Cause, sintomi e trattamento dell'angiopatia retinica


Tutti i contenuti di iLive vengono esaminati da esperti medici per garantire che siano il più accurati e concreti possibile.

Abbiamo linee guida rigorose per la selezione delle fonti di informazione e ci colleghiamo solo a siti Web affidabili, istituti di ricerca accademica e, ove possibile, comprovata ricerca medica. Tieni presente che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili a tali studi.

Se ritieni che uno dei nostri contenuti sia inaccurato, obsoleto o altrimenti discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

L'angiopatia retinica iniziale è il primo stadio della malattia. In molti casi, l'angiopatia durante questo periodo di tempo si verifica senza alcun sintomo evidente per il paziente. Ma presto, con la progressione della malattia, si assiste alla comparsa di una specie di "mosche", macchie scure davanti agli occhi, lampi di luce e così via. Ma l'acuità visiva è ancora normale e quando si esamina il fondo, i cambiamenti nei tessuti oculari non sono ancora evidenti.

Possiamo dire che nella prima fase della malattia, tutti i processi possono essere invertiti, cioè per far riprendere i vasi degli occhi. In questo caso, non ci saranno disturbi nella struttura dei tessuti oculari e l'acuità visiva rimarrà normale, la stessa di prima della malattia.

A tal fine, è necessario iniziare il trattamento sia dei problemi vascolari stessi che della malattia sottostante che ha causato nel tempo questa grave complicanza. Solo in questo caso, nella fase iniziale del processo, è possibile interrompere la progressione dei cambiamenti negativi negli occhi..

Tutto quanto sopra si applica ai casi di malattia causata dall'ipertensione. Con l'angiopatia diabetica, che è provocata dal diabete mellito, anche nella fase iniziale, i processi di distruzione vascolare negli occhi diventano irreversibili.

L'angiopatia retinica è di tre gradi.

Angiopatia retinica in entrambi gli occhi

Poiché l'angiopatia è una conseguenza di altre malattie sistemiche del corpo e colpisce i vasi in tutto il corpo umano, è quasi sempre osservata in entrambi gli occhi umani.

L'angiopatia retinica in entrambi gli occhi è una violazione della struttura e del funzionamento dei vasi sanguigni, che porta a vari problemi agli occhi e alla vista, a seconda del grado della malattia stessa. Possibile miopia progressiva o cecità, così come glaucoma e cataratta degli occhi.

Le cause ei sintomi della malattia in cui la malattia può essere diagnosticata sono stati descritti nelle sezioni precedenti. Inoltre, per problemi vascolari in entrambi gli occhi, è caratteristica la divisione in diabetico, iperteso, traumatico, ipotonico e giovanile, che si verifica anche in caso di malattia vascolare della retina di un occhio. Allo stesso tempo, il trattamento di questo problema è anche associato, prima di tutto, al miglioramento delle condizioni generali di una persona e all'eliminazione della malattia sottostante. Naturalmente, è importante anche il trattamento locale sintomatico, che manterrà lo stato dei vasi oculari in una certa stabilità, prevenendo il verificarsi di cambiamenti irreversibili..

Angiopatia retinica 1 grado

Nell'ipertensione, ci sono diversi stadi di angiopatia, causati da problemi di ipertensione. Questa classificazione è nata a causa dei gradi di lesioni vascolari negli occhi, che si osservano con questa complicazione. Ci sono tre fasi della malattia: la prima, la seconda e la terza. È possibile scoprire in quale fase si trova la malattia solo con un esame oftalmologico del fondo del paziente.

Il processo stesso dei cambiamenti vascolari nell'ipertensione è caratterizzato dall'espansione delle vene del fondo, poiché traboccano di sangue. Le vene iniziano a dimenarsi e la superficie del bulbo oculare è coperta da piccole emorragie punteggiate. Nel tempo, le emorragie diventano più frequenti e la retina inizia a diventare torbida..

Al primo grado di angiopatia, sono caratteristici i seguenti cambiamenti negli occhi, che sono chiamati fisiologici:

  • le arterie nella retina iniziano a restringersi,
  • le vene retiniche iniziano a dilatarsi,
  • le dimensioni e la larghezza delle navi diventano irregolari,
  • c'è un aumento della tortuosità vascolare.

L'angiopatia retinica di 1 grado è uno stadio della malattia in cui i processi sono ancora reversibili. Se la causa della complicazione stessa viene eliminata - ipertensione, i vasi negli occhi tornano gradualmente alla normalità e la malattia si allontana.

Angiopatia retinica moderata

L'angiopatia retinica moderata è il secondo stadio della malattia, che si verifica dopo il primo stadio.

Con l'angiopatia della retina di secondo grado, la comparsa di cambiamenti organici negli occhi è caratteristica:

  • le navi iniziano a differire sempre di più in larghezza e dimensioni,
  • Anche la tortuosità vascolare continua ad aumentare,
  • per colore e struttura, i vasi iniziano ad assomigliare a un filo di rame leggero, perché le strisce luminose centrali situate lungo i vasi sono così ristrette,
  • con l'ulteriore progressione del restringimento della striscia di luce, i vasi assomigliano a una parvenza di filo d'argento,
  • c'è la comparsa di trombosi nei vasi retinici,
  • compaiono emorragie,
  • caratterizzato dalla presenza di microaneurismi e vasi neoformati, che si trovano nell'area della testa del nervo ottico,
  • il fondo all'esame è pallido, in alcuni casi si osserva anche la sua tonalità cerosa,
  • possibile cambio di campo visivo,
  • in alcuni casi, ci sono violazioni della sensibilità alla luce,
  • visione offuscata,
  • l'acuità visiva inizia a essere persa, appare la miopia.

I primi due sono già stati discussi nelle sezioni precedenti. Ora tocchiamo il terzo e più grave stadio della malattia..

