Cosa mostra un esame del sangue per l'emostasi??


L'emostasi è un processo complesso che garantisce la vitalità del corpo. Grazie a lui, il sangue non può lasciare il letto circolatorio, mentre il volume richiesto viene preservato. Pertanto, vengono mantenuti la normale circolazione sanguigna e l'apporto di ossigeno e nutrizione agli organi..

Cos'è?

L'emostasi comprende un complesso di sistemi funzionali, morfologici e biologici che supportano lo stato del sangue in forma liquida, prevenendone la coagulazione all'interno di una circolazione chiusa. Se l'integrità dei vasi viene violata, si forma un coagulo di sangue che ostruisce il sito del danno, a seguito del quale l'emorragia si interrompe. La base del trombo è la fibrina, che viene rimossa in seguito.

Più avanti nell'articolo scopriremo perché è necessario un esame del sangue per l'emostasi.

Funzioni

L'emostasi è un sistema complesso che svolge una serie di importanti funzioni:

  1. Aiuta il sangue a rimanere liquido.
  2. Coagula il sangue nei siti di danno vascolare, prevenendo così il sanguinamento.
  3. Dissolve i coaguli di sangue. Questo processo in medicina è chiamato fibrinolisi..

Quale enzima è responsabile della coagulazione

13 enzimi sono responsabili della coagulazione del sangue nel nostro corpo. Queste proteine ​​sono chiamate fattori di coagulazione. Questo processo si svolge in più fasi ed è la conversione di un proenzima in un enzima (o di un fattore inattivo in uno attivo). Questo innesca una reazione a catena. E questo processo è solitamente chiamato cascata della coagulazione..

Può essere esterno e interno. Per quest'ultimo, tutti i componenti necessari sono già nel sangue. E per attivare la via esterna, è necessaria la tromboplastina, che è un fattore tissutale. In uno stato normale, non lo è, viene prodotto solo in caso di danno cellulare.

Per identificare questa condizione, viene eseguito un esame del sangue per l'emostasi..

Meccanismi

Il processo descritto ha due meccanismi principali:

  1. Piastrina vascolare o primaria. Coinvolge le cellule del sangue, inclusi gli eritrociti, le piastrine, nonché le sostanze bioattive, le pareti vascolari e il tessuto extravascolare. È dovuto allo sviluppo di un tappo speciale per sigillare il danno.
  2. Coagulazione o secondaria. Questo processo coinvolge fattori plasmatici e tissutali della coagulazione del sangue. Il meccanismo converte il fibrinogeno in fibrina, che non si dissolve. Pertanto, si scopre di fermare l'emorragia in quei vasi in cui il meccanismo primario era insufficiente. Ciò accade quando il coagulo piastrinico non è riuscito a far fronte all'aumento della pressione sanguigna ed è necessario un coagulo più grande.

Il processo di emostasi avviene attraverso l'interazione di componenti strutturali come pareti vascolari, enzimi plasmatici e cellule del sangue. Tutte le sue parti costitutive includono elementi che ne impediscono la piegatura e quelle che assicurano la formazione di un coagulo di sangue nel sito della lesione.

La fibrinolisi è il meccanismo responsabile della rottura della fibrina, del ripristino della pervietà vascolare e del mantenimento della normale densità sanguigna. Come parte di questo sistema, plasmina, attivatore del plasminogeno, inibitori. La fibrinolisi è enzimatica e non enzimatica, a volte avviene lungo le vie di attivazione esterne o interne. Questo processo si basa sulla capacità dei leucociti di distruggere e digerire organismi patogeni, eliminare la trombosi e rimuovere i suoi resti.

Scopo di un esame del sangue per l'emostasi

Lo studio descritto viene effettuato al fine di identificare le violazioni nel sistema circolatorio. Questa è un'analisi piuttosto complessa volta a una valutazione completa dell'intero processo di coagulazione nel corpo umano..

Le patologie possono essere su entrambi i lati: sia nel sistema di coagulazione che nel sistema anticoagulante. In quest'ultimo caso, c'è una tendenza a sviluppare la sindrome emorragica, nel primo - alla formazione di coaguli di sangue.

Un test emostatico può rivelare la trombofilia, un alto tasso di coagulazione del sangue. Questo è pericoloso a causa del verificarsi di infertilità o dell'incapacità di sopportare un bambino, nonché di un attacco di cuore, trombosi degli arti inferiori sullo sfondo di vene varicose e ictus.

La bassa coagulazione del sangue è caratterizzata da sanguinamento. Pertanto, le lesioni richiedono un tempo molto lungo e difficile per guarire. Aumenta il rischio di complicanze postoperatorie, sindrome emorragica e sanguinamento interno.

Come eseguire un esame del sangue per l'emostasi, considera di seguito.

Quando è necessaria tale ricerca?

La necessità di un'analisi per l'emostasi è dovuta alle seguenti situazioni:

  1. Diagnostica delle cause di sanguinamento, eruzione emorragica ed emorragie.
  2. Prevenzione della sindrome emorragica dopo l'intervento chirurgico.
  3. Rilevazione, prevenzione e terapia di infarti, ictus e trombosi.
  4. Malattie ginecologiche, pianificazione della gravidanza, periodo di gestazione.

Viene applicato un certo sistema per decodificare l'emostasi nell'analisi del sangue.

Indicazioni e tipi di test

Molto spesso, viene eseguito un esame del sangue per l'emostasi quando è prevista una grande perdita di sangue, nonché in un esame completo per identificare alcune malattie. Un coagulogramma è incluso nell'elenco degli esami nei seguenti casi:

  • durante il periodo di gravidanza;
  • nel periodo pre e postoperatorio;
  • con trombosi ed espansione venosa delle vene;
  • con malattie autoimmuni - artrite reumatoide, lupus eritematoso, dermatomiosite, ecc.;
  • con patologie epatiche;
  • dopo infarti e ictus;
  • durante la terapia con agenti antipiastrinici e anticoagulanti;
  • con diatesi emorragica;
  • durante la pianificazione di una gravidanza imminente.

Quest'ultimo è particolarmente vero per le donne con una storia di malattie ginecologiche, tra cui infertilità e aborto spontaneo..

Test

L'analisi per l'emostasi consiste nell'eseguire diversi test, vale a dire:

  1. INR: viene determinato il tempo necessario per la coagulazione del sangue.
  2. APTT: il tempo necessario alla formazione di un coagulo dopo che il plasma è stato combinato con i reagenti.
  3. Tempo di trombina - il periodo durante il quale il fibrinogeno viene convertito in fibrina sotto l'influenza della trombina.
  4. Fibrinogeno.

