Comprare on line


Sito della casa editrice "Media Sphere"
contiene materiale destinato esclusivamente agli operatori sanitari.
Chiudendo questo messaggio, confermi di essere certificato
un professionista medico o uno studente di un istituto di istruzione medica.

coronavirus

Una chat room professionale per anestesisti-rianimatori a Mosca fornisce l'accesso a una libreria live e continuamente aggiornata di materiali relativi a COVID-19. La biblioteca viene aggiornata quotidianamente dagli sforzi della comunità internazionale dei medici che attualmente lavorano nelle zone epidemiche e include materiali di lavoro per supportare i pazienti e organizzare il lavoro degli ospedali.

I materiali sono selezionati da medici e tradotti da traduttori volontari:

Arteria iliaca

L'arteria iliaca è il più grande vaso sanguigno accoppiato dopo l'aorta, lungo da cinque a sette centimetri e con un diametro di 11-13 mm. Le arterie iniziano nel sito della biforcazione dell'aorta, a livello della quarta vertebra lombare. Nell'area di giunzione delle ossa iliache e del sacro, si rompono nelle arterie iliache esterne e interne.

L'arteria interna si divide in rami: rettale medio, ileale-lombare, sacrale, laterale, gluteo inferiore e superiore, urinario inferiore, genitale interno, otturatore. Consegnano il sangue agli organi e alle pareti interne della cavità pelvica.

L'arteria esterna, lasciando la cavità pelvica, emette contemporaneamente diversi rami alle sue pareti e continua sotto forma di arteria femorale nella regione degli arti inferiori. I rami dell'arteria femorale (arteria profonda, arteria epigastrica inferiore) forniscono sangue alla pelle e ai muscoli delle cosce e poi si diramano in arterie più piccole e forniscono afflusso di sangue al piede e alla parte inferiore della gamba.

Negli uomini, l'arteria iliaca trasporta il sangue alle membrane testicolari, ai muscoli della coscia, alla vescica e al pene.

Aneurisma dell'arteria iliaca

Un aneurisma dell'arteria iliaca è una protrusione sacculare della parete del vaso. La parete dell'arteria perde gradualmente la sua elasticità e viene sostituita dal tessuto connettivo. Le cause della formazione di aneurisma possono essere ipertensione essenziale, traumi, aterosclerosi.

Un aneurisma dell'arteria iliaca può procedere senza particolari sintomi per lungo tempo. La sindrome del dolore nel sito dell'aneurisma si verifica se, raggiungendo grandi dimensioni, inizia a spremere il tessuto circostante.

Un aneurisma rotto può causare sanguinamento gastrointestinale di eziologia non chiara, calo della pressione sanguigna, diminuzione della frequenza cardiaca, collasso.

La violazione dell'afflusso di sangue nell'area dell'aneurisma può portare a trombosi dell'arteria femorale, arterie della parte inferiore della gamba e vasi degli organi pelvici. I disturbi del flusso sanguigno sono accompagnati da disturbi disurici, dolore. La formazione di trombi nelle arterie della gamba a volte porta allo sviluppo di paresi, claudicatio intermittente e comparsa di disturbi della sensibilità.

L'aneurisma dell'arteria iliaca viene diagnosticato mediante ultrasuoni con scansione duplex, tomografia computerizzata, risonanza magnetica, angiografia.

Occlusione dell'arteria iliaca

L'occlusione e la stenosi dell'arteria iliaca si verificano più spesso a causa di tromboangioite obliterante, aterosclerosi arteriosa, displasia fibromuscolare, aortoarterite.

Con la stenosi dell'arteria iliaca, si sviluppa l'ipossia tissutale, interrompe il metabolismo dei tessuti. Una diminuzione della tensione di ossigeno nei tessuti porta all'acidosi metabolica e all'accumulo di prodotti metabolici sottoossidati. In questo caso, le proprietà di aggregazione e adesività delle piastrine aumentano e le proprietà di disaggregazione diminuiscono. La viscosità del sangue aumenta e questo porta inevitabilmente alla formazione di coaguli di sangue.

Esistono i seguenti tipi di occlusione delle arterie iliache (a seconda dell'eziologia): aortite aspecifica, forma mista di arterite, aortite e aterosclerosi, occlusioni iatrogene, postemboliche, post-traumatiche. A seconda della natura della lesione, ci sono occlusione cronica, trombosi acuta, stenosi..

L'occlusione delle arterie iliache è accompagnata dalla comparsa di numerose sindromi. La sindrome dell'ischemia degli arti inferiori si manifesta sotto forma di parestesia, facile affaticamento e claudicatio intermittente, intorpidimento e freddo degli arti inferiori. La sindrome dell'impotenza si manifesta nell'ischemia degli organi pelvici e nell'insufficienza circolatoria cronica delle parti inferiori del midollo spinale.

Il trattamento conservativo dell'occlusione delle arterie iliache viene utilizzato per normalizzare i processi di coagulazione del sangue, alleviare il dolore, espandere i collaterali e alleviare gli spasmi vascolari.

In caso di terapia conservativa dei vasi colpiti, possono essere utilizzati i seguenti farmaci:

  • agenti bloccanti i gangliari (midocalm, bupatol, vasculate);
  • agenti pancreatici (dilminale, angiotropina, andecalina);
  • farmaci antispastici (no-shpa, papaverina).

Le indicazioni per l'intervento chirurgico sono:

  • claudicatio intermittente grave o dolore a riposo;
  • alterazioni necrotiche nei tessuti dell'arto (chirurgia urgente);
  • embolia delle arterie grandi e medie (chirurgia d'urgenza).

Metodi per il trattamento chirurgico dell'occlusione delle arterie iliache:

  • resezione dell'area interessata dell'arteria e sua sostituzione con un innesto;
  • endoarteriectomia: apertura del lume di un'arteria e rimozione della placca;
  • combinazione di bypass e resezione con endoarteriectomia;
  • simpatectomia lombare.

Attualmente, il metodo di dilatazione endovascolare viene spesso utilizzato per ripristinare le arterie stenotiche. Questo metodo viene utilizzato con successo in aggiunta alla chirurgia ricostruttiva per lesioni vascolari multiple..

Chirurgia dell'aneurisma dell'aorta addominale

Naviga nella pagina corrente

  • A proposito di metodo
  • Malattie
  • Risultati del trattamento
  • Il costo
  • Medici
  • Domande e risposte
  • Suggerimenti e articoli
  • Video

L'aneurisma dell'aorta addominale è una sporgenza della parete dell'aorta addominale dovuta al suo assottigliamento e allungamento quando la parete del vaso è indebolita. La rottura dell'aneurisma è una complicanza comune che causa la morte di tutti i pazienti.

La chirurgia a cielo aperto per l'aneurisma è chiamata resezione dell'aneurisma dell'aorta addominale e viene eseguita per prevenire le sue complicanze, in particolare la rottura con emorragia interna. La chirurgia dell'aneurisma è un intervento ad alto rischio piuttosto traumatico, quindi dovrebbe essere utilizzata solo se è impossibile eseguire protesi endovascolari. Il significato della chirurgia dell'aneurisma è isolare il sacco aneurismatico attraverso un'incisione nell'addome o nella regione lombare. L'aneurisma è isolato fino all'aorta normale (collo) Successivamente, il sacco aneurismatico viene aperto, una protesi artificiale viene suturata all'aorta normale, che viene visualizzata sulle arterie femorali. In questo modo, il flusso sanguigno attraverso l'aneurisma viene eliminato e vengono eliminati i rischi della sua rottura. L'operazione può essere accompagnata da una significativa perdita di sangue e altre complicazioni. Il rischio di un esito sfavorevole è maggiore nei pazienti anziani con malattie concomitanti ed è di circa l'8%.

