Anemia. Cause, tipi, sintomi e trattamento


Il sito fornisce informazioni di base solo a scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È necessaria una consulenza specialistica!

Cos'è l'anemia?

L'anemia è una condizione patologica del corpo caratterizzata da una diminuzione del numero di eritrociti ed emoglobina in un'unità di sangue.

Gli eritrociti si formano nel midollo osseo rosso da frazioni proteiche e componenti non proteiche sotto l'influenza dell'eritropoietina (sintetizzata dai reni). Gli eritrociti per tre giorni forniscono il trasporto, principalmente ossigeno e anidride carbonica, nonché sostanze nutritive e prodotti metabolici da cellule e tessuti. La durata della vita di un eritrocita è di centoventi giorni, dopodiché viene distrutto. I vecchi eritrociti si accumulano nella milza, dove vengono utilizzate frazioni non proteiche, e le frazioni proteiche entrano nel midollo osseo rosso, partecipando alla sintesi di nuovi eritrociti.

L'intera cavità eritrocitaria è piena di proteine, emoglobina, che include il ferro. L'emoglobina conferisce al globulo rosso un colore rosso e aiuta anche a trasportare ossigeno e anidride carbonica. Il suo lavoro inizia nei polmoni, dove i globuli rossi entrano nel flusso sanguigno. Le molecole di emoglobina catturano l'ossigeno, dopodiché i globuli rossi arricchiti di ossigeno vengono diretti prima attraverso grandi vasi e poi lungo piccoli capillari verso ciascun organo, fornendo alle cellule e ai tessuti l'ossigeno necessario per la vita e la normale attività.

L'anemia indebolisce la capacità del corpo di scambiare gas, a causa di una riduzione del numero di globuli rossi, il trasporto di ossigeno e anidride carbonica viene interrotto. Di conseguenza, una persona può manifestare tali segni di anemia come una sensazione di affaticamento costante, perdita di forza, sonnolenza e aumento dell'irritabilità..

L'anemia è una manifestazione della malattia sottostante e non è una diagnosi indipendente. Molte malattie, comprese le malattie infettive, i tumori benigni o maligni, possono essere associate all'anemia. Ecco perché l'anemia è un segno importante che richiede la ricerca necessaria per identificare la causa sottostante che ha portato al suo sviluppo..

Una grave anemia dovuta all'ipossia tissutale può portare a gravi complicazioni come condizioni di shock (p. Es., Shock emorragico), ipotensione, insufficienza coronarica o polmonare.

Classificazione delle anemie

Le anemie sono classificate:
  • dal meccanismo di sviluppo;
  • per gravità;
  • per indicatore di colore;
  • per caratteristiche morfologiche;
  • dalla capacità del midollo osseo di rigenerarsi.

Per gravità

A seconda del livello di diminuzione dell'emoglobina, ci sono tre gradi di gravità del decorso dell'anemia. Normalmente, il livello di emoglobina negli uomini è 130-160 g / le nelle donne 120-140 g / l.

La gravità dell'anemia è la seguente:

  • grado lieve, in cui vi è una diminuzione del livello di emoglobina rispetto alla norma fino a 90 g / l;
  • il grado medio al quale il livello di emoglobina è 90-70 g / l;
  • grado grave, in cui il livello di emoglobina è inferiore a 70 g / l.

Con indicatore di colore

L'indicatore di colore è il grado di saturazione degli eritrociti con l'emoglobina. Viene calcolato in base ai risultati di un esame del sangue come segue. Il numero tre deve essere moltiplicato per l'indicatore di emoglobina e diviso per la conta dei globuli rossi (la virgola viene rimossa).

Classificazione delle anemie per indicatore di colore:

  • anemia ipocromica (colore indebolito degli eritrociti) indice di colore inferiore a 0,8;
  • anemia normocromica, l'indice di colore è 0,80 - 1,05;
  • anemia ipercromica (i globuli rossi sono eccessivamente colorati) indice di colore maggiore di 1,05.

Per carattere morfologico

Con l'anemia, durante un esame del sangue possono essere osservati globuli rossi di varie dimensioni. Normalmente, il diametro degli eritrociti dovrebbe essere compreso tra 7,2 e 8,0 micron (micrometro). Una dimensione inferiore dei globuli rossi (microcitosi) può essere osservata con l'anemia da carenza di ferro. Le dimensioni normali possono essere presenti nell'anemia post-emorragica. Le dimensioni maggiori (macrocitosi), a loro volta, possono indicare anemia associata a carenza di vitamina B12 o folati.

Classificazione delle anemie per caratteristiche morfologiche:

  • anemia microcitica, in cui il diametro dei globuli rossi è inferiore a 7,0 micron;
  • anemia normocitica, in cui il diametro degli eritrociti varia da 7,2 a 8,0 micron;
  • anemia macrocitica, in cui il diametro degli eritrociti è superiore a 8,0 micron;
  • anemia megalocitica, in cui la dimensione dei globuli rossi è superiore a 11 micron.

Dalla capacità del midollo osseo di rigenerarsi

Poiché la formazione di eritrociti avviene nel midollo osseo rosso, il segno principale della rigenerazione del midollo osseo è un aumento del livello dei reticolociti (precursori dei globuli rossi) nel sangue. Inoltre, il loro livello indica quanto attivamente procede la formazione di eritrociti (eritropoiesi). Normalmente, il numero di reticolociti nel sangue umano non deve superare l'1,2% di tutti gli eritrociti.

In base alla capacità di rigenerazione del midollo osseo, si distinguono le seguenti forme:

  • la forma rigenerativa è caratterizzata dalla normale rigenerazione del midollo osseo (il numero di reticolociti è 0,5 - 2%);
  • la forma iporegenerativa è caratterizzata da una ridotta capacità di rigenerazione del midollo osseo (il numero di reticolociti è inferiore allo 0,5%);
  • la forma iperregenerativa è caratterizzata da una spiccata capacità di rigenerarsi (il numero di reticolociti è superiore al due percento);
  • la forma aplastica è caratterizzata da una forte soppressione dei processi di rigenerazione (il numero di reticolociti è inferiore allo 0,2% o si osserva la loro assenza).

Classificazione

Per meccanismo di sviluppo

Secondo la patogenesi, l'anemia può svilupparsi a causa della perdita di sangue, una violazione della formazione dei globuli rossi oa causa della loro pronunciata distruzione.

Secondo il meccanismo di sviluppo, ci sono:

  • anemia dovuta a perdita di sangue acuta o cronica;
  • anemia dovuta a ridotta formazione del sangue (ad esempio, carenza di ferro, anemia aplastica, renale, nonché anemia da carenza di vitamina B12 e folati);
  • anemia dovuta all'aumentata distruzione dei globuli rossi (p. es., anemia ereditaria o autoimmune).

Cause dell'anemia

Ci sono tre ragioni principali che portano allo sviluppo dell'anemia:

  • perdita di sangue (sanguinamento acuto o cronico);
  • aumento della distruzione dei globuli rossi (emolisi);
  • diminuzione della produzione di globuli rossi.
Va anche notato che, a seconda del tipo di anemia, le cause della sua insorgenza possono differire..

Fattori che influenzano lo sviluppo dell'anemia

Fattore genetico

  • emoglobinopatia (un cambiamento nella struttura dell'emoglobina si osserva nella talassemia, anemia falciforme);
  • Anemia di Fanconi (si sviluppa a causa di un difetto nel cluster di proteine ​​responsabili della riparazione del DNA);
  • difetti enzimatici negli eritrociti;
  • difetti del citoscheletro (la struttura cellulare situata nel citoplasma della cellula) dell'eritrocita;
  • anemia diseritropoietica congenita (caratterizzata da una violazione della formazione di eritrociti);
  • abetalipoproteinemia o sindrome di Bassen-Kornzweig (caratterizzata da una mancanza di beta-lipoproteine ​​nelle cellule intestinali, che porta a un ridotto assorbimento dei nutrienti);
  • sferocitosi ereditaria o malattia di Minkowski-Shoffard (a causa di una violazione della membrana cellulare, gli eritrociti assumono una forma sferica).

Fattore alimentare

  • carenza di ferro;
  • carenza di vitamina B12;
  • carenza di acido folico;
  • carenza di acido ascorbico (vitamina C);
  • fame e malnutrizione.

Fattore fisico

  • trauma;
  • ustioni;
  • congelamento.

Malattie croniche e neoplasie

  • malattia renale (p. es., tubercolosi epatica, glomerulonefrite);
  • malattia del fegato (p. es., epatite, cirrosi);
  • malattie del tratto gastrointestinale (ad esempio, ulcere gastriche e duodenali, gastrite atrofica, colite ulcerosa, morbo di Crohn);
  • malattie vascolari del collagene (p. es., lupus eritematoso sistemico, artrite reumatoide);
  • tumori benigni e maligni (p. es., fibromi uterini, polipi nell'intestino, reni, polmoni, cancro intestinale).

Fattore infettivo

  • malattie virali (epatite, mononucleosi infettiva, citomegalovirus);
  • malattie batteriche (tubercolosi polmonare o renale, leptospirosi, bronchite ostruttiva);
  • malattie da protozoi (malaria, leishmaniosi, toxoplasmosi).

Prodotti chimici e medicinali velenosi

  • arsenico inorganico, benzene;
  • radiazione;
  • citostatici (farmaci chemioterapici usati per trattare il cancro);
  • antibiotici;
  • antifiammatori non steroidei;
  • farmaci antitiroidei (riducono la sintesi degli ormoni tiroidei);
  • farmaci antiepilettici.

Anemia da carenza di ferro

L'anemia da carenza di ferro è un'anemia ipocromica caratterizzata da una diminuzione dei livelli di ferro nel corpo.

L'anemia da carenza di ferro è caratterizzata da una diminuzione degli eritrociti, dell'emoglobina e dell'indice di colore.