Come risultato dello studio, si ottiene un coagulogramma, che richiede la decodifica da uno specialista. Gli indicatori principali sono APTT e INR, poiché sono loro che dimostrano l'attivazione lungo le vie esterne ed interne della coagulazione del sangue. Quando sono normali, ciò indica l'assenza di gravi problemi con l'emostasi. E quali anomalie rivela un esame del sangue per l'emostasi??

Violazioni

Se ci sono deviazioni dalla norma negli indicatori di ricerca, il paziente può sperimentare le seguenti patologie:

  • Cohualopathy. Disfunzione dei sistemi di coagulazione del sangue e anticoagulanti.
  • Sindrome emorragica da ipocoagulazione. È caratterizzato da un livello ridotto di accumulo piastrinico, che porta ad una diminuzione degli indicatori dell'attività dei fattori di coagulazione del plasma e dei tessuti. Il risultato è sanguinamento e sindrome emorragica..
  • Sindrome da ipercoagulazione-trombotica. Alto livello di accumulo piastrinico e attività dei fattori di coagulazione del plasma e dei tessuti, che porta alla formazione di coaguli di sangue.
  • Sindrome emorragica trombotica o sindrome da coagulazione intravascolare disseminata. Questa è la coagulazione del sangue disseminata all'interno dei vasi con la formazione di un numero anormale di coaguli di sangue e aggregati di cellule del sangue. Di conseguenza, c'è un guasto nel sistema circolatorio, che diventa la causa di patologie distrofiche.

Ricerca sulle mutazioni geniche

Decifrare un esame del sangue per l'emostasi non sempre consente di prevedere i possibili rischi associati al verificarsi di patologie nel campo della coagulazione in un particolare paziente. Pertanto, sono in corso ulteriori ricerche sui geni responsabili dell'attivazione dell'intero sistema, ad esempio, in presenza di processi infiammatori e durante la gravidanza. Le indicazioni per dirigere il sangue per lo studio delle mutazioni geniche sono:

  1. Selezione di contraccettivi orali.
  2. Infertilità e incapacità di sopportare feti.
  3. Trattamento sostitutivo con farmaci ormonali.
  4. Fumare in pazienti di età inferiore ai 50 anni.
  5. Trombosi in pazienti sotto i 50 anni.
  6. Prima della chirurgia ginecologica, dell'endoprotesi e del trapianto.
  7. Ictus posticipati, trombosi, attacchi di cuore sotto i 50 anni, EP. E questo vale non solo per i pazienti stessi, ma anche per i loro parenti stretti. La stessa regola vale per i parenti di coloro che sono morti prima del raggiungimento dei 50 anni di età..
  8. Compromissione dell'udito di eziologia inspiegabile.
  9. Dopo la chemioterapia.

In tutti i casi di cui sopra, è necessario esaminare il sangue per le mutazioni geniche nel sistema di coagulazione, nonché lo scambio di acido folico.

Esame del sangue per l'emostasi durante la gravidanza

Un posto speciale nello studio del funzionamento dell'emostasi è occupato dalle donne durante la gravidanza. Durante questo periodo, il rischio di un aumento della coagulazione del sangue è particolarmente alto, il che può portare al blocco dei vasi disseminati. Il risultato di questo processo può essere un ispessimento del sangue e, di conseguenza, una violazione dell'afflusso di sangue alla placenta..

Insieme al sangue, l'ossigeno in quantità sufficiente cessa di fluire al feto, così come i nutrienti utili. C'è un'anomalia nello sviluppo del bambino, che termina con lo sbiadimento della gravidanza o la morte del feto. Una diagnosi tempestiva di tali violazioni consentirà a una donna di sopportare e dare alla luce un bambino sano..

Che cos'è un esame del sangue per le mutazioni del gene dell'emostasi? Questa è una domanda comune per le donne incinte. Il fatto è che l'emostasi durante la gestazione può cambiare. Le ragioni possono essere sovrappeso, traumi, stress, infezioni croniche e cancro. Ma prima dell'inizio della gravidanza, una donna potrebbe non essere a conoscenza dei problemi di coagulazione esistenti. Dal momento del concepimento, il suo corpo subisce cambiamenti significativi associati ad un indebolimento delle caratteristiche protettive, che possono portare a patologie dell'emostasi e manifestarsi come trombosi o sanguinamento.

Tali violazioni possono causare gestosi, anemia, distacco di placenta e morte fetale. Pertanto, è molto importante che una donna venga testata prima della gravidanza o durante la gestazione. L'opzione ideale è controllare prima del concepimento, durante la pianificazione della gravidanza. Se vengono identificate patologie, la terapia precedentemente condotta ti consentirà di sopportare con calma e dare alla luce un bambino sano.

Per non distorcere i risultati dello studio, una settimana prima non dovrebbero essere assunti farmaci per fluidificare il sangue e alcol..

Quando viene mostrata questa analisi?

Ci sono molte situazioni in cui viene mostrata un'analisi per le mutazioni dell'emostasi:

Fading gravidanza o aborto spontaneo più di una volta. Ciò può accadere anche a causa della scarsa coagulazione del sangue..

Tossicosi che colpisce la gestazione. Caratterizzato da aumento della pressione sanguigna, edema e proteine ​​nelle urine.

Ipertonicità dell'utero. Può causare aborto spontaneo.

Distacco della placenta. Molto spesso ciò si verifica a causa di disturbi dell'emostasi. Pertanto, è necessaria una consultazione obbligatoria con un emostasiologo..

La presenza di problemi nei parenti sotto forma di ictus, infarto, trombosi e vene varicose.

Se durante la gravidanza vengono identificate violazioni nel funzionamento dell'emostasi, la terapia viene prescritta, selezionata individualmente. Consiste nel correggere il meccanismo danneggiato. Nei primi trimestri di gravidanza viene selezionata l'opzione di trattamento farmacologico più parsimonioso.

Come puoi vedere, un esame del sangue per le mutazioni dell'emostasi è informativo e molto necessario per le donne incinte..

Conclusione

L'emostasi è una parte molto importante del funzionamento del nostro corpo. Il test di coagulazione del sangue più rilevante è in caso di gravidanza e durante la pianificazione del concepimento. Dopotutto, il punto principale della gestazione è il continuo afflusso di sangue alla placenta e la nutrizione del feto, e altrimenti c'è sempre un alto rischio di sviluppare patologie dello sviluppo intrauterino e dello sbiadimento della gravidanza. Una diagnostica tempestiva ti consentirà di prendere tutte le misure necessarie in tempo per salvare il nascituro.

L'analisi dell'emostasi è importante anche per le persone con patologie esistenti nel sistema circolatorio. Devono inviare regolarmente il materiale per i test, in quanto ciò aiuterà a prevenire il possibile ripetersi di malattie e mantenere la situazione sotto controllo..

Ora sappiamo cosa mostra un esame del sangue per l'emostasi.

