Tutti i segreti sul movimento del sangue attraverso i vasi del corpo


L'articolo parlerà di ciò che fa muovere il sangue attraverso i vasi e non inibire, quali sono i tipi di flusso sanguigno, come differiscono e quando e dove si presentano. A causa dell'enorme quantità di ricerche condotte nel settore cardiovascolare, questo articolo include spiegazioni non solo sui fattori fisici del flusso sanguigno, ma anche sui fattori biologici.

Il movimento del sangue attraverso i vasi del corpo è un intero complesso di basi biofisiche di pressione, flusso e resistenza esercitate dalle pareti vascolari. Con il suo aiuto, viene eseguita la funzione più importante del sistema circolatorio: la fornitura di sostanze nutritive, ossigeno ai tessuti del corpo e, al contrario, il trasporto di prodotti di decomposizione da essi, nonché il mantenimento degli equilibri acido-base e acqua-elettrolita nel corpo nel suo insieme.

Attenzione! Tutto ciò consente il pieno funzionamento sia delle singole cellule e dei tessuti, sia dell'intero organismo..

Informazione Generale

Il lavoro di ogni organo e sistema nel suo insieme determina il grado di afflusso di sangue e quindi il trasporto di ossigeno e sostanze nutritive a loro. Pertanto, i tessuti stessi determinano ciò di cui hanno bisogno e in quale quantità.

I nutrienti forniti ai tessuti sono determinati dal loro fabbisogno, nonché dal loro spettro funzionale, che occupa un posto particolarmente importante nel lavoro di determinati organi e sistemi. Quindi, la funzione dell'apparato renale richiede un alto grado di afflusso di sangue, ma non solo per coprire le esigenze del tessuto dell'organo, ma anche per mantenere le sue funzioni principali: filtrazione, riassorbimento, escrezione, che a sua volta influisce sul lavoro di altri sistemi di organi.

Importante! Assegna la circolazione sanguigna sistemica e polmonare, in relazione alla quale ci sono due cerchi di circolazione sanguigna: rispettivamente grande e piccolo.

Caratteristiche fisiche del flusso sanguigno

Prima di analizzare come il sangue scorre attraverso i vasi, vale la pena considerare le unità anatomiche del sistema vascolare.

Letto arterioso

Tutti sanno che il sangue scorre attraverso le arterie ai tessuti, portando loro molti nutrienti. A causa dell'alta pressione e dell'elevata velocità del sangue in essi, è necessaria una maggiore resistenza delle loro pareti. Pertanto, durante un esame istologico, la parete vascolare di un'arteria può essere facilmente distinta da una vena per la sua sezione arrotondata, nel cui spessore sono presenti più elementi muscolari lisci.

Le arteriole sono anche rappresentanti di questo letto vascolare, tuttavia differiscono dalle arterie nel loro calibro. La pressione sanguigna lungo le arteriole è molto più bassa. Svolgono il ruolo di "adattatori" attraverso i quali il sangue scorre nei capillari.

A causa della membrana muscolare sviluppata nelle arteriole, quest'ultima può controllare il flusso sanguigno in alcuni tessuti - spasmi, se necessario, ridurre l'afflusso di sangue a una determinata area e, al contrario, espandersi se è necessario aumentare il flusso sanguigno nei tessuti.

Rete capillare

Queste strutture anatomiche del letto vascolare hanno una parete semipermeabile con pori capillari situati tra le cellule endoteliali, che consentono lo scambio bilaterale di elettroliti, gas, nutrienti, ormoni e prodotti di decomposizione.

Sistema venoso

Le venule, di piccolo calibro, raccolgono il sangue dal letto capillare e lo trasportano lontano dai tessuti. Con la distanza dall'organo, il loro calibro cresce, aumentando progressivamente fino alle vene. Le vene sono raccoglitori di sangue nel sistema cardiovascolare. Attraverso di loro, il sangue raccolto da tutti i sistemi di organi scorre nel cuore.

Oltre alla funzione di trasporto, svolgono un altro ruolo importante, essendo un grande serbatoio di sangue nel corpo umano. A causa della bassa pressione nel loro sistema, la parete venosa è sottile, composta principalmente da fibre di tessuto connettivo elastico. Tuttavia, anche un piccolo numero di elementi muscolari lisci nelle loro pareti consente loro di espandersi, accumulando più sangue nel loro sistema..

Importante! Il rivestimento interno della parete venosa ha valvole, il cui numero diminuisce progressivamente dagli arti inferiori alla confluenza delle vene nella vena cava inferiore. Svolgono un ruolo importante nella regolazione dell'unilateralità del flusso sanguigno.

Principi del sistema di circolazione sanguigna

Come notato sopra, il volume di sangue fornito al tessuto è direttamente proporzionale alle sue esigenze. Quando viene eseguita qualsiasi tipo di attività fisica (e non solo), l'attività - l'afflusso di sangue a tutti gli organi viene migliorato aumentando il loro fabbisogno di nutrienti. I cambiamenti possono variare 20-30 volte rispetto allo stato di riposo.

Il cuore da solo non può aumentare la gittata cardiaca di oltre 4-7 volte (la capacità del miocardio dipende dal suo allenamento, quindi il prezzo di un'attività fisica regolare è alto). Pertanto, quando è impossibile aumentare la velocità del flusso sanguigno attraverso i vasi in isolamento, il suo controllo è attivato esclusivamente dal sistema vascolare.

La necessità di ossigeno o, al contrario, il grado di anidride carbonica accumulata e altri metaboliti trasmette un segnale ai vasi sanguigni locali, che a loro volta li spasima o, al contrario, si espande, a seconda delle esigenze di un particolare tessuto e del livello di attività dei processi che fluiscono in esso. Il sistema nervoso centrale e il sistema umorale, che controllano inoltre la parete vascolare, aiutano anche a controllare il flusso sanguigno in vari tessuti del corpo.

Quando c'è un controllo a livello dei vasi locali, anche la gittata cardiaca viene "adattata" alla quantità formata di flusso sanguigno nei tessuti. Il cuore risponde automaticamente all'aumento dell'afflusso di sangue aumentando la sua capacità contrattile.

Il sistema nervoso, cioè i riflessi, ha una grande influenza sul controllo del livello di pressione sanguigna. Quindi, con una diminuzione della pressione sistolica al di sotto della cifra di 100 mm Hg. viene innescato un complesso di riflessi, finalizzato a innalzarlo in un breve periodo di tempo.

I modi per aumentarlo sono i seguenti:

  • aumento della forza delle contrazioni cardiache;
  • restringimento del lume di grandi tronchi venosi per dirigere più sangue al cuore;
  • restringimento diffuso delle arteriole, che porta alla ridistribuzione del sangue nelle grandi arterie di calibro, che a sua volta si traduce in un aumento della pressione sistolica.

Dati fisici del flusso sanguigno

Considera ulteriormente i fattori fisici che assicurano il movimento del sangue attraverso i vasi:

  1. Pressione e gradiente di pressione. Questo indicatore è uno dei più importanti, che determina il flusso sanguigno unidirezionale, la sua aspirazione dal cuore ai tessuti e dagli organi al cuore. Il gradiente di pressione si riferisce alla differenza di pressione nel serbatoio, cioè alle due estremità opposte..
    A parità di valori di pressione (anche molto alti), nessun flusso sanguigno si verifica alle diverse estremità di un vaso, poiché richiede esattamente il gradiente di pressione.
  2. Resistenza vascolare. La resistenza della parete vascolare è il secondo fattore che influenza il flusso di sangue attraverso il sistema cardiovascolare. Questo indicatore è influenzato dalle caratteristiche istologiche (la percentuale di fibre muscolari lisce e fibre elastiche del tessuto connettivo), dal calibro del vaso.
  3. Circolazione sanguigna. Questo termine si riferisce alla quantità di sangue che scorre per un certo periodo di tempo in un punto specifico del letto vascolare. La corrente è direttamente proporzionale al gradiente di pressione sopra descritto nei vasi e inversamente proporzionale alla resistenza vascolare.

Importante! I fattori di cui sopra insieme forniscono il complesso, che garantisce la continuità del flusso sanguigno attraverso i vasi..

Un ruolo importante nelle peculiarità del movimento del sangue è giocato dalla sua viscosità, cioè dal rapporto tra i suoi elementi sagomati e la struttura liquida (plasma). I cambiamenti nei valori di riferimento hanno conseguenze.

Varianti del flusso sanguigno attraverso il vaso

Esistono diverse opzioni per il flusso di sangue attraverso i vasi. Le caratteristiche di ciascuno di essi sono riportate di seguito..

Corrente laminare

Con questo modello di flusso sanguigno attraverso il letto vascolare, il flusso sanguigno è rappresentato da strati, ciascuno dei quali si trova alla stessa distanza dalla parete del vaso, ed è caratterizzato da una certa portata. Questa velocità e ritmo è costante.

Inoltre, più il sangue è vicino alla parte centrale del vaso (in relazione alla sua sezione trasversale), maggiore è la sua velocità e più elementi sagomati sono in esso. Pertanto, il flusso sanguigno vicino all'endotelio viene rallentato ed è costituito principalmente dalla base liquida del plasma sanguigno.

Il flusso laminare è osservato nella maggior parte del sistema circolatorio umano in uno stato di riposo fisiologico.