Angiopatia retinica di 3 gradi

A un dato grado della malattia, si osservano i seguenti sintomi e manifestazioni:

  • la comparsa di emorragie nella retina,
  • il verificarsi di edema retinico,
  • l'aspetto di fuochi con colore bianco nella retina,
  • il verificarsi di sfocatura, che determina i confini del nervo ottico,
  • la comparsa di edema del nervo ottico,
  • grave deterioramento dell'acuità visiva,
  • il verificarsi della cecità, cioè la completa perdita della vista.

Angiopatia retinica ipertensiva

L'ipertensione è una condizione caratterizzata da aumenti periodici o persistenti della pressione sanguigna. Una delle principali cause della malattia è il restringimento dei piccoli vasi e dei capillari in tutto il sistema vascolare, che porta all'ostruzione del flusso sanguigno. E quindi, il sangue inizia a premere sulle pareti dei vasi, il che porta ad un aumento della pressione sanguigna, poiché il cuore fa maggiori sforzi per spingere il sangue attraverso il letto vascolare..

L'ipertensione causa varie complicazioni nel corpo umano, ad esempio malattie cardiache, malattie cerebrali, malattie renali e così via. Non fa eccezione le malattie vascolari degli occhi, ovvero la retina, una delle quali è l'angiopia.

Con questa malattia, le vene iniziano a ramificarsi ed espandersi, compaiono frequenti emorragie puntate, che sono dirette al bulbo oculare. Potrebbe anche esserci un annebbiamento dei bulbi oculari di uno o entrambi gli occhi.

Se agisci per trattare il problema sottostante e ottenere buoni risultati e una condizione stabile, l'angiopatia retinica ipertensiva andrà via da sola. Se la malattia è iniziata, può causare gravi danni alla vista e altri problemi agli occhi..

Angiopatia retinica ipertensiva

Questo tipo di malattia è caratterizzato da un deterioramento dell'acuità visiva, espresso in visione offuscata con uno o entrambi gli occhi. Può anche svilupparsi la miopia, che progredisce con il peggioramento delle condizioni del paziente con ipertensione.

L'angiopatia retinica ipertensiva si presenta come una complicazione dell'ipertensione di una persona. Con questa malattia, la pressione sulle pareti dei vasi sanguigni aumenta così tanto che porta a problemi in vari organi del corpo umano..

Gli occhi, che iniziano a incontrare difficoltà nel funzionamento, non fanno eccezione. Soprattutto, questo vale per la retina, nei vasi e nei tessuti di cui iniziano a verificarsi cambiamenti degenerativi..

Angiopatia retinica ipotonica

L'ipotensione, cioè una forte diminuzione della pressione sanguigna, si osserva in una malattia chiamata ipertensione arteriosa. Allo stesso tempo, la pressione scende così tanto che questo processo diventa palpabile per una persona e porta a un deterioramento del benessere.

Esistono due tipi di ipertensione arteriosa: acuta e cronica. In una condizione acuta, si possono osservare manifestazioni di collasso, in cui il tono vascolare diminuisce bruscamente. Può verificarsi uno shock, caratterizzato da vasodilatazione paralitica. Tutti questi processi sono accompagnati da una diminuzione dell'apporto di ossigeno al cervello, che riduce la qualità del funzionamento degli organi vitali umani. In alcuni casi, si verifica l'ipossia, che richiede cure mediche immediate. E in questo caso, il fattore determinante non sono gli indicatori di pressione nei vasi, ma la velocità della sua diminuzione.

L'angiopatia retinica ipotonica è una conseguenza dell'ipertensione arteriosa e si manifesta in una diminuzione del tono vascolare della retina. Di conseguenza, i vasi iniziano a traboccare di sangue, il che riduce la velocità del suo flusso. In futuro, i coaguli di sangue iniziano a formarsi nei vasi a causa del ristagno di sangue. Questo processo è caratterizzato da una sensazione di pulsazione, che si osserva nei vasi degli occhi.

Angiopatia retinica ipotonica

Di solito, questo tipo di complicanza scompare con un trattamento adeguato della malattia sottostante. Il tono vascolare di tutto il corpo migliora, il che influisce anche sulle condizioni dei vasi oculari. Il sangue inizia a muoversi più velocemente, i coaguli di sangue smettono di formarsi, il che influisce sul miglioramento dell'afflusso di sangue alla retina, al bulbo oculare e così via..

L'angiopatia retinica ipotonica è causata dalla principale malattia umana: l'ipotensione. Allo stesso tempo, c'è una diminuzione del tono dei vasi di tutto il corpo e anche, in particolare, degli occhi. Pertanto, il sangue inizia a ristagnare nei vasi, il che porta alla comparsa di coaguli di sangue in questi vasi. La trombosi dei capillari e dei vasi venosi causa varie emorragie nella retina e nel bulbo oculare. Il che porta a problemi alla vista e altri problemi agli occhi.

Angiopatia retinica di tipo misto

Con questo tipo di malattia, i cambiamenti patologici iniziano ad apparire nei vasi degli occhi, causati da disfunzioni nella regolazione della loro attività da parte del sistema nervoso autonomo..

L'angiopatia retinica mista è una malattia degli occhi causata da malattie sistemiche di natura generale che colpiscono i vasi di tutto il corpo. In questo caso, i capillari e altri vasi che si trovano nel fondo sono interessati in primo luogo.

Questo tipo di disfunzione vascolare può portare a conseguenze molto gravi per la vista di una persona, ad esempio, il suo deterioramento e la perdita di.

Questa forma di complicanza si verifica in tutte le categorie di età dei pazienti, poiché le malattie sistemiche sono caratteristiche di qualsiasi età. Ma c'è stato un aumento dell'incidenza di angiopatia nelle persone che hanno superato i trent'anni..

Di solito, lo stato dei vasi retinici inizia a tornare alla normalità durante il trattamento della malattia sottostante. Questo vale non solo per il sistema vascolare degli occhi, ma anche per la circolazione sanguigna in tutto il corpo. In questo caso, il trattamento deve essere eseguito in modo completo, tenendo conto delle diagnosi terapeutiche e oftalmologiche..