Emostasiogramma: test per l'emostasi: di cosa parlano, chi è prescritto, come prenderlo

Un emostasiogramma è un esame del sangue che misura il modo in cui il sangue si coagula. Lo studio del sistema emostatico viene utilizzato per diagnosticare malattie del fegato, della milza, del sangue e del midollo osseo. Mutazioni emostatiche meno comuni associate a malattie ereditarie e genetiche.

Cos'è un emostasiogramma

Emostasiogramma: che cos'è questo studio? Un esame del sangue determina gli indicatori responsabili del processo di coagulazione del sangue: piastrine, proteine ​​plasmatiche. La raccolta di queste cellule e proteine ​​è chiamata sistema emostatico. Questo è un processo complesso che si svolge in più fasi..

L'emostasi è necessaria per mantenere il fluido sanguigno. Nel trauma, l'emostasi cambia in modo da fermare l'emorragia formando un coagulo di sangue. Il danno vascolare e l'emorragia innesca la cascata della coagulazione. Comprende diverse fasi:

  • adesione delle piastrine e formazione di un tappo nel sito di lesione - emostasi primaria;
  • attivazione delle proteine ​​plasmatiche e formazione di fibrina - emostasi della coagulazione, secondaria;
  • impregnazione di fibrina del tappo piastrinico e formazione di un coagulo di sangue che ostruisce la parete del vaso danneggiato.

Se i coaguli di sangue si formano nel corpo senza motivo, inizia il processo della loro distruzione - la fibrinolisi. Ciò coinvolge gli anticoagulanti che dissolvono la fibrina.

L'emostasi cambia a seconda dei processi interni del corpo e dei fattori ambientali. È influenzato da:

  • età e sesso;
  • caratteristiche nutrizionali;
  • la presenza di cattive abitudini;
  • prendere farmaci;
  • malattie croniche;
  • trauma;
  • gravidanza.

L'analisi dell'emostasiogramma è necessaria per i pazienti con malattie cardiovascolari croniche, cirrosi epatica e oncologia. Viene effettuato per le donne in gravidanza, in preparazione all'intervento, per controllare il trattamento con anticoagulanti.

Cosa può dire un'analisi dell'emostasi

Gli studi emostasiologici forniscono informazioni sui disturbi dell'emostasi. Sulla base dei risultati dell'analisi, l'emostasiologo determina il rischio del paziente: sanguinamento eccessivo o coaguli di sangue. Lo studio del sistema emostatico è importante prima degli interventi chirurgici al fine di valutare il rischio di complicanze e prepararsi in anticipo ad esse.

Il sistema di coagulazione è controllato da alcuni geni. Quando si verificano mutazioni, si sviluppano disturbi della coagulazione del sangue in esse - nella direzione del sanguinamento o della formazione di trombi. Tali mutazioni sono chiamate polimorfismo del gene dell'emostasi..

  • congenito, ereditario, si manifesta più spesso nella prima infanzia, meno spesso durante la gravidanza o il trattamento con farmaci ormonali;
  • acquisito - sindrome antifosfolipidica, malattie autoimmuni.

Il polimorfismo porta ad un alto rischio di trombosi, complicazioni della gravidanza, aborto spontaneo.

Qual è la differenza tra un emostasiogramma e un coagulogramma

Non c'è differenza nell'emostasiogramma e nel coagulogramma. Questo è lo stesso studio del sistema di coagulazione..

Indicazioni per l'appuntamento:

  • vene varicose;
  • tromboflebite;
  • ictus e attacchi di cuore;
  • embolia polmonare;
  • preparazione per le operazioni;
  • condizione dopo l'intervento chirurgico;
  • pianificare una gravidanza;
  • complicazioni della gravidanza;
  • controllo del trattamento con ormoni, anticoagulanti;
  • malattia del fegato.

L'emostasiogramma e il coagulogramma hanno una leggera differenza. Un coagulogramma mostra il grado di coagulazione del sangue - alto o basso. L'emostasiogramma mostra il processo di coagulazione stesso, dove si verificano esattamente le violazioni.

Preparazione per l'emostasiogramma

L'analisi dell'emostasi richiede un'attenta preparazione. Poiché è influenzato dalla nutrizione, dai farmaci, le seguenti regole devono essere osservate prima dello studio:

  • alla vigilia della donazione del sangue, escludere dalla dieta cibi grassi e proteici;
  • escludere alcol, bevande zuccherate;
  • se possibile, annullare tutti i farmaci;
  • se non è possibile annullare il farmaco, informarne il medico curante;
  • smettere di fumare;
  • limitare l'attività fisica.

Le donne non dovrebbero eseguire esami del sangue per l'emostasi durante le mestruazioni..

Regole per eseguire un esame del sangue per l'emostasi

È necessario eseguire un emostasiogramma a stomaco vuoto. Per la ricerca, viene prelevato sangue venoso. L'emostasiogramma è influenzato anche dal processo di prelievo del sangue, pertanto vengono utilizzati tubi speciali: vacutainer. Lo studio viene effettuato su un apparecchio speciale: un analizzatore di indicatori di emostasi.

Decodifica degli indicatori dell'emostasiogramma

La decifrazione degli indici dell'emostasiogramma viene eseguita da un ematologo. L'emostasi del sangue è mantenuta dalle piastrine e dalle proteine ​​plasmatiche. Le piastrine sono responsabili dell'emostasi piastrinica, le proteine ​​- dell'emostasi plasmatica. Entrambi questi processi avvengono contemporaneamente, se uno o entrambi vengono violati, una persona ha la tendenza a sanguinare o trombo.

Un emostasiogramma standard include:

  • piastrine;
  • INR;
  • fibrinogeno;
  • plasminogeno;
  • tempo di trombina;
  • APTT.

Le piastrine sono piastrine che si formano nel midollo osseo. La loro funzione è quella di rilevare danni vascolari e chiuderli formando un coagulo di sangue. La conta piastrinica è 180-360 * 10 9 / litro. Diminuzione: rischio di sanguinamento. Aumento: rischio di coaguli di sangue.

Il plasminogeno è una proteina prodotta nel fegato. Responsabile dell'ultimo stadio dell'emostasi: la dissoluzione del trombo. La norma è dell'80-120%. L'aumento si osserva durante la gravidanza. Diminuzione - con sindrome DIC, malattie ereditarie.

APTT - tempo di trombina attivato. Questo è il tempo durante il quale si forma un coagulo nella provetta con sangue e soluzione di cloruro di calcio aggiunta. La norma è 25,4-36,9 secondi. Aumenta con coagulazione insufficiente. Diminuisce con la coagulazione intravascolare disseminata.

INR, o protrombina, è un indicatore che indica l'inizio della formazione di coaguli di sangue. La norma è 0,8-1,15. Si osserva un aumento con disturbi ereditari della coagulazione del sangue, sindrome DIC. Una diminuzione indica un aumento del rischio di trombosi..

