Bloccanti alfa-adrenergici: cos'è, meccanismo d'azione, aree di applicazione, effetti collaterali


Gli alfa-bloccanti sono un gruppo di farmaci antipertensivi che prevengono il contatto di epinefrina, norepinefrina con recettori specifici. Gli effetti clinici dell'uso di AAB sono diversi, i farmaci hanno trovato applicazione in urologia, cardiologia, neurologia e oncologia..

Considera il principio dei farmaci, le principali indicazioni, controindicazioni, reazioni avverse.

Meccanismo di azione

Le cellule del corpo hanno recettori sensibili agli effetti dell'adrenalina, il suo derivato della norepinefrina. Tutti sono divisi in due grandi gruppi: alfa, beta e i gruppi - nei tipi alfa-1, 2, beta1, 2, 3. Ciascun tipo ha una localizzazione preferita e la loro eccitazione si manifesta con una reazione specifica dell'organo.

Localizzazione, proprietà di vari tipi di recettori alfa-adrenergici

PosizioneRisultato dell'attivazione
Alpha-1
Vasi sanguigni della pelle, mucose, organi interniCostrizione, che è accompagnata da un aumento della pressione sanguigna, resistenza vascolare periferica totale
IrisDilatazione della pupilla
Cellule muscolari intestinaliRilassamento
Sfinteri dell'apparato digerente, tratto urinarioRestringimento degli sfinteri
Muscoli lisci della prostata, uteroContrazione dell'utero, muscoli della prostata
BronchiBroncospasmo
FegatoAttivazione della degradazione del glicogeno in glucosio
Un cuoreAumento della frequenza cardiaca, diminuzione della frequenza cardiaca
Alpha-2
Terminazioni nervose dei neuroni adrenergici e colinergiciRidurre il rilascio di noradrenalina
Centro vasomotorio del midollo allungatoDiminuzione dell'attività accompagnata da un calo della pressione sanguigna
Vasi sanguigni della pelle, mucoseCostrizione
Fibre muscolari dello stomaco, intestinoInibizione della motilità, peristalsi del tratto gastrointestinale
Cellule pancreatiche che sintetizzano l'insulinaDiminuzione della sintesi di insulina
PiastrineAttivazione dell'adesione cellulare

I farmaci alfa-bloccanti hanno la capacità di bloccare la sensibilità dei recettori ormonali regolatori. L'effetto clinico della mancanza di interazione dipende dal tipo di recettore adrenergico a cui il farmaco è specifico.

Classificazione dei farmaci

Distinguere tra AAB selettivo e non selettivo. I primi interagiscono solo con i recettori di tipo alfa-1, i secondi bloccano eventuali recettori alfa-adrenergici.

I farmaci selettivi includono:

  • prazosina;
  • doxazosina;
  • terazosina;
  • tamsulosina;
  • alfuzosina.
  • fentolamina;
  • nicergolina;
  • butirossano;
  • alcaloidi dell'ergot, loro derivati.

Un gruppo separato è costituito dai farmaci che inattivano entrambi i tipi di recettori adrenergici - alfa-beta-bloccanti. Questi sono carvedilolo, labetalolo, proxodololo. Il vantaggio principale di tali farmaci è che tutti i punti di forza dei beta-bloccanti sono integrati da un potente effetto vasodilatatore..

Nomi commerciali di rappresentanti di classi diverse

Sostanza attivaNome depositato
Prazosin
  • Adversuten;
  • Deprazolina;
  • Minipress;
  • Decliten;
  • Duramipress;
  • Eurex;
  • Hypovaz;
  • Orbizan;
  • Vasoflex;
  • Polpressin.
Doxazosin
  • Artesin;
  • Kamiren;
  • Kardura;
  • Tonokardin;
  • Lezione.
Terazosina
  • Kornam;
  • Setegis;
  • Haitrin.
Tamsulosina
  • Iper-semplice;
  • Glansin;
  • Miktosin;
  • Omnic;
  • Omsulosin;
  • Proflosin;
  • Sonisin;
  • Tamzelin;
  • Tamsulon;
  • Taniz-K;
  • Tulosin;
  • Fokusin.
Alfuzosina
  • Alfuprost;
  • Dalphaz.
Fentolamina
  • Regitin
Nicergoline
  • Nilogrin;
  • Sermion.

Alfa bloccanti: indicazioni per l'uso

L'ambito di applicazione dei farmaci è determinato principalmente dalla specificità della loro azione. I farmaci non selettivi sono usati per trattare:

  • disturbi della circolazione cerebrale, compreso l'ictus;
  • patologie della circolazione periferica (endoarterite obliterante, morbo di Raynaud;
  • crisi ipertensiva (rara);
  • mal di testa di natura vascolare, in particolare emicranie;
  • abbuffata;
  • diagnosi di feocromocitoma.

I farmaci selettivi sono utilizzati attivamente dagli urologi.

In cardiologia

I farmaci in questo gruppo non sono i farmaci di prima scelta. Abbassano la pressione sanguigna molto più debole di altri farmaci antipertensivi, hanno un effetto meno prevedibile e hanno scarso effetto sui disturbi concomitanti. La prescrizione di farmaci è giustificata per alcune categorie di pazienti con bisogni speciali. Questi includono:

  • Pazienti con feocromocitoma - un tumore benigno delle ghiandole surrenali che sintetizza una grande quantità di adrenalina. L'uso di alfa-1,2-bloccanti consente di compensare gli effetti negativi di un eccesso di ormone. Ciò è necessario per preparare una persona per un intervento chirurgico, in rari casi - un metodo alternativo per il trattamento delle neoplasie. Fentolamina, tropafen è usato per eliminare le crisi ipertensive che possono accompagnare la crescita del feocromocitoma.
  • Uomini anziani che hanno contemporaneamente ipertensione, disturbi della minzione causati da prostatite. In questi pazienti, l'assunzione di AAB risolve due problemi contemporaneamente..
  • Pazienti con diabete mellito. Farmaci selettivi che bloccano i recettori adrenergici di tipo alfa, aumentano la sensibilità dei tessuti all'insulina, aiutano a ridurre la glicemia.
  • La presenza di controindicazioni all'assunzione di altri farmaci antipertensivi. In genere, a tali pazienti viene prescritta doxazosina, prazosina. Entrambi i farmaci sono bloccanti selettivi. Per potenziarne l'effetto, vengono spesso combinati con diuretici tiazidici, beta-bloccanti, canali del calcio, ACE inibitori. L'utilizzo di diuretici, oltre a potenziarne l'azione, evita la ritenzione di liquidi.

In urologia

L'uso di AAB è accompagnato dal rilassamento della muscolatura liscia della ghiandola prostatica e della vescica urinaria. Gli urologi usano queste proprietà degli alfa -1 bloccanti per trattare:

  • iperplasia della prostata (farmaci di prima scelta);
  • ritenzione urinaria acuta (in combinazione con l'installazione di un catetere urinario);
  • prostatite cronica;
  • dolore pelvico cronico;
  • vescica iperattiva.

Gli AAB più popolari sono doxazosina, terazosina, tamsulosina, alfuzosina. Gli ultimi due medicinali non influenzano la pressione sanguigna: la loro sensibilità alle cellule muscolari della prostata e della vescica è 20 volte superiore a quella dei miociti dei vasi sanguigni.

