Prevenzione e trattamento delle vene varicose dell'utero durante la gravidanza


Le vene varicose dell'utero durante la gravidanza sono una patologia vascolare, il cui aspetto è solitamente associato a una condizione naturale per una donna. Proprio come le vene varicose delle labbra e della pelvi, la manifestazione delle vene varicose dell'utero durante la gravidanza è associata ad un aumento del carico sul sistema vascolare del corpo femminile. La comparsa di patologie può rappresentare un pericolo sia per il normale passaggio del ciclo di portare un bambino, sia per l'attuazione del processo generico fisiologico.

Nell'articolo ti diremo:

Sintomi delle vene varicose dell'utero

I sintomi di cambiamenti negativi sono piuttosto caratteristici, la presenza di conoscenze mediche di base ci consente di rilevare non solo sintomi chiari, ma anche i primi segni delle vene varicose uterine. Alcuni di loro sono a livello genetico, altri vengono rilevati in condizioni estreme. Inoltre, ci sono molte complicazioni durante la gravidanza..

Una donna avverte sempre più disagio nell'addome inferiore, le sensazioni negative si diffondono e si irradiano, danno alla regione lombare e sono localizzate all'inguine. In alcuni casi, la patologia del deflusso venoso è presente anche prima della gravidanza..

I sintomi non compaiono sempre immediatamente, a volte una donna apprende per caso la progressione del secondo stadio della patologia durante l'esame.

Nelle donne in gravidanza, le vene varicose della cervice iniziano ad apparire mentre il feto cresce e assume un quadro clinico chiaro:

  • sensazioni dolorose durante o prima delle mestruazioni (prima della gravidanza);
  • disagio durante il rapporto sessuale;
  • dopo la fecondazione e l'inizio dello sviluppo fetale, i segni negativi si sono intensificati e hanno iniziato ad apparire anche nelle solite posizioni in piedi, accompagnati da tagli nel perineo;
  • dimissione di eziologia sconosciuta;
  • problemi con la minzione.

Le patologie vascolari durante questo periodo sono raramente isolate. Spesso una donna ha già noduli sulle gambe. Nella fase avanzata, con rilevamento tardivo, a volte vengono diagnosticate le stesse manifestazioni sui fianchi, sui glutei e nel perineo.

Cause di patologia

La ragione principale per lo sviluppo delle vene varicose nella medicina moderna è considerata una predisposizione ereditaria. Si presume che una deviazione nella struttura delle pareti venose venga trasmessa a livello genico, rendendole meno adatte a svolgere le funzioni fisiologiche del flusso sanguigno inverso..

Le vene varicose possono verificarsi sia negli uomini che nelle donne.

Nel corpo femminile, ci sono più prerequisiti per l'implementazione del malfunzionamento vascolare esistente:

  • cambiamenti naturali nei livelli ormonali;
  • gravidanza e parto, preparazione al parto;
  • interruzione artificiale dei cambiamenti ormonali che sono iniziati, durante gli aborti in qualsiasi momento;
  • taglio cesareo, che non porta a termine la naturale ristrutturazione del corpo al parto fisiologico;
  • assumere farmaci ormonali e contraccettivi;
  • lavoro difficile con complicazioni;
  • interruzione dei livelli ormonali causata da malattie concomitanti.

I prerequisiti per lo sviluppo delle vene varicose dell'utero e delle tube di Falloppio durante la gravidanza possono anche risiedere nello stile di vita sbagliato. Lavorare in una postura scomoda, stare in piedi prolungati, indossare biancheria intima e corsetti che interrompono il flusso sanguigno naturale, sovrappeso, inattività fisica e cattive abitudini: tutto ciò può servire come meccanismo di partenza per lo sviluppo delle vene varicose.

Vene varicose dell'utero

Esistono due classificazioni delle vene varicose uterine. Il primo lo divide in congenito e acquisito. Congenito viene diagnosticato estremamente raramente, acquisito si manifesta sotto l'influenza di fattori negativi di influenze esterne e interne. Durante la gravidanza, ci sono più di questi prerequisiti. Il pericolo della condizione risiede nella sua asintomaticità in una fase iniziale..

In totale, ce ne sono tre nello sviluppo delle vene varicose:

  • il primo - durante un esame diagnostico può essere rilevato solo un leggero ingrandimento (circa 7 mm) delle vene uterine;
  • il secondo è caratterizzato da un aumento più significativo del diametro venoso e l'inizio della comparsa di pieghe insolite nei vasi causate dallo stato patologico delle pareti venose;
  • il terzo - l'espansione delle vene diventa catastrofica, il deflusso venoso è disturbato, si formano plesso varicoso e nodi.

È abbastanza facile rispondere alla domanda sul perché lo sviluppo delle vene varicose dell'utero durante la gravidanza è pericoloso se diagnosticato nell'ultima fase. In questo momento, possono essere presenti manifestazioni negative in altri segmenti del sistema riproduttivo: all'inguine, sulle labbra, sulle gambe, sui glutei, nella piccola pelvi..

Tutto ciò porta a una violazione dell'afflusso di sangue al feto e all'utero. C'è il rischio di sanguinamento, la chirurgia è spesso raccomandata per prevenire complicazioni.

Diagnosi delle vene varicose dell'utero

La necessità di diagnostica è presente in qualsiasi fase dello sviluppo delle vene varicose, sebbene al momento della comparsa dei sintomi del dolore, la malattia sia già visualizzata abbastanza chiaramente.

Il principale metodo diagnostico durante la gravidanza è un esame ecografico utilizzando una sonda speciale. La tomografia computerizzata e la diagnostica a raggi X durante la gravidanza sono estremamente rari a causa del potenziale danno che possono causare al feto.

Quando si identificano i primi segni di patologia, è molto importante condurre una diagnosi totale.

L'ecografia è molto più sicura e può fornire un quadro completo del grado di progressione della patologia vascolare. L'ecografia Doppler prevale su altri metodi di procedure hardware diagnostiche: flebografia e laparoscopia, grazie al contenuto informativo e alla sicurezza.

Il solito esame del sangue in questo caso fornisce solo deviazioni dalla norma, ma non aggiunge nulla di nuovo alla diagnosi preliminare. La diagnosi differenziale viene certamente eseguita, perché i medici devono separare la malattia attuale da altre con sintomi simili..

Trattamento delle vene varicose dell'utero

Il trattamento della patologia può essere effettuato solo con un metodo terapeutico complesso o chirurgico. Non esiste una tattica generale che possa essere raccomandata per ogni paziente. Molto dipende dallo stadio in cui viene diagnosticata la malattia, dalla durata della gravidanza, dai fattori complicanti di accompagnamento.

Raccomandazioni generali

Consideriamo diverse direzioni:

  1. Prescrizione di farmaci.
  2. Il rapporto sessuale è vietato se provoca sentimenti negativi.
  3. Il complesso delle misure terapeutiche di solito include l'uso di calze a compressione che possono stabilizzare la condizione delle pareti venose e impedire loro di allungarsi ulteriormente.
  4. Una dieta terapeutica comporta non solo l'eliminazione dei componenti nocivi, ma anche un'assunzione di cibo ben organizzata.
  5. La ginnastica terapeutica viene sviluppata in base alle condizioni del paziente e viene eseguita sotto la supervisione di un medico.

Chirurgia

L'operazione è possibile solo in caso di rischio immediato per il bambino e la madre. È prescritto nelle fasi successive dello sviluppo della patologia del sistema venoso..

I metodi alternativi includono:

  • Laparoscopia;
  • indurimento vascolare mediante elettrocoagulazione;
  • trattamento delle vene mediante radiazione laser.

La decisione sulla preferenza del metodo viene presa su base individuale..

Trattamento farmacologico

Durante la gravidanza la situazione è complicata dall'impossibilità di prescrivere determinati farmaci che abbiano effetti collaterali o teratogeni. I medici cercano di fermare i sintomi con farmaci per modificare il tono venoso, la composizione del sangue e la pervietà vascolare.

È necessario assumere farmaci solo dopo il permesso del medico.

