Prevenzione dell'ipertensione arteriosa


L'ipertensione insidiosa (alta pressione sanguigna) non risparmia né i giovani né gli anziani! La prevenzione dell'ipertensione in una fase iniziale dello sviluppo è l'unico modo per sbarazzarsi rapidamente dei sintomi atroci dell'ipertensione..

L'ipertensione arteriosa (ipertensione) è una malattia che richiede un monitoraggio costante da parte del paziente stesso e l'attenzione del medico curante. Ad oggi, è stata sviluppata un'intera gamma di misure preventive, che ha ridotto significativamente la mortalità negli ultimi anni. I pazienti monitorano gli indicatori della pressione sanguigna per raggiungere il livello target in collaborazione con medici di famiglia o medici generici.

Primi passi dopo la diagnosi della pressione alta
Perdita di pesoPerdita di peso, soprattutto nelle persone che immagazzinano grasso nell'addome.
Evitare il sodioLimitando te stesso all'uso del sale da cucina a 4 grammi al giorno, puoi dimenticare i salti della pressione sanguigna.
Eliminazione dell'alcolEliminando le bevande alcoliche dalla tua vita, puoi contare sul corretto funzionamento del sistema cardiovascolare..
Esercizio fisicoCamminare, fare esercizio fisico, terapia fisica: migliora la circolazione sanguigna e normalizza la pressione sanguigna.
Mangiare cibi ricchi di potassioPuoi usare additivi alimentari biologicamente attivi. Molto potassio in albicocche secche, uvetta, prugne.

È impossibile sbarazzarsi completamente dell'ipertensione.

Ma per mantenere il livello di pressione sanguigna entro il range normale, tutti possono farlo. Hai solo bisogno di ricordare che la diagnosi e il controllo tempestivi aiutano a prevenire lo sviluppo di gravi complicazioni..

Metodi di base per combattere la malattia

I metodi per la prevenzione dell'ipertensione arteriosa iniziano con l'anamnesi. Tutti dovrebbero sapere se ci sono persone tra i parenti più prossimi che soffrono di malattie cardiovascolari. Queste informazioni consentono di determinare se è a rischio. L'ipertensione si trasmette principalmente attraverso la linea materna. Se la mamma ha avuto la pressione alta, i bambini possono affrontare lo stesso problema in età adulta..

I genitori di questi bambini dovrebbero compiere ogni sforzo per garantire che un'eredità di questo tipo non si sviluppi in una malattia nel tempo..

Esistono solo tre tipi di misure preventive per le persone con ipertensione. Il loro obiettivo è prevenire lo sviluppo di complicanze sotto forma di problemi del sistema cardiovascolare e ridurre il numero di decessi associati ad un aumento della pressione sanguigna..

Prevenzione primaria dell'ipertensione

Identificare i fattori di rischio e ridurre al minimo la loro influenza sullo sviluppo dell'ipertensione è l'obiettivo più importante. Le misure di prevenzione dovrebbero mirare a prevenire l'insorgenza di sintomi pericolosi.

Le misure preventive consistono in:

  • Allenamenti moderati. Con ipertensione lieve e moderata, una serie di esercizi correttamente selezionati contribuisce al rafforzamento generale del corpo, aumentando l'efficienza e normalizzando la pressione. Si consiglia di iniziare l'allenamento con un carico basso e aumentare gradualmente. È sufficiente impegnarsi 3 - 5 volte a settimana per mezz'ora di camminata, jogging, nuoto, esercizio su simulatori o ciclismo.
  • Mangiare sano. Salato, fritto, piccante - vietato. L'assunzione giornaliera di sale non deve superare i 5 grammi. Vale la pena ricordarlo se la dieta contiene carni affumicate, maionese, salsicce, cibo in scatola, sottaceti, formaggi, che contengono molto sodio.
  • Abbastanza tempo per riposare. Per far fronte allo stress, che è la causa più comune di ipertensione, i medici raccomandano di padroneggiare alcune tecniche di rilassamento. Può essere auto-allenamento, meditazione, autoipnosi. Bisogna sforzarsi di trovare qualcosa di buono e piacevole in ogni cosa. Guarda la vita con ottimismo.
  • Abbandonare le cattive abitudini. Nella maggior parte dei casi, il fumo e l'alcol sono tragici. Si consiglia di smettere completamente di fumare e di ridurre il consumo di alcol a 50 g al giorno.

Prevenzione secondaria dell'ipertensione

L'obiettivo della prevenzione secondaria dell'ipertensione è diagnosticare la malattia in una fase precoce. Molto spesso, la patologia non si manifesta con alcun sintomo per molto tempo. Per identificare il problema, è necessario misurare regolarmente la pressione sanguigna..

Se viene stabilita la diagnosi, la pressione viene riportata alla normalità con l'aiuto dei farmaci. La terapia medica è selezionata da un medico in conformità con gli standard internazionali.

Per il trattamento dell'ipertensione arteriosa vengono utilizzati principalmente β-bloccanti e diuretici tiazidici.

Se il paziente ha controindicazioni per loro, il medico curante seleziona altri farmaci.

Durante il periodo di terapia farmacologica, è importante registrare gli indicatori della pressione sanguigna in un diario speciale. Una volta al mese, è necessario mostrare i record al medico curante per adeguare il trattamento e la prevenzione.

Prevenzione terziaria della patologia grave

La prevenzione terziaria dell'ipertensione ha lo scopo di evitare complicazioni sotto forma di malattie cardiovascolari, disabilità e mortalità. Il modo principale per prevenire problemi cardiovascolari e mortalità nei pazienti con pressione alta è monitorare costantemente i livelli di pressione sanguigna..

Il controllo costante consente:

  • valutare il grado di progressione della malattia;
  • determinare il rischio di danni agli organi bersaglio;
  • determinare la presenza di altre malattie;
  • valutare il rischio di sviluppare complicanze del sistema cardiovascolare.

Ad un alto grado di rischio, il trattamento non farmacologico è indicato in combinazione con la terapia farmacologica. L'alto rischio dà diritto al medico curante di prescrivere un trattamento al paziente in ambiente ospedaliero.

A casa, il paziente deve seguire chiaramente il consiglio del medico:

  1. assumere farmaci antipertensivi rigorosamente nelle dosi e nel regime prescritti;
  2. per la prevenzione delle complicanze, assumere agenti antipiastrinici (Cardiomagnyl, Thrombo ASS, Aspirin).

Fattori di rischio

Puoi combattere l'ipertensione e ottenere un effetto positivo se elimini i fattori che contribuiscono al suo sviluppo..

Fattori che aumentano il rischio di sviluppare ipertensione arteriosa:

  • Età. La maggior parte delle persone nota un aumento della pressione sanguigna con l'età. Molto spesso, la malattia si sviluppa nelle persone dopo 35 anni. La pressione cresce solo nel tempo.
  • Eredità. La probabilità di sviluppare la malattia è molto alta se qualcuno di parenti stretti soffre di ipertensione.
  • Genere. Nelle donne il rischio di sviluppare ipertensione aumenta solo dopo la menopausa, mentre negli uomini è molto più alto, soprattutto tra i 35 ei 50 anni..
  • Fumo. Il tabacco contiene sostanze nocive che danneggiano le pareti delle arterie, portando alla formazione di placche aterosclerotiche.
  • Alcolismo. L'assunzione giornaliera di bevande ad alto contenuto alcolico aumenta la pressione sanguigna di 5-6 mm Hg. per anno.
  • Esposizione allo stress. Le letture della pressione aumentano sotto l'influenza dell'ormone adrenalina, che fa battere più forte il cuore. Con uno stress costante, il carico sul cuore aumenta, i vasi sanguigni si consumano, la pressione sanguigna aumenta. La malattia diventa cronica.
  • Aterosclerosi. Il lavoro del cuore è ostacolato dal restringimento dei lumi dei vasi e dalla perdita della loro elasticità, facilitata da un eccesso di colesterolo nel sangue. La pressione aumenta allo stesso tempo.
  • Eccessiva assunzione di sale. L'eccesso di sale provoca spasmo arterioso, ritenzione di liquidi e aumento della pressione sanguigna.
  • Obesità. Le persone magre hanno molte meno probabilità di soffrire di ipertensione. Ogni chilogrammo in più aggiunge 2 mm Hg. sul tonometro.
  • Mancanza di attività fisica. Con uno stile di vita sedentario, si verificano disturbi metabolici, il cuore non sopporta bene lo stress, che porta invariabilmente ad un aumento della pressione.

