Angiopatia retinica: tipi, cause, sintomi, metodi di diagnosi e trattamento


Il sito fornisce informazioni di base solo a scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È necessaria una consulenza specialistica!

introduzione

L'angiopatia retinica non è una malattia indipendente, ma un sintomo di varie malattie che hanno causato disfunzione dei vasi sanguigni dell'occhio e cambiamenti nella struttura della parete vascolare. Una manifestazione di lesioni vascolari è un cambiamento nel loro tono, spasmi temporanei reversibili.

Le angiopatie che esistono da molto tempo portano a conseguenze irreversibili: alterazioni necrotiche nell'area della retina, che è stata fornita di sangue dal vaso colpito, il suo assottigliamento, rottura e distacco. Tutte queste conseguenze sono combinate sotto il nome di retinopatia..

La condizione della retina dipende fortemente dalla qualità dell'afflusso di sangue e quando compaiono aree colpite, la vista è compromessa, senza un successivo recupero. Se un'area nella regione maculare è interessata, la visione centrale è compromessa. In caso di distacco completo della retina, si sviluppa la cecità.

Cause di angiopatia retinica

L'angiopatia retinica può essere un sintomo di qualsiasi malattia che influisce sulla salute vascolare. I cambiamenti nei vasi del fondo caratterizzano indirettamente il grado di danno ai vasi dell'intero organismo. L'angiopatia retinica può verificarsi a qualsiasi età, ma si sviluppa ancora più spesso nelle persone dopo i 30 anni.

Le cause più comuni di angiopatia retinica:

  • ipertensione di qualsiasi origine;
  • diabete;
  • aterosclerosi;
  • angiopatia giovanile;
  • angiopatia ipotonica (con bassa pressione sanguigna);
  • scoliosi;
  • angiopatia traumatica.

L'angiopatia può verificarsi anche con osteocondrosi del rachide cervicale, con vasculite autoimmune sistemica (lesioni vascolari infiammatorie), malattie del sangue.

Esistono anche fattori predisponenti che contribuiscono allo sviluppo dell'angiopatia retinica:

  • fumare;
  • effetti nocivi sulla produzione;
  • varie intossicazioni;
  • anomalie congenite nello sviluppo dei vasi sanguigni;
  • età avanzata.

Tipi di angiopatia retinica

Sintomi di angiopatia retinica

Angiopatia diabetica (retinopatia)

Angiopatia ipertensiva (retinopatia)

L'aumento della pressione sanguigna agisce sulla parete vascolare, distrugge il suo strato interno (endotelio), la parete del vaso diventa più densa, fibrosa. I vasi retinici, quando si attraversano, stringono le vene, la circolazione sanguigna è disturbata. Si creano le condizioni per la formazione di coaguli di sangue ed emorragie: la pressione sanguigna è alta, alcuni vasi si rompono, l'angiopatia si trasforma in retinopatia. I vasi contorti del fondo sono un segno caratteristico dell'ipertensione.

Secondo le statistiche, nella prima fase dell'ipertensione, si osserva un fondo normale nel 25-30% dei pazienti, nella seconda fase - nel 3,5%, nella terza fase, i cambiamenti nel fondo sono presenti in tutti i pazienti. Nella fase avanzata, le emorragie compaiono spesso nel bulbo oculare, opacità della retina, cambiamenti distruttivi nel tessuto retinico.

Angiopatia ipotonica

Angiopatia traumatica

Angiopatia giovanile

Diagnostica

L'angiopatia retinica viene rilevata quando esaminata da un oftalmologo del fondo. La retina viene esaminata con una pupilla dilatata al microscopio. Questo esame rivela vasocostrizione o dilatazione, presenza di emorragie, posizione della macula.

Ulteriori metodi di esame che possono essere utilizzati per diagnosticare l'angiopatia:

  • L'ecografia dei vasi con scansione duplex e Doppler dei vasi retinici consente di determinare la velocità del flusso sanguigno e lo stato della parete vascolare;
  • L'esame a raggi X con l'introduzione di un mezzo di contrasto nei vasi consente di determinare la pervietà dei vasi e la velocità del flusso sanguigno;
  • diagnostica informatica;
  • risonanza magnetica per immagini (MRI) - consente di valutare lo stato (strutturale e funzionale) dei tessuti molli dell'occhio.

Angiopatia retinica nei bambini

Tenendo conto della malattia sottostante (cause di angiopatia), si distinguono le angiopatie diabetiche, ipertensive, ipotoniche, traumatiche.

L'angiopatia diabetica si sviluppa nei bambini nelle ultime fasi del decorso del diabete e più tardi, prima viene iniziato il trattamento. Nel fondo, c'è un'espansione e una tortuosità delle vene, edema retinico ed emorragie minori. Le famiglie a rischio di sviluppare il diabete necessitano di un attento monitoraggio della glicemia del bambino.

Questi bambini sviluppano precocemente l'aterosclerosi dei vasi, come evidenziato dalla comparsa di microaneurismi delle arterie (protrusione della parete arteriosa dovuta al suo assottigliamento). Nei bambini, l'acuità visiva diminuisce, la visione periferica è compromessa.

Nell'angiopatia ipertensiva, si verificano prima il restringimento delle arterie e l'espansione delle vene (a causa della violazione del deflusso) e successivamente si espandono anche le arterie. Nell'angiopatia ipotonica, al contrario, dapprima le arterie si espandono, compare e aumenta la loro ramificazione..

Anche l'angiopatia traumatica è abbastanza comune nei bambini, poiché i bambini spesso si feriscono, compresi gli occhi contusi. Con l'angiopatia traumatica, il bambino è preoccupato per il dolore agli occhi, le emorragie compaiono sul bulbo oculare e sulla retina, l'acuità visiva diminuisce.

L'angiopatia giovanile è descritta sopra (vedere la sezione Tipi di angiopatie).

Considerando che l'angiopatia è solo un sintomo di un'altra malattia, prima di decidere il trattamento, è necessario stabilire e diagnosticare questa malattia sottostante. Dopo aver chiarito la diagnosi, viene prescritto un trattamento complesso con un'enfasi sul trattamento della malattia sottostante. Per il trattamento diretto dell'angiopatia vengono utilizzati farmaci che migliorano la microcircolazione sanguigna.

Angiopatia retinica nei neonati

I cambiamenti retinici possono essere rilevati anche in ospedale. Ma nel primo periodo postpartum, questa non è una patologia. I cambiamenti nella retina in un periodo successivo, quando il fondo viene esaminato come prescritto da un neurologo, possono essere patologici.

Non è facile identificare da soli le manifestazioni di patologia. In alcuni casi, può comparire un singolo sintomo: una rete capillare rossa o piccole macchie sul bulbo oculare. Tali sintomi possono comparire con angiopatia traumatica. Per altre malattie, si consiglia di consultare il bambino con un oftalmologo.

Nei bambini, i cambiamenti nella retina possono apparire a causa dello stress emotivo e fisico, anche minimo come un cambiamento nella posizione del corpo. Pertanto, non tutti i cambiamenti nella retina di un neonato sono indicativi di patologia. Se le vene a sangue pieno vengono rilevate nel fondo in assenza di vasocostrizione e cambiamenti nel nervo ottico, il bambino deve essere consultato con un neurologo e, molto probabilmente, questi cambiamenti non saranno riconosciuti come patologici.

Con un aumento della pressione intracranica, appare il gonfiore del nervo ottico, il suo disco diventa irregolare, le arterie si restringono e le vene sono a sangue pieno e attorcigliate. Quando compaiono tali cambiamenti, i bambini hanno bisogno di un ricovero urgente e di un esame approfondito..

Angiopatia retinica durante la gravidanza

Ma l'angiopatia può svilupparsi in una donna incinta nel secondo o terzo trimestre con tossicosi tardiva e ipertensione. Se una donna ha avuto angiopatia sullo sfondo dell'ipertensione prima del concepimento, durante la gravidanza può progredire e portare alle complicazioni più gravi. È necessario il monitoraggio costante della pressione sanguigna, il monitoraggio del fondo oculare e l'assunzione di farmaci antipertensivi.