Si raccomandano rimedi popolari, diete e ginnastica correttiva. Tuttavia, è raramente possibile stabilizzare questa condizione senza farmaci. Pertanto, vengono prescritti flebotonici, agenti antipiastrinici e farmaci antinfiammatori non steroidei. La selezione dei medicinali viene effettuata tenendo conto dei possibili rischi e controindicazioni durante la gravidanza.

Metodi e mezzi popolari

La gamma di rimedi popolari per il trattamento delle vene varicose nelle donne in gravidanza è piuttosto limitata. Il flebologo che sovrintende alle condizioni della donna incinta dovrebbe considerare la composizione della tassa medica proposta dagli erboristi.

Un buon risultato appare dopo il trattamento con le mele Antonov:

  • Sciacquare e sbucciare 300 grammi di mele;
  • tagliare le mele e la buccia stessa;
  • versate un litro d'acqua e mettete a cuocere a fuoco lento;
  • dopo l'ebollizione, far bollire per altri 20 minuti;
  • Calmati.

Prendi mezza tazza di infuso tre volte al giorno prima dei pasti. Una controindicazione all'assunzione di questa ricetta è una maggiore acidità dello stomaco e una tendenza all'ipertensione..

Possibili complicazioni

Le vene varicose, in caso di abbandono, possono portare a conseguenze negative che minacciano le condizioni di una donna e del suo nascituro. A volte con questa malattia si sviluppa un'insufficienza placentare..

La fase avanzata di sviluppo delle vene varicose può portare ad aborto spontaneo o gravidanza congelata. Spesso, la presenza di malattie venose può portare a gravi emorragie durante il travaglio, che possono essere fatali.

Parto con vene varicose dell'utero

Durante la diagnosi delle vene varicose, i medici insistono su un taglio cesareo per non aggravare la patologia progressiva. Il medico è obbligato a informare il paziente sui pericoli del parto naturale, che può portare a conseguenze irreversibili.

In rari casi, nelle fasi 1-2, può essere consentito il normale travaglio in calze compressive o con bendaggio delle gambe.

Il parto tradizionale può danneggiare non solo la donna in travaglio, ma anche il suo bambino..

Prevenzione delle vene varicose

Le principali misure preventive includono:

  • attività fisica moderata;
  • sbarazzarsi di cattive abitudini;
  • nutrizione appropriata;
  • visite mediche;
  • cercando di controllare il peso;
  • doccia fredda e calda;
  • indossare biancheria intima compressiva adeguatamente selezionata;
  • mantenere la salute con rimedi casalinghi.

Fisioterapia

Il complesso di terapia fisica viene sviluppato individualmente, tenendo conto delle condizioni della futura donna in travaglio, dello stadio di sviluppo della malattia e del quadro clinico individuale.

Il suo obiettivo principale è evitare il ristagno nel flusso sanguigno, per prevenire la formazione di trombi. È meglio fare la terapia fisica sotto la supervisione di un medico.

Raccomandazioni dei flebologi:

  • saranno utili lunghe passeggiate tranquille;
  • è necessario eseguire esercizi di scarico, simili ai modi "betulla" o "bicicletta" per rilassare la cervice ei muscoli del perineo;
  • unisciti agli esercizi di respirazione - insieme a un respiro profondo, includi i muscoli dell'addome inferiore.

Dieta per le vene varicose dell'utero

Le future mamme dovrebbero introdurre più frutta e verdura nella loro dieta per arricchire il corpo con utili microelementi e vitamine. Molti flebologi consigliano di mangiare pesce, che ha un effetto positivo sulla struttura delle pareti venose..

È anche molto importante rinunciare al caffè, al tè forte, ridurre la quantità di zucchero e sale. Riassumendo, possiamo dire che le donne incinte devono semplicemente seguire le basi di una corretta alimentazione..

Vene varicose dell'utero durante la gravidanza

Cause delle vene varicose uterine durante la gravidanza

Le vene varicose dell'utero durante la gravidanza sono difficili da diagnosticare, a causa del decorso asintomatico. Lo sviluppo avviene gradualmente, ma il concepimento e il portamento del feto diventano i fattori che provocano la rapida formazione della patologia.

La rete vascolare delle vene nell'area pelvica è costituita da molte arterie di diverse dimensioni, che sono intrecciate tra loro. La diagnosi delle vene varicose durante la gravidanza indica assottigliamento delle vene e perdita di elasticità, di conseguenza, la circolazione sanguigna è disturbata, si formano noduli vascolari.

I fattori di rischio per la patologia includono:

  • malformazioni delle vene dalla nascita;
  • cambiamenti ormonali in relazione al concepimento;
  • fattore ereditario;
  • pressione eccessiva dell'utero e crescita attiva del bambino nell'utero;
  • la comparsa di un ulteriore cerchio di circolazione sanguigna;
  • aumento del volume sanguigno;
  • stile di vita sedentario, crea ristagno;
  • malattie infettive croniche.

Nella maggior parte dei casi, tutti i fattori di cui sopra insieme influenzano la formazione di vene varicose in una donna incinta. L'aumento del peso mette sotto pressione la zona pelvica, il background ormonale subisce cambiamenti significativi, il progesterone provoca ritenzione di liquidi nel corpo e la tendenza alle vene varicose crea tutti i prerequisiti per la malattia.

Qual è il pericolo delle vene varicose dell'utero durante la gravidanza

L'allargamento varicoso nell'utero non rilevato nei primi mesi di gravidanza minaccia lo sviluppo di una complicanza nell'ultimo trimestre e durante il travaglio. Spesso, quando si diagnostica una tale patologia, si consiglia il parto con taglio cesareo..

La formazione delle vene varicose è pericolosa sia per il feto che per la donna in travaglio:

  1. L'accumulo e il ristagno di sangue nelle vene porta alla formazione di coaguli di sangue, che è una minaccia diretta per la vita di una donna e di suo figlio..
  2. Scoperta di emorragie interne con accumulo di sangue nelle ovaie e successiva rottura.
  3. L'insufficienza placentare è pericolosa per il bambino all'interno dell'utero a causa del fatto che una ridotta circolazione sanguigna riduce la funzione respiratoria, contribuisce alla formazione di ipossia, porta a una mancanza di assunzione di nutrienti e allo sviluppo di difetti congeniti.
Con una patologia minore, è consentito il parto naturale, ma più spesso consiglio un taglio cesareo pianificato. In questo caso, le conseguenze del lavoro indipendente possono essere riflesse sotto forma di deformazione del canale del parto e ridotta pervietà. La probabilità di rottura dei vasi sanguigni durante il periodo di contrazioni e la transizione dell'utero al tono aumenta in modo significativo.

Trattamento delle vene varicose dell'utero durante la gravidanza

Il trattamento della malattia durante la gravidanza è solo sintomatico. Nelle ultime fasi è necessario passare alla conservazione per evitare complicazioni durante le contrazioni e per prevenire disturbi del sistema circolatorio madre-placenta-feto. Le misure terapeutiche vengono eseguite sotto la supervisione di un ginecologo e flebologo.

La terapia conservativa consiste nell'alleviare i sintomi e nel rafforzare le pareti dei vasi del flusso sanguigno uterino attraverso l'uso di farmaci:

  • i venotonici (Detralex, Phlebodia, Diosmin) hanno un effetto positivo sul tono e la permeabilità delle vene e normalizzano anche la circolazione sanguigna nei vasi
  • agenti antipiastrinici (pentossifillina, trental, courantil) prevengono la formazione di coaguli di sangue;
  • I FANS (movalis, rheumoksikam) riducono la coagulazione del sangue e la fluidificano.
Per migliorare la nutrizione dei tessuti, vengono prescritti complessi vitaminici e si consiglia una dieta con una grande quantità di fibre.

Se la patologia dell'ultimo stadio viene diagnosticata nel 3 ° trimestre, viene utilizzato un intervento chirurgico per resecare le vene e ripristinare il normale flusso sanguigno. Dopo la nascita di un bambino, con gravi vene varicose e sanguinamento, è possibile la rimozione completa dell'utero.

La prevenzione della malattia prevede l'uso di esercizi terapeutici per rafforzare la struttura muscolare e ripristinare il flusso sanguigno. A tal fine, gli esercizi regolari in piscina sono i più adatti, poiché il nuoto riduce il dolore dalla zona pelvica.