Va ricordato che il rischio di sviluppare complicanze diminuisce con il monitoraggio costante del livello di pressione e seguendo le raccomandazioni del medico. Una diagnosi approfondita e la prevenzione dell'ipertensione arteriosa possono salvare la vita di una persona.

CI SONO CONTROINDICAZIONI
CONSULTAZIONE NECESSARIA DEL MEDICO ASSISTENTE

L'autore dell'articolo è Ivanova Svetlana Anatolyevna, terapista

Prevenzione dell'ipertensione

La prevenzione dell'ipertensione è una priorità assoluta per molte persone. La conoscenza delle misure per prevenire questo grave disturbo è particolarmente rilevante per i pazienti con ereditarietà gravata e per le persone i cui indicatori della pressione sanguigna rientrano nella norma borderline o alta. In questo articolo, ti diremo chi è a rischio per lo sviluppo dell'ipertensione, nonché le misure per prevenire la malattia.

Chi è a rischio?

Inoltre a rischio sono:

  • uomini 35-50 anni;
  • donne dopo la menopausa;
  • donne che assumono farmaci contenenti estrogeni;
  • persone che vivono situazioni stressanti costanti;
  • pazienti con aterosclerosi cerebrale, malattie cardiovascolari, patologie renali e diabete mellito;
  • pazienti con livelli elevati di colesterolo nel sangue;
  • fumatori;
  • persone che bevono spesso bevande alcoliche forti.

L'ipertensione merita un'attenzione stretta e costante sia da parte dei medici che dei pazienti, poiché può peggiorare significativamente la qualità della vita e portare allo sviluppo di gravi complicanze. Un forte aumento della pressione sanguigna può provocare forti mal di testa, una significativa diminuzione delle prestazioni, aterosclerosi delle arterie del cervello, dei reni e del cuore. Successivamente, tali disturbi nella struttura e nel funzionamento dei vasi sanguigni portano allo sviluppo di encefalopatia ipertensiva, aneurismi e dissezione dell'aorta, ipertensione maligna, retinopatia e insufficienza cardiaca. Tuttavia, questo problema può essere risolto con l'aiuto della prevenzione costante dell'ipertensione, che implica l'attuazione di una serie di misure primarie e secondarie.

Prevenzione primaria dell'ipertensione

La prevenzione primaria dell'ipertensione è indicata per tutte le persone (soprattutto appartenenti a gruppi a rischio), i cui indicatori della pressione sanguigna rientrano nella norma consentita (fino a 140/90 mm Hg) e la malattia non ha ancora iniziato a svilupparsi. Per fare ciò, devono riconsiderare l'intero stile di vita a cui sono abituati e apportarvi le modifiche necessarie, ad esempio, come

  1. Smettere di fumare.
  2. Limitazione dell'uso di bevande alcoliche (per gli uomini - non più di 30 ml di bevande alcoliche forti al giorno, per le donne - non più di 20 ml).
  3. Ridurre l'assunzione di sale (non più di 5-6 g al giorno).
  4. Alimentazione razionale (limitare il consumo di alimenti con una grande quantità di grassi animali, non più di 50-60 g al giorno e carboidrati facilmente digeribili).
  5. Inclusione nella dieta quotidiana di alimenti ricchi di potassio, magnesio e calcio (albicocche secche, prugne secche, uvetta, patate al forno, fagioli, prezzemolo, ricotta a basso contenuto di grassi, tuorli d'uovo di gallina).
  6. Lotta contro l'ipodynamia (esercizio all'aperto e terapia fisica quotidiana).
  7. Lotta contro l'obesità (cercare di dimagrire è sconsigliato: puoi ridurre il peso corporeo non più del 5-10% al mese).
  8. Normalizzazione dei modelli di sonno (almeno 8 ore al giorno).
  9. Una chiara routine quotidiana con sveglia e ora di andare a dormire.
  10. Prevenzione dello stress.

Le raccomandazioni per la prevenzione primaria dell'ipertensione arteriosa includono il trattamento tempestivo e regolare delle malattie dei sistemi cardiovascolare, nervoso, urinario ed endocrino, l'aderenza costante a tutte le raccomandazioni del medico e il monitoraggio costante dei livelli di pressione sanguigna.

Le persone a cui viene mostrata la prevenzione primaria dell'ipertensione dovrebbero essere sotto la supervisione del dispensario. Le misure adottate possono portare a una normalizzazione stabile della pressione sanguigna per 6-12 mesi, ma quando si osservano gli indicatori nella zona di confine, si può consigliare di osservare più a lungo e assumere farmaci, la cui azione è volta a ridurre la progressione delle reazioni nevrotiche (ipnotici, sedativi, preparati di bromo, ecc. fenobarbital a piccole dosi).

Prevenzione secondaria dell'ipertensione

La prevenzione secondaria dell'ipertensione è indicata per i pazienti in cui l'ipertensione arteriosa è stabilita come diagnosi. Ha lo scopo di:

  • diminuzione degli indicatori della pressione sanguigna;
  • prevenzione delle crisi ipertensive;
  • prevenzione di cambiamenti secondari negli organi e sviluppo di complicanze.

Il complesso di tali attività comprende:

  • trattamento non farmacologico (misure più rigorose corrispondenti alla prevenzione primaria);
  • terapia farmacologica.

Per il trattamento non farmacologico, oltre a rispettare le raccomandazioni per la prevenzione primaria dell'ipertensione, nonché nel complesso di misure, si raccomanda di includere:

  • procedure fisioterapiche: elettroforesi, elettroforesi con farmaci (eufillina, acido nicotinico, no-spa), galvanizzazione della zona del colletto, balneoterapia (bagni carbonici, iodio bromo e radon), elioterapia, speleoterapia, idrokinesia terapia, massaggi, agopuntura;
  • esercizi di fisioterapia;
  • formazione psicoterapeutica e auto-formazione;
  • cure termali nei sanatori cardiologici locali e nelle località climatiche (Nemirov, Mirgorod, Kislovodsk, Truskavets, Druskininkai, Sochi, ecc.).

La prevenzione e il trattamento completi dell'ipertensione possono includere farmaci di vari gruppi farmacologici. Nelle fasi iniziali della malattia è possibile utilizzare la monoterapia con sedativi e farmaci psicotropi e, nelle fasi successive, vengono prescritti anche vari farmaci antipertensivi..