Angiopatia retinica distonica

Questo tipo di complicanza è caratterizzato da una grave compromissione della vista, che può manifestarsi nello sviluppo attivo della miopia. In alcuni casi, c'è anche una completa perdita della vista. Problemi con i vasi oculari e visione offuscata, di solito colpiscono le persone dopo trent'anni.

L'angiopatia retinica distonica è una complicazione di un'altra patologia che si verifica nel corpo umano. Inoltre, questa disfunzione colpisce tutti i vasi del sistema circolatorio, mentre i vasi oculari non soffrono di meno e persino, a volte anche di più.

Le condizioni del paziente sono caratterizzate da sintomi come la comparsa di un velo davanti agli occhi, la presenza di dolore o fastidio agli occhi, il verificarsi di lampi di luce negli occhi, il deterioramento dell'acuità visiva, la comparsa di emorragie locali che si verificano nel bulbo oculare.

Quando si osservano tali sintomi, una persona deve necessariamente consultare un oftalmologo per scoprire la causa dei problemi di vista e anche scegliere il complesso appropriato di terapia.

Angiopatia retinica diabetica

Il diabete mellito è un gruppo di malattie causate da disturbi del sistema endocrino. In questo caso, c'è una mancanza di ormone insulinico, che prende un ruolo importante nella regolazione dei processi metabolici nel corpo, ad esempio, nel metabolismo del glucosio e così via. Ma non le uniche disfunzioni causate da questa malattia. Non solo il metabolismo del glucosio viene interrotto, ma tutti i tipi di processi metabolici soffrono: grassi, proteine, carboidrati, minerali e sale d'acqua.

L'angiopatia retinica diabetica si presenta come una complicanza del diabete mellito. I vasi sanguigni sono colpiti a causa della negligenza della malattia e del suo effetto su tutti i tessuti del corpo. Non solo i piccoli capillari situati negli occhi soffrono, ma anche i vasi più grandi in tutto il corpo umano. Di conseguenza, tutti i vasi si restringono e il sangue inizia a fluire molto più lentamente. Di conseguenza, i vasi si intasano, portando a problemi nei tessuti, che devono fornire con sostanze nutritive e ossigeno. Tutto ciò provoca disturbi metabolici negli occhi, in particolare nella retina, che è più sensibile alle disfunzioni vascolari. In una tale situazione, sono possibili disabilità visiva, comparsa di miopia e persino cecità..

Sfondo angiopatia retinica

I motivi che hanno causato alterazioni distrofiche nella retina degli occhi sono i seguenti problemi: avvelenamento del corpo, presenza di ipertensione arteriosa, comparsa di vasculite autoimmune, problemi geneticamente determinati alle pareti dei vasi sanguigni, lesioni degli occhi e del rachide cervicale, varie malattie del sangue, presenza di diabete mellito, condizioni di lavoro costanti affaticamento della vista elevato, pressione intracranica elevata.

L'angiopatia retinica di fondo ha preso il nome dal fatto che si verifica sullo sfondo della comparsa di varie malattie. In questo caso, si verificano cambiamenti nelle pareti dei vasi sanguigni, che influenzano il loro normale funzionamento. C'è una violazione della circolazione sanguigna negli occhi, che diventa disfunzione cronica. Tali cambiamenti nei vasi diventano le cause di disabilità visiva persistente, che in molti casi sono irreversibili. Alcuni pazienti sperimentano la completa perdita della vista.

Angiopatia retinica venosa

Il sangue inizia a fluire più lentamente e talvolta ristagna, il che porta al blocco dei vasi sanguigni, alla comparsa di coaguli di sangue e al verificarsi di emorragie nel bulbo oculare. Anche le vene iniziano a cambiare forma, espandendosi e torcendosi per tutta la loro lunghezza. Successivamente, nella retina iniziano a verificarsi cambiamenti nella struttura dei tessuti..

L'angiopatia venosa della retina è una complicazione delle malattie sistemiche del corpo, che si manifesta in una violazione del flusso sanguigno venoso.

Con tali problemi con le vene degli occhi, il paziente può avere varie menomazioni visive. Ad esempio, ci sono annebbiamenti degli occhi, miopia debole o in costante progresso. Per eliminare i problemi alle vene oculari, è necessario affrontare la terapia della malattia sottostante in combinazione con il trattamento dei disturbi vascolari stessi..

I sintomi di questo tipo di angiopatia si osservano nell'ipertensione, che ha causato una complicanza simile nei vasi degli occhi.

Angiopatia retinica traumatica

Qualsiasi lesione, anche a prima vista, lieve, può portare a gravi complicazioni e problemi di salute. Ad esempio, lesioni del rachide cervicale, lesioni cerebrali, spremitura acuta nel petto spesso portano a complicazioni negli organi degli occhi.

L'angiopatia retinica traumatica è caratterizzata da vasocostrizione negli occhi dovuta alla compressione dei vasi della regione cervicale. Inoltre, le conseguenze delle lesioni sono un aumento della pressione intracranica, che può diventare permanente e influenzare il tono dei vasi retinici. Successivamente, il paziente sviluppa disabilità visive, che si esprimono nel suo costante e costante deterioramento, chiamato miopia progressiva..

Il meccanismo di insorgenza di questa complicanza è il seguente: la compressione acuta e improvvisa dei vasi del corpo porta allo spasmo delle arteriole, che causa l'ipossia della retina, durante la quale viene rilasciato il trasudato. Qualche tempo dopo l'infortunio, si osserva la comparsa di cambiamenti organici nella retina, che accompagnano frequenti emorragie..

Con questa malattia, le lesioni frequenti non sono solo nella retina, ma anche nei cambiamenti atrofici nel nervo ottico..

Le contusioni causano cambiamenti negli occhi che vengono chiamati annebbiamenti della retina di Berlino. Allo stesso tempo, appare l'edema che colpisce gli strati profondi della retina. Ci sono anche segni di emorragia subcoroidale, in cui esce il trasudato.