Il ferro è un elemento vitale coinvolto in molti processi metabolici del corpo. Una persona che pesa settanta chilogrammi ha circa quattro grammi di ferro nel corpo. Questa quantità viene mantenuta mantenendo un equilibrio tra la regolare perdita di ferro dal corpo e la sua assunzione. Per mantenere l'equilibrio, il fabbisogno giornaliero di ferro è di 20-25 mg. La maggior parte del ferro in arrivo nel corpo viene speso per il suo fabbisogno, il resto viene depositato sotto forma di ferritina o emosiderina e, se necessario, viene consumato.

Cause dell'anemia da carenza di ferro

Interruzione dell'assunzione di ferro

  • vegetarianismo dovuto al mancato consumo di proteine ​​animali (carne, pesce, uova, latticini);
  • componente socio-economica (ad esempio, denaro insufficiente per una buona alimentazione).

Ridotto assorbimento del ferro

L'assorbimento del ferro avviene a livello della mucosa gastrica, pertanto malattie dello stomaco come gastrite, ulcera peptica o resezione gastrica portano a un assorbimento ridotto del ferro.

Aumento del fabbisogno corporeo di ferro

  • gravidanza, comprese gravidanze multiple;
  • periodo di allattamento;
  • adolescenza (a causa della rapida crescita);
  • malattie croniche accompagnate da ipossia (ad esempio, bronchite cronica, difetti cardiaci);
  • malattie croniche suppurative (p. es., ascessi cronici, bronchiectasie, sepsi).

Perdita di ferro dal corpo

  • sanguinamento polmonare (ad esempio, con cancro ai polmoni, tubercolosi);
  • sanguinamento gastrointestinale (ad esempio, ulcere gastriche e duodenali, cancro dello stomaco, cancro dell'intestino, vene varicose esofagee e rettali, colite ulcerosa, invasioni da elminti);
  • sanguinamento uterino (p. es., distacco prematuro della placenta, rottura dell'utero, cancro uterino o cervicale, gravidanza ectopica interrotta, fibromi uterini);
  • sanguinamento renale (p. es., cancro del rene, tubercolosi renale).

Sintomi di anemia da carenza di ferro

Diagnosi di anemia da carenza di ferro

Trattamento per l'anemia da carenza di ferro

Nutrizione per l'anemia
Nella nutrizione, il ferro si divide in:

  • eme, che entra nel corpo con prodotti animali;
  • non-eme, che entra nel corpo con prodotti vegetali.
Va notato che il ferro eme viene assorbito dal corpo molto meglio del ferro non eme..

Cibo

Nomi dei prodotti

La quantità di ferro per cento milligrammi

Cibo
animale
origine

  • fegato;
  • lingua di manzo;
  • carne di coniglio;
  • carne di tacchino;
  • carne d'oca;
  • Manzo;
  • un pesce.
  • 9 mg;
  • 5 mg;
  • 4,4 mg;
  • 4 mg;
  • 3 mg;
  • 2,8 mg;
  • 2,3 mg.

Alimenti vegetali

  • funghi secchi;
  • piselli freschi;
  • grano saraceno;
  • Ercole;
  • funghi freschi;
  • albicocche;
  • Pera;
  • mele;
  • prugne;
  • ciliegie;
  • barbabietola.
  • 35 mg;
  • 11,5 mg;
  • 7,8 mg;
  • 7,8 mg;
  • 5,2 mg;
  • 4,1 mg;
  • 2,3 mg;
  • 2,2 mg;
  • 2,1 mg;
  • 1,8 mg;
  • 1,4 mg.

Se sei a dieta, dovresti anche aumentare l'assunzione di cibi contenenti vitamina C e proteine ​​della carne (aumentano l'assorbimento del ferro nell'organismo) e ridurre l'assunzione di uova, sale, caffeina e calcio (riducono l'assorbimento del ferro).

Trattamento farmacologico
Nel trattamento dell'anemia da carenza di ferro, al paziente vengono prescritti integratori di ferro in parallelo con la dieta. Questi medicinali hanno lo scopo di ricostituire la carenza di ferro nel corpo. Sono disponibili in capsule, pillole, iniezioni, sciroppi e compresse..

La dose e la durata del trattamento sono selezionate individualmente, in base ai seguenti indicatori:

  • l'età del paziente;
  • la gravità della malattia;
  • le cause dell'anemia da carenza di ferro;
  • in base ai risultati dei test.
Gli integratori di ferro vanno assunti un'ora prima dei pasti o due ore dopo i pasti. Questi medicinali non devono essere assunti con tè o caffè, poiché l'assorbimento del ferro diminuisce, quindi si consiglia di berli con acqua o succo di frutta.

Nome del farmaco

Modalità di applicazione

Lattato di ferro

Prendi un grammo per via orale tre o quattro volte al giorno.

Ferrogradumet

Assumere una compressa al giorno, al mattino trenta minuti prima dei pasti.

Sorbifer

Prendi una compressa, una o due volte al giorno.


Si consiglia di prescrivere questi farmaci insieme alla vitamina C (una compressa una volta al giorno), poiché quest'ultima aumenta l'assorbimento del ferro.

I preparati di ferro sotto forma di iniezioni (intramuscolari o endovenose) vengono utilizzati nei seguenti casi:

  • con grave anemia;
  • se l'anemia progredisce nonostante l'assunzione di dosi di ferro sotto forma di compresse, capsule o sciroppo;
  • se il paziente ha malattie del tratto gastrointestinale (ad esempio ulcere gastriche e duodenali, colite ulcerosa, morbo di Crohn), poiché la preparazione di ferro assunta può aggravare la malattia esistente;
  • prima degli interventi chirurgici per accelerare la saturazione del corpo con il ferro;
  • se il paziente ha un'intolleranza ai preparati a base di ferro se assunti per bocca.
Chirurgia
L'intervento chirurgico viene eseguito se il paziente ha sanguinamento acuto o cronico. Quindi, ad esempio, in caso di sanguinamento gastrointestinale, la fibrogastroduodenoscopia o la colonscopia può essere utilizzata per identificare l'area di sanguinamento e quindi fermarla (ad esempio, un polipo sanguinante viene rimosso, uno stomaco e un'ulcera duodenale viene coagulata). Per il sanguinamento uterino, così come per il sanguinamento negli organi situati nella cavità addominale, è possibile utilizzare la laparoscopia.

Se necessario, al paziente può essere prescritta una trasfusione di globuli rossi per reintegrare il volume di sangue circolante.

B12 - anemia da carenza

Questa anemia è causata da una mancanza di vitamina B12 (e forse di folato). È caratterizzato da un tipo megaloblastico (aumento del numero di megaloblasti, cellule precursori degli eritrociti) di emopoiesi ed è un'anemia ipercromica.

La vitamina B12 normalmente entra nel corpo con il cibo. A livello dello stomaco, la B12 si lega a una proteina in essa prodotta, la gastromucoproteina (fattore intrinseco di Castle). Questa proteina protegge la vitamina che è entrata nell'organismo dagli effetti negativi della microflora intestinale e ne favorisce anche l'assorbimento.

Il complesso di gastromucoproteina e vitamina B12 raggiunge la parte distale (parte inferiore) dell'intestino tenue, dove questo complesso si scompone, la vitamina B12 viene assorbita nello strato mucoso intestinale e il suo ulteriore ingresso nel sangue.

Questa vitamina proviene dal flusso sanguigno:

  • nel midollo osseo rosso per partecipare alla sintesi dei globuli rossi;
  • al fegato, dove si deposita;
  • nel sistema nervoso centrale per la sintesi della guaina mielinica (copre gli assoni dei neuroni).

Cause dell'anemia da carenza di vitamina B12

Sintomi dell'anemia da carenza di vitamina B12

Il quadro clinico dell'anemia da carenza di vitamina B12 e folati si basa sullo sviluppo delle seguenti sindromi nel paziente:
  • sindrome anemica;
  • sindrome gastrointestinale;
  • sindrome nevralgica.

Sindrome gastrointestinale

Nome della sindrome

Sindrome anemica

  • debolezza;
  • aumento della fatica;
  • mal di testa e vertigini;
  • la pelle è pallida con una sfumatura itterica (a causa di danni al fegato);
  • rumore nelle orecchie;
  • mosche lampeggianti davanti agli occhi;
  • dispnea;
  • palpitazioni;
  • con questa anemia, si osserva un aumento della pressione sanguigna;
  • tachicardia.
  • la lingua è lucida, rosso vivo, il paziente avverte una sensazione di bruciore alla lingua;
  • la presenza di ulcere in bocca (stomatite aftosa);
  • perdita di appetito o diminuzione dell'appetito;
  • sensazione di pesantezza allo stomaco dopo aver mangiato;
  • perdita di peso;
  • si possono osservare sensazioni dolorose nell'area rettale;
  • disturbo delle feci (costipazione);
  • fegato ingrossato (epatomegalia).

Questi sintomi si sviluppano a causa di cambiamenti atrofici nello strato mucoso della cavità orale, dello stomaco e dell'intestino..

Sindrome nevralgica

  • sensazione di debolezza alle gambe (con camminata prolungata o quando si sale);
  • sensazione di intorpidimento e formicolio agli arti;
  • violazione della sensibilità periferica;
  • cambiamenti atrofici nei muscoli degli arti inferiori;
  • convulsioni.

Diagnostica dell'anemia da carenza di vitamina B12

  • una diminuzione del livello dei globuli rossi e dell'emoglobina;
  • ipercromia (colore pronunciato degli eritrociti);
  • macrocitosi (aumento delle dimensioni dei globuli rossi);
  • poichilocitosi (una forma diversa di eritrociti);
  • la microscopia di erythrocytes rivela gli anelli di Kebot e i corpi di Jolly;
  • i reticolociti sono ridotti o normali;
  • una diminuzione del livello dei leucociti (leucopenia);
  • aumento dei livelli di linfociti (linfocitosi);
  • diminuzione della conta piastrinica (trombocitopenia).
Nell'analisi biochimica del sangue si osserva iperbilirubinemia e diminuzione del livello di vitamina B12.

La puntura del midollo osseo rosso rivela un aumento dei megaloblasti.

