Trattamento e intervento chirurgico per rimuovere un aneurisma cerebrale: rischi e conseguenze


L'aneurisma è una formazione patologica sotto forma di un'espansione locale dell'arteria sanguigna del cervello dovuta a una parete vascolare debole, anelastica e assottigliata. La malattia è grave e può essere fatale. È pericoloso per la rottura della nave nel sito di espansione, dopo di che si verifica un'emorragia subaracnoidea o intracerebrale.

Aneurisma sui risultati dell'angiografia.

Fino al momento della crisi, la malattia può svilupparsi in modo asintomatico, a volte dare lievi sintomi neurologici, che possono essere facilmente confusi con altre malattie non pericolose. Spesso una persona non dà per scontato di avere una "bomba" nella sua testa, che è stata "nascosta" per anni, ma può esplodere in qualsiasi momento. Dopo che la nave è esplosa e il sangue ne è stato versato, riempiendo le strutture del cervello, l'aneurisma si è già manifestato in piena forza. I segni fondamentali di un'emorragia che si è verificata sono un improvviso, forte mal di testa e perdita di coscienza. Sfortunatamente, la consegna tardiva delle cure mediche di solito finisce in tragedia..

La malattia può manifestarsi a qualsiasi età, ma è più comune nei giovani (20-45 anni) e nelle persone di mezza età (45-60 anni). La percentuale generale di morbilità nella popolazione adulta varia dallo 0,3% al 5%; nei bambini gli aneurismi sono un fenomeno molto raro. Secondo le statistiche, a causa di un'emorragia cerebrale improvvisa dovuta ad aneurismi, il 30-50% delle persone muore, il 15-30% diventa disabile e solo il 20% circa torna a una capacità lavorativa relativamente normale. Sì, i numeri sono deludenti, ma con una diagnosi precoce e un trattamento tempestivo, anche una focalizzazione così formidabile nel cervello può essere neutralizzata con successo.

Cosa può influenzare la formazione di un aneurisma vascolare, che tipo è, come prevenire una tragedia, è importante che tutti lo sappiano. Quindi, andiamo alla cosa principale in dettaglio..

Le ragioni per lo sviluppo di aneurismi

Fattori sfavorevoli che aumentano i rischi di una grave malattia sono le conseguenze di alcune patologie e stile di vita, questi sono:

  • eventuali malattie del tessuto connettivo (colpiscono i vasi, rendendoli deboli e anelastici);
  • ipertensione arteriosa e ipertensione (l'ipertensione aumenta il carico sulle formazioni vascolari, portando a un allungamento eccessivo delle loro pareti);
  • dipendenza da fumo, alcol, droghe (sotto l'influenza di sostanze tossiche, i tessuti vascolari vengono attivamente distrutti, il che è irto del verificarsi di un aneurisma, un rapido aumento del suo volume e stimolazione della rottura);
  • danno meccanico (trauma cranico), provocando cambiamenti funzionali e degenerativi nelle arterie cerebrali;
  • fenomeni aterosclerotici e infettivi (meningite, infezione fungina, endocardite, ecc.), Di cui soffre notevolmente la qualità della componente arteriosa del cervello;
  • neoplasie intracraniche di forma benigna o maligna (violano la forza delle pareti vascolari, possono accelerare la rottura di un aneurisma esistente).

Un fattore genetico è spesso responsabile della formazione di aneurismi cerebrali. Tu e tutti i membri della famiglia dovreste essere urgentemente esaminati se è noto che uno dei vostri parenti diretti è associato a questa diagnosi.

Classificazione degli aneurismi cerebrali

Gli aneurismi vascolari del cervello in neurochirurgia sono generalmente classificati in base alla loro posizione, forma, dimensione e numero di camere nella formazione. Consideriamo ogni parametro.

  1. Su base locale, la protrusione patologica è:
  • arteria cerebrale / connettiva anteriore (si verifica nel 45% dei casi);
  • divisione interna dell'arteria carotide (nel 30%);
  • arteria cerebrale media (20%);
  • bacino vertebro-basilare (4-5%);
  • tipo misto - 2 o più parti della rete vascolare sono colpite contemporaneamente (più focolai vengono diagnosticati nel 10% dei pazienti, mentre il restante 90% ha un singolo aneurisma).
  1. In termini di forma, gli ingrandimenti aneurismatici sono suddivisi in:
  • sacculare (sacculare) - il tipo più comune di formazioni (98%), più di altre incline alla perforazione;
  • fusiforme (fusiforme) - tipo di formazioni meno aggressive e rare, nella struttura di tutti gli aneurismi è solo del 2%;
  • esfoliante - formato nello spazio intercalare della parete vascolare, che è sorto a causa della connessione allentata dei suoi strati, dove il sangue entra sotto pressione (nelle arterie della base del cervello, si sviluppano nei casi più isolati).
  1. Il rigonfiamento della parete arteriosa può essere:
  • insignificante o piccolo - fino a 4 mm;
  • normale o medio - 5-15 mm;
  • grande - 16-24 mm;
  • gigante - da 25 mm e oltre.
  1. L'aneurisma si distingue per il numero di camere:
  • monocamera - consiste di una camera (struttura tipica);
  • multicamera: la sua crescita si verifica con la formazione di diverse cavità.

Gli esperti hanno stabilito il modello di sviluppo della patologia negli uomini e nelle donne adulti. La popolazione maschile ha 1,5 volte meno probabilità di soffrirne rispetto alla popolazione femminile. Nell'infanzia, al contrario, la malattia predomina leggermente più spesso nei ragazzi che nelle ragazze (rapporto 3: 2). I giovani hanno la stessa epidemiologia.

Rappresentazione schematica dei fuochi, a seconda della posizione.

Sintomi dell'aneurisma cerebrale

Come abbiamo notato in precedenza, nella maggior parte dei casi, l'aneurisma non si manifesta clinicamente fino a quando non si verifica la fase acuta di rottura. Ma a grandi dimensioni, quando l'attenzione preme seriamente sulle strutture vicine e interrompe la trasmissione degli impulsi nervosi, di solito si avvertono sintomi neurogenici. Poiché un aneurisma cerebrale mette in pericolo la vita di una persona, è importante identificarlo nelle prime fasi, ma il problema è che a nessuno viene mai in mente di recarsi in ospedale senza lamentele o lamentele minime.

I medici esortano ogni adulto, soprattutto dopo i 35 anni, a sottoporsi ad una diagnosi di vasi cerebrali almeno una volta all'anno per il proprio bene.

Ora daremo voce a tutti i possibili segni clinici, che iniziano principalmente a disturbare con volumi pericolosi di un difetto inesploso, quando i nervi cranici sono interessati:

  • dolore nella zona degli occhi, visione ridotta o offuscata;
  • deficit uditivo (perdita, sensazione di rumore),
  • raucedine della voce;
  • intorpidimento, debolezza, dolore lungo il nervo facciale, di solito su un lato del viso;
  • spasmo muscolare al collo (incapacità di toccare il petto con il mento);
  • crampi muscolari scheletrici;
  • debolezza in un braccio o una gamba;
  • ridotta sensibilità, alterata percezione tattile in alcune aree della pelle;
  • problemi con il coordinamento;
  • vertigini, nausea;
  • sonnolenza irragionevole o, al contrario, insonnia;
  • ritardo dei movimenti e dell'attività mentale.

Per escludere o determinare la patologia, sottoporsi immediatamente a una visita medica mirata se si nota almeno un sintomo!

Conseguenze di un aneurisma non trattato

Se la nave si rompe, il sangue viene versato nel cervello, la specificità dei segni clinici è più specifica e più pronunciata. Lo scenario patognostico inerente allo shock aneurismatico è il seguente:

  • mal di testa intenso e improvviso che si diffonde rapidamente e raggiunge un terribile picco di dolore;
  • nausea, vomito ripetuto;
  • depressione della coscienza di durata variabile;
  • sindrome meningea;
  • possono verificarsi convulsioni che assomigliano a crisi epilettiche;
  • a volte un aumento della temperatura corporea generale, tachicardia, aumento / diminuzione della pressione sanguigna;
  • con emorragia massiccia a causa della profonda inibizione nella corteccia cerebrale, una persona cade in coma con funzione respiratoria compromessa.

Chi è capitato accanto a una tale vittima (un semplice passante, amici o parenti), ne tenga conto! La vita di una persona ora dipende dalla velocità della tua reazione. L'emergere del complesso di sintomi descritto (i segni principali all'inizio della rottura sono i primi 3 punti) è un segnale per chiamare immediatamente una brigata di ambulanze. Medici qualificati forniranno un adeguato primo soccorso al paziente sul posto, lo porteranno in una struttura medica per un esame completo e riceveranno una terapia di emergenza.

