Cos'è l'angiosclerosi retinica


Cos'è l'angiosclerosi retinica, quanto è pericolosa e puoi sbarazzartene? Queste domande preoccupano molti pazienti ipertesi, poiché spesso sentono questa diagnosi da un oftalmologo. Questo problema è particolarmente rilevante per i pazienti con una storia impressionante della malattia sottostante. L'ipertensione porta a cambiamenti anormali nei vasi sanguigni e la zona degli occhi non fa eccezione. L'organo della vista è uno dei primi ad essere colpito dall'ipertensione, per cui aumenta il rischio di ridotta funzionalità visiva, trombosi e distrofia retinica.

Meccanismo di sviluppo

La causa principale dell'angiosclerosi è un aumento persistente della pressione sanguigna, che porta a un restringimento del lume di vasi piccoli e grandi e ad un ispessimento irregolare delle loro pareti. La retina è il rivestimento interno dell'occhio, responsabile della percezione del colore, della trasmissione e della trasformazione dei raggi luminosi, nonché della creazione di un'immagine volumetrica. Il suo apporto di sangue è fornito da vasi sanguigni di vari calibri e il funzionamento di questa parte strutturale dell'apparato oculare dipende da quanto è completo. Le patologie retiniche possono portare a una significativa diminuzione dell'acuità visiva e alla formazione di coaguli di sangue in quest'area.

L'angiosclerosi retinica ipertensiva si sviluppa gradualmente e all'inizio i cambiamenti patologici rispondono bene alla correzione e al trattamento. Nella prima fase della malattia, di solito non si tratta di angiosclerosi, ma di angiopatia. Questa è una condizione in cui i vasi sanguigni subiscono cambiamenti funzionali a causa di picchi di pressione, ma la loro struttura non è stata ancora interrotta. Sono spesso in uno stato dilatato, quindi un oftalmologo, mentre esamina il fondo, può notare arrossamento in quest'area, che a volte si estende al disco del nervo ottico. Se inizi il trattamento in questa fase, il paziente ha tutte le possibilità di normalizzare completamente le condizioni del fondo..

Il secondo stadio del danno retinico è in realtà l'angiosclerosi, che si verifica a causa di spasmi e intrecci patologici dei vasi sanguigni. Per descrivere i segni di questa fase nello sviluppo della malattia, viene solitamente valutata la gravità dei sintomi di Salus-Hun.

Ci sono 3 fasi clinicamente importanti per fare una diagnosi:

  • Salus-Gunn I: la vena retinica si restringe nel lume e quindi, sotto la pressione dell'arteria che la attraversa, viene spinta verso l'interno.
  • Salus-Gunn II: la curva della vena diventa più profonda e diventa chiaramente definita.
  • Salus Gunn III - la vena viene spinta così forte nelle profondità che si forma un'area invisibile nel punto della sua intersezione con l'arteria (visivamente sembra che la vena sia completamente interrotta).

Fattori provocatori indiretti

Ci sono una serie di fattori che, oltre all'ipertensione, aumentano il rischio di sviluppare patologie retiniche. Questi includono:

  • diabete;
  • cattive abitudini (abuso di alcol, fumo);
  • lesioni agli occhi e alla testa;
  • osteocondrosi cervicale;
  • aumento della pressione intracranica;
  • età avanzata;
  • disturbo della coagulazione del sangue;
  • malattie autoimmuni, che sono accompagnate da infiammazione del rivestimento interno dei vasi sanguigni.

Se l'attività professionale di una persona ipertesa comporta frequenti contatti con sostanze tossiche, questo può anche diventare un fattore scatenante per lo sviluppo di problemi di vista. Composti chimici aggressivi avvelenano l'intero corpo e peggiorano il decorso dell'ipertensione, che a sua volta porta allo sviluppo di complicazioni da altri organi e sistemi. Inoltre, le condizioni di lavoro dannose influenzano negativamente il funzionamento del fegato e del cervello, pertanto è meglio che le persone indebolite evitino tale lavoro e privilegino altre specialità..

L'angiosclerosi progressiva senza il trattamento necessario spesso causa lo sviluppo di retinopatia e la comparsa di edema delle strutture interne dell'occhio. La retinopatia è un complesso di cambiamenti patologici nella retina, che possono portare al suo distacco, cambiamenti cicatriziali e completa cecità. Per evitare ciò, è necessario contattare immediatamente l'optometrista se compaiono sintomi oculari discutibili..

Segni della malattia

All'inizio, la malattia potrebbe non manifestarsi in alcun modo, poiché i cambiamenti nei vasi sanguigni sono molto insignificanti. Tutto ciò che preoccupa il paziente nella prima fase dello sviluppo dell'angiosclerosi è l'affaticamento degli occhi e la rara comparsa di "stelle" e "mosche" davanti agli occhi. Ma, nonostante ciò, durante l'esame del fondo, uno specialista può già diagnosticare e prescrivere il trattamento necessario. Ecco perché è importante che i pazienti ipertesi (così come le persone sane) si sottopongano a esami preventivi programmati da un oftalmologo, anche se non sono preoccupati per nulla.

Sintomi che possono indicare lo sviluppo di angiosclerosi:

  • la comparsa di mosche e macchie sfocate davanti agli occhi;
  • tensione e dolore tirante nei bulbi oculari;
  • diminuzione dell'acuità visiva;
  • vertigini;
  • perdita di campi visivi;
  • mal di testa.

Le pupille del paziente possono reagire in modo errato alla luce a causa di disturbi vascolari. Forse sia restringimento patologico che espansione anormale. Con il progredire della malattia, oltre ai sintomi oftalmici, vengono collegati anche segni generali, che danno al paziente un notevole disagio. I pazienti possono lamentare acufeni, disturbi della memoria, problemi di sonno, sangue dal naso e squilibrio emotivo. Il problema è che molti di questi sintomi sono molto simili alle manifestazioni dell'ipertensione, motivo per cui alcuni pazienti non si affrettano a consultare un medico..

Per i pazienti con ipertensione, il medico curante, di regola, emette regolarmente indicazioni per gli esami preventivi da un oftalmologo e un neurologo, e in nessun caso devono essere trascurati. Un esame completo da parte di un oftalmologo consente di valutare le condizioni del fondo e, se necessario, ciò consente di prendere le misure necessarie in tempo e iniziare il trattamento.

Procedure diagnostiche

Per stabilire una diagnosi di angiosclerosi, oltre all'esame e alla consultazione con un oftalmologo, il paziente potrebbe dover sottoporsi alle seguenti procedure diagnostiche:

  • Ultrasuoni dell'occhio;
  • esame del fondo oculare con pupilla larga;
  • Scansione TC;
  • esame elettrofisiologico dei tessuti oculari.

Con l'aiuto degli ultrasuoni, è possibile identificare i cambiamenti nelle cellule della retina, valutarne la struttura e l'attività dei muscoli oculomotori (può essere disturbato a causa di patologie del nervo ottico). Con l'aiuto di un Doppler, puoi capire quanto sia completa la circolazione sanguigna in quest'area e quali aree sono peggiori di altre fornite di sangue.

L'oftalmoscopia (esame del fondo oculare) può essere eseguita in diversi modi. Il metodo più comune di questo esame è l'ispezione con una lampada a fessura e una lente ottica. Grazie a questa attrezzatura è possibile determinare la gravità dei disturbi vascolari, valutare oggettivamente le condizioni della retina e della testa del nervo ottico. Il fondo dell'occhio può anche essere esaminato con un oftalmoscopio, ma questo esame è meno informativo..

La tomografia retinica è prescritta relativamente raramente a causa dell'elevato costo della procedura, sebbene sia un metodo di esame molto informativo e indolore. Con il suo aiuto, puoi valutare la struttura di tutti gli strati della retina, identificare i minimi cambiamenti patologici e rilevare anche un edema minore. La procedura viene eseguita senza contatto e le immagini retiniche ottenute consentono all'oftalmologo di diagnosticare e selezionare con precisione il trattamento ottimale.

Durante uno studio elettrofisiologico, con l'aiuto di attrezzature speciali, vengono registrate le risposte degli occhi agli impulsi (durante l'esame della retina, la luce viene utilizzata come tale fattore). Grazie al grafico risultante, il medico può valutare come i diversi strati di cellule retiniche reagiscono alla luce e quanto sono pronunciati i processi distrofici in quest'area dell'occhio. Se trovi sintomi fastidiosi, non dovresti auto-medicare e posticipare la visita dal medico, poiché ciò può portare a perdere tempo prezioso e lasciare che la malattia faccia il suo corso.

Trattamento

Per normalizzare le condizioni del fondo, è necessario combattere la causa della patologia. Poiché l'angiosclerosi è causata dall'ipertensione, il paziente deve assumere quotidianamente farmaci antipertensivi (farmaci per abbassare la pressione sanguigna). Inoltre, è importante monitorare il peso corporeo, limitare il sale nel cibo e prevenire l'edema..