In caso di progressione dell'angiopatia, quando sorge una minaccia per la vita della donna, viene decisa la questione dell'interruzione della gravidanza. Le indicazioni per l'interruzione della gravidanza sono il distacco della retina, la trombosi venosa centrale e la retinopatia progressiva. La consegna operativa viene eseguita secondo le indicazioni.

Trattamento dell'angiopatia retinica

La cosa principale nel trattamento delle angiopatie è il trattamento della malattia sottostante. L'uso di farmaci che normalizzano la pressione sanguigna, agenti ipoglicemizzanti e l'adesione a una dieta rallentano o addirittura arrestano lo sviluppo dei cambiamenti vascolari retinici. Il tasso di cambiamenti patologici nei vasi retinici dipende direttamente dall'efficacia del trattamento della malattia sottostante.

Il trattamento deve essere eseguito in modo completo sotto la supervisione non solo di un oftalmologo, ma anche di un endocrinologo o terapista. Oltre ai farmaci, vengono utilizzati fisioterapia, trattamento locale, terapia dietetica.

Nel diabete mellito, la dieta non è meno importante dei farmaci. Gli alimenti ricchi di carboidrati sono esclusi dalla dieta. I grassi animali dovrebbero essere sostituiti con grassi vegetali; assicurati di includere frutta e verdura, latticini, pesce nella dieta. Il peso corporeo e la glicemia devono essere monitorati sistematicamente.

Trattamento farmacologico

  • Quando viene rilevata l'angiopatia, ai pazienti vengono prescritti farmaci che migliorano la circolazione sanguigna: Pentylin, Vazonit, Trental, Arbiflex, Xanthinol nicotinate, Actovegin, Pentoxifylline, Cavinton, Piracetam, Solcoseryl. Questi farmaci sono controindicati in gravidanza e allattamento, nonché durante l'infanzia. Ma in alcuni casi, a basse dosi, vengono ancora prescritti a questa categoria di pazienti..
  • Vengono utilizzati anche farmaci che riducono la permeabilità della parete vascolare: Parmidina, Ginkgo biloba, Calcio Dobezilato.
  • Farmaci che riducono l'adesione piastrinica: ticlodipina, acido acetilsalicilico, dipiridamolo.
  • Terapia vitaminica: vitamine del gruppo B (B1, NEL2, NEL6, NEL12, NELquindici), C, E, P.

I corsi di trattamento devono essere eseguiti entro 2-3 settimane 2 r. nell'anno. Tutti i farmaci vengono utilizzati solo come indicato da un medico.

Con il diabete mellito, il dosaggio di insulina o altri agenti ipoglicemizzanti prescritti dall'endocrinologo deve essere rigorosamente osservato. In caso di ipertensione e aterosclerosi, oltre ai farmaci che abbassano la pressione sanguigna, vengono utilizzati farmaci che normalizzano i livelli di colesterolo. Un livello di pressione sanguigna normale stabile e un diabete mellito compensato ritardano in modo significativo i cambiamenti nei vasi retinici inevitabili in questa patologia..

Lacrime

Fisioterapia

Rimedi popolari

La medicina tradizionale può e deve essere usata, ma dovresti prima consultare il tuo medico e assicurarti che non ci sia intolleranza individuale ai componenti della ricetta.

Diverse ricette della medicina tradizionale:

  • Assumere in parti uguali (100 g ciascuna) erba di San Giovanni, camomilla, achillea, boccioli di betulla, immortelle. 1 cucchiaio raccogliere, versare 0,5 litri di acqua bollente, lasciare agire per 20 minuti, filtrare e portare ad un volume di 0,5 litri; Bere 1 bicchiere al mattino a stomaco vuoto e 1 bicchiere la sera (dopo l'uso serale dell'infuso, non bere né mangiare nulla). Consumare quotidianamente prima di utilizzare l'intera collezione.
  • Prendi 15 g di radice di valeriana e foglie di melissa, 50 g di erba achillea. 2 cucchiaini raccolta, versare 250 ml di acqua, insistere 3 ore in un luogo fresco. Quindi si mantiene a bagnomaria per 15 minuti, si raffredda, si filtra e si porta il volume a 250 ml. L'infuso va bevuto in piccole porzioni nell'arco della giornata. Il corso del trattamento è di 3 settimane.
  • Prendi 20 g di equiseto di campo, 30 g di poligono di uccello, 50 g di fiori di biancospino. 2 cucchiaini le erbe tritate vengono versate con 250 ml di acqua bollente, insistendo per 30 minuti. e impiegare 30 minuti. prima dei pasti, 1 cucchiaio. 3 p. al giorno, per un mese.
  • Prendi 1 cucchiaino. vischio bianco (pre-macinato in polvere) versare 250 ml di acqua bollente in un thermos, insistere per una notte e bere 2 cucchiai ciascuno. 2 p. al giorno, per 3-4 mesi.

È anche utile prendere un infuso di semi di aneto, infuso di semi di cumino ed erbe di fiordaliso, tè dai frutti di cenere di montagna nera e foglie di ribes nero.

Cos'è l'angiopatia retinica: cause, sintomi e caratteristiche del trattamento

Angiopatia retinica - modificazione dei vasi sanguigni e dei capillari, determinata da un disturbo della regolazione nervosa del tono vascolare e ostruzione dell'afflusso / deflusso di sangue nel lume.

Descrizione della malattia

La malattia si verifica a causa di danni ai vasi retinici e conseguenti cambiamenti patologici. L'oftalmoscopia, cioè l'esame del fondo, è un metodo con cui un oftalmologo può diagnosticare l'angiopatia. Non è considerata una malattia indipendente, ma segnala solo alcuni processi che interessano i vasi. Questo disturbo dovrebbe ricevere un'attenzione speciale, perché nella sua forma avanzata può atrofizzare il nervo ottico e persino privare una persona della vista.

Le cause dello sviluppo della malattia e la loro classificazione

Poiché l'angiopatia retinica si manifesta sullo sfondo di una malattia già presente nel corpo, la sua classificazione ha come base un fattore eziologico. Si distinguono i seguenti tipi di patologia.

1. Ipotonico o primario. Nasce dall'effetto diretto del fattore patogeno sui vasi del fondo. Quindi, nei bambini può essere un trauma postpartum, ipossia, specificità della struttura dei vasi sanguigni. Negli adulti la ragione risiede nel malfunzionamento del sistema vegetativo-vascolare e, più precisamente, nel meccanismo di regolazione del tono vascolare.

2. Sfondo o secondario. Comprende:

  • Angiopatia diabetica della retina dell'occhio, cioè derivante dal diabete mellito, quando il metabolismo disturbato rallenta il flusso sanguigno e il trofismo dei tessuti oculari è disturbato. Allo stesso tempo, le pareti diventano più sottili, il rischio di emorragia aumenta in larga misura..
  • Angiopatia di Morel (disorica). Si verifica in pazienti alle prese con la malattia di Alzheimer. La causa della malattia risiede nei depositi amipoidi sulle pareti dei vasi sanguigni..
  • Retinopatia ipertensiva (ipertensiva). La conseguenza di un aumento della pressione diventa una disposizione ramificata dei vasi, restringimento delle arterie in alcuni punti, espansione del lume delle vene e diagnosi di emorragie puntate. Se il caso viene trascurato, anche i tessuti del bulbo oculare sono interessati, diventa torbido. Tuttavia, tutte le modifiche di cui sopra sono reversibili se la pressione è normalizzata.
  • Angiopatia retinica giovanile. Cos'è? Perché si verifica una tale patologia dei vasi del fondo (un altro nome è malattia di Eales o retinite proliferante) non è ancora chiaro. L'angiopatia di questo tipo si sviluppa nell'adolescenza, la forma principale della sua manifestazione è la presenza di emorragie nella retina e nel corpo vitreo. Allo stesso tempo, i vasi si infiammano, il che può portare a malattie come cataratta, glaucoma e persino distacco della retina. Questo sottotipo è il più difficile in termini di trattamento..
  • Misto, a causa dell'influenza di più patologie contemporaneamente sui vasi del fondo.