Corrente turbolenta

È l'esatto opposto del flusso sanguigno laminare. Con questo modello, il sangue non ha un movimento e un ordinamento unidirezionale a strati, ma si muove in direzioni diverse nel lume di un vaso. Il sangue si mescola così tanto in un vaso che forma persino riccioli come onde.

La normale fisiologia prevede la presenza di flusso sanguigno turbolento nelle aree in cui si trovano le valvole, nei vasi principali, soprattutto nell'aorta prossimale e nell'arteria polmonare (dove lasciano rispettivamente i ventricoli sinistro e destro), nei luoghi di biforcazioni e costrizioni anatomiche, nonché in attività fisica (vedere anche Valvole cardiovascolari - Anatomia di un ingresso sanguigno.)

Il resto delle situazioni, quando si verifica un flusso sanguigno turbolento, si riferisce a condizioni patologiche: endotelio irregolare a causa della presenza di danno o placca aterosclerotica, ostruzione del vaso o suo restringimento dall'esterno.

La corrente turbolenta porta ad una maggiore resistenza della parete vascolare, che si traduce in un aumento della frequenza cardiaca. Pertanto, questo modello di flusso sanguigno esercita un grande carico sul cuore e sul vaso stesso, che è suscettibile all'azione di un flusso turbolento su di esso..

Come valutare i parametri del flusso sanguigno

Esistono oggi molte tecniche che consentono, sia in modo invasivo che senza intervento, di valutare tutti i fattori che influenzano l'adeguatezza del flusso sanguigno, che a sua volta influisce direttamente sull'apporto sanguigno di organi e tessuti..

Valutazione del flusso sanguigno nei vasi

Il metodo più utilizzato per diagnosticare il flusso sanguigno in varie parti del sistema cardiovascolare oggi è l'ecografia con metodo Doppler. Il suo uso diffuso in medicina è dovuto all'accuratezza dei dati forniti, alla trasportabilità, al basso costo della procedura stessa e alla versatilità..

Il suo principio di funzionamento è l'effetto Doppler. Il trasduttore del dispositivo invia molte onde ultrasoniche ad alta frequenza che attraversano i tessuti e le pareti vascolari, vengono riflesse dalla superficie dei globuli rossi, che si muovono ininterrottamente nel lume dei vasi. (vedi anche Ecografia Doppler dei vasi del collo e della testa.)

Le onde riflesse hanno una frequenza inferiore a causa della distanza costante dei globuli rossi dal sensore. L'elaborazione dei segnali ricevuti consente di mostrare il flusso sanguigno nel lume del vaso (il flusso sanguigno al trasduttore è mappato in rosso e da esso, rispettivamente, in blu). Maggiori dettagli su questo sono descritti nel video in questo articolo..

In combinazione con la modalità B della diagnostica ecografica, il metodo Doppler consente di valutare non solo l'adeguatezza del flusso sanguigno nel lume dei vasi, ma anche nelle cavità del cuore. Sulla base del risultato di questo esame, il medico può trarre una conclusione sul flusso sanguigno nelle camere del cuore, attraverso i vasi principali o periferici..

Misurazione della pressione

La pressione sanguigna è definita come la forza generata dal flusso sanguigno che agisce su qualsiasi unità della superficie della parete vascolare. Il metodo più accurato per valutare la pressione sanguigna è un manometro a mercurio, perché non risponde ai cambiamenti nei livelli di pressione che si verificano più velocemente di 2-3 secondi..

Tuttavia, il manometro dell'acqua è meno preciso nelle letture e viene utilizzato per misurare la pressione.

Nella pratica medica, viene utilizzato come metodo non invasivo per determinare la pressione sanguigna, ad esempio utilizzando uno sfigmomanometro noto a tutti. Le istruzioni per l'utilizzo di questo dispositivo sono note a ogni seconda persona.

Anche il metodo invasivo di valutazione della pressione sanguigna e venosa ha trovato la sua applicazione, però, solo all'interno delle strutture sanitarie (principalmente in reparti di terapia intensiva e sale operatorie) per la presenza di alcune indicazioni per il suo utilizzo. Le letture della pressione diretta sono le più accurate.

Nonostante la facilità d'uso di uno sfigmomanometro standard, vale la pena prestare attenzione alle regole per la misurazione della pressione sanguigna, che consente di ottenere le letture più accurate.

  • la mano su cui viene misurata la pressione dovrebbe essere a livello del cuore;
  • il paziente deve essere a riposo per almeno 10-15 minuti prima dell'inizio della procedura di misurazione della pressione;
  • gli arti inferiori dovrebbero essere liberi e non incrociati;
  • la spalla su cui è applicato il bracciale dello sfigmomanometro deve essere sgombra da indumenti;
  • il paziente deve astenersi dal parlare al momento della procedura;
  • la vescica deve essere svuotata.

Inoltre, a seconda della patologia e delle condizioni del paziente, potrebbe essere necessario misurare la pressione non solo su entrambe le braccia, ma anche sugli arti inferiori..

Valutazione della viscosità del sangue

Oltre alla pressione, alla resistenza e al flusso sanguigno stesso, tra le quantità che influenzano le caratteristiche del movimento del sangue attraverso i vasi ci sono le sue proprietà reologiche e, prima di tutto, la viscosità del sangue. Con i costanti criteri fisici sopra descritti per il flusso sanguigno, un aumento della viscosità del sangue porta ad un rallentamento del suo flusso..

La viscosità del sangue è determinata dagli elementi sagomati in esso sospesi (principalmente eritrociti), ognuno dei quali esercita una resistenza diretta non solo alle pareti dei vasi, ma anche alle cellule ad essi adiacenti.

Determinazione dell'ematocrito: il rapporto tra le cellule del sangue e il plasma è un indicatore indiretto della viscosità del sangue. Altri fattori che influenzano (significativamente meno dell'ematocrito) sulla viscosità sono la concentrazione delle proteine ​​plasmatiche e il loro tipo.

In conclusione, va notato che le ragioni del movimento del sangue attraverso i vasi sopra descritte si basano su caratteristiche fisiche e biologiche. L'attività fisica regolare, selezionata individualmente per ogni persona, consente di allenare la resistenza del sistema cardiovascolare, che ha un effetto positivo sul suo lavoro e sulla prevenzione di molte malattie.

Domande al dottore

Ristagno di sangue

Buon pomeriggio. Mi chiamo Stanislav e sono preoccupato per il ristagno di sangue nelle gambe. Il fatto è che negli ultimi mesi ha iniziato a notare noduli venosi sulle gambe destra e sinistra. Un conoscente ha detto che si trattava di vene varicose e che il sangue nelle gambe a causa di esso ristagna e non si sposta al cuore. È così e cosa posso fare al riguardo?

Ciao Stanislav. C'è del vero nei giudizi del tuo amico. Tuttavia, la loro inesattezza non ci consente di rispondere positivamente alla tua domanda. Infatti, i noduli "venosi" da te descritti potrebbero essere una manifestazione delle vene varicose degli arti inferiori. Quest'ultimo si manifesta come conseguenza dell'insufficienza dell'apparato valvolare del sistema venoso di quest'area, a causa del quale il deflusso del sangue è davvero compromesso.

L'insufficienza venosa cronica può portare al ristagno di sangue nelle gambe, tuttavia la terapia specifica ha un effetto positivo sul decorso di questa patologia. Nel tuo caso, devi contattare il tuo medico di famiglia, che, se sospetti vene varicose, ti indirizzerà a uno specialista ristretto.

Sport: beneficio o danno?

Ciao, mi chiamo Mark. Ultimamente mi sono lasciato trasportare dall'allenamento (sono impegnato in palestra), mi sento molto meglio. Un conoscente ha detto che colpisce gravemente il cuore e che l'effetto dello sport sul corpo è sopravvalutato. È così?

Buon pomeriggio, Mark. Grazie per la tua domanda. In effetti, gli sport seri non hanno un effetto positivo sul corpo umano, soprattutto quando si tratta di sollevamento pesi. Tuttavia, un'attività fisica regolare, compreso l'esercizio cardiovascolare, è importante per la salute del corpo. È importante eseguire tutti gli esercizi sotto la stretta supervisione di un allenatore per evitare lesioni indesiderate.

Sistema circolatorio umano

Il sangue è uno dei fluidi di base del corpo umano, grazie al quale organi e tessuti ricevono la nutrizione e l'ossigeno necessari, vengono purificati dalle tossine e dai prodotti di decomposizione. Questo fluido può circolare in una direzione strettamente definita grazie al sistema circolatorio. Nell'articolo parleremo di come funziona questo complesso, grazie al quale viene mantenuto il flusso sanguigno e di come il sistema circolatorio interagisce con altri organi..

Il sistema circolatorio umano: struttura e funzione

La vita normale è impossibile senza un'efficace circolazione sanguigna: mantiene la costanza dell'ambiente interno, trasporta ossigeno, ormoni, nutrienti e altre sostanze vitali, partecipa alla purificazione da tossine, tossine, prodotti di decomposizione, il cui accumulo porterebbe prima o poi alla morte di un singolo organo o l'intero organismo. Questo processo è regolato dal sistema circolatorio - un gruppo di organi, grazie al lavoro congiunto di cui viene eseguito il movimento sequenziale del sangue attraverso il corpo umano.

Diamo un'occhiata a come funziona il sistema circolatorio e quali funzioni svolge nel corpo umano..