Insieme alla terapia principale, l'oftalmologo può prescrivere al paziente i seguenti medicinali:

  • gocce che riducono la pressione intraoculare;
  • preparati vitaminici rinforzanti locali (e complessi vitaminici e minerali in compresse per somministrazione orale);
  • fluidificanti del sangue;
  • angioprotettori (mezzi che proteggono le pareti dei vasi sanguigni dai danni);
  • colliri che aiutano ad accelerare i processi metabolici negli occhi.

Parallelamente all'angiosclerosi, i pazienti ipertesi spesso sviluppano aterosclerosi retinica. Questo è l'accumulo di depositi di colesterolo nei vasi sanguigni, che portano a interruzioni del loro funzionamento e diventano la causa del restringimento patologico del lume. L'aterosclerosi peggiora il decorso dell'ipertensione e aumenta il rischio di sviluppare altre complicanze della malattia. Si verifica a causa di un'alimentazione impropria, della predominanza di grassi animali nel cibo, bassa attività fisica e rapido aumento di peso. Questa condizione richiede un trattamento, poiché l'accumulo di depositi di grasso nei vasi dell'occhio può portare a una diminuzione della vista e alla distrofia delle membrane interne..

Il trattamento dell'aterosclerosi della retina consiste nel normalizzare la nutrizione, eseguire un regolare esercizio fisico e assumere farmaci speciali. Questi includono angioprotettori, vasodilatatori, farmaci anti-coagulo e farmaci per abbassare il colesterolo nel sangue. Di norma, molti di questi farmaci, i pazienti ipertesi bevono per tutta la vita, parallelamente all'assunzione di farmaci antipertensivi. È importante capire che senza la correzione dello stile di vita, nessun trattamento può fermare la progressione della malattia. Pertanto, normalizzare la nutrizione, perdere peso e controllare la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo sono gli obiettivi primari per mantenere il benessere e prevenire le complicanze..

Angiosclerosi retinica

L'angiosclerosi è una patologia vascolare, consistente nel restringimento del lume e nell'ispessimento delle pareti. Una tale immagine può essere trovata in qualsiasi parte del corpo, compreso il fondo. In questo caso, i medici formulano una diagnosi che suona come l'angiosclerosi retinica. Questa condizione non è una malattia indipendente, ma è una delle complicanze delle anomalie vascolari sistemiche. Sullo sfondo dei cambiamenti vascolari sclerotici, si verifica una degenerazione retinica irreversibile. Particolarmente pericolosa è una violazione che colpisce la parte centrale dello strato sensibile alla luce dell'occhio. In questo caso, il paziente è a rischio di distrofia del nervo ottico e completa cecità..

Le ragioni

Gli oftalmologi chiamano la causa principale dell'angiosclerosi retinica come angiopatia non trattata o non corretta degli organi visivi. In questa fase, il processo patologico è complicato da deformità strutturali della retina, ridotta conduzione degli impulsi lungo il nervo ottico, emorragie multiple nello spazio tra la retina e lo strato sottostante.

Poiché l'angiopatia dei vasi sanguigni retinici si sviluppa sullo sfondo di malattie sistemiche, lo stesso insieme di fattori provocatori è caratteristico dell'angiosclerosi:

  • ipertensione, in cui la pressione fa sì che le pareti dei vasi sanguigni si allunghino, si spezzino e diventino più dense;
  • aterosclerosi dei vasi della testa, in cui il lume delle arterie che alimentano la retina si restringe a causa dei depositi di colesterolo;
  • diabete mellito e altre malattie endocrine, in cui le pareti dei capillari si assottigliano, la microcircolazione rallenta e aumenta il rischio di formazione di trombi;
  • lesioni reumatiche delle pareti delle arterie e dei capillari;
  • anomalie vascolari sistemiche come la sindrome di Buerger-Raynaud, periarterite, periflebite e altri;
  • malattie del sistema ematopoietico, in cui aumenta l'adesione delle piastrine e piccoli vasi sono ostruiti da coaguli di sangue.

Oltre alle ragioni patologiche, l'angiosclerosi retinica può verificarsi sullo sfondo di processi fisiologici: tossicosi durante la gravidanza e cambiamenti legati all'età. Il ruolo delle cattive abitudini nello sviluppo della condizione è ottimo: secondo le statistiche, una tale diagnosi spesso accompagna l'alcolismo e la dipendenza dal tabacco.

Buono a sapersi! I medici definiscono la malattia da radiazioni la causa più rara di alterazioni sclerotiche nei capillari retinici..

Sintomi

Nella fase iniziale, l'angiosclerosi dei vasi retinici non si manifesta in alcun modo. I sintomi spiacevoli iniziano a disturbare il paziente solo con la progressione della malattia:

  • ottenere un'immagine sfocata, diminuzione dell'acuità visiva alla luce o al buio;
  • diminuzione del campo visivo, restringendolo a un piccolo punto o punto;
  • violazione della sensibilità dell'analizzatore visivo al colore, in cui una persona non distingue le sfumature;
  • interferenza nel campo visivo sotto forma di mosche, macchie nere;
  • una sensazione di dolore pulsante negli occhi;
  • emorragia spontanea nel bulbo oculare.

I segni elencati, di regola, indicano l'irreversibilità del processo patologico..

Con l'angiosclerosi retinica unilaterale, esiste la possibilità di una parziale compensazione dei problemi di vista aumentando la sensibilità dell'occhio sano. In questo caso, i sintomi elencati possono comparire in seguito e, al posto di essi, il paziente avrà segni di sovraccarico di un occhio sano: secchezza, mal di testa, nausea, sensazione di sabbia negli occhi. Ciò porta spesso al rapido sviluppo della cecità su un organo precedentemente sano, a causa del quale il paziente diventa disabilitato in pochi mesi..

Diagnostica

L'angiopatia può essere confermata da un classico esame visivo del fondo - oftalmoscopia. Durante lo studio, il medico fissa un cambiamento nel pattern vascolare: la comparsa di rami aggiuntivi o un'eccessiva tortuosità di arteriole e venule, espansione o restringimento del loro diametro testimonia a favore di questa patologia. Per confermare la diagnosi e identificare le cause dell'anomalia, vengono eseguite ulteriori procedure diagnostiche:

  • MRI del bulbo oculare e della testa, in grado di rilevare disturbi funzionali e trofici dei tessuti molli;
  • TC e raggi X dei vasi retinici con contrasto, con l'aiuto del quale è possibile visualizzare anche piccole violazioni della pervietà vascolare;
  • Ecografia Doppler ed ecografia retinica, che danno un'idea della velocità e della direzione del flusso sanguigno nei bulbi oculari.

Sulla base dei risultati ottenuti, viene sviluppata una tattica per il trattamento dell'angiosclerosi retinica.

Trattamento

I metodi con cui viene eliminata l'angiosclerosi retinica dipendono dal grado di cambiamenti nel microcircolo, dalla natura di tali processi e dalle ragioni che li hanno causati. In generale, lo schema di azione conservativa è progettato in modo tale da migliorare i processi metabolici, migliorare la nutrizione della retina e normalizzare la circolazione sanguigna nelle strutture del bulbo oculare. Per questo, vengono prescritti diversi gruppi di farmaci:

Medicinali per la vasodilatazione - "Pentossifillina", "Agapurin", "Vazonit" e loro analoghi. Gli agenti di questo gruppo sono adatti per il trattamento di angiopatie di qualsiasi origine. Impediscono la formazione di coaguli di sangue e proteggono le pareti dei vasi sanguigni da cambiamenti indesiderati.

Anticoagulanti - "Trombonet", "Aspirin Cardio" o "Ticlopidine". I farmaci in questo gruppo sono prescritti con un aumentato rischio di trombosi o con occlusione oculare che si è già verificata, così come per l'angiosclerosi nei pazienti ipertesi.

Stimolanti metabolici - farmaci orali "Neurobin", "Milgamma", "Mildronat", forme iniettabili di ribossina, acido nicotinico, "Cocarbossilasi", ATP e complessi vitaminico-minerali in compresse e iniezioni. Inoltre, il medico può prescrivere farmaci locali - gocce "Taufon" o "Emoxy-Optic".

Venotonics - "Phlebodia", "Vasoket", "Normoven" e loro analoghi. I farmaci in questo gruppo vengono prescritti se viene rilevata una congestione venosa durante la diagnosi. Sono usati come coadiuvanti nelle forme diabetiche di angiosclerosi retinica..

Stimolanti del microcircolo - "Cavinton" e "Actovegin". I farmaci di questo gruppo sono insostituibili in presenza di processi ischemici e stagnanti, segni di distrofia retinica. Rafforzare e completare il loro effetto aiuterà i farmaci che riducono il grado di permeabilità delle pareti delle arterie e delle vene - "Dicinon", "Parmidin", rimedi naturali con estratto di ginkgo biloba.