Il tempo di trombina è un indicatore della fase finale della formazione di trombi. Questo è il tempo necessario al fibrinogeno per convertirsi in fibrina. La norma è di 14-20 secondi. L'allungamento del tempo indica il rischio di sanguinamento e l'accorciamento del rischio di trombosi.

Fibrinogeno: da esso si forma la fibrina, che fissa il trombo. Il tasso di contenuto è 2-4 g / litro. Il livello di fibrinogeno aumenta durante la gravidanza, l'uso a lungo termine di contraccettivi ormonali, l'ipotiroidismo, le infezioni acute. È accompagnato da un alto rischio di coaguli di sangue. Si osserva una diminuzione del fibrinogeno con coagulazione intravascolare disseminata, malattia del fegato, accompagnata dal rischio di sanguinamento.

I test per le mutazioni nei geni dell'emostasi includono:

  • G2021OA - è responsabile delle proteine ​​protrombiniche, la mutazione è accompagnata da un alto rischio di trombosi, aborto spontaneo;
  • G1691A - è responsabile del fattore di coagulazione 5, la mutazione porta alla morte fetale intrauterina;
  • FGB G455A - responsabile del fibrinogeno, la mutazione porta allo sviluppo della tromboflebite;
  • PAI-1 4G / 5G - è responsabile del plasminogeno, la mutazione è accompagnata da un rischio di distacco della placenta, aborto spontaneo.

È necessario superare i test per il polimorfismo per coloro che hanno una storia di disturbi della coagulazione. Inoltre, l'analisi è consigliata se non sono state rilevate anomalie durante gli studi di routine, ma ci sono sintomi di disturbi della coagulazione.

  • omozigote: la mutazione genetica è stata trasmessa da entrambi i genitori, un'opzione più pericolosa;
  • eterozigote: la mutazione è stata trasmessa da un genitore, meno pericoloso.

Solo un genetista può decifrare correttamente il risultato.

Analisi del sangue avanzata per l'emostasi

L'emostasiogramma esteso include criteri aggiuntivi:

  • studio della funzione di aggregazione piastrinica;
  • D-dimeri;
  • proteine ​​C e S;
  • antitrombina.

Un emostasiogramma esteso fornisce maggiori informazioni sul sistema di coagulazione. È prescritto per difficoltà diagnostiche e per le donne incinte.

Il D-dimero è la parte della fibrina che appare durante la sua rottura. Pertanto, dalla quantità di D-dimero, si può giudicare la presenza di coaguli di sangue nei vasi. La norma è inferiore a 286 ng / ml. Si osserva un aumento del D-dimero con coagulazione intravascolare disseminata, trombosi venosa profonda, embolia polmonare, malattie infettive e oncologiche, dopo lesioni e operazioni.

L'antitrombina è una proteina anticoagulante plasmatica. Previene la formazione di coaguli di sangue. L'importo normale è dell'80-125%. Un aumento dell'indicatore è un segno di un aumento del sanguinamento. Diminuito: alto rischio di trombosi.

La proteina C inibisce la coagulazione del sangue. La norma è del 70-140%. La sua attività è potenziata dalla proteina S. La quantità è ridotta in caso di malattie genetiche, malattie del fegato. È accompagnato da un alto rischio di trombosi.

Perché è importante condurre un emostasiogramma durante la gravidanza

L'analisi dell'emostasi è richiesta per le donne in gravidanza. La procedura consente di identificare tempestivamente le complicazioni della gravidanza, nonché di determinare la scelta del metodo di consegna. Con una gravidanza normale, è necessario eseguire un'analisi una volta ogni trimestre.

È necessaria una consegna più frequente alle seguenti condizioni:

  • storia ostetrica gravata - sanguinamento nelle nascite precedenti, complicazioni di gravidanze precedenti;
  • rischio ereditario di coaguli di sangue;
  • ipertensione;
  • rigonfiamento;
  • rilevamento di proteine ​​nelle urine.

È necessario sottoporsi a uno studio se una donna sta assumendo anticoagulanti. Alle donne incinte viene prescritto sangue per un emostasiogramma esteso.

Un aumento della coagulazione indica un alto rischio di coaguli di sangue durante o dopo il parto. Bassa coagulazione: il rischio di sanguinamento dalla nascita. L'emostasiogramma mostra lo stato del sistema di coagulazione, rivela violazioni nel processo di coagulazione del sangue. Viene prescritto un emostasiogramma per valutare il rischio di sanguinamento o tromboembolia. Utilizzato anche per controllare il trattamento con farmaci ormonali o anticoagulanti. Per l'esame, viene prelevato sangue venoso, vengono utilizzati analizzatori di indicatori di emostasi.

Analisi del sangue per l'emostasi: perché viene eseguita e cosa mostra l'esame

L'emostasi è un complesso sistema biologico necessario affinché il sangue rimanga allo stato liquido. Il sangue nel corpo è costituito da plasma (elemento liquido) e piastrine, leucociti, eritrociti, che sono sospesi in esso. Tutti questi componenti sono in continuo movimento, fornendo ossigeno a organi e tessuti.

Le principali funzioni dell'emostasi

Senza l'emostasi, è impossibile mantenere la vitalità del corpo, grazie a questo sistema il sangue non esce dalla circolazione. Per capire che questo è possibile dopo aver scoperto perché questo sistema è necessario nel corpo.

Gli specialisti identificano tali funzioni dell'emostasi.

  • Conservazione del sangue allo stato liquido nel flusso sanguigno. È importante mantenere la consistenza corretta: se il sangue è liquido, la persona soffre di un aumento del sanguinamento, se denso - di trombosi.
  • Fermare l'emorragia. Con varie lesioni vascolari (ad esempio tagli), viene attivato il sistema di coagulazione del sangue.
  • Guarigione delle ferite. Questo processo è chiamato fibrinolisi. Un trombo di blocco che si forma quando l'integrità dei vasi viene rotta si dissolve.

Il sistema emostatico è piuttosto complesso. Il corpo deve mantenere costantemente un equilibrio tra la formazione di un coagulo di sangue e la sua dissoluzione. I fallimenti in questo processo sono segni di una grave malattia e possono portare a conseguenze disastrose..

Il processo per fermare l'emorragia

In caso di danni ai vasi sanguigni nel corpo, vengono attivati ​​i seguenti processi:

  • Le navi, la cui integrità delle pareti è violata, iniziano a contrarsi,
  • Le proprietà delle pareti cambiano: nelle zone danneggiate diventano appiccicose,
  • Le piastrine in grandi quantità iniziano ad aderire al lato interno delle pareti, è in corso il processo di aggregazione piastrinica,
  • Si forma un trombo sciolto: il processo di emostasi piastrinica vascolare è completato,
  • Si legge il processo di emostasi secondaria: coagulazione del sangue,
  • La coagulazione del sangue innesca reazioni, a seguito delle quali il fibrinogeno si trasforma in fibrina, assomiglia a una parete sottile,
  • Passando i globuli rossi, i leucociti entrano nella rete di fibrina e addensano il coagulo.

