Fattore reumatoide in un esame del sangue


Un esame del sangue per il contenuto di fattore reumatoide è un test di laboratorio che viene utilizzato nella diagnosi di molte malattie autoimmuni e infettive.

Il fattore reumatoide (RF) è un gruppo di anticorpi che reagiscono come un antigene con le immunoglobuline G, che sono prodotte dal sistema immunitario. Il fattore reumatoide si forma a seguito di un'attività immunologica eccessivamente elevata delle plasmacellule nel tessuto articolare. Dalle articolazioni, gli anticorpi entrano nel flusso sanguigno, dove formano immunocomplessi con IgG, che danneggiano la membrana sinoviale delle articolazioni e le pareti dei vasi sanguigni, portando infine a gravi danni sistemici alle articolazioni. Perché sta succedendo? Si ritiene che in alcune malattie le cellule immunitarie scambino i tessuti del corpo per estranei, cioè antigeni, e inizino a secernere anticorpi per distruggerli, ma l'esatto meccanismo del processo autoimmune non è ancora ben compreso..

Occasionalmente (nel 2-3% degli adulti e nel 5-6% degli anziani), nelle persone sane si riscontra un aumento del fattore reumatoide nel sangue.

Tuttavia, la determinazione del fattore reumatoide in un esame del sangue consente di diagnosticare molte malattie nelle prime fasi. Un rinvio per lo studio del fattore reumatoide nel sangue viene solitamente fornito da un traumatologo, reumatologo o immunologo, poiché la malattia più comune diagnosticata con questo test è l'artrite reumatoide.

Metodi per determinare il fattore reumatoide in un esame del sangue

Esistono diverse tecniche di laboratorio per determinare il fattore reumatoide in un esame del sangue. Molto spesso vengono utilizzati metodi quantitativi per determinare la RF, ma per lo screening è possibile eseguire uno studio qualitativo: test del lattice.

Il test al lattice è un tipo di reazione di agglutinazione (adesione e precipitazione di particelle con antigeni e anticorpi adsorbiti su di esse), che si basa sulla capacità delle immunoglobuline del fattore reumatoide di reagire con le immunoglobuline di classe G. Per il test, viene utilizzato un reagente che contiene immunoglobulina G adsorbita sulle particelle lattice. La presenza di agglutinazione indica la presenza di fattore reumatoide nel siero del sangue (test qualitativo). Nonostante questo metodo di analisi sia più veloce ed economico di altri, è usato relativamente raramente, poiché non fornisce informazioni sulla quantità di fattore reumatoide nel sangue..

Un'altra tecnica che utilizza la reazione di agglutinazione è il test Waaler-Rose, in cui il fattore reumatoide nel siero del sangue reagisce con i globuli rossi di una pecora. Questo metodo è usato raramente oggi..

Per decifrare i risultati dell'analisi, è necessario tenere conto non solo dell'età, ma anche delle caratteristiche individuali dell'organismo, nonché del metodo di ricerca, pertanto solo un medico può interpretare i risultati e fare una diagnosi..

Più accurati e informativi sono la nefelometria e la turbidimetria, metodi che consentono di determinare non solo la presenza del fattore reumatoide nel siero del sangue, ma anche la sua concentrazione in diverse diluizioni (test quantitativo). L'essenza dei metodi è misurare l'intensità del flusso luminoso che passa attraverso il plasma sanguigno con particelle sospese. Alta torbidità significa alto contenuto di fattore reumatoide. Le norme dipendono dalle caratteristiche del test in un particolare laboratorio.

L'ELISA (saggio immunoassorbente legato all'enzima) più comunemente usato. Mostra non solo il livello del fattore reumatoide, ma anche il rapporto tra i tipi di immunoglobuline che sono inclusi in esso. Questo metodo è considerato il più accurato e informativo..

Esame del sangue per il fattore reumatoide: che cos'è?

Per testare il sangue per il fattore reumatoide, il sangue viene prelevato da una vena. Prima di donare il sangue, è necessario escludere l'assunzione di alcol, il fumo e l'attività fisica 12 ore prima dell'analisi. Durante questo periodo, non dovresti bere tè, caffè e bevande zuccherate, ma l'acqua pulita sarà utile. Si consiglia di interrompere l'assunzione di farmaci per un po '. Se ciò non è possibile, il medico dovrebbe essere informato sui farmaci che sono stati presi di recente. L'analisi viene eseguita a stomaco vuoto, si consiglia di riposare per 10-15 minuti prima di prelevare il sangue.

Di regola, la RF viene studiata in combinazione con altri due indicatori: CRP (proteina C-reattiva) e ASL-O (antistreptolisina-O). La determinazione di questi indicatori è chiamata test reumatoidi o test reumatici..

Un rinvio per lo studio del fattore reumatoide nel sangue viene solitamente fornito da un traumatologo, reumatologo o immunologo.

Oltre ai test reumatoidi, possono essere prescritti i seguenti studi aggiuntivi per la diagnosi di malattie sistemiche e altre patologie immunologiche:

  • un esame del sangue generale con una formula leucocitaria espansa - consente di identificare il processo infiammatorio nel corpo e i tumori del sistema ematopoietico;
  • ESR (velocità di sedimentazione degli eritrociti) - il suo aumento è anche un marker di infiammazione;
  • analisi del sangue biochimico - in particolare, il livello di acido urico, la quantità di proteine ​​totali e il rapporto tra le sue frazioni sono importanti;
  • analisi per anti-CCP (anticorpi contro il peptide citrolino ciclico) - consente di confermare la diagnosi di artrite reumatoide;
  • determinazione degli anticorpi contro gli organelli cellulari.

Tasso di fattore reumatoide

Normalmente, il fattore reumatoide nel sangue è assente o è determinato in una concentrazione molto bassa. Il limite superiore della norma è lo stesso per uomini e donne, ma varia con l'età:

  • bambini (meno di 12 anni) - fino a 12, 5 UI / ml;
  • 12-50 anni - fino a 14 IU / ml;
  • 50 anni e oltre - fino a 17 UI / ml.

Tuttavia, per decifrare i risultati dell'analisi, è necessario tenere conto non solo dell'età, ma anche delle caratteristiche individuali dell'organismo, nonché del metodo di ricerca, pertanto solo un medico può interpretare i risultati e fare una diagnosi..

RF elevata nell'analisi del sangue: cosa può significare?

Se lo studio ha dimostrato che il fattore reumatoide nell'analisi del sangue è aumentato, allora c'è motivo di ipotizzare patologie sistemiche (autoimmuni), cioè associate a danni al tessuto connettivo ea un processo infiammatorio cronico. Questi includono:

  • L'artrite reumatoide (RA) è una malattia del tessuto connettivo che colpisce principalmente le piccole articolazioni. La forma di RA in cui il fattore reumatoide aumenta nel siero del sangue è chiamata sieropositiva;
  • lupus eritematoso sistemico - una malattia in cui sono colpiti i vasi, che porta a eruzioni cutanee caratteristiche;
  • La spondilite anchilosante (spondilite anchilosante) è una malattia articolare autoimmune in cui la colonna vertebrale è maggiormente colpita. La malattia con un decorso prolungato porta alla deformità della colonna vertebrale e alla flessione;
  • sclerodermia sistemica - caratterizzata da danni alla pelle, ai vasi sanguigni, agli organi interni e al sistema muscolo-scheletrico;
  • la sarcoidosi è una malattia in cui i granulomi si formano in diversi organi (il più delle volte nei polmoni) - focolai del processo infiammatorio, che sembrano noduli densi e sono costituiti da cellule fagocitiche;
  • dermatomiosite (malattia di Wagner) - una patologia in cui sono colpiti la pelle, i vasi sanguigni, i muscoli scheletrici e lisci;
  • La sindrome di Sjogren è una malattia del tessuto connettivo in cui le ghiandole salivari e lacrimali sono le lesioni principali, che porta alla secchezza degli occhi e della bocca. La sindrome di Sjogren può manifestarsi principalmente o come complicanza di altre malattie, come l'artrite reumatoide.

Il fattore reumatoide si forma a seguito di un'attività immunologica eccessivamente elevata delle plasmacellule nel tessuto articolare.

Inoltre, un aumento del fattore reumatoide può essere un segno delle seguenti malattie:

  • la vasculite è una lesione vascolare generalizzata che può svilupparsi in molte patologie (malattia di Takayasu, malattia di Horton e altre);
  • l'endocardite settica è un'infezione batterica del rivestimento interno del cuore che copre le sue cavità e valvole. Può portare a insufficienza cardiaca e allo sviluppo di difetti cardiaci;
  • mononucleosi infettiva - una malattia causata dal virus di Epstein-Barr simile all'herpes. È acuto ed è accompagnato da febbre, danni agli organi interni e comparsa di cellule mononucleate atipiche nel sangue;
  • tubercolosi, lebbra (morbo di Hansen) - malattie infettive causate da micobatteri;
  • epatite virale nella fase attiva;
  • malaria, leishmaniosi, tripanosomiasi e altre malattie parassitarie;
  • malattie oncologiche - leucemia linfocitica cronica, macroglobulinemia di Waldenstrom e neoplasie maligne che metastatizzano nella membrana sinoviale delle articolazioni.