Nonostante l'abbondanza di vari gruppi di farmaci, tutti forniscono sollievo a breve termine, ma non eliminano la causa della malattia. Pertanto, il trattamento dell'angiosclerosi retinica contiene sempre azioni volte a fermare la fonte primaria di problemi:

  • con il diabete mellito, viene prescritta una dieta a basso contenuto di carboidrati, farmaci ipoglicemizzanti o insulina, sostanze con acido lipoico e antiossidanti, nonché un'attività fisica moderata;
  • con un'origine ipertensiva della patologia, vengono prescritti farmaci antipertensivi, inoltre - statine e sedativi;
  • per patologie autoimmuni (reumatoidi) e traumatiche vengono prescritti glucocorticoidi, "Lidaza" e "Chimotripsina" sotto forma di iniezioni, elettroforesi e trattamento dei tessuti con farmaci "Biosed", "Gumisol", vitreo.

Per il ripristino accelerato del trofismo e della funzionalità della retina, viene prescritta la fisioterapia: agopuntura, impulso e esposizione del colore, magnetoterapia, pneumomassaggio e sessioni con il simulatore di occhiali Sidorenko. Per mantenere i vasi sanguigni in buona forma si consigliano lezioni di yoga, nuoto, corsi di massaggio sulla zona del collo.

Il trattamento chirurgico della sclerosi dei vasi del fondo non viene utilizzato a causa del loro piccolo diametro e della difficoltà di accesso ad essi. Le tecniche mininvasive vengono utilizzate solo per eliminare le complicanze dell'angiosclerosi: rottura e distacco della retina. Il metodo più efficace e minimamente traumatico per ripristinare la sua integrità è considerato la coagulazione laser. Inoltre, può essere eseguita la vitrectomia: rimozione del corpo vitreo e ricostruzione della retina, seguita da fissazione.

Prevenzione

Se un paziente è a rischio, cioè soffre di ipertensione, diabete mellito, patologie vascolari sistemiche, disturbi endocrini, necessita di un attento monitoraggio annuale da parte di un oftalmologo. Inoltre, è necessario occuparsi del trattamento delle principali malattie e del monitoraggio quotidiano dello stato di salute: misurazione della glicemia con un glucometro domestico, monitoraggio della pressione sanguigna, ecc..

Anche con malattie che limitano l'attività fisica, non dovresti cedere all'inazione. Maggiore è il movimento, minore è il rischio di sviluppare patologie e complicanze vascolari. Gli oftalmologi consigliano passeggiate giornaliere all'aria aperta, nuoto, passeggiate e sci di fondo. L'assunzione di complessi vitaminici e minerali e il rifiuto delle cattive abitudini aiuteranno a mantenere in buona forma il cuore ei vasi sanguigni..

Angiosclerosi retinica


Qualsiasi deviazione nel lavoro degli occhi è irta di pericolo, perché un disturbo può portare alla cecità. Per ridurre al minimo il rischio di sviluppare tali complicazioni, è necessario monitorare attentamente la salute dell'apparato visivo e, al minimo sospetto di malfunzionamento, consultare un medico. L'angiosclerosi retinica è un cambiamento nelle pareti dei vasi sanguigni. In assenza di una terapia competente, la patologia progredisce rapidamente e può provocare una completa perdita della vista.

Cos'è l'angiosclerosi retinica?

Secondo luminari scientifici e operatori sanitari, questo concetto nasconde l'ispessimento e l'ispessimento delle pareti dei vasi che ricoprono il fondo. Molto spesso, lo sviluppo della patologia provoca l'accumulo di placche aterosclerotiche.

La retina dell'occhio è il tessuto situato nella parte posteriore del bulbo oculare. La sua funzione principale è convertire i segnali luminosi in impulsi nervosi, che vengono poi trasmessi al cervello per l'elaborazione. L'angiosclerosi dei vasi retinici interrompe il processo di afflusso di sangue alla membrana e inizia ad apparire il gonfiore, che provoca problemi di vista.

In medicina l'anomalia è meglio conosciuta con il termine "retinopatia", poiché il risultato dei processi distruttivi che avvengono nel fondo è la patologia della retina. L'angiosclerosi, a sua volta, è solo una delle fasi della progressione della malattia. Il suo pericolo sta nel fatto che è in grado di causare una serie di gravi complicazioni:

  • Emartro nella retina o nell'umore vitreo;
  • Coaguli di sangue in un'arteria o vena principale
  • Danno ischemico alle terminazioni nervose dell'organo della vista;
  • Gonfiore della retina.
Le conseguenze negative dell'anomalia possono portare alla cecità.

Cause dell'angiosclerosi retinica

Molti fattori possono provocare lo sviluppo della malattia, ma molto spesso due patologie agiscono da "istigatori", di cui parleremo più dettagliatamente in seguito..

Cambiamenti vascolari retinici nell'ipertensione arteriosa

Un aumento della pressione sanguigna influisce principalmente negativamente sullo stato del sistema vascolare. Il fondo dell'occhio è uno dei pochi luoghi in cui possono essere considerati processi e cambiamenti distruttivi. Per questo motivo, sono gli oftalmologi più spesso i primi a rilevare l'ipertensione, rivelando lo sviluppo dell'angiosclerosi in un paziente..

Inizialmente, una persona con problemi di pressione sanguigna sviluppa angiopatia. La patologia provoca un cambiamento nei vasi situati nell'apparato visivo. Diventano sinuosi e perdono elasticità. L'angiosclerosi sta sostituendo la "sorellina". È caratterizzato da un ispessimento irregolare delle pareti dei vasi sanguigni e dal restringimento degli spazi tra loro..

Il risultato di processi distruttivi è la formazione di un "filo d'argento" sulla rete, poiché le arterie acquisiscono un'insolita tinta argento.

In alcuni casi, i depositi di lipidi si accumulano e hanno un colore dorato. I medici lo chiamano un sintomo di "filo di rame".

Le vene all'intersezione con le arterie sono piegate e nascoste in profondità nella retina. Con l'ipertensione aumenta il rischio di emartro perché le pareti vascolari sono indebolite.
Torna al sommario

Cambiamenti retinici nell'aterosclerosi generalizzata

L'aggravamento dei problemi di pressione sanguigna provoca il blocco del 100% del sistema vascolare e la progressione dell'angioretinopatia con emorragia e deformazione delle strutture retiniche.

Se la lesione raggiunge la macula e i processi distruttivi influenzano i nervi ottici, il paziente può diventare completamente cieco..

Oltre a questi due "colpevoli" dello sviluppo dell'angiosclerosi, possono causare la progressione della malattia:

  • Aumento dei livelli di zucchero nel sangue;
  • Trauma cranico;
  • Osteocondrosi;
  • Malattie del cuore e dei vasi sanguigni;
  • Avere cattive abitudini.

L'angiosclerosi non si sviluppa mai come patologia indipendente. Se hai un disturbo simile, prima di iniziare il trattamento, è importante identificare la causa principale del suo aspetto..

Fasi di sviluppo della retinopatia ipertensiva

Ci sono quattro fasi principali nella progressione dell'anomalia:

  • Angiopatia. Tutti i cambiamenti che si verificano in questa fase sono reversibili. C'è un'espansione delle vene e un restringimento del lume tra di loro;
  • Angiosclerosi. I vasi perdono la loro elasticità, le pareti delle arterie hanno spessori diversi su tutta la loro lunghezza;
  • Angioretinopatia. La retina si gonfia, in alcuni punti compaiono opacità. Viene diagnosticato il restringimento dei campi visivi, l'acutezza degli occhi diminuisce. Ci sono emorragie focali nella retina, a forma di fiamme;
  • Neuroretinopatia. Nell'ultima fase della progressione della malattia, il nervo ottico si gonfia. Sulla macula appare un asterisco o un'immagine a forma di mezzaluna.
Il pericolo principale della retinopatia è che progredisce a un ritmo rapido e può raggiungere lo stadio finale in soli dodici mesi. Con lo sviluppo della neuroretinopatia, la malattia non può essere fermata, nella maggior parte dei casi c'è una completa perdita della vista.

Sintomi

I seguenti segnali dovrebbero causare allarme:

  • Macchie scure e mosche davanti agli occhi;
  • Dolore e dolore all'apparato visivo;
  • Una "borsa" pende sull'occhio.

Se non inizi la terapia in questa fase, la malattia progredirà e i sintomi come:

  • Restringimento dei campi visivi;
  • Acuità oculare cadente;
  • Costrizione o dilatazione della pupilla.

Poiché l'ipertensione arteriosa influisce negativamente su tutti gli organi e sistemi interni, possono comparire i seguenti sintomi:

  • Emicrania;
  • Rumore nelle orecchie;
  • Problemi di sonno;
  • Sanguinamento frequente dal naso;
  • Irritabilità aumentata;
  • Compromissione della memoria.

Al minimo sospetto dello sviluppo dell'angiosclerosi, consultare immediatamente un medico.
Torna al sommario

Diagnostica

L'oftalmologo effettua la diagnosi finale sulla base dei seguenti esami:

  • Oftalmoscopia del fondo;
  • Angiografia in fluorescenza dei vasi retinici.

Queste tecniche richiedono l'assunzione di farmaci per dilatare la pupilla (ad esempio, atropina o Tropicamide). Per qualche tempo, l'acuità visiva del paziente diminuisce drasticamente e si osserva una maggiore fotosensibilità. Il fenomeno spiacevole passerà al termine dell'effetto del farmaco.

