La circolazione sistemica finisce


L'ampio circolo (corporeo) della circolazione sanguigna serve a fornire sostanze nutritive e ossigeno a tutti gli organi e tessuti del corpo e rimuovere da essi i prodotti metabolici e l'anidride carbonica. Inizia nel ventricolo sinistro del cuore, da cui esce l'aorta, portando il sangue arterioso.

Il sangue arterioso contiene sostanze nutritive e ossigeno necessari per l'attività vitale del corpo e ha un colore scarlatto brillante. L'aorta si dirama in arterie che vanno a tutti gli organi e tessuti del corpo e passano nel loro spessore nelle arteriole e più avanti nei capillari. I capillari, a loro volta, vengono raccolti nelle venule e più avanti nelle vene. Il metabolismo e lo scambio di gas tra sangue e tessuti corporei avvengono attraverso la parete dei capillari.

Il sangue arterioso che scorre nei capillari cede sostanze nutritive e ossigeno e in cambio riceve prodotti metabolici e anidride carbonica (respirazione dei tessuti). Di conseguenza, il sangue che entra nel letto venoso è povero di ossigeno e ricco di anidride carbonica e quindi ha un colore scuro - sangue venoso; durante il sanguinamento, dal colore del sangue, puoi determinare quale vaso è danneggiato: un'arteria o una vena. Le vene si fondono in due grandi tronchi: la vena cava superiore e inferiore, che fluiscono nell'atrio destro.

Questa parte del cuore termina un ampio circolo (corporeo) di circolazione sanguigna. Oltre al cerchio grande c'è il terzo cerchio (cardiaco) della circolazione sanguigna, che serve il cuore stesso. Inizia con le arterie coronarie del cuore che si estendono dall'aorta e termina con le vene del cuore. Questi ultimi si fondono nel seno coronarico, che scorre nell'atrio destro e le piccole vene si aprono direttamente nella cavità atriale.

Circolazione sanguigna regionale

Il sistema circolatorio generale con i suoi sistemi circolatori grandi e piccoli funziona in modo diverso in diverse aree e organi del corpo, a seconda della natura della loro funzione e delle esigenze funzionali al momento. Pertanto, oltre alla circolazione generale, locale o regionale (dal Lat. Regio - regione), si distingue la circolazione sanguigna. Viene eseguito dai vasi principali e degli organi, che hanno la loro struttura speciale in ogni singolo organo..

Per comprendere la circolazione sanguigna regionale, è importante comprendere correttamente la microcircolazione sanguigna..

Cerchi di circolazione sanguigna

Dagli articoli precedenti, conosci già la composizione del sangue e la struttura del cuore. Ovviamente, il sangue svolge tutte le funzioni solo grazie alla sua circolazione costante, che viene svolta grazie al lavoro del cuore. Il lavoro del cuore assomiglia a una pompa che pompa il sangue nei vasi attraverso i quali il sangue scorre agli organi e ai tessuti interni.

Il sistema circolatorio è costituito dai circoli grandi e piccoli (polmonari) della circolazione sanguigna, di cui parleremo in dettaglio. Descritto da William Harvey, un medico inglese, nel 1628.

Circolo sistemico della circolazione sanguigna (CCB)

Questo circolo di circolazione sanguigna serve a fornire ossigeno e sostanze nutritive a tutti gli organi. Inizia con l'aorta che emerge dal ventricolo sinistro, il vaso più grande, che successivamente si dirama in arterie, arteriole e capillari. Il famoso scienziato inglese, il medico William Harvey ha aperto il CCC e ha compreso il significato della circolazione.

La parete dei capillari è monostrato, quindi attraverso di essa avviene lo scambio di gas con i tessuti circostanti, che, inoltre, ricevono nutrienti attraverso di essa. La respirazione avviene nei tessuti, durante i quali si ossidano proteine, grassi, carboidrati. Di conseguenza, nelle cellule si formano anidride carbonica e prodotti metabolici (urea), che vengono rilasciati anche nei capillari..

Il sangue venoso viene raccolto attraverso le venule nelle vene, ritornando al cuore attraverso la più grande - la vena cava superiore e inferiore, che fluiscono nell'atrio destro. Pertanto, il CCB inizia nel ventricolo sinistro e termina nell'atrio destro..

Il sangue passa dalla BCC in 23-27 secondi. Il sangue arterioso scorre attraverso le arterie del CCB e il sangue venoso scorre attraverso le vene. La funzione principale di questo circolo di circolazione sanguigna è fornire ossigeno e sostanze nutritive a tutti gli organi e tessuti del corpo. Nei vasi sanguigni del CCB, pressione alta (relativa alla circolazione polmonare).

Piccolo cerchio di circolazione sanguigna (polmonare)

Permettetemi di ricordarvi che il CCB termina nell'atrio destro, che contiene sangue venoso. Il piccolo cerchio di circolazione sanguigna (ICC) inizia nella camera successiva del cuore: il ventricolo destro. Da qui, il sangue venoso entra nel tronco polmonare, che si divide in due arterie polmonari.

Le arterie polmonari destra e sinistra con sangue venoso sono dirette ai polmoni corrispondenti, dove si diramano verso i capillari che circondano gli alveoli. Lo scambio di gas avviene nei capillari, a seguito del quale l'ossigeno entra nel sangue e si combina con l'emoglobina e l'anidride carbonica si diffonde nell'aria alveolare.

Il sangue arterioso ossigenato viene raccolto in venule, che vengono poi drenate nelle vene polmonari. Le vene polmonari con sangue arterioso fluiscono nell'atrio sinistro, dove termina l'ICC. Dall'atrio sinistro, il sangue entra nel ventricolo sinistro, il punto in cui inizia il CCB. Quindi, due cerchi di circolazione sanguigna sono chiusi..

Il sangue ICC passa in 4-5 secondi. La sua funzione principale è quella di ossigenare il sangue venoso, a seguito del quale diventa arterioso, ricco di ossigeno. Come hai notato, il sangue venoso scorre attraverso le arterie nell'ICC e il sangue arterioso scorre attraverso le vene. La pressione sanguigna è più bassa qui rispetto al CCB.

Fatti interessanti

In media, per ogni minuto, il cuore umano pompa circa 5 litri, oltre 70 anni di vita: 220 milioni di litri di sangue. In un giorno, il cuore umano commette circa 100mila battiti, in una vita - 2,5 miliardi..

© Bellevich Yuri Sergeevich 2018-2020

Questo articolo è stato scritto da Yuri Sergeevich Bellevich ed è la sua proprietà intellettuale. La copia, la distribuzione (inclusa la copia su altri siti e risorse su Internet) o qualsiasi altro uso di informazioni e oggetti senza il previo consenso del titolare del copyright è punibile dalla legge. Per ottenere i materiali dell'articolo e il permesso di utilizzarli, fare riferimento a Bellevich Yuri.

Circolazione. Cerchi grandi e piccoli di circolazione sanguigna. Arterie, capillari e vene

Il movimento continuo del sangue attraverso un sistema chiuso di cavità cardiache e vasi sanguigni è chiamato circolazione sanguigna. Il sistema circolatorio contribuisce alla fornitura di tutte le funzioni vitali del corpo.

Il movimento del sangue attraverso i vasi sanguigni avviene a causa delle contrazioni del cuore. Una persona ha circoli grandi e piccoli di circolazione sanguigna.

Cerchi grandi e piccoli di circolazione sanguigna

La circolazione sistemica inizia con la più grande arteria: l'aorta. A causa della contrazione del ventricolo sinistro del cuore, il sangue viene lanciato nell'aorta, che poi si scompone in arterie, arteriole che forniscono sangue agli arti superiori e inferiori, testa, tronco, tutti gli organi interni e terminano in capillari.

Passando attraverso i capillari, il sangue fornisce ossigeno, nutrienti ai tessuti e porta via i prodotti di dissimilazione. Dai capillari, il sangue viene raccolto in piccole vene che, unendosi e aumentando la loro sezione trasversale, formano la vena cava superiore e inferiore.