La possibilità di utilizzare farmaci che bloccano i recettori alfa per il trattamento dei calcoli renali è attivamente esplorata. Questa pratica non è ancora diffusa, anche se alcune cliniche stanno ottenendo ottimi risultati in pazienti con piccoli calcoli..

In neurologia

La nicergolina è uno dei farmaci più comunemente usati del gruppo AAB che migliora la circolazione cerebrale. Essendo un bloccante non selettivo, ha ancora un'elevata specificità per le cellule dei vasi del cervello e degli arti. Nicergolina:

  • espande il lume dei vasi sanguigni;
  • impedisce alle piastrine di attaccarsi tra loro;
  • migliora la microcircolazione di cervello, braccia, gambe, polmoni, reni;
  • aumenta la permeabilità delle arterie per il glucosio.

Si consiglia di prescrivere questo medicinale a pazienti con:

  • aterosclerosi del cervello;
  • ischemia del sistema nervoso centrale di qualsiasi origine;
  • ictus;
  • encefalopatia post-traumatica;
  • vertigini, disturbi vestibolari associati a patologie vascolari;
  • demenza senile;
  • Malattia di Raynaud;
  • arteriopatia degli arti;
  • problemi vascolari della retina, coroide.

Controindicazioni

AAB non è prescritto per:

  • ipersensibilità;
  • pressione ridotta;
  • forme gravi di aterosclerosi;
  • malattie cardiache organiche;
  • angina pectoris;
  • bradicardia;
  • recente infarto miocardico.

A tutti i farmaci del gruppo alfa-bloccanti è vietato assumere donne in gravidanza e in allattamento.

Effetti collaterali

L'uso di farmaci può essere accompagnato dalle seguenti reazioni avverse:

  • vertigini;
  • mal di testa;
  • aumento della fatica;
  • sonnolenza;
  • disturbi del sonno;
  • ansia;
  • svenimento;
  • una diminuzione della pressione quando si cambia la posizione del corpo (ipotensione ortostatica);
  • attacchi di angina pectoris;
  • nausea;
  • diarrea;
  • violazione dell'eiaculazione;
  • sudorazione;
  • gonfiore delle mucose;
  • prurito.

Il numero e la gravità delle reazioni avverse dipendono dal tipo di alfa-1,2. Più selettività ha, meno ce ne sono..

Effetto della prima dose

L'assunzione iniziale di AAB è spesso accompagnata da un attacco di ipotensione ortostatica (posturale) - un forte calo della pressione sanguigna quando si cambia la posizione del corpo da sdraiato a in piedi.

Clinicamente, si manifesta come vertigini, grave debolezza, oscuramento degli occhi e svenimenti improvvisi. Durante una caduta, i pazienti, soprattutto gli anziani, sono spesso feriti. La combinazione di ipotensione ortostatica e inizio della terapia con alfa-bloccanti è chiamata effetto della prima dose..

Molto spesso, la patologia si verifica tra i pazienti che assumono prazosina (16%). Altri farmaci vengono assorbiti dal tubo digerente più lentamente, il blocco dei recettori avviene senza intoppi, il corpo ha il tempo di adattarsi alle mutate condizioni.

Lo svenimento può essere prevenuto con i seguenti metodi:

  • interrompere l'assunzione di diuretici alcuni giorni prima di iniziare la terapia (solo dopo aver consultato un medico);
  • iniziare il trattamento con una dose minima, aumentare il dosaggio solo dopo pochi giorni;
  • prendere il medicinale per la prima volta prima di coricarsi, assumendo una posizione orizzontale.

Se, dopo lo sviluppo dell'effetto della prima dose, il paziente interrompe l'assunzione del farmaco, la ripresa del trattamento per una settimana non è accompagnata da una ricaduta. Con un successivo periodo di ritorno alla terapia, è possibile una ricaduta.

Bloccanti adrenergici (alfa e beta bloccanti): un elenco di farmaci e classificazione, meccanismo d'azione (selettivo, non selettivo, ecc.), Indicazioni per l'uso, effetti collaterali e controindicazioni

Il sito fornisce informazioni di base solo a scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È necessaria una consulenza specialistica!

caratteristiche generali

I bloccanti adrenergici agiscono sui recettori adrenergici, che si trovano nelle pareti dei vasi sanguigni e nel cuore. In realtà, questo gruppo di farmaci prende il nome proprio dal fatto che bloccano l'azione dei recettori adrenergici.

Normalmente, quando i recettori adrenergici sono liberi, possono essere influenzati dall'adrenalina o dalla norepinefrina che compare nel flusso sanguigno. Quando l'adrenalina si lega ai recettori adrenergici, provoca i seguenti effetti:

  • Vasocostrittore (il lume dei vasi sanguigni è fortemente ristretto);
  • Ipertensivo (aumento della pressione sanguigna);
  • Anti allergico;
  • Broncodilatatore (espande il lume dei bronchi);
  • Iperglicemico (aumenta i livelli di glucosio nel sangue).

I farmaci del gruppo bloccante adrenergico sembrano disattivare i recettori adrenergici e, di conseguenza, hanno un effetto direttamente opposto all'adrenalina, cioè espandono i vasi sanguigni, abbassano la pressione sanguigna, restringono il lume dei bronchi e riducono i livelli di glucosio nel sangue. Naturalmente, questi sono gli effetti più comuni dei bloccanti adrenergici insiti in tutti i farmaci di questo gruppo farmacologico senza eccezioni..

Classificazione

Esistono quattro tipi di recettori adrenergici nelle pareti dei vasi sanguigni: questi sono alfa-1, alfa-2, beta-1 e beta-2, che di solito sono denominati rispettivamente: recettori alfa-1-adrenergici, recettori alfa-2-adrenergici, recettori beta-1-adrenergici e beta -2-recettori adrenergici. I farmaci del gruppo bloccante adrenergico possono disattivare vari tipi di recettori, ad esempio solo i recettori beta-1-adrenergici o i recettori alfa-1,2-adrenergici, ecc. I bloccanti adrenergici sono divisi in diversi gruppi a seconda dei tipi di recettori adrenergici che disattivano.

Quindi, i bloccanti adrenergici sono classificati nei seguenti gruppi:

1.Alfa-bloccanti:

  • Alfa-1-bloccanti (alfuzosina, doxazosina, prazosina, silodosina, tamsulosina, terazosina, urapidil);
  • Alfa-2-bloccanti (yohimbina);
  • Bloccanti alfa-1,2-adrenergici (nicergolina, fentolamina, propoxan, diidroergotamina, diidroergocristina, alfa-diidroergocriptina, diidroergotossina).

2.Beta-bloccanti:
  • Beta-1,2-bloccanti (chiamati anche non selettivi) - bopindololo, metipranololo, nadololo, oxprenololo, pindololo, propranololo, sotalolo, timololo;
  • Beta-1-bloccanti (chiamati anche cardioselettivi o semplicemente selettivi) - atenololo, acebutololo, betaxololo, bisoprololo, metoprololo, nebivololo, talinololo, celiprololo, esatenololo, esmololo.

3.Alfa-beta-bloccanti (disattivano simultaneamente i recettori alfa e beta-adrenergici) - butilamminoidrossipropossifenossimetilmetilossadiazolo (proxodololo), carvedilolo, labetalolo.

Questa classificazione mostra i nomi internazionali dei principi attivi che compongono la composizione dei farmaci appartenenti a ciascun gruppo di bloccanti adrenergici..