La ricerca aiuta a rilevare una serie di deviazioni:

  • Restringimento degli spazi tra le navi;
  • Violazione nei punti in cui si intersecano vene e arterie;
  • Emartro nella retina;
  • Aumento della tortuosità delle arteriole;
  • Gonfiore del nervo ottico.
Il compito principale dell'oftalmoscopia è esaminare e analizzare attentamente le condizioni del fondo e delle sue strutture.

Esistono tre tipi di procedura:

  • Modo diretto. L'analisi viene eseguita mediante ispezione visiva dell'occhio alla luce di un oftalmoscopio;
  • Tecnica indiretta. Oltre alla luce del dispositivo, l'optometrista utilizza una lente d'ingrandimento;
  • Utilizzando una lampada a fessura. Viene utilizzato al posto di un oftalmoscopio.

L'esame non richiede più di quindici minuti.

Durante l'angiografia in fluorescenza, un farmaco unico, la fluoresceina, viene iniettato in una vena. Si muove lungo il sistema vascolare della retina, mentre il medico ne analizza le condizioni attraverso la telecamera..

Trattamento dell'angiosclerosi retinica

Il primo passo è eliminare il "colpevole" dell'anomalia: l'ipertensione arteriosa. Altrimenti, non ci sarà alcun effetto della terapia. Il medico seleziona i farmaci antipertensivi, prescrive anche la durata e il dosaggio del farmaco.

Dopo che la pressione si è stabilizzata, l'oftalmologo redige un ciclo di trattamento per normalizzare la circolazione sanguigna nella retina. Il medico può prescrivere i seguenti farmaci:

  • Fluidificanti del sangue;
  • Gocce per stabilizzare la pressione intraoculare;
  • Medicinali per rafforzare le pareti del sistema vascolare;
  • Gocce per attivare il metabolismo nella retina;
  • Complesso di vitamine per somministrazione orale;
  • Preparati fortificati per l'instillazione nell'organo della vista.

Se la terapia farmacologica non porta i risultati attesi, il paziente viene indirizzato alla coagulazione laser. L'ossigenazione iperbarica è altamente efficace. Le strutture dell'apparato visivo sono migliorate sotto l'influenza dell'alta pressione dal lato dell'ossigeno.

La tecnica più impopolare per eliminare l'angiosclerosi, che i medici lasciano come ultima risorsa, è la chirurgia..
Torna al sommario

Prevenzione delle malattie

Nella maggior parte dei casi, la patologia è una conseguenza dell'ipertensione progressiva. Pertanto, la parte principale delle misure preventive è finalizzata a stabilizzare la pressione sanguigna. Per questo, è importante identificare ed eliminare tempestivamente le malattie che causano la progressione dell'ipertensione:

  • Anomalie nel sistema endocrino;
  • Anomalie del sistema nervoso;
  • Disturbi nel lavoro del cuore e dei vasi sanguigni;
  • Malattia del sistema urinario.

Con sintomi pronunciati di ipertensione, la prevenzione dello sviluppo di problemi con i vasi sanguigni consiste nel ridurre al minimo i picchi di pressione arbitrari. Alcune procedure di fisioterapia aiuteranno in questo:

  • Agopuntura;
  • Hydrokinesis;
  • Applicazione del collare galvanico;
  • Fare un bagno con l'aggiunta di iodio e bromo;
  • Immersione nel sonno elettrico durante la somministrazione dei farmaci.
È importante per le persone che soffrono di pressione alta mantenere uno stile di vita sano. Elimina i cibi piccanti e grassi dalla dieta.

Conclusione

L'angiosclerosi retinica è il secondo stadio della retinopatia. In questa fase, i processi distruttivi possono essere interrotti, i sintomi sono reversibili. Rivolgersi immediatamente a un medico se compaiono segni di malattia. Con il progredire della malattia, le possibilità di salvare la vista si stanno rapidamente avvicinando allo zero..

Scopri di più sulle malattie della retina nel video.

Angiosclerosi retinica: cause, sintomi, trattamento

L'angiosclerosi retinica è una malattia pericolosa che si sviluppa con l'ipertensione

Se devi affrontare un problema simile, devi assolutamente contattare uno specialista. Ti aiuterà sicuramente a risolvere tutti i tuoi problemi..

Cos'è l'angiosclerosi retinica

Nella maggior parte dei casi, sono i pazienti ipertesi ad affrontare l'angiosclerosi retinica: che cos'è e come la malattia è associata all'ipertensione?

Se la pressione aumenta sporadicamente, i vasi sanguigni funzionano senza disturbi. Ma con l'ipertensione, la pressione sanguigna aumenta regolarmente o non scende affatto. Ciò porta al sovraffollamento di piccoli vasi della retina con il sangue. Di conseguenza, si espandono e le loro pareti diventano più sottili e perdono tono..

Le vene non affrontano il loro compito: il deflusso di sangue in arrivo abbondante è difficile. La situazione è aggravata dalle arterie gonfie e tese a causa dello spasmo, che iniziano a spremere i vasi venosi: il loro lume si restringe.

La retina dell'occhio è costituita da cellule fotosensibili che trasmettono informazioni luminose al cervello. Se la circolazione sanguigna di questa membrana è disturbata, la vista ne risente. Ma l'angiosclerosi non è una patologia indipendente, ma solo uno degli stadi di un'altra malattia: la retinopatia dell'occhio (dalla parola "retina", che significa retina).

Terapia laser


Fonte: Serdechka.ru
I moderni metodi efficaci di trattamento della retina con danno vascolare (specialmente nel diabete) sono associati all'uso della tecnologia laser.

La coagulazione laser viene eseguita, a seconda della natura e dell'entità della lesione, in due modalità:

  • Coagulazione panretinica.

I "colpi" laser vengono applicati alla retina come un reticolo, in più di mille punti (di solito fino a duemila). L'area maculare, responsabile della vista particolarmente acuta, non è interessata. La "puntura" laser colpisce solo le zone esterne della retina, senza penetrare nello strato dei fotorecettori.

Pertanto, la vista non è compromessa a causa di tale "luce". Tuttavia, i punti retinici trattati con il laser cambiano le loro proprietà fisiologiche, richiedono meno ossigeno. La retina diventa meno dipendente dai vasi angiopatici che non possono far fronte al regime di maggiore apporto di ossigeno.

Ma più ossigeno arriva alla macula, a seguito della quale le sue condizioni migliorano. La vista in generale migliora.

  • Coagulazione focale.

Questa tecnica è particolarmente efficace contro il gonfiore maculare. Le pareti permeabili del vaso sono sigillate con un raggio laser, a causa del quale si sviluppa il gonfiore. Di conseguenza, l'edema si attenua, l'acuità visiva aumenta.

Terapia iniettiva

L'iniezione di medicinali è una vecchia procedura medica. Tuttavia, l'iniezione della retina edematosa è, al contrario, una tecnica nuova e molto promettente della categoria di quelle innovazioni, grazie alla quale l'angiopatia retinica è diventata curabile.

Innanzitutto, gli strumenti moderni rendono la tecnica di iniezione intravitreale (cioè nel corpo vitreo) indolore e non traumatica. In secondo luogo, l'uso di una nuova generazione di medicinali rende questo effetto particolarmente efficace..

La linea di farmaci utilizzata per le iniezioni intravitreali è divisa in due direzioni:

  1. Corticosteroidi (desametasone). Allevia in modo affidabile l'edema retinico, tuttavia è necessario un ciclo sequenziale di iniezioni e non procedure una tantum che danno solo risultati temporanei.
  2. Farmaci che inibiscono l'angiogenesi (bevacizumab, ranibizumab, pegaptamib). L'angiogenesi è la formazione di nuovi vasi. In molte circostanze, la proliferazione del sistema vascolare è un fattore patogeno..

L'angiopatia retinica è una di queste circostanze. La vascolarizzazione ipertrofica sotto la retina porta a gonfiore e altri danni al nervo ottico. Contrastare efficacemente l'angiogenesi riporta la retina al suo stato normale.

Oltre alle iniezioni, il paziente riceve inibitori della protein chinasi C (compresse). Questo è un altro tipo di farmaco più recente che funziona bene contro il gonfiore degli strati intermedi della retina..

Cause della malattia

La causa più comune di angiosclerosi retinica è l'ipertensione. Anche se la pressione è solo leggermente superiore al normale, ma sistematicamente, ciò porta a conseguenze irreversibili del sistema circolatorio di piccole strutture. Pertanto, sono gli oftalmologi che possono essere i primi a diagnosticare l'ipertensione: una persona può ancora sentirsi bene, ma l'angiosclerosi retinica in entrambi gli occhi è già sviluppata.

L'ipertensione arteriosa non è l'unica causa che può portare all'angiosclerosi. La patologia può derivare da:

  • Diabete mellito;
  • Malattia cardiovascolare;
  • Osteocondrosi della colonna cervicale e toracica;
  • Lesione cerebrale traumatica e aumento della pressione intracranica;
  • Età e cattive abitudini.

