Cardiosclerosi aterosclerotica: cause, trattamento, prognosi


La cardiosclerosi è una complicanza della cardiopatia ischemica (CHD), che si manifesta con la sostituzione delle cellule del muscolo cardiaco con tessuto connettivo. Una diminuzione del numero di cardiomiociti riduce le prestazioni del cuore. Ecco come si sviluppa l'insufficienza cardiaca. Le sue forme gravi sono incurabili, quindi la malattia spesso causa la morte delle persone..

Informazione Generale

In senso lato, il termine "cardiosclerosi" è inteso come qualsiasi crescita di tessuto cicatriziale nel muscolo cardiaco. Il prefisso "aterosclerotico" indica la causa della patologia. La cardiosclerosi aterosclerotica si sviluppa quando le arterie coronarie (coronarie) sono danneggiate dalle placche di colesterolo.

Il restringimento delle arterie coronarie porta alla malattia coronarica, una condizione cronica in cui le cellule del muscolo cardiaco non ricevono abbastanza ossigeno. La carenza di ossigeno e sostanze nutritive interrompe il metabolismo intracellulare. Per alcuni cardiomiociti, i disturbi circolatori sono fatali. Le cellule muscolari del cuore non sanno come moltiplicarsi, quindi il tessuto connettivo prende il posto dei morti. Ecco come appaiono le cicatrici che non possono essere incluse nel lavoro del cuore..

Le cellule rimanenti devono lavorare sotto un maggiore stress. Pertanto, nelle fasi iniziali, si verifica un ispessimento del muscolo cardiaco a causa di un aumento delle dimensioni dei cardiomiociti. Questa fase dell'insufficienza cardiaca è chiamata compensatoria..

Per qualche tempo, il cuore fa fronte all'aumento del carico. Tuttavia, gradualmente si stanca. Il sangue si accumula gradualmente nelle cavità del cuore, allungando le sue camere. La parete del muscolo cardiaco diventa più sottile e si sviluppa un'insufficienza cardiaca scompensatoria. Sfortunatamente, questa fase della malattia non viene più curata. L'aspettativa di vita di una persona dipenderà dalla sua salute generale.

Classificazione

Esistono diversi approcci alla classificazione. In base alle caratteristiche dello sviluppo della malattia, si distinguono ischemica, post-infarto, aterosclerosi aterosclerotica combinata. L'ischemia si sviluppa con la fame prolungata di ossigeno delle cellule. È caratterizzato da una lenta progressione. Il postinfarto differisce dal tasso di sviluppo ischemico. Con un attacco di cuore, non le singole cellule muoiono, ma grandi gruppi. Una vasta area di tessuto cicatriziale si forma nel sito di necrosi. La cardiosclerosi combinata si sviluppa quando entrambi i meccanismi sono combinati.

In apparenza, ci sono due forme di cardiosclerosi:

  • focale - singole piccole cicatrici;
  • diffuso - lesioni multiple di dimensioni significative.

La forma focale porta a lieve insufficienza cardiaca e la forma diffusa porta a moderata a grave.

La cardiosclerosi non ha un proprio indice MCB-10. La malattia è classificata in base alla malattia di base: cardiopatia ischemica cronica (І25).

Cause di patologia

La cardiosclerosi aterosclerotica è solo una conseguenza della cardiopatia ischemica cronica, che è quasi sempre provocata dall'aterosclerosi. Per lo sviluppo di qualsiasi forma di aterosclerosi, sono necessarie due componenti: danno alle pareti delle arterie, alterato metabolismo dei grassi, principalmente un aumento dei livelli di colesterolo. Fattori che portano alla formazione di placche aterosclerotiche:

  • alta pressione;
  • alta concentrazione di colesterolo;
  • fumare;
  • una dieta che contiene molti cibi fritti, cibi ricchi di colesterolo, grassi saturi;
  • alcolismo;
  • quantità insufficiente di attività fisica;
  • sovrappeso;
  • diabete;
  • età avanzata.

Segni della malattia

I sintomi della cardiosclerosi aterosclerotica sono aspecifici e non compaiono per molto tempo. Circa la metà dei pazienti non è a conoscenza della presenza della malattia, poiché non si lamenta della propria salute generale. Anche se sono presenti segni di patologia, di solito sono aspecifici. La gravità della cardiosclerosi diventa evidente già con lo sviluppo dell'insufficienza cardiaca..

La cardiosclerosi aterosclerotica si manifesta con i seguenti sintomi:

  • angina pectoris - dolore compressivo nella parte centrale, sinistra del torace. Gli attacchi di angina pectoris sono generalmente di breve durata, spesso si sviluppano durante stress fisico o emotivo;
  • aumento della frequenza cardiaca (tachicardia). Brutto sintomo, perché è associato ad una maggiore probabilità di sviluppare un infarto miocardico;
  • un disturbo del ritmo cardiaco (aritmia);
  • debolezza;
  • stanchezza rapida;
  • fiato corto;
  • vertigini e / o svenimenti;
  • rigonfiamento;
  • tosse cardiaca.

Metodi diagnostici moderni

La diagnosi di cardiosclerosi aterosclerotica inizia con la raccolta di anamnesi, auscultazione - ascoltando i suoni del cuore. I sintomi, così come i rumori specifici, consentono al medico di stabilire una diagnosi preliminare. Per chiarirlo, per determinare la gravità della malattia, si chiede al paziente di sottoporsi a una serie di ulteriori studi:

  • Elettrocardiogramma: consente di valutare la conduttività del muscolo cardiaco, la frequenza cardiaca, identificare le aritmie;
  • Ultrasuoni del cuore: fornisce al medico una comprensione della struttura del cuore: lo spessore del miocardio, le dimensioni delle camere cardiache, lo stato delle valvole. Se il dispositivo ha un sensore speciale, l'uzist è in grado di determinare la velocità del flusso sanguigno, la presenza di "perdite" delle valvole;
  • Tomografia computerizzata, risonanza magnetica o radiografia. Assegnato per ottenere un'immagine dell'organo. Se il paziente viene iniettato per via endovenosa con un colorante medico prima della radiografia, il medico può valutare lo stato dei vasi, il grado di restringimento, il numero di placche;
  • Analisi del sangue di laboratorio. Valuta il funzionamento dei più importanti organi interni: pancreas, cuore, fegato, reni.

Tattiche di trattamento

Il trattamento della cardiosclerosi aterosclerotica è un compito piuttosto difficile che richiede un approccio integrato. Quando si sviluppa la malattia, lo stato dei vasi coronarici è solitamente deplorevole. Gli obiettivi principali della terapia per AK:

  • eliminazione dell'ischemia;
  • diminuzione dello stress cardiaco;
  • sollievo dei sintomi di insufficienza cardiaca.

Di solito, il regime di trattamento per la cardiosclerosi include dieta, cambiamenti nello stile di vita e farmaci. I pazienti gravi richiedono un trattamento chirurgico.

Dieta, stile di vita

L'aterosclerosi è una malattia dello stile di vita. Per affrontarlo o le sue conseguenze, è necessario riconsiderare la dieta, le abitudini, l'attitudine all'attività fisica.

Devi mangiare in piccole porzioni, 5-6 volte al giorno. Si consiglia di escludere cibi fritti, privilegiando piatti bolliti, al forno o al vapore.

Tutti gli alimenti per la cardiosclerosi possono essere suddivisi in tre categorie:

  • Limite: caffè, tè, carne rossa, latticini salati e grassi, dolciumi con burro o crema di burro;
  • Escludere: fast food, prodotti da forno acquistati, biscotti, piatti piccanti, alcolici;
  • Aggiungere: frutta, verdura, crusca, semi, noci, pesce azzurro, semi di lino.

