Perché il sangue si ispessisce durante la gravidanza e cosa fare in questo caso


Durante la gravidanza, la coagulazione del sangue aumenta. Ciò si verifica molto probabilmente nel corpo femminile come misura precauzionale per evitare un'eccessiva perdita di sangue durante il parto. Pertanto, la quantità di proteine ​​responsabili della coagulazione aumenta. La coagulazione del sangue è pericolosa per una donna incinta? Parliamo di sintomi, rischi e prevenzione dell'ipercoagulabilità.

Perché c'è un aumento del rischio di coagulazione del sangue?

I coaguli di sangue sono formati da piastrine nel sito di danno tissutale per ridurre il sanguinamento. Ma durante la gravidanza, gli estrogeni addensano il sangue e possono verificarsi una serie di gravi problemi di salute. Non c'è da stupirsi che gli esperti chiamino la gravidanza uno stato protrombotico con un cambiamento nella fibrinolisi (la capacità di abbattere i coaguli di sangue). La patologia si verifica più spesso nei primi 3 mesi di gravidanza (circa il 50% dei casi si verifica a 15 settimane) o nelle prime 6 settimane dopo il parto, interessando 1 o 2 donne in gravidanza ogni 2000 persone.

Segni di ipercoagulabilità

La coagulazione rapida è una complicanza pericolosa per la vita della donna in travaglio. Quindi, con una maggiore coagulazione del sangue, alcune donne hanno:

  1. Trombosi venosa, che si manifesta con dolore acuto, crampi e gonfiore in una o entrambe le gambe, vene gonfie, arrossamento o pelle blu, sensazione di bruciore nella zona interessata. Va notato che il dolore non scompare per molto tempo. È anche interessante notare che circa l'80% della trombosi venosa profonda si verifica nella gamba sinistra. Ciò è dovuto all'anatomia dell'afflusso di sangue alle gambe e in parte alla pressione dell'utero.
  1. Embolia polmonare, caratterizzata da mancanza di respiro, dolore toracico che peggiora con un respiro profondo, tosse (a volte sanguinolenta), polso accelerato, mancanza di respiro, cianosi e persino perdita di coscienza. Questa condizione richiede un ricovero urgente..
  2. Aborto spontaneo dovuto alla sindrome da antifosfolipidi, in cui si formano coaguli di sangue nei vasi che forniscono cibo all'embrione in via di sviluppo. Di conseguenza, l'afflusso di sangue al feto diminuisce, il che porta alla nascita prematura e, meno spesso, alla morte intrauterina del bambino..
  3. Il distacco della placenta è una condizione in cui la placenta è parzialmente o completamente staccata dalla parete dell'utero prima del parto, causando gravi emorragie pericolose per la madre e il bambino.

Va detto su complicazioni così rare associate a disturbi della coagulazione del sangue nelle donne in gravidanza, come infarto miocardico e ictus..

Le donne più a rischio di trombofilia sono:

  • oltre 35 anni;
  • fumatori;
  • sovrappeso;
  • viaggiare su lunghe distanze;
  • che hanno già avuto aborti spontanei;
  • con una predisposizione genetica alla trombosi;
  • con gravidanze multiple;
  • dopo un taglio cesareo;
  • con ipertensione o preeclampsia;
  • sedentario.

Esistono esami per la presenza di coaguli di sangue?

Il medico può eseguire la scansione dell'area interessata con ecografia o venografia a risonanza magnetica. Inoltre, al paziente può essere prescritta la flebografia. Se si sospetta un'embolia polmonare, alla donna incinta viene eseguita una TC spirale (tomografia computerizzata), un elettrocardiogramma del cuore.

Trattamenti per la coagulazione del sangue alta

A seconda della gravità della condizione, il tuo ostetrico-ginecologo locale ti indirizzerà a un ematologo, un medico specializzato nella diagnosi e nel trattamento delle malattie del sangue. Di norma, alle donne in gravidanza con patologia vengono prescritti anticoagulanti (l'eparina è considerata la più sicura), che prevengono la formazione di coaguli di sangue. Anche se si sospetta solo la diagnosi, il trattamento viene avviato immediatamente.

Se i coaguli di sangue si trovano più vicino alla superficie della pelle, possono essere utili anche impacchi caldi, bendando le gambe e sollevandole per alleviare il gonfiore..

La prevenzione della malattia consiste nel mantenere uno stile di vita attivo, un esercizio regolare (con il consenso del medico), che migliora la circolazione sanguigna e previene la formazione di coaguli. L'obiettivo principale è mantenere il normale flusso sanguigno nel corpo. Cos'altro consigliano gli esperti:

  • mangiare cibi sani e prevenire l'eccesso di peso corporeo;
  • Vietato fumare;
  • bevi più acqua;
  • non stare fermo per più di 20 minuti. Se devi stare seduto a lungo in viaggio o al lavoro, alzati ogni mezz'ora e, se possibile, muoviti;
  • ridurre l'assunzione di sale;
  • cerca di non incrociare le gambe quando sei seduto.

Tenendo conto delle conseguenze pericolose per la vita dell'aumento della coagulazione del sangue, una donna incinta dovrebbe seguire tutte le prescrizioni del medico.!

Cause di aumento della coagulazione del sangue, sintomi e quali conseguenze minaccia questa patologia durante la gravidanza?

Il periodo di trasporto di un bambino è un test serio per il corpo femminile, quindi, durante la gravidanza, la futura mamma viene sottoposta a numerosi test e test. Dopo che una donna rimane incinta, è importante monitorare il suo benessere prima del parto..

Il controllo della conta ematica è uno dei principali studi che consentono di monitorare la salute di una donna e di un feto. E se vengono rilevate violazioni, a causa della frequenza dei test eseguiti, la probabilità di un trattamento di successo è elevata a causa della tempestiva istituzione della diagnosi.

Un indicatore a cui i medici prestano attenzione è la coagulazione del sangue. La norma nelle donne durante la gravidanza in diverse fasi cambia, il che non significa sempre patologia, ma necessita di controllo.

Coagulazione durante la gravidanza e sue caratteristiche

La coagulazione in medicina si chiama coagulazione. La coagulazione è una reazione di difesa enzimatica del corpo, attivata per fermare il sanguinamento in caso di violazione dell'integrità dei tessuti vascolari. Senza l'aiuto di questo meccanismo di protezione, un infortunio minaccia una persona di sanguinamento, fino alla morte inclusa..