Ogni gruppo di beta-bloccanti è inoltre suddiviso in due tipi: con attività simpaticomimetica interna (ICA) o senza ICA. Tuttavia, questa classificazione è ausiliaria ed è necessaria solo per i medici per selezionare il farmaco ottimale..

Adrenoblockers - elenco

Farmaci alfa-bloccanti

Presentiamo elenchi di alfa-bloccanti di vari sottogruppi in diversi elenchi per la ricerca più semplice e strutturata delle informazioni necessarie.

I farmaci del gruppo alfa-1-bloccante includono quanto segue:

1.Alfuzosina (DCI):

  • Alfuprost MR;
  • Alfuzosina;
  • Alfuzosina cloridrato;
  • Dalphaz;
  • Dalfaz Retard;
  • Dalfaz SR.

2.Dossazosina (INN):
  • Artesin;
  • Artezin Retard;
  • Doxazosin;
  • Doxazosin Belupo;
  • Doxazosin Zentiva;
  • Doxazosin Sandoz;
  • Doxazosin-ratiopharm;
  • Doxazosin Teva;
  • Doxazosin mesilato;
  • Zoxon;
  • Kamiren;
  • Kamiren HL;
  • Kardura;
  • Kardura Neo;
  • Tonokardin;
  • Lezione.

3.Prazosin (INN):
  • Polpressin;
  • Prazosin.

4. Silodosina (INN):
  • Urorek.

5.Tamsulosina (INN):
  • Iper-semplice;
  • Glansin;
  • Miktosin;
  • Omnik Okas;
  • Omnic;
  • Omsulosin;
  • Proflosin;
  • Sonisin;
  • Tamzelin;
  • Tamsulosina;
  • Tamsulosin Retard;
  • Tamsulosin Sandoz;
  • Tamsulosin-OBL;
  • Tamsulozin Teva;
  • Tamsulosina cloridrato;
  • Tamsulon FS;
  • Taniz ERAS;
  • Tanise K;
  • Tulosin;
  • Fokusin.

6.Terazosine (INN):
  • Kornam;
  • Setegis;
  • Terazosin;
  • Terazosin Teva;
  • Haitrin.

7.Urapidil (INN):
  • Urapidil Carino;
  • Ebrantil.

I farmaci alfa-2-bloccanti includono la yohimbina e la yohimbina cloridrato.

I farmaci del gruppo alfa-1,2 bloccanti includono i seguenti farmaci:

1.Diidroergotossina (una miscela di diidroergotamina, diidroergocristina e alfa-diidroergocriptina):

  • Redergin.

2.Diidroergotamina:
  • Ditamin.

3. Nicergolina:
  • Nilogrin;
  • Nicergoline;
  • Nicergoline-Ferein;
  • Sermion.

4. Propossano:
  • Pyroxan;
  • Proproxan.

5.Phentolamine:
  • Fentolamina.

Beta-bloccanti - elenco

Poiché ogni gruppo di beta-bloccanti include un numero abbastanza elevato di farmaci, presentiamo i loro elenchi separatamente per una più facile percezione e ricerca delle informazioni necessarie.

Beta-bloccanti selettivi (beta-1-bloccanti, bloccanti selettivi, bloccanti adrenergici cardioselettivi). I nomi comuni di questo gruppo farmacologico di bloccanti adrenergici sono elencati tra parentesi..

Quindi, i seguenti farmaci appartengono a beta-bloccanti selettivi:

1.Atenololo:

  • Atenobene;
  • Atenova;
  • Atenol;
  • Atenolan;
  • Atenololo;
  • Atenolol-Ajio;
  • Atenolol-AKOS;
  • Atenolol-Acri;
  • Atenolol Belupo;
  • Atenolol Nycomed;
  • Atenolol-ratiopharm;
  • Atenolol Teva;
  • Atenolol UBF;
  • Atenolol FPO;
  • Atenolol Stada;
  • Atenosan;
  • Betacard;
  • Velorin 100;
  • Vero-Atenolol;
  • Ormidol;
  • Prinorm;
  • Sinarom;
  • Tenormin.

2.Acebutololo:
  • Acecor;
  • Sectral.

3.Betaxololo:
  • Betak;
  • Betaxolol;
  • Betalmik EU;
  • Betottico;
  • Betoptic S;
  • Betoftan;
  • Xonef;
  • Xonef BK;
  • Lokren;
  • Optibetol.

4.Bisoprololo:
  • Aritel;
  • Aritel Cor;
  • Bidop;
  • Bidop Cor;
  • Biol;
  • Biprol;
  • Bisogamma;
  • Bisokard;
  • Bisomor;
  • Bisoprololo;
  • Bisoprolol-OBL;
  • Bisoprololo LEKSVM;
  • Bisoprololo Lugal;
  • Bisoprolol Prana;
  • Bisoprololo ratiopharm;
  • Bisoprololo C3;
  • Bisoprolol Teva;
  • Bisoprololo fumarato;
  • Concor;
  • Concor Cor;
  • Corbis;
  • Cordinorm;
  • Cordinorm Cor;
  • Coronale;
  • Niperten;
  • Tyrez.

5.Metoprololo:
  • Betalok;
  • Betalok ZOK;
  • Vasocordin;
  • Corvitol 50 e Corvitol 100;
  • Metozok;
  • Metocardio;
  • Metokor Adipharm;
  • Metololo;
  • Metoprololo;
  • Metoprolol Acri;
  • Metoprolol Akrikhin;
  • Metoprolol Zentiva;
  • Metoprololo organico;
  • Metoprolol OBL;
  • Metoprolol-ratiopharm;
  • Metoprololo succinato;
  • Metoprololo tartrato;
  • Serdol;
  • Egilok;
  • Egilok Retard;
  • Egilok S;
  • Emzok.

6.Nebivololo:
  • Bivotenz;
  • Binelol;
  • Nebivator;
  • Nebivolol;
  • Nebivolol NANOLEK;
  • Nebivolol Sandoz;
  • Nebivolol Teva;
  • Nebivolol Chaikafarma;
  • Nebivololo EG;
  • Nebivolol cloridrato;
  • Nebikor Adipharm;
  • Nebilan Lannacher;
  • Nebilet;
  • Nebilong;
  • OD-Heaven.

7 talinololo:

  • Kordanum.

8.Celiprololo:
  • Celiprol.

9.Esatenololo:
  • Estecor.

10.Esmololo:
  • Breviblock.

Beta-bloccanti non selettivi (beta-1,2-bloccanti). Questo gruppo include i seguenti farmaci:

1.Bopindololo:

  • Sandonorm.

2.Metypranololo:
  • Trimepranol.

3.Nadolol:
  • Korgard.

4. Oxprenolol:
  • Trasicor.

5.Pindololo:
  • Whisken.

6.Propranololo:
  • Anaprilina;
  • Vero-Anaprilin;
  • Inderal;
  • Inderal LA;
  • Obiettato;
  • Propranobene;
  • Propranololo;
  • Propranolol Nycomed.

7.Sotalolo:
  • Darob;
  • SotaHEXAL;
  • Sotalex;
  • Sotalol;
  • Sotalol Canon;
  • Sotalolo cloridrato.