  1. Sedativi: estratti di motherwort, valeriana, passiflora e peonia, fenazepam, seduxen, elenium, tazepam.
  2. Fitopreparazioni: pervinca, vischio bianco, frutti di biancospino e aronia nera, rampicante di palude, papalina Baikal, ecc..
  3. Alcaloidi di rauwolfia serpentine e pervinca minore: Reserpine, Rauvazan, Raunatin, Vincapan, Devinkan.
  4. Bloccanti dei recettori Β e α-adrenergici: anaprilina, fentolamina, pindololo, pirroxano.
  5. Simpaticolitici: metildopa, ottadina.
  6. Bloccanti del ganglio: Pentamin, Pyrylene, Benzohexonium, Temekhin.
  7. Diuretici: diclotiazide, spironolattone, furosemide, clopamide.
  8. Calcio antagonisti: fenigidina.
  9. α-bloccanti: pirroxano, tropafen, fentolamina.
  10. Droghe combinate: Adelfan Esidrex, Brinerdin, Triresid, ecc..
  11. β-bloccanti: Atenolol, Carvedilol, Korgard, Inderal, ecc..
  12. Preparati di potassio: Panangin, Asparkam.
  13. ACE inibitori: Captopril, Quinopril, Enam, Lotenzil.

La terapia farmacologica è prescritta a tutti i pazienti con un aumento persistente della pressione sanguigna (se la pressione sanguigna rimane costantemente alta, fino a 140 mm Hg, per tre mesi) e ai pazienti con alcuni rischi di sviluppare malattie del sistema cardiovascolare. Il gruppo ad alto rischio comprende:

  • pazienti fumatori;
  • pazienti con diabete mellito e malattie dei reni, del cuore, della retinopatia e dei disturbi della circolazione cerebrale;
  • pazienti di età superiore a 60 anni;
  • uomini;
  • donne dopo la menopausa;
  • pazienti con colesterolo alto nel sangue.

La selezione dei farmaci, il loro dosaggio, il regime e la durata del ricovero sono determinati individualmente per ciascun paziente, in base ai dati sul suo stato di salute. Il corso di assunzione di medicinali per l'ipertensione deve essere effettuato continuamente e sotto la supervisione del medico curante.

Misure complete per la prevenzione dell'ipertensione consentono di mantenere l'ipertensione arteriosa sotto costante controllo e ridurre significativamente il rischio di sviluppare varie gravi complicanze.

Prevenzione primaria e secondaria dell'ipertensione arteriosa

L'ipertensione è una malattia molto pericolosa che spesso è asintomatica. Una persona malata potrebbe non attribuire importanza ai sintomi, ma notare violazioni dopo lo sviluppo di complicazioni. Negli ultimi anni il quadro clinico della malattia è "sempre più giovane", i pazienti dell'infanzia e dell'adolescenza si rivolgono sempre di più ai cardiologi. La prevenzione dell'ipertensione arteriosa occupa un posto speciale nella pratica medica e inizia con la scoperta delle ragioni, lo studio dei fattori di rischio individuali e la riflessione approfondita sul regime di trattamento per l'ipertensione.

Cos'è l'ipertensione arteriosa

Aumento della pressione sanguigna a 139/89 mm Hg. Arte. considerata l'ipertensione. In molti casi, questa malattia è asintomatica, il che rende difficile diagnosticare la malattia in modo tempestivo e porta a una rapida transizione verso una forma cronica. In assenza di un trattamento adeguato, i pazienti hanno un aumentato rischio di malattia coronarica, danno renale, ictus e infarto miocardico. I medici raccomandano di misurare regolarmente il livello di pressione sanguigna per rilevare lo sviluppo dell'ipertensione arteriosa (AH) nel tempo..

Un segnale per diagnosticare l'ipertensione può essere la comparsa regolare di tali sintomi:

  • una sensazione di pesantezza alle tempie o alle orbite, vertigini;
  • rumore estraneo nelle orecchie;
  • dolore lancinante alla testa (specialmente nell'area occipitale, frontale o temporale);
  • arrossamento della pelle del viso;
  • intorpidimento delle dita, sensazione di formicolio;
  • aumento del gonfiore del viso e delle gambe;
  • disabilità visiva ("mosche" lampeggianti, abbagliamento negli occhi);
  • sudorazione, brividi;
  • ansia, irritabilità;
  • polso rapido;
  • compromissione della memoria, prestazioni.

Le ragioni

Nella maggior parte dei casi, è impossibile scoprire le ragioni dello sviluppo dell'ipertensione arteriosa. Questa forma di malattia (ipertensione primaria o essenziale) richiede l'eliminazione del fattore di rischio e una tempestiva terapia non farmacologica. In circa il 10% dei casi, l'ipertensione si sviluppa sullo sfondo di un'altra malattia (ipertensione arteriosa sintomatica) o come effetto collaterale dell'assunzione di determinati farmaci. Malattie dei reni, patologie del sistema endocrino spesso diventano le ragioni di un aumento persistente della pressione nei vasi sanguigni e dello sviluppo di lesioni cerebrali.

Fattori di rischio

Ci sono molti fattori che aumentano il rischio di sviluppare ipertensione. Si dividono in due categorie: esterne o interne. La prevenzione tempestiva dell'ipertensione arteriosa consente il rilevamento e il trattamento tempestivi della malattia. È necessario prestare particolare attenzione alla propria salute per le persone che sono a rischio di sviluppare un disturbo (la pressione sanguigna è a un livello alto o borderline, ci sono violazioni nel lavoro dei reni o ci sono problemi lungo la linea ereditaria).

Gli esperti determinano tali fattori di rischio per l'ipertensione arteriosa, a cui è necessario prestare particolare attenzione a:

  • essere in sovrappeso (l'indice di massa corporea è al di sopra del normale);
  • assunzione di sale in grandi quantità (il sodio in eccesso contribuisce allo sviluppo dello spasmo arterioso, trattiene i liquidi nel corpo);
  • cattive abitudini (il fumo, il consumo eccessivo di alcol aumenta il rischio di sviluppare la malattia);
  • ereditarietà (se due o più parenti di prima linea hanno ipertensione, la probabilità che venga diagnosticata l'ipertensione aumenta notevolmente);
  • aterosclerosi (una violazione del metabolismo del colesterolo abbassa il livello di elasticità delle arterie, a causa della quale i lumi dei vasi si restringono e la pressione sanguigna aumenta);
  • aumento dello stress psico-emotivo, stress frequente (il rilascio di adrenalina nel sangue aumenta la pressione, a causa della quale i vasi si consumano, l'aumento della pressione diventa cronica);
  • ipodynamia (la mancanza di attività fisica rallenta il metabolismo, indebolisce il sistema nervoso del corpo).
  • Come viene trasmesso l'HIV
  • Posa per un servizio fotografico al mare
  • Trattamento congiunto con i migliori farmaci antinfiammatori non steroidei

Principi di prevenzione dell'ipertensione

L'ipertensione arteriosa è molto più facile da prevenire che da curare, quindi è necessaria la prevenzione dell'ipertensione, anche se i segni della malattia non sono ancora comparsi. È particolarmente importante seguire gli ordini del medico per quelle persone che hanno una storia di due o più fattori di rischio. È imperativo sottoporsi a visite mediche annuali con un cardiologo o un terapista. La prevenzione dell'ipertensione è divisa in due tipi: primaria (prevenzione dello sviluppo della malattia) e secondaria (misure per la prevenzione dell'ipertensione arteriosa per i pazienti con una diagnosi accertata).

Prevenzione primaria

Per ridurre il rischio di ipertensione in persone apparentemente sane, è necessario seguire attentamente i metodi di prevenzione raccomandati dagli specialisti. Per il rilevamento tempestivo dell'ipertensione, è necessario acquistare un apparecchio per misurare la pressione sanguigna (sistolica e diastolica) e il polso. È necessario monitorare periodicamente questi indicatori. La prevenzione primaria dell'ipertensione è progettata per eliminare l'influenza sul corpo di fattori che aumentano il rischio di progressione della malattia.

