Aterosclerosi: che cos'è, tipi e cause della malattia, diagnosi, trattamento.


L'aterosclerosi è una malattia pericolosa per l'uomo che colpisce il sistema circolatorio umano, i suoi vasi. Con il suo sviluppo, si forma una placca di colesterolo e altri grassi sulle pareti interne delle vene e dei vasi sanguigni, che assumono la forma di placche e chiudono gradualmente il passaggio dei vasi. Come risultato di questo effetto, le pareti sono seriamente compattate, diventano meno elastiche e più dure..

Informazioni fresche e rilevanti sul tema: aterosclerosi - già pubblicate dalla sede medica degli esperti.

A causa della forte vasocostrizione, la quantità di sangue agli organi importanti è inferiore e, in assenza di trattamento, il passaggio nell'arteria può chiudersi completamente.

Se questa patologia è accompagnata da una violazione della coagulazione del sangue, il paziente avrà un grave rischio di trombosi, si verificheranno danni agli organi di natura ischemica. Per combattere il problema, è importante stupire l'aterosclerosi stessa, i segni e il suo trattamento con metodi diversi..

Caratteristiche e tipi di malattia

L'aterosclerosi appartiene alla categoria delle malattie, il cui esito è spesso fatale. La patologia può essere riconosciuta immediatamente dopo la manifestazione di problemi nel sistema circolatorio. Rispondendo alla domanda su cosa sia l'aterosclerosi, si può notare che questo è un problema in cui il cervello, gli arti e il cuore ricevono poco sangue, motivo per cui c'è un fallimento nel loro lavoro.

I tipi di malattia dipendono dalla parte del corpo che è stata colpita. Può essere aterosclerosi del cuore, aterosclerosi aortica e patologia dei vasi renali, del cervello e degli arti..

La patologia si verifica nelle persone anziane, i professionisti classificano la malattia come senile. Non c'è bisogno di rilassarsi, affidandosi a questo fattore, poiché la malattia sta invecchiando ogni anno sempre più rapidamente, colpisce persone non proprio anziane. Ciò è dovuto ad alcune caratteristiche dello stile di vita.

I principali sintomi dell'aterosclerosi

Il colesterolo è un composto chimico speciale o alcol grasso. Il suo ruolo nella sintesi generale della struttura cellulare e nell'organoide è importante, poiché partecipa alla formazione e alla formazione della membrana cellulare. Con il suo aumento della composizione del sangue, si sviluppa il rischio di sviluppare patologie come l'aterosclerosi e vari tipi di malattie pericolose dei vasi cardiaci.

Può essere completamente prevenuto solo rifiutando completamente le cattive e sbagliate abitudini..

È necessario mantenere al giusto livello la concentrazione totale di alcol grasso nel sangue allo stesso livello. La normale quantità di questa sostanza ha un effetto benefico sulla digestione e sulla stabilizzazione degli organi genitali e del pancreas, importante per l'organismo. Considerando la questione di come si manifesta l'aterosclerosi, di cosa si tratta, si può notare che si tratta di un fallimento nella produzione di colesterolo.

I problemi vascolari o aterosclerosi sono una malattia sistemica speciale che colpisce i grandi vasi sanguigni e le principali linee sanguigne del corpo. Per questo motivo, i sintomi della manifestazione del problema possono essere molto diversi e riguardare organi diversi. I più colpiti sono il cuore, il cervello, le gambe o le braccia.

I segni della malattia sono specifici e non sempre si manifestano in modo molto chiaro, per cui durante l'esame iniziale è possibile diagnosticare immediatamente la malattia.

I segni della patologia dipendono da quale organo, quale parte del corpo ne è stata colpita. Indipendentemente dalla forma dell'aterosclerosi, si possono distinguere due dei suoi principali periodi sintomatici: preclinico e clinico. Nel primo caso, il processo sta appena iniziando a svilupparsi, quindi i segni acuti e caratteristici sono completamente assenti..

Con lo sviluppo del problema, il paziente inizia ad avere problemi con la circolazione del sangue in tutto il corpo, con il lavoro degli organi quando le arterie e le vene si restringono della metà. I segni generali della malattia possono essere distribuiti per tipo, in base a quale degli organi ha sofferto più gravemente.

Un cuore

Con lo sviluppo dell'aterosclerosi, il 75% dei pazienti avverte dolore nella regione del cuore. La patologia colpisce i principali vasi coronarici, in base ai quali il muscolo cardiaco riceve una quantità ridotta di nutrienti e ossigeno. Il cuore percepisce fortemente tutti i cambiamenti nel livello di nutrizione con le sue sostanze e componenti importanti.

I segni della malattia compaiono immediatamente, quindi è necessario diagnosticare il problema in modo tempestivo. I principali segni di aterosclerosi del cuore includono:

  1. Sensazioni dolorose di diversa intensità nel cuore. Possono essere doloranti, brucianti, irradiati alla scapola, al braccio;
  2. Sensazione di pressione sul petto, simile alla presenza di un carico sul petto;
  3. C'è dolore durante la respirazione;
  4. Tutti i tipi di disturbi respiratori;
  5. Attacchi di angina pectoris con simultanea insufficienza della pressione sanguigna.

Questi sono i segni più comuni di patologia, ma ci sono anche sintomi meno popolari. Meno spesso, il paziente avverte dolore in una certa parte del viso, alla schiena, debolezza agli arti, pelle d'oca e freddezza agli arti, tachicardia, nausea, confusione periodica. Il grado di intensità e frequenza della loro manifestazione dipende direttamente dalla tensione generale del corpo del paziente, dallo stress, dall'uso di farmaci psicoattivi e dall'eccesso di cibo.

Sintomi alle braccia e alle gambe

In caso di ridotta circolazione sanguigna nelle mani e nei piedi, che si verifica a causa dello sviluppo dell'aterosclerosi, una persona deve affrontare una spiacevole sensazione di freddo, pelle d'oca e flusso. La pelle diventa marmorizzata, pallida con uno schema vascolare pronunciato.

Con una forma più avanzata di una malattia come l'aterosclerosi, i sintomi sono già più gravi. A causa di una grave mancanza di nutrienti nei vasi, si osserva una degenerazione dei tessuti. Il paziente è tormentato dal dolore agli arti.

Con danni alle arterie delle gambe, si può osservare un fenomeno spiacevole come la claudicazione intermittente. Se il dolore è localizzato ai polpacci, ai glutei o alle cosce, la persona inizia a zoppicare. Se non trattata, possono svilupparsi necrosi dei tessuti o cancrena, ulcere trofiche ed edema persistente.

Problemi al cervello

In caso di malfunzionamento del cervello, che si verifica a causa di una diminuzione della qualità dei vasi sanguigni nei pazienti, osservare i segni di aterosclerosi, che si sviluppano in modo incrementale:

  • Rumore e ronzio nelle orecchie;
  • Cefalalgia - mal di testa di natura incerta. Un dolore sgradevole ricopre quindi l'intera testa per identificarne l'esatta localizzazione, ma si caratterizza come pressante e scoppiante;
  • Problemi vari del sonno. Il paziente può usare una sonnolenza costante durante il giorno e soffrire di insonnia durante la notte. L'attività cerebrale è compromessa, perché una persona è spesso tormentata da incubi;
  • Cambiare il carattere e i tratti della personalità di una persona;
  • Si notano ansia, eccitabilità costante e irritabilità;
  • Stanchezza e debolezza costanti;
  • Disturbi della coordinazione del movimento;
  • Interruzioni nella respirazione, nella parola e nella nutrizione.

Le ragioni per lo sviluppo della malattia

La base per lo sviluppo della malattia non è solo l'età, ma le caratteristiche dello stile di vita. Tra i motivi più importanti ci sono il fumo, il colesterolo alto nel sangue, l'ipertensione. Lo sviluppo dell'aterosclerosi è naturale e inizia in media da 15 anni. Per tutta la vita, una persona può solo accelerare o rallentare il suo sviluppo..

Puoi prevenire il problema conoscendo le principali cause dell'aterosclerosi:

  • Genere. Molto spesso gli uomini affrontano il problema. La loro patologia si manifesta dall'età di 45 anni. Se l'aterosclerosi si sviluppa nelle donne, i suoi segni compaiono dall'età di 55 anni.
  • Età. Più è alto, più grave è il problema..
  • Eredità. Questo è uno dei motivi principali per lo sviluppo della patologia. L'aspetto è influenzato da un disturbo nel profilo lipidico del plasma, da disturbi in termini ormonali, dall'attività del sistema immunitario.
  • Cattive abitudini. Il fumo è la principale causa dello sviluppo di problemi vascolari. L'alcol non è così categorico. Una piccola quantità di bevande alcoliche, al contrario, è un'ottima prevenzione della patologia. Per ottenere un risultato positivo, è consentito assumere 50 grammi di vodka, 100 ml di vino, 0,5 litri di birra. Grandi dosi portano automaticamente alla formazione di aterosclerosi e ad un cambiamento nella struttura del tessuto epatico.
  • Sovrappeso. I problemi di peso spesso portano al diabete mellito e questo porta allo sviluppo maligno dell'aterosclerosi.
  • Cibo. Questo è il principale fattore di rischio. La salute umana dipende dal livello, dalla quantità e dalla qualità del cibo. Devi mangiare in modo adeguato alle tue esigenze, al dispendio calorico e nel modo più razionale possibile.

