Cosa può dire la proteina totale del sangue: la norma, le ragioni della sua diminuzione e aumento


La proteina totale nel siero del sangue è la concentrazione di albumina e globuline della componente liquida del sangue in totale, espressa quantitativamente. Questo indicatore è misurato in grammi / litro..

Le frazioni proteiche e proteiche sono composte da amminoacidi complessi. Le proteine ​​del sangue prendono parte a vari processi biochimici del nostro corpo e servono a trasportare nutrienti (lipidi, ormoni, pigmenti, minerali, ecc.) O componenti medicinali a vari organi e sistemi.

Agiscono anche come catalizzatori e svolgono le difese immunitarie del corpo. La proteina totale serve a mantenere un pH costante dell'ambiente circolante e prende parte attiva nel sistema di coagulazione. A causa delle proteine, tutti i componenti del sangue (leucociti, eritrociti, piastrine) sono presenti nel siero in sospensione. È la proteina che determina il riempimento del letto vascolare..

La proteina totale può essere utilizzata per giudicare lo stato di emostasi, perché a causa delle proteine, il sangue ha caratteristiche come la fluidità e una struttura viscosa. È da queste qualità del sangue che dipende il lavoro del cuore e dell'intero sistema cardiovascolare..

Lo studio delle proteine ​​totali del sangue si riferisce all'analisi biochimica ed è uno dei principali indicatori per la diagnosi di varie malattie, inoltre è incluso nell'elenco obbligatorio degli studi durante l'esame clinico per alcuni gruppi di popolazione.

Norme sulla concentrazione di proteine ​​sieriche per diverse categorie di età:

categoriaNorm / donneNorm / uomini
Neonato42-62 g / l41-63 g / l
Bambini sotto 1 anno44-79 g / l47-70 g / l
Bambini da 1 a 4 anni60-75 g / l55-75 g / l
Bambini dai 5 ai 7 anni53-79 g / l52-79 g / l
Ragazzi dagli 8 ai 17 anni58-77 g / l56-79 g / l
Adulti 22-34 anni75-79 g / l82-85 g / l
Adulti 35-59 anni79-83 g / l76-80 g / l
Adulti 60-74 anni74-77 g / l76-78 g / l
Più di 75 anni69-77 g / l73-78 g / l

Determina senza errori le proteine ​​totali del sangue durante la diagnosi:

  • malattie renali, malattie del fegato
  • processi infettivi acuti e cronici di varia natura
  • ustioni, cancro
  • disturbi metabolici, anemia
  • malnutrizione e malnutrizione, malattie gastrointestinali - per valutare il grado di malnutrizione
  • una serie di malattie specifiche
  • come 1 tappa in un esame completo della salute del paziente
  • valutare le riserve del corpo prima dell'intervento chirurgico, le procedure mediche, l'assunzione di farmaci, l'efficacia del trattamento e determinare la prognosi della malattia attuale

Le indicazioni delle proteine ​​totali del sangue consentono di valutare le condizioni del paziente, la funzione dei suoi organi e apparati nel mantenimento del corretto metabolismo proteico, oltre a determinare la razionalità della nutrizione. In caso di deviazione dal valore normale, lo specialista prescriverà un ulteriore esame per identificare la causa della malattia, ad esempio uno studio delle frazioni proteiche, che può mostrare la percentuale di albumina e globuline nel siero del sangue.

Le deviazioni dalla norma possono essere:

  • Deviazioni relative sono associate a cambiamenti nella quantità di acqua nel sangue circolante, ad esempio durante l'infusione o, al contrario, con un'eccessiva sudorazione.
  • Quelli assoluti sono causati da un cambiamento nel tasso di metabolismo delle proteine. Possono essere causati da processi patologici che influenzano la velocità di sintesi e degradazione delle proteine ​​sieriche o fisiologici, come la gravidanza.
  • Le deviazioni fisiologiche dalla norma delle proteine ​​totali nel siero del sangue non sono associate a malattie, ma possono essere causate dall'assunzione di cibi proteici, dal riposo a letto prolungato, dalla gravidanza, dall'allattamento o dai cambiamenti nel carico idrico e dal lavoro fisico pesante.

Qual è la diminuzione della concentrazione di proteine ​​totali nel siero??

I livelli ridotti di proteine ​​totali nel sangue sono chiamati ipoproteinemia. Questa condizione può essere osservata in processi patologici, ad esempio, come:

  • epatite parenchimale
  • sanguinamento cronico
  • anemia
  • perdita di proteine ​​nelle urine nella malattia renale
  • dieta, digiuno, assunzione insufficiente di cibi proteici
  • aumento della disgregazione proteica associata a disturbi metabolici
  • intossicazione di varia natura
  • febbre.

L'ipoproteinemia fisiologica dovrebbe essere annotata separatamente, ad es. condizioni non associate al decorso dei processi patologici (malattia). Si può osservare una diminuzione delle proteine ​​totali del sangue:

  • nell'ultimo trimestre di gravidanza
  • durante l'allattamento
  • con carichi pesanti prolungati, ad esempio, durante la preparazione degli atleti per le competizioni
  • con inattività fisica prolungata, ad esempio, in pazienti allettati

Sintomaticamente, una diminuzione della concentrazione di proteine ​​totali nel sangue può essere espressa dalla comparsa di edema tissutale. Questo sintomo di solito si manifesta con una significativa diminuzione delle proteine ​​totali, inferiore a 50 g / l.

Cosa indica un aumento delle proteine ​​sieriche totali??

Un aumento significativo della concentrazione di proteine ​​totali nel sangue è chiamato iperproteninemia. Questa condizione non può essere osservata durante i normali processi fisiologici, il che significa che si sviluppa solo in presenza di patologia, in cui si verifica la formazione di proteine ​​patologiche..

Ad esempio, un aumento delle proteine ​​totali nel sangue può indicare lo sviluppo di una malattia infettiva o una condizione in cui si verifica la disidratazione (ustioni, vomito, diarrea, ecc.).

L'aumento delle proteine ​​totali non può essere accidentale; in questo caso si consiglia di rivolgersi al più presto possibile al medico per ulteriori esami. Solo uno specialista può stabilire la causa, fare la diagnosi corretta e prescrivere un trattamento efficace.

Malattie in cui c'è una diminuzione e un aumento delle proteine ​​totali nel sangue:

Diminuzione delle proteine ​​totali del sangueElevate proteine ​​ematiche totali
  • Interventi chirurgici
  • Processi tumorali
  • Malattie del fegato (epatite, cirrosi, tumori e metastasi)
  • Glomerulonefrite
  • Malattie del tratto gastrointestinale (pancreatite, enterocolite)
  • Emorragia acuta e cronica
  • Brucia la malattia
  • Tireotossicosi
  • Anemie
  • B-n Wilson-Konovalov (eredità)
  • Pleurite
  • Ascite
  • Febbre
  • Diabete
  • Lesioni e politrauma
  • Terapia infusionale (infusione di grandi volumi)
  • Intossicazione, avvelenamento
  • Mieloma multiplo
  • Artrite reumatoide
  • Epatite cronica
  • Cirrosi epatica
  • Lupus eritematoso sistemico
  • Linforganulomatosi
  • Sclerodermia
  • Ustioni estese
  • Emorragia massiccia
  • Diabete insipido
  • Avvelenamento e infezioni che accompagnano vomito e diarrea
  • Blocco intestinale
  • Nefrite
  • Colera
  • Sepsi
  • Tumore maligno
  • Allergie

Come prepararsi per la consegna di test biochimici?

