Storia della malattia
Aterosclerosi. Sindrome di Takayasu-Lericha. Stenosi dell'arteria carotide. CEAE a sinistra dell'11.2006.KhNMK 4. Occlusione dell'arteria iliaca sinistra, arterie tibiali a destra


Diagnosi clinica: aterosclerosi. Sindrome di Takayasu-Lericha. Stenosi dell'arteria carotide. CEAE a sinistra dell'11.2006.KhNMK 4. Occlusione dell'arteria iliaca sinistra, arterie tibiali a destra. Moncone di amputazione del femore sinistro. CHI 2a

Malattie concomitanti: ipertensione 3, st3. rischio 4. IHD. Angina FC 2. (1991). Asino: HSN 1, FC 2

Parte del passaporto

2. Età 28.08.1938 (68 anni)

4. Luogo di residenza

5. Luogo di lavoro Pensionato

6. Professione e maestro di specialità dell'ufficio locomotive

7. Data di ricezione 08.12.2006 09:30

8. Diagnosi clinica: aterosclerosi. Sindrome di Takayasu-Lericha. Stenosi dell'arteria carotide. CEAE a sinistra dell'11.2006.KhNMK 4. Occlusione dell'arteria iliaca sinistra, arterie tibiali a destra. Moncone di amputazione del femore sinistro. CHI 2a

Malattie concomitanti: ipertensione 3, st3. rischio 4. IHD. Angina FC 2. (1991). Asino: HSN 1, FC 2

Reclami dei pazienti.

Mal di testa, vertigini, barcollamento durante la deambulazione, aumento della pressione sanguigna fino a 175/100 mm. Hg, dolore ai muscoli del polpaccio della gamba destra quando si cammina a una distanza superiore a 200 m, crampi alle gambe. Premendo dolori al petto con esercizio moderato, debolezza.

Storia medica (anamnesi morbi)

Si considera malato da 15 anni, quando per la prima volta ha richiamato l'attenzione sulla stanchezza delle gambe camminando veloce. Una graduale diminuzione della resistenza durante l'esercizio. L'11 marzo 2006 ha subito un ictus con emiparesi del lato destro. Peggioramento della condizione negli ultimi 2 mesi, aumento del mal di testa, vertigini. Si è rivolto al policlinico del dispensario cardiologico repubblicano, da dove è stato ricoverato nel reparto chirurgico.

Anamnesi di vita

(anamnesi vitae)

Nato in tempo, è cresciuto e si è sviluppato in base all'età e al sesso.

Le condizioni abitative e sanitarie sono soddisfacenti.

Luogo di lavoro: pensionato.

Nessun rischio professionale.

Il cibo è irregolare, eccessivo, vario, senza aderenza al regime.

Usa raramente bevande alcoliche, 3-4 volte l'anno, non fuma da 38 anni.

Tra le malattie sofferte in precedenza, nota raffreddore (ARVI, influenza), ulcera peptica 12 p. K., MI (1991), pielonefrite cronica. Nega la tubercolosi, l'epatite, il diabete mellito e le malattie a trasmissione sessuale. Non ci sono stati feriti. Trasfusione di sangue nel 1991 senza complicazioni.

Nel 1987 è stata eseguita un'operazione, mastotomia da sinistra, nel 1991. Amputazione dell'arto inferiore sinistro, 7.11.06 CEAE a sinistra.

Storia allergica: vitamina C

Gli effetti collaterali dei farmaci vengono negati.

L'ereditarietà non è gravata.

Ricerca oggettiva

(status praesens communis)

La condizione generale del paziente è soddisfacente, la coscienza è chiara, la posizione è attiva, adeguata, il comportamento è calmo. Nutrizione soddisfacente. La pelle è rosa pallido, pulita, moderatamente umida. I linfonodi sono palpabili, non ingrossati, indolori.

Tipo di corpo: tipo costituzionale normostenico.

Altezza 177 cm, peso 80 kg. Temperatura corporea 36,6 0.

L'espressione facciale è calma.

Cicatrici: cicatrice postoperatoria di colore pallido, indolore.

Il turgore della pelle è preservato, crescita dei peli di tipo maschile. Le unghie degli arti inferiori sono ispessite e deformate.

Membrane mucose visibili: rosa pallido, pulito, normale umidità.

Grasso sottocutaneo: lo sviluppo è moderato, maschile, indolore alla palpazione. Nessun edema.

Linfonodi: non palpabili, indolori.

Muscoli: sviluppati in base al sesso e all'età, il tono è preservato, indolore alla palpazione. Scheletro senza deformazioni.

Articolazioni: della normale configurazione, i movimenti in esse vengono eseguiti per intero, senza sensazioni di scricchiolio e dolorose. La palpazione delle articolazioni è indolore.

Sistema respiratorio. Il naso è invariato, la respirazione attraverso il naso è libera. Non si osserva alcuna secrezione dalle vie nasali. Nessun sangue dal naso. Laringe senza deformazione. La voce è forte, chiara. La respirazione nella laringe non è difficile. Quando si esamina la laringe di una forma normale, quando si sente la regione della laringe, il dolore non è determinato.

Esame del torace. Il torace è normostenico, simmetrico, senza deformità, la fossa sopraclavicolare e succlavia sono debolmente espresse. Le metà destra e sinistra del torace si muovono in modo sincrono durante la respirazione. Il tipo di respirazione è addominale, respirazione vescicolare, ritmica, con una frequenza di 16 al minuto. I muscoli accessori non sono coinvolti nell'atto di respirare. Il ritmo respiratorio è corretto. Angolo epigastrico diritto.

Palpazione: la tenerezza delle costole, degli spazi intercostali, dei muscoli del torace, dello sterno non si nota alla palpazione. La gabbia toracica è resistente in tutte le aree. Il tremolio della voce non è cambiato.

Percussione comparativa: sulle superfici laterali anteriori, dietro nelle sezioni superiori, nello spazio interscapolare, viene rilevato un chiaro suono polmonare. Non si osservano cambiamenti focali nel suono delle percussioni.

Percussione polmonare topografica.

. polmone destro polmone sinistro

Bordo superiore dei polmoni

l'altezza degli apici davanti a 3 cm per 3,2 cm sopra la clavicola

l'altezza dell'apice in piedi dietro al livello del processo spinoso della VII vertebra cervicale

Bordo inferiore dei polmoni

linea peristernale V spazio intercostale ---

costola VI medioclavicolare ---

costola VII anteroascellare VII costola

costola VIII ascellare media VIII costola

costola IX ascellare posteriore IX costola

scapolare X costola X costola

riferimento residuo paravertebrale Th XI riferimento residuo Th XI

Escursione respiratoria del margine polmonare inferiore

dalla clavicola media 4 cm ---

ascellare medio 6 cm 6 cm

scapolare 4 cm 4 cm

Larghezza del campo di Krening

Polmone destro - 5 cm, polmone sinistro - 5 cm.

All'auscultazione, respirazione vescicolare, nessun respiro sibilante. La broncofonia è la stessa su aree simmetriche su entrambi i lati. Il rumore dell'attrito pleurico non si sente.

Organi circolatori. All'esame non è stata trovata alcuna sporgenza visibile nella regione del cuore. Quando si esaminano i vasi del collo, non c'è pulsazione delle arterie carotidi.

Palpazione: l'impulso apicale è localizzato nel 5 ° spazio intercostale, 1 cm medialmente dalla linea medioclavicolare sinistra, limitato, di moderata forza. La pulsazione epigastrica non è osservata.

Auscultazione: suoni cardiaci ovattati, frequenza cardiaca 68 battiti / min, pressione sanguigna 140/90. L'ampiezza delle onde del polso su entrambe le mani è la stessa, il polso è ritmico, fermo, di riempimento medio, uniforme; ugualmente ben palpabile sulle estremità temporali, assonnate, radiali, femorali, distali agli arti inferiori, il polso non è determinato. Le pareti delle arterie sono lisce. Le vene cervicali non sono espresse. Non ci sono indurimenti e dolore lungo le vene. Suoni cardiaci attenuati, soffio sistolico ritmico nell'aorta, frequenza cardiaca 74 battiti al minuto. Non si sentono rumori.

Percussioni: i limiti della relativa ottusità del cuore:

A destra - 0,5 cm verso l'esterno dal bordo destro dello sterno (lungo lo spazio intercostale IV)

Sinistra - 1 cm medialmente dalla linea medioclavicolare sinistra (lungo lo spazio intercostale V)

Sopra - lungo la linea quasi sternale a livello della III costola

i limiti dell'assoluta ottusità del cuore:

A destra - lungo il bordo sinistro dello sterno (lungo il IV spazio intercostale)

Sinistra - 2 cm medialmente dalla linea medioclavicolare sinistra (lungo lo spazio intercostale V)

In alto - IV costola lungo la linea peristernale

Larghezza del fascio vascolare - 5 cm.

Gli organi digestivi. Quando si esamina la cavità orale, la lingua è di dimensioni normali, umida, rosa, rivestita da un rivestimento giallastro lungo la linea mediana, le papille sono pronunciate, non ci sono ulcere e crepe. La mucosa delle guance è pulita. L'addome è morbido, indolore, partecipa all'atto di respirare. I sintomi di Blumberg e Mendel sono negativi. Con la palpazione metodica profonda secondo Obraztsov-Strazhesko, il colon sigmoideo viene palpato sotto forma di un cilindro liscio, elastico, indolore. Il colon trasverso viene palpato sopra l'ombelico come un cilindro indolore. Il colon ascendente e discendente non è palpabile.

Auscultazione: i rumori intestinali si sentono chiaramente nell'addome. Non è stato rilevato alcun rumore di sfregamento peritoneale. La sedia è regolare, decorata.

Fegato. L'area dell'ipocondrio destro se vista senza caratteristiche, il fegato non sporge da sotto il bordo dell'arco costale.

Palpazione: indolore. I bordi del fegato sono lisci, affilati.

Percussione: il bordo del fegato al bordo dell'arco costale.

Confini del fegato secondo Kurlov

Il limite superiore dell'ottusità assoluta

sulla linea medioclavicolare destra - VI costola

Il limite inferiore dell'ottusità assoluta

lungo la linea medioclavicolare destra - 0,5 cm sotto il bordo inferiore dell'arco costale destro

lungo la mediana - al confine del terzo superiore della distanza dal processo xifoideo all'ombelico

sulla linea medioclavicolare destra - 9 cm

lungo la linea mediana anteriore - 8 cm

lungo l'arco costale sinistro - 7 cm

Pancreas e milza. Il pancreas non viene rilevato dalla palpazione. Detardena, i punti Mayo-Robson, l'area di Shoffard sono indolori. Non c'è ingrossamento visibile della milza, non è palpabile. Dimensioni milza a percussione: longitudinale-8 cm, diametro-5 cm.