Gli esperti identificano questi tipi di emostasi.

  • Piastrina vascolare (primaria). Le pareti vascolari, le piastrine e parzialmente gli eritrociti prendono parte al suo passaggio.
  • Coagulazione (secondaria). I fattori plasmatici e tissutali sono inclusi nel processo di coagulazione, è necessario arrestare il sanguinamento nei casi in cui l'emostasi primaria era insufficiente.

Per condurre uno studio del sistema emostatico, l'analisi della coagulazione lo consente.

Scopo degli esami

Test speciali possono identificare violazioni nel processo di coagulazione del sangue. Mostrano come funziona il sistema emostatico. Con l'aiuto di uno studio dettagliato, è possibile determinare se il sistema di coagulazione e anticoagulante interagisce normalmente.

Sulla base dei risultati di un esame approfondito, è possibile identificare:

  • Coagulopatia: funzionamento alterato sia del sistema anticoagulante che di quello della coagulazione,
  • Condizioni di ipercoagulazione-trombotica: con tali disturbi compaiono problemi durante la gravidanza (questa malattia porta a una violazione del flusso sanguigno nella placenta, di conseguenza, il feto inizia a rimanere indietro nello sviluppo, con trombosi dei vasi che alimentano il bambino, è possibile la morte intrauterina), aumenta la probabilità di attacchi di cuore, ictus, trombosi vene degli arti,
  • Condizioni emorragiche ipocoagulative: il processo di guarigione della ferita peggiora, aumenta la probabilità di sanguinamento interno, possono verificarsi complicazioni durante l'operazione, si sviluppa diatesi emorragica,
  • Disturbi trombotico-emorragici (sindrome DIC): il processo di formazione di trombi inizia in piccoli vasi, i componenti del sistema di coagulazione del sangue vengono sprecati, questo porta al fatto che l'emorragia che appare è difficile da fermare.

Si raccomanda di valutare il lavoro del sistema di coagulazione nei seguenti casi.

  • Per problemi di gestazione (più di 2 gravidanze congelate nella storia).
  • Nei periodi prima e dopo l'intervento chirurgico.
  • Quando si rilevano danni al fegato e malattie autoimmuni (artrite reumatoide, lupus eritematoso, dermatomiosite).
  • Con vene varicose, trombosi.
  • Dopo aver sofferto di infarti e ictus.
  • Con lo sviluppo della diatesi emorragica.
  • Per controllare il lavoro del sistema di coagulazione durante l'assunzione di Aspirina, Curantil, Warfarin, Eparina e altri agenti anticoagulanti e antipiastrinici.

I pazienti dovrebbero capire che l'analisi per l'emostasi non sempre fornisce un'opportunità per scoprire quale sia la probabilità di sviluppare problemi in futuro. Il rischio può essere valutato da uno studio che rileva mutazioni nei geni responsabili del funzionamento del sistema emostatico..

Queste analisi sono consigliate se:

  • Le donne stanno pianificando di assumere contraccettivi ormonali,
  • Si osserva aborto spontaneo,
  • Richiede una terapia ormonale sostitutiva,
  • Si pianificano endoprotesi, interventi ginecologici, trapianti.

Si consiglia inoltre di determinare se ci sono mutazioni in pazienti che:

  • Ha più di 50 anni e ha avuto una trombosi,
  • Avere parenti che hanno una storia di ictus, attacchi di cuore, trombosi, embolia polmonare,
  • Soffre di problemi di udito di eziologia sconosciuta (in giovane età),
  • Sono stati sottoposti a chemioterapia per infusione a lungo termine.

Verificare la presenza di mutazioni nei geni responsabili del funzionamento del sistema di coagulazione e del metabolismo della vitamina B9.

Ma l'analisi principale è un coagulogramma (emostasiogramma). Durante l'esame di base vengono determinati l'ematocrito, il livello di emoglobina, i valori quantitativi dei fattori del sangue e altri indicatori.

Se sospetti problemi, si consiglia di passare un'analisi completa. Con tale studio, vengono determinati i seguenti indicatori del funzionamento del sistema di emostasi.

ProtrombinaFattore che mostra la qualità del sistema di coagulazione. Il valore standard è dal 78 al 142%. Tassi più alti indicano una coagulazione accelerata, tassi più bassi indicano il rischio di perdita di sangue..
APTTIl tempo necessario per la coagulazione del sangue. Normale: da 24 a 35 secondi. Una diminuzione del tempo indica una possibile sindrome da coagulazione intravascolare disseminata, allungamento - di un rischio di sanguinamento.
D-dimeroUn indicatore che indica la coagulazione del sangue. Normalmente il valore non supera i 248 ng / ml, altrimenti si parla di una maggiore tendenza alla trombosi.
Lupus anticoagulanteIndica la sindrome da antifosfolipidi, normalmente dovrebbe essere assente nell'analisi. L'APS aumenta il rischio di trombosi.
Tempo di trombinaVisualizza la durata della fase finale della coagulazione, dura da 11 a 18 secondi.
RCMFÈ considerato il primo marker della coagulazione intravascolare disseminata. Normalmente assente.
Antitrombina IIIUna proteina del sangue responsabile dell'inibizione della coagulazione del sangue. I valori vanno dal 70 al 115%. Con una diminuzione degli indicatori, aumenta il rischio di coaguli di sangue, con un aumento, c'è una probabilità di sanguinamento..

È necessaria una valutazione completa di questi indicatori per capire come funziona il sistema emostatico..

Ma possiamo parlare di problemi solo se il paziente ha superato correttamente i test. Come prenderlo si consiglia di scoprirlo nel laboratorio a cui si intende rivolgersi. Le regole di base della preparazione sono le stesse: il prelievo di sangue viene effettuato a stomaco vuoto, è vietato anche bere acqua e lavarsi i denti al mattino.

Se vengono identificati problemi, dopo aver valutato i risultati, viene prescritta la terapia necessaria.

Tattiche di trattamento

Se ci sono problemi, non basta fare il test. Devi capire di che tipo di terapia hai bisogno.

Quando si diagnostica la DIC, vengono prescritte eparine a basso peso molecolare.

Questa classe di farmaci include quanto segue:

  • Fragmin,
  • Fraxiparine,
  • Clexane.

Ha un effetto positivo sulla condizione:

  • Olio di pesce (contiene acido Omega 3),
  • Aspirina a basso dosaggio,
  • Vitamine del gruppo B, compreso l'acido folico.