Il meccanismo di coagulazione è diviso in 2 tipi:

  • Emostasi primaria. La sua attivazione si verifica quando vengono danneggiati vasi di piccolo diametro. Le cellule del sangue note come "piastrine" aiutano a colmare il divario nel muro. Incollandosi, queste cellule formano un trombo, che intasa la parte distrutta dell'epitelio vascolare. Allo stesso tempo, si verifica una rapida riduzione del tessuto danneggiato. Il secondo nome del meccanismo è emostasi piastrinica vascolare.
  • L'emostasi secondaria è nota come coagulazione. Il processo è molto più complicato e si compone di diverse fasi. Il danno volumetrico diventa il suo attivatore. Durante l'emostasi della coagulazione, sotto l'influenza di enzimi, i filamenti di fibrina si formano da una sostanza nel sangue: il fibrinogeno. I fili formano una rete che intrappola i globuli formati, la cui parte principale sono i globuli rossi, e si forma un coagulo di sangue.
Fermare l'emorragia

Alto tasso di coagulazione durante la gravidanza

Per poter giudicare l'alto livello di coagulazione del sangue durante la gravidanza, è necessario conoscere il tasso dell'indicatore in una donna durante questo periodo. Già all'inizio del secondo trimestre, si verificano cambiamenti fisiologici nel corpo della futura mamma, il cui risultato è un aumento della sintesi di sostanze che regolano la formazione di coaguli di sangue.

Questa trasformazione ha lo scopo di preparare il corpo femminile per la nascita imminente. Grazie alla cura della natura dopo il parto, i vasi localizzati alla separazione della placenta sono in grado di contrarsi, salvando una donna dalla perdita di sangue.

Un'analisi che indica la coagulazione durante la gravidanza, che una donna deve fare più di una volta, consente di notare nel tempo i fallimenti in questo importante processo. La decodifica dello studio deve essere affidata a uno specialista qualificato. Le fluttuazioni negli standard dei principali indicatori di coagulazione possono essere trovate nella tabella seguente.

Coagulabilità: la norma degli indicatori nelle donne in gravidanza

Un esame del sangue che indica un'elevata coagulazione durante la gravidanza è un brutto segno, segnalando il rischio di una condizione chiamata ipercoagulabilità.

Aumento della coagulazione del sangue durante la gravidanza: cosa è pericoloso?

L'ipercoagulazione minaccia il paziente:

  • Tossicosi tardiva.
  • Problemi nello sviluppo del bambino.
  • Distacco prematuro della placenta.
  • Rischio di aborto spontaneo.
  • Morte di un bambino.

I sintomi di ipercoagulabilità includono aumento della stanchezza, sonnolenza e mal di testa derivanti da un ridotto apporto di ossigeno al cervello. Possibili disturbi nell'intestino e in altri organi interni.

Analisi della coagulazione: come si chiama

Durante la gravidanza, i medici di una donna conducono costantemente esami del sangue per aiutare a monitorare le dinamiche delle condizioni della futura donna in travaglio. Un'analisi che informa sul livello di coagulazione è chiamata "coagulogramma".

A rischio sono le donne che rimangono incinte all'età di meno di 18 anni o dopo i 40, con diabete mellito, patologie dei reni e del sistema cardiovascolare, pazienti che hanno sperimentato ipercoagulazione prima di pianificare una gravidanza. È particolarmente importante che vengano periodicamente testati..

Trattamento di ipercoagulabilità

Se viene diagnosticata un'elevata viscosità del sangue, saranno necessari farmaci chiamati anticoagulanti. Dipende dalla natura della malattia se sono necessari farmaci antinfiammatori e antispastici. In caso di complicazioni, è consentita la rimozione chirurgica dei coaguli di sangue.

Importante! L'uso di farmaci che hanno un effetto diluente durante il trasporto di un bambino è irto di conseguenze come il sanguinamento. Per questo motivo, l'assunzione di qualsiasi farmaco deve essere concordata con il medico..

In una certa misura, cambiare la dieta e la dieta abituali aiuta a ridurre la viscosità. Si consiglia a una donna di consumare 1,5-2 litri di acqua potabile pulita durante il giorno. Includere tè verde o alle erbe, succhi di frutta e verdura nell'elenco dei liquidi (dare la preferenza ai succhi naturali).

In termini di cibo, l'uso di alghe e pesce, cipolle e aglio avrà un effetto positivo. La frutta a guscio e l'olio di oliva o di semi di lino sono utili per la futura mamma. Ricorda che le condizioni del bambino dipendono dalla salute della madre..

Aumento della coagulazione del sangue durante la gravidanza: sintomi, cause, trattamento

Qual è la scarsa coagulazione del sangue?

La coagulazione è un complesso processo di interazione di proteine, fibrine e piastrine, che protegge il corpo dell'individuo da una significativa perdita di sangue in caso di danni. Sotto l'influenza degli enzimi, le sostanze vengono scomposte e nel sangue si formano fili di fibrina. Hanno la capacità di formare coaguli di sangue che bloccano i danni ai piccoli vasi sanguigni.
Questa è una condizione pericolosa per un individuo ed è particolarmente grave quando c'è una scarsa coagulazione del sangue durante la gravidanza. Questo fenomeno minaccia la vita della futura mamma e del feto. Con questa patologia, c'è un'alta probabilità di aborto spontaneo e una grande perdita di sangue durante il parto. È molto importante notare le violazioni che si verificano nel tempo e valutare il loro pericolo per la madre e il bambino..

Nel normale corso della gravidanza, a partire dal secondo trimestre, si verifica un aumento dell'indice di coagulazione e una diminuzione del sistema anticoagulante. Nel sangue di una donna che aspetta un bambino, c'è un aumento del livello di fibrinogeno plasmatico, una proteina speciale che forma stringhe appiccicose per la formazione di un coagulo di sangue.

I cambiamenti che si verificano quando non ci sono altri segni sono normali e non richiedono la correzione della condizione. Questi cambiamenti dopo il parto e il rigetto placentare proteggono il corpo femminile da una significativa perdita di sangue. Qual è il rischio di una cattiva coagulazione del sangue durante la gravidanza? Se è impossibile fermare rapidamente l'emorragia, una donna ne perde una quantità significativa in un breve periodo di tempo, che spesso diventa la causa della morte. I problemi di coagulazione si verificano spesso nella seguente categoria femminile con:

  • gravidanza multipla;
  • predisposizione ereditaria;
  • problemi mentali;
  • Conflitto Rh;
  • patologie concomitanti dei reni, del sistema endocrino, dei vasi sanguigni e del cuore.