Il sistema genito-urinario. Non si osservano disturbi della minzione. Il sintomo di Pasternatsky è negativo su entrambi i lati. I reni, la vescica non sono palpabili, la palpazione è indolore. Il dolore nei punti renali e ureteri non è notato.

Sistema endocrino. La ghiandola tiroidea non è ingrandita, indolore alla palpazione. Lo sviluppo fisico e mentale è appropriato all'età.

Sistema nervoso. Quando interrogato, rivelato: l'intelligenza corrisponde al livello di sviluppo. Il comportamento del paziente in clinica è equilibrato. Il paziente è loquace, entra in contatto facilmente.

Funzioni mentali: correttamente orientate nel tempo e nello spazio, non si osservano fenomeni allucinatori. La memoria e l'attenzione non sono compromesse. Non soffre di insonnia.

Status localis

Non c'erano pulsazioni visibili, vasodilatazione del tronco e delle estremità e nessun disturbo trofico. Alla palpazione, il polso viene palpato sulle arterie principali: radiale, gomito, carotide, iliaca, femorale, poplitea a destra di riempimento soddisfacente, non teso, ritmico, con una frequenza di 74 battiti al minuto, sulla tibia a destra non determinata. La palpazione dell'addome non ha rivelato ingrossamenti aneurismatici o masse pulsanti. Non si sente l'auscultazione sopra la carotide, il soffio sistolico delle arterie iliache, sopra le altre arterie principali del soffio sistolico. Secondo i test funzionali, le vene profonde sono brevettuali.

Metodi di ricerca di laboratorio

UAC. 8.12.2006.

Leucociti - 8,9 * 10 9 / l (N- marito 4,3-11,3 * 10 9 / l

donne 3,2-10,2 * 10 9 / l)

Eritrociti - 4,89 * 10 12 / l (N- marito 4-5,6 * 10 12 / l

donne 3,4-5,0 * 10 12 / l)

Piastrine - 245 * 10 9 / l (N- 180-320 * 10 9 / l)

Hb- 147g / l (N- man 130-175 g / l

Indice di protrombina 82

Fibrinogeno B neg

Test etanolo neg

Tempo di trombina 17 sec

UAC. 12.12.2006

Leucociti - 11,2 * 10 9 / l (N- marito 4,3-11,3 * 10 9 / l

donne 3,2-10,2 * 10 9 / l)

Eritrociti - 4,58 * 10 12 / l (N- marito 4-5,6 * 10 12 / l

donne 3,4-5,0 * 10 12 / l)

Piastrine - 184 * 10 9 / l (N- 180-320 * 10 9 / l)

Hb- 140g / l (N- man 130-175 g / l

ESR 26 mm / ora (N - 2-15 mm / ora)

Tempo di coagulazione 12min

Indice di protrombina 81

Fibrinogeno B neg

Test etanolo neg

Tempo di trombina 18 sec

Chimica del sangue. 8.12.2006.

Proteine ​​totali - 76,6 g / l

Urea - 5,8 mmol / l

Creatinina - 47 mmol / L

Glucosio - 4,4 mmol / l

Colesterolo - 5,49 mmol / l

Bilirubina - 19,2 mmol / L

LDL e VLDL 3.2

Chimica del sangue. 8.12.2006.

Proteine ​​totali - 68,8 g / l

Urea - 4,9 mmol / l

Creatinina - 84,4 mmol / L

Glucosio - 5,2 mmol / l

Colesterolo - 3,85 mmol / l

Bilirubina - 32,7 mmol / L

LDL e VLDL 1.4

OAM. 8.12.2006

Peso specifico - 1010 (N-1008-1026)

Leucociti - singoli nel campo visivo

Gruppo sanguigno e fattore Rh.

Metodi di ricerca speciali

ECG. 11.12.2006.

Ritmo sinusale regolare a 76 battiti al minuto. Violazione della conduzione intraventricolare. Violazione dei processi di ripolarizzazione lungo la parete inferiore.

Ecocardiografia. 11.12.2006.

Compattazione dell'aorta, ipertrofia IVS, Asynergy della parete inferiore di L.Zh.

UZDS. 19.12.2006.

La visualizzazione non è informativa (bendaggio).

Protocollo operativo. 19.12.2006

Intervento: endoarteriectomia carotidea di eversione a sinistra

L'accesso lungo il bordo anteriore del muscolo sternocleidomastoideo a sinistra ha esposto il CCA, ICA, ECA, CCA e ECA stenosi a 1/3 del lume, la biforcazione del CCA, gli orifizi ICA erano estremamente stenotici con una placca aterosclerotica locale. Il CCA è intersecato trasversalmente sotto la biforcazione. È stata eseguita un'endoarterectomia eversionale da CCA, ICA, ECA e l'anastomosi è stata eseguita tra i segmenti CCA in modo "end-to-end" con il filo di propene 7/0. È stato ottenuto un flusso sanguigno principale soddisfacente in tutte le arterie nell'ambito dell'approccio chirurgico. Nessun disturbo neurologico è stato rilevato durante l'operazione. Emostasi, drenaggio sotto vuoto. Suture stratificate sulla ferita. Medicazione asettica.

Diagnosi preliminare

Il principale è l'aterosclerosi. Sindrome di Takayasu-Lericha. Stenosi dell'arteria carotide. CEAE a sinistra dell'11.2006.KhNMK 4. Occlusione dell'arteria iliaca sinistra, arterie tibiali a destra. Moncone di amputazione del femore sinistro. CHI 2a

Concomitante - Ipertensione 3, st3. rischio 4. IHD. Angina FC 2. (1991). Asino: HSN 1, FC 2

Diagnosi differenziale

L'aterosclerosi obliterante deve essere differenziata dall'endarterite obliterante, angiopatia diabetica, sindrome del midollo spinale radicolare, malattia di Raynaud, condizioni tromboemboliche.

L'endarterite obliterante ha un quadro clinico simile (pallore, freddo, ridotta sensibilità dei piedi, gambe, claudicatio intermittente). Entrambe le malattie causano gli stessi disturbi e l'identica natura dei disturbi trofici; in entrambe le malattie si distinguono gli stessi stadi clinici. Ma, l'aterosclerosi obliterante ha caratteristiche distintive: si verifica dopo 40 anni (l'endarterite si verifica a 20-30 anni), dal momento delle prime manifestazioni cliniche, la malattia progredisce rapidamente, non ci sono indicazioni di ondulazione del decorso, la stagionalità delle esacerbazioni nella storia, ci sono segni di lesioni aterosclerotiche di altri pool vascolari ( in questo caso - arterie coronarie), con l'aiuto di ulteriori metodi di ricerca, è possibile identificare il livello di danno - grandi arterie

La macroangiopatia diabetica si verifica in tutte le fasce d'età, ha una clinica simile con aterosclerosi obliterante, ma differisce in un decorso più grave e progressivo, che può portare allo sviluppo di cancrena (di solito umida), primi sintomi di polineurite, spesso altre complicanze del diabete.

La sindrome radicolare, così come l'aterosclerosi obliterante, comporta dolore alle gambe, freddo, parestesia, diminuzione della sensibilità dei piedi, gambe e paresi del piede è possibile. Tuttavia, questa sindrome di solito si sviluppa in modo acuto, il dolore è spesso molto grave, in tutta la gamba e nella regione lombare, aggravato da movimenti incuranti. La sensibilità si svuota in modo segmentato. La pelle di solito non è cambiata (con aterosclerosi, pallida, fredda, secca). Il polso su arterie disteel è sentito bene.

La malattia di Raynaud. La sconfitta dei grandi vasi degli arti inferiori, l'assenza di pulsazioni sulle arterie dei piedi, delle gambe, la "claudicatio intermittente" consentono di escludere questa diagnosi.

Per il tromboembolismo, è tipico un esordio più acuto, un inizio improvviso del dolore. La pulsazione dell'arteria distale rispetto alla localizzazione dell'embolo è assente; sopra l'embolo, è solitamente aumentata. Tuttavia, nei pazienti con malattie obliteranti a lungo termine delle arterie periferiche, la trombosi vascolare si verifica sullo sfondo di una rete sviluppata di collaterali ed è caratterizzata dallo sviluppo graduale dei sintomi. La presenza di questa esacerbazione potrebbe essere associata a trombosi. Ma il nostro paziente non ha una diminuzione della sensibilità o disfunzione dell'arto (paresi, paralisi), che sarebbe in presenza di un embolo.

Diagnosi finale.

Il principale è l'aterosclerosi. Sindrome di Takayasu-Lericha. Stenosi dell'arteria carotide. CEAE a sinistra dell'11.2006.KhNMK 4. Occlusione dell'arteria iliaca sinistra, arterie tibiali a destra. Moncone di amputazione del femore sinistro. CHI 2a

Esposto in base a:

1. Reclami del paziente. Mal di testa, vertigini, barcollamento durante la deambulazione, aumento della pressione sanguigna fino a 175/100 mm. Hg, dolore ai muscoli del polpaccio della gamba destra quando si cammina a una distanza superiore a 200 m, crampi alle gambe. Premendo dolori al petto con esercizio moderato, debolezza.

2. I dati dell'anamnesi della malattia, Il paziente si considera entro 15 anni, quando per la prima volta ha richiamato l'attenzione sull'affaticamento delle gambe quando cammina veloce. Una graduale diminuzione della resistenza durante l'esercizio. L'11 marzo 2006 ha subito un ictus con emiparesi del lato destro. Peggioramento della condizione negli ultimi 2 mesi, aumento del mal di testa, vertigini. Si è rivolto al policlinico del dispensario cardiologico repubblicano, da dove è stato ricoverato nel reparto chirurgico.

3. Dati oggettivi di ricerca - Nessuna pulsazione visibile, vasodilatazione del tronco e delle estremità Nessun disturbo trofico. Alla palpazione, il polso viene palpato sulle arterie principali: radiale, gomito, carotide, iliaca, femorale, poplitea a destra di riempimento soddisfacente, non teso, ritmico, con una frequenza di 74 battiti al minuto, sulla tibia a destra non determinata. La palpazione dell'addome non ha rivelato ingrossamenti aneurismatici o masse pulsanti. Non si sente l'auscultazione sopra la carotide, il soffio sistolico delle arterie iliache, sopra le altre arterie principali del soffio sistolico. Secondo i test funzionali, le vene profonde sono brevettuali. 4. Dati di metodi di ricerca speciali - ecocardiografia, ultrasuoni, angiografia.

