ben noto:

  • Al paziente viene somministrata l'anestesia.
  • Successivamente, è necessario prendere una sezione di una nave non danneggiata, che sarà quella necessaria bypass (shunt). Per questi scopi, sono adatte le arterie toraciche, radiali o la vena della gamba. La domanda viene decisa dal medico ancor prima dell'inizio dell'evento.
  • Il prossimo passo è aprire il torace, mobilitare i tessuti, il cuore. Viene creato lo shunt stesso. Se ci sono più aree di restringimento o altre lesioni, allora più di una garanzia artificiale. Tipicamente, l'aorta o le arterie toraciche vengono utilizzate come nuovo "donatore".
  • Lo shunt viene controllato, la ferita viene suturata. La procedura può considerarsi conclusa.

L'operazione richiede 3-4 ore. Raramente di più. Quindi inizia un periodo di recupero difficile..

Riabilitazione

In una fase iniziale di recupero, il paziente è in terapia intensiva da 2 a 10 giorni. Più o meno secondo necessità. Per tutto questo tempo, i medici elaborano i punti.

  • Per un periodo fino a sei mesi, al paziente è vietata l'attività fisica intensa. Massimo 3-4 kg senza inclinazione, distribuendo il peso ad entrambe le mani. Perché le ossa dello sterno crescono solo insieme. Non dovresti creare problemi aggiuntivi per te stesso. Per alleviare la condizione, puoi indossare bende speciali.
  • Devi camminare, ma il superlavoro è proibito. Ritmo lento. Allo stesso tempo, per evitare la stasi venoso-linfatica, si consiglia di indossare speciali calze compressive.
  • Per un paio di mesi, hai bisogno di una dieta ricca di ferro, vitamine e proteine, ma l'eccesso di cibo è escluso, questo è un aumento del carico sul cuore.
Attenzione:

Mentre una persona è in ospedale, non può muoversi normalmente, si raccomandano esercizi di respirazione. In questo modo il paziente previene la polmonite..

  • Dopo la dimissione, l'attività fisica viene gradualmente aumentata. Non appena le ossa dello sterno sono guarite, puoi fare esercizi di terapia.

La riabilitazione continua dopo la dimissione in un centro speciale. Una volta all'anno, si consiglia al paziente di visitare il sanatorio.

Rischi e potenziali complicazioni

Le conseguenze dell'operazione, se eseguita correttamente, sono piuttosto rare, in media, nel 5-7% dei casi. Dipende dal problema specifico.

  • Ictus o infarto. Disturbi alimentari del cervello e del cuore, rispettivamente.
  • Violazione del processo di fusione delle ossa del torace. Richiederà ulteriori cure mediche.
  • Trombosi.
  • Sanguinamento. Di solito nella fase iniziale della riabilitazione. Subito dopo l'intervento chirurgico.
  • Sensazioni dolorose. Non c'è scampo da loro.
  • Problemi ai reni.
  • Insufficienza cardiaca. Come risultato di malnutrizione miocardica acuta.

Fortunatamente, i problemi veramente gravi sono rari ei benefici dell'intervento superano di gran lunga i rischi probabili..

Previsioni e durata degli shunt

Le prospettive sono generalmente buone. La probabilità di un attacco di cuore si riduce di 2-4 volte, lo stesso vale per la morte improvvisa.

Se il cuore non viene cambiato, è possibile tornare a una vita appagante con piccole limitazioni all'attività fisica. L'operazione non ne pregiudica in alcun modo la durata, ma riduce i rischi di condizioni di emergenza.

Lo shunt in condizioni ideali dura circa 10-15 anni. Ma ci sono errori. Pertanto, dovresti contare su un arco di tempo di circa 7-8 anni..

Dopo - ricompaiono le indicazioni per la chirurgia di bypass dei vasi cardiaci ed è necessaria una terapia ausiliaria.