Misure diagnostiche

L'esame, che consente di diagnosticare l'aneurisma cerebrale, si basa sull'uso di una diagnostica complessa. Un approccio integrato consentirà di identificare la malattia, stabilirne la causa, la zona esatta dell'epicentro, il numero di lesioni, il tipo, la dimensione, il rapporto con il cervello e altre arterie.

Se non parliamo delle pause già intervenute, ma dell'intenzione del paziente di essere visitato per verificare lo stato dei vasi, la visita inizia con un appello a un neurologo. Il medico, dopo aver ascoltato a fondo la storia del paziente, esegue un esame fisico generale, tra cui:

  • palpazione di singole parti del corpo per identificare le aree dolorose;
  • percussioni o percussioni di parti del corpo per determinare lo stato degli organi interni testati in base alla natura del suono;
  • auscultazione, che aiuta a sentire rumori anomali nel cuore, arteria carotide come segno indiretto di un aneurisma cerebrale;
  • misurazione della pressione standard, che consente di valutare il livello di pressione sanguigna nelle arterie;
  • valutazione della frequenza cardiaca, frequenza respiratoria (spesso deviazioni patologiche di questi parametri indicano displasia dei tessuti connettivi, processi infettivi);
  • test neurologici, la cui essenza è lo studio di tendini, muscoli, riflessi cutanei, funzioni motorie del sistema muscolo-scheletrico, grado di sensibilità degli arti e del tronco, ecc..

Sulla base di tutti i metodi elencati di valutazione preliminare della condizione, è ancora impossibile fare una diagnosi. Tutti questi metodi possono indicare solo in modo puramente ipotetico la possibile (imprecisa) presenza di questa malattia quando vengono rilevati fattori di rischio. Pertanto, lo specialista scrive quindi le istruzioni per le procedure diagnostiche di base: il passaggio di metodi strumentali per visualizzare le strutture del cervello. Sono eseguiti su dispositivi speciali:

  • tomografia computerizzata (TC);
  • risonanza magnetica per immagini (MRI);
  • angiografia cerebrale.

L'angiografia standard è la più vantaggiosa in termini di convenienza per i pazienti che desiderano sottoporsi a un primo esame preventivo. La sua precisione è, ovviamente, inferiore a quella della promettente TC e risonanza magnetica. Tuttavia, l'esame angiografico affronta con successo anche il compito di identificare gli aneurismi, fornendo informazioni sulla posizione, il tipo e la scala di espansione. Ma per i pazienti ricoverati in ospedale con segni di una nave rotta o di un'emorragia di lunga data, lo standard di diagnosi è l'uso di tutte queste procedure. Insieme a loro, vengono eseguite l'elettroencefalografia (EEG) e l'ecografia Doppler transcranica (TCD).

Principi di primo soccorso

Prima dell'arrivo dei medici, coloro che sono vicini al paziente dovrebbero essere in grado di fornirgli il primo soccorso di base. Le istruzioni per misure urgenti volte a salvare vite umane prima della visita del medico sono chiaramente delineate di seguito..

  1. Posare la vittima su una superficie piana, la testa deve essere in posizione elevata. Una posizione alta della testa aiuterà a migliorare la circolazione venosa, prevenendo così il rapido accumulo di liquido nei tessuti cerebrali e l'edema cerebrale..
  2. Creare le condizioni per un buon apporto di aria fresca nel sito dell'incidente clinico. Ed è estremamente importante liberare il collo dalle cose costrittive, ad esempio togliere una cravatta, un fazzoletto da collo, slacciare i bottoni di una camicia, ecc. Tale misura aiuterà a mantenere le funzioni della circolazione sanguigna e rallenterà il processo di morte di massa delle cellule nervose.
  3. Se la persona malata sviene, è necessario eseguire un controllo delle vie aeree per la pervietà. Con la testa gettata all'indietro, è necessario premere sulla fronte estendendo contemporaneamente la mascella inferiore, afferrando il mento dal basso. Dopo aver aperto la bocca del paziente, eseguire una revisione della cavità orale (con le dita) per la presenza di contenuti estranei, affondamento della lingua. Le protesi rimovibili devono essere rimosse, se presenti. Per evitare che una persona soffra di vomito, rimetti la testa su un cuscino alto, girandolo su un lato.
  4. Per prevenire l'edema cerebrale e ridurre il volume dell'emorragia, è importante applicare impacchi di ghiaccio sulla testa (è possibile utilizzare cibi congelati, impacchi di ghiaccio, ecc.).
  5. Se possibile, vale la pena osservare il cambiamento della pressione sanguigna usando un tonometro, oltre ad ascoltare il battito cardiaco e monitorare la respirazione. Se, in assenza di medici, una persona ha smesso di respirare o il suo cuore ha smesso di battere, iniziare urgentemente le misure di rianimazione (respirazione artificiale, compressioni toraciche). Senza di loro, in questa situazione, il rischio di una tragica fine è enorme..

Sfortunatamente, anche tutte queste misure non sono sempre efficaci dopo la rottura di un aneurisma. Per alcuni, la morte arriva alla velocità della luce, nei primissimi minuti. Ma senza attrezzature mediche speciali e conoscenze professionali, è difficile capire cosa sta succedendo nel corpo. Pertanto, è prezioso non perdere l'autocontrollo e la fiducia nel risultato. Continua a lottare per la vita incessantemente finché il paziente non viene consegnato personalmente agli specialisti.

Intervento chirurgico per rimuovere un aneurisma cerebrale

La tecnica medica (chirurgica o non chirurgica) è determinata da medici di profilo ristretto individualmente sulla base di dati diagnostici. Per piccoli aneurismi che non progrediscono, possono essere suggerite tattiche conservative. Il loro scopo è ridurre il potenziale di crescita dell'istruzione, ridurre il rischio di rottura e alleviare i sintomi neurologici. La terapia non invasiva fornisce al paziente farmaci di alta qualità che hanno un effetto di supporto a causa di:

  • agenti vasocostrittori;
  • cardiotonisti con effetto antipertensivo;
  • farmaci antiepilettici;
  • pillole per il dolore;
  • dopaminolitici (per vomito, nausea).

I piccoli aneurismi che non possono essere operati richiedono un monitoraggio costante. Allo stesso tempo, gli esperti avvertono che è impossibile sbarazzarsene in modo conservativo. Pertanto, l'approccio principale per eliminare la malattia e le sue conseguenze è il trattamento neurochirurgico, cioè una sorta di operazione su un vaso problematico del cervello..

A sinistra c'è lo stato prima dell'operazione, a destra - dopo.

La scelta del tipo di intervento chirurgico dipende dalle indicazioni, dalla posizione, dall'integrità, dalle caratteristiche anatomiche dell'aneurisma vascolare, dalle condizioni generali del paziente, dal grado di minaccia alla vita e dalle capacità tecniche del centro neurochirurgico. L'intervento può essere eseguito secondo una delle tattiche chirurgiche.

  1. Chirurgia endovascolare: un microcatetere viene inserito nella cavità del vaso (all'interno) mediante accesso percutaneo (senza aprire il cranio) sotto controllo a raggi X per installare uno stent o una bobina vascolare. I dispositivi "spengono" completamente o subtotalmente l'arteria dal flusso sanguigno. Nel tempo, l'aneurisma si trombizza e diminuisce di dimensioni.
  2. Microchirurgia (aperta sotto il controllo di un microscopio): viene eseguita una craniotomia economica, seguita dall'isolamento dell'arteria portante e dall'occlusione applicando una clip alla base del collo dell'aneurisma. Clipping (sulla parte superiore del vaso) consente di spremere il collo aneurismatico, escludendo così il difetto vascolare dal flusso sanguigno e riducendo al minimo la probabilità della sua rottura.

Video dell'operazione per il trattamento endovascolare dell'aneurisma neurovascolare del cervello:

Sia le operazioni terapeutiche che profilattiche e gli interventi per un aneurisma rotto sono un processo intraoperatorio complesso che richiede la massima esperienza da un microchirurgo, una straordinaria padronanza delle nuove tecnologie neurochirurgiche e un set completo impeccabile dell'unità operativa..

