Conseguenze di una cisti aracnoidea nel cervello


La cisti aracnoidea del cervello è una cavità contenente liquido cerebrale, la cui capsula è costituita da cellule della membrana aracnoidea o del tessuto connettivo. La cisti del liquido cerebrospinale aracnoideo è localizzata tra la membrana aracnoidea e la superficie esterna del cervello. La dinamica della neoplasia è prevalentemente latente, tuttavia, con un aumento del contenuto di liquido cerebrospinale nella cisti, il quadro clinico è caratterizzato da sintomi di carenza focale e una sindrome da aumento della pressione intracranica.

Il processo volumetrico si verifica in varie parti del cervello. I siti più comuni sono la fossa cranica posteriore, l'area del solco silvestre e sopra la ghiandola pituitaria. Più del 4% della popolazione mondiale è portatrice di cisti. Le donne si ammalano 4 volte meno spesso degli uomini.

Generale

La cisti aracnoidea del cervello nel feto è spesso associata ad altre patologie. Questa è principalmente la sindrome di Marfan e la disgenesia o agenesia del corpo calloso.

Per la sua struttura, una cisti aracnoidea del cervello negli adulti e nei bambini è:

  1. Semplice.
  2. Complicato.

Una semplice formazione all'interno è rivestita con cellule delle meningi aracnoidee. Un tale processo volumetrico è incline alla produzione di liquido cerebrospinale. Una malattia complessa è costituita da una varietà di tessuti, più spesso le cellule gliali del cervello sono incluse nella struttura. Questa classificazione non si applica alla neurologia pratica. Tuttavia, i dati sulla struttura istologica vengono presi in considerazione quando si effettua una diagnosi secondo la classificazione internazionale delle malattie..

Secondo le dinamiche di sviluppo ci sono:

  • Progredendo.
  • Congelato.

I sintomi di una cisti aracnoidea aumentano rapidamente nella prima variante. La dinamica negativa è spiegata da un aumento del diametro della neoplasia, a causa della quale la formazione comprime i tessuti vicini e determina il quadro clinico dei disturbi neurologici. Le cisti congelate hanno dinamiche positive: non aumentano di dimensioni e procedono segretamente. Questa classificazione viene utilizzata nella neurologia pratica: la scelta del trattamento dipende dal tipo di dinamica..

L'aspettativa di vita dipende dalle dinamiche. Quindi, con una ciste congelata, una persona può vivere tutta la sua vita e morire di morte naturale, perché l'educazione non ha raggiunto dimensioni critiche. A causa della mancanza di un quadro clinico, queste persone di solito non sanno di avere un processo voluminoso nelle loro teste..

Le cisti progressive riducono la qualità della vita di una persona. Una cisti è pericolosa con complicazioni, ad esempio idrocefalo occlusivo acuto, a causa del quale le parti del tronco cerebrale del cervello vengono spostate e una persona muore per una violazione delle funzioni vitali del midollo allungato (respirazione e lavoro del sistema cardiovascolare).

La coscrizione nell'esercito dipende dalla gravità del quadro clinico. Quindi, un giovane è completamente liberato dal servizio nel caso in cui ci sia una sindrome ipertensiva e gravi disturbi neurologici nel quadro clinico. A un giovane viene concesso un ritardo di 6 mesi o un anno se il suo quadro clinico rivela disturbi neurologici moderati e non c'è sindrome da aumento della pressione intracranica.

Le ragioni

Per origine, la neoplasia è di due tipi:

  1. Cisti aracnoidea congenita. Il secondo nome è una vera cisti. La forma congenita è il risultato di anomalie nello sviluppo del sistema nervoso centrale del feto durante la maturazione intrauterina. Tali difetti si sviluppano a seguito di infezioni intrauterine (herpes, toxoplasmosi, rosolia), intossicazione materna (alcol, droghe), radiazioni.
  2. Cisti acquisita. Si sviluppa per gli effetti di motivi di vita: traumi craniocerebrali, neuroinfezioni, emorragie cerebrali ed ematomi, precedenti operazioni sul cervello.

Quadro clinico

Qualsiasi cisti cerebrale è caratterizzata da una sindrome da aumento della pressione intracranica. I suoi segni:

  • mal di testa scoppiettante, vertigini;
  • voglia di vomitare;
  • rumore dell'orecchio, ridotta precisione della vista;
  • una sensazione di pulsazione nelle tempie;
  • camminata imprecisa;
  • sonnolenza;
  • labilità emotiva, pianto, irascibilità, disturbi del sonno.

Man mano che la malattia progredisce e aumenta di diametro, i sintomi diventano più pronunciati. Quindi, il mal di testa diventa cronico, aumenta con un cambiamento nella posizione della testa. L'udito diminuisce, si verifica diplopia (visione doppia negli occhi), le mosche compaiono davanti agli occhi con un brusco cambiamento nella posizione del corpo e si scuriscono negli occhi stessi.

Si sviluppano sintomi neurologici carenti. La parola è sconvolta: i pazienti parlano in modo confuso, le parole ei suoni sono confusi, è difficile per gli altri capire la loro conversazione. La sfera di coordinazione è sconvolta, l'andatura è disturbata. La forza muscolare è indebolita, spesso del tipo di emiparesi (una diminuzione della forza dei muscoli scheletrici del braccio e della gamba su un lato del corpo). È possibile la perdita dell'area sensibile per emitipo. La coscienza è spesso sconvolta: si osserva sincope (perdita di coscienza a breve termine). Il quadro clinico è inoltre completato da convulsioni e disturbi mentali del tipo di allucinazioni visive o uditive elementari.

Se la cisti è congenita, il bambino si sviluppa più lentamente. Mostra segni di ritardo nello sviluppo psicomotorio. Successivamente inizia a sedersi, poi fa i primi passi e pronuncia le prime lettere. Il rendimento scolastico è ridotto rispetto alla media degli altri bambini.

I sintomi dipendono anche dalla localizzazione del processo volumetrico:

  1. Cisti aracnoidea del lobo temporale sinistro. È accompagnato da disturbi dell'udito e della percezione del linguaggio. Spesso i pazienti non capiscono la lingua parlata, ma c'è ancora l'opportunità di formare le proprie frasi.
  2. Cisti aracnoidea del PCF. Situata nella fossa posteriore, la cisti può comprimere e danneggiare il cervelletto. La cisti aracnoidea del cervelletto porterà a una ridotta coordinazione e deambulazione.
  3. I segni di cisti del liquido cerebrospinale aracnoideo della fessura laterale sinistra del cervello sono generalmente scarsi. Una manifestazione tipica è la sindrome da aumento della pressione intracranica. Tuttavia, la cisti aracnoidea della fessura laterale del cervello a sinistra può manifestarsi come convulsioni o problemi di deglutizione.
  4. La cisti aracnoidea della cisterna magna si manifesta con una tipica sindrome ipertensiva.

Diagnostica

Due metodi di neuroimaging hanno il massimo valore diagnostico:

  • Scansione TC. Nelle scansioni TC, le cisti hanno contorni chiari. Il tumore stesso sposta le strutture adiacenti.
  • Risonanza magnetica. La cisti alla risonanza magnetica ha parametri simili. La tomografia magnetica aiuta nella diagnosi differenziale delle cisti, ad esempio, con l'aiuto della risonanza magnetica, una cisti aracnoidea può essere distinta da una cisti epidermoide. Con l'aiuto della cisternografia a risonanza magnetica, è possibile identificare le pareti dei tessuti adiacenti adiacenti alla cisti.

I metodi di screening sono utilizzati per i neonati, in particolare la neurosonografia e la tomografia computerizzata a spirale. In caso di dubbio, viene prescritta la risonanza magnetica per immagini in modalità angiografica con contrasto.

Nella diagnosi vengono prescritti anche metodi di routine: emocromo completo, esame del sangue biochimico, analisi del liquido cerebrospinale. È indicato un esame da parte di un neurologo, psicologo e psichiatra. Questi specialisti valutano lo stato mentale e neurologico: integrità della coscienza, sensibilità, movimento, presenza di convulsioni, allucinazioni o disturbi emotivi.

Trattamento

Se l'istruzione è di dimensioni normali, non viene applicato alcun trattamento. La terapia farmacologica dipende dal quadro clinico. Molto spesso, predomina la sindrome da aumento della pressione intracranica e sono presenti segni di idrocefalo. In questo caso, al paziente vengono mostrati diuretici. Riducono il livello di liquidi nel corpo, eliminando così i sintomi dell'idropisia.

Il modo principale per eliminare la causa dei sintomi è la chirurgia. In quali casi è indicato l'intervento chirurgico:

  1. sindrome da aumento della pressione intracranica e idrocefalo causato da esso;
  2. sintomi neurologici da deficit crescente;
  3. cisti che colpiscono o spostano le strutture cerebrali adiacenti;
  4. violazione delle dinamiche del CSF.

In quali casi l'operazione non può essere eseguita:

  • gravi condizioni scompensate, accompagnate da funzioni vitali compromesse (respirazione e battito cardiaco);
  • meningite acuta o encefalite.

Il corso dell'operazione è controllato dalla diagnostica ecografica intraoperatoria e dalla neuronavigazione.