Termina con un ampio cerchio di circolazione sanguigna nell'atrio destro. Il sangue arterioso scorre in tutte le arterie della circolazione sistemica, il sangue venoso scorre nelle vene..

Il piccolo cerchio di circolazione sanguigna inizia nel ventricolo destro, dove il sangue venoso scorre dall'atrio destro. Il ventricolo destro si contrae e spinge il sangue nel tronco polmonare, che si divide in due arterie polmonari che trasportano il sangue ai polmoni destro e sinistro. Nei polmoni, si dividono in capillari che circondano ogni alveolo. Negli alveoli, il sangue emette anidride carbonica ed è saturo di ossigeno.

Attraverso quattro vene polmonari (ogni polmone ha due vene) il sangue ossigenato entra nell'atrio sinistro (dove termina la circolazione polmonare) e quindi nel ventricolo sinistro. Pertanto, il sangue venoso scorre nelle arterie della circolazione polmonare e il sangue arterioso scorre nelle sue vene..

La regolarità del movimento del sangue nei circoli della circolazione sanguigna fu scoperta dall'anatomista e medico inglese W.Harvey nel 1628.

Vasi sanguigni: arterie, capillari e vene

Esistono tre tipi di vasi sanguigni negli esseri umani: arterie, vene e capillari..

Le arterie sono tubi cilindrici attraverso i quali il sangue si sposta dal cuore agli organi e ai tessuti. Le pareti delle arterie sono costituite da tre strati che conferiscono loro forza ed elasticità:

  • Membrana esterna del tessuto connettivo;
  • strato intermedio formato da fibre muscolari lisce, tra le quali si trovano le fibre elastiche
  • membrana endoteliale interna. A causa dell'elasticità delle arterie, l'espulsione periodica del sangue dal cuore all'aorta si trasforma in un movimento continuo di sangue attraverso i vasi.

I capillari sono vasi microscopici le cui pareti sono costituite da uno strato di cellule endoteliali. Il loro spessore è di circa 1 micron, lunghezza 0,2-0,7 mm.

È stato possibile calcolare che la superficie totale di tutti i capillari del corpo è di 6300 m2.

Per le peculiarità della struttura, è nei capillari che il sangue svolge le sue principali funzioni: dona ossigeno ai tessuti, nutrienti e trasporta anidride carbonica e altri prodotti di dissimilazione da liberare da essi.

A causa del fatto che il sangue nei capillari è sotto pressione e si muove lentamente, nella parte arteriosa di esso, l'acqua e le sostanze nutritive disciolte in esso filtrano nel fluido intercellulare. All'estremità venosa del capillare, la pressione sanguigna diminuisce e il fluido intercellulare rifluisce nei capillari.

Le vene sono i vasi che trasportano il sangue dai capillari al cuore. Le loro pareti sono costituite dalle stesse membrane delle pareti dell'aorta, ma molto più deboli di quelle arteriose e hanno meno muscoli lisci e fibre elastiche.

Il sangue nelle vene scorre sotto una leggera pressione, quindi i tessuti circostanti, in particolare i muscoli scheletrici, hanno una maggiore influenza sul movimento del sangue attraverso le vene. A differenza delle arterie, le vene (ad eccezione delle vene cave) hanno valvole intascate che impediscono al sangue di rifluire.

Circolazione sistemica: struttura, funzione, problemi dovuti a cardiopatie congenite

Il sangue è un tessuto dell'ambiente interno del corpo umano. La sua circolazione è un movimento continuo attraverso un sistema chiuso di vasi di diversa struttura, calibro e scopo funzionale..

L'anatomia umana sistematica che descrive i vasi sanguigni è chiamata angiologia anatomica. Fornisce la circolazione sanguigna ininterrotta battito cardiaco ritmico.

Nella struttura del sistema cardiovascolare si distinguono un ampio cerchio di circolazione sanguigna, cerchi piccoli (polmonari) e coronarici (coronarici o cardiaci).

Questo articolo considererà cosa appartiene alla circolazione sistemica (CCB) oltre al cuore, quali sono le funzioni di questo circuito chiuso, quali problemi in questo cerchio sono le cause scatenanti dello sviluppo di malattie e viceversa, quali fattori esterni ed interni causano cambiamenti patologici in questa parte del cuore -sistema vascolare.

Descrizione del grande cerchio della circolazione sanguigna

Il cuore è l'anello centrale di integrazione del BPC. La circolazione sistemica inizia nella camera cardiaca ventricolare sinistra da un'arteria, l'aorta, e termina con i vasi, la vena cava superiore e inferiore che scorre nell'atrio destro (nella foto sotto).

Il movimento traslatorio del sangue in un ampio cerchio di circolazione sanguigna viene effettuato attraverso un sistema di arterie ramificate in modo esponenziale, da cui il sangue scorre dal cuore agli organi e alle parti del corpo. Il sangue viene restituito al cuore attraverso, fondendosi gradualmente da piccoli a più grandi, vasi sanguigni chiamati vene.

Fatto anatomico. In un adulto sano di corporatura media, che è in uno stato calmo, al momento di un battito cardiaco, 70 ml di sangue vengono spinti nel CCB.

Del 100% del volume sanguigno nel CCB, circa il 25% è nelle sue arterie e circa il 75% nelle vene. Pertanto, alla domanda su quale sangue prevale nella circolazione sistemica, la risposta è inequivocabile: venosa.

I capillari che penetrano nei tessuti e negli organi sono i vasi sanguigni più piccoli della circolazione sistemica, in cui il sangue arterioso viene convertito in sangue venoso. In effetti, questi microvasi sono la fine delle arterie e l'inizio delle vene..

Principali vasi arteriosi del CCB

Il "bacino" arterioso è costituito da vasi di diversa lunghezza e calibro, che si ramificano in modo esponenziale e diminuiscono gradualmente di dimensioni. Le arterie più piccole e più strette sono chiamate arteriole..

Le arterie e le vene della circolazione sistemica differiscono nella struttura delle pareti. Nelle arterie sistemiche e in altre grandi arterie, le pareti sono a tre strati e sono costituite principalmente da collagene ed elastina, e lo strato muscolare liscio in esse è piuttosto sottile.

Inoltre, man mano che il calibro si restringe, il rapporto cambia verso un aumento delle fibre muscolari, che consente di mantenere la pressione e regolare il flusso sanguigno dei tessuti.

Alcune arterie sistemiche della circolazione sistemica - tabella:

PosizioneDenominazione
Il CCB ha origine da una nave chiamata aorta (1) o arteria principale della circolazione sistemica. Il tronco brachiocefalico (2), la carotide sinistra (3) e la succlavia sinistra (4) si dipartono dal suo arco. Il tronco brachiocefalico si ramifica nelle arterie ascellare destra (8), carotide destra (5), facciale (6) e temporale superficiale (7). La succlavia passa nell'arteria brachiale sinistra (9).
L'aorta toracica fornisce sangue ai polmoni, all'esofago, al torace e all'addome (13), inizia l'epatico, il renale (12) e le arterie del tubo digerente. L'aorta addominale è divisa in due arterie iliache comuni e quelle nelle arterie interne ed esterne (14). Quest'ultimo scorre nell'arteria femorale (15) e femorale profonda (16). A livello del gomito, l'arteria brachiale è divisa in radiale (10) e ulnare (11).
Nella regione posteriore dell'articolazione del ginocchio - nella fossa poplitea, l'arteria femorale si dirama nelle arterie tibiali poplitea (17), posteriore (19) e anteriore (18). Quest'ultimo termina con vasi - arterie della parte posteriore del piede (20) e 2 archi plantari. A proposito, in contrasto con gli archi palmari superficiali e profondi formati dalla fusione inversa delle arterie radiali e ulnari, gli archi plantari si trovano perpendicolari l'uno all'altro. Dagli archi arteriosi sui palmi e sulle piante dei piedi, le arterie del metacarpo / metatarso / e le dita si allontanano.