Fattori di rischio aggiuntivi

Inoltre, le ragioni del rischio di insorgenza della malattia includono anche vecchiaia, cattive abitudini, lavoro in un'industria pericolosa, osteocondrosi cervicale, intossicazione del corpo, ecc. L'angiopatia retinica può anche essere causata da disturbi che si verificano durante lesioni cerebrali traumatiche, forte compressione della cavità addominale e il petto. Il risultato è un rapido aumento della pressione intracranica, la comparsa di emorragie e rotture e, in futuro, la formazione di coaguli di sangue che aggravano la situazione..

Sintomi di angiopatia

L'angiopatia retinica ha i seguenti sintomi caratteristici:

  • deterioramento della vista;
  • la comparsa negli occhi di lampi, "fulmini";
  • completa perdita della vista;
  • epistassi frequenti;
  • miopia progressiva;
  • degenerazione retinica;
  • dolore alla gamba;
  • sangue nelle urine e nelle feci;
  • casi di sanguinamento gastrointestinale;
  • macchie gialle, chiaramente visibili sul bulbo oculare, ramificazioni vascolari, emorragie puntate;
  • se l'angiopatia è di natura ipotonica, il paziente può sentire la pulsazione del fondo.

La specificità della malattia nelle donne in gravidanza

Durante la gravidanza, l'angiopatia retinica viene solitamente rilevata nel terzo trimestre ed è di tipo ipertensivo. La presenza di ipertensione in una donna in combinazione con la gestosi è un'indicazione per il parto con taglio cesareo, poiché esiste un alto rischio di rottura vascolare retinica e perdita della vista durante il parto naturale.

Caratteristiche dell'angiopatia nei neonati

È difficile diagnosticare l'angiopatia retinica in un neonato senza un esame professionale, perché il bambino non è ancora in grado di lamentarsi delle sue condizioni. L'aumento della pressione intracranica in un bambino dovrebbe essere un segnale di allarme per pediatri e genitori. Il motivo per esaminare i bambini più grandi può essere un trauma, disturbi della pressione sanguigna, diabete mellito.

Diagnosi di angiopatia

Per diagnosticare il paziente, molto spesso viene eseguito uno studio dei vasi del fondo e il paziente viene intervistato. L'esame può mostrare la presenza delle seguenti patologie:

1. Tipo ipotonico di angiopatia vascolare retinica. Di cosa si tratta, considereremo ulteriormente. Questa specie è caratterizzata da:

  • arterie pallide, ma chiaramente visibili;
  • le vene pulsano, piene di sangue;
  • trombosi;
  • degenerazione dei tessuti retinici e loro edema.

2. Tipo ipertensivo:

  • arterie ristrette;
  • individuare le emorragie;
  • vene dilatate, forma ramificata.

3. Tipo diabetico:

  • pareti dei capillari gonfie con un lume ristretto o ostruito;
  • piccole emorragie vicino al nervo ottico;
  • macchie gialle nel fondo.

4. Angiopatia retinica giovanile:

  • l'insorgenza della malattia è caratterizzata da vene dilatate, anastomosi, piccole opacità retiniche ed emorragie puntate;
  • successivamente, si formano frizioni intorno ai vasi e nuovi vasi sulla retina; si notano emorragie nel corpo vitreo e nella retina.

Per chiarire lo stato dei vasi, il medico può prescrivere metodi diagnostici aggiuntivi, come i raggi X (aiuta a valutare la pervietà vascolare), la scansione ecografica (esamina lo stato delle pareti vascolari e determina la velocità del flusso sanguigno); MRI (rivela la condizione e la struttura dei tessuti).

Trattamento dell'angiopatia oculare

La terapia dell'angiopatia retinica consiste nell'eliminare le cause che provocano lo sviluppo della malattia. Vengono utilizzati i seguenti metodi:

  • trattamento farmacologico;
  • procedure di fisioterapia;
  • una dieta speciale che prevede l'uso di alimenti ricchi di vitamine C e B; se il paziente ha un aumento del contenuto di glucosio nel sangue, i carboidrati dovrebbero essere limitati e, con la pressione alta, i cibi salati, piccanti e grassi dovrebbero essere ridotti nella dieta;
  • metodi di medicina tradizionale.

In quale altro modo puoi sbarazzarti dell'angiopatia retinica dei vasi dell'occhio?

Terapie tradizionali

Il trattamento è prescritto a seconda del tipo di patologia.

1. Se la malattia si manifesta come conseguenza dell'ipertensione arteriosa, tutti i fondi dovrebbero essere diretti ad abbassare la pressione e la quantità di colesterolo nel sangue. In questo caso, vengono assegnati:

- farmaci che migliorano le condizioni dei vasi sanguigni;

- fluidificanti del sangue.

2. La forma diabetica richiede l'abbassamento dei livelli di zucchero nel sangue e per questo vengono utilizzati i seguenti metodi:

- una dieta povera di carboidrati;

- attività fisica moderata.

3. Se l'angiopatia è dovuta a distonia neurocircolatoria, l'obiettivo del trattamento dovrebbe essere quello di ripristinare il corretto funzionamento dei sistemi simpatico e parasimpatico. Si raccomanda di essere meno stressati, aderire a uno stile di vita sano e attivo, mangiare bene, utilizzare aromaterapia e psicofarmaci, nonché assumere complessi vitaminici e farmaci.

4. Nell'angiopatia retinica giovanile in entrambi gli occhi (di cosa si tratta, abbiamo esaminato), il trattamento è direttamente correlato alla gravità della patologia. Il regime terapeutico comprende farmaci ormonali, l'uso di un laser e la fotocoagulazione, che aiutano a ridurre la formazione di nuovi vasi e cordoni fibrosi e prevengono il distacco di retina.

Se si riscontrano emorragie e corde estese nel corpo vitreo, la rimozione completa o parziale di quest'ultimo viene eseguita con l'aiuto dell'intervento chirurgico.

Droghe

Ecco un elenco di farmaci prescritti per il trattamento dell'angiopatia retinica:

  • contribuendo al miglioramento della circolazione sanguigna: "Mildronat", "Actovegin", "Taufon", "Trental", "Solcoseryl";
  • riduzione della viscosità del sangue: "Curantil", "Persantin", "Agapurin", "Aspirin cardio";
  • rafforzare le pareti dei vasi sanguigni: "Parmidin", "Calcium Dobezilate";
  • migliorare i processi metabolici nei tessuti: ATP, cocarbossilasi;
  • farmaci ormonali (steroidi);
  • vitamine o complessi vitaminici, compresi quelli destinati agli occhi ("Strix" con mirtilli, "Vitrum Vision", "Aevit", "Blueberry Forte", "Optics").

Alle donne incinte non vengono prescritti farmaci, poiché i farmaci possono avere effetti collaterali sul feto. L'eccezione è la gestosi nelle forme gravi e ad alto rischio per la madre. Di seguito sono riportati metodi alternativi per il trattamento dell'angiopatia del fondo.

Rimedi popolari

I metodi per il trattamento dell'angiopatia con rimedi popolari possono essere usati in combinazione. Molto spesso usano decotti di foglie di alloro, semi di cumino, frutti di sorbo, vischio bianco, foglie di ribes nero, aneto e succo di prezzemolo.

Puoi anche usare tisane speciali:

  • Camomilla e erba di San Giovanni, combinati ciascuno nella quantità di mezzo cucchiaio e riempiti con 500 ml di acqua bollente. È necessario infondere il brodo per 15-20 minuti, quindi filtrare e bere due volte (una parte - la mattina prima dei pasti, la seconda - dopo cena).
  • Melissa (15 g) + rizoma di valeriana tritato (la stessa quantità) + erba achillea (50 g). Versate due cucchiaini del composto con un bicchiere d'acqua e mettete in un luogo freddo per tre ore. Quindi bisogna farlo bollire per 15 minuti a bagnomaria, raffreddare, filtrare e diluire con acqua fino ad ottenere 250 ml di brodo, bere tutto in piccole porzioni tutto il giorno.