Per rallentare lo sviluppo della patologia vascolare, devi mangiare bene. Il menu giornaliero dovrebbe includere verdure, cereali, erbe e acidi grassi del pesce fresco. Prevenire l'aterosclerosi è molto più facile che curare e l'alimentazione e l'attività fisica aiuteranno qui, nel miglior modo possibile..

Fasi di sviluppo

L'aterosclerosi appartiene alla categoria delle malattie polietiologiche. Si basa su una grave interruzione dei processi metabolici dei lipidi. È questo il fattore scatenante all'inizio di un disturbo così pericoloso..

Lo sviluppo del problema consiste nelle seguenti fasi:

  1. Formazione e formazione di macchie lipidiche. Non ci sono sintomi specifici qui. Il paziente non è a conoscenza della presenza di un tale problema. Nel corpo inizia un cambiamento diffuso nelle pareti dei vasi sanguigni, delle vene e delle arterie. Strisce marroni o giallastre compaiono lungo la loro lunghezza. Non influenzano l'intera nave, ma le sue singole parti. I cambiamenti avvengono molto rapidamente, soprattutto in caso di eccesso di peso, diabete mellito e altre patologie vascolari.
  2. Rafforzamento delle formazioni e degli strati lipidici. I vasi sotto le strisce formate iniziano a infiammarsi, cioè il corpo sta cercando di sbarazzarsi della patologia. L'infiammazione costante porta alla rapida decomposizione dello strato lipidico principale e alla sua penetrazione nei tessuti. Di conseguenza, l'accumulo di grasso assume la forma di una capsula e inizia a salire sopra le pareti delle arterie.
  3. L'emergere di complicazioni. Si osserva lo sviluppo della formazione di trombi e la rottura della placca. In quest'ultimo caso viene rilasciato un grande volume di sangue che, dopo un rapido ispessimento, forma trombi pericolosi per il paziente. I loro elementi, contemporaneamente alle placche adipose, bloccano il passaggio vascolare. Questo porta ad infarto, necrosi degli arti e ictus..

È quasi impossibile prevedere il livello di sviluppo e il tempo di passaggio delle fasi. l'ultima fase di sviluppo può arrivare in pochi anni o in pochi mesi. I fattori di sviluppo dipendono dalle caratteristiche del metabolismo, del metabolismo, dell'ereditarietà e delle malattie concomitanti.

Regole diagnostiche

I medici diagnosticano facilmente l'aterosclerosi in base ai sintomi di cui parla il paziente. La malattia si fa sentire nella fase iniziale dello sviluppo, è necessario un professionista per determinarne la localizzazione e determinare l'obiettivo principale della lesione. Un semplice esame visivo non è sufficiente qui, dovrai condurre una visita medica completa.

La gamma di attività di indagine include procedure quali:

  • Raccolta di un'anamnesi generale;
  • Ispezione visiva iniziale mediante speciali test funzionali;
  • Conduzione di prove di laboratorio e studi vari di natura strumentale.

Un esame ben progettato aiuterà a chiarire la malattia, stabilire lo stadio del suo sviluppo e identificare la sua localizzazione principale. Durante la raccolta dell'anamnesi, il medico nota i reclami del paziente, tra i quali potrebbe esserci un aumento della pressione, già subito un ictus o infarto, patologia renale. Questo non fornisce un quadro completo, ma consente di determinare il livello generale di salute umana e capire in quale area eseguire la diagnostica.

Durante un esame visivo, si presta attenzione a sintomi come una forte perdita di peso, perdita di capelli, forti rumori nell'area del cuore e disturbi del ritmo, aumento della sudorazione, grave deformazione delle unghie e sviluppo di edema.

Nei test di laboratorio, il sangue viene donato da una vena per determinare la quantità di colesterolo. Sono prescritti raggi X e angiografia. Ciò consente di valutare adeguatamente l'aorta e le vene, il volume e il numero di placche. Viene eseguito uno studio ecografico, con l'aiuto del quale è possibile valutare le caratteristiche del flusso sanguigno. Questa è un'opportunità unica per identificare deviazioni minori e volume sanguigno totale insufficiente.

Metodi moderni di trattamento della patologia

Se contatti gli specialisti in modo tempestivo, segui rigorosamente le loro istruzioni e raccomandazioni, nell'80% dei casi puoi eliminare completamente la patologia ed eliminare le cause del suo verificarsi. Un risultato molto positivo può essere ottenuto con la dieta e l'attività fisica.

Sicuramente, il medico prescrive farmaci efficaci.

Tra i più efficaci e popolari ci sono:

  • Statine - mirano a sopprimere la funzione principale del fegato, che è diretta alla produzione di grandi quantità di colesterolo. Contemporaneamente al farmaco, vengono prescritti farmaci e farmaci che supportano l'attività complessiva efficace del cuore e dell'apparato digerente.
  • Sequestranti LCD. Inibiscono completamente la sintesi degli acidi biliari nel fegato. Grazie a ciò, deve consumare molto più rapidamente il colesterolo accumulato in precedenza. Questo migliora automaticamente la digestione e la funzione cardiaca. I farmaci di questo orientamento sono prescritti all'inizio dello sviluppo della patologia e come profilassi.
  • Fibrati. Distruggono la maggior parte delle strutture grasse neutre o dei trigliceroli. I farmaci sono efficaci nella lotta all'aterosclerosi, ma sono controindicati per chi ha problemi di funzionalità epatica.
  • Preparati alla nicotina. Non hanno effetto sul colesterolo, ma agiscono come antispasmodico e vasocostrittore. I fondi vengono utilizzati contemporaneamente ad altri farmaci e sono inclusi nella terapia farmacologica principale. Tutto ciò è incluso nel principale regime di trattamento conservativo. Ciò include anche una fisioterapia speciale, particolarmente efficace per coloro che soffrono di aterosclerosi delle gambe o delle braccia..

Con forme più avanzate di patologia, il medico può prescrivere un trattamento chirurgico. Questi possono essere metodi altamente e poco invasivi. Nel primo caso vengono eseguiti bypass innesto e protesi vascolari.

Durante l'intervento chirurgico di bypass, i vasi colpiti vengono suturati a quelli completamente sani. Questo forma una nuova linea sanguigna a tutti gli effetti, che ripara automaticamente i tessuti. Nel processo di protesi, viene eseguito utilizzando materiali moderni, con i quali è possibile sostituire completamente l'arteria distrutta con una nuova.

Tra i metodi minimamente invasivi si può distinguere l'angioplastica. Questo è un metodo, la cui essenza si basa sull'introduzione di un catetere in un'arteria della coscia o in un'altra parte del corpo. Sotto lo stretto controllo della telecamera, il catetere si muove lungo il flusso sanguigno, raggiungendo gradualmente l'area interessata. dopo un esame approfondito, vengono intraprese azioni per eliminare patologie o danni.

L'aterosclerosi è una malattia complessa e controversa che richiede la massima attenzione. La completa assenza di terapia medica porterà a conseguenze e complicazioni potenzialmente letali.

Non ci saranno problemi con il rilevamento tempestivo della patologia, poiché i sintomi della patologia sono piuttosto pronunciati. Un medico esperto è in grado di diagnosticare rapidamente la patologia, determinare la posizione locale della lesione e prescrivere il più efficace.

Un regime terapeutico ben progettato e una gamma selezionata di farmaci sono in grado di eliminare rapidamente il problema nelle varie fasi del suo sviluppo.

Prevenzione dell'aterosclerosi

Per prevenire l'insorgenza della malattia e il suo sviluppo, vale la pena cambiare il solito modo di vivere. Prima di tutto, devi smettere completamente di fumare. Devi regolare il tuo peso con tutti i metodi possibili, aumentare il livello di attività fisica. La dieta dovrebbe essere povera di colesterolo e sale. Il cibo dovrebbe contenere verdure, cereali vari.

La preferenza dovrebbe essere data a cipolle e aglio, carote, melanzane, yogurt, pesce, oli vegetali. In grandi quantità, è necessario utilizzare piante e bacche di tonalità rosse e giallastre. Questo include cenere di montagna, viburno, biancospino, tanaceto.

