I linfonodi fanno male


Se il linfonodo è dolorante e ingrandito, le ragioni possono essere completamente diverse: da raffreddori e malattie infettive a patologie sistemiche gravi. Scopriremo quali funzioni svolgono i linfonodi, come riconoscere la loro infiammazione, perché e come può svilupparsi, possibili complicazioni, metodi di trattamento.

Cos'è un linfonodo

Il linfonodo è un organo del sistema linfatico. I linfonodi filtrano la linfa, il fluido che proviene da parti del nostro corpo e organi. Ci sono molti di questi filtri insostituibili nel nostro corpo. Si trovano sul collo, sull'inguine, sotto le ascelle e hanno una forma ovale o rotonda. Possono avere un diametro molto diverso, da 0,5 mm a 50 mm. La loro posizione è vicino ai vasi sanguigni e linfatici. È grazie ai linfonodi che il nostro corpo crea una barriera affidabile per tutti i tipi di infezioni. Il sistema linfatico è in grado di distruggere le cellule tumorali anche in una fase molto precoce. Semplicemente non li lascia sviluppare ulteriormente..

Ci sono molti linfonodi:

  1. Sopraclavicolare.
  2. Cervicale.
  3. Ascellare.
  4. Intratoracica.
  5. Femorale.
  6. Gomito.
  7. Popliteo.
  8. Inguinale.

Ma non sono tutti i linfonodi del nostro corpo. Sono anche nei nostri polmoni (broncopolmonare), nella cavità addominale (para-aortica e mesenterica) e appena sopra i nodi inguinali (iliaco).

Sintomi di infiammazione

Cosa fare se un linfonodo fa male al collo o in un'altra area? Come comportarsi? La risposta è chiara: devi consultare immediatamente un medico. Se i linfonodi si infiammano, ciò influisce immediatamente sulle condizioni generali del corpo. Questi filtri naturali sono posizionati in modo tale da proteggere in modo affidabile il corpo da infezioni o cancro. In effetti, il linfonodo fa male per ragioni completamente diverse. Questo può essere semplicemente una conseguenza di una malattia infettiva o può segnalare una grave patologia sistemica e persino il cancro..

L'infiammazione dei linfonodi ha una definizione medica scientifica. Questo processo patologico è chiamato linfoadenite. È molto difficile perderlo. Il primo segnale di linfoadenite, che dovrebbe causare ansia, è che uno o più linfonodi si sono ingranditi. Possono apparire rigonfiamenti evidenti nel collo, nella testa, nel bacino, nelle ascelle e in altre aree. Il dolore presto si unirà a questo sintomo. I linfonodi sono abbastanza dolorosi. Il dolore diventa particolarmente grave se si preme leggermente sul linfonodo ingrossato. In quest'area, è facile sentire un sigillo e puoi osservare visivamente il rossore. Quindi appare un mal di testa, la temperatura aumenta, la persona avverte una notevole debolezza generale. Questi sono segni di un'intossicazione globale del corpo. In alcuni casi, può verificarsi un'infiammazione purulenta..

Anche l'area totale del processo infiammatorio può variare. Può coprire solo un nodo, un gruppo di linfonodi o anche tutti in una volta. Come comportarsi se, con tua sorpresa, ti accorgi che uno o più linfonodi sono aumentati? Cosa fare se i linfonodi del collo fanno male? Prima di tutto, poniti alcune domande e dai loro risposte sincere:

  1. Quanto e quanto velocemente c'è stato un aumento dei linfonodi?
  2. I nodi sono mobili o possono essere chiamati fissi?
  3. Qual è la natura del dolore nei linfonodi? Può apparire solo nel momento in cui fai clic sul nodo, oppure può avere un carattere permanente. O forse non c'è affatto dolore?
  4. Cerca di determinare se i linfonodi sono densi o morbidi.
  5. L'infiammazione ha colpito solo un nodo o ne ha colpiti diversi contemporaneamente? Se noti che solo un linfonodo è più grande del solito e allo stesso tempo non c'è dolore, potrebbe non esserci motivo di grave preoccupazione. Accade così che il linfonodo inizi semplicemente a lavorare più attivamente, quindi aumenta di dimensioni per un po '. Tuttavia, la sua densità non cambia. Non fa male. Questo accade spesso dopo che una persona ha avuto una malattia infettiva. Non appena il corpo indebolito si riprende, la dimensione del linfonodo dovrebbe tornare alla normalità. Ma se noti che anche dopo il recupero, il linfonodo non ritorna al suo stato normale per molto tempo, c'è dolore, allora dovresti consultare un medico a riguardo.

Diagnostica

Come fa un medico a diagnosticare l'infiammazione dei linfonodi? Su cosa si basa? La diagnosi inizia con un esame approfondito del paziente. Inoltre, il medico può porre domande sulla sua salute, ecc. Abbiamo già dato sopra le domande approssimative a cui dovrebbe essere data una risposta completa e veritiera. Successivamente, il medico studierà attentamente l'intera storia del paziente. Per una diagnosi corretta, è importante scoprire di cosa era malata la persona in precedenza, come si sono sviluppate queste malattie. Successivamente, verrà programmato un esame del sangue. È lui che può far luce sulle vere cause della comparsa della linfoadenite. È importante che il medico escluda il tumore e trovi il vero focolaio dell'infezione. A tale scopo, al paziente viene assegnata una radiografia o una versione più moderna della diagnostica hardware: la tomografia computerizzata. A differenza dei raggi X, è piuttosto costoso. Ma aiuterà il medico curante a ottenere immagini di qualità migliore rispetto a una semplice radiografia. Forniranno nel modo più completo la vera immagine della malattia. Ciò ti consentirà di prescrivere il trattamento più adeguato ed efficace..

Succede anche che, nonostante il fatto che il medico abbia utilizzato tutti i metodi diagnostici, ha ancora difficoltà a fare una diagnosi accurata. In questo caso, sarà necessaria una biopsia dei linfonodi. Questa procedura non è la più piacevole, ma fornirà informazioni complete sullo stato del linfonodo e sul tipo di infezione che lo ha colpito. La biopsia consiste nel fatto che il medico dovrà prelevare minuscole particelle del tessuto del linfonodo, nonché il suo fluido. Ulteriori campioni del materiale vengono esaminati attentamente in laboratorio. È grazie alla biopsia che le cause esatte dell'infiammazione vengono stabilite nei casi più difficili..