Puoi aiutare il tuo corpo rivedendo il tuo stile di vita:

  • Smettere di fumare. Il fumo è uno dei peggiori nemici dei vasi sanguigni sani. Le sigarette aumentano i livelli di colesterolo, peggiorano le condizioni della parete arteriosa;
  • Raggiungi un peso sano. L'eccesso di peso peggiora la salute di tutto il corpo, ma soprattutto il cuore ne soffre. Dopo un infarto miocardico o una grave malattia coronarica, il cuore non è in grado di lavorare a piena forza. Tuttavia, essendo in sovrappeso, è costretto a pompare un volume maggiore di sangue per fornire ossigeno e sostanze nutritive a tutto il corpo;
  • Trova il tempo per l'attività fisica ogni giorno. L'insufficienza cardiaca è una controindicazione a molti sport, ma la camminata, lo sport o il nordic walking, lo yoga non sono tra questi. Parla con il tuo cardiologo dell'attività fisica consentita.

Farmaci

La terapia conservativa per la cardiosclerosi aterosclerotica è prescritta come trattamento principale per le persone con una forma lieve della malattia o per coloro per i quali la chirurgia è controindicata. I farmaci aiutano a ridurre il carico sul cuore, facilitano il flusso sanguigno attraverso le arterie coronarie, abbassano i livelli di colesterolo, riducono il rischio di infarto miocardico e normalizzano la pressione sanguigna. Questo effetto si ottiene prescrivendo diversi gruppi di farmaci..

Farmaci ipolipemizzanti

Normalizzano gli indicatori del metabolismo dei grassi: abbassano il colesterolo cattivo, i trigliceridi e aumentano il colesterolo buono. Molto spesso le statine sono utilizzate per il trattamento della cardiosclerosi aterosclerotica: atorvastatina, rosuvastatina, simvastatina. Questi sono i normalizzatori di colesterolo più efficaci disponibili. È stato clinicamente dimostrato che riducono il rischio di infarto miocardico, ictus e facilitano il decorso della malattia coronarica. Meno comunemente, con l'aterosclerosi dei vasi coronarici, vengono prescritti i fibrati, poiché il loro effetto è più debole.

Farmaci fluidificanti del sangue

Le arterie coronarie ristrette sono un luogo ideale per la formazione di coaguli di sangue. Il flusso sanguigno attraverso di loro è lento, soprattutto dove si è formata la stenosi. L'uso di farmaci per fluidificare il sangue riduce il rischio di formazione di trombi, una delle possibili cause di infarto miocardico. Molto spesso, il warfarin viene utilizzato dall'intero gruppo del farmaco. È adatto per un uso sistematico.

Nell'infarto miocardico acuto, la streptochinasi è prescritta come agente di emergenza. Questo farmaco ha la capacità di sciogliere i coaguli di sangue già formati, migliora i parametri funzionali del muscolo cardiaco.

Farmaci che abbassano la pressione sanguigna

La pressione alta accompagna quasi sempre il decorso della cardiosclerosi aterosclerotica. La normalizzazione degli indicatori di pressione consente di rallentare lo sviluppo dell'aterosclerosi e delle sue complicanze. La maggior parte dei farmaci ha proprietà benefiche aggiuntive:

  • nitroglicerina: migliora il flusso sanguigno, riduce lo stress sul cuore;
  • anaprilina: riduce la frequenza cardiaca, la richiesta di ossigeno del miocardio;
  • veroshpiron: rimuove l'edema, tipico dell'insufficienza cardiaca cronica;
  • bisoprololo - usato per combattere i disturbi del ritmo, aiuta le cellule del miocardio a sopravvivere alla carenza di ossigeno, riduce la frequenza cardiaca.

Chirurgia

Il trattamento chirurgico della cardiosclerosi aterosclerotica è indicato con un restringimento significativo dei vasi coronarici, che può essere corretto chirurgicamente. Esistono diverse tecniche che consentono di ottenere un'espansione del lume vascolare:

  • L'angioplastica con palloncino è la procedura meno traumatica. Un catetere con un palloncino all'estremità viene introdotto al paziente attraverso una grande nave. Il medico controlla il movimento del catetere lungo l'arteria utilizzando un computer. Raggiunto il sito della stenosi, il chirurgo esegue una serie di gonfiaggio e sgonfiaggio del palloncino, ampliando gradualmente il lume dell'arteria coronaria. Quindi il catetere viene rimosso. Il principale svantaggio della procedura è un gran numero di ricadute..
  • Lo stent è un'operazione efficace e poco traumatica. Viene utilizzato anche per i pazienti ricoverati con infarto miocardico. La prima fase della procedura ripete completamente la tecnica dell'angioplastica con palloncino. Tuttavia, quindi, per consolidare il risultato, il medico installa un telaio in miniatura nel sito del restringimento, che impedirà un ulteriore restringimento della nave..
  • La chirurgia di bypass è una chirurgia a cuore aperto molto complessa. Il medico sutura la protesi sopra, sotto il punto di restringimento. Pertanto, viene fornito un percorso di bypass per il flusso sanguigno..

Prevenzione

Anche nelle prime fasi, la cardiosclerosi è incurabile; i cambiamenti irreversibili possono solo essere sospesi. Il modo più efficace per prevenire la cardiosclerosi è prevenire lo sviluppo dell'aterosclerosi coronarica. Puoi raggiungere il tuo obiettivo aderendo alle seguenti regole:

  • Vietato fumare;
  • non abusare di alcol;
  • fare sport, muoversi di più;
  • mangiare correttamente;
  • controllare la pressione sanguigna.

Una parte importante della prevenzione è il controllo del colesterolo. I cambiamenti biochimici sono molti anni avanti rispetto ai sintomi clinici. L'ipercolesterolemia rilevata nel tempo consente di adottare misure per prevenire lo sviluppo dell'aterosclerosi. Si consiglia agli adulti sani di controllare i livelli di steroli ogni 4-6 anni..

Cardiosclerosi aterosclerotica

La cardiosclerosi aterosclerotica è una sindrome clinica che si sviluppa sullo sfondo della cardiopatia ischemica a lungo termine, causata da lesioni sclerotiche delle arterie coronarie. Un insufficiente apporto di sangue al miocardio porta al fatto che le sue cellule vengono danneggiate e gradualmente sostituite dal tessuto connettivo (cicatrice).

La cardiosclerosi aterosclerotica colpisce prevalentemente uomini di mezza età e anziani.

Le ragioni

Il meccanismo patologico dello sviluppo della cardiosclerosi si basa sull'aterosclerosi delle arterie coronarie (coronarie). A sua volta, una violazione del metabolismo del colesterolo porta allo sviluppo dell'aterosclerosi, a seguito della quale si formano placche di colesterolo sulle pareti interne delle arterie. Nel tempo, aumentano di dimensioni e interrompono in modo significativo il flusso sanguigno attraverso i vasi colpiti..

La cardiosclerosi aterosclerotica è caratterizzata da un decorso cronico, lentamente progressivo. I periodi di miglioramento possono durare a lungo, ma ripetuti attacchi di disturbi acuti del flusso sanguigno coronarico portano gradualmente a un peggioramento dei pazienti.

La velocità di progressione dell'aterosclerosi dei vasi coronarici è significativamente influenzata da:

  • ipertensione arteriosa;
  • stile di vita sedentario;
  • peso corporeo in eccesso;
  • abuso di cibi ricchi di colesterolo;
  • una tendenza alla vasocostrizione, cioè spasmi dei vasi sanguigni;
  • fumare;
  • diabete;
  • prendere contraccettivi orali;
  • ipercolesterolemia (il rapporto tra lipoproteine ​​a bassa densità e lipoproteine ​​ad alta densità è superiore a 1: 5);
  • ipertrigliceridemia.

L'aterosclerosi delle arterie coronarie altera l'afflusso di sangue al miocardio, che è accompagnato da disturbi metabolici e ischemia. Di conseguenza, c'è una graduale atrofia delle fibre muscolari, che termina con la loro morte e sostituzione con tessuto cicatriziale, cioè si sviluppa la cardiosclerosi. La formazione di cicatrici nel miocardio altera la sua contrattilità, la conduzione degli impulsi elettrici e quindi contribuisce all'ulteriore progressione della malattia coronarica.