  1. Endoscopia. Durante l'operazione vengono sezionate le pareti della cisti e vengono creati messaggi con il sistema ventricolare, in particolare con le cisterne del cervello.
  2. Metodo microchirurgico. Innanzitutto, la dura madre viene sezionata, quindi le pareti della neoplasia vengono sezionate. Parte del materiale rimosso viene inviato per la ricerca di laboratorio.
  3. Metodo di shunt liquido. Lo scopo dell'operazione è drenare il liquido della cisti nella cavità comunicata più vicina.

Possibili complicazioni postoperatorie:

  • liquorrea (possibile fuoriuscita di liquido cerebrospinale dalla ferita);
  • necrosi della ferita chirurgica;
  • divergenza della cucitura.

Dopo l'intervento, un adulto o un bambino dovrebbero essere seguiti da un neurologo, oculista, neuropsicologo, pediatra e neurofisiologo. La risonanza magnetica e la tomografia computerizzata devono essere eseguite ogni anno.

Il trattamento con rimedi popolari non è raccomandato. Non una singola ricetta per la medicina tradizionale ha una base di prove. Facendo cure domiciliari il paziente perde tempo e denaro.

La malattia della capra è pericolosa? Le complicazioni e la gravità del quadro clinico dipendono dal tipo: formazione congelata o progressiva. La prima opzione non è pericolosa. Il processo volumetrico progressivo può essere fatale.

Sintomi e trattamenti per la cisti aracnoidea nel cervello

La cisti aracnoidea del cervello è una neoplasia benigna a forma di vescica, situata tra le membrane del cervello e piena di liquido cerebrospinale. Nella maggior parte dei casi, la patologia è asintomatica, viene scoperta per caso durante una scansione MRI. Tuttavia, una grande formazione eserciterà pressione sul tessuto cerebrale, portando alla progressione di sintomi spiacevoli. Vale la pena considerare più in dettaglio cos'è una cisti aracnoidea, le sue cause, i sintomi e le tattiche di trattamento.

Tipi di cisti cerebrali

Si distinguono i seguenti tipi di neoplasie, a seconda della localizzazione:

  1. Cisti aracnoidea. L'istruzione si trova tra le membrane del cervello. È più spesso diagnosticato nei pazienti maschi. In assenza di crescita del neoplasma, il trattamento non è richiesto. Durante l'infanzia, può causare la comparsa di idrocefalo, un aumento delle dimensioni del cranio.
  2. Cisti aracnoidea retrocerebellare del cervello. Lo sviluppo dell'educazione patologica nello spessore dell'organo è caratteristico. I motivi principali: ictus, encefalite, alterato afflusso di sangue. La cisti retrocerebellare può distruggere i neuroni nel cervello.
  3. Cisti subaracnoidea del cervello. Questa è una formazione patologica congenita che viene scoperta per caso. La malattia può causare convulsioni, instabilità dell'andatura, pulsazioni all'interno della testa.
  4. Cisti del liquido cerebrospinale aracnoideo. L'educazione si sviluppa nei pazienti con alterazioni aterosclerotiche e legate all'età.

A seconda delle cause dello sviluppo, la patologia è:

  • primaria (congenita). Formato durante lo sviluppo intrauterino del feto o in seguito al soffocamento in un bambino durante il parto. Un esempio di tale formazione è la cisti tascabile di Blake;
  • secondario. L'educazione patologica si sviluppa sullo sfondo di malattie passate o esposizione a fattori ambientali.

Secondo il quadro clinico della malattia, ci sono:

  • formazioni progressive. È caratteristico un aumento dei sintomi clinici, che è associato ad un aumento delle dimensioni della formazione aracnoidea;
  • neoplasie congelate. Avere un corso latente, non aumentare il volume.

Determinare il tipo di cisti cerebrale secondo questa classificazione è di fondamentale importanza per la scelta di tattiche terapeutiche efficaci..

Cause della cisti aracnoidea

Congenita (cisti cerebrale nei neonati) si forma sullo sfondo di disturbi nei processi di sviluppo intrauterino del cervello. Fattori provocatori:

  • infezione intrauterina del feto (herpes, toxoplasmosi, citomegalovirus, rosolia);
  • intossicazione (assunzione di alcol, fumo, uso di droghe con effetto teratogeno, tossicodipendenza);
  • irradiazione;
  • surriscaldamento (frequente esposizione al sole, bagni, saune).

Una cisti aracnoidea del seno principale può svilupparsi sullo sfondo della sindrome di Marfan (mutazione del tessuto connettivo), ipogenesi del corpo calloso (assenza di setti in questa struttura).

Le formazioni secondarie si sviluppano a causa di tali condizioni:

  • trauma cranico;
  • neurochirurgia;
  • disturbi della circolazione cerebrale: ictus, malattia ischemica, sclerosi multipla;
  • processi degenerativi nel cervello;
  • malattie infettive (meningite, meningoencefalite, aracnoidite).

Una cisti aracnoidea nella regione temporale si sviluppa spesso a causa dello sviluppo di un ematoma.

Manifestazioni cliniche

Nell'80% dei casi, una cisti aracnoidea del cervello non porta allo sviluppo di sintomi spiacevoli. La patologia è caratterizzata dalla presenza di sintomi aspecifici, che complica la diagnosi. Le manifestazioni della malattia sono determinate dalla localizzazione della formazione patologica, dalle sue dimensioni.

Si distinguono i seguenti segni comuni di una cisti cerebrale:

  1. Vertigini. Questo è il sintomo più comune e non dipende dall'ora del giorno o dai fattori di esposizione..
  2. Nausea e vomito.
  3. Convulsioni (contrazione muscolare involontaria e spasmi).
  4. Mal di testa. Caratterizzato dallo sviluppo di una sindrome del dolore acuto e intenso.
  5. Possibilmente scarsa coordinazione (andatura barcollante, perdita di equilibrio).
  6. Pulsazioni all'interno della testa, sensazione di pesantezza o spremitura.
  7. Allucinazioni.
  8. Confusione di coscienza.
  9. Svenimento.
  10. Diminuzione dell'acuità visiva e dell'udito.
  11. Intorpidimento degli arti o di parti del corpo.
  12. Compromissione della memoria.
  13. Rumore nelle orecchie.
  14. Tremori alle mani e alla testa.
  15. Disturbi del sonno.
  16. Compromissione del linguaggio.
  17. Sviluppo di paralisi e paresi.

Con la progressione della malattia si sviluppano sintomi cerebrali, che è associato all'idrocefalo secondario (violazione del deflusso del liquido cerebrospinale).

Con una cisti del lobo frontale, possono svilupparsi i seguenti sintomi:

  • diminuzione del livello intellettuale;
  • loquacità;
  • violazione dell'andatura;
  • la parola diventa confusa;
  • le labbra sono tirate fuori sotto forma di un tubo.

Con una cisti aracnoidea del cervelletto, si notano i seguenti sintomi:

  • ipotensione dei muscoli;
  • violazioni dell'apparato vestibolare;
  • instabilità dell'andatura;
  • movimenti oculari involontari;
  • sviluppo di paralisi.

Va notato che una cisti cerebellare può essere una neoplasia piuttosto pericolosa..

Una neoplasia aracnoidea alla base del cervello può provocare lo sviluppo di tali segni:

  • violazione del funzionamento degli organi visivi;
  • strabismo;
  • incapacità di muovere gli occhi.

La massa aracnoidea congenita nei bambini può causare i seguenti sintomi:

  • fontanella pulsante;
  • diminuzione del tono degli arti;
  • sguardo disorientato;
  • rigurgito abbondante dopo l'alimentazione.

La cisti aracnoidea della fossa cranica posteriore provoca lo sviluppo di tali segni:

  • mal di testa persistente;
  • paralisi di una metà del corpo;
  • disordini mentali;
  • crampi frequenti e gravi.

La cisti del lobo temporale è caratterizzata dallo sviluppo di sintomi della "psiche frontale": i pazienti non criticano il proprio benessere, si sviluppa pianto, compaiono allucinazioni uditive e visive.

Misure diagnostiche

Durante un esame di routine da parte di un medico, è impossibile identificare un tumore aracnoideo. I sintomi possono solo indicare lo sviluppo di formazioni patologiche, quindi diventerà un motivo per condurre un esame hardware:

  1. RM o TC. Consente di determinare la presenza di una cisti, valutarne le dimensioni, la localizzazione.
  2. Angiografia a contrasto. Aiuta ad eliminare la presenza di tumori maligni: il cancro è in grado di accumulare agenti di contrasto.
  3. Analisi del sangue per le infezioni.
  4. Determinazione del livello di colesterolo nel sangue.
  5. Ecografia Doppler, che consente di valutare la pervietà dei vasi sanguigni.
  6. ECG ed ecografia del cuore. Lo sviluppo dell'insufficienza cardiaca può provocare un deterioramento della circolazione cerebrale.

Caratteristiche del trattamento delle cisti aracnoide

Formazione congelata: cisti aracnoidea del lobo temporale sinistro, cisti dell'ippocampo, fossa cranica posteriore, base del cervello, cervelletto non richiedono trattamento, non causano sensazioni dolorose. Tuttavia, i pazienti devono identificare le cause profonde per prevenire lo sviluppo di nuove formazioni..

Il trattamento conservativo di una cisti aracnoidea della testa è richiesto solo con un tipo progressivo di formazione. I farmaci sono prescritti per alleviare l'infiammazione, normalizzare la circolazione cerebrale e ripristinare i neuroni danneggiati. La durata del corso è determinata individualmente. Vengono utilizzati i seguenti medicinali:

  • Longidaz, Caripatina per il riassorbimento delle aderenze;
  • Actovegin, Gliatilin per ripristinare i processi metabolici nei tessuti;
  • Viferon, Thymogen per normalizzare l'immunità;
  • Pirogenal, Amiksin - farmaci antivirali.