5. Dati di diagnosi differenziale - esclusione di patologie simili.

Eziologia e patogenesi

Le lesioni aterosclerotiche delle arterie sono manifestazioni di aterosclerosi generale. L'aterosclerosi è una malattia cronica con danno alle grandi arterie di tipo elastico con danno iniziale all'intima dei vasi e successiva diffusione del processo patologico al rivestimento medio ed esterno delle arterie. Il collegamento più iniziale in questa patologia è una certa prontezza dell'intima per la deposizione di lipidi in essa (può essere causata da numerosi fattori: genetici, tossici, infettivi, allergici, immunologici e altri). Quindi, nell'intima delle arterie, si formano macchie lipidiche, seguite dallo sviluppo di ulcere ateromatose al loro posto e, alla fine, placche aterosclerotiche multistrato..

Come risultato della deposizione di lipidi, sali di Ca e dello sviluppo del tessuto connettivo nelle pareti delle arterie, la loro compattazione si sviluppa con una violazione della loro funzionalità (dilatazione insufficiente in risposta a un aumentato fabbisogno di afflusso di sangue, tendenza agli angiospasmi). Nel tempo, si sviluppa un restringimento organico piuttosto pronunciato del lume vascolare, che porta a una persistente violazione del flusso sanguigno e allo sviluppo di processi distrofici, necrobiotici e sclerotici negli organi e nei tessuti corrispondenti.

Fattori di rischio: storia familiare aggravata di aterosclerosi, disturbi aterogenici del metabolismo delle lipoproteine, ipertensione arteriosa, fumo, stress psico-emotivo, attività fisica insufficiente, obesità, diabete mellito, gotta, ecc..

Disturbi del metabolismo delle lipoproteine.

La forma di trasporto del colesterolo nel sangue sono le lipoproteine, i cui componenti principali, oltre al colesterolo, sono i trigliceridi, i fosfolipidi e le proteine. Le lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) sono la principale forma di trasporto del colesterolo, così come le lipoproteine ​​a bassissima densità (VLDL). LDL e VLDL, essendo penetrate dal flusso sanguigno nella parete vascolare, possono "bloccarsi" in essa, disintegrarsi e, quindi, promuovere l'introduzione del colesterolo nelle membrane delle cellule vascolari. È stato dimostrato che LDL e VLDL fanno parte delle ulcere ateromatose e delle placche aterosclerotiche. A questo proposito, queste lipoproteine ​​sono chiamate aterogene. Le lipoproteine ​​ad alta densità (HDL) penetrano anche dal flusso sanguigno nelle pareti delle arterie, tuttavia, a causa della compattezza e delle piccole dimensioni delle molecole, le attraversano facilmente, diventando accettori di colesterolo bloccato qui. Lo rimuovono dalle membrane dei tessuti delle cellule vascolari. Come risultato di questa azione, le HDL vengono chiamate lipoproteine ​​antiaterogene. Pertanto, non solo un eccesso di LDL e VLDL, ma anche una mancanza di HDL contribuisce alla minaccia dello sviluppo e della progressione dell'aterosclerosi..

Il trattamento iniziale è conservativo:

- eliminazione dei fattori avversi (raffreddamento, fumo, alcol),

- terapia antispasmodica (no-shpa, galidor, ecc.),

- bloccanti gangliari (diprofen, dicolina, ecc.),

- per migliorare i processi metabolici nei tessuti, vengono prescritti vitamine, compliance, solcoseryl.

- si consiglia di prescrivere farmaci che normalizzano la coagulazione del sangue, riducono l'aggregazione piastrinica (reopoliglucina, trental, curantil, plasma fresco congelato).

- effettuare cure fisioterapiche, è consigliabile l'ossigenazione iperbarica, è indicata la cura termale, è indicata la terapia fisica (soprattutto camminare).

Terapia farmacologica angiotropica:

Sol. NaCl 0,9% - 400 ml

Sol. KCl 4% - 10 ml di gocciolamento endovenoso n. 5 a giorni alterni

Sol. MgSO4 25% - 5 ml

Sol. Glucosae 5% - 400 ml flebo endovenoso n. 5 a giorni alterni

Sol. Pentoxifyllini 2% - 5 ml

La miscela di Postnikov n. 10

Sol. Piridoxini 5% - 2 ml per via intramuscolare a giorni alterni n. 10

Sol. Thiamini 5% - 2 ml per via intramuscolare a giorni alterni n. 10

Al paziente viene mostrato il trattamento chirurgico

Epicrisi preoperatoria

Il paziente N., è stato ricoverato in RKD l'8.12.2006 in modo programmato con lamentele di mal di testa, vertigini, barcollamento nel camminare, aumento della pressione sanguigna a 175/100 mm. rt. Art., Dolore ai muscoli del polpaccio della gamba destra quando si cammina a una distanza superiore a 200 m, crampi alle gambe. Premendo dolori al petto con esercizio moderato, debolezza.

Dalla storia della malattia è stato stabilito: Il paziente si considera da 15 anni, quando per la prima volta ha attirato l'attenzione sulla stanchezza delle gambe quando cammina veloce. Una graduale diminuzione della resistenza durante l'esercizio. L'11 marzo 2006 ha subito un ictus con emiparesi del lato destro. Deterioramento negli ultimi 2 mesi, aumento del mal di testa, vertigini. Si è rivolto al policlinico del dispensario cardiologico repubblicano, da dove è stato ricoverato nel reparto chirurgico.

Al momento del ricovero oggettivamente: la condizione generale del paziente è soddisfacente, chiara coscienza, posizione attiva, comportamento adeguato e calmo. Nutrizione soddisfacente. La pelle è rosa pallido, pulita, moderatamente umida. I linfonodi sono palpabili, non ingrossati, indolori.

Tipo di corpo: tipo costituzionale normostenico.

Altezza 177 cm, peso 80 kg. Temperatura corporea 36,6 0.

L'espressione facciale è calma.

Cicatrici: cicatrice postoperatoria di colore pallido, indolore.

Il turgore della pelle è preservato, crescita dei peli di tipo maschile. Le unghie degli arti inferiori sono ispessite e deformate.

Membrane mucose visibili: rosa pallido, pulito, normale umidità.

Grasso sottocutaneo: lo sviluppo è moderato, maschile, indolore alla palpazione. Nessun edema.

Linfonodi: non palpabili, indolori.

Muscoli: sviluppati in base al sesso e all'età, il tono è preservato, indolore alla palpazione. Scheletro senza deformazioni.

Articolazioni: della normale configurazione, i movimenti in esse vengono eseguiti per intero, senza sensazioni di scricchiolio e dolorose. La palpazione delle articolazioni è indolore. Non c'erano pulsazioni visibili, vasodilatazione del tronco e delle estremità e nessun disturbo trofico. Alla palpazione, il polso viene palpato sulle arterie principali: radiale, gomito, carotide, iliaca, femorale, poplitea a destra di riempimento soddisfacente, non teso, ritmico, con una frequenza di 74 battiti al minuto, sulla tibia a destra non determinata. La palpazione dell'addome non ha rivelato ingrossamenti aneurismatici o masse pulsanti. Non si sente l'auscultazione sopra la carotide, il soffio sistolico delle arterie iliache, sopra le altre arterie principali del soffio sistolico. Secondo i test funzionali, le vene profonde sono brevettuali.

La diagnosi clinica è stata fatta: aterosclerosi. Sindrome di Takayasu-Lericha. Stenosi dell'arteria carotide. CEAE a sinistra dell'11.2006.KhNMK 4. Occlusione dell'arteria iliaca sinistra, arterie tibiali a destra. Moncone di amputazione del femore sinistro. CHI 2a

In connessione con la clinica, i dati degli studi diagnostici, al paziente viene mostrato un trattamento chirurgico - bypass femorale-femorale a sinistra.

Il paziente acconsente all'operazione.

Protocollo operativo

Intervento: endoarteriectomia carotidea di eversione a sinistra

Descrizione dell'operazione: Accedendo lungo il bordo anteriore del muscolo sternocleidomastoideo a sinistra, il CCA, ICA, ECA, CCA e ECA erano stenotici a 1/3 del lume, la biforcazione del CCA, gli orifizi ICA erano estremamente stenotici con una placca aterosclerotica locale. Il CCA è intersecato trasversalmente sotto la biforcazione. È stata eseguita un'endoarterectomia eversionale da CCA, ICA, ECA e l'anastomosi è stata eseguita tra i segmenti CCA in modo "end-to-end" con il filo di propene 7/0. È stato ottenuto un flusso sanguigno principale soddisfacente in tutte le arterie nell'ambito dell'approccio chirurgico. Nessun disturbo neurologico è stato rilevato durante l'operazione. Emostasi, drenaggio sotto vuoto. Suture stratificate sulla ferita. Medicazione asettica.

12.25.06 Reclami di debolezza generale, dolore moderato nell'area dell'accesso chirurgico. La condizione generale è relativamente soddisfacente. Nella coscienza, adeguata, contatto, pelle di colore normale e umidità. Nei polmoni, respirazione vescicolare, BH 18 / min. I suoni del cuore sono attutiti, ritmici. AP 140 / 100mm Hg. Arte. Frequenza cardiaca 70 / min. L'addome è morbido, indolore. Si sente la peristalsi. La minzione non è disturbata. La medicazione è asciutta e pulita. Riceve il trattamento.

Rp.: Sol. Tramali 2,0ml

S: io / m prima di coricarsi.

Rp.: Tab. Vasonit 0.6

S: 1 scheda 2 volte al giorno

26/12/06 Reclami di debolezza generale, dolore moderato nell'area dell'accesso chirurgico. La condizione generale è soddisfacente. Nella coscienza, adeguata, contatto, pelle di colore normale e umidità. Nei polmoni, respirazione vescicolare, BH 17 / min. I suoni del cuore sono attutiti, ritmici. BP 140 / 80mm Hg. Arte. Frequenza cardiaca 74 / min. L'addome è morbido, indolore. Si sente la peristalsi. La minzione non è disturbata. La medicazione è asciutta e pulita. Riceve il trattamento.