La cardiosclerosi aterosclerotica è caratterizzata da un decorso lungo, una progressione lenta, una diffusione diffusa. Nel tempo, porta allo sviluppo di ipertrofia miocardica compensatoria, espansione del ventricolo sinistro. Nelle fasi successive, il paziente sviluppa e progredisce segni di insufficienza cardiaca cronica..

A seconda delle caratteristiche della diffusione del processo patologico, la cardiosclerosi aterosclerotica è suddivisa nei seguenti tipi:

  • diffuso - focolai di sclerosi si trovano in tutto il miocardio;
  • focale (cicatriziale) - il processo patologico è localizzato in una piccola area del miocardio;
  • macrofocale: le cicatrici possono raggiungere diversi centimetri;
  • piccola focale - caratterizzata dalla presenza di piccole cicatrici, la cui dimensione non supera i 2 mm.

Per un trattamento efficace della cardiosclerosi aterosclerotica, è necessario limitare l'attività fisica e aderire a una dieta - tabella numero 10 secondo Pevzner.

Sintomi della cardiosclerosi aterosclerotica

I principali sintomi della cardiosclerosi aterosclerotica sono:

  • violazioni della conduzione e del ritmo cardiaco;
  • progressiva insufficienza dell'afflusso di sangue coronarico;
  • violazioni della funzione contrattile miocardica.

Per molto tempo, i segni della cardiosclerosi aterosclerotica sono insignificanti e rimangono inosservati dai pazienti. Ma con il progredire della malattia, l'afflusso di sangue al miocardio si deteriora sempre di più, il che provoca un aumento degli attacchi di angina. Si manifestano con dolore nella regione toracica, che può irradiarsi alla regione epigastrica, al braccio sinistro o alla scapola. Negli stadi avanzati della cardiosclerosi aterosclerotica, il rischio di insorgenza e recidiva dell'infarto miocardico aumenta notevolmente.

La progressione dei processi cicatriziali-sclerotici nel miocardio si manifesta clinicamente con i seguenti sintomi:

  • affaticabilità veloce;
  • mancanza di respiro (inizialmente si osserva solo durante l'esercizio e poi a riposo);
  • attacchi di asma cardiaco;
  • edema polmonare.

L'insufficienza cardiaca cronica progressiva è accompagnata dallo sviluppo di congestione polmonare, epatomegalia, edema periferico, accumulo di liquido nelle cavità del cuore (pleurite da versamento, ascite, pericardite da versamento).

Il tessuto cicatriziale blocca le vie del cuore, pertanto, una delle manifestazioni della cardiosclerosi aterosclerotica sono le aritmie cardiache (blocco atrioventricolare e intraventricolare, fibrillazione atriale, extrasistole). Nelle fasi iniziali, l'aritmia è parossistica, cioè di natura parossistica. Nel tempo gli attacchi diventano più frequenti e più lunghi, quindi l'aritmia diventa permanente.

La cardiosclerosi aterosclerotica colpisce prevalentemente uomini di mezza età e anziani.

La cardiosclerosi aterosclerotica è solitamente combinata con processi aterosclerotici nell'aorta e nelle grandi arterie periferiche, che è accompagnata dalla comparsa dei sintomi corrispondenti:

  • claudicatio intermittente;
  • vertigini;
  • diminuzione della memoria;
  • ischemia intestinale cronica (il cosiddetto rospo addominale);
  • ipertensione arteriosa renovascolare.

Diagnostica

La diagnosi di cardiosclerosi aterosclerotica si basa sul quadro clinico e sui dati dell'anamnesi (presenza di aterosclerosi, malattia coronarica, infarto del miocardio).

Quando si esegue un esame del sangue biochimico, viene rivelato un aumento delle beta-lipoproteine, l'ipercolesterolemia.

L'elettrocardiogramma mostra segni di ipertrofia ventricolare sinistra moderata, conduzione intracardiaca e disturbi del ritmo, insufficienza coronarica e cicatrici postinfartuali.

Le riserve funzionali del cuore e il grado di disfunzione miocardica possono essere valutati mediante ergometria della bicicletta.

Al fine di rilevare le violazioni della contrattilità miocardica (acinesia, discinesia, ipocinesia del segmento interessato) nella cardiosclerosi aterosclerotica, viene eseguita l'ecocardiografia.

Se ci sono indicazioni nella diagnosi di cardiosclerosi aterosclerotica, vengono utilizzati anche altri metodi di studi strumentali:

  • monitoraggio ECG giornaliero;
  • test farmacologici;
  • ritmocardiografia;
  • policardiografia;
  • angiografia coronarica;
  • ventricolografia;
  • risonanza magnetica per immagini del cuore;
  • Ultrasuoni delle cavità addominali e pleuriche;
  • radiografia del torace.

Trattamento della cardiosclerosi aterosclerotica

Il trattamento della cardiosclerosi aterosclerotica si basa sul trattamento delle singole sindromi - blocco atrioventricolare, aritmie, ipercolesterolemia, insufficienza cardiaca - che accompagnano questa condizione patologica.

Per molto tempo, i segni di cardiosclerosi aterosclerotica sono insignificanti e rimangono inosservati dai pazienti.

Nel regime di trattamento vengono utilizzati farmaci dei seguenti gruppi:

  • disaggreganti (acido acetilsalicilico);
  • farmaci antiaritmici (β-bloccanti, bloccanti dei canali del calcio e del sodio, preparati di potassio, agenti stabilizzanti di membrana);
  • statine - farmaci che riducono la sintesi del colesterolo nel fegato e quindi abbassano la sua concentrazione nel siero del sangue;
  • vasodilatatori periferici (acido nicotinico e suoi derivati) - favoriscono l'espansione delle piccole arterie, migliorando così l'afflusso di sangue coronarico;
  • nitrati: contribuiscono all'espansione delle arterie coronarie;
  • diuretici: aiutano a ridurre l'edema.

Per un trattamento efficace della cardiosclerosi aterosclerotica, è necessario limitare l'attività fisica e aderire a una dieta - tabella numero 10 secondo Pevzner. Gli obiettivi principali della dieta consigliata sono:

  • ottimizzazione delle condizioni per la normale circolazione sanguigna;
  • sollievo delle condizioni del paziente;
  • scaricare il sistema digestivo;
  • prevenire l'irritazione dei reni;
  • stimolazione della diuresi;
  • prevenire la sovraeccitazione del sistema nervoso.

Limita la dieta di cibi ricchi di colesterolo e fibre, oltre a liquidi e sale da cucina.

In uno stato stabile, i pazienti con cardiosclerosi aterosclerotica possono essere indirizzati a un trattamento termale. In particolare, vengono mostrati bagni di conifere, radon, idrogeno solforato, perla e anidride carbonica..

Il trattamento chirurgico della cardiosclerosi aterosclerotica viene effettuato con la formazione di un difetto aneurismatico. Disturbi persistenti della conduzione e disturbi del ritmo sono indicazioni per l'impianto di pacemaker o l'ablazione con radiofrequenza..

La cardiosclerosi aterosclerotica è caratterizzata da un decorso lungo, una progressione lenta, una diffusione diffusa.

Prevenzione

La prevenzione consiste nella prevenzione delle lesioni vascolari aterosclerotiche e comprende le seguenti aree:

  • normalizzazione del peso corporeo;
  • educazione fisica regolare;
  • nutrizione appropriata;
  • smettere di fumare e bere alcolici;
  • rilevamento tempestivo di malattie concomitanti (ipertensione arteriosa, diabete mellito) e loro trattamento.

La prevenzione secondaria della cardiosclerosi aterosclerotica ha lo scopo di rallentare la progressione del processo patologico e prevenire lo sviluppo di grave insufficienza cardiaca cronica. Consiste nell'eseguire un trattamento sistematico di aterosclerosi, aritmie, cardiopatia ischemica.

Conseguenze e complicazioni

La cardiosclerosi aterosclerotica è caratterizzata da un decorso cronico, lentamente progressivo. I periodi di miglioramento possono durare a lungo, ma ripetuti attacchi di disturbi acuti del flusso sanguigno coronarico portano gradualmente a un peggioramento dei pazienti.