Il trattamento chirurgico di una formazione aracnoidea inizia solo se le tecniche conservative sono inefficaci. Esistono tali indicazioni per l'intervento chirurgico:

  • rischio di rottura dell'istruzione;
  • violazione dello stato mentale;
  • convulsioni frequenti e convulsioni epilettiche;
  • aumento della pressione intracranica;
  • aumento dei sintomi focali.

I seguenti metodi di terapia chirurgica vengono utilizzati per le formazioni cistiche aracnoidee:

  1. Drenaggio. Il metodo di aspirazione con ago rimuove efficacemente il fluido dal tumore del liquido cerebrospinale dei lobi sinistro e destro.
  2. Bypass. La tecnica prevede il drenaggio della formazione per garantire il deflusso del fluido.
  3. Fenestrazione. Comporta l'escissione di una formazione patologica utilizzando un laser.
  4. Craniotomia. Questa è una procedura radicale ed efficace. Il metodo è altamente traumatico, quindi può portare allo sviluppo di conseguenze pericolose.
  5. Endoscopia. Questa è una tecnica poco traumatica che consente di rimuovere il contenuto della cavità cistica attraverso le punture.

Azioni preventive

La prevenzione della formazione dell'aracnoide primaria consiste nel mantenere uno stile di vita sano da parte di una donna durante la gravidanza. Per prevenire lo sviluppo di formazioni secondarie, è necessario:

  • mantenere i normali livelli di colesterolo;
  • monitorare il livello di pressione sanguigna;
  • con lo sviluppo di malattie infettive o autoimmuni, è necessario un trattamento tempestivo;
  • monitorare il benessere dopo lesioni cerebrali.

La cisti aracnoidea è una malattia pericolosa che ha gravi conseguenze in assenza di terapia. Se un paziente consulta un medico immediatamente dopo aver determinato una neoplasia, aderisce a tutte le raccomandazioni, la prognosi è ottimistica. Altrimenti, la cisti del liquido cerebrospinale del lobo temporale destro, una cisti aracnoide della ghiandola pineale o di un'altra parte del cervello alla fine causerà sintomi spiacevoli, complicazioni (convulsioni, epilessia, perdita di sensibilità), morte.

Cisti aracnoidea

Una cisti cerebrale è una formazione patologica vuota riempita con un fluido simile nella composizione al liquido cerebrospinale, che ha una diversa localizzazione nel cervello. Esistono due tipi principali di cisti cerebrali: aracnoide, cisti retrocerebellare.

La cisti aracnoidea del cervello è una formazione cava benigna piena di liquido che si forma sulla superficie del cervello nella regione delle sue membrane aracnoidee (aracnoidi).

Le meningi aracnoidi sono una delle tre meningi situate tra la dura madre superficiale e la pia madre profonda.

Le pareti di una cisti aracnoidea sono formate da cellule della membrana aracnoidea del cervello (cisti primaria) o da collagene cicatriziale (cisti secondaria). Una cisti aracnoidea può essere di due tipi:

  • La cisti aracnoidea primaria o congenita è una conseguenza di anomalie nello sviluppo delle membrane del cervello nel feto a seguito dell'esposizione a fattori fisici e chimici (farmaci, esposizione alle radiazioni, agenti tossici);
  • La cisti aracnoidea secondaria o acquisita è una conseguenza di varie malattie (meningite, agenesia del corpo calloso) o una complicazione dopo lesioni, interventi chirurgici (contusioni, commozioni cerebrali, danni meccanici alle membrane esterne del cervello).

Nella maggior parte dei casi, lo sviluppo di una cisti aracnoide è asintomatico. I sintomi neurologici pronunciati sono presenti solo nel 20% dei casi.

Tra i fattori che influenzano l'aspetto e la crescita di una cisti aracnoidea ci sono:

  • Processo infiammatorio delle meningi (virus, infezione, aracnoidite);
  • Un aumento della pressione del fluido all'interno della formazione cistica;
  • Commozione cerebrale o qualsiasi altra lesione cerebrale in un paziente con una cisti aracnoidea preesistente.

Sintomi della cisti retrocerebellare aracnoidea

Nella maggior parte dei casi, le cisti cerebrali (aracnoide, cisti retrocerebellare) sono asintomatiche. Queste neoplasie vengono rilevate durante il successivo esame del paziente o durante la diagnosi di malattie neurologiche con sintomi simili. I sintomi di una cisti aracnoidea non sono specifici. La gravità dei sintomi di una cisti aracnoidea retrocerebellare dipende dalla posizione e dalle dimensioni della formazione. La maggior parte dei pazienti presenta sintomi cerebrali associati alla compressione di alcune aree del cervello. È estremamente raro che si osservino sintomi focali a causa della formazione di un igroma, rottura della cisti aracnoidea.

I principali sintomi di una cisti aracnoidea retrocerebellare:

  • Vertigini non dovute ad altri fattori (stanchezza, anemia, farmaci, gravidanza nelle donne);
  • Nausea, vomito, non causati da altri fattori (assunzione di farmaci, avvelenamento, altre malattie);
  • Allucinazioni, disturbi mentali;
  • Convulsioni;
  • Perdita di conoscenza;
  • Sensazioni di intorpidimento agli arti, emiparesi;
  • Mal di testa, mancanza di coordinamento;
  • Sensazione di palpitante, pienezza alla testa;
  • Problemi di udito e vista;
  • Chiaro riconoscimento del tinnito preservando l'udito;
  • Sensazione di pesantezza alla testa;
  • Aumento del dolore quando si muove la testa.

Va notato che con un tipo secondario di cisti aracnoide, il quadro clinico può essere integrato dai sintomi della malattia o del trauma sottostante, che è la causa principale della formazione della cavità cistica..

Diagnostica cisti del liquido cerebrospinale aracnoide

Vari metodi vengono utilizzati per diagnosticare le cisti aracnoide del CSF (cisti riempite di CSF). I principali tra loro sono la risonanza magnetica e la tomografia computerizzata per rilevare la formazione cistica, determinarne la localizzazione, le dimensioni. La somministrazione endovenosa di contrasto consente la differenziazione della cisti aracnoidea del liquido cerebrospinale dal tumore (il tumore accumula contrasto, la cisti no).

Va ricordato che una cisti aracnoidea è più spesso il risultato di un'altra malattia neurologica o disfunzione di qualsiasi sistema di organi. Per identificare le cause alla radice di una cisti aracnoide, vengono utilizzati i seguenti metodi diagnostici:

  • Analisi del sangue per rilevare virus, infezioni, malattie autoimmuni;
  • Analisi del sangue per la coagulazione e i livelli di colesterolo;
  • Lo studio Doppler consente di rilevare una violazione della pervietà dei vasi sanguigni, a seguito della quale si sviluppa una mancanza di afflusso di sangue cerebrale;
  • Monitoraggio della pressione sanguigna, registrazione delle fluttuazioni della pressione al giorno;
  • Ricerca sul cuore.

L'identificazione accurata delle cause dello sviluppo di una cisti aracnoidea consente di scegliere il trattamento ottimale per la formazione cistica e ridurre al minimo il rischio di recidiva.

Trattamento della cisti aracnoidea

Secondo le dinamiche di sviluppo delle cisti aracnoidee, ci sono formazioni cistiche congelate e cisti progressive. Di norma, le formazioni congelate non causano sensazioni dolorose al paziente, non rappresentano un rischio per la normale attività cerebrale. In questo caso, non è richiesto il trattamento della cisti aracnoidea. Con le forme congelate di cisti, la diagnostica e il trattamento mirano a identificare le cause alla radice della formazione di cisti, nonché a eliminare e prevenire i fattori che contribuiscono alla formazione di nuove cisti.

Con un tipo progressivo di formazioni cistiche, il trattamento di una cisti aracnoide comporta un insieme di misure volte a identificare ed eliminare le cause della cisti, nonché la rimozione diretta della cisti stessa.

Il trattamento farmacologico di una cisti aracnoide ha lo scopo di eliminare i processi infiammatori, normalizzare l'afflusso di sangue cerebrale, ripristinare le cellule cerebrali danneggiate.

Con l'inefficacia o la scarsa efficacia dei metodi conservativi di trattamento delle cisti aracnoidi, vengono utilizzati metodi radicali. Le indicazioni per la chirurgia sono:

  • Rischio di rottura della cisti aracnoidea;
  • Disturbi dello stato mentale di un paziente con crescente frequenza di convulsioni convulsive ed epilettiche;
  • Aumento della pressione intracranica;
  • Rafforzare i sintomi focali.

I principali metodi di trattamento chirurgico di una cisti aracnoidea sono:

  • Drenaggio: rimozione del fluido dalla cavità mediante agoaspirazione;
  • Shunting: creazione di un drenaggio per il deflusso del fluido;
  • Fenestrazione - escissione della cisti.

Cisti aracnoidea: conseguenze, prognosi, complicanze

Con una diagnosi e un trattamento tempestivi della cisti aracnoidea, la prognosi è molto favorevole. I principali rischi associati allo sviluppo di una cisti aracnoide sono un aumento dell'effetto di compressione del corpo della cisti sui centri cerebrali, con conseguente compromissione delle funzioni corporee e rottura della cisti. Dopo la rimozione della cisti aracnoidea, le conseguenze possono essere disturbi dell'udito e della vista, funzione del linguaggio. Se una cisti aracnoidea non viene diagnosticata in tempo, le conseguenze possono essere estremamente pericolose (idrocefalo, ernia cerebrale, morte).