Inoltre, i problemi di bassa coagulazione del sangue si verificano spesso nelle primipare dopo i 40 anni e fino a 18 anni..

Come il processo di gravidanza dipende dal livello di coagulazione del sangue?

La coagulazione del sangue, o in termini medici, l'omeostasi, è la capacità del corpo di mantenere una composizione e una quantità di sangue costanti. In un senso più ampio: l'equilibrio mobile dei sistemi del corpo.

Con la normale omeostasi e in assenza di altri problemi e patologie in una donna, la gravidanza procede in sicurezza.

A proposito, durante la gravidanza, il livello di coagulazione del sangue è più alto che nello stato "normale", questo è dovuto ad un aumento del volume del sangue ed è normale.

Ma con i disturbi della coagulazione, ci sono reali minacce allo sviluppo della gravidanza..

Se la coagulazione del sangue è ridotta, c'è una triste possibilità di distacco della placenta, sanguinamento e aborto spontaneo. Anche una maggiore coagulabilità non è buona: possono comparire coaguli di sangue nei vasi che penetrano nella placenta e ciò comporta un insufficiente apporto di ossigeno al feto e, di conseguenza, ipossia.

Ti diremo perché il diabete mellito gestazionale durante la gravidanza è pericoloso per il feto.

L'uso dell'acido folico è discusso qui. Impareremo a bere correttamente.

Leggi i problemi di posizionamento della placenta bassa.

Coagulazione aumentata o sangue denso durante la gravidanza

Molto spesso, il sangue denso viene determinato "a occhio": durante i test, un assistente di laboratorio può notare che una donna incinta ha sangue molto denso - il foro dell'ago è ostruito o è semplicemente chiaro dalla viscosità che è troppo denso. Tuttavia, dovrebbe essere chiaro che il sangue denso durante la gravidanza non è una malattia o una diagnosi. Piuttosto, è una manifestazione di alcuni disturbi causati o che portano a una condizione dolorosa..

Il sangue diventa denso a causa della deviazione di alcuni indicatori di omeostasi (sistema di coagulazione del sangue). E la prognosi e il trattamento dipendono da quale norma viene violata. Ecco perché, prima di trarre conclusioni, e ancor più di prendere qualsiasi misura, è necessario inviare la donna incinta a un coagulogramma (o emostasiogramma) - uno studio completo del sistema di coagulazione del sangue, che viene eseguito rigorosamente a stomaco vuoto!

La ragione di tale analisi potrebbe essere il risultato di un esame del sangue generale, che ha mostrato un numero maggiore di elementi formati.

I seguenti indicatori del coagulogramma sono di importanza decisiva per il sangue denso:

  • fibrinogeno: normalmente non dovrebbe andare oltre 2,0-4,0 g / le non dovrebbe esserci fibrinogeno B nel sangue. Ma durante la gravidanza, il livello di fibrinogeno aumenta naturalmente durante tutto il periodo e alla fine può raggiungere i 6 g / l;
  • APTT - tempo di tromboplastina parziale attivata o tempo di coagulazione del sangue - è normalmente di 24-35 s, ma a causa di un aumento del livello di fibrinogeno nelle donne in gravidanza, la coagulazione del sangue accelera naturalmente un po '(di 17-20 s);
  • TV: il tempo di trombina è normalmente di 11-18 s; a causa di un aumento del livello di fibrinogeno durante la gravidanza, aumenta anche, ma non va ancora oltre la norma;
  • lupus anticoagulante - normalmente dovrebbe essere assente, la sua presenza indica lo sviluppo di patologie, disturbi autoimmuni ed è accompagnata da un aumento dell'APTT;
  • protrombina - è normalmente nel range del 78-142%; il superamento della norma nelle donne in gravidanza può indicare un distacco prematuro della placenta.

Va detto che il sangue denso si forma non solo nelle donne in gravidanza. Ma il piccante della situazione sta nel fatto che alla futura mamma sono vietati molti medicinali che fluidificano il sangue. Pertanto, se la situazione lo consente, il medico ti prescriverà una dieta, o meglio, aggiusterà leggermente la tua dieta..

Prima di tutto, ti verrà consigliato di bere di più. È stato a lungo dimostrato che la ritenzione idrica nel corpo è favorita non dall'acqua, ma dal sale, quindi dovrai limitare il consumo di quest'ultimo (se non puoi eliminarlo completamente) e aumentare il consumo del primo. Devi assolutamente bere abbastanza, cioè almeno un litro e mezzo al giorno, anche se il volume esatto dovrebbe essere calcolato individualmente per te stesso.

Bere in questo caso è solo acqua: sicuramente purificata e senza gas, ma non distillata! Comprati una bottiglia di plastica organica e tienila sempre a portata di mano, bevendone qualche sorso ogni 20-40 minuti. Si noti che più di 70 ml di acqua bevuta contemporaneamente non vengono assorbiti dal corpo: l'eccesso può semplicemente andare in edema. Assicurati di bere l'intera bottiglia (se è di 1,5-2 litri) o il volume corrispondente entro la fine della giornata.

Dovrai escludere cibi grassi, salati e piccanti dalla dieta, se non l'hai fatto prima. Invece, dovrai introdurre nel menu prodotti che hanno un effetto fluidificante del sangue. Tra questi, principalmente contenenti vitamina C e verdure, frutta e bacche rosso-arancio e succhi da loro:

  • bacche (gelso, lampone, ribes nero, fragola, prugna, mirtillo rosso, viburno di olivello spinoso);
  • agrumi (pompelmo, arancia, limone, lime);
  • albicocche secche;
  • Granato;
  • un ananas;
  • pomodori;
  • barbabietola;
  • funghi;
  • aglio, cipolle;
  • cacao, cioccolato;
  • linfa di betulla, corteccia e boccioli di betulla;
  • oli vegetali: oliva, semi di lino, colza;
  • spezie: curcuma, origano, curry, pepe di Caienna, aneto, paprika, timo, zenzero, cannella.

I cibi vegetali dovrebbero essere consumati di stagione. Non dimenticare che le donne incinte non possono mangiare molti lamponi e viburno e devi anche stare attento con i funghi. Inoltre, molti alimenti possono causare allergie: non si può abusare di nulla.

Dovresti anche ridurre il consumo di cibi che addensano il sangue: patate, grano saraceno, banane, bevande gassate e alcoliche (il che è ovvio), ecc..