Riassumendo, possiamo dire che nella forma traumatica dell'angiopatia si verifica una commozione cerebrale retinica. Ciò è stato causato da un danno al nervo ottico, vale a dire, la sua sottile piastra reticolare. Il danno alla placca si verifica perché i colpi acuti ne provocano il movimento all'indietro, il che provoca emorragie nella retina e la comparsa di edema nella testa del nervo ottico.

Angiopatia vascolare retinica


L'angiopatia retinica non è una malattia indipendente, è un sintomo di patologie accompagnate da una violazione della funzionalità dei vasi sanguigni dell'organo della vista. Di conseguenza, il tono dei capillari diminuisce, si restringono o si espandono. Di conseguenza, si verifica un guasto del flusso sanguigno e lo stato della retina dipende direttamente da questo processo. Quando compaiono aree danneggiate, sorgono problemi di vista che sono molto difficili da risolvere.

L'essenza della patologia e il suo pericolo

L'angiopatia è una malattia dipendente. Con un termine simile, i medici designano i processi che si verificano nel sistema vascolare. Hanno un effetto negativo sul regolare flusso sanguigno. L'anomalia è solitamente sistematica e si manifesta in molte anomalie oftalmiche. In genere, la malattia colpisce entrambi gli occhi.

In casi eccezionali, l'angiopatia si osserva su un lato. In tali situazioni, è necessaria la consultazione con un oftalmologo o un neurochirurgo. Poiché lo sviluppo di un processo asimmetrico segnala la comparsa di problemi locali: la formazione di un tumore, un coagulo di sangue nei vasi retinici, ecc..

Cause di angiopatia

La retina è uno degli elementi più importanti dell'apparato visivo. Reagisce alla velocità della luce a qualsiasi cambiamento nella circolazione sanguigna. L'angiopatia segnala l'attivazione di un processo patologico negli occhi, che influisce negativamente sullo stato dei vasi sanguigni.

Le ragioni principali per la comparsa dell'anomalia:

  • Ipertensione. L'ipertensione influisce negativamente sulle pareti dei vasi dell'organo visivo, distruggendo la struttura interna. Di conseguenza, diventano densi, viene diagnosticata la loro fibrotizzazione. Il processo di circolazione sanguigna viene interrotto, si formano coaguli di sangue. Poiché la pressione è costantemente alta, alcuni dei capillari scoppiano. Il sintomo principale della patologia è un restringimento dei vasi del fondo;
  • Diabete. La malattia colpisce il sistema vascolare non solo dell'apparato visivo, ma dell'intero organismo. La ragione per lo sviluppo della malattia è un aumento dei livelli di zucchero nel sangue. Di conseguenza, compaiono occlusioni, i capillari crescono e si ispessiscono, i vasi sanguigni si restringono, il processo di microcircolazione sanguigna viene interrotto. La patologia, in assenza di un trattamento competente, può portare alla perdita della vista;
  • Lesioni al cranio, alla colonna vertebrale o agli occhi. Con tali lesioni, la pressione intracranica aumenta bruscamente, le pareti dei capillari si rompono, provocando un'emorragia nella retina;
  • Ipotensione. La bassa pressione sanguigna è accompagnata da vasodilatazione, calo della velocità del flusso sanguigno. Inoltre, si osserva la formazione di coaguli di sangue, aumenta la permeabilità delle pareti dei vasi..
Inoltre, lo sviluppo della malattia porta all'abuso di bevande alcoliche e sigarette, esposizione prolungata alle radiazioni.

Tipi di angiopatia oculare

La classificazione della patologia viene eseguita in base al problema che ha provocato il suo aspetto:

  • Tipo diabetico. La forma più comune. La malattia si sviluppa sette o dieci anni dopo l'inizio del diabete. Se la malattia è congenita, le condizioni della retina devono essere monitorate fin dai primi giorni di nascita. Altrimenti, l'angiopatia può portare alla completa perdita della vista durante l'adolescenza. A causa dell'aumento del livello di zucchero, i piccoli vasi sono principalmente colpiti, le loro pareti diventano più sottili e si gonfiano. Di conseguenza, la somministrazione di sangue all'apparato visivo viene interrotta e si formano coaguli di sangue;
  • Tipo ipertensivo. Di solito è accompagnato da una malattia con lo stesso nome. Inoltre, la patologia può svilupparsi a causa dell'ipertensione cerebrale, che è caratterizzata da un aumento della pressione nei vasi cerebrali. La principale manifestazione della malattia è la comparsa di emorragie puntate nel rivestimento interno dell'occhio. L'angiopatia retinica ipertensiva può svilupparsi nelle donne in una posizione come meccanismo compensatorio. Dopo la nascita di un bambino, scompare senza ulteriori trattamenti. Inoltre, questa forma della malattia viene spesso diagnosticata negli anziani;
  • Traumatico. Si sviluppa quando la testa è danneggiata o in seguito a un forte stress fisico. La conseguenza di tali fenomeni è la rottura dei vasi sanguigni;
  • Giovanile. È accompagnato dall'infiammazione delle vene, i capillari diventano fragili. Ciò porta al verificarsi di emorragia;
  • Forma congenita. La patologia viene diagnosticata nei bambini prematuri, poiché hanno piccoli vasi poco sviluppati;
  • Tipo ipotonico. Questa violazione è molto rara. È caratterizzato dal trabocco dei vasi sanguigni e dalla comparsa di formazioni stagnanti nel fondo. Se la patologia procede con una complicazione, si formano coaguli di sangue con pulsazioni pronunciate.
Inoltre, l'angiopatia è divisa in forme venose e arteriose. Tale classificazione è condizionale e viene eseguita dai medici a seguito di un esame per indicare quale particolare area è danneggiata. Questa classificazione non influisce sul decorso della malattia e della terapia..

Puoi anche imbatterti in una definizione come neuroangiopatia retinica. Cosa si nasconde sotto questo termine? Questo elemento dell'organo della vista è costituito principalmente da materia nervosa. Pertanto, il sistema vascolare che alimenta la retina fornisce anche tessuto. Come risultato dello sviluppo della neuroangiopatia, compaiono vari disturbi ottici: macchie davanti agli occhi o punti neri.