Tecnologie di trattamento presso il Centro vascolare innovativo

I chirurghi vascolari della nostra clinica hanno una significativa esperienza in operazioni a cielo aperto per aneurismi dell'aorta addominale. Hanno eseguito più di 150 operazioni per questa patologia con successo nel 95% dei pazienti. L'approccio della nostra clinica consiste nella preparazione completa di un paziente con aneurisma per escludere patologie del cuore e delle arterie carotidi, che possono influenzare l'esito dell'operazione. Per la prevenzione delle complicanze renali, utilizziamo l'emofiltrazione prolungata nel periodo postoperatorio. Al fine di ridurre la perdita di sangue, vengono utilizzate l'emodiluizione (diluizione del sangue) e le apparecchiature per il ritorno del sangue. Al fine di prevenire complicazioni nel periodo postoperatorio, pratichiamo il sollevamento precoce dei pazienti dal letto, la riabilitazione attiva. Negli ultimi anni ci siamo progressivamente allontanati dalla chirurgia a cielo aperto per gli aneurismi a favore di interventi di artroplastica endovascolare meno traumatica..

Preparazione per la chirurgia dell'aneurisma aortico

  • Prima di un intervento chirurgico aortico importante, il paziente deve essere esaminato a fondo per ridurre i rischi di complicanze in altre regioni vascolari. Nella nostra clinica, il metodo di trattamento dell'aneurisma aortico è determinato da una consultazione di medici, tenendo conto dei rischi del prossimo intervento.
  • L'elettrocardiografia e l'ecografia del cuore vengono eseguite senza fallo. Per escludere il sanguinamento postoperatorio dallo stomaco, è obbligatoria l'esofagogastroscopia (EGDS). Viene eseguito un esame complesso dei vasi del cuore, delle arterie carotidi e delle arterie delle estremità.
  • La preparazione dell'intestino viene eseguita alla vigilia dell'operazione. Il paziente non mangia la cena e prende lassativi speciali (Fortrans). Ciò consente una pulizia completa dell'intestino e il rischio di stasi intestinale postoperatoria. Di notte può essere prescritto un clistere purificante..
  • La mattina prima dell'intervento, l'addome, la zona pubica e i fianchi vengono accuratamente rasati. Un catetere viene inserito nella vescica e la vena succlavia viene cateterizzata. Al paziente vengono somministrati sedativi e viene consegnato in sala operatoria..

Anestesia durante l'intervento chirurgico

L'operazione può essere eseguita in anestesia generale o in anestesia epidurale (un colpo alla schiena). L'anestesia generale è necessaria per i grandi aneurismi che si estendono verso o sopra le arterie renali. L'anestesia generale è necessaria per l'accesso alla laparotomia della linea mediana ampia. Con l'accesso retroperitoneale all'aorta, l'anestesia epidurale può essere limitata. Durante le operazioni di aneurisma, l'attività cardiaca e la pressione sanguigna devono essere monitorate utilizzando apparecchiature speciali. Per l'anestesia e la terapia intensiva, è necessario inserire un catetere nella vena centrale (il più delle volte la succlavia). La funzione renale viene valutata in base alla quantità di urina posizionando un catetere nella vescica. Durante l'anestesia, viene monitorato il livello di pressione venosa centrale e vengono somministrati farmaci per regolare il volume del sangue circolante e degli elettroliti. Se necessario, vengono effettuate trasfusioni di sangue e plasma per reintegrare quelle perse durante l'operazione. Distributori speciali somministrano farmaci per la pressione sanguigna. Per la chirurgia a lungo termine, è possibile collegare un apparato di emofiltrazione per eliminare possibili intossicazioni.
L'anestesia durante le operazioni aortiche è molto importante e la comodità del lavoro dei chirurghi ei risultati immediati dell'intervento chirurgico dipendono dal suo decorso..

Procedura di resezione dell'aneurisma aortico

  • Accesso chirurgico

Durante l'esame preoperatorio, viene presa una decisione sull'approccio chirurgico. Tre accessi vengono eseguiti più spesso. Due di loro si trovano nella zona inguinale sulla coscia, per isolare le arterie femorali comuni, un accesso è una laparotomia mediana (un'incisione nel mezzo dell'addome) o un accesso sul lato sinistro. In caso di aneurismi alti, l'approccio superiore può essere esteso al torace. Questo intervento è la toracofrenolombotomia.

  • Il significato dell'operazione

Dopo l'isolamento del sacco aneurismatico, l'aorta addominale viene bloccata. Il tempo per interrompere il flusso sanguigno deve essere ridotto. Per questo, prima di posizionare la pinza sull'aorta, viene eseguito un buon isolamento dell'aneurisma e di tutti i rami arteriosi fino alla biforcazione dell'aorta alle arterie iliache. Quando si applicano i morsetti vascolari, il lume dell'aneurisma viene aperto, i coaguli trombotici vengono rimossi dalla cavità dell'aneurisma e il sanguinamento dai rami che fluiscono nell'aneurisma viene interrotto.

La chirurgia a cielo aperto consiste nella sostituzione dell'aorta dilatata con un innesto vascolare sintetico. Quest'ultimo viene suturato nella sezione superiore dell'aorta (sopra l'aneurisma), quindi i rami della protesi vengono passati alle arterie femorali e suturati a loro. Successivamente, la protesi è coperta dalle pareti del sacco aneurismatico. Il problema principale è l'isolamento del sacco aneurismatico e dei rami che emanano da esso. Questo dovrebbe essere fatto abbastanza rapidamente se questi rami sono percorribili, poiché un serraggio prolungato può causare una malnutrizione dell'intestino o del midollo spinale.

Dopo aver collegato l'aorta con le arterie femorali, è necessario risolvere il problema della necessità di trapianto dell'arteria mesenterica inferiore. Questa arteria fornisce sangue all'intestino crasso e talvolta la legatura dell'arteria può interferire con l'afflusso di sangue intestinale. Per prendere una decisione, è necessario valutare il flusso sanguigno attraverso questa arteria. Se dopo aver rimosso il morsetto c'è un buon flusso sanguigno di ritorno, allora l'arteria non può essere cucita alla protesi vascolare, se è percorribile, ma il flusso sanguigno è molto debole, quindi i percorsi di bypass non sono sviluppati e le arterie devono essere ripiantate nella protesi vascolare.

Dopo il completamento della fase vascolare dell'operazione, i drenaggi tubolari vengono installati nello spazio retroperitoneale e nell'area di accesso sui fianchi e le ferite vengono suturate a strati.

La durata media della chirurgia per aneurisma aortico è di 3 ore. La perdita di sangue media è di circa un litro. La perdita di sangue viene reintegrata con sangue, plasma e soluzioni saline del donatore.

Complicazioni della chirurgia aortica

La chirurgia a cielo aperto ha un rischio maggiore di complicanze e mortalità postoperatorie precoci rispetto al posizionamento di stent-graft endovascolare nell'aorta. La mortalità dopo chirurgia a cielo aperto è di circa il 5%, mentre dopo l'artroplastica è dello 0,5%.