Va ricordato che l'uso di qualsiasi rimedio popolare dovrebbe prima essere discusso con il medico. Dovrebbero essere consumati per almeno tre settimane..

Previsione

Con l'accesso tempestivo a un medico, quando i problemi agli occhi sono appena iniziati, il trattamento può essere efficace. La visione sarà completamente ripristinata. L'angiopatia nei bambini è ben corretta, poiché il loro organo visivo è ancora in formazione. Le tecniche moderne non solo possono riguadagnare una buona visione, ma anche prevenirne il declino.

L'articolo tratta dell'angiopatia retinica. Di cosa si tratta è stato descritto in dettaglio.

Angiopatia retinica

Informazione Generale

L'angiopatia è un processo patologico nei vasi macro / microcircolatori, che è una manifestazione di varie malattie, accompagnata da danni e tono alterato dei vasi sanguigni e un disturbo della regolazione nervosa. L'angiopatia retinica è un cambiamento nei vasi microcircolatori del fondo, manifestato da una ridotta circolazione sanguigna nei tessuti retinici, che si sviluppa sotto l'influenza di un processo patologico primario. Di conseguenza, si verificano il loro restringimento, tortuosità o espansione, emorragie nel corpo vitreo / spazio sottoretinico, formazione di microaneurismi, formazione di placche aterosclerotiche e trombosi dell'arteria retinica, che porta a un cambiamento nella velocità del flusso sanguigno e alterata regolazione nervosa..

Pertanto, l'angiopatia è una condizione secondaria che può essere causata da fattori sia oftalmici che generali. Se non trattato, porta a cambiamenti irreversibili nella retina a causa del suo insufficiente apporto di sangue, che può portare a ipossia dei tessuti oculari e alterazioni distrofiche nella retina, atrofia del nervo ottico, diminuzione della qualità della vista o sua perdita completa / parziale. Si manifesta principalmente negli adulti, ma può verificarsi anche nei bambini in risposta a un'esacerbazione di rinosinusite cronica o infezione respiratoria, dovuta alla stretta connessione anatomica dell'orbita (innervazione comune, sistema linfatico / circolatorio) e dei seni paranasali. È anche possibile la tortuosità vascolare congenita in un bambino. Poiché l'angiopatia della retina non è una forma nosologica indipendente, non esiste un codice separato per l'angiopatia della retina secondo μb-10.

Patogenesi

La patogenesi dell'angiopatia è determinata da uno specifico fattore eziologico.

  • Angiopatia ipertensiva: la pressione sanguigna stabilmente elevata influisce negativamente sia sull'emodinamica generale che sull'endotelio dei vasi retinici della retina. L'alta pressione sui vasi porta al loro restringimento patologico (ipertonicità) delle arteriole retiniche e all'espansione delle vene retiniche, calibro irregolare e tortuosità dei vasi retinici, distruzione dello strato interno (compattazione e rotture), causando disfunzione vascolare locale e sviluppo graduale di disturbi della retina venosa (arteriosa / ) e la formazione di coaguli di sangue.
  • Angiopatia ipotonica: il tono dei vasi sanguigni diminuisce, provocando la loro ramificazione e la formazione di coaguli di sangue, rende permeabili le pareti dei microvasi e influisce negativamente sulla velocità del flusso sanguigno.
  • Angiopatia retinica diabetica - iperglicemia cronica, attivazione del sistema renina-angiotensina aldosterone, ridotta sintesi di glicosaminoglicani sono i principali legami patogenetici dell'angiopatia diabetica. Lo sviluppo di cambiamenti morfologici / emodinamici nei vasi della microvascolarizzazione è dovuto a cambiamenti distrofici negli endoteliociti e successiva compromissione della permeabilità della parete dei microvasi per le proteine ​​del plasma sanguigno, attivazione dei periciti, perdita di elasticità, emorragie e neoplasia dei vasi incompetenti.
  • Angiopatia traumatica: la base del suo sviluppo è un pronunciato aumento della pressione intracranica causata da lesioni dei bulbi oculari, cranio, colonna cervicale, compressione prolungata del torace, che provoca rotture delle pareti dei microvasi ed emorragie nella retina.

Classificazione

Il fattore principale nella classificazione dell'angiopatia retinica sono varie malattie che sono le cause della sua insorgenza, in base alle quali distinguono:

  • Angiopatia diabetica - si verifica con il diabete mellito.
  • Ipertensivo (tipo ipertensivo) - a causa di ipertensione prolungata e sostenuta. L'angiopatia ipertensiva della retina di entrambi gli occhi è più comune.
  • Ipotonico (tipo ipotonico) - causato da ipotensione.
  • Traumatico: si verifica con trauma craniocerebrale, danni al rachide cervicale, compressione prolungata del torace.
  • Giovanile (Gioventù).
  • Angiopatia di tipo misto: si verifica quando diverse forme di angiopatia sono stratificate.

Cause di angiopatia retinica

Il principale fattore eziologico dell'angiopatia vascolare retinica sono varie malattie:

  • Malattia ipertonica.
  • Aterosclerosi.
  • Diabete.
  • Disfunzione renale.
  • Reumatismi.
  • Difetti ematologici.
  • Interruzione della ghiandola tiroidea.
  • Sindromi vascolari (Burger, Raynaud, periflebite, periarterite).

Le condizioni fisiologiche che contribuiscono allo sviluppo dell'angiopatia includono: gravidanza (tossicosi precoce / tardiva) e vecchiaia.

Cause esclusivamente "oculari" di angiopatia sono vari disturbi acuti della circolazione retinica (embolia, trombosi), condizioni ipotoniche prolungate dell'arteria retinica centrale. L'angiopatia vascolare retinica può svilupparsi con frequente abuso di alcol, fumo di tabacco, esposizione radioattiva al corpo, lavoro in industrie pericolose.

Sintomi

Di norma, nella fase iniziale dello sviluppo dell'angiopatia retinica, non ci sono praticamente sintomi e i pazienti cercano aiuto medico solo quando sorgono problemi di vista. I principali sintomi dell'angiopatia retinica:

  • visione offuscata (sfocata);
  • diminuzione dell'acuità visiva e restringimento dei campi visivi;
  • ridotta sensibilità al colore / diminuito adattamento al buio;
  • la comparsa di "mosche" galleggianti negli occhi;
  • dolore, palpitazioni e pressione negli occhi;
  • la comparsa di punti ciechi neri;
  • frequente scoppio dei vasi sanguigni negli occhi.

Analisi e diagnostica

La diagnosi di angiopatia si basa sui dati dell'oftalmoscopia. Se necessario, vengono eseguiti metodi diagnostici aggiuntivi (risonanza magnetica, TC, ecografia Doppler dei vasi retinici, radiografia utilizzando un mezzo di contrasto).

Trattamento dell'angiopatia retinica

Se consideriamo il trattamento dell'angiopatia nel suo insieme, dovrebbe essere mirato a migliorare la microcircolazione nei vasi sanguigni e migliorare il metabolismo nelle strutture dell'occhio.

Vengono utilizzati i seguenti gruppi di farmaci che influenzano l'afflusso di sangue alla retina:

  • Vasodilatatore.
  • Antiaggreganti piastrinici e anticoagulanti (Magnikor, Trombonet, Aspirin cardio, Dipyridamole, Ticlopidine).
  • Quelli che migliorano il metabolismo nei tessuti dell'occhio sono antiossidanti, vitamine, antiossidanti, preparati di aminoacidi. Tra i farmaci, si possono citare Cocarboxylase, ATP, Riboxin (un precursore dell'ATP), Anthocyanin Forte, Lutein complex, Neuroubin, Mildronat, Perfek Vision, Milgamma, Nutrof Total, Perfect Eyes, Ocuwaite complet, Super Vision, vitamine B, C, E, A acido nicotinico. Le vitamine complesse per gli occhi contengono antiossidanti del gruppo dei carotenoidi luteina e zeaxantina, resveratrolo, vitamine, oligoelementi e acidi grassi essenziali. La tiotriazolina, oltre al suo effetto antiossidante, migliora il flusso sanguigno.
  • Miglioramento della microcircolazione (Actovegin, Solcoseryl, Cavinton).
  • Ridurre la permeabilità della parete vascolare (Doxy-Hem, Ginkgo biloba, Parmidin, Prodectin, Dicinon, Doxium).
  • Venotonico (Phlebodia, Normoven, Venolek, Vasoket) se necessario.