8. Timololo:
  • Arutimol;
  • Glaumol;
  • Glautam;
  • Kuzimolol;
  • Niolol;
  • Okumed;
  • Okumol;
  • Okupres E;
  • Optimol;
  • Oftan Timogel;
  • Oftan Timolol;
  • Oftensin;
  • TimoGexal;
  • Timolo;
  • Timololo;
  • Timolol AKOS;
  • Timolol Betalek;
  • Timolol Bufus;
  • Timolol DIA;
  • Timolol LENS;
  • Timolol MEZ;
  • Timolol POS;
  • Timolol Teva;
  • Timololo maleato;
  • Timollong;
  • Timoptic;
  • Deposito timoptico.

Alfa-beta-bloccanti (farmaci che disattivano i recettori alfa e beta-adrenergici)

I farmaci in questo gruppo includono quanto segue:

1.Butilamminoidrossipropossifenossimetilmetilossadiazolo:

  • Albethor;
  • Albethor Long;
  • Butilamminoidrossipropossifenossimetil metilossadiazolo;
  • Proxodolol.

2.Carvedilolo:
  • Acridilolo;
  • Bagodilol;
  • Vedicardol;
  • Dilatrend;
  • Carvedigamma;
  • Carvedilolo;
  • Carvedilol Zentiva;
  • Carvedilol Canon;
  • Carvedilol Obolenskoe;
  • Carvedilol Sandoz;
  • Carvedilol Teva;
  • Carvedilol STADA;
  • Carvedilol-OBL;
  • Carvedilol Pharmaplant;
  • Carwenal;
  • Carvetrend;
  • Carvedil;
  • Kardivas;
  • Coriol;
  • Credex;
  • Recardium;
  • Talliton.

3.Labetalolo:
  • Abetol;
  • Amipress;
  • Labetol;
  • Trandol.

Beta-2-bloccanti

Attualmente non ci sono farmaci che isolatamente disattivano solo i recettori beta-2-adrenergici. In precedenza, veniva prodotto il farmaco Butoxamina, che è un beta-2-bloccante adrenergico, ma oggi non viene utilizzato nella pratica medica ed è di interesse esclusivo per scienziati sperimentali specializzati in farmacologia, sintesi organica, ecc..

Esistono solo beta-bloccanti non selettivi che disattivano simultaneamente i recettori adrenergici beta-1 e beta-2. Tuttavia, poiché esistono anche bloccanti adrenergici selettivi che disattivano solo i recettori beta-1-adrenergici, quelli non selettivi sono spesso chiamati beta-2-bloccanti. Questo nome non è corretto, ma è abbastanza diffuso nella vita di tutti i giorni. Pertanto, quando si dice "beta-2-bloccanti", è necessario sapere cosa si intende per gruppo di beta-1,2-bloccanti non selettivi.

atto

L'azione degli alfa-bloccanti

Gli alfa-1-bloccanti e gli alfa-1,2-bloccanti hanno lo stesso effetto farmacologico. E i farmaci di questi gruppi differiscono l'uno dall'altro per effetti collaterali, di cui gli alfa-1,2-bloccanti sono solitamente più e si verificano più spesso rispetto agli alfa-1-bloccanti.

Quindi, i farmaci di questi gruppi dilatano i vasi di tutti gli organi, e in particolare fortemente la pelle, le mucose, l'intestino e i reni. A causa di ciò, la resistenza vascolare periferica totale diminuisce, il flusso sanguigno e l'afflusso di sangue ai tessuti periferici migliorano e anche la pressione sanguigna diminuisce. A causa di una diminuzione della resistenza vascolare periferica e di una diminuzione della quantità di sangue che ritorna agli atri dalle vene (ritorno venoso), il pre e il postcarico sul cuore sono significativamente ridotti, il che facilita notevolmente il suo lavoro e ha un effetto positivo sullo stato di questo organo. Riassumendo quanto sopra, possiamo concludere che gli alfa-1-bloccanti e gli alfa-1,2-bloccanti hanno il seguente effetto:

  • Ridurre la pressione sanguigna, ridurre la resistenza vascolare periferica totale e il postcarico sul cuore;
  • Espandere piccole vene e ridurre il precarico sul cuore;
  • Migliora la circolazione sanguigna sia in tutto il corpo che nel muscolo cardiaco;
  • Migliora le condizioni delle persone che soffrono di insufficienza cardiaca cronica, riducendo la gravità dei sintomi (mancanza di respiro, picchi di pressione, ecc.);
  • Ridurre la pressione nella circolazione polmonare;
  • Riduce il colesterolo totale e le lipoproteine ​​a bassa densità (LDL), ma aumenta le lipoproteine ​​ad alta densità (HDL);
  • Aumenta la sensibilità delle cellule all'insulina, in modo che il glucosio venga utilizzato più velocemente e in modo più efficiente e la sua concentrazione nel sangue diminuisca.

A causa degli effetti farmacologici indicati, gli alfa-bloccanti riducono la pressione sanguigna senza lo sviluppo del battito cardiaco riflesso e riducono anche la gravità dell'ipertrofia ventricolare sinistra. I farmaci riducono efficacemente la pressione sistolica alta isolata (prima cifra), compresi quelli associati a obesità, iperlipidemia e ridotta tolleranza al glucosio.

Inoltre, gli alfa-bloccanti riducono la gravità dei sintomi dei processi infiammatori e ostruttivi negli organi genito-urinari causati dall'iperplasia prostatica. Cioè, i farmaci eliminano o riducono la gravità dello svuotamento incompleto della vescica, della minzione notturna, della minzione frequente e della sensazione di bruciore durante la minzione.

I bloccanti alfa-2-adrenergici influenzano in modo insignificante i vasi sanguigni degli organi interni, compreso il cuore, influenzano principalmente il sistema vascolare degli organi genitali. Questo è il motivo per cui gli alfa-2-bloccanti hanno una portata molto ristretta: il trattamento dell'impotenza negli uomini.

L'azione dei beta-1,2-bloccanti non selettivi

Nelle donne, i beta-bloccanti non selettivi aumentano la contrattilità uterina e riducono la perdita di sangue durante il travaglio o dopo l'intervento chirurgico.

Inoltre, a causa dell'effetto sui vasi degli organi periferici, i beta-bloccanti non selettivi riducono la pressione intraoculare e riducono la produzione di umidità nella camera anteriore dell'occhio. Questa azione dei farmaci viene utilizzata nel trattamento del glaucoma e di altre malattie degli occhi..

L'azione dei beta-1-bloccanti selettivi (cardioselettivi)

I farmaci in questo gruppo hanno i seguenti effetti farmacologici:

  • Diminuire la frequenza cardiaca (FC);
  • Ridurre l'automatismo del nodo del seno (pacemaker);
  • Rallentare la conduzione dell'impulso lungo il nodo atrioventricolare;
  • Ridurre la contrattilità e l'eccitabilità del muscolo cardiaco;
  • Ridurre il bisogno di ossigeno del cuore;
  • Sopprimere gli effetti dell'adrenalina e della norepinefrina sul cuore sotto stress fisico, mentale o emotivo;
  • Ridurre la pressione sanguigna;
  • Normalizza la frequenza cardiaca in caso di aritmie;
  • Limita e contrasta la diffusione della zona danneggiata nell'infarto miocardico.

