Sintomi e conseguenze di un aneurisma cerebrale rotto


L'aneurisma è un ingrandimento dell'area del lume arterioso. La rottura di un aneurisma dei vasi cerebrali è una grave complicanza della patologia quando il sangue viene versato nel cervello, causando cambiamenti irreversibili in esso. Nel 30% dei casi, la condizione termina con la morte..

Come si sviluppa la condizione

Nel sito di formazione dell'aneurisma, le pareti dei vasi perdono elasticità, si indeboliscono e non possono resistere al flusso sanguigno. Il risultato è un rigonfiamento, una specie di sacco pieno di sangue. Se l'aneurisma è piccolo e non si manifesta come sintomi, una persona potrebbe non essere nemmeno consapevole della sua presenza nel cervello. Aumentando gradualmente, una volta che la sua integrità viene violata. Il punto debole è la parte superiore, dove si verifica una rottura, che causa un ictus emorragico.

La durata dell'emorragia dura pochi secondi, ma questo è sufficiente perché si verifichino danni al cervello. Di solito, il corpo reagisce rapidamente a una violazione della sigillatura dei vasi. Si verifica uno spasmo riflesso dell'arteria adduttiva, aumenta la formazione di coaguli di sangue nel sito di rottura, il che porta all'interruzione del rilascio di sangue e quindi a salvare la vita di una persona. Quando il processo viene ritardato e l'emorragia continua, si verifica la morte.

Ragioni per il divario

La debolezza della parete arteriosa è spesso genetica. A volte patologie renali, traumi, oncologia, aterosclerosi portano al verificarsi di un aneurisma cerebrale. Quali fattori contribuiscono alla violazione dell'integrità della parete vascolare:

  • aumento dell'attività fisica;
  • ipertensione arteriosa;
  • stress emotivo;
  • assunzione di alcol;
  • malattie infettive accompagnate da febbre alta.

Quando si verifica una rottura, il sangue viene versato nello spazio anatomico o direttamente nel cervello, esercitando una pressione sui tessuti, che si manifesta nei segni caratteristici dell'emorragia cerebrale.

Sintomi

Con la minaccia di rottura, alcuni pazienti (fino al 15%) sviluppano sintomi aspecifici in 1-5 giorni: mal di testa diffuso, manifestazioni neurologiche focali associate alla posizione dell'aneurisma e talvolta convulsioni. Pertanto, quando una persona conosce la patologia, quando la condizione cambia, è meglio consultare immediatamente un medico..

Ma più spesso un attacco emorragico inizia inaspettatamente. Il quadro clinico di ciò che sta accadendo dipende dalla quantità e dalla velocità del sangue versato, dall'area in cui si è verificato il danno:

  • Tra le prime manifestazioni spicca un intenso mal di testa, arriva all'improvviso, viene confrontato dai pazienti con un forte colpo alla testa. Più spesso cattura l'intera testa, a volte è di natura locale.
  • Dopo alcuni secondi, si verificano vertigini, compare il vomito.
  • Il dolore può spesso essere sostituito da confusione o perdita di coscienza. La condizione può durare 20 minuti, a volte diverse ore, a volte si sviluppa un coma.
  • Quando ritorna alla coscienza, il paziente è indebolito, stordito, mal orientato.
  • I disturbi vegetativi sono accompagnati da una respirazione rapida (fino a 20 volte al minuto) e da un aumento della frequenza cardiaca.
  • Le manifestazioni neurologiche sono espresse in grave rigidità dei muscoli occipitali, funzioni oculomotorie compromesse, tremori, paresi, perdita delle funzioni del linguaggio e paralisi. Le convulsioni generalizzate si osservano nel 10% dei pazienti.
  • Con un ematoma nell'area del centro di termoregolazione, si sviluppa un'ipertermia persistente.
  • In alcuni casi, c'è un disturbo mentale, disorientamento nello spazio.

La condizione generale è grave, richiede cure mediche immediate.

Con piccole emorragie, quando si verifica una lacrima o si formano microfessure nella parete dell'aneurisma, una piccola quantità di sangue scorre nel cervello. In questo caso, i sintomi sono sfocati, passano senza perdita di coscienza e vomitano con un leggero aumento della temperatura.

Primo soccorso

Se si sospetta una rottura dell'aneurisma, è necessario il ricovero urgente. Ma in alcune situazioni, quando compaiono sintomi caratteristici, una persona ha bisogno di aiuto immediatamente, altrimenti c'è un alto rischio di morte. Cosa bisogna fare prima che arrivino i medici:

  • Il paziente è sdraiato orizzontalmente, la testa dovrebbe essere in una posizione elevata. Ciò è necessario per garantire il deflusso del sangue venoso e riduce il rischio di sviluppare un edema cerebrale grave..
  • Una persona deve garantire il flusso di ossigeno, per questo sbottonano i bottoni in alto sui vestiti, slacciano la cravatta. Ciò contribuirà a migliorare il flusso sanguigno al cervello, ridurre l'ipossia e ritardare la morte neuronale..
  • In caso di perdita di coscienza, le vie aeree devono essere liberate: le protesi vengono rimosse, la testa viene girata su un lato per evitare l'inalazione di vomito.
  • Per ridurre la diffusione di edema ed emorragia nella testa, vengono applicati oggetti freddi. Va bene qualsiasi cosa a portata di mano, qualsiasi pacchetto dal frigorifero. Il freddo favorisce la vasocostrizione, accelera il processo di coagulazione del sangue.

Le manipolazioni non sempre aiutano con emorragie estese, spesso il paziente muore nei primi minuti dell'attacco. Ma si dovrebbe lottare per la vita di una persona prima che arrivi un'ambulanza. Misure urgenti aiuteranno a ridurre il volume di cambiamenti irreversibili, a salvargli la vita.

Diagnostica

Quando un paziente con un aneurisma viene ricoverato in ospedale, vengono eseguiti test diagnostici:

  • L'esame fisico è necessario per determinare la gravità delle condizioni del paziente, dei disturbi autonomici e neurologici. È difficile diagnosticare con precisione una rottura con questo metodo, ma una diminuzione della pressione sanguigna indica un'emorragia..
  • La tomografia computerizzata: il metodo principale per diagnosticare un aneurisma rotto, consente di ottenere un'immagine del cervello utilizzando i raggi X e un campo elettromagnetico. Lo studio consente di vedere la posizione dei vasi e identificare l'area e il volume del focus patologico. Nel caso in cui l'emorragia si trovi nello spazio subaracnoideo, può essere diagnosticata una rottura dell'aneurisma. Ma questo dispositivo non è disponibile in tutti gli ospedali, quindi non è sempre disponibile.
  • L'angiografia cerebrale viene utilizzata più spesso, è un esame a raggi X utilizzando un mezzo di contrasto. La procedura indicherà la posizione, la forma e le dimensioni dell'aneurisma e l'entità del danno. La tecnica classica prevede l'inserimento di un catetere nella zona inguinale. Nell'angiografia a spirale, la sostanza viene iniettata in una vena.
  • La puntura lombare viene eseguita perforando il canale spinale con campionamento del liquido cerebrospinale e test dinamici del liquido cerebrospinale. In presenza di sangue venoso nel liquido cerebrale, viene determinata la presenza di emorragia nel cervello.

L'esame aiuta a differenziare l'aneurisma rotto da altre patologie, a determinare il grado di cambiamenti distruttivi nel cervello, a scegliere le tattiche di trattamento più appropriate per stabilizzare la condizione.