  • La consegna di test biochimici, comprese le proteine ​​totali, non richiede una preparazione speciale, ma va ricordato che vengono somministrati al mattino a stomaco vuoto. Il pasto precedente dovrebbe essere non più tardi di 8 e preferibilmente 12 ore prima della procedura.
  • Il giorno prima del test, è meglio non assumere molti cibi proteici.
  • Non bere troppi liquidi
  • Evita un'attività fisica intensa.

Tutti questi fattori possono influenzare il vero risultato dell'analisi in una direzione o nell'altra..

Aumento delle proteine ​​nel sangue cosa significa, cause e trattamento

Ipoproteinemia fisiologica

L'ipoproteinemia di natura fisiologica è un processo che si osserva spesso nei bambini o nelle donne durante la gravidanza, spesso nel terzo trimestre, durante l'allattamento o nelle persone che osservano il riposo a letto a lungo termine.

Un possibile cambiamento nella percentuale di proteine ​​può essere osservato con un forte aumento o diminuzione del volume di sangue che circola attraverso il corpo. Con l'idremia (carico di acqua o, poiché questa malattia è anche chiamata "avvelenamento da acqua"), può verificarsi ipoproteinemia, mentre l'iperproteinemia può svilupparsi durante la disidratazione / disidratazione.

L'ipoproteinemia assoluta può essere osservata nei seguenti casi:

  • Carenza di assunzione di proteine ​​nel corpo a causa di frequenti malnutrizione e fame, restringimento dell'esofago o disfunzione del tratto gastrointestinale.
  • Malattie infiammatorie che si verificano nell'intestino e compromettono la digestione e l'assorbimento delle proteine.
  • In caso di interruzione dell'attività e del funzionamento del fegato, a causa della quale si manifestano cirrosi ed epatite, lesioni tossiche e carcinomi e, peggio ancora, metastasi di tumori al fegato.
  • Emorragia acuta e cronica e ustioni estese, malattie renali frequenti, sindrome nefrosica
  • Catabolismo aumentato, o, in altre parole, disgregazione proteica dovuta a ipertermia prolungata o ustioni termiche e tireotossicosi
  • Attività fisica e cancro
  • Ridistribuzione delle proteine, ovvero il loro rilascio dai vasi sanguigni e la creazione di trasudati ed essudati.

Il fenomeno opposto - iperproteinemia assoluta, può essere osservato meno spesso e di solito si manifesta nelle seguenti condizioni:

  • Processi infettivi e cronici, infiammatori nel corpo
  • Patologie autoimmuni come lupus eritematoso e reumatismi
  • Malattie oncologiche con sovrapproduzione di un numero di proteine ​​patologiche, vale a dire paraproteinemia.

Cause di alto contenuto di proteine ​​nel sangue

Le proteine ​​sono una componente essenziale per il funzionamento del corpo. I suoi diversi tipi sono coinvolti in tutti i processi biochimici. Partecipano alle difese immunitarie e alla coagulazione del sangue, trasferiscono varie sostanze (lipidi, minerali, pigmenti, ormoni, farmaci) a organi e tessuti, mantengono l'equilibrio del pH nel sangue, mantengono in sospensione gli elementi del sangue, ne assicurano la viscosità e la fluidità.

Tutte le proteine ​​contenute nel sangue e diverse per proprietà, struttura e scopo sono chiamate "proteine ​​totali". Il siero contiene globuline e albumina. Inoltre, c'è anche fibrinogeno nel plasma, quindi la proteina plasmatica totale è più alta del siero. Un esame del sangue consente di determinare sia il contenuto totale che la concentrazione delle singole frazioni. Se la proteina sierica è elevata, si parla di iperproteinemia.

Norma

In età diverse, il proprio tasso di concentrazione di proteine:

  • da 43 a 68 g / litro - per i neonati;
  • da 48 a 72 - per bambini sotto 1 anno;
  • da 51 a 75 anni - per bambini da 1 a 4 anni;
  • da 52 a 78 anni - per bambini da 5 a 7 anni;
  • da 58 a 78 anni - per bambini da 8 a 15 anni;
  • da 65 a 80 - per adulti;
  • da 62 a 81 - per persone dai 60 anni.

Il suo livello generale viene utilizzato per valutare il grado di disturbi del metabolismo delle proteine ​​nel corpo. La determinazione della sua concentrazione è necessaria nella diagnosi di cancro, malattie renali ed epatiche, con gravi ustioni, disturbi nutrizionali. Un aumento delle proteine ​​indica un malfunzionamento nel corpo. Solo per questo indicatore, la causa non può essere stabilita, sono necessarie ulteriori ricerche.

Motivi dell'aumento

L'iperproteinemia è assoluta e relativa..

L'ingrandimento assoluto è piuttosto raro. È causato dalla produzione di proteine ​​anomale, dall'aumentata sintesi di immunoglobuline o dall'intensa produzione di proteine ​​durante il periodo acuto della malattia. In questo caso, le ragioni dell'aumento delle proteine ​​possono essere le seguenti:

  1. Poliartrite cronica.
  2. morbo di Hodgkin.
  3. Cirrosi epatica.
  4. Epatite cronica.
  5. Malattie infettive croniche e acute.
  6. Avvelenamento del sangue.
  7. Malattie autoimmuni (sarcoidosi, lupus eritematoso, artrite reumatoide).
  8. Un livello particolarmente elevato di proteine ​​si osserva nell'emoblastosi paraproteinemica: malattia di Waldenstrom, mieloma e altri. La sua concentrazione può raggiungere circa 120-160 g / litro..

L'iperproteinemia assoluta è osservata in molte malattie gravi, comprese quelle infettive, oncologiche, autoimmuni e altre

Per quanto riguarda l'aumento relativo delle proteine, è dovuto al fatto che il sangue diventa più denso a causa della disidratazione. Le ragioni di questa condizione possono essere le seguenti:

  1. Occlusione intestinale.
  2. Diabete insipido.
  3. Gravi ustioni.
  4. Grave trauma.
  5. Sanguinamento acuto.
  6. Diarrea abbondante.
  7. Vomito grave.
  8. Colera.
  9. Peritonite generalizzata.
  10. Sudorazione aumentata.
  11. Chetoacidosi diabetica.
  12. Nefrite cronica.

La concentrazione di proteine ​​può aumentare anche nelle persone sane. In questi casi, si alza per un breve periodo e torna rapidamente alla normalità. Si osserva una falsa iperproteinemia:

  • quando un laccio emostatico viene applicato all'avambraccio durante il prelievo di sangue;
  • durante lo sforzo fisico;
  • quando ci si alza improvvisamente dal letto, cioè si cambia la posizione orizzontale in verticale.

Conclusione

La proteina totale in un esame del sangue biochimico non ha un valore diagnostico particolare. Eventuali deviazioni dalla norma richiedono ulteriori ricerche. Se nel sangue si riscontra un aumento del livello di proteine ​​totali, è necessario scoprire perché è successo. Nella maggior parte dei casi, questo è un segnale di un malfunzionamento nel corpo. Di regola, il suo livello elevato non può essere la norma. È necessario fissare rapidamente un appuntamento con un medico per l'esame, la diagnosi e il trattamento, poiché questa condizione può rappresentare un pericolo per la salute e la vita.