Le cattive abitudini, l'alcol e il fumo, indeboliscono la permeabilità delle arterie sanguigne, quindi devono essere abbandonate. Verdure e frutta dovrebbero essere incluse nella dieta quotidiana per rafforzare le pareti venose, nonché per prevenire la stitichezza, poiché le feci dure possono portare a sanguinamento.

Inoltre, si consiglia di indossare biancheria intima compressiva, mentre vestiti e scarpe dovrebbero essere il più comodi e liberi possibile..

In generale, la prognosi per le vene varicose durante la gravidanza è positiva. L'intero periodo di gestazione di 9 mesi dovrebbe essere sotto la supervisione di medici al fine di fornire assistenza medica di emergenza in modo tempestivo..

Vene varicose e gravidanza

Il periodo di gravidanza è un test per tutto il corpo e talvolta alle donne vengono diagnosticate vene varicose dell'utero durante la gravidanza. Questa condizione è causata da diversi fattori che spesso non dipendono dalla donna, ma sono il risultato di cambiamenti nel corpo. Le vene varicose sono un disturbo comune che colpisce alcune donne in gravidanza e rappresenta una minaccia per la vita e la salute del bambino e della madre. La medicina moderna ha imparato a trattare i sintomi della malattia e la prognosi per la guarigione è positiva.

Eziologia

Il motivo principale che provoca le vene varicose nell'utero durante la gravidanza è la predisposizione genetica della donna alle vene varicose e ai vasi sanguigni e alle patologie delle pareti vascolari. È difficile diagnosticare la malattia, poiché la sua formazione avviene in modo asintomatico e le vene varicose si sviluppano contemporaneamente al portare un bambino. Il concepimento e il periodo di gravidanza possono anche essere considerati fattori che migliorano la rapida formazione della patologia. Le vene varicose dell'utero sono causate dall'assottigliamento e dalla perdita di elasticità delle vene e dei vasi sanguigni a seguito di un carico sistematico sugli organi pelvici con variazioni del peso fetale. Altri motivi:

  • processi infiammatori nell'utero;
  • aborto;
  • cambiamenti patologici nella struttura degli organi pelvici;
  • gravidanze patologiche frequenti e parto;
  • bassa coagulazione del sangue;
  • prendendo contraccettivi ormonali;
  • ciclo mestruale disturbato;
  • duro lavoro, sollevamento di carichi pesanti;
  • una tendenza alla stitichezza;
  • patologia vascolare;
  • squilibrio ormonale;
  • obesità;
  • indossare biancheria intima dimagrante;
  • parto difficile;
  • infezioni;
  • eredità.
Torna al sommario

Sintomi

Le vene varicose della cervice sono difficili da determinare immediatamente, poiché i sintomi che compaiono durante un certo periodo di gravidanza possono essere facilmente confusi con i segni di altre malattie ginecologiche. È particolarmente difficile diagnosticare la malattia nelle prime fasi dello sviluppo, quando il processo di formazione è praticamente asintomatico. Le caratteristiche generali che si osservano nella maggior parte delle donne possono essere notate come basilari. Questi includono:

  • forte dolore nell'addome inferiore;
  • prostrazione;
  • disagio durante il rapporto sessuale;
  • dolore dopo il rapporto sessuale;
  • sensazioni di tensione durante lo stress ea riposo;
  • fallimento del ciclo mestruale: il sanguinamento dura 60 giorni;
  • minzione dolorosa, non associata a malattie renali;
  • scarico con tracce di sangue;
  • irradiando dolore nella regione lombare e sacrale.

L'influenza della patologia durante la gravidanza è tale che il paziente può abbandonare completamente l'attività sessuale, limitare l'attività fisica a causa della rapida stanchezza e del malessere generale. Inoltre, la malattia influisce negativamente sulle condizioni della pelle: il viso si scurisce, i cerchi appaiono sotto gli occhi a causa del malessere costante. Le vene varicose uterine provocano frequenti minzioni dolorose, quindi le donne lo confondono con la cistite.

L'autodiagnosi e il trattamento sono inaccettabili. L'assunzione di droghe casuali può danneggiare il bambino e causare complicazioni e conseguenze spiacevoli..

Ciò che è pericoloso?

L'accesso inopportuno a un medico può trasformarsi in conseguenze pericolose per una donna che minacceranno non solo la sua salute, ma anche la vita del bambino. Le forme trascurate della malattia provocano la rottura dei vasi sanguigni e delle vene, seguita da sanguinamento e sviluppo di processi infiammatori nei genitali. C'è il rischio di successiva infertilità. Inoltre, la malattia è pericolosa:

  • insufficienza placentare;
  • trombosi della vena ovarica;
  • tromboflebite.

Inoltre, molti pazienti lamentano uno stato psicologico instabile. C'è maggiore ansia, irritabilità e distrazione. Spesso una donna incinta soffre di insonnia, non può fare semplici movimenti fisici. Tutto ciò influisce negativamente sulle condizioni del bambino, quindi è importante consultare un medico ai primi sintomi per evitare possibili complicazioni. Il taglio cesareo con vene varicose dell'utero viene eseguito in caso di complicazioni e problemi con il canale del parto, un metodo indipendente è pericoloso con rottura e grande perdita di sangue.

Diagnostica

I sintomi principali possono essere osservati sia prima del concepimento che dopo il parto. Poiché i segni delle vene varicose sono simili ad altre malattie genetiche, il paziente deve sottoporsi a un esame completo e una diagnosi per stabilire la diagnosi corretta e le cause del dolore addominale inferiore. Per questo, il medico conduce una storia completa e un esame del paziente, analizza i sintomi e prescrive test clinici. Per completare il quadro della patologia in una donna incinta, viene prescritta un'ecografia, che viene eseguita in due modi: transvaginale e transaddominale. Se viene rilevata una patologia, il paziente viene indirizzato a un flebologo, che esegue ulteriori diagnosi, prescrivendole:

  • flebografia con mezzo di contrasto;
  • dopplerografia;
  • Scansione TC.
Torna al sommario

Trattamento delle vene varicose dell'utero durante la gravidanza

La terapia delle vene varicose durante la gravidanza è sintomatica, nelle ultime fasi si consiglia alla donna di sdraiarsi e di essere monitorata per evitare complicazioni indesiderate. Il trattamento conservativo ha lo scopo di alleviare il dolore e rafforzare le pareti dei vasi sanguigni e delle vene. Sono prescritti i seguenti farmaci:

  • venotonics;
  • agenti antipiastrinici;
  • FANS.
In modo che le vene siano nella posizione corretta, la futura mamma viene mostrata mentre indossa biancheria intima compressiva.

Per stabilizzare la condizione, viene prescritto un corso di vitamine e minerali, si consiglia una dieta consolidata con un elevato apporto di fibre. Se la patologia viene rilevata nel 3 ° trimestre, la donna incinta viene operata per resecare le vene. Dopo il parto, è possibile la rimozione completa dell'utero. Inoltre, al paziente viene prescritto l'uso di biancheria intima compressiva, che stimola la circolazione sanguigna e mantiene i vasi e le vene nel corretto stato anatomico..

Prevenzione

È molto più facile prevenire una malattia che curarla. Pertanto, si consiglia alle donne di seguire una serie di regole e raccomandazioni al fine di prevenire l'attivazione del processo di vasodilatazione. I medici raccomandano:

  • normalizzare il tuo stile di vita;
  • eliminare le cattive abitudini;
  • organizzare una corretta alimentazione;
  • utilizzare solo un'attività fisica moderata;
  • riposo completo periodico;
  • stabilizzare i rapporti sessuali;
  • indossare calze a compressione;
  • controllare il peso;
  • evitare situazioni stressanti;
  • usare farmaci che rafforzano le pareti vascolari.

L'aspetto principale nella prevenzione delle vene varicose dell'utero è un atteggiamento attento alla salute. Una donna dovrebbe monitorare i cambiamenti nel corpo, nuove manifestazioni e sensazioni non standard. Le vene varicose uterine non possono essere completamente curate, quindi è meglio evitare sforzi fisici pesanti per evitare che le vene colpite si rompano. Non puoi sollevare pesi, stare in una posizione per molto tempo e usare farmaci che non sono prescritti da un medico.