Per far circolare meglio il sangue in tutto il corpo, inizia a fare esercizio. Solo pochi semplici esercizi al giorno, insieme a un regime di alcol, possono migliorare significativamente il tuo benessere. Presto noterai che la sonnolenza e il letargo sono scomparsi, il dolore alle gambe è diminuito e al loro posto sono apparse l'allegria e l'allegria. Il sonno diventerà più appagante, le prestazioni normali torneranno e le prestazioni mentali miglioreranno.

Tuttavia, prima consultare il medico se si hanno controindicazioni al consumo di grandi quantità di liquidi e alla moderata attività fisica..

Ma, sfortunatamente, non è sempre possibile gestire la correzione della nutrizione e dello stile di vita. Se la condizione minaccia la vita del bambino o pone seri rischi, dovrai cercare assistenza medica.

I medici in questi casi prescrivono più spesso Curantil nei corsi (ad esempio, 2 settimane di ammissione dopo 2 settimane di pausa), ma a seconda degli indicatori del coagulogramma e delle condizioni della donna, possono essere utilizzati altri farmaci, anche sotto forma di iniezioni: Fraxiparin, Cardiomagnyl, Phlebodia, Trombo ACC e altri.

Il trattamento per fluidificare il sangue viene interrotto dalla 36a settimana di gravidanza o almeno 2 settimane prima della data di scadenza prevista.

Infine, vogliamo esortarvi a mantenere la calma in ogni caso. Molte donne incinte affrontano sangue denso: l'algoritmo delle azioni terapeutiche in questi casi è ben noto ai medici..

Normalmente, quando si trasporta un bambino nel corpo di una futura madre, si verificano cambiamenti significativi nel sistema di emostasi, che portano ad un'accelerazione dei processi di coagulazione del sangue. A partire dal terzo mese di gestazione, l'attività dei fattori della coagulazione, in particolare il fibrinogeno, aumenta e l'attività anticoagulante del plasma diminuisce.

Tutto ciò impedisce il sanguinamento quando la placenta viene separata. Se questi meccanismi protettivi fossero assenti, la donna dopo il parto potrebbe morire per sanguinamento dal sito placentare, che è caratterizzato da un'attività del flusso sanguigno molto elevata.

In presenza di ipercoagulazione iniziale (aumento fisiologico della coagulazione del sangue) durante la gravidanza, il rischio di trombosi e l'insorgenza di complicazioni pericolose aumenta molte volte. Dopotutto, i microtrombi emergenti interrompono la circolazione sanguigna nella placenta e, di conseguenza, l'apporto di ossigeno e sostanze necessarie al feto.

  • gestosi o, come viene anche chiamata, tossicosi tardiva delle donne incinte;
  • distacco prematuro di una placenta normalmente localizzata (separazione del posto del bambino dall'utero prima del previsto);
  • la minaccia di aborto spontaneo o parto prematuro;
  • sviluppo fetale alterato;
  • morte fetale intrauterina.

Gli indicatori del sistema di coagulazione non tornano alla normalità immediatamente dopo la nascita del bambino. Il rischio di sviluppare condizioni tromboemboliche rimane alto per altre sei settimane dopo il parto, il che minaccia la salute e la vita di una donna. Una delle condizioni più pericolose è l'embolia polmonare.

Ma a volte una donna non sa nemmeno della sua patologia. Non considera una gravidanza congelata come conseguenza del "sangue denso".

La comparsa di segni clinici di trombofilia nei portatori di mutazioni genetiche dipende in gran parte dall'età e da fattori predisponenti, come:

  • interventi chirurgici;
  • malattie maligne;
  • trauma;
  • immobilizzazione (creazione di immobilità nell'area danneggiata del corpo in caso di malattia o infortunio);
  • assunzione di farmaci ormonali (terapia sostitutiva, contraccezione).

Numerosi studi clinici hanno dimostrato una relazione causale oggettiva tra aborto spontaneo ricorrente e condizioni patologiche quali:

  • trombofilia geneticamente determinata (mutazione del gene che codifica per il fattore di coagulazione V - mutazione di Leiden, iperomocisteinemia, mancanza di proteine ​​C e S, antitrombina ӏӏӏ, ecc. La carenza di anticoagulanti naturali o la resistenza ai loro effetti in tali rotture geniche aumenta significativamente la formazione di trombi e porta alla morte fetale);
  • sindrome da antifosfolipidi (una patologia in cui l'organismo produce anticorpi contro i propri fosfolipidi, che sono componenti delle membrane cellulari. Gli anticorpi, agendo sui processi che regolano l'emostasi, promuovono la formazione di trombi. Nelle donne in gravidanza, questo colpisce i vasi placentari con tutte le conseguenze negative che ne derivano. La gravidanza può essere interrotta in qualsiasi momento, ma più spesso - nei trimestri ӏӏ e ӏӏӏ. Più le gravidanze vengono interrotte, più breve è il periodo in cui ciò si verifica).

L'efficacia delle procedure di inseminazione artificiale è ridotta anche se c'è una tendenza all'ipercoagulabilità, poiché questa condizione rende difficile l'impianto dell'embrione nel rivestimento uterino.

Uno studio completo del sistema emostatico è la capacità di prevedere e prevenire con precisione lo sviluppo di complicanze della gravidanza. È auspicabile che ogni donna che decide di diventare madre venga sottoposta a tale esame..

Questo è altamente raccomandato per i pazienti che soffrono di infertilità, aborto spontaneo e coloro che hanno avuto parto prematuro, nati morti, tentativi di fecondazione in vitro che non sono stati coronati da successo. Anche le future mamme che soffrono di ipertensione, obesità, disfunzione endocrina, malattie sistemiche, vene varicose devono farlo..

Avrai bisogno della supervisione e del consiglio di un emostasiologo (un medico che si occupa di problemi di coagulazione del sangue) durante la gravidanza..

La presenza di una patologia del sistema emostatico richiede una correzione anche nella fase di pianificazione della gravidanza e, quando si verifica, un'attenta selezione dei farmaci, tenendo conto dei loro possibili effetti teratogeni (che portano ad anomalie strutturali e malformazioni) sul feto.

Coagulogramma: che cos'è questa analisi?

Il lavoro del sistema circolatorio è forse l'indicatore più importante di salute. Durante la gravidanza, richiede maggiore attenzione. Un coagulogramma rivela disturbi dell'emostasi, un sistema responsabile nel nostro corpo del normale stato liquido del sangue e della coagulazione del sangue per fermare l'emorragia. Se gli indicatori dell'emostasi si abbassano, una persona ha una grande perdita di sangue, anche a causa di un taglio minore. Troppo (ipercoagulabile) porta a trombosi, infarti e ictus.