Rp.: Sol. Dimedroli 1% -1,0ml

Rp.: Tab. Vasonit 0.6

S: 1 scheda 2 volte al giorno

27.12.06 Reclami per dolore moderato nell'area dell'accesso chirurgico. La condizione generale è soddisfacente. Nella coscienza, adeguata, contatto, pelle di colore normale e umidità. Nei polmoni, respirazione vescicolare, BH 17 / min. I suoni del cuore sono attutiti, ritmici. BP 140 / 80mm Hg. Arte. Frequenza cardiaca 74 / min. L'addome non è gonfio, morbido, indolore. Si sente la peristalsi, le feci sono normali. La minzione non è disturbata. La medicazione è asciutta e pulita. Riceve il trattamento.

Rp.: Tab. Vasonit 0.6

S: 1 scheda 2 volte al giorno

Rp.: Sol. Celexani 0.4

S: per via sottocutanea una volta al giorno.

Scheda temperatura

18.12 19.12 20.12 21.12 22.12 23.12 24.12 25.12 26.12 27.12

U V U V U V U V U V U V U V U V U V U

In questo caso, poiché è stata effettuata la diagnosi e il trattamento chirurgico, la prognosi è favorevole..

a) per la salute - favorevole (recupero);

b) per la vita - favorevole (la malattia non minaccia la vita del paziente);

c) al lavoro - favorevole (la malattia non ha comportato l'invalidità del paziente).

Il paziente N., è stato ricoverato in RKD l'8.12.2006 in modo programmato con lamentele di mal di testa, vertigini, barcollamento nel camminare, aumento della pressione sanguigna a 175/100 mm. rt. Art., Dolore ai muscoli del polpaccio della gamba destra quando si cammina a una distanza superiore a 200 m, crampi alle gambe. Premendo dolori al petto con esercizio moderato, debolezza.

Dalla storia della malattia è stato stabilito: Il paziente si considera da 15 anni, quando per la prima volta ha attirato l'attenzione sulla stanchezza delle gambe quando cammina veloce. Una graduale diminuzione della resistenza durante l'esercizio. L'11 marzo 2006 ha subito un ictus con emiparesi del lato destro. Peggioramento della condizione negli ultimi 2 mesi, aumento del mal di testa, vertigini. Si è rivolto al policlinico del dispensario cardiologico repubblicano, da dove è stato ricoverato nel reparto chirurgico.

Al ricovero oggettivo: la condizione generale del paziente è soddisfacente, chiara coscienza, posizione attiva, comportamento adeguato e calmo. Nutrizione soddisfacente. La pelle è rosa pallido, pulita, moderatamente umida. I linfonodi sono palpabili, non ingrossati, indolori.

Tipo di corpo: tipo costituzionale normostenico.

Altezza 177 cm, peso 80 kg. Temperatura corporea 36,6 0.

L'espressione facciale è calma.

Cicatrici: cicatrice postoperatoria di colore pallido, indolore.

Il turgore della pelle è preservato, crescita dei peli di tipo maschile. Le unghie degli arti inferiori sono ispessite e deformate.

Membrane mucose visibili: rosa pallido, pulito, normale umidità.

Grasso sottocutaneo: lo sviluppo è moderato, maschile, indolore alla palpazione. Nessun edema.

Linfonodi: non palpabili, indolori.

Muscoli: sviluppati in base al sesso e all'età, il tono è preservato, indolore alla palpazione. Scheletro senza deformazioni.

Articolazioni: della normale configurazione, i movimenti in esse vengono eseguiti per intero, senza sensazioni di scricchiolio e dolorose. La palpazione delle articolazioni è indolore. Non sono state riscontrate pulsazioni visibili, vasodilatazione sul tronco e sulle estremità. Non sono presenti disturbi trofici. Alla palpazione, il polso viene palpato sulle arterie principali: radiale, gomito, carotide, iliaca, femorale, poplitea a destra di riempimento soddisfacente, non teso, ritmico, con una frequenza di 74 battiti al minuto, sulla tibia a destra non determinata. La palpazione dell'addome non ha rivelato ingrossamenti aneurismatici o masse pulsanti. Non si sente l'auscultazione sopra la carotide, il soffio sistolico delle arterie iliache, sopra le altre arterie principali del soffio sistolico. Secondo i test funzionali, le vene profonde sono brevettuali.

Dopo l'esame, la diagnosi è stata fatta:

Aterosclerosi. S. Lericha. Stenosi delle arterie iliache su entrambi i lati. Occlusione delle arterie femorali su entrambi i lati CI 3st.

Malattie concomitanti: ipertensione 3, st3. rischio 4. IHD. Angina FC 2. (1991). Asino: HSN 1, FC 2

È stato effettuato un trattamento medico.

Il trattamento chirurgico è stato eseguito il 19.12.2006: Eversion endoarteriectomia carotidea a sinistra

Sullo sfondo del trattamento chirurgico in corso, c'è un trend positivo. Il paziente continua a ricevere il trattamento.

Elenco della letteratura utilizzata:

1. Lezioni selezionate sulla chirurgia clinica. A cura del prof. V.V. Plechev e il prof. V. M. Timerbulatov. Ufa 1996

2. Malattie chirurgiche. A cura di M.I. Cugino. Mosca "Medicina" 2000.

Aterosclerosi, stenosi dell'arteria carotide interna sinistra

Cefalea di varia intensità come uno dei sintomi caratteristici dell'occlusione dell'arteria carotide interna. L'aterosclerosi è una malattia cronica associata a danni alle grandi arterie di tipo elastico con una violazione iniziale dell'intima vascolare.

IntestazioneMedicinale
Visualizzastoria della malattia
linguaggiorusso
Data aggiunta29/01/2018
dimensione del file29.5K
  • vedere il testo dell'opera
  • puoi scaricare il lavoro qui
  • informazioni complete sul lavoro
  • l'intero elenco di opere simili

Inviare il tuo buon lavoro nella knowledge base è semplice. Utilizza il modulo sottostante

Studenti, dottorandi, giovani scienziati che utilizzano la base di conoscenza nei loro studi e nel loro lavoro te ne saranno molto grati.

postato su http://www.allbest.ru

postato su http://www.allbest.ru

1. Dati del passaporto

1) Nome completo - Klimenko Svetlana Ivanovna;

3) Età - 68 anni (data di nascita - 01.10.1948);

4) Professione, luogo di lavoro - Farmacia KP "JSC" Farmacia ZOR n. 212, dirigente;

5) Data e ora del ricovero - 14/03/2017, 12:10.

2. Reclami del paziente

Al momento del ricovero, lamenta debolezza generale, vertigini, aumento della pressione sanguigna fino a 200 mm Hg. Art., Mal di testa periodici. Al momento della supervisione, lamenta un lieve dolore nell'area della ferita postoperatoria, debolezza generale.

3. Storia della malattia attuale

Si considera una paziente negli ultimi 15 anni, quando ha iniziato a notare un aumento della pressione sanguigna fino a 175 mm Hg, mal di testa, vertigini, nel tempo la malattia è progredita, è aumentata l'intensità del mal di testa, è stata ripetutamente trattata per ipertensione arteriosa nel reparto di cardiologia, durante l'ultimo ciclo di trattamento in cardiologia, il paziente è stato sottoposto a tomografia computerizzata multispirale e angiografia cerebrale, è stata rilevata una placca aterosclerotica nell'arteria carotide interna sinistra, bloccandone il lume fino al 90%, e il paziente è stato trasferito dal dipartimento di cardiologia al dipartimento di chirurgia vascolare della clinica regionale di Zaporozhye ospedali per ulteriori cure.

4. Anamnesi della vita del paziente

Nasce in tempo, cresce e si sviluppa in base all'età e al sesso.

Le condizioni abitative e sanitarie sono soddisfacenti.

Pasti regolari, con consumo eccessivo di cibi grassi e fritti. Non ha cattive abitudini.

Luogo di lavoro: Farmacia KP "AO" Farmacia ZOR n. 212, dirigente; Nessun rischio professionale.

Malattie passate: durante l'infanzia, aveva avuto morbillo, pertosse, rosolia, varicella, nell'adolescenza aveva avuto reumatismi, aveva una frattura delle ossa metatarsali, aveva una lunga storia di aterosclerosi e colecistite.

5. Dati di un esame obiettivo

La condizione generale del paziente è di moderata gravità, chiara coscienza, posizione attiva, umore calmo. Nutrizione aumentata. La pelle è rosa pallido, pulita, moderatamente umida. I linfonodi sono palpabili, non ingrossati, indolori. T temperatura corporea 36,6 ° C, il grasso sottocutaneo è ben sviluppato. Le ossa e le articolazioni rimangono invariate, la pelle sopra di loro non viene modificata, la temperatura locale non aumenta, il volume dei movimenti attivi e passivi è pieno, i movimenti sono liberi, indolori.

Apparato respiratorio: il naso è invariato, la respirazione attraverso il naso è libera. Non si osserva alcuna secrezione dalle vie nasali. Nessun sangue dal naso. Laringe senza deformazione. La voce è forte, chiara. La gabbia toracica è simmetrica, senza deformità, la fossa sopraclavicolare e succlavia sono ben espresse. Le metà destra e sinistra del torace si muovono in modo sincrono durante la respirazione. Il tipo di respirazione è toracica, respirazione vescicolare, ritmica, con una frequenza di 16 al minuto. I muscoli accessori non sono coinvolti nell'atto di respirare. Il ritmo respiratorio è corretto. Palpazione: la tenerezza delle costole, degli spazi intercostali, dei muscoli del torace, dello sterno non si nota alla palpazione. La gabbia toracica è resistente in tutte le aree. Il tremolio della voce non è cambiato.

Percussione comparativa: sulle superfici laterali anteriori, dietro nelle sezioni superiori, nello spazio interscapolare, viene rilevato un chiaro suono polmonare. Non si osservano cambiamenti focali nel suono delle percussioni.

Percussione polmonare topografica:

Il bordo superiore dei polmoni: l'altezza degli apici davanti è 3 cm sopra la clavicola; l'altezza dell'apice in piedi dietro al livello del processo spinoso della VII vertebra cervicale.

Bordo polmonare inferiore:

Polmone destro Polmone sinistro

linea peristernale V spazio intercostale.

costola VI medioclavicolare.

costola VII anteroascellare VII costola.

costola VIII ascellare media VIII costola.

costola IX ascellare posteriore IX costola.

scapolare X costola X costola.

processo spinoso paravertebrale dell'XI vertebra toracica.

Escursione respiratoria del margine polmonare inferiore.

Polmone destro Polmone sinistro.

lungo la linea medioclavicolare 4 cm.

ascellare medio 6 cm.6 cm.

scapolare 4 cm.4 cm.

Larghezza del campo di Krening.