Al paziente possono essere assegnati i seguenti studi strumentali:

  • esame dello stomaco (fibrogastroduodenoscopia, biopsia);
  • esame dell'intestino (colonscopia, irrigoscopia);
  • ecografia epatica.
Questi studi aiutano a identificare i cambiamenti atrofici nella mucosa dello stomaco e dell'intestino, nonché a rilevare malattie che hanno portato allo sviluppo di anemia da carenza di vitamina B12 (ad esempio, tumori maligni, cirrosi epatica).

Trattamento dell'anemia da carenza di vitamina B12

Tutti i pazienti vengono ricoverati nel reparto di ematologia, dove vengono sottoposti a cure adeguate.

Nutrizione per l'anemia da carenza di vitamina B12
Viene prescritta la terapia dietetica, in cui aumenta il consumo di cibi ricchi di vitamina B12.

L'assunzione giornaliera di vitamina B12 è di tre microgrammi.

Nome del prodotto

La quantità di vitamina B12 per cento milligrammi


Trattamento farmacologico
Il farmaco viene prescritto al paziente secondo il seguente schema:

  • Entro due settimane, il paziente riceve ogni giorno 1000 mcg di cianocobalamina per via intramuscolare. I sintomi neurologici scompaiono in due settimane.
  • Nelle successive quattro-otto settimane, il paziente riceve 500 μg al giorno per via intramuscolare per saturare il deposito di vitamina B12 nel corpo..
  • Successivamente, il paziente riceve per tutta la vita iniezioni intramuscolari di 500 mcg una volta alla settimana.
Durante il trattamento, contemporaneamente alla cianocobalamina, al paziente può essere prescritto acido folico.

Un paziente con anemia da carenza di vitamina B12 deve essere monitorato per tutta la vita da un ematologo, gastrologo e medico di famiglia.

Anemia da carenza di folato

L'anemia da carenza di acido folico è un'anemia ipercromica caratterizzata da una mancanza di folato nel corpo.

L'acido folico (vitamina B9) è una vitamina idrosolubile che è in parte prodotta dalle cellule intestinali, ma principalmente deve provenire dall'esterno per ricostituire la norma necessaria all'organismo. L'assunzione giornaliera di acido folico è di 200-400 mcg.

Negli alimenti, così come nelle cellule del corpo, l'acido folico si trova sotto forma di folati (poliglutammati).

L'acido folico svolge un ruolo importante nel corpo umano:

  • partecipa allo sviluppo del corpo nel periodo prenatale (contribuisce alla formazione della conduzione nervosa dei tessuti, il sistema circolatorio del feto, previene lo sviluppo di alcune malformazioni);
  • partecipa alla crescita del bambino (ad esempio, nel primo anno di vita, durante la pubertà);
  • influenza i processi di emopoiesi;
  • insieme alla vitamina B12 partecipa alla sintesi del DNA;
  • previene la formazione di coaguli di sangue nel corpo;
  • migliora i processi di rigenerazione di organi e tessuti;
  • partecipa al rinnovamento dei tessuti (ad esempio, la pelle).
L'assorbimento (assorbimento) del folato nel corpo viene effettuato nel duodeno e nella parte superiore dell'intestino tenue.

Cause dell'anemia da carenza di folati

Sintomi di anemia da carenza di acido folico

Con l'anemia da carenza di folati, il paziente ha una sindrome anemica (sintomi come affaticamento, palpitazioni, pallore della pelle, diminuzione delle prestazioni). La sindrome neurologica, così come i cambiamenti atrofici nella mucosa del cavo orale, dello stomaco e dell'intestino con questo tipo di anemia sono assenti.

Inoltre, il paziente può sperimentare un aumento delle dimensioni della milza..

Diagnostica dell'anemia da carenza di folati

Con un esame del sangue generale, si osservano i seguenti cambiamenti:

  • ipercromia;
  • una diminuzione del livello dei globuli rossi e dell'emoglobina;
  • macrocitosi;
  • leucopenia;
  • trombocitopenia.
Nei risultati di un esame del sangue biochimico, c'è una diminuzione del livello di acido folico (meno di 3 mg / ml), nonché un aumento della bilirubina indiretta.

Quando si esegue un mielogramma, viene rilevato un aumento del contenuto di megaloblasti e neutrofili ipersegmentati.

Trattamento dell'anemia da carenza di folati

La nutrizione per l'anemia da carenza di folati gioca un ruolo importante, il paziente ha bisogno di consumare quotidianamente cibi ricchi di acido folico.

Va notato che in qualsiasi lavorazione culinaria del cibo, il folato viene distrutto di circa il cinquanta percento o più. Pertanto, per fornire all'organismo il necessario apporto giornaliero, si consiglia di mangiare prodotti freschi (verdura e frutta).

CiboNome del prodottoLa quantità di ferro per cento milligrammi
Cibo per animali
  • manzo e fegato di pollo;
  • fegato di maiale;
  • cuore e reni;
  • ricotta grassa e formaggio feta;
  • merluzzo;
  • burro;
  • panna acida;
  • carne di manzo;
  • carne di coniglio;
  • uova di gallina;
  • gallina;
  • montone.
  • 240 mg;
  • 225 mg;
  • 56 mg;
  • 35 mg;
  • 11 mg;
  • 10 mg;
  • 8,5 mg;
  • 8.4;
  • 7,7 mg;
  • 7 mg;
  • 4,3 mg;
  • 4,1 mg;
Alimenti vegetali
  • asparago;
  • arachidi;
  • Lenticchie;
  • fagioli;
  • prezzemolo;
  • spinaci;
  • Noci;
  • Semole di grano;
  • funghi porcini freschi;
  • semole di grano saraceno e orzo;
  • grano, pane di grano;
  • melanzana;
  • cipolle verdi;
  • peperone rosso (dolce);
  • piselli;
  • pomodori;
  • Cavolo bianco;
  • carota;
  • arance.
  • 262 mg;
  • 240 mg;
  • 180 mg;
  • 160 mg;
  • 117 mg;
  • 80 mg;
  • 77 mg;
  • 40 mg;
  • 40 mg;
  • 32 mg;
  • 30 mg;
  • 18,5 mg;
  • 18 mg;
  • 17 mg;
  • 16 mg;
  • 11 mg;
  • 10 mg;
  • 9 mg;
  • 5 mg.

Il trattamento farmacologico per l'anemia da carenza di folati comporta l'assunzione di acido folico in una quantità da cinque a quindici milligrammi al giorno. Il dosaggio richiesto è stabilito dal medico curante, a seconda dell'età del paziente, della gravità dell'anemia e dei risultati della ricerca.

Una dose profilattica include l'assunzione da uno a cinque milligrammi di vitamina al giorno.

Anemia aplastica

L'anemia aplastica è caratterizzata da ipoplasia del midollo osseo e pancitopenia (una diminuzione del numero di eritrociti, leucociti, linfociti e piastrine). Lo sviluppo dell'anemia aplastica avviene sotto l'influenza di fattori esterni e interni, nonché come risultato di cambiamenti qualitativi e quantitativi nelle cellule staminali e nel loro microambiente.

L'anemia aplastica può essere congenita o acquisita.

Cause dell'anemia aplastica

Sintomi dell'anemia aplastica

Le manifestazioni cliniche dell'anemia aplastica dipendono dalla gravità della pancitopenia.

Con l'anemia aplastica, il paziente ha i seguenti sintomi:

  • pallore della pelle e delle mucose;
  • mal di testa;
  • palpitazioni;
  • dispnea;
  • aumento della fatica;
  • gonfiore alle gambe;
  • sanguinamento gengivale (a causa di una diminuzione del livello delle piastrine nel sangue);
  • rash petecchiale (piccole macchie rosse sulla pelle), lividi sulla pelle;
  • infezioni acute o croniche (dovute a una diminuzione del livello dei leucociti nel sangue);
  • ulcerazione della zona orofaringea (è interessata la mucosa della bocca, della lingua, delle guance, delle gengive e della faringe);
  • giallo della pelle (un sintomo di danno al fegato).

Diagnosi di anemia aplastica

Quando si osserva un esame del sangue biochimico:

  • aumento del ferro sierico;
  • saturazione della transferrina (una proteina che trasporta il ferro) con il ferro del 100%;
  • aumento della bilirubina;
  • aumento della lattato deidrogenasi.
La puntura del cervello rosso e il successivo esame istologico rivelano:
  • sottosviluppo di tutti i germi (eritrocitici, granulocitici, linfocitici, monocitici e macrofagi);
  • sostituzione del midollo osseo con grasso (midollo osseo giallo).
Tra i metodi di ricerca strumentale, al paziente possono essere assegnati:
  • esame ecografico degli organi parenchimali;
  • elettrocardiografia (ECG) ed ecocardiografia;
  • fibrogastroduodenoscopia;
  • colonscopia;
  • Scansione TC.

Trattamento dell'anemia aplastica

Con cure di supporto adeguatamente selezionate, la condizione dei pazienti con anemia aplastica migliora in modo significativo.

Nel trattamento dell'anemia aplastica, al paziente viene prescritto:

  • farmaci immunosoppressori (p. es., ciclosporina, metotrexato);
  • glucocorticosteroidi (ad esempio metilprednisolone);
  • immunoglobuline anti-linfocitiche e antipiastriniche;
  • antimetaboliti (ad esempio, fludarabina);
  • eritropoietina (stimola la formazione di globuli rossi e cellule staminali).
Il trattamento non farmacologico include:
  • trapianto di midollo osseo (da un donatore compatibile);
  • trasfusione di componenti del sangue (eritrociti, piastrine);
  • plasmaferesi (purificazione meccanica del sangue);
  • rispetto delle regole di asepsi e antisettici al fine di prevenire lo sviluppo di infezioni.
Inoltre, con un decorso grave di anemia aplastica, il paziente può aver bisogno di un trattamento chirurgico, in cui viene rimossa la milza (splenectomia).