Per proteggersi dalle patologie vascolari, vale la pena regolare il peso corporeo, poiché l'eccesso di peso porta all'aterosclerosi, che si verifica sullo sfondo di un fallimento nel metabolismo dei lipidi.

L'introduzione dell'attività fisica nella dieta dovrebbe essere monitorata da un professionista che terrà conto dell'età e della salute generale del paziente. Puoi iniziare con una vista accessibile e sicura, con una semplice ricarica, complicandola gradualmente.

È importante tenere lezioni da tre a quattro volte a settimana e il tempo di ogni sessione dovrebbe essere di circa 35-40 minuti. Eliminando dalla vita le cause dell'aterosclerosi vascolare, puoi migliorare efficacemente il tenore di vita.

Aterosclerosi

La cancellazione dell'aterosclerosi è un processo patologico cronico nei vasi, che alla fine porta a una ridotta circolazione sanguigna. È associato a un malfunzionamento del metabolismo dei grassi e delle proteine ​​nel corpo, a seguito del quale si osserva un aumento del contenuto di lipidi (composti organici simili ai grassi, incluso il colesterolo) nel sangue. I lipidi si depositano sulle aree danneggiate delle pareti arteriose e quindi ricoperte di tessuto fibroso (connettivo). Tali formazioni sono chiamate placche aterosclerotiche. Di conseguenza, il lume della nave si restringe, a causa del quale l'afflusso di sangue ai tessuti e agli organi peggiora..

L'aterosclerosi è considerata una malattia che colpisce solo le persone anziane. In effetti, questa patologia nella maggior parte dei casi viene rilevata negli uomini di 40-60 anni e nelle donne di età superiore ai 50 anni. Ma negli anni aumenta il numero dei pazienti sotto i 40 anni. Ciò è dovuto alla scarsa ecologia, a una dieta malsana, a un gran numero di situazioni stressanti..

Lipoproteine ​​e loro partecipazione allo sviluppo dell'aterosclerosi

Le lipoproteine ​​(lipoproteine) sono composti proteici-lipidici complessi che circolano nel plasma sanguigno. Trasportano il colesterolo nel flusso sanguigno. Le lipoproteine ​​si dividono in 3 classi:

  • HDL (lipoproteine ​​ad alta densità);
  • LDL (lipoproteine ​​a bassa densità);
  • VLDL (lipoproteine ​​a densità molto bassa).

VLDL e LDL trasportano il colesterolo nelle cellule, mentre l'HDL rimuove il colesterolo in eccesso dal corpo. (In altre parole, VLDL e LDL possono influenzare lo sviluppo della malattia, mentre le HDL, al contrario, aiutano ad evitarlo.) Nel corpo di una persona sana, c'è un equilibrio tra le lipoproteine ​​di tutte e tre le classi. Tuttavia, se si verifica un guasto e ci sono più lipoproteine ​​di densità bassa e molto bassa, c'è il rischio di aterosclerosi: il colesterolo si accumula nelle cellule in eccesso. Anche i macrofagi ("mangiatori di cellule"), formati dai monociti, partecipano allo sviluppo della malattia. I monociti sono grandi leucociti che forniscono una protezione specifica del corpo contro agenti cancerogeni e cellule estranee. I macrofagi sono presenti in quasi tutti gli organi e tessuti e sono responsabili della distruzione di particelle estranee vive e non viventi (batteri, tossine, cellule morte, ecc.). Se le lipoproteine ​​a bassa e bassissima densità vengono trattenute nei vasi, nel tempo vengono distrutte e ossidate. I macrofagi "divorano" i prodotti di ossidazione. Alcuni di loro, dopo la distruzione di particelle estranee, vengono trasformati in cellule di schiuma, che si depositano sulle pareti dei vasi sanguigni..

Tipi e stadi dell'aterosclerosi

L'aterosclerosi è in grado di colpire le arterie elastiche e muscolo-elastiche (grandi e medie). Quelli elastici si trovano molto vicini al cuore. Questi includono, ad esempio, l'aorta, l'arteria polmonare. Le arterie muscolo-elastiche comprendono arterie di medie dimensioni: cardiaca, femorale, cerebrale, assonnata. A seconda della localizzazione del processo patologico e di quale organo presenta una mancanza di circolazione sanguigna, l'aterosclerosi può essere suddivisa nei seguenti tipi:

  • aterosclerosi dell'aorta (può svilupparsi nel torace o nella cavità addominale);
  • aterosclerosi coronarica (vasi cardiaci);
  • aterosclerosi cerebrale (vasi cerebrali);
  • aterosclerosi degli arti inferiori;
  • aterosclerosi degli arti superiori
  • aterosclerosi delle arterie renali;
  • aterosclerosi delle arterie del pene (vasi del pene).

Ci sono 3 fasi dello sviluppo della malattia:

  • Fase di striscia di grasso. Piccole (1-2 mm) macchie lipidiche giallastre si osservano sulle pareti dei vasi sanguigni di una persona dopo la sua nascita. Nel tempo, aumentano di dimensioni e si fondono tra loro. I macrofagi iniziano a distruggerli e si trasformano in cellule di schiuma. Successivamente, le strisce di grasso derivano dalle cellule muscolari lisce delle pareti vascolari e dalle cellule della schiuma. La presenza di strisce di grasso non significa che il processo patologico progredirà e appariranno placche fibrose (aterosclerotiche).
  • Lo stadio delle placche fibrose. Nelle aree con strisce di grasso inizia la crescita del tessuto connettivo. Le placche fibrose sono formate da tessuto connettivo e cellule adipose. All'inizio sono morbidi e possono essere sciolti con un intervento medico tempestivo. Successivamente, i sali di calcio si depositano in essi e si induriscono..
  • Lo stadio di disturbi complessi. Le placche fibrose sono danneggiate e formano lacrime, ulcere o crepe. Questo processo può essere causato dall'attività dei macrofagi, dall'eccesso di LDL ossidate o dall'accumulo di colesterolo. Le piastrine (cellule del sangue incolori responsabili della coagulazione del sangue e del trasporto di nutrienti all'endotelio, lo strato interno che copre le pareti dei vasi sanguigni) si attaccano alla placca danneggiata. Di conseguenza, la nave è parzialmente o completamente bloccata..

Per quanto riguarda le manifestazioni dirette dell'aterosclerosi, la classificazione di A.L. Myasnikov. Secondo lei, l'aterosclerosi ha due fasi di sviluppo:

  • preclinico (il periodo iniziale in cui si verificano disturbi nervosi e metabolici, ma la malattia non si manifesta ancora come segni clinici);
  • clinico (vengono rilevati sintomi di aterosclerosi).

Il periodo clinico si compone di tre fasi:

  • Ischemico. I vasi si restringono, l'afflusso di sangue agli organi interni e ai tessuti si deteriora.
  • Trombonecrotico. Si verifica trombosi (blocco) delle arterie, accompagnata da necrosi di piccole o grandi dimensioni (morte dei tessuti) negli organi interni.
  • Sclerotico (fibroso). Negli organi che soffrono di insufficiente apporto di sangue, il tessuto connettivo prolifera. Può verificarsi atrofia d'organo.

Le manifestazioni cliniche iniziano ad apparire solo dopo il restringimento del lume del vaso del 50% o più.

Le ragioni per lo sviluppo dell'aterosclerosi

Gli scienziati non sono ancora giunti a un consenso sulle cause dell'aterosclerosi. Sono d'accordo tra loro sui seguenti aspetti: danno alle pareti delle arterie e deposizione di lipidi in queste aree, che porta ulteriormente alla formazione di placche aterosclerotiche. Tuttavia, le cause del danno (così come la sequenza dei processi) sono diverse..