Video di YouTube relativo all'articolo:

Le informazioni sono generalizzate e fornite solo a scopo informativo. Al primo segno di malattia, consultare il medico. L'automedicazione è pericolosa per la salute!

Cisti aracnoidea del cervello

Nella maggior parte dei casi, la cisti aracnoidea non si manifesta in alcun modo. È di piccole dimensioni e, di regola, non cresce e non impedisce a una persona di vivere una vita normale. In rari casi, una neoplasia si fa sentire quando provoca la comparsa di sintomi spiacevoli e pericolosi per una persona.

Cosa causa una cisti alla testa

Una formazione sferica benigna - una cisti nel cervello - è piena di liquido cerebrospinale all'interno. La gravità dei sintomi dipende dalle dimensioni della neoplasia, ma viene rilevata durante una visita medica casuale o quando viene diagnosticata un'altra malattia. La cisti aracnoidea del cervello è asintomatica nella maggior parte dei casi. Sintomi neurologici luminosi sono presenti solo nel 20% dei pazienti. Fattori che influenzano l'aspetto e la crescita di una cisti:

  1. qualsiasi lesione cerebrale;
  2. crescita della formazione della pressione del fluido intracistico;
  3. processo infiammatorio nel cervello (infezione, virus).

Tipi di cisti aracnoidi

I principali esperti nel campo della medicina oggi definiscono due tipi di neoplasie che differiscono tra loro per la causa del loro verificarsi. Il primo è quello primario, che si sviluppa come un bambino nel grembo materno. Secondario si manifesta nel processo delle patologie di cui sopra. Inoltre, una cisti può essere semplice, formata dal liquido cerebrospinale e complessa, contenente vari tipi di tessuti. Per posizione, le neoplasie nel cervello sono suddivise in:

  • lobo temporale sinistro o destro;
  • parte parietale o frontale della testa;
  • cervelletto;
  • canale vertebrale;
  • fossa cranica posteriore;
  • colonna vertebrale (perineurale);
  • lombare.

Può essere formato a seguito di processi infiammatori che si sono sviluppati durante il periodo prenatale. La causa della comparsa di una neoplasia a volte è una lesione alla nascita, una malattia della meningite in un neonato. Ci sono spesso numerosi disturbi dello sviluppo fetale dovuti al fumo, ai farmaci, al consumo di alcol da una donna incinta. Se la cisti primaria progredisce rapidamente, con sintomi gravi può essere rimossa a qualsiasi età del bambino.

Questo tipo di cisti aracnoidea del cervello si sviluppa dopo malattie passate, lesioni, interventi chirurgici. L'evento può provocare un forte colpo alla testa, commozione cerebrale dopo un incidente, emorragia subaracnoidea o danni meccanici. Quando una cisti secondaria inizia a formarsi a causa di qualsiasi patologia, le sue pareti sono costituite da tessuto cicatriziale. Se una cisti nel cervello di un adulto si sviluppa per un altro motivo, le sue pareti contengono tessuto aracnoideo.

  • Pesce salmone Coho - ricette per piatti deliziosi con foto. Come salare, cuocere o friggere deliziosamente il pesce rosso coho
  • Come asciugare correttamente i funghi a casa
  • Trattamento della gotta esacerbata

Perché una cisti aracnoidea retrocerebellare è pericolosa?

Questo tipo di neoplasia si trova tra il guscio molle e duro del cervello. Il fattore di rischio è che una cisti aracnoide retrocerebellare può successivamente contribuire alla morte cellulare e questa condizione porta alla comparsa di un tumore maligno. Nei bambini, la neoplasia porta a ritardo dello sviluppo o sindrome da ipermobilità. Negli adulti, una cisti in crescita aumenta la pressione sulla materia grigia e sul tessuto cerebrale.

I principali segni e sintomi dell'educazione

I sintomi di una ciste compaiono mentre cresce. Inizia il mal di testa, l'acufene è disturbato dalla sensibilità della pelle. Se la cisti aracnoidea del cervello non viene trattata, può verificarsi la paralisi delle estremità, possono comparire convulsioni epilettiche, la sordità può aumentare e la vista sarà persa. I sintomi della malattia sono specifici di un'area specifica della lesione.

Negli adulti

Piccole bolle con contenuto liquido nei tessuti del cervello non rappresentano una minaccia per una persona e vive facilmente con loro per tutta la vita. Grandi formazioni di tipo progressivo hanno chiari segni di patologia. Esso:

  • perdita di orientamento;
  • emicrania regolare;
  • perdita di sonno;
  • violazione del tono muscolare;
  • zoppia;
  • nausea;
  • spasmi agli arti (involontari);
  • vertigini.

Nei bambini

Quando una ciste si forma nei neonati a causa di infiammazione, danno o altra patologia del cervello, è una formazione di ramolazione che si manifesta ovunque. Se il bambino ha parassiti, ad esempio una tenia, può svilupparsi una cisti parassitaria. Le neoplasie cerebrali sono il risultato di una ridotta circolazione del liquido interstiziale. I sintomi dipendono dalla posizione e dal tipo di cisti e non esiste un elenco universale di essi. Le seguenti condizioni possono indicare una patologia del cervello in un bambino:

  • fontanella pulsante;
  • letargia degli arti;
  • sguardo disorientato;
  • rigurgito dopo l'alimentazione.

Metodi diagnostici

  • Lettering per tatuaggio con traduzione
  • Cavoletti di Bruxelles - ricette con foto. Come cucinare i cavoletti di Bruxelles congelati o freschi
  • Tagliarsi i capelli in un sogno è un discorso nei libri dei sogni. Perché sognare di tagliare i capelli a te stesso o dal parrucchiere

Il metodo diagnostico ottimale della patologia è la risonanza magnetica del cervello. In presenza di una cisti, la descrizione finale dei risultati della tomografia indicherà: "alterazioni aracnoidee di natura liquor-cistica". Il luogo di localizzazione dell'educazione rivela l'uso di agenti di contrasto. La proprietà principale di una neoplasia, a differenza di un tumore, è la capacità di accumulare contrasto. Se necessario, vengono eseguiti test di laboratorio, studi:

  • sangue per il colesterolo;
  • identificare le infezioni;
  • Ecografia Doppler dei vasi sanguigni;
  • misurazione della pressione sanguigna (rileva i suoi salti).

Metodi di trattamento

I metodi di trattamento per la malattia dipenderanno dai risultati della diagnosi. Se la cisti aracnoidea del cervello è piccola, non rappresenta un rischio per la salute. Il paziente sarà monitorato da un medico e periodicamente esaminato. Durante questo periodo, è importante eliminare la causa della patologia e ridurre al minimo l'influenza di fattori negativi. Se la neoplasia cresce rapidamente, verrà utilizzata la terapia farmacologica o la chirurgia.

Terapia farmacologica

Le cisti di medie dimensioni possono essere trattate con farmaci. Il corso del trattamento viene prescritto individualmente e viene eseguito sotto la supervisione di un medico fino a quando le condizioni del paziente non migliorano. I nomi dei farmaci che possono fermare la crescita delle neoplasie:

  1. adesioni risolutive: Longidaz, Caripatina;
  2. attivazione dei processi metabolici nei tessuti: Actovegin, Gliatilin;
  3. immunomodulatori: Viferon, Timogen;
  4. antivirale: pirogenico, amiksina.

Rimedi popolari ed erbe aromatiche

Con una cisti cerebrale asintomatica, è possibile sostenere il corpo con ricette popolari:

  1. Tintura di erba cicuta. Elimina il mal di testa. La durata del trattamento è di 79 giorni. Se necessario, il corso può essere ripetuto. Puoi preparare una tintura come segue: versare 100 g di semi o gambi tritati con olio d'oliva (0,5 l). La soluzione dovrebbe essere lasciata in un luogo buio per tre settimane. Successivamente, l'olio viene passato più volte nella garza. L'infusione viene presa attraverso il naso 3 volte / giorno, 2 gocce.
  2. Infuso dalla radice della dioscorea caucasica. Ha un effetto benefico sul lavoro del cervello: purifica e dilata i vasi sanguigni. Il corso di ammissione è di 2-3 mesi. La radice (200 g) viene schiacciata, il barattolo viene riempito, vengono versati 700 ml di vodka. In un luogo fresco, la composizione viene infusa per 5 giorni. Dopo che l'infusione è stata drenata e vengono versati altri 700 ml di vodka. Dopo 5 giorni, entrambe le composizioni vengono miscelate, filtrate e utilizzate per 2 cucchiaini. tre volte al giorno prima dei pasti.
  3. Elisir di lievito. Aiuta a ridurre l'infiammazione, normalizzare la pressione intracranica. Il corso del trattamento è di tre settimane. Lievito (1 cucchiaio. L.) Viene mescolato con erba secca elecampane (40 g) e tre litri di acqua bollita. Insistere per 2 giorni, quindi assumere 4 volte al giorno per mezzo bicchiere.