Intervento di bypass cardiaco. Cos'è, da quanto vivono, interventi chirurgici, controindicazioni

La chirurgia di bypass cardiaco è il reindirizzamento dell'afflusso di sangue dalle arterie coronarie ostruite, eseguito attraverso un intervento chirurgico. Il muscolo cardiaco pompa il sangue in tutto il corpo per nutrire le cellule del corpo e fornire ossigeno. Il cuore stesso ne viene rifornito attraverso il miocardio attraverso le due arterie coronarie principali.

Stress, stile di vita improprio e dieta squilibrata possono portare allo sviluppo di aterosclerosi, diminuzione della pervietà delle arterie coronarie, perdita di elasticità e accumulo di colesterolo, calcio e grasso nei vasi sanguigni.

Questo, a sua volta, porta a una mancanza di nutrizione del cuore, alla morte delle sue parti, necrosi dei tessuti e attacchi cardiaci mortali e ictus, che possono essere evitati con l'innesto di bypass coronarico..

Concetto ed essenza

Il principio di questa difficile operazione fu sviluppato dallo scienziato e medico sovietico Vladimir Demikhov, sotto la sua stessa paternità nel 1960 fu pubblicato il primo trattato sul trapianto, che fu quasi immediatamente tradotto in inglese. Le arterie coronarie prendono il nome dal luogo "coronamento" della loro connessione con il cuore.

Quando Leonardo da Vinci condusse le autopsie illegali nel 1507 per studiare l'anatomia, lo scienziato notò che la causa della morte poteva essere il tappo in queste arterie. Le placche sclerotiche compaiono più spesso nell'area di quella sinistra più vicina al miocardio, causando angina pectoris e persino un infarto.

L'idea di fornire sangue al cuore in modo indiretto venne a Demikhov durante la Grande Guerra Patriottica, quando il giovane fisiologo fu mobilitato come patologo in un ospedale al fronte. Il piano era quello di trasferire l'arteria toracica interna al cuore e suturarla dall'arteria coronaria nell'area sottostante la formazione del tappo, questo innesto è chiamato shunt.

Nella moderna chirurgia di bypass, la sutura viene eseguita anche con l'arteria radiale del braccio e la grande vena safena della gamba. I primi esperimenti operativi sono stati effettuati con l'aspettativa di non superare il tempo estremamente compresso consentito al cuore senza afflusso di sangue.

Al momento, viene utilizzato un dispositivo che fornisce la nutrizione artificiale del cuore, un metodo minimamente invasivo o viene operato il cuore che batte.

Nelle fasi iniziali, i blocchi nei vasi sanguigni e nelle arterie vengono trattati con farmaci, coordinamento dello stile di vita e procedure mediche. Il bypass cardiaco è un'operazione altamente efficace a livello mondiale sulle arterie e sul muscolo cardiaco per alimentare nuovamente il cuore bypassando l'afflusso di sangue, utilizzata nei casi avanzati.

Non deve essere confuso con lo stent, che implica il posizionamento di una struttura in espansione in vasi e tratti ristretti..

L'innesto di bypass dell'arteria coronaria è suddiviso in tipi come:

  1. Il bypass coronarico standard più comune mediante innesto di sangue artificiale. In un piccolo numero di casi, può causare complicazioni postoperatorie. Il prezzo varia da 70 a 450 mila rubli.
  2. Innesto di bypass dell'arteria coronaria, più sicuro per il corpo, senza apporto di sangue artificiale. Richiede alte qualifiche ed esperienza di un chirurgo che non interrompe il lavoro del cuore quando opera sulla sua area interessata. Il costo va da 60 a 400 mila rubli.
  3. L'innesto di bypass dell'arteria coronaria con protesi della valvola interessata richiederà da 70 a 410 mila rubli.
  4. Intervento di bypass ibrido eseguito per lesioni estese del sistema cardiovascolare e comprende vari tipi di procedure chirurgiche aggiuntive. Il prezzo finale dipende dal tipo e dalla quantità.

I prezzi indicati sono approssimativi, il costo dell'operazione è fissato dalla politica dei prezzi dell'organizzazione che lo esegue.

Vantaggi e svantaggi

L'innesto di bypass coronarico ha un effetto benefico sulla qualità della vita del paziente, essendo un metodo più efficace e più duraturo rispetto, ad esempio, allo stent o all'angioplastica con palloncino.