A causa di questi effetti farmacologici, i beta-bloccanti selettivi riducono la quantità di sangue rilasciata dal cuore nell'aorta in una contrazione, abbassano la pressione sanguigna e prevengono la tachicardia ortostatica (battito cardiaco accelerato in risposta a un'improvvisa transizione dalla posizione seduta o sdraiata alla posizione eretta). Inoltre, i farmaci rallentano la frequenza cardiaca e riducono la sua forza riducendo il bisogno di ossigeno del cuore. In generale, i beta-1-bloccanti selettivi riducono la frequenza e la gravità degli attacchi di malattia coronarica, migliorano la tolleranza all'esercizio (fisico, mentale ed emotivo) e riducono significativamente la mortalità nelle persone con insufficienza cardiaca. Questi effetti dei farmaci portano a un significativo miglioramento della qualità della vita delle persone che soffrono di malattia coronarica, cardiomiopatia dilatativa, così come di coloro che hanno avuto infarto miocardico e ictus..

Inoltre, i beta-1-bloccanti eliminano le aritmie e il restringimento del lume dei piccoli vasi. Nelle persone con asma bronchiale, riducono il rischio di broncospasmo e, nel diabete mellito, riducono la probabilità di sviluppare ipoglicemia (basso livello di zucchero nel sangue).

Azione degli alfa-beta-bloccanti

I farmaci in questo gruppo hanno i seguenti effetti farmacologici:

  • Ridurre la pressione sanguigna e ridurre la resistenza vascolare periferica totale;
  • Ridurre la pressione intraoculare nel glaucoma ad angolo aperto;
  • Normalizzare il profilo lipidico (abbassare il colesterolo totale, i trigliceridi e le lipoproteine ​​a bassa densità, ma aumentare la concentrazione di lipoproteine ​​ad alta densità).

A causa degli effetti farmacologici indicati, gli alfa-beta-bloccanti hanno un potente effetto ipotensivo (riduzione della pressione), dilatano i vasi sanguigni e riducono il postcarico sul cuore. A differenza dei beta-bloccanti, i farmaci di questo gruppo abbassano la pressione sanguigna senza alterare il flusso sanguigno renale o aumentare la resistenza vascolare periferica totale.

Inoltre, gli alfa-beta-bloccanti migliorano la contrattilità del miocardio, a causa della quale il sangue non rimane nel ventricolo sinistro dopo la contrazione, ma viene completamente gettato nell'aorta. Questo aiuta a ridurre le dimensioni del cuore e riduce il grado della sua deformazione. A causa del miglioramento del cuore, i farmaci di questo gruppo con insufficienza cardiaca congestizia aumentano la gravità e il volume dello stress fisico, mentale ed emotivo, riducono la frequenza cardiaca e gli attacchi di malattia coronarica e normalizzano anche l'indice cardiaco..

L'uso di alfa-beta-bloccanti riduce la mortalità e il rischio di reinfarto nelle persone con malattia coronarica o cardiomiopatia dilatativa.

Applicazione

Indicazioni per l'uso di alfa-bloccanti

Poiché i preparati dei sottogruppi di alfa-bloccanti (alfa-1, alfa-2 e alfa-1,2) hanno meccanismi d'azione diversi e sono in qualche modo diversi l'uno dall'altro nelle sfumature dell'effetto sui vasi, l'ambito della loro applicazione e, di conseguenza, anche le indicazioni sono diverse.

Gli alfa-1-bloccanti sono indicati per l'uso nelle seguenti condizioni e malattie:

  • Ipertensione (con l'obiettivo di abbassare la pressione sanguigna);
  • Insufficienza cardiaca cronica (come parte della terapia di combinazione);
  • Iperplasia prostatica benigna.

I bloccanti alfa-1,2-adrenergici sono indicati per l'uso se una persona ha le seguenti condizioni o malattie:
  • Disturbi della circolazione cerebrale;
  • Emicrania;
  • Disturbi della circolazione periferica (ad esempio, malattia di Raynaud, endarterite, ecc.);
  • Demenza (demenza) dovuta a una componente vascolare;
  • Vertigini e rottura dell'apparato vestibolare causato dal fattore vascolare;
  • Angiopatia diabetica;
  • Malattie distrofiche della cornea dell'occhio;
  • Neuropatia del nervo ottico dovuta alla sua ischemia (privazione di ossigeno);
  • Ipertrofia della prostata;
  • Disturbi urinari associati a una vescica neurogena.

Gli alfa-2-bloccanti sono usati esclusivamente per il trattamento dell'impotenza negli uomini.

L'uso di beta-bloccanti (indicazioni)

I beta-bloccanti selettivi e non selettivi hanno indicazioni e aree di applicazione leggermente diverse, a causa delle differenze in alcune sfumature del loro effetto sul cuore e sui vasi sanguigni.

Le indicazioni per l'uso di beta-1,2-bloccanti non selettivi sono le seguenti:

  • Ipertensione arteriosa;
  • Angina da sforzo;
  • Tachicardia sinusale;
  • Prevenzione delle aritmie ventricolari e sopraventricolari, nonché bigeminia, trigeminia;
  • Cardiomiopatia ipertrofica;
  • Prolasso della valvola mitrale;
  • Infarto miocardico;
  • Sindrome cardiaca ipercinetica;
  • Tremore;
  • Prevenzione dell'emicrania;
  • Aumento della pressione intraoculare.

Indicazioni per l'uso di beta-1-bloccanti selettivi. Questo gruppo di bloccanti adrenergici è anche chiamato cardioselettivo, poiché colpisce principalmente il cuore e, in misura molto minore, i vasi e la pressione sanguigna..

I beta-1-bloccanti cardioselettivi sono indicati per l'uso se una persona ha le seguenti malattie o condizioni:

  • Ipertensione arteriosa di gravità moderata o bassa;
  • Malattia coronarica;
  • Sindrome cardiaca ipercinetica;
  • Vari tipi di aritmie (tachicardia sinusale, parossistica, sopraventricolare, extrasistole, flutter atriale o fibrillazione atriale, tachicardia atriale);
  • Cardiomiopatia ipertrofica;
  • Prolasso della valvola mitrale;
  • Infarto del miocardio (trattamento di un infarto già avvenuto e prevenzione delle recidive);
  • Prevenzione dell'emicrania;
  • Distonia neurocircolatoria di tipo ipertensivo;
  • Nella complessa terapia del feocromocitoma, tireotossicosi e tremore;
  • Acatisia innescata dall'assunzione di antipsicotici.

Indicazioni per l'uso di alfa-beta-bloccanti

Effetti collaterali

Considera separatamente gli effetti collaterali dei bloccanti adrenergici di diversi gruppi, poiché, nonostante le somiglianze, ci sono una serie di differenze tra loro..

Tutti gli alfa-bloccanti sono in grado di provocare gli stessi effetti collaterali e diversi, il che è dovuto alle peculiarità del loro effetto su alcuni tipi di recettori adrenergici.

Effetti collaterali degli alfa-bloccanti

Beta-bloccanti - effetti collaterali

I bloccanti adrenergici selettivi (beta-1) e non selettivi (beta-1,2) hanno entrambi gli stessi effetti collaterali e diversi, per la peculiarità del loro effetto su diversi tipi di recettori.