La prevenzione primaria ha lo scopo di identificare i fattori di rischio e minimizzare il loro impatto negativo:

  • salute psicologica (riduzione del livello di stress, ansia);
  • routine quotidiana (tempo sufficiente per dormire, svegliarsi costantemente, andare a letto);
  • attività fisica (camminare all'aria aperta, attività fisica moderata);
  • rifiuto delle cattive abitudini (fumo, assunzione di alcol dovrebbero essere rigorosamente standardizzati);
  • una corretta alimentazione equilibrata (limitazioni al consumo di sale, dolci, grassi animali);
  • perdita di peso (soprattutto nei pazienti a rischio di obesità).

Prevenzione secondaria

Per i pazienti con una diagnosi accertata di ipertensione, il compito principale è ridurre il rischio di complicanze. Il complesso della terapia è costituito da due componenti: trattamento non farmacologico e farmaci. La prevenzione dell'ipertensione senza farmaci consiste in metodi per controllare e migliorare le condizioni del paziente. Quelli che vengono utilizzati come profilassi per l'ipertensione essenziale, solo con restrizioni più severe. La terapia farmacologica viene eseguita esclusivamente sotto la supervisione di un medico, dopo 4-6 mesi si osserva una normalizzazione stabile della pressione.

Le ragioni per lo sviluppo dell'ipertensione arteriosa secondaria possono essere le seguenti patologie e malattie:

  • restringimento delle arterie renali (aterosclerosi, ematoma, tumore, intasamento del lume da un trombo, trauma, displasia);
  • malattie del sistema endocrino (sindrome di Itsenko-Cushing, tumore alle ghiandole surrenali, sindrome di Connes);
  • insufficienza cardiaca (stadio avanzato), restringimento parziale dell'aorta (può essere congenito);
  • danno ai vasi cerebrali, encefalite, tumori cerebrali;
  • effetti collaterali di alcuni farmaci sul corpo del paziente.

Nei bambini e negli adolescenti

Anche i bambini e gli adolescenti sono suscettibili allo stress, poiché vivono in quelle condizioni ambientali, quindi in loro si osserva il fenomeno dell'ipertensione. Non si può scartare la predisposizione ereditaria, che può manifestarsi in tenera età. Quando la malattia di un bambino viene diagnosticata in una fase precoce, il suo sviluppo può essere prevenuto. I principali segni di ipertensione sono mancanza di respiro, debolezza, vertigini, mal di testa o affaticamento. I bambini in adolescenza raramente lamentano sintomi; l'ipertensione viene spesso rilevata per caso.

È importante identificare nel tempo i fattori di rischio a cui il bambino è predisposto al fine di prevenire lo sviluppo della malattia o tracciarne il passaggio a una forma cronica:

  • cambiamenti ormonali (pubertà);
  • ipodynamia;
  • tendenza ad aumentare di peso;
  • nutrizione eccessivamente ipercalorica e inappropriata;
  • sovraccarico nervoso;
  • stress, situazioni di conflitto;
  • cattive abitudini;
  • alcuni fattori climatici e meteorologici.

Prevenzione dell'ipertensione arteriosa

Prevenzione dell'ipertensione arteriosa

L'ipertensione arteriosa è intesa come un aumento della pressione sanguigna superiore a 140 e 90 mm Hg. Arte. Se non trattata, l'ipertensione aumenta il rischio di malattia coronarica, ictus, danni ai reni e un aumento della mortalità complessiva.

L'ipertensione, come qualsiasi malattia cronica progressiva, è più facile da prevenire che da curare. Pertanto, la prevenzione dell'ipertensione, soprattutto per le persone con un'eredità gravata, è un compito essenziale..

Prima di tutto, vale la pena pensare alla prevenzione dell'ipertensione per tutti coloro che hanno la pressione sanguigna entro una norma alta o borderline, soprattutto per i giovani e gli adolescenti.

La prevenzione dell'ipertensione arteriosa è primaria e secondaria.

Primaria significa prevenzione delle malattie. Questi metodi di prevenzione dovrebbero essere seguiti da persone sane che hanno un alto rischio di sviluppare ipertensione (eredità, lavoro). Ma non solo loro, tutti dovrebbero vivere secondo i principi della prevenzione primaria dell'ipertensione, perché questa malattia spesso supera nel momento più inaspettato anche chi non ha ereditarietà sfavorevole e altri fattori di rischio.

La prevenzione primaria dell'ipertensione include:

  • Normalizzazione della funzione del sistema nervoso centrale (prevenzione dello stress).
  • Una routine quotidiana chiara (tempo costante di alzarsi e andare a letto).
  • Attività fisica all'aperto e terapia fisica (lunghe passeggiate all'aria aperta, ciclismo, giardinaggio moderato).
  • Carichi giornalieri in palestra ea casa.
  • Normalizzazione del sonno (dormire fino a 8 ore).
  • Dieta bilanciata. Contare attentamente le calorie consumate con il cibo, non consentire un consumo eccessivo di grassi. I grassi possono essere consumati al giorno non più di 50-60 grammi e 2/3 di essi dovrebbero essere grassi vegetali: mais, olio di girasole. Limita gli alimenti che contengono una grande quantità di grassi animali: latte intero, burro, panna acida. La dieta dovrebbe contenere una quantità sufficiente di proteine: varietà a basso contenuto di grassi di pesce, pollame, latte scremato, ricotta, kefir, ecc. È necessario limitare l'assunzione di carboidrati facilmente digeribili: zucchero, miele, prodotti di pasticceria, cioccolato, semolino, cereali di riso.
  • Perdita di peso (con obesità). Senza perdita di peso, non è necessario parlare della prevenzione dell'ipertensione. Non puoi provare a perdere peso in modo drammatico, puoi ridurre il peso corporeo del 5-10% al mese.
  • Smettere di fumare.
  • Ridurre l'assunzione di sale da cucina (consumare non più di 6 grammi al giorno).
  • Consumo di alimenti ad alto contenuto di sali di potassio, calcio e magnesio (ricotta a basso contenuto di grassi, prezzemolo, fagioli, prugne, barbabietole, patate al forno, albicocche secche, uvetta senza semi.)
  • Limitare il consumo di bevande alcoliche.

La profilassi secondaria viene eseguita nei pazienti in cui è stata stabilita l'ipertensione arteriosa come diagnosi. Il suo scopo è prevenire il verificarsi di complicazioni. Inoltre, questo tipo di profilassi comprende due componenti: trattamento non farmacologico dell'ipertensione arteriosa e terapia antipertensiva (farmacologica). Il trattamento non farmacologico, in linea di principio, corrisponde alla prevenzione primaria, solo con requisiti più rigorosi. Se l'eredità e l'ambiente, ogni singola persona non è in grado di cambiare, allora il modo di vivere e l'alimentazione - abbastanza. Terapia farmacologica - farmaci prescritti da un medico, che agiscono intenzionalmente su alti livelli di pressione, abbassandola. I pazienti con ipertensione arteriosa devono attenersi rigorosamente alle raccomandazioni del medico e assumere i farmaci come prescritto, prevenendo così il rischio di complicanze.

La prevenzione dell'ipertensione arteriosa include il monitoraggio sistematico del livello di pressione al mattino e alla sera. Perseverante adesione alle raccomandazioni del medico curante, tempestivo rinvio a lui in caso di deterioramento.

Ricorda! La malattia è più facile (ed economica) da prevenire che da curare.

Il sito utilizza i cookies. Ci consentono di riconoscerti e ricevere informazioni sulla tua esperienza utente. Se non desideri che i tuoi dati vengano elaborati, devi lasciare il sito. Se continui ad utilizzare il sito, dai il tuo consenso all'uso dei cookie, al trattamento e alla memorizzazione dei tuoi dati personali.