Polmone destro 5 cm, polmone sinistro 5 cm.

All'auscultazione, respirazione vescicolare, nessun respiro sibilante. La broncofonia è la stessa su aree simmetriche su entrambi i lati. Il rumore dell'attrito pleurico non si sente.

Sistema cardiovascolare: non è stata trovata alcuna protrusione visibile nella regione del cuore. Quando si esaminano i vasi del collo, non c'è pulsazione visibile. Palpazione: l'impulso apicale è localizzato nel V spazio intercostale a 1 cm medialmente dalla linea medioclavicolare sinistra, limitato, di moderata forza. La pulsazione epigastrica non è osservata. Il fenomeno delle "fusa feline" non viene osservato.

Frequenza cardiaca - 82 battiti / min, pressione sanguigna 160/80 mm Hg. Arte. su entrambe le mani. L'ampiezza delle onde del polso su entrambe le mani è la stessa, il polso è ritmico, fermo, di riempimento medio, uniforme; ugualmente ben avvertito sugli arti inferiori temporali, assonnati, radiali, femorali. L'impulso sulle arterie carotidi è simmetrico su entrambi i lati. Le pareti delle arterie sono lisce. Le vene cervicali non sono espresse.

Non ci sono foche, cambiamenti trofici nella pelle e dolore lungo le arterie e le vene. Il colore della pelle è rosa pallido, non c'è schiocco freddo delle estremità, la crescita dei capelli è preservata, le unghie non sono deformate.

I suoni cardiaci sono attutiti, ritmici, si sente un soffio sopra la biforcazione dell'arteria carotide comune a sinistra.

Apparato digerente: l'appetito è buono, la deglutizione non è difficile, la nausea e il vomito non si notano, lo stomaco non è gonfio, le feci sono regolari, modellate, non c'è dolore all'addome quando si mangia, dopo aver mangiato o durante l'atto di defecazione. Quando si esamina la cavità orale, la lingua è di dimensioni normali, umida, rosa, senza placca, le papille sono pronunciate, non ci sono ulcere e crepe. La mucosa delle guance è pulita. L'addome è morbido, indolore, partecipa all'atto di respirare. I sintomi di Shchetkin - Blumberg, Rovzing, Sitkovsky sono negativi. Nessuna sporgenza erniaria.

Con la palpazione metodica profonda secondo Obraztsov-Strazhesko, il colon sigmoideo viene palpato sotto forma di un cilindro liscio, elastico, indolore. Il colon trasverso viene palpato sopra l'ombelico come un cilindro indolore. Il colon ascendente e discendente non è palpabile.

Auscultazione: i rumori intestinali si sentono chiaramente nell'addome. Soffio da attrito peritoneale non rilevato.

Fegato. L'area dell'ipocondrio destro se vista senza caratteristiche, il fegato non sporge da sotto il bordo dell'arco costale.

Palpazione: indolore. Il bordo del fegato è liscio, uniforme.

Percussione: il bordo del fegato al bordo dell'arco costale.

Confini del fegato secondo Kurlov.

Il limite superiore dell'ottusità assoluta.

sulla linea medioclavicolare destra - VI costola

Il limite inferiore dell'ottusità assoluta:

- lungo la linea medioclavicolare destra - 0,5 cm sotto il bordo inferiore dell'arco costale destro,

- lungo la mediana - al confine del terzo superiore della distanza dal processo xifoideo all'ombelico,

- sulla linea medioclavicolare destra - 9 cm.,

- lungo la linea mediana anteriore - 8 cm.,

- lungo l'arco costale sinistro - 7 cm.

La cistifellea non è palpabile, i sintomi di Courvoisier, Ortner - Mussey sono negativi.

Pancreas e milza. Il pancreas non viene rilevato dalla palpazione. Desjardins, i punti Mayo-Robson, la zona Shoffard sono indolori. Non c'è ingrossamento visibile della milza, non è palpabile. Dimensioni delle percussioni della milza: lunghezza -8 cm, diametro -5 cm.

Sistema urogenitale: i reni, la vescica non sono palpabili, la palpazione è indolore. Il dolore nei punti renali e ureteri non è notato.

Il sintomo di Pasternatsky è negativo su entrambi i lati. Minzione gratuita e indolore.

La coscienza è chiara, l'umore è calmo, il sonno non è disturbato. I segni meningei sono negativi, il mal di testa non dà fastidio. Funzione del nervo cranico preservata.

I riflessi tendinei sono vivaci, simmetrici su entrambi i lati, i riflessi patologici non vengono rilevati. È instabile nella posizione di Romberg. Le pupille sono le stesse su entrambi i lati, la loro reazione alla luce è vivida, simmetrica, esoftalmo, nessun enoftalmo.

La vista e l'udito non sono compromessi.

La ghiandola tiroidea non è ingrandita, indolore alla palpazione. I linfonodi non sono palpabili, indolori alla palpazione, non saldati tra loro e ai tessuti circostanti.

6. Modifiche locali

Reclami di dolore minore nell'area della ferita postoperatoria, drenaggio scarso, sieroso; non c'è pulsazione visibile dei vasi del collo, il polso sulle arterie carotidi comuni è simmetrico su entrambi i lati, la pulsazione sulle arterie temporali superficiali è preservata, simmetrica su entrambi i lati, si sente un soffio sopra la biforcazione dell'arteria carotide comune a sinistra.

7. Diagnosi preliminare della malattia sottostante

Sulla base delle lamentele del paziente su: al momento del ricovero, lamenta debolezza generale, vertigini, aumento della pressione sanguigna fino a 200 mm Hg. Art., Mal di testa periodici.

Al momento della supervisione, lamenta un lieve dolore nell'area della ferita postoperatoria, debolezza generale.

Dati sull'anamnesi - si considera malato negli ultimi 15 anni, quando ha iniziato a notare un aumento delle cifre della pressione sanguigna fino a 175 mm Hg, mal di testa, vertigini, nel tempo la malattia è progredita, è aumentata l'intensità del mal di testa, è stata ripetutamente trattata per arteriosa ipertensione nel reparto di cardiologia, durante l'ultimo ciclo di trattamento in cardiologia il paziente è stato sottoposto a tomografia computerizzata multispirale e angiografia cerebrale, è stata rilevata una placca aterosclerotica nell'arteria carotide interna sinistra, bloccandone il lume fino al 90%, e il paziente è stato trasferito dal reparto di cardiologia al reparto vascolare. chirurgia dell'ospedale clinico regionale di Zaporizhzhya per ulteriori cure.

Dati sulla storia della vita: ha una lunga storia di aterosclerosi e colecistite.

Dati di esame oggettivo: la condizione generale del paziente di moderata gravità, chiara coscienza, posizione attiva, umore calmo. Aumento della nutrizione, frequenza cardiaca - 82 battiti / min, pressione sanguigna 160/80 mm Hg. Arte. su entrambe le mani. L'impulso sulle arterie carotidi è simmetrico su entrambi i lati. Le pareti delle arterie sono lisce. Le vene cervicali non sono espresse.

Non ci sono foche, cambiamenti trofici nella pelle e dolore lungo le arterie e le vene. Il colore della pelle è rosa pallido, non c'è schiocco freddo delle estremità, la crescita dei capelli è preservata, le unghie non sono deformate.

I suoni cardiaci sono attutiti, ritmici, si sente un soffio sopra la biforcazione dell'arteria carotide comune a sinistra.

È instabile nella posizione di Romberg.

Dati sullo stato locale - reclami di dolore minore nell'area della ferita postoperatoria, drenaggio scarso, sieroso; non c'è pulsazione visibile dei vasi del collo, il polso sulle arterie carotidi comuni è simmetrico su entrambi i lati, la pulsazione sulle arterie temporali superficiali è preservata, simmetrica su entrambi i lati, si sente un soffio sopra la biforcazione dell'arteria carotide comune a sinistra.

Puoi fare una diagnosi preliminare: aterosclerosi, stenosi dell'arteria carotide interna a sinistra; Ipertensione arteriosa.

8. Piano di ricerca

1) Emocromo completo;

2) Analisi generale delle urine;

3) Analisi del sangue biochimica;

4) Analisi del sangue per i fattori di coagulazione;

5) TC - angiografia dei vasi del collo;

6) MRI del cervello;

7) Scansione duplex delle arterie brachiocefaliche.

9. Dati di ricerca

1) Emocromo completo:

Hb - 143 g / l (la norma per le donne è 120-140 g / l);

Eritrociti - 4,2 T / L (la norma per le donne è 3,7 - 4,7 T / L);

Leucociti - 5,2 G / L (norma 4-9 G / L);

ESR - 14 mm / ora (la norma per le donne è 2-15 mm / ora);

Stab - 4% (norma 1-6%);

Segmentato - 56% (norma 47-72%);

Eosinofili - 3% (norma 0-5%);

Linfociti - 36% (norma 18-40%);

Monociti - 1% (norma 2-9%).

Conclusione: non sono state riscontrate anomalie nell'analisi del sangue generale.

2) Analisi generale delle urine:

Quantità: 75 ml;

Colore - giallo chiaro (norma - giallo chiaro);

Trasparenza - trasparente (norma - trasparente);

Peso specifico - 1010 (norma - 1001-1040);

La reazione è acida (la norma è acida);

Proteine ​​- 0 (normale - 0);

Glucosio - 0 (normale - 0).

Conclusione: non sono state riscontrate anomalie nell'analisi generale delle urine.

3) Analisi del sangue biochimica:

Proteine ​​totali - 65 g / l (norma 65-85 g / l);

Glucosio - 6,5 mmol / l (norma 3,5 - 5,7 mmol / l);

Urea - 10,3 mmol / l (norma 2,3 - 8,2 mmol / l);

Creatinina - 169 μmol / l (la norma per le donne è 53-97 μmol / l);

Bilirubina totale - 10 μmol / l (norma 8.5 - 20,5 μmol / l);

Bilirubina diretta - 3 μmol / l (norma 1.2 - 4.3 μmol / l);

LDL - 7 mmol / l (norma 2.6 - 3.3 mmol / l)

Potassio - 4,5 mmol / l (norma 3,4 - 5,3 mmol / l);

Sodio - 148 mmol / l (norma 138-148 mmol / l).

Conclusione: il livello di urea è leggermente aumentato, il livello di creatinina è aumentato, il livello di LDL è aumentato, il che indica la presenza di aterosclerosi.