Secondo i medici, il pericolo di entrambe le anomalie è che nella vita di tutti i giorni potrebbero non rivelarsi in alcun modo. Ma durante l'intervento chirurgico o il parto, minacciano lo sviluppo di una situazione critica.

Il sistema emostatico durante la gravidanza subisce alcuni cambiamenti. Pertanto, il coagulogramma prima e durante la gravidanza è diverso. La natura prevede una ristrutturazione così naturale. Nel processo di trasporto di un bambino nel corpo di una donna, si verifica un terzo circolo di circolazione sanguigna, chiamato uteroplacentare. Sono in corso i preparativi per aumentare la quantità di sangue circolante. Questo è importante anche a causa dell'inevitabile perdita di sangue durante il parto..

Sintomi di scarsa coagulazione

I segni della malattia potrebbero non manifestarsi per molto tempo. Nel tempo, aumentano i cambiamenti anormali nel sistema di coagulazione del sangue. I principali sintomi di una scarsa coagulazione del sangue durante la gravidanza sono:

  • Ematomi multipli frequenti con scarso impatto fisico.
  • Epistassi.
  • Rilevazione dei globuli rossi nelle urine.
  • Scarico di sangue durante la pulizia dei denti.
  • La comparsa di piccole ferite e crepe nel derma senza influenze esterne.

Successivamente, l'anemia si manifesta con debolezza, vertigini, perdita di capelli, unghie fragili, diarrea e costipazione. Una caratteristica caratteristica è il pallore della mucosa della palpebra inferiore interna degli occhi..

Aumento della coagulazione del sangue durante la gravidanza: cosa è pericoloso?

L'ipercoagulazione minaccia il paziente:

  • Tossicosi tardiva.
  • Problemi nello sviluppo del bambino.
  • Distacco prematuro della placenta.
  • Rischio di aborto spontaneo.
  • Morte di un bambino.

I sintomi di ipercoagulabilità includono aumento della stanchezza, sonnolenza e mal di testa derivanti da un ridotto apporto di ossigeno al cervello. Possibili disturbi nell'intestino e in altri organi interni.

Durante la gravidanza, i medici di una donna conducono costantemente esami del sangue per aiutare a monitorare le dinamiche delle condizioni della futura donna in travaglio. Un'analisi che informa sul livello di coagulazione è chiamata "coagulogramma".

Attenzione! Se i risultati dello studio mostrano che l'indicatore è superiore al normale, la donna è a rischio di attivare la coagulazione intravascolare durante la gravidanza o la sindrome da coagulazione intravascolare disseminata, che significa coagulazione intravascolare disseminata. [/ Vrach]

A rischio sono le donne che rimangono incinte all'età di meno di 18 anni o dopo i 40, con diabete mellito, patologie dei reni e del sistema cardiovascolare, pazienti che hanno sperimentato ipercoagulazione prima di pianificare una gravidanza. È particolarmente importante che vengano periodicamente testati..

Nelle donne in gravidanza, i farmaci più efficaci sono considerati le eparine a basso peso molecolare, che non attraversano la barriera placentare e non hanno un effetto negativo sul feto. Sono classificati come anticoagulanti diretti. La frequenza di utilizzo e le dosi sono calcolate dal medico della clinica individualmente, tenendo conto del periodo.

L'uso dell'anticoagulante indiretto warfarin è indesiderabile a causa del suo effetto teratogeno. Se il farmaco è stato utilizzato prima della gravidanza, dovrebbe essere sostituito con eparina. È consentito assumere warfarin durante l'allattamento.

Per le donne che trasportano un bambino, al fine di eliminare il ristagno venoso e le conseguenze del sangue denso, uno specialista può prescrivere preparati a base di erbe che hanno proprietà venotoniche e angioprotettive (migliorando la condizione della parete vascolare). Per il trattamento della trombofilia e la prevenzione delle complicanze tromboemboliche, vengono utilizzati attivamente agenti antipiastrinici. Il più famoso di questi farmaci è l'aspirina..

L'unica cosa che una donna incinta può fare da sola è regolare la sua dieta e includere nella sua dieta quotidiana cibi che fluidificano il sangue denso.

Il rinvio tempestivo agli specialisti aiuterà a evitare le tristi conseguenze del sangue denso. La decisione più corretta è superare i test necessari nella fase di pianificazione della gravidanza.

Condividi l'articolo sui social media reti:

L'elevata coagulabilità è caratterizzata dalla manifestazione di complicanze durante la gravidanza. Nei vasi che penetrano nella placenta, potrebbe apparire un coagulo, che porterà a una restrizione dell'apporto di ossigeno e l'accesso dei nutrienti al feto diminuirà. Pertanto, un aumento dell'emostasi è pericoloso per un ritardo nello sviluppo, la formazione di difetti, fino all'aborto spontaneo..

Le cause della morte intrauterina di un neonato consistono spesso nella formazione della sindrome antifosfolipidica, in cui si formano coaguli di sangue, sia nelle arterie che nelle vene. Ai fini della diagnosi, vengono determinati gli anticorpi contro i fosfolipidi.

È possibile ridurre la coagulazione del sangue durante la gravidanza utilizzando una dieta speciale mirata ad aumentare l'assunzione di liquidi. La dieta dovrebbe essere il più equilibrata possibile, con una restrizione sull'uso di cibi fritti e grassi.

Una forte coagulabilità richiede un trattamento speciale con anticoagulanti per fluidificare il sangue.

La scarsa coagulazione è una patologia pericolosa che minaccia la vita della madre e del nascituro. La malattia ha diversi nomi:

  • trombocitopenia - produzione di piastrine insufficiente;
  • fibrinopenia: mancanza di fibrinogeno per la coagulazione del sangue;
  • emofilia: un fattore ereditario svolge un ruolo speciale, principalmente la malattia viene trasmessa dalla madre ai ragazzi, le rappresentanti femminili sono estremamente rare.

Nel corpo di una donna, con l'inizio della gravidanza, vengono ricostruiti tutti i sistemi corporei, compreso il sistema circolatorio. L'immunità soppressa della futura mamma provoca una scarsa coagulazione del sangue durante la gravidanza. In che modo questa condizione minaccia una donna e un bambino? Una donna in travaglio può avere aborti precoci, parto prematuro, distacco della placenta nelle fasi successive.