Video di un'operazione di rimozione aperta:

La Repubblica Ceca è uno dei pochi paesi al mondo in cui le tecniche della moderna neurochirurgia cerebrale minimamente invasiva sono state padroneggiate e perfezionate, la gestione postoperatoria dei pazienti è al suo meglio. I neurochirurghi cechi eseguono manipolazioni con precisione gioiello anche in punti del cervello difficili da raggiungere, senza ricorrere a tecniche aperte aggressive. Si noti che il costo della neurochirurgia e della riabilitazione nella Repubblica Ceca è parecchie volte inferiore rispetto a Germania e Israele.

Sintomi e conseguenze di un aneurisma cerebrale rotto

L'aneurisma è un ingrandimento dell'area del lume arterioso. La rottura di un aneurisma dei vasi cerebrali è una grave complicanza della patologia quando il sangue viene versato nel cervello, causando cambiamenti irreversibili in esso. Nel 30% dei casi, la condizione termina con la morte..

Come si sviluppa la condizione

Nel sito di formazione dell'aneurisma, le pareti dei vasi perdono elasticità, si indeboliscono e non possono resistere al flusso sanguigno. Il risultato è un rigonfiamento, una specie di sacco pieno di sangue. Se l'aneurisma è piccolo e non si manifesta come sintomi, una persona potrebbe non essere nemmeno consapevole della sua presenza nel cervello. Aumentando gradualmente, una volta che la sua integrità viene violata. Il punto debole è la parte superiore, dove si verifica una rottura, che causa un ictus emorragico.

La durata dell'emorragia dura pochi secondi, ma questo è sufficiente perché si verifichino danni al cervello. Di solito, il corpo reagisce rapidamente a una violazione della sigillatura dei vasi. Si verifica uno spasmo riflesso dell'arteria adduttiva, aumenta la formazione di coaguli di sangue nel sito di rottura, il che porta all'interruzione del rilascio di sangue e quindi a salvare la vita di una persona. Quando il processo viene ritardato e l'emorragia continua, si verifica la morte.

Ragioni per il divario

La debolezza della parete arteriosa è spesso genetica. A volte patologie renali, traumi, oncologia, aterosclerosi portano al verificarsi di un aneurisma cerebrale. Quali fattori contribuiscono alla violazione dell'integrità della parete vascolare:

  • aumento dell'attività fisica;
  • ipertensione arteriosa;
  • stress emotivo;
  • assunzione di alcol;
  • malattie infettive accompagnate da febbre alta.

Quando si verifica una rottura, il sangue viene versato nello spazio anatomico o direttamente nel cervello, esercitando una pressione sui tessuti, che si manifesta nei segni caratteristici dell'emorragia cerebrale.

Sintomi

Con la minaccia di rottura, alcuni pazienti (fino al 15%) sviluppano sintomi aspecifici in 1-5 giorni: mal di testa diffuso, manifestazioni neurologiche focali associate alla posizione dell'aneurisma e talvolta convulsioni. Pertanto, quando una persona conosce la patologia, quando la condizione cambia, è meglio consultare immediatamente un medico..

Ma più spesso un attacco emorragico inizia inaspettatamente. Il quadro clinico di ciò che sta accadendo dipende dalla quantità e dalla velocità del sangue versato, dall'area in cui si è verificato il danno:

  • Tra le prime manifestazioni spicca un intenso mal di testa, arriva all'improvviso, viene confrontato dai pazienti con un forte colpo alla testa. Più spesso cattura l'intera testa, a volte è di natura locale.
  • Dopo alcuni secondi, si verificano vertigini, compare il vomito.
  • Il dolore può spesso essere sostituito da confusione o perdita di coscienza. La condizione può durare 20 minuti, a volte diverse ore, a volte si sviluppa un coma.
  • Quando ritorna alla coscienza, il paziente è indebolito, stordito, mal orientato.
  • I disturbi vegetativi sono accompagnati da una respirazione rapida (fino a 20 volte al minuto) e da un aumento della frequenza cardiaca.
  • Le manifestazioni neurologiche sono espresse in grave rigidità dei muscoli occipitali, funzioni oculomotorie compromesse, tremori, paresi, perdita delle funzioni del linguaggio e paralisi. Le convulsioni generalizzate si osservano nel 10% dei pazienti.
  • Con un ematoma nell'area del centro di termoregolazione, si sviluppa un'ipertermia persistente.
  • In alcuni casi, c'è un disturbo mentale, disorientamento nello spazio.

La condizione generale è grave, richiede cure mediche immediate.

Con piccole emorragie, quando si verifica una lacrima o si formano microfessure nella parete dell'aneurisma, una piccola quantità di sangue scorre nel cervello. In questo caso, i sintomi sono sfocati, passano senza perdita di coscienza e vomitano con un leggero aumento della temperatura.

Primo soccorso

Se si sospetta una rottura dell'aneurisma, è necessario il ricovero urgente. Ma in alcune situazioni, quando compaiono sintomi caratteristici, una persona ha bisogno di aiuto immediatamente, altrimenti c'è un alto rischio di morte. Cosa bisogna fare prima che arrivino i medici:

  • Il paziente è sdraiato orizzontalmente, la testa dovrebbe essere in una posizione elevata. Ciò è necessario per garantire il deflusso del sangue venoso e riduce il rischio di sviluppare un edema cerebrale grave..
  • Una persona deve garantire il flusso di ossigeno, per questo sbottonano i bottoni in alto sui vestiti, slacciano la cravatta. Ciò contribuirà a migliorare il flusso sanguigno al cervello, ridurre l'ipossia e ritardare la morte neuronale..
  • In caso di perdita di coscienza, le vie aeree devono essere liberate: le protesi vengono rimosse, la testa viene girata su un lato per evitare l'inalazione di vomito.
  • Per ridurre la diffusione di edema ed emorragia nella testa, vengono applicati oggetti freddi. Va bene qualsiasi cosa a portata di mano, qualsiasi pacchetto dal frigorifero. Il freddo favorisce la vasocostrizione, accelera il processo di coagulazione del sangue.

Le manipolazioni non sempre aiutano con emorragie estese, spesso il paziente muore nei primi minuti dell'attacco. Ma si dovrebbe lottare per la vita di una persona prima che arrivi un'ambulanza. Misure urgenti aiuteranno a ridurre il volume di cambiamenti irreversibili, a salvargli la vita.

Diagnostica

Quando un paziente con un aneurisma viene ricoverato in ospedale, vengono eseguiti test diagnostici:

  • L'esame fisico è necessario per determinare la gravità delle condizioni del paziente, dei disturbi autonomici e neurologici. È difficile diagnosticare con precisione una rottura con questo metodo, ma una diminuzione della pressione sanguigna indica un'emorragia..
  • La tomografia computerizzata: il metodo principale per diagnosticare un aneurisma rotto, consente di ottenere un'immagine del cervello utilizzando i raggi X e un campo elettromagnetico. Lo studio consente di vedere la posizione dei vasi e identificare l'area e il volume del focus patologico. Nel caso in cui l'emorragia si trovi nello spazio subaracnoideo, può essere diagnosticata una rottura dell'aneurisma. Ma questo dispositivo non è disponibile in tutti gli ospedali, quindi non è sempre disponibile.
  • L'angiografia cerebrale viene utilizzata più spesso, è un esame a raggi X utilizzando un mezzo di contrasto. La procedura indicherà la posizione, la forma e le dimensioni dell'aneurisma e l'entità del danno. La tecnica classica prevede l'inserimento di un catetere nella zona inguinale. Nell'angiografia a spirale, la sostanza viene iniettata in una vena.
  • La puntura lombare viene eseguita perforando il canale spinale con campionamento del liquido cerebrospinale e test dinamici del liquido cerebrospinale. In presenza di sangue venoso nel liquido cerebrale, viene determinata la presenza di emorragia nel cervello.

L'esame aiuta a differenziare l'aneurisma rotto da altre patologie, a determinare il grado di cambiamenti distruttivi nel cervello, a scegliere le tattiche di trattamento più appropriate per stabilizzare la condizione.

Trattamento

Il trattamento dell'aneurisma mira a prevenire la nuova emorragia e le conseguenze della rottura. Il metodo principale è la chirurgia. Il medico sceglie il metodo di intervento chirurgico in base a:

  • posizione dell'aneurisma;
  • le condizioni del paziente;
  • la gravità delle violazioni;
  • intervallo di tempo trascorso dopo la pausa.