Esistono molte ipotesi diverse per lo sviluppo dell'aterosclerosi, le più comuni delle quali sono:

  • Teoria dei lipidi. Gli aderenti a questa ipotesi suggeriscono che le lipoproteine ​​a bassa e bassissima densità, accumulandosi nei vasi e trasformandosi in cellule di schiuma, e quindi strisce di grasso, causano danni all'endotelio (lo strato superiore delle pareti dei vasi). Come risultato di questi processi, i lipidi iniziano a depositarsi già nello spazio extracellulare (l'ambiente che circonda le cellule). Inoltre, si formano placche aterosclerotiche.
  • L'ipotesi di danno endoteliale cronico. Gli scienziati ritengono che all'inizio le pareti delle arterie siano danneggiate (a causa del flusso sanguigno alterato, dell'attività di batteri e virus, un aumento della concentrazione di LDL, ecc.) E quindi i processi aterosclerotici si sviluppano nelle aree patologiche.
  • Ipotesi monoclonale. Secondo questa teoria, uno dei geni che controllano il ciclo cellulare (la vita di una cellula dal momento della formazione alla divisione o alla morte) muta, a causa del quale iniziano a crescere le cellule muscolari lisce della parete vascolare. Questo è l'inizio del processo patologico. In questo caso, lo sviluppo dell'aterosclerosi può essere paragonato alla formazione di un tumore benigno..
  • Ipotesi parassitaria. Si ritiene che l'aterosclerosi si manifesti a causa del danno alle pareti dei vasi da clamidia. Questi batteri sono stati trovati nelle placche aterosclerotiche. Ulteriori studi hanno dimostrato che la clamidia è presente nel sangue dell'80% dei pazienti con aterosclerosi. Nelle persone che non soffrono di questa malattia, questi microrganismi sono stati rilevati solo nel 4% dei casi. Pertanto, gli aderenti alla teoria parassitaria ritengono che l'aterosclerosi debba essere trattata con farmaci antibatterici..
  • Ipotesi neuroendocrina. Secondo questa teoria, l'aterosclerosi si sviluppa a causa di un malfunzionamento della regolazione neuroendocrina del metabolismo proteico-lipidico..

L'ipotesi del colesterolo è ancora popolare. Questa teoria è stata espressa da N.A. Anichkov nel 1912 ed è associato all'assunzione di colesterolo in eccesso nel corpo insieme al cibo. Lo scienziato ha condotto un esperimento in cui i conigli venivano nutriti con cibo di origine animale. I soggetti morirono presto per un'arteria cardiaca ostruita. Nonostante il fatto che per i conigli erbivori il consumo di cibo di origine animale sia generalmente atipico (a differenza degli esseri umani, che sono onnivori), cosa che potrebbe aver causato una tale fine all'esperimento, sulla base dei risultati di questo esperimento, è stata creata una teoria del colesterolo sull'aterosclerosi. Secondo lei, il colesterolo in eccesso ottenuto dal cibo penetra nelle pareti dei vasi sanguigni e provoca lo sviluppo di aterosclerosi. Questa teoria non è mai stata dimostrata. Inoltre, è stato smentito molte volte. Tuttavia, molte persone ci credono ancora, come speculano i produttori di alimenti, offrendo ai consumatori alimenti con colesterolo basso o nullo. In effetti, la connessione tra l'assunzione di questo lipide dal cibo e il suo accumulo nell'organismo non è stata dimostrata. In effetti, i pazienti con livelli di colesterolo nel sangue elevati hanno maggiori probabilità di soffrire di malattia coronarica (aterosclerosi dei vasi sanguigni del cuore) e altre malattie cardiovascolari. Ma con il cibo, una persona riceve solo il 20% di colesterolo..

La maggior parte del colesterolo è prodotta direttamente dall'organismo stesso (fegato, intestino, ghiandole sessuali, reni, ghiandole surrenali). È contenuto nella membrana di qualsiasi cellula del corpo umano. Questo lipide è coinvolto in molti importanti processi biochimici (sintesi di ormoni, vitamina D, cellule nervose, mantenimento dell'equilibrio idrico nelle cellule, ecc.). Sono stati condotti esperimenti in cui i soggetti per diversi mesi hanno consumato grandi quantità di alimenti ricchi di colesterolo. Di conseguenza, nessuna di queste persone ha mostrato un aumento dei livelli di colesterolo nel sangue o segni di aterosclerosi. È impossibile non ricordare i francesi: la loro cucina è piuttosto grassa, ma allo stesso tempo gli abitanti della Francia soffrono di malattie arteriose molto meno spesso degli altri europei. E l'esempio opposto: l'aterosclerosi viene spesso diagnosticata in pazienti che aderiscono a diete vegetali. Infatti, nel sangue si forma un eccesso di lipidi "nocivi" a causa del fallimento della sintesi e del metabolismo del colesterolo nell'organismo. Indubbiamente, non dovresti consumare grassi animali in quantità illimitate, ma un rifiuto assoluto di essi (o una forte restrizione) non andrà a beneficio di una persona sana. La dieta è rilevante se il corpo ha già un livello di colesterolo elevato.

Ci sono una serie di fattori che aumentano il rischio di sviluppare aterosclerosi. Questi includono:

  • Pavimento. Negli uomini di età inferiore ai 50-60 anni, l'aterosclerosi è osservata più spesso che nelle donne della stessa età. Ciò è spiegato dal fatto che gli estrogeni (ormoni sessuali femminili) hanno un effetto positivo sul metabolismo dei lipidi, nonché sui processi metabolici nelle pareti dei vasi sanguigni, che impedisce lo sviluppo di aterosclerosi.
  • Climax. Questo fattore ha qualcosa in comune con il precedente. Durante la menopausa, la sintesi degli estrogeni nel corpo femminile diminuisce, quindi, dopo 50-55 anni, una donna ha la stessa probabilità di sviluppare l'aterosclerosi di un uomo.
  • Età. Nel tempo, le navi si consumano, perdono elasticità e si intasano. Pertanto, nelle persone di età superiore ai 40-50 anni, il rischio di sviluppare aterosclerosi è significativamente maggiore rispetto ai pazienti sotto i 40 anni..
  • Eredità. La predisposizione genetica può riguardare sia i disturbi del metabolismo dei lipidi che l'attività immunitaria del corpo. Se i parenti stretti del paziente soffrono di aterosclerosi, il rischio di sviluppare questa malattia aumenta ancora di più. La predisposizione genetica aumenta la probabilità di patologia fino a 50 anni, dopo 50 anni, l'ereditarietà non ha molta importanza, altri fattori di rischio stanno già venendo alla ribalta.
  • Peso in eccesso combinato con inattività fisica (diminuzione dell'attività fisica). L'obesità stessa non ha un effetto particolare sullo sviluppo dell'aterosclerosi. Ma nelle persone obese che conducono uno stile di vita sedentario, c'è spesso un aumento della pressione sanguigna e un eccesso di colesterolo nel sangue, che può portare all'aterosclerosi..
  • Nutrizione impropria. Non si tratta di mangiare cibo di origine animale (a cui fanno riferimento gli aderenti alla teoria del colesterolo), ma di una dieta squilibrata. I residenti di regioni in cui è consuetudine mangiare una varietà di cibi, privilegiando prodotti freschi e sani (ad esempio, in Giappone, nel Mediterraneo), l'aterosclerosi si sviluppa molto meno frequentemente che in altri paesi.
  • Fumo. Questa dipendenza diventa la causa di vasocostrizione, intossicazione del corpo e aumento della pressione sanguigna. Tutto ciò porta alla disfunzione dei vasi sanguigni..
  • Malattia ipertonica. L'aumento cronico della pressione sanguigna provoca cambiamenti patologici nei vasi sanguigni.
  • Abuso di alcool. Il consumo regolare di alcol ad alte dosi aumenta significativamente il rischio di aterosclerosi. Sotto l'influenza dell'alcol, i vasi prima si espandono, quindi si restringono. Tali fluttuazioni sono molto dannose per la salute del sistema cardiovascolare. Esiste un'ipotesi (ed è improbabile che abbia un'origine medica), secondo la quale il consumo quotidiano di alcol in piccole dosi è utile anche a scopo preventivo: si ritiene che le bevande alcoliche dissolvano le placche aterosclerotiche. Tuttavia, questo non è stato scientificamente provato. L'alcol può effettivamente abbattere una parte delle placche aterosclerotiche (solo una parte!), Tuttavia, i grassi disciolti non vengono escreti dal corpo, ma si depositano negli organi interni. Ciò causa gravi interruzioni al loro lavoro. Il consumo quotidiano di alcol, anche a piccole dosi, può provocare lo sviluppo di molte malattie. Pertanto, non è consigliato effettuare una tale "prevenzione" dell'aterosclerosi.
  • Diabete. Il metabolismo dei carboidrati e dei lipidi è correlato, quindi se uno è disturbato, l'altro può soffrirne..
  • Fatica. Durante lo stress, il corpo produce adrenalina, che porta ad un forte aumento della pressione sanguigna e della vasocostrizione. Non si tratta solo di forti shock nervosi, ma anche di piccole esperienze quotidiane..

La presenza di fattori di rischio non significa che il paziente svilupperà necessariamente l'aterosclerosi. Ad esempio, la malattia non si osserva in tutte le persone anziane e non in tutti i ipertesi o diabetici. Tuttavia, a scopo preventivo, si raccomanda di cercare di ridurre al minimo il numero di fattori di rischio..