Altre possibili complicazioni dopo la resezione dell'aneurisma aortico:

  • Insufficienza renale acuta
  • Ictus del midollo spinale con paralisi delle gambe
  • Claudicatio intermittente alto (dolore ai glutei quando si cammina) claudicatio
  • Ischemia del colon
  • Embolia degli arti inferiori con ischemia acuta
  • Sanguinamento dal sito chirurgico e shock emorragico
  • Suppurazione di una protesi vascolare

Queste complicazioni sono rare. Nella nostra clinica ci sono stati casi isolati di tali complicazioni..

Prognosi dopo la sostituzione aortica

Il periodo postoperatorio immediato richiede solitamente 10-14 giorni e dipende dai risultati immediati dell'operazione. Entro 1-3 giorni, i pazienti necessitano di cure intensive, è possibile eseguire una ventilazione artificiale prolungata dei polmoni. Di solito iniziamo a sollevare i pazienti il ​​3 ° giorno dopo l'intervento. Siamo autorizzati a camminare per 5 giorni. Se il periodo postoperatorio procede senza intoppi, il paziente viene dimesso a casa il 10 ° giorno.

Dopo la dimissione, devi indossare una benda speciale sullo stomaco per un mese. Un mese dopo viene eseguita un'ecografia di controllo per valutare la pervietà della protesi artificiale e lo stato del flusso sanguigno nelle gambe.

Il paziente ritorna alle normali attività quotidiane dopo la chirurgia aortica aperta in 3-6 mesi. La pervietà delle protesi vascolari viene mantenuta al 93% per un periodo di cinque anni dopo l'intervento. Il controllo degli ultrasuoni consente di identificare il possibile sviluppo di problemi e adottare misure tempestive per eliminarli.

Programma di osservazione

Il vantaggio della chirurgia a cielo aperto per l'aneurisma rispetto alla chirurgia endovascolare è che non è necessario un monitoraggio costante della funzione della protesi vascolare. Se non si sviluppano complicazioni nei prossimi 3 mesi, allora puoi contare su una protesi vascolare a lungo termine. Il monitoraggio periodico con ultrasuoni è richiesto solo una volta all'anno.

Intervento chirurgico per aneurisma dell'arteria iliaca quando è necessario un intervento chirurgico

L'arteria iliaca è il più grande vaso sanguigno accoppiato dopo l'aorta, lungo da cinque a sette centimetri e con un diametro di 11-13 mm. Le arterie iniziano nel sito della biforcazione dell'aorta, a livello della quarta vertebra lombare. Nell'area di giunzione delle ossa iliache e del sacro, si rompono nelle arterie iliache esterne e interne.

L'arteria interna si divide in rami: rettale medio, ileopsoas, sacrale, laterale, gluteo inferiore e superiore, urinario inferiore, genitale interno, otturatore. Consegnano il sangue agli organi e alle pareti interne della cavità pelvica.

L'arteria esterna, lasciando la cavità pelvica, emette contemporaneamente diversi rami alle sue pareti e continua sotto forma di arteria femorale nella regione degli arti inferiori. I rami dell'arteria femorale (arteria profonda, arteria epigastrica inferiore) forniscono sangue alla pelle e ai muscoli delle cosce e poi si diramano in arterie più piccole e forniscono afflusso di sangue al piede e alla parte inferiore della gamba.

Negli uomini, l'arteria iliaca trasporta il sangue alle membrane testicolari, ai muscoli della coscia, alla vescica e al pene.

Un aneurisma dell'arteria iliaca è una protrusione sacculare della parete del vaso. La parete dell'arteria perde gradualmente la sua elasticità e viene sostituita dal tessuto connettivo. Le cause della formazione di aneurisma possono essere ipertensione essenziale, traumi, aterosclerosi.

Un aneurisma dell'arteria iliaca può procedere senza particolari sintomi per lungo tempo. La sindrome del dolore nel sito dell'aneurisma si verifica se, raggiungendo grandi dimensioni, inizia a spremere il tessuto circostante.

Un aneurisma rotto può causare sanguinamento gastrointestinale di eziologia non chiara, calo della pressione sanguigna, diminuzione della frequenza cardiaca, collasso.

La violazione dell'afflusso di sangue nell'area dell'aneurisma può portare a trombosi dell'arteria femorale, arterie della parte inferiore della gamba e vasi degli organi pelvici. I disturbi del flusso sanguigno sono accompagnati da disturbi disurici, dolore. La formazione di trombi nelle arterie della gamba a volte porta allo sviluppo di paresi, claudicatio intermittente e comparsa di disturbi della sensibilità.

L'aneurisma dell'arteria iliaca viene diagnosticato mediante ultrasuoni con scansione duplex, tomografia computerizzata, risonanza magnetica, angiografia.

L'occlusione e la stenosi dell'arteria iliaca si verificano più spesso a causa di tromboangioite obliterante, aterosclerosi arteriosa, displasia fibromuscolare, aortoarterite.

Con la stenosi dell'arteria iliaca, si sviluppa l'ipossia tissutale, interrompe il metabolismo dei tessuti. Una diminuzione della tensione di ossigeno nei tessuti porta all'acidosi metabolica e all'accumulo di prodotti metabolici sottoossidati. In questo caso, le proprietà di aggregazione e adesività delle piastrine aumentano e le proprietà di disaggregazione diminuiscono. La viscosità del sangue aumenta e questo porta inevitabilmente alla formazione di coaguli di sangue.

Esistono i seguenti tipi di occlusione delle arterie iliache (a seconda dell'eziologia): aortite aspecifica, forma mista di arterite, aortite e aterosclerosi, occlusioni iatrogene, postemboliche, post-traumatiche. A seconda della natura della lesione, ci sono occlusione cronica, trombosi acuta, stenosi..

L'occlusione delle arterie iliache è accompagnata dalla comparsa di numerose sindromi. La sindrome dell'ischemia degli arti inferiori si manifesta sotto forma di parestesia, facile affaticamento e claudicatio intermittente, intorpidimento e freddo degli arti inferiori. La sindrome dell'impotenza si manifesta nell'ischemia degli organi pelvici e nell'insufficienza circolatoria cronica delle parti inferiori del midollo spinale.

Il trattamento conservativo dell'occlusione delle arterie iliache viene utilizzato per normalizzare i processi di coagulazione del sangue, alleviare il dolore, espandere i collaterali e alleviare gli spasmi vascolari.

In caso di terapia conservativa dei vasi colpiti, possono essere utilizzati i seguenti farmaci:

  • agenti bloccanti i gangliari (midocalm, bupatol, vasculate);
  • agenti pancreatici (dilminale, angiotropina, andecalina);
  • farmaci antispastici (no-shpa, papaverina).

Le indicazioni per l'intervento chirurgico sono:

  • claudicatio intermittente grave o dolore a riposo;
  • alterazioni necrotiche nei tessuti dell'arto (chirurgia urgente);
  • embolia delle arterie grandi e medie (chirurgia d'urgenza).

Metodi per il trattamento chirurgico dell'occlusione delle arterie iliache:

  • resezione dell'area interessata dell'arteria e sua sostituzione con un innesto;
  • endoarteriectomia: apertura del lume di un'arteria e rimozione della placca;
  • combinazione di bypass e resezione con endoarteriectomia;
  • simpatectomia lombare.