A seconda dell'efficacia del trattamento, il paziente con anemia aplastica può manifestare:

  • remissione completa (attenuazione o completa scomparsa dei sintomi);
  • remissione parziale;
  • miglioramento clinico;
  • nessun effetto del trattamento.

L'efficacia del trattamento

Remissione completa

Remissione parziale

Miglioramento clinico

Mancanza di effetto terapeutico

  • un indice di emoglobina superiore a cento grammi per litro;
  • una conta dei granulociti superiore a 1,5 x 10 al nono grado per litro;
  • conta piastrinica superiore a 100 x 10 al nono grado per litro;
  • non c'è bisogno di trasfusioni di sangue.
  • un indice di emoglobina superiore a ottanta grammi per litro;
  • conta dei granulociti superiore a 0,5 x 10 al nono grado per litro;
  • conta piastrinica superiore a 20 x 10 al nono grado per litro;
  • non c'è bisogno di trasfusioni di sangue.
  • emocromo migliorato;
  • ridurre la necessità di trasfusioni di sangue sostitutive per due mesi o più.
  • non ci sono miglioramenti nella conta ematica;
  • c'è bisogno di trasfusioni di sangue.

Anemia emolitica

L'emolisi è la distruzione prematura dei globuli rossi. L'anemia emolitica si sviluppa quando l'attività del midollo osseo non è in grado di compensare la perdita di globuli rossi. La gravità del decorso dell'anemia dipende dal fatto che l'emolisi degli eritrociti sia iniziata gradualmente o bruscamente. L'emolisi graduale può essere asintomatica, mentre l'anemia nell'emolisi grave può essere pericolosa per la vita e causare angina pectoris e scompenso cardiopolmonare.

L'anemia emolitica può svilupparsi a seguito di malattie ereditarie o acquisite.

Per localizzazione, l'emolisi può essere:

  • intracellulare (p. es., anemia emolitica autoimmune);
  • intravascolare (p. es., trasfusione di sangue incompatibile, coagulazione intravascolare disseminata).
Nei pazienti con emolisi lieve, i livelli di emoglobina possono essere normali se la produzione di globuli rossi corrisponde alla velocità della loro distruzione.

Cause dell'anemia emolitica

La distruzione prematura dei globuli rossi può essere associata ai seguenti motivi:

  • difetti di membrana interni di erythrocytes;
  • difetti nella struttura e sintesi della proteina dell'emoglobina;
  • difetti enzimatici negli eritrociti;
  • ipersplenomegalia (ingrossamento del fegato e della milza).
Le malattie ereditarie possono causare emolisi a seguito di anomalie nella membrana eritrocitaria, difetti enzimatici e anomalie nell'emoglobina.

Esistono le seguenti anemie emolitiche ereditarie:

  • enzimopatia (anemia, in cui vi è una mancanza di enzima, carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi);
  • sferocitosi ereditaria o malattia di Minkowski-Shoffard (eritrociti di forma sferica irregolare);
  • talassemia (violazione della sintesi delle catene polipeptidiche che fanno parte della struttura dell'emoglobina normale);
  • anemia falciforme (un cambiamento nella struttura dell'emoglobina porta al fatto che i globuli rossi assumono una forma falciforme).
Le cause acquisite dell'anemia emolitica comprendono disturbi immunitari e non immunitari.

I disturbi immunitari sono caratterizzati da anemia emolitica autoimmune.

I disturbi non immunitari possono essere causati da:

  • pesticidi (ad esempio pesticidi, benzene);
  • medicinali (ad esempio, farmaci antivirali, antibiotici);
  • danno fisico;
  • infezioni (come la malaria).
L'anemia emolitica microangiopatica porta alla produzione di globuli rossi frammentati e può essere causata da:
  • una valvola cardiaca artificiale difettosa;
  • coagulazione intravascolare disseminata;
  • sindrome emolitica uremica;
  • porpora trombocitopenica.

Sintomi dell'anemia emolitica

I sintomi e le manifestazioni dell'anemia emolitica sono vari e dipendono dal tipo di anemia, dal grado di compensazione e anche dal tipo di trattamento ricevuto dal paziente..

Va notato che l'anemia emolitica può essere asintomatica e l'emolisi viene rilevata incidentalmente durante i test di laboratorio di routine..

Con l'anemia emolitica, possono verificarsi i seguenti sintomi:

  • pallore della pelle e delle mucose;
  • unghie fragili;
  • tachicardia;
  • aumento dei movimenti respiratori;
  • abbassamento della pressione sanguigna;
  • giallo della pelle (a causa di un aumento del livello di bilirubina);
  • possono verificarsi ulcere sulle gambe;
  • iperpigmentazione della pelle;
  • manifestazioni gastrointestinali (p. es., dolore addominale, feci disturbate, nausea).
Va notato che con l'emolisi intravascolare, il paziente ha una carenza di ferro dovuta all'emoglobinuria cronica (presenza di emoglobina nelle urine). A causa della carenza di ossigeno, la funzione cardiaca è compromessa, il che porta allo sviluppo di sintomi nel paziente come debolezza, tachicardia, mancanza di respiro e angina pectoris (con grave anemia). A causa dell'emoglobinuria, il paziente ha anche urine scure..

L'emolisi prolungata può portare allo sviluppo di calcoli biliari a causa del metabolismo della bilirubina alterato. In questo caso, i pazienti possono lamentare dolore addominale e colore della pelle color bronzo..

Diagnostica dell'anemia emolitica

In un esame del sangue generale, c'è:

  • diminuzione dei livelli di emoglobina;
  • una diminuzione del livello dei globuli rossi;
  • aumento dei reticolociti.
La microscopia degli eritrociti rivela la loro forma a falce, così come gli anelli di Kebot e i corpi di Jolly.

Nell'analisi biochimica del sangue si osserva un aumento del livello di bilirubina e l'emoglobinemia (un aumento dell'emoglobina libera nel plasma sanguigno).

È inoltre necessario eseguire un'analisi delle urine per rilevare la presenza di emoglobinuria.

Durante la puntura del midollo osseo, si osserva una grave iperplasia del lignaggio degli eritrociti.

Trattamento dell'anemia emolitica

Esistono molti tipi di anemia emolitica, quindi il trattamento può differire a seconda della causa dell'anemia e del tipo di emolisi.

Nel trattamento dell'anemia emolitica, al paziente possono essere prescritti i seguenti farmaci:

  • Acido folico. Viene prescritta una dose profilattica di acido folico perché l'emolisi attiva può consumare folati e successivamente portare allo sviluppo di megaloblastosi.
  • Glucocorticosteroidi (p. Es., Prednisolone) e immunosoppressori (p. Es., Ciclofosfamide). Questi gruppi di farmaci sono prescritti per l'anemia emolitica autoimmune.
  • Trasfusione di massa eritrocitaria. Gli eritrociti lavati vengono selezionati individualmente per il paziente, poiché esiste un alto rischio di distruzione del sangue trasfuso.
Splenectomia
La splenectomia può essere la prima opzione nel trattamento di alcuni tipi di anemia emolitica, come la sferocitosi ereditaria. In altri casi, come l'anemia emolitica autoimmune, la splenectomia è raccomandata quando altri trattamenti hanno fallito.

Terapia del ferro
Nell'anemia emolitica, nella maggior parte dei casi l'uso di preparati di ferro è controindicato. Ciò è dovuto al fatto che i livelli di ferro non diminuiscono con questa anemia. Tuttavia, se il paziente ha un'emoglobinuria costante, si verifica una significativa perdita di ferro dal corpo. Pertanto, se viene rilevata una carenza di ferro, al paziente può essere prescritto un trattamento appropriato..

Anemia post-emorragica

Sintomi dell'anemia post-emorragica

Le manifestazioni dell'anemia dipenderanno dai seguenti fattori:

  • quanto sangue è stato perso;
  • quanto velocemente è la perdita di sangue.
I sintomi dell'anemia post-emorragica sono:
  • debolezza;
  • vertigini;
  • pallore della pelle;
  • palpitazioni;
  • dispnea;
  • nausea;
  • sezione di capelli e unghie fragili;
  • rumore nelle orecchie;
  • mosche lampeggianti davanti agli occhi;
  • sete.
In caso di perdita di sangue acuta, il paziente può sviluppare uno shock emorragico.

Esistono quattro gradi di shock emorragico.

Anemia: cause, tipi di sintomi e trattamento

L'anemia è un basso contenuto di globuli rossi funzionalmente completi (eritrociti) nel sangue, questa condizione è anche chiamata bassa emoglobina (leggi di più nell'articolo: cause e sintomi dell'emoglobina bassa). L'anemia può svilupparsi in una persona che soffre di molte altre malattie. Quantitativamente, è espresso dal grado di diminuzione della concentrazione di emoglobina - il pigmento contenente ferro degli eritrociti, che conferisce al sangue un colore rosso.

Ogni adulto ha incontrato il termine anemia almeno una volta nella vita. Questa condizione patologica è comunemente chiamata anemia. La maggior parte delle persone tratta l'anemia come una malattia non grave e senza nemmeno rendersi conto dell'entità del danno che può causare alla salute umana. Allora, cos'è l'anemia e quali sono i suoi sintomi principali? Devi capire questo problema.

Anemia - che cos'è?

Il sangue umano è una miscela di una base liquida (plasma) e di elementi cellulari solidi che si muovono liberamente al suo interno. Queste cellule del sangue sono rappresentate da piastrine, eritrociti e leucociti. Ogni elemento svolge la propria funzione nel corpo. Le piastrine sono responsabili della normale coagulazione del sangue, i leucociti mantengono il sistema immunitario normale ei globuli rossi trasportano ossigeno.

Se il livello di eritrociti (emoglobina) diminuisce, il che può essere dovuto a vari motivi, la persona sviluppa anemia. Pertanto, l'anemia è un disturbo caratterizzato da una diminuzione della concentrazione di emoglobina nel sangue, molto spesso questo processo è accompagnato da una diminuzione del numero di globuli rossi o del loro volume totale..