Vene varicose dell'utero durante la gravidanza: la pericolosa patologia?

Le vene varicose (vene varicose) sono una condizione patologica spiacevole e pericolosa. Eventuali vene varicose degli organi pelvici nelle donne incinte richiedono cure e cure mediche immediate..

I più pericolosi sono i danni ai vasi che scorrono nella cervice, nell'utero e nelle pareti vaginali. Il più grande pericolo di malattie di queste strutture è durante la gestazione. Qual è il pericolo delle vene varicose dell'utero durante la gravidanza?

Informazione Generale

L'espansione varicosa delle vene uterine è un cambiamento patologico dei vasi sanguigni venosi, che consiste nell'espansione del lume vascolare, soggetto all'assottigliamento delle pareti e che porta alla formazione di noduli.

Attenzione! Il parto naturale è sconsigliato in caso di malattia.

Il principale pericolo di VRV nell'utero durante la gravidanza è la necessità di eseguire un taglio cesareo. Con vene varicose complicate, può verificarsi insufficienza placentare, che diventa la causa dell'aborto spontaneo.

Può anche diventare una causa che porterà a violazioni e ritardi nello sviluppo del feto. Pertanto, le complicanze delle vene varicose durante la gravidanza possono essere irreversibili..

Tipi e forme di patologia

La VVV dell'utero può essere una condizione congenita o acquisita. Tuttavia, una lesione congenita è una patologia rara che si è manifestata nella fase di sviluppo intrauterino del paziente. Le vene varicose vaginali acquisite durante la gravidanza possono essere di due tipi: primarie e secondarie.

Il tipo principale di questa patologia è una malattia indipendente che è insorta per motivi non correlati a nessun disturbo di salute che la donna ha. Il tipo secondario viene diagnosticato quando si presume che le vene varicose delle vene uterine siano sorte sullo sfondo di qualsiasi malattia ginecologica.

Una condizione patologica può essere scatenata dalle seguenti malattie del sistema riproduttivo femminile:

  • endometriosi;
  • processi tumorali di natura maligna o benigna;
  • processi adesivi.

Le vene varicose uterine sono divise in 3 fasi. Sono discussi nella tabella.

VRV nell'utero di una donna incinta - fasi del processo patologico
Fase di sviluppoDescrizione
Primo stadioViene diagnosticato un aumento delle vene dalla norma fisiologica a un diametro di 7 mm. In questo caso, i vasi modificati si trovano nella parte inferiore dell'utero..
Fase dueViene determinato quando i canali venosi dell'utero raggiungono un diametro di 8 mm, quando i vasi sanguigni hanno già iniziato a deformarsi (piegarsi).
Terza tappaLa diagnosi viene posta quando i vasi venosi dell'utero raggiungono un diametro di 13 mm. Allo stesso tempo, le vene hanno già subito significativi cambiamenti patologici e sono raccolte in un conglomerato di noduli..

A seconda dello stadio del processo patologico, vengono scelte le tattiche di trattamento. Inoltre, le ragioni che hanno innescato l'insorgenza della malattia possono svolgere un ruolo significativo nella selezione della terapia ottimale..

Fatto! Il corso della gravidanza in una paziente con questa patologia deve essere attentamente monitorato..

Le ragioni

Le vene varicose delle vene uterine possono verificarsi a causa della displasia del tessuto connettivo, più specificamente, a causa di una violazione patologica della loro struttura e del disturbo funzionale. La displasia si manifesta come forza insufficiente dell'apparato legamentoso tra le cellule in tutti i tipi di tessuti corporei.

Questa circostanza diventa il motivo che porta ad un assottigliamento delle pareti vascolari. Le pareti dei vasi, attraverso le quali circola il sangue venoso, sono direttamente esposte alla massima influenza negativa..

Fattori chiave che contribuiscono allo sviluppo della patologia delle vene varicose vaginali durante la gravidanza:

  • mancanza dell'attività fisica minima richiesta;
  • la necessità di trascorrere molto tempo in posizione seduta;
  • stress fisico eccessivo frequente;
  • l'uso del PPA come principale mezzo di contraccezione;
  • anorgasmia;
  • gravidanze frequenti e nascite naturali;
  • patologia ovarica;
  • retroflessione, altrimenti - flessione dell'utero;
  • superamento delle concentrazioni consentite di estrogeni nel corpo;
  • uso di contraccettivi ormonali.

La predisposizione genetica gioca un ruolo significativo nella comparsa di varici uterine.

Manifestazioni sintomatiche di patologia

Nelle fasi iniziali, le vene varicose nell'utero durante la gravidanza non hanno manifestazioni sintomatiche caratteristiche e si sviluppano impercettibilmente per il paziente. L'unica manifestazione della presenza di patologia può essere il dolore nell'addome inferiore, che è caratterizzato da tipi di dolore doloranti e tiranti.

Sono permanenti e possono essere somministrati alla zona inguinale o alla regione lombare. Il dolore può verificarsi dopo un lungo periodo in cui si è seduti o in piedi, così come durante l'esercizio. Nella maggior parte dei casi, la sindrome del dolore diventa più intensa alla vigilia del sanguinamento mestruale o dopo il rapporto sessuale. Assicurati di leggere questo articolo fino alla fine per imparare tutto sulle vene varicose uterine durante la gravidanza..

Il video in questo articolo racconterà alle pazienti le principali manifestazioni caratteristiche delle vene varicose vaginali durante la gravidanza. Un certo numero di donne nota che lo scarico dal tratto genitale diventa abbondante e non ha ragioni pronunciate.

Inoltre, i pazienti notano che periodicamente sperimentano le seguenti manifestazioni negative dal sistema genito-urinario:

  • il dolore delle mestruazioni aumenta;
  • ci sono dolori taglienti nel perineo;
  • periodicamente si verificano disturbi della minzione.

Attenzione! I sintomi non sono specifici, quindi è piuttosto difficile diagnosticare la malattia nella fase iniziale..

Durante una visita ginecologica, uno specialista specializzato può osservare la presenza di VVV che passa nel perineo, nelle cosce e anche nei glutei.

Misure diagnostiche

A causa dell'assenza di manifestazioni esterne, la VVV dell'utero viene diagnosticata esclusivamente quando si utilizzano metodi di ricerca hardware. Nella stragrande maggioranza dei casi clinici viene utilizzata l'ecografia Doppler. Durante l'esame hardware, le vene vengono visualizzate sul monitor tramite ultrasuoni.

Oltre al tipo di ricerca specificato, possono essere utilizzati altri tipi, ad esempio, i seguenti:

  • ovaiografia selettiva;
  • flebografia;
  • tomografia computerizzata di organi situati nella piccola pelvi (nella foto);
  • Laparoscopia.

Con una serie di malattie ginecologiche concomitanti, un medico specialista esegue una diagnostica differenziale.

Tali malattie includono quanto segue:

  • endometriosi;
  • prolasso dell'utero;
  • neuropatia sullo sfondo di processi infiammatori intestinali;
  • neuropatia dovuta a trattamento chirurgico.

Sulla base dei risultati delle misure diagnostiche e di un sondaggio del paziente, il medico curante seleziona il trattamento ottimale, che potenzialmente porterà un risultato positivo.

Trattamento dell'allargamento patologico delle vene dell'utero

Il trattamento delle vene varicose può essere effettuato esclusivamente nell'ambito di metodi terapeutici e chirurgici. La tattica più appropriata è determinata dal medico curante in base al quadro clinico individuale della donna..

Fatto! I metodi di trattamento conservativo non sempre portano un risultato positivo e sono spesso usati solo come terapia adiuvante.

In combinazione con i metodi di trattamento classico, vengono utilizzati anche quelli preventivi, compresi quelli relativi alla categoria della medicina alternativa. Tuttavia, è necessario coordinare eventuali misure con lo specialista curante e utilizzarle esclusivamente dopo la sua approvazione..

Trattamento terapeutico

La tecnica terapeutica si basa sull'uso di una serie di farmaci che contribuiscono alla normalizzazione del tono dei canali venosi dell'utero e portano anche a miglioramenti delle proprietà qualitative del sangue e dei processi dell'utero di natura trofica.