Attualmente, il metodo di dilatazione endovascolare viene spesso utilizzato per ripristinare le arterie stenotiche. Questo metodo viene utilizzato con successo in aggiunta alla chirurgia ricostruttiva per lesioni vascolari multiple..

  • Metodi di trattamento
    • Efficace trattamento della cancrena
    • Shunt vascolare
    • Stent vascolare
    • Rimozione di coaguli di sangue
    • Chirurgia dell'arteria carotide
    • Patologia dell'arteria vertebrale
    • Trapianto di pelle
    • Amputazione
    • Oncologia
    • Ipertensione portale
    • Embolizzazione con fibromi uterini
    • Trattamento delle malformazioni artero-venose
  • Diagnostica vascolare
    • Ricerca clinica
    • Diagnostica ecografica
    • Scansione TC
    • Angiografia a sottrazione
    • Angiografia coronarica
  • Malattie dei vasi sanguigni e del cuore
    • Cancrena
    • Ischemia critica
    • Piede diabetico
    • L'aterosclerosi e il suo trattamento
    • Endarterite obliterante
    • Trombosi arteriosa ed embolia
    • Malattia coronarica
    • Aneurismi arteriosi
    • Ictus ischemico

Informazioni sulle cure nell'ambito dell'assicurazione medica obbligatoria Licenze mediche Ordinanza del Ministero della Salute e dello Sviluppo Sociale n. 406 Programma di garanzia delle cure mediche gratuite Terapia intensiva Principi di chirurgia vascolare Rischi di chirurgia vascolare

Ciao, con tali dimensioni di aneurismi, gli aneurismi delle arterie iliache sono particolarmente pericolosi, che possono sia rompersi che causare il blocco dei vasi sanguigni da parte di masse trombotiche. Per tali lesioni, l'operazione di scelta è il posizionamento dello stent-graft endovascolare. Per selezionare correttamente un tale innesto e ridurre al minimo il rischio di interventi chirurgici e complicanze postoperatorie, è necessario ottenere una TC con TC MC con miglioramento del contrasto dal livello del diaframma al livello delle cosce s / 3. Il disco con lo studio può essere inviato per posta o caricato su un servizio di file hosting e inviarmi un collegamento. Per determinare la causa del dolore addominale, è necessario un ulteriore esame e consultazione con un chirurgo. Se il dolore è associato a uno o più aneurismi, è molto pericoloso.

Corrispondenza con il medico | Altre domande Poni la tua domanda

Mosca, prospettiva Leninsky, 102 (metro Prospekt Vernadsky)

Fissa un appuntamento

Le vesciche sulle gambe sono acquose. Alcuni di loro hanno iniziato a fuoriuscire. Molto doloroso. Cosa si può fare se non ungere?

Risposta: eseguire un'ecografia dei vasi delle gambe e consultare il chirurgo.

Ciao, il 2 aprile hanno subito un'operazione per sostituire l'articolazione dell'anca, ora ho notato che l'alluce sotto l'unghia ha iniziato a scurirsi, il che potrebbe essere

Risposta: buon pomeriggio. Esegui un'ecografia delle arterie delle gambe: assicurati che il flusso sanguigno nelle gambe non sia disturbato.

Buon pomeriggio. Mia madre ha sviluppato un'ulcera trofica sul tallone, è stata ricoverata in ospedale e dopo l'esame si è deciso di eseguire lo stent. Perché non c'è flusso sanguigno sotto le ginocchia..

Risposta: buon pomeriggio. Senza ulteriore attivazione del flusso sanguigno al piede, la ferita non guarirà. È necessario eseguire lo smistamento delle arterie del piede al microscopio. Lo stiamo facendo con successo. Porta il paziente con tutti gli esami (inclusi.

Dopo l'operazione di protesi aorto femorale, le cuciture all'inguine sono molto doloranti ed è difficile camminare. Le cuciture sono pulite. Passerà o dovresti essere cauto?

Risposta: è meglio vedere il chirurgo che ti sta operando

Ci sono possibilità di salvare il piede e le dita dei piedi

Buon pomeriggio! La mamma (73 anni) ha il diabete mellito. Ho ferito 2 dita dei piedi. Su consiglio di un chirurgo della clinica, sono stati trattati con diossidina e Levomekol per 2 mesi. "Piaghe " sono aumentate di diametro. Adesso dicono.

Risposta: naturalmente. Salviamo le gambe nel 96% dei casi di cancrena. Invia i dati a [email protected]

Mia madre di 77 anni (diabete mellito di grado 2) ha appena iniziato ad avere forti dolori ai piedi, vazaprospan ha iniziato a gocciolare. Puoi ottenere una consulenza a pagamento senza arrivare? L'ecografia vascolare lo è.

Risposta: buon pomeriggio. Inviare una foto delle gambe e dei dati dell'esame vascolare a [email protected] con una nota a D.V. Korchagin.

Segni TC di stenosi dell'HAB destro nel terzo medio del 99%, occlusione di BA superficiale su entrambi i lati

Buonasera. Il padre ha 76 anni. Le gambe fanno male per diversi anni. Negli ultimi sei mesi, la condizione è peggiorata. Cammina con un bastone, dopo 100 metri ha bisogno di riposo. Si lamenta di dolori ai polpacci. Di.

Risposta: buon pomeriggio. Se l'unica arteria della coscia si chiude sulla gamba destra, puoi perdere la gamba. Il dolore al polpaccio indica che non c'è abbastanza flusso di sangue alle gambe. Se la condizione peggiora.

Alla domanda n ° 4535 sull'occlusione.

Il piede con occlusione è diventato nero fino alla caviglia, e sopra era bianco, cioè come al solito. Il nero è un segnale per rimuovere la gamba?

Risposta: Il nero è un segnale che la malattia sta progredendo. hai bisogno di un consiglio urgente da un chirurgo vascolare

Ischemia critica di NK.

In caso di stenosi (occlusione) delle arterie principali degli arti inferiori e assenza di flusso sanguigno collaterale, è un'operazione eseguita per ripristinare la circolazione sanguigna del NK o è necessaria l'amputazione del NK?

Risposta: nella maggior parte dei casi, è possibile ripristinare il flusso sanguigno nella gamba. Invia i dati di studio dei vasi delle gambe per posta Angiocliniс@yandex.ru

Aneurisma cerebrale

Dove e come effettuare il trattamento e quanto costerà l'avvolgimento.

Risposta: inviare un'angiografia TC delle arterie brachiocefaliche a [email protected]

© 2007-2019. Centro vascolare innovativo: chirurgia vascolare di livello superiore

8-800-222-11-70 - consultazioni a Mosca

Istituto di bilancio statale Dipartimento della salute di Mosca

L'arteria iliaca comune ha origine dall'aorta addominale, dividendosi nelle arterie iliache esterne ed interne, fornisce sangue agli organi pelvici, negli uomini fornisce sangue alla vescica, a tutte le membrane testicolari, al pene, ai muscoli della coscia, ecc..

La causa degli aneurismi arteriosi è stabilita solo in un piccolo numero di pazienti. Le ragioni possono essere aterosclerosi, ipertensione, traumi (spesso causa dello sviluppo di falsi aneurismi nei punti di rottura dell'intima dei vasi), l'ingresso di emboli infetti. Di conseguenza, la struttura della parete arteriosa cambia, viene gradualmente sostituita dal tessuto connettivo, perde la sua elasticità e si verifica la sua protrusione (sacculare, sferica, ecc.). Nella cavità dell'aneurisma possono essere presenti coaguli di sangue di varie età..