L'angiosclerosi retinica non si sviluppa mai da sola. Se è stata fatta una diagnosi del genere, è necessario cercare il motivo che ha portato allo sviluppo di questa patologia. E il trattamento dovrebbe mirare non solo a ripristinare i vasi sanguigni della retina, ma anche a combattere la malattia sottostante che ha portato alla comparsa della retinopatia..

Panoramica dei farmaci

È impossibile prevenire lo sviluppo dell'angiosclerosi retinica senza farmaci. Gli oftalmologi avvertono che quasi tutti i farmaci dovranno essere presi per tutta la vita. Per evitare possibili complicazioni, sarà necessario assumere non solo farmaci specializzati per gli occhi, ma anche mezzi che normalizzano la pressione sanguigna e stabilizzano lo stato dei vasi sanguigni..

Tavolo. Elenco dei farmaci necessari.

Gruppo di farmaciElenco dei farmaci più efficaci
Calcio antagonisti per prevenire la perdita di ioniAmlodipina, Felodipina
Beta bloccanti per inibire i recettori dell'adrenalinaBisoprololo, Nebivololo
Medicinali con un marcato effetto diureticoIndapamide, ipotiazide
Antagonisti del recettore dell'angiotensina per la rapida soppressione dell'attività dell'ACELosartan, Candesartan
Inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensinaPerindopril, lisinopril

Trattamento di supplemento con anticoagulanti - statine. La rosuvastatina è considerata una delle più efficaci..

Fasi di sviluppo della retinopatia ipertensiva

Poiché la retinopatia nella maggior parte dei casi è una conseguenza dell'ipertensione arteriosa, considereremo questa malattia in modo più dettagliato. Ci sono quattro fasi nello sviluppo della patologia:

  1. Angiopatia ipertensiva. Questa è la fase iniziale nello sviluppo della retinopatia. Tutti i cambiamenti che si verificano durante questo periodo si riferiscono a fenomeni reversibili. In questa fase si osserva l'angiospasmo delle arterie retiniche. Il loro spessore visivamente diventa inferiore a quello dei vasi venosi. Le vene si dilatano, diventano tortuose e il loro lume si restringe.
  2. Angiosclerosi retinica ipertensiva. Nella seconda fase dello sviluppo della retinopatia, i vasi sanguigni perdono la loro elasticità. Di conseguenza, lo spessore delle arterie diventa eterogeneo: in alcuni punti si restringono, in altri si espandono. Le pareti vascolari si ispessiscono e si ispessiscono in alcuni punti.
  3. Angioretinopatia ipertensiva. Sulla retina gonfia si osservano opacità focali. Provocano il restringimento del campo e il deterioramento della qualità della visione. In alcuni punti ci sono emorragie nella retina, sotto forma di lingue di fiamma. Il trattamento può ancora essere efficace.
  4. Neuroretinopatia ipertensiva. In questa fase di sviluppo della retinopatia, il nervo ottico è colpito e gonfio. Nella parte centrale della retina (sulla macula o macula), c'è un'immagine a forma di mezza stella o stella.

Importante! La retinopatia è pericolosa perché può progredire rapidamente e trasformarsi in neuroretinopatia entro un solo anno. È durante questa fase dello sviluppo della patologia che può verificarsi una perdita irreversibile della vista..

Sintomi di angiosclerosi della retina

Dovresti essere avvisato dai seguenti sintomi:

  • Taglio dolore agli occhi;
  • Borse allentate sotto gli occhi;
  • Compaiono mosche e macchie scure.

Se il trattamento non inizia in questa fase, la malattia progredisce e compaiono i seguenti sintomi:

  • Il campo visivo è ristretto;
  • Le pupille sono inutilmente dilatate o ristrette;
  • L'acuità visiva diminuisce.

Poiché l'ipertensione arteriosa colpisce negativamente tutti gli organi interni, e in particolare il cervello, i pazienti con retinopatia notano anche:

  • Mal di testa;
  • Rumore nelle orecchie;
  • Insonnia;
  • Compromissione della memoria;
  • Sanguinamento frequente dal naso;
  • Irritabilità crescente.

Importante! La sospetta angiosclerosi retinica è un motivo serio per vedere un oculista.

Descrizione del problema

La retina è una membrana di tessuto situata sul lato interno dell'occhio ed è sensibile. La sua funzione è convertire i segnali luminosi in segnali nervosi che, a loro volta, inviano impulsi al cervello..

La base dello stato del tessuto nervoso fornisce a una persona una visione completa. La struttura comprende dieci strati: arterie sanguigne, cellule nervose, tessuto cellulare e altro ancora. Tutto ciò è necessario per il pieno funzionamento della retina..

Nel corso di numerosi studi, è stato dimostrato che l'aterosclerosi dei vasi dell'occhio è un problema comune che provoca disabilità visiva. Qualsiasi parte del corpo umano può causare la malattia.

La cosa più pericolosa che può accadere è un distacco di retina. Il processo richiede un intervento immediato da parte del personale medico, altrimenti la persona perderà definitivamente la vista.

Diagnostica

La diagnosi di angiosclerosi retinica viene effettuata sulla base di due studi:

  1. Oftalmoscopia del fondo;
  2. Angiografia in fluorescenza dei vasi retinici.

Attenzione! Questi metodi diagnostici richiedono l'uso di farmaci che dilatano la pupilla: fenilefrina, atropina o tropicamide. Di conseguenza, la vista si deteriorerà e troverai una maggiore fotosensibilità. Questo è normale e andrà via da solo quando il farmaco smetterà di funzionare..

Utilizzando questi metodi, puoi identificare:

  • Restringimento del lume dei vasi sanguigni;
  • Violazioni nei punti in cui si intersecano vene e arterie;
  • Tortuosità delle arteriole;
  • Emorragie retiniche;
  • Edema della retina e del nervo ottico.

Lo scopo dell'oftalmoscopia è esaminare le condizioni del fondo, inclusi retina, testa del nervo ottico e vasi sanguigni.

Esistono tre modi per eseguire l'oftalmoscopia:

  1. Metodo diretto. La struttura del fondo viene esaminata esaminandola da un medico alla luce di un oftalmoscopio.
  2. Metodo indiretto. Il medico, oltre alla luce dell'oftalmoscopio, utilizza una lente d'ingrandimento.
  3. Utilizzando una lampada a fessura. Invece di un oftalmoscopio, l'oftalmologo usa una lampada a fessura. Una lente speciale lo aiuta a vedere meglio il fondo oculare.

La ricerca richiede 10-15 minuti.

Con l'angiografia fluorescente, un contrasto speciale, la fluoresceina, viene iniettato nelle vene. Quindi, con il suo movimento attraverso i vasi retinici, il medico utilizza una telecamera per studiare le condizioni del fondo.

Previsione

La prognosi della condizione dipende dallo stadio in cui è stata rilevata. Se il medico sospetta difetti nella retina e nella microvascolarizzazione nelle prime fasi, vengono completamente ripristinati dopo il trattamento. In questo caso la previsione è favorevole..


Se non trattato, il tessuto oculare muore gradualmente. Si verificano distacco della retina e atrofia del nervo ottico. Se la malattia è stata rilevata nelle fasi avanzate, la prognosi per il paziente è sfavorevole. Perderà completamente la vista. Se la malattia è causata da disturbi sistemici, è importante prevenire l'ulteriore diffusione del processo, poiché è possibile la morte del paziente.

Trattamento

Il trattamento dell'angiosclerosi retinica senza eliminare la causa della malattia - l'ipertensione arteriosa - non ha successo. Pertanto, la prima misura è la nomina di farmaci antipertensivi. Il dosaggio e la frequenza di assunzione del farmaco, la durata del corso del trattamento sono stabiliti dal terapeuta.

Quando la pressione si normalizza, viene eseguita una terapia per ripristinare la circolazione sanguigna nella retina. Per questo, l'oftalmologo prescrive:

  • Fluidificanti del sangue;
  • Collirio per ridurre la pressione intraoculare;
  • Preparazioni orali per rafforzare le pareti dei vasi sanguigni;
  • Collirio per accelerare il metabolismo nella retina;
  • Vitamine complesse all'interno e gocce vitaminiche negli occhi.

Se il trattamento farmacologico non porta il risultato atteso, viene eseguita la coagulazione laser, rafforzando la retina con un laser. Anche il metodo di ossigenazione iperbarica è efficace, un modo per migliorare le strutture visive sotto l'influenza di una maggiore pressione dal lato dell'ossigeno. L'ultima risorsa è la chirurgia.

Prevenzione delle malattie

Poiché nella stragrande maggioranza dei casi l'angiosclerosi della retina è una conseguenza dell'ipertensione, la prevenzione della patologia consiste nel raggiungere una pressione sanguigna stabile entro limiti normali. Per questo, è importante diagnosticare e trattare tempestivamente le malattie che portano all'ipertensione arteriosa:

  • Patologia del sistema urinario;
  • Malattie del sistema nervoso;
  • Disturbi cardiovascolari;
  • Anomalie nel sistema endocrino.