La struttura del sistema circolatorio umano

A prima vista, il sistema circolatorio è semplice e comprensibile: comprende il cuore e numerosi vasi attraverso i quali scorre il sangue, raggiungendo alternativamente tutti gli organi e sistemi. Il cuore è una sorta di pompa che sprona il sangue, fornendo il suo flusso sistematico, ei vasi svolgono il ruolo di guidare i tubi che determinano il percorso specifico del movimento del sangue attraverso il corpo. Ecco perché il sistema circolatorio è anche chiamato cardiovascolare o cardiovascolare.

Parliamo più in dettaglio di ogni organo che appartiene al sistema circolatorio umano.

Organi del sistema circolatorio umano

Come ogni complesso organismico, il sistema circolatorio comprende una serie di organi diversi, classificati in base alla struttura, alla localizzazione e alle funzioni svolte:

  1. Il cuore è considerato l'organo centrale del complesso cardiovascolare. È un organo cavo formato prevalentemente dal tessuto muscolare. La cavità cardiaca è divisa da setti e valvole in 4 sezioni: 2 ventricoli e 2 atri (sinistro e destro). A causa di contrazioni successive ritmiche, il cuore spinge il sangue attraverso i vasi, assicurando la sua circolazione uniforme e continua.
  2. Le arterie trasportano il sangue dal cuore ad altri organi interni. Più lontani dal cuore sono localizzati, più sottile è il loro diametro: se nell'area della sacca del cuore la larghezza media del lume è lo spessore del pollice, allora nell'area delle estremità superiore e inferiore il suo diametro è approssimativamente uguale a una matita semplice.

Nonostante la differenza visiva, sia le arterie grandi che quelle piccole hanno una struttura simile. Includono tre livelli: avventizia, media e intimità. L'avventizio - lo strato esterno - è formato da tessuto connettivo fibroso ed elastico e comprende numerosi pori attraverso i quali passano capillari microscopici che alimentano la parete vascolare, e fibre nervose che regolano l'ampiezza del lume dell'arteria a seconda degli impulsi inviati dal corpo.

Il mezzo mediano comprende fibre elastiche e muscoli lisci, che mantengono l'elasticità e l'elasticità della parete vascolare. È questo strato che regola la velocità del flusso sanguigno e la pressione sanguigna in misura maggiore, che può variare entro un intervallo accettabile a seconda di fattori esterni e interni che influenzano il corpo. Maggiore è il diametro dell'arteria, maggiore è la percentuale di fibre elastiche nello strato intermedio. Secondo questo principio, i vasi sono classificati in elastici e muscolari.

L'intima, o rivestimento interno delle arterie, è rappresentato da un sottile strato di endotelio. La struttura liscia di questo tessuto facilita la circolazione sanguigna e funge da passaggio per la fornitura di media.

Man mano che le arterie si assottigliano, questi tre strati diventano meno pronunciati. Se nei grandi vasi l'avventizia, media e intima sono chiaramente distinguibili, nelle arteriole sottili sono visibili solo spirali muscolari, fibre elastiche e un sottile rivestimento endoteliale.

  1. I capillari sono i vasi più sottili del sistema cardiovascolare, che sono intermedi tra le arterie e le vene. Sono localizzati nelle zone più distanti dal cuore e contengono non più del 5% del volume totale di sangue nel corpo. Nonostante le loro piccole dimensioni, i capillari sono estremamente importanti: avvolgono il corpo in una fitta rete, fornendo sangue a ogni cellula del corpo. È qui che avviene lo scambio di sostanze tra sangue e tessuti adiacenti. Le pareti più sottili dei capillari passano facilmente le molecole di ossigeno e le sostanze nutritive contenute nel sangue che, sotto l'influenza della pressione osmotica, passano nei tessuti di altri organi. In cambio, il sangue riceve i prodotti di decomposizione e le tossine contenute nelle cellule, che vengono rimandate indietro attraverso il letto venoso al cuore e quindi ai polmoni.
  2. Le vene sono un tipo di vasi che trasportano il sangue dagli organi interni al cuore. Le pareti delle vene, come le arterie, sono formate da tre strati. L'unica differenza è che ciascuno di questi strati è meno pronunciato. Questa caratteristica è regolata dalla fisiologia delle vene: non è necessaria una forte pressione dalle pareti vascolari per la circolazione sanguigna - la direzione del flusso sanguigno viene mantenuta a causa della presenza di valvole interne. La maggior parte di essi è contenuta nelle vene degli arti inferiori e superiori - qui, con una bassa pressione venosa, senza contrazione alternata delle fibre muscolari, il flusso sanguigno sarebbe impossibile. Al contrario, le vene grandi hanno pochissime o nessuna valvola..

Nel processo di circolazione, parte del fluido dal sangue filtra attraverso le pareti dei capillari e dei vasi sanguigni agli organi interni. Questo fluido, visivamente in qualche modo ricorda il plasma, è la linfa, che entra nel sistema linfatico. Unendosi insieme, le vie linfatiche formano condotti piuttosto grandi, che nella regione del cuore rifluiscono nel letto venoso del sistema cardiovascolare..

Il sistema circolatorio umano: brevemente e chiaramente sulla circolazione sanguigna

Circuiti chiusi di circolazione sanguigna formano cerchi lungo i quali il sangue si muove dal cuore agli organi interni e viceversa. Il sistema cardiovascolare umano comprende 2 cerchi di circolazione sanguigna: grande e piccolo.

Il sangue che circola in un ampio cerchio inizia il suo percorso nel ventricolo sinistro, quindi passa nell'aorta e attraverso le arterie adiacenti entra nella rete capillare, diffondendosi in tutto il corpo. Successivamente, avviene lo scambio molecolare, quindi il sangue, privato di ossigeno e riempito di anidride carbonica (il prodotto finale durante la respirazione cellulare), entra nella rete venosa, da lì - nella grande vena cava e, infine, nell'atrio destro. L'intero ciclo in un adulto sano richiede in media 20-24 secondi.

Il piccolo cerchio di circolazione sanguigna inizia nel ventricolo destro. Da lì, il sangue contenente una grande quantità di anidride carbonica e altri prodotti di decomposizione entra nel tronco polmonare e quindi nei polmoni. Lì, il sangue viene ossigenato e rimandato all'atrio e al ventricolo sinistro. Questo processo richiede circa 4 secondi..

Oltre ai due circoli principali della circolazione sanguigna, in alcune condizioni fisiologiche nell'uomo, possono comparire altre vie per la circolazione sanguigna:

  • Il cerchio coronarico è una parte anatomica del grande ed è l'unico responsabile della nutrizione del muscolo cardiaco. Inizia all'uscita delle arterie coronarie dall'aorta e termina con il letto cardiaco venoso, che forma il seno coronarico e sfocia nell'atrio destro.
  • Il cerchio di Willis è progettato per compensare il fallimento della circolazione cerebrale. Si trova alla base del cervello dove convergono le arterie carotidi vertebrali e interne..
  • Il cerchio placentare appare in una donna esclusivamente durante il trasporto di un bambino. Grazie a lui, il feto e la placenta ricevono sostanze nutritive e ossigeno dal corpo della madre..

Funzioni del sistema circolatorio umano

Il ruolo principale svolto dal sistema cardiovascolare nel corpo umano è il movimento del sangue dal cuore ad altri organi e tessuti interni e alla schiena. Molti processi dipendono da questo, grazie al quale è possibile mantenere una vita normale:

  • respirazione cellulare, ovvero il trasferimento di ossigeno dai polmoni ai tessuti con successivo utilizzo dell'anidride carbonica di scarto;
  • nutrizione di tessuti e cellule con sostanze contenute nel sangue in arrivo;
  • mantenere una temperatura corporea costante attraverso la distribuzione del calore;
  • fornire una risposta immunitaria dopo l'ingresso di virus patogeni, batteri, funghi e altri agenti estranei nel corpo;
  • eliminazione dei prodotti di decomposizione ai polmoni per la successiva escrezione dal corpo;
  • regolazione dell'attività degli organi interni, che si ottiene trasportando ormoni;
  • mantenere l'omeostasi, cioè l'equilibrio dell'ambiente interno del corpo.

Il sistema circolatorio umano: brevemente sulla cosa principale

Riassumendo, vale la pena notare l'importanza di mantenere la salute del sistema circolatorio per garantire le prestazioni di tutto il corpo. Il minimo fallimento nei processi di circolazione sanguigna può causare una mancanza di ossigeno e sostanze nutritive da parte di altri organi, insufficiente escrezione di composti tossici, interruzione dell'omeostasi, immunità e altri processi vitali. Per evitare gravi conseguenze, è necessario escludere i fattori che provocano malattie del complesso cardiovascolare - abbandonare cibi grassi, carne, fritti, che intasano il lume dei vasi sanguigni con placche di colesterolo; condurre uno stile di vita sano in cui non c'è posto per cattive abitudini, cercare, per capacità fisiologiche, di praticare sport, evitare situazioni stressanti e reagire con sensibilità ai minimi cambiamenti di benessere, prendendo tempestivamente misure adeguate per curare e prevenire patologie cardiovascolari.