Intervento chirurgico

Se la cisti del cervello aumenta di dimensioni, verrà prescritta un'operazione per rimuoverla. La medicina moderna prevede diversi tipi di intervento chirurgico:

  • il metodo endoscopico è il meno traumatico quando il contenuto viene rimosso tramite forature;
  • lo smistamento in chirurgia viene effettuato introducendo un tubo di drenaggio nella cavità della cisti (c'è un alto rischio di infezione);
  • la fenestrazione viene eseguita mediante escissione della formazione utilizzando un laser;
  • puntura, che comporta la rimozione della capsula con uno strumento ultrasottile (un'alta probabilità di una complicazione neurologica);
  • craniotomia: l'operazione più radicale ed efficace, combinata con un aumento del trauma.

Previsioni e conseguenze

Con il rilevamento tempestivo di una cisti cerebrale, la prognosi è favorevole. I principali rischi associati alla formazione di aracnoidi sono la compressione dei centri cerebrali, dopo di che ci sono interruzioni nel corpo. Dopo la rimozione della cisti, a volte si osservano disturbi della parola, dell'udito o della vista. In caso di diagnosi prematura, rottura della cisti, idrocefalo, è possibile la morte.

Prevenzione

Il cambiamento delle dimensioni della cisti aracnoide non dovrebbe essere percepito come una malattia oncologica, ma dovrebbero essere prese misure preventive per mantenere la salute del cervello. Questi includono: aderenza all'attività fisica, corretta alimentazione, rinuncia alle cattive abitudini. Per le persone sopra i 40 anni, si consiglia di visitare un cardiologo e un neurologo ogni sei mesi per un esame.

Cisti aracnoide del cervello, tipi e cause, sintomi e trattamento

Cisti aracnoidea del cervello, tipi e cause, sintomi e trattamento

Sintomi

La formazione di una cisti cerebrale avviene in due fasi. La fase iniziale del suo inizio è caratterizzata da un completo benessere e dall'assenza di manifestazioni cliniche. La seconda fase inizia con la comparsa dei sintomi prodromici, che vengono poi trasformati in un quadro clinico dettagliato. La messa in scena delle manifestazioni dei sintomi clinici si basa sulle dimensioni della formazione.

Dimensioni delle cisti sicure e pericolose:

  • Clinicamente insignificante (diametro inferiore a 1 cm);
  • Clinicamente significativo (meno di 3 cm di diametro)
  • Vitale (diametro superiore a 3 cm).

Ma la prognosi per la vita e la salute del paziente è determinata non dalle sue dimensioni, ma dalla sua posizione. Se una cisti retrocerebellare si trova nei centri responsabili del lavoro del cuore e dei polmoni, anche una piccola dimensione della formazione può portare all'interruzione del lavoro di questi organi. Pertanto, a volte è difficile indovinare quali dimensioni sono pericolose.

La forma clinicamente insignificante è asintomatica. La dimensione della formazione è piccola e non causa la compressione delle strutture interne del cervello. Il paziente non si lamenta, considerandosi sano.

I sintomi di una forma clinicamente significativa sono determinati dalla sua posizione:

Il mal di testa è persistente o parossistico. Può essere accompagnato da nausea, vomito con sintomi cerebrali, che non porta sollievo. Le sensazioni spiacevoli sono localizzate nella fronte, nella parte posteriore della testa, in tutta la testa senza una chiara localizzazione. A volte i pazienti lamentano una natura simile all'emicrania della cefalea.

Interruzione degli analizzatori visivi, uditivi, vestibolari, olfattivi.

A seconda della posizione della formazione, il paziente può notare un deterioramento della vista, dell'udito e dell'olfatto. A riposo, vertigini, mancanza di coordinazione possono disturbare.

Attività motoria compromessa.

Il volume dell'attività motoria cambia in proporzione alle dimensioni della cisti. Nelle condizioni del paziente, all'inizio può esserci solo una sensazione di parestesia, quindi limitazione del movimento negli arti superiori e inferiori. In alcuni casi si sviluppa paresi o paralisi. A volte il paziente va dal dottore lamentandosi che è difficile per lui legare i lacci delle scarpe, tenere un cucchiaio.

La forma pericolosa per la vita porta allo sviluppo di complicazioni. Alcune complicazioni includono:

  • Perdita di coscienza, coma;
  • Convulsioni generalizzate;
  • Sordità;
  • Cecità;
  • Paralisi;
  • Emorragia cerebrale;
  • Ischemia e necrosi dei tessuti adiacenti.

Quanto velocemente cresce il tumore?

Il tasso di crescita è strettamente specifico per ogni paziente. Può durare da diversi mesi a diversi anni. Fattori che influenzano il tasso di crescita di una neoplasia:

  • Le lesioni benigne crescono più lentamente delle lesioni maligne.
  • La cisti cerebrale di un bambino si forma più velocemente di un adulto.
  • Maggiore è la pressione all'interno, più velocemente cresce di dimensioni.
  • Il tasso di comparsa è influenzato dalla sua posizione (ad esempio, una cisti pineale in un bambino, cisti subepindali).

Come rispondere se una ciste cresce?

I pazienti si chiedono sempre cosa fare se una cisti retrocerebellare inizia a crescere. La crescita dell'istruzione avviene come risultato dell'attivazione del processo di divisione. Qualsiasi attività della neoplasia deve essere diagnosticata e differenziata dal processo maligno. Tutti i pennelli nella testa di un neonato dovrebbero diminuire di dimensioni nel tempo..

Encefalopatia discircolatoria e cisti retrocerebellare

Una cisti retrocerebellare provoca lo sviluppo di encefalopatia discircolatoria. Un altro punto di vista è la teoria della sua comparsa sullo sfondo dell'encefalopatia discircolatoria già esistente. L'encefalopatia è un cambiamento morfologico nel tessuto cerebrale a seguito di processi degenerativi in ​​esso. Il trofismo del tessuto cerebrale è disturbato, che è accompagnato dalla formazione di cavità cave. Le cavità si riempiono di liquido cerebrospinale nel tempo. Ecco come appare la cisti.

Le conseguenze di una grande cisti retrocerebellare

Dopo l'operazione nei primi mesi, potrebbe esserci un deterioramento delle condizioni generali. Il paziente inizia a preoccuparsi per ipertensione arteriosa, cefalea. A volte compaiono sintomi focali, sindrome convulsiva, astenia cerebrale. Per un po ', il comportamento umano diventa deviante. La condizione è reversibile. Con un'adeguata riabilitazione, scompaiono completamente dopo 2-3 mesi..

Fondamentalmente, la prognosi per la vita di un paziente è determinata dalla diagnosi e dal trattamento corretti..

Caratteristiche della cisti nei bambini

Un bambino che inizia a sviluppare una ciste sperimenterà gli stessi sintomi di qualsiasi adulto. Tuttavia, possono essere molto pronunciati, il che causerà più disagio. La ragione più comune per lo sviluppo di un tale problema nei bambini è la meningite. Pertanto, dopo il recupero, dovresti controllare regolarmente con il tuo medico per eliminare i rischi..

Una ciste si trova spesso nei neonati. Se non viene notato in modo tempestivo, c'è il rischio di divergenza delle cuciture ossee nel bambino. In questo caso, molto probabilmente, l'idrocefalo inizierà a svilupparsi e in futuro il bambino avrà problemi con lo sviluppo mentale e fisico..

Quando una cisti viene rilevata in un bambino, è importante confermare la diagnosi il più rapidamente possibile utilizzando un'ecografia e condurre una terapia intensiva, compreso un intervento chirurgico.

Trattamento

Come trattare una cisti:

  1. Terapia conservativa.
  2. Intervento chirurgico.

La terapia conservativa dipende dalla sindrome dominante. Molto spesso si tratta di un aumento della pressione intracranica. In questo caso, al paziente viene prescritto un diuretico come l'idroclorotiazide o il mannitolo..

Il principale metodo di trattamento è la chirurgia. Indicazioni:

  • ipertensione intracranica maligna, che si è sviluppata a seguito di una cisti ingrandita, la cui dimensione superava i 20 mm di diametro;
  • sintomi neurologici carenti: diminuzione o violazione della sfera sensibile, diminuzione della forza muscolare, paralisi, coordinazione e andatura alterate;
  • dinamica maligna negativa della cisti: sta rapidamente aumentando di dimensioni;
  • la neoplasia influisce negativamente sui dati elettroencefalografici, modificando l'attività bioelettrica dei neuroni.

Esistono questi tipi di operazioni:

  1. Fenestrazione endoscopica. L'obiettivo è drenare la cisti per liberarne il contenuto.
  2. Bypass. L'obiettivo è eliminare i sintomi dell'aumento della pressione intracranica e riabilitare l'afflusso di sangue al cervello.
  3. Craniotomia. L'obiettivo è rimuovere parzialmente o completamente la neoplasia o la sua parete.

L'operazione non è prescritta se il tumore non cresce. Controindicazioni: gravi violazioni delle funzioni vitali del corpo: coma, insufficienza respiratoria o cardiaca.

Cosa non si dovrebbe fare nei pazienti con una cisti:

  • Vaccinazione.
  • Bere alcolici, fumare.

Raccomandazioni per i pazienti:

  1. Misura la tua pressione sanguigna ogni giorno.
  2. Cerca di evitare lesioni cerebrali traumatiche: cambia lavoro se minaccia di essere colpito alla testa.

Non trovi una risposta adeguata? Trova un medico e fagli una domanda!

Prevenzione e prognosi

Nella maggior parte dei casi di rilevamento di una cisti del liquido cerebrospinale in una persona, la prognosi dei medici è positiva. Naturalmente, per soddisfare questa prognosi, sono necessari un decorso benigno della malattia e il suo trattamento. Con un'operazione riuscita, un periodo di recupero di alta qualità, il paziente si riprende completamente.