Quali tipi di operazioni esistono:

  • Ritaglio. Il metodo microchirurgico viene utilizzato più spesso, prevede il bloccaggio della base o del corpo dell'aneurisma con una clip per spegnerlo dal flusso sanguigno, senza violare la sua integrità. Per le manipolazioni è necessaria la craniotomia, quindi l'operazione è considerata la più difficile, ma consente di ottenere l'accesso diretto all'area danneggiata. Inoltre, l'intervento aperto viene utilizzato quando si avvolge la nave danneggiata con muscoli o garze chirurgiche per rafforzarla.
  • Metodo endovascolare. Il metodo non prevede l'apertura del cranio, si effettua tramite catetere attraverso l'arteria femorale. Quindi il tubo viene spinto attraverso i vasi nel cervello fino alla parte danneggiata dell'arteria. Alla fine c'è una spirale, con l'aiuto della quale viene chiusa la sporgenza. Successivamente, viene trombizzato, non consente alla cavità di riempirsi di sangue. Durante l'operazione, il chirurgo controlla il processo utilizzando una macchina a raggi X. A volte l'arteria è completamente saldata, il cibo va ai tessuti cerebrali bypassando altri vasi. Il vantaggio del metodo è un effetto parsimonioso sul corpo, quindi le complicazioni si verificano meno spesso, il paziente avrà bisogno di meno tempo per la riabilitazione.
  • Il metodo combinato prevede prima l'introduzione di un trombo nell'aneurisma, quindi viene eseguito il ritaglio.

È importante eseguire l'operazione entro e non oltre 72 ore dall'insorgenza dell'emorragia, poiché il rischio di recidiva è elevato. Dopo il lasso di tempo, a causa di processi distruttivi, l'angiospasmo aumenta, si sviluppa l'ischemia, l'operazione diventa inutile.

Dopo l'operazione

Le complicanze non sono rare dopo l'intervento chirurgico. Ogni tipo di intervento ha le sue conseguenze:

  • Dopo la pulizia, la normale circolazione del liquido cerebrospinale viene interrotta, i centri nervosi delle meningi sono irritati e l'edema è presente nel sito di trapanazione. Di conseguenza, nel periodo postoperatorio possono verificarsi disturbi dell'equilibrio, della vista, dell'udito e una persona è preoccupata per il mal di testa. Di solito tali manifestazioni sono rare, temporanee..
  • L'intervento endovascolare comporta i suoi rischi: a volte l'aneurisma si rompe nuovamente al momento dell'operazione o è possibile la sua perforazione con una spirale. Se l'impianto è posizionato in modo errato, potrebbe essere spostato e la sporgenza riempita di sangue. Esiste anche il rischio di formazione di coaguli di sangue, blocco del vaso situato dopo la sezione in cui è posizionata la spirale.

La morte si verifica anche dopo l'intervento chirurgico, quando il danno cerebrale è esteso o l'assistenza viene fornita troppo tardi.

Trattamento conservativo

Il trattamento terapeutico è prescritto per difetti minori o quando non è possibile eseguire procedure chirurgiche. Il paziente è tenuto a rispettare tutte le prescrizioni del medico e l'aderenza al riposo a letto. Il trattamento viene utilizzato per abbassare la pressione sanguigna, dilatare i vasi sanguigni e rimuovere il fluido dal tessuto cerebrale. Vengono anche utilizzati medicinali che aumentano la viscosità del sangue. La terapia allevia le condizioni del paziente, ma non garantisce che l'emorragia non si ripresenti.

Complicazioni dopo una rottura

La posizione anatomica dell'aneurisma sono le cisterne subaracnoidee, quindi, al momento della rottura, il sangue riempie lo spazio subaracnoideo. Questa è una manifestazione specifica della rottura della protrusione. Entro 20 secondi, il sangue si diffonde in tutta l'area e dopo pochi minuti entra nel midollo spinale. Pertanto, la morte si verifica nel 15% dei casi anche prima dell'arrivo dei medici e metà dei pazienti muore in ospedale.

Le emorragie intracerebrali si formano quando si forma un ematoma all'interno del cervello, che si osserva nel 15% degli episodi, il 5% appartiene a situazioni in cui il sangue viene versato nel sistema ventricolare. In questo caso, si riempiono di liquido, che diventa la causa della morte..

Cosa succede nel cervello dopo una rottura:

  • Il sangue in uscita a volte ostruisce le vie per l'escrezione del liquido cerebrospinale, che porta all'accumulo di liquido, all'ipossia cellulare e allo sviluppo di idrocefalo, spostamento delle strutture cerebrali.
  • Dopo un ictus, il sangue forma un ematoma e quando si rompe vengono rilasciate sostanze tossiche. L'infiammazione si sviluppa, la necrosi dei tessuti si verifica nel cervello.
  • Le complicanze includono l'angiospasmo, un forte restringimento dei vasi sanguigni, che porta a un deterioramento dell'afflusso di sangue cerebrale. Se nei primi secondi questo fattore lavora per fermare l'emorragia, successivamente porta a ischemia cerebrale e ictus ischemico..

Dopo una rottura, l'area interessata del cervello smette di funzionare. Se il paziente rimane in vita, i cambiamenti patologici nei tessuti interrompono il funzionamento di organi e sistemi. Il grado e le forme di gravità sono determinati dal volume e dalla localizzazione della distruzione, che variano dalle manifestazioni minori alla paralisi completa. Quali sono le conseguenze più comuni:

  • Cefalalgia. La sindrome del dolore non è alleviata dagli analgesici.
  • Paralisi e paresi. Nelle persone che hanno subito un aneurisma rotto, ci sono disturbi del sistema motorio, paralisi di una parte del corpo (emiparesi), paralisi completa.
  • Discorso. L'emorragia nell'emisfero sinistro causa difficoltà con la scrittura e la lettura, la riproduzione e la percezione della parola. Atti naturali. A volte una persona perde la capacità di ingoiare il cibo, inala le sue particelle, che è irto di infiammazione negli organi respiratori o morte per asfissia. Succede che si perde il controllo sugli sfinteri, si sviluppano costipazione o ritenzione urinaria.
  • Patologia mentale. Il comportamento del paziente cambia: diventa aggressivo, si osservano attacchi di rabbia. In alcuni casi, si verificano apatia e depressione. Il disturbo si manifesta in inadeguatezza del comportamento, instabilità dell'umore.
  • Abilità cognitive. Le violazioni influenzano anche le capacità di pensiero: la memoria soffre, una persona non ricorda gli eventi, non percepisce nuove informazioni, la sua percezione è distorta.
  • Epilessia. Si sviluppano crisi epilettiche di natura locale o generalizzata.

La rottura non può essere esclusa. Di solito il colpo successivo è più pesante del primo.

Riabilitazione

Dopo un ictus emorragico e complicazioni postoperatorie dovute a danni alle cellule cerebrali, una persona perde alcune funzioni, un quarto dei pazienti non è in grado di servirsi da solo per un anno. Per eliminare le conseguenze, sono necessarie misure di riabilitazione:

  • In una fase iniziale, il trattamento della postura viene utilizzato per i pazienti con paralisi. Per ridurre la tensione muscolare degli arti e migliorare la circolazione sanguigna, vengono posizionati per un'ora o due in modo da ridurre il carico. Per il fissaggio vengono utilizzati splint speciali.
  • Con paralisi, massaggio degli arti e della zona del collo.
  • Vengono utilizzati trattamenti di fisioterapia.
  • Si tengono lezioni speciali per violazioni dell'apparato uditivo e vocale.
  • L'attenzione è rivolta allo sviluppo delle capacità motorie fini.
  • Gli esercizi di fisioterapia, la formazione sui simulatori sono ampiamente utilizzati.

Tutte le procedure vengono eseguite rigorosamente su raccomandazione di un medico. Per ogni paziente viene sviluppato uno schema di misure individuale. In un periodo difficile, l'attenzione e la cura dei propri cari sono importanti, solo il loro supporto aiuterà una persona a riprendersi.

La principale prevenzione di un aneurisma cerebrale rotto sono gli esami regolari. Per prevenire un tragico esito degli eventi e ridurre il rischio di gravi conseguenze, è necessario monitorare regolarmente lo stato dei vasi sanguigni. È necessario snellire la routine quotidiana, bilanciare la dieta nella direzione di una dieta sana, è inaccettabile fumare e consumare alcol.

Conseguenze dell'aneurisma: cosa preparare per i pazienti dopo l'intervento chirurgico

Qualsiasi intervento chirurgico al cervello è un processo complesso che richiede precisione, esperienza e attrezzature avanzate. Tuttavia, le prove per i pazienti non finiscono qui..

Un aneurisma cerebrale, le conseguenze dopo un'operazione per rimuoverlo, è un problema neurochirurgico che può essere risolto con un'attenta preparazione alla procedura e la successiva aderenza a determinate regole. Ma ci sono situazioni in cui medici e pazienti sono impotenti: a una persona viene assegnata una disabilità ed è costretta a mantenersi in salute con metodi appropriati per il resto della sua vita..