Quindi, i seguenti effetti collaterali sono gli stessi per i beta-bloccanti selettivi e non selettivi:

  • Vertigini;
  • Mal di testa;
  • Sonnolenza;
  • Insonnia;
  • Incubi;
  • Fatica;
  • Debolezza;
  • Depressione;
  • Ansia;
  • Confusione di coscienza;
  • Brevi episodi di perdita di memoria;
  • Allucinazioni;
  • Reazione più lenta;
  • Rumore nelle orecchie;
  • Convulsioni;
  • Parestesia (sensazione di corsa "pelle d'oca", intorpidimento degli arti);
  • Compromissione della vista e del gusto;
  • Secchezza delle fauci e occhi;
  • Congiuntivite;
  • Bradicardia;
  • Palpitazioni;
  • Blocco atrioventricolare;
  • Violazione della conduzione nel muscolo cardiaco;
  • Aritmia;
  • Deterioramento della contrattilità miocardica;
  • Ipotensione (abbassamento della pressione sanguigna);
  • Insufficienza cardiaca;
  • Fenomeno di Raynaud;
  • Vasculite
  • Dolore al petto, muscoli e articolazioni;
  • Trombocitopenia (diminuzione del numero totale di piastrine nel sangue al di sotto del normale);
  • Agranulocitosi (assenza di neutrofili, eosinofili e basofili nel sangue);
  • Nausea e vomito;
  • Dolore addominale;
  • Diarrea o costipazione;
  • Flatulenza;
  • Bruciore di stomaco;
  • Disfunzione epatica;
  • Dispnea;
  • Spasmo dei bronchi o della laringe;
  • Reazioni allergiche (prurito, eruzione cutanea, arrossamento);
  • Calvizie;
  • Sudorazione;
  • Freddezza degli arti;
  • Debolezza muscolare;
  • Peggioramento della libido;
  • La malattia di Peyronie;
  • Aumento o diminuzione dell'attività enzimatica, della bilirubina e dei livelli di glucosio nel sangue.

I beta-bloccanti non selettivi (beta-1,2), oltre a quanto sopra, possono anche provocare i seguenti effetti collaterali:
  • Irritazione agli occhi;
  • Diplopia (visione doppia);
  • Ptosi;
  • Congestione nasale;
  • Tosse;
  • Soffocamento;
  • Insufficienza respiratoria;
  • Insufficienza cardiaca;
  • Crollo;
  • Esacerbazione della claudicatio intermittente;
  • Disturbi temporanei della circolazione cerebrale;
  • Ischemia del cervello;
  • Svenimento;
  • Diminuzione del livello di emoglobina nel sangue e nell'ematocrito;
  • Anoressia;
  • Edema di Quincke;
  • Cambiamenti nel peso corporeo;
  • Sindrome del lupus;
  • Impotenza;
  • La malattia di Peyronie;
  • Trombosi dell'arteria mesenterica intestinale;
  • Colite;
  • Aumento dei livelli di potassio, acido urico e trigliceridi nel sangue;
  • Offuscamento e diminuzione dell'acuità visiva, bruciore, prurito e sensazione di corpo estraneo negli occhi, lacrimazione, fotofobia, edema corneale, infiammazione dei margini palpebrali, cheratite, blefarite e cheratopatia (solo per colliri).

Effetti collaterali degli alfa-beta-bloccanti

Controindicazioni

Controindicazioni all'uso di vari gruppi di alfa-bloccanti

Le controindicazioni all'uso di vari gruppi di alfa-bloccanti sono fornite nella tabella.

Controindicazioni all'uso di alfa-1-bloccantiControindicazioni all'uso di alfa-1,2-bloccantiControindicazioni all'uso di alfa-2-bloccanti
Stenosi (restringimento) delle valvole aortiche o mitralicheGrave aterosclerosi vascolare perifericaIpersensibilità a componenti di medicina
Ipotensione ortostaticaIpotensione arteriosaPicchi di pressione sanguigna
Grave disfunzione epaticaIpersensibilità a componenti di medicinaIpotensione o ipertensione incontrollata
GravidanzaAngina da sforzoGravi danni al fegato o ai reni
AllattamentoBradicardia
Ipersensibilità a componenti di medicinaCardiopatia organica
Insufficienza cardiaca dovuta a pericardite costrittiva o tamponamento cardiacoInfarto miocardico, sofferto meno di 3 mesi fa
Difetti cardiaci che si verificano su uno sfondo di bassa pressione di riempimento del ventricolo sinistroSanguinamento acuto
Grave insufficienza renaleGravidanza
Allattamento

Beta-bloccanti - controindicazioni

I bloccanti adrenergici selettivi (beta-1) e non selettivi (beta-1,2) hanno controindicazioni per l'uso quasi identiche. Tuttavia, la gamma di controindicazioni per l'uso di beta-bloccanti selettivi è leggermente più ampia rispetto a quelli non selettivi. Tutte le controindicazioni per l'uso dei beta-1 e dei beta-1,2-bloccanti sono riportate nella tabella.

Controindicazioni all'uso di bloccanti adrenergici non selettivi (beta-1,2)Controindicazioni all'uso di bloccanti adrenergici selettivi (beta-1)
Ipersensibilità individuale a componenti di medicina
Blocco atrioventricolare di II o III grado
Blocco senoatriale
Grave bradicardia (polso inferiore a 55 battiti al minuto)
Sindrome del seno malato
Shock cardiogenico
Ipotensione (pressione sistolica inferiore a 100 mm Hg)
Insufficienza cardiaca acuta
Insufficienza cardiaca cronica nella fase di scompenso
Annullamento delle malattie vascolariDisturbi della circolazione periferica
Angina di PrinzmetalGravidanza
Asma bronchialeAllattamento

Controindicazioni all'uso di alfa-beta bloccanti

Beta-bloccanti antipertensivi

I farmaci di vari gruppi di bloccanti adrenergici hanno un effetto ipotensivo. L'effetto ipotensivo più pronunciato è esercitato dai bloccanti alfa-1-adrenergici contenenti sostanze come doxazosina, prazosina, urapidil o terazosina come componenti attivi. Pertanto, sono i farmaci di questo gruppo che vengono utilizzati per la terapia a lungo termine dell'ipertensione al fine di ridurre la pressione e quindi mantenerla a un livello medio accettabile. I preparati del gruppo alfa-1-bloccanti sono ottimali per l'uso in persone che soffrono solo di ipertensione essenziale, senza patologia cardiaca concomitante.

Inoltre, tutti i beta-bloccanti, sia selettivi che non selettivi, sono antipertensivi. Beta-1,2-bloccanti antipertensivi non selettivi contenenti come principi attivi bopindololo, metipranololo, nadololo, oxprenololo, pindololo, propranololo, sotalolo, timololo. Questi farmaci, oltre all'effetto ipotensivo, colpiscono anche il cuore, quindi vengono utilizzati non solo nel trattamento dell'ipertensione arteriosa, ma anche nelle malattie cardiache. Il beta-bloccante non selettivo antipertensivo più "debole" è il sotalolo, che ha un effetto predominante sul cuore. Tuttavia, questo farmaco viene utilizzato nel trattamento dell'ipertensione arteriosa, che è combinata con malattie cardiache. Tutti i beta-bloccanti non selettivi sono ottimali per l'uso nell'ipertensione associata a malattia coronarica, angina da sforzo e infarto del miocardio..

I bloccanti beta-1-adrenergici selettivi antipertensivi sono farmaci contenenti i seguenti principi attivi: atenololo, acebutololo, betaxololo, bisoprololo, metoprololo, nebivololo, talinololo, celiprololo, esatenololo, esmololo. Date le peculiarità di azione, questi farmaci sono più indicati per il trattamento dell'ipertensione arteriosa, associata a patologie polmonari ostruttive, malattie arteriose periferiche, diabete mellito, dislipidemia aterogena, nonché per forti fumatori.