La prevenzione speciale di questi tipi di cisti non è stata inventata dalla medicina moderna. Si tratta di osservare le regole generali per mantenere la propria salute al giusto livello, cure elementari per il proprio corpo.Per evitare patologie congenite, è necessario monitorare attentamente la propria salute durante la gravidanza, consultare un medico in caso di malessere

Altri dovrebbero anche prestare la dovuta attenzione alla futura mamma, rendendosi conto che la salute del nascituro dipende dalle sue condizioni. Devi cercare di prevenire le malattie e, se non puoi evitarle, trattarle in tempo, senza portare a complicazioni

Si consiglia di eliminare per sempre le cattive abitudini. Devi anche sbarazzarti di altre cattive abitudini: mangiare cibo malsano, condurre uno stile di vita sedentario. Nel mondo moderno, il fast food (fast food) è imposto attivamente, ma allo stesso tempo c'è una scelta e molte alternative. Scegli le abitudini più sane possibili per te e per i tuoi cari. Puoi apprezzare i risultati dopo un po ', quando raggiungi un'età considerevole. La tua salute dipende solo da te.

Opzioni di sviluppo

Molto spesso, la cisti non interrompe l'attività del cervello. In caso di aumento del volume di una neoplasia e comparsa di anomalie neurologiche, le opzioni per lo sviluppo di una cisti dipenderanno dalla tempestività della diagnosi e dalla correttezza del trattamento..

Con l'aumento della pressione nella testa, possono verificarsi gravi disturbi della parola, dell'udito, della vista e della memoria. Possono verificarsi disturbi neurologici persistenti. Un forte aumento delle dimensioni di una neoplasia può provocare la sua rottura e la morte del paziente. Se la diagnosi e la terapia vengono eseguite in tempo, la prognosi è abbastanza ottimistica e dopo il trattamento il paziente si riprende al 100%.

Tipi di cisti aracnoidi

La cisti della fossa cranica posteriore (PCF) è una cavità con pareti compattate con contenuto liquido o denso. La medicina considera due tipi di tali neoplasie, delimitando per origine:

  • Congenito - formato prima della nascita di una persona, ad es. intrauterino;
  • Acquisito - insorto in una persona dopo la nascita a seguito dell'esposizione a fattori avversi.

La cisti può essere semplice (composta esclusivamente da cellule delle meningi aracnoidee) o complessa (includere anche elementi di altri tessuti).

Inoltre, tutte le cisti aracnoidi sono suddivise in diversi tipi in base alla localizzazione..

Aracnoide comune e retrocerebellare

La cisti rocerebellare non si trova sulla superficie del rivestimento del cervello, come il solito aracnoide, ma si trova nelle profondità della materia grigia dietro il cervelletto.

Una cisti comune è spesso localizzata nello spazio tra le braccia della membrana aracnoidea, dove può accumularsi il liquido liquoroso. Una neoplasia retrocerebellare di questo tipo distrugge le cellule degli strati profondi del cervello, crescendo al loro posto.

Cisti temporale

Una cisti nella regione temporale può formarsi sia a destra che a sinistra. I sintomi in ciascuno di questi casi saranno leggermente diversi. Il motivo è il focus della lesione su diverse parti del cervello che controllano varie funzioni del corpo..

Cisti della fossa cranica posteriore

La posizione nella fossa posteriore ha le sue caratteristiche. È qui che si trova il punto in cui il cervello si fonde dolcemente nel midollo spinale. Qualsiasi neoplasia qui è in grado di interrompere la comunicazione durante la trasmissione degli impulsi nervosi dal cervello al midollo spinale e viceversa..

Oltre ai nervi cranici che conducono gli impulsi agli organi sensoriali, ci sono grandi vasi sanguigni, così come il cervelletto, che è responsabile dell'equilibrio e della coordinazione dei movimenti..

Questo è un tipo di malattia molto pericoloso, in cui sono possibili disturbi respiratori, funzione cardiaca e capacità di muoversi normalmente. Con la rapida crescita della cisti PCF, può verificarsi un coma fatale.

Manifestazioni di cisti retrocerebellari

Quando viene rilevata una cisti retrocerebellare nella cavità cranica, il paziente ha una domanda del tutto naturale: è pericoloso o no? Se pericoloso, quali azioni intraprendere, come trattare, chi contattare?

Come notato sopra, di solito le cisti retrocerebellari non provocano alcun danno, non violano la salute e non minacciano complicazioni. Piccole cavità vengono scoperte per caso o potresti non sapere mai della loro esistenza.

Una cisti in espansione, ed è così che si comportano le formazioni secondarie piuttosto che quelle congenite, può contribuire alla comparsa di sintomi negativi, che è principalmente associata all'aumento della pressione intracranica e all'idrocefalo concomitante.

In generale, una cisti retrocerebellare viene spesso rilevata proprio in quelle persone che hanno sintomi di sindrome idrocefalico-ipertensiva, ma causata da altri motivi, e la cisti non ha assolutamente nulla a che fare con essa..

Le lamentele più tipiche dei pazienti con diagnosi di cisti retrocerebellare sono:

  1. Mal di testa persistenti, simili all'emicrania, che tendono a ripresentarsi a intervalli regolari (ad esempio, una volta all'anno), possono durare fino a diversi giorni e sono scarsamente alleviati dagli analgesici convenzionali;
  2. Vertigini ed episodi di perdita di coscienza;
  3. Attacchi di nausea e persino vomito (solitamente associati all'idrocefalo);
  4. Mal di testa;
  5. Cambiamenti vegetativi: sudorazione, tremori, vampate di calore o grave pallore, ansia, labilità emotiva.

Gravi segni di disfunzione autonomica possono portare il paziente a un esame, in cui si trova una cisti retrocerebellare, che, a sua volta, cercherà di essere associata ai sintomi. Molto spesso, questi fenomeni non sono correlati tra loro, quindi non si dovrebbe presumere che la rimozione della cisti o del suo contenuto eliminerà la disfunzione autonomica..

Sullo sfondo della crescente pressione nel cranio e della costante cranialgia, si sviluppano nevrosi, disturbi d'ansia, depressione, i pazienti sperimentano affaticamento, si stancano rapidamente e la capacità di lavoro diminuisce. I sintomi possono peggiorare con stress, affaticamento, surriscaldamento o esposizione a basse temperature, con improvvisi cambiamenti del tempo, sforzo fisico, lunghi viaggi o viaggi aerei.

Nel caso di una cisti di grandi dimensioni (fino a 5 centimetri o più), sono possibili convulsioni, ridotta motilità e andatura, disturbi visivi e uditivi, una sensazione di pulsazione o formazione estranea nella testa, associata alla compressione del cervelletto e delle strutture dello stelo.

In un bambino, una cisti retrocerebellare è spesso di natura congenita, non è incline a mostrare alcun sintomo, tuttavia, l'idrocefalo concomitante porterà ad ansia, labilità emotiva, scarso sonno del bambino, mal di testa e ritardo nello sviluppo psicomotorio. Una piccola cisti asintomatica non pregiudica lo sviluppo motorio e mentale del bambino.

Classificazione

Secondo la classificazione internazionale delle malattie (ICD-10), alla patologia è stato assegnato il codice Q04.6.

La classificazione della malattia è associata alla posizione della patologia, mentre si distinguono i seguenti tipi:

  1. Aracnoide - situato tra le tre membrane del cervello, nei bambini, questa neoplasia può provocare l'idrocefalo e un aumento del volume del cranio. Quando si diagnostica una cisti negli adulti, il trattamento molto spesso non è richiesto, ovviamente, se non c'è crescita della patologia.
  2. Retrocerebellare: localizzata all'interno dell'organo, questa neoplasia può portare alla morte delle strutture cellulari del cervello.
  3. Subaracnoide: una neoplasia congenita che può provocare incertezza nell'andatura, convulsioni e sensazioni pulsanti all'interno del cranio.
  4. Cisti del CSF aracnoide - si verifica nelle persone della fascia di età più avanzata o con alterazioni aterosclerotiche.

In accordo con le cause della patologia, le patologie cistiche aracnoidi sono suddivise in:

  • congenito: il loro sviluppo si verifica durante il periodo di crescita del feto nell'utero materno, nonché con l'asfissia del bambino.
  • acquisito - si sviluppa dopo alcune malattie e sotto influenze ambientali avverse.

Esiste una classificazione di cisti e sintomi:
progressivo: i segni clinici sono in aumento, che è principalmente associato ad un aumento del volume della cavità cistica;
congelati - sono in uno stato latente e non aumentano di dimensioni.

Trattamento

Le neoplasie benigne di piccole dimensioni, situate al di fuori dei centri vitali del cervello e non tendenti alla crescita, non richiedono un trattamento speciale. Devono essere monitorati, esaminati annualmente, nonché esami da un neurologo.

Il rapido sviluppo dei sintomi è un segnale della necessità di un attento monitoraggio dello stato di salute, consultazioni con specialisti come un neurochirurgo e un oftalmologo, nonché la prescrizione di un trattamento (farmaco o chirurgico).