Un aneurisma rotto dell'arteria iliaca può manifestarsi con sanguinamento gastrointestinale di eziologia sconosciuta. Oltre a un rapido deterioramento delle condizioni generali (un calo della pressione sanguigna e una diminuzione della frequenza cardiaca, collasso), è caratterizzato da feci non formate catramose nere con un odore fetido (melena) e vomito del colore dei fondi di caffè.

L'aneurisma dell'arteria iliaca non complicato può essere asintomatico per lungo tempo. I reclami di dolore nel sito di localizzazione dell'aneurisma di solito si verificano quando l'aneurisma raggiunge una grande dimensione (il tessuto circostante è compresso). I disturbi del flusso sanguigno nell'area di un aneurisma dell'arteria iliaca sono spesso causa di trombosi e possono portare a trombosi delle arterie degli organi pelvici, dell'arteria femorale e delle arterie delle gambe. La violazione dell'afflusso di sangue agli organi interni si manifesta con dolore, disturbi disurici. La trombosi delle arterie delle gambe può portare allo sviluppo di claudicatio intermittente, possibilmente allo sviluppo di paresi, disturbi sensoriali e altri sintomi di ischemia.

La diagnostica dell'aneurisma dell'arteria iliaca comprende ecografia con scansione duplex, tomografia computerizzata, risonanza magnetica, angiografia.

Trattamento dell'aneurisma dell'arteria iliaca e delle sue complicanze - operativo.

Sintomi di aneurisma dell'arteria iliaca

Aneurisma dell'arteria iliaca - Trattamento dell'ipertensione

Per molti anni, lottando senza successo con l'IPERTENSIONE?

Responsabile dell'Istituto: “Rimarrai stupito di quanto sia facile curare l'ipertensione assumendo ogni giorno...

Come risultato dello stiramento o dell'assottigliamento di un vaso sanguigno, si forma un rigonfiamento del muro, chiamato aneurisma. Si manifesta a seguito di patologie acquisite o ereditarie. Il pericolo di questa patologia dipende dal luogo di formazione e dal calibro dell'arteria o della vena colpita..

I NOSTRI LETTORI RACCOMANDANO!

Per il trattamento dell'ipertensione, i nostri lettori hanno utilizzato con successo ReCardio. Vista la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione..
Leggi di più qui...

L'aneurisma aortico è una condizione pericolosa che porta i pazienti alla morte istantanea. La patologia può essere asintomatica, quindi la persona non sospetta nemmeno della sua esistenza. Molto spesso, l'aneurisma aortico è localizzato nella regione addominale, il che aumenta le possibilità di una prognosi sfavorevole.

A volte un aneurisma dell'aorta addominale viene determinato casualmente dai medici durante esami preventivi o esami (palpazione addominale, ecografia, radiografia, ecc.) Per altre malattie. Spesso i pazienti vanno dal medico con sintomi di compressione di tessuti e organi situati vicino all'aneurisma.

L'arteria più grande e più lunga del corpo umano è l'aorta; è riconosciuta come il vaso principale della circolazione sistemica. È diviso in tre parti: ascendente, arco aortico e discendente.

La parte discendente direttamente è divisa nelle regioni toracica e addominale. Date le dimensioni e la lunghezza dell'aorta, viene creata la massima pressione possibile, quindi su di essa si formano spesso aneurismi.

Le cause dell'aneurisma aortico possono essere:

  • malattie infettive;
  • aterosclerosi;
  • trauma addominale.

L'assottigliamento o l'allungamento delle pareti è dovuto a cambiamenti, lesioni o malattie legate all'età. Un altro fattore che porta allo sviluppo di un aneurisma dell'aorta addominale sono le placche aterosclerotiche. Il virus dell'herpes gioca un ruolo, ma questi dati non sono stati ancora confermati. I fattori elencati contribuiscono alla formazione e allo sviluppo di aneurisma, dissezione e infiammazione del vaso..

Nelle fasi iniziali dello sviluppo, l'aneurisma non si manifesta in nulla e viene scoperto per caso. Con la progressione nella parete centrale dell'arteria, si osserva atrofia delle fibre elastiche: vengono sostituite dal tessuto connettivo.

Di conseguenza, il diametro della nave aumenta e la pressione nelle sue pareti aumenta. Con un rapido sviluppo, un aneurisma dell'aorta addominale si rompe, causando la morte immediata del paziente.

Classificazione degli aneurismi

Le formazioni sulla nave possono essere diverse per struttura e forma. Quindi, secondo le caratteristiche patologiche di un aneurisma accade:

  • vero. La massa è una sporgenza della parete del vaso che si forma da tutti gli strati dell'aorta;
  • falso. In questo caso, l'aneurisma è formato da ematomi e le pareti dei vasi sono costituite da tessuto connettivo para-aortico e coaguli di sangue del sottostrato..

Per forma, l'istruzione è:

  • sacculare, in cui la cavità della sporgenza della nave è collegata al suo lume attraverso il canale cervicale;
  • fusiforme. Questa forma è la più comune, mentre la cavità ricorda la forma di un fuso ed è collegata al lume attraverso un'ampia apertura;
  • esfoliante. A causa della separazione delle pareti della nave, si forma una cavità piena di sangue. Di conseguenza, l'aneurisma comunica con il lume attraverso la parete esfoliante.

Sulla base delle manifestazioni cliniche, i cardiologi distinguono:

  • aneurisma dell'aorta toracica;
  • formazione addominale.

Sintomi

Poiché la causa principale della malattia è l'aterosclerosi arteriosa. L'aneurisma aortico della regione addominale ha una varietà di sintomi.

I sintomi indiretti di un aneurisma dell'aorta addominale compaiono sotto forma di complessi:

  • complesso simpatico dell'ischemia delle gambe - si manifesta sotto forma di piedi freddi, dita blu, dolore al piede e claudicatio intermittente;
  • un complesso di segni dal sistema escretore è causato dalla compressione del rene, della pelvi renale, dell'uretere e del deflusso delle urine alterato. Si manifesta con la presenza di sangue nelle urine, dolore acuto ai reni, pesantezza nella parte bassa della schiena e disturbi urinari;
  • Il complesso ischioradicale dei sintomi è causato dalla compressione delle radici del midollo spinale. È espresso dal dolore e dalla disfunzione degli arti inferiori;
  • il complesso addominale si manifesta con eruttazione, vomito, costipazione. Causato dal restringimento dei rami viscerali.

Sindrome del dolore

I pazienti lamentano dolore a bassa intensità alla sinistra dell'ombelico. Questi possono essere dolori di natura sorda, dolorante, straziante e acuta..

Senza una diagnosi completa al primo esame, il medico interpreta la sindrome del dolore come un attacco di radicolite, colica renale o esacerbazione di pancreatite. Non è raro che il paziente noti solo pulsazioni nell'addome, senza dolore evidente..

Fasi di progressione

Secondo le fasi della progressione dell'aneurisma, si distinguono le seguenti fasi dello sviluppo della malattia:

  • ridotta pervietà dei vasi che si estendono dall'aorta nel sito della sua espansione;
  • stratificazione dell'istruzione;
  • rottura minacciosa;
  • il divario stesso.