Trattamento

Il trattamento dell'aneurisma mira a prevenire la nuova emorragia e le conseguenze della rottura. Il metodo principale è la chirurgia. Il medico sceglie il metodo di intervento chirurgico in base a:

  • posizione dell'aneurisma;
  • le condizioni del paziente;
  • la gravità delle violazioni;
  • intervallo di tempo trascorso dopo la pausa.

Quali tipi di operazioni esistono:

  • Ritaglio. Il metodo microchirurgico viene utilizzato più spesso, prevede il bloccaggio della base o del corpo dell'aneurisma con una clip per spegnerlo dal flusso sanguigno, senza violare la sua integrità. Per le manipolazioni è necessaria la craniotomia, quindi l'operazione è considerata la più difficile, ma consente di ottenere l'accesso diretto all'area danneggiata. Inoltre, l'intervento aperto viene utilizzato quando si avvolge la nave danneggiata con muscoli o garze chirurgiche per rafforzarla.
  • Metodo endovascolare. Il metodo non prevede l'apertura del cranio, si effettua tramite catetere attraverso l'arteria femorale. Quindi il tubo viene spinto attraverso i vasi nel cervello fino alla parte danneggiata dell'arteria. Alla fine c'è una spirale, con l'aiuto della quale viene chiusa la sporgenza. Successivamente, viene trombizzato, non consente alla cavità di riempirsi di sangue. Durante l'operazione, il chirurgo controlla il processo utilizzando una macchina a raggi X. A volte l'arteria è completamente saldata, il cibo va ai tessuti cerebrali bypassando altri vasi. Il vantaggio del metodo è un effetto parsimonioso sul corpo, quindi le complicazioni si verificano meno spesso, il paziente avrà bisogno di meno tempo per la riabilitazione.
  • Il metodo combinato prevede prima l'introduzione di un trombo nell'aneurisma, quindi viene eseguito il ritaglio.

È importante eseguire l'operazione entro e non oltre 72 ore dall'insorgenza dell'emorragia, poiché il rischio di recidiva è elevato. Dopo il lasso di tempo, a causa di processi distruttivi, l'angiospasmo aumenta, si sviluppa l'ischemia, l'operazione diventa inutile.

Dopo l'operazione

Le complicanze non sono rare dopo l'intervento chirurgico. Ogni tipo di intervento ha le sue conseguenze:

  • Dopo la pulizia, la normale circolazione del liquido cerebrospinale viene interrotta, i centri nervosi delle meningi sono irritati e l'edema è presente nel sito di trapanazione. Di conseguenza, nel periodo postoperatorio possono verificarsi disturbi dell'equilibrio, della vista, dell'udito e una persona è preoccupata per il mal di testa. Di solito tali manifestazioni sono rare, temporanee..
  • L'intervento endovascolare comporta i suoi rischi: a volte l'aneurisma si rompe nuovamente al momento dell'operazione o è possibile la sua perforazione con una spirale. Se l'impianto è posizionato in modo errato, potrebbe essere spostato e la sporgenza riempita di sangue. Esiste anche il rischio di formazione di coaguli di sangue, blocco del vaso situato dopo la sezione in cui è posizionata la spirale.

La morte si verifica anche dopo l'intervento chirurgico, quando il danno cerebrale è esteso o l'assistenza viene fornita troppo tardi.

Trattamento conservativo

Il trattamento terapeutico è prescritto per difetti minori o quando non è possibile eseguire procedure chirurgiche. Il paziente è tenuto a rispettare tutte le prescrizioni del medico e l'aderenza al riposo a letto. Il trattamento viene utilizzato per abbassare la pressione sanguigna, dilatare i vasi sanguigni e rimuovere il fluido dal tessuto cerebrale. Vengono anche utilizzati medicinali che aumentano la viscosità del sangue. La terapia allevia le condizioni del paziente, ma non garantisce che l'emorragia non si ripresenti.

Complicazioni dopo una rottura

La posizione anatomica dell'aneurisma sono le cisterne subaracnoidee, quindi, al momento della rottura, il sangue riempie lo spazio subaracnoideo. Questa è una manifestazione specifica della rottura della protrusione. Entro 20 secondi, il sangue si diffonde in tutta l'area e dopo pochi minuti entra nel midollo spinale. Pertanto, la morte si verifica nel 15% dei casi anche prima dell'arrivo dei medici e metà dei pazienti muore in ospedale.

Le emorragie intracerebrali si formano quando si forma un ematoma all'interno del cervello, che si osserva nel 15% degli episodi, il 5% appartiene a situazioni in cui il sangue viene versato nel sistema ventricolare. In questo caso, si riempiono di liquido, che diventa la causa della morte..

Cosa succede nel cervello dopo una rottura:

  • Il sangue in uscita a volte ostruisce le vie per l'escrezione del liquido cerebrospinale, che porta all'accumulo di liquido, all'ipossia cellulare e allo sviluppo di idrocefalo, spostamento delle strutture cerebrali.
  • Dopo un ictus, il sangue forma un ematoma e quando si rompe vengono rilasciate sostanze tossiche. L'infiammazione si sviluppa, la necrosi dei tessuti si verifica nel cervello.
  • Le complicanze includono l'angiospasmo, un forte restringimento dei vasi sanguigni, che porta a un deterioramento dell'afflusso di sangue cerebrale. Se nei primi secondi questo fattore lavora per fermare l'emorragia, successivamente porta a ischemia cerebrale e ictus ischemico..

Dopo una rottura, l'area interessata del cervello smette di funzionare. Se il paziente rimane in vita, i cambiamenti patologici nei tessuti interrompono il funzionamento di organi e sistemi. Il grado e le forme di gravità sono determinati dal volume e dalla localizzazione della distruzione, che variano dalle manifestazioni minori alla paralisi completa. Quali sono le conseguenze più comuni:

  • Cefalalgia. La sindrome del dolore non è alleviata dagli analgesici.
  • Paralisi e paresi. Nelle persone che hanno subito un aneurisma rotto, ci sono disturbi del sistema motorio, paralisi di una parte del corpo (emiparesi), paralisi completa.
  • Discorso. L'emorragia nell'emisfero sinistro causa difficoltà con la scrittura e la lettura, la riproduzione e la percezione della parola. Atti naturali. A volte una persona perde la capacità di ingoiare il cibo, inala le sue particelle, che è irto di infiammazione negli organi respiratori o morte per asfissia. Succede che si perde il controllo sugli sfinteri, si sviluppano costipazione o ritenzione urinaria.
  • Patologia mentale. Il comportamento del paziente cambia: diventa aggressivo, si osservano attacchi di rabbia. In alcuni casi, si verificano apatia e depressione. Il disturbo si manifesta in inadeguatezza del comportamento, instabilità dell'umore.
  • Abilità cognitive. Le violazioni influenzano anche le capacità di pensiero: la memoria soffre, una persona non ricorda gli eventi, non percepisce nuove informazioni, la sua percezione è distorta.
  • Epilessia. Si sviluppano crisi epilettiche di natura locale o generalizzata.

La rottura non può essere esclusa. Di solito il colpo successivo è più pesante del primo.