Gli eritrociti sono "nati" nel midollo osseo rosso da composti proteici e componenti non proteici. La loro crescita richiede l'eritropoietina, che è prodotta dai reni. Gli eritrociti trasportano l'ossigeno dai polmoni ai tessuti e alle cellule di tutti gli organi interni. Da loro, prendono l'anidride carbonica e la trasportano ai polmoni in modo che venga rimossa all'esterno. Gli eritrociti vivono per circa 120 giorni, dopodiché vengono inviati alla milza, dove vengono smaltiti. Le frazioni non proteiche vengono escrete e il corpo utilizza le frazioni proteiche per creare nuovi globuli rossi.

Un eritrocita sano è rappresentato da una componente proteica, inoltre contiene l'emoglobina, che trasporta il ferro. È grazie all'emoglobina che gli eritrociti hanno un colore rosso, ed è lui che aiuta a trasportare l'ossigeno e l'anidride carbonica con il flusso sanguigno. Le molecole di emoglobina che "cavalcano" sugli eritrociti vengono portate con il flusso sanguigno nei polmoni, lì si attaccano alle molecole di ossigeno e tutte con lo stesso flusso sanguigno vengono inviate alle cellule degli organi. Le molecole di emoglobina danno loro una molecola di ossigeno e ad esse è attaccata una molecola di anidride carbonica. Quindi i globuli rossi contenenti emoglobina con anidride carbonica vengono inviati ai polmoni, dove l'anidride carbonica viene staccata dall'emoglobina ed escreta. Pertanto, per il corretto funzionamento di tutti gli organi, il livello normale dei globuli rossi e dell'emoglobina nel sangue è così importante. Se, per un motivo o per l'altro, la loro concentrazione diminuisce, il trasporto di ossigeno e anidride carbonica viene interrotto e la persona sviluppa anemia. Inoltre, con l'anemia, il livello di emoglobina diminuirà sempre e il livello di eritrociti può rimanere entro i limiti normali..

I principali sintomi dell'anemia sono: aumento della stanchezza, pallore della pelle, sonnolenza, irritabilità e vertigini. Più grave è l'anemia, più intensi saranno i suoi sintomi..

Esistono tre gradi di anemia:

Anemia di primo grado o lieve, quando il livello di emoglobina è di 90 g / L.

L'anemia moderata è caratterizzata da un livello di emoglobina di 70-90 g / l.

Una grave anemia si sviluppa nelle persone che hanno meno di 70 g / l di emoglobina nel sangue.

Secondo le statistiche, le donne hanno maggiori probabilità di soffrire di anemia rispetto agli uomini.

Codice ICB 10

Il codice microbico 10 assegnato all'anemia sarà diverso a seconda del tipo di malattia:

L'anemia da carenza di ferro, che include l'anemia sideropenica e ipocromica, ha un codice D50.

L'anemia da carenza di ferro secondaria (cronica) dovuta a perdita di sangue ha un codice D50.0.

Se la causa dell'anemia da carenza di ferro non può essere chiarita, viene assegnato il codice D50.9.

Altre anemie da carenza di ferro hanno un codice D50.8.

Codice D51 assegnato all'anemia da carenza di vitamina B12.

L'anemia da carenza di acido folico ha un codice D52 /

Le anemie emolitiche, a seconda del fattore che ha provocato il loro sviluppo, sono codificate da μb 10 D55-59.

Aplastiche e altre anemie hanno un codice D60-64.

Sintomi

I sintomi comuni dell'anemia includono:

Cambiamenti nella pelle: il derma diventa pallido, squamoso, freddo al tatto. A volte la pelle diventa giallastra.

Il paziente ha una maggiore debolezza e sonnolenza, spesso si verificano vertigini. Se l'anemia è grave, il paziente avrà svenimenti..

Il bianco degli occhi diventa giallastro.

Può verificarsi mancanza di respiro.

I muscoli non sono sufficientemente tonificati.

La persona inizia a sudare più spesso e copiosamente. Il sudore è freddo e umido.

Possibili disturbi dell'apparato digerente: diarrea e vomito.

Una leggera sensazione di formicolio si verifica negli arti inferiori e superiori..

La pressione con l'anemia è più spesso ridotta.

Il battito cardiaco diventa più frequente, sono possibili sensazioni dolorose al petto.

La milza aumenta di dimensioni.

Se questi sintomi caratterizzano lo sviluppo dell'anemia in generale, allora separatamente è necessario considerare i segni specifici per vari tipi di anemia:

Anemia da carenza di ferro. L'anemia da carenza di ferro si manifesta principalmente con la sindrome ipossica circolatoria, che si sviluppa sullo sfondo dell'ipossia tissutale. Una persona sperimenta continuamente debolezza e stanchezza, è perseguitata dalla sonnolenza e dall'acufene, le "mosche" spesso appaiono davanti ai suoi occhi. Le vertigini possono trasformarsi in svenimenti se l'anemia non viene trattata e progredisce. Con lo sforzo fisico, il battito cardiaco aumenta in modo significativo, si sviluppa mancanza di respiro.

Inoltre, l'anemia da carenza di ferro è caratterizzata dalla sindrome sideropenica, che si sviluppa sullo sfondo di una mancanza di enzimi nei tessuti che contengono ferro. Questo fatto provoca cambiamenti nella pelle, che diventa secca. Le unghie si rompono, i capelli iniziano a cadere. La distorsione del gusto è possibile quando una persona vuole mangiare gesso o terra. Inoltre, il paziente sviluppa dispepsia e disuria..

Tutti i pazienti con anemia da carenza di ferro sono caratterizzati da maggiore irritabilità e labilità emotiva. Segnalano danni alla memoria e ad altre capacità mentali..

L'anemia comporta una violazione dell'attività fisiologica dell'immunoglobulina lgA, quindi una persona inizia a ammalarsi di infezioni virali più spesso.

Anemia da carenza di acido folico. L'anemia da carenza di acido folico si riferisce all'anemia megaloblastica, che si sviluppa con disturbi dell'ematopoiesi del midollo osseo sullo sfondo di una mancanza di acido folico (vitamina B9).

Molto spesso i giovani e le donne incinte soffrono di anemia da carenza di folati. I sintomi principali sono la pelle pallida, che emana un leggero giallo, aumento del battito cardiaco, ipertensione, frequenti capogiri.

Si osservano disturbi del tratto digestivo, ma non sono così pronunciati come nell'anemia da carenza di vitamina B12. Possibile sviluppo di anoressia, gastrite, ingrossamento delle dimensioni del fegato.

L'anemia da carenza di acido folico può aggravare il decorso di alcune malattie (schizofrenia, epilessia, psicosi). Durante la gravidanza, una mancanza di acido folico può portare a un ritardo nello sviluppo fetale o alla nascita di un bambino con vari difetti.

Anemia da carenza di vitamina B12. L'anemia da carenza di vitamina B12 si sviluppa sullo sfondo di una carenza di vitamina B12 nel corpo, che viene fornita dall'esterno in quantità insufficienti o non viene assorbita dall'organismo.

Il disturbo è caratterizzato da aumento della debolezza, palpitazioni cardiache, frequenti capogiri, mancanza di respiro sullo sfondo di una minore attività fisica. La temperatura corporea può rimanere leggermente elevata. La pelle del paziente è pallida, con una sfumatura giallastra, il viso è leggermente gonfio. Il decorso a lungo termine dell'anemia da carenza di vitamina B12 può portare allo sviluppo di insufficienza cardiaca e distrofia miocardica.

L'appetito del paziente peggiora, le feci diventano instabili, il fegato aumenta di dimensioni. Un sintomo distintivo dell'anemia da carenza di vitamina B12 è l'arrossamento della lingua, che diventa letteralmente cremisi. Inoltre, i pazienti spesso soffrono di glossite, lamentano dolore e sensazione di bruciore alla lingua..

Una sensazione di rigidità alle gambe e alle braccia, il loro intorpidimento, debolezza muscolare, che interrompe l'andatura di una persona, insegue i pazienti. A volte si osserva incontinenza fecale e urinaria.

Tra i disturbi mentali: insonnia, allucinazioni, demenza mentale, depressione, psicosi.

Anemia aplastica. L'anemia aplastica è una grave malattia del sistema ematopoietico (di tutti e tre i rami).

L'anemia si sviluppa in modo acuto, una persona sperimenta una grave debolezza, si stanca rapidamente e il rumore appare nelle orecchie. La pelle e le mucose diventano pallide, al petto compaiono dolori di cucitura. La dispnea si sviluppa sotto sforzo.

Le petecchie appaiono sulla pelle come una piccola eruzione cutanea rossa. Le gengive sanguinano, il paziente ha spesso sangue dal naso, le mestruazioni diventano abbondanti e prolungate.

Sullo sfondo di una diminuzione dell'immunità, una persona diventa suscettibile a varie infezioni. Allo stesso tempo, non perde peso.

L'anemia aplastica di decorso grave è associata al rischio di morte per emorragia negli organi interni. Le anemie aplastiche congenite, ad esempio l'anemia di Fanconi, sono accompagnate da ipoplasia del tessuto renale, anomalie dello sviluppo degli arti superiori, perdita dell'udito, ecc..

Anemia emolitica. L'anemia emolitica è caratterizzata da un accorciamento del ciclo di vita degli eritrociti, che porta alla loro rapida morte, quando i nuovi eritrociti non sono ancora maturati. Le anemie emolitiche possono essere congenite e acquisite.

Tra le anemie ereditarie, la malattia di Minkowski-Shoffard viene spesso diagnosticata. La malattia può manifestarsi a qualsiasi età, ma molto spesso viene appresa durante la pubertà. Durante un'esacerbazione, la temperatura corporea di una persona aumenta, compaiono vertigini e debolezza. Il periodo acuto è caratterizzato da dolore addominale, ingiallimento della pelle. Le feci diventano marrone scuro. Possibili attacchi di colica biliare sullo sfondo della formazione di calcoli nella cistifellea.