Prevenzione dell'ipertensione: esercizi terapeutici, yoga, alimentazione

La prevenzione dell'ipertensione è estremamente importante per ogni persona, anche per le persone assolutamente sane. La maggior parte delle persone non attribuisce una seria importanza ai numeri di pressione alta, credendo che la cosa più pericolosa a cui porterà è un breve mal di testa. É davvero? Ovviamente no.

Cos'è l'ipertensione e come è pericolosa dovrebbe essere conosciuta non solo dai medici, ma anche dal pubblico in generale. Questa è una malattia grave che è terribile nelle sue complicazioni. Nel tempo, l'alta pressione inizia ad allungare il cuore, interferire con la sua normale funzione e danneggiare i vasi sanguigni in tutto il corpo. Il risultato sono gravi disturbi in tutti gli organi, in particolare i reni, il cervello e il muscolo cardiaco.

Si raccomanda di prevenire l'ipertensione il prima possibile, soprattutto in presenza di una serie di fattori predisponenti descritti di seguito. Ciò contribuirà a evitare lo sviluppo di complicazioni e una diminuzione della qualità della vita..

Chi è a rischio?

Come già accennato, la prevenzione dell'ipertensione arteriosa è un'occupazione reale per qualsiasi persona. Con l'età, inevitabilmente sorgono meccanismi che portano ad un aumento della pressione nei vasi. La loro conseguenza logica è la comparsa della malattia.

Sfortunatamente, in alcuni individui, i cambiamenti patologici nel corpo si verificano molto prima e appaiono più intensi. In molti casi, sono questi pazienti ad avere un decorso grave della malattia, con letture elevate sul tonometro e un gran numero di complicanze..

La prevenzione tempestiva dell'ipertensione aiuta a prevenirlo. Prima di tutto, è consigliato a coloro che sono a rischio: si tratta di persone che sono influenzate da vari fattori dannosi. Non sono la causa immediata della patologia, ma "spingono" il corpo verso la sua comparsa. Di seguito sono elencati i più comuni e pericolosi:

  • Dipendenza genetica. Per determinarlo, è sufficiente analizzare la presenza di casi di malattia in famiglia. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata ai parenti, la cui pressione sanguigna è aumentata in giovane età e mezza età (fino a 35 anni);
  • "Stile di vita passivo. Nella letteratura scientifica, questa condizione è chiamata "ipodynamia". Numerosi studi hanno dimostrato che la mancanza di attività fisica è il fattore di rischio più comune a cui i pazienti spesso non prestano attenzione;
  • Sovratensione regolare. Lo stress sia fisico che emotivo esaurisce le risorse del corpo. Se sono diventati compagni abituali di una persona, i suoi sistemi di difesa si indeboliscono e la regolazione del lavoro di vari sistemi (circolatorio, linfatico, nervoso e altri) viene interrotta;
  • Cattive abitudini. I medici che fumano e alcol chiamano intossicazione cronica per un motivo. Le sostanze velenose che entrano durante l'uso di queste "droghe legali" influenzano negativamente non solo la funzione della respirazione e della digestione. Sono anche assorbiti nel flusso sanguigno umano, agiscono sulle pareti dei vasi sanguigni e vengono trasportati in tutto il corpo. Alla fine, questo porterà invariabilmente alla formazione di varie patologie;
  • Nefropatia. Molto spesso, il danno o il malfunzionamento di questo organo provoca un aumento della pressione. Perché? Potrebbe esserci una ritenzione di ioni sodio e acqua attivi, che "traboccano" nel flusso sanguigno. Inoltre, i reni producono uno speciale ormone (renina) che causa l'ipertensione. La sua quantità aumenta anche con il danneggiamento / malnutrizione del tessuto renale;
  • Sovrappeso. Al giorno d'oggi, tutti conoscono i pericoli del sovrappeso. In questa condizione, il sangue umano contiene una grande quantità di vari grassi (colesterolo, trigliceridi e complessi proteici complessi). Possono facilmente depositarsi sul muro di un'arteria o vena, il che porta all'interruzione del loro lavoro;
  • Post menopausa. "Una donna è protetta dai suoi ormoni" - questa è una nota affermazione del ginecologo sovietico A.N. Rakhmanov è vero anche per quanto riguarda l'ipertensione. Gli estrogeni hanno un effetto significativo sulla parete vascolare, che impedisce l'insorgenza di ipertensione, nella maggior parte dei casi. Sfortunatamente, dopo la fine delle mestruazioni, una donna perde le sue difese naturali e diventa vulnerabile a questa malattia..

La presenza anche di uno solo dei fattori elencati è un motivo per iniziare a prevenire l'ipertensione nel prossimo futuro. È molto probabile che la trascuratezza di queste misure porti alla formazione di patologie, entro diversi anni.

Video con E. Malysheva - “Ipertensione arteriosa. Come proteggersi? "

Prevenzione e trattamento dell'ipertensione

I moderni metodi di trattamento dell'ipertensione, di regola, comportano l'uso simultaneo di diversi farmaci:

  • Beta bloccanti: Atenololo, Bisoprololo, Carvedilolo, Propranololo, ecc.;
  • ACE inibitori: Enalapril, Fosinopril, Captopril;
  • Calcio antagonisti: amlodipina, nifedipina;
  • Farmaci diuretici: spironolattone, diacarb e altri.
  • Maggiori informazioni nell'articolo sui farmaci per abbassare la pressione sanguigna.

La loro efficacia non è messa in dubbio, tuttavia, l'uso di dosi significative di farmaci è sempre un rischio di effetti collaterali. Ecco perché il compito di qualsiasi medico è ridurre il dosaggio del farmaco, senza pregiudizio per la salute. Come trattare adeguatamente l'ipertensione in modo che questo principio venga rispettato? La risposta è la correzione dello stile di vita. Ciò aiuterà non solo a far fronte adeguatamente alla malattia, ma anche a prevenirne il verificarsi. Di seguito vengono presentate le misure comprovate ed efficaci per la prevenzione e il trattamento dell'ipertensione.

Nutrizione e cibi sani

La dieta per l'ipertensione arteriosa ha solo due regole rigide che i pazienti devono seguire:

  • Restrizione del sale. Nella monografia del professor Storozhakov, la tariffa giornaliera di questo prodotto per la prevenzione o il trattamento della malattia è chiaramente indicata - non più di 6 grammi. Tuttavia, nella vita reale, è quasi impossibile misurare con precisione la sua quantità nella dieta. Per non caricarsi di calcoli complessi, i medici hanno delineato una chiara raccomandazione: non aggiungere sale al cibo, non usare affumicato e "salato". Questo è abbastanza per mantenere la concentrazione ottimale di oligoelementi e acqua nel corpo del paziente;
  • Evitare pasti ipercalorici. Mangiare con la pressione alta (ipertensione) dovrebbe prevenire l'azione di un fattore molto dannoso: l'eccesso di colesterolo e grassi nel sangue. La quantità di queste sostanze aumenta nel sangue quando si consumano cibi grassi e carboidrati facilmente digeribili. I loro rappresentanti più tipici sono farina e piatti fritti con olio, maionese, panna acida, fast food..

Altri cambiamenti nella dieta sono consultivi, ma anche importanti per la salute del paziente. Prima di tutto, dovresti consumare regolarmente cibi sani per l'ipertensione, che contengono una concentrazione sufficiente di oligoelementi (potassio, calcio, magnesio) e proteine. Cibi vegetali, carne magra (pollo o manzo) e prodotti a base di latte fermentato a basso contenuto di grassi completeranno in modo ottimale la dieta abituale.