Sintomi di aterosclerosi

Nel periodo preclinico, l'aterosclerosi si manifesta raramente con segni. Ma grazie ai moderni metodi diagnostici, può essere rilevato anche in quei casi in cui il paziente non avverte alcun cambiamento. Pertanto, si raccomanda alle persone con diversi fattori di rischio di sottoporsi annualmente a diagnosi di aterosclerosi a scopo preventivo. Se ci sono sintomi nella fase preclinica, allora non sono specifici. Questi includono disturbi vegetativi periodici: pallore o arrossamento della pelle del viso, sensazione di calore, aumento della sudorazione notturna. Possono anche verificarsi crampi dolorosi a breve termine al cuore, all'addome, alla parte posteriore della testa o alle tempie.

I sintomi di una malattia progressiva dipendono principalmente dalla localizzazione del processo patologico. Ma ci sono segni generali di aterosclerosi, che includono:

  • secchezza e assottigliamento della pelle, diminuzione dell'elasticità, aspetto nitido di pieghe, rughe;
  • la presenza di vene del ragno sotto la pelle;
  • rigonfiamento delle arterie nelle tempie, fronte, superficie interna delle spalle, nelle curve del gomito.

L'aterosclerosi dell'aorta si manifesta con i seguenti sintomi:

  • palpitazioni cardiache (soprattutto quando si è sdraiati);
  • mal di testa, vertigini;
  • dolore premendo o "spremendo" nella regione del cuore (con lo sviluppo di un processo patologico nella regione toracica);
  • dolore addominale, indigestione, perdita di peso, costipazione, flatulenza (con progressione dell'aterosclerosi aortica nella regione addominale);
  • malessere generale (aumento della fatica, debolezza);
  • svenimento;
  • sudorazione eccessiva;
  • dispnea;
  • palpitante al collo e alla testa.

L'aterosclerosi delle arterie cardiache (vasi coronarici) si manifesta con i seguenti sintomi:

  • Dolore al petto. Possono essere pressanti, doloranti, opachi o brucianti. Il dolore è dato alla scapola e al braccio sinistro (avambraccio, mano).
  • Disturbi respiratori;
  • Sensazione di pressione sul petto (come se ci fosse stato messo qualcosa di pesante);
  • Mal di schiena;
  • Dolore all'orecchio, alla mascella o al collo (sul lato sinistro);
  • Problemi di ritmo cardiaco;
  • Nausea;
  • Dolore al respiro (sia durante l'inspirazione che durante l'espirazione);
  • Debolezza alle gambe o alle braccia;
  • Brividi, maggiore sensibilità al freddo, aumento della sudorazione;
  • Perdita o confusione.

L'aterosclerosi cerebrale (arterie del cervello) si manifesta con segni come:

  • stanchezza, letargia;
  • vertigini;
  • disturbi del sonno (insonnia o, al contrario, sonnolenza costante);
  • distrazione;
  • mal di testa premendo o scoppiando senza una chiara localizzazione (sembra che l'intera testa faccia male in una volta);
  • rumore, ronzio nelle orecchie;
  • diminuzione della concentrazione dell'attenzione;
  • compromissione della memoria;
  • irritabilità, aumento dell'eccitabilità;
  • disturbi alimentari (ad esempio, il paziente spesso soffoca);
  • ansia;
  • disturbi della coordinazione dei movimenti e dell'orientamento spaziale;
  • disturbi a breve termine della parola, della vista, dell'udito, della respirazione;
  • cambiamento nell'andatura (una persona si muove a piccoli passi);
  • diminuzione o perdita di sensibilità (solitamente unilaterale, cioè su un lato del corpo).

Con l'aterosclerosi degli arti superiori o inferiori, si osserva quanto segue:

  • sensazione di "strisciamento" nelle braccia o nelle gambe (come se il paziente fosse stato a lungo in una posizione scomoda e gli arti fossero diventati insensibili);
  • ipersensibilità delle estremità al freddo (mani o piedi si congelano senza motivo);
  • pallore eccessivo della pelle sulle braccia o sulle gambe, le vene visibili sono visibili;
  • nelle fasi successive - assottigliamento della pelle, perdita di peli sulle braccia o sulle gambe senza ricrescita;
  • dolore parossistico agli arti; se l'aterosclerosi si sviluppa nelle arterie delle gambe, il paziente può sperimentare una claudicazione intermittente (quando si superano brevi distanze, il paziente non può andare oltre a causa di un forte dolore alle gambe, è costretto a fermarsi);
  • il verificarsi di edema che non si attenua per molto tempo;
  • arrossamento delle dita delle mani o dei piedi;
  • la formazione di ulcere trofiche sulle gambe;
  • cancrena.

L'aterosclerosi delle arterie renali si manifesta con un aumento della pressione sanguigna, dolore nella parte bassa della schiena o nell'addome, bassa temperatura corporea e sangue nelle urine. Possono verificarsi anche nausea e vomito.

I sintomi dell'aterosclerosi dell'arteria peniena comprendono disfunzione erettile, impotenza e adenoma prostatico (tumore benigno).

Complicazioni di aterosclerosi

Se non trattata, l'aterosclerosi può causare lo sviluppo di:

  • cardiopatia ischemica;
  • infarto miocardico;
  • ischemia del cervello;
  • ictus;
  • processi infiammatori nel tratto digestivo;
  • necrosi intestinale;
  • aneurismi aortici;
  • demenza senile (demenza);
  • insufficienza renale.

La cancellazione dell'aterosclerosi degli arti inferiori può richiedere l'amputazione della gamba (in caso di cancrena).

Diagnostica

La diagnosi di aterosclerosi viene eseguita da un cardiologo. Il medico raccoglie un'anamnesi, quindi viene eseguito un esame generale, durante il quale il medico palpa (sente) le grandi arterie, misura l'altezza e il peso del paziente, ascolta il cuore e l'aorta e misura la pressione. In base ai risultati dell'esame, è possibile rilevare i seguenti segni di aterosclerosi: edema, disturbi trofici (disturbi locali della circolazione sanguigna e linfatica), deformazione delle unghie, aumento della funzione delle ghiandole sebacee e sudoripare, mancanza di peli sugli arti. Anche un sintomo allarmante è una forte perdita di peso..

Se si sospetta aterosclerosi, vengono eseguiti test funzionali. Si tratta di test che utilizzano azioni perturbatrici (piccolo sforzo fisico, cambiamenti nella posizione del corpo, pressione su parti del corpo, ecc.).

Vengono utilizzati i seguenti metodi di ricerca:

  • analisi del sangue per colesterolo e zucchero;
  • Esame a raggi X (per studiare le condizioni dell'aorta);
  • angiografia (radiografia che utilizza un mezzo di contrasto, consente di identificare l'obliterazione - restringimento o chiusura del lume dell'arteria);
  • risonanza magnetica (per studiare le pareti delle arterie e le placche che si formano su di esse)
  • Ecografia Doppler (per valutare il flusso sanguigno)
  • Ultrasuoni dell'aorta;
  • ecocardiografia (esame ecografico del cuore e dell'apparato valvolare).

Inoltre può essere eseguito:

  • test da sforzo cardiaco (uno studio eseguito per determinare il carico critico sul cuore);
  • angiografia coronarica (metodo a raggi X per rilevare la malattia coronarica);
  • Ultrasuoni degli organi addominali;
  • lipidogramma (un esame del sangue completo, che consente di valutare l'equilibrio lipidico nel corpo).

In presenza di malattie concomitanti nel trattamento e nella diagnosi, può essere richiesto l'aiuto di un endocrinologo, nefrologo, urologo, flebologo, neurologo, terapista.

Trattamento

Il trattamento dell'aterosclerosi viene effettuato in modo completo. Al paziente viene prescritta una dieta mirata ad abbassare i livelli di colesterolo nel sangue e normalizzare l'equilibrio lipidico: i grassi animali, i carboidrati semplici e il sale sono limitati. Il medico è impegnato nello sviluppo della dieta, non è consigliabile comporre la dieta da solo. Inoltre, il paziente deve abbandonare le cattive abitudini, in particolare il fumo. La ginnastica dolce aiuterà anche a normalizzare i livelli di lipidi. Parla con il tuo medico di esercizio, durata e frequenza..

La terapia farmacologica mira a raggiungere i seguenti obiettivi:

  • rimozione del colesterolo in eccesso dal corpo;
  • diminuzione della produzione di colesterolo da parte dell'organismo;
  • combattere le infezioni.

I pazienti possono essere assegnati:

  • statine (farmaci che riducono la produzione di colesterolo nel corpo);
  • farmaci con acido nicotinico (normalizzano i livelli di lipidi);
  • fibrati (riducono la produzione di grasso nel corpo);
  • sequestranti (rimuovono gli acidi biliari dall'intestino, che si formano quando i livelli di colesterolo si abbassano);
  • estrogeni (terapia ormonale sostitutiva per le donne durante la menopausa).