Quando un paziente sviluppa una delle fasi elencate, è importante consultare immediatamente un medico, poiché un'assistenza tempestiva di emergenza eliminerà il dolore e salverà la vita del paziente. A questo proposito, è importante prestare attenzione alle seguenti manifestazioni:

  • dolore acuto all'addome, manifestato da attacchi;
  • costipazione, ritenzione di gas o vomito;
  • vertigini, svenimenti, polso rapido, pallore e altri segni di sanguinamento;
  • gonfiore;
  • accumulo pulsante di sangue e linfa nell'area dell'aneurisma, che è determinato dalla palpazione;
  • mancanza di polso nelle arterie delle cosce.

Anche un sanguinamento minore può minacciare la salute e la vita del paziente e, se riprende, la morte si verifica a causa della perdita di sangue. Se si rompe un aneurisma dell'aorta addominale, la morte è immediata.

Segni di rottura dell'aneurisma

Un aneurisma rotto non mostra sintomi specifici. Il paziente inizialmente nota disagio e leggero dolore.

Non appena il sanguinamento si è aperto, i sintomi di shock emorragico si uniscono al quadro clinico: un pallore acuto, aumento della frequenza cardiaca, calo della pressione sanguigna, perdita di coscienza, mancanza di minzione.

La prognosi complessiva dipende dalla quantità di sangue perso. Sfortunatamente, il divario finisce quasi sempre con la morte..

Primo soccorso

Se il paziente mostra sintomi e sospetta un aneurisma dell'aorta addominale, si raccomanda di:

  • assicurati un riposo completo in posizione orizzontale, sdraiati sulla schiena;
  • chiamare immediatamente un'ambulanza;
  • applicare il freddo allo stomaco;
  • fornire un afflusso di aria fresca;
  • cerca di calmare il paziente.

Solo il medico decide sulla nomina di farmaci al paziente dopo gli esami clinici e la diagnosi differenziale.

Diagnostica

Se si sospetta un aneurisma, il medico prescrive un'ecografia, una TC o una risonanza magnetica per identificare con precisione la patologia, determinare le dimensioni della formazione e lo stadio di sviluppo.

L'ecografia addominale è un metodo semplice e altamente informativo per esaminare i pazienti.

L'ecografia della cavità addominale rivela l'aneurisma, determina il tipo di espansione, lo stato del flusso sanguigno attraverso la sezione interessata, si diffonde ai vasi che si estendono dall'aorta.

Se la formazione è in una fase iniziale e non vi sono indicazioni per la sua rimozione, con l'aiuto degli ultrasuoni, viene eseguita l'osservazione dinamica della condizione e delle dimensioni dell'aneurisma.

La tomografia computerizzata con contrasto del lume dell'aorta viene prescritta quando viene decisa la questione del trattamento chirurgico. Angiografia TC:

  • fornisce informazioni complete sull'aneurisma;
  • permette di identificarne la localizzazione;
  • aiuta a effettuare una diagnosi comparativa con altre possibili malattie degli organi addominali;
  • aiuta a scegliere il metodo di trattamento più efficace.

Se si pianificano protesi o stent, la TC aiuta a scegliere l'endograft ottimale.

Oltre agli esami hardware, vengono prelevati sangue e urina, viene eseguita un'analisi per gruppo sanguigno e fattore Rh, vengono eseguiti una radiografia dei polmoni e altri studi correlati.

Trattamento

Un aneurisma dell'aorta addominale richiede l'osservazione da parte di un chirurgo vascolare o di un cardiochirurgo. La definizione di un metodo di trattamento dipende da:

  • il tasso di crescita dell'istruzione;
  • luoghi di localizzazione;
  • dimensioni.

Questi indicatori vengono determinati nel corso dell'osservazione dinamica e del controllo mediante raggi X. Per ridurre il rischio di possibili complicanze, al paziente viene prescritta una terapia antipertensiva, anticoagulante e antipiastrinica con farmaci. Inoltre, questo metodo viene utilizzato quando si prepara un paziente per un intervento chirurgico..

La decisione di eseguire il trattamento chirurgico viene presa nei seguenti casi:

  • un aneurisma dell'aorta addominale ha raggiunto una dimensione di oltre 4 cm di diametro;
  • un aumento costante di una piccola massa di oltre 0,5 cm in 6 mesi.

In alcuni casi l'intervento chirurgico non porterà risultati positivi, quindi il medico dovrà valutare tutti i rischi per non privare il paziente dell'unica possibilità di guarigione. Per gli aneurismi di grandi dimensioni, i pazienti vengono sottoposti a intervento chirurgico per rimuovere l'area interessata dell'aorta e installare una protesi o un innesto artificiale..

Con piccole formazioni, che sono caratterizzate da un basso livello di probabilità di rottura, al paziente vengono prescritti farmaci. Questa terapia ha lo scopo di mantenere la pressione sanguigna normale e ridurre il carico sulla parete del vaso. Il trattamento prevede una dieta speciale, quindi il paziente ha bisogno di:

  • rifiutare le cattive abitudini;
  • ridurre il consumo di sale e prodotti a base di farina.

Inoltre, si consiglia ai pazienti di sottoporsi a un'ecografia due volte l'anno e di eseguire esami generali del sangue e delle urine..

Se l'aneurisma cresce e si ingrandisce rapidamente, il paziente viene trattato immediatamente. Oggi, i chirurghi eseguono operazioni per rimuovere l'aneurisma in due direzioni:

  • resezione (rimozione) dell'aneurisma addominale. Si esegue con il consueto accesso laparotomico attraverso la cavità addominale;
  • lo stent endovascolare (posizionamento di una porzione artificiale dell'aorta) viene eseguito accedendo all'aorta attraverso le arterie femorali.

Dopo l'operazione, il paziente necessita di una terapia sintomatica, il cui scopo è eliminare i sintomi che compaiono. Ciò si ottiene assumendo anticoagulanti e monitorando regolarmente la conta ematica.

Mortalità per aneurisma dell'arteria iliaca

L'arteria iliaca è uno dei vasi sanguigni più grandi (secondo solo all'aorta). Questa è una nave accoppiata, la sua lunghezza è di 5-7 centimetri e il suo diametro è di 11-13 millimetri..

Le arterie iniziano nel sito della biforcazione dell'aorta, che si trova a livello della quarta vertebra lombare.

E nell'area dell'articolazione delle ossa iliache e del sacro, le arterie si dividono nelle arterie iliache interne ed esterne.

Struttura e funzione delle arterie

Le arterie iliache sono le più grandi del corpo umano, ad eccezione dell'aorta, dalla quale escono. A loro volta, queste arterie si dividono anche in quelle più piccole, che si dividono anche in rami..

L'arteria interna si divide nei rami ileo-lombare, medio rettale, laterale, gluteo inferiore e superiore, sacrale e otturatore, genitale interno e urinario inferiore.

Consegnano il sangue alle pareti interne della cavità pelvica e agli organi.

L'arteria esterna fornisce anche sangue alla cavità pelvica e entra nell'arteria femorale negli arti inferiori. L'arteria femorale si divide in rami che alimentano la coscia, il piede e la parte inferiore della gamba. L'arteria iliaca negli uomini fornisce sangue alle membrane del testicolo, delle cosce, della vescica e del pene.

Aneurisma dell'arteria iliaca

Una delle malattie pericolose: un aneurisma dell'arteria iliaca può essere inizialmente assolutamente asintomatico e solo quando raggiunge una grande dimensione inizia a causare disagio.