I farmaci più comunemente prescritti sono il seguente elenco di medicinali:

  • agenti antipiastrinici - il più comune è la pentossifillina;
  • medicinali venotonici presentati da Detralex e Phlebodia;
  • farmaci antinfiammatori non steroidei - Diclofenac, Movali.

In combinazione con questi farmaci, si consiglia vivamente ai pazienti di assumere complessi vitaminici e minerali con effetti generali o strettamente mirati. Le formulazioni più adatte possono essere determinate da uno specialista, concentrandosi sui risultati delle analisi della donna.

Attenzione! Le istruzioni per l'uso delle formulazioni elencate spesso vietano l'uso di tali farmaci durante la gravidanza, ma i componenti medicinali possono essere prescritti dal medico curante in dosaggi limitati. La manifestazione di effetti collaterali durante il trattamento è una buona ragione per rifiutare di usare il farmaco.

Chirurgia

La manipolazione chirurgica sta diventando un'opzione di trattamento accettabile nelle ultime fasi delle vene varicose uterine, soggetta alla presenza di indicazioni o all'eccessiva intensità del dolore.

L'opzione più comune per l'intervento chirurgico è l'escissione delle vene colpite. Nel corso della manipolazione chirurgica, le aree interessate dei vasi vengono rimosse e vengono posizionate protesi vascolari per sostituirle. Oltre a questo tipo di intervento chirurgico, è possibile eseguire la laparoscopia e la chirurgia endovascolare a raggi X..

La laparoscopia è un metodo minimamente invasivo in cui il periodo di riabilitazione è notevolmente ridotto. Il costo di un tale intervento è piuttosto alto, ma il metodo è ottimale in tal caso..

La chirurgia endovascolare a raggi X viene eseguita utilizzando un catetere che viene inserito nelle vene e tutte le manipolazioni sono controllate utilizzando apparecchiature a raggi X..

Attenzione! Le operazioni durante la gravidanza con le vene varicose dell'utero vengono eseguite solo per motivi di salute.

La meno traumatica e preferibile per una donna è un'operazione minimamente invasiva, che praticamente non lascia dietro di sé difetti estetici e non ha un periodo postoperatorio difficile.

Altri modi

Insieme a quelli classici, vengono utilizzati anche altri metodi di medicina tradizionale e alternativa. I più comuni sono i tè di kombucha, ippocastano e dente di leone. Spesso i pazienti si sottopongono a sedute di agopuntura e massaggi per alleviare il dolore. Tuttavia, non è consigliabile decidere in modo indipendente la necessità di applicare questi metodi..

Complicazioni in patologia

Le complicanze più comuni sono il sanguinamento uterino disfunzionale. Possono essere abbondanti o scarsi. Inoltre, le vene varicose dell'utero possono essere accompagnate da una serie di malattie infettive..

In futuro, queste malattie possono dare impulso allo sviluppo di trombosi, processi infiammatori e diventare la ragione per la rimozione dell'organo..

Previsione

La prognosi per un trattamento adeguato e tempestivo dell'allargamento varicoso dei vasi uterini è positiva, ma solo se la patologia non è complicata da malattie concomitanti. Tuttavia, non può essere completamente curato..

La sopravvivenza del paziente è superiore all'80%, anche con l'inizio di sanguinamento uterino potenzialmente letale. Se non vengono seguite misure preventive, la malattia è soggetta a recidiva.

Attenzione! Le complicanze della gravidanza con vene varicose uterine possono essere gravi. È possibile l'interruzione anticipata spontanea della gravidanza. Tale diagnosi richiede un trattamento tempestivo, è consentita la pianificazione di un bambino dopo aver subito un ciclo di terapia.

Azioni preventive

La principale misura preventiva in relazione alla vasodilatazione varicosa dell'utero è consultare un chirurgo vascolare. La consulenza diventa più importante durante la gravidanza o durante la pianificazione.

È anche importante seguire tutte le raccomandazioni dello specialista presente..

Ci sono raccomandazioni generali:

  • seguire le basi di uno stile di vita sano;
  • non tollerare la pesantezza;
  • rifiutarsi di indossare capi di guardaroba scomodi;
  • fare esercizio di terapia;
  • rivedere le proprie abitudini alimentari;
  • prendere venotonics come indicato.

Durante il periodo di gestazione, specialmente nell'ultimo trimestre di gravidanza, è necessario dormire su un fianco - questo è necessario per alleviare il carico delle fibre muscolari dell'utero. Si consiglia inoltre di dormire con i piedi su una pedana, adagiati su un cuscino o un cuscino morbido. Un importante fattore preventivo è l'uso di biancheria intima speciale con proprietà di compressione..

Se vengono trovate vene varicose dell'utero, uno specialista può raccomandare il parto con taglio cesareo. Tuttavia, la donna ha l'ultima parola: se la patologia non è complicata, allora c'è la possibilità di dare alla luce un bambino per parto naturale.

Per quanto riguarda il sesso, i rapporti sessuali con diagnosi di ingrossamento delle vene dell'utero sono consentiti a condizione che il paziente non provi disagio durante il rapporto. Tuttavia, si consiglia di consultare uno specialista in merito a misure contraccettive accettabili, poiché l'esito della gravidanza con questa patologia potrebbe essere indesiderabile..

Diagnosi e trattamento delle vene varicose dell'utero durante la gravidanza

Le vene varicose dell'utero durante la gravidanza non sono una malattia facile da rilevare da soli, un difetto nello stato di un organo interno può essere determinato solo da un medico, sulla base di un esame approfondito e di una diagnostica ecografica. È per questo motivo che i medici non cessano di ripetere la necessità di rispettare tutte le norme stabilite per visitare la clinica durante il periodo di gravidanza..

Statistiche deludenti

Secondo le statistiche, il 67% delle donne in sovrappeso soffre di vene varicose e solo il 14% delle ragazze è magro. Il fatto è che gli organi pelvici sono già sotto costante stress e durante la gravidanza sono costretti a lavorare in modalità avanzata. I vasi semplicemente non possono far fronte al pompaggio di un grande volume di sangue ed espandersi, rallentando l'afflusso di sangue alla placenta e ad altri organi adiacenti.

L'allargamento varicoso dell'utero è una patologia molto grave, se è presente, alle donne viene mostrato un taglio cesareo, poiché c'è un alto rischio che i vasi scoppino ad alta pressione, inizierà un sanguinamento grave e persino la morte è possibile. I medici dovrebbero monitorare attentamente una donna con ingrossamento varicoso della struttura venosa dell'utero, poiché questa patologia può causare aborto spontaneo in un secondo momento..

La malattia è già stata ben studiata dalla medicina, c'è persino una certa classificazione. Le vene varicose uterine sono solitamente divise in congenite o acquisite. Ci sono anche fasi di vene dilatate nell'utero:

  1. Le vene sono dilatate di 7 mm e sono localizzate nella parte inferiore dell'organo.
  2. Le vene hanno raggiunto gli 8 mm, iniziano a piegarsi.
  3. Le vene più grandi che 9 mm di diametro si raccolgono in nodi.

È nella fase in cui viene determinata la malattia che dipendono il principio del trattamento e lo schema per risolvere la gravidanza. In 3 fasi della malattia, i metodi conservativi non danno il risultato atteso ed è molto difficile fare a meno della chirurgia.

Cause dello sviluppo della malattia e dei sintomi

Le vene nell'utero possono espandersi, come in altre parti del corpo di una donna. Una caratteristica di questo processo degenerativo è che è provocato dalle sue cause, che la ragazza non può sempre influenzare. Le vene varicose dell'utero durante la gravidanza si verificano a causa dei seguenti fattori:

  • patologia cardiovascolare;
  • gravidanza multipla;
  • gravidanze ectopiche;
  • aborto (vene varicose nel 16% dei casi);
  • infezioni genitali;
  • tumori;
  • anorgasmia;
  • retroflessione;
  • endometriosi;
  • malattie croniche del sistema riproduttivo;
  • l'assenza di un'ovaia o di un difetto nell'organo e nelle sue valvole.

Come ogni malattia, le vene varicose durante la gravidanza hanno una serie di sintomi caratteristici, tra cui:

  • forte dolore nell'addome inferiore, il disagio è di natura diversa: opaco, trascinante, bruciante, possono durare per un periodo di tempo diverso;
  • scarico dal tratto genitale;
  • disturbi della minzione;
  • vene dilatate nei glutei e nelle cosce.