Poiché non tutti gli organi interni di una persona sono accoppiati, oltre a quello principale, ci sono altre arterie sistemiche spaiate nel sistema cardiovascolare, ad esempio il tronco celiaco dell'aorta addominale, che porta sangue al fegato, allo stomaco, al pancreas, alla milza e al duodeno..

Nota. Il sistema vascolare CCB negli uomini e nelle donne è diverso. Ciò è dovuto alla differenza nella struttura del sistema riproduttivo. Quindi nelle donne, una delle coppie di arterie interne che si estendono dall'aorta addominale è chiamata ovarica e negli uomini, testicolare.

A proposito, per compensare la mancanza di circolazione sanguigna nella testa e per garantire il normale funzionamento del cervello, un anello arterioso ausiliario - il cerchio di Willis si trova alla sua base. È un sistema chiuso, in cui scorrono 5 arterie e se si verifica un blocco in una di esse, ciò non influirà sull'afflusso di sangue al tessuto cerebrale..

Rete capillare BPC

Numerosi microvasi appartengono all'ampio cerchio della circolazione sanguigna: precapillari, capillari e postcapillari. I primi sono vasi di transizione tra arteriole e capillari e i secondi si fondono per formare venule, i vasi più piccoli del bacino venoso del sistema cardiovascolare.

La parete dei capillari è sottile e consiste in un solo strato di cellule piatte (cellule endoteliali), che poggia sulla membrana basale. Nei capillari somatici e viscerali, le singole cellule di Rouget sono adiacenti alle pareti.

La sezione trasversale del lume dei capillari dipende dalla loro posizione ed è:

  • nelle fibre muscolari e vicino ai nervi - 4,5-7 micron;
  • nella pelle e nelle mucose - 7-11 micron;
  • nel pancreas e in altre ghiandole endocrine - 20-30 micron.

Il numero di microvasi nei tessuti non è lo stesso e dipende da dove passano i capillari della circolazione sistemica. Ad esempio, in alcune zone della pelle ce ne possono essere solo 40 per 1 mm² e nei muscoli scheletrici può raggiungere 1400 per 1 mm².

Inoltre, se necessario, i capillari attivi possono diventare di riserva (temporaneamente impraticabili).

Vasi venosi CCB

Gli ultimi vasi della rete capillare e allo stesso tempo i primi nel bacino venoso del sistema cardiovascolare sono i postcapillari e le venule. Inoltre, fondendosi gradualmente, finiscono in vasi che fluiscono nella camera atriale destra del cuore - la vena cava superiore e inferiore.

Nel sistema della vena cava inferiore, il pool della vena porta si distingue separatamente. Secondo il principio topografico, si distinguono i vasi venosi superficiali e profondi accoppiati o spaiati.

La struttura delle pareti venose è fondamentalmente diversa da quelle arteriose. Sono meno elastici, hanno più fibre muscolari e hanno valvole speciali che impediscono al sangue di rifluire in esse..

Venule e piccoli vasi venosi tortuosi sono collegati tra loro da un gran numero di ponti (anastomosi) forniscono la funzione di serbatoio. Esistono anche connessioni tra grandi vasi venosi. Si chiamano vene perforate..

Alcune vene della circolazione sistemica - tabella:

NomePosizione
Grandi vasi venosi della testa, cingolo scapolare e braccia: faccia superiore (1), mascella posteriore (2), faccia comune (3), giugulare interna (4), spalla-testa sinistra (5) e destra (6), cavità superiore (7 ), succlavia (8), ascellare (9), spalla (10).
Dalle vene palmari, il sangue scorre nei vasi dell'avambraccio e quindi nelle vene ulnare safena (12) e mediana (13). Si noti che la vena radiale (11) è un'autostrada separata, che forma, insieme alla vena brachiale (10), la vena cava superiore (7). La figura mostra anche le vene cavità inferiore (14), portale (16), iliaca comune sinistra (17) e femorale (18).
Le vene situate superficialmente nel piede si fondono nella grande vena safena della gamba (20, 19). Essa, nella zona della coscia, avendo assorbito altri vasi venosi, compreso il safeno peroneo, confluisce in quello femorale (18). La localizzazione di numerose vene profonde è mostrata nella figura, sull'altra gamba.

Le vene non sono solo più spesse e più "muscolose" delle arterie. Sono anche innervati più attivamente, quindi la loro infiammazione, ad esempio con le vene varicose, è accompagnata da dolore..

Nota. I vasi linfatici, originati alla cieca vicino alle venule, e quindi periodicamente collegati alle anastomosi con le vene, funzionano come pompe, aiutano a mantenere l'equilibrio dei fluidi del plasma sanguigno e l'emodinamica del sistema cardiovascolare nel suo complesso.

Anche le arterie e le vene di piccolo e medio diametro della circolazione sistemica in alcuni punti sono interconnesse da anastomosi, bypassando la rete capillare. Questi ponti aiutano a regolare il riempimento degli organi interni con il sangue durante una maggiore attività fisica, con ipertensione arteriosa, malattie degli organi o oncologia, con lesioni traumatiche, chimiche o termiche..

Funzioni della circolazione sistemica

BKK regola, coordina e unisce tutti gli organi e sistemi in un organismo funzionante integrale.

Gli vengono affidati i seguenti compiti:

  • trasporto - circolazione sanguigna;
  • trofico: metabolismo;
  • respiratorio - dando O2 e prendendo CO2;
  • escretore - purificando il sangue dai prodotti finali metabolici;
  • protettivo: protezione contro virus, batteri e antigeni, nonché perdita di sangue e coagulazione;
  • regolamentazione - trasferimento di sostanze biologicamente attive.

Inoltre, nei capillari della circolazione sistemica, viene mantenuta costante la temperatura corporea (scambio termico), così come la regolazione dell'equilibrio idrico nei tessuti del corpo.

In una nota. Il tempo della circolazione sistemica, dal momento in cui entra nell'aorta fino a quando non entra nell'atrio destro, in un adulto sano a riposo è di 23-27 secondi.

La funzione principale della circolazione sistemica nei vasi grandi, medi e piccoli è il trasporto. Il sangue, purificato dalla CO2, riscaldato o raffreddato a 37 ° C, e arricchito con O2 nei polmoni (nella circolazione polmonare), viene trasportato lungo le arterie del CCB a tutti gli organi e tessuti.

Nella circolazione sistemica, il sangue è anche saturo di ormoni, enzimi e nutrienti utili: glucosio, proteine, grassi e aminoacidi, minerali, vitamine. Ciò accade nella rete capillare dello stomaco, del duodeno e dell'intestino tenue.

Il metabolismo e lo scambio di gas nella circolazione sistemica vengono effettuati nella rete capillare. Nei villi dello stomaco e dell'intestino tenue si verifica un'assunzione parziale e benefica di sostanze di scarto e nei reni e nel fegato il plasma sanguigno viene eliminato dai prodotti metabolici.

Allo stesso tempo, l'apporto di sangue al fegato è diverso dagli altri organi. Il sangue che vi entra è costituito da sangue arterioso solo per il 25% ed entra attraverso l'arteria epatica e il 75% è sangue venoso dalla vena porta.

Disturbi circolatori nel CCB dovuti a difetti cardiaci congeniti (CHD)

A seconda del tipo di disturbo emodinamico nel CCB, la CHD è isolata con esaurimento della circolazione sistemica e difetti che non portano a cambiamenti nella circolazione sanguigna in essa.

Per CHD con esaurimento della circolazione sistemica includono coartazione (restringimento) del lume dell'aorta e una rottura nel suo arco. Le opzioni di restringimento sono molto diverse per posizione e lunghezza, nonché in combinazione con altre anomalie nello sviluppo del sistema cardiovascolare.

Molto spesso, la coartazione si verifica nell'area della transizione dell'arco aortico all'aorta discendente. In questo caso, la parte ascendente dell'aorta e il suo arco sono dilatati, il che porta all'ipertensione alla testa e alle braccia e la parte discendente dell'aorta è ristretta.