Con sintomi pronunciati di ipertensione, la prevenzione dell'angiosclerosi consiste nel ridurre il rischio di picchi di pressione arbitrari. Per questo, sono prescritte procedure di fisioterapia:

  • Bagni con iodio e bromo, radon;
  • Agopuntura;
  • Collare elettrolitico;
  • Sonno elettrico con l'introduzione di droghe;
  • Hydrokinesis.

Si consiglia ai pazienti con pressione alta di condurre uno stile di vita sano e una dieta a contenuto moderato di sale, cibi fritti e grassi.

L'angiosclerosi retinica è il secondo stadio dello sviluppo della retinopatia. È caratterizzato dallo sviluppo di sintomi ancora reversibili associati alla distrofia dei vasi sanguigni. Quando compaiono i primi segni di angiosclerosi, è importante consultare subito un medico. In questo caso, la visione può ancora essere salvata..

Complicazioni

Se c'è il sospetto di indurimento delle arterie oculari, il paziente viene indirizzato per un esame a un oftalmologo. Lo specialista è impegnato nello studio del fondo, del nervo ottico, studia gravi patologie.

La malattia è facilmente curabile in una fase iniziale di sviluppo. Basta usare farmaci, non è richiesto alcun intervento radicale. Con il loro aiuto, puoi fermare i sintomi della patologia, prevenire complicazioni, ripristinare le precedenti funzioni degli occhi.

Dopo la comparsa di complicazioni, è necessaria una terapia conservativa, che consente di interrompere i cambiamenti patologici.

Angiopatia retinica ipertensiva: cause, sintomi e trattamenti

Con l'angiopatia retinica ipertensiva, la pressione sanguigna aumenta e l'ipertensione progredisce. Il più delle volte si verifica nelle donne dopo i 35 anni di età e nelle donne in gravidanza. Con una tale malattia, i vasi della retina degli occhi soffrono, se non viene curata, puoi perdere la vista.

Una persona con una diagnosi così pericolosa dovrebbe aderire a una corretta alimentazione, esercitare meno fisicamente e generalmente condurre uno stile di vita sano. L'angiopatia ipertensiva tende a ripresentarsi, quindi va trattata correttamente e seguire tutti i consigli di un oculista.

Inoltre, la malattia è uno dei sintomi dell'ipertensione. In questo articolo parleremo dell'angiopatia ipertensiva, delle sue manifestazioni, delle cause dell'apparenza, dei metodi di diagnosi e trattamento..

Cos'è l'angiopatia ipertensiva?

Molto spesso, si verifica angiopatia ipertensiva della retina di entrambi gli occhi ed è spesso diagnosticata nelle donne in gravidanza e nelle persone dopo 35 anni.

Quando compare un disturbo, i pazienti lamentano una diminuzione dell'acuità visiva. È anche possibile ottenere informazioni cliniche basate sull'esame del fondo. Per identificare i sintomi della patologia, il medico deve controllare non solo le manifestazioni di disabilità visiva, ma anche conducendo un'oftalmoscopia per valutare i segni oggettivi.

L'ipertensione maligna si verifica sempre con danni agli organi bersaglio. L'organo della vista è uno di questi. Il pericolo di una tale interazione patologica dei vasi oculari con un aumento costante della pressione è che la lesione si verifica nella parte più significativa dal punto di vista funzionale dell'occhio: la sua retina.

Questo è sempre irto di perdita della vista rapida e irreversibile. I medici chiamano questa sindrome angiopatia retinica ipertensiva o retinopatia ipertensiva. Ma quello che è veramente, tutti quelli che soffrono di ipertensione dovrebbero saperlo.

L'angiopatia retinica ipertensiva è una lesione di piccole strutture vascolari di tipo arterioso e venoso, che si trovano sul fondo della retina, che si verificano sullo sfondo di ipertensione arteriosa di qualsiasi tipo.

I segni di questa patologia sono presentati esclusivamente dai reclami del paziente sotto forma di una diminuzione dell'acuità visiva e dei dati clinici ottenuti durante l'esame del fondo.

Per identificare i sintomi della malattia, vengono controllati non solo i segni soggettivi di disabilità visiva, ma anche sintomi oggettivi che il medico può rilevare durante l'oftalmoscopia.

Chiunque soffra di ipertensione dovrebbe sapere cos'è l'angiopatia ipertensiva che colpisce la zona degli occhi, nonché quali sono le possibili complicanze e rischi.

L'angiopatia retinica ipertensiva è una patologia dei capillari e dei vasi sanguigni causata da una violazione della regolazione nervosa del tono vascolare, difficoltà nel processo di flusso sanguigno nel lume.

L'angioretinopatia appare a causa di malattie vascolari della retina degli organi visivi. In entrambi gli occhi, può svilupparsi se una persona ha ferito la colonna vertebrale del collo, che ha portato alla spremitura dei vasi sanguigni. L'angiopatia può provocare una violazione delle funzioni oculari e della nutrizione degli organi.

La malattia ipertensiva molto spesso provoca una varietà di lesioni degli organi interni. Questa è una complicanza abbastanza comune, mentre la retina dell'occhio soffre quasi in primo luogo, motivo per cui questa malattia è considerata una complicanza abbastanza comune dell'ipertensione.

Spesso la malattia è accompagnata da vasodilatazione del fondo. La situazione è quasi sempre aggravata dalla formazione di placche aterosclerotiche sulle pareti dei vasi sanguigni. Per questo motivo, possono verificarsi varie piccole emorragie, a causa di rotture delle pareti dei vasi.

Di solito, sullo sfondo dell'ipertensione, i vasi si restringono, il flusso sanguigno attraverso di essi peggiora e quindi si sviluppano processi infiammatori.

Il tasso di sviluppo della malattia e il grado di danno vascolare per ogni persona saranno individuali e dipendono direttamente dalle caratteristiche dell'organismo, dalla gravità dell'ipertensione e dallo stile di vita.

Se una persona continua a mangiare in modo improprio (consuma cibo che provoca un aumento dei livelli di colesterolo nel sangue), conduce uno stile di vita sedentario, l'ipertensione progredirà.

In questo contesto, le complicazioni della malattia continueranno a svilupparsi. Anche se viene prescritta una terapia efficace per trattare queste patologie, l'effetto sarà comunque di breve durata - la malattia si ripresenterà, poiché la causa principale rimane.

Malattia o sintomo?

Gli esperti moderni stanno ancora discutendo se sia legittimo diagnosticare l'angiopatia retinica ipertensiva. Ciò è dovuto al fatto che questa condizione non è una patologia separata, ma è uno dei sintomi dell'ipertensione..

Tuttavia, a volte l'angiopatia progredisce così rapidamente che i sintomi di danno retinico e diminuzione dell'acuità visiva vengono alla ribalta.

Oggi è stato stabilito che non esiste una chiara connessione tra la gravità dei cambiamenti nei vasi oculari e le caratteristiche del decorso dell'ipertensione arteriosa. Il rischio di sviluppare danni alla retina è lo stesso nelle persone con aumenti minimi e critici della pressione.

Tuttavia, questo non significa che l'angiopatia retinica ipertensiva non possa verificarsi in pazienti con ramificazione sciolta..

Pertanto, una tale diagnosi può essere la principale se i sintomi della malattia vengono alla ribalta. In alcuni casi, i pazienti richiedono persino una disabilità.

Altre conseguenze dell'ipertensione arteriosa possono essere minime e il decorso della malattia stessa è favorevole. In altri casi, l'angiopatia agisce come una delle complicanze dell'ipertensione..

Cause e meccanismo di sviluppo

  • Caratteristiche individuali di una persona - malformazioni congenite dei vasi retinici;
  • Fumo;
  • Eccessivo consumo di alcol;
  • La presenza di varie malattie: aterosclerosi, patologie autoimmuni, diabete mellito;
  • Essere in sovrappeso e obesi;
  • Esposizione a fattori di produzione dannosi;
  • Disturbi in una dieta ricca di grassi animali e carboidrati veloci.

Con lo sviluppo della malattia, possono essere colpite piccole formazioni della retina - venule e arteriole. Il processo è aggravato dall'effetto delle lesioni vascolari aterosclerotiche, che è caratteristico di quasi tutte le persone con ipertensione..

Se la struttura dei grandi vasi è disturbata, si sviluppa una macroangiopatia ipertensiva.

Lo sviluppo dell'angiopatia ha diverse fasi:

  1. Come risultato dell'aumento della pressione, si verifica il vasospasmo retinico..
  2. La malattia vascolare aterosclerotica progredisce.
  3. Successivamente, si sviluppa l'infiammazione e il lavoro del sistema di coagulazione del sangue viene interrotto. Ciò porta alla formazione di microscopici coaguli di sangue che interrompono la nutrizione della retina..
  4. A causa della carenza di ossigeno, si sviluppano una serie di reazioni che culminano nella ialinosi vascolare. Questo li rende più fragili..
  5. Emorragie e rotture si verificano nei punti più deboli dei vasi..