La malattia influisce negativamente sulle prestazioni del corpo, provoca disturbi del sonno, diminuzione dell'immunità, ma, di regola, gli stessi sintomi accompagnano una donna per tutti i 9 mesi, quindi possono essere ignorati da lei.

Separatamente, vale la pena toccare una domanda intima che interessa la maggior parte delle donne in gravidanza con vene varicose dell'utero. Se una donna non si sente a disagio e non soffre di forti dolori, è possibile una relazione sessuale completa..

Complicazioni delle vene varicose dell'utero durante la gravidanza

L'opzione più minacciosa per una donna è la perdita della gravidanza, che può essere facilmente provocata dalle vene varicose dell'utero..

Quando le vene vengono trascurate, è possibile la trombosi della vena ovarica. I coaguli di sangue iniziano a formarsi nelle vene delle ovaie, il lume si restringe, rispettivamente, nonostante la pressione, le vene si rompono, provocando sanguinamento, che può essere fermato solo in ambiente ospedaliero. Per il 23% dei pazienti, tale complicanza può essere fatale se l'assistenza non viene fornita in modo tempestivo. I sintomi di questa complicanza delle vene varicose dell'utero sono:

  • condizione febbrile;
  • vertigini;
  • attacchi di nausea (intossicazione);
  • forte dolore lancinante all'addome.

Altre complicanze includono insufficienza placentare e tromboflebite, un disturbo circolatorio patologico caratterizzato da un aumento del numero di coaguli di sangue. Se un coagulo di sangue si stacca dalla parete vascolare e raggiunge l'arteria polmonare con il flusso sanguigno, inizia la carenza di ossigeno e si verifica un infarto o un ictus. Per quanto riguarda l'insufficienza placentare, a causa delle vene dilatate dell'utero con vene varicose, l'afflusso di sangue alla placenta viene interrotto. Di conseguenza, il bambino non riceve abbastanza ossigeno e vitamine necessarie per lo sviluppo. Il feto può smettere di svilupparsi o morire del tutto. La maggior parte dei danni va al tessuto cerebrale. I bambini che si sviluppano in condizioni di insufficienza della placenta possono rimanere indietro o nascere con paralisi cerebrale.

Diagnostica e metodi di trattamento

La diagnosi viene fatta da un medico sulla base di un esame visivo della vagina, della cervice uterina, dell'utero stesso e del loro esame ecografico intravaginale. Per uno studio dettagliato del flusso sanguigno nella regione pelvica e nell'utero, viene prescritto un metodo di esame a raggi X che utilizza il contrasto. Durante la gravidanza, l'esposizione ai raggi gamma è inaccettabile, quindi gli ultrasuoni sono limitati. Quando il paziente partorisce, verrà eseguita una flebografia transuterina e un esame laparoscopico.

Una donna con sospetto di vene varicose può essere inviata per esami di laboratorio e direttamente per un esame del sangue. Se il numero di piastrine nel biomateriale è sovrastimato, ciò indica che il sangue non è in grado di circolare normalmente. Il compito del medico sarà quello di determinare in quale parte del corpo si sono verificati cambiamenti degenerativi e di eliminarli il più rapidamente possibile.

Nelle donne sane, le vene varicose dell'utero vengono trattate a lungo e il corpo in gravidanza è completamente difficile da trattare, poiché tutti i farmaci efficaci sono severamente vietati per l'uso da parte della futura mamma. Molto spesso, la terapia attiva delle vene varicose dell'utero inizia dopo il parto. Durante il trasporto di un bambino, i medici eseguono un trattamento sintomatico, alleviando una donna dai segni di disturbo che le danno il massimo disagio.

Come terapia, vengono prescritte procedure ginniche, pasti dietetici, volti a reintegrare le vitamine ei macronutrienti mancanti nel corpo. Con le vene varicose, si consiglia di astenersi da cibi in scatola, fritti e affumicati, dal fumo e dal bere caffè. I suddetti prodotti alimentari possono causare un aumento del colesterolo dannoso, che si deposita sulle pareti dei vasi sanguigni, provocando la congestione. Per evitare un'esacerbazione della malattia durante il trasporto di un bambino, è necessario muoversi di più e assumere una posizione orizzontale più volte al giorno, in cui le gambe saranno al di sopra del livello della testa. Gli esercizi "bicicletta" e "forbici" avranno un buon effetto sulla condizione delle vene della piccola pelvi.

Terapia farmacologica

Nell'ultimo mese di gravidanza, l'utero ingrassa, dilatando ancora di più i vasi, quindi si consiglia alle donne di dormire su un fianco per ridurre il carico sull'organo. Dai farmaci prescritti:

  • Phlebodia e Detralex sono agenti venotonici che migliorano l'elasticità delle pareti vascolari;
  • gli agenti antipiastrinici sono prescritti solo nel 3 ° trimestre di gravidanza, quando il sistema nervoso del bambino è già formato, si raccomanda il farmaco pentossifillina;
  • i farmaci antinfiammatori non steroidei Diclofenac e Movalis permetteranno di fermare il processo infiammatorio all'interno dei vasi dell'utero, sono prescritti per 7-9 mesi.

A una donna possono essere prescritti gambaletti o collant speciali per aiutare a distribuire uniformemente il carico sull'utero e sugli arti inferiori. A volte è necessario indossare indumenti compressivi fino alla risoluzione della gravidanza..

Nei casi più critici di vene varicose uterine durante la gravidanza, può essere utilizzato il trattamento chirurgico. Durante l'operazione, il medico asporterà o rimuoverà completamente i vasi infiammati. Se, quando si apre un organo, viene diagnosticato un processo purulento, il chirurgo può prendere una decisione di emergenza per interrompere la gravidanza e rimuovere completamente l'utero.

Tecniche alternative e rimedi popolari

Le sostanze sintetiche possono influenzare negativamente le condizioni di una donna durante la gravidanza, quindi i medici a volte raccomandano di fare riferimento alle ricette della medicina tradizionale. La maggior parte di loro sono innocui, poiché sono basati su ingredienti a base di erbe. Per ovvi motivi, i rimedi esterni per le vene varicose dell'utero durante la gravidanza non sono adatti all'uso, rispettivamente, tutta l'attenzione dovrebbe essere focalizzata sulle ricette per l'assunzione interna:

  1. Tintura di fiori di trifoglio campestre. Macina l'erba e versaci sopra 2 tazze di acqua bollente. Chiudere in un thermos e incubare per 15 minuti. Dentro, usa mezzo bicchiere 4 volte al giorno, indipendentemente dal pasto. Per migliorare il gusto della bevanda, puoi aggiungere limone o miele.
  2. Foglie di mirtillo rosso, farfara, fragole e fiori di viburno vengono mescolati in quantità uguali, fermentati per 15 minuti a fuoco basso, non bollenti, quindi insistono in un thermos per altri 40 minuti. Bere prima dei pasti, mezzo bicchiere 2 volte al giorno.
  3. Foglie di lampone, ortica, fiori di calendula vengono infusi per 20 minuti e, dopo aver raffreddato a temperatura ambiente, assumere 1 bicchiere 3 volte al giorno.
  4. Le mele della varietà "Antonovka" hanno una buona proprietà vaso-tonica, quindi si consiglia alle donne incinte di prepararle come tè e di berle ogni volta che hanno sete.

Se, dopo aver usato questi rimedi, manifesti nuovi sintomi della malattia o hai una reazione allergica, informi immediatamente il medico e interrompa l'uso di opzioni di trattamento alternative per le vene varicose.

Bagnare con una tintura di camomilla e corteccia di salice fa bene allo stato dell'utero e dei suoi vasi. Queste erbe hanno effetti antinfiammatori e possono migliorare le condizioni delle vene, ma è vietato utilizzarle senza il consiglio del medico, specialmente nelle prime fasi della gravidanza.!