Preparazione per la ricerca

Non esiste una preparazione speciale per la donazione del sangue all'OBK. Quando si prescrive un'analisi, è necessario attenersi alle seguenti raccomandazioni:

  • il sangue deve essere donato a stomaco vuoto. L'ultimo pasto dovrebbe avvenire dalle 8 alle 12 ore prima di visitare la stanza del laboratorio;
  • il giorno prima della donazione del sangue, è necessario ridurre la quantità di cibo proteico nella dieta e anche rinunciare a cibi / cibi grassi, piccanti e fritti;
  • si consiglia di rifiutare l'assunzione di bevande alcoliche tre giorni prima dello studio;
  • devi annullare la tua visita in palestra o in piscina tre giorni prima dell'analisi;
  • prima di entrare in ufficio, devi sederti per circa 15 minuti e calmarti;
  • è necessario donare il sangue tra le 7 e le 11, poiché i valori di riferimento sono calcolati proprio per questo periodo;
  • se una persona sta assumendo farmaci, è consigliabile interrompere l'assunzione. Se ciò non è possibile, sarà necessario informarne il medico curante;
  • prima di donare il sangue per l'analisi, non è necessario partecipare ad alcuna procedura o sottoporsi a esami fisici, come le scansioni.

Il mancato rispetto delle raccomandazioni può distorcere i risultati della ricerca ottenuti.

Cos'è Total Protein

Sotto il concetto di "proteine ​​totali del sangue (proteine ​​totali)" i medici intendono la totalità di tutte le sostanze proteiche contenute nel plasma. Ce ne sono molti e svolgono un'ampia varietà di funzioni:

Partecipa alla coagulazione del sangue.
Mantenere la pressione plasmatica oncotica, che è estremamente importante per la formazione di urina e fluido tissutale. Una diminuzione della concentrazione di proteine ​​porta ad una diminuzione di questa pressione e allo sviluppo di edema..
Mantieni il pH del sangue al livello corretto.
Trasferisci sostanze da un organo all'altro

Ad esempio, il trasporto di colesterolo, bilirubina, ormoni.
Partecipare ai processi immunitari (gli anticorpi che proteggono il corpo umano dalle infezioni sono le immunoglobuline, cioè le proteine).
Creano una "riserva proteica". In caso di insufficiente apporto di sostanze proteiche dal cibo, le proteine ​​del sangue si scompongono in amminoacidi, necessari per la formazione delle cellule del muscolo cardiaco, del cervello e di altri organi estremamente importanti.
Regolano molti processi fisiologici nel corpo. La maggior parte degli enzimi, degli ormoni e di altre sostanze biologicamente attive hanno una struttura proteica.

La sintesi proteica avviene principalmente nel fegato e nel sistema immunitario. Pertanto, qualsiasi processo patologico in questi organi si riflette nel metabolismo delle proteine. La quantità totale di proteine ​​nel sangue dipende dall'equilibrio dei processi di formazione e decadimento delle due principali frazioni proteiche: albumina e globuline.

A cosa servono le proteine ​​nel sangue?

Le proteine ​​nel sangue e le loro funzioni sono necessarie affinché una persona funzioni normalmente. Per questo motivo, quando la proteina determinata nell'analisi del sangue non è normale, ciò indica la presenza di alcuni processi patologici

Per capire l'importanza delle proteine ​​nell'organismo, bisogna rispondere alla domanda: che cos'è? Le proteine ​​sono il principale elemento costitutivo di tessuti e organi. Nel corpo, è richiesto per i seguenti processi:

  • Garantire il normale flusso sanguigno.
  • Coinvolgimento nel sistema immunitario.
  • Normale funzione muscolare.
  • Funzione immunitaria: la proteina forma anticorpi;
  • Garantire una normale coagulazione del sangue.
  • Trasporto completo delle sostanze nutritive nel corpo.
  • Conservazione di componenti uniformi del plasma sanguigno.
  • Rinnovamento completo delle cellule dei tessuti.
  • Mantenere un normale volume di fluido nel sangue.
  • Riserva l'accumulo di aminoacidi.
  • Mantenere normali livelli di ferro nel sangue.
  • Mantenere un volume di sangue sufficiente nei capillari e nei piccoli vasi.

Le proteine ​​svolgono molte funzioni nel corpo umano, il che mostra la loro indispensabilità

È molto importante sapere quante proteine ​​dovrebbero essere contenute nel sangue e in modo tempestivo identificare le deviazioni nella loro quantità dalla norma

Se si riscontrano maggiori indicatori in un bambino

Per determinare con sicurezza la causa, è necessario sottoporsi a un esame. L'unica cosa che non dovresti fare è farsi prendere dal panico.

Presta attenzione alle condizioni generali del bambino: se c'è letargia, temperatura. Quando non ci sono sintomi allarmanti, il bambino continua a condurre uno stile di vita attivo, non ha senso preoccuparsi in anticipo

Risultati inaffidabili

In alcuni casi, l'eccesso della norma è semplicemente spiegato dall'errore dei risultati. I bambini sono intrinsecamente molto mobili e l'affidabilità del risultato del test dipende da molti fattori. Prima di iniziare la procedura, non dovresti correre o saltare molto: una maggiore attività fisica può distorcere gli indicatori proteici. Dopo il suo completamento, non puoi nemmeno saltare bruscamente, devi sdraiarti un po 'o sederti in silenzio.

Se non rispetti queste regole, puoi ottenere informazioni non del tutto veritiere. In questi casi, viene prescritto un secondo esame del sangue..

Disidratazione del corpo

Quando un bambino perde molti liquidi, il sangue diventa più viscoso e inizia la produzione di molecole proteiche. Questo accade con la perdita di sangue, patologie intestinali. A volte il motivo può essere nell'intossicazione del corpo a causa dell'avvelenamento con prodotti di bassa qualità, surriscaldamento al sole e fumi tossici di pitture e vernici che entrano nei polmoni. L'avvelenamento è solitamente accompagnato da feci sconvolte, vomito abbondante.

La ragione dello squilibrio nell'equilibrio idrico può essere la più comune: è un'attività fisica intensa. I bambini si muovono molto: corrono, saltano, giocano all'aperto. Se il bambino fa anche sport o danza, il suo corpo ha doppiamente bisogno di reintegrare la perdita di liquidi.

Processi patologici

Non ci sono ancora le ragioni più innocue per l'aumento del livello di proteine ​​totali nei bambini. Quando si tratta di malattia, questo è un segnale sicuro dello sviluppo del processo infiammatorio..

Cosa sono le proteine ​​e il suo ruolo nel corpo

L'analisi per le proteine ​​totali del sangue mostra la concentrazione di molecole proteiche nel plasma, che consente di determinare se il metabolismo degli amminoacidi è normale, nonché di valutare il lavoro delle funzioni riparatrici. Le proteine ​​sono gli elementi costitutivi di base di tutte le cellule del corpo, se ne viene fornita una quantità sufficiente, tutti i sistemi di organi funzionano normalmente.

Esistono centinaia di diversi tipi di proteine ​​nel corpo umano, ma sono tutte sintetizzate nel fegato.

Per questi motivi, la salute di questo organo è molto importante, un fegato che funzioni correttamente è in realtà la chiave per un metabolismo proteico sano.