Dai vasodilatatori si possono distinguere Xanthinol nicotinate e Pentoxifylline (farmaci Trental, Agapurin, Pentoxifylline-Teva, Pentilin, Arbiflex, Pentokifyllin-Acri, Vazonit). La pentossifillina può essere definita un farmaco ad azione complessa che combina l'azione di un vasodilatatore, un angioprotettore e un agente antipiastrinico. Questi farmaci sono ampiamente utilizzati per angiopatie di varia origine. Iniziano a prendere pentossifillina con 100-200 mg tre volte al giorno per le prime due o tre settimane, quindi passano a una dose due volte di 100 mg per un mese.

Dai farmaci ad azione locale (gocce nell'occhio) che migliorano il metabolismo, vengono prescritti Taufon, Emoxy-optic (il principio attivo emoxipina, che, insieme ad un effetto antiossidante, ha un effetto angioprotettivo e anticoagulante).

Sul fondo possono essere rilevati spasmi vascolari e processi ischemici, congestione venosa o alterazioni aterosclerotiche. A seconda di ciò, il trattamento viene adattato. Con la predominanza dei processi ischemici nei vasi retinici, viene prescritto Sermion (ha un effetto vasodilatatore principalmente sui vasi del cervello), gocce Emoxy-ottiche. Il trattamento include anche un complesso vitaminico e minerale in un corso mensile. In caso di deflusso venoso alterato e stasi venosa, vengono prescritti farmaci venotonici (Phlebodia, Venolek, Vasoket). Oltre all'azione venotonica, hanno anche un effetto angioprotettivo e migliorano il drenaggio linfatico. È molto importante trattare la malattia sottostante, contro la quale si è sviluppata l'angiopatia..

Il trattamento per l'angiografia e la retinopatia diabetica comprende:

  • Prima di tutto, è importante monitorare costantemente i livelli di zucchero nel sangue: i pazienti devono assumere un farmaco ipoglicemico consigliato da un medico e seguire una dieta a basso contenuto di carboidrati. Ai pazienti viene mostrata un'attività fisica moderata, che contribuisce a un consumo più razionale di glucosio da parte dei muscoli..
  • Gli aspetti chiave del controllo dell'angiopatia retinica diabetica sono il controllo della pressione sanguigna e dei lipidi (statine e fibrati).
  • Con uno scopo ipotensivo nel diabete mellito, è meglio usare farmaci del gruppo degli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (Enalapril, Lisinopril, Perindopril Teva, Prineva, Ramipril), che consentono non solo di controllare la pressione, ma anche di rallentare l'insorgenza e la progressione dell'insufficienza renale - anche un'importante complicanza del diabete mellito angiopatie. Questi farmaci prevengono la comparsa della proteinuria con la dieta zuccherina e, quando compare, prevengono lo sviluppo di insufficienza renale cronica..
  • L'uso di antiossidanti - alte dosi di tocoferolo (1200 mg al giorno), vitamine C, Probucol, acido α-lipoico (Alfa Lipon, Berlition, Espalipon), Emoxipina, Mexidol, complesso luteina-zeaxantina e l'integratore alimentare Eikonol contenente acidi grassi polinsaturi... I preparati di acido alfa-lipoico sono importanti nel diabete mellito, poiché hanno un effetto complesso: anti-sclerotico, antiossidante e regolano lo zucchero nel sangue. Si consiglia anche Ocuwaite-Reti-Nat forte, che contiene olio di pesce, vitamina E..
  • Con il diabete mellito, la fragilità dei vasi sanguigni aumenta e una frequente complicazione del fondo è la comparsa di emorragie. Con l'uso prolungato di Doxium (calcio dobesilato) per 4-8 mesi, le emorragie si risolvono e le nuove non compaiono.

Si raccomanda a tutti i pazienti, indipendentemente dal grado di compensazione del diabete, di eseguire tali cicli di trattamento due volte l'anno..

Il trattamento dell'angiopatia ipertensiva dei vasi retinici si basa sul trattamento dell'ipertensione. Vengono utilizzati vari gruppi di farmaci che un cardiologo può raccomandare. È importante monitorare il livello dei lipidi nel sangue. Tra i farmaci del gruppo delle statine, la rosuvastatina è controindicata in caso di grave insufficienza renale e, con una moderata diminuzione della funzionalità renale, la dose di rosuvastatina non deve superare i 40 mg. Atorvastatina non ha tali restrizioni, quindi il suo uso è sicuro in pazienti con patologia renale. Ciò è particolarmente importante per i pazienti con diabete mellito, che spesso hanno danni ai reni a causa di una malattia sottostante..

Nelle lesioni reumatiche della retina si presta attenzione al trattamento della patologia sottostante. Con cambiamenti pronunciati nel fondo, oltre al trattamento prescritto da un reumatologo, viene eseguito un ciclo di iniezioni para- o retrobulbari di glucocorticoidi. Per il riassorbimento di essudati ed emorragie, viene prescritta la terapia tissutale (estratto di aloe, Biosed, FIBS, Torfot, Bumisol, vitreo), iniezioni di lidasi o chimotripsina, elettroforesi di lidasi.

L'angiopatia traumatica si sviluppa dopo gravi lesioni generali accompagnate da shock: compressione, riproduzione, fratture delle estremità e della base del cranio, trauma cerebrale. Il trattamento tempestivo e il trattamento dello shock riducono il rischio di angiopatie gravi.

Un altro meccanismo di angiopatia traumatica è associato alla compressione dei tessuti del torace, del collo e della testa, che è accompagnata da un aumento della pressione intracranica e da gravi cambiamenti nel tono vascolare retinico. Il trattamento viene effettuato per abbassare la pressione intracranica e migliorare la circolazione sanguigna nei vasi del cervello e della retina.

Cause, sintomi e trattamento dell'angiopatia retinica

Angiopatia retinica: che cos'è?

La retina ha bisogno di molti nutrienti e ossigeno in quanto è responsabile della cattura delle onde luminose, della loro conversione in impulsi nervosi e della loro trasmissione al cervello, dove si forma l'immagine. Un insufficiente apporto di sangue alla coroide provoca gravi danni alla vista. L'angiopatia dei vasi retinici non è una malattia separata, ma una patologia che si sviluppa a seguito della distruzione delle cellule dei vasi sanguigni e della disfunzione delle loro funzioni in malattie di varia origine.

L'angiopatia retinica è un disturbo patologico del tono dei vasi sanguigni e dei capillari del fondo. Di conseguenza, si verifica la loro tortuosità, restringimento o espansione. C'è un cambiamento nella velocità del flusso sanguigno e un fallimento della regolazione nervosa. I difetti vascolari consentono di sospettare e stabilire una diagnosi della malattia sottostante prima delle sue manifestazioni cliniche.

Una patologia di questo tipo segnala la presenza di una malattia nel corpo che interferisce con la normale circolazione sanguigna, influisce sul tono di vasi piccoli e grandi, provoca lesioni necrotiche di una certa area della retina, minaccia la perdita completa o parziale della vista o una diminuzione della sua qualità. L'angiopatia è più comune nei pazienti adulti (di età superiore ai 35 anni) sullo sfondo di malattie croniche, ma a volte viene diagnosticata durante l'infanzia e persino nei neonati.

Cause di angiopatia retinica

La struttura più importante dell'occhio - la retina - reagisce rapidamente ai minimi disturbi nel sistema di afflusso di sangue. L'angiopatia non è una malattia indipendente, serve come segnale di una malattia in cui c'è un effetto negativo sui vasi oculari. I processi patologici nel corpo causano danni alle pareti dei vasi oculari, alla loro modifica e alla rottura strutturale.