Il corso del processo infiammatorio

Come procede solitamente la linfoadenite? Cosa prova il paziente? Nella stragrande maggioranza dei casi, i microrganismi dannosi diventano i colpevoli della linfoadenite. Entrano nel corpo e provocano lo sviluppo dell'infiammazione. Esistono due tipi di linfoadenite:

  1. Purulento. È facilmente riconoscibile dal dolore intenso e palpitante nell'area dei linfonodi. È permanente. Durante la linfoadenite purulenta, i tessuti dei linfonodi, per così dire, si sciolgono, fondendosi, sia tra loro che con i tessuti adiacenti al centro dell'infezione. Un altro chiaro segno di linfoadenite purulenta è che i nodi diventano assolutamente immobili. In alcuni casi, si osserva una fusione purulenta, a causa della quale appare un grande ascesso sui tessuti molli. Con questo sviluppo della malattia, la pelle sopra e intorno al linfonodo diventa rossa. Di conseguenza, nell'area del nodo appare presto un evidente tumore chiaro con contorni pronunciati. La sua densità in diverse zone non sarà uniforme. In alcuni sarà abbastanza morbido, mentre in altri si indurirà. Durante la palpazione, il medico sentirà un suono chiaro che ricorda lo scricchiolio della neve. La linfoadenite purulenta è piuttosto difficile. Le condizioni generali del paziente si deteriorano bruscamente, il battito cardiaco diventa più frequente, la temperatura aumenta, il dolore soffre, la debolezza generale. La malattia è pericolosa. Può diffondersi rapidamente. Il processo infiammatorio copre tutto il corpo in breve tempo.
  2. Non purulento. Con questa forma, il paziente sperimenta un po 'meno sofferenza, ma questa malattia è comunque pericolosa e piuttosto grave. Questa forma di infiammazione è più facile perché le condizioni generali del paziente rimangono praticamente le stesse. In questo caso, i nodi diventano ingranditi, densi e mobili. Il dolore appare solo quando viene premuto.

La malattia può procedere secondo due scenari:

  • Linfoadenite acuta (si verifica entro due settimane). Inizia in modo estremamente inaspettato, all'improvviso. Una persona nota che si avverte dolore nella zona dei nodi e loro stessi hanno notevolmente cambiato le loro dimensioni, cioè aumentati. In questo caso, c'è un malessere generale, il paziente è tormentato dalla febbre.
  • Cronico (un mese o più dura). Questa fase si verifica dopo la fine dello sviluppo della linfoadenite acuta. In questo caso, l'infiammazione stessa si attenua un po '. Ma non si è fermato e continua a distruggere i tessuti del linfonodo.

Lo stadio cronico è il risultato di una completa mancanza di trattamento o di un trattamento errato e inadeguato. Succede anche che non c'era praticamente uno stadio acuto e la malattia si trasformò presto in una forma cronica. Allo stesso tempo, i linfonodi aumentano, ma questo processo non è accompagnato da nessun disagio. Questa caratteristica distingue la linfoadenite cronica da quella acuta. Più malattia stessa non mostra alcun sintomo. Se il medico sospetta che il paziente abbia sviluppato linfoadenite cronica, prescrive test istologici e citologici. Il primo consente di studiare i tessuti dei linfonodi e il secondo le loro cellule. Grazie a questi studi unici, il medico sarà in grado di fare la diagnosi più accurata. Questo è molto importante, poiché è molto facile confondere la forma cronica di linfoadenite con una serie di altre malattie..

Tipi di linfoadenite (in base al tipo di fluido che si forma al centro dell'infiammazione)

La linfoadenite è anche classificata in base al tipo di fluido che si forma nel sito dell'infiammazione. Si distinguono i seguenti tipi:

  1. Emorragico. C'è molto sangue nel liquido.
  2. Purulento. Ci sarà la maggior parte del pus.
  3. Sieroso. Al centro dell'infiammazione si accumula un liquido traslucido, in cui sono presenti molte proteine.
  4. Febro. Fibrina in eccesso nel fluido. È una proteina che aiuta la coagulazione del sangue..

Le ragioni di questa infiammazione

Perché i linfonodi sono infiammati? Ci possono essere ragioni completamente diverse per questo. Molto spesso, la linfoadenite diventa una malattia secondaria. Questo è sempre il risultato di un'altra patologia. Esistono due forme di linfoadenite:

1. Non specifico. È causato da una serie di infiammazioni che iniziano dal momento in cui l'infezione entra nel corpo. La particolarità di questi microrganismi è che possono danneggiare solo in condizioni speciali. In questo caso, prima di tutto, i linfonodi del collo si infiammano. Al secondo posto c'è il gruppo sottomandibolare dei linfonodi.

2. Specifico. Questo è il risultato del fatto che il corpo è stato colpito da gravi processi infettivi. Questi includono la tubercolosi, la sarcoidosi, l'AIDS, ecc. Questa forma causa danni molto maggiori alla salute del paziente e non scompare mai senza lasciare traccia. Tali malattie possono provocare linfoadenite aspecifica:

  • Malattia infettiva, quando il fuoco è localizzato alla radice del dente.
  • Ascesso dei denti. Il suo aspetto può essere il risultato di carie poco cotta o avanzata, infiammazione del tessuto gengivale o altri problemi dentali. Anche il danno meccanico, in cui il dente è rotto, può portare a un ascesso. Può anche essere provocato da un'iniezione non riuscita, in cui un'infezione è entrata nel corpo. In questo caso, i linfonodi sotto la mascella possono infiammarsi. Sintomi evidenti di un ascesso: un dente fa male a lungo e gravemente, l'amarezza si sente in bocca, la masticazione provoca dolore, si sente un odore sgradevole dalla bocca, il tessuto gengivale si gonfia e diventa rosso.
  • Allergia. Questo è un fenomeno patologico in cui il corpo diventa particolarmente sensibile a determinate sostanze. Di solito queste sostanze sono sicure, ma a volte il corpo le percepisce in modo troppo aggressivo. Sintomi allergici: gonfiore, naso che cola, starnuti, tosse fastidiosa, dolore agli occhi.
  • Angina. In questo caso, le tonsille palatine si infiammano. Lo sviluppo dell'angina è provocato da batteri (meningococco, streptococco, stafilococco, ecc.). Sintomi: mal di gola piuttosto grave, secchezza, sudorazione, aumento della febbre, il dolore diventa più forte durante la deglutizione, la placca è visibile sulle tonsille, durante la deglutizione si ha la sensazione che ci sia un corpo estraneo nella gola, un odore sgradevole dalla cavità orale.
  • ARVI. L'epiglottide è interessata, così come la faringe e la cavità nasale. In questo caso, diversi nodi possono aumentare e infiammarsi contemporaneamente. Negli adulti, si gonfiano notevolmente e sono palpabili alla palpazione..
  • Malattia da graffio di gatto. Questa malattia infettiva può svilupparsi dopo un graffio di gatto comune o anche un morso minore. Si verifica spesso nei bambini. Il principale colpevole è la Bartonella, un piccolo bacillo che, se ingerito, provoca lo sviluppo dell'infezione. In questo caso, i linfonodi sotto le ascelle sono spesso infiammati. Meno comunemente, può provocare l'infiammazione dei nodi all'inguine. Questa malattia non può essere trasmessa da una persona malata a una sana. I suoi sintomi: è apparso un piccolo punto con un bordo rosso pronunciato, presto si trasformerà in una piccola bolla, mentre il linfonodo più vicino aumenterà, appariranno segni di avvelenamento, la temperatura aumenterà.
  • Linfangite. È l'infiammazione che colpisce i vasi linfatici. È causato dalla penetrazione di pericolosi agenti patogeni nel corpo. Sintomi: compaiono strisce rosse sulla pelle, la febbre aumenta, compaiono brividi.
  • Toxoplasmosi. Il suo provocatore è un parassita del Toxoplasma. Può entrare nel corpo attraverso uno stretto contatto con gli animali. Il parassita può entrare nel corpo attraverso il cibo. Pertanto, è sempre necessario sottoporre le uova e la carne a un trattamento termico di alta qualità. Dopo aver lavorato con loro, assicurati di lavarti accuratamente le mani. La toxoplasmosi è particolarmente pericolosa per le donne incinte. È necessaria un'azione urgente. Non appena compaiono i primi sintomi di infezione, chiama immediatamente un'ambulanza. L'intero problema è che la toxoplasmosi è estremamente pericolosa per il feto. Se il toxoplasma entra nel corpo di una donna incinta, allora arriverà sicuramente al bambino. Ciò porta alla morte del feto o gravi danni al sistema nervoso, così come gli occhi e molti altri organi importanti. Sintomi: la temperatura aumenta, compaiono vomito atroce, nausea, convulsioni e le prestazioni calano bruscamente. A volte la toxoplasmosi si verifica senza alcun sintomo o sono estremamente lievi.
  • Cellulite. Sappiamo tutti che le donne soffrono molto della comparsa della cellulite, ma non tutti sanno che può provocare infiammazioni dei linfonodi. Siamo abituati a considerare la cellulite, prima di tutto, un problema estetico, dimenticandoci che è una malattia. Questa è una forma speciale di cellulite. Questa è un'infiammazione del tessuto adiposo sottocutaneo, un processo purulento che copre ampie aree di grasso. La sua causa sono microrganismi pericolosi. Possono penetrare nella pelle con la minima ferita. Dopo che i microrganismi iniziano a moltiplicarsi nel tessuto sottocutaneo, i linfonodi sulla testa o sul collo si infiammano. Sintomi: un'area sufficientemente ampia della pelle diventa rossa, c'è gonfiore e dolore nell'area dell'infiammazione, febbre, brividi, forte sudorazione.
  • AIDS o HIV. Questo virus colpisce il sistema immunitario. È facile contrarre l'AIDS. È sufficiente avere rapporti sessuali non protetti o utilizzare strumenti medici non sterili. Il virus si trasmette anche attraverso il sangue. Ma non viene trasmesso attraverso l'aria o attraverso il contatto tattile. L'HIV viene trasmesso al bambino anche dalla madre durante il parto o l'allattamento. Prima di tutto, con questa malattia, i linfonodi nella parte posteriore della testa e dietro le orecchie si infiammano, quindi vengono colpiti interi gruppi di nodi. Sintomi: il sistema immunitario si indebolisce, la temperatura aumenta, la pelle si infiamma (orticaria), ecc..
  • Malattia di Gaucher. È ereditato. Si manifesta nel fatto che il grasso viene raccolto in grandi quantità negli organi. Infiammato con questa patologia e linfonodi.
  • Lupus eritematoso sistemico. Questa è una patologia del tessuto connettivo. Il sistema immunitario inizia a percepire in modo aggressivo le cellule sane del corpo come ostili e le attacca..
  • Leucemia. Questo è il cancro del sangue. La sua causa sta nel fatto che le cellule del midollo osseo iniziano a mutare. Nella leucemia, i linfonodi dietro le orecchie si infiammano per primi. Sintomi: lividi, sanguinamento, infezioni compaiono senza motivo apparente, dolore alle ossa e alle articolazioni, la milza aumenta, una persona perde peso drasticamente, perde appetito, si sente gravemente debole.
  • Linfoma. Cancro che attacca i linfonodi. Questa è una patologia oncologica dei tessuti linfatici, in cui c'è una massiccia sconfitta degli organi interni. Il linfoma spesso causa l'infiammazione dei linfonodi sotto il mento. Presto vengono colpiti interi gruppi di nodi in diverse parti del corpo. Sintomi: una persona perde peso, compare la febbre alta, l'appetito diminuisce e compare una grave debolezza.

Formazione del sistema linfatico

Il sistema linfatico al momento della nostra nascita non è ancora completamente formato. Ma in un bambino di sei mesi, i linfonodi si formano meglio, il loro numero aumenta. Quando il bambino ha un anno, è già possibile sondare tutti i linfonodi necessari. Dal momento in cui un bambino raggiunge i tre mesi, i suoi linfonodi possono rispondere attivamente alla penetrazione dell'infezione. Ma quando un bambino compie un anno e mezzo, lo sviluppo del suo sistema linfatico si ferma per un certo tempo. Pertanto, a questa età, qualsiasi processo infiammatorio nel corpo del bambino può causare complicazioni. Dall'età di 8 anni, il corpo è già pienamente in grado di far fronte all'infezione.

Caratteristiche dell'infiammazione dei linfonodi in un bambino

C'è un intero elenco di malattie che possono provocare l'infiammazione dei linfonodi:

  1. Infezione nasofaringea, scarlattina, tonsillite, tonsillite.
  2. Infiammazione dell'orecchio esterno, medio, foruncolosi, pidocchi.
  3. Infiammazione della mascella inferiore, labbra, stomatite, malattie dentali.
  4. Varie infezioni dell'apparato digerente.
  5. Processi infettivi negli arti inferiori

Se il bambino ha i linfonodi ingrossati

I genitori dovrebbero ricordare che non appena il bambino ha un linfonodo ingrossato o un gruppo di loro, dovrebbero consultare immediatamente un medico. Questo è un allarme. Dovresti soprattutto affrettarti se il bambino avverte dolore quando preme sul linfouseolo, se appare un sigillo. Con l'infiammazione purulenta, la pelle lungo il perimetro del linfonodo diventa necessariamente rossa, il bambino lamenta dolore lancinante, i nodi perdono mobilità.

Spesso, un aumento dei linfonodi è provocato da virus o raffreddori. Sono causati da microrganismi pericolosi (pneumococchi, streptococchi, stafilococchi, Proteus, Escherichia coli, ecc.) O virus. In questi casi, i sintomi di intossicazione generale si aggiungono a sensazioni dolorose nell'area dei linfonodi e al loro ingrossamento..