Nell'analisi per le proteine ​​totali, viene prestata particolare attenzione a tre componenti principali, sono:

  1. Albume. Le proteine ​​a basso peso molecolare sono l'elemento costitutivo principale, da esso dipendono la produzione di nuove cellule e il mantenimento della struttura integrale di quelle esistenti. È il principale costituente delle proteine ​​totali (oltre il 50%).
  2. Globulina. Da queste sostanze dipende la grande proteina molecolare, la capacità del corpo di sintetizzare anticorpi e proteine ​​responsabili del mantenimento dell'immunità e della lotta contro batteri e virus nocivi. Questo include anche mediatori infiammatori, proteina c-reattiva, ecc..
  3. Fibriogen. Proteina ad alto peso molecolare che influenza direttamente la coagulazione del sangue. Con il suo eccesso, il rischio di coaguli di sangue aumenta in modo significativo. I fibriogeni sono il gruppo più piccolo nella composizione proteica totale.

Le proteine ​​che compongono il sangue giocano un ruolo importante, da questo dipende la vitalità del corpo. Le funzioni più importanti sono le seguenti:

  • trasferimento di ossigeno, oligoelementi e sostanze nutritive;
  • rimozione di prodotti metabolici da organi e tessuti;
  • mantenere l'immunità e aiutare nella lotta contro le malattie virali; recupero dopo infortuni (graffi, ferite, fratture, ecc.);
  • mantenere la pressione sanguigna normale regolando la viscosità del sangue e la coagulazione del sangue;
  • accumulo di amminoacidi essenziali.

Qualsiasi deviazione dalla norma verso l'alto o verso il basso sono sintomi di malattie. Nella stragrande maggioranza dei casi, per riportare il livello proteico alla normalità, è necessario il trattamento della malattia che ha provocato lo squilibrio.

Cosa mostrano le proteine ​​nel sangue?

Lo stato del metabolismo degli amminoacidi può essere determinato dal contenuto di proteine ​​nel sangue. Le proteine, infatti, sono un indicatore delle capacità rigenerative dell'organismo e della sua resistenza alle condizioni avverse, perché sono le proteine ​​che sono i "mattoni" di cellule e tessuti, conferendo loro elasticità e forza.

La proteina totale ha 3 frazioni:

  • Albumina. Costituiscono la maggior parte delle proteine. Queste proteine ​​a basso peso molecolare forniscono al corpo il materiale per mantenere la struttura e costruire le cellule.
  • Globuline. Assorbe circa il 45% di tutte le proteine. Queste sono proteine ​​di grande peso molecolare. Consente la sintesi delle proteine ​​immunitarie.
  • Fibrinogeno. Occupa la parte più piccola delle proteine. È una proteina ad alto peso molecolare. Responsabile della coagulazione del sangue.

Ricorda! Le proteine ​​sono l'elemento costitutivo principale delle cellule e dei tessuti del corpo.

Diverse frazioni proteiche sono responsabili di compiti importanti: sintesi cellulare, mantenimento dell'immunità e coagulazione del sangue.

Inoltre, le proteine ​​forniscono nutrienti e farmaci agli organi necessari. Inoltre, le proteine ​​controllano il riempimento del letto vascolare e l'equilibrio di eritrociti, piastrine e leucociti. Le proteine ​​sono responsabili delle proprietà del sangue come la fluidità e la viscosità. Quindi influenza direttamente l'emostasi, influenzando il lavoro dei vasi sanguigni e del cuore.

Motivi per aumentare le proteine

Qualsiasi deviazione dai valori normali indica la presenza di varie malattie, mentre i valori più bassi sono molto più comuni. Un aumento delle proteine ​​indica malattie più specifiche. Si divide in tre tipologie:

  • assoluto;
  • parente;
  • marker di anomalie fisiologiche nel corpo.

Un aumento assoluto è molto spesso il risultato di:

  • oncologia;
  • la presenza di infezioni gravi in ​​forma acuta;
  • processi infiammatori;
  • disturbi autoimmuni.

Il relativo aumento della concentrazione proteica indica:

  • infezioni intestinali;
  • tossicosi;
  • la presenza di gravi emorragie (lacrime interne, lesioni, ecc.);
  • overdose di farmaci e corticosteroidi;
  • blocco intestinale.

Il terzo tipo è costituito da fattori di potenziamento delle proteine ​​naturali. Può trattarsi di un'abbondante assunzione di cibi proteici, attività fisica attiva (praticare sport pesanti, ecc.). Anche l'allattamento al seno del bambino può causare un aumento delle proteine ​​del sangue. Anche un brusco rialzo da una posizione sdraiata può distorcere i risultati dell'analisi..

L'assunzione di farmaci ormonali e steroidei influisce anche sui risultati dell'analisi, distorcendoli verso l'alto.

Pertanto, al fine di effettuare una diagnosi accurata, è importante tenere conto di quali farmaci il paziente ha recentemente assunto, della sua occupazione e anche di raccogliere una storia completa. Ciò è necessario, poiché un eccesso di proteine ​​indica solo la presenza di patologia, ma senza ulteriori esami è impossibile determinare la causa esatta

Cosa devi fare prima di fare i test?

Gli esami biochimici del sangue possono essere effettuati in un laboratorio privato su vostra richiesta o su indicazione di un medico. In entrambi i casi, non è richiesta alcuna preparazione specifica prima della donazione del sangue, ad eccezione delle misure standard. Il sangue dovrebbe essere prelevato al mattino a stomaco vuoto, idealmente l'ultimo pasto dovrebbe essere 8-12 ore prima.

Affinché i risultati siano il più precisi possibile, non è consigliabile consumare molti alimenti proteici il giorno prima. Non puoi bere troppa acqua e ancora più alcol, dovresti anche evitare l'attività fisica attiva almeno un giorno prima dell'analisi. In caso contrario, i risultati non saranno corretti..

Proteine ​​nel sangue durante la gravidanza

L'iperproteinemia può essere osservata anche nelle donne in posizione. Le proteine ​​totali e la loro concentrazione sono considerate alcuni degli importanti indicatori dello stato di salute. È responsabile del processo metabolico e mantiene l'immunità al livello corretto, quindi una donna incinta deve fare tutti i test in tempo per tenere la situazione sotto controllo.

Le proteine ​​sono la base del tessuto connettivo, che è responsabile della forza di molti elementi del corpo. Quando la futura mamma ha un contenuto normale di molecole proteiche, il lavoro di organi e sistemi procede senza intoppi.

Perché gli indicatori sono aumentati?

Se i motivi non sono legati alla gravidanza, ciò può verificarsi con una violazione del bilancio idrico, esacerbazione di malattie croniche, sviluppo di processi infiammatori. A volte ciò è dovuto all'intossicazione del corpo..

Come la gravidanza influisce sui livelli di proteine?

I suoi indicatori suscitano sempre un maggiore interesse tra i medici che monitorano le condizioni di una donna incinta. Nella futura mamma, la concentrazione di proteine ​​totali a volte aumenta. Indica malattia renale o disidratazione..

Soprattutto spesso c'è un eccesso della norma alla fine del termine, quando il bambino dovrebbe nascere presto. Quindi molte donne incinte sperimentano la diarrea, che porta alla perdita di liquidi e ad un aumento del livello delle molecole proteiche nel sangue. Per motivi di sicurezza, si raccomanda di monitorare nel periodo di tutti gli indicatori critici sulla base dei risultati delle analisi.