I motivi principali che portano al verificarsi di angiopatia:

Malattia ipertonica. L'ipertensione ha un effetto dannoso sulle pareti dei vasi oculari, distruggendo il loro strato interno. La parete vascolare diventa più densa e si verifica la fibrotizzazione. C'è una violazione della circolazione sanguigna, formazione di coaguli di sangue ed emorragie. A causa della pressione in costante aumento, alcune navi scoppiano. Un segno caratteristico dell'angiopatia ipertensiva sono i vasi contorti e ristretti del fondo. Al primo grado di ipertensione, si osservano cambiamenti nei vasi degli occhi in un terzo dei pazienti, al secondo grado - nella metà dei pazienti e nella terza fase dell'ipertensione, i vasi del fondo sono modificati in tutti i pazienti;

Diabete. La malattia provoca danni alle pareti vascolari non solo nella retina degli occhi, ma in tutto il corpo. La patologia si sviluppa su uno sfondo di livelli di glucosio nel sangue costantemente elevati. Ciò provoca lo sviluppo di occlusioni, fuoriuscita di sangue nel tessuto retinico, ispessimento e proliferazione della parete dei capillari, diminuzione del diametro dei vasi e deterioramento della microcircolazione sanguigna negli occhi. La patogenesi porta spesso a una graduale perdita della vista;

Lesioni al cranio, agli occhi e alla colonna vertebrale (colonna cervicale), compressione forte e prolungata del torace. La condizione porta a un forte aumento della pressione intracranica a numeri elevati, alla rottura delle pareti dei vasi sanguigni e all'emorragia nella retina;

Ipotensione. Una diminuzione del tono vascolare comporta la ramificazione dei vasi, la loro forte espansione, pulsazioni palpabili, una diminuzione della velocità del flusso sanguigno e promuove anche la formazione di coaguli di sangue nei vasi retinici, aumenta la permeabilità delle pareti dei vasi.

Fattori che contribuiscono al verificarsi di angiopatia pericolosa:

Aumento della pressione intracranica;

Cattive abitudini (fumo, alcol);

Avvelenamento (acuto o cronico);

Anomalie congenite delle pareti dei vasi sanguigni;

Esistono molte altre varietà di questa patologia, che a volte si trovano anche:

Angiopatia giovanile. Il processo infiammatorio nei vasi retinici si sviluppa per una ragione sconosciuta. È accompagnato da emorragie minori nel corpo vitreo dell'occhio e della retina. Il tipo più grave di malattia, che contribuisce al distacco della retina, provoca anche cataratta e glaucoma, spesso porta alla cecità;

Angiopatia nei neonati prematuri. La malattia è rara, la causa della sua comparsa è una complicazione del parto o di un trauma alla nascita. Il danno retinico è caratterizzato da cambiamenti proliferativi nei vasi sanguigni, dal loro restringimento e dal flusso sanguigno alterato;

Angiopatia durante la gravidanza. Nelle fasi iniziali, la malattia non porta conseguenze minacciose, ma se trascurata minaccia di complicazioni irreversibili (distacco di retina). Questa patologia può svilupparsi nella seconda metà della gravidanza sullo sfondo dell'ipertensione o di altre malattie caratterizzate dalla debolezza delle pareti vascolari.

Qualsiasi patologia o malattia che influisce negativamente (direttamente o indirettamente) sullo stato dei vasi sanguigni può portare ad angiopatia.

Le cause più comuni di angiopatia includono:

Ipertensione arteriosa di varie eziologie;

Patologie congenite delle pareti vascolari;

Aumento della pressione intracranica;

Danni agli occhi traumatici;

Alcuni disturbi del sangue;

Fattori di rischio aggiuntivi:

Vecchiaia e presbiopia (visione senile);

Lavorare in produzioni pericolose;

Fumo e abuso di alcol;

Sintomi di angiopatia retinica

L'angiopatia vascolare è suddivisa in tipi a seconda della malattia sottostante:

Angiopatia diabetica. I più comuni. Nei pazienti con diabete di tipo 1, si osserva nel 40% dei casi, nei pazienti con tipo 2 - nel 20%. Di solito, l'angiopatia inizia a svilupparsi 7-10 anni dopo l'inizio della malattia. Ci sono due opzioni per lo sviluppo: microangiopatia e macroangiopatia. Con la microangiopatia, i capillari sono colpiti e assottigliati, il che porta a una ridotta microcircolazione ed emorragie. Con la macroangiopatia, i vasi più grandi sono colpiti, si verificano occlusioni (blocco), che portano all'ipossia retinica;

Angiopatia ipertensiva. Sullo sfondo della pressione sanguigna cronicamente alta, le arterie retiniche si restringono e le vene si espandono. La sclerosi vascolare si forma gradualmente, il letto venoso si ramifica, si formano essudati a causa di infiltrazioni di sangue attraverso le pareti dei capillari;

Angiopatia ipotonica. Sullo sfondo dell'ipotensione arteriosa, al contrario, le arterie si espandono, il flusso sanguigno rallenta, si nota la pulsazione delle vene, i vasi diventano contorti, il che aumenta la probabilità di coaguli di sangue. I sintomi caratteristici in questo caso sono una sensazione pulsante negli occhi e vertigini;

Angiopatia traumatica. Con lesioni alla testa o al torace, la spremitura dell'addome, l'osteocondrosi, la pressione intraoculare può aumentare notevolmente. Se le navi non resistono al carico, le loro rotture si verificano con successive emorragie;

Angiopatia durante la gravidanza. In questo caso, l'angiopatia è di natura funzionale e scompare da sola 2-3 mesi dopo il parto. Ciò è spiegato dal fatto che un aumento del volume del sangue circolante provoca un'espansione passiva dei vasi retinici. Un'altra domanda è se l'angiopatia diabetica o ipertensiva fosse presente prima della gravidanza. In questo caso, molto probabilmente inizierà a progredire rapidamente..

Il pericolo dell'angiopatia sta nel fatto che nelle prime fasi e per un periodo piuttosto lungo è asintomatico. Nella fase di notevole deterioramento della vista, il processo è solitamente già irreversibile..

Sintomi comuni di angiopatia:

Diminuzione dell'acuità visiva;

La comparsa di nebbia e macchie davanti agli occhi;

Restringimento del campo visivo;

Una sensazione di pulsazione nel bulbo oculare;

La presenza di vasi sanguigni rotti e macchie gialle sulla congiuntiva.

Angiopatia retinica: che cos'è, tipi e sintomi, cause, trattamento e conseguenze

Un'angiopatia della retina è un disturbo patologico del tono vascolare del fondo, con una violazione dell'afflusso o del deflusso del sangue, lo sviluppo di un processo ischemico e una graduale diminuzione dell'acuità visiva.

Nel tempo sono possibili complicazioni invalidanti pericolose, inclusa la cecità rapida, che la medicina non è in grado di eliminare.

Il quadro clinico è assente o così povero che non è possibile notarlo finché non è troppo tardi.

Inoltre, i segni sono aspecifici, il che rende la malattia ancora più difficile in termini di diagnosi precoce..

L'angiopatia retinica è estremamente rara primaria, quasi sempre è associata ad altre diagnosi. Ipertensione e diabete soprattutto spesso.

Il trattamento è conservativo. È possibile influenzare radicalmente la situazione solo in una prima fase iniziale. Questo è un incentivo a visitare più spesso un oftalmologo..

Meccanismo di sviluppo

Non esiste un unico modo per la formazione di un processo patologico. La malattia non si manifesta spontaneamente, è il risultato di un'influenza negativa a lungo termine. Di solito interno. Possiamo parlare di diversi modi per diventare una violazione.

  • Fattore meccanico. È estremamente raro. Si basa sulla compressione delle arterie del fondo. Poiché gli organi visivi sono relativamente ben protetti, ciò è improbabile.

Tra le possibili cause immediate vi sono le invasioni da elminti (gli opisthorchis spesso penetrano negli occhi, entrano nel corpo con pesci di fiume non trattati termicamente), i tumori sono più spesso osservati.

Entrambi i processi patologici terminano rapidamente con il distacco della retina e la completa cecità..