Farmaco

Vari farmaci sono prescritti a seconda della causa della neoplasia benigna, inclusi i seguenti:

  1. Farmaci vascolari, metabolici, nootropici per il recupero da ictus e lesioni.
  2. Farmaci antibatterici, antivirali, antiparassitari per infezioni rilevanti.
  3. Agenti antipiastrinici ("Acido acetilsalicilico", "Curantil", "Plavix"), anticoagulanti ("Warfarin", "Eparina") e statine ("Simvastatina", "Atorvastatina") per fluidificare il sangue e ridurre le manifestazioni di aterosclerosi.
  4. Medicinali per normalizzare la pressione sanguigna nell'ipertensione.

Insieme ai farmaci prescritti da un medico, è consentito utilizzare rimedi popolari che aumentano le difese del corpo.

Chirurgico

Se la formazione cistica aumenta di dimensioni e ha un effetto negativo sul tessuto cerebrale circostante, è indicato l'intervento neurochirurgico.

Le operazioni sono dei seguenti tipi:

  • endoscopico: la resezione di una cisti o l'aspirazione del suo contenuto viene eseguita attraverso una piccola apertura nel cranio;
  • shunt: il tumore è collegato da shunt con altre cavità, il che consente di rimuovere il liquido cerebrospinale da esso e ne impedisce la crescita;
  • intervento neurochirurgico con craniotomia.

Sintomi

La sintomatologia della patologia dipende dalle sue dimensioni. Anche la posizione della cisti è importante, così come le sue cause. Maggiori informazioni sui sintomi della cisti nella testa di un adulto.

Se questa neoplasia benigna, gradualmente, senza interruzione, cresce, mentre la pressione del fluido interno aumenta, c'è il rischio che si manifesti una sintomatologia piuttosto pronunciata della patologia.

Se la neoplasia non cresce, il paziente, a causa dell'assenza di segni di patologia, potrebbe non essere nemmeno consapevole della sua presenza.

La provocazione dello sviluppo di una ciste può:

  • neuroinfezioni che non fermano il processo infettivo nel cervello;
  • flusso sanguigno disturbato di natura cronica;
  • processi autoimmuni;
  • sclerosi multipla.

Con una crescita intensiva della patologia, il paziente può notare contemporaneamente diversi sintomi dall'elenco elencato:

  1. Mal di testa cronico intenso.
  2. Pulsando all'interno del cranio, che provoca un certo disagio.
  3. Deterioramento della funzione uditiva, comparsa di tinnito.
  4. Sentirsi come se la tua testa stesse per esplodere.
  5. Aumento della pressione all'interno del cranio.
  6. Ipertensione.
  7. Deficit visivo.
  8. Paralisi degli arti inferiori e superiori, in tutto o in parte.
  9. Convulsioni.
  10. Improvvisa perdita di coscienza.
  11. Intorpidimento in una parte specifica del corpo o nelle braccia e nelle gambe, che può essere temporaneo o permanente.

Risposte a domande comuni

Spesso le persone non sono informate quando contattano un neurologo o un neurochirurgo. Di conseguenza, sorgono molte domande che causano malcontento tra i medici e disagio emotivo per il paziente. Le seguenti informazioni ti aiuteranno a farti un'idea della malattia, a comprendere rapidamente tutte le informazioni che lo specialista ti dirà in una consultazione faccia a faccia, se necessario, a fare domande sul merito.

Può una cisti retrocerebellare scoppiare? Una cisti è uno spazio vuoto pieno di CSF. Non ha cellule cerebrali. Se una cisti si forma a seguito di una lesione, potrebbe aprirsi (scoppiare). In questo caso, il liquido cerebrospinale si riverserà nello spazio subarchnoideo. Sono escluse conseguenze negative per il cervello.

Come scoprire il tipo di cisti?

Il nome esatto della formazione cistica è stabilito dai risultati di MRI, EEG e sulla base dell'anamnesi. Quando si effettua una diagnosi differenziale, vengono presi in considerazione la posizione della cisti, la presenza di gravi lesioni cerebrali traumatiche, sintomi concomitanti, nonché i risultati degli esami effettuati diversi mesi, anni fa.

Dove si trova la cisti retrocerebellare??

Dietro il cervelletto, nella regione della fossa cranica posteriore.

Come distinguere una cisti retrocerebellare da altri disturbi cerebrali?

Attacchi di cefalea, nausea, vomito, debolezza, disturbi del sonno possono essere associati a encefalopatia, osteocondrosi cervicale.

Una cisti retrocerebellare può provocare i sintomi elencati solo quando diventa di grandi dimensioni a causa della compressione o dello spostamento delle strutture vicine del cervello.

Fai una risonanza magnetica, test otoneurologici, uno studio della pressione del liquido cerebrospinale per escludere l'ipertensione intracranica. Ottieni un controllo completo per identificare e correggere l'origine dei tuoi problemi cerebrali.

Stabilire le cause dei problemi nel lavoro del cervello aiuterà:

  1. Risonanza magnetica del rachide cervicale;
  2. dopplerografia dei vasi della testa e del collo;
  3. esame da parte di un medico ORL;
  4. controllo della pressione sanguigna per escludere l'ipertensione;
  5. un esame del sangue per rilevare l'anemia, un processo infettivo nel cervello.

Nella maggior parte dei casi, le cisti retrocerebellari non compaiono in alcun modo, ma vengono rilevate per caso. Ad esempio, se tu o il tuo bambino avete ipertensione endocranica, encefalopatia, agenesia congenita o sottosviluppo del cervelletto, il complesso dei sintomi di Dandy-Walker, sono presenti altre anomalie dello sviluppo o tumori, il problema non è nella cisti, ma nelle malattie concomitanti.

Cosa non fare per le persone con una cisti retrocerebellare?

Non ci sono restrizioni chiare, ma nel migliore interesse del paziente:

  1. Non vaccinarsi senza consultare il medico. Ad esempio, la vaccinazione DPT prevede l'introduzione di una piccola dose di infezione nel corpo. Se sorgono complicazioni, il cervello ne soffrirà, il che influenzerà le dimensioni della cisti. In presenza di un episodio, le vaccinazioni sono vietate, il medico deve rilasciare una guida medica.
  2. Regolarmente, si consiglia di misurare la pressione sanguigna quotidianamente, in modo da notare un brusco deterioramento nel tempo.
  3. Rifiutare il consumo di alcol, limitare il fumo per evitare vasospasmo, intossicazione.
  4. Prevenzione di infezioni virali, avvelenamento, loro trattamento tempestivo (fino al completo recupero).
  5. Evitare contusioni, traumi craniocerebrali, si consiglia di astenersi dal praticare arti marziali.

Uno qualsiasi dei fattori elencati può provocare l'attivazione della crescita della cisti, la sua rottura.

Cosa fare se viene rilevata una grande cisti retrocerebellare?

In assenza di sintomi negativi, è necessario ripetere la risonanza magnetica dopo sei mesi. Se non ci sono dinamiche negative, ripetere l'esame dopo un anno. Vedi un neurologo ogni pochi anni. In assenza di dinamiche di crescita della cisti, non c'è problema che possa essere risolto con l'aiuto della neurochirurgia. Le donne con una cisti retrocerebellare possono rimanere incinte e dare alla luce bambini - questo non può provocare la crescita del tumore.

Se la cisti provoca la compressione di un determinato lobo del cervelletto o di altri tessuti adiacenti, vengono diagnosticati sintomi neurologici, la decisione di eseguire l'operazione viene presa dal medico insieme al paziente, in base all'anamnesi, ai risultati della risonanza magnetica, all'EEG. La presenza di una cisti retrocerebellare non controindica alcun trattamento per altre malattie.

Sintomi

I sintomi sono determinati dalla posizione, dalle dimensioni e dal tipo della cisti retrocerebellare. Le formazioni cistiche progressive si fanno sentire con segni caratteristici, tuttavia, i tumori che hanno smesso di crescere sono asintomatici e vengono rilevati per caso, ad esempio, durante un esame di routine.

La crescita della formazione retrocerebellare è dovuta a fattori autoimmuni: disfunzioni emodiscircolatorie (problemi con l'emodinamica), infezioni, neuroinfezioni, infiammazioni, problemi con i processi metabolici.

I seguenti sintomi indicano un processo patologico nel cervello. Più velocemente progredisce il tumore retrocerebellare, più pronunciati sono i sintomi. A volte ci sono più di due segni:

  • forti mal di testa;
  • pressione sul cranio;
  • palpitante indolore alla testa, tinnito;
  • ipertensione intracranica (pressione sanguigna alta);
  • debolezza, svenimento;
  • perdita dell'udito, diminuzione dell'acuità visiva;
  • tremore alle mani;
  • intorpidimento degli arti;
  • disturbi dell'attività motoria;
  • convulsioni, crisi epilettiche;
  • atassia: ridotta coordinazione dei movimenti (con una cisti cerebellare retrocerebellare).

Perché la malattia è pericolosa?

È abbastanza ovvio che tutto ciò che accade nel nostro corpo non proviene dalla natura, non per sempre, soprattutto quando si tratta del cervello.

L'aspetto di una cisti nello spessore delle cellule nervose o della membrana aracnoidea influisce in modo significativo sullo stile di vita e sulle attività di una persona.

A causa del costante dolore e vertigini, una persona non può lavorare, ma sperimenta una stanchezza costante.

Se un centro del cervello è danneggiato, c'è una violazione dell'udito, della vista, delle sensazioni tattili, dell'equilibrio, che influisce anche notevolmente sulla vita. È difficile per una persona vedere se stessa dove andare, vestirsi, andare a piedi in metropolitana.