Disturbi congestizi della circolazione sistemica - sintomi:

  • ipossiemia arteriosa, manifestata sotto forma di cianosi permanente o temporanea della pelle, mancanza di respiro, mal di testa;
  • dolore al petto;
  • forti mormorii sistolici sulla regione del cuore e sulla bocca di grandi vasi;
  • rumori deboli al di fuori del sito di restringimento;
  • un aumento graduale delle dimensioni del cuore, ipertrofia delle pareti del ventricolo sinistro con ulteriore sviluppo, possibilmente fulminante, di insufficienza cardiaca cronica;
  • estremità fredde, zoppia da sforzo, claudicatio intermittente;
  • polso duro negli arti superiori, ritardo nell'arteria femorale, incapacità di misurare la pressione sanguigna nelle gambe;
  • affaticamento rapido.

Il ristagno nella circolazione sistemica causa frequente incidenza di infezioni respiratorie e polmonite ripetuta prolungata..

La forza di queste manifestazioni dipende dalla gravità dell'anomalia. Un restringimento minore potrebbe non mostrare alcun sintomo per molto tempo.

Le ragazze con restringimento localizzato dell'aorta possono sviluppare un "collo palmato", un torace quadrato con capezzoli molto distanziati, alluce valgo e linfedema degli arti inferiori. Costo del mancato trattamento della coartazione: ipertensione arteriosa, endocardite batterica, ictus ischemico, encefalopatia ipertensiva, dissezione o rottura aortica.

La diagnosi viene chiarita utilizzando un esame completo, che include ECG, TC, ecocardiografia e angiografia RM. Il trattamento dei neonati con sintomi di coartazione pronunciati viene eseguito con prostaglandina E1.

Ai pazienti di età diversa con lo sviluppo di ipertensione vengono prescritti beta-bloccanti e diuretici. Nei casi più gravi, è indicata una pronta correzione chirurgica o angioplastica con palloncino, anche con stent.

Ma i processi di sovraccarico o stagnazione nella circolazione sistemica non sono causati per il 98% da anomalie congenite. Ciò è dovuto a uno stile di vita sedentario, attività fisica eccessiva, cattive abitudini, eccesso di peso.

D'altra parte, le patologie nel cuore, nei reni, nel fegato e negli organi endocrini portano ad un aumento o al ristagno della circolazione sanguigna nel CCB..

È possibile migliorare la circolazione sanguigna nella circolazione sistemica ottimizzando l'attività fisica e l'educazione fisica. E nel video finale di questo articolo, vengono mostrati esercizi speciali che attivano ulteriormente il movimento del sangue nel cervello, senza aumentare la pressione intracranica. Questa ginnastica è particolarmente indicata per gli anziani..

Brevemente e chiaramente sulla circolazione umana

Nutrizione dei tessuti con ossigeno, elementi importanti, nonché eliminazione dell'anidride carbonica e dei prodotti metabolici nel corpo dalle cellule - la funzione del sangue. Il processo è un percorso vascolare chiuso: circoli di circolazione umana attraverso i quali passa un flusso continuo di fluido vitale, la sua sequenza di movimento è fornita da valvole speciali.

Ci sono diversi circoli di circolazione sanguigna nel corpo umano.

  1. Quanti circoli di circolazione sanguigna ha una persona?
  2. Grande cerchio
  3. Piccolo cerchio (polmonare)
  4. Cerchi aggiuntivi
  5. Placentare
  6. Cerchio del cuore
  7. Circolo di willis

Quanti circoli di circolazione sanguigna ha una persona?

La circolazione sanguigna o l'emodinamica umana è un flusso continuo di fluido plasmatico attraverso i vasi del corpo. Questo è un percorso chiuso di tipo chiuso, cioè non entra in contatto con fattori esterni.

L'emodinamica ha:

  • cerchi principali - grandi e piccoli;
  • anelli aggiuntivi: placentare, coronarico e Willis.

Il ciclo è sempre completo, il che significa che non si verifica la miscelazione del sangue arterioso e venoso.

Il cuore è responsabile della circolazione del plasma, l'organo principale dell'emodinamica. È diviso in 2 metà (destra e sinistra), dove si trovano le sezioni interne: i ventricoli e gli atri.

Il cuore è l'organo principale del sistema circolatorio umano

La direzione del flusso del tessuto connettivo mobile fluido è determinata dai ponticelli o dalle valvole cardiache. Controllano il flusso di plasma dagli atri (cuspidi) e impediscono al sangue arterioso di tornare al ventricolo (semilunare).

Il sangue si muove in circolo in un certo ordine: prima il plasma circola in un piccolo anello (5-10 secondi), quindi in un grande anello. Regolatori specifici: umorale e nervoso controllano il lavoro del sistema circolatorio.

Grande cerchio

Il grande cerchio dell'emodinamica ha 2 funzioni:

  • saturare l'intero corpo con l'ossigeno, trasportare gli elementi necessari nei tessuti;
  • rimuovere il biossido di gas e le sostanze tossiche.

Qui passano la vena cava superiore e la vena cava inferiore, le venule, le arterie e gli artioli, così come l'arteria più grande - l'aorta, che esce dalla parte sinistra del cuore ventricolare.

La circolazione sistemica satura gli organi di ossigeno e rimuove le sostanze tossiche

Nell'anello esteso, il flusso del fluido sanguigno inizia nel ventricolo sinistro. Il plasma purificato esce attraverso l'aorta e viene trasportato a tutti gli organi attraverso il movimento attraverso le arterie, le arteriole, raggiungendo i vasi più piccoli - la rete capillare, dove fornisce ossigeno e componenti utili ai tessuti. I rifiuti pericolosi e l'anidride carbonica vengono invece rimossi. Il percorso di ritorno del plasma al cuore passa attraverso le venule, che fluiscono dolcemente nella vena cava: questo è sangue venoso. La circolazione lungo il grande anello termina nell'atrio destro. Durata del cerchio completo: 20-25 secondi.

Piccolo cerchio (polmonare)

Il ruolo principale dell'anello polmonare è quello di effettuare lo scambio di gas negli alveoli dei polmoni e produrre il trasferimento di calore. Durante il ciclo, il sangue venoso è saturo di ossigeno, eliminandolo dall'anidride carbonica. Il piccolo cerchio ha anche funzioni aggiuntive. Blocca l'ulteriore avanzamento di emboli e coaguli di sangue che sono penetrati da un ampio cerchio. E se il volume del sangue cambia, si accumula in serbatoi vascolari separati, che in condizioni normali non partecipano alla circolazione..

Il circolo polmonare ha la seguente struttura:

  • vena polmonare;
  • capillari;
  • arteria polmonare;
  • arteriole.

Il sangue venoso, a causa dell'espulsione dall'atrio del lato destro del cuore, passa nel grande tronco polmonare ed entra nell'organo centrale del piccolo anello: i polmoni. Il processo di arricchimento del plasma con ossigeno e di emissione di anidride carbonica avviene nella griglia capillare. Il sangue arterioso è già versato nelle vene polmonari, il cui obiettivo finale è raggiungere la sezione del cuore sinistro (atrio). Su questo si chiude il ciclo lungo il piccolo anello.

La particolarità del piccolo anello è che il moto del plasma lungo di esso ha la sequenza opposta. Qui, il sangue, ricco di anidride carbonica e rifiuti cellulari, scorre attraverso le arterie e un liquido saturo di ossigeno si muove attraverso le vene..

Cerchi aggiuntivi

In base alle caratteristiche della fisiologia umana, oltre a 2 principali, ci sono altri 3 anelli emodinamici ausiliari: placentare, cardiaco o coronarico e Willis.

Placentare

Il periodo di sviluppo nell'utero del feto implica la presenza di un cerchio di circolazione sanguigna nell'embrione. Il suo compito principale è saturare tutti i tessuti del corpo del nascituro con ossigeno ed elementi utili. Il tessuto connettivo liquido entra nel sistema di organi fetali attraverso la placenta della madre lungo la rete capillare della vena ombelicale.