Per il trattamento, può essere prescritta eparina non frazionata (convenzionale) invece di costose eparine a basso peso molecolare. Ma è difficile trovare il dosaggio ottimale di questo farmaco. Per questo motivo, l'emostato (emocromo) viene ricontrollato ogni tre giorni..

Se hai la tendenza a sanguinare, puoi usare la spugna Hemost. A seconda dell'intensità del sanguinamento e della sua natura, è necessario da ¼ di parte della spugna a 3-4 pezzi. Ti permette di attivare il processo di coagulazione del sangue e fermare l'emorragia..

Le disfunzioni del sistema emostatico non devono essere ignorate. Un trattamento adeguato consente di controllare le condizioni dei pazienti. Particolare attenzione è riservata alle donne in gravidanza.

Perché è necessario un esame del sangue per l'emostasi ed è così importante?

Viene effettuato uno studio di laboratorio del sistema emostatico del sangue per identificare possibili cambiamenti nei parametri piastrinici, indice di protrombina, tempo di trombina, aumento o diminuzione del fibrinogeno, aumento della tolleranza plasmatica all'eparina.

Inoltre, nella diagnostica di laboratorio del sistema emostatico, è possibile rivelare la presenza di diatesi emorragica in una persona.

La coagulazione del sangue è una reazione protettiva del corpo che lo protegge dalla perdita di sangue. Il processo di coagulazione è regolato dai sistemi nervoso ed endocrino. La fluidità del sangue impedisce alle cellule di aderire e consente loro di mescolarsi facilmente attraverso i vasi.

La coagulabilità e la fluidità, interagendo tra loro, formano un sistema affidabile di emostasi del sangue e una violazione delle norme dei suoi indicatori indica la possibile presenza di patologie che richiedono un trattamento tempestivo.

Funzionamento

E allora, qual è la funzione dell'emostasi?

  • Mantenimento dello stato liquido del sangue;
  • Conservazione della coagulabilità in caso di lesioni di grandi vene e arterie, nonché formazione di un cosiddetto tappo piastrinico per piccole lesioni vascolari;
  • Inoltre, la dissoluzione dei coaguli di sangue dopo il ripristino delle pareti, quando si verifica una patologia vascolare;

In effetti, è una protezione contro un'estesa perdita di sangue. Il processo di coagulazione del sangue dipende dall'interazione di tredici enzimi. Sono proteine ​​e sono chiamate "fattori di coagulazione".


Processo di formazione del trombo
L'intera procedura consiste in diverse fasi e la sua essenza consiste nell'elaborazione di un fattore inattivo in uno attivo. Inoltre, l'enzima attivo provoca la successiva elaborazione dell'enzima inattivo e ciò accade innumerevoli volte. Questo processo è chiamato "cascata della coagulazione". Suddiviso in cascate esterne ed interne.

Per il funzionamento del tipo interno della cascata della coagulazione, tutte le sostanze necessarie sono già nel sangue. Per fornire una cascata esterna, è necessario un enzima come la tromboplastina tissutale. La comparsa di questo enzima nel sangue è sempre associata a traumi ai vasi sanguigni..

Qual è la differenza tra ematologo ed emostasiologo

La questione se la differenza tra un ematologo e un emostasiologo sia rilevante perché la clinica di solito ha entrambi gli specialisti. L'ematologia è la scienza del sangue, di tutti i suoi collegamenti e componenti. Un medico di questo profilo si occupa di eventuali problemi del flusso sanguigno, compresi i processi oncologici.

La principale differenza tra un emostasiologo e un ematologo è che quest'ultimo include un numero più ampio di processi patologici nel suo lavoro. L'emostasiologo si occupa esclusivamente della formula di coagulazione del sangue. Le sue misure terapeutiche mirano a mantenere in equilibrio il sistema emostatico.

Salva il link o condividi informazioni utili sui social. reti

Esistono due tipi di emostasi.

  • globuli rossi;
  • piastrine;
  • pareti dei vasi;
  • enzimi bioattivi;
  • tessuto extravascolare;

Anche in questo tipo di emostasi viene eseguita la formazione di un tappo piastrinico..

Coagulazione. I seguenti fattori di coagulazione del sangue giocano un ruolo qui:

  • tessuto;
  • plasma del sangue;
  • parete della nave;
  • cellule del sangue;

La sua essenza consiste nella trasformazione del fibrinogeno (una proteina specifica che non ha colore) e nella formazione da esso di fibrina insolubile.

L'emostasi della coagulazione arresta il sanguinamento nei vasi in cui l'omeostasi piastrinica vascolare fallisce. La pressione sanguigna è troppo alta per il tappo piastrinico e sono necessari coaguli protettivi più potenti. Pertanto, l'omeostasi è un processo complesso che include vari componenti..

Emostasi e coagulogramma

Il concetto di "emostasi" è letteralmente tradotto come "ristagno di sangue". Il sistema emostatico del corpo umano è piuttosto complesso e consiste in un gran numero di componenti che si completano a vicenda..

Vale immediatamente la pena evidenziare due collegamenti opposti separati di questo sistema: la coagulazione e la fibrinolisi. Coagulazione significa coagulazione del sangue e coaguli di sangue per fermare la perdita di sangue. La fibrinolisi è, al contrario, un insieme di processi che limitano la formazione di coaguli e favoriscono la fluidificazione del sangue

Per analizzare questi due sistemi, viene eseguito un esame speciale: un coagulogramma, la cui decodifica è importante

Un coagulogramma è uno dei metodi di laboratorio che consente di analizzare la capacità di coagulazione del sangue. È prescritto ai pazienti non così spesso, ma in alcuni casi è vitale..

Scopo dell'analisi

Questo esame del sangue viene eseguito per l'emostasi al fine di trovare le cause della violazione del processo di omeostasi. Questa è una complessa diagnostica del sangue moderna a più livelli, che consente di fornire informazioni accurate sulla coagulazione, in generale. Un esame del sangue consente di stabilire l'interazione tra le funzioni di coagulazione del sangue e anticoagulante.

Questi possono essere problemi con l'attivazione del sistema di coagulazione, nonché con l'attivazione del sistema anticoagulante. Nella prima variante compare la trombosi e nella seconda una predisposizione al sanguinamento.

La trombofilia è una condizione causata dall'aumento della coagulazione. La trombofilia è molto pericolosa con il verificarsi di un attacco di cuore, lo sviluppo di trombosi e anche un ictus.

Con una coagulazione ridotta, si verificano frequenti sanguinamenti. Di conseguenza, le ferite non guariscono per molto tempo, sono possibili anche complicazioni dopo interventi chirurgici, emorragie interne, il verificarsi di sindromi emorragiche.

Donne e uomini hanno la stessa velocità di coagulazione del sangue. Tuttavia, le donne incinte hanno alcune differenze negli indicatori.