Riabilitazione

Dopo un ictus emorragico e complicazioni postoperatorie dovute a danni alle cellule cerebrali, una persona perde alcune funzioni, un quarto dei pazienti non è in grado di servirsi da solo per un anno. Per eliminare le conseguenze, sono necessarie misure di riabilitazione:

  • In una fase iniziale, il trattamento della postura viene utilizzato per i pazienti con paralisi. Per ridurre la tensione muscolare degli arti e migliorare la circolazione sanguigna, vengono posizionati per un'ora o due in modo da ridurre il carico. Per il fissaggio vengono utilizzati splint speciali.
  • Con paralisi, massaggio degli arti e della zona del collo.
  • Vengono utilizzati trattamenti di fisioterapia.
  • Si tengono lezioni speciali per violazioni dell'apparato uditivo e vocale.
  • L'attenzione è rivolta allo sviluppo delle capacità motorie fini.
  • Gli esercizi di fisioterapia, la formazione sui simulatori sono ampiamente utilizzati.

Tutte le procedure vengono eseguite rigorosamente su raccomandazione di un medico. Per ogni paziente viene sviluppato uno schema di misure individuale. In un periodo difficile, l'attenzione e la cura dei propri cari sono importanti, solo il loro supporto aiuterà una persona a riprendersi.

La principale prevenzione di un aneurisma cerebrale rotto sono gli esami regolari. Per prevenire un tragico esito degli eventi e ridurre il rischio di gravi conseguenze, è necessario monitorare regolarmente lo stato dei vasi sanguigni. È necessario snellire la routine quotidiana, bilanciare la dieta nella direzione di una dieta sana, è inaccettabile fumare e consumare alcol.

Conseguenze pericolose e probabili complicazioni dell'aneurisma cerebrale

Le conseguenze di un aneurisma possono essere irreversibili se una malattia pericolosa viene diagnosticata in ritardo. Se la malattia non viene rilevata in tempo, è possibile la disabilità o la morte..

Per riferimento! Un aneurisma è un'espansione patologica di uno o più vasi cerebrali. C'è una sporgenza delle pareti delle arterie situate in una certa parte del cervello.

Vale la pena notare che un tale problema può essere non solo acquisito, ma anche congenito. Nel processo di formazione delle lesioni, si verifica una sporgenza anormale delle pareti, che causa sanguinamento interno. Disturbi di questa natura causano disturbi neurologici..

Informazioni generali e statistiche

La frequenza di sviluppo di una tale patologia dei vasi cerebrali è estremamente difficile da determinare con precisione. Ciò è dovuto alle difficoltà che sorgono nel processo di diagnosi della malattia e alla confusione del quadro clinico della patologia. Valutando il quadro clinico si può affermare che non esistono sintomi inequivocabili che determinano la presenza della malattia (vedi Segni e sintomi di aneurisma cerebrale).

Fatto! Sulla base dei risultati della ricerca ottenuti dai principali esperti statunitensi, si può concludere che la patologia viene rilevata in 10-12 pazienti su 100mila abitanti. Le modifiche attuali sono visibili nella foto sopra..

Vale la pena notare che l'aneurisma può essere asintomatico. In circa il 50% dei casi, all'ingresso dell'autopsia viene rilevato un ingrossamento patologico delle arterie. Il sanguinamento subaracnoideo è una formidabile complicanza della patologia. Il tasso di mortalità in questi casi raggiunge il 65%. Attualmente, l'aneurisma cerebrale viene trattato solo con metodi chirurgici..

È interessante notare che la sindrome patologica viene spesso diagnosticata in rappresentanti femminili, a cui questa caratteristica è associata è sconosciuta. Il video in questo articolo ti parlerà delle caratteristiche del corso di patologia..

Come procede la patologia

Molto spesso, un aneurisma dopo la formazione non si fa sentire per molto tempo. Il paziente può convivere a lungo con questa patologia, ignaro della sua presenza fino al momento della rottura.

La probabilità di rottura dell'aneurisma aumenta dell'1% ogni anno. Il rischio di morte a seguito di una tale complicanza acuta è del 50%, l'invalidità con capacità lavorativa totale o parziale è del 25%. È importante sottolineare che solo il 25% del numero totale di pazienti che hanno subito una rottura sono in grado di vivere la loro vita precedente..

Tra le conseguenze più comuni che compaiono dopo una rottura ci sono:

  • ictus emorragico;
  • vasospasmo;
  • danno cerebrale irreversibile;
  • gonfiore del cervello a causa di emorragia;
  • aumento della pressione intracranica;
  • blocco del liquido cerebrospinale;
  • spostamento delle strutture cerebrali;
  • necrosi di singole aree del tessuto nervoso;
  • ischemia.

Sulla base di tali informazioni, si può concludere che non è un aneurisma pericoloso, ma la sua rottura e conseguenze simili possono colpire tutti. Il metodo chirurgico aiuta a ridurre al minimo il rischio di conseguenze pericolose, ma molti pazienti temono la probabilità di conseguenze postoperatorie e il costo dell'intervento.

Attenzione! Il medico determina la fattibilità dell'operazione e il metodo di esposizione.

In ogni caso, una vita piena è possibile solo fino al momento della rottura dell'aneurisma. Questa fase diventa il punto di partenza della segnalazione, in questo momento è possibile la morte o l'invalidità, mentre l'operazione è un'occasione per una vita piena.

Complicazioni

Con l'aneurisma delle arterie cerebrali compaiono anomalie neurologiche, che sono le conseguenze della formazione.

Le conseguenze fornite in questo elenco si manifestano come risultato della spremitura dei tessuti e delle terminazioni nervose più vicine.

Tra le complicazioni più comuni, che possono anche essere sintomi di tale deviazione, ci sono:

  • perdita parziale dell'udito o diminuzione della sua qualità;
  • cambiamento nella qualità della visione;
  • paralisi;
  • mal di testa pulsante in un'area specifica.

Ci sono anche altre complicazioni pericolose che si manifestano nell'aneurisma, che sono discusse nella tabella.

Possibili conseguenze
ViolazioneCosa sta succedendo?Qual è il pericolo?
ComaL'espansione vascolare in alcune aree del cervello può causare il coma. Ciò è dovuto al funzionamento alterato di alcune parti del cervello. Il paziente può essere incosciente, il processo del battito cardiaco, la regolazione della temperatura corporea, la respirazione è interrotta.Uscire dal coma è improbabile.
Formazione di trombi nella cavità dell'aneurismaIl vortice di sangue nell'area dell'elemento patologico può creare i prerequisiti per la formazione di un coagulo di sangue. Un trombo si forma nel sito di espansione patologica e occupa tutto il suo spazio.Si verifica ictus ischemico, c'è la possibilità di morte.
Malformazione artero-venosaDifetto della parete che implica una connessione arteria-vena.Ipossia cerebrale dovuta alla chiusura di un'arteria.

Tutte queste conseguenze sono più che pericolose, motivo per cui tutti gli esperti consigliano di utilizzare una tecnica di rimozione chirurgica il prima possibile. La riabilitazione dopo la rimozione dell'aneurisma delle arterie cerebrali è un processo piuttosto lungo.

La durata del periodo di recupero dipende da diversi fattori. Vengono presi in considerazione il sesso e l'età del paziente, nonché la salute generale..

Attenzione! Durata della riabilitazione completa e recupero della salute - 2 anni.

La degenza del paziente in ospedale varia da 3 a 30 giorni. Molto dipende anche dalla qualità dell'intervento. Dopo la dimissione del paziente, attende un periodo di recupero, l'istruzione presuppone il passaggio di una procedura di fisioterapia, la cui azione è volta a ripristinare l'attività di tutte le regioni del cervello.