Se il sangue diventa più viscoso sotto l'influenza di cambiamenti patologici, ciò impedirà la saturazione del liquido amniotico con componenti utili. Quando il bambino ha una grave mancanza di sostanze nutritive, può morire..

In caso di rilevamento di un aumento del contenuto di proteine ​​totali nel sangue, assicurarsi di consultare un medico, quindi lo sviluppo della patologia può essere interrotto in una data precedente e ci sarà meno pericolo per la salute.

Quali indicazioni contribuiscono allo scopo dell'analisi

  1. Malattie croniche, comprese quelle infettive
  2. Malattie sistemiche, collagenosi
  3. Malattie del fegato e dei reni
  4. Problemi alimentari
  5. Brucia le reazioni
  • Malattie con la lettera A
    • avitaminosi
    • angina
    • anemia
    • appendicite
    • pressione sanguigna
    • artrosi
  • B
    • Malattia di Graves
    • bartolinite
    • bianchi
    • verruche
    • brucellosi
    • borsite
  • NEL
    • vene varicose
    • vasculite
    • varicella
    • vitiligine
    • HIV
    • lupus
  • D
    • gardnerellosi
    • emorroidi
    • idrocefalo
    • ipotensione
    • fungo
  • D
    • dermatite
    • diatesi
    • encefalopatia
  • E
  • F
    • colelitiasi
    • wen
  • Z
  • E
  • PER
    • candidosi
    • tosse
    • climax
    • colpite
    • congiuntivite
    • orticaria
    • rosolia
  • L
    • leucoplachia
    • leptospirosi
    • linfoadenite
    • privare l'uomo
    • lordosi
  • M
    • mastopatia
    • melanoma
    • meningite
    • fibromi uterini
    • calli
    • tordo
    • mononucleosi
  • H
    • rinorrea
    • neurodermite
  • DI
    • oliguria
    • intorpidimento
    • dermatite da pannolino
    • osteopenia
    • edema cerebrale
    • Edema di Quincke
    • gonfiore delle gambe
  • P
    • gotta
    • psoriasi
    • ernia ombelicale
    • sperone calcaneare
  • R
    • cancro ai polmoni
    • cancro mammario
    • reflusso esofageo
    • voglie
    • acne rosacea
    • erisipela
  • A PARTIRE DAL
    • salmonellosi
    • sifilide
    • scarlattina
    • concussione
    • stafilococco
    • stomatite
    • convulsioni
  • T
    • tonsillite
    • tremore
    • crepe
    • tricomoniasi
    • tubercolosi polmonare
  • Avere
    • ureaplasmosi
    • uretrite
  • F
    • faringite
    • flusso di gomma
  • X

  • Sh
    • urto sulla gamba
    • rumore nella testa
  • U
  • E
    • eczema
    • enterocolite
    • erosione cervicale
  • YU
  • io
  • Analisi del sangue
  • Analisi delle urine
  • Dolore, intorpidimento, lesioni, gonfiore
  • La lettera a

  • Lettera b
  • Lettera G
  • Lettera K
  • NEL
  • D
  • Progressi in medicina
  • Z
  • Malattie degli occhi
  • Malattie gastrointestinali
  • Malattie del sistema genito-urinario

    Problemi respiratori

  • Malattie durante la gravidanza
  • Malattie del cuore e del sistema circolatorio
  • Malattie nei bambini
  • La salute della donna
  • Salute dell'uomo
  • Fatti interessanti
  • Malattie infettive
  • Malattie della pelle
  • la bellezza
  • L
  • Piante medicinali
  • Malattie ORL
  • M
  • Neurologia
  • Notizie di medicina
  • P
  • Parassiti e umani
  • R
    • Varie_1
    • Gambero
  • Malattie reumatiche
  • A PARTIRE DAL
  • Sintomi

  • Odontoiatria
  • T
  • Avere
  • F
  • E
  • Endocrinologia

Proteine ​​totali nel sangue

Definizione e significato clinico

Le proteine ​​totali del sangue sono uno degli indicatori del metabolismo degli amminoacidi nel corpo, che caratterizza la concentrazione di molecole proteiche di tutti i tipi e frazioni nel plasma. Possiamo dire che questo indicatore dei prodotti del metabolismo proteico è un'immagine speculare delle capacità rigenerative del corpo. Dopotutto, le proteine ​​svolgono il ruolo di una sorta di telaio o materiale plastico su cui sono contenuti tutti gli altri elementi di cellule e tessuti. Se questo substrato è sufficiente, qualsiasi organo o sistema rimane completo, sia strutturalmente che funzionalmente..

L'intera proteina del corpo umano è rappresentata da più di cento sottospecie diverse. Queste proteine ​​possono essere costituite solo da un insieme di aminoacidi, oppure possono contenere vari composti di proteine ​​di diverso peso molecolare con altri prodotti metabolici (lipidi, carboidrati, elettroliti sotto forma di glicoproteine, lipoproteine ​​ed emoglobina, ecc.) Il loro metabolismo, in particolare la sintesi, oppure altrimenti succede nel fegato. Pertanto, l'utilità funzionale di questo organo è il principale regolatore del metabolismo delle proteine..

L'indicatore delle proteine ​​totali del plasma sanguigno riflette la prontezza del corpo in modo tempestivo e adeguato a rispondere a eventuali disturbi imprevisti nella struttura o nel funzionamento di tutti gli organi e sistemi. In questo caso, la frazione globulinica caratterizza l'immunità, il fibrinogeno - meccanismi di coagulazione e l'albumina - tutte le altre capacità riparatrici!

I componenti principali delle proteine ​​totali, che vengono determinati nel corso della ricerca biochimica, sono:

Albumina - proteine ​​a basso peso molecolare che forniscono tutto il fabbisogno plastico del corpo nel materiale da costruzione per mantenere la struttura e la sintesi di nuove cellule. Componi la maggior parte delle proteine ​​totali;

Le globuline sono proteine ​​a grande molecola necessarie per la sintesi di anticorpi, immunoglobuline e altre proteine ​​immunitarie (componenti del complemento, proteina c-reattiva, mediatori infiammatori, fattore di necrosi tumorale, ecc.) Nella struttura della proteina totale occupano poco meno della metà del volume;

Il fibrinogeno è una proteina ad alto peso molecolare che partecipa alla fase finale della formazione di un coagulo piastrinico ed è responsabile dell'utilità del sistema di coagulazione del sangue. Rappresenta la quantità più piccola di tutti i componenti delle proteine ​​totali.

Il tasso di proteine ​​totali nel sangue

Ciascuno degli indicatori di un esame del sangue biochimico ha le proprie unità di misura e valori standard con i quali devono essere confrontati i risultati ottenuti durante lo studio. Per quanto riguarda la proteina totale e le sue frazioni, i seguenti indicatori di norma sono considerati generalmente accettati:

A seconda del tipo di frazione proteica:

Aumento delle proteine ​​del sangue

7 minuti Autore: Lyubov Dobretsova 1303

  • Frazioni proteiche nel sangue
  • Funzioni delle proteine
  • Studio di laboratorio delle frazioni proteiche
  • Valori normali
  • Superamento dei valori normali
  • Sintomi
  • Risultato
  • Video collegati

Le proteine ​​plasmatiche sono proteine ​​ad alto peso molecolare con un'alta concentrazione di amminoacidi legati da un legame peptidico in una singola catena. La quantità di proteine ​​è regolata dalle norme della diagnostica di laboratorio. L'iperproteinemia o l'aumento delle proteine ​​nel sangue è un segno clinico di un processo infiammatorio e disturbi funzionali nel corpo.