La prognosi per la cardiosclerosi aterosclerotica è determinata da molti fattori, principalmente i seguenti:

  • l'area del danno miocardico;
  • tipo di disturbo della conduzione e aritmia;
  • lo stadio di insufficienza cardiovascolare cronica al momento del rilevamento della patologia;
  • la presenza di malattie concomitanti;
  • età del paziente.

In assenza di fattori aggravanti, un adeguato trattamento sistemico e l'attuazione delle raccomandazioni mediche, la prognosi è moderatamente favorevole.

Cardiosclerosi aterosclerotica: trattamento, cause, prevenzione

La cardiosclerosi aterosclerotica è un tipo di cardiopatia ischemica, caratterizzata da un ridotto afflusso di sangue. Si sviluppa sullo sfondo dell'aterosclerosi progressiva nelle arterie coronarie del miocardio. Si ritiene che questa diagnosi venga fatta a tutte le persone di età superiore ai 55 anni e che almeno una volta hanno sofferto di dolore nella regione del cuore..

Cos'è la cardiosclerosi aterosclerotica?

In quanto tale diagnosi "cardiosclerosi aterosclerotica" non esiste da molto tempo e non la sentirete da uno specialista esperto. Questo termine è usato per chiamare le conseguenze della malattia coronarica al fine di chiarire i cambiamenti patologici nel miocardio.

La malattia si manifesta con un aumento significativo del cuore, in particolare del ventricolo sinistro e dei disturbi del ritmo. I sintomi della malattia sono simili a quelli dell'insufficienza cardiaca..

Prima che si sviluppi la cardiosclerosi aterosclerotica, il paziente può soffrire di angina pectoris per lungo tempo.

La malattia si basa sulla sostituzione di tessuti sani nel miocardio con tessuto cicatriziale, a seguito dell'aterosclerosi coronarica. Ciò accade a causa di una violazione della circolazione coronarica e di un insufficiente apporto di sangue al miocardio - manifestazione ischemica. Di conseguenza, in futuro, molti focolai si formano nel muscolo cardiaco, in cui è iniziato il processo necrotico.

La cardiosclerosi aterosclerotica spesso "coesiste" con l'ipertensione cronica e con il danno sclerotico dell'aorta. Spesso il paziente ha fibrillazione atriale e aterosclerosi cerebrale.

Come si forma la patologia?

Quando appare un piccolo taglio sul corpo, cerchiamo tutti di renderlo meno evidente dopo la guarigione, ma la pelle non avrà più fibre elastiche in questo punto: si forma tessuto cicatriziale. Una situazione simile si verifica con il cuore..

Una cicatrice sul cuore può apparire per i seguenti motivi:

  1. Dopo aver subito un processo infiammatorio (miocardite). Nell'infanzia, la ragione di ciò sono le malattie trasferite, come il morbillo, la rosolia, la scarlattina. Negli adulti - sifilide, tubercolosi. Durante il trattamento, il processo infiammatorio si attenua e non si diffonde. Ma a volte rimane una cicatrice dopo di essa, ad es. il tessuto muscolare viene sostituito da tessuto cicatriziale e non è più in grado di contrarsi. Questa condizione è chiamata cardiosclerosi della miocardite..
  2. È fondamentale che il tessuto cicatriziale rimanga dopo l'intervento chirurgico al cuore.
  3. Infarto del miocardio acuto posposto - una forma di cardiopatia ischemica. L'area di necrosi risultante è molto soggetta a rottura, quindi è molto importante formare una cicatrice piuttosto densa con l'aiuto del trattamento.
  4. L'aterosclerosi dei vasi ne causa il restringimento, a causa della formazione di placche di colesterolo all'interno. Un insufficiente apporto di ossigeno alle fibre muscolari porta alla graduale sostituzione del tessuto cicatriziale sano. Questa manifestazione anatomica della malattia ischemica cronica può verificarsi in quasi tutti gli anziani..

Le ragioni

La ragione principale per lo sviluppo della patologia è la formazione di placche di colesterolo all'interno dei vasi. Aumentano di dimensioni nel tempo e interferiscono con il normale movimento di sangue, sostanze nutritive e ossigeno..

Quando il divario diventa molto piccolo, iniziano i problemi cardiaci. È in uno stato costante di ipossia, di conseguenza si sviluppa una malattia coronarica e quindi la cardiosclerosi aterosclerotica.

Essendo in questo stato per molto tempo, le cellule del tessuto muscolare vengono sostituite dal tessuto connettivo e il cuore smette di contrarsi correttamente.

Fattori di rischio che provocano lo sviluppo della malattia:

  • Predisposizione genetica;
  • Genere. La malattia è più suscettibile agli uomini rispetto alle donne;
  • Criterio dell'età. La malattia si sviluppa più spesso dopo i 50 anni. Più una persona è anziana, maggiore è la formazione di placche di colesterolo e, di conseguenza, la malattia ischemica;
  • La presenza di cattive abitudini;
  • Mancanza di attività fisica;
  • Nutrizione impropria;
  • Sovrappeso;
  • La presenza di malattie concomitanti, di regola, è diabete mellito, insufficienza renale, ipertensione.

Esistono due forme di cardiosclerosi aterosclerotica:

  • Piccola focale diffusa;
  • Focale ampia diffusa.

In questo caso, la malattia è divisa in 3 tipi:

  • Ischemico - si verifica come conseguenza del digiuno prolungato a causa della mancanza di flusso sanguigno;
  • Postinfarto: si verifica nel sito del tessuto affetto da necrosi;
  • Misto: questo tipo è caratterizzato dai due segni precedenti.

Sintomi

La cardiosclerosi aterosclerotica è una malattia che ha un decorso lungo, ma progredisce costantemente senza un trattamento adeguato. Nelle prime fasi, il paziente potrebbe non avvertire alcun sintomo, quindi le anomalie nel lavoro del cuore possono essere notate solo su un ECG.

Con l'età, il rischio di aterosclerosi vascolare è molto alto, quindi, anche senza un precedente infarto miocardico, si può presumere che ci siano molte piccole cicatrici nel cuore..

  • Innanzitutto, il paziente nota la comparsa di mancanza di respiro, che appare durante lo sforzo fisico. Con lo sviluppo della malattia, inizia a disturbare una persona anche mentre cammina lentamente. La persona inizia a sperimentare una maggiore stanchezza, debolezza e non è in grado di eseguire rapidamente alcuna azione.
  • I dolori compaiono nella regione del cuore, che si intensificano di notte. Gli attacchi tipici di angina non sono esclusi. Il dolore si irradia alla clavicola sinistra, alla scapola o al braccio.
  • Mal di testa, congestione e tinnito indicano che il cervello sta vivendo una mancanza di ossigeno..
  • Il ritmo cardiaco è disturbato. Possibile tachicardia e fibrillazione atriale.

Metodi diagnostici

La diagnosi di cardiosclerosi aterosclerotica viene effettuata sulla base dell'anamnesi raccolta (precedente infarto del miocardio, presenza di cardiopatia ischemica, aritmie), sintomi manifestati e dati ottenuti mediante test di laboratorio.

  1. Il paziente viene sottoposto a un ECG, dove possono essere determinati segni di insufficienza coronarica, presenza di tessuto cicatriziale, un ritmo cardiaco anormale, ipertrofia ventricolare sinistra.
  2. Viene eseguito un esame del sangue biochimico che rivela l'ipercolesterolemia.
  3. I risultati ecocardiografici indicano disturbi della contrattilità miocardica.
  4. L'ergometria della bicicletta mostra il grado di disfunzione miocardica.

Per una diagnosi più accurata della cardiosclerosi aterosclerotica, è possibile eseguire i seguenti studi: monitoraggio ECG nelle 24 ore, risonanza magnetica cardiaca, ventricolografia, ecografia della cavità pleurica, ecografia della cavità addominale, radiografia del torace, ritmocardiografia.