È possibile la riabilitazione completa dopo l'aneurisma delle arterie cerebrali, a condizione che il paziente sia responsabile della propria salute..

Il divario

Le conseguenze dopo la rottura degli aneurismi sono spesso irreversibili.

Va notato che il divario di formazione non si verifica sempre, ma i seguenti fattori possono causarlo:

  • attività fisica eccessiva;
  • situazioni stressanti;
  • aumento eccessivo degli indicatori della pressione sanguigna;
  • cambiamenti nei livelli ormonali;
  • l'uso di droghe;
  • alto consumo di alcol;
  • lesioni infettive che procedono con una temperatura elevata.

Il deterioramento del benessere del paziente con la malattia richiede una visita urgente dal medico. L'assistenza domiciliare non ha senso.

Tra l'elenco dei primi sintomi caratteristici di un aneurisma rotto ci sono:

  • forti mal di testa;
  • sensazione di calore nella zona della testa e del torace;
  • cambiamenti nelle funzioni visive;
  • disturbi della percezione del colore;
  • acufene pronunciato;
  • vertigini;
  • convulsioni.

È estremamente difficile fare una diagnosi accurata basata sulla presenza dei sintomi elencati. Tuttavia, una visita tempestiva a uno specialista con i sintomi elencati offre una possibilità di successo nel trattamento..

La vita dopo un aneurisma cerebrale, o meglio dopo la sua rottura, è raramente piena. Esperti leader e programmi di recupero innovativi non consentono di riprendere la piena funzione cerebrale persa a causa dell'emorragia.

Le possibilità di una vita piena in questi pazienti sono minime. Se viene rilevato un aneurisma, la soluzione ottimale è la chirurgia.

Prevenzione

Le misure preventive per prevenire la rottura con l'aneurisma includono:

  • rifiuto dalla dipendenza da nicotina e dal consumo di alcolici;
  • monitoraggio costante degli indicatori della pressione sanguigna e assunzione di farmaci antipertensivi secondo un determinato schema;
  • attività fisica leggera (ginnastica, jogging);
  • rifiuto di grandi sport e sforzi fisici pesanti;
  • visita periodica a uno specialista;
  • farmaci costanti.

L'automedicazione in presenza di aneurisma è severamente vietata. Ciò è dovuto al fatto che alcune formulazioni medicinali possono provocare una rottura della formazione. Prima di utilizzare qualsiasi prodotto, è necessario consultare un medico..

Conseguenze dell'aneurisma: cosa preparare per i pazienti dopo l'intervento chirurgico

Qualsiasi intervento chirurgico al cervello è un processo complesso che richiede precisione, esperienza e attrezzature avanzate. Tuttavia, le prove per i pazienti non finiscono qui..

Un aneurisma cerebrale, le conseguenze dopo un'operazione per rimuoverlo, è un problema neurochirurgico che può essere risolto con un'attenta preparazione alla procedura e la successiva aderenza a determinate regole. Ma ci sono situazioni in cui medici e pazienti sono impotenti: a una persona viene assegnata una disabilità ed è costretta a mantenersi in salute con metodi appropriati per il resto della sua vita..

Esistono diversi tipi di interventi per eliminare l'aneurisma, la scelta viene fatta dal medico in base alla situazione e alle condizioni in cui è stato partorito il paziente. La scelta è influenzata anche da fattori quali complicazioni esistenti.

Indicazioni e controindicazioni

La rimozione medica dell'aneurisma cerebrale è possibile solo in pochi casi. Indicazioni per la chirurgia del tipo più comune - clipping: aneurisma più grande di 7 mm, tendenza alla rottura del sacco gonfio.

Prima dell'operazione, è necessario assicurarsi che non ci siano controindicazioni. Le operazioni non possono essere eseguite se sono presenti malattie del sangue. Sono vietati interventi per lo scompenso del diabete, nonché per infiammazioni acute o infezioni di varie eziologie.

L'intervento non è consentito in caso di esacerbazione di malattie croniche, nonché in caso di asma bronchiale grave.

Esami prima dell'intervento

La scelta del tipo di operazione è influenzata dai risultati delle analisi. È anche necessario passarli per escludere controindicazioni:

  • emocromo generale e biochimica;
  • Analisi delle urine;
  • Esame a raggi X;
  • MRI, in cui l'aneurisma è più grande di 3 mm;
  • tomografia computerizzata per una neoplasia da 5 mm - eseguita per determinare coaguli di sangue e altri difetti all'interno della neoplasia;
  • cardiogramma;
  • esame da parte di altri medici a seconda dei sintomi della malattia;
  • angiografia: rileva neoplasie fino a 3 mm.

L'affidabilità dei risultati ottenuti è la chiave per un'operazione di successo e l'assenza di gravi conseguenze dopo la sua attuazione. Prima della procedura stessa, visitano anche un chirurgo, un anestesista, concordano la data dell'intervento.

Embolizzazione delle neoplasie

L'embolizzazione di un aneurisma cerebrale è una penetrazione chirurgica endovascolare nel cranio, il cui scopo è separare la neoplasia dal flusso sanguigno generale:

  • una parte viene inserita nella nave - un tubo flessibile attraverso il quale sono immersi gli strumenti neurochirurgici;
  • con l'aiuto dello strumento, il medico interrompe l'afflusso di sangue all'aneurisma;
  • con l'ausilio di guide e cateteri si controlla la strumentazione e si utilizzano anche apparecchiature video neurochirurgiche;
  • palloncini speciali vengono utilizzati per separare la neoplasia, grazie alla quale l'embolizzazione dell'aneurisma cerebrale ha successo;
  • quando il palloncino è nel posto giusto, viene riempito con una soluzione speciale;
  • gonfiato, il palloncino protegge in modo affidabile l'aneurisma dal flusso sanguigno aggiuntivo;
  • dopo un po ', la nave intasata cresce troppo cresciuta, l'aneurisma scompare.

Il trattamento endovascolare degli aneurismi arteriosi cerebrali è una tecnica minimamente invasiva, ma viene eseguita solo in anestesia generale. Dopo di ciò, non è necessario mettere punti e una tale conseguenza dell'operazione come l'infezione non è tipica della procedura. Rimane, come con altri interventi chirurgici, solo il rischio di una procedura errata.

Conseguenza: danno vascolare e varie complicazioni dovute all'aumento della pressione nel cilindro installato.

Un'altra conseguenza del trattamento endovascolare degli aneurismi arteriosi del cervello è il danno alle pareti della neoplasia. Tuttavia, la complicazione in questo caso si verifica proprio in sala operatoria e può essere interrotta dai chirurghi.

Clipping dell'aneurisma

Il ritaglio di un aneurisma cerebrale viene eseguito su un organo aperto. Nel processo, è necessaria la craniotomia. Lo scopo di questo intervento, come con l'embolizzazione, è disconnettere la neoplasia dal flusso sanguigno. L'efficacia dell'intervento aperto è molto più alta, ma l'operazione non può essere eseguita con una posizione profonda dell'aneurisma.

Quando si apre il cranio, il medico trova una sacca piena di sangue, viene applicata una pinza. Il processo è controllato da un endoscopio e tutte le manipolazioni vengono eseguite con strumenti microchirurgici. La probabilità di complicanze dopo l'intervento chirurgico non supera l'8%, tuttavia la possibilità di danni al sacco aneurismatico è quasi completamente esclusa.