La necessità di visite ripetute da un medico a causa di problemi di salute identici si presenta molto meno spesso rispetto a procedure cardiache identiche con un grado minore di intervento chirurgico. Questo tipo di trattamento viene prescritto principalmente quando la pervietà di tre o più arterie si deteriora; in altri casi si utilizza il posizionamento di stent o l'anglioplastica..

L'intervento di bypass eseguito aprendo il torace consente una determinazione più accurata del luogo di comparsa delle placche. Lo svantaggio di questa pratica è il costo più elevato rispetto ai metodi di accesso non aperto. Inoltre, l'imposizione di shunt ha un maggior numero di controindicazioni, probabili complicazioni e un periodo di recupero più lungo..

Indicazioni

Il deterioramento della pervietà vascolare è un segno di malattia aterosclerotica, che forma formazioni ateromatose in esse. Successivamente, diventano ricoperti di tessuto connettivo, restringendo il condotto del vaso fino al suo blocco finale.

La chirurgia di bypass cardiaco viene eseguita quando il dotto del vaso è ristretto a causa di un blocco.

Questo disturbo è spesso confuso con l'arteriosclerosi di Menckenberg, caratterizzata da depositi salini nella membrana arteriosa media e dall'assenza di placca. Si differenzia in quanto non ostruisce i vasi sanguigni, ma provoca aneurismi.

L'uso dello shunt nel trattamento dell'arteriosclerosi di Menckenberg non garantisce la guarigione. La conseguenza dell'aterosclerosi è la cardiopatia ischemica, che si esprime in una mancanza patologica di nutrizione del cuore e che porta a danni miocardici..

Il bypass cardiaco è una tecnica chirurgica i cui prerequisiti sono:

  • stenosi arteriosa causata da aterosclerosi;
  • tre arterie coronarie colpite da stenosi;
  • aterosclerosi del tronco sinistro dell'arteria coronaria;
  • grave insufficienza cardiaca del ventricolo sinistro;
  • deterioramento dell'afflusso di sangue con restringimento del lume delle arterie coronarie da parte di formazioni ateromatose del 70% o più;
  • angina pectoris incompatibile con il trattamento farmacologico;
  • impraticabilità dell'angioplastica o dello stenting delle arterie coronarie bloccate;
  • la loro sconfitta per aterosclerosi, che si diffonde alle valvole cardiache;
  • recidiva di deformità e blocco dei vasi sanguigni, secondo le statistiche, che si verificano non prima di 5-12 anni dopo lo smistamento.

L'aterosclerosi si verifica cronicamente, la malattia coronarica può essere espressa sia cronicamente che acutamente. Il trattamento più efficace per l'aterosclerosi avanzata e la malattia coronarica è la chirurgia.

Controindicazioni

Questa operazione non viene eseguita nelle seguenti condizioni:

Controindicazioni individualiDisturbi gravi non raccomandati generali
Sintomi di arresto cordiaco di tipo clinicoInsufficienza renale
ObesitàDiabete mellito non compensato
Diminuzione acuta della frazione di eiezione ventricolare sinistra a un livello del 30% e inferiore, che si è verificata a causa di lesioni cicatriziali.Malattia polmonare cronica aspecifica (BPCO)
La sconfitta di tutte le arterie del tipo coronarico di tipo diffuso, osservata nell'arteriosclerosi di Menckenberg.Malattie di tipo cancro

Questi indicatori sono relativi. Questa operazione è sconsigliata ai pazienti anziani, ma in questo caso le condizioni che determinano la possibilità di bypass innesto sono piuttosto i rischi in corso di intervento chirurgico e i rischi postoperatori..

Un ostacolo all'imposizione di shunt può essere anche la grave condizione della persona operata, ipertensione delle arterie di tipo incontrollato, disturbi incurabili, stenosi delle grandi arterie, che si è diffusa ampiamente sia in molte delle loro aree che in vasi più piccoli, e un ictus avvenuto poco prima dell'operazione.