Il movimento del sangue attraverso i vasi

Continuità del flusso sanguigno. Il cuore batte ritmicamente, quindi il sangue entra nei vasi sanguigni in porzioni. Tuttavia, il sangue scorre attraverso i vasi sanguigni in un flusso continuo. Il flusso continuo di sangue nei vasi è dovuto all'elasticità delle pareti arteriose e alla resistenza al flusso sanguigno che si verifica nei piccoli vasi sanguigni. A causa di questa resistenza, il sangue viene trattenuto nei grandi vasi e provoca l'allungamento delle loro pareti. Le pareti delle arterie si allungano anche quando il sangue scorre sotto pressione dai ventricoli del cuore in contrazione durante la sistole. Durante la diastole, il sangue dal cuore non scorre nelle arterie, le pareti dei vasi, che si distinguono per elasticità, collassano e fanno avanzare il sangue, assicurandone il movimento continuo attraverso i vasi sanguigni.

Figura: 66. Luoghi di compressione delle arterie durante il sanguinamento:

1 - temporale superficiale; 2 - mascella esterna; 3 - sonnolenza generale; 4 - succlavia; 5 - ascellare; 6 - spalla; 7 - raggio; 5 - gomito; 9 - femorale; 10 - tibiale anteriore; 11 - arteria posteriore del piede.

Le arterie di solito si trovano in profondità tra i muscoli. Tuttavia, su un breve segmento del loro percorso, le arterie possono andare superficialmente; quindi è facile sentire e contare i battiti del polso. Conoscere questi luoghi è importante quando si fornisce il primo soccorso per l'emorragia. La cosa principale qui è fermare l'emorragia. Questo può essere fatto premendo l'arteria danneggiata (Fig, 66).

Un laccio emostatico viene applicato sugli arti per sanguinamento (non più di 2 ore), una benda di pressione sterile.

Le ragioni del movimento del sangue attraverso i vasi

Il sangue si muove attraverso i vasi a causa delle contrazioni del cuore e della differenza di pressione sanguigna che si stabilisce in diverse parti del sistema vascolare. Nei vasi di grandi dimensioni, la resistenza al flusso sanguigno è piccola, con una diminuzione del diametro dei vasi, aumenta.

Superando l'attrito causato dalla viscosità del sangue, quest'ultimo perde parte dell'energia impartitagli dal cuore pulsante. La pressione sanguigna diminuisce gradualmente. La differenza di pressione sanguigna in diverse parti del sistema circolatorio è praticamente la ragione principale del movimento del sangue nel sistema circolatorio. Il sangue scorre dal punto in cui la sua pressione è più alta a dove la pressione è più bassa.

Pressione sanguigna

La pressione sotto la quale il sangue si trova in un vaso sanguigno è chiamata pressione sanguigna.

La quantità di pressione sanguigna è determinata dal lavoro del cuore, dalla quantità di sangue che entra nel sistema vascolare, dalla resistenza delle pareti vascolari, dalla viscosità del sangue.

La pressione sanguigna più alta è nell'aorta. Quando il sangue si muove attraverso i vasi, la sua pressione diminuisce. Nelle grandi arterie e vene, la resistenza al flusso sanguigno è piccola e la pressione sanguigna in esse diminuisce gradualmente, senza intoppi. La diminuzione più evidente della pressione nelle arteriole e nei capillari, dove la resistenza al flusso sanguigno è maggiore.

La pressione sanguigna nel sistema circolatorio cambia. Durante la sistole ventricolare, il sangue viene forzato nell'aorta, con la pressione sanguigna più alta. Questa pressione più alta è chiamata pressione sistolica o massima. Si verifica a causa del fatto che più sangue scorre dal cuore in grandi vasi durante la sistole di quanto non fluisca alla periferia. Nella fase diastolica del cuore, la pressione sanguigna diminuisce e diventa diastolica, o minima. Fino ai 6-7 anni di età nei bambini, la crescita del cuore è in ritardo rispetto alla crescita dei vasi sanguigni e nei periodi successivi, specialmente durante la pubertà, la crescita del cuore supera la crescita dei vasi sanguigni. Ciò si riflette nel valore della pressione sanguigna, che aumenta in modo significativo durante la pubertà, poiché la forza di pompaggio del cuore incontra la resistenza dal lato di vasi sanguigni relativamente stretti. A questa età, gli adolescenti spesso sperimentano una violazione del ritmo dell'attività cardiaca e un aumento della frequenza cardiaca.

Figura: 67. Misurazione della pressione sanguigna negli esseri umani.

La pressione sanguigna di una persona viene misurata utilizzando uno sfigmomanometro. Questo dispositivo è costituito da un manicotto di gomma cavo collegato a un bulbo di gomma e un manometro a mercurio (Fig.67). Il bracciale viene rinforzato sulla spalla esposta del soggetto e l'aria viene iniettata in esso con un bulbo di gomma per comprimere l'arteria brachiale con il bracciale e fermare il flusso sanguigno in esso. Un fonendoscopio viene applicato al gomito in modo da poter ascoltare il movimento del sangue nell'arteria. Fino a quando l'aria non viene pompata nel bracciale, il sangue scorre silenziosamente attraverso l'arteria, non si sente alcun suono attraverso il fonendoscopio. Dopo che l'aria è stata pompata nel bracciale e il bracciale comprime l'arteria e interrompe il flusso sanguigno, utilizzando una vite speciale, l'aria viene rilasciata lentamente dal bracciale finché non si sente un suono intermittente chiaro (sordo-muto) attraverso il fonendoscopio. Quando appare questo suono, guardano la scala del manometro a mercurio, annotano la lettura in millimetri della colonna di mercurio e la considerano come il valore della pressione sistolica (massima).

Se continui a rilasciare aria dal bracciale, all'inizio il suono viene sostituito da un rumore che diminuisce gradualmente e, infine, scompare completamente. Al momento della scomparsa del suono, nel manometro si nota l'altezza della colonna di mercurio, che corrisponde alla pressione diastolica (minima). Il metodo descritto è stato proposto da Korotkov. Il tempo durante il quale la pressione viene misurata secondo il metodo Korotkov non deve essere superiore a un minuto, poiché altrimenti la circolazione sanguigna nel braccio al di sotto del punto in cui viene applicato il bracciale potrebbe essere compromessa.

Invece di uno sfigmomanometro, puoi utilizzare un tonometro per misurare la pressione sanguigna. Il suo principio di funzionamento è lo stesso di quello di uno sfigmomanometro, solo nel tonometro è presente un manometro a molla.

Determina la pressione sanguigna a riposo dello studente. Registrare i suoi valori massimi e minimi di pressione sanguigna. Ora chiedi allo studente di fare 30 squat profondi di seguito, quindi leggi di nuovo la pressione sanguigna. Confronta le letture della pressione sanguigna post-squat con i valori della pressione sanguigna a riposo.

Figura: 68. Schema dell'azione delle valvole venose:

a sinistra - il muscolo è rilassato, a destra - contratto; 1 - vena, la cui zia inferiore è aperta; 2 - valvole venose; 3 - muscolo; frecce nere: pressione del muscolo contratto sulla vena; frecce bianche: il movimento del sangue attraverso la vena.

Nell'arteria brachiale umana, la pressione sistolica è di 110-125 mm Hg. Art. E diastolica - 60-85 mm Hg. Arte, nei bambini, la pressione sanguigna è molto più bassa che negli adulti. Più piccolo è il bambino, più grande è la rete capillare e più ampio è il lume del sistema circolatorio, e quindi più bassa è la pressione sanguigna. Dopo 50 anni, la pressione massima sale solitamente a 130-145 mm Hg. st.

Nelle piccole arterie e arteriole, a causa dell'elevata resistenza al flusso sanguigno, la pressione sanguigna scende bruscamente ed è di 60-70 mm Hg. Art., Nei capillari è ancora più basso - 30-40 mm Hg. Art., Nelle vene piccole è 10-20 mm Hg. Art., E nella vena cava superiore e inferiore, nei punti in cui fluiscono nel cuore, la pressione sanguigna diventa negativa, cioè sotto la pressione atmosferica di 2-5 mm Hg. st.

Durante il normale corso dei processi vitali in una persona sana, la pressione sanguigna viene mantenuta a un livello costante. La pressione sanguigna, che è aumentata durante l'esercizio, la tensione nervosa e in altri casi, torna presto alla normalità.

Il sistema nervoso svolge un ruolo importante nel mantenere una pressione sanguigna costante..

La determinazione della pressione sanguigna è di valore diagnostico ed è ampiamente utilizzata nella pratica medica..

Velocità del sangue

Proprio come un fiume scorre più velocemente nelle sue aree ristrette e più lentamente dove si diffonde ampiamente, il sangue scorre più velocemente dove il lume totale dei vasi è più stretto (nelle arterie) e più lento di tutti dove il lume totale dei vasi è il più ampio (nei capillari).

Nel sistema circolatorio, la parte più stretta è l'aorta, in cui la velocità del flusso sanguigno è maggiore. Ogni arteria è più stretta dell'aorta, ma il lume totale di tutte le arterie del corpo umano è più grande del lume dell'aorta. Il lume totale di tutti i capillari è 800-1000 volte più grande del lume dell'aorta. Di conseguenza, la velocità del flusso sanguigno nei capillari è 1000 volte più lenta che nell'aorta. Nei capillari, il sangue scorre a una velocità di 0,5 mm / se nell'aorta - 500 mm / s. Il lento flusso sanguigno nei capillari favorisce lo scambio di gas, nonché il trasferimento di nutrienti dal sangue e prodotti di degradazione dei tessuti al sangue.

Il lume totale delle vene è più stretto del lume totale dei capillari; quindi, la velocità del flusso sanguigno nelle vene

più che nei capillari ed è di 200 mm / s.