La sequenza del movimento è la seguente:

  • il sangue arterioso della madre, che entra nel feto, si mescola con il suo sangue venoso dalla parte inferiore del corpo;
  • il fluido si sposta nell'atrio destro attraverso la vena cava inferiore;
  • un volume maggiore di plasma entra nella metà sinistra del cuore attraverso il setto interatriale (il piccolo cerchio viene passato, poiché non funziona ancora nell'embrione) e passa nell'aorta;
  • la quantità rimanente di sangue non distribuito scorre nel ventricolo destro, dove attraverso la vena cava superiore, raccogliendo tutto il sangue venoso dalla testa, entra nel lato destro del cuore e da lì nel tronco polmonare e nell'aorta;
  • il sangue scorre dall'aorta in tutti i tessuti dell'embrione.

Importante Dopo la nascita del bambino, la necessità del cerchio placentare scompare e le vene di collegamento sono vuote e non funzionano.

Il circolo placentare della circolazione sanguigna satura gli organi del bambino con l'ossigeno e gli elementi necessari

Cerchio del cuore

A causa del fatto che il cuore pompa costantemente sangue, ha bisogno di un maggiore afflusso di sangue. Pertanto, il cerchio della corona è parte integrante del grande cerchio. Inizia con le arterie coronarie, che circondano l'organo principale come se fosse una corona (da cui il nome dell'anello aggiuntivo).

Il circolo placentare della circolazione sanguigna satura gli organi del bambino con l'ossigeno e gli elementi necessari

Cerchio del cuore

A causa del fatto che il cuore pompa costantemente sangue, ha bisogno di un maggiore afflusso di sangue. Pertanto, il cerchio della corona è parte integrante del grande cerchio. Inizia con le arterie coronarie, che circondano l'organo principale come se fosse una corona (da cui il nome dell'anello aggiuntivo).

Il cerchio del cuore nutre l'organo muscolare con il sangue

Il ruolo del cerchio cardiaco è quello di aumentare l'afflusso di sangue dell'organo muscolare cavo. Una caratteristica dell'anello coronarico è che il nervo vago influisce sulla contrazione dei vasi coronarici, mentre il nervo simpatico influisce sulla contrattilità di altre arterie e vene..

Circolo di willis

Il circolo di Willis è responsabile del pieno rifornimento di sangue al cervello. Lo scopo di tale ciclo è compensare la mancanza di circolazione sanguigna in caso di blocco vascolare. in una situazione simile, verrà utilizzato il sangue di altre pozze arteriose.

La struttura dell'anello arterioso del cervello include arterie come:

  • cerebrale anteriore e posteriore;
  • collegamento anteriore e posteriore.

Il circolo Willis della circolazione sanguigna satura il cervello di sangue

Nello stato normale, l'anello di Willis è sempre chiuso.

Il sistema circolatorio umano ha 5 cerchi, di cui 2 principali e 3 aggiuntivi, grazie a loro il corpo viene rifornito di sangue. Il piccolo anello effettua lo scambio di gas e quello grande è responsabile del trasporto di ossigeno e sostanze nutritive a tutti i tessuti e le cellule. I cerchi extra svolgono un ruolo importante durante la gravidanza, riducono lo stress sul cuore e compensano la mancanza di afflusso di sangue nel cervello.

Cerchi del diagramma di circolazione sanguigna umana del sistema circolatorio

Sistema circolatorio

Se guardi lo schema della distribuzione del sangue in tutto il corpo, il suo percorso ciclico è sorprendente. Se non si tiene conto del flusso sanguigno placentare, allora tra gli isolati c'è un piccolo ciclo che fornisce la respirazione e lo scambio di gas di tessuti e organi e colpisce i polmoni di una persona, nonché un secondo, grande ciclo che trasporta sostanze nutritive ed enzimi.

Il compito del sistema circolatorio, divenuto noto grazie agli esperimenti scientifici dello scienziato Harvey (nel XVI secolo scoprì i circoli circolatori), in generale, è quello di organizzare il movimento del sangue e delle cellule linfatiche attraverso i vasi.

Malattie del sistema cardiovascolare

Il sistema circolatorio umano è spesso esposto a fattori negativi. Di conseguenza, sorgono patologie e disturbi nel funzionamento del sistema. In questo caso, è consuetudine distinguere i seguenti tipi di malattie del sistema cardiovascolare:

  1. Ischemico
    - associato a disturbi circolatori: infarto miocardico, angina pectoris, cardiosclerosi. Il periodo di esacerbazione di tali patologie è spesso sostituito dalla remissione..
  2. Ipertensivo
    - a causa di un aumento della pressione sanguigna. Le malattie di questo gruppo sono accompagnate da una violazione dell'integrità dei vasi sanguigni: ictus, emorragia, sanguinamento di varia localizzazione.

Diagnostica del sistema cardiovascolare

Se si sospetta una malattia cardiaca, viene eseguito un esame completo del sistema cardiovascolare. Spesso, prima della diagnosi finale, il paziente deve sottoporsi a diversi esami hardware. I principali metodi diagnostici con cui vengono controllati gli organi del sistema cardiovascolare includono:

  1. Elettrocardiografia (ECG)
    - aiuta a stabilire la frequenza e la regolarità del cuore. Rivela aritmie e carenza di afflusso di sangue miocardico.
  2. Monitoraggio ECG Holter
    - Registrazione ECG delle 24 ore, utilizzata per analisi approfondite di aritmie, episodi di ischemia miocardica.
  3. Monitoraggio della pressione sanguigna nelle 24 ore (ABPM)
    - metodo di registrazione giornaliera della pressione sanguigna utilizzando un tonometro automatico. Utilizzato per escludere l'ipertensione.
  4. Prova di esercizio della bicicletta con carico (WEP) o tapis roulant
    - un test in cui viene eseguito l'ECG mentre il paziente sta eseguendo un'attività fisica (cyclette, tapis roulant). Mostra come il sistema circolatorio umano affronta il carico.
  5. Ecocardiografia (ecocardiografia o ecografia del cuore)
    - determina le dimensioni esatte delle cavità del cuore, lo spessore delle pareti, valuta il lavoro dell'apparato valvolare, rivela una violazione dell'attività contrattile del miocardio.

Piccolo cerchio di circolazione sanguigna

Dall'alto, il sangue venoso dalla camera atriale destra entra nel ventricolo destro del cuore. Le vene sono navi di medie dimensioni. Il sangue scorre in porzioni e viene spinto fuori dalla cavità del ventricolo cardiaco attraverso una valvola che si apre verso il tronco polmonare.

Da esso, il sangue entra nell'arteria polmonare e, come distanza dal muscolo principale del corpo umano, le vene fluiscono nelle arterie del tessuto polmonare, trasformandosi e rompendosi in una rete multipla di capillari. Il loro ruolo e funzione primaria è svolgere processi di scambio gassoso in cui gli alveolociti assorbono anidride carbonica.

Quando l'ossigeno viene distribuito attraverso le vene, i tratti arteriosi diventano caratteristici del flusso sanguigno. Quindi, attraverso le venule, il sangue va alle vene polmonari, che si aprono nell'atrio sinistro.

La struttura del cuore umano - anatomia

L'organo, grazie al quale il corpo è saturo di ossigeno e sostanze nutritive, è una formazione anatomica a forma di cono situata nel torace, principalmente a sinistra. All'interno dell'organo, la cavità, divisa in quattro parti diseguali da tramezzi, è costituita da due atri e due ventricoli. I primi raccolgono il sangue dalle vene che fluiscono in essi e i secondi lo spingono nelle arterie in uscita da loro. Normalmente, il lato destro del cuore (atrio e ventricolo) contiene sangue povero di ossigeno e il lato sinistro contiene sangue ossigenato.

Atri

A destra (PP). Ha una superficie liscia, un volume di 100-180 ml, inclusa un'istruzione aggiuntiva: l'orecchio destro. Spessore parete 2-3 mm. I vasi fluiscono nel PP:

  • vena cava superiore,
  • vene cardiache - attraverso il seno coronarico e perforare i fori delle piccole vene,
  • vena cava inferiore.