L'angiopatia retinica ipertensiva si sviluppa esclusivamente quando la pressione sanguigna supera i valori normali. Questo può essere con ipertensione o qualsiasi ipertensione arteriosa sintomatica. I seguenti motivi influenzano la gravità della patologia:

  • La durata dell'ipertensione arteriosa;
  • Caratteristiche individuali della struttura dei vasi sanguigni e il tipo della loro ramificazione;
  • Presenza di patologie e condizioni di fondo: diabete mellito, aterosclerosi vascolare, patologia intracranica, malattie endocrine;
  • Condizioni professionali dannose che richiedono uno stress costante sull'analizzatore visivo;
  • Effetti tossici per l'ambiente.

Nelle persone con lo stesso livello di aumento della pressione, anche con la stessa durata dell'ipertensione, le manifestazioni di angiopatia retinica avranno diversi gradi di gravità.

I principali collegamenti nel meccanismo di sviluppo della malattia sono:

  1. Spasmo (restringimento) delle arterie retiniche;
  2. Progressione delle lesioni aterosclerotiche nella parete vascolare;
  3. Formazione accelerata di piccoli coaguli di sangue;
  4. Ialinosi vascolare, che porta a un restringimento persistente e irreversibile dei vasi (un vaso come un tubo di vetro);
  5. Angiopatia e fragilità dei vasi sanguigni, che termina con le loro frequenti rotture ed emorragie;
  6. Disturbo dell'afflusso di sangue alla retina, con conseguente ischemia e distruzione di vari gradi.

L'ipertensione arteriosa in giovane età finisce molto più spesso con angiopatia retinica ipertensiva.

Spesso, una persona sviluppa angiopatia ipertensiva della retina di entrambi gli occhi contemporaneamente. La malattia progredisce lentamente. Le patologie vascolari provocano un restringimento del lume delle arterie, alterazione del flusso sanguigno. Tali cambiamenti sono visibili a uno specialista se il fondo dell'occhio viene esaminato attentamente..

Sintomi e manifestazioni

  • Il primo stadio: in questa fase, il processo di circolazione sanguigna viene interrotto, il che è una conseguenza del restringimento delle vene e dell'espansione delle arterie. Non ci sono sintomi evidenti a questo punto. Solo un attento esame del fondo aiuta a identificare la malattia..
  • Il secondo stadio è caratterizzato dalla compattazione delle pareti dei vasi sanguigni, a seguito della quale l'afflusso di sangue alla retina viene interrotto. In questa fase, le vene si espandono e si ramificano, la retina degli occhi si gonfia e si sviluppano emorragie..
  • Il terzo stadio è caratterizzato da un disturbo circolatorio critico. In questo caso, l'essudato si forma nella parte inferiore del bulbo oculare, che include microbi, minerali, proteine ​​ed eritrociti. È questo fluido che provoca danni infiammatori agli organi visivi..

L'angiopatia di tipo ipertensivo ha sintomi caratteristici:

  1. Deterioramento della vista: nella fase iniziale è insignificante, tuttavia, con il progredire della malattia, può svilupparsi la cecità;
  2. Nuvolosità periodica negli occhi;
  3. La comparsa di macchie di grasso gialle negli occhi;
  4. Aumento del sangue dal naso;
  5. La comparsa di dolore nella zona delle gambe.

Molto spesso, nella fase iniziale, la malattia non si manifesta affatto. I sintomi compaiono nel paziente in una fase successiva. In questo caso, le mosche di solito compaiono davanti agli occhi, asterischi e si nota anche un calo della vista..

All'esame, l'oftalmologo può notare il restringimento dell'arteria retinica, l'aspetto delle sue curve e torsioni. È anche possibile notare piccole emorragie vascolari..

Sintomi dettagliati delle fasi della malattia:

Le vene sono ristrette, a causa del quale il flusso sanguigno completo viene disturbato e le arterie oculari sono dilatate. Non ci sono sintomi visibili, quindi solo uno specialista qualificato può diagnosticare la malattia esaminando il fondo.

Le pareti dei vasi diventano dense, quindi una quantità insufficiente di sangue entra nella retina. Le vene sono dilatate e ramificate, c'è gonfiore della retina, sviluppo di emorragia.

Il flusso sanguigno è talmente disturbato che l'essudato appare nella parte inferiore del bulbo oculare, costituito da microbi, minerali, proteine ​​ed eritrociti. Provoca un'infiammazione che colpisce gli occhi e aggrava i sintomi che sono comparsi nelle prime due fasi della malattia..

Aumenta il rischio di perdita completa della funzione visiva.

Diagnosi dei cambiamenti del fondo oculare

Un oftalmologo esamina un paziente. L'esame del fondo è una fase importante nella diagnosi di angiopatia. La tecnica più popolare è considerata l'oftalmocromoscopia, che consente di valutare i vasi sanguigni degli occhi.

Sono più difficili da vedere con la luce rossa che con la luce rossa. Ciò è particolarmente vero per i vasi arteriosi. Quando una persona ha ipertensione, si restringe, quindi, esaminando gli occhi in luce rossa, potresti non notarli.

L'ecografia vascolare può essere utile per vedere lo stato del flusso sanguigno. Doppler aiuta a valutare i cambiamenti che si sono verificati in essi.

In alcuni casi, per osservare la pervietà del lume vascolare, può essere prescritta una radiografia, in cui viene utilizzato un mezzo di contrasto o una risonanza magnetica..

Se l'angiopatia appare in un bambino, è necessario diagnosticare il più presto possibile, perché la violazione del flusso sanguigno nella retina è piuttosto attiva. I tratti caratteristici della malattia possono essere visti esaminando attentamente la rete capillare del fondo.

La diagnosi viene stabilita dopo l'esame del fondo. Per questo, vengono eseguite varie opzioni per l'oftalmoscopia. Le modifiche individuate determinano la fase del processo:

  1. Angiopatia retinica del tipo ipertensivo dello stadio iniziale - l'espansione dei vasi venosi sullo sfondo delle arteriole ristrette (4: 1 a una velocità di 3: 2). Diventano attorcigliati e si ramificano ad angolo ottuso (sintomo di Gvist);
  2. L'angiosclerosi è un ispessimento dei vasi arteriosi della retina con una perdita di elasticità (un sintomo del filo di rame o d'argento). Il risultato di questi cambiamenti è l'angiopatia del tipo di compressione delle vene da parte delle arterie;
  3. Retinopatia: impregnazione dei tessuti retinici con componenti del sangue ed emorragie minori. Portano alla sua distruzione immediata;
  4. Neuroretinopatia: la diffusione di alterazioni patologiche dalla retina al nervo ottico, che si manifesta sotto forma di offuscamento dei suoi contorni ed edema.

Se necessario, è possibile eseguire quanto segue:

  • Ecografia Doppler dei vasi oculari;
  • Angiografia retinica con fluoresceina;
  • Dinamometria oftalmica (misurazione della pressione sanguigna nelle arterie e nelle vene della retina;
  • Reooftalmografia (registrazione grafica del flusso sanguigno oculare).

Questi metodi consentono non solo di rilevare i disturbi vascolari, ma anche di valutare le loro chiare caratteristiche, che possono essere necessarie per redigere un piano di trattamento.

Per fare una diagnosi accurata, il medico deve eseguire un esame del fondo oculare. Per questo, vengono eseguiti vari tipi di oftalmoscopia. A causa dell'identificazione di cambiamenti anormali, è possibile determinare lo stadio di sviluppo del processo patologico.

Lo stadio iniziale dell'angiopatia ipertensiva è accompagnato dall'espansione dei vasi venosi e dal restringimento delle arteriole. Diventano attorcigliati e questo accade ad un angolo ottuso..

Come puoi aiutare con l'angiopatia ipertensiva?


L'ambito delle misure di trattamento è costituito da generale e specializzato. Comprende il seguente trattamento:

  1. Una corretta alimentazione: restrizione di liquidi, cibi contenenti sale e colesterolo, alto contenuto di vitamine e antiossidanti (verdura, frutta, pesce, carni dietetiche, oli vegetali, latticini);
  2. Normalizzazione dello stile di vita: rifiuto da abuso di alcol, fumo, forte sforzo fisico e sovraccarico psico-emotivo. L'angiopatia retinica progredisce finché si verificano con qualsiasi trattamento;
  3. Controllo della pressione sanguigna e trattamento farmacologico adeguato dell'ipertensione arteriosa (ACE inibitori, diuretici, beta-bloccanti e altri farmaci antipertensivi);
  4. Anticoagulanti e trattamento dell'elevata viscosità sanguigna: Ascard, Cardiomagnum, Clopidogrel;
  5. Preparati che migliorano i processi metabolici nella retina: trental, actovegin, metamax, ATP, estratto di aloe, mildronate;
  6. Vitamine: milgama, vitrum, aevit;
  7. Collirio: quinax, taufon, emoxipin, aisotin;

Coagulazione laser o altro trattamento strumentale dei vasi retinici. È prescritto quando c'è una minaccia di rottura o frequenti emorragie.