Il movimento del sangue nelle vene

Le pareti delle vene, a differenza delle arterie, sono sottili, morbide e facilmente compresse. Il sangue scorre nelle vene fino al cuore. In molte parti del corpo, le vene hanno valvole intascate. Le valvole si aprono solo verso il cuore e impediscono il flusso sanguigno inverso (Fig.68). La pressione sanguigna nelle vene è bassa (10-20 mm Hg), e quindi il movimento del sangue nelle vene avviene in gran parte a causa della pressione degli organi circostanti (muscoli, organi interni) sulle pareti cedevoli.

Tutti sanno che l'immobilità del corpo provoca la necessità di "allungare", che è associata al ristagno di sangue nelle vene. Ecco perché gli esercizi mattutini sono così utili, così come gli esercizi industriali, che aiutano a migliorare la circolazione sanguigna ed eliminare la stasi sanguigna che si verifica in alcune parti del corpo durante il sonno e la permanenza prolungata in una posizione di lavoro..

Un certo ruolo nel movimento del sangue attraverso le vene appartiene alla forza di aspirazione della cavità toracica. Durante l'inalazione, il volume della cavità toracica aumenta, questo porta allo stiramento dei polmoni e le vene cave che passano nella cavità toracica al cuore vengono allungate. Quando le pareti delle vene sono allungate, la loro luce rossa si espande, la pressione in esse diventa inferiore a quella atmosferica, negativa. Nelle vene più piccole, la pressione rimane 10-20 mm Hg. Arte. C'è una differenza significativa di pressione nelle vene piccole e grandi, che favorisce l'avanzamento del sangue nella vena cava inferiore e superiore al cuore.

Circolazione sanguigna nei capillari

Nei capillari avviene uno scambio di sostanze tra sangue e fluido tissutale. Dopo che una rete di capillari permea tutti gli organi del nostro corpo. Le pareti dei capillari sono molto sottili (il loro spessore è di 0,005 mm), attraverso di esse varie sostanze penetrano facilmente dal sangue nel fluido tissutale e da esso nel sangue. Il sangue scorre molto lentamente attraverso i capillari e ha il tempo di spremere ossigeno e sostanze nutritive ai tessuti. La superficie di contatto del sangue con le pareti dei vasi sanguigni nella rete capillare è 170.000 volte più grande che nelle arterie. È noto che le lunghezze di tutti i capillari in un adulto superano i 100.000 km. Lumen

gli apillari sono così stretti che solo un eritrocita può attraversarlo, e poi si appiattisce un po '. Questo crea condizioni favorevoli per il ritorno dell'ossigeno ai tessuti da parte del sangue..

Osserva il movimento del sangue nei capillari della membrana natatoria della rana. Immobilizza la rana. Immediatamente, non appena l'attività motoria della rana si ferma (per non sovradosare l'anestesia), estraila dal barattolo e fissala con degli spilli alla tavola con il dorso rivolto verso l'alto. Dovrebbe esserci un buco nell'asse, allungare con cura la membrana di nuoto della zampa posteriore della rana con degli spilli sopra il foro. Non è consigliabile allungare troppo la membrana del nuoto: sotto una forte tensione, i vasi sanguigni potrebbero essere schiacciati, il che porterà a un arresto della circolazione sanguigna in essi. Inumidisci la rana con acqua durante l'esperimento..

Puoi anche immobilizzare la rana avvolgendola strettamente con una benda umida in modo che uno dei suoi arti posteriori rimanga libero. Per evitare che la rana pieghi questo arto posteriore libero, viene applicato un bastoncino a questo arto, che è anche bendato all'arto con una benda umida. La membrana natatoria del piede della rana rimane libera.

Posizionare la piastra con la membrana di nuoto tesa sotto il microscopio e prima, a basso ingrandimento, trovare il vaso in cui i globuli rossi si muovono lentamente in fila indiana. Questo è un capillare. Visualizzalo ad alto ingrandimento. Notare che il sangue si muove continuamente nei vasi (Fig.69).

Figura: 69. Immagine microscopica della circolazione sanguigna nella membrana natatoria del piede della rana:

1 - arteria; 2 e 3 - yarteriole a basso e alto ingrandimento; 4 e 5 - rete capillare a basso e alto ingrandimento; 6 - Vienna; 7 - venule; 8 - cellule del pigmento.

Il corpo con la quantità di sangue disponibile fornisce l'attività necessaria di tutti i suoi organi. Ciò è possibile perché in un organo a riposo, alcuni dei capillari non funzionano. Durante il lavoro muscolare, il numero di capillari aperti funzionanti può aumentare di 7 e anche 20-30 volte.

Un articolo sul movimento del sangue attraverso i vasi

Sangue venoso e arterioso: caratteristiche, descrizione e differenze

Il sangue svolge una funzione importante nel corpo: fornisce ossigeno e varie sostanze utili a tutti gli organi e tessuti. Dalle cellule, prende anidride carbonica, prodotti di decomposizione. Esistono diversi tipi di sangue: venoso, capillare e arterioso. Ogni specie ha la sua funzione.

Informazione Generale

Per qualche ragione, quasi tutte le persone sono sicure che il sangue arterioso sia il tipo che scorre nei vasi arteriosi. In effetti, questa opinione è sbagliata. Il sangue arterioso è arricchito di ossigeno, per questo è anche chiamato ossigenato. Si sposta dal ventricolo sinistro all'aorta, quindi percorre le arterie della circolazione sistemica. Dopo che le cellule sono sature di ossigeno, il sangue si trasforma in venoso ed entra nelle vene BC. In un piccolo cerchio, il sangue arterioso si muove attraverso le vene.

Diversi tipi di arterie si trovano in luoghi diversi: alcuni sono profondi nel corpo, mentre altri ti permettono di sentire la pulsazione.

Il sangue venoso si muove attraverso le vene nel BC e attraverso le arterie nel MC. Non c'è ossigeno in esso. Questo liquido contiene una grande quantità di anidride carbonica, prodotti di decomposizione.

Differenze

Il sangue venoso e arterioso sono diversi. Differiscono non solo nella funzione, ma anche nel colore, nella composizione e in altri indicatori. Questi due tipi di sangue hanno una differenza nel sanguinamento. Il primo soccorso viene fornito in diversi modi.

Funzione

Il sangue ha funzioni specifiche e generali. Questi ultimi includono:

  • trasporto di nutrienti;
  • trasporto di ormoni;
  • termoregolazione.

Il sangue venoso contiene molta anidride carbonica e poco ossigeno. Questa differenza è dovuta al fatto che l'ossigeno entra solo nel sangue arterioso e l'anidride carbonica passa attraverso tutti i vasi ed è contenuta in tutti i tipi di sangue, ma in quantità diverse.

Il sangue venoso e arterioso ha un colore diverso. Nelle arterie è molto luminoso, scarlatto, leggero. Il sangue nelle vene è scuro, color ciliegia, quasi nero. Ciò è dovuto alla quantità di emoglobina.

Quando l'ossigeno entra nel sangue, entra in un composto instabile con il ferro contenuto negli eritrociti. Dopo l'ossidazione, il ferro colora il sangue rosso vivo. Il sangue venoso contiene molti ioni di ferro liberi, che lo rendono di colore scuro.

Movimento sanguigno

Chiedendosi quale sia la differenza tra sangue arterioso e sangue venoso, poche persone sanno che questi due tipi differiscono anche nel movimento attraverso i vasi. Nelle arterie, il sangue scorre dal cuore e, al contrario, attraverso le vene al cuore. In questa parte del sistema circolatorio, la circolazione è lenta, poiché il cuore spinge il fluido lontano da se stesso. Le valvole situate nei vasi influenzano anche la diminuzione della velocità di movimento. Questo tipo di movimento sanguigno si verifica nella circolazione sistemica. In un piccolo cerchio, il sangue arterioso si muove attraverso le vene. Venoso - attraverso le arterie.

Nei libri di testo, su una rappresentazione schematica della circolazione sanguigna, il sangue arterioso è sempre colorato di rosso e il sangue venoso - blu. Inoltre, se guardi i diagrammi, il numero di vasi arteriosi corrisponde al numero di vasi venosi. Questa immagine è approssimativa, ma riflette pienamente l'essenza del sistema vascolare..

La differenza tra sangue arterioso e sangue venoso sta anche nella velocità di movimento. L'arteria viene espulsa dal ventricolo sinistro nell'aorta, che si dirama in vasi più piccoli. Quindi il sangue entra nei capillari, alimentando tutti gli organi e sistemi a livello cellulare con sostanze utili. Il sangue venoso viene raccolto dai capillari in vasi più grandi, spostandosi dalla periferia al cuore. Quando il fluido si muove, si osservano pressioni diverse in aree diverse. La pressione arteriosa è superiore a quella venosa. Viene espulso dal cuore sotto una pressione di 120 mm. rt. Arte. Nei capillari, la pressione scende a 10 millimetri. Si muove anche lentamente attraverso le vene, poiché deve superare la forza di gravità, far fronte al sistema delle valvole vascolari.

A causa della differenza di pressione, il sangue viene prelevato per l'analisi dai capillari o dalle vene. Il sangue non viene prelevato dalle arterie, poiché anche un danno minore alla nave può provocare un sanguinamento esteso.

Sanguinamento

Quando si fornisce il primo soccorso, è importante sapere quale sangue è arterioso e quale è venoso. Queste specie sono facilmente identificabili dalla natura del flusso e del colore..