Frazioni proteiche nel sangue

Il principale fluido biologico del corpo è il sangue, nel corso della ricerca biochimica è diviso in due parti:

  • elementi sagomati o cellule del sangue (eritrociti, leucociti, piastrine);
  • plasma o parte liquida, in cui sono concentrate proteine, composti con proteine ​​(enzimi, ormoni), minerali, nutrienti, ecc..

Per 1000 ml di plasma ci sono fino a 80 g di proteine. Più della metà è albumina, il resto è fibrinogeno (fino allo 0,4%) e globuline (alfa-1 - fino al 5%, alfa-2 - fino al 13%, beta - fino al 15%, gamma - fino al 22%), ecc. In totale, il sangue contiene 150 tipi di proteine ​​che sono coinvolte in tutti i processi biochimici del corpo.

Quando le proteine ​​vengono fornite, vengono scomposte in aminoacidi (13 essenziali e 9 essenziali), dai quali il corpo sintetizza le proprie proteine ​​e composti proteici. Quando gli agenti infettivi vengono introdotti nel corpo, viene attivata la sintesi epatica delle proteine ​​della fase acuta, le principali delle quali sono la proteina C-reattiva (c-reattiva, CRP) e la proteina A dell'amiloide.

Funzioni delle proteine

Le proteine ​​sono i mattoni delle cellule e svolgono una serie di funzioni vitali del supporto vitale del corpo:

  • trasportare ossigeno dai polmoni ai tessuti del corpo, spostando l'anidride carbonica (anidride carbonica) nella direzione opposta;
  • conservazione dell'immunità;
  • formazione di riserva di ossigeno e riserva di amminoacidi;
  • garanzia di compressione molecolare per mantenere un COP stabile (pressione osmotica colloidale, che regola lo scambio idrico nell'organismo);
  • protezione dei globuli rossi (eritrociti) dalla distruzione prematura;
  • neutralizzazione delle lipoproteine ​​a bassa densità ("colesterolo cattivo") e protezione delle pareti vascolari dai danni;
  • consegna di farmaci, ormoni surrenali e tiroidei, composti organici, nutrienti e acidi agli organi attraverso il flusso sanguigno.

Le proteine ​​sono coinvolte nel mantenimento della coagulazione del sangue, nella costruzione del tessuto muscolare. La corretta quantità di frazioni proteiche nel sangue è un indicatore della normale omeostasi (la costanza dell'ambiente interno del corpo).

Studio di laboratorio delle frazioni proteiche

La determinazione della concentrazione di proteine ​​viene eseguita come parte di un esame del sangue biochimico. Lo studio è prescritto a scopo diagnostico, profilattico, prima del ricovero e per monitorare la terapia in corso. Per la diagnosi è indicato un controllo separato per il contenuto di proteine ​​nel plasma:

  • malattie del fegato e dei reni;
  • oncopatologie;
  • immunodeficienze e patologie autoimmuni;
  • anemia (di varia origine);
  • malattie endocrine (insufficienza metabolica, diabete mellito);
  • malassorbimento (assorbimento insufficiente dei nutrienti da parte dell'intestino).

Per una donna incinta, la conta ematica viene monitorata ogni trimestre. Se necessario, la frequenza degli studi può essere aumentata.

Il sangue viene prelevato per la biochimica in direzione del medico curante. La preparazione preliminare per la procedura include la rinuncia all'alcol e ai grassi animali 2 giorni prima dell'analisi, l'osservazione del regime di digiuno per 10-12 ore (prima della donazione del sangue), la limitazione dell'attività fisica alla vigilia della procedura. Una preparazione impropria può portare a risultati distorti.

Valori normali

In base al sesso, la quantità di proteine ​​nel plasma sanguigno differisce leggermente. Per gli uomini in età fertile, la norma proteica totale va da 76 a 85 g / l, per le donne - da 75 a 83 g / l. Con l'invecchiamento del corpo, ci sono meno proteine ​​nel sangue. Dati i cambiamenti legati all'età, nelle persone anziane (60+), un livello di 61-80 g /.

Durante la gravidanza è consentita una leggera diminuzione delle proteine, che è associata ad ulteriori responsabilità funzionali del corpo. Nel periodo perinatale, le proteine ​​prendono parte alla preparazione dell'utero per il parto, formano la riserva proteica delle ghiandole mammarie e proteggono la placenta.

Totale (in g / l)Frazioni (percentuale)
albumeglobuline
65-8555-6529-45

Una diminuzione critica delle proteine ​​nel plasma sanguigno durante la gravidanza è considerata pari a 55 g / l. Nell'infanzia, i livelli di proteine ​​sono variabili. In un neonato, la quantità normale è compresa tra 46 e 69 g / l. All'età di sei mesi, il limite superiore sale a 76 g / l. La proteina totale in un bambino acquisisce valori stabili all'età di 16 anni.

6 mesi - 1 anno1-3 anni3-16 anni
51-7356-7560-80

Dai 16 ai 22 anni, gli indicatori aumentano gradualmente fino alla norma degli adulti. I risultati ottenuti dall'analisi vengono valutati, prima di tutto, in termini di albumina, proteine ​​totali e PCR. Fino alla pubertà (14 anni), la proteina C-reattiva è normalmente assente. Negli uomini e nelle donne adulti è consentita una scarsa presenza (fino a 0,5 mg / l).

Superamento dei valori normali

L'aumento del contenuto proteico è diviso in due tipi:

  • iperproteinemia assoluta - deviazione dei valori proteici a causa di un fallimento nel tasso del metabolismo delle proteine ​​e un aumento della quantità di globuline, senza modificare il volume sanguigno totale;
  • iperproteinemia relativa - un aumento del livello di proteine, a causa di una violazione del rapporto tra l'acqua nel plasma e gli elementi formati (ispessimento del biofluido).

Spostamenti di natura assoluta significano processi distruttivi cronici all'interno del corpo. L'iperproteinemia relativa nella maggior parte dei casi è associata a disidratazione (disidratazione) e perdita di sangue.

Cause fisiologiche delle deviazioni

Un leggero aumento della concentrazione di frazioni proteiche (senza variazioni di CRP) può verificarsi sotto l'influenza di fattori fisiologici:

  • intenso allenamento sportivo;
  • dipendenze gastronomiche da cibi proteici;
  • terapia errata con farmaci contenenti ormoni;
  • immobilizzazione prolungata;
  • soggiorno prolungato in una stanza calda e soffocante o al sole.

Un aumento degli indicatori della proteina C-reattiva negli adulti, così come la sua presenza nel sangue dei bambini, ha sempre una base patologica (condizioni acute o malattie croniche).

Malattie e condizioni che influenzano i livelli di proteine ​​del sangue

Possibili ragioni per l'aumento assoluto delle prestazioni:

  • oncoematologia e lesioni cancerose del midollo osseo - malattia di Hodgkin (linfogranulomatosi), leucemia, macroglobulinemia di Waldenstrom;
  • granulomi - formazioni nodulari di genesi infettiva, infiammatoria, necrotica o sclerotica. Derivano da avvelenamento del sangue, infezione da tubercolosi, sifilide, lebbra, sviluppo della sarcoidosi;
  • malattie autoimmuni - granulomatosi con poliangite (granulomatosi di Wegener), lupus eritematoso sistemico, danno articolare (artrite reumatoide), morbo di Crohn, ecc.;
  • infestazioni parassitarie (schistosomiasi).