Se il trattamento conservativo non dà il risultato desiderato o se c'è un blocco dell'arteria (o c'è un alto rischio di un tale risultato), viene eseguito un intervento chirurgico. Oggi vengono utilizzati i seguenti metodi chirurgici:

  • Endarteriectomia. Nell'area problematica, l'arteria viene tagliata e una placca aterosclerotica viene rimossa dalla sua parete. Come risultato dell'operazione, il lume dell'arteria si espande, il flusso sanguigno al suo interno viene normalizzato. Questo metodo non viene utilizzato se il paziente ha diabete mellito, tumori maligni, insufficienza cardiaca congestizia, ipertensione, angina pectoris e anche entro sei mesi dall'infarto.
  • Angioplastica. Questa è un'operazione minimamente invasiva (minimamente traumatica), durante la quale viene utilizzato un dispositivo speciale con un catetere su un lato e un palloncino sull'altro. Il palloncino viene inserito attraverso una piccola puntura nella pelle nel lume del vaso e gonfiato con aria compressa. Sotto questa influenza, l'arteria si espande e la placca è distribuita uniformemente lungo la sua parete. Dopodiché, il palloncino viene "sgonfiato" e rimosso dalla nave..
  • Stenting. L'operazione viene eseguita utilizzando uno stent - un telaio metallico. Innanzitutto, l'arteria viene dilatata (di solito viene utilizzata l'angioplastica per questo scopo), quindi viene inserito uno stent. Il telaio espande il lume del vaso, ripristinando così il flusso sanguigno.
  • Bypass. Durante l'operazione, viene creata una connessione artificiale (shunt) tra due punti, bypassando l'area fortemente ristretta dell'arteria. A seguito di un intervento chirurgico, viene ripristinato il normale apporto di sangue ai tessuti. Questo metodo è spesso utilizzato per l'aterosclerosi degli arti inferiori.
  • Protesi vascolari. L'arteria interessata viene completamente sostituita con una artificiale.

In alcuni casi, è possibile combinare diversi metodi chirurgici.

Prevenzione dell'aterosclerosi

La principale misura preventiva è uno stile di vita sano. Si consiglia una dieta variata per soddisfare tutte le esigenze dell'organismo di vitamine, minerali e altre sostanze importanti. È meglio consultare un medico per la pianificazione della dieta. Abbandonare le cattive abitudini (fumare, bere alcolici) avrà un effetto positivo sullo stato dei vasi sanguigni. È inoltre necessario dedicare tempo all'attività fisica quotidiana: un esercizio moderato aiuta a normalizzare l'equilibrio lipidico nel corpo..

Poiché le malattie infettive ed endocrinologiche aumentano il rischio di aterosclerosi, è importante sottoporsi a una visita medica generale ogni anno per una diagnosi e un trattamento tempestivi. Si raccomanda inoltre alle persone sopra i 40 anni di fare un esame del sangue per il colesterolo una volta all'anno: questo aiuterà a identificare le violazioni nelle prime fasi..

Sintomi, diagnosi e trattamento dell'aterosclerosi vascolare

L'aterosclerosi è una malattia che colpisce i vasi sanguigni e le arterie. È accompagnato dalla deposizione di placche di colesterolo che bloccano il lume del vaso. Il pericolo della malattia non è solo nella ridotta circolazione sanguigna, ma anche nelle complicazioni che si sviluppano in questo contesto, nonché in un lungo sviluppo asintomatico. Diagnosi, sintomi e trattamento dipendono dal tipo di aterosclerosi, dal grado di malattia vascolare e dall'età del paziente.

Teorie sull'aspetto della malattia

Esistono diverse teorie per lo sviluppo dell'aterosclerosi, ma tutte soddisfano due regole di base:

  • la violazione primaria che porta alla malattia è una violazione del metabolismo dei lipidi e la violazione dell'integrità della parete del vaso è già secondaria;
  • il danno al tessuto cellulare, connettivo e ad altre strutture della parete del vaso è l'anello principale nella patogenesi dell'aterosclerosi.

La teoria del colesterolo, sviluppata dal Dr. Anichnokov, suggerisce che lo sviluppo della malattia è causato da un eccesso di grasso e colesterolo. In futuro, il medico ha presentato un'altra teoria combinata dello sviluppo della malattia. In esso, il colesterolo è già considerato come un fattore che provoca cambiamenti vascolari aterosclerotici. Secondo la teoria combinata dell'aterosclerosi, la malattia si sviluppa a causa di:

  • disregolazione dei lipidi e del loro metabolismo;
  • fattori alimentari;
  • effetti emodinamici e altri effetti meccanici sui vasi sanguigni;
  • cambiamenti vascolari primari legati all'età e altri.

Le disposizioni principali della teoria combinata hanno costituito la base della teoria dell'infiltrazione combinata. Dice che la malattia si sta sviluppando incl. a causa della maggiore concentrazione di lipidi nel sangue. La teoria endoteliale esamina la presenza di aterosclerosi a causa del danno alle cellule endoteliali. Violazione del metabolismo lipidico in esso solo come condizione che contribuisce all'aterogenesi. La teoria monoclina dello sviluppo della malattia considera una placca aterosclerotica come un tumore benigno che appare come risultato dell'esposizione a virus e mutageni. La teoria della membrana è vicina al monoclino. Secondo lei, la polimerizzazione delle cellule muscolari lisce si verifica a causa dell'eccessiva assunzione di colesterolo..

La teoria autoimmune ha iniziato a svilupparsi rapidamente negli ultimi decenni. Le disposizioni della teoria affermano che il processo patologico è provocato da complessi autoimmuni, che includono le lipoproteine ​​come antigene.

Fattori di rischio

Ci sono molte ragioni per lo sviluppo dell'aterosclerosi. Il più comune di questi è la dislipedimia o livelli elevati di colesterolo totale nel sangue. L'ipertensione arteriosa può anche causare lo sviluppo di aterosclerosi attraverso meccanismi associati all'angiotensina II. Questa sostanza stimola le cellule endoteliali, i macrofagi e le pareti muscolari lisce vascolari a formare mediatori pro-aoenici. Il diabete mellito è classificato come fattore di rischio in quanto porta alla formazione di prodotti della glicolisi che aumentano la sintesi di citochine pro-infiammatorie nelle cellule endoteliali. Inoltre, nel diabete mellito, la quantità di lipoproteine ​​a bassa densità aumenta, il che aumenta la suscettibilità al danno aspecifico e all'ossidazione endoteliale. L'insufficienza renale cronica provoca lo sviluppo dell'aterosclerosi in diverse direzioni, incl. a causa di una maggiore resistenza all'insulina, diminuzione dei livelli di apoliproteina A-I e aumento dei livelli di proteina C-reattiva.

Oltre alle malattie, anche fattori come la malnutrizione, uno stile di vita sedentario, il fumo e l'abuso di alcol, i traumi, lo stress frequente e un clima psicologico negativo portano all'aterosclerosi. A seconda del tipo di malattia, anche l'ipotermia, l'aumento dello stress fisico o emotivo, le cattive condizioni ambientali, la mancanza cronica di vitamina D possono essere la causa..

La comparsa di alterazioni vascolari aterosclerotiche è anche influenzata dal sesso, dall'eredità e dall'età. I medici chiamano questi fattori immutabili. Il resto appartiene alla categoria dei parzialmente sfoderabili o sfoderabili, perchè se lo si desidera, una persona è in grado di cambiarli.

Classificazione dell'aterosclerosi

L'aterosclerosi secondo ICD 10 (Classificazione internazionale delle malattie della 10a revisione) ha un codice I70 e include 5 diagnosi chiarificatrici. Questi includono l'aterosclerosi:

  • aorta;
  • arteria renale;
  • arterie degli arti;
  • altre arterie;
  • generalizzato e non specificato.

La diagnosi comprende anche: arteriolosclerosi, arteriosclerosi, malattia vascolare aterosclerotica.

Il codice separato ha:

  • aterosclerosi cerebrale (I67.2);
  • aterosclerosi coronarica (I25.1);
  • aterosclerosi polmonare (I27.0);
  • aterosclerosi mesenterica (K55.1).

Oltre a quella principale, ci sono molte altre classificazioni dell'aterosclerosi. Il primo classifica la malattia in base al tipo di placca. Le placche aterosclerotiche possono essere instabili e stabili. La stabilità dipende dalla struttura della placca, dalla sua configurazione e dimensione. Le placche instabili sono ricche di lipidi e le placche stabili sono ricche di collagene.

A seconda della localizzazione del processo infiammatorio, si distinguono diverse forme cliniche e morfologiche della malattia:

  • aterosclerosi delle arterie coronarie o cardiopatia ischemica, forma cardiaca;
  • aterosclerosi dell'aorta;
  • aterosclerosi dei vasi sanguigni del cervello o malattie cerebrovascolari, forma cerebrale;
  • aterosclerosi dei reni o forma renale;
  • aterosclerosi dei vasi sanguigni intestinali;
  • aterosclerosi dei vasi sanguigni degli arti inferiori.