Esistono diversi tipi di interventi per eliminare l'aneurisma, la scelta viene fatta dal medico in base alla situazione e alle condizioni in cui è stato partorito il paziente. La scelta è influenzata anche da fattori quali complicazioni esistenti.

Indicazioni e controindicazioni

La rimozione medica dell'aneurisma cerebrale è possibile solo in pochi casi. Indicazioni per la chirurgia del tipo più comune - clipping: aneurisma più grande di 7 mm, tendenza alla rottura del sacco gonfio.

Prima dell'operazione, è necessario assicurarsi che non ci siano controindicazioni. Le operazioni non possono essere eseguite se sono presenti malattie del sangue. Sono vietati interventi per lo scompenso del diabete, nonché per infiammazioni acute o infezioni di varie eziologie.

L'intervento non è consentito in caso di esacerbazione di malattie croniche, nonché in caso di asma bronchiale grave.

Esami prima dell'intervento

La scelta del tipo di operazione è influenzata dai risultati delle analisi. È anche necessario passarli per escludere controindicazioni:

  • emocromo generale e biochimica;
  • Analisi delle urine;
  • Esame a raggi X;
  • MRI, in cui l'aneurisma è più grande di 3 mm;
  • tomografia computerizzata per una neoplasia da 5 mm - eseguita per determinare coaguli di sangue e altri difetti all'interno della neoplasia;
  • cardiogramma;
  • esame da parte di altri medici a seconda dei sintomi della malattia;
  • angiografia: rileva neoplasie fino a 3 mm.

L'affidabilità dei risultati ottenuti è la chiave per un'operazione di successo e l'assenza di gravi conseguenze dopo la sua attuazione. Prima della procedura stessa, visitano anche un chirurgo, un anestesista, concordano la data dell'intervento.

Embolizzazione delle neoplasie

L'embolizzazione di un aneurisma cerebrale è una penetrazione chirurgica endovascolare nel cranio, il cui scopo è separare la neoplasia dal flusso sanguigno generale:

  • una parte viene inserita nella nave - un tubo flessibile attraverso il quale sono immersi gli strumenti neurochirurgici;
  • con l'aiuto dello strumento, il medico interrompe l'afflusso di sangue all'aneurisma;
  • con l'ausilio di guide e cateteri si controlla la strumentazione e si utilizzano anche apparecchiature video neurochirurgiche;
  • palloncini speciali vengono utilizzati per separare la neoplasia, grazie alla quale l'embolizzazione dell'aneurisma cerebrale ha successo;
  • quando il palloncino è nel posto giusto, viene riempito con una soluzione speciale;
  • gonfiato, il palloncino protegge in modo affidabile l'aneurisma dal flusso sanguigno aggiuntivo;
  • dopo un po ', la nave intasata cresce troppo cresciuta, l'aneurisma scompare.

Il trattamento endovascolare degli aneurismi arteriosi cerebrali è una tecnica minimamente invasiva, ma viene eseguita solo in anestesia generale. Dopo di ciò, non è necessario mettere punti e una tale conseguenza dell'operazione come l'infezione non è tipica della procedura. Rimane, come con altri interventi chirurgici, solo il rischio di una procedura errata.

Conseguenza: danno vascolare e varie complicazioni dovute all'aumento della pressione nel cilindro installato.

Un'altra conseguenza del trattamento endovascolare degli aneurismi arteriosi del cervello è il danno alle pareti della neoplasia. Tuttavia, la complicazione in questo caso si verifica proprio in sala operatoria e può essere interrotta dai chirurghi.

Clipping dell'aneurisma

Il ritaglio di un aneurisma cerebrale viene eseguito su un organo aperto. Nel processo, è necessaria la craniotomia. Lo scopo di questo intervento, come con l'embolizzazione, è disconnettere la neoplasia dal flusso sanguigno. L'efficacia dell'intervento aperto è molto più alta, ma l'operazione non può essere eseguita con una posizione profonda dell'aneurisma.

Quando si apre il cranio, il medico trova una sacca piena di sangue, viene applicata una pinza. Il processo è controllato da un endoscopio e tutte le manipolazioni vengono eseguite con strumenti microchirurgici. La probabilità di complicanze dopo l'intervento chirurgico non supera l'8%, tuttavia la possibilità di danni al sacco aneurismatico è quasi completamente esclusa.

Gli errori più comuni sono: sovrapposizione sciolta della base del sacco, manifestazioni ricorrenti della malattia e sanguinamento che si è aperto. Per evitare tali conseguenze, devi scegliere con cura una clinica, studiare medici e fidarti solo di veri professionisti.

Caratteristiche del periodo postoperatorio

La chirurgia cerebrale ha sempre conseguenze per il corpo. Tuttavia, con una corretta riabilitazione e seguendo le raccomandazioni del medico, possono essere superati. Ecco come inizia il processo:

  • dopo il dipartimento di chirurgia, una persona viene trasferita alla neuroreanimazione per diversi giorni;
  • ogni giorno il chirurgo esamina il paziente, esamina le conseguenze che si presentano e previene le complicazioni;
  • se si verificano sintomi avversi, viene eseguita la tomografia computerizzata;
  • le conseguenze più comuni sono spasmi vascolari e ipossia delle cellule cerebrali, a volte si verificano emorragie sotto la membrana aracnoidea;
  • in assenza di esacerbazioni, il clipping e altre operazioni non portano alla morte;
  • se un grande aneurisma si trovava vicino al bacino basilare, i rischi aumentano;
  • anche il rischio di mortalità è alto nelle persone ammesse con emorragia.

Le conseguenze del clipping

Complicazioni dopo il taglio dell'arteria si verificano in circa il 10% dei casi. Questo 10% include conseguenze come:

  • violazione dell'attenzione, concentrazione;
  • mal di testa persistenti;
  • problemi di linguaggio minori o significativi;
  • ischemia, edema polmonare - in rari casi.

La mortalità si verifica solo in situazioni molto difficili. Se possibile, non rifiutare l'operazione.

Procedure di ripristino

Nei primi giorni dopo l'intervento, per prevenire le conseguenze dell'operazione, il paziente viene monitorato dal personale medico. È importante notare il sanguinamento e altri sintomi nel tempo.

La trapanazione aperta e le operazioni vicino al tessuto cerebrale sono complicate da ulteriori conseguenze:

  • emorragie ripetute;
  • infezioni e infiammazioni (in casi molto rari);
  • disordini neurologici;
  • necrosi del tessuto nervoso e deficit neurologico - angiospasmo.

Durante la riabilitazione, il paziente utilizza diversi metodi: fisioterapia, massaggio, terapia fisica. Dopo il clipping endoscopico, puoi tornare alla tua vita abituale entro una settimana. Allo stesso tempo, non sono necessarie complesse procedure di fisioterapia..

Se si verifica un'emorragia, ma il periodo di recupero dopo l'intervento è notevolmente aumentato. Questo di solito è associato a una funzione cerebrale compromessa. I medici raccomandano di sottoporsi a riabilitazione in centri per pazienti sopravvissuti a un ictus o in sanatori simili.

Sotto la costante supervisione di specialisti, il paziente si sottopone a corsi di massaggio, terapia fisica e fisioterapia e assume anche farmaci preventivi.

Dieta durante la riabilitazione

Per prevenire le conseguenze dopo l'intervento chirurgico, devi anche seguire una dieta. I medici consigliano di seguirlo per il resto della tua vita:

  • non puoi mangiare grassi animali, compreso strutto e grandi quantità di burro;
  • limitare nettamente i latticini grassi: formaggi, gelati, formaggi lavorati, latte condensato, panna, ricotta e latte ad alto contenuto di grassi;
  • non puoi mangiare più di 2-3 tuorli a settimana;
  • ridurre al minimo il consumo di pesce grasso, cibo in scatola, calamari, ostriche e caviale;
  • è vietato mangiare molti cibi dolci e ricchi di amido;
  • riso lucido, semolino rientrano nelle restrizioni;
  • è meglio escludere completamente dalla dieta arachidi, nocciole e pistacchi;
  • verdure cotte con grasso, è consentito solo un filo d'olio;
  • conservare salse, spezie;
  • tè e caffè con panna, alcool e soda.

Durante la dieta si consuma carne magra, la pelle viene rimossa da pesce e pollo. Usano stufati, piatti bolliti e al vapore. Dovresti anche ridurre al minimo la quantità di sale..