Tabella delle norme di coagulazione del sangue nell'analisi

Fai un esame del sangue per l'emostasi durante la gravidanza e non solo dovrebbe per:

  • Rivelare le cause dell'aumento della perdita di sangue, vasculite emorragica, vari tipi di emorragie;
  • Durante la diagnosi e il trattamento della trombosi;
  • Nel trattamento e nella prevenzione dell'infarto del miocardio e degli ictus;
  • Prevenzione del sanguinamento dopo l'intervento chirurgico;
  • Durante la gravidanza e la prevenzione delle malattie ginecologiche;

L'analisi dell'emostasi comprende i seguenti studi:

  • tempo di protrombina con rapporto normalizzato internazionale - tempo di coagulazione.
  • tempo di tromboplastina parziale attivato - valutazione del tipo interno di coagulazione del sangue (consiste in tre fasi).
  • tempo di trombina - il periodo di trasformazione dell'enzima fibrinogeno in fibrina a causa dell'attivazione della trombina.
  • test del fibrinogeno nel sangue.

Successivamente, è necessario decrittografare il coagulogramma. Le parti più importanti di questa analisi sono considerate il tempo di protrombina e l'APTT. Mostrano l'attivazione lungo il percorso interno così come la coagulazione del sangue esterna. Se gli indicatori di tutte le parti elencate dell'analisi sono normali, non ci sono violazioni nella parte principale degli elementi del sistema di coagulazione.

Nel corso dell'analisi viene studiata l'attivazione delle reazioni di tutte le fasi dell'emostasi.

Con risultati positivi della diagnosi, è possibile trarre una conclusione sul normale funzionamento dell'intero sistema di coagulazione del sangue. Se, dopo aver completato il processo di studio degli indicatori di coagulazione, vengono rivelati dati sfavorevoli, è necessario identificare la causa del problema.

Perché dovresti vedere questo dottore regolarmente

L'emostasiologo aiuta non solo in materia di pianificazione familiare, ma anche a costruire una prevenzione competente di patologie e malattie. Le violazioni nel lavoro dell'emostasi possono portare a difficoltà di salute e conseguenze fatali..
Questo approccio previene l'insorgere di complicazioni. È necessario visitare un medico perché le patologie del sistema circolatorio possono causare disagio, con un impatto negativo sulla qualità della vita del paziente.

Data la scala di sviluppo raggiunta dall'emostasiologia, non è logico sopportare i problemi.

Tutto ciò che è richiesto al paziente nel contesto della situazione è cercare prontamente l'aiuto di un medico, seguire le sue istruzioni. Il trattamento sarà conservativo, senza il coinvolgimento di un chirurgo. Questa è la specificità del lavoro di uno specialista. Utilizzando terapie mirate alla causa del problema, l'emostasiologo aiuterà il paziente a ottenere risultati.

Non si dovrebbe perdere di vista il fatto che l'efficacia della terapia dipende da in quale fase dello sviluppo del problema una persona si rivolge ai medici. Più è trascurata la patologia e meno attenzione è stata prestata ad essa nelle fasi iniziali dello sviluppo, più difficile sarà liberarsene ora. In ogni caso, non dovresti disperare e sopportare uno stato di cose pericoloso.

Ricorda che nessun medico può aiutarti finché non lo desideri..

La prevenzione correttamente strutturata delle patologie del sistema circolatorio ti salverà dai problemi, migliorerà la qualità della vita, contribuirà a prolungarla, quindi, visitare un emostasiologo una volta ogni 6 mesi è un compito prioritario e importante.

Indicazioni

Questo studio per l'emostasi viene effettuato quando è possibile una perdita di sangue volumetrica, con alcune malattie specifiche.

I motivi principali per cui è richiesto un coagulogramma:

  • prima della chirurgia elettiva;
  • nel periodo postoperatorio;
  • vari problemi con le vene;
  • Problemi con il fegato, che è un organo che forma il sangue.
  • Dopo aver sofferto di ictus ischemico e cervello;
  • Con varie malattie ginecologiche e condizioni patologiche delle funzioni riproduttive del corpo femminile;
  • Per controllare l'emostasi durante il periodo di assunzione di vari farmaci che influenzano gli indicatori di coagulazione del sangue;
  • Con una malattia come la vasculite emorragica (distruzione dei vasi cutanei).
  • Durante la gravidanza;
  • Gravi malattie autoimmuni;
  • Dopo un attacco di cuore;
  • Trombosi venosa delle gambe.

Preparazione per la procedura

Un emostasiogramma in combinazione con altri test consente di ottenere non solo un quadro completo dello stato di coagulazione del sangue nel corpo di una donna incinta, ma anche informazioni sul lavoro degli organi interni più importanti.

Per questa analisi, la donna incinta dona il sangue da una vena (dal gomito). Non c'è niente di doloroso per una donna in questo processo..

Non è necessario prepararsi particolarmente per un hemostasiogram. L'unica condizione per un'analisi qualitativa è lo stomaco vuoto..

Questo campione viene solitamente prelevato al mattino e la sera prima l'ultimo pasto è consentito entro e non oltre 8 ore prima del test. È inoltre vietato utilizzare qualsiasi liquido prima dell'analisi, ad eccezione dell'acqua pura..

Alla vigilia di un coagulogramma, è necessario aderire a una dieta: escludere cibi grassi, fritti e alcol. Se una donna incinta sta assumendo farmaci, il medico deve esserne informato.

È particolarmente importante conoscere i farmaci presi meno di un giorno prima dell'analisi..

Questo viene segnalato all'assistente di laboratorio ed è inoltre indicato nel modulo di segnalazione.

Violazione

I disturbi dell'emostasi del sangue si basano su varie cause. Fondamentalmente, queste disfunzioni possono essere ridotte a un livello ridotto e ad un livello aumentato di coagulazione..

Tra loro:

  • La cogualopatia è una delle disfunzioni più comuni dei sistemi di coagulazione e anticoagulazione, che porta a un basso livello di coagulazione. È molto difficile eliminare la coagulopatia.
  • Sindrome tromboemorragica (il secondo nome di DIC è sindrome): la coagulazione è compromessa a causa della massiccia formazione di coaguli di sangue nei tessuti. È un disturbo generalizzato, cioè l'intero sistema circolatorio è compromesso. Negli organi e nel sistema nel suo insieme, la circolazione sanguigna fallisce, il che porta a cambiamenti distrofici. A volte scompare senza alcun sintomo.

La manifestazione di coaguli di sangue sulle gambe

  • Stato ipocoagulazione-emorragico - uno stato patologico di diminuzione della coagulazione del sangue, irto di frequenti sanguinamenti.
  • La tromboflibia è uno stato di coagulazione eccessiva inadeguata (coagulazione). Porta alla formazione di coaguli di sangue e successivamente a una diminuzione della circolazione sanguigna nei tessuti o negli organi.