Occasionalmente (nel 2-3% degli adulti e nel 5-6% degli anziani), nelle persone sane si riscontra un aumento del fattore reumatoide nel sangue, ma nella maggior parte dei casi questo è un segno di grave patologia, quindi è motivo di urgente attenzione medica.

Esame del sangue per decodifica esami reumatici, tabella, tasso del fattore reumatoide

Quali malattie indica la presenza del fattore reumatoide?

Un esame del sangue è il metodo diagnostico più comune in medicina; può essere utilizzato per rilevare molte malattie diverse. Violazioni e malfunzionamenti nel corpo vengono spesso rilevati nella fase iniziale e questo è molto prezioso, perché nella maggior parte dei casi il successo del trattamento dipende da quando è stato iniziato.

Di norma, un reumatologo richiede tale analisi se si sospetta l'artrite reumatoide. Ma l'artrite è lungi dall'essere l'unica malattia di uomini, donne e bambini, in cui gli indicatori del fattore reumatico sono positivi. L'artrite reumatoide giovanile, ad esempio, non viene rilevata da un esame del sangue.

Artrite reumatoide

Con questa malattia, sono colpite le piccole articolazioni degli arti superiori e inferiori. Nelle donne, negli adolescenti, nei pazienti anziani si possono osservare diversi tipi e forme di malattia. Le ragioni del suo sviluppo possono essere determinate geneticamente, sebbene fino a poco tempo questa malattia fosse considerata una natura infettiva.

Un'analisi per l'artrite reumatoide, più precisamente per l'individuazione del fattore reumatoide, è efficace solo nelle fasi iniziali dello sviluppo della malattia. Se l'artrite è avanzata, i risultati sono spesso negativi. Un forte aumento del fattore P può indicare che il paziente sta sviluppando la cosiddetta sindrome di Felty..

Questa è una delle rare forme di artrite reumatoide. L'esordio della malattia è sempre acuto e rapido, spesso la patologia è accompagnata da leucopenia.

Importante: l'analisi per il fattore P non può servire come unica ragione per la diagnosi di artrite reumatoide

Altre malattie

Il fattore P nel sangue può anche indicare la presenza di formazioni maligne nel corpo umano o processi infiammatori, le cui cause sono infezioni virali e batteriche:

  • Influenza;
  • Tubercolosi;
  • Epatite acuta;
  • Sifilide;
  • Lebbra;
  • Mononucleosi infettiva;
  • Endocardite batterica.

Il danno agli organi interni può influenzare il fattore p nel sangue. Ad esempio, la fibrosi polmonare, la cirrosi epatica, la sarcoidosi, la pneumosclerosi contribuiscono ad un aumento del fattore reumatoide. La crioglobulinemia essenziale mista e l'epatite cronica attiva causano un aumento dei livelli di RF.

Se il corpo sviluppa il cancro in qualsiasi forma, gli indicatori del fattore reumatoide in qualsiasi fase saranno positivi. Un aumento di questo indicatore può essere rilevato durante la chemioterapia e la radioterapia. Con il linfoma si nota anche un fenomeno simile. Meno comunemente, la RF aumenta con la macroglobulinemia e il mieloma di Waldenstrom.

Se il paziente capisce perché questa o quell'analisi è necessaria, se sa quanti anticorpi dovrebbero essere nel sangue e cosa indica un aumento nel loro numero, si libera della maggior parte delle sue paure e si sente più sicuro quando viene esaminato da un medico.

In questo caso, la preparazione delle informazioni diventa allo stesso tempo morale, se il paziente è calmo e pronto ad assistere i medici, il trattamento procede con maggiore successo.

Condizioni accompagnate da un aumento del fattore reumatoide

Alti indicatori della Federazione Russa possono essere associati a un intero elenco di violazioni:

Il primo gruppo di patologie sono le malattie sistemiche del tessuto connettivo. Il loro altro nome è collagenosi. Le collagenosi includono:

  • Artrite reumatoide;
  • Reumatismi;
  • Sindrome di Sjogren;
  • Lupus eritematoso sistemico;
  • Sclerodermia;
  • Dermatomiosite;
  • Polimiosite;
  • La sindrome di Reiter.

Gruppo vasculite: vasculite sistemica, vasculite ipersensibilizzante.

Disturbi ematologici: crioglobulinemia mista, malattia di Waldenstrom, leucemia cronica.

I processi autoimmuni sistemici sono lenti, gravi. Le malattie sono caratterizzate da un decorso cronico, sono difficili da trattare. L'eziologia delle malattie poco chiara e non sufficientemente studiata è la ragione della difficoltà del loro trattamento. I medici non hanno la capacità di sradicare completamente la malattia, ma un ampio arsenale di metodi moderni consente di mantenere il processo patologico sotto controllo affidabile, prevenendo il progredire della malattia.

Processi infettivi e parassitari di varia origine. Questi includono:

  • salmonellosi;
  • brucellosi;
  • tubercolosi;
  • sifilide;
  • rosolia;
  • parotite;
  • influenza;
  • epatite cronica;
  • invasioni elmintiche;
  • borreliosi;
  • malaria.

L'infiammazione di natura infettiva è spesso accompagnata da un aumento del livello di RF. Ciò è dovuto alla produzione attiva di anticorpi da parte del corpo contro proteine ​​virali estranee. Le infezioni con decorso acuto (influenza, rosolia) sono caratterizzate da valori più elevati del fattore reumatoide; nelle infezioni croniche (tubercolosi, sifilide), il livello di RF è solitamente inferiore.

Altri motivi per l'aumento della RF:

  • Malattie polmonari (sarcoidosi, silicosi, asbestosi, fibrosi interstiziale);
  • Tumori (cancro del retto)
  • Cirrosi biliare primitiva.

Cosa fare se la RF è aumentata

Sono necessarie ulteriori ricerche per scoprire la vera causa dell'aumento del fattore reumatoide..

Per confermare o escludere l'artrite reumatoide, è necessario donare il sangue per:
- Emocromo completo con conta leucocitaria

- AAT - anticorpi antiphilaggrin
- AKA - anticorpi anti-cheratina
- Fattore antiperinucleare

- ACCP - anticorpi contro il peptide citrullina ciclico (più accurato del marker RF per l'artrite reumatoide)

- A-MCV - anticorpi contro la vimentina citrullinata modificata

Per valutare la gravità del processo infiammatorio con (RF +), il sangue deve essere donato per i marker di infiammazione:
- ESR
- SRB

Leggi di più:
ESR: la norma nel sangue nelle donne, le ragioni dell'aumento
Proteina C reattiva elevata: cause, norma

Altri test reumatologici:
- ASL-O (antistreptolysin-O)
- ANF (fattore antinucleare)
- Proteine ​​(proteinogramma)
- CEC (immunocomplessi circolanti)

Ricordiamo che la RF aumenta in un numero di malattie non reumatiche. I più comuni: tiroidite autoimmune (infiammazione della ghiandola tiroidea), epatite cronica.
Pertanto, i pazienti con RF +, in casi dubbi, dovrebbero essere sottoposti a:
- ecografia della tiroide,
- ecografia del fegato;
- analisi del sangue per gli ormoni tiroidei;
- analisi del sangue per ALT e AST, GGTP, ALP
- analisi del sangue per i marker di epatite virale B e C

Aumento della RF nel sangue nelle donne

Nelle donne, le malattie reumatiche si verificano 3 volte più spesso che negli uomini. Pertanto, devono prima di tutto escludere la patologia autoimmune ed essere esaminati da un reumatologo ed endocrinologo.

Malattie ginecologiche infiammatorie croniche come l'endometriosi, annessite possono essere una causa frequente di un aumento lieve o moderato della RF nelle donne, inferiore a 50 UI / ml..

Aumento della RF nel sangue negli uomini

Con un moderato aumento del fattore reumatico in un uomo, è importante escludere malattie del fegato (donare il sangue per gli esami del fegato), infezioni urogenitali croniche, malattie polmonari, oncologia (in particolare macroglobulinemia di Waldenstrom, cancro del colon)

Aumento della RF nel sangue di un bambino

Purtroppo, anche i bambini soffrono di malattie reumatiche. Tuttavia, l'artrite reumatoide giovanile (infantile) nella stragrande maggioranza dei casi procede senza un aumento del fattore reumatico (RF + viene rilevato in meno del 15-20% dei bambini con ARG).