Tutte le donne durante la gravidanza subiscono complessi cambiamenti ormonali e immunitari nel corpo. La fibronopenia si verifica a seguito di un malfunzionamento del sistema immunitario in modo che il corpo della madre non rigetti il ​​feto in via di sviluppo, come un corpo estraneo che ha una diversa struttura genetica della proteina. Questo fenomeno, a causa della sua bassa viscosità, a volte impedisce lo sviluppo di emorroidi, tromboflebiti e vene varicose..

  • Interruzione anticipata spontanea della gravidanza.
  • Distacco della placenta.
  • Consegna prematura.
  • Emorragia abbondante durante il travaglio.

Il sanguinamento prolungato, che non può essere fermato durante il parto, porta a danni agli organi interni e alle articolazioni della donna in travaglio, interrompendo il sistema vitale. Una ridotta capacità difensiva dà un'alta percentuale di morte durante il parto. Qual è la minaccia di una scarsa coagulazione del sangue durante la gravidanza per un bambino? La violazione del processo di coagulazione nel corpo materno provoca un'anomalia nello sviluppo dell'emostasi nel feto. Dopo il parto, il bambino potrebbe soffrire:

  • emofilia;
  • varie forme di trombocitopenia;
  • organi formati in modo anomalo;
  • disabilità mentali.

La condizione della trombocitopenia richiede necessariamente una correzione, che viene eseguita dal medico curante.

Molto spesso, i medici non attribuiscono nemmeno importanza al fatto che una donna incinta abbia sangue denso. Questa condizione può essere una norma fisiologica e andare via da sola dopo il parto. A proposito, anche i preparati a base di ferro, che vengono spesso prescritti a donne in gravidanza con bassa emoglobina, sono in grado di aumentare la densità del sangue..

Tuttavia, se si scopre che una donna ha sangue denso durante la gravidanza, alcune settimane prima del parto, dovrà superare un'analisi aggiuntiva per controllare gli indicatori (a proposito, tendono a cambiare costantemente, durante l'intero periodo).

Pertanto, care donne, non fatevi prendere dal panico se il medico, sulla base dei risultati del coagulogramma, ha deciso di non fare nulla. Tuttavia, assicurati di seguire le sue raccomandazioni quando prescrive il trattamento per il sangue denso in gravidanza. Il fatto è che una tale condizione può anche rappresentare un grande pericolo per il bambino e sua madre..

Questo è principalmente il rischio di coaguli di sangue (dopo il parto, le vene varicose spesso "escono" se c'era sangue denso durante la gravidanza) e di blocchi dei vasi sanguigni, a causa dei quali entrambi soffrono: il feto soffre di carenza di ossigeno, il rischio di aborto spontaneo, infarto, ictus e generalmente una violazione del normale la circolazione del sangue è irta di molteplici conseguenze.

Ma la buona notizia in questo caso è che la situazione può essere corretta..

Tasso e cause delle deviazioni

Normalmente, la densità del sangue negli adulti è compresa tra 1048 e 1066 e la densità del plasma è compresa tra 1029 e 1034. Il sangue venoso è leggermente più denso di quello arterioso. L'indice di viscosità del sangue dipende dal numero di eritrociti e proteine ​​in esso contenuti. La nutrizione proteica quotidiana può portare ad un aumento della viscosità del plasma e, di conseguenza, del sangue.

Molti fattori influenzano la coagulazione. Una predisposizione alla patologia compare quando:

  • Aumento della conta piastrinica e dei globuli rossi.
  • Con aumento dell'emoglobina.
  • Con significativa disidratazione.
  • Insufficiente assorbimento di acqua da parte del corpo.
  • Acidificazione del corpo.
  • Massiccia perdita di sangue.
  • Mancanza di enzimi.
  • Consumo eccessivo di carboidrati e cibi zuccherini.

Inoltre, una rapida coagulazione del sangue può svilupparsi a seguito delle radiazioni nel trattamento del cancro, con ustioni termiche o infezioni da tossine alimentari, che sono accompagnate da vomito e diarrea gravi.

A volte si sviluppa una maggiore coagulazione nelle persone che soffrono di:

  • Ipossia.
  • Policitemia.
  • Diabete mellito.
  • Trombofilia.
  • Mieloma.
  • Epatite.
  • Insufficienza surrenalica.
  • Pancreatite.
  • Cirrosi epatica.
  • Vene varicose.

Si nota che il sangue diventa più denso durante la gravidanza. Ciò è dovuto al fatto che il corpo della futura mamma include meccanismi protettivi che impediscono una grande perdita di sangue durante il parto. Pertanto, durante l'intero periodo di gravidanza, il medico deve monitorare la conta ematica della donna incinta..

Se i valori normali vengono superati, il medico può decidere di regolare il livello di viscosità. Il metodo di correzione dipende dal grado di deviazione.

Quindi, un leggero aumento della coagulazione del sangue durante la gravidanza viene corretto con l'aiuto di una dieta speciale e molto bere.

Se i test mostrano un ispessimento eccessivo, che può causare lo sviluppo di una particolare patologia, alla donna verrà prescritto un trattamento con farmaci speciali.

Cause di scarsa coagulazione

Un livello ridotto di trombocitopenia nelle donne è raro. Le ragioni principali di questo fenomeno sono:

  • malattia del fegato - epatite, cirrosi, che complicano il fattore di coagulazione;
  • mancanza di vitamina K e calcio;
  • leucemia acuta e cronica;
  • reazioni allergiche;
  • disturbi congeniti dei legami enzimatici tra fattori di coagulazione del sangue;
  • emofilia - ha scoperto che in rari casi si verifica nel sesso femminile;
  • prendendo alcuni farmaci.

La coagulazione del sangue è anche influenzata da sanguinamento prolungato, diminuzione dell'immunità, condizioni ambientali.

Qual è la scarsa coagulazione del sangue?

La coagulazione in medicina si chiama coagulazione. La coagulazione è una reazione di difesa enzimatica del corpo, attivata per fermare il sanguinamento in caso di violazione dell'integrità dei tessuti vascolari. Senza l'aiuto di questo meccanismo di protezione, un infortunio minaccia una persona di sanguinamento, fino alla morte inclusa..