A seconda dei segni morfologici, patogenetici ed eziologici, si distinguono:

  • arteriosclerosi metabolica o aterosclerosi;
  • ialinosi;
  • arteriolosclerosi infiammatoria;
  • arteriosclerosi allergica;
  • arteriosclerosi tossica;
  • calcificazione primaria.

Secondo le statistiche, l'aterosclerosi del cervello e dei vasi cardiaci è la forma più comune e diventa la causa di infarto, ictus e morte in oltre il 45% dei pazienti.

Sintomi

La malattia si manifesta a seconda dello stadio, del grado e della localizzazione delle lesioni vascolari. Nelle fasi iniziali dello sviluppo, il cambiamento nei vasi sanguigni è ancora insignificante, quindi le persone di solito attribuiscono i primi sintomi alla stanchezza e al superlavoro. Oltre ai segni generali della malattia, come mal di testa, aumento della stanchezza, vertigini, ogni tipo di aterosclerosi presenta anche sintomi specifici..

Manifestazione di aterosclerosi aortica

I segni di aterosclerosi aortica dipendono dal sito di vasocostrizione. Di solito, la patologia si manifesta sotto forma di dolore pressante o bruciante dietro lo sterno, che si irradia a entrambe le braccia, alla schiena, al collo e persino alla parte superiore dell'addome. Con lo stress emotivo o fisico, il dolore aumenta. Se l'arco aortico è interessato, si verifica uno svenimento.

L'aterosclerosi dell'aorta addominale si manifesta con freddezza e intorpidimento delle gambe, claudicatio intermittente, interruzione del tratto digestivo. Nelle fasi successive, le ulcere si sviluppano sugli arti inferiori e, con la malattia avanzata, la cancrena. L'aterosclerosi dell'aorta addominale e toracica può provocare lo sviluppo di un aneurisma.

Segni di aterosclerosi dei vasi mesenterici

L'aterosclerosi dei vasi mesenterici colpisce le pareti dei vasi della cavità addominale e causa la sindrome dell'ischemia mesenterica cronica. Il sintomo principale della malattia è il dolore, che:

  • appare 20 minuti dopo aver mangiato;
  • dura fino a 2 ore;
  • si abbassa senza assumere farmaci;
  • dà spesso all'ipocondrio destro;
  • quando si limita la quantità di assunzione di cibo, diminuisce.

Meno comunemente, la malattia è accompagnata da vomito. Un altro sintomo importante è la disfunzione intestinale. La progressiva perdita di peso parla anche della presenza della malattia..

Sintomi di malattia dell'arteria renale

I sintomi dell'aterosclerosi dipendono dal grado di occlusione o blocco dei vasi sanguigni, dalla sua natura (unilaterale o bilaterale), dalla durata dell'ischemia renale. La sconfitta di un'arteria spesso e richiede molto tempo senza sintomi gravi. L'occlusione completa è accompagnata da:

  • dolore doloroso costante nella parte bassa della schiena;
  • mal di stomaco;
  • condizione febbrile.

La forma cronica di stenosi può causare ipertensione arteriosa ed è pericolosa perché non risponde al trattamento con terapia antipertensiva combinata.

Segni di danni ai vasi cerebrali

Si manifesta l'aterosclerosi delle arterie e dei vasi sanguigni del cervello:

  • disturbi del sonno, ansia e problemi ad alzarsi la mattina;
  • mal di testa gravi e frequenti;
  • cambiamento nell'andatura e ridotta coordinazione dei movimenti;
  • disabilità visiva, fotopsie, tinnito;
  • irritabilità, pianto, apatia, depressione;
  • problemi di memoria;
  • asimmetria del viso.

I primi sintomi compaiono quando l'afflusso di sangue alle cellule cerebrali diminuisce del 15% o più. L'intensità dei sintomi aumenta con lo sviluppo della patologia.

Sintomi di aterosclerosi dell'arteria coronaria

L'aterosclerosi delle arterie coronarie o la sclerosi coronarica si manifesta con attacchi di dolore toracico che si verificano dopo uno sforzo emotivo e fisico, oltre a bruciore, disagio al petto e all'esofago.

Meno comunemente, l'aterosclerosi si sviluppa senza sintomi. Questa forma è la più pericolosa perché porta allo sviluppo di infarto miocardico e morte, anche con una buona salute generale.

Segni di lesioni vascolari degli arti inferiori

Lo sviluppo dell'aterosclerosi dei vasi delle gambe procede a lungo senza sintomi pronunciati. Il primo segnale allarmante è il dolore alle gambe dopo una lunga camminata. I principali segni di patologia includono:

  • limitazione della mobilità dell'arto colpito;
  • dolore muscolare (nelle fasi successive, anche a riposo);
  • claudicatio intermittente;
  • intorpidimento;
  • cambiamento nella forma delle unghie;
  • scolorimento della pelle della gamba colpita;
  • diminuzione della massa muscolare nella coscia e nella parte inferiore della gamba.

Nelle fasi successive, si osserva la comparsa di ulcere trofiche e cancrena. Lo stadio iniziale della malattia di solito colpisce solo un arto, ma nel tempo il processo diventa simmetrico.

Fasi di aterosclerosi

La malattia si sviluppa lentamente e dal momento in cui iniziano a formarsi le macchie lipidiche fino alla calcificazione, possono essere necessari diversi decenni. Meno spesso, l'aterosclerosi si sviluppa rapidamente e questa forma è la più pericolosa.

Il primo stadio è la formazione di macchie lipidiche. Le molecole di colesterolo passano dal flusso sanguigno sotto l'endotelio. Sullo strato successivo della parete del vaso (intima) si accumula il colesterolo, che inizia chimicamente a legarsi con le molecole della sostanza intermedia. Le macchie lipidiche possono verificarsi in persone di età diverse e anche nei bambini piccoli. Nella seconda fase, si verifica un accumulo più attivo di lipidi sulle pareti dei vasi sanguigni. Macrofagi e linfociti iniziano a spostarsi verso le macchie lipidiche, il che porta a una graduale proliferazione della placca.

Il terzo stadio dello sviluppo della malattia è caratterizzato da processi complessi: le cellule iniziano a secernere sostanze biologicamente attive che attraggono sempre più lipidi alla placca. L'esposizione a composti chimici provoca anche la divisione attiva delle cellule muscolari lisce e la proliferazione del tessuto connettivo. L'ultima fase dell'aterosclerosi è la calcificazione o la fibrosi. Il danno si verifica sulla superficie della placca, che provoca la formazione di piccoli coaguli di sangue. Le piastrine iniziano a secernere sostanze che attivano la produzione di cellule del tessuto connettivo. Il processo è accompagnato dall'accumulo di sali di calcio, che non solo chiudono rapidamente il lume del vaso, ma portano anche alla graduale crescita della placca nella parete vascolare. Potrebbe finire con un'emorragia.

Metodi di diagnosi delle malattie

I metodi diagnostici differiscono per le diverse categorie di pazienti. Nei pazienti con gravi sintomi di ischemia, l'entità e la posizione dell'occlusione vascolare vengono identificate utilizzando metodi diagnostici invasivi e non invasivi. I fattori di rischio di malattia aiutano a identificare:

  • storia medica e esame fisico completo;
  • studi sul profilo lipidico;
  • studi sulla concentrazione di glucosio nel sangue.

Se solo un letto vascolare è danneggiato, tutte le sue sezioni vengono necessariamente esaminate.

Vari metodi di imaging delle placche aterosclerotiche vengono utilizzati per:

  • valutazione della morfologia e delle caratteristiche della lesione (angiografia TC, angiografia RM, ecografia);
  • rilevamento di temperatura elevata in depositi aterosclerotici con infiammazione attiva (termografia, angioscopia);
  • identificazione di placche ricche di lipidi (elastografia).

Inoltre, vengono utilizzati anche tomografia ottica strato per strato, risonanza magnetica e immunoscintigrafia, imaging PET..

Gli esami del sangue di laboratorio e l'analisi dei lipidi sono obbligatori. Un profilo lipidico espanso includerà il colesterolo totale, ad es. colesterolo di tutte le lipoproteine ​​del sangue. Comprende anche dati su:

  • lipoproteine ​​a bassa densità;
  • apoliproteine ​​B;
  • lipoproteine ​​ad alta densità;
  • apoliproteine ​​A1;
  • trigliceridi;
  • proteina C-reattiva.

Gli studi di laboratorio includono anche la determinazione del polimorfismo del gene della sintasi endoteliale e del gene per i fattori di coagulazione V e II.