Sinistra (LP). Il volume totale, compreso l'occhiello, è di 100-130 ml, anche le pareti hanno uno spessore di 2-3 mm. L'LP preleva il sangue da quattro vene polmonari.

Il setto atriale (MPP) separa gli atri, che normalmente non hanno fori negli adulti. Comunicano con le cavità dei corrispondenti ventricoli attraverso fori dotati di valvole. A destra - tricuspide tricuspide, a sinistra - bicuspide mitrale.

Ventricoli

La destra (RV) è a forma di cono, la base rivolta verso l'alto. Spessore della parete fino a 5 mm. La superficie interna nella parte superiore è più liscia; più vicino all'apice del cono, presenta un gran numero di corde muscolari, trabecole. Nella parte centrale del ventricolo sono presenti tre muscoli papillari (papillari) separati che, mediante corde di filamenti tendinei, impediscono ai lembi della valvola tricuspide di piegarli nella cavità atriale. Gli accordi si estendono anche direttamente dallo strato muscolare del muro. Alla base del ventricolo ci sono due fori con valvole:

  • che funge da sbocco per il sangue nel tronco polmonare,
  • collegando il ventricolo all'atrio.

Sinistra (LV). Questa parte del cuore è circondata dal muro più imponente, il cui spessore è di 11-14 mm. Anche la cavità LV è rastremata e presenta due aperture:

  • atrioventricolare con valvola mitrale bicuspide,
  • uscita all'aorta con aortica tricuspide.

I cavi muscolari nell'apice del cuore e i muscoli papillari che sostengono i lembi della valvola mitrale sono più potenti qui rispetto a strutture simili nel pancreas.

Conchiglia del cuore

Per proteggere e supportare il movimento del cuore nella cavità toracica, è circondato da una camicia a cuore: il pericardio. Ci sono tre strati direttamente nella parete del cuore: epicardio, endocardio, miocardio.

  • Il pericardio è chiamato sacca del cuore, è liberamente attaccato al cuore, la sua foglia esterna è in contatto con gli organi vicini e quella interna è lo strato esterno della parete del cuore: l'epicardio. Composizione: tessuto connettivo. Una piccola quantità di liquido è normalmente presente nella cavità pericardica per un migliore scorrimento del cuore..
  • L'epicardio ha anche una base di tessuto connettivo, si osservano accumuli di grasso nell'apice e lungo i solchi coronali, dove si trovano i vasi. Altrove, l'epicardio è saldamente attaccato alle fibre muscolari dello strato principale.
  • Il miocardio è lo spessore della parete principale, specialmente nell'area più caricata: la regione del ventricolo sinistro. Le fibre muscolari disposte in più strati scorrono sia longitudinalmente che in cerchio, assicurando una contrazione uniforme. Il miocardio forma trabecole all'apice di entrambi i ventricoli e dei muscoli papillari, da cui le corde tendinee si estendono alle cuspidi valvolari. I muscoli degli atri e dei ventricoli sono separati da uno strato fibroso denso, che funge anche da cornice per le valvole atrioventricolari (atrioventricolari). Il setto interventricolare è costituito dal miocardio 4/5 della sua lunghezza. Nella parte superiore, chiamata membranosa, la sua base è il tessuto connettivo.
  • L'endocardio è una foglia che copre tutte le strutture interne del cuore. È a tre strati, uno degli strati è a contatto con il sangue ed è simile nella struttura all'endotelio dei vasi che entrano ed escono dal cuore. Anche nell'endocardio ci sono tessuto connettivo, fibre di collagene, cellule muscolari lisce.

Tutte le valvole cardiache sono formate da pieghe endocardiche.

Un ampio cerchio di circolazione sanguigna

Tracciamo il grande ciclo sanguigno. La circolazione sistemica inizia dal ventricolo cardiaco sinistro, dove entra il flusso arterioso arricchito in O2 e impoverito in CO2, che viene fornito dalla circolazione polmonare. Dove va il sangue dal ventricolo sinistro del cuore??

Dopo il ventricolo sinistro, la valvola aortica finale spinge il sangue arterioso nell'aorta. Distribuisce O2 in alta concentrazione a tutte le arterie. Allontanandosi dal cuore, il diametro del tubo arterioso cambia - diminuisce.

Tutta la CO2 viene raccolta dai vasi capillari e le grandi correnti circolari entrano nella vena cava. Da loro, il sangue entra di nuovo nell'atrio destro, quindi nel ventricolo destro e nel tronco polmonare.

Quindi, la circolazione sistemica nell'atrio destro termina. E alla domanda su dove arriva il sangue dal ventricolo destro del cuore, la risposta è all'arteria polmonare.

Rafforzare il sistema cardiovascolare

Le patologie sono molto più facili da prevenire che da curare.

Per ridurre i rischi di una malattia del sistema circolatorio, è necessario seguire una serie di regole:

  1. Monitorare il peso: il peso corporeo in eccesso aumenta lo stress sul cuore e sui vasi sanguigni.
  2. Conduci uno stile di vita attivo: un esercizio moderato aiuta a prevenire la congestione.
  3. Riduci la quantità di cibi grassi e fritti nella dieta.
  4. Assumi vitamine A, C, E, P, F e oligoelementi: calcio, magnesio, fosforo.

Organi circolatori umani

Questi includono il cuore e i vasi sanguigni (vene, arterie e capillari). Considera l'organo più importante del corpo umano.

Il cuore è un muscolo che si autoregola, si autoregola e si auto-corregge. La dimensione del cuore dipende dallo sviluppo dei muscoli scheletrici: maggiore è il loro sviluppo, più grande è il cuore. La struttura del cuore ha 4 camere - 2 ventricoli e 2 atri, ed è collocata nel pericardio. I ventricoli tra di loro e tra gli atri sono separati da speciali valvole cardiache.

Responsabili del rifornimento e della saturazione del cuore con l'ossigeno sono le arterie coronarie, o come vengono chiamate "vasi coronarici".

La funzione principale del cuore è eseguire il lavoro di una pompa nel corpo. I guasti sono dovuti a diversi motivi:

  1. Apporto di sangue insufficiente / eccessivo.
  2. Lesione al muscolo cardiaco.
  3. Spremitura esterna.

Il secondo più importante nel sistema circolatorio sono i vasi sanguigni.

Funzioni del sistema circolatorio umano

Il ruolo principale svolto dal sistema cardiovascolare nel corpo umano è il movimento del sangue dal cuore ad altri organi e tessuti interni e alla schiena. Molti processi dipendono da questo, grazie al quale è possibile mantenere una vita normale:

respirazione cellulare, ovvero il trasferimento di ossigeno dai polmoni ai tessuti con successivo utilizzo dell'anidride carbonica di scarto; nutrizione di tessuti e cellule con sostanze contenute nel sangue in arrivo; mantenere una temperatura corporea costante attraverso la distribuzione del calore; fornire una risposta immunitaria dopo l'ingresso di virus patogeni, batteri, funghi e altri agenti estranei nel corpo; eliminazione dei prodotti di decomposizione ai polmoni per la successiva escrezione dal corpo; regolazione dell'attività degli organi interni, che si ottiene trasportando ormoni; mantenere l'omeostasi, cioè l'equilibrio dell'ambiente interno del corpo.

Il sistema circolatorio umano: brevemente sulla cosa principale

Riassumendo, vale la pena notare l'importanza di mantenere la salute del sistema circolatorio per garantire le prestazioni di tutto il corpo. Il minimo fallimento nei processi di circolazione sanguigna può causare una mancanza di ossigeno e sostanze nutritive da parte di altri organi, insufficiente escrezione di composti tossici, interruzione dell'omeostasi, immunità e altri processi vitali. Per evitare gravi conseguenze, è necessario escludere i fattori che provocano malattie del complesso cardiovascolare - abbandonare cibi grassi, carne, fritti, che intasano il lume dei vasi sanguigni con placche di colesterolo; condurre uno stile di vita sano in cui non c'è posto per cattive abitudini, cercare, per capacità fisiologiche, di praticare sport, evitare situazioni stressanti e reagire con sensibilità ai minimi cambiamenti di benessere, prendendo tempestivamente misure adeguate per curare e prevenire patologie cardiovascolari.