Spesso la causa della linfoadenite in un bambino è un'infezione infantile: varicella, scarlattina, rosolia, morbillo. In questi casi, i linfonodi dietro le orecchie, dietro il collo, sulla parte posteriore della testa sono spesso infiammati..

Questo non è l'intero elenco delle malattie. Come puoi vedere, alcuni di loro sono estremamente pericolosi. Pertanto, non appena noti che nell'area del nodo sono comparsi gonfiore, dolore, arrossamento, ha perso la mobilità o è diventato troppo mobile, consulta immediatamente un medico!

Dolore ai linfonodi cervicali: cause, sintomi e trattamento

I linfonodi cervicali aumentano di dimensioni e fanno male se vi penetrano agenti infettivi (virus, batteri) o cellule tumorali. Tali sintomi indicano lo sviluppo di patologie infiammatorie sistemiche o la formazione di una neoplasia. Meno spesso, il dolore diventa una delle manifestazioni cliniche di una malattia indipendente del sistema linfatico. È necessario stabilire la causa dell'allargamento dei linfonodi, anche se le loro dimensioni cambiano sullo sfondo di un'infezione respiratoria. Questi processi potrebbero non essere correlati e solo una terapia tempestiva aiuta a mantenere la salute di un adulto o di un bambino..

Quando si effettua una diagnosi, il medico tiene conto dei risultati degli studi biochimici, inclusa la biopsia. Il trattamento utilizza metodi conservativi. A seconda del tipo di agente infettivo, ai pazienti vengono prescritti antibiotici, agenti antivirali, antispastici, FANS. Un reumatologo tratta patologie articolari infiammatorie sistemiche.

Perché i linfonodi si infiammano e fanno male

È importante sapere! I medici sono scioccati: "Esiste un rimedio efficace e conveniente per i dolori articolari". Leggi di più.

Linfonodi cervicali e sottomandibolari - componenti del sistema immunitario. Le sue funzioni principali sono il rilevamento e la neutralizzazione di cellule tumorali, agenti patogeni, virus, tossine. Le cellule principali di questo sistema protettivo sono i linfociti circolanti nel flusso sanguigno o concentrati nella milza e nei linfonodi. Sono i primi a entrare in contatto con particelle proteiche estranee al corpo umano, attivando altre cellule immunitarie, "accendendo" meccanismi di difesa.

Indipendentemente dal fatto che il linfonodo del collo faccia male a sinistra oa destra, la natura dello sviluppo del processo infiammatorio è la stessa:

  • agenti infettivi o allergici penetrano nei vasi linfatici e vengono trasportati dal flusso linfatico al linfonodo più vicino;
  • nel linfonodo, i linfociti fortemente attivati ​​entrano in contatto con loro;
  • per distruggere le proteine ​​estranee, è necessario un gran numero di linfociti, quindi iniziano a riprodursi intensamente;
  • aumento della concentrazione di linfociti e causa gonfiore dei linfonodi.

I linfociti attivati ​​entrano nel flusso sanguigno, avviando una potente risposta immunitaria contro l'invasione da parte di microrganismi patogeni. Altre cellule del sistema immunitario iniziano a migrare verso il linfonodo, ad esempio leucociti e macrofagi, che aumentano la gravità del gonfiore del nodo. E il suo dolore deriva dallo sviluppo del processo infiammatorio. Le cellule migranti del sistema immunitario contengono un'alta concentrazione di sostanze bioattive. Questi sono mediatori di dolore, infiammazione, febbre, prostaglandine, istamina e serotonina. Dopo la distruzione delle strutture cellulari, vengono rilasciati nei tessuti vicini e irritano le terminazioni nervose sensibili. Le radici nervose sono influenzate da prodotti tossici del decadimento dei tessuti infiammatori, sostanze secrete dai batteri patogeni durante la crescita e la riproduzione attiva.

Cause e fattori provocatori

L'infiammazione dei nodi cervicali (linfoadenite) può essere innescata da microrganismi aspecifici: stafilococchi, Proteus, clostridia, Pseudomonas aeruginosa ed Escherichia coli. Spesso, la causa della patologia è la penetrazione di specifici agenti infettivi nei nodi. Questi sono Mycobacterium tuberculosis, treponemi pallidi, gonococchi, agenti patogeni della tularemia, brucellosi, funghi actinomiceti. I linfonodi nei bambini di età inferiore a 3 anni sono spesso infiammati dalle seguenti malattie:

  • rosolia;
  • scarlattina;
  • bronchite;
  • tonsillite acuta;
  • tracheite;
  • bronchiolite;
  • Mononucleosi infettiva.

Il dolore nei linfonodi cervicali diventa spesso una conseguenza della vaccinazione BCG (vaccinazione contro la tubercolosi). Questo sintomo di linfoadenite si manifesta anche nell'angina lacunare, accompagnata da infiammazione purulenta delle tonsille, nonché nell'istioplasmosi, coccidomicosi. Gli otorinolaringoiatri fanno una diagnosi primaria, tenendo conto del dolore in alcuni linfonodi:

  • cervicale posteriore: foruncoli formati, foruncoli, flemmone nella regione occipitale, infezione da funghi patogeni, inclusa tigna;
  • situato nella parte bassa della schiena dell'orecchio: infiammazione acuta o cronica dei canali uditivi, mastoidite, processi purulenti della pelle;
  • parotide: otite media, foruncolosi, carbuncolosi localizzata nelle tempie, infiammazione delle strutture dei tessuti molli;
  • cervicale anteriore: ulcere al mento, attivazione di herpes virus, stomatiti di qualsiasi genesi, pulpite, cisti alla radice del dente, infiammazione delle gengive, osteomielite della mandibola, tubercolosi, ipotiroidismo, ipertiroidismo.

Se il linfonodo del collo a sinistra sotto la mascella fa male, il medico sospetta infezioni virali respiratorie acute, infiammazione della ghiandola salivare sublinguale e sottomandibolare, parodontite e carie. Le sensazioni dolorose in tutti i linfonodi contemporaneamente possono essere manifestazioni cliniche di infiammazione dell'orecchio, suppurazione di ematoma sottoperiostale post-traumatico e osteomielite della mascella. Questo è uno dei sintomi di mal di gola batterico, fungino o virale, cisti dentale, toxoplasmosi, esacerbazione di patologie tiroidee, linfogranulomatosi. Il dolore non solo nei linfonodi cervicali può indicare brucellosi, mononucleosi infettiva, lupus eritematoso, subsepsi di Wissler-Fanconi, reticoloistiocitosi, HIV.

Quadro clinico

La linfoadenopatia cervicale è accompagnata non solo da dolori sordi e doloranti, la cui intensità aumenta con la pressione. Durante il sondaggio, è possibile trovare una piccola guarnizione elastica, resiliente e mobile. Se il processo infiammatorio si aggrava, la dimensione della formazione aumenta. A volte superano i 5 cm e il sigillo è ben visibile. In contrasto con i tumori maligni, una tale formazione con contorni sfocati ha una struttura tuberosa densa. Altri segni sono caratteristici della linfoadenopatia:

  • quando si deglutisce il cibo, si verificano sensazioni dolorose;
  • la pelle sopra la foca si leviga e diventa rossa.