4) Analisi del sangue per i fattori di coagulazione:

Durata di sanguinamento secondo Lee - White - 5 minuti (norma 5 - 10 minuti);

Indice di protrombina - 91% (norma 80-105%);

Fibrinogeno - 4 g (norma 2-4 g);

Test di autocoagulazione - 100% (norma 93-103%).

Conclusione: non sono state trovate deviazioni.

5) TC - angiografia dei vasi del collo: segni di stenosi dell'arteria carotide interna sinistra fino al 90%, stenosi dell'arteria carotide comune destra fino al 10%, tortuosità patologica a forma di S di entrambe le arterie carotidi interne, stenosi dell'arteria succlavia sinistra superiore al 50%, anomalia di Kimmerly a sinistra (questa è la presenza di un arco osseo aggiuntivo sotto forma di un semianello nella colonna cervicale.Quando si inclina la testa nelle persone con l'anomalia di Kimmerli, è possibile la compressione dell'arteria vertebrale tra questo semianello e la prima vertebra cervicale.)

6) MRI del cervello: singoli focolai di gliosi nella parte sottocorticale del lobo frontale sinistro. Idrocefalo esterno. Atrofia delle zone del mantello delle regioni polari dei lobi frontali.

7) Scansione duplex delle arterie brachiocefaliche: stenosi della carotide interna destra fino al 50%, arteria carotide interna sinistra fino al 90%; tortuosità patologica delle arterie carotide e vertebrale su entrambi i lati, diminuzione del flusso sanguigno nel segmento V1 - V4 dell'arteria vertebrale a sinistra.

10. Diagnosi differenziale

Differenziare le sindromi dell'arteria carotide e dei suoi rami da malattie come tumore cerebrale, emorragia intracranica, ematoma subdurale cronico o ascesso cerebrale può essere difficile, soprattutto con una storia medica scarsa..

In caso di danno all'arteria carotide, è necessario tenere presenti le seguenti 3 caratteristiche: a) nonostante i sintomi che indicano un danno all'arteria carotide, il paziente ha spesso patologie non vascolari, in particolare un tumore al cervello o un ematoma subdurale; b) la lesione è spesso localizzata in uno dei rami intracranici dell'arteria carotide, ad esempio nell'arteria cerebrale media; c) il danno a un'arteria carotide è accompagnato da sintomi di danno ad altre arterie extra o intracraniche, ad esempio l'arteria carotide del lato opposto o le arterie coronarie.

Il mal di testa di varia intensità è un sintomo comune dell'occlusione dell'arteria carotide interna. Il dolore nella regione frontale o nella cavità oculare sul lato ipsilaterale è più comune. Il dolore può variare da lieve a straziante di intensità e durare da diverse ore a diversi giorni dopo l'occlusione dell'arteria. A volte il dolore è localizzato sul lato controlaterale o nella regione occipitale. Ciò è spiegato dallo stiramento doloroso delle arterie collaterali. Se il paziente ha contemporaneamente "claudicatio intermittente" dei muscoli masticatori a causa di stenosi o occlusione dell'arteria carotide esterna, la sindrome può essere scambiata per arterite a cellule giganti.

L'ascolto del soffio vascolare sulla biforcazione dell'arteria carotide insieme a una diminuzione della pressione nell'oculare è un segno quasi affidabile di ostruzione dell'arteria carotide esterna. Se le arterie extracraniche non sono occluse, ma è presente solo la loro stenosi, potrebbe non esserci una diminuzione della pressione nell'arteria oftalmica e l'unico sintomo potrebbe essere un soffio vascolare sull'arteria interessata..

In questi casi, l'ecografia e l'arteriografia hanno valore diagnostico. Un'altra spiegazione per la normale pressione nell'arteria oftalmica può essere la prescrizione della lesione, quando una circolazione collaterale piuttosto pronunciata ha il tempo di svilupparsi per un lungo periodo, o l'occlusione (o stenosi) si trova distalmente all'origine dell'arteria oftalmica o nella stessa arteria cerebrale media. Il disturbo della sensibilità per emitipo è osservato con l'ostruzione dell'arteria cerebrale media più spesso che con l'ostruzione della carotide interna, che è spiegata da una rete più sviluppata di arterie collaterali in quest'ultimo caso.

I sintomi dell'ostruzione dipendono in parte dalla comunicazione tra i due sistemi carotidi attraverso il circolo di Willis. In molti casi di aterosclerosi, la stenosi dell'arteria carotide nell'area del seno carotideo si sviluppa così lentamente che durante questo periodo una ricca rete di collaterali ha il tempo di svilupparsi prima che si verifichi l'occlusione. I sintomi del danno in questi pazienti si verificano solo quando la circolazione sanguigna è disturbata nelle arterie carotidee e vertebrali del lato opposto. La sconfitta in questo caso può essere bilaterale e molto grave o localizzata nell'emisfero controlaterale.

1) Può essere differenziato con ictus ischemico: è caratterizzato da: i sintomi cerebrali sono caratteristici degli ictus moderati e gravi. I disturbi della coscienza sono caratteristici: sordità, sonnolenza o agitazione, è possibile una perdita di coscienza a breve termine. Il mal di testa è tipico, che può essere accompagnato da nausea o vomito, vertigini, dolore ai bulbi oculari, aggravato dal movimento degli occhi. I fenomeni convulsivi sono meno comuni. Sono possibili disturbi autonomici: sensazione di calore, aumento della sudorazione, palpitazioni, secchezza delle fauci. Sullo sfondo dei sintomi dell'ictus cerebrale, compaiono i sintomi focali del danno cerebrale. Il quadro clinico in ogni specifica persona malata è determinato da quale parte del cervello è stata danneggiata a causa del danno al vaso sanguigno che lo fornisce. Poiché questo paziente non presenta questi segni, è possibile escludere l'ictus ischemico.

2) con un aneurisma dell'arco aortico - è caratterizzato da mancanza di respiro, tosse, disfagia, raucedine, gonfiore e cianosi del viso, gonfiore delle vene cervicali, che è associato alla compressione degli organi vicini. Può anche essere escluso, poiché questo paziente non presenta questi sintomi e l'aneurisma non è stato rilevato sull'angiogramma TC.

11. Diagnosi clinica

Sulla base delle lamentele del paziente su: al momento del ricovero, lamenta debolezza generale, vertigini, aumento della pressione sanguigna fino a 200 mm Hg. Art., Mal di testa periodici.

Al momento della supervisione, lamenta un lieve dolore nell'area della ferita postoperatoria, debolezza generale.

Dati sull'anamnesi - si considera malato negli ultimi 15 anni, quando ha iniziato a notare un aumento delle cifre della pressione sanguigna fino a 175 mm Hg, mal di testa, vertigini, nel tempo la malattia è progredita, è aumentata l'intensità del mal di testa, è stata ripetutamente trattata per arteriosa ipertensione nel reparto di cardiologia, durante l'ultimo ciclo di trattamento in cardiologia il paziente è stato sottoposto a tomografia computerizzata multispirale e angiografia cerebrale, è stata rilevata una placca aterosclerotica nell'arteria carotide interna sinistra, bloccandone il lume fino al 90%, e il paziente è stato trasferito dal reparto di cardiologia al reparto vascolare. chirurgia dell'ospedale clinico regionale di Zaporizhzhya per ulteriori cure.

Dati sulla storia della vita: ha una lunga storia di aterosclerosi e colecistite.

Dati di esame oggettivo: la condizione generale del paziente di moderata gravità, chiara coscienza, posizione attiva, umore calmo.

Aumento della nutrizione, frequenza cardiaca - 82 battiti / min, pressione sanguigna 160/80 mm Hg. Arte. su entrambe le mani. L'impulso sulle arterie carotidi è simmetrico su entrambi i lati. Le pareti delle arterie sono lisce. Le vene cervicali non sono espresse.

Non ci sono foche, cambiamenti trofici nella pelle e dolore lungo le arterie e le vene. Il colore della pelle è rosa pallido, non c'è schiocco freddo delle estremità, la crescita dei capelli è preservata, le unghie non sono deformate.

I suoni cardiaci sono attutiti, ritmici, si sente un soffio sopra la biforcazione dell'arteria carotide comune a sinistra.

È instabile nella posizione di Romberg.

Dati sullo stato locale - reclami di dolore minore nell'area della ferita postoperatoria, drenaggio scarso, sieroso; non c'è pulsazione visibile dei vasi del collo, il polso sulle arterie carotidi comuni è simmetrico su entrambi i lati, la pulsazione sulle arterie temporali superficiali è preservata, simmetrica su entrambi i lati, si sente un soffio sopra la biforcazione dell'arteria carotide comune a sinistra.

1) Emocromo completo: Conclusione: non c'erano anomalie nell'emocromo generale.

2) Analisi generale delle urine: Conclusione: non sono state riscontrate anomalie nell'analisi generale delle urine.

3) Analisi del sangue biochimica: conclusione: il livello di urea è leggermente aumentato, il livello di creatinina è aumentato, il livello di LDL è aumentato, il che indica la presenza di aterosclerosi.

4) Analisi del sangue per i fattori della coagulazione: Conclusione: non sono state riscontrate anomalie.

5) TC - angiografia dei vasi del collo: segni di stenosi dell'arteria carotide interna sinistra fino al 90%, stenosi dell'arteria carotide comune destra fino al 10%, tortuosità patologica a forma di S di entrambe le arterie carotidi interne, stenosi dell'arteria succlavia sinistra è superiore al 50%, l'anomalia di Kimmerli a sinistra è la presenza un arco osseo aggiuntivo sotto forma di un semianello nel rachide cervicale. Quando si inclina la testa nelle persone con l'anomalia di Kimmerli, è possibile la compressione dell'arteria vertebrale tra questo semicerchio e la prima vertebra cervicale.

6) MRI del cervello: singoli focolai di gliosi nella parte sottocorticale del lobo frontale sinistro. Idrocefalo esterno. Atrofia delle zone del mantello delle regioni polari dei lobi frontali.

7) Scansione duplex delle arterie brachiocefaliche: stenosi della carotide interna destra fino al 50%, arteria carotide interna sinistra fino al 90%; tortuosità patologica delle arterie carotide e vertebrale su entrambi i lati, diminuzione del flusso sanguigno nel segmento V1 - V4 dell'arteria vertebrale a sinistra.

Dati di diagnosi differenziale: ictus ischemico e aneurisma dell'arco aortico sono stati esclusi.

Puoi fare una diagnosi clinica - la principale - Aterosclerosi, stenosi dell'arteria carotide interna sinistra fino al 90%; concomitante - Ipertensione arteriosa.