Le cause più comuni di aumento del fattore reumatoide in un bambino

- elmintiasi (invasioni elmintiche),
- infezioni virali e batteriche,
- tonsillite cronica scompensata
- rosolia (agente eziologico: virus della rosolia)
- mononucleosi infettiva (agente eziologico: virus di Epstein-Barr, EBV)
- citomegalia dei neonati (agente eziologico: citomegalovirus, CMV - virus herpes simplex di tipo 5)
- condizione temporanea dopo la vaccinazione (vaccinazione)

Per prevenire lo sviluppo di malattie reumatiche del tessuto connettivo in un bambino sullo sfondo di malattie parassitarie o infiammazione delle tonsille palatine, è utile ottenere consigli e cure da un parassitologo, gastroenterologo pediatrico e medico ORL.

Leggi di più:
Tonsillite cronica: sintomi, cause, trattamento, prevenzione

Come abbassare il contenuto di RF nel sangue?
Ho bisogno di farlo?

Ovviamente, per ridurre la concentrazione del fattore reumatoide, è necessario trattare la malattia sottostante (infezione cronica, infiammatoria, processo autoimmune, ecc.) Un trattamento efficace porta alla normalizzazione della RF.

I farmaci relativamente sicuri per ridurre la RF sono i FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei, è necessario un consiglio medico).

Le forme gravi di RA e altre malattie autoimmuni sono trattate con ormoni, corticosteroidi e farmaci antitumorali (metotrexato, ecc.) Questi farmaci sopprimono il sistema immunitario e riducono rapidamente i livelli di RF. Ma prenderli è associato a effetti collaterali molto gravi e pericolosi per la salute. Pertanto, viene eseguito rigorosamente come indicato e sotto la supervisione del medico curante.

I soliti principi di una vita sana aiuteranno a ridurre un piccolo aumento di RF:

  • Alimentazione razionale, rifiuto di cibi fritti e affumicati, forte restrizione del sale da cucina
  • Normalizzazione del peso corporeo
  • Smettere di fumare
  • Evitare l'alcol
  • Attività fisica regolare, allenamento sportivo moderato, terapia fisica
  • Indurimento
  • Gestione dello stress, una visione positiva della vita

Definizione del concetto di fattore reumatoide

Analisi del sangue per il fattore reumatoide

Sotto il fattore reumatoide si intende la presenza nel flusso sanguigno di un certo gruppo di anticorpi formati durante l'attività del sistema immunitario. Questo gruppo di anticorpi inizia a essere prodotto in un paziente solo dopo l'infezione con determinate malattie. Gli anticorpi reumatoidi agiscono contro l'attività degli anticorpi immunoglobulinici appartenenti al gruppo G..

Una definizione più dettagliata del concetto di fattore reumatoide indica un certo gruppo di autoanticorpi speciali appartenenti a determinate classi. Questi anticorpi si formano come risultato dell'attività delle cellule della struttura plasmatica che fanno parte della struttura strutturale della membrana sinoviale situata nell'articolazione. Quando il fattore reumatoide entra nel flusso sanguigno dalla membrana sinoviale, questo fattore interagisce con un gruppo di anticorpi correlati agli anticorpi immunoglobulinici G. Nel corso di tale interazione, è possibile ottenere un composto immunitario, che è un'unione di anticorpi patologici e sani. Questo composto immunitario penetra nel flusso sanguigno, contribuisce alla distruzione delle articolazioni umane e delle pareti dei suoi vasi sanguigni. In altre parole, il composto immunitario risultante è piuttosto pericoloso per una persona, poiché può danneggiare i suoi organi.

Nella maggior parte dei casi, il fattore reumatoide è sotto forma di immunoglobuline appartenenti alla classe M. Non appena questo fattore si forma nel corpo, gli elementi strutturali dell'articolazione iniziano a degradarsi lentamente.

Questa malattia comporta un tipo di infiammazione autoimmune che colpisce la regione articolare. Oltre a lui, il fattore della presenza reumatoide si trova nelle persone affette da sindrome di Sjogren, malattie del fegato e patologie autoimmuni. Autoimmuni sono le lesioni del corpo umano, quando l'immunità disponibile in esso inizia a combattere attivamente contro le cellule sane del corpo.

Questo è abbastanza pericoloso e ha conseguenze irreversibili e imprevedibili. La persona può anche avere bassi livelli di fattore reumatoide nel sangue. Ciò accade quando il corpo è colpito da infezioni o dallo sviluppo di tumori al suo interno. Dopo che queste patologie sono state sconfitte, la concentrazione del fattore reumatoide ritorna al suo valore normale..

Risultato migliore

Un aumento della RF non richiede un trattamento specifico, poiché questo è solo un indicatore dell'attività della malattia. Se, sulla base della storia raccolta, dei sintomi specifici e delle tecniche diagnostiche aggiuntive, è stata confermata la diagnosi di artrite reumatoide, è necessario trattare questa particolare patologia.

Come trattare? La terapia di base per l'artrite reumatoide comprende l'assunzione di farmaci antinfiammatori e citostatici, che possono ridurre significativamente la progressione del processo patologico e rimuovere i sintomi di disturbo. Nella maggior parte dei casi, ai pazienti con artrite reumatoide viene prescritto uno dei tre farmaci all'inizio del trattamento:

  • Il metotrexato è un farmaco citostatico che sopprime l'attività autoimmune. Il dosaggio viene selezionato individualmente, a seconda della gravità del processo patologico. Le raccomandazioni per il trattamento dell'artrite reumatoide indicano che la dose settimanale non deve superare i 25 mg. A poco a poco, il dosaggio viene aumentato di 2,5 mg ogni mese, fino al raggiungimento di un effetto clinico persistente o fino alla comparsa di intolleranza al farmaco. Se, durante l'assunzione delle compresse di metotrexato, il paziente presenta disturbi dispeptici, il farmaco può essere prescritto in una forma iniettabile. Methotrextat può essere combinato con altri farmaci non correlati all'artrite reumatoide. Ad esempio, l'assunzione di Eutirox con il trattamento di base non è affatto controindicata..
  • Leflunomide: il regime terapeutico standard prevede la nomina di 100 mg del farmaco in forma orale per 3 giorni (dose di carico) e quindi di 20 mg al giorno. Con scarsa tolleranza, vecchiaia o insufficienza epatica, possono iniziare con 20 mg. Leflunomide è efficace quanto il metotrexato. È stato inoltre dimostrato che nelle prime fasi dello sviluppo dell'artrite reumatoide la leflunomide ha un effetto più benefico sul decorso della malattia. Il costo del farmaco è piuttosto elevato, ma i pazienti possono richiedere l'assistenza del governo su base preferenziale al momento dell'acquisto del farmaco.
  • Sulfasalazina. Durante gli studi clinici, ha mostrato un'efficacia simile con altri farmaci di base, tuttavia, la pratica ha dimostrato che la sulfasalazina è utilizzata al meglio con un'attività della malattia da bassa a moderata.

risultati

La misurazione di laboratorio della dose di una proteina che provoca la malattia viene effettuata in una delle due unità: ME / ml o U / ml (unità internazionale o unità di azione).

L'analisi per il fattore reumatoide è differenziata in base al grado di aumento in 4 gruppi:

  • Norma fattore reumatico: da 0 a 14 UI / ml oa 10 U / ml.
  • Supera leggermente la norma: 25-50 UI / ml e per U / ml un gradino è di 10-20 valori inferiore.
  • Il fattore reumatico è aumentato: 50-100 ME / ml, passo U / ml 30-40.
  • Superato sensibilmente: più del risultato precedente.

Il fattore reumatoide è la norma nelle donne in età di prepensionamento e di pensionamento in quasi il 90% dei casi escluse a priori. Anche gli uomini soffrono di malattie del sistema immunitario, ma molto meno spesso viene registrato in laboratorio e molto probabilmente a causa dell'aspettativa di vita più breve.

Tuttavia, va notato che per i pazienti in età è caratteristico anche un falso aumento del fattore reumatoide. E questo non sempre garantisce la presenza di malattie autoimmuni. Sono necessari ulteriori studi (raggi X, ultrasuoni) per questa categoria di pazienti.

Anche il fattore reumatoide, la norma nei bambini con artrite reumatoide giovanile, è considerato un indicatore falso, sebbene illogico.

Sebbene la norma del fattore reumatoide consenta un certo numero di unità di fattore reumato, un corpo assolutamente sano non dovrebbe averle in linea di principio. Ma in presenza di un piccolo numero di tali proteine, la cosa principale è un esame regolare e il controllo della tua salute..

Le primissime manifestazioni dolorose nelle articolazioni dovrebbero allertare e determinare uno studio ripetuto, o meglio complesso (utilizzando altre analisi).

Va notato che l'aumento del fattore reumatoide può essere falso anche nelle persone sane. È difficile spiegarlo anche dagli stessi scienziati. Molto probabilmente influenzato dall'ambiente esterno, dallo stress.

Ad esempio, il tasso di fattore reumatoide nel sangue delle donne che hanno appena partorito non può essere calcolato da parametri generali. Il suo leggero aumento è lo standard in queste situazioni..

In alcuni casi, si osservano sintomi di artrite reumatoide o altre malattie immunitarie, ma non vi è alcun aumento del valore del fattore reumatoide.