Costo e direzione

I pazienti con aneurismi richiedono un intervento chirurgico gratuito, per via endoscopica o aprendo il cranio. Per fare ciò, è necessario andare in cliniche regionali o distrettuali, che vengono quindi indirizzate a centri medici più grandi..

Il prezzo di solito include i materiali di consumo e il pagamento per il lavoro di tutto il personale medico. Separatamente, potresti dover pagare le medicine e il tempo trascorso in un singolo reparto.

In generale, la prognosi dopo la rimozione dell'aneurisma è favorevole: l'80% dei pazienti guarisce con successo e non soffre di gravi conseguenze. Quando viene scoperto il sanguinamento, la mortalità può raggiungere il 50%.

Ciò che un paziente può affrontare quando si rompe un aneurisma

Le conseguenze di un aneurisma rotto sono le più gravi. Sono più difficili da trattare e sono accompagnati da effetti residui:

  • difficoltà con la percezione e l'elaborazione delle informazioni;
  • diminuzione dell'acuità visiva, comparsa di "punti ciechi";
  • difficoltà a camminare, convulsioni e movimenti involontari;
  • formicolio, intorpidimento, diminuzione della sensibilità di diverse parti del corpo;
  • difficoltà a deglutire il cibo;
  • disturbi del linguaggio;
  • crisi epilettiche;
  • cambiamenti di carattere, è possibile la comparsa di apatia o aggressività pronunciata;
  • sindrome del dolore in diverse parti del corpo;
  • problemi con il movimento intestinale.

Durata

Se la procedura per il ritaglio di un aneurisma cerebrale ha avuto successo e durante la riabilitazione il paziente ha seguito le raccomandazioni dei medici, l'aspettativa di vita non diminuisce. Se rifiuti il ​​trattamento, la neoplasia aumenta, si verificano rotture ed emorragie..

Ulteriori fattori influenzano anche le conseguenze e l'aspettativa di vita:

  • le singole microformazioni sono più facili da trattare e hanno un minimo di conseguenze;
  • i piccoli aneurismi non provocano sintomi gravi e procedono senza rotture;
  • la posizione della patologia influisce sul decorso della malattia e sul trattamento;
  • in giovane età, la chirurgia è più facile da tollerare e la prognosi per i pazienti è più favorevole;
  • nelle malattie dei tessuti connettivi le conseguenze possono essere più gravi;
  • malattie degli organi e dei sistemi possono ritardare il trattamento chirurgico o peggiorare la prognosi.

La vita dopo l'intervento chirurgico

Dopo un'operazione aperta, il corpo ha bisogno di 2-4 mesi per riprendersi completamente ed eliminare le conseguenze. Quando si trattano gli aneurismi arteriosi per via endoscopica, il tempo di recupero è significativamente ridotto. Funzionalità di ripristino:

  • si avverte dolore nell'area di intervento per diversi giorni, quando la ferita inizia a guarire, appare il prurito;
  • in alcuni casi, la conseguenza dopo la rimozione dell'aneurisma è gonfiore e intorpidimento nell'area della sutura;
  • per 2 settimane è normale che il mal di testa, la stanchezza e l'ansia persistano;
  • fino a 8 settimane, sintomi simili persistono con la chirurgia aperta;
  • durante l'anno, il paziente non deve praticare sport di contatto e sollevare pesi superiori a 3 kg;
  • non puoi stare seduto per molto tempo.

Dopo 6 settimane, il paziente può iniziare a lavorare, se non è associato all'attività fisica.

Dopo il completamento del periodo di riabilitazione, è ancora necessaria una risonanza magnetica ogni 5 anni per escludere la riformazione di un aneurisma. In generale, le recensioni dopo l'intervento chirurgico sono positive. Tra gli effetti collaterali, i più comuni sono il deterioramento del benessere con un brusco cambiamento del tempo..

Disabilità con aneurisma

L'assegnazione della disabilità dopo chirurgia a cielo aperto avviene dopo una visita socio-medica. Solo nel 7-10% dei casi al paziente viene assegnata una delle categorie di disabilità.

L'appuntamento è dovuto a squilibrio funzionale, invalidità parziale. Inoltre, l'invalidità temporanea è prescritta se il paziente necessita di una riabilitazione a lungo termine..

Il gruppo di disabilità viene assegnato in base ai sintomi e alle conseguenze:

  • Il primo è prescritto se il paziente necessita di cure e supervisione esterne. Allo stesso tempo, lui stesso non può provvedere a se stesso, viene data l'incapacità e alla persona viene assegnato un tutore.
  • Il secondo gruppo è dato con una violazione parziale della funzionalità. A volte mettono un'incapacità parziale.
  • Il terzo gruppo è stabilito con una disfunzione moderata. Potrebbe trattarsi di perdita parziale dell'udito, paralisi o disorientamento. Allo stesso tempo, la possibilità del self-service rimane al 100%.

Aneurisma cerebrale

L'aneurisma cerebrale è comune. È anche chiamato intracranico. Questa è una piccola formazione patologica che può apparire su una nave. Un aneurisma cerebrale cresce abbastanza velocemente, riempiendosi di sangue. In questo caso, si osserva un'espansione della formazione, appare un notevole rigonfiamento. Una forte pressione viene esercitata sul cervello e sui tessuti che lo circondano.

Il più grande pericolo che porta un aneurisma cerebrale è la sua rottura. In questo caso, il sangue entra nel tessuto cerebrale. Si sviluppa un'emorragia. Le cellule degli organi vengono distrutte.

Se si rompe un aneurisma cerebrale, le conseguenze possono essere estremamente gravi! È di vitale importanza consultare sempre un medico. Non dovresti essere pigro per venire regolarmente all'esame. Può salvare vite. Il medico dovrebbe monitorare se l'aneurisma sta progredendo, quali sono le sue caratteristiche.

Un aneurisma cerebrale non sempre porta a un'emorragia. Se è piccolo, potrebbe non raggiungere un finale così triste. Una persona può facilmente vivere la vita senza nemmeno saperlo.

Questa patologia può apparire in qualsiasi parte del cervello. Molto spesso, si forma dove i rami si diramano dall'arteria. Questa è l'area in cui la superficie inferiore del cervello è delimitata dalla base del cranio. È il più vulnerabile possibile.

Un po 'sulle navi

È la patologia vascolare che porta alla comparsa di un aneurisma. Quali sono le nostre navi? Qual è la loro struttura? Come mantenerli sani?

Una normale parete vascolare dovrebbe avere tre strati:

  1. Interno - intima.
  2. Strato muscolare.
  3. All'aperto - Avventizia.

Se almeno uno degli strati elencati è danneggiato o per qualche motivo ha subito modifiche, si è espanso, la parete del vaso diventa troppo sottile e perde la sua normale elasticità. Il risultato sarà deludente: a causa della pressione sanguigna, la parete vascolare inizia a sporgere. Ecco come inizia l'aneurisma.

Gli studi hanno dimostrato che cinque persone su cento hanno un aneurisma di un grado o dell'altro. Questo è un tasso molto alto (5%). Si sviluppa più spesso all'età di 30-60 anni, negli uomini accade meno spesso che nelle donne. In un bambino, una tale patologia può essere ereditaria. A volte si verifica anche nei neonati.

Struttura

Un aneurisma ha collo, corpo, cupola. Il collo ha gli stessi tre strati della nave standard. C'è solo intimità nella struttura della cupola. Questa è la sezione più sottile. Può scoppiare in qualsiasi momento.

Le ragioni

Ci possono essere diversi motivi per il verificarsi di una tale patologia:

  • Cambiamenti patologici nelle pareti dei vasi sanguigni.
  • Disturbi genetici.
  • Lesione.
  • Ipertensione.
  • Tumore.
  • Infezioni.
  • Aterosclerosi.
  • Cattive abitudini (sigarette, droghe, alcol).
  • Uso contraccettivo (orale).

L'aneurisma può essere congenito. È spesso ereditato.

Se la causa dell'aneurisma è un'infezione, si parla di infetto. Inoltre, tali cambiamenti patologici nei vasi sanguigni si verificano spesso nel cancro. Spesso le metastasi portano a loro..

Anche i tossicodipendenti sono a rischio. È stato dimostrato che quando si usa la cocaina, i vasi sanguigni sono gravemente colpiti.

Il motivo più comune è che le membrane vascolari diventano troppo sottili. Spesso, gli aneurismi sono localizzati dove l'arteria inizia a diramarsi. Spesso questa patologia appare nell'area della base del cranio..