Chi è a rischio

Una malattia pericolosa può manifestarsi a causa di cattive abitudini (consumo eccessivo di alcol). Inoltre, le persone impiegate nella produzione pericolosa sono automaticamente a rischio. Se la situazione ecologica è negativa, ciò influisce negativamente sulle condizioni del guscio in rete. Molto spesso, l'angiopatia viene diagnosticata nei pazienti anziani..

Persone che sono più inclini a sviluppare anomalie rispetto ad altre:

  • Donne in posizione. In questo caso, è importante identificare la malattia in una fase precoce. Se la malattia progredisce, può essere provocato il distacco della retina. L'angiopatia si manifesta raramente nelle prime fasi, di solito si fa sentire nel secondo e terzo trimestre. Molto spesso, alle donne incinte non viene prescritto un trattamento, poiché dopo la nascita di un bambino, la patologia passa. Ma se la futura mamma soffre molto di gestosi, il medico selezionerà i farmaci necessari;
  • Neonati. Se il parto è stato difficile o nel corso della nascita il bambino è stato ferito, si verificano cambiamenti proliferativi nel sistema vascolare. Di conseguenza, i lumi nei capillari si restringono e la circolazione sanguigna è lenta;
  • Bambini nell'adolescenza. Non è ancora noto quale sia la ragione della comparsa della patologia in questa categoria di pazienti. Ai ragazzi viene solitamente diagnosticata un'angiopatia giovanile, accompagnata da emorragie minori. Spesso compaiono cataratta e glaucoma. Nei casi più gravi, si verifica la perdita della vista.

Sintomi: come riconoscere l'angiopatia retinica?

Il principale pericolo della malattia si manifesta nel fatto che per molto tempo non si tradisce. Mentre i sintomi sono assenti, il paziente non è a conoscenza dello sviluppo di una malattia pericolosa e quando compaiono i primi segni, sarà necessaria una terapia lunga e costosa. Se rimandi la visita dal medico fino all'ultimo, puoi facilmente perdere la vista. Pertanto, coloro che soffrono delle malattie sopra elencate sono tenuti a sottoporsi a una visita di routine da un oftalmologo una volta all'anno..

Se compaiono i seguenti sintomi, è urgente visitare la clinica:

  • Un forte calo dell'acuità visiva. Gli oggetti in lontananza appaiono sfocati o non è possibile leggere i caratteri piccoli. Spesso sorgono problemi durante l'esecuzione di lavori che richiedono il carico dell'apparato visivo;
  • Restringimento dei campi ottici. Diventa difficile vedere gli oggetti sui lati. Ad esempio, potresti non notare un'auto che esce da una curva;
  • La comparsa di punti neri davanti agli occhi;
  • Pulsazioni percettibili nell'area dell'organo visivo;
  • Danno regolare ai vasi dell'occhio;
  • Anche con un leggero carico ottico, gli occhi iniziano a ferire molto.

Inoltre, il paziente può lamentare dolore alle gambe, sanguinamento dal naso.

Angiopatia e gravidanza

Se una ragazza ha i sintomi della fase iniziale della patologia, nel processo di trasporto di un bambino, il disturbo può intensificarsi. Inoltre, il parto naturale a volte influisce negativamente sullo stato della retina..

Le donne che soffrono di ipertensione, diabete, pressione sanguigna bassa o aterosclerosi dovrebbero sottoporsi a regolari esami oculistici durante la gravidanza.
Se l'anomalia progredisce rapidamente, il medico può vietare il parto naturale e decidere un taglio cesareo.

Angiopatia come conseguenza di un trauma

In tali situazioni, la patologia si sviluppa a seguito della compressione del torace o del danno al rachide cervicale. Anche un'elevata pressione intracranica e un trauma all'apparato visivo possono causare problemi ai vasi sanguigni..

L'atrofia è osservata nel nervo ottico, che è invariabilmente accompagnata da una diminuzione dell'acuità oculare. È importante iniziare il trattamento in tempo per evitare il distacco della membrana o lo sviluppo di glaucoma..
Torna al sommario

Diagnosi di angiopatia retinica

Prima di tutto, il medico deve redigere un quadro clinico della patologia, quindi parla con il paziente per scoprire i sintomi esistenti. Quindi viene eseguito un esame dettagliato, che include una serie di procedure:

  • Radiografia. Con l'aiuto delle immagini, puoi determinare il grado di pervietà vascolare. Per la diagnosi, viene iniettato nel sangue un mezzo di contrasto, che aiuterà a identificare una violazione;
  • Esame ecografico. La procedura consente di valutare lo stato del sistema vascolare;
  • Risonanza magnetica. Aiuta a disegnare un quadro dettagliato del "benessere" dell'organo della vista;
  • Oftalmoscopia. Esame del fondo.

Quest'ultima tecnica è il modo più semplice e affidabile per rilevare la patologia. Si esegue come segue:

  • Un farmaco per dilatare la pupilla (ad esempio, "Tropicamide") viene instillato negli occhi;
  • Quindici minuti dopo la somministrazione del farmaco, il paziente è seduto su una sedia e, utilizzando una lente speciale, viene esaminato il fondo dell'occhio.
Se l'esame rivela gonfiore o emorragia retinica, il medico prescrive una TAC dell'organo della vista (tomografia computerizzata).

Trattamento: è possibile sbarazzarsi dell'angiopatia?

È possibile eliminare completamente la malattia solo se si cerca assistenza medica in una fase iniziale dello sviluppo della patologia. In questo caso, i medici usano la terapia conservativa, che include l'assunzione di alcuni farmaci. È anche importante trattare la malattia sottostante in parallelo. Nelle fasi successive, un risultato positivo può essere ottenuto solo con l'aiuto della chirurgia.