Anche gli alfa-beta-bloccanti contenenti carvedilolo o butilamminoidrossipropossifenossimetilmetilossadiazolo come principi attivi sono antipertensivi. Ma a causa di una vasta gamma di effetti collaterali e di effetti pronunciati sui piccoli vasi, i farmaci in questo gruppo vengono utilizzati meno spesso rispetto agli alfa-1 bloccanti e ai beta-bloccanti.

Attualmente, i farmaci di scelta per il trattamento dell'ipertensione arteriosa sono i beta-bloccanti e gli alfa-1-bloccanti..

Gli alfa-1,2-bloccanti sono usati principalmente per trattare i disturbi della circolazione periferica e cerebrale, poiché hanno un effetto più pronunciato sui piccoli vasi sanguigni. Teoricamente, i farmaci in questo gruppo possono essere utilizzati per abbassare la pressione sanguigna, ma questo è inefficace a causa del gran numero di effetti collaterali che si verificheranno durante questo..

Bloccanti adrenergici per la prostatite

Per la prostatite vengono utilizzati bloccanti alfa-1-adrenergici, contenenti alfuzosina, silodosina, tamsulosina o terazosina come principi attivi, al fine di migliorare e facilitare il processo di minzione. Le indicazioni per la nomina di bloccanti adrenergici nella prostatite sono la bassa pressione all'interno dell'uretra, il tono debole della vescica stessa o del collo, nonché i muscoli della ghiandola prostatica. I farmaci normalizzano il deflusso delle urine, che accelera l'eliminazione dei prodotti di decomposizione, nonché dei batteri patogeni morti e, di conseguenza, aumenta l'efficacia del trattamento antimicrobico e antinfiammatorio effettuato. L'effetto positivo di solito si sviluppa completamente dopo 2 settimane di utilizzo. Sfortunatamente, la normalizzazione del deflusso di urina sotto l'influenza di bloccanti adrenergici si osserva solo nel 60-70% degli uomini che soffrono di prostatite..

I bloccanti adrenergici più popolari ed efficaci per la prostatite sono i farmaci contenenti tamsulosina (ad esempio, Hyperprost, Glansin, Miktosin, Omsulosin, Tulosin, Fokusin, ecc.).
Maggiori informazioni sulla prostatite

Autore: Nasedkina A.K. Specialista di ricerca biomedica.

Alfa-bloccanti per la prostatite: un elenco di farmaci

L'articolo esaminerà come vengono utilizzati gli alfa-bloccanti per la prostatite.

Gli alfa-bloccanti sono farmaci che possono rallentare la conduzione degli impulsi nervosi che viaggiano attraverso le sinapsi adrenergiche. Il loro effetto si basa sulla soppressione temporanea dei recettori adrenergici (alfa-1 e alfa-2). Una proprietà simile viene utilizzata in cardiologia (per abbassare la pressione sanguigna nei vasi sanguigni) e in urologia, nel trattamento della prostatite e di altre malattie della sfera genito-urinaria..

L'uso di tali agenti farmacologici come i bloccanti alfa-adrenergici, con la prostatite, consente di ripristinare i processi di minzione, disturbati a causa dell'infiammazione nella ghiandola.

atto

Il sistema nervoso è associato al funzionamento di tutti gli organi umani e al controllo delle fibre muscolari. Quando una persona è sana, un tale meccanismo, di regola, non fallisce. Tuttavia, con lo sviluppo della prostatite, i processi infiammatori influenzano negativamente l'attività del sistema nervoso. Questo può essere compreso, prima di tutto, dal lavoro dei recettori che causano spasmi dell'uretra e muscoli lisci degli ureteri e della vescica. Di conseguenza, gli uomini normalmente non possono andare in bagno e una violazione del processo di minzione è uno dei principali segni di infiammazione dei tessuti e delle cellule della ghiandola prostatica..

A cosa servono?

I bloccanti alfa-adrenergici per la prostatite sono usati come agenti medici ausiliari nel trattamento dell'infiammazione della ghiandola prostatica. Agiscono in modo mirato, contribuiscono al rilassamento dei tessuti muscolari lisci della prostata e del collo vescicale con aumento del livello di deflusso urinario. Allo stesso tempo, c'è una significativa diminuzione dei sintomi pronunciati di ingrandimento della prostata in termini di dimensioni.

Nel regime medico della terapia della prostatite, vengono introdotti alfa-bloccanti per aumentare l'efficacia di tutti i farmaci essenziali. Pertanto, si riferiscono alla seconda linea di farmaci farmacologici quando è necessario ottenere i seguenti risultati:

  • ridurre il livello di pressione interna nell'uretra;
  • indebolire il tono della muscolatura liscia della ghiandola maschile e del collo della vescica;
  • rafforzare il tono delle pareti della vescica indebolite.

Tali farmaci per patologie della ghiandola prostatica sono necessari per facilitare il più possibile il decorso del processo patologico, ma non eliminarlo completamente. Questa è una terapia puramente sintomatica. Dopo aver utilizzato alfa-bloccanti per la prostatite, si osservano i seguenti risultati:

  • normalizzazione dei processi di deflusso delle urine;
  • rilassamento della muscolatura liscia con una significativa riduzione delle sensazioni dolorose;
  • ritorno del desiderio sessuale al paziente;
  • eliminazione dei fenomeni di ristagno sanguigno nell'area pelvica;
  • riduzione dello sviluppo di tutte le forme di iperplasia ghiandolare benigna.

Classificazione

Questi preparati farmacologici si suddividono in:

  • Farmaci non selettivi che bloccano i recettori adrenergici alfa-1 e alfa-2 ("fenossibenzamina", "fentolamina").
  • Farmaci selettivi a breve termine che bloccano esclusivamente i recettori alfa-1 (Prazosin).
  • Medicinali uroselettivi ("Tamsulosina").
  • Farmaci selettivi con esposizione a lungo termine che possono bloccare i recettori alfa-1 ("Doxazosin", "Terazosin", "Alfuzosin").

I farmaci alfa-bloccanti per la prostatite possono essere acquistati in qualsiasi farmacia.

Farmaci selettivi

I farmaci selettivi non richiedono alcuna preparazione preliminare e solo in casi estremamente rari provocano lo sviluppo di alcuni effetti collaterali, che, di regola, sono debolmente espressi. Nonostante i vantaggi significativi, questo tipo di farmaco ha una proprietà che dovrebbe essere presa in considerazione dai pazienti in età riproduttiva. È stato stabilito che sotto l'influenza degli elementi attivi di un tale farmaco, si verifica l'eiaculazione retrograda, in cui lo scarico del liquido seminale avviene nella vescica e non nell'uretra. Tuttavia, la maggior parte dei medici concorda sul fatto che i farmaci selettivi sono in qualche modo migliori dei farmaci non selettivi, poiché questi ultimi hanno un effetto più pronunciato sul sistema nervoso e sulla vescica..

"Tamsulosina"

Questo alfa-bloccante per la prostatite è uno dei più comunemente usati e popolari sul mercato farmaceutico. Ha un effetto selettivo sui recettori nella ghiandola prostatica, nell'uretra prostatica e nella vescica cervicale. Oltre alle principali proprietà di tutti gli alfa-bloccanti, è in grado di ridurre significativamente le reazioni infiammatorie e l'ostruzione in questo organo maschile.