Gli errori più comuni sono: sovrapposizione sciolta della base del sacco, manifestazioni ricorrenti della malattia e sanguinamento che si è aperto. Per evitare tali conseguenze, devi scegliere con cura una clinica, studiare medici e fidarti solo di veri professionisti.

Caratteristiche del periodo postoperatorio

La chirurgia cerebrale ha sempre conseguenze per il corpo. Tuttavia, con una corretta riabilitazione e seguendo le raccomandazioni del medico, possono essere superati. Ecco come inizia il processo:

  • dopo il dipartimento di chirurgia, una persona viene trasferita alla neuroreanimazione per diversi giorni;
  • ogni giorno il chirurgo esamina il paziente, esamina le conseguenze che si presentano e previene le complicazioni;
  • se si verificano sintomi avversi, viene eseguita la tomografia computerizzata;
  • le conseguenze più comuni sono spasmi vascolari e ipossia delle cellule cerebrali, a volte si verificano emorragie sotto la membrana aracnoidea;
  • in assenza di esacerbazioni, il clipping e altre operazioni non portano alla morte;
  • se un grande aneurisma si trovava vicino al bacino basilare, i rischi aumentano;
  • anche il rischio di mortalità è alto nelle persone ammesse con emorragia.

Le conseguenze del clipping

Complicazioni dopo il taglio dell'arteria si verificano in circa il 10% dei casi. Questo 10% include conseguenze come:

  • violazione dell'attenzione, concentrazione;
  • mal di testa persistenti;
  • problemi di linguaggio minori o significativi;
  • ischemia, edema polmonare - in rari casi.

La mortalità si verifica solo in situazioni molto difficili. Se possibile, non rifiutare l'operazione.

Procedure di ripristino

Nei primi giorni dopo l'intervento, per prevenire le conseguenze dell'operazione, il paziente viene monitorato dal personale medico. È importante notare il sanguinamento e altri sintomi nel tempo.

La trapanazione aperta e le operazioni vicino al tessuto cerebrale sono complicate da ulteriori conseguenze:

  • emorragie ripetute;
  • infezioni e infiammazioni (in casi molto rari);
  • disordini neurologici;
  • necrosi del tessuto nervoso e deficit neurologico - angiospasmo.

Durante la riabilitazione, il paziente utilizza diversi metodi: fisioterapia, massaggio, terapia fisica. Dopo il clipping endoscopico, puoi tornare alla tua vita abituale entro una settimana. Allo stesso tempo, non sono necessarie complesse procedure di fisioterapia..

Se si verifica un'emorragia, ma il periodo di recupero dopo l'intervento è notevolmente aumentato. Questo di solito è associato a una funzione cerebrale compromessa. I medici raccomandano di sottoporsi a riabilitazione in centri per pazienti sopravvissuti a un ictus o in sanatori simili.

Sotto la costante supervisione di specialisti, il paziente si sottopone a corsi di massaggio, terapia fisica e fisioterapia e assume anche farmaci preventivi.

Dieta durante la riabilitazione

Per prevenire le conseguenze dopo l'intervento chirurgico, devi anche seguire una dieta. I medici consigliano di seguirlo per il resto della tua vita:

  • non puoi mangiare grassi animali, compreso strutto e grandi quantità di burro;
  • limitare nettamente i latticini grassi: formaggi, gelati, formaggi lavorati, latte condensato, panna, ricotta e latte ad alto contenuto di grassi;
  • non puoi mangiare più di 2-3 tuorli a settimana;
  • ridurre al minimo il consumo di pesce grasso, cibo in scatola, calamari, ostriche e caviale;
  • è vietato mangiare molti cibi dolci e ricchi di amido;
  • riso lucido, semolino rientrano nelle restrizioni;
  • è meglio escludere completamente dalla dieta arachidi, nocciole e pistacchi;
  • verdure cotte con grasso, è consentito solo un filo d'olio;
  • conservare salse, spezie;
  • tè e caffè con panna, alcool e soda.

Durante la dieta si consuma carne magra, la pelle viene rimossa da pesce e pollo. Usano stufati, piatti bolliti e al vapore. Dovresti anche ridurre al minimo la quantità di sale..

Costo e direzione

I pazienti con aneurismi richiedono un intervento chirurgico gratuito, per via endoscopica o aprendo il cranio. Per fare ciò, è necessario andare in cliniche regionali o distrettuali, che vengono quindi indirizzate a centri medici più grandi..

Il prezzo di solito include i materiali di consumo e il pagamento per il lavoro di tutto il personale medico. Separatamente, potresti dover pagare le medicine e il tempo trascorso in un singolo reparto.

In generale, la prognosi dopo la rimozione dell'aneurisma è favorevole: l'80% dei pazienti guarisce con successo e non soffre di gravi conseguenze. Quando viene scoperto il sanguinamento, la mortalità può raggiungere il 50%.

Ciò che un paziente può affrontare quando si rompe un aneurisma

Le conseguenze di un aneurisma rotto sono le più gravi. Sono più difficili da trattare e sono accompagnati da effetti residui:

  • difficoltà con la percezione e l'elaborazione delle informazioni;
  • diminuzione dell'acuità visiva, comparsa di "punti ciechi";
  • difficoltà a camminare, convulsioni e movimenti involontari;
  • formicolio, intorpidimento, diminuzione della sensibilità di diverse parti del corpo;
  • difficoltà a deglutire il cibo;
  • disturbi del linguaggio;
  • crisi epilettiche;
  • cambiamenti di carattere, è possibile la comparsa di apatia o aggressività pronunciata;
  • sindrome del dolore in diverse parti del corpo;
  • problemi con il movimento intestinale.

Durata

Se la procedura per il ritaglio di un aneurisma cerebrale ha avuto successo e durante la riabilitazione il paziente ha seguito le raccomandazioni dei medici, l'aspettativa di vita non diminuisce. Se rifiuti il ​​trattamento, la neoplasia aumenta, si verificano rotture ed emorragie..

Ulteriori fattori influenzano anche le conseguenze e l'aspettativa di vita:

  • le singole microformazioni sono più facili da trattare e hanno un minimo di conseguenze;
  • i piccoli aneurismi non provocano sintomi gravi e procedono senza rotture;
  • la posizione della patologia influisce sul decorso della malattia e sul trattamento;
  • in giovane età, la chirurgia è più facile da tollerare e la prognosi per i pazienti è più favorevole;
  • nelle malattie dei tessuti connettivi le conseguenze possono essere più gravi;
  • malattie degli organi e dei sistemi possono ritardare il trattamento chirurgico o peggiorare la prognosi.

La vita dopo l'intervento chirurgico

Dopo un'operazione aperta, il corpo ha bisogno di 2-4 mesi per riprendersi completamente ed eliminare le conseguenze. Quando si trattano gli aneurismi arteriosi per via endoscopica, il tempo di recupero è significativamente ridotto. Funzionalità di ripristino:

  • si avverte dolore nell'area di intervento per diversi giorni, quando la ferita inizia a guarire, appare il prurito;
  • in alcuni casi, la conseguenza dopo la rimozione dell'aneurisma è gonfiore e intorpidimento nell'area della sutura;
  • per 2 settimane è normale che il mal di testa, la stanchezza e l'ansia persistano;
  • fino a 8 settimane, sintomi simili persistono con la chirurgia aperta;
  • durante l'anno, il paziente non deve praticare sport di contatto e sollevare pesi superiori a 3 kg;
  • non puoi stare seduto per molto tempo.