Un aneurisma può comparire durante la gravidanza, il parto. Ciò è dovuto al fatto che le donne incinte hanno spesso la pressione alta. È importante evitare lo stress, stabilizzare la pressione.

Si distinguono i seguenti tipi di aneurismi:

  1. Aneurisma sacculare. La forma più comune. Si chiama anche bacca. Assomiglia davvero a una borsa nella sua forma. In questo sacco inizialmente piccolo, il sangue si accumula. Ciò porta al fatto che si allunga e le pareti della nave diventano sottili. Il collo di questo sacco arrotondato si attacca a un'arteria o ramo vascolare. Questo tipo è più comune negli adulti.
  2. Lato. Situato sul lato della nave e assomiglia a un tumore.
  3. Fusiforme. Assomiglia a un fuso in forma. La ragione del suo aspetto è l'espansione delle pareti vascolari in una piccola area..

Inoltre, gli aneurismi sono suddivisi in base alla loro dimensione. I più piccoli misurano circa 11 mm. Medio - 11-25 mm, grande - più di 25 mm.

Chi è a rischio

Sia gli adulti che i bambini possono essere colpiti da aneurismi. Negli adulti, si verificano più spesso e si nota che le donne sono più inclini a questa patologia. A rischio anche coloro che hanno alcune malattie ereditarie..

Coloro che non si preoccupano di uno stile di vita sano, abusano di sigarette, alcol e fanno uso di droghe sono ad alto rischio.

Le malattie croniche possono anche causare patologie vascolari..

Esistono anche fattori congeniti:

  • Malattie del tessuto connettivo. A causa loro, le navi si indeboliscono.
  • Il lume dell'aorta è patologicamente ristretto.
  • Malattia policistica renale. Questa è una malattia ereditaria in cui le cisti crescono nei reni. Portano ad un aumento della pressione.
  • I vasi cerebrali non si sono sviluppati correttamente durante la formazione del feto. Di conseguenza, una persona ha un intreccio patologico di arterie, vene del cervello. Questo interrompe seriamente il flusso sanguigno..
  • Aneurisma in parenti stretti.

La rottura di un aneurisma dei vasi cerebrali porta spesso a condizioni gravi, coma, paralisi, morte. Qualsiasi tipo di aneurisma può rompersi. Ma questo non accade molto spesso. Su 100mila persone l'aneurisma si rompe a dieci anni. Più spesso questo accade nelle persone di età compresa tra 30 e 60 anni. Il divario si verifica principalmente in una fase avanzata dello sviluppo dell'istruzione.

  • ipertensione;
  • fumare;
  • dipendenza;
  • alcolismo.

Gli aneurismi si rompono a causa del loro allargamento, impatto, trauma. Anche il grado di rottura può variare. Colpisce l'entità del sanguinamento..

Di quanto minaccia

Un aneurisma rotto è estremamente pericoloso. Porta a emorragia cerebrale. Ciò causa gravi complicazioni e persino la morte. Il sistema nervoso è danneggiato, si sviluppa un ictus emorragico. Potrebbero verificarsi interruzioni ripetute. Peggiorano le condizioni del paziente. Prima si inizia il trattamento, maggiori sono le possibilità di sopravvivenza del paziente.

Il risultato del danno è l'emorragia subaracnoidea. Questo è il periodo più pericoloso. In questo caso, il sangue schizza nella cavità tra il cervello e le ossa del cranio. Questo può portare all'idrocefalo. Troppo liquido (CSF) si accumula nel cervello. Preme sui tessuti, interrompendone la funzione..

Il vasospasmo è un'altra formidabile complicanza. Con esso, le navi si restringono notevolmente. Il flusso sanguigno diminuisce bruscamente. Le aree vitali del cervello sono interessate. A causa della mancanza di sangue, i tessuti possono essere danneggiati e si sviluppa un ictus..

L'aneurisma può svilupparsi in due modi clinici:

  1. Simile a un tumore. L'aneurisma sta crescendo rapidamente. Raggiunge una dimensione impressionante, grazie alla quale i vasi ei nervi vengono compressi. Compaiono dolori insopportabili e altri sintomi. Secondo il quadro clinico, le manifestazioni assomigliano a quelle che compaiono con i tumori. La posizione influenza i sintomi. L'intersezione ottica e il seno cavernoso spesso soffrono. La vista può essere compromessa, la sua acutezza è persa. Se la neoplasia preme sul tessuto troppo a lungo, il nervo ottico può atrofizzarsi. Se la patologia si trova nel seno cavernoso, si osserva la paresi, i rami del nervo trigemino sono interessati. Lo strabismo, la nevralgia del trigemino e le ossa del cranio possono deformarsi. La radiografia lo rivelerà.
  2. Apoplettico. I sintomi clinici compaiono all'improvviso. Sono il risultato di una rottura. Abbastanza raramente, un forte mal di testa appare prima della rottura..

Quando si sviluppa un aneurisma cerebrale, i sintomi possono essere sottili. Solo dal momento in cui la formazione diventa piuttosto grande, il paziente inizia a notare segni allarmanti. Gli aneurismi, la cui dimensione non cambia, sono spesso asintomatici. Non possono passare, ma a volte crescono molto lentamente o non aumentano.

Se la neoplasia è grande, in rapida crescita, preme sul tessuto e porta a una serie di sintomi:

  • dolore nella zona degli occhi;
  • paralisi, intorpidimento su un lato del viso;
  • debolezza;
  • la visione diventa offuscata;
  • pupille dilatate.

Se conosci i sintomi, puoi facilmente riconoscere la patologia. I sintomi più evidenti compaiono quando si rompono le neoplasie:

  • il mal di testa può essere grave e grave;
  • nausea;
  • inizia a raddoppiare negli occhi;
  • perdita di conoscenza.

In questo caso, la testa fa un male insopportabile. Il dolore è acuto. Questo è il primo sintomo di rottura. In un primo momento, può essere localizzato nell'area in cui si è verificato il danno. A volte la rottura è preceduta da mal di testa avvertenti. Potrebbero non andare via per giorni, anche settimane. Molto spesso inizia un attacco.

Una persona con un'alta probabilità sviluppa sensibilità alla luce, inizia nausea, vomito, una palpebra cade spontaneamente, sperimenta un'ansia inspiegabile. A volte si verificano convulsioni, una persona può perdere conoscenza o cadere immediatamente in coma.

In alcuni casi, le crisi sono molto simili alle crisi epilettiche. La coscienza può essere confusa, possono anche verificarsi psicosi. Con il sanguinamento, si verifica uno spasmo prolungato delle arterie. Può causare ictus ischemico.

Oltre all'emorragia subaracnoidea, l'emorragia si verifica nei ventricoli del cervello. Appare un ematoma. Questo è lo scenario peggiore.

In caso di mal di testa, che è accompagnato da almeno alcuni dei sintomi elencati, è meglio consultare un medico.

Diagnostica

Per molto tempo l'aneurisma non si fa sentire. Questa è la sua astuzia. La persona si sente benissimo e in questo momento è già iniziato un pericoloso processo patologico. Ma è importante identificare la patologia il prima possibile..

A volte un aneurisma viene rilevato per caso, durante gli esami per altre malattie.

La diagnostica aiuta a identificare la lesione, determinarne il tipo, le dimensioni, la localizzazione. Adesso è possibile applicare i metodi, l'apparato, la ricerca più moderni in laboratorio. Sulla base dei dati ottenuti, il medico effettua una diagnosi accurata, seleziona le tattiche di trattamento.

Sfortunatamente, nella maggior parte dei casi, la diagnosi inizia dopo l'emorragia..