Il meccanismo di coagulazione è diviso in 2 tipi:

  • Emostasi primaria. La sua attivazione si verifica quando vengono danneggiati vasi di piccolo diametro. Le cellule del sangue note come "piastrine" aiutano a colmare il divario nel muro. Incollandosi, queste cellule formano un trombo, che intasa la parte distrutta dell'epitelio vascolare. Allo stesso tempo, si verifica una rapida riduzione del tessuto danneggiato. Il secondo nome del meccanismo è emostasi piastrinica vascolare.
  • L'emostasi secondaria è nota come coagulazione. Il processo è molto più complicato e si compone di diverse fasi. Il danno volumetrico diventa il suo attivatore. Durante l'emostasi della coagulazione, sotto l'influenza di enzimi, i filamenti di fibrina si formano da una sostanza nel sangue: il fibrinogeno. I fili formano una rete che intrappola i globuli formati, la cui parte principale sono i globuli rossi, e si forma un coagulo di sangue.

Alto tasso di coagulazione durante la gravidanza

Per poter giudicare l'alto livello di coagulazione del sangue durante la gravidanza, è necessario conoscere il tasso dell'indicatore in una donna durante questo periodo. Già all'inizio del secondo trimestre, si verificano cambiamenti fisiologici nel corpo della futura mamma, il cui risultato è un aumento della sintesi di sostanze che regolano la formazione di coaguli di sangue.

Questa trasformazione ha lo scopo di preparare il corpo femminile per la nascita imminente. Grazie alla cura della natura dopo il parto, i vasi localizzati alla separazione della placenta sono in grado di contrarsi, salvando una donna dalla perdita di sangue.

Un'analisi che indica la coagulazione durante la gravidanza, che una donna deve fare più di una volta, consente di notare nel tempo i fallimenti in questo importante processo. La decodifica dello studio deve essere affidata a uno specialista qualificato. Le fluttuazioni negli standard dei principali indicatori di coagulazione possono essere trovate nella tabella seguente.

Coagulabilità: la norma degli indicatori nelle donne in gravidanza

Un esame del sangue che indica un'elevata coagulazione durante la gravidanza è un brutto segno, segnalando il rischio di una condizione chiamata ipercoagulabilità.

Altri fattori che influenzano la coagulazione

Dovresti essere consapevole che con sangue denso, non è consigliabile usare alcuni farmaci che ne aumentano la viscosità. Questi includono:

  • Farmaci diuretici.
  • Contraccettivi orali.
  • Viagra.
  • Prodotti farmaceutici ormonali.

Se stai assumendo uno di questi farmaci e hai il sangue denso, devi consultare il tuo medico locale sulla possibilità di un ulteriore utilizzo del farmaco..

Anche il fumo e il consumo eccessivo di alcol possono influire negativamente sulla salute del sangue. Le persone che bevono e fumano devono sbarazzarsi delle cattive abitudini il prima possibile..

Se non puoi svolgere questo compito da solo, puoi chiedere aiuto a specialisti che hanno metodi efficaci per trattare la dipendenza da nicotina e alcol..

A volte è possibile riportare il sangue alla normalità con una dieta speciale e un'adeguata assunzione di liquidi. Ma più spesso, l'aumento della coagulazione è una conseguenza di qualsiasi processo patologico nel corpo. In questi casi, è possibile normalizzare la conta ematica solo dopo aver eliminato la malattia sottostante, che ha portato al suo ispessimento..

Non tutte le donne che vogliono avere un bambino trovano la felicità della maternità, nonostante il livello della moderna scienza medica. I problemi di infertilità e aborto spontaneo ricorrente (interruzione spontanea di due o più gravidanze) rimangono estremamente rilevanti. Nelle tristi statistiche delle cause di aborto spontaneo, l'aumento della coagulazione del sangue, il cosiddetto sangue denso durante la gravidanza, occupa un alto secondo posto, secondo solo a fattori ostetrici e ginecologici.

Diagnosi di deviazioni

Per determinare che ci sono state violazioni e scarsa coagulabilità del sangue, durante la gravidanza, un esame di routine della donna in travaglio aiuta. Regolarmente, una volta un trimestre, viene eseguito un test di laboratorio per la coagulazione e viene emesso un coagulogramma, in cui vengono inseriti tutti gli indicatori del processo di coagulazione. L'analisi viene eseguita più spesso se:

  • è stato eseguito un intervento chirurgico;
  • scoperte violazioni associate al sistema immunitario;
  • patologia epatica;
  • si osservano malattie vascolari.

Particolare attenzione è riservata alla predisposizione ereditaria della donna incinta ai disturbi della coagulazione. Il monitoraggio dello stato del sangue è migliorato, l'analisi viene eseguita più spesso del solito. Ciò consente di monitorare la dinamica delle deviazioni, le condizioni della madre e del feto e consente di adottare misure appropriate nel tempo. Con una scarsa coagulazione del sangue durante la gravidanza, le conseguenze per il bambino e la madre possono essere molto gravi.

In quali casi viene mostrata l'analisi della coagulazione?

L'analisi di routine viene eseguita tre volte durante l'intera gravidanza:

  1. Quando ti registri con un ginecologo.
  2. A 22-24 settimane (II trimestre).
  3. A 30-36 settimane (III trimestre, poco prima del parto).

Va notato che il coagulogramma viene eseguito 1 volta per trimestre solo durante il normale corso della gravidanza. In alcuni casi, si consigliano ulteriori ricerche. Ciò accade quando a una donna viene diagnosticato o sospettato di:

  • Malattie autoimmuni;
  • flebeurisma;
  • malattia del fegato;
  • conflitto rhesus con il padre del bambino;
  • patologie vascolari, endocrine;
  • disturbi del sistema circolatorio,
  • disturbi del sistema genito-urinario;
  • predisposizione al sanguinamento o aumento della coagulazione;
  • aborto spontaneo di una precedente gravidanza;
  • gravidanza multipla;
  • disturbi della placenta;
  • anemia o anemia da carenza di ferro (per maggiori dettagli: https://krasnayakrov.ru/organizm-cheloveka/zhelezodeficitnaya-anemiya.html);
  • tendenza al tromboembolismo, attacchi di cuore, ictus.

Le cattive abitudini della futura mamma sono anche un'indicazione per il monitoraggio costante della coagulazione del sangue.

Un'analisi del coagulogramma estesa può essere assegnata a una donna incinta. Questo accade quando:

  • la presenza di eventuali complicazioni nel I e ​​III trimestre (edema, aumento della pressione);
  • gestosi (tossicosi della seconda metà della gravidanza);
  • gravidanza multipla;
  • gravidanza dopo lunga infertilità;
  • la predisposizione di una donna alle malattie del sangue.

Se il medico lo ritiene necessario, mensilmente verrà effettuato uno studio di coagulazione.