Anche i problemi articolari "trascurati" possono essere curati a casa! Ricorda solo di spalmarlo una volta al giorno..

In risposta alla penetrazione di proteine ​​estranee nel corpo, si sviluppano sintomi di intossicazione generale. La temperatura corporea sale ai valori subfebrili (37,5 ° C), si verificano mal di testa, debolezza, affaticamento, disturbi dispeptici.

L'infiammazione e il dolore ai nodi cervicali nei bambini dovrebbero essere un segnale per cure mediche immediate. Il sistema immunitario dei bambini si sta appena formando, quindi non è in grado di far fronte agli agenti infettivi. In assenza di cure mediche, si sviluppa la linfoadenite cronica. Di solito viene rilevato per caso, quando si sondano i linfonodi, che sono costantemente leggermente ingranditi.

L'infiammazione acuta dei linfonodi nei bambini è molto più grave che negli adulti. Una temperatura elevata aumenta, il collo si gonfia, a volte si verifica la febbre. Il dolore durante la deglutizione è così acuto che il bambino rifiuta non solo di mangiare, ma anche di bere.

Diagnostica

I medici suddividono i linfonodi a seconda della posizione. Ognuno di loro riceve la linfa da un'area specifica del collo. Questo aiuta a sospettare la patologia che ha causato infiammazione e dolore all'esame iniziale. Per confermare la diagnosi, vengono eseguiti numerosi studi di laboratorio e strumentali:

  • analisi della reazione a catena della polimerasi;
  • analisi del sangue generale;
  • biopsia per differenziare neoplasie maligne e benigne;
  • Ecografia linfonodale.

Viene praticata la ricerca culturologica di campioni biologici, che vengono inoculati in mezzi nutritivi. In base al contenuto delle colonie formate, vengono stabiliti il ​​tipo di agente eziologico dell'infezione, l'intensità del processo infiammatorio, la resistenza di microbi e virus ai farmaci farmacologici. Possono essere coinvolti nella diagnosi medici con specializzazioni ristrette: otorinolaringoiatri, dentisti, endocrinologi, oncologi, specialisti in malattie infettive, ematologi.

Metodi di trattamento di base

La causa più comune di dolore nei linfonodi è un'infezione batterica. Quali microrganismi patogeni hanno provocato l'infiammazione può essere stabilito solo con l'aiuto di studi biochimici. E i loro risultati devono aspettare diversi giorni. Per evitare che un bambino o un adulto soffra di dolore, i medici prescrivono antibiotici ad ampio spettro. Questi sono macrolidi (Azitromicina, Claritromicina), cefalosporine (Ceftriaxone, Cephalexin), penicilline semisintetiche protette (Augmentin, Flemoklav).

Dopo aver ricevuto i dati dei test di laboratorio, il medico regola il regime terapeutico. La terapia antibiotica è indicata per pazienti con infezioni batteriche respiratorie, intestinali, foruncolosi, osteomielite, infiammazioni purulente dei condotti uditivi e cisti dentali. Se la linfoadenite è complicata da un ascesso o da un adenoflegmon, l'assunzione di antibiotici è combinata con la chirurgia.

I farmaci di altri gruppi clinici e farmacologici vengono utilizzati a seconda della patologia rilevata:

  • per le infezioni fungine del corpo, compreso il cuoio capelluto, sono prescritti antimicotici sistemici e (o) locali con principi attivi ketoconazolo, clotrimazolo;
  • la linfoadenite provocata da stomatite fungina, la candidosi orale viene trattata con Diflucan, Fluconazolo, Clotrimazolo e soluzioni antisettiche;
  • il dentista si occupa della terapia delle patologie dentali. Igienizza focolai infiammatori, prescrive farmaci antibatterici e analgesici, UHF, galvanizzazione, terapia laser;
  • la linfoadenite cervicale causata da patologie virali (morbillo, rosolia) non richiede un trattamento specifico. Ai pazienti vengono prescritti farmaci per ridurre la gravità dei sintomi - FANS, analgesici, vitamine e bere molti liquidi;
  • quando si diagnostica la mononucleosi infettiva, ai pazienti viene mostrato l'assunzione di agenti antivirali e immunomodulatori - Viferon, Cycloferon in dosi appropriate per l'età;
  • la linfoadenite di origine erpetica viene trattata con Acyclovir, Vacyclovir, Famciclovir e immunomodulatori, che potenziano la produzione dei propri interferoni nel corpo del paziente;
  • quando viene rilevata una neoplasia maligna, l'oncologo è impegnato nella scelta di tattiche terapeutiche adeguate. Questa può essere una rimozione chirurgica di un focus atipico e (o) chemioterapia, radiazioni;
  • nel trattamento delle patologie sistemiche autoimmuni vengono utilizzati farmaci che sopprimono l'eccessiva attività del sistema immunitario (immunosoppressori), glucocorticosteroidi.

Per eliminare il dolore di qualsiasi intensità, vengono solitamente prescritti FANS in compresse con ketoprofene, ibuprofene, nimesulide, diclofenac, ketorolac. Nel trattamento dei bambini, i FANS vengono utilizzati sotto forma di sciroppi o sospensioni dolci: Nurofen, Ibuprofen. Abbassano la temperatura, alleviano l'infiammazione, eliminano la febbre e il dolore nei linfonodi. Con i sintomi della linfoadenite, i farmaci con paracetamolo si adattano bene - Panadol, Efferalgan.

È severamente vietato usare rimedi popolari, specialmente quelli che aumentano la temperatura nei linfonodi. Non utilizzare termofori, sfregamento con alcol, unguenti con effetto riscaldante, oli essenziali. Il linfonodo cervicale serve come una sorta di "deposito" di agenti infettivi. Con un aumento della temperatura, la circolazione sanguigna e le tossine aumenteranno, i batteri, i virus entreranno nella circolazione sistemica, provocando sepsi o meningite. Sotto il divieto ci sono rimedi popolari che possono stimolare la divisione cellulare. Queste sono tinture di echinacea, succo di aloe, applicazioni di miele. Se i linfonodi sono gonfi e doloranti, consultare un medico. Dopo la diagnosi, i pazienti vengono indirizzati per il trattamento a medici specializzati.