Velocità del flusso sanguigno lineare e volumetrico

Quando si considerano i parametri di velocità del sangue, vengono utilizzati i concetti di velocità lineare e volumetrica. Esiste una relazione matematica tra questi concetti..

Dove si muove il sangue al ritmo più veloce? La velocità del flusso sanguigno lineare è direttamente proporzionale a quella volumetrica, che varia a seconda del tipo di vasi.

Massima velocità del flusso sanguigno nell'aorta.

Dove si muove il sangue alla velocità più bassa? La velocità più bassa è nella vena cava.

Classificazione

In anatomia, non esiste una classificazione estesa e ramificata dei vasi sanguigni. Tutti sono divisi in tre tipi a seconda delle dimensioni e della posizione nel corpo umano:

  1. Le arterie sono le più grandi formazioni tubolari con una parete multistrato, lungo la quale il sangue viene diretto dal cuore attraverso un piccolo o grande cerchio di circolazione sanguigna. I vasi di questo tipo obbediscono ai propri meccanismi di regolazione, che dipendono principalmente dall'intensità del cuore e dal volume di sangue che vi entra. Il sangue che scorre attraverso le arterie è saturo di ossigeno, motivo per cui il suo colore assume una brillante tonalità scarlatta.
  2. Le vene sono un tipo di vaso sanguigno che trasporta il sangue verso il cuore. Per la struttura del muro, sono più semplici delle arterie, tutti i tipi di regolazione del tono sono estranei ad essa, tranne che per quelli fisici. La loro parete interna è dotata di un dispositivo di bloccaggio, una valvola che impedisce il riflusso del sangue. Il sangue che scorre nelle vene è saturo di anidride carbonica, rendendolo molto più scuro del sangue arterioso.
  3. I vasi microcircolatori sono i tipi più numerosi di vasi sanguigni con un lume di piccolo diametro. Questi includono arteriole e capillari attraverso i quali scorre il sangue arterioso, venule in cui è presente sangue venoso e anastomosi arterovenulari, in cui scorre sangue misto (arterioso e venoso). Questo gruppo di formazioni tubulari è più suscettibile ai meccanismi umorali di regolazione del tono dei vasi sanguigni..

Le parti periferiche del sistema circolatorio differiscono significativamente per struttura e funzione dalle vene e dalle arterie centrali. Inoltre, sono i più diversi, poiché un tipo separato di microvasi esegue compiti diversi..

Tra tutti i vasi sanguigni e linfatici, il valore più importante sono le grandi autostrade con un diametro di 2 cm o più. Nonostante il fatto che la loro funzione sia principalmente quella di trasportare il sangue, la salute e il benessere di una persona dipendono dalle loro condizioni..

Il vaso sanguigno più importante del corpo umano è l'aorta, che si estende direttamente dal cuore. Ha il diametro maggiore (25-30 mm) e ha la struttura muraria più complessa. È caratterizzato da una maggiore elasticità e forza, poiché deve sopportare carichi colossali dalla gittata cardiaca. È un tubo abbastanza grande e molto elastico che può allungarsi mentre il sangue scorre e contrarsi quando il ventricolo si rilassa.

L'aorta è divisa in due rami leggermente più piccoli, ma non per questo meno significativi nel corpo umano: discendente e ascendente. La parte discendente è divisa in aorta toracica e addominale, quella ascendente è rappresentata dalle arterie coronarie, dalle arterie succlavia e carotide comune. Sono caratterizzati da maggiore elasticità e resistenza. Sono in grado di contrarsi, dirigendo il sangue agli organi vitali..

Le vene più grandi di cui è dotato il corpo umano sono rappresentate dalla vena cava inferiore e superiore. Il loro diametro supera i 2 cm e il loro ruolo principale è quello di trasportare il sangue gassato dalla parte inferiore e superiore del corpo al cuore e ai polmoni..

Tempo di circolazione sanguigna completa

Per un adulto, il cui cuore produce circa 80 battiti al minuto, il sangue si completa completamente in 23 secondi, distribuendo 4,5-5 secondi per un piccolo cerchio e 18-18,5 secondi per un grande.

I dati sono confermati empiricamente. L'essenza di tutti i metodi di ricerca risiede nel principio della marcatura. Una sostanza tracciabile non tipica del corpo umano viene iniettata in una vena e la sua posizione viene stabilita dinamicamente.

Quindi si nota per quanto tempo la sostanza apparirà nella vena omonima, situata sull'altro lato. Questo è il momento della completa circolazione sanguigna..

63. Cerchi di circolazione sanguigna: definizione, inizio, fine, significato dei cerchi grandi e piccoli di circolazione sanguigna. Criteri per valutare l'attività del sistema cardiovascolare

Una persona ha un sistema circolatorio chiuso, il posto centrale in esso è il cuore a quattro camere. Indipendentemente dalla composizione del sangue, tutti i vasi che entrano nel cuore sono considerati vene e quelli che lo lasciano sono considerati arterie. Il sangue nel corpo umano si muove lungo i circoli grandi, piccoli e cardiaci della circolazione sanguigna.

Schema circolatorio: il colore rosso indica i vasi attraverso i quali scorre il sangue arterioso, blu - vasi con sangue venoso, viola - sistema della vena porta: 1 - metà destra del cuore; 2 - la metà sinistra del cuore; 3 - aorta; 4 - vene polmonari; 5 - vene cave superiori e inferiori; 6 - arteria polmonare; 7 - stomaco; 8 - milza; 9 - intestini; 10 - fegato; 11 - vena porta; 12 - rene [1969 Kabanov AN Chabovskaya AP - Anatomia, fisiologia e igiene dei bambini in età prescolare]

Piccolo cerchio di circolazione sanguigna (polmonare). Il sangue venoso dall'atrio destro passa attraverso l'apertura atrioventricolare destra nel ventricolo destro, che, contraendosi, spinge il sangue nel tronco polmonare. Quest'ultimo è diviso in arterie polmonari destra e sinistra che passano attraverso il cancello dei polmoni. Nel tessuto polmonare, le arterie si dividono per formare capillari che circondano ogni alveolo. Dopo che gli eritrociti rilasciano anidride carbonica e li arricchiscono di ossigeno, il sangue venoso si trasforma in arterioso. Il sangue arterioso attraverso quattro vene polmonari (ci sono due vene in ciascun polmone) viene raccolto nell'atrio sinistro e quindi passa attraverso l'apertura atrioventricolare sinistra nel ventricolo sinistro. La circolazione sistemica inizia dal ventricolo sinistro.

Un ampio cerchio di circolazione sanguigna. Il sangue arterioso dal ventricolo sinistro viene rilasciato nell'aorta durante la sua contrazione. L'aorta si divide in arterie che forniscono sangue alla testa, al collo, agli arti, al tronco ea tutti gli organi interni in cui terminano con i capillari. I nutrienti, l'acqua, i sali e l'ossigeno vengono rilasciati dal sangue dei capillari nei tessuti, i prodotti metabolici e l'anidride carbonica vengono riassorbiti. I capillari si raccolgono nelle venule, dove inizia il sistema vascolare venoso, che rappresentano le radici della vena cava superiore e inferiore. Il sangue venoso attraverso queste vene entra nell'atrio destro, dove termina la circolazione sistemica.

Circolazione cardiaca. Questo circolo di circolazione del sangue inizia dall'aorta da due arterie coronarie, attraverso le quali il sangue entra in tutti gli strati e parti del cuore, e poi si raccoglie attraverso piccole vene nel seno coronarico. Questa nave si apre con un'ampia bocca nell'atrio destro del cuore. Parte delle piccole vene della parete del cuore si apre nella cavità dell'atrio destro e del ventricolo del cuore in modo indipendente.