Esercizio fisico e ginnastica correttiva

Quasi tutti i carichi aumentano la pressione: questo fatto è ampiamente noto e assolutamente corretto. Allora perché i medici raccomandano di fare vari esercizi fisici per l'ipertensione? Numerosi studi su medici nazionali e stranieri hanno dimostrato che l'allenamento del corpo ha un effetto non solo sull'apparato muscolare, ma anche sui seguenti elementi del corpo:

  • Muscolo cardiaco - con l'esercizio regolare in esercizi terapeutici per l'ipertensione o le sue analogie, il cuore può sopportare più facilmente lo stress quotidiano e le situazioni stressanti. Ciò si riflette nel mantenimento della normale frequenza delle contrazioni (non più di 90 battiti / min) e di un'adeguata espulsione del sangue in un battito. Nel tempo, il numero di episodi di aumento della pressione sanguigna, palpitazioni e altri sintomi spiacevoli di ipertensione diminuisce;
  • Vasi: i muscoli della parete di questo organo, così come il tessuto cardiaco, si adattano a vari carichi fisici, il che consente di migliorare il benessere del paziente;
  • Tessuto adiposo: una combinazione di corretta alimentazione e regolare esercizio fisico è un'eccellente aggiunta alla prevenzione e al trattamento dell'ipertensione. Queste misure porteranno la quantità di "grassi nel sangue" più vicino alla norma e ridurranno il peso del paziente (se necessario).

Un estratto dall'aria RIA Novosti sugli esercizi per i pazienti ipertesi


Questi effetti positivi possono essere ottenuti in vari modi. Oltre alla ginnastica classica, i pazienti possono praticare lo yoga per l'ipertensione. Contrariamente alla credenza popolare, questo non è solo un insieme di esercizi, ma anche uno stato speciale di tutto il corpo. Grazie all'allenamento del corpo, alla formazione di una corretta respirazione e all'atteggiamento mentale, questo metodo è un'eccellente procedura preventiva e curativa. Tuttavia, è importante che tutta la pratica sia condotta sotto la guida di uno specialista esperto: ciò ridurrà la probabilità di errori e fenomeni negativi..

Quali altre opzioni esistono per l'educazione fisica?

Il nuoto e l'ipertensione sono un'ottima combinazione. Molto spesso, questa malattia colpisce persone con patologie ossee o articolari, che hanno difficoltà a compiere movimenti attivi. Questa situazione può presentarsi in presenza di artrosi, artrite varia (reumatoide, psoriasica, anchilosante, ecc.) E osteocondrosi. È difficile per questo gruppo di pazienti eseguire anche una semplice serie di esercizi a terra, poiché provano dolore e disagio nei tessuti danneggiati. Secondo il professore associato N.S. Volchkova, l'allenamento in acqua è la via d'uscita ottimale in questo caso..

Oltre ai metodi elencati, l'esercizio su una cyclette per l'ipertensione, il jogging leggero, un'andatura atletica e persino le passeggiate regolari, almeno 30-40 minuti 2-3 volte al giorno, hanno un effetto comprovato. Ciascuna delle procedure elencate ridurrà la probabilità di sviluppare la malattia e migliorerà l'effetto della terapia..

Esercizi di respirazione

Quanto è importante la respirazione terapeutica per l'ipertensione? Indubbiamente ha un valore in più nella terapia, ma con la pratica regolare la tecnica aiuta a migliorare la qualità della vita del paziente. Attualmente, la più popolare è la ginnastica respiratoria A.N. Strelnikova.

L'effetto positivo di questo metodo di respirazione nell'ipertensione si realizza grazie a due meccanismi principali:

  1. Effetto diretto sulle strutture nervose. La tecnica di inalazione descritta nella ginnastica di Strelnikova inibisce il lavoro di speciali centri regolatori (simpatici). Il loro principale "campo di attività" è la vasocostrizione e la formazione di ipertensione. Ridurre la loro influenza consente di bilanciare la velocità del flusso sanguigno e ridurre la probabilità di danno arterioso;
  2. Migliorare la nutrizione del tessuto renale. Come accennato in precedenza, i reni sono in gran parte responsabili dell'insorgenza dell'ipertensione. Con la loro ischemia (mancanza di apporto di ossigeno), aumenta la produzione dell'ormone renina, che provoca un aumento della pressione sanguigna. La saturazione di ossigeno nel sangue, che si verifica durante gli esercizi di respirazione, interrompe questo meccanismo e previene la formazione della malattia o le sue complicanze.

L'addestramento e la pratica della respirazione terapeutica per l'ipertensione non richiederà molto tempo, ma, nonostante ciò, viene utilizzato raramente. L'effetto positivo dell'uso della ginnastica compensa tutti gli sforzi spesi, poiché aiuta il paziente a prevenire l'insorgenza della malattia oa renderne più favorevole il decorso.

Cosa non è consentito con l'ipertensione?

I pazienti con questa condizione spesso devono cambiare la loro routine quotidiana per fermare la progressione della patologia. Questi cambiamenti riguardano non solo l'alimentazione, ma anche le abitudini, la natura del lavoro, i carichi quotidiani, il riposo e alcune altre sfumature. Solo se segui le raccomandazioni dei medici, la terapia sarà abbastanza efficace.

Cosa non è consentito con l'ipertensione e quali restrizioni i pazienti sono costretti a osservare? I punti principali per correggere lo stile di vita si riflettono nella tabella:

Alte dosi di etanolo danneggiano direttamente un gran numero di organi, inclusi reni e vasi sanguigni.

Inoltre, le bevande inebrianti spesso provocano lo sviluppo di effetti collaterali durante l'assunzione di farmaci. Pertanto, il loro uso combinato è inaccettabile..

Bevande contenenti caffeina

(cola, caffè, energia)

ControindicazioniMotivo del divietoQuanto limitare?
AlcolSe al paziente non vengono prescritti farmaci, alcol per l'ipertensione può utilizzare, ma a due condizioni obbligatorie:

  • La dose giornaliera per un uomo non deve superare i 30 g, per una donna - 20 g;
  • È inaccettabile prendere più della norma prescritta alla volta, anche se prima la persona ha fatto a meno dell'alcol per diversi giorni.
TabaccoL'azione delle resine di nicotina e fenolo-formaldeide presenti in tutte le sigarette può portare a spasmi persistenti della parete arteriosa e aumentare notevolmente la pressione sanguigna.Ipertensione e fumo sono concetti incompatibili che si caricano a vicenda. Pertanto, il tabacco dovrebbe essere completamente eliminato dalla vita..
Attività fisica eccessiva (compresi gli sport professionistici)Durante il sovraccarico fisico del corpo, c'è sempre un'accelerazione del flusso sanguigno e ipertensione arteriosa..L'attività fisica per l'ipertensione dovrebbe essere rigorosamente standardizzata. Attualmente sono in vigore le seguenti raccomandazioni della Russian Cardiological Society:

  • Limitare il sollevamento pesi a 3-5 kg;
  • Eliminare carichi estenuanti e statici (maratona, camminare per più di 1,5 ore, restare in una posizione con i pesi, ecc.);
  • Abbandonare completamente gli sport professionistici.
Stress e stress emotivoLa prima reazione del corpo che si verifica in risposta a questo fattore è l'attivazione dei centri simpatici e una pronunciata vasocostrizione. Tra le controindicazioni per l'ipertensione questo item è di fondamentale importanza..Nella vita reale, è estremamente difficile parlare di "eliminazione dello stress", poiché questo fattore non è in parte controllato dal paziente. Tuttavia, dovresti fare tutto ciò che è in tuo potere per limitare l'effetto del sovraccarico emotivo - per formare un atteggiamento positivo, cercare di astrarre dai problemi e cercare la loro soluzione razionale..
Rischi professionaliLa maggior parte delle emissioni industriali sono simili al tabacco. Tuttavia, il loro effetto dannoso sui vasi sanguigni e la tossicità è molto più alto..Se un paziente ha l'opportunità di lasciare una produzione pericolosa, il medico consiglia vivamente di farlo quando si verifica una malattia. In caso contrario, è necessario prestare maggiore attenzione alla sicurezza personale e utilizzare dispositivi di protezione adeguati (respiratori, maschere, filtri dell'aria, ecc.).
Queste sostanze influenzano direttamente i vasi sanguigni e il cuore, determinando un'accelerazione del flusso sanguigno.Escludere completamente, poiché prenderli può portare a un brusco salto della pressione sanguigna.
Mancanza di riposo regolare e mancanza di sonno (compresi i turni notturni)Il nostro sistema nervoso è una struttura molto complessa e sensibile. Qualsiasi cambiamento nella solita routine quotidiana può portare alla rottura del cuore e dei vasi sanguigni..Un noto cardiologo, il professor A.A. Gorbachenkova ha sviluppato le seguenti raccomandazioni per correggere il regime di lavoro / riposo:

  • Escludere la veglia notturna;
  • Mantenere una durata del sonno di almeno 8-9 ore;
  • Durante la giornata lavorativa, fare pause di 15-30 minuti ogni 2 ore;
  • Se possibile, è indicato un sonno diurno di 2-3 ore..

Come sbarazzarsi dell'ipertensione per sempre?

Anche la scienza del 21 ° secolo non è in grado di curare un paziente da questa patologia. Sfortunatamente, la maggior parte dei pazienti presta attenzione allo stato del proprio corpo solo dopo la comparsa di sintomi gravi. La loro presenza, nella maggior parte dei casi, è una manifestazione di un cambiamento significativo nella struttura dei vasi sanguigni, del cuore e di vari organi.

Attualmente, c'è solo una risposta adeguata alla domanda "come sbarazzarsi per sempre dell'ipertensione?". Prevenire che si verifichi. Se i tuoi parenti stretti hanno sofferto di questa patologia; sei influenzato da fattori dannosi che provocano un aumento della pressione; hai ripetutamente riscontrato malattie renali - non aspettare lo sviluppo della malattia, ma cerca di prevenirlo. Adatta il tuo stile di vita e presta attenzione ai metodi di prevenzione.

Un ulteriore effetto positivo può essere ottenuto con esercizi medici e respiratori. Ma la cosa principale per qualsiasi paziente è l'esclusione dell'esposizione a fattori dannosi. Stai ancora scrivendo "come sbarazzarti dell'ipertensione" nella barra di ricerca del tuo browser alla ricerca di una tecnica sconosciuta o esotica? La prevenzione è l'unico rimedio efficace.

FAQ

Durante il giorno, la velocità del flusso sanguigno cambia ripetutamente, il che porta ad un aumento / diminuzione della pressione. Questo è influenzato non solo dallo stress psicologico e fisico, ma anche dall'ora del giorno. È possibile stabilire la presenza di patologia e iniziare la sua terapia (in particolare il farmaco) solo dopo aver rilevato 3 volte deviazioni dalla norma (oltre 140/90 mm Hg), per diversi giorni a riposo. Questo è il criterio principale per fare una diagnosi..

Per qualsiasi intervento sulla propria salute, si consiglia di discutere l'azione pianificata con il proprio medico di famiglia o il medico di base. Ciò eviterà possibili errori o misure inefficaci..

Per una persona sana che non ha precedentemente sofferto di questa malattia, le cifre ottimali sono 120/80 mm Hg. Per la prima cifra sono possibili deviazioni entro 15-20 unità, per la seconda non più di 10. Se il paziente è iperteso cronico, la pressione deve essere ridotta gradualmente per evitare reazioni avverse (vertigini, funzionalità renale compromessa, grave debolezza, ecc.). In questa situazione, la frequenza individuale è determinata per ogni paziente. Di regola, è compreso tra 140/90 mm Hg..

Un approccio integrato, correzione dello stile di vita, cambiamento della dieta: quando tutte queste raccomandazioni vengono seguite, la probabilità di sviluppare la malattia è significativamente ridotta (di circa l'85-90%).

Ci sono un gran numero di disturbi che portano a questa condizione: aterosclerosi, ipertiroidismo, sindrome di Itsenko-Cushing, iperaldosteronismo, glomerulonefrite, ecc. La loro identificazione e il trattamento tempestivo aiutano a far fronte alla malattia e prevenire complicazioni..

Prevenzione e suoi metodi principali nella lotta contro l'ipertensione

L'ipertensione arteriosa è una patologia cronica di tipo progressivo con un sintomo caratteristico sotto forma di alta pressione, che si verifica sullo sfondo del restringimento delle arterie e delle arteriole. Una tale patologia è dovuta a varie complicazioni, in particolare disturbi ai reni, al cervello e al cuore..

introduzione

La prevenzione dell'ipertensione è una misura preventiva necessaria per lo sviluppo di questa malattia più pericolosa, sia in persone perfettamente sane che in pazienti con ereditarietà gravata o in pazienti con indicatori della pressione sanguigna al di sopra della norma consentita.

La malattia ipertensiva deve essere prevenuta il prima possibile, soprattutto se ci sono fattori predisponenti a questa malattia insidiosa. Tali azioni aiuteranno a ridurre il rischio di complicanze e migliorare la qualità della vita del paziente..

Gruppo di rischio e chi ne fa parte

La prevenzione dell'ipertensione arteriosa è un'attività topica per ogni persona. Nel tempo, alcuni malfunzionamenti iniziano a verificarsi nel corpo, a volte portando a un aumento della pressione. Meccanismi simili, con l'età, portano allo sviluppo della malattia descritta.

Ma accade che i cambiamenti patologici si manifestino prima e con grande intensità. I pazienti con un decorso così grave della malattia, quando il tonometro mostra che la pressione è aumentata, rischiano la loro salute a causa di possibili complicazioni causate dall'ipertensione essenziale.

La prevenzione delle condizioni sopra descritte è facilitata dai metodi di prevenzione moderna della malattia descritta, che sono principalmente mostrati a pazienti appartenenti al cosiddetto gruppo a rischio. È questa categoria di persone che è influenzata dai fattori sfavorevoli che provocano una tale patologia..

Il gruppo di rischio comprende:

  • Uomini di età compresa tra 35 e 50 anni;
  • Donne in menopausa;
  • Donne che assumono farmaci a base di estrogeni;
  • Persone sotto stress costante;
  • Pazienti con disturbi aterosclerotici del cervello, cuore, malattie renali e presenza di condizioni diabetiche;
  • Persone con livelli elevati di colesterolo nel sangue;
  • Persone dipendenti da fumo e alcol.

Con un forte aumento della pressione sanguigna, una persona sviluppa forti mal di testa, nausea e vertigini. Tali sintomi, insieme alla malattia descritta, spesso portano a patologie come:

  • Encefalopatia ipertensiva;
  • Aneurisma e dissezione aortica;
  • Ipertensione maligna;
  • Retinopatia (danno alla retina);
  • Insufficienza cardiaca.

La profilassi costante volta a prevenire lo sviluppo dell'ipertensione e le possibili complicanze causate da questa malattia richiede una serie di procedure primarie e secondarie..

Prevenzione primaria della malattia

La prevenzione primaria dell'ipertensione è raccomandata a tutte le persone senza eccezioni, anche se gli indicatori della pressione sanguigna sono normali e non ci sono manifestazioni dalla malattia descritta.

Per prevenire lo sviluppo della malattia, questo è l'obiettivo della prevenzione primaria dell'ipertensione arteriosa. Pertanto, prima di tutto, una persona deve cambiare il suo stile di vita, le condizioni di vita e la dieta..