Tale farmaco viene prodotto sotto forma di capsule da 30 pezzi in un pacchetto, che sono rivestite con un dosaggio della sostanza principale - 0,4 mg. Per il trattamento della prostatite, una capsula viene prescritta una volta al giorno al mattino, durante la colazione, lavata con latte o acqua. Il corso del ricovero è di due o tre mesi, che dipende dalle condizioni e dalle prescrizioni del medico. Il primo effetto si osserva dopo due settimane di utilizzo del farmaco.

Effetti collaterali e controindicazioni

Effetti collaterali dell'assunzione di tamsulosina:

  • vertigini;
  • reazioni ortostatiche, tachicardia;
  • perdita di appetito, vomito, nausea, costipazione;
  • eiaculazione retrograda o precoce;
  • eruzione cutanea sulla pelle.

Le controindicazioni per questo sono:

  • sensibilità ai componenti del farmaco;
  • tendenza all'ipotensione con perdita di coscienza;
  • insufficienza epatica.

"Doxazosin"

Un altro alfa-1-bloccante selettivo per la prostatite. Questo farmaco ha lo stesso effetto del farmaco precedente. La principale differenza e la ragione per la popolarità significativamente inferiore di questo agente farmacologico è la necessità di titolazione durante il periodo di utilizzo..

Il farmaco "Doxazosin" è prodotto in compresse da 1, 2, 4, 8 mg, 30 compresse per confezione. La dose media giornaliera è di 4 mg.

Come prendere un alfa-bloccante per la prostatite?

Si consiglia di bere 1 compressa una volta al giorno. Nella prima settimana di terapia viene prescritto un dosaggio di 1 mg, dopo altri 7 giorni - 2 mg e così via fino a una velocità media di 4 mg. Il corso del trattamento dovrebbe essere di almeno 3 mesi.

Gli effetti collaterali di questo agente farmacologico si manifestano nelle seguenti condizioni patologiche:

  • aumento della sonnolenza, mal di testa, astenia;
  • la formazione di edema periferico, rinite;
  • dispepsia: nausea, vomito, disturbi delle feci sotto forma di diarrea;
  • estremamente raro - lo sviluppo dell'incontinenza urinaria.

Le controindicazioni all'assunzione di questo farmaco sono reazioni allergiche ai suoi elementi costitutivi.

Va notato che gli alfa-bloccanti sono usati solo per forme croniche di prostatite, poiché nelle fasi acute di solito mostrano scarsi risultati. Ciò è dovuto alla durata dell'inizio dei primi effetti, che si osservano solo dopo circa 14 giorni, che è molto lungo durante i sintomi acuti.

"Alfuzosina"

Di seguito è riportata una descrizione del farmaco bloccante adrenergico per la prostatite.

È il singolo antagonista del recettore alfa non selettivo più popolare e ampiamente utilizzato. Questo farmaco ha tutte le proprietà delle sue controparti, tuttavia, differisce in una serie di alcuni svantaggi, a causa dei quali è meno comunemente usato in urologia clinica. Il principale svantaggio di questo tipo è l'effetto su tutti i recettori alfa del corpo. Il risultato di questo effetto è il rilassamento della muscolatura dei vasi, che porta allo sviluppo di ipotensione, fibre muscolari dell'intestino (di conseguenza, costipazione) e delle vie respiratorie..

Dosaggio e istruzioni per "Alfuzosina"

Il medicinale viene prodotto sotto forma di compresse. Il dosaggio giornaliero è di un massimo di 10 mg, a seconda dello stadio e della gravità del processo patologico e della prescrizione del medico. Assumere 1/2 compressa 3-4 volte al giorno durante i pasti. Il corso del trattamento è lungo - 2-3 mesi. È impossibile combinare l'uso di questo farmaco farmacologico con altri medicinali dello stesso gruppo, poiché in questo caso l'efficacia di entrambi.

Gli effetti collaterali dell'assunzione del farmaco possono essere:

  • debolezza, tinnito, sonnolenza, vertigini;
  • ipotensione ortostatica, tachicardia, esacerbazione dell'angina pectoris;
  • nausea, secchezza delle fauci, vomito, costipazione;
  • eruzione cutanea.

Le controindicazioni all'appuntamento sono:

  • allergia agli elementi del farmaco;
  • insufficienza epatica o renale;
  • storia di ipotensione.

Cos'altro c'è nella lista dei farmaci alfa-bloccanti per la prostatite?

"Terazosin"

Questo farmaco è classificato come non selettivo e richiede un aumento graduale del dosaggio giornaliero. Il volume del principio attivo durante l'assunzione iniziale non deve superare 1 mg. A poco a poco, il dosaggio viene aumentato a 10 mg con il trattamento di mantenimento e fino a 20 mg durante il trattamento dell'infiammazione delle strutture della ghiandola prostatica. Gli effetti iniziali si fanno sentire dopo circa 14 giorni. Occorrono 2 mesi per ottenere un risultato clinico stabile.

Il farmaco "Terazosin" viene prodotto sotto forma di compresse, che si consiglia di assumere prima di coricarsi, il che ridurrà il rischio di effetti collaterali.

Come effetti collaterali, i pazienti possono sperimentare:

  • astenia;
  • deficit visivo;
  • gonfiore delle mucose dell'apparato respiratorio;
  • disfunzione sessuale.

Un tale agente farmacologico non può essere prescritto in presenza delle seguenti condizioni:

  • allergia ai componenti;
  • insufficienza renale o epatica;
  • malattie degli organi del sistema cardiaco e vascolare.

I principi del trattamento con farmaci alfa-bloccanti per la prostatite devono essere seguiti rigorosamente.

"Fenossibenzamina"

Forma un legame covalente con α1- e α2-recettori adrenergici. Il blocco è irreversibile e non competitivo. Solo il corpo può superare il blocco sintetizzando nuovi recettori α-adrenergici. La sintesi avviene entro due giorni. La "fenossibenzamina" agisce 14-48 ore dopo la somministrazione. L'azione inizia tra poche ore. Questo è il tempo necessario perché si trasformi in una forma attiva..

Un medicinale simile viene utilizzato nel trattamento dell'ipertensione e delle malattie urologiche. Ha un effetto più lento e un effetto più duraturo rispetto ad altri bloccanti dei recettori alfa. È stato il primo alfa-bloccante ad essere utilizzato in urologia clinica per il trattamento dell'iperplasia ghiandolare benigna. Sebbene al momento sia usato molto raramente a causa di effetti collaterali pronunciati. Le controindicazioni sono malattie del cuore, vasi sanguigni, fegato e reazioni allergiche.

Recensioni

Ci sono molte recensioni positive sui bloccanti adrenergici per la prostatite, in cui gli uomini hanno descritto vari miglioramenti nella loro condizione con la prostatite. I pazienti ritengono che l'importanza principale dell'uso di tali farmaci sia che facilitano significativamente il flusso di urina e questo può essere un processo estremamente difficile, specialmente quando la prostatite si manifesta in forme acute. Gli uomini dicono che l'effetto non viene osservato immediatamente, il che può essere considerato un chiaro svantaggio degli alfa-bloccanti, ma il risultato successivo è più che positivo. I pazienti hanno notato un effetto a lungo termine dopo un ciclo di trattamento con questi farmaci e casi molto rari di effetti collaterali. Tuttavia, a volte erano presenti e tra tali condizioni si possono distinguere una maggiore debolezza e vertigini. Gli esperti spiegano questo effetto eliminando gli spasmi nel corpo..

Abbiamo rivisto l'elenco dei farmaci bloccanti adrenergici per la prostatite.


Articolo Successivo
Cosa può causare arrossamento del viso?