Metodi diagnostici di base:

  1. Angiografia. Questa è una radiografia dei vasi del cervello, in cui vengono utilizzati agenti di contrasto. In questo caso, puoi vedere come i vasi sono dilatati o ristretti, per trovare i loro punti deboli. Il metodo consente di determinare i disturbi circolatori, di identificare la posizione esatta dell'aneurisma, la sua forma, le dimensioni. L'esame viene effettuato in un'apposita sala. Il paziente viene iniettato localmente con anestetico, quindi un piccolo catetere viene inserito nell'arteria. Viene portato sul luogo della sconfitta. L'agente di contrasto aiuta a esaminare in dettaglio tutti i vasi della testa e del collo. In questo caso, vengono scattate le foto.
  2. TC (tomografia computerizzata). Questo metodo è considerato il migliore. È indolore, veloce, non invasivo, aiuta a trovare una lesione e, in caso di rottura, a determinare la dimensione dell'emorragia. Ora i medici prescrivono questa procedura al primo sospetto di sviluppo di patologie vascolari. Di conseguenza, vengono emesse immagini di sezioni trasversali del cervello e del cranio.
  3. Angiografia TC. Si differenzia dalla TC in quanto viene iniettato un mezzo di contrasto. Ti consente di ottenere le immagini più nitide possibili. Tutti i tipi di TC vengono eseguiti principalmente su base ambulatoriale.
  4. MRI (risonanza magnetica per immagini). Una risonanza magnetica utilizza un forte campo magnetico e onde radio per catturare un'immagine del cervello. Il rilievo permette di ottenere immagini dettagliate, anche tridimensionali. La procedura è non invasiva, indolore.
  5. Analisi del liquido cerebrospinale. Viene eseguito se si sospetta che l'aneurisma si sia rotto. Al paziente viene somministrato un anestetico locale. Viene inserito un ago chirurgico, con il quale viene prelevato un campione di liquido cerebrospinale. Protegge il midollo spinale e il cervello. Quindi il laboratorio lo verifica per il sangue. Questa procedura viene eseguita in ospedale..

Trattamento

Se l'aneurisma è grande, dovrebbe essere trattato solo in una clinica neurologica. La terapia può essere un farmaco o un intervento chirurgico. L'aneurisma può scoppiare in qualsiasi momento. Tuttavia, non si rompe in tutti i casi. Se l'istruzione è piccola, il medico ha il diritto di raccomandare un monitoraggio regolare delle sue condizioni. Succede che non cresce affatto. Quindi non è richiesto alcun trattamento. Una persona può conviverci per anni, decenni (se è un microaneurisma).

È importante monitorare ulteriori segni patologici..

Se compaiono sintomi o si nota una crescita, è necessario essere trattati immediatamente. La terapia dovrebbe essere competente e completa. Ogni aneurisma ha le sue caratteristiche uniche: posizione, dimensione, forma, grado di crescita. Possono essere ereditati.

Sulla base delle caratteristiche elencate, il medico curerà la malattia. È anche importante prendere in considerazione l'età, la storia medica, le condizioni del paziente, l'ereditarietà, per determinare i rischi del trattamento.

Spesso ricorrono ai seguenti tipi di intervento chirurgico:

  1. Applicazione di una clip all'aneurisma e alla sua occlusione. Questa è l'operazione più rischiosa e difficile. Con esso, è facile danneggiare altre navi. L'aneurisma può ricomparire. Alto rischio di convulsioni dopo l'intervento chirurgico.
  2. Embolizzazione endovascolare. È una moderna alternativa all'occlusione. Viene eseguito più volte durante la vita del paziente..

Quale opzione per scegliere un'operazione chirurgica dovrebbe essere decisa esclusivamente dal medico. Il paziente non deve cercare di influenzare la sua decisione. Il medico valuta oggettivamente le dimensioni della formazione, la sua posizione, le malattie concomitanti, ecc..

Le moderne cliniche neurochirurgiche hanno tutto per il trattamento chirurgico: buone attrezzature e chirurghi esperti.

Dopo l'intervento chirurgico, saranno necessarie riabilitazione postoperatoria, misure riparative competenti e fisioterapia. Potresti aver bisogno dell'aiuto di un logopedista, neuropsicologo, ecc..

Se il tumore è piccolo, viene utilizzato un trattamento conservativo. Lo scopo di tale terapia è prevenire la crescita della neoplasia. Allo stesso tempo, verranno introdotti farmaci che normalizzano la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e quelli che aiuteranno ad abbassare i livelli di colesterolo..

In caso di rottura, è necessaria una terapia urgente. Il trattamento conservativo è lo stesso dell'ictus emorragico. Se indicato, il chirurgo può rimuovere prontamente la formazione e l'ematoma.

Prevenzione

Attualmente non sono stati sviluppati metodi efficaci per prevenire l'aneurisma. Se viene fatta una diagnosi del genere, è importante monitorare costantemente la pressione sanguigna, non fumare, non usare droghe. Spesso anche l'aspirina è proibita per questi pazienti. Diluisce il sangue e può causare sanguinamento.

Le donne dovrebbero fare attenzione con i contraccettivi orali. È inoltre necessario monitorare la propria salute durante la gravidanza..

Conseguenze e previsioni

La possibilità di guarigione aumenta con la diagnosi precoce. È importante ascoltare i sintomi. Alcune persone riescono a vivere tutta la loro vita con un aneurisma. I controlli regolari della pressione sono importanti. Mantenendolo a un livello di sicurezza, è possibile prevenire il danno vascolare. Se l'aneurisma non si è rotto e non è cresciuto fino a raggiungere dimensioni gigantesche, una tale patologia può passare inosservata per il corpo..

Le conseguenze più gravi si sviluppano con una rottura. Possono essere fatali. Anche se il paziente gli ha salvato la vita, dopo la malattia tutto può finire in disabilità. Spesso la rottura provoca vasospasmo, ictus, idrocefalo, coma. È altamente probabile che causi danni al tessuto cerebrale (sia temporaneo che irreversibile).

La previsione è influenzata dai seguenti indicatori:

  • condizione generale del corpo;
  • età;
  • indicatori neurologici;
  • la scala del sanguinamento;
  • posizione dell'aneurisma;
  • efficienza nel fornire cure mediche di qualità.

La diagnosi e il trattamento tempestivi sono essenziali. Ciò aumenta notevolmente le possibilità di un buon risultato..

È meglio iniziare a trattare un aneurisma prima che si rompa. Ciò aumenta le possibilità di recupero. Il recupero può richiedere da un paio di settimane a diversi mesi..

Aneurisma durante la gravidanza

Durante la gravidanza, le singole zone deboli nell'area della ramificazione dei vasi possono allungarsi. Questo è il risultato di una maggiore pressione, patologie, lesioni. La causa più comune è l'ipertensione. La difficoltà è che alcuni farmaci sono controindicati durante la gravidanza per stabilizzare la pressione sanguigna.

I medici raccomandano di misurare la pressione sanguigna almeno una volta al giorno durante la gravidanza. Se noti che è aumentato, consulta il tuo medico. Non sperare che tutto torni alla normalità..

L'ipertensione è un carico pesante sui vasi sanguigni. Si allungano velocemente, si strappano. Anche dopo che la pressione si è stabilizzata, l'aneurisma risultante continuerà la sua crescita inesorabile..

Esistono tali gruppi di cause che causano l'aneurisma delle donne incinte:

  1. infezioni;
  2. trauma;
  3. complicazioni postoperatorie;
  4. processi degenerativi nei vasi sanguigni.

Se un processo infiammatorio si è unito alla malattia, la temperatura può aumentare. In ogni quarto caso, una tale patologia interrompe gravemente le funzioni cerebrali e porta alla morte..

Il fatto che ci sia stata una rottura è evidenziato da un forte calo della pressione, tachicardia. La reazione agli stimoli esterni può ancora scomparire, la respirazione è persa.

Quando si forniscono cure di emergenza, è necessario monitorare non solo le condizioni della donna, ma anche il feto.

Durante la diagnosi di donne in gravidanza, non sarà possibile prendere in considerazione solo una sintomatologia. Segni simili possono essere osservati in molte condizioni patologiche, quindi, per fare la diagnosi corretta, saranno necessari raggi X, aortografia, tomografia.

Durante la diagnosi, il medico deve stabilire la presenza di un aneurisma, la sua posizione, le dimensioni, escludere i tumori, compresi quelli maligni.

Le complicazioni possono essere estremamente gravi. Non solo la madre soffre, ma anche il bambino. Senza intervento chirurgico, il 75% dei pazienti muore. Dopo l'intervento chirurgico, questa cifra scende al 15%.

Conclusione

Non puoi farti prendere dal panico alla semplice parola "aneurisma"! Nessuno è immune dal suo aspetto. Devi solo pensare in anticipo alla tua salute, anche prima che sorgano problemi. Sono spesso associati a malattie croniche acquisite. Una corretta alimentazione, l'assenza di cattive abitudini, il trattamento tempestivo delle malattie possono proteggere da varie patologie. Vale la pena essere esaminato almeno una volta all'anno. Il tuo corpo sarà molto grato per tanta attenzione..

Se si verificano problemi, sintonizzati per il miglior risultato e vai in una buona clinica. Il sostegno dei parenti e l'aiuto tempestivo di medici competenti sono importanti. Quando si sceglie una clinica, vale la pena considerare quali attrezzature sono disponibili.


Articolo Successivo
Motivi per cui il lato sinistro del corpo è insensibile