Trattamento

Non esiste un tale trattamento per la cardiosclerosi aterosclerotica, perché il tessuto danneggiato non può essere ripristinato. Tutta la terapia è volta ad alleviare i sintomi e le esacerbazioni.

Alcuni farmaci sono prescritti al paziente per tutta la vita. Farmaci obbligatoriamente prescritti che possono rafforzare ed espandere le pareti dei vasi sanguigni. Se indicato, può essere eseguita un'operazione durante la quale verranno eliminate grandi placche sulle pareti vascolari. Il cardine del trattamento è una corretta alimentazione e un moderato esercizio fisico..

Prevenzione delle malattie

Al fine di prevenire lo sviluppo della malattia, è molto importante iniziare a monitorare la propria salute in tempo, soprattutto se ci sono già stati casi di cardiosclerosi aterosclerotica nella storia familiare..

La prevenzione primaria è una corretta alimentazione e prevenzione del sovrappeso. È molto importante fare esercizio quotidiano, non essere sedentari, consultare regolarmente un medico e monitorare i livelli di colesterolo nel sangue..

La prevenzione secondaria è il trattamento di malattie che possono provocare cardiosclerosi aterosclerotica. Se la malattia viene diagnosticata nelle fasi iniziali dello sviluppo e soggetta a tutte le raccomandazioni del medico, la cardiosclerosi potrebbe non progredire e consentirà a una persona di condurre una vita piena.

Cos'è la cardiosclerosi aterosclerotica: cause e sintomi, trattamento e prognosi di vita

L'insufficienza cardiaca è una delle principali cause di morte per la maggior parte delle persone in tutto il mondo. Anche l'oncologia non rivendica così tante vite.

Il motivo è principalmente nel decorso asintomatico o completamente silenzioso delle patologie delle strutture cardiache, che non consente loro di essere rilevate in una fase precoce e di iniziare un trattamento di alta qualità. Le cause immediate includono arresto cardiaco, infarto.

La cardiosclerosi aterosclerotica è una conseguenza complessa dell'ischemia (IHD), nutrizione insufficiente delle strutture cardiache, a seguito della quale le cellule dell'organo muscolare muoiono gradualmente, il che porta alla cicatrizzazione del cuore.

Le strutture morte non vengono ripristinate, vengono sostituite dal tessuto connettivo. Non può né contrarsi né condurre impulsi, a seguito dei quali la funzione di pompaggio delle camere diminuisce.

Il trattamento stesso della cardiosclerosi aterosclerotica è inutile. Perché devi lavorare con la causa principale. Il resto è secondario.

Con un approccio competente, ci sono tutte le possibilità per correggere il disturbo e ripristinare la normale attività miocardica. Anche se non dovresti contare su una cura totale.

Meccanismo di sviluppo

Il processo patologico si basa su una violazione della normale alimentazione del cuore.

Per un corretto funzionamento costante e ininterrotto, l'organo muscolare necessita di ossigeno e di sostanze nutritive già pronte.

Il cuore è particolarmente esigente e sensibile, perché anche i minimi cambiamenti danno disturbi fin dalle prime fasi.

Nel corso dell'ischemia, a causa dell'uno o dell'altro processo patologico di terze parti, si sviluppa una violazione del flusso sanguigno all'organo attraverso le arterie coronarie. Questo è esattamente ciò che diventa la causa immediata del rifiuto..

E qual è la ragione dell'ischemia stessa? Come suggerisce il nome della condizione patologica - aterosclerosi.

È disponibile in due forme:

  • Il primo è un restringimento del lume dei vasi sanguigni, in particolare delle arterie coronarie a causa di picchi di pressione, abuso di alcol, fumo, disturbi del sistema nervoso, squilibrio ormonale e altri.
  • La seconda forma possibile è la deposizione di placche di colesterolo sulle pareti dei vasi sanguigni, che restringono il lume e impediscono al sangue di muoversi alla stessa velocità e intensità.

Questo non è un processo in un'unica fase. Dura per mesi, anni e progredisce gradualmente. Quando il diametro delle arterie (stenosi) diminuisce, il flusso sanguigno diventa più difficile..

I cardiomiociti (le cellule che compongono il miocardio), entrano prima in una modalità di attesa e poi muoiono. Ma questa non è una necrosi massiva, come in un attacco di cuore, ma una graduale complicazione della condizione.

I fenomeni di insufficienza cardiaca cronica sono in aumento, i sintomi portano a una disfunzione totale degli organi e un quadro clinico pronunciato.

Il tessuto cicatriziale è un riempitivo, non può contrarsi e non conduce impulsi. Pertanto, un'ulteriore complicazione è il blocco delle vie del cuore, in particolare il ramo del fascio, che porta allo sviluppo di minacciose aritmie.

La fase finale è l'arresto cardiaco o infarto, che è quasi sempre fatale. Leggi di più sul blocco della gamba destra qui, sinistra - qui.

Il meccanismo è complesso, tuttavia, la progressione del processo patologico continua indefinitamente.

Come accennato, questo non è un fenomeno occasionale o un'emergenza medica. Ci sono tutte le possibilità per identificarlo e fornire assistenza medica tempestiva. Ma nelle prime fasi non c'è quadro clinico o è minimo..

Il disturbo viene rilevato con metodi strumentali, mediante ECG, ECHO.

Quando il lume delle arterie coronarie è chiuso di oltre il 70%, nella maggior parte dei casi si verifica un infarto esteso e la morte.

Classificazione

Il modo principale per digitare un processo patologico è secondo il criterio della sua prevalenza.

Di conseguenza, si distinguono due forme di cardiosclerosi di origine aterosclerotica:

  • Focale. Come suggerisce il nome, un fenomeno simile è accompagnato dalla formazione di cambiamenti cicatriziali in alcune parti del miocardio. Qui si distinguono due sottotipi: focale piccola e focale grande (a seconda dell'area della lesione).

Una deviazione può essere rilevata solo mediante metodi strumentali e quindi è richiesta un'elevata professionalità del diagnostico.

Nella maggior parte dei casi, non ci sono nemmeno sintomi. Pertanto, la diagnosi precoce è molto difficile. Allo stesso tempo, la progressione di questo tipo di disturbo è estremamente lenta..

  • Diffondere. Si diffonde a tutti i cuori, il miocardio soffre simultaneamente ovunque. Secondo le stime statistiche, è questo tipo che prevale nello sviluppo di una forma aterosclerotica di cardiosclerosi..

I sintomi, allo stesso tempo, non si sviluppano sempre rapidamente. Forse un'esistenza silenziosa per anni, senza una clinica pronunciata.

Questo scenario è più pericoloso a causa di un danno generalizzato a tutto il cuore. Non puoi esitare con la terapia.

A rigor di termini, qualsiasi altra forma di cardiosclerosi è suddivisa allo stesso modo, compresa quella che si sviluppa dopo l'infarto del miocardio..

Maggiori informazioni sulla cardiosclerosi postinfartuale e sui metodi del suo trattamento in questo articolo..

Le ragioni

C'è solo un fattore: l'aterosclerosi. Quello che si è già detto, la deposizione di placche di colesterolo o il restringimento delle arterie coronarie.

La linea di fondo è che c'è un cambiamento nel diametro dei vasi, una violazione del flusso sanguigno e quindi la nutrizione delle strutture cardiache.

Si sviluppa la malattia ischemica ulteriore (cardiopatia ischemica secondo la riduzione generalmente accettata). Questo è un fattore eziologico chiave.

Esistono anche i cosiddetti momenti predisponenti. Non provocano direttamente la malattia, ma aumentano seriamente i rischi di diventarlo:

  • Appartenente al sesso maschile. In circa il 90% dei casi. Le donne soffrono di cardiosclerosi aterosclerotica a volte meno spesso, a causa delle peculiarità dell'azione di specifici ormoni, gli estrogeni.
  • Eredità pesata. La probabilità aumenta in modo significativo in presenza di parenti con malattia coronarica.
  • Età. Nei primi anni, i rischi di sviluppare un processo patologico sono minimi. La maggior parte dei pazienti sono persone dopo i 40 anni.
  • Diabete. Provoca massicce lesioni vascolari. Una tipica complicanza precoce del disturbo è l'angiopatia, il restringimento persistente delle arterie coronarie.
  • Obesità. È improbabile che un peso corporeo significativo da solo provochi disturbo. È un'illusione.