Con sanguinamento arterioso, si osserva una fontana di sangue di un brillante colore scarlatto. Il fluido scorre pulsante, rapidamente. Questo tipo di sanguinamento è difficile da fermare, questo è il pericolo di tali lesioni.

Quando si fornisce il primo soccorso, è necessario sollevare l'arto, spremere il vaso danneggiato applicando un laccio emostatico o premendolo con la pressione delle dita. Con sanguinamento arterioso, il paziente deve essere portato in ospedale il prima possibile.

Il sanguinamento arterioso può essere interno. In questi casi, una grande quantità di sangue entra nella cavità addominale o in vari organi. Con questo tipo di patologia, una persona si ammala improvvisamente, la pelle diventa pallida. Dopo un po 'iniziano le vertigini, la perdita di coscienza. Ciò è dovuto alla mancanza di ossigeno. Solo i medici possono fornire assistenza con questo tipo di patologia..

Con il sanguinamento venoso, il sangue color ciliegia scuro scorre fuori dalla ferita. Scorre lentamente, senza pulsazioni. Puoi fermare questo sanguinamento da solo applicando una benda di pressione.

Cerchi di circolazione sanguigna

Nel corpo umano ci sono tre circoli di circolazione sanguigna: grande, piccolo e coronarico. Tutto il sangue scorre attraverso di loro, quindi, se anche un piccolo vaso è danneggiato, può verificarsi una grave perdita di sangue.

Il piccolo cerchio della circolazione sanguigna è caratterizzato dal rilascio di sangue arterioso dal cuore, passando attraverso le vene ai polmoni, dove è saturo di ossigeno e ritorna al cuore. Da lì, percorre l'aorta in un ampio cerchio, fornendo ossigeno a tutti i tessuti. Passando attraverso vari organi, il sangue è saturo di sostanze nutritive, ormoni, che vengono trasportati in tutto il corpo. I capillari scambiano sostanze utili e quelle già elaborate. Anche lo scambio di ossigeno avviene qui. Dai capillari, il fluido entra nelle vene. In questa fase, contiene molta anidride carbonica, prodotti di decomposizione. Attraverso le vene, il sangue venoso viene trasportato in tutto il corpo agli organi e ai sistemi, dove viene purificato dalle sostanze nocive, quindi il sangue va al cuore, entra in un piccolo cerchio, dove è saturo di ossigeno, emettendo anidride carbonica. E tutto ricomincia da capo.

Il sangue venoso e arterioso non deve mescolarsi. Se ciò accade, ridurrà le capacità fisiche della persona. Pertanto, in caso di patologie cardiache, vengono eseguite operazioni che aiutano a condurre una vita normale..

Entrambi i tipi di sangue sono importanti per il corpo umano. Nel processo di circolazione sanguigna, il fluido passa da un tipo all'altro, garantendo il normale funzionamento del corpo e ottimizzando il lavoro del corpo. Il cuore pompa il sangue a una velocità incredibile, senza interrompere il suo lavoro per un minuto, anche durante il sonno.

Come distinguere il sanguinamento venoso da quello arterioso?

Cosa determina il colore del sangue?

Il sangue venoso viene spesso utilizzato per la ricerca umana. Si ritiene che parli meglio delle malattie umane, perché è una conseguenza del lavoro del corpo nel suo insieme..
Inoltre, non è difficile prelevare il sangue da una vena, perché scorre peggio di un capillare, quindi durante l'operazione una persona non perderà molto sangue. Le arterie umane più grandi non possono essere danneggiate affatto e, se necessario, viene effettuato uno studio del sangue arterioso dal dito per ridurre al minimo le conseguenze negative per il corpo.

Il sangue venoso viene utilizzato dai medici per prevenire il diabete mellito. È necessario che il livello di zucchero nelle vene non superi 6.1. Il sangue arterioso è un fluido limpido che scorre attraverso il corpo, nutrendo tutti gli organi.

La venosa assorbe i prodotti di scarto del corpo, purificandolo. Pertanto, è da questo tipo di sangue che è possibile determinare le malattie umane.

Il sanguinamento può essere esterno o interno. L'interno è più pericoloso per il corpo e si verifica quando il tessuto umano viene disturbato dall'interno.

Molto spesso, ciò si verifica dopo una ferita esterna molto profonda o un malfunzionamento nel corpo che porta alla rottura del tessuto dall'interno. Il sangue inizia a fluire nella fessura e il corpo sente la fame di ossigeno.

La persona inizia a impallidire e perde conoscenza. Ciò è dovuto al troppo poco ossigeno fornito al cervello. Il sangue venoso può essere perso a causa di emorragie interne e questo sarà innocuo per una persona, il sangue arterioso no.

L'emorragia interna blocca rapidamente la funzione cerebrale a causa della mancanza di ossigeno. Con l'emorragia esterna, ciò non accadrà, perché la connessione tra gli organi umani non è interrotta.

Sai di che colore è il sangue nelle tue vene. La tonalità del fluido corporeo determina la presenza di emoglobina nei globuli rossi (eritrociti). Il sangue che circola nelle arterie, come già accennato, è scarlatto.

Ciò è dovuto all'elevata concentrazione di emoglobina (nell'uomo) ed emocianina (in artropodi e molluschi), arricchite con vari nutrienti.

Il sangue venoso ha una tinta rosso scuro. Ciò è dovuto all'emoglobina ossidata e ridotta.

Almeno è irragionevole credere alla teoria secondo cui il fluido biologico che circola attraverso i vasi è di colore bluastro, e quando ferito ea contatto con l'aria, a causa di una reazione chimica, diventa immediatamente rosso. È un mito.

Le vene possono solo sembrare bluastre, a causa delle semplici leggi della fisica. Quando la luce colpisce il corpo, la pelle respinge parte di tutte le onde e quindi appare chiara, buona o scura (questo dipende dalla concentrazione del pigmento colorante).

Di che colore è il sangue venoso, sai, adesso parliamo della composizione. È possibile distinguere il sangue arterioso dal sangue venoso utilizzando test di laboratorio..

Tensione dell'ossigeno - 38-40 mm Hg. (in venoso) e in arterioso - 90. Il contenuto di anidride carbonica nel sangue venoso è di 60 millimetri di mercurio e in arterioso - circa 30. Il livello di pH nel sangue venoso è 7,35 e nel sangue arterioso - 7,4.

Il deflusso del sangue, che trasporta anidride carbonica e prodotti metabolici, viene prodotto attraverso le vene. È arricchito con sostanze utili che vengono assorbite nelle pareti del tratto gastrointestinale e prodotte dalle sostanze liquide.

Ora sai di che colore è il sangue nelle vene, hai familiarità con la sua composizione e le sue funzioni..

Il sangue che scorre nelle vene, mentre si muove, supera le "difficoltà" che includono la pressione e la gravità. Ecco perché, in caso di danneggiamento, il fluido biologico scorre in un lento rivolo. Ma se le arterie sono ferite, il sangue spruzza come una fontana.

La velocità con cui si muove il sangue venoso è molto inferiore alla velocità con cui si muove il sangue arterioso. Il cuore spinge fuori il sangue ad alta pressione.

Il colore rosso del sangue può avere sfumature diverse. I portatori di ossigeno, cioè gli eritrociti (globuli rossi), hanno una tonalità di rosso a seconda dell'emoglobina, una proteina contenente ferro che può legarsi con ossigeno e anidride carbonica per trasportarli nel posto giusto.

Più molecole di ossigeno sono combinate con l'emoglobina, più il sangue è rosso brillante. Pertanto, il sangue arterioso, che è stato solo arricchito con ossigeno, è così rosso vivo.

Naturalmente, il sangue contiene altre cellule oltre ai globuli rossi. Questi sono anche leucociti (globuli bianchi) e piastrine. Ma non sono in quantità così significativa rispetto ai globuli rossi da influenzare il colore del sangue..

Con l'anemia (emoglobina o globuli rossi insufficienti), si può dire che il sangue abbia un colore rosso più chiaro, sebbene questo sia visibile solo a uno specialista al microscopio.

Quando il sangue, a causa di problemi di salute, non trasporta abbastanza ossigeno e ne contiene poco, si parla di cianosi (cianosi). Cioè, c'è l'emoglobina nel sangue, ma non è associata all'ossigeno.

La manifestazione della cianosi è l'acquisizione di una tinta bluastra da parte della pelle e delle mucose. In questo caso, il sangue rimane rosso, ma anche l'arteria ha un colore simile al colore del sangue venoso in una persona sana - con una tinta blu.

Ma con l'anemia, i sintomi della cianosi potrebbero non essere nemmeno visibili, perché c'è troppo poca emoglobina per influenzare il colore della pelle e delle mucose, e sono solo pallidi.

In questo caso, la cianosi esteriore inizierà a manifestarsi solo quando la quantità di emoglobina ridotta (senza ossigeno) diventa più della metà della sua quantità totale.

A. a. Ha una tonalità rosso brillante o scarlatto. Questo colore gli è dato dall'emoglobina, che ha attaccato O2 ed è diventata ossiemoglobina. V. a. Contiene CO2, quindi il suo colore è rosso scuro, con una sfumatura bluastra.

La funzione principale di a. perché - il trasferimento di nutrizione e ossigeno alle cellule attraverso le arterie della circolazione sistemica e le vene del piccolo. Passando attraverso tutti gli organi, emette O2, assorbe gradualmente anidride carbonica e si trasforma in un venoso.