Linfonodi ingrossati: cause, sintomi, cosa fare e come trattare i linfonodi

Linfonodi del collo, dell'ascella, dell'inguine e di altre parti del corpo: cosa significa? Quali sono le cause dei linfonodi infiammati e ingrossati? Come trattare i linfonodi infiammati? Di tutto questo parleremo e non solo nell'articolo di oggi. Così…

Informazioni generali sui linfonodi

Linfonodi (linfonodi) - un organo costituito da un accumulo di vasi linfatici, che svolge le seguenti funzioni: purificazione della linfa, prevenzione della moltiplicazione delle cellule patologiche (cancro), protezione dalla penetrazione e diffusione di agenti infettivi in ​​tutto il corpo, deflusso di liquido intercellulare e formazione di cellule protettive (linfociti, fagociti, anticorpi). Il linfonodo ha una forma rotonda o ovale, di circa 1 cm di dimensione (il più grande in uno stato normale), quando viene premuto leggermente si ribalta, come se fosse una piccola wen sottocutanea, indolore.

La linfa è un fluido formato dal fluido tissutale che scorre attraverso i vasi linfatici e i capillari. La linfa è composta principalmente da linfociti, responsabili della risposta immunitaria. Lo stesso fluido tissutale è un prodotto della filtrazione del plasma nei capillari sanguigni..

Il sistema linfatico è una parte importante del sistema vascolare, completando il lavoro del sistema cardiovascolare, che svolge le funzioni di pulizia delle cellule e dei tessuti del corpo e svolge anche un ruolo importante nel metabolismo. Inoltre, la linfa trasporta le cellule immunitarie al centro della lesione del corpo, trasporta i lipidi. Il sistema linfatico non ha una pompa, ma si muove comunque a un ritmo lento con poca pressione.

Dove sono i linfonodi?

Il corpo contiene molti gruppi di linfonodi, i più famosi dei quali sono sul collo, sotto l'ascella, nell'inguine, nelle pieghe del gomito e del ginocchio, nel torace e nelle regioni addominali. Ogni gruppo è chiamato - regionale e consiste di diversi linfonodi. I gruppi di cui sopra contengono il maggior numero di linfonodi. Ogni gruppo è una protezione per quegli organi e tessuti che si trovano vicino ad esso.

Anche i linfonodi del collo e di altre parti del corpo possono essere suddivisi in gruppi più piccoli. Quindi, sul collo possono essere trovati - dai lati anteriore e posteriore del collo, sotto la mascella e il mento, sulla parte posteriore della testa e nell'area delle orecchie. Dopo aver considerato la seguente foto dei linfonodi cervicali, il quadro generale di dove si trovano diventerà più chiaro per te:

Dopo le informazioni introduttive, passiamo ora a considerare le cause dell'infiammazione dei linfonodi.

Linfonodi ingrossati - cause

Per cominciare, un aumento dei linfonodi o linfoadenopatia è un sintomo di vari processi sfavorevoli. Possiamo anche dire che è una specie di "faro", che indica che è negli organi di quella localizzazione che ci sono dei problemi di salute e stanno già iniziando a proteggere il corpo. Ad esempio, in caso di malattie infiammatorie del tratto respiratorio superiore di natura infettiva (angina, faringite, laringite, naso che cola, sinusite e altri), sono i linfonodi cervicali che aumenteranno. Con osteomielite, sinovite e borsite nell'area del ginocchio - i linfonodi del ginocchio aumenteranno, ecc..

Come si verifica un ingrossamento dei linfonodi? Quando un'infezione entra nel corpo o si sviluppa un processo infiammatorio, i linfonodi vicini producono cellule protettive, che si accumulano, facendole aumentare. Inoltre, quando un'infezione cerca di diffondersi in tutto il corpo, i linfonodi la mantengono in se stessi e maggiore è l'infezione del corpo, più pronunciato è l'aumento. La dimensione dei linfonodi ingrossati può raggiungere i 5 cm.

Se non viene fatto nulla durante l'aumento, ad es. metodi per trattare la malattia primaria e lasciare tutto così com'è, come malattia secondaria, può iniziare il processo di infiammazione dei linfonodi, a volte con la formazione di pus - linfoadenite.

Le malattie infettive sistemiche e altri processi patologici nel corpo possono causare un aumento e un'infiammazione simultanei dei linfonodi di diversi gruppi in tutto il corpo.

Le principali cause di ingrossamento dei linfonodi

  • Ingestione di un'infezione - virale (influenza, parainfluenza, Coxsackie, virus dell'herpes), batterica (stafilococchi, streptococchi, Pseudomonas aeruginosa, micobatterio tubercolosi), fungina;
  • Divisione cellulare patologica che porta alla formazione di tumori;
  • La presenza di processi infiammatori;
  • La presenza delle seguenti malattie: infezioni respiratorie acute (tonsillite, faringite, laringite, tracheite, bronchite, polmonite, influenza), sinusite (sinusite, rinite, etmoidite, sfenoidite, sinusite frontale), otite media, scarlattina, morbillo, dermatosi, foruncolosi, gengivite, carie reumatismi, sarcoidosi, sifilide, artrite reumatoide, malattia di Lyme, tubercolosi, brucellosi, lupus eritematoso sistemico, sindrome di Sjogren, gotta, osteomielite, mononucleosi infettiva, infezione da HIV, AIDS, linfoma, ferite;
  • Reazione allergica a qualsiasi prodotto, sostanza, a causa della quale si verifica la sovrapproduzione di cellule protettive;
  • Sistema immunitario indebolito: stress, ipovitaminosi, carenza di vitamine, ipotermia, stanchezza cronica;
  • Presenza di un tumore benigno o maligno;
  • Lesione meccanica al vaso linfatico, nodo;
  • Alcolismo;
  • L'uso di alcuni farmaci - "Atenololo", antibiotici (cefalosporine, penicilline, sulfonamidi), "chinidina", "carbamazepina", "captopril", "idralazina", "pirimetamina" e altri.

Le ragioni dell'allargamento e dell'infiammazione dei linfonodi sono enormi, ma la maggior parte di esse può essere suddivisa in 3 gruppi principali: processi infiammatori, infezione, oncologia.

Infiammazione dei linfonodi - sintomi

A seconda della causa, l'allargamento (linfoadenopatia) e l'infiammazione (linfoadenite) dei linfonodi possono essere diversi, ad esempio:

  • I linfonodi sono aumentati, non ci sono dolori quando li premono - di solito si parla di una reazione allergica, indebolimento del sistema immunitario, processo infiammatorio, fasi iniziali della tubercolosi;
  • Molti piccoli nodi ingrossati indicano un sistema immunitario indebolito;
  • I linfonodi sono ingrossati e dolorosi - la causa più comune è l'infezione (sviluppo di malattie infettive);
  • I nodi ingranditi, immobili e indolori con contorni irregolari quando vengono premuti possono indicare la necessità di contattare un oncologo per l'esame.

La dimensione dei linfonodi ingrossati può variare da pochi millimetri a diversi centimetri. Possono anche sembrare duri o semi morbidi al tatto..