Questo spiega diversi possibili motivi:

  • miglioramento temporaneo delle condizioni del paziente;
  • mutazione di anticorpi sotto l'influenza di infezioni virali;
  • lo sviluppo di anticorpi efficaci contro il virus;
  • componente allergico;
  • infiammazione (porta ad un aumento della proteina P-reattiva).

Pertanto, un'analisi per il fattore reumatoide, che mostra una completa assenza o un aumento significativo della quantità di una specifica proteina, non dovrebbe essere percepita come un fatto confermato in modo inequivocabile della presenza o dell'assenza di una malattia autoimmune..

Questo è uno dei principali, ma non l'unico test di laboratorio che deve essere eseguito da persone a rischio (tenere conto dell'età, della predisposizione genetica o della presenza di sintomi). https://www.youtube.com/embed/pewsQu1XDX0

I risultati dello studio devono essere confermati da una serie di altri test aggiuntivi. Più informazioni nella storia del paziente, più accurata sarà la diagnosi e, di conseguenza, la selezione di un metodo efficace per combattere la malattia.

Se si verifica la malattia, è necessario consultare immediatamente un medico e seguire tutte le sue raccomandazioni.

Il trattamento tempestivo è la chiave per la massima sospensione possibile dello sviluppo di fattori distruttivi nel corpo, riducendo il dolore e aumentando l'aspettativa di vita del paziente.

Visualizzazioni post: 1441

Cosa devi sapere sulla RF

Di solito, al paziente può essere assegnato un rinvio per analizzare il livello di fattore reumatoide nel sangue:

  • reumatologo;
  • terapista;
  • traumatologo.

Cos'è il fattore reumatoide? Non tutti si sono imbattuti in una situazione del genere e pochi sanno perché e in quali casi questa analisi è necessaria. Il suo vantaggio sta nel fatto che, dopo la decodifica, il medico può identificare con precisione alcune malattie nelle prime fasi del loro sviluppo, in modo da poter fare la diagnosi corretta e iniziare a trattare il paziente in modo tempestivo..

Quando le persone parlano di fattore reumatoide, intendono autoanticorpi, che sono i precursori di molte malattie nel corpo umano. Sono anche chiamati autoanticorpi aggressivi. A causa di vari motivi causati da malfunzionamenti di organi e sistemi, iniziano ad attaccare erroneamente i tessuti del corpo umano, considerandoli alieni. Una tale strana trasformazione degli autoanticorpi è il risultato dell'azione non solo di virus e batteri, ma anche di altri agenti..

Si pensava che il fattore reumatoide fosse un collegamento concomitante nelle malattie articolari (artrite reumatoide o reumatoide, per esempio). Di solito, il problema con la condizione delle articolazioni inizia con un processo infiammatorio che si verifica nella membrana sinoviale, o sinovite, che successivamente si diffonde alla cartilagine e alle ossa, con un effetto distruttivo su di esse. Le cellule della membrana sinoviale iniziano a produrre immunoglobuline di classe G. Il sistema immunitario la vede come un nemico e reagisce di conseguenza.

Inizia il processo di produzione di anticorpi contro di esso, che sono chiamati fattore reumatoide e vengono prodotti:

  • cellule della membrana sinoviale;
  • milza;
  • linfonodi;
  • midollo osseo.

Il fattore reumatoide si trova nell'80% delle persone a cui viene diagnosticata l'artrite reumatoide. All'inizio dello sviluppo della patologia, gli anticorpi vengono prodotti solo nell'articolazione malata, ma poi, con il progredire della malattia, vengono prodotti nelle aree di cui sopra..

Allo stadio attuale dello sviluppo della medicina, è stato dimostrato che gli autoanticorpi delle articolazioni entrano nel flusso sanguigno, da dove penetrano in vari organi e sistemi e distruggono le pareti vascolari. Di conseguenza, le malattie iniziano a svilupparsi in molti organi. Ecco perché non è solo un reumatologo a dare indicazioni per l'analisi.

Risultato negativo

Il fattore reumatoide non è un indicatore affidabile della presenza o dell'assenza di artrite reumatoide. Cosa significa? Ciò significa che la sola presenza di RF non è sufficiente a confermare la diagnosi, perché nel 20% dei pazienti il ​​fattore reumatoide non viene nemmeno rilevato nel sangue. Inoltre, un risultato negativo può essere dovuto alla mancata osservanza di alcune raccomandazioni durante il prelievo di sangue:

  • Non è possibile iniziare il trattamento con l'uso di farmaci di base prima del test;
  • È vietato mangiare cibo 8-12 ore prima della donazione del sangue;
  • Non consumare bevande alcoliche, farmaci ormonali e antinfiammatori 24 ore prima del prelievo di sangue.

Anche una serie di fattori aggiuntivi possono influenzare il risultato:

  • La qualità dell'attrezzatura utilizzata;
  • Fattore umano, errori dei tecnici di laboratorio;
  • Età del paziente.

Nella vecchiaia, la possibilità di ottenere un risultato inaffidabile durante il test aumenta, quindi questo punto deve essere preso in considerazione. È necessario eseguire diversi test aggiuntivi per assicurarsi che non vi siano prove di artrite reumatoide.

  • Emocromo completo per determinare la VES;
  • Analisi del sangue biochimica per rilevare la proteina C reattiva (CRP);
  • Analisi per la determinazione degli anticorpi anticitrullina.
  • Un esame del sangue per rilevare specifici anticorpi antinucleari.

Inoltre, l'esame radiografico svolge un importante ruolo diagnostico nel confermare la diagnosi di artrite reumatoide. Segni speciali, espressi sotto forma di deformazione, osteoporosi, compattazione dei tessuti periarticolari e distruzione dei componenti articolari indicano il probabile sviluppo di questa patologia..

Nonostante tutte le moderne tecniche diagnostiche, che includono sia test di laboratorio che studi strumentali, il quadro clinico della malattia è del massimo valore. I pazienti con artrite reumatoide sono caratterizzati dai seguenti reclami:

  1. Iniziare il dolore al mattino. Dopo aver dormito, durante i movimenti sorgono sensazioni dolorose alle articolazioni, che gradualmente si attenuano durante il giorno. Negli stadi gravi della malattia, quando si sono sviluppate gravi deformazioni e distruzione delle componenti articolari, il dolore persiste per tutto il giorno.
  2. Gonfiore nell'articolazione colpita. Durante i processi infiammatori che si sviluppano a seguito di un attacco autoimmune, l'articolazione interessata sarà visivamente ingrandita e gonfia. C'è anche un aumento della temperatura rispetto ad altre parti del corpo..

Tutto quanto sopra ci permette di accertarci che il fattore reumatoide non sia indicatore al cento per cento della presenza di artrite reumatoide, quindi un risultato negativo nell'analisi non garantisce l'assenza di malattia.

Risultato positivo

Lo studio del fattore reumatoide non può essere l'unico metodo diagnostico e richiede misure diagnostiche aggiuntive.

In quasi l'80% dei casi, un aumento dell'AR indica la presenza di artrite reumatoide..

Inoltre, i valori aumentati possono essere un segno di:

  • malattie autoimmuni (vasculite, lupus);
  • rosolia;
  • spondilite anchilosante;
  • La sindrome di Raynaud;
  • salmonellosi;
  • brucellosi;
  • silicosi polmonare;
  • gotta;
  • tromboflebite settica;
  • pericardite;
  • tumori oncologici;
  • Epatite virale;
  • sifilide;
  • tubercolosi;
  • sindrome di Sjogren.

Inoltre, si può osservare un leggero aumento con l'influenza e dopo l'assunzione di ormoni e anticonvulsivanti..

Non in tutti i casi il fattore reumatoide determina la diagnosi. La natura della RF non è completamente compresa, ogni 4 analisi dà un risultato falso positivo. Risultati falsi positivi possono essere causati da:

  • reazione allergica;
  • un aumento della quantità di anticorpi contro una proteina virale;
  • il processo di mutazione degli anticorpi dovuto all'esposizione ai virus.

Per quanto riguarda l'artrite reumatoide, ha due tipi di corso: sieropositivi e sieronegativi.

Con un decorso sieropositivo della RF nel sangue, i valori sono molto più alti dei valori normali. Nella forma sieronegativa, il fattore reumatoide è assente, tuttavia il paziente ha tutti i segni della malattia. Questo è osservato nel 25% dei pazienti con AR..

Inoltre, un risultato negativo potrebbe essere all'inizio del decorso della malattia. Pertanto, una seconda analisi è necessaria dopo 6-10 mesi in modo che le plasmacellule che sintetizzano gli anticorpi vengano rinnovate..

L'analisi per l'AR non deve essere utilizzata come valutazione dell'efficacia del trattamento dell'artrite reumatoide. L'assunzione di farmaci distorce la vera immagine di ciò che sta accadendo e può dare false speranze di guarigione. Per confermare o negare la diagnosi, devono essere eseguiti diversi test per la RF, nonché altri metodi diagnostici.