Per quanto riguarda le anemie emolitiche acquisite, le anemie causate da malattie autoimmuni si riscontrano più spesso di altre. Tale anemia si sviluppa improvvisamente, caratterizzata da un aumento della temperatura corporea, mancanza di respiro, dolore alla parte bassa della schiena e all'addome. La debolezza aumenta bruscamente, la pelle può ingiallire molto rapidamente. A volte, i pazienti con anemia emolitica autoimmune non possono stare al freddo perché sviluppano orticaria e sindrome di Raynaud. I capillari ricevono meno sangue, il che porta alla formazione di cancrena delle dita delle mani e dei piedi.

Anemia post-emorragica. Questo tipo di anemia si sviluppa con sanguinamento (acuto e cronico). Nelle prime 24 ore dopo una perdita di sangue acuta, la vittima aumenta la debolezza, la pelle mantiene un'ombra pallida, si sviluppa mancanza di respiro, la testa gira, la temperatura corporea diminuisce, appare il sudore freddo. La pressione diminuisce, il polso accelera, ma diventa molto debole. Tutti gli organi interni soffrono di anemia. Tale anemia è particolarmente pericolosa per i bambini di età inferiore a un anno..

Se l'emorragia era massiccia, i segni di anemia si svilupperanno molto rapidamente, la pressione calerà bruscamente, il polso diventerà filiforme, la coscienza sarà inibita. Possono verificarsi vomito e convulsioni, fino allo sviluppo di coma e arresto cardiaco.

Se l'emorragia è cronica, i sintomi dell'anemia crescono lentamente, le sue manifestazioni sono sfocate, poiché il corpo ha il tempo di attivare i meccanismi di compensazione.

Anemia nelle donne in gravidanza. Se l'anemia si sviluppa in una donna incinta, soffrirà di insonnia, inizierà a perseguire frequenti capogiri, nausea, mancanza di respiro, debolezza. La condizione dei capelli e delle unghie si deteriora, la pelle sarà secca e pallida. La distorsione del gusto è comune.

Le ragioni

Una varietà di fattori può portare a una diminuzione del livello di emoglobina nel sangue. Il più comune di questi è la mancanza di oligoelementi di cui il corpo ha bisogno per svolgere la normale eritropoiesi. Indipendentemente dalla fascia di età dei pazienti e dal loro sesso, l'anemia in essi è principalmente causata da una carenza di ferro e acido folico, meno spesso l'anemia si sviluppa con una mancanza di vitamina B12. Tuttavia, non possono essere esclusi altri fattori che influenzano lo sviluppo di questo disturbo:

Anemia dovuta ad anomalie genetiche. Le malattie ereditarie possono portare allo sviluppo di anemia, tra cui:

Emoglobinopatie associate a cambiamenti patologici nella struttura delle molecole di emoglobina.

Anemia di Fanconi, che si sviluppa sullo sfondo di carenza di cellule staminali e carenza nel sistema di riparazione del DNA nei fibrinoblasti.

Violazione della produzione di enzimi negli eritrociti.

Danno nella struttura cellulare degli eritrociti.

Disturbi nella formazione dei globuli rossi.

Sindrome di Bassen-Kornzweig, in cui vi è una carenza di lipoproteine ​​nelle cellule intestinali. Ciò comporta un'interruzione dell'assorbimento dei nutrienti.

Malattia di Minkowski-Shoffard, caratterizzata da un difetto nella membrana dei globuli rossi che conferisce loro una forma a palla.

Anemia dovuta a carenze nutrizionali. Se una persona non riceve sostanze nutritive dagli alimenti inclusi nella sua dieta, sviluppa anemia. Una carenza di sostanze come ferro, acido folico, acido ascorbico, vitamina B12, riboflavina, rame, cobalto può dare inizio ai disturbi. Spesso, l'anemia si sviluppa nelle persone affamate che tendono ad aderire a una dieta senza consiglio medico.

Anemia fisica. L'anemia può essere scatenata da gravi ustioni, traumi con conseguente sanguinamento interno o esterno e congelamento.

Anemia che si sviluppa sullo sfondo di malattie croniche o sullo sfondo della presenza di un tumore nel corpo. Le seguenti malattie possono portare allo sviluppo di anemia:

Disturbi renali, come la tubercolosi o la glomerulonefrite.

Patologie epatiche come epatite o cirrosi.

Malattie dell'apparato digerente: ulcera, gastrite, colite, morbo di Crohn.

Malattie sistemiche come l'artrite reumatoide o il lupus eritematoso sistemico.

Neoplasie benigne e maligne: fibromi uterini, polipi intestinali, tumori renali o polmonari.

Anemia, che si manifesta quando un'infezione entra nel corpo. L'anemia può derivare da malattie virali, batteriche e parassitarie. Quindi, le seguenti infezioni virali portano allo sviluppo di anemia: mononucleosi, epatite, infezione da citomegalovirus. In termini di sviluppo dell'anemia, le seguenti malattie batteriche sono pericolose: tubercolosi degli organi interni, leptospirosi, malattia polmonare ostruttiva. La malaria, la toxoplasmosi e la leishmaniosi possono causare anemia.

Anemia dovuta a farmaci o avvelenamento. In termini di sviluppo dell'anemia, è pericoloso che le seguenti sostanze entrino nel corpo:

Farmaci antibatterici e citostatici, FANS, farmaci antitiroidei, farmaci per il trattamento dell'epilessia.

Gli effetti delle radiazioni sul corpo.

Separatamente, è necessario considerare le cause dell'anemia, a seconda del tipo di violazione:

Cause dell'anemia da carenza di ferro. L'anemia da carenza di ferro può essere causata dal fatto che il ferro viene fornito al corpo con determinati disturbi. Ad esempio, se una persona è un aderente alla cucina vegetariana, allora si limita ai prodotti animali. Mentre fegato, carne, pesce, uova e latticini sono fonti di ferro in sé. Inoltre contengono componenti che ne facilitano l'assorbimento da parte dell'organismo..

Spesso una persona semplicemente non è in grado di permettersi di acquistare cibo per soddisfare i bisogni del suo corpo.

Le malattie dello stomaco e dell'intestino comportano il malassorbimento di molti componenti, compreso il ferro.

A volte il corpo ha un maggiore bisogno di ferro. Ciò avviene durante la gravidanza, durante l'allattamento, durante i periodi di crescita attiva del bambino, in presenza di patologie croniche. Se durante tali periodi non rivedi la tua dieta, l'anemia si svilupperà sicuramente e danneggerà la tua salute..

Naturalmente, con lo sviluppo del sanguinamento, il ferro verrà rapidamente escreto dal corpo insieme al sangue. Il suo livello diminuirà più velocemente, più massiccia sarà la perdita di sangue..

Le cause dell'anemia da carenza di folati. Lo sviluppo di questo tipo di anemia è causato da una mancanza di vitamina B9 nel corpo a causa della sua insufficiente assunzione insieme al cibo. Con la cirrosi epatica e con altre gravi patologie, l'acido folico verrà escreto dal corpo in quantità eccessive.

La celiachia, l'alcolismo e i farmaci possono interferire con l'assorbimento dell'acido folico nell'intestino. Il cancro che cresce in vari organi porta alla formazione di anemia da carenza di folati. Naturalmente, il corpo di una donna incinta avrà bisogno di questo oligoelemento in modo particolarmente acuto..

Cause dell'anemia da carenza di vitamina B12. Errori nella nutrizione possono portare allo sviluppo di anemia da carenza di vitamina B12 quando questo oligoelemento non viene fornito con il cibo in quantità sufficienti..

Pericolose a questo proposito sono malattie come: disbatteriosi, infezioni intestinali, gastrite atrofica, cancro allo stomaco, cirrosi epatica.

È imperativo coprire il fabbisogno di vitamina B12 in un momento in cui il corpo ne ha particolarmente bisogno, ad esempio durante la gestazione, durante l'allenamento sportivo attivo, durante i periodi di rapida crescita.

Cause dell'anemia aplastica. L'anemia aplastica può svilupparsi a seguito di malattie congenite come l'anemia di Fanconi o l'anemia di Diamond-Blackfen, o quando si assumono farmaci del gruppo FANS, se trattati con citostatici e antibiotici.

Tutti i motivi che sono stati menzionati sopra potrebbero dare origine ad anemia aplastica. In misura minore, la sua manifestazione è influenzata da errori nella nutrizione. Tuttavia, con una marcata carenza di vitamina B12 e acido folico, si svilupperà necessariamente l'anemia aplastica.

Cause dell'anemia emolitica. L'anemia emolitica si sviluppa quando vengono distrutti gli eritrociti, che non hanno raggiunto la loro vecchiaia naturale. Ciò può verificarsi quando la loro membrana è danneggiata, in caso di violazioni nel processo di produzione di emoglobina, con difetti enzimatici, sullo sfondo di malattie del fegato e della milza. Esistono anche malattie congenite che possono causare anemia emolitica, tra cui: malattia di Minkowski-Shoffard, enzimopatie, talassemia, anemia falciforme.

Altri motivi che possono causare un tale disturbo nel corpo includono: malattie infettive, avvelenamento con veleni, assunzione di farmaci, sindrome DIC, sindrome emolitica uremica, porpora trombocitopenica.

Cause dell'anemia post-emorragica. L'anemia post-emorragica è causata da una perdita di sangue acuta o cronica. Se il sanguinamento acuto non è difficile da rilevare, poiché sarà ovvio, ad esempio, dopo un infortunio, sanguinamento uterino, rottura di un tubo, il sanguinamento cronico può rimanere non diagnosticato per molto tempo. Spesso accompagna ulcere gastriche, tumori maligni che crescono nel corpo, fibromi uterini e altre condizioni. Di norma, l'anemia nella perdita di sangue cronica può essere rilevata durante l'esame di laboratorio..

Cause di anemia nelle donne in gravidanza. Durante la gravidanza, gli indicatori di eritrociti ed emoglobina possono diminuire leggermente, il che è una variante della norma. Questo processo è causato dai cambiamenti nel corpo della donna. Tuttavia, lo sviluppo di una vera anemia, che rappresenta una minaccia per la salute della madre e del bambino, non può essere escluso..