Effetto della malattia sul parto

Le vene dilatate nell'utero non sono un motivo per l'interruzione della gravidanza, molte donne sopportano e danno alla luce bambini a tutti gli effetti senza difficoltà. Dopo il parto, la malattia deve essere curata, sebbene ci siano casi in cui la malattia è passata da sola. Tutto dipende dalle caratteristiche individuali dell'organismo, di solito le donne con vene varicose dell'utero, che rimangono incinte dopo 35 anni, sentono un'esacerbazione della malattia dopo il parto. Il corpo viene ripristinato dal parto per diversi mesi, quindi anche le navi sperimentano tensione per molto tempo.

In generale, la prognosi per il completo recupero con le vene varicose dell'utero durante la gravidanza è positiva, se alla donna vengono fornite cure mediche tempestive. Ritardando la terapia, i pazienti scatenano deliberatamente la malattia e peggiorano la loro situazione. Se non aderisci alle raccomandazioni del medico durante e dopo la terapia, c'è un'alta probabilità di ricaduta.

Come ogni malattia, le vene varicose dell'utero sono molto più facili da prevenire che affrontarne i sintomi e le complicazioni in seguito. Camminare per la città e salire le scale è la migliore prevenzione di questa malattia. Se hai avuto casi di vene varicose nel bacino e nei fianchi nella tua famiglia, dovresti prestare particolare attenzione ai minimi cambiamenti nel tuo benessere e informarne immediatamente il medico, sia prima della gravidanza che durante esso. Per sopportare e dare alla luce un bambino sano senza complicazioni, è necessario pianificare in anticipo il concepimento e anche curare tutte le malattie infettive e infiammatorie molto prima del primo tentativo. Segui queste regole e sarai in grado di evitare i sintomi spiacevoli delle vene varicose dell'utero durante la gravidanza..

Diagnosi e trattamento delle vene varicose dell'utero durante la gravidanza

La nascita di un bambino è la felicità per i futuri genitori. La preparazione per la nascita di un bambino inizia anche quando si pianifica una gravidanza. Prima di tutto, la salute della donna, in modo che il processo di gestazione non sia oscurato da alcuna difficoltà. Durante questo periodo, tutte le malattie esistenti si aggravano, spesso ne appaiono di nuove sotto l'influenza di un doppio carico sul corpo.

Le vene varicose dell'utero durante la gravidanza sono una di queste malattie. Le sue caratteristiche, come identificare e prevenire? Possibili opzioni di trattamento per la gravidanza? Le domande sono importanti per molte ragazze che stanno ancora pianificando e stanno già aspettando un bambino..

Cos'è questa malattia

Le vene varicose sono una malattia familiare a una donna su tre. Questa è un'espansione patologica delle vene del sangue, che porta a una ridotta circolazione sanguigna in quest'area. Le navi situate in qualsiasi parte del corpo sono soggette a modifiche. Molto spesso, la malattia appare sulle vene degli arti inferiori, ma si verifica anche sui genitali, sugli organi riproduttivi.

La gravidanza è un periodo di maggior rischio di insorgenza o esacerbazione della malattia. La patologia delle grandi vene dell'utero influisce sul benessere di una donna, portando una gravidanza e la salute di un bambino è a rischio.

Figura 1 - sistema riproduttivo femminile.

Sintomi

La malattia può verificarsi sia durante la gravidanza che senza di essa. Inizia impercettibilmente, senza sintomi pronunciati. Man mano che la malattia progredisce, sorgono dolore e altre lamentele dei pazienti.

I sintomi che indicano le vene varicose nell'utero includono:

  1. Dolore periodico grave e prolungato nell'addome inferiore, che diventa più intenso con le mestruazioni;
  2. Dolore durante o dopo il rapporto sessuale;
  3. Cambiamenti nelle mestruazioni: si allungano come sanguinamento e ciclo;
  4. Disagio nell'addome inferiore durante gli sport attivi;
  5. Minzione dolorosa, reni sani;
  6. Aumento della sensibilità delle pareti vaginali.

Durante la gravidanza, i segni delle vene varicose si fanno sentire più fortemente. Il dolore è più intenso, compare con una lunga posizione seduta o in piedi, con attività fisica, dopo il rapporto.

Le sensazioni spiacevoli si diffondono al sacro e alla colonna lombare.

Le vene varicose dell'utero possono essere accompagnate da vene varicose nelle aree adiacenti: labbra, vagina ed estremità inferiori. In questo caso, i sintomi sono più pronunciati, il paziente si sente peggio. Aggiunta pesantezza nel perineo, gambe gonfie e stanchezza.

Cause di occorrenza

Ci sono diversi fattori che causano la patologia del sistema circolatorio negli organi pelvici. Le principali cause delle vene varicose dell'utero:

  • Cambiamenti nell'equilibrio ormonale - in una posizione interessante, aumenta la produzione di progesterone - una sostanza che rilassa i muscoli dell'utero. È necessario allungare questo organo interno per il feto in rapida crescita. La sua azione colpisce i vasi sanguigni: le loro pareti si rilassano e si allungano. Si verifica un ristagno di sangue, che espande ulteriormente le vene.
  • L'aumento della pressione sanguigna è essenziale per un buon apporto di sangue al feto. Dannoso per i grandi vasi sanguigni, che rendono più difficile contenere l'aumento della pressione.
  • L'aumento della formazione di coaguli di sangue è una sorta di preparazione del corpo per il parto. È necessario prevenire un'eccessiva perdita di sangue durante la separazione della placenta dall'utero alla nascita. La trombosi peggiora le vene varicose.
  • Stile di vita sedentario: le future mamme limitano nettamente l'attività fisica, riducono anche gli sport semplici. Stare sdraiati o seduti per lunghi periodi di tempo altera la circolazione sanguigna.
  • Premendo l'utero in crescita delle grandi vene.
  • Malattie croniche degli organi riproduttivi presenti e non curate prima della gravidanza.
  • Predisposizione ereditaria - vene varicose nel parente più prossimo.
  • Uso a lungo termine di contraccettivi orali prima della gravidanza.
  • Valvole venose insufficienti nelle ovaie, che aumenta la pressione sanguigna negli organi pelvici.

Varietà

La patologia vascolare può essere congenita o acquisita. Nel primo caso, si verifica anche durante lo sviluppo intrauterino di una donna e progredisce gradualmente per tutta la vita. Questa anomalia è rara..

Il tipo di disturbo acquisito è primario e secondario. Primaria è una malattia indipendente che non è causata da altre condizioni di salute. Secondario - causato da malattie ginecologiche. Questi includono: endometriosi, neoplasie benigne o maligne, aderenze nelle tube di Falloppio.

Fasi delle vene varicose dell'utero:

  1. Iniziale: un leggero aumento delle vene fino a un diametro di 7 mm. I vasi con anomalie hanno la priorità nell'utero inferiore.
  2. Il secondo: il diametro delle vene raggiunge un valore di 8 mm, c'è una lenta deformazione, flessione dei vasi sanguigni.
  3. Il terzo: il diametro delle vene è più alto di 13 mm, ci sono cambiamenti patologici e formazioni nodulari dai vasi colpiti.

Diagnostica

Se si verificano sintomi fastidiosi, consultare il proprio medico per un consiglio. La gravidanza è un momento in cui l'assistenza sanitaria è particolarmente importante e urgente. È difficile diagnosticare la malattia, metodi diagnostici efficaci sono apparsi solo nell'ultimo decennio.

Il medico esamina la vagina e la cervice. Le vene varicose danno loro gonfiore e colore bluastro. Con un decorso pronunciato della malattia, sono visibili noduli venosi. È imperativo che il paziente si sottoponga a un esame ecografico intravaginale. Vengono eseguite altre procedure di esame.

  • Raggi X mediante contrasto (flebografia transuterina);
  • Laparoscopia;
  • Ricerca Doppler;
  • Ecografia transvaginale;
  • Scansione TC.

Questi metodi, insieme ad una raccolta approfondita di anamnesi della malattia e dei disturbi del paziente, consentono una diagnosi accurata e corretta. Questo è il primo passo verso il trattamento che sosterrà la salute della ragazza e della futura mamma..

Trattamento

Il trattamento delle vene varicose non è un compito facile nemmeno per una persona sana. La gravidanza limita i medici nell'uso di molti farmaci. Soprattutto in relazione agli organi pelvici, che assicurano la crescita e lo sviluppo del feto. L'intervento è altamente indesiderabile.