Dopo 6 settimane, il paziente può iniziare a lavorare, se non è associato all'attività fisica.

Dopo il completamento del periodo di riabilitazione, è ancora necessaria una risonanza magnetica ogni 5 anni per escludere la riformazione di un aneurisma. In generale, le recensioni dopo l'intervento chirurgico sono positive. Tra gli effetti collaterali, i più comuni sono il deterioramento del benessere con un brusco cambiamento del tempo..

Disabilità con aneurisma

L'assegnazione della disabilità dopo chirurgia a cielo aperto avviene dopo una visita socio-medica. Solo nel 7-10% dei casi al paziente viene assegnata una delle categorie di disabilità.

L'appuntamento è dovuto a squilibrio funzionale, invalidità parziale. Inoltre, l'invalidità temporanea è prescritta se il paziente necessita di una riabilitazione a lungo termine..

Il gruppo di disabilità viene assegnato in base ai sintomi e alle conseguenze:

  • Il primo è prescritto se il paziente necessita di cure e supervisione esterne. Allo stesso tempo, lui stesso non può provvedere a se stesso, viene data l'incapacità e alla persona viene assegnato un tutore.
  • Il secondo gruppo è dato con una violazione parziale della funzionalità. A volte mettono un'incapacità parziale.
  • Il terzo gruppo è stabilito con una disfunzione moderata. Potrebbe trattarsi di perdita parziale dell'udito, paralisi o disorientamento. Allo stesso tempo, la possibilità del self-service rimane al 100%.

Sintomi, cure di emergenza e conseguenze di un aneurisma cerebrale rotto

Ogni anno il rischio di rottura di un aneurisma aumenta dell'1%. Un quarto dei pazienti sopravvissuti continua a vivere la stessa vita. Il secondo trimestre è disabilitato, ma la metà di tutti i pazienti muore.

Considerare le cause e le conseguenze di un aneurisma cerebrale rotto, nonché le tattiche salvavita in caso di emorragia e le raccomandazioni per la prevenzione.

Cause di rottura dell'aneurisma cerebrale

L'apice dell'aneurisma ha una struttura a strato singolo, in contrasto con la normale parete vascolare a tre strati. Lo shock del flusso sanguigno è diretto esattamente in questo punto e arriva un momento in cui il muro finalmente assottigliato non resiste alla pressione e si rompe. Si verifica emorragia subaracnoidea.

Per la rottura di un aneurisma, è sufficiente uno o una combinazione di diversi motivi:

  • costantemente alta pressione sanguigna o cambiamenti improvvisi in essa;
  • aterosclerosi vascolare;
  • regolare attività fisica eccessiva;
  • fumo sistematico e abuso di alcol;
  • esperienza frequente di forti situazioni stressanti;
  • malattie infettive con alta temperatura corporea;
  • neoplasie tumorali;
  • trauma craniocerebrale di qualsiasi gravità;
  • uso di cocaina;
  • disturbi cardiovascolari.

Inoltre, i medici considerano patologie congenite delle pareti vascolari, disturbi circolatori genetici, patologia ereditaria del tessuto connettivo (sindrome di Ehlers-Danlos) e malattia policistica renale come fattori primari..

Gruppi a rischio

Non ci sono statistiche univoche tra le vittime del divario nella pratica dei neurochirurghi. Tra i pazienti, sia gli uomini che le donne sono uguali. Entrambi gli anziani e sotto i 30 anni di età.

Allo stesso modo, non si può sostenere che solo i fumatori e coloro che fanno uso di alcol e droghe siano a rischio. I non fumatori in sovrappeso e ipertesi appartengono allo stesso gruppo..

E dato che la rottura di un aneurisma può verificarsi anche durante l'orgasmo o la defecazione, potenzialmente tutti possono trovarsi in una situazione critica se ci sono i motivi sopra indicati.

  • Danni all'arteria carotide del cervello e ai vasi del collo.
  • Approcci chirurgici moderni al trattamento.
  • La forma più comune è sacculare.
  • Come diagnosticare questa lesione vascolare in modo tempestivo?
  • I principali tipi e le loro caratteristiche.

Sintomi e segni

Parallelamente, si verificano capogiri, grave debolezza degli arti (una persona non può stare in piedi), disorientamento, confusione o perdita completa di coscienza, a volte con una transizione al coma.

La condizione è aggravata da nausea e vomito ripetuto, tachicardia con transizione alla bradicardia. Inoltre, a seconda della localizzazione specifica dell'aneurisma rotto, possono verificarsi ipertermia (temperatura elevata), possono verificarsi problemi con la parola o la percezione del colore (il paziente vede tutto in una tinta rossa).

Urgente attenzione

Prima dell'arrivo delle cure mediche di emergenza, in alcuni casi anche i primi minuti sono di fondamentale importanza per la vita della vittima..

  1. Appoggia delicatamente la vittima in orizzontale con qualcosa sotto la testa. Il flusso sanguigno naturale è essenziale per prevenire l'edema cerebrale.
  2. Gira la testa di lato per evitare il soffocamento con il vomito.
  3. Fornire il più possibile aria fresca alla stanza e liberare completamente il collo della persona da tutti i fattori di schiacciamento (rimuovere una cravatta o una sciarpa, slacciare i pulsanti superiori).
  4. Assicurati che le vie aeree siano libere. Le protesi rimovibili in una persona anziana devono essere rimosse.
  5. Monitora la frequenza cardiaca, la respirazione e la pressione sanguigna.
  6. Per ridurre al minimo il rischio di edema e la diffusione dell'emorragia, è altamente desiderabile applicare qualsiasi raffreddore disponibile alla testa..

Diagnostica di emergenza

A tale scopo vengono utilizzati i metodi più affidabili di angiografia (esame del contrasto vascolare), tomografia computerizzata e risonanza magnetica. Pertanto, un quadro clinico dettagliato viene chiarito con la definizione della posizione e delle dimensioni dell'aneurisma, il livello di compressione del tessuto cerebrale, l'intensità del flusso sanguigno e la possibile presenza di altre formazioni simili. Puoi leggere la diagnosi di aneurismi cerebrali in questo articolo..

Le azioni dei medici per salvare vite umane

Con un aneurisma rotto, possiamo parlare esclusivamente di chirurgia radicale: l'aneurisma deve essere completamente escluso dal flusso sanguigno. Questo può essere fatto in due modi: tagliando e usando l'embolizzazione endovascolare..

La scelta del metodo più ottimale dipende sempre dalle dimensioni della formazione, dal tempo trascorso dalla rottura, dall'età e dalle condizioni generali del paziente, dalla localizzazione dell'aneurisma cerebrale.

Ritaglio

L'operazione viene eseguita sul cervello aperto in anestesia endotracheale mediante craniotomia. Dopo l'isolamento dei vasi necessari, l'aneurisma viene spento dal flusso sanguigno utilizzando l'installazione trasversale di una clip in titanio sul collo dell'aneurisma.

L'operazione richiede dalle 3 alle 4 ore. La riabilitazione prevede un periodo fino a 2 mesi con parziale limitazione dell'attività. Troverai tutti i dettagli sulla procedura di clipping dell'aneurisma in un materiale separato..