Pertanto, solo dopo aver attraversato il piccolo cerchio della circolazione sanguigna, il sangue entra nel cerchio grande e si muove in un sistema chiuso. La velocità della circolazione sanguigna in un piccolo cerchio - 4-5 secondi, in un grande cerchio - 22 secondi.

Criteri per valutare l'attività del sistema cardiovascolare.

Per valutare il lavoro del CVS, vengono esaminate le seguenti caratteristiche: pressione, polso, lavoro elettrico del cuore.

ECG. I fenomeni elettrici osservati nei tessuti all'eccitazione sono chiamati correnti di azione. Inoltre sorgono in un cuore che batte, poiché l'area eccitata diventa elettronegativa rispetto a quella non eccitata. È possibile registrarli utilizzando un elettrocardiografo.

Il nostro corpo è un conduttore di liquidi, cioè un conduttore del secondo tipo, il cosiddetto ionico, quindi i biotremi del cuore sono condotti in tutto il corpo e possono essere registrati dalla superficie della pelle. Per non interferire con le correnti dell'azione dei muscoli scheletrici, una persona viene posta su un lettino, viene chiesto di rimanere sdraiata e vengono applicati gli elettrodi.

Per registrare tre derivazioni bipolari standard dalle estremità, gli elettrodi vengono applicati sulla pelle delle mani destra e sinistra - derivazione I, braccio destro e gamba sinistra - derivazione II e braccio sinistro e gamba sinistra - derivazione III.

Quando si registrano derivazioni unipolari toraciche (pericardiche), indicate dalla lettera V, un elettrodo, che è inattivo (indifferente), viene applicato sulla pelle della gamba sinistra e il secondo - attivo - in determinati punti della superficie anteriore del torace (V1, V2, V3, V4, v5, V6). Questi cavi aiutano a localizzare la lesione del muscolo cardiaco. La curva per la registrazione delle biocorrenti del cuore è chiamata elettrocardiogramma (ECG). L'ECG di una persona sana ha cinque onde: P, Q, R, S, T.Le onde P, R e T, di regola, sono dirette verso l'alto (onde positive), Q e S - verso il basso (onde negative). L'onda P riflette l'eccitazione degli atri. Nel momento in cui l'eccitazione raggiunge i muscoli dei ventricoli e si diffonde attraverso di essi, si verifica un'onda QRS. L'onda T riflette il processo di interruzione dell'eccitazione (ripolarizzazione) nei ventricoli. Pertanto, l'onda P è la parte atriale dell'ECG e il complesso delle onde Q, R, S, T è la parte ventricolare.

L'elettrocardiografia consente di studiare in dettaglio i cambiamenti nel ritmo cardiaco, i disturbi nella conduzione dell'eccitazione attraverso il sistema di conduzione del cuore, l'emergere di un ulteriore focus di eccitazione quando compaiono extrasistoli, ischemia, infarto.

Pressione sanguigna. Il valore della pressione sanguigna è una caratteristica importante dell'attività del sistema cardiovascolare. Una condizione indispensabile per il movimento del sangue attraverso il sistema dei vasi sanguigni è la differenza di pressione sanguigna nelle arterie e nelle vene, che viene creata e mantenuta dal cuore. Ad ogni sistole del cuore, un certo volume di sangue viene pompato nell'arteria. A causa dell'elevata resistenza delle arteriole e dei capillari fino alla successiva sistole, solo una parte del sangue ha il tempo di passare nelle vene e la pressione nelle arterie non scende a zero.

Il livello di pressione nelle arterie dovrebbe essere determinato dal valore del volume sistolico del cuore e dall'indicatore di resistenza nei vasi periferici: più il cuore si contrae con forza e più si restringono le arteriole ei capillari, maggiore è la pressione sanguigna. Oltre a questi due fattori: il lavoro del cuore e la resistenza periferica, la quantità di pressione sanguigna è influenzata dal volume del sangue circolante e dalla sua viscosità..

La pressione più alta osservata durante la sistole è chiamata pressione massima o sistolica. La pressione più bassa durante la diastole è chiamata minima o diastolica. La quantità di pressione dipende dall'età. Nei bambini, le pareti delle arterie sono più elastiche, quindi la loro pressione è inferiore rispetto agli adulti. Negli adulti sani, la pressione massima è normalmente di 110-120 mm Hg. Art., E il minimo 70-80 mm Hg. Arte. Con la vecchiaia, quando l'elasticità delle pareti vascolari a seguito di cambiamenti sclerotici diminuisce, il livello di pressione sanguigna aumenta.

La differenza tra la pressione massima e minima è chiamata pressione del polso. È pari a 40-50 mm Hg. st.

La pressione sanguigna può essere misurata con due metodi: diretto e indiretto. Quando misurata con un metodo diretto o sanguinante, una cannula di vetro viene inserita nell'estremità centrale di un'arteria o viene inserito un ago cavo, che è collegato con un tubo di gomma a un dispositivo di misurazione, come un manometro a mercurio. Direttamente, la pressione di una persona viene registrata durante operazioni di grandi dimensioni, ad esempio, sul cuore, quando è necessario monitorare continuamente il livello di pressione.

Per determinare la pressione con un metodo indiretto, o indiretto, si trova quella pressione esterna, che è sufficiente per comprimere l'arteria. Nella pratica medica, la pressione sanguigna nell'arteria brachiale viene solitamente misurata con il metodo del suono indiretto di Korotkov utilizzando uno sfigmomanometro al mercurio Riva-Rocci o un tonometro a molla. Un bracciale in gomma cavo è applicato alla spalla, che è collegato a un bulbo di gomma per iniezione e un manometro che mostra la pressione nel bracciale. Quando l'aria viene pompata nel bracciale, preme sul tessuto della spalla e comprime l'arteria brachiale e il manometro mostra il valore di questa pressione. I toni vascolari si sentono con un fonendoscopio sopra l'arteria ulnare, sotto il bracciale. S. Korotkov ha scoperto che in un'arteria non compressa non ci sono suoni quando il sangue scorre. Se si alza la pressione al di sopra del livello sistolico, il bracciale comprimerà completamente il lume dell'arteria e il flusso sanguigno in esso si interromperà. Inoltre non ci sono suoni. Se ora rilasci gradualmente aria dal bracciale e riduci la pressione al suo interno, nel momento in cui diventa leggermente inferiore alla sistole, il sangue durante la sistole attraverserà l'area compressa con grande forza e si sentirà un tono vascolare sotto il bracciale nell'arteria ulnare. La pressione nel bracciale alla quale compaiono i primi suoni vascolari corrisponde alla pressione massima, o sistolica. Con l'ulteriore rilascio di aria dal bracciale, cioè una diminuzione della pressione al suo interno, i toni aumentano e quindi si indeboliscono bruscamente o scompaiono. Questo momento corrisponde alla pressione diastolica.

Pulse. L'impulso è chiamato le fluttuazioni ritmiche nel diametro dei vasi arteriosi che si verificano durante il lavoro del cuore. Al momento dell'espulsione del sangue dal cuore, la pressione nell'aorta aumenta e un'onda di aumento della pressione si propaga lungo le arterie fino ai capillari. È facile sentire la pulsazione delle arterie che giacciono sull'osso (arteria radiale, temporale superficiale, dorsale del piede, ecc.). Molto spesso, il polso viene esaminato sull'arteria radiale. Sentendo e contando il polso, è possibile determinare la frequenza cardiaca, la loro forza e il grado di elasticità dei vasi. Un medico esperto, premendo sull'arteria fino a quando la pulsazione si arresta completamente, può determinare con precisione l'altezza della pressione sanguigna. In una persona sana, il polso è ritmico, ad es. i colpi seguono ad intervalli regolari. Con le malattie cardiache, si possono osservare disturbi del ritmo: aritmia. Inoltre, tengono conto anche di tali caratteristiche dell'impulso come tensione (il valore della pressione nei vasi), riempimento (la quantità di sangue nel flusso).


Articolo Successivo
Cosa fare con una frequenza cardiaca accelerata a pressione sanguigna bassa, normale e alta? Come normalizzare la frequenza cardiaca?