Durante questo periodo, il compito viene messo al primo posto: non danneggiare la madre e il bambino. Una ragazza con diagnosi di vene varicose è sotto la supervisione di un flebologo tutto il tempo prima del parto. Un medico di questa specialità, insieme a un ginecologo, prescrive un corso di trattamento di supporto.

Sulla base dell'esame, viene stabilito il grado di danno ai vasi dell'utero. Viene presa una decisione sul metodo del parto: scegliendo naturalmente o eseguendo un taglio cesareo.

Raccomandazioni generali

Raccomandazioni che sono efficaci nelle fasi iniziali delle vene varicose e possono essere applicate durante la gravidanza:

  1. Riposo e attività normali;
  2. Rifiuto da uno sforzo fisico eccessivo;
  3. Alimenti dietetici: includere frutta e verdura nella dieta;
  4. L'uso della vitamina E con oli vegetali (oliva, semi di lino), che riduce la probabilità di coaguli di sangue;
  5. Stile di vita sano senza fumare e bere bevande alcoliche;
  6. Esercizi di Kegel (per tonificare i muscoli dell'utero e della vagina);
  7. Attività di fisioterapia.

Evita scarpe con tacchi alti o instabili che aumentano lo stress sui piedi, indumenti o scarpe stretti. L'interruzione della normale circolazione sanguigna non gioverà, causerà gonfiore e sensazione di pesantezza.

Trattamento farmacologico

Il medico decide di assumere farmaci venotonici e fluidificanti del sangue. Questi includono:

  • Troxerutin (capsule);
  • Detralex;
  • Phlebodia
  • ACC trombotico;
  • Eparina;
  • Cardiomagnet.

Questi e altri farmaci con cautela e sotto la supervisione di un medico possono essere assunti da donne in gravidanza per rafforzare le pareti dei vasi sanguigni e ridurre la probabilità di coaguli di sangue. L'ammissione di preparati multivitaminici complessi sarà utile.

Chirurgia

Per il trattamento di casi complessi di vene varicose dell'utero in ginecologia, vengono utilizzati metodi chirurgici. Questi includono i seguenti tipi di operazioni:

  1. Flebectomia: attraverso una piccola incisione, il medico rimuove i piccoli vasi danneggiati dalle vene varicose;
  2. Scleroterapia: incollare una nave malata con una preparazione speciale;
  3. Coagulazione laser o radiofrequenza;
  4. Rimozione dell'utero.

In alcuni casi, durante l'esecuzione di un taglio cesareo, il chirurgo esegue contemporaneamente il metodo scelto per il trattamento delle vene varicose uterine.

Metodi e mezzi popolari

Le vene varicose sono una malattia nota all'umanità da molto tempo. Ci sono un gran numero di metodi e mezzi popolari e non tradizionali per combatterlo. Rafforza le pareti delle vene con decotti di piante: ippocastano, pomo d'Adamo, dente di leone e altri.

L'agopuntura e il massaggio aiutano ad alleviare il dolore e il gonfiore. Durante la gravidanza, dovrebbero essere usati con molta attenzione e con il previo permesso di un medico..

Possibili complicazioni

La complicanza più comune delle vene varicose uterine è il verificarsi di sanguinamento uterino. Può essere piccolo o abbondante e minacciare la vita della paziente e la continuazione della gravidanza. Le vene varicose aumentano il rischio di infezioni negli organi pelvici. Porta a infiammazione e trombosi.

La donna incinta, insieme al medico curante, decide sulla scelta del metodo di parto. Il modo naturale di dare alla luce un bambino non è proibito, tuttavia, vale la pena considerare lo stadio della deviazione patologica e altri fattori.

Per la sicurezza della madre e del bambino, un taglio cesareo è giustificato. In questa operazione, l'utero non sperimenta tensione come in un processo naturale. Le probabilità che una grande vena esploda con la spinta è grande e questo è un grande rischio per la salute. Un taglio cesareo programmato è migliore di uno di emergenza quando la vita del bambino e della donna è a rischio e il tempo di risposta è minimo.

Prevenzione

La prevenzione è sempre preferibile alla cura. Sulla questione delle vene varicose, conoscendo la predisposizione ereditaria e altri fattori di rischio, pianificando una gravidanza, una ragazza può ridurre al minimo la probabilità di vene varicose o rallentare la progressione della malattia.

Per questo è necessario essere attenti alla propria salute e ai sintomi che segnalano problemi..

La prevenzione include la ginnastica (consentita alle donne incinte) e i consigli nutrizionali. Ci sono consigli medici generali:

  1. Non sollevare pesi;
  2. Elimina vestiti e scarpe stretti e schiaccianti;
  3. Dormi (specialmente alla fine della gravidanza) sul lato sinistro, se possibile solleva leggermente le gambe verso l'alto -
  4. Metti un cuscino o un rullo;
  5. Controllo del peso: i chili in più aumentano il carico su tutto il corpo;
  6. Non sedersi con le gambe incrociate;
  7. Prendi la venotonica nel corso consigliato dal tuo medico.

Fisioterapia

Gli esercizi mirano a rafforzare i muscoli del perineo e migliorare il flusso sanguigno delle vene della piccola pelvi. Sono facili da fare e non ti faranno sentire stanco. È possibile migliorare l'effetto con una doccia fredda o di contrasto dopo la ricarica. Anche 10-20 minuti di riposo con le gambe sollevate saranno utili..

Esercizi per la prevenzione delle vene varicose:

  • Forbici: le gambe dritte sono incrociate alternativamente;
  • Betulla - un supporto sulle scapole con il supporto della parte bassa della schiena con le mani;
  • A passeggio;
  • Nuoto;
  • Bicicletta - imitazione del ciclismo da sdraiati.

Dieta

Una dieta corretta e una dieta equilibrata normalizzeranno il sistema digestivo e miglioreranno il suo lavoro. L'intestino è adiacente all'utero, il suo corretto funzionamento ridurrà lo stress su di esso. Per una buona motilità intestinale, hai bisogno di cibo con fibre (verdura, frutta) e latticini.

Ci sono prodotti che riducono la coagulazione, il che sarà utile: diventerà meno frequente, diventerà più facile spingerlo attraverso i vasi, la probabilità di coaguli di sangue è inferiore. Si tratta di frutta e verdura: mirtilli rossi, sedano, uva scura, cipolle, aglio, kiwi, ciliegie, pomodori. Lo iodio migliora l'elasticità delle pareti dei vasi. Si trova ad alte dosi nelle alghe e nel sale iodato.

È necessario ridurre al minimo o abbandonare completamente lo zucchero raffinato ei prodotti con esso: dolci, cioccolato, biscotti, pasticcini, marmellate. È meglio abbassare il contenuto calorico del cibo: i grassi addensano il sangue. Sostituisci il pane bianco con cereali integrali o crusca. Cibo fritto - al vapore e bollito.

È meglio mangiare 5-6 volte al giorno, a poco a poco, in modo da non aumentare il carico sull'apparato digerente e sugli organi pelvici. Il rispetto di queste semplici regole aiuterà a frenare lo sviluppo delle vene varicose e andrà a beneficio sia della madre che del bambino..

La malattia andrà via dopo la gravidanza

Cosa succederà dopo il parto? La malattia che è comparsa durante questo periodo scomparirà da sola? Anche il medico curante non darà una risposta esatta. Dipende dall'immagine della malattia e dalle caratteristiche individuali dell'organismo..

In alcuni casi, la condizione delle vene è normalizzata. In altri, dopo il parto e il periodo di recupero, inizierà un ciclo di trattamento che aiuterà a far fronte alla malattia. L'importante è non perdere tempo: l'allattamento promuove la produzione di ormoni che rilassano le pareti dei vasi sanguigni.

Cresce il peso del bambino, che la madre porta spesso in braccio per il primo anno. Insieme a lui, la malattia progredisce, entra in una fase in cui sarà difficile liberarsene.

Le vene varicose sull'utero non sono una controindicazione per la gravidanza. Un paziente con una tale diagnosi dovrebbe prestare la massima attenzione alla sua salute. In questo caso, la gioia della maternità non sarà oscurata da nulla..


Articolo Successivo
11 rimedi popolari efficaci per fluidificare il sangue nel corpo