Le vene effettuano il deflusso del sangue, che ha preso i prodotti di scarto delle cellule e CO2. Inoltre, contiene sostanze nutritive che vengono assorbite dagli organi digestivi e ormoni prodotti dalle ghiandole endocrine.

Per composizione

Oltre a gas, ossigeno e anidride carbonica, il sangue contiene altri elementi. In un. perché molte sostanze nutritive e in. a. - principalmente prodotti metabolici, che vengono poi elaborati dal fegato e dai reni ed escreti dall'organismo. Anche il livello di pH è diverso: perché è maggiore (7.4) rispetto a. K. (7,35).

I test di laboratorio rendono facile distinguere la composizione del sangue venoso da quello arterioso.

  • Nella tensione venosa dell'ossigeno è normalmente di 38-42 mm Hg (nell'arteria - da 80 a 100).
  • Anidride carbonica - circa 60 mm Hg. Arte. (nell'arteria - circa 35).
  • Il livello di pH è 7,35 (arterioso - 7,4).

Che cos'è un cerchio grande e piccolo di circolazione sanguigna?

Nel nostro corpo ci sono cerchi grandi e piccoli di circolazione sanguigna. Un liquido scorre in un piccolo cerchio, che è saturo di anidride carbonica nei polmoni. Viaggia lungo l'arteria polmonare dal cuore ai polmoni. Nella direzione opposta scorre già saturo di ossigeno.

Un liquido scorre in un grande cerchio, che fornisce ossigeno a tessuti e organi. Il sangue ricco di anidride carbonica si muove verso il cuore. Pertanto, il sistema circolatorio è chiuso..

Se parliamo di un piccolo cerchio di circolazione sanguigna, il sangue circola attraverso di esso dal muscolo cardiaco al polmone e nella direzione opposta. La sua direzione in questo caso è dal ventricolo destro del cuore all'arteria polmonare e ai capillari dei polmoni.

L'anidride carbonica rimane lì e il liquido è saturo di ossigeno e scorre verso l'atrio sinistro. Dopodiché, entra in un grande cerchio e fornisce ossigeno al nostro corpo..

A causa del fatto che ci sono due cerchi di circolazione sanguigna, risulta separare il sangue arterioso dal sangue venoso. Ecco perché il muscolo cardiaco lavora con meno stress..

Il sangue ossigenato scorre nell'atrio sinistro e quindi nel ventricolo sinistro. Durante la contrazione del ventricolo sinistro, viene espulso nell'aorta (sono presenti diverse grandi arterie iliache), da qui scende, fornendo nutrienti alle gambe.

L'aorta ha archi da cui si diramano i vasi sanguigni, fornendo sangue al cervello, al corpo, al torace e agli arti superiori.

Il sangue arterioso non è sempre saturo di ossigeno. Se stiamo parlando di un piccolo cerchio, allora è tutto esattamente l'opposto. Qui il "vecchio" scorre nelle vene e quello saturo scorre nelle arterie..

Le ferite più gravi per una persona sono il cuore e l'inguine. Questi luoghi devono essere sempre protetti. Tutto il sangue in una persona scorre attraverso di loro, quindi al minimo danno, una persona può perdere tutto il sangue.

C'è un grande e piccolo circolo di circolazione sanguigna. Nel piccolo cerchio, il liquido è saturo di anidride carbonica e fluisce ai polmoni dal cuore. Lascia i polmoni, saturi di ossigeno, ed entra in un ampio cerchio.

Il sangue ossigenato si trova sul lato sinistro del cuore e il sangue venoso a destra. Durante la contrazione del cuore, il sangue arterioso entra nell'aorta. Questa è la nave principale del corpo.

Da lì, l'ossigeno scorre verso il basso e mantiene le gambe funzionanti. L'aorta è l'arteria più importante per l'uomo. Lei, come il cuore, non può essere danneggiata. Può portare a una morte rapida.

Dal ventricolo sinistro, il contenuto viene espulso ed entra nell'arteria polmonare, dove è saturo di ossigeno. Quindi viene trasportato attraverso le arterie e i capillari in tutto il corpo, trasportando ossigeno e sostanze nutritive.

Il sangue scorre attraverso il piccolo cerchio della circolazione sanguigna, che ha rinunciato a tutto l'ossigeno e "ha preso" i prodotti metabolici dagli organi. Scorre nelle vene. La pressione in loro è più bassa, il sangue scorre in modo uniforme.

All'inizio dell'articolo, è stato notato che il sangue si muove nel sistema vascolare. Dal curriculum scolastico, la maggior parte delle persone sa che il movimento è circolare e ci sono due cerchi principali:

  1. Grande (BKK).
  2. Piccolo (MKK).

I mammiferi, compreso l'uomo, hanno quattro camere nel cuore. E se si somma la lunghezza di tutte le navi, si ottiene una cifra enorme: 7 mila metri quadrati.

Ma è proprio quest'area che consente di fornire al corpo O2 nella concentrazione desiderata e non provocare ipossia, cioè carenza di ossigeno.

Il CCB inizia nel ventricolo sinistro, da cui esce l'aorta. È molto potente, con pareti spesse, con un forte strato muscolare e il suo diametro in un adulto raggiunge i tre centimetri.

Termina nell'atrio destro, in cui scorrono 2 vene cave. L'ICC ha origine nel ventricolo destro dal tronco polmonare ed è chiuso nell'atrio sinistro dalle arterie polmonari.

Il sangue arterioso ricco di ossigeno scorre in un ampio cerchio, è diretto a ciascun organo. Nel suo corso, il diametro delle navi diminuisce gradualmente fino a diventare molto piccoli, capillari, che danno tutto ciò che è utile.

Una volta nell'atrio destro, attraverso un'apposita apertura, viene spinta nel ventricolo destro, da cui inizia un piccolo cerchio, polmonare. Il sangue raggiunge gli alveoli, che lo arricchiscono di ossigeno. Pertanto, il sangue venoso diventa arterioso!

Succede qualcosa di molto sorprendente: il sangue arterioso non si muove attraverso le arterie, ma attraverso le vene - i polmoni, che fluiscono nell'atrio sinistro. Il sangue saturo di una nuova porzione di ossigeno entra nel ventricolo sinistro e i cerchi si ripetono di nuovo.

In alcune condizioni patologiche, è possibile una violazione del flusso sanguigno, vale a dire:

  • difetti cardiaci organici;
  • funzionale;
  • patologie del sistema venoso: flebiti, vene varicose;
  • aterosclerosi, processi autoimmuni.

Normalmente la miscelazione non dovrebbe avvenire. Durante il periodo neonatale, ci sono difetti funzionali: una finestra ovale aperta, un condotto Batalov aperto.

Dopo un certo periodo di tempo, si chiudono da sole, non richiedono cure e non sono pericolose per la vita.

Ma difetti valvolari grossolani, cambiamenti nei vasi principali in luoghi o trasposizione, assenza di una valvola, debolezza dei muscoli papillari, assenza di una camera cardiaca, difetti combinati sono condizioni pericolose per la vita.

Ecco perché è importante che la gestante si sottoponga a esami ecografici di screening fetale durante la gravidanza..

Qual è la differenza tra sangue venoso e arterioso?

Le arterie sono più elastiche. Ciò è dovuto al fatto che hanno bisogno di mantenere una certa velocità di flusso sanguigno per fornire ossigeno agli organi il più rapidamente possibile..

Le pareti delle vene sono più sottili ed elastiche. Ciò è dovuto ad una minore velocità del flusso sanguigno, nonché a un grande volume (il venoso è circa 2/3 del volume totale).

Il movimento di questa massa sanguigna avviene in modo completamente diverso. La circolazione polmonare inizia dal ventricolo destro del cuore. Da qui, il sangue venoso scorre attraverso le arterie fino ai polmoni.

Lì emette anidride carbonica ed è satura di ossigeno, trasformandosi in un tipo arterioso. La vena polmonare restituisce la massa sanguigna al cuore.

Il sistema venoso è più esteso del sistema arterioso. Anche i vasi attraverso i quali scorre il sangue sono diversi. Quindi la vena ha pareti più sottili e la massa sanguigna in esse è leggermente più calda..

Sangue nel cuore

Il sangue venoso differisce dal sangue arterioso nei seguenti modi:

  • si muove nelle vene e ha un'ombra diversa;
  • ha poco ossigeno e più anidride carbonica, che fornisce lo scambio di gas nei tessuti;
  • il sangue venoso è più caldo e ha un pH più basso;
  • contiene una piccola quantità di sostanze nutritive, come il glucosio;
  • i prodotti metabolici sono presenti nel sangue venoso;
  • il colore è rossastro-bluastro;
  • fornisce nutrimento ai tessuti.

Le vene si trovano in tutto il corpo, vicino alla pelle. Affinché il liquido fluisca con calma, ci sono valvole speciali nelle vene, che ne assicurano il flusso..

Se confrontiamo il numero di vene e arterie, le prime sono molte volte di più. Se la vena è danneggiata, il fluido dalla vena fuoriesce molto più lentamente ed è più facile da fermare..

Le vene hanno pareti sottili. I vasi arteriosi sono molto più forti, il che fornisce protezione contro potenti shock cardiaci. L'elasticità vascolare è incredibilmente importante.