Il fattore reumatico ridotto (meno di 12 U / ml) indica l'assenza di malattie solo in assenza di altri sintomi della malattia.

Tassi di fattore reumatoide

Il tasso di fattore reumatoide nel sangue nelle donne e negli uomini è lo stesso. Idealmente, il fattore reumatoide nel sangue di una persona sana non dovrebbe essere affatto, ma poiché tutti sono esposti a influenze esterne avverse, si è deciso di evidenziare il valore ammissibile al quale una persona non ha cambiamenti patologici e il rischio che si verifichino. Secondo gli standard internazionali, l'indicatore è considerato negativo con un volume fino a 25 UI / ml di sangue. I seguenti indicatori sono considerati risultati positivi:

  • leggermente aumentato - da 25 UI / ml a 50 UI / ml;
  • significativamente aumentato - da 50 UI / ml a 100 UI / ml;
  • fortemente aumentato - oltre 100 UI / ml.

Solo un fattore reumatoide positivo significativamente e fortemente elevato è riconosciuto come prezioso dal punto di vista diagnostico..

Risultato positivo per il fattore reumatoide

Dopo aver ricevuto un'analisi positiva per il fattore reumatoide, il medico può, sulla base di essa, in combinazione con altri studi, fare una diagnosi con la massima precisione. Un risultato positivo si verifica nell'80% dei pazienti con artrite reumatoide. Nel restante 20%, il sangue non mostra il fattore reumatoide durante l'analisi, che è associato alle caratteristiche del corpo e al decorso più grave della malattia. All'inizio della malattia, l'indicatore del fattore aumenta circa 2 settimane prima che compaiano i primi sintomi..

Con la sindrome di Sjogren, un risultato positivo del test è determinato nel 100% dei pazienti.

Con l'artrite reumatoide giovanile di età inferiore ai 5 anni, un fattore reumatoide aumentato è presente nel 20% dei pazienti e dopo 10 anni - solo nel 5% dei bambini.

In alcuni casi, le ragioni per le quali sono ancora un mistero per i medici (criptogeniche o idiopatiche), si osserva un aumento del fattore reumatoide in persone perfettamente sane e scompare spontaneamente come è apparso. Ci sono casi frequenti in cui il fattore reumatoide è più alto del normale nelle donne dopo il parto e rimane a un livello significativo per 6 mesi, per poi normalizzarsi da solo.

A volte si nota una reazione falsa positiva in presenza di una reazione allergica, cambiamenti mutazionali negli anticorpi sotto l'influenza di una lesione virale trasferita di recente e infiammazione recente.

Anche l'età del paziente può influire sui risultati del test. Non è raro che le persone di età superiore ai 65 anni trovino il fattore reumatoide che porta a risultati falsi positivi..

A volte, se il paziente non segue le istruzioni fornite dal medico su come prepararsi per l'analisi, questo può sconvolgere il quadro reale, e non solo per quanto riguarda l'indice reumatoide, ma anche l'intera biochimica. Pertanto, le analisi, anche le più accurate, potrebbero non dare sempre il risultato corretto..

Se ci sono sintomi della malattia, ma il fattore reumatoide è normale

Quando, in presenza di alcuni sintomi della malattia, il paziente viene sottoposto a un esame del sangue biochimico e, in base ai suoi risultati, il fattore reumatoide è normale, la malattia non può essere esclusa. In questa situazione, potrebbero esserci 2 opzioni. Nel primo, a causa delle caratteristiche del corpo, il quadro sanguigno rimane normale, nonostante lo sviluppo della malattia. Il secondo motivo è lo stato nervoso del paziente, quando lui, non avendo malattia, ne avverte chiaramente i sintomi ed è fiducioso nelle sue gravi condizioni, che in alcuni casi possono disinformare il medico. Secondo le statistiche, la prima opzione avviene ancora più spesso..

In entrambi i casi vengono effettuati ulteriori esami che aiutano a determinare con precisione le condizioni del paziente. Abbastanza spesso viene prescritta un'analisi ripetuta per il fattore reumatoide, poiché non è raro che venga rilevato durante ripetuti esami del sangue, anche se in piccola quantità..

Fattore reumatoide in un esame del sangue

7 minuti Autore: Lyubov Dobretsova 1180

  • Cos'è il fattore reumatoide
  • Indicazioni per l'analisi
  • Modi di condurre
  • Tasso dell'indicatore
  • Preparazione per l'analisi
  • Motivi per aumentare la RF
  • Analisi di decodifica
  • Conclusione
  • Video collegati

Quando prescrive un'analisi per il fattore reumatoide, la maggior parte dei pazienti crede erroneamente che il test sia associato alla diagnosi di malattie articolari come artrite o artrosi.

In effetti, il test può rivelare cambiamenti distruttivi nelle articolazioni, ma consente anche di rilevare alcune malattie sistemiche e autoimmuni. Quando si rilascia un rinvio per il test, una persona dovrebbe sapere quale fattore reumatoide è in un esame del sangue e perché appare.

Cos'è il fattore reumatoide

Un indicatore come il fattore reumatoide (RF) appartiene alla categoria degli autoanticorpi. Queste particelle microscopiche si formano nelle articolazioni e nel tessuto connettivo in presenza di un processo infiammatorio nel corpo o in presenza di malattie autoimmuni..

La loro formazione avviene secondo il seguente algoritmo:

  • salire sui tessuti connettivi, i microrganismi patogeni causano lo sviluppo del processo infiammatorio e successivi cambiamenti nella struttura delle cellule;
  • l'immunità umana percepisce le cellule modificate come estranee e inizia a produrre attivamente anticorpi contro l'immunoglobulina M;
  • entrando nel flusso sanguigno, i complessi autoimmuni iniziano ad attaccare e distruggere rapidamente altre immunoglobuline.

Come risultato di questi processi, si sviluppano gravi patologie. Gli esperti avvertono che gli autoantigeni che attaccano i propri anticorpi sono estremamente pericolosi e possono causare cambiamenti irreversibili. Un aumento del fattore reumatoide nel sangue porta ai seguenti disturbi:

  • danno e distruzione della membrana sinoviale delle articolazioni;
  • sviluppo del processo infiammatorio;
  • assottigliamento e danneggiamento di piccoli capillari e vasi sanguigni.

Con un aumento della RF, il paziente inizia a provare forti dolori alle articolazioni. Per identificare cosa ha causato la patologia e prescrivere un regime di trattamento adeguato, è necessario testare il sangue per il fattore reumatoide, che aiuterà a identificare la sua concentrazione.

Indicazioni per l'analisi

Dopo aver capito cosa mostra il fattore reumatoide, diventa ovvio che nell'analisi biochimica la concentrazione di immunoglobuline IgM viene controllata non solo con sospetto di patologie articolari. Altre indicazioni per il test sono:

  • la presenza di sintomi che indicano lo sviluppo di artrite reumatoide (arrossamento delle articolazioni, dolore durante la flessione e l'estensione, forte gonfiore, sensazione di rigidità al mattino);
  • valutazione dell'efficacia del regime di trattamento prescritto per l'artrite reumatoide;
  • sospetto di patologia del tessuto connettivo;
  • sospetto della presenza di malattie cardiovascolari come endocardite reumatica e pericardite;
  • la comparsa di segni della sindrome di Sjogren. Con questa malattia, i tessuti connettivi sono colpiti. In assenza di trattamento, la sindrome si trasforma rapidamente in una forma cronica, dopo di che inizia la sconfitta di varie ghiandole;
  • diagnosi di malattie autoimmuni.

Oltre alle patologie ossee, articolari e autoimmuni, è possibile prescrivere test per la diagnosi delle seguenti malattie:

  • sifilide;
  • tubercolosi polmonare;
  • cirrosi epatica;
  • sarcoidosi dei polmoni;
  • lupus eritematoso sistemico.

Un esame del sangue per il fattore reumatoide non viene quasi mai eseguito come test indipendente. Molto spesso, viene prescritto insieme a un esame generale del sangue e delle urine, studio biochimico e ESR (velocità di sedimentazione degli eritrociti). Se necessario, al paziente possono essere assegnati altri test aggiuntivi..

Modi di condurre

Un esame del sangue per l'artrite reumatoide e altre malattie può determinare la concentrazione di autoanticorpi. L'implementazione della procedura è possibile utilizzando una delle seguenti tecniche:

  • test del lattice. Il test viene eseguito utilizzando una speciale striscia di lattice su cui vengono applicate le immunoglobuline umane, miscelate con gli anticorpi presenti nel plasma del paziente. La procedura non richiede più di 10 minuti e la precisione è di circa il 75%. Lo svantaggio di questo metodo è che non consente di calcolare il numero esatto di anticorpi. Questa tecnica viene solitamente eseguita solo come test rapido;
  • analisi con il metodo Waaler-Rose. Il test viene eseguito mescolando il sangue del paziente con un reagente speciale. Lo studio richiede molto tempo, ma consente di identificare il numero esatto di complessi autoimmuni;
  • test nefelometrici e turbidimetrici. Utilizzando queste tecniche, è possibile determinare il numero esatto di complessi autoimmuni. Lo svantaggio del test è che sovrastima leggermente i dati ottenuti;
  • ELISA. Un test immunoassorbente legato all'enzima (ELISA) è il metodo di test più affidabile e accurato che consente di determinare la quantità di anticorpi contro l'immunoglobulina di tipo M. Il vantaggio del test è che il medico può non solo determinare l'aumento del componente, ma anche identificare cosa ha causato esattamente lo sviluppo del processo patologico.