Nella prevenzione dell'ipertensione si raccomanda:

  • Attenzione alle situazioni stressanti e agli scoppi emotivi;
  • Elaborare una routine quotidiana in cui dovrebbe esserci tempo per riposarsi e dormire bene, almeno 9 ore;
  • Eseguire una serie specifica di esercizi fisici;
  • Condurre uno stile di vita sano;
  • Smetti di fumare e bere alcolici completamente;
  • Limitare il consumo di cibi saturi di grassi animali e carboidrati facilmente digeribili;
  • Combatti il ​​sovrappeso, ma senza fanatismo;
  • Dieta bilanciata.

Inoltre, la prevenzione dell'ipertensione comporta il trattamento obbligatorio di malattie concomitanti dei sistemi e degli organi del corpo umano, l'adesione alle necessarie raccomandazioni mediche e il controllo del livello di pressione sanguigna..

Caratteristiche di una corretta alimentazione

Controllare i chili in più e mangiare cibi saturi di oligoelementi essenziali aiuta a rafforzare la salute di una persona e persino a normalizzare la sua pressione sanguigna. L'ipertensione e la sua prevenzione primaria sono parte integrante dell'organizzazione di alcune caratteristiche di una corretta alimentazione.

La causa principale dell'ipertensione negli esseri umani è la trombosi, che è il blocco dei vasi sanguigni da parte di coaguli di sangue (trombi). Per ridurre il rischio di tali formazioni è necessario ridurre il consumo di alimenti contenenti grassi animali, sostituendoli con componenti vegetali sotto forma di oli di mais e girasole..

Si consiglia di escludere dalla dieta:

  • Carboidrati digeribili - cioccolato, zucchero semolato, prodotti da forno;
  • Grassi animali - panna acida, latte, burro;
  • Riso e semolino non schiacciati.

Per abbassare la pressione sanguigna a casa, è più consigliabile mangiare prodotti proteici sotto forma di pesce magro, pollame, ricotta e kefir. E anche per riempire la dieta con componenti alimentari saturi di magnesio, calcio e potassio, il che significa mangiare:

  • Fiocchi di latte;
  • Uova di gallina;
  • Legumi;
  • Albicocche secche, uvetta, prugne.

Importante!
Un'adeguata prevenzione primaria della malattia descritta comporta l'uso di un'alimentazione corretta ed equilibrata, che è una delle misure più importanti per prevenire lo sviluppo dell'ipertensione arteriosa..

Prevenzione secondaria della malattia

La prevenzione secondaria dell'ipertensione ha lo scopo di aiutare i pazienti con ipertensione già diagnosticata, prevenire lo sviluppo di possibili complicanze e rallentare la progressione della malattia. Sono indicati prevenzione secondaria e metodi per prevenire l'ipertensione arteriosa:

  • Elaborazione di una dieta normale;
  • Assegnazione di tempo per un riposo completo e di alta qualità;
  • Una dieta speciale che include una quantità limitata di sale e assunzione di liquidi;
  • Un'eccezione assoluta al menu per cibi grassi, piccanti e affumicati;
  • Visita medica costante;
  • Controllo tempestivo della pressione sanguigna.

Inoltre, la prevenzione descritta e le sue misure volte a ridurre l'ipertensione aiutano nel trattamento di patologie concomitanti (condizioni diabetiche, insufficienza renale).

Con l'ipertensione di secondo grado, è possibile e persino necessario impegnarsi in esercizi ricreativi sotto forma di esercizi di respirazione, nuoto, camminata e tutto questo insieme a esercizi riparativi quotidiani.

Metodi di prevenzione non farmacologici

La prevenzione e il trattamento dell'ipertensione includono:

  • Terapia non farmacologica (utilizzando misure più rigorose corrispondenti alla prevenzione primaria);
  • Terapia farmacologica.

Nel trattamento dell'ipertensione con metodi non farmacologici, vengono utilizzate le seguenti misure:

  • Procedure fisioterapiche sotto forma di sonno elettrico, elettroforesi con farmaci come eufillina, acido nicotinico, No-shpa, massaggio, agopuntura, ecc.;
  • Fisioterapia;
  • Corsi di formazione con blocchi psicoterapeutici;
  • Riposo in sanatorio-resort con orientamento medico.

Importante!
Se la pressione aumenta una volta, ciò non indica un segno dello sviluppo dell'ipertensione. Un aumento occasionale degli indicatori può essere causato dall'assunzione di farmaci e dal consumo di caffè o tè.

La necessità della prevenzione della droga

La prevenzione farmacologica dell'ipertensione viene utilizzata quando è già stata fatta una diagnosi e nei casi in cui l'una o l'altra misura adottata per prevenire questo disturbo si è rivelata inefficace.

La prevenzione dell'ipertensione con l'uso di farmaci può essere l'unico metodo per arrestare una crisi ipertensiva. Dopo tutto, se il tonometro mostra un indicatore di pressione sanguigna borderline o ipertestuale, è necessario suonare l'allarme e consultare un medico per la prescrizione di farmaci.

Nei casi avanzati, in caso di accesso prematuro a un medico, un limite di pressione elevato può comportare una persona con disturbi nel lavoro del sistema cardiovascolare e tutti i tipi di complicazioni.

Previsione di prevenzione

Prevenzione per identificare l'ipertensione in tutte le sue fasi di sviluppo, utilizzando:

  • Controllo della pressione sanguigna;
  • Registrazione del dispensario dei pazienti;
  • Terapia farmacologica individuale;
  • Il mantenimento di un normale limite di pressione sanguigna dà una prognosi positiva per ridurre i rischi e le complicazioni causate da questa malattia.

Va ricordato che l'ipertensione arteriosa può svilupparsi, non solo, ad esempio, da chili in più e dal fumo, ma anche per motivi ereditari, oltre che per fattori negativi esterni.

Pertanto, quando si diagnostica l'ipertensione arteriosa, al paziente viene raccomandata una sorta di promemoria con consigli sul comportamento al momento di un brusco salto di pressione e prevenzione di tale condizione..

Il promemoria e l'aiuto per i pazienti ipertesi prescritti in esso recita:

  • Sulla necessità di misurare la pressione sanguigna, tutti i giorni ea stomaco vuoto, così come quando ci si sente male per prevenire una crisi ipertensiva;
  • Sull'indispensabilità di tenere un diario, specialmente se si tratta di una malattia cronica, e il paziente deve inserire indicatori di pressione sanguigna quotidiani in esso;
  • Un abbassamento di emergenza della pressione sanguigna utilizzando un farmaco chiamato Captopril;
  • Sul controllo dell'uso di medicinali, poiché una forte diminuzione della pressione sanguigna può portare a conseguenze indesiderabili;
  • Sull'uso della nitroglicerina per il dolore al petto (1 compressa sotto la lingua);

Un promemoria per i pazienti con ipertensione indica le azioni che devono essere intraprese in primo luogo e al primo segno dello sviluppo di una crisi della malattia descritta: debolezza, mal di testa e nausea (anche vomito). E se l'aiuto fornito a casa non ha avuto un risultato positivo, è necessario chiamare urgentemente un'ambulanza.

Con l'ipertensione esistente, la prevenzione primaria e secondaria forniscono tutto l'aiuto possibile nella prevenzione della malattia e nella riduzione dei rischi di possibili complicanze causate dall'ipertensione.

La malattia ipertensione arteriosa può manifestarsi sia negli uomini che nelle donne, di qualsiasi età. Sullo sfondo della patologia descritta, possono svilupparsi malattie pericolose per la salute umana e la vita. E solo la più moderna prevenzione dell'ipertensione, un promemoria necessario per controllare questa insidiosa malattia può fermarla, mantenendo la salute umana.


Articolo Successivo
Pseudo-malinconia senile che cos'è