Quindi, lo scopo dei vasi è diverso, anche i colori del sangue differiscono. Se le arterie forniscono un deflusso dal cuore, le vene forniscono un afflusso ad esso. Il sangue arterioso è ricco di ossigeno e il sangue venoso è ricco di anidride carbonica.

Perché i test vengono presi da una vena?

Ciò è dovuto al tipo di sangue nelle vene - saturo di prodotti metabolici e attività vitale degli organi.

. In una persona sana, queste impurità non si trovano. Dalla natura delle impurità, nonché dal livello di concentrazione di anidride carbonica e altri gas, è possibile determinare la natura del processo patogeno.

La seconda ragione è che il sanguinamento venoso quando un vaso viene perforato è molto più facile da fermare. Ma ci sono momenti in cui il sanguinamento da una vena non si ferma per molto tempo..

Come distinguere il sanguinamento venoso da quello arterioso:

  1. Valuta il volume e la natura del sangue che scorre. Venoso esce in un flusso uniforme, arterioso viene espulso in porzioni e anche "fontane".
  2. Valuta il colore del sangue. Lo scarlatto luminoso indica sanguinamento arterioso, bordeaux scuro - venoso.
  3. L'arteria è più sottile, la venosa è più spessa.

Ciò è dovuto al tipo di sangue nelle vene - saturo di prodotti metabolici e attività vitale degli organi. Se una persona è malata, contiene alcuni gruppi di sostanze, i resti di batteri e altre cellule patogene.

In una persona sana, queste impurità non si trovano. Dalla natura delle impurità, nonché dal livello di concentrazione di anidride carbonica e altri gas, è possibile determinare la natura del processo patogeno.

Caratteristiche del colore

Non ci sono dubbi sul fatto che possa essere verificato ad occhio nudo o misurato utilizzando apparecchiature. E per determinare di che colore sangue venoso e quale arterioso, puoi occhi o dopo un'analisi spettrale. Venoso è caratterizzato dalla presenza di carbossiemoglobina, motivo per cui acquisisce un colore ciliegia. Il sangue arterioso è scarlatto a causa della predominanza dell'ossiemoglobina.

È interessante notare che la carboemoglobina, che si trova nel sangue durante l'avvelenamento da monossido di carbonio, ha anche un colore scarlatto brillante. La loro concentrazione può essere misurata utilizzando la fotometria spettrale, che determinerà con precisione quale sangue è venoso e quale è arterioso. Inoltre, in base al colore, questo metodo consente di calcolare la concentrazione di gas ematici e indicatori della loro pressione parziale..

Segni di sanguinamento

Il primo soccorso per l'emorragia è fermare o ridurre la perdita di sangue prima che arrivi un'ambulanza. È necessario distinguere tra i tipi di sanguinamento e utilizzare i mezzi giusti per fermarli. È importante avere medicazioni nell'armadietto dei medicinali di casa e dell'auto.

I tipi di sanguinamento più pericolosi sono arterioso e venoso. La cosa principale qui è agire rapidamente, ma non danneggiare.

  • Con il sanguinamento arterioso, il sangue scorre in fontane intermittenti scarlatte luminose ad alta velocità nel tempo con il battito cardiaco.
  • Con venoso, un flusso sanguigno di ciliegia scura continuo o debolmente pulsante scorre dal vaso ferito. Se la pressione è bassa, si forma un coagulo di sangue nella ferita e blocca il flusso sanguigno.
  • Con capillare: il sangue luminoso si diffonde lentamente in tutta la ferita o scorre in un flusso sottile.

Con lievi danni alle vene delle estremità, può essere sufficiente creare un deflusso artificiale di sangue sollevando un braccio o una gamba sopra il livello del cuore. Una benda stretta deve essere applicata alla ferita stessa per ridurre al minimo la perdita di sangue..

Se la lesione è profonda, posizionare un laccio emostatico sopra la vena danneggiata per limitare la quantità di sangue che scorre verso la lesione. In estate può essere conservato per circa 2 ore, in inverno - per un'ora, massimo un'ora e mezza.

Durante questo periodo, devi avere il tempo di consegnare la vittima all'ospedale. Se mantieni il laccio emostatico più a lungo del tempo specificato, la nutrizione dei tessuti verrà interrotta, il che minaccia di necrosi.

Si consiglia di applicare del ghiaccio nell'area intorno alla ferita. Aiuterà a rallentare la circolazione sanguigna..

A causa delle peculiarità del movimento, anche il sanguinamento sarà diverso. Con il sangue arterioso che sgorga, tale sanguinamento è pericoloso e richiede un pronto soccorso rapido e cure mediche. Con venoso, scorre silenziosamente e può fermarsi.

Non è difficile distinguere tra i tipi di sanguinamento; anche le persone lontane dalla medicina possono farlo. Se l'arteria è danneggiata, il sangue è rosso vivo.

Batte in un flusso pulsante e scorre molto rapidamente. Il sanguinamento è difficile da fermare. Questo è il principale pericolo di danno arterioso..

Non si fermerà senza il primo soccorso:

  • L'arto colpito deve essere sollevato.
  • Spremi la nave danneggiata leggermente sopra la ferita con il dito, applica un laccio emostatico medico. Ma non può essere indossato per più di un'ora. Prima di applicare un laccio emostatico, avvolgere la pelle con una garza o un panno.
  • Il paziente viene portato urgentemente in ospedale.

Il sanguinamento arterioso può essere interno. Questa è chiamata forma chiusa. In questo caso, una nave all'interno del corpo viene danneggiata e la massa sanguigna entra nella cavità addominale o si riversa tra gli organi. Il paziente si ammala improvvisamente, la pelle diventa pallida.

Quando sanguina da una vena, il fluido scorre in un flusso lento. Colore: marrone. Il sanguinamento da una vena può fermarsi da solo. Ma si consiglia di fasciare la ferita con una benda sterile..

Portando via l'anidride carbonica e gli elementi di decomposizione da loro, il sangue si trasforma in venoso. Fornisce prodotti metabolici ai polmoni per un'ulteriore eliminazione dal corpo..

Perché le vene sono blu e non rosse

In effetti, ovviamente, sebbene le vene portino sangue bordeaux scuro, in contrasto con l'arteria scarlatta brillante, non sono di colore blu. Sono rossi come il colore del sangue che scorre attraverso di loro.

E non credere alla teoria che può essere trovata su Internet secondo cui il sangue scorre effettivamente blu attraverso i vasi, e quando viene tagliato ea contatto con l'aria diventa immediatamente rosso - non è così. Il sangue è sempre rosso e perché è descritto sopra nell'articolo.

Solo le vene ci sembrano blu. Ciò è dovuto alle leggi della fisica sulla riflessione della luce e sulla nostra percezione. Quando un raggio di luce colpisce il corpo, la pelle respinge parte di tutte le onde e quindi appare leggera, bene o un'altra, a seconda della melanina.

Ma supera lo spettro blu peggio di quello rosso. Ma la vena stessa, o meglio il sangue, assorbe la luce di tutte le lunghezze d'onda (ma meno, nella parte rossa dello spettro). Cioè, si scopre che la pelle ci dà un colore blu per la visibilità e la vena stessa - rossa.

Ma, cosa interessante, in effetti, la vena riflette anche un po 'più di rosso rispetto alla pelle dello spettro blu della luce. Ma perché allora vediamo vene blu o blu?

E il motivo, infatti, sta nella nostra percezione: il cervello confronta il colore del vaso sanguigno con il tono della pelle luminoso e caldo, e alla fine ci mostra il blu.

Se un vaso sanguigno è a meno di 0,5 mm dalla superficie della pelle, in genere assorbe quasi tutta la luce blu e batte molto più rosso: la pelle ha un aspetto rosa sano (rubicondo).

Se la nave è molto più profonda di 0,5 mm, semplicemente non è visibile, perché la luce non la raggiunge. Pertanto, si scopre che vediamo vene, che si trovano approssimativamente a una distanza di 0,5 mm dalla superficie della pelle, e il motivo per cui sono blu è già stato descritto sopra.

In effetti, circa due terzi del volume di sangue è nelle vene in modo permanente, quindi sono più grandi di altri vasi. Inoltre, le arterie hanno pareti molto più spesse delle vene, perché devono sopportare una pressione maggiore, il che impedisce anche loro di essere sufficientemente trasparenti..

Ma anche se le arterie fossero visibili da sotto la pelle così come alcune vene, si presume che avrebbero approssimativamente lo stesso colore, nonostante il fatto che il sangue le attraversi più luminoso.

Se hai mai cucinato carne, probabilmente conosci già la risposta a questa domanda. I vasi sanguigni vuoti sono di colore bruno-rossastro. Non ci sono molte differenze di colore tra arterie e vene..

Scopri anche le principali malattie delle vene che vale la pena conoscere, nonché le vene varicose e il loro trattamento.

Miocardio

Il muscolo cardiaco è uno speciale muscolo striato in cui le fibre muscolari sono collegate alle loro estremità e alla fine formano una rete complessa. Una tale struttura del miocardio aumenta la sua forza e accelera l'avanzamento dell'impulso nervoso (la reazione dell'intero muscolo avviene simultaneamente). Il muscolo cardiaco differisce anche dal muscolo scheletrico, che si manifesta nella sua capacità di contrarsi ritmicamente, in risposta agli impulsi che compaiono direttamente nel cuore. Questo processo è chiamato automazione. Considera i principali fattori nel movimento del sangue attraverso i vasi.


Articolo Successivo
Rete vascolare sul viso e come sbarazzarsene