Inoltre, i seguenti sintomi possono accompagnare i linfonodi ingrossati:

  • Rossore della pelle attorno al linfonodo ingrossato;
  • Disagio e persino dolore durante la deglutizione, girando la testa;
  • La presenza di un'eruzione cutanea sulla pelle, orticaria;
  • Rigonfiamento;
  • Temperatura corporea aumentata e alta;
  • Aumento della sudorazione, brividi;
  • Perdita di peso irragionevole e improvvisa;
  • Milza ingrossata (splenomegalia)
  • Fegato ingrossato (epatomegalia);
  • Perdita di forza, condizione dolorosa;
  • Tosse, naso che cola, mal di gola;
  • Mancanza di appetito, nausea.

Complicazione dei linfonodi

La linfoadenite cronica con formazione purulenta porta molto spesso a complicazioni..

Le complicazioni includono:

  • Periadenite (infiammazione dei tessuti che circondano il nodo infiammato);
  • Phlegmon;
  • Tromboflebite;
  • Fistole negli organi interni;
  • Peritonite, sepsi.

Diagnostica linfonodale

La diagnosi dei linfonodi include:

Se necessario, può essere eseguita una biopsia del nodo.

Trattamento dei linfonodi

Come vengono trattati i linfonodi? Il trattamento dei linfonodi mira ad affrontare la causa alla base della condizione. Se si cura la malattia che ha portato ai nodi ingranditi, essi stessi svaniranno e si normalizzeranno di dimensioni.

Inizialmente, se i linfonodi ingrossati sono causati da un'infezione, viene identificato il tipo di agente patogeno, dopo di che viene prescritto un farmaco specifico:

  • Se la causa è un'infezione batterica, vengono prescritti antibiotici;
  • Se la causa è un'infezione virale, viene prescritto un trattamento sintomatico, ad eccezione di alcune malattie che richiedono l'uso di farmaci antivirali ("Aciclovir" - per l'herpes, farmaci con interferone - per ARVI, ecc.)
  • Se la causa è un'infezione fungina, vengono utilizzati farmaci antimicotici (chetonazolo, clotrimazolo).

Il trattamento dei linfonodi ingrossati di natura allergica viene effettuato con l'uso di antistaminici (Loratadin, Suprastin) ed è anche necessario rimuovere l'agente eziologico di una reazione allergica.

Altre raccomandazioni e metodi per il trattamento dei linfonodi includono:

  • Bere molta acqua - da 2 litri di acqua al giorno (per adulti) e 1 litro (per bambini);
  • Per alleviare la temperatura corporea elevata - prendendo farmaci anti-infiammatori "Paracetamol", "Nurofen", "Nimesil". I bambini sono incoraggiati a fare impacchi di acqua e aceto.
  • Con un forte processo infiammatorio, possono essere prescritti farmaci ormonali (glucocorticoidi): "Prednisolone", "Desametasone", "Idrocortisone".
  • Con grave debolezza e dolore, vengono prescritti metà letto e riposo a letto.

Ricorda che il trattamento deve prima di tutto essere diretto all'eliminazione della causa principale dei nodi ingranditi, ad es. malattia o condizione patologica. No tempo da perdere!

Cosa non fare con i linfonodi ingrossati?

  • Massaggiare il nodo allargato;
  • Scaldalo;
  • Lubrificare con unguenti riscaldanti o battericidi.

Le azioni di cui sopra possono portare al rilascio dell'infezione al di fuori del sito, al suo ingresso nel flusso sanguigno e un'ulteriore diffusione in tutto il corpo.

Rimozione dei linfonodi

La rimozione dei linfonodi (linfoadenectomia) viene eseguita nei seguenti casi:

  • Infiammazione dei linfonodi con formazione di pus;
  • Tumori e metastasi del cancro.

L'intervento chirurgico viene eseguito a causa del fatto che, come abbiamo già detto, c'è un'infezione nel linfonodo.

Trattamento dei linfonodi con rimedi popolari

Importante! Prima di usare rimedi popolari, assicurati di consultare il tuo medico.!

Camomilla, salvia. Versare 2 cucchiaini di camomilla o salvia medicinale con un bicchiere di acqua bollente, lasciare fermentare, filtrare e utilizzare come risciacquo della bocca e della gola. Questo rimedio aiuterà a far fronte ai processi infiammatori nell'orofaringe..

Ginseng. 2 cucchiai. Versare 500 ml di acqua bollente su un cucchiaio di radice di ginseng tritata, quindi mettere il liquido di cottura a bagnomaria per 20 minuti. Quindi mettere da parte il refrigerante, filtrare e assumere 50-70 ml 3 volte al giorno, 20 minuti prima dei pasti. Un decotto di radice di ginseng rafforza il sistema immunitario.

Collezione. Raccogli i seguenti ingredienti: 3 parti di foglie di mora, 2 parti di foglie di betulla cadenti, 2 parti di gambi di segale verde e 1 parte di fiori di immortelle, erba di budra e rizomi di erba di grano. Mescola tutto accuratamente e 2 cucchiai. versare 500 ml di acqua nei cucchiai di raccolta. Quindi portare a ebollizione e cuocere a fuoco lento per circa 2 ore. Filtrare e bere il brodo risultante, 1/3 di tazza 3 volte al giorno, dopo i pasti, per 12 giorni. Aiuta bene contro le infezioni respiratorie acute e altre malattie che causano l'allargamento dei linfonodi cervicali.

Comprimere 1. Mescolare in parti uguali foglie di noce, origano, achillea e vischio. Versare la raccolta con acqua, portare a ebollizione, far bollire per altri 5 minuti e mettere da parte per l'infusione. Quindi immergere un panno di tessuto naturale nel prodotto e legarlo attorno al punto dolente. Fai le compresse fino al completo recupero.

Comprimere 2. Aggiungere 1 l di vino d'uva bianca e 1 cucchiaio. un cucchiaio di acetosa, quindi mettere a fuoco i piatti, portare a ebollizione, cuocere a fuoco lento per 5 minuti, mettere da parte in infusione per 30 minuti. Immergere un panno nel prodotto e applicare come un impacco sul punto dolente.

Prevenzione dei linfonodi

La prevenzione dei linfonodi ingrossati include:

  • Rispetto delle regole di igiene personale;
  • Nutrizione completa, privilegiando cibi arricchiti con vitamine e microelementi;
  • Evita l'uso spontaneo di farmaci;
  • Accesso tempestivo a un medico in presenza di varie malattie, in modo che non diventino croniche;
  • Evita l'ipotermia del corpo;
  • Evita le situazioni stressanti o impara a superarle - se necessario, cambia il tuo posto di lavoro;
  • Conduci uno stile di vita attivo.