La causa è un disturbo metabolico, che si manifesta esternamente con un aumento del peso corporeo.

I composti grassi si accumulano eccessivamente in tutti i tessuti del corpo, comprese le pareti dei vasi sanguigni.

  • Ipertensione arteriosa Stabile aumento della pressione nel sistema. Rappresenta un grande pericolo, anche in una forma isolata.
  • Abuso di alcol, tossicodipendenza, fumo, soprattutto con una discreta esperienza.
  • Disturbi metabolici di diverso tipo, squilibrio ormonale.
  • L'uso di determinati farmaci. I più pericolosi sono i glucocorticoidi, i contraccettivi orali (pillole anticoncezionali).

I fattori di rischio svolgono un ruolo significativo nello sviluppo della cardiosclerosi aterosclerotica e della malattia coronarica come causa del disturbo. Sono presi in considerazione sia dai teorici che dai professionisti nello sviluppo di misure preventive..

Sintomi

Il quadro clinico dipende dalla fase di sviluppo, dalla gravità del restringimento del diametro del lume vascolare. In una fase iniziale, non ci sono manifestazioni o sono così minime da non attirare l'attenzione.

Finché il corpo è in grado di compensare il disturbo, non ci saranno sintomi. Quindi, non appena è impossibile correggere la deviazione, iniziano i problemi.

Un elenco completo di quelli nella cardiosclerosi della genesi aterosclerotica è presentato dai seguenti punti:

  • Dolore al petto. In vari gradi di intensità. Per natura, bruciando o premendo, scoppiando. Sono dati allo stomaco, al braccio, al collo, al viso. Per lo più forza da media a minima.
  • Dispnea. Come risultato di una maggiore attività fisica. Ma gradualmente la soglia diminuisce e l'intensità del carico meccanico necessario per lo sviluppo del sintomo diminuisce. Di conseguenza, arriva al punto che una persona non è nemmeno in grado di muoversi, eseguire azioni elementari in casa, nella vita di tutti i giorni. Per non parlare di altro. Nella fase di scompenso dell'insufficienza cardiaca, il sintomo può svilupparsi a riposo completo.
  • Aritmia. Dal tipo di tachicardia sopraventricolare (seno). La frequenza cardiaca sale a 120 battiti o più. Procede in convulsioni, quindi diventa cronico ed esiste costantemente, il paziente semplicemente si abitua e smette di prestare attenzione al disturbo.
  • Grave debolezza, sonnolenza. Fenomeni astenici. Il motivo è un calo della contrattilità miocardica e un'alimentazione insufficiente delle strutture cerebrali, cervello.
  • Edema periferico. Le caviglie soffrono, solo allora si sviluppano disturbi centrali, con danni al viso. Questo è il risultato dell'aumento dell'insufficienza cardiaca. Leggi di più sul sintomo qui.
  • Mal di testa. Segno neurologico. Si sviluppano quando la funzione di pompaggio del miocardio diminuisce e, di conseguenza, un piccolo rilascio di sangue nel cerchio grande, da dove dovrebbe andare a tutti gli organi e tessuti, compreso il cervello.
  • Tosse senza catarro. Un segnale allarmante. Indica i fenomeni in crescita dell'asma cardiaco. L'emottisi viene aggiunta gradualmente per gli stessi motivi.
  • Disturbi mentali dello spettro nevrotico, tipo depressivo. Di solito parliamo di instabilità del background emotivo, insonnia, apatia.

Non appena la malattia raggiunge un certo picco, la tachicardia viene sostituita dal processo opposto. La frequenza cardiaca diminuisce, il che indica il fallimento delle strutture cardiache.

Le condizioni di emergenza diventano una conseguenza logica della cardiosclerosi a lungo termine.

La malattia stessa non regredisce mai, è un assioma. Solo andando avanti. La velocità varia e di solito occorrono diversi anni prima che si sviluppi un disturbo critico.

Diagnostica

L'esame viene eseguito sotto la supervisione di un cardiologo. Non necessariamente in ospedale, è possibile su base ambulatoriale. Dipende dalla gravità della condizione e dalla probabilità di conseguenze pericolose in un caso particolare.

Un elenco approssimativo di attività può essere presentato come segue:

  • Intervista al paziente. Utilizzato per oggettivare i sintomi. È necessario fissare il quadro clinico e quindi portarlo a specifiche malattie conosciute.
  • Prendendo l'anamnesi. Utilizzato per determinare la probabile origine del disturbo.
    Misurazione della pressione sanguigna. Nelle prime fasi, è aumentato, il che è vitale per garantire il flusso sanguigno. Man mano che lo scompenso diminuisce, diventa basso inadeguato alla situazione. Anche nell'ambito degli stress test, gli indicatori non cambiano in modo significativo.
  • Elettrocardiografia. Utilizzato per rilevare disturbi funzionali delle strutture cardiache. Richiede un'elevata professionalità di un medico.
  • Ecocardiografia. È usato come parte del rilevamento della cardiosclerosi stessa. Permette di visualizzare i tessuti, rilevare anomalie strutturali anatomiche.
  • Biochimica del sangue con la determinazione delle sostanze dello spettro lipidico. Colesterolo di diversi tipi. Lo studio prevalente nell'ambito della diagnostica specialistica. Anche i punteggi bassi non significano nessun disturbo. Pertanto, è necessaria un'ulteriore valutazione dello stato delle strutture cardiache..
  • Coronografia. Radiografia utilizzando un mezzo di contrasto. Consente di identificare le aree di blocco nelle arterie coronarie.
  • MRI. Una tecnica più moderna rispetto alla precedente. Fornisce risultati più velocemente e richiede uno sforzo molto inferiore, sia da parte del paziente che dalla posizione di un diagnostico.

L'elenco degli esami può essere ampliato, a discrezione del cardiologo leader. Tutto dipende dalla complessità del caso e dai risultati già ottenuti durante la ricerca..

Metodi di trattamento

La terapia viene eseguita con metodi conservativi e chirurgici. In una fase iniziale, i medici usano medicinali di diversi gruppi:

  • Cardioprotettori. Proteggono il cuore della struttura dalla distruzione, riducono la necessità di ossigeno nei tessuti e allo stesso tempo ripristinano lo scambio di gas. Utilizzato da Mildronet, Riboxin.
  • Agenti antipiastrinici. Normalizzano le proprietà reologiche del sangue e la sua fluidità. Principalmente Aspirina in modifiche moderne, per uso a lungo termine.
  • Statine. Sciogliere le placche di colesterolo, rimuovere le sostanze grasse dal loro corpo. Atoris e analoghi.
  • Glicosidi cardiaci. Accuratamente. Normalizza la contrattilità miocardica.

Hanno una serie di effetti benefici aggiuntivi, ma sono raramente prescritti per un uso prolungato a causa dei pericoli. Digossina, tintura di mughetto. Mai usato in modo indipendente, è estremamente rischioso.

  • Beta bloccanti. Sono utilizzati per correggere i livelli di pressione sanguigna, per ripristinare parzialmente la nutrizione dei tessuti. Metoprololo per cure urgenti, bisprololo per uso a lungo termine.
  • Calcio antagonisti. Principalmente l'amlodipina è usata come farmaco più adatto.
  • Nitrati organici. Allevia la sindrome del dolore, dilata i vasi sanguigni, normalizza il trofismo dei tessuti. Sono usati con cautela, perché ci sono molti effetti collaterali. La nitroglicerina è considerata una medicina classica..

Questo non è abbastanza. Inoltre, viene trattata la causa della malattia ischemica. Potrebbe esserci diabete mellito, ipertensione. È necessario eliminarli.