L'aneurisma stesso è una sporgenza della parete del vaso con la formazione di una specie di sacco. La parete dell'arteria inizia gradualmente a perdere elasticità e viene sostituita dal tessuto connettivo.

Le cause dell'aneurisma non sono completamente stabilite, può essere trauma, aterosclerosi o ipertensione.

Un aneurisma rotto è una condizione pericolosa che può portare a sanguinamento gastrointestinale, bassa pressione sanguigna e frequenza cardiaca e collasso.

Se l'afflusso di sangue all'aneurisma viene interrotto, ciò può portare alla trombosi delle arterie della parte inferiore della gamba, dell'arteria femorale e dei vasi della piccola pelvi..

I disturbi circolatori sono accompagnati da dolore e disturbi disurici.

L'aneurisma di questa arteria può essere diagnosticato in diversi modi, ad esempio utilizzando ultrasuoni, risonanza magnetica o computerizzata, scansione duplex o angiografia.

Occlusione dell'arteria iliaca

L'occlusione, come la stenosi dell'arteria iliaca, nella maggior parte dei casi si verifica come conseguenza di aterosclerosi arteriosa, tromboangioite obliterante, aortoarterite, displasia fibromuscolare.

La stenosi dell'arteria iliaca porta allo sviluppo di ipossia tissutale e interruzione del metabolismo dei tessuti. La carenza di ossigeno nei tessuti contribuisce all'accumulo di prodotti metabolici sottoossidati e all'acidosi metabolica.

E un aumento della viscosità del sangue, che è inevitabile in questo stato, porta alla formazione di coaguli di sangue.

Si distinguono i seguenti tipi di occlusione delle arterie iliache:

  • aortite aspecifica,
  • forma mista di arterite, aortite e aterosclerosi,
  • occlusioni iatrogene,
  • occlusione postembolica,
  • occlusione post-traumatica.

Per la natura della lesione si distinguono occlusione cronica delle arterie iliache, trombosi e stenosi..

Nel trattamento dell'occlusione vengono utilizzati metodi conservativi e chirurgici. Il trattamento conservativo comprende sollievo dal dolore, normalizzazione della coagulazione del sangue, rimozione degli spasmi vascolari ed espansione dei collaterali. Il trattamento chirurgico prevede la resezione dell'area interessata con sostituzione con un innesto, l'apertura di un'arteria con rimozione di placche, simpaticectomia o una combinazione di metodi diversi.

Articoli popolari sull'argomento: aneurisma dell'arteria iliaca

Il termine "aneurisma" descrive l'espansione sacculare di un vaso o di un cuore, causata dall'esposizione a fattori dannosi e che porta a vari disturbi, e soprattutto - a problemi significativi con la circolazione sanguigna.

Molti medici sanno cos'è questa condizione, ma non tutti ne comprendono l'eziologia, le manifestazioni cliniche, non comprendono appieno i corretti algoritmi diagnostici e clinici per la gestione dei pazienti con sindrome ischemica addominale (AIS).

La storia dello studio dell'aterosclerosi ha più di tre secoli; più di una generazione di scienziati ha dedicato la propria vita a questo problema. Nonostante ciò, nel processo di studio della patogenesi e morfogenesi dell'aterosclerosi, sono emerse più ipotesi e supposizioni che risposte.

Il 16 novembre si è svolto a Kiev un evento molto importante per il nostro paese: l'apertura del 1 ° Congresso dei chirurghi vascolari ed endovascolari dell'Ucraina.

La vasculite sistemica (SV) è un gruppo di malattie caratterizzate da lesioni primarie della parete vascolare di vari calibri dal tipo di infiammazione focale e necrosi e coinvolgimento secondario di organi e tessuti della zona vascolare nel processo patologico..

Allo stato attuale, il problema del diabete mellito (DM) si è trasformato in un problema di patologia cardiovascolare: il destino e la prognosi, la capacità lavorativa e la qualità della vita di un paziente sono determinati dai disturbi cardiovascolari. Secondo gli esperti dell'OMS, la durata.

La rilevanza di discutere il problema della tattica e della strategia del comportamento del medico in presenza di dolore addominale acuto in un paziente è fuori dubbio.

Il sanguinamento gastrointestinale acuto può essere una complicazione di una serie di malattie, secondo diversi autori, la loro frequenza è di 50-150 casi per 100 mila abitanti all'anno.

Un aneurisma è l'espansione di una parte dell'aorta di oltre 3 cm e la sporgenza della sua parete. La malattia si sviluppa a seguito di alterazioni degenerative dei tessuti vascolari e nel 95% dei casi è causata da lesioni aterosclerotiche.

La causa della malattia può essere una predisposizione genetica, contusioni e lesioni, uno stile di vita improprio (fumo, sovrappeso).

Il gruppo di rischio è:

  • persone anziane (oltre i 55 anni) che soffrono di dolore acuto all'addome o alla parte bassa della schiena, indipendentemente dalla presenza o dall'assenza di una massa pulsante palpabile;
  • pazienti di mezza età che hanno subito traumi all'addome, alla colonna vertebrale, ecc.;
  • persone che hanno subito lesioni addominali contundenti (contusioni) a seguito di un incidente, a seguito della quale sviluppano un aneurisma traumatico.

Figura: 1. Aorta addominale in condizioni normali

Sintomi della malattia

  • Dolore o fastidio ricorrente o persistente nell'addome a riposo e / o durante il pasto, l'esercizio fisico;
  • Dolore al fianco o alla parte bassa della schiena, possibile diffusione del dolore ad altre aree (glutei, gambe, inguine). La natura del dolore può essere diversa: dolorante o pulsante;
  • Sensazione di pulsazione nell'addome;
  • Dolore ai muscoli del polpaccio quando si cammina quando l'aneurisma si diffonde alle arterie degli arti inferiori;
  • Oscuramento o bluastra delle dita, dolore, piedi freddi - con trombosi dell'area aneurismatica dell'aorta e delle arterie degli arti inferiori, che può portare a cancrena delle estremità e, successivamente, amputazione;
  • Aumento della pressione sanguigna, non ridotta dai farmaci;
  • Sintomi topici nella natura infiammatoria del decorso dell'aneurisma aortico - perdita di peso, febbre;
  • La malattia progredisce a lungo e può essere asintomatica;

Figura: 3. Aneurisma dell'aorta addominale.
Tomografia computerizzata dell'aorta addominale

La maggior parte degli aneurismi dell'aorta addominale viene diagnosticata come reperto incidentale, durante l'esame o durante l'esecuzione di ecografie degli organi addominali, dei vasi sanguigni, della TC (tomografia computerizzata) o della RM (risonanza magnetica per immagini).

Quando viene rilevato un aneurisma dell'aorta addominale, viene determinato se è presente uno strappo o una dissezione della parete, la dimensione dell'aneurisma e la sua esatta localizzazione - viene eseguito un esame più dettagliato (aortografia, tomografia computerizzata della cavità addominale con contrasto dell'aorta e delle arterie delle gambe (TC o RM).

Esami del sangue: un esame del sangue generale con una valutazione della formula dei leucociti, un esame del sangue biochimico, con una valutazione della presenza di disturbi associati al fegato e ai reni e viene eseguito anche un coagulogramma.