Dolore ai linfonodi

Il dolore ai linfonodi o alla linfoadenite acuta è un sintomo non specifico di un certo processo patologico. Poiché i linfonodi si trovano quasi in tutto il corpo umano, la patologia può verificarsi ovunque. L'infiammazione e il dolore più comuni nei linfonodi del collo, dell'inguine e della regione sottomandibolare. Con un quadro clinico del genere, dovresti cercare aiuto medico e non auto-medicare.

Eziologia

Quasi tutte le patologie possono provocare dolore ai linfonodi. Molto spesso, un forte stress o tensione nervosa può essere la causa di questo processo patologico. In generale, si possono distinguere i seguenti fattori eziologici:

  • processi infettivi di natura fungina, parassitaria, batterica;
  • processi oncologici;
  • patologia nella ghiandola tiroidea (dolore e infiammazione nei linfonodi del collo);
  • HIV;
  • ARVI;
  • tubercolosi;
  • processi infiammatori nella cavità orale, nel tratto respiratorio superiore;
  • abuso di alcool;
  • Malattie autoimmuni.

Va anche notato che l'infiammazione e il dolore nei linfonodi sono più probabili nei casi in cui una persona ha un sistema immunitario indebolito. In ogni caso, un tale sintomo non dovrebbe essere ignorato, poiché potrebbe essere un segno di un processo patologico potenzialmente letale. L'autodiagnosi e il trattamento sono fuori discussione.

Sintomi

Con l'infiammazione dei linfonodi, si può osservare il seguente quadro clinico generale:

  • aumento della temperatura locale;
  • temperatura corporea subfebrilare;
  • se i linfonodi del collo fanno male, si può avvertire un mal di gola;
  • si avverte fastidio o dolore alla palpazione;
  • il linfonodo diventa di dimensioni maggiori;
  • mal di testa;
  • debolezza, aumento della fatica senza una ragione apparente;
  • deterioramento o completa mancanza di appetito;
  • irritabilità, sbalzi d'umore.

Se i linfonodi nell'inguine fanno male, il quadro clinico generale può essere integrato dai seguenti segni:

  • prurito e bruciore nella zona genitale;
  • diminuzione del desiderio sessuale o sua completa assenza;
  • sensazione di disagio durante il rapporto;
  • bisogno frequente di urinare che non fornisce sollievo.

La presenza di un tale quadro clinico aggiuntivo con infiammazione dei linfonodi può indicare lo sviluppo di un processo infettivo nel sistema genito-urinario o malattie sessualmente trasmissibili. È richiesta la consultazione con un medico specialista specializzato. L'automedicazione è inaccettabile, poiché puoi solo aggravare lo sviluppo del processo patologico.

Se i linfonodi sotto le ascelle fanno male, il quadro clinico generale può essere integrato dai seguenti segni:

  • aumento del dolore quando si solleva il braccio;
  • debolezza e affaticamento quando si lavora con le mani;
  • alla palpazione dei linfonodi ingrossati si può dare dolore agli spazi intercostali.

Un linfonodo ingrossato sotto l'ascella può indicare un'infezione specifica o non specifica nel corpo. Come in altri casi, è necessaria un'assistenza medica urgente..

Diagnostica

Perché i linfonodi fanno male, solo un medico può dirlo, dopo un'accurata diagnosi e identificazione dell'eziologia della malattia. Prima di tutto, viene eseguito un esame fisico dettagliato del paziente con la palpazione dei linfonodi infiammati. Per una diagnosi accurata, sono prescritti i seguenti metodi di esame strumentale e di laboratorio:

  • analisi del sangue generale e biochimica;
  • un test STD se i linfonodi inguinali fanno male;
  • analisi generale delle urine;
  • studi immunologici;
  • Ultrasuoni degli organi interni;
  • radiografia del torace se i linfonodi sottomandibolari fanno male;
  • biopsia dei linfonodi ingrossati.

Il programma diagnostico esatto dipenderà dal quadro clinico, dall'anamnesi e dalle condizioni del paziente..

Trattamento

Il trattamento può essere prescritto solo da un medico specialista competente, dopo una diagnosi accurata. Non è ragionevole alleviare il dolore e l'infiammazione da soli, poiché ciò può solo portare ad un aggravamento del processo patologico.

Va anche notato che il trattamento dipenderà dalla localizzazione del processo patologico. In generale, viene utilizzata la terapia conservativa, tuttavia, se è iniziato un processo purulento nei linfonodi, viene eseguito il trattamento chirurgico con l'eliminazione del linfonodo interessato e il successivo drenaggio..

Se la causa della patologia è una malattia virale, viene prescritta una terapia immunomodulante, che può includere quanto segue:

  • farmaci antivirali;
  • farmaci per rafforzare il sistema immunitario;
  • tintura di echinacea.

Possono essere prescritti preparati topici per alleviare il rossore. Il dosaggio, la durata del farmaco e il regime possono essere prescritti solo dal medico curante. Apportare personalmente modifiche al trattamento può causare complicazioni.

Oltre al trattamento farmacologico, il medico può prescrivere procedure di fisioterapia:

  • ultrasuoni;
  • elettroforesi;
  • trattamento del bagno di fango.

Gli antibiotici vengono utilizzati se un'infezione batterica è la causa di questo processo..

Per eliminare il dolore nei linfonodi, è possibile utilizzare anche rimedi popolari, ma solo come aggiunta al corso principale del trattamento e previo accordo con il medico. La medicina tradizionale, in questo caso, consiglia quanto segue:

  • vitamina C sotto forma di succhi, tè e frutta fresca;
  • Tintura di Echinacea, poiché questo rimedio è un buon antisettico e allevia l'infiammazione;
  • sciroppo di echinacea. Per prepararlo, devi fare un decotto dalla radice di questa pianta, insistere per 5 minuti e prenderlo secondo la ricetta.

Cosa fare se i linfonodi fanno male, solo un medico può dire, dopo un esame completo e una diagnosi finale. Pertanto, ai primi sintomi, dovresti cercare immediatamente un aiuto medico e non cercare di eliminare i sintomi da solo. Anche se con tali azioni è possibile eliminare il dolore, ciò non garantirà comunque che la causa principale del processo patologico sia stata sradicata..

Prevenzione

Non esistono metodi di prevenzione specifici per il dolore nei linfonodi, poiché questa non è una malattia separata. In generale, ciò può essere evitato se si osservano le seguenti misure preventive:

  • trattare tempestivamente e correttamente tutti i disturbi;
  • seguire le regole di uno stile di vita sano;
  • proteggiti con un preservativo durante il rapporto;
  • sottoporsi sistematicamente a una visita medica;
  • non auto-medicare.

L'applicazione pratica di tali semplici raccomandazioni aiuterà a ridurre al minimo il rischio di sviluppare malattie nel quadro clinico di cui c'è questo sintomo..


Articolo Successivo
Morbo di Parkinson