A seconda del tipo di malattia, vengono prescritti metodi diagnostici specifici. Se si sospetta una lesione dei vasi degli arti inferiori, vengono prescritti campioni e test per identificare il grado di vasocostrizione. La scansione duplex a colori dei vasi sanguigni e l'ecografia intravascolare sono spesso prescritte per sospetta aterosclerosi dei vasi del cervello e del cuore, nonché per determinare lo stato della parete aortica. La tomografia computerizzata a spirale viene utilizzata per studiare le condizioni delle arterie coronarie e la reografia viene utilizzata per monitorare il flusso sanguigno in vari organi..

Trattamento dell'aterosclerosi

Il trattamento è sempre selezionato individualmente in base all'età del paziente, alle condizioni generali, alla presenza di malattie di terze parti, al grado di lesioni vascolari. Il trattamento di solito consiste in:

  • cambiamenti nello stile di vita;
  • terapia farmacologica;
  • medicina tradizionale.

Nei casi difficili che minacciano la vita del paziente, vengono utilizzati metodi chirurgici di emergenza. L'aterosclerosi negli anziani viene quasi sempre trattata solo con farmaci e raccomandazioni per cambiamenti nella dieta e possibile attività fisica..

Cambiamento dello stile di vita

Il paziente non dovrebbe solo cambiare la dieta, ma anche abbandonare le cattive abitudini, aumentare l'attività fisica.

La dieta per l'aterosclerosi prevede:

  • ridurre o eliminare i grassi animali dalla dieta;
  • eliminazione dei grassi trans;
  • mangiare molta frutta, frutti di mare, verdura;
  • mangiare più fibre vegetali;
  • rifiuto di una grande quantità di spezie, sale.

Con l'obesità e il sovrappeso, devi anche controllare la quantità di calorie consumate. La presenza di diabete mellito o ipertensione richiede il monitoraggio dell'equilibrio del sale marino. La dieta per problemi cardiaci e renali dovrebbe essere concordata con un nutrizionista per determinare la quantità accettabile di acqua, sale, zucchero.

L'aumento dell'attività fisica riduce la probabilità di sviluppare complicazioni come infarto, ictus, diabete mellito. Lunghe passeggiate, esercizi aerobici, acquagym o nuoto, ciclismo, yoga hanno dimostrato di ridurre il peso e migliorare le condizioni dei vasi sanguigni..

Terapia farmacologica

La terapia farmacologica comprende farmaci antipiastrinici come l'aspirina e farmaci del gruppo delle teinopiridine. Le statine saranno prescritte a pazienti che presentano uno dei seguenti:

  • malattie cardiovascolari sintomatiche;
  • età da 40 a 75 anni con alterato metabolismo lipidico e diabete mellito;
  • età dai 40 ai 75 anni con presenza di diversi fattori di rischio per lo sviluppo di malattie cardiovascolari aterosclerotiche.

La terapia con statine si riferisce ad alta intensità, ma non viene utilizzata come terapia ipolipemizzante.

Insieme alle statine, vengono prescritti:

  • ACE inibitori;
  • bloccanti del recettore dell'angiotensina;
  • sequestranti degli acidi biliari;
  • fibrati;
  • prodotti a base di trigliceridi omega-3;
  • inibitori della proproteina convertasi, ecc..

Gli ACE-inibitori aiutano a prevenire l'effetto dell'angiotensina che porta alla disfunzione endoteliale e ai successivi processi infiammatori. Gli inibitori di PCSK9 appartengono a una nuova generazione di farmaci ipolipemizzanti e sono anticorpi monoclonali che riducono le lipoproteine ​​a bassa densità nel sangue fino al 70%. I farmaci del gruppo tiazolidinedione aiutano a controllare il lavoro dei geni pro-infiammatori, ma devono essere assunti sotto stretto controllo. L'uso a lungo termine provoca complicazioni coronariche.

Per la prevenzione e il trattamento dell'iperomocisteinemia, puoi assumere acido folico e preparati di acido nicotinico. Le vitamine B12 e B6 hanno anche un effetto positivo sull'abbassamento dei livelli di omocisteina, migliorano la nutrizione dei tessuti e aiutano a migliorare il funzionamento del sistema circolatorio..

Fibrati o derivati ​​dell'acido fibrico accelerano l'utilizzo dei grassi attivando la lipoproteina lipasi. Come risultato dell'assunzione di farmaci, non solo aumenta il tasso di ossidazione dei lipidi, ma anche il metabolismo del glucosio. I fibrati migliorano la nutrizione vascolare e prevengono la rottura della placca aterosclerotica.

Le formulazioni di trigliceridi Omega-3 hanno diversi effetti:

  • antinfiammatorio;
  • ipolipemizzante;
  • immunomodulante;
  • antipiastrinica;
  • anticoagulante.

Sono utilizzati attivamente sia nella terapia tradizionale che per la profilassi quando il colesterolo totale è elevato. L'uso regolare aiuta a ridurre il rischio di sviluppare complicanze dell'aterosclerosi come infarto e ictus.

Tutti i farmaci per l'aterosclerosi devono essere assunti continuamente e nel dosaggio prescritto dal medico..

Prevenzione delle malattie

La prevenzione primaria dell'aterosclerosi inizia con l'identificazione dei fattori dei disturbi del metabolismo lipidico e del rischio di sviluppare la malattia nel paziente. I mezzi di prevenzione primaria includono:

  • aumento dell'attività fisica;
  • aderenza a una corretta alimentazione;
  • smettere di fumare, bere alcolici;
  • trattamento della dislipidemia;
  • controllo del livello di pressione;
  • sbarazzarsi del peso in eccesso;
  • trattamento del diabete e dell'ipertensione (se presente).

È necessario escludere dalla dieta cibi contenenti una grande quantità di grassi animali, spezie, sale, conservanti. Più frutta e verdura fresca (almeno 400 g al giorno), frutti di mare, noci, pesce, miele, cereali vengono introdotti nel menu del giorno. Questi alimenti supportano la regolazione naturale dei livelli di zucchero nel sangue e di colesterolo, la perdita di peso e il benessere generale..

La prevenzione secondaria dell'aterosclerosi include l'uso di farmaci e cambiamenti dello stile di vita volti a ridurre il rischio di complicanze, ricadute e sviluppo di malattie con malattie cardiovascolari esistenti. Con diabete mellito, aneurisma aortico, aterosclerosi carotidea sintomatica, ecc. In termini di rischio equivalente, il rispetto delle condizioni di prevenzione secondaria è obbligatorio, da allora il rischio di sviluppare complicanze aumenta al 75%.

Complicazioni della malattia

Il principale pericolo di aterosclerosi sono le sue complicanze. A causa del ridotto apporto di sangue, i tessuti del corpo iniziano a ricevere meno ossigeno e sostanze nutritive, il che porta allo sviluppo di ischemia. L'ischemia prolungata provoca la morte cellulare e l'insufficienza d'organo.

Le complicanze più comuni della malattia includono:

  • cardiopatia ischemica;
  • infarto del miocardio (si verifica con danni alle arterie coronarie nel 95% dei casi);
  • attacco ischemico transitorio;
  • insufficienza mesenterica secondaria;
  • trombosi mesenterica;
  • aneurisma aortico;
  • cancrena intestinale;
  • fallimento renale cronico.

Un insufficiente apporto di sangue al cervello provoca lo sviluppo di:

  • deviazioni mentali (disturbi della memoria, disorientamento nel tempo e nello spazio, diminuzione dell'intelligenza, disturbi emotivi, ecc.);
  • infarto cerebrale;
  • ictus emorragico.

Le conseguenze di un ictus non sono solo disturbi mentali irreversibili, ma anche disabilità. L'aterosclerosi degli arti inferiori può portare a cancrena e perdita della gamba colpita.

L'aterosclerosi si riferisce a malattie croniche del sistema cardiovascolare, che è caratterizzato dalla deposizione di placche di colesterolo sulle pareti interne dei vasi sanguigni. Lo sviluppo della malattia può portare al blocco completo del lume del vaso e allo sviluppo di ischemia tissutale. Ci sono molte ragioni per la comparsa dell'aterosclerosi: è eredità, dieta scorretta, traumi e stress frequente. Se si sospetta aterosclerosi, vengono prescritti studi di laboratorio e strumentali per identificare il tipo di lesione, la dimensione e la natura delle placche e la tendenza a sviluppare complicanze. Il paziente può essere inoltre inviato per la consultazione con specialisti ristretti (oftalmologo, neurologo, cardiologo, ecc.) Dopo l'esame. Il trattamento della malattia è sempre complesso e consiste in cambiamenti nello stile di vita, terapia farmacologica e dieta costante..


Articolo Successivo
Scopri le tariffe ESR nei bambini