Tasso dell'indicatore

Il tasso del fattore reumatoide è lo stesso nelle donne e negli uomini e varia da 0 a 14 UI / ml, dove le UI sono unità internazionali. La maggior parte dei laboratori moderni, quando rilascia un modulo con i risultati, indica la concentrazione del componente in UI. Ma in alcune cliniche è ancora misurato in U / ml, cioè in unità di azione.

  • la concentrazione ideale del fattore reumatoide nel sangue è compresa tra 0 e 10 U / ml;
  • viene diagnosticato un aumento della componente se l'analisi ha mostrato un valore compreso tra 25 e 50 IU / ml;
  • se il valore del fattore reumatoide supera 50 UI / ml, questo indica la presenza di un processo patologico e richiede una diagnosi completa.

La maggior parte degli esperti consiglia test aggiuntivi se l'indicatore supera la velocità consentita di 10 UI / ml.

Preparazione per l'analisi

Se al paziente viene assegnato un esame del sangue per la RF, è meglio eseguire il test con ELISA, poiché il metodo è più moderno e accurato (il più delle volte viene eseguito in cliniche private). Ma affinché lo studio mostri un risultato affidabile, è necessario prepararsi adeguatamente..

Il medico dovrebbe dire al paziente quali regole devono essere seguite prima di assumere biomateriale. Di solito, la preparazione implica l'osservanza delle seguenti regole. Il giorno prima della procedura, dovresti astenervi dal consumare cibi grassi, piccanti e fritti. E anche le bevande dolci e le bevande alcoliche sono vietate..

Si consiglia di smettere di fumare 3 giorni prima del test ed è vietato assumere farmaci 3 giorni prima della procedura. Quanto tempo ci vorrà per decifrare l'analisi dipende dal tipo di laboratorio, ma molto spesso i risultati sono pronti il ​​giorno successivo.

Motivi per aumentare la RF

È impossibile dire esattamente cosa mostra l'aumento della RF senza ulteriori studi di laboratorio e strumentali. Ciò è dovuto al fatto che vari motivi possono provocare la formazione di complessi autoimmuni: patologie autoimmuni, infettive, vascolari.

Molto spesso, si osserva un aumento del fattore reumatoide sullo sfondo di tali disturbi:

  • lo sviluppo dell'artrite reumatoide (diagnosticata nel 70% dei casi in pazienti con aumento della RF);
  • processi infiammatori nei tessuti connettivi;
  • sclerodermia sistemica (danno complesso al tessuto connettivo e agli organi interni);
  • malattie dei polmoni, del fegato e dei reni, che sono di natura infiammatoria;
  • sarcaidosi, silicosi, antracosi;
  • malattie infettive gravi, come la malaria o la tubercolosi;
  • neoplasie maligne del midollo osseo.

Se il fattore reumatoide è elevato in un bambino, questo non è sempre motivo di preoccupazione. Come dimostra la pratica medica, una tale reazione viene spesso diagnosticata nei bambini che sono costantemente malati di ARVI..

Analisi di decodifica

Il tasso dell'indicatore negli uomini e nelle donne cambia a seconda di cosa ha provocato il suo aumento. Puoi vedere quali condizioni possono causare un aumento della RF in tabelle speciali, ma è molto più saggio affidare la decrittazione a un medico.

Indicatore, UI / ml.Possibile patologiaRaccomandazioni mediche
15-24Il primo stadio di reumatismi, ARVI, reazione falsa positivaLa ripetizione del test è prevista dopo 14 giorni, nessun trattamento
25-50Processo autoimmune moderato: stadio acuto della sifilide o della tubercolosi, infiammazione reumaticaIl regime di trattamento viene prescritto solo dopo aver identificato cosa ha provocato la patologia
51-100Grave infiammazione del tessuto connettivoÈ necessario un trattamento immediato, che può essere effettuato sia a casa che in ambiente ospedaliero
Oltre 100Processi autoimmuni espressi, che indicano un'esacerbazione dell'artrite. Tale reazione si osserva solo con patologie articolari..Necessario ricovero immediato

Indipendentemente da ciò che ha causato l'aumento del fattore reumatoide, la terapia è finalizzata all'eliminazione della fonte primaria di patologia e al miglioramento delle condizioni del paziente. Di solito, i medici prescrivono una terapia complessa, che include l'assunzione di farmaci delle seguenti categorie farmaceutiche:

  • antibiotici;
  • antifiammatori non steroidei;
  • ormoni steroidei.

Conclusione

Un esame del sangue per il fattore reumatoide è un test importante che può fornire informazioni sui processi infiammatori e sulle patologie infettive. Questo studio identifica disturbi che non sono sempre associati all'artrite reumatoide. Un medico esperto dovrebbe decifrare l'analisi, questo è l'unico modo per trarre conclusioni affidabili sullo stato di salute.

Fattore reumatoide nel sangue - cosa significa: aumentato, diminuito, normale

La maggior parte delle persone associa il termine "fattore reumatoide" all'artrite reumatoide (AR), una malattia articolare cronica degenerativa-distruttiva. Valori RF aumentati vengono rilevati solo nel 60-80% dei pazienti con questa patologia. Titoli elevati di fattore reumatoide spesso indicano altre malattie infettive, autoimmuni e parassitarie.

Un aumento della RF viene rilevato nel 5% dei giovani sani e in circa il 10-25% negli anziani..

La determinazione della RF è un test non specifico, che è piuttosto ausiliario nella diagnosi di molte malattie. Sulla base di ciò, non si può fare una diagnosi, ma si può solo sospettare una patologia. Un paziente con un fattore reumatoide elevato richiede ulteriori esami e altri test.

La determinazione del fattore reumatoide è qualitativa e quantitativa. Nel primo caso, per la diagnosi viene utilizzato un test al lattice, che è in grado di determinare il fatto di un aumento della RF. Per l'analisi quantitativa vengono utilizzati il ​​test ELISA (enzima-linked immunosorbent assay), nonché la determinazione nefelometrica e turbidimetrica. Con il loro aiuto, puoi scoprire in modo affidabile la quantità di immunoglobulina patologica contenuta nel sangue..

Unità RF - IU / ml (unità internazionali per millilitro).

Ci sono dibattiti attivi sui forum su ciò che mostra l'analisi, su come prenderla correttamente. È meglio prendere il sangue per la ricerca a stomaco vuoto o no? In quali malattie viene determinato il fattore reumatoide, che ruolo gioca nella diagnosi? In quali casi è necessario determinare l'RF nei bambini e negli adulti? Sistemiamo tutto in ordine.

Cosa mostra l'analisi RF? Aiuta a identificare infiammazioni e gravi malattie autoimmuni nel corpo. Nei pazienti con artrite reumatoide, l'analisi indica l'attività dei processi distruttivi nelle articolazioni, consente di valutare la gravità della malattia e prevederne il decorso. In altri casi, un aumento della RF precede l'infiammazione articolare e lo sviluppo di malattie articolari..

Fattore reumatoide nel sangue: cosa significa?

È importante sapere! I medici sono scioccati: "Esiste un rimedio efficace e conveniente per i dolori articolari". Leggi di più.

In medicina, il fattore reumatoide è chiamato un insieme di anticorpi anormali (immunoglobuline), che sono prodotti dalle cellule della membrana intra-articolare e dal liquido sinoviale delle articolazioni. Successivamente, la milza, il tessuto linfoide e il midollo osseo sono collegati alla sintesi. Il pool di immunoglobuline anormali è rappresentato per il 90% da IgM-RF. Il restante 10% include IgA-RF, IgE-RF e IgG-RF.

Il meccanismo patologico della sintesi RF è attivato in alcune malattie e malfunzionamenti del sistema immunitario. Essendosi formato nelle articolazioni, il fattore reumatoide entra nel flusso sanguigno, dove inizia a comportarsi come un antigene. Si lega alle proprie immunoglobuline di classe G, formando con esse immunocomplessi.

I composti risultanti con il flusso sanguigno penetrano nelle cavità articolari, dove si depositano sulle membrane sinoviali. Lì provocano lo sviluppo di reazioni citotossiche, provocando infiammazione e portando alla graduale distruzione delle articolazioni. La RF tende a depositarsi sull'endotelio vascolare, causando danni. I livelli di RF nel sangue e nel liquido sinoviale sono generalmente correlati.