Terapia farmacologica

Il trattamento con farmaci viene effettuato di routine due volte l'anno, ma in alcuni casi si consiglia un uso più frequente. La terapia include i seguenti farmaci:

  • Significa migliorare il flusso sanguigno e rafforzare le pareti dei vasi sanguigni. Questi includono: "Actovegin", "Arbiflex", "Vazonit";
  • Complessi vitaminici e minerali con un alto contenuto di B, E, P, C. Ad esempio, "Mirtillo Forte";
  • Farmaci che riducono il rischio di coaguli di sangue. Lospirina, Ticlopidina, Acido acetilsalicilico;
  • Collirio per migliorare la microcircolazione sanguigna: "Taufon", "Emoxipin".

In nessun caso non utilizzare farmaci senza prima consultare un medico. Puoi peggiorare le tue condizioni.

Come trattare l'angiopatia retinica con iniezioni

È considerato uno dei modi più efficaci per affrontare l'anomalia. Grazie all'utilizzo di tecnologie innovative, la procedura non provoca sensazioni dolorose ed è caratterizzata da un minimo grado di trauma.

Tali farmaci come "Desametasone", "Ranibizumab" vengono iniettati nel corpo vitreo. Allevia il gonfiore e crea una flora favorevole per la formazione di nuovi vasi.
Torna al sommario

Trattamento laser dell'angiopatia retinica

La tecnica è spesso utilizzata per combattere l'anomalia. La coagulazione laser si suddivide nelle seguenti forme:

  • Panretinal. Duemila punti microscopici vengono applicati alla retina (ad eccezione della regione maculare). Di conseguenza, l'elemento richiede meno ossigeno e i vasi danneggiati non provocano il distacco. Ciò aumenta la nutrizione della macula e l'acuità visiva migliora;
  • Focale. Sono usati per malattie gravi, quando gli occhi sono gravemente colpiti e si osserva gonfiore maculare. L'essenza della procedura è sigillare i vasi colpiti.

Metodi tradizionali di trattamento

Nella fase iniziale, "le ricette della nonna" aiuteranno a far fronte all'angiopatia. Possono essere utilizzati solo in assenza di intolleranza individuale ai componenti. Decotti di semi di cumino, foglie di ribes nero, bacche di sorbo sono molto efficaci. È meglio cuocere l'infuso fresco ogni volta.

Le seguenti ricette sono le più popolari:

  • Unisci un cucchiaino di erba di San Giovanni essiccata e camomilla. Aggiungere mezzo litro di acqua bollente e coprire. Dopo che la composizione è stata infusa, filtrala e dividila in due parti uguali. Bevi la prima parte subito dopo esserti svegliato, la seconda prima di andare a letto. Il corso del trattamento è di un mese;
  • Combina venti grammi di equiseto, cinquanta biancospino e trenta montanari. Mescola bene gli ingredienti. Versare un cucchiaio della raccolta con un bicchiere di acqua bollente, lasciare fermentare e filtrare. Bere tre volte al giorno prima dei pasti per 1 cucchiaio. l. Il trattamento deve essere continuato per due mesi;
  • Macina il vischio bianco in una polvere. Prendi un cucchiaino della miscela e unisci all'acqua bollente (250 ml). Lasciare in infusione la soluzione in un thermos per una notte. Consumare 2 cucchiai due volte al giorno. l. Il corso di terapia consigliato è di tre mesi.

Prevenzione delle malattie

L'angiopatia può trasformarsi in un decorso cronico, quindi è meglio assicurarsi che non appaia affatto. Segui queste semplici regole:

  • Abbandona le cattive abitudini (alcol, sigarette);
  • Controllare costantemente i livelli di zucchero nel sangue (importante per i diabetici);
  • Bilancia la tua dieta. La nutrizione dovrebbe essere completa e varia;
  • Visitare regolarmente un oftalmologo per un controllo di routine;
  • Trattare tempestivamente i disturbi associati al sistema vascolare dell'organo della vista;
  • Includere una visita al fitness club nell'elenco delle cose da fare.

Conclusione

L'angiopatia retinica è facilmente curabile se diagnosticata precocemente. Tuttavia, la malattia si fa sentire solo con gravi danni vascolari. Pertanto, è estremamente importante monitorare attentamente la tua salute e, se compaiono i minimi sintomi pericolosi, andare in clinica. Prima viene rilevata la malattia, maggiori sono le possibilità di sconfiggerla e mantenere l'acuità visiva.

Guarda il video per saperne di più sull'angiopatia ipertensiva.

Angiopatia retinica

Informazione Generale

L'angiopatia è un processo patologico nei vasi macro / microcircolatori, che è una manifestazione di varie malattie, accompagnata da danni e tono alterato dei vasi sanguigni e un disturbo della regolazione nervosa. L'angiopatia retinica è un cambiamento nei vasi microcircolatori del fondo, manifestato da una ridotta circolazione sanguigna nei tessuti retinici, che si sviluppa sotto l'influenza di un processo patologico primario. Di conseguenza, si verificano il loro restringimento, tortuosità o espansione, emorragie nel corpo vitreo / spazio sottoretinico, formazione di microaneurismi, formazione di placche aterosclerotiche e trombosi dell'arteria retinica, che porta a un cambiamento nella velocità del flusso sanguigno e alterata regolazione nervosa..

Pertanto, l'angiopatia è una condizione secondaria che può essere causata da fattori sia oftalmici che generali. Se non trattato, porta a cambiamenti irreversibili nella retina a causa del suo insufficiente apporto di sangue, che può portare a ipossia dei tessuti oculari e alterazioni distrofiche nella retina, atrofia del nervo ottico, diminuzione della qualità della vista o sua perdita completa / parziale. Si manifesta principalmente negli adulti, ma può verificarsi anche nei bambini in risposta a un'esacerbazione di rinosinusite cronica o infezione respiratoria, dovuta alla stretta connessione anatomica dell'orbita (innervazione comune, sistema linfatico / circolatorio) e dei seni paranasali. È anche possibile la tortuosità vascolare congenita in un bambino. Poiché l'angiopatia della retina non è una forma nosologica indipendente, non esiste un codice separato per l'angiopatia della retina secondo μb-10.