Fino a poco tempo la presenza di infarto miocardico acuto nell'anamnesi impediva categoricamente l'innesto di bypass, oggi la possibilità di eseguirlo in queste condizioni è determinata dalla valutazione del medico.

Quali esami devono essere effettuati

Il bypass cardiaco è un metodo di trattamento eseguito sia come pianificato che come intervento chirurgico urgente.

Gli esami di emergenza includono:

  • identificazione del gruppo sanguigno e del suo fattore Rh;
  • elettrocardiografia;
  • stabilire il grado di coagulazione del sangue.

Gli esami richiesti per un'operazione pianificata includono:

  • analisi del sangue generale;
  • verificare la presenza di virus da immunodeficienza ed epatite;
  • analisi generale delle urine;
  • ECG;
  • identificazione del livello di coagulazione del sangue;
  • stabilire il gruppo sanguigno e il suo fattore Rh;
  • analisi del sangue biochimica;
  • consegna di radiografie dell'area del torace;
  • ecocardioscopia.

Di particolare importanza è un esame preliminare approfondito dell'aorta, compreso l'esame visivo, la diagnosi della palpazione e l'esame ecografico.

L'ecocardiografia transesofagea e l'esame epiaortico mediante ultrasuoni sono i modi più dettagliati per determinare lo stato delle pareti aortiche, aiutano a identificare le sfumature necessarie nell'operazione e il modo più appropriato per trattare il paziente.

Quando si prescrivono farmaci regolari, in particolare anticoagulanti o disturbi cronici, è imperativo informare il medico in anticipo. I prezzi degli esami variano a seconda dell'istituto medico prescelto, viene effettuato un esame del sangue clinico, secondo la decisione della commissione di consulenza medica.

Formazione

Le misure preoperatorie standard sono procedure mediche, limitazioni di cibo e farmaci e trattamento del sito chirurgico. Il paziente deve firmare un documento di consenso per l'operazione. I capelli dovrebbero essere rasati nelle aree operate, comprese le aree degli arti da cui proverranno i futuri shunt.

Il giorno prima dell'intervento, puoi permetterti acqua e una cena leggera, dopo la mezzanotte non puoi bere. È inoltre necessario consultare un anestesista, un medico operativo e uno specialista in respirazione terapeutica ed esercizi fisici. Dopo cena, il paziente prende l'ultimo farmaco. Doccia e pulizia intestinale la sera e la mattina.

Come farmaci prima del CABG, i pazienti sono generalmente raccomandati farmaci per abbassare il colesterolo, statine, clopidogrel e aspirina, gli ultimi due dovrebbero essere cancellati nel periodo da 10 giorni a una settimana prima dell'intervento di bypass.

L'assunzione di farmaci e dei loro tipi è regolata dal medico curante. Il dosaggio delle statine è solitamente di 10-80 mg al giorno a cena. Inoltre, vengono utilizzati farmaci che riducono i fattori di rischio e il grado di manifestazione della malattia coronarica e dell'aterosclerosi.

Procedura

Nel periodo di un'ora o mezz'ora prima dell'inizio dell'intervento chirurgico, il paziente del reparto assume farmaci sedativi, quindi viene portato su una barella e posto sul tavolo operatorio. Qui sono dotati di cateterismo vescicale e ingresso venoso, il paziente è collegato a sensori che monitorano la pressione sanguigna, l'ECG, la frequenza respiratoria e l'ossigenazione del sangue.

Vengono somministrati farmaci, dopodiché il paziente si addormenta. L'anestesista stabilisce la respirazione artificiale incubando la trachea. Il primo passo in una procedura di bypass standard è aprire il cuore attraverso l'apertura del torace, quindi viene esposta l'arteria toracica sinistra e le vene vengono rimosse dagli arti per l'innesto di bypass..

Il paziente è collegato ad un apparato di irrorazione artificiale, che arresta il cuore per cardioplegia; per eseguire CABG vengono utilizzati dispositivi che stabilizzano l'area trattata del miocardio. Durante l'intervento chirurgico senza arresto cardiaco, l'infrarosso non viene utilizzato, il medico fissa temporaneamente l'area del cuore funzionante utilizzando attrezzature per comodità.