Convulsioni e paralisi rendono impossibile per una persona vivere in modo indipendente: per mangiare normalmente, andare in bagno, è necessario l'aiuto di uno specialista.

La cisti può progredire ad alta velocità e portare a edema cerebrale, a seguito del quale la circolazione sanguigna e la respirazione sono gravemente compromesse e la persona può morire.

In pratica, una cisti retrocerebellare può essere presentata in diverse varianti, a seconda della localizzazione del fuoco, della natura e del meccanismo della neoplasia..

I tipi principali includono:

Aracnoide retrocerebellare - localizzato tra la superficie del cervello e la membrana aracnoidea. Può svilupparsi a causa di un eccesso di membrane aracnoidee con formazione cerebrale impropria o sotto l'influenza di fattori esterni.

Liquido cerebrospinale retrocerebellare: il cervello si forma spesso durante lo sviluppo intrauterino o si verifica durante un travaglio complicato, a causa di un lungo periodo anidro. Mentre il cervello del bambino soffre di carenza di ossigeno, le sue cellule stanno morendo irrevocabilmente. L'area sana viene sostituita da una cavità, che viene gradualmente riempita con contenuti spinali o sierosi.

Inoltre, la malattia può essere rilevata in un bambino immediatamente dopo la nascita ed essere congenita (primaria). Questo fatto è una prova diretta che durante la gravidanza il feto in via di sviluppo ha ricevuto ossigeno e sostanze nutritive insufficienti. Pertanto, le cellule cerebrali furono le prime a soffrire. Inoltre, la patologia può apparire a causa di un trauma alla nascita..

Se la patologia si sviluppa durante il periodo della vita, parlano della sua forma acquisita, si manifesta con sintomi caratteristici e possono danneggiare la salute del paziente.

Sintomi

Il processo volumetrico aumenta la pressione intracranica. Il complesso dei sintomi è caratterizzato dai seguenti segni:

  • Cefalalgia esplosiva e dolorante, spesso all'occipite. Osservato nel 100% dei pazienti.
  • Dolore dentro e intorno agli occhi. Il 18% dei pazienti se ne lamenta.
  • Acufene, diminuzione dell'accuratezza della vista, oscuramento degli occhi con un brusco cambiamento nella posizione del corpo. 9% dei pazienti.
  • Irritabilità, debolezza, disturbi del sonno, frequenti sbalzi d'umore. Osservato nel 100% dei pazienti.
  • Attacchi di panico. 23%.

I sintomi del deficit neurologico focale sono causati dalla compressione meccanica e dal danno alla struttura cerebellare. I sintomi sono integrati da ridotta coordinazione, disturbi dell'andatura e ridotta precisione dei movimenti. Disturbi della coordinazione sono osservati nel 50% dei pazienti.

La massa aracnoidea retrocerebellare può portare a morte improvvisa durante il sonno. Il meccanismo di morte è causato dal verificarsi di idrocefalo occlusivo acuto. Ciò è dovuto alla chiusura delle vie del liquido cerebrospinale. Il CSF si accumula nei sistemi ventricolari. C'è una sindrome ipertensiva acuta e idropisia cerebrale. A causa della compressione intracranica, i rami cerebrali vengono spostati. Questa si chiama sindrome da lussazione. L'esito della sindrome è un danno ai centri di respirazione e attività cardiovascolare, che porta alla morte.

Diagnosi e trattamento delle cisti aracnoidee

Le cisti che scorrono senza alcuna manifestazione possono essere rilevate solo per caso. Nel caso di manifestazioni neurologiche, il medico analizza prima di tutto i reclami del paziente. Tuttavia, le manifestazioni possono solo indicare che ci sono alcuni malfunzionamenti nel lavoro del cervello, ma non consentono di classificare il problema. Ematomi, tumori cerebrali, cisti localizzate all'interno del cervello hanno gli stessi sintomi. Per una diagnosi più accurata, il medico può prescrivere l'elettroencefalografia, l'ecoencefalografia o la reoencefalografia. Lo svantaggio di questi metodi è che non forniscono informazioni sulla posizione esatta della formazione o sulla sua natura..

Ad oggi, il metodo diagnostico più accurato che consente un alto grado di accuratezza per distinguere una cisti aracnoide da un tumore o da un ematoma è la tomografia computerizzata (TC) e la risonanza magnetica (MRI).

Ciò può essere ottenuto in vari modi, tra cui:

  • Bypass. Con questo metodo, il chirurgo inserisce un tubo (shunt) nella cisti attraverso il quale il fluido viene deviato verso altre parti del corpo (ad esempio, la cavità addominale), dove viene assorbito da altri tessuti.
  • Fenestrazione. In questo caso, vengono creati dei fori nel cranio del paziente e nelle pareti della cisti per il drenaggio e il normale flusso del liquido cerebrospinale..
  • Aspirazione dell'ago e connessione attraverso i fori della parte interna della cisti con lo spazio subaracnoideo per il drenaggio del fluido in esso.

Sintomi della malattia

Le manifestazioni della malattia dipendono dalle dimensioni della cisti. Se sono piccoli, fino a 2-3 cm di diametro, la malattia può essere asintomatica.

Tuttavia, con la crescita della neoplasia, in un modo o nell'altro, appariranno i sintomi, i principali dei quali sono mal di testa costanti e nausea con voglia di vomitare.

Altre manifestazioni della malattia:

  • Compromissione della coordinazione dei movimenti, andatura incerta, difficoltà a mantenere l'equilibrio;
  • paralisi periodica degli arti;
  • cambiamenti nello stato mentale di una persona;
  • man mano che la cisti cresce, allucinazioni;
  • la comparsa di convulsioni.

Se una cisti del liquido cerebrospinale si forma in un bambino durante lo sviluppo intrauterino, i suoi primi segni sono ansia, rigurgito multiplo, movimenti difficili delle braccia e delle gambe, mancanza di risposta alla voce di un adulto, oggetti luminosi.

Più fluido si accumula nella cavità, peggio si sente il paziente. Se il volume del liquido cerebrospinale è fino a 30 ml, la cisti è considerata piccola, si manifesta come un cambiamento nelle funzioni locali dell'area cerebrale. Con un volume da 30 a 70 ml, è considerato medio; la sintomatologia aumenta e si manifesta in un periodo più lontano. Se il liquido cerebrospinale si accumula più di 70 ml, si tratta di una grande cisti che preme sul tessuto cerebrale e rappresenta un pericolo per la vita del paziente.

Caratteristiche dei sintomi del tumore negli uomini e nelle donne

La parte maschile della popolazione ha maggiori probabilità di soffrire di aracnoidite. Secondo le statistiche mondiali, gli uomini hanno questa malattia 4 volte più spesso delle donne. Finora, la medicina non è stata in grado di rispondere alla domanda sul perché questo sta accadendo.

Inoltre, gli uomini affetti hanno una crescita delle cisti più rapida, nonché una diffusione più frequente della crescita ai tessuti adiacenti. Nelle donne, la cisti dà meno complicazioni e rimane più a lungo nella fase congelata..

Se una ciste viene trovata in un uomo in età militare, gli viene concessa una tregua dal servizio militare, inviato per ulteriori esami e trattamenti. Ulteriori azioni dipendono dal loro risultato.

Le forze armate non vengono immediatamente arruolate se viene rilevata l'ipertensione intracranica, compaiono i sintomi della malattia. Questo vale anche per disturbi isolati associati a coordinazione, vista, udito, ecc..

Metodi di trattamento

Se la cisti non aumenta di dimensioni e non "mostra" alcun segno, il suo trattamento non viene eseguito. In questo caso, il paziente necessita di un monitoraggio costante da parte di un neuropatologo..

Se si nota la crescita del tumore, prima i medici tentano di fermarne la progressione attraverso il trattamento farmacologico. Per questo, vengono utilizzati farmaci che aiutano ad eliminare i processi infettivi e infiammatori che si verificano nel cervello, che hanno causato la cisti..

E in situazioni in cui non c'è solo una rapida crescita dell'istruzione, ma anche un significativo deterioramento delle condizioni del paziente, i medici raccomandano vivamente un'operazione. Può essere eseguito in diversi modi:

  1. Craniotomia. L'operazione è complessa, ma è una delle più efficaci. Durante esso, non solo viene rimossa la formazione stessa, ma anche tutti i tessuti vicini. Tale operazione aiuta a prevenire il ripetersi della malattia in futuro. Ma questo metodo di intervento chirurgico ha molte controindicazioni. E quando il paziente non può sottoporsi a tale operazione, vengono scelti altri metodi..
  2. Intervento di bypass cerebrale. Viene eseguito se c'è un flusso costante di fluido nella neoplasia. Durante l'operazione, i vasi danneggiati sono attaccati alle arterie sane, il che consente di normalizzare il deflusso del fluido e migliorare la circolazione cerebrale..
  3. Metodo endoscopico. Vengono praticate diverse forature nel cranio. Attraverso di loro, utilizzando strumenti speciali, il chirurgo rimuove la formazione.

Dopo l'operazione, il paziente necessita di cure regolari e risiede in un centro di riabilitazione. Quando il paziente è completamente guarito, gli è permesso di tornare a casa. Ma allo stesso tempo, deve sottoporsi a esami preventivi ogni 6-12 mesi, il che consentirà di identificare tempestivamente una ricaduta della malattia..


Articolo Successivo
LDL: cos'è in un esame del sangue biochimico, le ragioni dell'aumento