La proteina totale nel sangue è costantemente aumentata nei processi infiammatori e necrotici cronici (cirrosi, necrosi pancreatica, cancrena, ecc.). L'iperproteinemia relativa si verifica in condizioni acute:

  • stadio acuto delle infezioni intestinali causate da microrganismi patogeni (salmonella, colera vibrio, shigella, rotavirus);
  • intossicazione grave (medicinale, alcolica, ecc.);
  • ustioni dell'epidermide (pelle) e dei tessuti più profondi;
  • violazione del movimento del cibo lungo il tratto digestivo (ostruzione intestinale);
  • sanguinamento abbondante (post-traumatico, postoperatorio, ecc.);
  • trauma cranico meccanico (trauma craniocerebrale) con danno all'ipotalamo;
  • iperidrosi (sudorazione eccessiva), accompagnata da disturbi metabolici cronici.

proteina C-reattiva

La proteina reattiva è il marker più sensibile dei processi infettivi e infiammatori, come risposta omeostatica del corpo alle infezioni. La sua concentrazione dipende direttamente dall'entità della lesione, dalla gravità e dallo stadio della malattia. Il contenuto di CRP nel sangue aumenta rapidamente nelle prime 5-8 ore dopo l'infezione o la lesione.

I valori possono essere aumentati di 50-100 volte. Per la diagnosi delle malattie, l'indicatore CRP nell'analisi del sangue biochimica è un indicatore importante quanto l'ESR (velocità di eritrosedimentazione) nell'analisi del sangue clinica generale..

Se le proteine ​​della fase acuta vengono rilevate nel sangue, quindi nel corpo:

  • si sviluppa un'infezione acuta (infezione da batteri, virus, funghi, protozoi e vermi);
  • c'è una ricaduta di una malattia cronica (pielonefrite, cistite, colecistite), una complicazione del diabete mellito - una crisi di chetoacidosi;
  • ci sono danni ai tessuti con formazione di suppurazione (ustioni, lacerazioni, ascessi, congelamento);
  • i processi necrotici progrediscono (infarto miocardico, cirrosi, lesioni cancrenose e ulcere trofiche);
  • malattie ginecologiche esacerbate nelle donne (endometriosi, endometrite).

Lo shock può aumentare i livelli di proteine ​​reattive. Negli adulti, la causa è spesso patologie vascolari (angiopatie), aterosclerosi.

Fino a 30 mg / l40-100 mg / lPiù di 100 mg / l
Epatite, herpes, varicella, influenza, tonsillite e altre infezioni virali, tumori oncologici di collagenosi e vasculiteInfezioni batteriche, appendicite, peritonite, infartoSepsi, ustioni su oltre il 50% del corpo

Sintomi

Molte proteine ​​nel plasma sanguigno non sono una diagnosi, ma una conseguenza di alcuni disturbi del corpo. I sintomi dipendono dallo sviluppo di malattie specifiche che aumentano i valori delle frazioni proteiche. Le condizioni acute sono caratterizzate da:

  • temperatura corporea febbrile (38-39 ℃) e piretica (39-41 ℃);
  • manifestazioni intestinali: nausea, vomito, diarrea;
  • convulsioni;
  • calo della pressione sanguigna;
  • tachicardia (aumento della frequenza cardiaca);
  • debolezza fisica e neuropsicologica.

Un aumento delle proteine ​​reattive nel sangue in assenza di segni organici indica la possibile formazione di un tumore canceroso..

Risultato

Le proteine ​​e le frazioni proteiche occupano posizioni chiave nell'analisi biochimica del sangue. La quantità normalizzata di proteine ​​dipende da:

  • ossigenazione dei polmoni;
  • fornire agli organi medicinali e sostanze nutritive;
  • conservazione dell'omeostasi e del CODICE;
  • livello di immunità;
  • salute vascolare;
  • funzionalità del fegato e dei reni.

I motivi principali per una maggiore concentrazione di proteine ​​sono:

  • malattie infettive e infiammatorie di decorso acuto o cronico. La localizzazione dell'infezione può essere qualsiasi (intestini, sistema genito-urinario, polmoni, ecc.);
  • lo sviluppo di neoplasie maligne. Prima di tutto, si tratta di ematologia e cancro del midollo osseo;
  • condizioni acute (intossicazione, disidratazione, crisi chetoacida, shock, ecc.).

Livelli elevati di proteine ​​accompagnano ustioni estese e forti emorragie.

Qual è la proteina totale e qual è la sua norma in base all'età negli uomini e nelle donne

Il rapporto tra le proteine ​​di base nel sangue

La proteina totale è solo uno dei numeri nell'analisi del sangue biochimica. Contando la quantità di proteine ​​totali e dei suoi componenti è facile scoprire se tutto è in ordine con i principali organi umani.

Cosa è più pericoloso per la salute: proteine ​​alte o basse e cosa indicano queste condizioni?

Proteine ​​o proteine?

Il concetto di "proteine ​​totali" include non un criterio, ma diversi contemporaneamente. Ciascuno dei suoi componenti o fazioni ha la sua funzione. Per il corpo, le proteine ​​sono assolutamente insostituibili e servono a diversi scopi.

Sono coinvolti nel trasferimento di nutrienti, ormoni, prodotti metabolici e persino farmaci. Le proteine ​​sono un "trasporto" universale nel sangue umano.

Un'altra funzione importante è la neutralizzazione. Molti prodotti metabolici sono tossici per gli organi. Ma una delle frazioni - l'albumina - si lega alle tossine e le rende sicure. In questa forma, le sostanze non necessarie vengono escrete dal corpo..

Le proteine ​​fanno lo stesso con le molecole dannose dall'esterno. L'albumina è in grado di neutralizzare i veleni.

La struttura e lo scopo delle proteine ​​del sangue.

La prossima parte importante sono le globuline. Queste sono vere proteine ​​protettive. Le globuline sono rappresentate da anticorpi, quindi il loro altro nome è immunoglobuline. Gli anticorpi sono prodotti dal nostro corpo contro l'invasione di batteri, virus o funghi.

IMPORTANTE! È dovuto al fatto che gli anticorpi sono rappresentati da proteine ​​che l'immunità è notevolmente ridotta nelle persone emaciate..

Ci sono proteine ​​tra le proteine ​​che sono responsabili della coagulazione del sangue: fibrinogeno, protrombina e altri fattori della coagulazione. Queste sostanze svolgono un ruolo fondamentale nell'arresto del sanguinamento. La mancanza di fattori di coagulazione porta ad un aumento del sanguinamento - lividi e una grande perdita di sangue quando feriti.

SRB e RF: che cos'è?

A volte il medico prescrive un'analisi per i test reumatici. In questo caso, il sangue della vena viene analizzato per il contenuto di alcune proteine: fattore reumatoide e proteina C-reattiva.

Il fattore reumatoide sono le immunoglobuline, anticorpi che non funzionano correttamente. Attaccano il proprio corpo. Pertanto, la comparsa nel corpo di una grande quantità di RF indica la natura autoimmune della malattia..

Fattore reumatoide: autoanticorpi che reagiscono come un autoantigene con le proprie immunoglobuline G, che hanno subito cambiamenti sotto l'influenza di un agente (ad esempio, un virus)

La proteina C reattiva è un criterio universale per l'infiammazione. Aumenta se un processo infiammatorio si sta verificando attivamente nel corpo. Non è sempre un'infezione, l'infiammazione può essere autoimmune.