Questa tecnica si distingue per la riabilitazione più breve e l'assenza di danni al corpo da IC.

Le fasi finali dell'intervento chirurgico consistono nel disattivare il bypass cardiopolmonare, riportare il cuore al normale funzionamento collegandolo temporaneamente a elettrodi speciali e installare uno scarico durante la sutura del torace. Il tempo del CABG dipende dalle caratteristiche individuali dell'organismo, dal numero di shunt creati e varia da 4 a 6 ore.

I pazienti operati vengono posti sotto osservazione nel reparto di terapia intensiva per un periodo di circa 2 giorni. L'arto da cui è stato prelevato lo shunt può perdere sensibilità per un breve periodo.

Dopo un bypass coronarico standard eseguito professionalmente senza complicazioni, il paziente può avvertire solo un lieve disagio nell'area del torace e un lieve grado di vertigini.

Recupero dopo

Dopo l'operazione, dovresti aumentare gradualmente la tua attività fisica, camminando sempre più distanze ogni giorno. Il dispendio energetico di un cuore non allenato supera in modo significativo l'attività del muscolo cardiaco di una persona che conduce uno stile di vita sano.

Dopo che gli shunt sono stati posizionati, i medici consigliano ai pazienti quando iniziare a camminare, come muoversi, sdraiarsi, alzarsi e girarsi nel letto per non danneggiare i punti. L'intervento di bypass cardiaco è un intervento chirurgico che può causare sbalzi d'umore.

L'operatore non deve partecipare a situazioni stressanti e provare ansia, si raccomanda di sviluppare il controllo delle emozioni. All'inizio è necessario impedire il sollevamento di oggetti di peso superiore a 2 kg e la tensione del cingolo scapolare. La dimissione dall'ospedale di solito avviene entro la fine della seconda settimana, ci vorranno circa 2-3 mesi per riprendersi completamente.

Ciò è influenzato dall'età e dallo stato di salute del paziente. Raccomandazioni per il comportamento e lo stile di vita dopo l'intervento chirurgico di bypass, nonché i farmaci appropriati, il dosaggio e il tempo di assunzione devono essere prescritti dal medico su base individuale..

Nella maggior parte dei casi, viene prescritto l'uso a lungo termine o continuo di aspirina, beta-bloccanti, farmaci per abbassare il colesterolo o statine. Alcuni dei farmaci che secondo l'American Heart Organization dovrebbero essere usati per prevenire e inibire lo sviluppo di aterosclerosi, malattia coronarica e recupero dall'innesto di bypass coronarico.

Tavolo:

MedicinaleDose giornalieraPrezzo
Aspirinada 81 a 325 mgda 73 sfregamenti.
Clopidrogel75 mgda 227 sfregamenti.
Prasugrel10 mg3730 rbl.
Ticagrelor90 mgdal 2821 sfregano.
WarfarinINR 2.0-3.0, target-2.5da 88 rubli.
Atorvastatina40-80 mgda 113 rubli.
Rosuvastatina20-40 mgda 237 sfregamenti.
Bisoprololo5-20 mgda 83 sfregamenti.
Metoprololo50-200 mgda 26 rubli.
Carvedilolo25-50 mg106 rbl.

Questi farmaci non sono farmaci generici e vengono utilizzati in base alle caratteristiche individuali della salute del paziente. Non dovresti assumere farmaci senza la nomina del tuo medico e superare la dose giornaliera di farmaci, anche se ci sono delle lacune nel programma di ammissione.

Quanto durerà il risultato

CABG non significa che la malattia coronarica scomparirà completamente e che il comportamento e lo stile di vita coinvolti nell'operazione possano essere lasciati invariati. La durata del periodo di miglioramento della qualità della vita dopo l'intervento chirurgico dipende direttamente dall'adesione alle raccomandazioni emesse dal medico, dall'eliminazione delle cattive abitudini e dalla corretta alimentazione..