Può essere innescato da disturbi nell'assorbimento del ferro, espressi dal vomito sullo sfondo della tossicosi. L'anemia è più comune tra le donne che portano diversi bambini, piuttosto che uno. Le malattie croniche possono complicare il corso della gravidanza e causare anemia, ad esempio patologie come l'epatite o la pielonefrite.

L'anemia è pericolosa??

L'anemia è pericolosa per la salute umana, soprattutto se rimane a lungo non trattata. Questa condizione porta a gravi cambiamenti patologici nel corpo, che sono spesso irreversibili..

L'anemia porta ad un indebolimento delle difese del corpo, quindi una persona inizia a ammalarsi più spesso, non è più in grado di resistere a virus, batteri, parassiti e funghi come prima.

Il corpo innesca meccanismi compensatori, aumentando il carico sul sistema cardiovascolare. I loro tessuti si consumano rapidamente, il che aumenta la probabilità di insufficienza cardiaca..

La sfera psicoemotiva soffre, la persona diventa irritabile, sviluppa disturbi neurologici. Deterioramento dell'attenzione e della memoria, alterazioni dell'olfatto e del gusto.

L'anemia colpisce il funzionamento di tutti gli organi, compreso il funzionamento del tratto gastrointestinale, del sistema respiratorio, degli organi visivi.

L'anemia è molto pericolosa per le donne incinte. La carenza di ferro nei primi 2 trimestri di gravidanza raddoppia il rischio di parto pretermine, tre volte più spesso i bambini di tali madri nascono sottopeso. Il bambino stesso nasce con l'anemia. Ciò porta a un ritardo nel suo sviluppo, che non può essere eliminato fino a quando il bambino non è guarito dall'anemia. In futuro, questi bambini saranno inclini al verificarsi di patologie cardiovascolari..

Una grave complicanza dell'anemia è il coma ipossico, che può essere fatale.

Diagnostica

Esame del paziente nell'ufficio del dottore e presa dell'anamnesi

Il medico chiarirà i seguenti punti con il paziente:

Dov'è nata la persona e dove vive?.

Qual è il suo hobby, ad esempio, fa sport o conduce uno stile di vita sedentario.

Il paziente si sente spesso svenire, si stanca velocemente durante il giorno?.

Quali prodotti prevalgono nel menu del paziente.

La persona sta attualmente assumendo farmaci o li ha presi prima, ma da molto tempo.

Alla donna viene chiesto quante volte è stata incinta e quante gravidanze sono finite con parto, aborto, aborti spontanei. Il medico chiede alla paziente la natura del suo sanguinamento mestruale.

Il medico scopre se il paziente soffre di malattie dell'apparato digerente.

È necessario chiarire se una persona ha recentemente subito lesioni che sono state accompagnate da una massiccia perdita di sangue.

La persona ha notato che sta perdendo peso drasticamente o, al contrario, sta ingrassando?.

È necessario chiarire se il paziente soffre di perdita di capelli e unghie fragili.

Il paziente ha dei reclami sulle condizioni della cavità orale e della lingua.

Il paziente avverte intorpidimento degli arti.

Se i parenti di sangue stretti del paziente hanno sofferto di anemia.

La milza è stata rimossa dal parente più prossimo.

Una persona soffre di malattie del cuore e dei vasi sanguigni, di malattie dei reni o del fegato.

Durante l'esame, il medico dovrebbe prestare attenzione ai seguenti punti:

Pallore della pelle, disturbi della pigmentazione, ingiallimento della pelle, presenza di emorragie sottocutanee, angiomi. È inoltre necessario prestare attenzione alle convulsioni agli angoli della bocca..

Linfonodi ingrossati e dolenti, che possono essere un segno di cancro.

Palpazione della zona epigastrica per rilevare aree dolorose, palpazione della milza e del fegato per valutarne le dimensioni.

Mancanza di respiro e rilevamento della respirazione rapida.

Il rilevamento di aree con sensibilità periferica limitata consente di chiarire il funzionamento del sistema nervoso.

Misurazione della pressione sanguigna (con anemia si abbassa), misurazione della frequenza cardiaca, rilevamento di tachicardia.

Test che devono essere superati per rilevare l'anemia:

Il sangue viene prelevato per l'analisi generale al fine di determinare l'ematocrito e calcolare la quantità di emoglobina. Nel corso dello studio viene calcolata la formula dei leucociti.

Indicatori che devono essere interpretati dal medico:

Determina il numero di eritrociti, la loro distribuzione sul volume totale di sangue.

Determinazione della quantità di emoglobina.

Determinazione del numero di reticolociti.

Determinazione degli indicatori dell'ematocrito.

Determinazione dei valori medi di emoglobina nell'eritrocita.

Determinazione del livello dei leucociti.

Determinazione della conta piastrinica.

LHC (analisi del sangue biochimica)

Questo studio fornisce informazioni sullo stato degli organi interni..

Lo studio richiede una valutazione dei seguenti indicatori:

Determinazione del livello di ferritina, che indica le riserve di ferro nel corpo.

Determinazione del livello di transferrina (questa sostanza è responsabile del trasporto del ferro).

Determinazione dei livelli sierici di ferro.

Determinazione della capacità di legare il ferro del siero.

Determinazione dei livelli di folato e vitamina B12.

Determinazione del livello di bilirubina nel sangue.

Questo test può rilevare il sanguinamento gastrointestinale nascosto. 3 giorni prima della consegna delle feci, una persona dovrebbe aderire a una dieta dietetica con restrizione degli alimenti che contengono ferro. È inoltre necessario interrompere l'assunzione di FANS, preparati a base di ferro e lassativi.

La reazione al sangue occulto può essere debolmente positiva, positiva o pronunciata.

La puntura del midollo osseo è possibile per rilevare l'anemia. Durante la procedura, un ago sottile viene inserito nella cresta iliaca o nella cresta dello sterno per rimuovere il midollo osseo per l'esame. È questa sostanza spugnosa che è l'organo principale responsabile dell'emopoiesi. Tutte le cellule del sangue nascono nel midollo osseo.

Per raccogliere il cervello, il paziente viene posto su un fianco su un divano, viene iniettato un anestetico locale e quindi l'ago viene fatto avanzare nella posizione desiderata. La profondità di penetrazione dell'ago è pari a 2 cm nella cavità ossea. Il materiale raccolto viene applicato al vetro, che viene esaminato utilizzando un microscopio..

Il medico sarà interessato all'indice di maturazione dei neutrofili e degli eritroblasti, al numero di elementi cellulari del midollo osseo, al livello di megacarciti e mielocarciti.

Durante la procedura, viene eseguita una biopsia con trapano dell'ileo per calcolare il rapporto tra parenchima, tessuto osseo e cellule adipose.

Metodi di esame strumentale:

Aiuta a fare una diagnosi

Esame a raggi X dei polmoni

Valutazione delle condizioni del tessuto dei polmoni, delle ossa e dei tessuti molli

Esiste la possibilità di rilevare la tubercolosi e il cancro ai polmoni, che possono portare all'anemia

Valutazione delle condizioni dello stomaco, dell'esofago e del duodeno. Durante la procedura, puoi prendere un pezzo di tessuto per l'esame istologico.

È possibile rilevare vene varicose dell'esofago, gastriti, ulcere, polipi, tumori cancerosi. Tutte queste patologie possono provocare anemia..

Valutazione dello stato degli organi interni e dei tessuti molli

È possibile rilevare la cirrosi epatica, l'ingrossamento del fegato e della milza in termini di dimensioni, cancro ai reni e la presenza di calcoli in essi. Gli ultrasuoni possono rilevare i fibromi uterini, la gravidanza ectopica, i tumori uterini.

Valutazione delle condizioni dell'intestino crasso. Per la procedura è possibile applicare l'anestesia.

È possibile rilevare sanguinamento lesioni intestinali ulcerose, colite ulcerosa, morbo di Crohn, diverticoli, escrescenze cancerose.

Valutazione dello stato di vari organi e tessuti. Per ottenere le informazioni più affidabili, è possibile utilizzare un mezzo di contrasto.

È possibile rilevare cirrosi ed epatite del fegato, cancro e tubercolosi dei polmoni o dei reni, nonché altri danni d'organo che possono causare anemia.

Trattamento dell'anemia negli adulti

Il trattamento dell'anemia dovrebbe essere basato sui motivi che l'hanno provocato. L'assunzione di farmaci è un prerequisito per normalizzare il livello della sostanza mancante nel sangue..

Pertanto, i seguenti medicinali possono essere utilizzati nel trattamento dell'anemia:

Sorbifer durules. Questo farmaco è prescritto per pazienti adulti, ma non viene utilizzato per eliminare il piombo e l'anemia videroblastica. Ai fini della profilassi, 1-2 compresse vengono prescritte 1 volta in 24 ore. Se l'emoglobina è notevolmente ridotta, la dose viene aumentata a 4 compresse (2 compresse 2 volte al giorno). La durata della terapia è determinata dal medico. Di regola, il farmaco è ben tollerato dai pazienti.

Piracetam. Questo farmaco è prescritto per il trattamento dell'anemia falciforme. Allo stesso tempo, le capacità mentali del paziente tornano alla normalità, la memoria e l'attenzione migliorano. Il dosaggio varia da 30 a 160 mg / kg al giorno, a seconda della gravità della malattia. Dividi la dose giornaliera in 4 dosi. La somministrazione endovenosa del farmaco è possibile, ma solo in ambiente ospedaliero. Il corso dura 60 giorni.

Fenuls 100. Questo farmaco è prescritto per l'anemia da carenza di ferro. La dose giornaliera è di 1-2 compresse una volta al giorno. Con l'anemia grave, vengono prescritte 2 compresse 2 volte al giorno. La durata del trattamento può essere fino a 4 mesi, ma non inferiore a 30 giorni.