La determinazione qualitativa del fattore reumatoide si basa sulla capacità di anticorpi anormali di reagire con un frammento IgG Fc. Quest'ultimo è una sorta di marker di processi infiammatori cronici, infezioni precedenti, disturbi autoimmuni e malattie oncologiche..

Quasi tutte le persone sane hanno piccole quantità di anticorpi anomali nel sangue. Non vengono rilevati dai test qualitativi, che risultano positivi solo quando la RF è superiore a 8 IU / ml. Secondo varie fonti, il livello di fattore reumatoide nel sangue è inferiore a 10-20 U / ml..

I valori RF normali possono variare leggermente da laboratorio a laboratorio. Ciò è dovuto all'uso di varie apparecchiature e prodotti chimici. Pertanto, ogni laboratorio fornisce valori di riferimento sui moduli. È su di loro che devi concentrarti quando valuti i risultati dell'analisi..

Metodi di determinazione

I metodi per determinare la RF si dividono in qualitativi e quantitativi. Il primo include il test del lattice e la classica reazione Waaler-Rose, che praticamente non viene più utilizzata. Queste analisi consentono con una certa affidabilità di identificare un aumento del fattore reumatoide.

Per un rilevamento accurato del livello RF, viene utilizzata la determinazione quantitativa (nefelometrica o turbidimetrica). Un test ancora più avanzato è ELISA - dosaggio immunoenzimatico. Consente di rilevare la concentrazione non solo di IgM-RF, ma anche di altre immunoglobuline patologiche. Ciò apre nuove possibilità diagnostiche e rende l'analisi più informativa..

Test del lattice

Il test più semplice, economico e veloce da eseguire, per il quale viene utilizzato un reagente al lattice RF contenente IgG umane. Il siero di sangue viene preso come materiale di prova. Le immunoglobuline anormali in esso contenute reagiscono con i frammenti Fc di IgG che si trovano nel reagente.

Se il siero contiene più di 8 U / ml di fattore reumatoide, si verifica una pronunciata reazione di agglutinazione (incollaggio di immunoglobuline normali e patologiche tra loro). Visivamente, può essere visto come un test positivo. La durata dello studio è di circa 15-20 minuti.

Il test del lattice ha i suoi svantaggi. Questi includono un basso contenuto di informazioni e un alto tasso di risultati falsi positivi. A differenza dei metodi quantitativi, il test al lattice non offre l'opportunità di rivelare il livello di RF nel plasma sanguigno.

Determinazione nefelometrica e turbidimetrica della RF

I metodi si basano sulla misurazione dell'intensità del flusso luminoso che passa attraverso il plasma sanguigno con particelle solide sospese. Diminuisce a causa dell'assorbimento e della diffusione della luce. La nefelometria e la turbidimetria consentono di valutare la "torbidità" del materiale in esame secondo uno speciale programma di calibrazione, determinando la quantità di IgM-RF nel plasma.

Questi metodi sono più informativi e accurati rispetto al test del lattice. Si riferiscono ad analisi quantitative, consentono di determinare in modo affidabile la concentrazione del fattore reumatoide nel plasma sanguigno. Sono adatti per il controllo dinamico del livello RF. Gli esami periodici del paziente consentono di valutare la velocità di progressione delle malattie autoimmuni e l'efficacia della terapia..

ELISA per la determinazione del fattore reumatoide IgM, IgG, IgA e IgE

Tutti i metodi precedenti mirano a determinare IgM-RF, che costituisce il 90% dell'intero pool di immunoglobuline patologiche. Tuttavia, non sono in grado di rilevare autoantigeni di altre classi. Questo inconveniente è privo di test immunoenzimatico. ELISA può rilevare IgG-RF, IgE-RF e IgA-RF.

Un aumento dei livelli anomali di IgG di solito indica un danno all'endotelio vascolare. Questo è tipico delle malattie autoimmuni accompagnate dallo sviluppo di vasculite. Un'elevata concentrazione di IgA di solito indica un decorso grave e prognosticamente sfavorevole di artrite reumatoide..

Indicazioni per un esame del sangue biochimico per RF

È necessario passare l'analisi per la RF a persone in cui i medici sospettano la presenza di malattie articolari, malattie sistemiche del tessuto connettivo, disturbi immunitari, processi infiammatori cronici, neoplasie maligne, invasioni da elminti. Nei bambini, la determinazione della RF è necessaria se si sospetta l'artrite reumatoide giovanile..

Prima di donare il sangue, è necessario consultare il proprio medico. Chiarirà il prezzo dello studio e ti dirà quanto è stato fatto, cosa mostra. Dopo aver ricevuto i risultati, li decifrerà, sceglierà la tattica di ulteriori azioni. Forse il medico farà una diagnosi finale o prescriverà ulteriori test.

La definizione di RF viene mostrata quando compaiono i seguenti sintomi:

  • artralgia periodica - dolore articolare di qualsiasi localizzazione;
  • un aumento costante della temperatura corporea fino a 37-38 gradi;
  • rigidità articolare mattutina quotidiana;
  • dolore senza causa ai muscoli, all'addome, alla parte bassa della schiena;
  • l'aspetto sulla pelle di piccole emorragie o un'eruzione cutanea di natura non allergica;
  • ipercheratosi: eccessivo ispessimento della pelle in diverse parti del corpo;
  • secchezza patologica della pelle, occhi, mucosa orale;
  • perdita di peso improvvisa, debolezza costante e apatia.

I sintomi elencati possono indicare malattie degenerative-distruttive delle articolazioni o malattie autoimmuni sistemiche. Eruzione cutanea e petecchie sulla pelle sono segni comuni di vasculite, secchezza patologica della pelle e delle mucose spesso indica la sindrome di Sjogren.

Oltre a un esame del sangue per il fattore reumatoide, i medici possono ordinare altri esami. Un esame completo del paziente comprende esami del sangue generali e biochimici, analisi delle urine, fluorografia, esame a raggi X delle articolazioni in cui una persona avverte rigidità o dolore.

Livelli ematici

Quando si esamina un paziente con un test al lattice, un risultato negativo è considerato la norma. Ciò significa che la quantità di fattore reumatoide nel sangue non supera i limiti consentiti (in questo caso particolare - 8 U / ml). Tuttavia, il test del lattice fornisce risultati falsi positivi nel 25% dei casi. Come ha dimostrato la pratica, è più adatto per gli studi di screening che per la diagnostica in una clinica..

Anche i problemi articolari "trascurati" possono essere curati a casa! Ricorda solo di spalmarlo una volta al giorno..

Se parliamo di un esame del sangue biochimico, negli uomini e nelle donne adulti, il contenuto di RF è considerato normale nell'intervallo 0-14 U / ml. Nei bambini, questo indicatore non deve superare 12,5 U / ml. Con l'età, negli uomini e nelle donne, la quantità di RF nel sangue aumenta gradualmente e all'età di 70 anni può raggiungere 50-60 U / ml.

Per un adulto sano, il contenuto di RF nel sangue è consentito entro 25 UI / ml. Tali numeri sono una variante della norma in assenza di sintomi allarmanti che indicano qualsiasi malattia. In caso di eruzione cutanea, dolore articolare o segni di infiammazione negli esami del sangue, il paziente necessita di un ulteriore esame..

Come decifrare correttamente un esame del sangue per il fattore reumatoide

Un test al lattice negativo o un livello RF inferiore a 14 U / ml in un'analisi biochimica indica il suo contenuto normale nel sangue. Tuttavia, un fattore reumatoide ridotto non significa che tu sia sano. Esistono artrite reumatoide sieronegativa e spondiloartrite, in cui esiste un quadro clinico vivido della malattia, ma la RF rientra nell'intervallo normale. Ne parleremo un po 'più tardi..

In caso di un livello sospettosamente alto di RF nella determinazione quantitativa, una persona necessita di ulteriori esami. A volte i risultati distorti sono il risultato di una preparazione impropria per la consegna dell'analisi. In questo caso, al paziente viene spiegato come donare il sangue e il test viene ripetuto..

Tabella 1. Decodifica dei risultati in uomini e donne adulti: norma e patologia

Spiegazione

Indicatore, UI / mlCosa fa
100Livello molto elevatoIndica un grave decorso di malattie autoimmuni o reumatiche. È un criterio prognostico sfavorevole. Un marcato aumento del livello di RF consente di prevedere un decorso grave e una rapida progressione dell'artrite reumatoide nei pazienti

Oltre a determinare il livello del fattore reumatoide, i medici prescrivono esami del sangue per CRP (proteina C-reattiva), ACCP (anticorpi al peptide citrullinato ciclico) e antistreptolisina-O. Questi studi sono particolarmente importanti nella diagnosi dell'artrite reumatoide..

Un indicatore negativo è un motivo per calmarsi?

Alcuni pazienti vanno dal medico con un quadro clinico pronunciato di artrite reumatoide, vengono testati per la RF e risulta essere negativo. Cosa significa? Il fatto che una persona sia completamente sana, ha l'artrite? O dovrebbe essere ancora preoccupato per la sua salute.?