Uno shunt prodotto dalla vena safena femorale può durare in media 10 anni, così come uno shunt da un'arteria toracica. Le arterie dell'avambraccio mantengono una buona pervietà per 5 anni. Con un'alimentazione scorretta e cattive abitudini, questi indicatori possono durare circa un anno.

Possibili complicazioni dopo un intervento chirurgico di bypass cardiaco

L'efficacia del posizionamento dello shunt può essere compensata da complicazioni postoperatorie diffuse di varia gravità. I più predisposti a loro sono le persone che hanno controindicazioni per questa operazione, pazienti di sesso femminile e pazienti con ipertensione.

La fibrillazione atriale è la complicanza più comune osservata in quasi la metà dei pazienti. A sua volta, aumenta la minaccia di ictus e shock cardiogeno, che possono provocare la morte, rispettivamente quattro e tre volte..

Non sono assicurati quelli operati con il metodo dell'arresto cardiaco con bypass cardiopolmonare e per deterioramento dell'afflusso di sangue al cervello, la cui probabilità varia dall'1,5 al 4%. La fibrillazione atriale postoperatoria di solito si risolve spontaneamente nel primo mese e mezzo.

Il 30% di quelli operati con l'uso della circolazione artificiale sperimenta uno squilibrio cognitivo a breve termine, il 10% mostra delirio. Questo si riferisce a complicazioni di tipo neurologico, i cui prerequisiti sono condizioni patologiche del sistema nervoso centrale e disturbi di tipo celebrovascolare.

La chirurgia di bypass cardiaco è una tecnica che può portare a infiammazioni, il cui sviluppo può portare a disfunzioni di più organi. Il progresso di questa complicanza è dovuto all'endotossemia, che combina sangue con afflusso di sangue extracorporeo, contatto di riperfusione dopo la rimozione della pinza che attraversa l'aorta e ischemia.

Il CABG nel 2-3% dei casi può causare insufficienza renale acuta in pazienti con insufficienza cardiaca cronica in corso, pazienti di sesso femminile, pazienti neri, pazienti affetti da diabete mellito o con un basso livello di frazione di eiezione ventricolare sinistra, o esacerbare questo disturbo se presente in operato.

Dal 10 al 20% delle persone con obesità o bronchite cronica di tipo ostruttivo (BPCO) sono suscettibili alle infezioni nosocomiali postoperatorie.

Una pianificazione approfondita della procedura di posizionamento dello shunt, il recupero postoperatorio e un atteggiamento responsabile del paziente per prepararsi all'intervento aiuteranno a prevenire il verificarsi delle minacce descritte..

Fattori importanti che determinano il successo di questa difficile operazione, il suo costo e l'assenza di complicazioni sono il livello dell'istituto medico che lo esegue e le qualifiche del personale medico. L'esecuzione del bypass coronarico è, prima di tutto, una seria revisione dello stile di vita e un'attenta aderenza alle prescrizioni mediche.

I pazienti operati devono seguire il regime prescritto di assunzione di farmaci di varia durata. Seguendo queste semplici condizioni, puoi migliorare in modo significativo la qualità e la durata della vita dopo l'intervento..

Video di bypass cardiaco

Bypass con innesto dell'arteria coronaria. La cosa più importante:

  1. Nikolay 04/02/2020 alle 22:30

Nell'agosto 2011, nel 2015 sono stati eseguiti interventi di bypass (4 shunt) e stent (3 pareti), sono stati installati altri 4 muri, ora è aprile 2020. Il 5 aprile compio 70 anni. I sintomi del dolore al petto sono comparsi durante il caricamento delle braccia, la camminata veloce e il trasporto di carichi pesanti. Esprimo grande rispetto e gratitudine ai medici di Penza del Centro Federale di Chirurgia Cardiovascolare. Sono stato molto fortunato a essere stato reindirizzato dal Tatarstan RCH a Penza FCSSH. I medici sono di ALTA CLASSE e tutto il personale. Li abbraccio tutti, li adoro. Vi auguro successo e fortuna, salute e longevità. Borisanov N. A.


Articolo Successivo
Perché un coagulo di sangue distaccato è mortale?