In casi difficili, è necessaria la terapia chirurgica. Quali metodi praticano i medici?

  • Angioplastica o mongolfiera. Espansione meccanica dell'arteria coronaria.
  • Stenting. Il punto è lo stesso. Solo un telaio speciale funge da strumento principale, che non consente alla nave di tornare alla sua posizione originale e spasmodica.
  • Bypass. Creazione di un percorso aggiuntivo artificiale per fornire sangue al miocardio. Presenta alcune difficoltà, ma dà un effetto qualitativo in quasi il 75% dei casi, perfino negli stadi espressi di patologia.

Queste sono le tecniche di base. Un po 'meno spesso, vengono praticate protesi dirette dell'area interessata dalla violazione.

I cambiamenti dello stile di vita giocano un ruolo importante nella terapia:

  • È obbligatorio smettere di fumare, alcol anche in volumi minimi, limitare il consumo di sale da cucina a 4 grammi al giorno, la quantità di grassi animali, l'enfasi è sui prodotti vegetali.
  • L'inattività fisica è esclusa, ma è anche impossibile lavorare troppo. La preferenza è data alle escursioni leggere e in bicicletta all'aria aperta. Nuoto consentito.
  • Vale la pena evitare lo stress, il sovraccarico nervoso, padroneggiare le tecniche di rilassamento (rilassamento).

Prognosi e possibili complicazioni

Secondo calcoli statistici, la probabilità di normalizzazione della condizione raggiunge l'80% nelle fasi iniziali (questo include anche lo stadio intermedio, quando i cambiamenti e il quadro clinico sono già presenti).

Man mano che procede, la probabilità di normalizzazione svanisce davanti ai nostri occhi. Con una grave insufficienza cardiaca, le possibilità di ottenere un risultato favorevole sono del 10-20%, che è ancora abbastanza.

Va tenuto presente che anche nelle condizioni più positive, la cura completa non può mai essere raggiunta. Perché stiamo parlando del cambiamento anatomico del cuore.

È possibile compensare la violazione, ma non eliminarla completamente. I pazienti hanno tutte le possibilità di vivere fino a una vecchiaia matura, fatte salve le raccomandazioni e l'invio precoce al cardiologo curante.

La cardiosclerosi aterosclerotica raramente causa la morte, il fattore principale non è in essa, ma nell'ischemia, ulteriore aggravamento, calo della contrattilità miocardica e funzione di pompaggio del cuore.

Le possibili conseguenze includono:

  • Attacco di cuore. Massiccia necrosi delle cellule da valanga delle strutture cardiache.
  • Ictus. Un processo simile. La linea di fondo è la morte del tessuto nervoso nel cervello.
  • Insufficienza cardiaca.

Con la dovuta attenzione alla propria condizione e l'aderenza a tutte le raccomandazioni del medico, queste complicazioni rimangono teoricamente possibili, non incarnate nella realtà.

La sclerosi coronarica è la cicatrizzazione del cuore, la sostituzione di tessuti funzionalmente attivi con strutture connettive grossolane. È un segnaposto, non può funzionare come dovrebbe.

Il processo sta procedendo gradualmente. Con lo sviluppo delle primissime manifestazioni, si consiglia di contattare un cardiologo per la diagnostica e il trattamento..

Trattamento della cardiosclerosi aterosclerotica

La lesione aterosclerotica dei vasi sanguigni è una delle malattie cardiovascolari più comuni. Il suo pericolo risiede in un lungo periodo asintomatico e un rapido sviluppo in presenza di diversi fattori di rischio. Un trattamento inopportuno o scorretto può portare a complicazioni e provocare ictus, infarto o morte.

Cos'è la cardiosclerosi aterosclerotica

Secondo la classificazione medica internazionale, l'aterosclerosi si riferisce alle malattie del sistema circolatorio..

La cardiosclerosi aterosclerotica mkb 10 ha un codice I25.1, che sta per:

  • Malattie CVS;
  • Cardiopatia ischemica e sua forma cronica;
  • Aterosclerosi.

Il gruppo comprende diverse forme di malattia causate da depositi di colesterolo. Il codice I25.1 si applica a:

  • Aterosclerosi dei vasi coronarici e coronarici;
  • Aterosclerosi coronarica complicata da malattia coronarica.

La cardiosclerosi aterosclerotica (AC) è caratterizzata dalla rapida proliferazione delle cellule connettive nel muscolo cardiaco, che porta alla sostituzione del tessuto miocardico e alla formazione di un gran numero di cicatrici.

Lo sviluppo della malattia è accompagnato da un'interruzione del lavoro dell'intero CVS, un deterioramento della circolazione sanguigna e una cattiva salute..

Tipi AK

In base alla prevalenza della patologia, i medici dividono la cardiosclerosi in:

  • Diffondere;
  • Piccola focale;
  • Focale.

La forma diffusa è caratterizzata dall'emergenza e dalla crescita delle cellule del tessuto connettivo in tutto il miocardio. Una caratteristica della cardiosclerosi diffusa è lo sviluppo uniforme della patologia e la presenza di una malattia coronarica cronica di fondo. La piccola forma focale differisce da quella diffusa per piccole disseminazioni di cellule modificate. Di solito sembrano strati sottili biancastri e si trovano negli strati muscolari profondi. Questa forma si sviluppa sullo sfondo dell'ipossia miocardica prolungata. La forma focale è caratterizzata dalla comparsa di cicatrici separate grandi o piccole nel miocardio. La cardiosclerosi focale di solito si verifica dopo l'infarto del miocardio.

Un'altra classificazione ufficiale divide la malattia per fattori causali. Secondo questa classificazione, la cardiosclerosi è postinfarto, aterosclerotica, postmiocardica, congenita.

La forma primaria o congenita è una delle rare, solitamente diagnosticate con collagenosi o fibroelastosi congenita.

Modulo postinfarto

La cardiosclerosi diffusa postinfartuale ha un carattere focale e si manifesta come una complicanza della necrosi miocardica. A causa della morte delle fibre del muscolo cardiaco, si forma un tessuto connettivo denso e ruvido, che provoca la comparsa di cicatrici. Questi cambiamenti fanno aumentare le dimensioni dell'organo per continuare a svolgere la sua funzione e mantenere un normale apporto di sangue al corpo. Nel tempo, il miocardio perde la sua capacità contrattile e inizia a svilupparsi la dilatazione. Questa è una patologia in cui il volume delle camere cardiache aumenta, ma lo spessore della parete cardiaca rimane invariato. L'ulteriore sviluppo della malattia può terminare con un trapianto di cuore.

Il tipo di cardiosclerosi postinfartuale in medicina è considerato una forma indipendente di cardiopatia ischemica. Con un attacco cardiaco ripetuto, il decorso della malattia è complicato dallo sviluppo di un aneurisma del ventricolo sinistro, disturbi del ritmo cardiaco critico e disturbi della conduzione, insufficienza cardiaca acuta.

Forma aterosclerotica

Sullo sfondo della cardiopatia ischemica cronica, si sviluppa l'aterosclerosi dei vasi sanguigni coronarici, la base della forma aterosclerotica. La patologia appare a causa dell'ipossia prolungata ed è asintomatica per lungo tempo. Porta a un insufficiente apporto di sangue ai muscoli del cuore a causa dei depositi di colesterolo nei vasi coronarici. La forma aterosclerotica di solito ha una natura diffusa ed è accompagnata da atrofia e degenerazione delle cellule miocardiche. Con la progressione, la patologia porta a dilatazione e difetti cardiaci acquisiti.

Forma postmiocardica

L'emergere di questa forma di AK si verifica a causa di processi infiammatori nel miocardio. L'aterosclerosi postmiocardica di solito colpisce i giovani che hanno avuto malattie infettive complesse o hanno gravi reazioni allergiche. La patologia colpisce diverse parti del muscolo cardiaco e ha un carattere diffuso.