Patogenesi

La patogenesi dell'angiopatia è determinata da uno specifico fattore eziologico.

  • Angiopatia ipertensiva: la pressione sanguigna stabilmente elevata influisce negativamente sia sull'emodinamica generale che sull'endotelio dei vasi retinici della retina. L'alta pressione sui vasi porta al loro restringimento patologico (ipertonicità) delle arteriole retiniche e all'espansione delle vene retiniche, calibro irregolare e tortuosità dei vasi retinici, distruzione dello strato interno (compattazione e rotture), causando disfunzione vascolare locale e sviluppo graduale di disturbi della retina venosa (arteriosa / ) e la formazione di coaguli di sangue.
  • Angiopatia ipotonica: il tono dei vasi sanguigni diminuisce, provocando la loro ramificazione e la formazione di coaguli di sangue, rende permeabili le pareti dei microvasi e influisce negativamente sulla velocità del flusso sanguigno.
  • Angiopatia retinica diabetica - iperglicemia cronica, attivazione del sistema renina-angiotensina aldosterone, ridotta sintesi di glicosaminoglicani sono i principali legami patogenetici dell'angiopatia diabetica. Lo sviluppo di cambiamenti morfologici / emodinamici nei vasi della microvascolarizzazione è dovuto a cambiamenti distrofici negli endoteliociti e successiva compromissione della permeabilità della parete dei microvasi per le proteine ​​del plasma sanguigno, attivazione dei periciti, perdita di elasticità, emorragie e neoplasia dei vasi incompetenti.
  • Angiopatia traumatica: la base del suo sviluppo è un pronunciato aumento della pressione intracranica causata da lesioni dei bulbi oculari, cranio, colonna cervicale, compressione prolungata del torace, che provoca rotture delle pareti dei microvasi ed emorragie nella retina.

Classificazione

Il fattore principale nella classificazione dell'angiopatia retinica sono varie malattie che sono le cause della sua insorgenza, in base alle quali distinguono:

  • Angiopatia diabetica - si verifica con il diabete mellito.
  • Ipertensivo (tipo ipertensivo) - a causa di ipertensione prolungata e sostenuta. L'angiopatia ipertensiva della retina di entrambi gli occhi è più comune.
  • Ipotonico (tipo ipotonico) - causato da ipotensione.
  • Traumatico: si verifica con trauma craniocerebrale, danni al rachide cervicale, compressione prolungata del torace.
  • Giovanile (Gioventù).
  • Angiopatia di tipo misto: si verifica quando diverse forme di angiopatia sono stratificate.

Cause di angiopatia retinica

Il principale fattore eziologico dell'angiopatia vascolare retinica sono varie malattie:

  • Malattia ipertonica.
  • Aterosclerosi.
  • Diabete.
  • Disfunzione renale.
  • Reumatismi.
  • Difetti ematologici.
  • Interruzione della ghiandola tiroidea.
  • Sindromi vascolari (Burger, Raynaud, periflebite, periarterite).

Le condizioni fisiologiche che contribuiscono allo sviluppo dell'angiopatia includono: gravidanza (tossicosi precoce / tardiva) e vecchiaia.

Cause esclusivamente "oculari" di angiopatia sono vari disturbi acuti della circolazione retinica (embolia, trombosi), condizioni ipotoniche prolungate dell'arteria retinica centrale. L'angiopatia vascolare retinica può svilupparsi con frequente abuso di alcol, fumo di tabacco, esposizione radioattiva al corpo, lavoro in industrie pericolose.

Sintomi

Di norma, nella fase iniziale dello sviluppo dell'angiopatia retinica, non ci sono praticamente sintomi e i pazienti cercano aiuto medico solo quando sorgono problemi di vista. I principali sintomi dell'angiopatia retinica:

  • visione offuscata (sfocata);
  • diminuzione dell'acuità visiva e restringimento dei campi visivi;
  • ridotta sensibilità al colore / diminuito adattamento al buio;
  • la comparsa di "mosche" galleggianti negli occhi;
  • dolore, palpitazioni e pressione negli occhi;
  • la comparsa di punti ciechi neri;
  • frequente scoppio dei vasi sanguigni negli occhi.

Analisi e diagnostica

La diagnosi di angiopatia si basa sui dati dell'oftalmoscopia. Se necessario, vengono eseguiti metodi diagnostici aggiuntivi (risonanza magnetica, TC, ecografia Doppler dei vasi retinici, radiografia utilizzando un mezzo di contrasto).

Trattamento dell'angiopatia retinica

Se consideriamo il trattamento dell'angiopatia nel suo insieme, dovrebbe essere mirato a migliorare la microcircolazione nei vasi sanguigni e migliorare il metabolismo nelle strutture dell'occhio.

Vengono utilizzati i seguenti gruppi di farmaci che influenzano l'afflusso di sangue alla retina:

  • Vasodilatatore.
  • Antiaggreganti piastrinici e anticoagulanti (Magnikor, Trombonet, Aspirin cardio, Dipyridamole, Ticlopidine).
  • Quelli che migliorano il metabolismo nei tessuti dell'occhio sono antiossidanti, vitamine, antiossidanti, preparati di aminoacidi. Tra i farmaci, si possono citare Cocarboxylase, ATP, Riboxin (un precursore dell'ATP), Anthocyanin Forte, Lutein complex, Neuroubin, Mildronat, Perfek Vision, Milgamma, Nutrof Total, Perfect Eyes, Ocuwaite complet, Super Vision, vitamine B, C, E, A acido nicotinico. Le vitamine complesse per gli occhi contengono antiossidanti del gruppo dei carotenoidi luteina e zeaxantina, resveratrolo, vitamine, oligoelementi e acidi grassi essenziali. La tiotriazolina, oltre al suo effetto antiossidante, migliora il flusso sanguigno.
  • Miglioramento della microcircolazione (Actovegin, Solcoseryl, Cavinton).
  • Ridurre la permeabilità della parete vascolare (Doxy-Hem, Ginkgo biloba, Parmidin, Prodectin, Dicinon, Doxium).
  • Venotonico (Phlebodia, Normoven, Venolek, Vasoket) se necessario.