Stile di vita

Per far fronte all'angiopatia, è necessario limitare l'assunzione di liquidi, sale e cibi ricchi di colesterolo. Devi consumare più vitamine e antiossidanti. La dieta dovrebbe contenere prodotti a base di latte fermentato, carne magra, pesce, verdura e frutta.

Normalizzazione dello stile di vita. È molto importante smettere di bere bevande alcoliche, fumare, sforzi fisici eccessivi e situazioni stressanti. Se l'influenza di questi fattori non è esclusa, l'angiopatia progredirà.

Controllo della pressione e trattamento corretto dell'ipertensione. Per questo vengono utilizzati diuretici, ACE inibitori, beta-bloccanti..

L'uso di anticoagulanti e l'eliminazione dell'aumentata viscosità del sangue. A tale scopo vengono utilizzati farmaci come cardiomagnum, ascard, clopidogrel..

L'uso di fondi per migliorare i processi metabolici nella retina. Per questo vengono prescritti trental, metamax, mildronate.

L'uso di complessi vitaminici. A tale scopo vengono solitamente utilizzati agenti come Aevit, Vitrum, Milgama..

Utilizzando colliri. Il medico può prescrivere taufon, aisotin, chinax.

Con la minaccia di rottura della retina o emorragia permanente, è possibile utilizzare la coagulazione laser e altri metodi di trattamento strumentale.

Trattamento dell'angiopatia retinica


Un trattamento efficace della patologia è impossibile senza la correzione della pressione sanguigna. Per eliminare la malattia, è necessario misurare questi indicatori due volte al giorno..

La correzione dello stile di vita è di grande importanza: è importante camminare all'aria aperta il più possibile, rinunciare a situazioni stressanti e superlavoro. Con lo sviluppo dell'angiopatia, non dovresti lavorare a lungo al computer e sforzare gli organi visivi.

Oltre ai medicinali, le seguenti procedure aiuteranno a migliorare le condizioni del paziente:

  • Terapia laser;
  • Agopuntura;
  • Esposizione al campo magnetico.

Di non poca importanza nel trattamento dell'angiopatia è l'aderenza a una dieta speciale, che dovrebbe essere mirata a ridurre al minimo il volume di colesterolo nel sangue..

La forma ipertensiva dell'angiopatia è una malattia grave che può provocare pericolose complicazioni fino alla completa perdita della vista. Per evitare che ciò accada, è molto importante monitorare gli indicatori di pressione e seguire chiaramente tutte le raccomandazioni dell'oftalmologo.

La terapia principale per la malattia dovrebbe essere quella di sbarazzarsi dell'ipertensione e stabilizzare gli indicatori della pressione sanguigna. Lo specialista prescriverà farmaci che abbassano la pressione sanguigna. Esistono alcuni gruppi di tali farmaci:

  1. β-bloccanti: il cuore si contrae più lentamente, la pressione sanguigna diminuisce;
  2. sopprimere l'enzima di conversione dell'angiotensina - la produzione di renina, che aumenta la pressione sanguigna, è inibita nel corpo;
  3. bloccanti dei canali del calcio nelle pareti dei vasi sanguigni e dilatazione del lume vascolare;
  4. diuretici: il liquido in eccesso viene escreto dal corpo.

Il trattamento dell'angiopatia ipertensiva, oltre ai farmaci che abbassano la pressione sanguigna, include:

  • vasodilatatori;
  • farmaci che attivano il flusso sanguigno;
  • farmaci che riducono la permeabilità delle pareti vascolari;
  • fluidificanti del sangue;
  • complessi di vitamine e minerali;
  • farmaci che ripristinano i processi metabolici nei tessuti.

Prima di tutto, in questo caso, la terapia dovrebbe mirare ad eliminare la causa principale. Poiché la malattia si sviluppa sullo sfondo della pressione sanguigna cronicamente alta, prima è necessario stabilizzarla.

Anche se viene applicata una terapia di supporto, ma i motivi persistono, non sarà possibile ottenere un buon risultato a lungo termine. Vale anche la pena prestare attenzione al ripristino del normale afflusso di sangue alla retina e alla stabilizzazione della vista..

Allo stesso tempo, lo stile di vita del paziente non è meno importante. È necessario prestare attenzione a una corretta alimentazione e un'attività fisica moderata.

I principali metodi di terapia

L'angiopatia retinica ipertensiva deve essere trattata in modo completo. Prima di tutto, vengono prescritti farmaci per normalizzare la pressione sanguigna:

  1. diuretici. Per rimuovere il liquido in eccesso dal corpo e ridurre il carico sulla circolazione sanguigna;
  2. farmaci per abbassare la pressione sanguigna;
  3. mezzi per rafforzare le pareti dei vasi sanguigni, migliorando il loro tono;
  4. fluidificanti del sangue. Impediscono la formazione di coaguli di sangue, facilitano il flusso sanguigno attraverso i vasi e quindi riducono il carico sulle loro pareti.

Questi farmaci devono essere somministrati in modo complesso. Sono selezionati in base alle caratteristiche individuali dell'organismo e di altre malattie concomitanti. Questo dovrebbe essere fatto solo da un medico professionista dopo un esame completo..

Inoltre, il trattamento dovrebbe mirare a ripristinare la visione normale. A tale scopo, in rari casi, viene eseguita la correzione laser, nonché il rafforzamento delle pareti dei vasi sanguigni, se esiste un rischio significativo di rottura..

Inoltre, vengono prescritti colliri per migliorare le condizioni generali, eliminare i sintomi spiacevoli e l'infiammazione degli occhi..

Prevenzione delle malattie

Come misura preventiva, devi provare a monitorare la pressione sanguigna. Ciò è particolarmente importante per le persone che hanno la tendenza a sviluppare ipertensione ereditaria.

È possibile ridurre il rischio di sviluppare angiopatia retinica di tipo ipertensivo se vieni regolarmente visitato da un cardiologo e da un oftalmologo.

L'esame da parte di un oftalmologo aiuta a identificare l'ipertensione in una fase precoce. Per prevenire la malattia, avrai bisogno di:

  • Cambia il tuo stile di vita: fai esercizi tutti i giorni, riscaldati. Andare in bicicletta, camminare, correre leggero aiuta molto.
  • Bilancia la tua dieta. La dieta dovrebbe contenere verdure, erbe, bacche, frutta, cereali, carni magre, frutti di mare. Il sale dovrebbe essere consumato il meno possibile.
  • Rinuncia all'alcol.
  • Sbarazzati del peso in eccesso.
  • Assunzione di vitamine
  • ridurre l'assunzione di sale, controllando la quantità di fluido consumato;
  • ridurre al minimo il consumo di grassi animali (pesce e carne grassi, burro, panna acida, uova di gallina);
  • aumento del consumo di verdura, frutta, olio vegetale, frutti di mare;
  • educazione fisica (camminare, nuotare);
  • Controlla il tuo equilibrio psico-emotivo, cerca di non essere in un'atmosfera stressante.
  • Fornisci al corpo un riposo e un sonno adeguati.

È molto più facile prevenire qualsiasi malattia che eliminarla in seguito. In questo caso la prevenzione è abbastanza semplice e consiste nell'osservare alcune regole.

Se hai una predisposizione ereditaria congenita, devi monitorarla con più attenzione, oltre a prendere farmaci per fluidificare il sangue e abbassare il colesterolo nel sangue.

Se una persona ha malattie che possono provocare questa patologia, allora deve sottoporsi a un trattamento tempestivo per controllare la sua salute. La terapia di supporto in questa situazione è molto importante..

Quindi, questa malattia è una manifestazione molto pericolosa e spiacevole dell'ipertensione. Prima viene diagnosticato, maggiore è la probabilità che sia possibile normalizzare la vista ed evitare gravi conseguenze..

Se non inizi il trattamento in modo tempestivo, in futuro la situazione peggiorerà solo, il che porterà alla perdita parziale o completa della vista. Ma in ogni caso, qualsiasi malattia è molto più facile da prevenire che eliminarla in seguito..

Pertanto, è necessario monitorare la propria salute e condurre uno stile di vita corretto al fine di prevenire manifestazioni così gravi e spiacevoli..

La prognosi di una forma ipertensiva

Quale sarà la prognosi della malattia dipende da in quale fase è stata diagnosticata e quando è stata avviata la terapia necessaria. Quando la pressione alta è presente da molto tempo, questo fenomeno può portare a gravi complicazioni..

La cosa peggiore è che una persona può perdere parzialmente o completamente la vista. Con un trattamento tempestivo, è possibile eliminare i cambiamenti nei vasi degli occhi. Dopo aver abbassato la pressione sanguigna, spesso scompaiono completamente..

L'angioretinopatia ipertensiva è una malattia che deve essere trattata. La pressione sanguigna costantemente alta dovrebbe segnalare a una persona che è necessaria una consultazione con un cardiologo e un oftalmologo, che valuterà lo stato dei vasi nel fondo.


Articolo Successivo
Qual è il ROE e la norma di età per donne e uomini