Cause della malattia

Ci sono tre ragioni principali per la cardiosclerosi:

  • Rifornimento di sangue insufficiente, che si verifica sullo sfondo del restringimento dei grandi vasi sanguigni;
  • Processi infiammatori localizzati nel muscolo cardiaco;
  • Allungando le pareti del cuore e un aumento significativo del volume del tessuto muscolare.

I fattori che contribuiscono allo sviluppo della malattia includono:

  • Eredità;
  • Ipodynamia;
  • Obesità;
  • Abuso di alcol e fumo;
  • Nutrizione impropria;
  • Aumento dello stress fisico ed emotivo.

Anche l'età e il sesso giocano un ruolo importante: gli uomini sono più suscettibili alle malattie all'età di 35-45 anni, le donne - dai 40 ai 55 anni. Malattie croniche di terze parti - ipertensione, diabete mellito, insufficienza renale, ecc., Possono anche provocare l'insorgenza di cardiosclerosi..

Sintomi della malattia

I sintomi sono generalmente lievi nelle prime fasi. L'aterosclerosi diffusa di una forma focale si manifesta con una violazione del ritmo cardiaco e un debole dolore pressante. L'aritmia può anche indicare lo sviluppo della sclerosi. La forma diffusa ha spesso sintomi di insufficienza cardiaca, la cui forza aumenta con l'aumento dell'area del tessuto interessato.

I sintomi della cardiosclerosi dopo un infarto passato e la forma aterosclerotica sono simili:

  • Battito cardiaco accelerato, accompagnato da dolore;
  • Mancanza di respiro anche a riposo;
  • Affaticamento aumentato;
  • Edema polmonare;
  • Blocco, fibrillazione atriale;
  • Gonfiore;
  • Aumento della pressione sanguigna.

I sintomi della malattia si sviluppano con il progredire della cardiosclerosi. Più il restringimento dei vasi coronarici, più forte è la manifestazione della patologia. Un insufficiente apporto di sangue agli organi interni può provocare mal di testa frequenti e gravi, disturbi del sonno, problemi al tratto gastrointestinale e al sistema urinario.

Misure diagnostiche e trattamento

La diagnostica della malattia comprende la raccolta e l'analisi dei reclami dei pazienti, della storia medica e dello stile di vita. Questo è seguito da un esame fisico mirato a:

  • Rivelare il gonfiore;
  • Determinazione delle condizioni e del colore della pelle;
  • Misurazione della pressione sanguigna;
  • Rilevazione di suoni cardiaci anormali.

Per identificare malattie croniche concomitanti, il medico prescrive un esame emocromocitometrico completo. La biochimica viene eseguita per determinare il livello di colesterolo, LDL, VLDL e HDL. Quindi il paziente viene inviato per una serie di studi aggiuntivi..

Viene eseguito un ECG per stabilire un disturbo del ritmo cardiaco, per rilevare cicatrici e cambiamenti nel miocardio di natura diffusa. L'ecocardiografia viene prescritta per identificare un'area del cuore che non è più in grado di mantenere la funzione contrattile ed è costituita da tessuto sostituito. Il monitoraggio ECG Holter viene eseguito per rilevare le aritmie. Per identificare il focus della cardiosclerosi, il paziente viene inviato per la risonanza magnetica e viene eseguita la scintigrafia per determinare la dimensione dei focolai patologici e stabilire la possibile causa della malattia.

Metodi di trattamento della malattia

Il trattamento della cardiosclerosi aterosclerotica viene effettuato solo sulla base dei dati ottenuti dopo una serie di misure diagnostiche.

Il trattamento è finalizzato non solo ad eliminare le cause e ad abbassare i livelli di colesterolo nel sangue, correggere la pressione sanguigna, ripristinare l'elasticità delle arterie e normalizzare l'afflusso di sangue. Per fare ciò, al paziente viene prescritto un trattamento completo, costituito da terapia farmacologica, cambiamenti nello stile di vita e dieta. Se la malattia è in una fase avanzata, vengono utilizzati metodi chirurgici (stent o shunt, rimozione di un aneurisma o installazione di un pacemaker).

La terapia farmacologica utilizza farmaci di diversi gruppi nel trattamento della malattia. Per migliorare i processi anabolici, i farmaci vengono prescritti dal gruppo di steroidi anabolizzanti (Silabolin, Inosine). Per prevenire la formazione di trombi e per evitare lo sviluppo di trombosi, vengono prescritti agenti antipiastrinici (indobufene, dipiridamolo, acido acetilsilicilico).

L'acido nicotinico è incluso per migliorare i processi metabolici, normalizzare le reazioni redox e rafforzare il sistema immunitario. I correttori del microcircolo e gli angioprotettori (Xanthinol nicotinate) sono prescritti per dilatare i vasi sanguigni, normalizzare le proprietà reologiche del sangue e aumentare la permeabilità vascolare. Il medicinale allevia anche il gonfiore e avvia i processi metabolici nei tessuti dei vasi sanguigni..

Le statine (Pravastatina o Lovastatina) sono prescritte per abbassare i livelli di colesterolo e regolare il livello delle lipoproteine ​​nel sangue. Per prevenire la distruzione delle membrane cellulari, si raccomanda inoltre al paziente di assumere epatoprotettori (acido tioctonico).

Il blocco dei recettori beta-adrenergici avviene con l'aiuto di beta-bloccanti (Bisoprololo, Talinololo, Atenololo). I farmaci antiaritmici (adenosina fosfato) sono prescritti per eliminare la fibrillazione atriale e altri disturbi del ritmo cardiaco.

Inoltre, in base ai risultati del test, è possibile assegnare quanto segue:

  • Correttori dei disturbi circolatori del cervello;
  • Vitamine;
  • Metabolici;
  • Analgesici;
  • Farmaci adenosinergici;
  • Medicinali simili ai nitrati;
  • Adsorbenti e antiacidi;
  • Riparanti;
  • ACE inibitori.

Un prerequisito per il recupero è una maggiore attività fisica e una dieta costante..

Per evitare il rischio di complicazioni, è necessario dedicare tempo a lunghe passeggiate all'aria aperta, terapia fisica e nuoto. In nutrizione, i cardiologi raccomandano:

  • Rinuncia al sale;
  • Rinuncia a cibi grassi, cibo in scatola, fast food, olio;
  • Monitorare l'assunzione di liquidi;
  • Rifiuta prodotti che stimolano il sistema nervoso e cardiovascolare;
  • Mangia più frutta e verdura, frutti di mare, cereali e noci;
  • Cuoci a vapore o al forno invece di friggere.

Il trattamento completo può anche includere il rinvio a cure termali, una visita a uno psicologo e un corso di procedure di massaggio. Il paziente deve sintonizzarsi sul fatto che il processo di trattamento è lungo, aderire a una dieta e assumere determinati farmaci per tutta la vita.

Prognosi e prevenzione della malattia

La prognosi di qualsiasi forma di cardiosclerosi dipende dal grado di malattia, dalla presenza di fattori aggravanti e dalla disponibilità del paziente a seguire il corso del trattamento prescritto. Se non ci sono aritmie e disturbi circolatori degli organi principali, i medici stabiliscono una prognosi favorevole. Se sullo sfondo di AK si verifica un aneurisma cardiaco, un blocco atrioventricolare o una grave tachicardia, il rischio di morte aumenta. Per salvare la vita del paziente vengono eseguite operazioni di emergenza e l'installazione di un pacemaker.

È possibile evitare conseguenze fatali (aritmia, infarto, aneurisma, ecc.) Nella cardiosclerosi dipende dalla visita tempestiva dal medico e dal rispetto di tutte le istruzioni del cardiologo. L'automedicazione è inaccettabile: l'assunzione di farmaci senza il consenso del medico curante può provocare un arresto cardiaco.

Le principali misure preventive sono il controllo della malattia scatenante, che può diventare la base per la cardiosclerosi, uno stile di vita sano, il corretto approccio alla nutrizione, la cessazione del fumo e la minimizzazione delle situazioni di stress.


Articolo Successivo
Stenosi cardiaca