Dai vasodilatatori si possono distinguere Xanthinol nicotinate e Pentoxifylline (farmaci Trental, Agapurin, Pentoxifylline-Teva, Pentilin, Arbiflex, Pentokifyllin-Acri, Vazonit). La pentossifillina può essere definita un farmaco ad azione complessa che combina l'azione di un vasodilatatore, un angioprotettore e un agente antipiastrinico. Questi farmaci sono ampiamente utilizzati per angiopatie di varia origine. Iniziano a prendere pentossifillina con 100-200 mg tre volte al giorno per le prime due o tre settimane, quindi passano a una dose due volte di 100 mg per un mese.

Dai farmaci ad azione locale (gocce nell'occhio) che migliorano il metabolismo, vengono prescritti Taufon, Emoxy-optic (il principio attivo emoxipina, che, insieme ad un effetto antiossidante, ha un effetto angioprotettivo e anticoagulante).

Sul fondo possono essere rilevati spasmi vascolari e processi ischemici, congestione venosa o alterazioni aterosclerotiche. A seconda di ciò, il trattamento viene adattato. Con la predominanza dei processi ischemici nei vasi retinici, viene prescritto Sermion (ha un effetto vasodilatatore principalmente sui vasi del cervello), gocce Emoxy-ottiche. Il trattamento include anche un complesso vitaminico e minerale in un corso mensile. In caso di deflusso venoso alterato e stasi venosa, vengono prescritti farmaci venotonici (Phlebodia, Venolek, Vasoket). Oltre all'azione venotonica, hanno anche un effetto angioprotettivo e migliorano il drenaggio linfatico. È molto importante trattare la malattia sottostante, contro la quale si è sviluppata l'angiopatia..

Il trattamento per l'angiografia e la retinopatia diabetica comprende:

  • Prima di tutto, è importante monitorare costantemente i livelli di zucchero nel sangue: i pazienti devono assumere un farmaco ipoglicemico consigliato da un medico e seguire una dieta a basso contenuto di carboidrati. Ai pazienti viene mostrata un'attività fisica moderata, che contribuisce a un consumo più razionale di glucosio da parte dei muscoli..
  • Gli aspetti chiave del controllo dell'angiopatia retinica diabetica sono il controllo della pressione sanguigna e dei lipidi (statine e fibrati).
  • Con uno scopo ipotensivo nel diabete mellito, è meglio usare farmaci del gruppo degli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (Enalapril, Lisinopril, Perindopril Teva, Prineva, Ramipril), che consentono non solo di controllare la pressione, ma anche di rallentare l'insorgenza e la progressione dell'insufficienza renale - anche un'importante complicanza del diabete mellito angiopatie. Questi farmaci prevengono la comparsa della proteinuria con la dieta zuccherina e, quando compare, prevengono lo sviluppo di insufficienza renale cronica..
  • L'uso di antiossidanti - alte dosi di tocoferolo (1200 mg al giorno), vitamine C, Probucol, acido α-lipoico (Alfa Lipon, Berlition, Espalipon), Emoxipina, Mexidol, complesso luteina-zeaxantina e l'integratore alimentare Eikonol contenente acidi grassi polinsaturi... I preparati di acido alfa-lipoico sono importanti nel diabete mellito, poiché hanno un effetto complesso: anti-sclerotico, antiossidante e regolano lo zucchero nel sangue. Si consiglia anche Ocuwaite-Reti-Nat forte, che contiene olio di pesce, vitamina E..
  • Con il diabete mellito, la fragilità dei vasi sanguigni aumenta e una frequente complicazione del fondo è la comparsa di emorragie. Con l'uso prolungato di Doxium (calcio dobesilato) per 4-8 mesi, le emorragie si risolvono e le nuove non compaiono.

Si raccomanda a tutti i pazienti, indipendentemente dal grado di compensazione del diabete, di eseguire tali cicli di trattamento due volte l'anno..

Il trattamento dell'angiopatia ipertensiva dei vasi retinici si basa sul trattamento dell'ipertensione. Vengono utilizzati vari gruppi di farmaci che un cardiologo può raccomandare. È importante monitorare il livello dei lipidi nel sangue. Tra i farmaci del gruppo delle statine, la rosuvastatina è controindicata in caso di grave insufficienza renale e, con una moderata diminuzione della funzionalità renale, la dose di rosuvastatina non deve superare i 40 mg. Atorvastatina non ha tali restrizioni, quindi il suo uso è sicuro in pazienti con patologia renale. Ciò è particolarmente importante per i pazienti con diabete mellito, che spesso hanno danni ai reni a causa di una malattia sottostante..

Nelle lesioni reumatiche della retina si presta attenzione al trattamento della patologia sottostante. Con cambiamenti pronunciati nel fondo, oltre al trattamento prescritto da un reumatologo, viene eseguito un ciclo di iniezioni para- o retrobulbari di glucocorticoidi. Per il riassorbimento di essudati ed emorragie, viene prescritta la terapia tissutale (estratto di aloe, Biosed, FIBS, Torfot, Bumisol, vitreo), iniezioni di lidasi o chimotripsina, elettroforesi di lidasi.

L'angiopatia traumatica si sviluppa dopo gravi lesioni generali accompagnate da shock: compressione, riproduzione, fratture delle estremità e della base del cranio, trauma cerebrale. Il trattamento tempestivo e il trattamento dello shock riducono il rischio di angiopatie gravi.

Un altro meccanismo di angiopatia traumatica è associato alla compressione dei tessuti del torace, del collo e della testa, che è accompagnata da un aumento della pressione intracranica e da gravi cambiamenti nel tono vascolare retinico. Il trattamento viene effettuato per abbassare la pressione intracranica e migliorare la circolazione sanguigna nei vasi del cervello e della retina.


Articolo Successivo
Le lipoproteine ​​ad alta densità in un esame del sangue sono elevate: cosa significa?