Metodi di trattamento conservativi e chirurgici

La diagnostica fornisce tutte le informazioni necessarie per prendere una decisione sul metodo di trattamento.
Durante lo studio, viene determinata la dimensione dell'aneurisma. Se il suo diametro supera i 5 cm, c'è un'alta probabilità di rottura, emorragia interna e morte..

Trattamento conservativo

Se il diametro dell'aneurisma è relativamente piccolo (un piccolo aneurisma, senza la minaccia di dissezione o rottura), viene prescritto un trattamento conservativo (medico) con l'osservazione dinamica obbligatoria dell'aneurisma aortico addominale. Si presuppone:

  • transizione verso uno stile di vita sano (smettere di fumare, alcol, controllo del colesterolo);
  • assumere farmaci per abbassare la pressione sanguigna (con ipertensione);

Indicazioni per l'uso e metodi di trattamento chirurgico

Se il diametro dell'aneurisma è superiore a 5 cm o aumenta di oltre 5 mm all'anno, i pazienti sono indicati per il trattamento chirurgico.

La chirurgia a cielo aperto o la sostituzione aortica è considerata il metodo standard..

La sua essenza consiste nella protesi (rimozione dell'area interessata dell'aorta e sua sostituzione con una protesi artificiale):
l'aorta viene compressa, l'aneurisma viene asportato e al suo posto viene installata una protesi vascolare.

Per accedere all'aorta viene praticata un'incisione di 7-15 cm nell'addome.
L'operazione richiede 3-4 ore in anestesia generale.

Quando l'aneurisma si diffonde alle arterie iliache (arterie degli arti inferiori), si eseguono protesi di biforcazione con la rimozione e la cucitura della protesi sulle cosce (nelle zone inguinali), le cosiddette protesi "pantaloni".

Figura: 5. Protesi dell'aorta addominale e delle arterie iliache

Metodo endovascolare di protesi (stent dell'aorta addominale) in cui la sostituzione della parte danneggiata dell'aorta viene eseguita senza incisione La protesi (stent) viene "consegnata" utilizzando un catetere, che viene inserito nella piega inguinale. Il movimento del catetere è controllato dai raggi X..

Di conseguenza, l'aneurisma cessa di partecipare al flusso sanguigno principale, a seguito del quale la probabilità della sua rottura viene significativamente ridotta..

Arteria iliaca - occlusione, stenosi, aneurisma

L'arteria iliaca è il più grande vaso sanguigno accoppiato dopo l'aorta, lungo da cinque a sette centimetri e con un diametro di 11-13 mm. Le arterie iniziano nel sito della biforcazione dell'aorta, a livello della quarta vertebra lombare. Nell'area di giunzione delle ossa iliache e del sacro, si rompono nelle arterie iliache esterne e interne.

L'arteria interna si divide in rami: rettale medio, ileopsoas, sacrale, laterale, gluteo inferiore e superiore, urinario inferiore, genitale interno, otturatore. Consegnano il sangue agli organi e alle pareti interne della cavità pelvica.

L'arteria esterna, lasciando la cavità pelvica, emette contemporaneamente diversi rami alle sue pareti e continua sotto forma di arteria femorale nella regione degli arti inferiori. I rami dell'arteria femorale (arteria profonda, arteria epigastrica inferiore) forniscono sangue alla pelle e ai muscoli delle cosce e poi si diramano in arterie più piccole e forniscono afflusso di sangue al piede e alla parte inferiore della gamba.

Negli uomini, l'arteria iliaca trasporta il sangue alle membrane testicolari, ai muscoli della coscia, alla vescica e al pene.

Interventi chirurgici per l'ipertensione renale Indicazioni per la chirurgia

La parete dell'aorta distale all'orifizio dell'arteria renale viene premuta con una pinza laterale. Un foro di 5-7 mm di diametro viene tagliato nella sezione schiacciata della parete aortica.

Dopodiché, secondo il tipo "end-to-side", una delle estremità dello shunt viene cucita dalla grande vena nascosta (ovviamente, l'estremità inferiore).

La seconda estremità dello shunt viene anastomizzata con la porzione post-stenotica dell'arteria renale in modo end-to-side o end-to-end.

Con l'occlusione segmentale della parte terminale dell'aorta o delle arterie iliache comuni nel letto vascolare sotto l'occlusione, la pressione sanguigna diminuisce.

A causa del gradiente di pressione tra le parti del letto vascolare sopra e sotto la stenosi, il flusso sanguigno avviene lungo i collaterali all'area con pressione inferiore.

Con un carico sugli arti inferiori, la loro necessità di afflusso di sangue aumenta e si verifica un'insufficienza nei collaterali che sostengono le estremità, accompagnata da sintomi ischemici caratteristici.

Con l'occlusione della biforcazione dell'aorta e delle arterie iliache comuni, la circolazione collaterale è fornita dai seguenti vasi: epigastrico, lombare, mesenterico e ileo-femorale.

Quando si "ruba" attraverso collaterali di varie aree del flusso sanguigno, si verificano spesso sintomi fuorvianti.

Con l'esame angiografico degli arti inferiori amputati è spesso possibile stabilire la completa pervietà di tutte le principali arterie della parte inferiore della gamba (triforcazione!) E il buono stato delle loro pareti. Ciò determina la possibilità di migliorare il loro apporto di sangue con l'aiuto di un innesto autovenoso. I primi passi in questa direzione sono stati mossi da De Palma e KipIch.

Per l'applicazione di shunt e l'uso dell'autovein, anteriore e

Si è scoperto che in molti pazienti con ipertensione questa è una malattia di origine renale e la chirurgia renale porta miglioramenti o addirittura porta al recupero..

1. Tra i danni unilaterali ai reni, malattie come pielonefrite, idronefrosi, calcoli e tumori renali possono portare all'ipertensione..

2. La glomerulonefrite appartiene a lesioni renali bilaterali che portano all'ipertensione. In questa malattia, solo la rimozione bilaterale dei reni può prevenire lo sviluppo di complicanze cerebrali, cardiache e oculari. Dopo la rimozione dei reni, il paziente viene trasferito in dialisi a lungo termine, seguito da trapianto di rene, che può fornire un relativo benessere.

3. La stenosi unilaterale o bilaterale delle arterie renali, sia negli esperimenti (Volhard e Goldblatt) che nell'uomo, porta a

Cause della malattia

Aterosclerosi obliterante. Una malattia caratterizzata da malattia vascolare sistemica dovuta al metabolismo lipidico alterato. In questo caso, il colesterolo si deposita sulle pareti dei vasi sanguigni e si formano placche aterosclerotiche, a seguito delle quali il flusso sanguigno si deteriora..

L'aterosclerosi è una malattia degenerativa estremamente complessa. La sua ragione principale per oggi non è nota in modo affidabile, tuttavia, gli scienziati nominano molti fattori costitutivi che contribuiscono allo sviluppo di questa malattia.

La teoria più popolare è che sia una risposta alla lesione alla parete arteriosa. Ciò può essere dovuto a fattori meccanici come ipertensione e ridotta elasticità della parete, nonché agli effetti di sostanze chimiche come la nicotina.

Endarterite obliterante. In questo caso, i cambiamenti interessano tutti gli strati dell'arteria, sono accompagnati da un processo infiammatorio aspecifico e danno alle pareti del plasma e delle cellule linfocitiche. A causa di ciò, il lume interno della nave, che dovrebbe consentire il passaggio del sangue, inizia a restringersi, diventando la causa del blocco.


Articolo Successivo
I primi segni di un tumore al cervello