Chirurgia endovascolare

Una tecnica minimamente invasiva, durante la quale l'aneurisma viene bloccato introducendo un catetere a microcoil nell'arteria femorale. La spirale si avvicina al sito dell'aneurisma e forma un trombo artificiale, riempiendo lo spazio ingrandito. Il flusso sanguigno si interrompe.

I termini di riabilitazione in questo caso sono significativamente più brevi rispetto al ritaglio e le complicanze sono piuttosto rare.

A volte la parete del vaso viene rinforzata con una garza chirurgica e l'area interessata è avvolta attorno ad essa. Nel tempo, quest'area è incapsulata dal tessuto connettivo. Tuttavia, il metodo viene utilizzato sempre meno a causa dell'alto rischio di una possibile nuova emorragia..

L'operazione è rilevante entro le successive 72 ore dopo la rottura. Trascorso questo tempo, processi distruttivi irreversibili portano a ischemia, angiospasmo, che porta alla morte del paziente..

Complicazioni dopo l'intervento chirurgico

Il clipping interrompe la piena circolazione del liquido cerebrospinale. Il sito di trapanazione si gonfia, i centri nervosi sono fortemente irritati nelle meningi.

Di conseguenza, il paziente può avere problemi con la coordinazione dei movimenti, dell'udito e della vista. La riabilitazione viene spesso accompagnata da forti mal di testa. Ma tali manifestazioni sono temporanee.

Nel processo di intervento endovascolare, c'è il rischio di una perforazione a spirale dell'aneurisma e durante l'operazione si rompe di nuovo. Se la bobina non è installata correttamente, è possibile un ulteriore riempimento di sangue. Il blocco di una nave vicina e la formazione di un trombo non sono esclusi.

Probabili conseguenze

Tutte le probabili conseguenze di un aneurisma rotto dipendono sempre direttamente dall'area del cervello interessata..

  • L'emorragia nell'emisfero sinistro provoca incomprensibilità della parola e problemi con la lettura e la scrittura.
  • Il deflusso di sangue nello spazio subaracnoideo porta a edema cerebrale dovuto a disturbi della circolazione nel liquido cerebrospinale e al suo ristagno.
  • La penetrazione del sangue nei tessuti interni è irta della formazione di ematomi. Il tessuto impregnato di prodotti di decomposizione è necrotico.
  • L'emorragia nella regione ventricolare porta alla morte istantanea o al coma.

Ogni area del cervello, su cui è stato versato il sangue, in un modo o nell'altro subisce cambiamenti irreversibili, che non passano senza lasciare traccia per il funzionamento dei singoli sistemi e organi. Una persona può sperimentare:

  • insolita instabilità emotiva;
  • problemi con il riflesso della deglutizione;
  • mal di testa pulsante;
  • violazione dell'orientamento nello spazio;
  • episindrome;
  • difficoltà a defecare e svuotare la vescica.
È tutt'altro che sempre possibile ripristinare completamente le funzioni cerebrali perse. Di regola, stiamo parlando di restauro parziale. Ma la supervisione sistematica da parte di specialisti e una riabilitazione di alta qualità consentono di ottenere almeno un completo self-service.

Riabilitazione

Il tempo di recupero dopo la rottura di un aneurisma è diverso per tutti. Il tipo di aneurisma, le qualifiche del neurochirurgo, le strutture cerebrali interessate, l'età del paziente e la gravità delle complicanze giocano un ruolo importante..

Prima di tutto, si consiglia di recuperare in sanatori specializzati, dove il terapista correggerà il programma individuale delle procedure di trattamento. I corsi di fisioterapia in questo caso includono tecniche strumentali per stimolare i tessuti danneggiati ed effetti tattili sui vasi e sui muscoli interessati..

In generale, il complesso riabilitativo è costituito dalle seguenti attività:

  • lezioni con specialisti di profilo ristretto nel ripristino della deambulazione, della parola, della lettura, della scrittura e delle capacità motorie;
  • massaggio terapeutico (testa, zona del collo, cingolo scapolare, arti) e terapia fisica con simulatori;
  • agopuntura;
  • stimolazione elettrica muscolare;
  • bagni di idrogeno solforato, ossigeno o iodio-bromo;
  • UHF ed elettroforesi secondo le indicazioni.

È estremamente importante rimanere moderatamente attivi durante tutto il periodo di riabilitazione..

Possibilità di sopravvivere, qualità della vita successiva

Nel 50% di tutti i casi di rottura dell'aneurisma, si verifica la morte. La qualità della vita dei pazienti sopravvissuti spesso differisce in modo significativo a seconda del tipo di aneurisma e dei fattori più correlati..

Spesso, il paziente è ancora trasferito a una disabilità. Ciò accade se si verificano convulsioni epilettiche, i disturbi focali neurologici sono pronunciati e ci sono gravi cambiamenti nella psiche..

  • Il gruppo 1 è assegnato per disturbi afatici, psicopatologia organica, emiplegia ed emiparesi.
  • I criteri per il 2 ° gruppo sono alterazioni significative della funzione motoria, intelligenza, atrofia del nervo ottico, afasia. Ciò include anche persone che soffrono di persistente scompenso della circolazione cerebrale e ripetute emorragie.
  • La capacità limitata di lavorare nel 3 ° gruppo viene assegnata se è necessario trasferire i pazienti con conseguenze moderate a un lavoro più facile.
Con un'operazione tempestiva e una riabilitazione competente, l'aspettativa di vita dopo la rottura di un aneurisma praticamente non differisce dall'aspettativa di vita media di una persona sana.

Prevenzione dell'emorragia cerebrale

La maggior parte dei pazienti muore prima dell'intervento chirurgico. Solo la metà di quelli operati sopravvive. Questi fatti servono come una ragione sufficiente per proteggersi al massimo da una tale diagnosi..

Il controllo della pressione sanguigna è di fondamentale importanza. L'intero pericolo sta nel fatto che il suo aumento si verifica spesso senza sintomi evidenti..

L'eliminazione di cibi fritti, grassi e piccanti, la completa cessazione del fumo, gli sport attivi e l'eliminazione dell'eccesso di peso aiutano a regolare la pressione sanguigna. E l'esame dei vasi sanguigni mediante angiografia TC aiuterà a identificare in anticipo la fonte del pericolo per curare questo problema il prima possibile..

Rottura dell'aneurisma cerebrale

Cos'è un aneurisma cerebrale? Questa definizione implica un tale cambiamento nella parete del vaso, in cui perde, per determinati motivi, le sue proprietà elastiche e non può resistere alla pressione esercitata su di essa dal flusso sanguigno.

Cervello con rottura dell'aneurisma

Di conseguenza, in questo luogo si forma un rigonfiamento, che può avere un'ampia varietà di dimensioni e forme. La caratteristica successiva della protrusione è la presenza dell'area più debole e più sottile all'apice dell'aneurisma. Qui è dove si rompe..

Come si rompe l'aneurisma?

Qualsiasi stress emotivo o fisico, così come l'aggiunta di un'infezione, può causare la rottura di un aneurisma dei vasi cerebrali. In questo caso, il sangue del vaso entra nello spazio anatomico o semplicemente nel tessuto cerebrale, iniziando a esercitare una pressione su di esso. In questi luoghi, il flusso sanguigno peggiora e può verificarsi un restringimento della risposta della parete vascolare..