Ferrum Lek. Questo farmaco è prescritto per l'anemia da carenza di ferro. Il corso del trattamento è di 5 mesi. Assegna 1-3 compresse 1-2 volte al giorno o 10-30 ml di sciroppo 1-2 volte al giorno.

Acido folico. È prescritto per l'anemia provocata da radiazioni o farmaci. Ai pazienti adulti vengono prescritti 5 mg di farmaco al giorno. La durata del trattamento è di diverse settimane..

Metipred. Questo farmaco è prescritto per l'anemia ereditaria, l'anemia emolitica e ipoplastica. La dose è selezionata dal medico su base individuale. Il farmaco non può essere utilizzato da solo, poiché dà molti effetti collaterali. Pertanto, viene somministrato solo in ospedale..

Maltofer. Il farmaco è prescritto per il decorso latente dell'anemia, nonché per l'anemia grave da carenza di ferro. Il corso del trattamento può durare diversi mesi..

Prednisolone. È un farmaco ormonale prescritto per l'anemia aplastica congenita e per l'anemia emolitica autoimmune. La dose è selezionata dal medico su base individuale. Può variare tra 5-60 mg al giorno. La durata del trattamento è determinata anche dal medico..

Il paziente riceve cianocobalamina con anemia da carenza di vitamina B12 per 2 settimane alla dose di 1000 mcg.

Inoltre, il trattamento dell'anemia è impossibile senza dieta. Viene selezionato in base al tipo di violazione:

L'anemia da carenza di ferro richiede l'inclusione nel menu di fegato animale, manzo, tacchino, pesce, funghi, legumi, frutta (pere, mele cotogne, mele, prugne). I pazienti dovrebbero assolutamente mangiare cachi e barbabietole.

L'anemia da carenza di B-12 richiede il consumo di carne di maiale, manzo e fegato di pollo, sgombro, maiale, merluzzo, formaggio, uova di gallina, panna acida.

Con l'anemia da carenza di folati, il paziente deve mangiare fegato di animale, pesce grasso, burro e panna acida, uova di gallina e carne di pollo. Utili asparagi, arachidi, legumi, spinaci, prezzemolo, pomodori, carote, arance e cavolo bianco.

Il trattamento chirurgico può essere prescritto per sanguinamento acuto o cronico, in presenza di un tumore canceroso, un polipo sanguinante e sanguinamento uterino. Per l'anemia aplastica, può essere eseguito un trapianto di midollo osseo. A volte trasfusione di sangue, procedura di plasmaferesi.

Quale medico contattare con l'anemia?

Il medico che si occupa di malattie del sangue è un ematologo. Tuttavia, in primo luogo, se trovi segni di anemia, dovresti contattare un terapista e lui, a sua volta, ti invierà un esame del sangue per l'emoglobina e, se necessario, un ematologo.

Prevenzione dell'anemia

A volte le autorità sono impegnate nella prevenzione dell'anemia a livello dell'intero paese. Secondo le raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, se più del 40% degli abitanti della regione soffre di anemia da carenza di ferro, è necessario effettuare una fortificazione. Cioè, i prodotti che sono inclusi nel paniere dei consumatori sono fortificati con ferro.

L'integrazione viene anche definita misure di prevenzione pubblica. Cioè, gli integratori di ferro sono prescritti alle persone a rischio, come le donne incinte. L'OMS raccomanda di assumere 60 mg / kg al giorno nel 2 ° e 3 ° trimestre. Il farmaco continua ad essere assunto durante l'allattamento (per 3 mesi). In America, alle donne incinte vengono prescritti 30 mg / kg di ferro durante l'intero periodo di gestazione..

Le misure di prevenzione primaria per l'anemia comprendono un'alimentazione corretta ed equilibrata, indipendentemente dal sesso e dall'età. Un bambino dovrebbe ricevere 0,5-1,2 mg di ferro ogni giorno e un adulto dovrebbe ricevere 1-2 mg di questo elemento. Il regime dietetico medio consente di ricevere 5-15 mg di ferro al giorno, ma non più del 10-15% di questo componente viene assorbito.

I prodotti animali sono la principale fonte di ferro. Soprattutto si trova nella carne di manzo, agnello e fegato. Meno ferro nel pesce, nel pollo, nella ricotta. Il ferro dei prodotti a base di carne viene assorbito molto meglio del ferro dei cibi vegetali. La biodisponibilità di questo elemento è influenzata dall'assunzione congiunta di ferro con vitamina C. L'acido tannico, al contrario, riduce l'assorbimento di questo elemento. Ce n'è molto nel tè. Gli ftalati, presenti in molti alimenti, influenzano negativamente l'assorbimento del ferro..

Nel mondo moderno, ci sono chiare raccomandazioni per la prevenzione dell'anemia nelle donne incinte, nelle madri che allattano e nei bambini..

L'American Academy of Pediatrics fornisce i seguenti suggerimenti per prevenire l'anemia nei bambini di 1-3 anni:

Ai bambini allattati al seno a termine dovrebbe essere somministrato ferro oltre i 4 mesi di età e prima degli alimenti complementari..

Ai bambini nati a termine che mangiano latte materno e artificiale (50% di ogni tipo di alimento) deve essere somministrato 1 mg di ferro per 1 kg di peso corporeo una volta al giorno. Aggiungere il supplemento all'età di 4 mesi e prima dell'introduzione di alimenti complementari.

I bambini che mangiano latte artificiale ottengono abbastanza ferro dalla formula. Gli integratori di ferro non sono raccomandati per loro. I bambini non possono bere latte vaccino prima di un anno.

La dose giornaliera di ferro per i bambini da sei mesi a un anno è di 11 mg al giorno. Per i cibi complementari, assicurati di usare carne rossa e verdure in cui il contenuto di ferro è alto. Se questo non è sufficiente, il ferro viene prescritto in gocce o sciroppo..

I bambini di 1-3 anni dovrebbero ricevere 7 mg di ferro al giorno. È buono se la sua fonte è carne, verdura e frutta. È anche possibile prescrivere integratori di ferro come parte di multivitaminici complessi o in forma liquida.

Ai bambini prematuri di età inferiore a un anno vengono prescritti 2 mg di ferro per ogni kg di peso corporeo 1 volta al giorno. Questa è la quantità di ferro inclusa nel latte artificiale. Se un bambino è allattato al seno, dal primo mese di vita dovrebbe ricevere 2 mg di ferro per 1 kg di peso corporeo fino a quando non gli vengono introdotti alimenti complementari o viene trasferito alla formula del latte.

Le misure di prevenzione secondaria sono ridotte alla diagnosi precoce dell'anemia. Pertanto, ad ogni esame di un paziente, durante la visita medica, durante gli esami di routine, dovrebbe essere dedicato più tempo possibile a questo problema. Il medico dovrebbe ascoltare i reclami del paziente, fare una storia, prestare attenzione ai sintomi dell'anemia e ai risultati degli esami di laboratorio.

In America, ai fini della prevenzione secondaria dell'anemia nei bambini, viene effettuato uno screening universale (universale) e selettivo. Nel primo caso, tutti i bambini di età inferiore a un anno vengono esaminati per determinare il livello di emoglobina nel sangue. Sono inoltre valutati in base alla loro esposizione a fattori di rischio per l'anemia..

Vivere in famiglie socialmente svantaggiate.

Nascita precoce e basso peso alla nascita.

Intossicazione da bambino con piombo.

Allattare al seno un bambino di età superiore ai 4 mesi senza integrazione di ferro.

L'assunzione da parte del bambino di latte vaccino intero, il consumo di alimenti con contenuto di ferro insufficiente.

Altri fattori di rischio includono:

Ritardo nello sviluppo.

La necessità di cure speciali per un bambino a causa delle sue condizioni di salute.

Se i bambini di 2-5 anni non appartengono al gruppo a rischio, vengono esaminati per l'anemia una volta all'anno. Gli scolari e gli adolescenti vengono controllati solo se l'anemia è già stata diagnosticata nella sua anamnesi o se ci sono altri prerequisiti per condurre un esame completo.

Le donne, dall'adolescenza all'inizio della gravidanza, dovrebbero essere sottoposte a screening per l'anemia ogni 5-10 anni, fino all'ingresso in menopausa. Ogni anno, le donne a rischio vengono esaminate, ad esempio, con mestruazioni troppo abbondanti.

Per rilevare l'anemia, è necessario concentrarsi su emoglobina, ematocrito, indice di colore, MCH e MCV. Se i dati dei test eseguiti indicano lo sviluppo di anemia, al paziente viene prescritto un esame del sangue biochimico con la determinazione di SG, TIBS, SF e NTZH.

L'assunzione preventiva di integratori di ferro è indicata per le persone la cui dieta è limitata nell'assunzione di ferro dal cibo..

Per stabilire una diagnosi di anemia, è necessario donare il sangue per l'analisi. Questo studio non solo determinerà se una persona sta sviluppando anemia, ma chiarirà anche il tipo di disturbo e la sua gravità. Grazie ai test di laboratorio è possibile stabilire anche piccole deviazioni dalla norma.

In caso di anemia, vengono prescritti preparati di ferro, che consentono di coprire la mancanza di questo oligoelemento nel corpo. Di conseguenza, l'emoglobina sale a valori normali. I farmaci per il trattamento dell'anemia da carenza di ferro possono essere prescritti solo da un medico.

L'anemia è un disturbo comune che si trova in ogni 7 residenti in Russia. Inoltre, molte persone non sospettano nemmeno che il livello di emoglobina ed eritrociti nel sangue sia basso. L'anemia si presenta spesso con sintomi come aumento della stanchezza e affaticamento.

L'anemia, o come viene comunemente chiamata, "anemia" è una condizione caratterizzata da una diminuzione del livello di emoglobina e / o globuli rossi nel sangue. La maggior parte dei pazienti, dopo aver appreso la diagnosi, si chiede come trattare l'anemia a casa. Questo è ciò che verrà discusso nell'articolo..


Articolo Successivo
Difetti cardiaci: classificazione, diagnosi, trattamento e prognosi