Pertanto, CRP e RF vengono calcolati quando si sospetta una natura autoimmune della malattia, in particolare una patologia articolare..

Quante proteine ​​sono buone?

La gamma dei risultati del test delle proteine ​​del sangue varia in base all'età e al sesso. Ciò che è normale per una neonata non è adatto per un uomo anziano. Ciò è dovuto alle peculiarità dell'immunità, del metabolismo e della funzionalità epatica. Nei neonati, molti indicatori cambiano in modo transitorio, molto rapidamente e per un breve periodo. Pertanto, qualsiasi analisi sospetta a questa età dovrebbe essere ricontrollata..

Livelli normali di proteine ​​del sangue nella tabella 1.

EtàNorme nelle donneLa norma negli uomini
Bambini sotto i 28 giorni40-6041-60
Bambini sotto i 12 mesi45-8045-70
Bambini 12-48 mesi60-8055-75
Bambini dai 5 ai 7 anni50-8055-80
Ragazzi dagli 8 ai 16 anni55-8055-80
17-25 anni75-8080-85
25-55 anni70-8075-80
56-75 anni70-7570-75
Più di 75 anni65-7570-75

Non tutti hanno bisogno di misurare le proteine ​​totali. Questo criterio viene sempre calcolato non separatamente, ma come componente dell'analisi biochimica.

Le indicazioni mediche per il conteggio della sua quantità sono varie:

  • Eventuali malattie infettive,
  • Problemi al fegato, sistema gastrointestinale,
  • Emoglobina al di sotto del normale,
  • Disturbi metabolici,
  • Prima dell'intervento.

Le deviazioni dell'indicatore dal normale possono essere relative e assolute..

La relativa diminuzione è associata alla “diluizione” del sangue. La trasfusione di soluzioni liquide durante l'intossicazione provoca un aumento della quantità della componente liquida del sangue. Allo stesso tempo, il contenuto di proteine ​​sarà relativamente basso..

Il calo assoluto non è correlato alla fluidificazione del sangue, è un vero calo delle proteine. Può essere innescato da un'assunzione insufficiente o da una perdita eccessiva.

IMPORTANTE! La perdita di proteine ​​nelle patologie renali può essere vista nell'analisi delle urine classica.

L'aumento delle proteine ​​può anche essere relativo - con perdita di liquidi attraverso vomito o diarrea. Un aumento assoluto del contenuto proteico può essere un segno di malattie sistemiche, infezioni o neoplasie..

I cambiamenti nell'emocromo possono essere fisiologici. Ciò significa che la proteina è diminuita o aumentata non a causa della malattia, ma a causa delle caratteristiche dell'organismo. Questo è possibile durante la gravidanza e mentre si allatta un bambino, a causa del riposo a letto prolungato o di uno sforzo fisico eccessivo - sollevamento pesi, maratona.

Patologie in cui la quantità di proteine ​​totali cambia nella tabella n. 2.

Basso contenuto di proteineAlto contenuto di proteine
OperazioniAllergie
TumoriNeoplasie maligne
Brucia e brucia malattieSclerodermia
Malassorbimento e sindrome da maldigestioneArtrite reumatoide
FebbreMieloma multiplo
Patologia del fegatoPerdita di sangue, coagulazione del sangue
Patologie gastrointestinaliDisfunzione epatica
TireotossicosiSepsi
IntossicazioneLupus eritematoso sistemico
Emorragia e anemiaDiarrea e vomito profusi
Massiccia infusione di soluzioni
Stanchezza, fame, vegetarismo rigoroso

Cosa dice la proteina elevata??

I medici chiamano iperproteinemia ad alto contenuto proteico. Tutte le fazioni possono essere promosse contemporaneamente o ciascuna separatamente..

I valori più alti si osservano nel mieloma, un tipo di tumore del sangue. La patologia è caratterizzata dal fatto che una grande quantità di proteine ​​si forma nel corpo, che ha una struttura anormale.

È troppo grande e intasa i reni, può essere depositato nel tessuto osseo.

IMPORTANTE! Il mieloma multiplo si riferisce a tumori maligni del sistema sanguigno, quindi un aumento della quantità di proteine ​​è un motivo per visitare un ematologo.

Un livello inferiore di frazioni proteiche si osserva nelle malattie autoimmuni: lupus eritematoso sistemico, sclerodermia, artrite reumatoide. Ciò è dovuto alla formazione di un gran numero di anticorpi contro i propri tessuti: immunoglobuline.

Altre patologie più rare in cui si verifica l'iperproteinemia:

  • Macroglobulinemia, o malattia di Waldenstrom, una patologia simile al mieloma in cui viene sintetizzata anche una proteina anormale,
  • Le "malattie delle catene pesanti" sono diverse patologie dell'immunità, in cui l'organismo produce le immunoglobuline sbagliate, che non svolgono la loro funzione protettiva e sono più grandi,
  • Linfogranulomatosi - neoplasia del sistema sanguigno,
  • Cirrosi epatica - di solito causa ipo-, ma in alcuni casi si verifica iperproteinemia,
  • Altre patologie con una componente autoimmune: sarcoidosi, paraproteinemia,
  • Infezioni acute e croniche con una risposta immunitaria pronunciata.

Cosa mostra il basso contenuto di proteine??

Ipoproteinemia: questo è il termine che i medici chiamano una bassa concentrazione di proteine ​​nel siero.

Le sue ragioni sono:

  • Mancanza di funzionalità delle cellule del fegato (si verifica con epatite, cirrosi, danno epatico tossico, degenerazione grassa del suo tessuto),
  • Mancanza di cibi proteici (digiuno, digiuno)
  • Esaurimento dovuto a febbre e infezioni,
  • Virus dell'immunodeficienza umana e immunodeficienze congenite,
  • Neoplasie maligne,
  • Eccessiva perdita di urina quando i reni non funzionano correttamente,
  • Neoplasie del sistema sanguigno,
  • Grave anemia,
  • Malattie croniche del sistema gastrointestinale, che si manifestano con le sindromi di malassorbimento e maldigestione (digestione e assorbimento insufficienti),
  • Pancreas insufficiente,
  • Diabete mellito e nefropatia diabetica,
  • Mancanza di funzionalità tiroidea.

Come prepararsi per lo studio?

Il sangue per l'analisi biochimica viene prelevato da una vena. Oggi questo viene fatto utilizzando tubi a vuoto, che consentono di prelevare il sangue in modo rapido e indolore. Il calcolo del risultato richiede da alcune ore a 1-2 giorni.

Nota! Dato che piccoli laboratori e cliniche trasportano il sangue a istituzioni più grandi, a volte sono necessari fino a tre giorni per l'analisi.

Non mangiare la mattina prima di prendere il sangue. Il cibo dovrebbe essere leggero la sera prima. Sono esclusi i cibi grassi, fritti e affumicati, poiché possono influenzare i risultati del test attraverso cambiamenti nella funzionalità epatica.

Il grasso in eccesso, il carico proteico, il consumo di alcol possono influire sul livello e l'analisi verrà mostrata in modo errato. Un'eccessiva attività fisica ha un effetto simile: porta a un cambiamento nei livelli di proteine.


Articolo Successivo
Nitroglicerina ad alta pressione