Tutte queste patologie possono essere locali e generalizzate (cioè interessando l'intero sistema)

Il test APTT è considerato uno degli indicatori più informativi del coagulogramma, che consente di giudicare l'attività e la sufficienza dei fattori di coagulazione del plasma. Questo test è di particolare importanza per i pazienti prima dell'intervento chirurgico, durante la gravidanza, ecc.:

  • È sensibile alla carenza di quasi tutti i fattori plasmatici, ad eccezione di f. Vii.
  • Ti permette di scoprire le cause dell'aumento del sanguinamento o della trombosi.
  • Rileva il lupus anticoagulante.
  • Aiuta a stabilire le cause della patologia della gravidanza.
  • Analizza l'efficacia della terapia anticoagulante.
  • Rileva DIC e malattie del fegato.
  • Rileva inibitori della coagulazione specifici e non specifici.

Un aumento del risultato del test APTT può essere causato da:

  • Carenza di vitamina K o fattori di coagulazione.
  • Sindrome DIC.
  • Malattia del fegato, emofilia, lupus sistemico.
  • Assunzione di determinati farmaci.

Un valore APTT troppo basso avverte che il rischio di coaguli di sangue è aumentato. Il fumo riduce l'indicatore, è necessario sbarazzarsi di questa abitudine se l'analisi ha mostrato deviazioni. Normalmente, l'indicatore dovrebbe essere 35-45 secondi.

Ricerca genica

Un esame del sangue per le mutazioni nei geni dell'emostasi viene eseguito quando il test dell'emostasi non fornisce tutte le risposte riguardanti varie patologie della coagulazione del sangue in un paziente.

L'analisi della mutazione genica viene eseguita per le seguenti categorie di pazienti:

  • Donne che assumono contraccettivi ormonali;
  • Fumatori di età inferiore ai cinquant'anni.
  • Persone di età inferiore ai cinquant'anni affette da trombosi.
  • Prima di procedure chirurgiche relative al trapianto di organi;
  • Donne con problemi di fertilità;
  • Persone sottoposte a chemioterapia;
  • Prima degli interventi chirurgici legati alla ginecologia;
  • Persone che necessitano di terapia ormonale sostitutiva;
  • Prima dell'intervento di sostituzione articolare;
  • Persone i cui parenti hanno subito attacchi di cuore e ictus;

L'emostasi è la parte più importante del sistema vitale del corpo. Le prime ricerche aiuteranno a fornire un trattamento adeguato.

Emostasiogramma: indicatori di decodifica

Dopo l'analisi, il paziente, di regola, riceve un modulo sotto forma di tabella, che contiene i parametri rilevati durante lo studio. I risultati dovrebbero essere mostrati a uno specialista il prima possibile, perché può determinare ciò che indica l'emostasiogramma. Decifrare gli indicatori è una questione difficile, il paziente non può capire tutti i numeri da solo. I seguenti indicatori sono solitamente registrati nel modulo:

  • APTT - tempo di tromboplastina parziale parziale attivato - consente di valutare il lavoro del percorso di coagulazione del sangue interno.
  • Tempo di protrombina: questo indicatore consente di valutare la via esterna della coagulazione del sangue (questo è il tempo durante il quale il plasma inizia a coagulare quando vengono aggiunti fattori tissutali, protrombina e calcio; di regola, è di 15-17 s).
  • INR (rapporto internazionale normalizzato): durante lo studio, l'assistente di laboratorio confronta i processi di coagulazione del sangue del paziente con plasma speciale, i cui indicatori corrispondono agli standard internazionali.
  • Il livello di fibrinogeno, una proteina che, quando inizia il processo di coagulazione, si trasforma in fibrina (la sua concentrazione è di 2-4 g / l).
  • Tempo di trombina - il tempo necessario per la formazione di fibrina e fibrinogeno (normalmente - da 11 a 18 s).
  • Il numero di piastrine nel sangue (normalmente va da 150 a 400 mila cellule per 1 μl).
  • La presenza di D-dimero (questo indicatore non deve superare i 248 ng / mg).

Anemia

Con la sindrome dell'anemia o l'anemia, le analisi mostrano sempre una diminuzione del contenuto di emoglobina, una variazione dell'ematocrito, che riflette il rapporto tra il numero totale di corpuscoli e il volume del plasma sanguigno, e una diminuzione del numero di globuli rossi. Poiché il principale pigmento respiratorio, o l'emoglobina, trasporta ossigeno, il risultato della sindrome anemica è una violazione della respirazione dei tessuti e del trasporto dei gas respiratori. Pertanto, è proprio dalla concentrazione di emoglobina nel sangue del paziente che viene determinata non solo la presenza dell'anemia stessa, ma anche la sua gravità.


Secondo i moderni requisiti dell'OMS, la sindrome dell'anemia può essere esposta se la concentrazione di emoglobina nel sangue:

  • negli uomini, meno di 130 g / l;
  • nelle donne - meno di 120 g / l;
  • se parliamo di gravidanza, qui la barra è leggermente più bassa e nel terzo trimestre, dopo che tutti gli organi e i tessuti del feto sono già stati formati, 110 grammi di emoglobina per litro sono considerati il ​​confine per lo sviluppo dell'anemia.

Di per sé, l'anemia non è una diagnosi accurata e definitiva. Questa è una sindrome che può indicare non solo una malattia ematologica, ma anche parlare, ad esempio, di piccole ma frequenti perdite di sangue. Di conseguenza, un numero inferiore di eritrociti ed emoglobina circolerà nel corpo e l'analisi per la malattia del sangue anemica è solo l'inizio del processo diagnostico..

Esistono molte anemie diverse, ma la gravità è determinata dal livello di emoglobina. La vita minaccia la sua quantità inferiore a 65 g / l, l'anemia grave parte da 79 g / l, in media - da 99. L'anemia lieve varia dal limite inferiore della norma a 99 g / l, se parliamo di donne per le quali è inerente la perdita di sangue cronica con le mestruazioni per natura stessa.

L'anemia da carenza di ferro è comune, in cui l'esame del sangue determina una diminuzione dei livelli di ferritina sierica inferiore a 15 μg / L, che indica una carenza assoluta di ferro elementare. Le cause ei sintomi della malattia possono essere molto diversi. Lo specialista distingue i tipi di anemie in base alle dimensioni dei globuli rossi, al numero di globuli rossi immaturi o reticolociti e ad altri parametri del sangue.

Maggiori informazioni nell'articolo "Determinazione dell'anemia mediante analisi del sangue".


Articolo Successivo
Tutto sull'ictus sinistro: trattamento, recupero, conseguenze e quanto tempo vivono?