12. Eziologia e patogenesi

Le lesioni aterosclerotiche delle arterie sono manifestazioni di aterosclerosi generale. L'aterosclerosi è una malattia cronica con danno alle grandi arterie di tipo elastico con danno iniziale all'intima dei vasi e successiva diffusione del processo patologico al rivestimento medio ed esterno delle arterie. Il collegamento più iniziale in questa patologia è una certa prontezza dell'intima per la deposizione di lipidi in essa (può essere causata da numerosi fattori: genetici, tossici, infettivi, allergici, immunologici e altri). Quindi, si formano macchie lipidiche nell'intima delle arterie, seguite dallo sviluppo di ulcere ateromatose al loro posto e, infine, placche aterosclerotiche multistrato..

Come risultato della deposizione di lipidi, sali di Ca e dello sviluppo del tessuto connettivo nelle pareti delle arterie, la loro compattazione si sviluppa con una violazione della loro funzionalità (dilatazione insufficiente in risposta a un aumentato fabbisogno di afflusso di sangue, tendenza agli angiospasmi). Nel tempo, si sviluppa un restringimento organico piuttosto pronunciato del lume vascolare, che porta a una persistente violazione del flusso sanguigno e allo sviluppo di processi distrofici, necrobiotici e sclerotici negli organi e nei tessuti corrispondenti.

Fattori di rischio: storia familiare aggravata di aterosclerosi, disturbi aterogenici del metabolismo delle lipoproteine, ipertensione arteriosa, fumo, stress psico-emotivo, attività fisica insufficiente, obesità, diabete mellito, gotta e altri.

Disturbi del metabolismo delle lipoproteine.

La forma di trasporto del colesterolo nel sangue sono le lipoproteine, i cui componenti principali, oltre al colesterolo, sono i trigliceridi, i fosfolipidi e le proteine. Le lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) sono la principale forma di trasporto del colesterolo, così come le lipoproteine ​​a bassissima densità (VLDL).

LDL e VLDL, essendo penetrate dal flusso sanguigno nella parete vascolare, possono "bloccarsi" in essa, disintegrarsi e, quindi, promuovere l'introduzione del colesterolo nelle membrane delle cellule vascolari. È stato dimostrato che LDL e VLDL fanno parte delle ulcere ateromatose e delle placche aterosclerotiche. A questo proposito, queste lipoproteine ​​sono chiamate aterogene. Le lipoproteine ​​ad alta densità (HDL) penetrano anche dal flusso sanguigno nelle pareti delle arterie, tuttavia, a causa della compattezza e delle piccole dimensioni delle molecole, le attraversano facilmente, diventando accettori di colesterolo bloccato qui. Lo rimuovono dalle membrane dei tessuti delle cellule vascolari. Come risultato di questa azione, le HDL vengono chiamate lipoproteine ​​antiaterogene. Pertanto, non solo un eccesso di LDL e VLDL, ma anche una mancanza di HDL contribuisce alla minaccia dello sviluppo e della progressione dell'aterosclerosi..

13. Selezione e giustificazione dei metodi di trattamento per il paziente supervisionato

1) Rp: Ceftriaxoni 1.0.

S: diluire il contenuto della fiala in 5 ml di soluzione di NaCl allo 0,9%, iniettare per via endovenosa in un flusso, una volta al giorno per 5 giorni (è necessario prevenire l'infezione di una ferita postoperatoria e allegare un'infezione nosocomiale);

2) Rp: Sol. Flenox 0,4 ml.

S: iniettare per via sottocutanea in posizione supina 1 volta al giorno, nel corso di 5 giorni (Flenox è un farmaco antitrombotico. Flenox contiene enoxaparina, un'eparina a basso peso molecolare con attività antitrombotica e anticoagulante separata. L'attività anti-Xa di enoxaparina è superiore all'attività anti-IIa o antitrombina (rapporto circa 3,6).Lenox praticamente non influisce sul tempo di tromboplastina parziale attivata (quando si usano dosi terapeutiche del farmaco, è possibile il prolungamento dell'APTT, che riflette l'attività antitrombinica residua, cioè è necessario per la prevenzione della trombosi nel periodo postoperatorio);

3) Rp: Sol. Magnesii sulfatis 25% - 5 ml.

S: diluire il contenuto della fiala in 5 ml di soluzione di NaCl allo 0,9%, iniettare per via endovenosa, con un aumento della pressione sanguigna (il solfato di magnesio ha un effetto sfaccettato sul corpo. Il farmaco riduce l'eccitabilità del centro respiratorio, grandi dosi del farmaco con somministrazione parenterale (bypassando il tratto digestivo) può facilmente causare paralisi respiratoria.

La pressione sanguigna diminuisce leggermente a causa dell'effetto sedativo generale del farmaco; questo effetto è più pronunciato nell'ipertensione (aumento persistente della pressione sanguigna). Il solfato di magnesio viene escreto dai reni, nel processo di escrezione, aumenta la diuresi (minzione). Quando somministrato per via parenterale, il solfato di magnesio ha un effetto calmante sul sistema nervoso centrale. A seconda della dose, si possono osservare effetti sedativi (sedativi), ipnotici o narcotici.

Se assunto per via orale, è scarsamente assorbito, agisce come un lassativo, come il solfato di sodio, e ha anche un effetto coleretico, che è associato ai riflessi che si verificano quando le terminazioni nervose della mucosa duodenale sono irritate).

4) Rp: Sol. Ketalgini 1,0 ml.

S: iniettare 1 ml per via intramuscolare per il dolore (ha un effetto analgesico pronunciato, ha anche effetti anti-infiammatori e antipiretici moderati.

Il meccanismo d'azione è associato all'inibizione dell'attività dell'enzima cicloossigenasi 1 e 2, principalmente nei tessuti periferici, con conseguente inibizione della biosintesi delle prostaglandine-modulatori della sensibilità al dolore, della termoregolazione e dell'infiammazione.

5) Rp: Tab. Rozuvastatini n. trenta.

D.S: una compressa per via orale 2 volte al giorno (la rosuvastatina è un farmaco per abbassare il colesterolo. La rosuvastatina inibisce selettivamente e competitivamente l'attività dell'HMG-CoA reduttasi (un enzima che partecipa alla conversione del 3-idrossi-3-metilglutaril coenzima A in mevalonato, che è un precursore del colesterolo).

La rosuvastatina promuove un aumento dei recettori delle lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) sugli epatociti, che porta ad un aumento dell'assorbimento e del catabolismo delle LDL, nonché all'inibizione della sintesi delle lipoproteine ​​a densità molto bassa (VLDL). Pertanto, la rosuvastatina abbassa i livelli totali di LDL e VLDL..

Quando si assume rosuvastatina, si verifica una diminuzione del colesterolo delle lipoproteine ​​a bassa e molto bassa densità, una diminuzione della concentrazione di colesterolo totale e trigliceridi, nonché un aumento della quantità di colesterolo lipoproteico ad alta densità (HDL). Inoltre, durante la terapia, si verifica una diminuzione del livello di apolipoproteina B e un aumento del livello di apolipoproteina A-I.

Dato che il paziente ha una stenosi critica dell'arteria carotide interna sinistra (90%) e vi è un alto rischio di ictus ischemico, è imperativo eseguire un intervento chirurgico pianificato - endoarteriectomia carotidea a sinistra.

14. Protocollo operativo

Chirurgo - Ermolaev E.V..

Assistenti - Sidorov S.A., Pavlenko M.B..

Infermiera operativa - Shvets E.I.

Anestesista - Bukhtiy S.N..

Tipo di anestesia - Anestesia generale + ventilazione meccanica.

In condizioni asettiche, un tipico approccio alle arterie carotidi è stato effettuato lungo il bordo anteriore del muscolo sternocleidomastoideo a sinistra.

L'arteria carotide comune, le arterie carotidi interne ed esterne sono state isolate e trattenute in maniglie. Durante la revisione, la carotide comune e la carotide interna erano affette da aterosclerosi. Stenosi dell'arteria carotide interna fino al 90% per 2 cm A pressione arteriosa 170/100 mm Hg. ha ricevuto un impulso retrogrado soddisfacente sull'arteria carotide interna. Morsetti applicati. Arteriotomia longitudinale dell'arteria carotide comune, con una transizione all'arteria carotide interna di lunghezza fino a 3 cm L'endoarterectomia dalla carotide comune e dalla carotide interna è stata rimossa per una placca ateromatosa di 3 cm. Una grande vena safena è stata isolata dall'incisione nella regione inguinale-femorale sinistra e il suo frammento è stato asportato. Le estremità delle vene vengono riprodotte. La vena viene elaborata, sezionata longitudinalmente e cucita sotto forma di un cerotto nell'apertura dell'arteriotomia con filo 6-0. Dopo aver rimosso i morsetti - emostasi. Buon polso sopra e sotto la linea di sutura sulle arterie carotidi comuni, interne ed esterne all'interno della ferita. È stata eseguita l'emostasi finale. La ferita sul collo è stata suturata a strati, lasciando il drenaggio siliconico con aspirazione attiva. La ferita sulla coscia è stata suturata.

aterosclerosi occlusione dell'arteria carotidea

30/03/17 - condizioni soddisfacenti, umore calmo, posizione attiva, temperatura corporea 36,6 ° C HR - 82 battiti / min., PA - 150/100 mm Hg; non ci sono alterazioni patologiche da parte degli organi interni; cambiamenti locali - reclami di dolore minore nell'area della ferita postoperatoria, drenaggio scarso, sieroso; non c'è pulsazione visibile dei vasi del collo, il polso sulle arterie carotidi comuni è simmetrico su entrambi i lati, la pulsazione sulle arterie temporali superficiali è preservata, simmetrica su entrambi i lati, si sente un rumore sopra la biforcazione dell'arteria carotide comune a sinistra. Continua il trattamento.

31/03/17 - uno stato con dinamica positiva, una posizione attiva, frequenza cardiaca - 80 battiti / min. temperatura corporea 36,6 ° C, pressione sanguigna - 140/90 mm Hg; cambiamenti locali - il dolore nell'area della ferita postoperatoria è diminuito, la secrezione è sierosa, non c'è pulsazione visibile dei vasi del collo, il polso sulle arterie carotidi comuni è simmetrico su entrambi i lati, la pulsazione sulle arterie temporali superficiali è preservata, simmetrica su entrambi i lati, si sente un rumore sopra la biforcazione dell'arteria carotide comune a sinistra. Continua il trattamento.