Un RF negativo non sempre indica l'assenza di artrite reumatoide o altre patologie autoimmuni..

Nelle fasi iniziali dello sviluppo dell'AR, il fattore reumatoide potrebbe non essere presente nel sangue; viene rilevato in seguito, durante i successivi esami del paziente. Pertanto, vale la pena ricordare che una singola definizione di RF non è sempre informativa. I pazienti che presentano sintomi pronunciati della malattia devono essere nuovamente sottoposti a test dopo sei mesi e un anno..

Parlando di artrite reumatoide, vale la pena ricordare che può essere sieropositiva e sieronegativa. Quest'ultimo è caratterizzato da livelli normali di RF nel sangue se il paziente presenta sintomi clinici gravi e segni radiologici di alterazioni degenerative delle articolazioni. Le varianti sieronegative della malattia sono più tipiche per le donne che hanno l'insorgenza di artrite reumatoide in età avanzata..

I medici diagnosticano un paziente su cinque con artrite reumatoide con una forma sieronegativa della malattia. Livelli normali di fattore reumatico si osservano anche nelle spondiloartropatie sieronegative (SSA), nell'osteoartrite deformante e nell'infiammazione articolare non reumatica. Tutte queste malattie sono caratterizzate dalla presenza di sindrome articolare e altri sintomi patologici. Il trasporto dell'antigene HLA-B27 viene rilevato nei pazienti con spondiloartropatie.

SSA include:

  • spondilite anchilosante giovanile;
  • spondilite anchilosante;
  • artrite reattiva (post-enterocolica e urogenitale);
  • artrite psoriasica;
  • Sindrome di SAPHO e SEA;
  • artrite associata a malattie infiammatorie croniche intestinali (colite ulcerosa, morbo di Crohn, morbo di Whipple).

Le spondiloartropatie sieronegative colpiscono più comunemente i giovani uomini. Nel 62-88% dei casi, la manifestazione della malattia si verifica a 16-23 anni. Patologie meno comuni si verificano nelle donne e negli uomini anziani.

Un indicatore positivo: cosa significa?

Cosa può significare un aumento del livello di fattore reumatico nel sangue? Di solito indica la presenza di artrite reumatoide, infettiva, autoimmune o cancro. È possibile stabilire e confermare la diagnosi con l'aiuto di test aggiuntivi e altri metodi di ricerca..

Alcuni autori sono sicuri che esistano popolazioni di RF fisiologica e patologica. Questo può spiegare il fatto di un aumento asintomatico del livello di fattore reumatoide in persone senza malattie. Gli scienziati non sono ancora stati in grado di trovare differenze tra i fattori reumatoidi isolati da persone malate e sane..

Per quali malattie l'indicatore è aumentato

Numerosi forum stanno discutendo attivamente le ragioni dell'aumento nella Federazione Russa. Quali malattie c'è un alto livello di fattore reumatoide, come trattarle? Una terapia adeguata aiuterà ad evitare la distruzione articolare e la progressiva disfunzione? Come ridurre i livelli elevati di RF nel sangue? Queste e molte altre domande interessano molte persone. Proviamo a rispondere.

L'artrite reumatoide è molto spesso la causa di un marcato aumento della RF nel plasma sanguigno. La prevalenza della malattia nella popolazione è dell'1-2%. Nell'80% dei casi, l'AR colpisce le donne di età superiore ai 40 anni. Gli uomini raramente soffrono di questa patologia..

Collagenosi

Le collagenosi includono malattie sistemiche del tessuto connettivo, inclusa l'artrite reumatoide. Molto spesso, si osserva un aumento del livello di fattore reumatico nei pazienti con sindrome di Sjogren. Secondo le statistiche, viene rilevato dal 75-95% dei pazienti. La sindrome di Sjogren è caratterizzata da danni alle ghiandole salivari e lacrimali. La malattia si manifesta con un'eccessiva secchezza della pelle e delle mucose. Quasi tutti i pazienti sviluppano la sindrome dell'occhio secco..

Meno comunemente, si osserva un aumento della concentrazione di RF nel sangue con lupus eritematoso sistemico e dermatomiosite.

La collagenosi può essere sospettata in presenza di dolori muscolari e articolari, eruzione cutanea eritematosa e petecchie sulla pelle. La maggior parte dei pazienti sperimenta un aumento costante della temperatura fino a 37-38 gradi. Nel sangue dei pazienti vengono rilevati segni non specifici di infiammazione (aumento della VES, proteina C-reattiva, α2-globuline). Per fare una diagnosi sono necessari test specifici.

La maggior parte delle malattie sistemiche del tessuto connettivo ha un decorso lento ma grave. Anche un trattamento tempestivo e corretto non aiuta a sbarazzarsi completamente della patologia. Con l'aiuto di alcuni farmaci, puoi solo rallentare il decorso di queste malattie..

Malattie infettive

Molto spesso si osservano livelli elevati di RF in alcune malattie infiammatorie acute (endocardite infettiva, influenza, rosolia, morbillo). Secondo le statistiche, un fattore reumatoide positivo viene rilevato in tale 15-65% dei pazienti. Meno spesso (nell'8-13% dei casi), si verifica un aumento del fattore reumatico nella tubercolosi e nella sifilide.

Altre malattie

Il fattore reumatoide può aumentare in alcune malattie sistemiche, accompagnato da danno polmonare (fibrosi interstiziale, sarcoidosi) e neoplasie maligne. Livelli elevati di fattore reumatico sono rilevati nel 45-70% dei pazienti con cirrosi biliare primaria.

Nei bambini, a volte si osserva un aumento della RF nell'artrite reumatoide giovanile e nelle invasioni da elminti. Un alto contenuto di autoanticorpi (IgM-RF) nel sangue di un bambino può essere causato da infezioni croniche, frequenti malattie virali e infiammatorie. Questo spiega l'aumento del livello di fattore reumatico nei bambini ammalati frequentemente ea lungo termine..

Fattore reumatoide nei reumatismi

In quasi tutti i pazienti con reumatismi, la quantità di fattore reumatico nel sangue rientra nei limiti normali. Il suo aumento può essere osservato con lo sviluppo di endocardite infettiva secondaria. Ci sono casi in cui un aumento del livello di RF si è verificato diversi anni prima dell'inizio dei reumatismi. Non è stata ancora stabilita una connessione affidabile tra questi due eventi..

Con la spondilite anchilosante e la sclerodermia sistemica, la RF è solitamente entro i limiti normali. In rari casi, la sua concentrazione nel sangue può aumentare: ciò si verifica con massicce lesioni delle articolazioni periferiche.

Quando è richiesto il trattamento

Prima di trattare qualsiasi malattia articolare o autoimmune, è necessario assicurarsi che sia presente. L'identificazione di un alto contenuto di fattore reumatico nel sangue non è una base per una diagnosi. Si può parlare di malattia solo se ci sono sintomi caratteristici e risultati di altre analisi più affidabili. Il trattamento deve essere iniziato solo dopo la conferma della diagnosi. Tutti i farmaci devono essere prescritti dai medici.

Per combattere le collagenosi vengono solitamente utilizzati glucocorticosteroidi e citostatici. Questi farmaci sopprimono l'attività del sistema immunitario e inibiscono la sintesi degli autoanticorpi. Nei casi gravi di artrite reumatoide, l'uso di agenti biologici (Rituximab, Humira, Embrel, Remicade) è molto efficace. Per combattere le malattie infettive, è necessario un ciclo di terapia antibatterica, antivirale o antiparassitaria.

Le persone con malattia di Sjogren necessitano di un trattamento sintomatico per la sindrome dell'occhio secco. A tale scopo, vengono prescritti preparati per lacrime artificiali. In caso di danno concomitante alla tiroide, il paziente potrebbe dover assumere Eutirox, un analogo sintetico dei suoi ormoni.

Consigli

Come prepararsi adeguatamente per la donazione di sangue alla Federazione Russa:

  1. Evita sforzi fisici pesanti e sport durante il giorno prima di andare in laboratorio.
  2. 8-12 ore prima del test pianificato, rinuncia completamente a mangiare cibo.
  3. Non bere mai alcol o bevande energetiche alla vigilia della visita in ospedale.
  4. Smetti di fumare completamente e cerca di non innervosirti un'ora prima di prendere il sangue.

Articoli simili

Come dimenticare i dolori articolari?

  • I dolori articolari limitano i tuoi movimenti e una vita appagante...
  • Sei preoccupato per il disagio, lo scricchiolio e il dolore sistematico...
  • Forse hai provato un sacco di medicine, creme e unguenti...
  • Ma a giudicare dal fatto che stai leggendo queste righe, non ti hanno aiutato molto...

Ma l'ortopedico Valentin Dikul afferma che esiste un rimedio davvero efficace per i dolori articolari! Leggi di più >>>


Articolo Successivo
Frequenza cardiaca fetale durante la gravidanza