I tessuti mancano di ossigeno e sostanze nutritive e questo porta alla disfunzione di varie parti del tessuto cerebrale. Inoltre, il sangue che è uscito dal vaso può infiammarsi e portare alla morte del tessuto cerebrale in quest'area e quindi causare una serie di conseguenze.

Quali sono i sintomi di un aneurisma rotto?

Mal di testa acuto

La rottura di un aneurisma dei vasi cerebrali può verificarsi all'improvviso, in piena salute.

  1. Il suo primo sintomo è un forte mal di testa. Può assomigliare a una protuberanza o "versando fluido caldo nella testa". Il dolore è così intenso che è anche chiamato il "peggior" dolore della tua vita. Di solito copre l'intera testa ed è meno probabile che sia di natura locale..
  2. Sintomi come vomito, nausea, vertigini si uniscono molto rapidamente.
  3. L'attacco doloroso stesso è spesso accompagnato da perdita di coscienza. Può durare da 20-30 minuti a una settimana, a volte questo periodo supera i 7 giorni.
  4. In alcuni casi, possono verificarsi convulsioni convulsive..
  5. Altri sintomi includono ipersensibilità e intolleranza alla luce intensa e ai suoni. Di solito, sono uniti dalla tensione nei muscoli della parte posteriore della testa, quando i tentativi di uno sconosciuto di piegare il collo sono resistiti.
  6. Nei casi più gravi si sviluppa un disturbo mentale. Il periodo di eccitazione è sostituito da letargia e confusione. L'orientamento nel tempo, lo spazio è disturbato, il contatto vocale con gli altri è perso.
  7. Se si verifica un'emorragia nella zona termoregolatrice, la temperatura corporea sale a 39 C. Si osserva spesso un aumento della pressione sanguigna.
  8. Si distingue anche un gruppo di sintomi focali, che dipendono dal sito dell'emorragia. Questi includono debolezza e abbassamento della palpebra superiore, ridotta capacità di muovere il bulbo oculare. La sensibilità è ridotta e la forza muscolare degli arti diminuisce. I disturbi del linguaggio si uniscono.

Quanto è pericolosa la rottura di un aneurisma?

Emorragia cerebrale

Le conseguenze di un aneurisma cerebrale rotto sono molto diverse. Il fatto triste è che il 30% di tutti i casi sono fatali.

Altrimenti, c'è un alto rischio di risanguinamento, che di solito si verifica entro 3-4 settimane dal primo caso. Sebbene questo lasso di tempo possa essere di mesi e anni.

Ogni nuovo divario regolare si verifica in una forma più grave. Un tale fenomeno è osservato raramente che una persona abbia subito più di 5 emorragie..

Interrompere la diagnostica

Il metodo più veloce e più accessibile per diagnosticare un aneurisma cerebrale rotto è un prelievo spinale. Tuttavia, sarà informativo nel caso in cui il sangue sia entrato nel liquido cerebrospinale..

Il prossimo metodo leader per rilevare la rottura è lo studio del sistema vascolare del cervello utilizzando agenti di contrasto. In questi casi, è possibile utilizzare la tomografia computerizzata o la risonanza magnetica. Secondo i risultati dello studio, è possibile determinare il luogo, la forma, le dimensioni dell'istruzione.

Risultati, conseguenze della rottura

Diagnosi di rottura spontanea di aneurisma

In tutte le forme di emorragia, c'è una violazione del deflusso del liquido linfatico dal cervello. Ciò porta all'accumulo di liquido nella cavità cranica, dalla cui pressione può svilupparsi uno stato formidabile: spostamento dei lobi e loro violazione.

Il gruppo di conseguenze comprende anche la vasocostrizione persistente a lungo termine, che altera la nutrizione cerebrale e porta allo sviluppo di ictus ischemico. Molto spesso si verifica un'emorragia ripetuta, che è molto più pericolosa e più pesante della prima.

Il quadro generale delle complicanze è costituito da gruppi di sintomi.

  • Questi includono disturbi del movimento: scarsa coordinazione, andatura instabile, diminuzione della forza o paralisi di uno o più arti.
  • Disturbo della deglutizione che si manifesta soffocando con cibo liquido.
  • Violazione della funzione vocale. La capacità non solo di parlare correttamente e in modo coerente è persa, ma anche di percepire la parola.
  • La menomazione percettiva si manifesta nella perdita della capacità di comprendere il mondo circostante.
  • Il pensiero logico è perso, la memoria si deteriora.
  • I cambiamenti nella funzione comportamentale possono manifestarsi come rabbia, paura, comportamento irregolare.
  • I disturbi dei sistemi escretori includono difficoltà a urinare e defecare, che è spesso caratterizzata da incontinenza.
  • Alcune persone dopo un'emorragia cerebrale soffrono di convulsioni. Questo gruppo include anche mal di testa costanti, che spesso diventano dolorosi, spiacevoli, debilitanti..

Trattamento dell'aneurisma rotto

Il trattamento di un aneurisma cerebrale rotto può essere conservativo e chirurgico.

Il conservativo include l'aderenza al regime e ai farmaci. All'inizio, è importante osservare un rigoroso riposo a letto, un riposo completo. È imperativo seguire le raccomandazioni del medico ed evitare l'ipocrisia.

Qualsiasi azione negligente o un leggero sforzo eccessivo può portare a ripetute emorragie e alla morte del corpo. Vengono utilizzati farmaci che abbassano la pressione sanguigna, aumentano la coagulazione del sangue. Vengono prescritti farmaci che dilatano i vasi sanguigni, riducendo l'accumulo di liquido nel tessuto cerebrale. L'uso di farmaci può migliorare sensibilmente la condizione, ma non riduce in alcun modo il rischio di riemorragia.

Trattamento chirurgico dell'aneurisma rotto

Pertanto, il metodo principale è il trattamento chirurgico. Vengono utilizzati vari metodi e tecniche di operazioni. Ma tutto il loro punto sta in 2 principi.

Nel primo caso, viene rimossa solo l'area estesa: la borsa. Il resto del muro vascolare viene suturato e il flusso sanguigno in questo punto viene ripristinato.

Un'altra opzione è rimuovere l'aneurisma insieme alla nave. In questo caso, il sangue alimenta una sezione di tessuto cerebrale in modo indiretto, poiché il percorso principale è spento e non può più funzionare.

Riabilitazione dopo rottura dell'aneurisma

Esercizi di fisioterapia

Dopo la rottura di un aneurisma cerebrale, la riabilitazione è una componente importante della cura del paziente. Prima viene avviato, maggiore è il risultato e minori sono le conseguenze negative..

Questo include lezioni di fisioterapia, massaggi, l'uso di procedure di fisioterapia. L'attenzione è anche rivolta alla funzione vocale, vengono sviluppati piccoli movimenti nelle mani. Non meno importante è il sostegno e la comprensione di persone care e parenti, che possono aiutarti a credere in te stesso e riunirti con loro..

Tutti i consigli corretti e ben formulati per la fisioterapia possono essere forniti da uno specialista, un fisioterapista. In effetti, in alcuni casi, malattie concomitanti possono essere una controindicazione alla nomina di determinate procedure. Pertanto, non dovresti sforzarti di nominare in modo indipendente massaggi e riscaldamento. L'interesse per la propria salute e il pieno recupero è la ragione per un esame e un trattamento aggiuntivi approfonditi. essere sano!


Articolo Successivo
Centri di riabilitazione dopo ictus per pazienti allettati, nonché per pazienti con disturbi motori e del linguaggio