04/03/17 - uno stato con dinamiche positive, una posizione attiva, frequenza cardiaca - 76 battiti / min. temperatura corporea 36,6 ° C, pressione sanguigna - 140/90 mm Hg; cambiamenti locali - nessun dolore nella ferita postoperatoria, nessuna scarica, nessuna pulsazione visibile dei vasi del collo, il polso sulle arterie carotidi comuni è simmetrico su entrambi i lati, la pulsazione sulle arterie temporali superficiali è preservata, simmetrica su entrambi i lati. Continua il trattamento.

La paziente Klimenko Svetlana Ivanovna, 68 anni, è stata ricoverata nel reparto di chirurgia vascolare il 14/03/2017, alle 12:10, con lamentele di debolezza generale, vertigini, aumento della pressione sanguigna a 200 mm Hg. Art., Mal di testa periodici.

Al momento della supervisione, lamentava un lieve dolore nell'area della ferita postoperatoria, debolezza generale.

Dall'anamnesi della malattia è noto che - si considera malato negli ultimi 15 anni, quando ha iniziato a notare un aumento delle figure di pressione sanguigna fino a 175 mm Hg, mal di testa, vertigini, nel tempo la malattia è progredita, l'intensità del mal di testa è aumentata, è stata trattata ripetutamente per l'ipertensione arteriosa nel reparto di cardiologia, durante l'ultimo ciclo di trattamento in cardiologia, il paziente è stato sottoposto a tomografia computerizzata multispirale e angiografia cerebrale, è stata trovata una placca aterosclerotica nell'arteria carotide interna sinistra, bloccandone il lume fino al 90%, e il paziente è stato trasferito dal reparto di cardiologia al Dipartimento di Chirurgia Vascolare dell'Ospedale Clinico Regionale di Zaporozhye per ulteriori trattamenti.

Dall'anamnesi della vita è noto - da molto tempo malato di aterosclerosi e colecistite.

Dati di esame oggettivo: la condizione generale del paziente di moderata gravità, chiara coscienza, posizione attiva, umore calmo. Aumento della nutrizione, frequenza cardiaca - 82 battiti / min, pressione sanguigna 160/80 mm Hg. Arte. su entrambe le mani. L'impulso sulle arterie carotidi è simmetrico su entrambi i lati. Le pareti delle arterie sono lisce. Le vene cervicali non sono espresse.

Non ci sono foche, cambiamenti trofici nella pelle e dolore lungo le arterie e le vene. Il colore della pelle è rosa pallido, non c'è schiocco freddo delle estremità, la crescita dei capelli è preservata, le unghie non sono deformate.

I suoni cardiaci sono attutiti, ritmici, si sente un soffio sopra la biforcazione dell'arteria carotide comune a sinistra.

È instabile nella posizione di Romberg.

Stato locale - reclami di dolore minore nell'area della ferita postoperatoria, drenante scarso, sieroso; non c'è pulsazione visibile dei vasi del collo, il polso sulle arterie carotidi comuni è simmetrico su entrambi i lati, la pulsazione sulle arterie temporali superficiali è preservata, simmetrica su entrambi i lati, si sente un soffio sopra la biforcazione dell'arteria carotide comune a sinistra.

1) Emocromo completo: Conclusione: non c'erano anomalie nell'emocromo generale.

2) Analisi generale delle urine: Conclusione: non sono state riscontrate anomalie nell'analisi generale delle urine.

3) Analisi del sangue biochimica: conclusione: il livello di urea è leggermente aumentato, il livello di creatinina è aumentato, il livello di LDL è aumentato, il che indica la presenza di aterosclerosi.

4) Analisi del sangue per i fattori della coagulazione: Conclusione: non sono state riscontrate anomalie.

5) TC - angiografia dei vasi del collo: segni di stenosi dell'arteria carotide interna sinistra fino al 90%, stenosi dell'arteria carotide comune destra fino al 10%, tortuosità patologica a forma di S di entrambe le arterie carotidi interne, stenosi dell'arteria succlavia sinistra superiore al 50%, anomalia di Kimmerly a sinistra (questa è la presenza di un arco osseo aggiuntivo sotto forma di un semianello nella colonna cervicale.Quando si inclina la testa nelle persone con l'anomalia di Kimmerli, è possibile la compressione dell'arteria vertebrale tra questo semianello e la prima vertebra cervicale.)

6) MRI del cervello: singoli focolai di gliosi nella parte sottocorticale del lobo frontale sinistro. Idrocefalo esterno. Atrofia delle zone del mantello delle regioni polari dei lobi frontali.

7) Scansione duplex delle arterie brachiocefaliche: stenosi della carotide interna destra fino al 50%, arteria carotide interna sinistra fino al 90%; tortuosità patologica delle arterie carotide e vertebrale su entrambi i lati, diminuzione del flusso sanguigno nel segmento V1 - V4 dell'arteria vertebrale a sinistra.

La diagnosi clinica è stata fatta - la principale - Aterosclerosi, stenosi dell'arteria carotide interna sinistra fino al 90%; concomitante - Ipertensione arteriosa.

Nel reparto che ho ricevuto - Ceftriaxone 1 ml per via endovenosa con getto, Flenox 0,4 ml per via sottocutanea, Magnesio solfato 5 ml per via endovenosa con getto, Ketalgin 1 ml per via intramuscolare, Rosuvastatina 2 compresse al giorno.

È stata eseguita la chirurgia elettiva - endoarteriectomia carotidea sinistra.

Il trattamento ha avuto successo, la causa della stenosi dell'arteria carotide è stata eliminata e quindi è stato eliminato il rischio di ictus cerebrale ischemico.

La prognosi per il recupero e la vita è favorevole.

17. Esame della capacità lavorativa

Lo stato della capacità lavorativa generale e professionale è soddisfacente, la paziente può continuare il suo lavoro, poiché non è associata a rischi professionali e condizioni di lavoro dannose.

18. Consiglio del medico quando si dimette un paziente

1) Astenersi dal mangiare cibi grassi e fritti;

2) è necessario evitare situazioni stressanti. Si consiglia di utilizzare vitamine del gruppo B e C, sedativi;

3) una volta ogni 3 mesi, un esame del sangue biochimico, per controllare le LDL, la consultazione di un terapista, neuropatologo e chirurgo vascolare;

4) prendendo ROSUVASTATINA EG una volta al giorno;

5) mantenere un regime motorio sufficiente.

1) Yu.V. Belov "Guida alla chirurgia vascolare".

2) V.I. Burakovsky, L.A. Bockeria "Chirurgia Cardiovascolare".

3) Linee guida nazionali per la chirurgia clinica Volume III.

Pubblicato su Allbest.ru

Documenti simili

L'aterosclerosi è una malattia cronica caratterizzata da danni alle arterie elastiche e muscolo-elastiche. L'importanza dei fattori metabolici, ormonali, ereditari e nervosi nello sviluppo della malattia. Cambiamenti aterosclerotici nel corpo.

presentazione [1,4 M], aggiunta il 28/03/2012

L'aterosclerosi è una malattia sistemica che colpisce le arterie dei tipi elastico, muscolo-elastico (cuore, cervello). Aterosclerosi obliterante - un tipo di aterosclerosi, caratterizzata da un forte restringimento, chiusura del lume delle arterie.

case history [50.4 K], aggiunto il 25/02/2009

L'aterosclerosi come malattia cronica progressiva delle arterie di tipo elastico e muscolo-elastico, sue cause e prerequisiti per lo sviluppo. Fattori di rischio e fisiopatologia di questa malattia. Indicazioni per la nomina di vari medicinali.

presentazione [406,7 K], aggiunta il 28/10/2014

Reclami dei pazienti al momento della supervisione. Malattie passate e storia epidemiologica. Studio dei grandi vasi e del polso arterioso. Diagnosi e sue motivazioni. Trattamento dell'aterosclerosi aortica e della stenosi dell'arteria iliaca comune destra.

case history [22.4 K], aggiunto il 25/02/2009

Reclami dei pazienti al momento del ricovero. Le condizioni del paziente al momento della supervisione. Sintomi della malattia. Dati da metodi di ricerca speciali. Diagnosi differenziale: aterosclerosi obliterante dei vasi degli arti inferiori, trattamento e farmaci di base.

case history [31.1 K], aggiunto il 09/11/2012

Malattia vascolare cronica con una lesione primaria delle arterie delle gambe. Malattia metabolica, accompagnata da profondi cambiamenti nelle pareti dei vasi sanguigni. I principali segni e sintomi di endoarterite obliterante e aterosclerosi obliterante.

presentazione [980,8 K], aggiunta il 24/02/2016

Aterosclerosi obliterante come grave malattia cronica dei vasi degli arti inferiori, i suoi sintomi, cause e caratteristiche che portano allo sviluppo di fasi sempre più gravi di insufficienza arteriosa, ischemia critica, cancrena e amputazione.

term paper [43.9 K], aggiunto il 17/02/2015

Descrizioni di malattia arteriosa cronica di tipo elastico e muscolo-elastico. Statistiche sull'aterosclerosi. Studio dell'eziologia, patogenesi, quadro clinico e prevenzione della malattia. Studio delle caratteristiche dello sviluppo della placca aterosclerotica.

abstract [4.8 M], aggiunto il 08/06/2015

Aterosclerosi, dolore doloroso ai piedi, alle gambe, debolezza generale, affaticamento, riduzione delle prestazioni, disattenzione, distrazione, perdita di memoria. Diabete mellito di tipo II. Diagnosi clinica e sue motivazioni. Regime di trattamento conservativo.

case history [144.5 K], aggiunto il 03.03.2009

Conseguenze di aterosclerosi cerebrale, obliterazione o trombosi vascolare, rammollimento ischemico e ictus ischemico. Ischemia nei bacini delle arterie cerebrali medie e carotidee, arterie cerebrali anteriori e posteriori, arteria cerebellare posteriore inferiore.

abstract [20.1 K], aggiunto il 27/06/2010

  • casa
  • rubriche
  • in ordine alfabetico
  • torna all'inizio della pagina
  • tornare all'inizio del testo
  • tornare a lavori simili
  • Categorie
  • In ordine alfabetico
  • Caricare un file
  • Ordina il lavoro
  • Per webmaster
  • Vendere
  • l'intero elenco di opere simili
  • puoi scaricare il lavoro qui
  • quanto costa ordinare un lavoro?

Le opere negli archivi sono ben progettate secondo i requisiti delle università e contengono disegni, diagrammi, formule, ecc..
PPT, PPTX e PDF sono solo negli archivi.
Si consiglia di scaricare l'opera.


Articolo Successivo
Congestione venosa dei vasi cerebrali