L'aumento della pressione intracranica è un po 'meno pericoloso. Questo è un fattore meccanico, aumenta la quantità di liquido cerebrospinale.

  • Eccessivo stress sui vasi sanguigni. È molto più comune. Questo è quasi il meccanismo principale. L'ipertensione o l'aumento sintomatico della pressione sanguigna provoca la stenosi riflessa (restringimento) dei vasi sanguigni.

Il motivo è nei disturbi biochimici nel sistema di aldosterone, renina, angiotensina-2. L'ipertensione incontrollata provoca angiopatia cronica, che non viene più trattata.

Ma le possibilità di una correzione ci sono ancora. I processi distrofici alla periferia della retina si sviluppano abbastanza rapidamente.

Il tessuto diventa più sottile e fragile. È un fattore di rischio aumentato per il distacco e la disabilità.

  • L'angiopatia retinica è possibile anche a causa di un difetto anatomico. Sullo sfondo del diabete mellito, si osserva la crescita di una rete vascolare di terze parti. Si verifica un restringimento riflessivo delle arterie normali.

Inoltre, a causa dello squilibrio ormonale, della disfunzione metabolica, c'è una maggiore fragilità delle strutture di approvvigionamento di sangue. Quindi, fragilità, enormi rischi di violazione dell'integrità dei vasi sanguigni.

Il risultato è un massiccio rilascio di tessuto liquido nel vitreo. Quando questa struttura è riempita con almeno un terzo del suo volume di sangue, il distacco della retina è quasi impossibile da evitare..

È possibile una combinazione di diversi fattori patogenetici. Quindi la probabilità di guarigione è molto più bassa e ci sono molti più problemi con la scelta delle tattiche di recupero..

Tipi e sintomi

Si possono distinguere diversi tipi del processo patologico denominato. Sono i più diffusi.

Angiopatia diabetica

È al secondo posto "onorevole" nel numero di casi registrati dagli oftalmologi.

Accompagnato da cambiamenti patologici pronunciati e piuttosto rapidi nel fondo.

Al di fuori della terapia, la cecità non può essere evitata in futuro di diversi anni dallo scompenso.

Il disturbo del normale funzionamento delle arterie fa parte della cosiddetta retinopatia diabetica. Questa condizione è osservata in quasi la metà dei pazienti..

I possibili sintomi includono:

  • Diminuzione dell'acuità visiva. Graduale, senza una ragione apparente. Su un occhio o su entrambi i lati contemporaneamente. Dipende dalla gravità del processo patologico.
  • Nebbia in vista. I pazienti stanno cercando di stropicciarsi gli occhi, non ha molto senso. La violazione scompare da sola dopo pochi secondi dall'inizio.
  • Rapido affaticamento degli organi visivi, arrossamento della sclera. Sensazione di bruciore e secchezza.

Altrimenti, il paziente non avverte nulla di strano. Nel suo sviluppo, l'angiopatia di tipo diabetico attraversa tre fasi.

  • Non proliferativo dura più a lungo. A volte per anni. E dà un minimo di disagio. Inoltre, potrebbero non esserci sintomi..
  • Il secondo stadio è accompagnato da una violazione del deflusso venoso-linfatico, la clinica è aggravata.
  • Lo stadio proliferativo è associato allo sviluppo di una nuova rete capillare sulla retina. Ma queste navi sono inizialmente imperfette e fragili..

La probabilità della loro rottura è estremamente alta. In questa fase, i segni sono difficili da perdere. Spesso la condizione finisce in completa cecità..

Il processo nell'80% dei casi fin dall'inizio è caratterizzato come angiopatia della retina di entrambi gli occhi, la lesione unilaterale è rara.

Tra tutte le forme di malattia, questa è particolarmente pericolosa e aggressiva. Richiede una terapia immediata.

A priori, si ritiene che tutti i diabetici soffrano di angiopatia, la diagnosi è la base per un esame da un oftalmologo ogni 3-6 mesi.

A prima vista, un'espansione così irragionevole della popolazione di pazienti, la diagnosi eccessiva, è indispensabile per preservare la vista. Perché questo approccio ti consente di identificare il problema nel tempo.

Angiopatia ipertensiva

Si sviluppa più lentamente e lentamente. Il più comune, ma meno pericoloso, perché il paziente ei medici hanno più tempo per selezionare le tattiche terapeutiche.

Ma questo è uno stato pericoloso, non ci si può sbagliare. Attraversa 4 fasi, la clinica durante l'intero processo patologico è approssimativamente identica.

Tra i segni che esistono in tutte le fasi dell'angiopatia ipertensiva:

  • Diminuzione dell'acuità visiva. Su uno o entrambi i lati. L'asimmetria è considerata possibile, ma può anche essere un'indicazione di trombosi progressiva, che è quasi garantito per portare alla cecità..
  • Nebbia in vista.
  • Affaticamento rapido degli occhi.
  • Lacrimazione.
  • Problemi che si concentrano su un punto.
  • Raddoppio, impossibilità di aggiustare.

I sintomi progrediscono gradualmente. A partire dalla seconda fase si osservano momenti più specifici:

  • Sfarfallio delle mosche nell'area percepita.
  • Formazione di macchie nere e impenetrabili che interferiscono con la normale valutazione dell'immagine. I cosiddetti scotomi. Si verificano anche con altre malattie. È necessaria una diagnosi differenziale rapida.
  • Inoltre, un aumento del numero di opacità fluttuanti (sembrano fili trasparenti e grigiastri, vermi, fasci).

L'angiopatia retinica ipertensiva si verifica nel 90% dei pazienti allo stadio 2 della malattia e nel 100% dei pazienti con ipertensione di grado 3.

Forma congenita

Si sviluppa nei bambini nati prematuramente. Accompagnato da sottosviluppo del sistema vascolare della retina.

Questa condizione è irta di cecità se il trattamento specifico non viene avviato rapidamente..

Il recupero è possibile, ma in età avanzata la violazione può farsi sentire.

I sintomi specifici sono difficili da identificare perché il paziente non è in grado di segnalarli. Presumibilmente, stiamo parlando di disabilità visiva di varia gravità.

Tipo giovanile

Una forma estremamente rara del processo patologico. Si verifica solo nello 0,3-0,5% di tutti i pazienti di età compresa tra 12 e 19 anni.

Accompagnato da un acuto arteriospasmo (vasocostrizione) senza un comprensibile fattore provocatorio.

In circa il 60% delle situazioni, il primo episodio si conclude con un'emorragia del vitreo - emoftalmo. Questa condizione richiede un aiuto urgente..

Viene eseguita una vitrectomia, il fluido viene pompato. Altrimenti la cecità non può essere evitata.

Durante il tempo successivo, sono probabili recidive ripetute, pertanto è necessario un trattamento complesso urgente sotto la supervisione di un oftalmologo.

Le ragioni per lo sviluppo di un processo così aggressivo non sono esattamente note. Si presume che lo squilibrio ormonale agisca da provocatore..

Il rapporto tra i sessi è più o meno lo stesso in termini di frequenza di occorrenza. Pertanto, sono possibili altri motivi..

Forma ipotonica

Paradossalmente, non solo l'ipertensione può essere la causa dell'angiopatia. Anche abbassato.

Se, nel primo caso, il provocatore risulta essere un cambiamento nel rapporto di ormoni specifici, un carico eccessivo sui vasi, questa è una circolazione sanguigna debole a causa della tensione insufficiente delle arterie.

La stessa bassa pressione sanguigna causa angiopatia relativamente tardi. La forma ipotonica di solito procede con minore gravità rispetto ad altri tipi.

I sintomi sono limitati a una leggera diminuzione dell'acuità visiva.

Con il progredire della malattia, le condizioni degli occhi peggiorano. Questo è un processo naturale.

Forma traumatica

Si verifica a causa di sovraccarico fisico, danni alla testa, area del viso. Il risultato di ciò è la distruzione di una nave o di più vene / arterie o capillari contemporaneamente.