Decodifica del coagulogramma

Il livello di coagulazione viene determinato prelevando il sangue da una vena. Lo studio viene svolto a stomaco vuoto, tra l'erogazione del biomateriale e l'assunzione di cibo, l'intervallo di tempo dovrebbe essere di almeno otto ore. Il coagulogramma contiene i seguenti indicatori:

  • APTT: mostra il tempo necessario per la formazione di coaguli di sangue. La norma è di venti secondi. Se questo indicatore è inferiore, le possibilità di coaguli di sangue sono maggiori, si verifica più sanguinamento.
  • Il fibrogen è una proteina speciale coinvolta nella formazione dei coaguli di sangue. Alla fine della gravidanza è 6,5 g / l, più di questo valore non dovrebbe essere.
  • Le piastrine sono sintetizzate dal midollo osseo. Il valore normale è compreso tra 131 e 402 mila / μL.
  • Lupus coagulant - mostra gli anticorpi. Non dovrebbero essere affatto normali. La presenza di un indicatore indica la probabilità di aborto spontaneo e trombosi.
  • La protrombina è una proteina plasmatica, la norma va dal 78 al 142%.

Tutti gli indicatori sono correlati alla durata della gravidanza e variano a seconda del trimestre e di alcuni altri fattori. Dopo aver ricevuto i risultati di un test di coagulazione del sangue scadente durante la gravidanza, non dovresti preoccuparti. La sua decodifica viene eseguita dal medico e solo lui è in grado di interpretare correttamente i risultati.

Norme

La coagulazione del sangue dovrebbe normalmente aumentare durante la gravidanza. A partire dal secondo trimestre di gravidanza, l'attività dei fattori della coagulazione aumenta e diminuiscono i fattori anticoagulanti. Tali cambiamenti sono forniti dalla natura, in modo che dopo il processo del parto nel corpo femminile, il sanguinamento dall'area della placenta, che ha un sistema di flusso sanguigno intensivo, si interrompe rapidamente. Altrimenti, la donna in travaglio può morire entro pochi minuti a causa di una forte perdita di sangue..

Il tasso di coagulazione del sangue durante la gravidanza è indicato dal valore di diversi indicatori:

  • APTT o tempo di tromboplastina parziale attivata: il tempo necessario per la coagulazione del sangue, la sua norma è di 17-20 secondi.
  • Il fibrinogeno è una proteina speciale necessaria per la formazione di un coagulo di sangue, la norma è fino a 6,5 ​​g / l.
  • Lupus anticoagulante - anticorpi specifici che normalmente dovrebbero essere assenti nel sangue.
  • Piastrine - cellule del sangue che si formano nel midollo osseo, normalmente - 131-402 mila / μl.
  • La protrombina è una proteina del plasma sanguigno che prende parte alla formazione di un coagulo di sangue, la sua norma è del 78-142%.
  • Tempo di TB o trombina: il tempo durante il quale la fibrina si forma dal fibrinogeno sotto l'azione della trombina, la norma è di 18-25 secondi.
  • Il D-dimero è un indicatore responsabile del processo di formazione di trombi, normalmente 33-726 ng / ml.
  • L'antitrombina III è una proteina che rallenta la coagulazione del sangue, la sua norma è del 70-115%.

I risultati di un test di coagulazione del sangue devono essere decifrati solo da un medico. I valori di molti indicatori cambiano nel corso di nove mesi di gravidanza, quindi solo uno specialista può valutarli correttamente.

Sia la diminuzione che l'aumento della coagulazione del sangue sono irti di molte conseguenze pericolose. Pertanto, l'analisi per il coaguloharmma viene assegnata alla donna più volte durante il periodo di attesa per il bambino..

Correzione con i prodotti

Dopo aver ricevuto un coagulogramma, le mie mani si sono rivelate avere una scarsa coagulazione del sangue durante la gravidanza, cosa dovrei fare? Con piccole deviazioni dalla norma, si consiglia a una donna di rivedere la sua dieta e i farmaci potrebbero non essere necessari. Di seguito sono elencati gli alimenti che miglioreranno la coagulazione.

  • prodotti a base di latte (panna e burro);
  • fegato, lingua, reni, cuore;
  • porridge di grano saraceno;
  • carne di maiale;
  • verdure: peperoni, cavolo rosso, ridotto, rapa, ravanello, ravanello;
  • verdure: cipolle, aneto, prezzemolo, basilico, aglio;
  • chicchi di legumi;
  • frutti di bosco: gelso, ribes rosso e nero, viburno, mirtilli, more.
  • frutti: banana, mango.

Per migliorare la condizione di scarsa coagulazione del sangue durante la gravidanza, l'uso di succo di uva bianca e melograni, così come le noci, aiuterà. Va ricordato che il liquido aiuta a fluidificare il sangue, quindi è necessario controllare il regime di consumo. La nutrizione durante la gravidanza dovrebbe essere equilibrata e contenere più vitamine e minerali. Si consiglia di apportare tutte le modifiche alla dieta solo dopo aver consultato il medico curante..

Cosa devi sapere sui prodotti

La correzione della viscosità del sangue può essere eseguita con l'aiuto di determinati prodotti. Quindi, alcuni di essi contribuiscono all'ispessimento, quindi è meglio escluderli dalla dieta del paziente. Altri prodotti hanno la capacità di liquefare. Pertanto, ogni paziente dovrebbe sapere cosa aumenta la coagulazione del sangue e quale dieta aiuta a renderla meno densa..

Le proprietà liquefacenti hanno:

  • Bacche: mirtilli rossi, uva, uva spina, ciliegie e ciliegie, fragole, ribes rosso, mirtilli.
  • Frutta: arance, mele, pesche, limoni.
  • Verdure: cetrioli, pomodori, barbabietole.
  • Spezie: radice di zenzero, cannella, radice e foglie di sedano, aglio, peperoncino.
  • Frutti di mare - pesce rosso e bianco, alghe.
  • Bevande: cacao, caffè, cioccolato fondente.

Prodotti per la coagulazione:

  • zucchero.
  • Porridge di grano saraceno.
  • Alcol.
  • Bevande gassate.
  • Prodotti affumicati.
  • Banane.
  • Fegato.
  • Ravanello.
  • Noccioline.
  • Granato.
  • Prezzemolo.
  • pane bianco.
  • Fagioli e piselli.
  • sale.
  • Patate.
  • Alimenti ricchi di proteine.
  • Burro.

Articolo Successivo
Cosa sono i trigliceridi (TG) in un esame del sangue e qual è la loro norma? (TAVOLI)