Formalmente, questa non è angiopatia, ma piuttosto una complicazione del trauma. Ma l'essenza è più o meno la stessa. I sintomi sono più evidenti: diminuzione dell'acuità visiva, dolore agli occhi, annebbiamento, visione doppia, ridotta coordinazione.

La clinica viene integrata con i sintomi effettivi del danno ricevuto. Alcuni si sovrappongono ad altri, è importante isolare e delineare chiaramente le manifestazioni.

Per lo più nella pratica, gli oftalmologi si trovano nell'angiopatia cronica o di fondo, che progredisce per molti anni e non si fa sentire in alcun modo.

Ma questo è solo a prima vista. Diminuzione dell'acuità visiva, lampi di mosche, lampi nel campo visivo (fotopsia), visione doppia, aumento della fatica, bruciore, crampi, prurito, arrossamento. Sono tutte parti di un tutto.

La diagnosi differenziale è necessaria per dire esattamente quale sia stata la causa di un tale problema..

Le ragioni

In parte, la questione è già stata sollevata nell'ambito della descrizione del meccanismo. Se parliamo dei colpevoli diretti:

  • Ipertensione o aumento della pressione sintomatico. I cambiamenti nel fondo sono il risultato di una vasocostrizione persistente.
  • Difetti cardiaci, vene, arterie. Disturbi circolatori sistemici a causa di difetti cromosomici. La prima volta è molto più comune della seconda. Le anomalie genetiche non sempre provocano l'angiopatia.
  • Aumento della pressione intracranica a causa dell'influenza del liquido cerebrospinale, la sua quantità eccessiva.
  • Ipotensione. Bassa pressione sanguigna. Il motivo è una cattiva circolazione sanguigna e quindi una nutrizione insufficiente delle strutture del fondo. Allo stesso tempo, si riscontra spesso una piccola capacità contrattile del miocardio..

Nel sistema, entrambi i fattori determinano l'impossibilità di autocompensazione spontanea per la violazione.

  • Diabete. Uno dei detentori del record per numero di casi provocati.
  • Cambiamenti aterosclerotici. Come conseguenza del fumo, dell'abuso di alcol o dell'eccessiva circolazione del colesterolo nel sangue.

In una tale situazione, i vasi rimangono formalmente gli stessi: non c'è restringimento, hanno un diametro normale.

Il loro lume, infatti, diventa insufficiente: sulle pareti si depositano coaguli di colesterolo. Placche.

Nel tempo, questo porterà a risultati disastrosi se il paziente non viene aiutato.

Fattori di rischio

Più ce ne sono, maggiore è la probabilità di sviluppare angiopatia e più breve è il periodo di tempo per un risultato così allarmante:

  • 65 anni+.
  • Danno professionale. Ad esempio, nelle industrie chimiche e tessili.
  • Situazione ecologica sfavorevole.
  • Gravidanza, stati ormonali di picco (mestruazioni, pubertà o pubertà, menopausa).
  • Dieta malsana con molti grassi e sale.
  • Fumo. Consumo di alcool. Tossicodipendenza.

La correzione di possibili fattori di rischio può ridurre la probabilità di angiopatia. Questa è una misura preventiva.

Diagnostica

Non è molto difficile. L'elenco degli esami è il seguente:

  • Interrogare il paziente per reclami. Nelle prime fasi sono assenti o l'elenco è scarno e vago.
  • Prendendo l'anamnesi. Stile di vita, abitudini, soprattutto malattie dannose, passate e attuali. Altri fattori.
  • Oftalmoscopia con pupilla dilatata. Standard e contatto. Utilizzando una lente Goldman.

Il secondo metodo è molto più informativo, poiché consente di esaminare la periferia estrema del fondo. Usato come gold standard per la diagnosi.

  • Ultrasuoni. Nominato in casi controversi. Non sempre richiesto.
  • CT. Inoltre non applicabile in tutte le situazioni.

Questo di solito è sufficiente. Se necessario, l'elenco include un esame del sangue generale, uno studio biochimico (con uno spettro lipidico esteso, è necessario valutare la concentrazione di colesterolo).

Ecografia doppler dei vasi del collo e del cervello. Come parte della diagnosi differenziale.

Se ci sono ipotesi sulla natura diabetica del processo, viene mostrato un esame completo da parte di un endocrinologo.

Trattamento

La terapia è principalmente farmaco. Sono prescritti farmaci di diversi gruppi farmaceutici:

  • Mezzi per il ripristino locale della circolazione sanguigna negli occhi. Taufon e altri.
  • Angioprotettori. Riduce la fragilità dei vasi sanguigni. Anavenol, Parmidin.
  • Mezzi per correggere la velocità del movimento sanguigno, la sua circolazione: Piracetam, Cavinton.
  • Farmaci che prevengono i coaguli di sangue: Aspirina e suoi analoghi per uso a lungo termine. Accuratamente.

È richiesto anche il trattamento della malattia sottostante. Perché i metodi di cui sopra non danno un recupero completo. La loro funzione è proteggere gli occhi stessi.

I farmaci antipertensivi sono usati nel contesto dell'ipertensione. Correzione dei livelli di zucchero nel sangue come principale metodo di terapia per i disturbi endocrini.

Il diabete coinvolge anche la coagulazione vascolare. L'essenza della procedura è la cauterizzazione laser non invasiva dei capillari neoformati. Che non c'era emorragia. È indolore e sicuro.

In tutti i casi, si raccomandano anche metodi di recupero non farmacologici. Le pillole da sole non bastano.

Le misure sono semplici, sebbene richiedano uno sforzo volontario:

  • Rifiuto di sigarette, alcol e ancora più sostanze stupefacenti.
  • Sonno normale per almeno 8 ore a notte.
  • Attività fisica ottimale.

Con la distrofia retinica sullo sfondo dell'angiopatia, non sono consentiti tutti i tipi di attività. È meglio chiarire la domanda con un oftalmologo.

  • Corretta alimentazione fortificata. Meno grasso animale possibile, riducendo l'assunzione di sale (non più di 7 grammi al giorno).

Previsione

Nella fase 1, è favorevole. Perché ci sono tutte le possibilità di una cura completa. Fornito terapia sistemica della malattia sottostante e protezione della retina.

Nella fase 2, è possibile arrestare la progressione del disturbo e prevenire le complicanze.

Fase 3: le prospettive sono fosche. Non sarà possibile rallentare il disturbo. Pertanto, è necessario consultare regolarmente un oftalmologo, soprattutto se si notano fattori di rischio.

Possibili conseguenze

Tra i principali c'è un calo dell'acuità visiva. Nel tempo, i vasi diventano fragili, aumenta la probabilità di rottura e massiccia emorragia nel vitreo. E non c'è modo di evitare il distacco di retina..

Questa è una condizione urgente che richiede una correzione chirurgica urgente. Senza terapia, la cecità completa non può essere evitata, senza la capacità di ripristinare la capacità di vedere.

Infine

L'angiopatia retinica è letargica dal punto di vista di un complesso sintomatico, ma una malattia estremamente pericolosa. Richiede monitoraggio e trattamento costanti. È impossibile ottenere un risultato duraturo senza misure riparatrici..

La probabilità di complicanze è in aumento, la più probabile delle quali è la perdita della funzione oculare. La prognosi è seria, non dovresti trascurare l'aiuto di un oftalmologo.

  • EVOLUZIONE DEI CONCETTI DI RETINOPATIA IPERTONICA V.S. Zadionchenko, T.V. Adasheva, A.M. Shamshinova, M.A. Arakelyan, Rational Pharmacotherapy in Cardiology 2010; 6 (6).
  • Linee guida cliniche. Oftalmologia. A cura di L.K. Moshetova, A.P. Nesterova, E.A. Egorova.
  • Linee guida cliniche federali per la diagnosi e il trattamento della retinopatia diabetica e dell'edema maculare diabetico.
  • Retinopatia della prematurità. Atti di una conferenza scientifico-pratica con partecipazione internazionale, Mosca, 6-7 aprile 2016.

Articolo Successivo
Che cos'è il trattamento del rigurgito mitralico (insufficienza della valvola mitrale)?