Dieta dopo infarto miocardico per gli uomini


La dieta dopo l'infarto miocardico per gli uomini ha lo scopo di consentire a un uomo di riprendersi rapidamente da questa malattia. Inoltre, devi condurre uno stile di vita corretto: rinunciare alle sigarette, alle bevande alcoliche.

La pressione sanguigna e i livelli di colesterolo devono essere attentamente monitorati. Queste misure prevengono il ripetersi della malattia. Non dimenticare che un infarto spesso porta alla morte del paziente. Un menu e una dieta equilibrati dopo l'infarto del miocardio per gli uomini attivano i processi metabolici, migliorano l'effetto della terapia farmacologica. Gli uomini dovrebbero dare la preferenza a cibi contenenti colesterolo basso e prendere giorni di digiuno.

Secondo i cardiologi, un uomo che ha sofferto di infarto e di stent in passato dovrebbe seguire regole importanti quando compila un menu giornaliero.

Nella dieta devono essere presenti grandi quantità di frutta e verdura. I grassi con disturbi cardiaci sono dannosi per il corpo, pertanto è vietato l'uso di burro, panna acida.

Il cibo dovrebbe essere cotto in olio d'oliva o di girasole. Anche le proteine ​​dovrebbero essere limitate. Non puoi mangiare più di 200 grammi di ricotta a basso contenuto di grassi o una piccola porzione di un piatto di carne.

Il menu giornaliero dovrebbe includere ricette contenenti acidi polinsaturi. È utile mangiare pollo e frutti di mare. Grazie agli acidi polinsaturi, le pareti vascolari sono rafforzate.

Non è consigliabile utilizzare il sale subito dopo un infarto, soprattutto per gli uomini con grande peso e obesità. In futuro, il suo numero è limitato. Aumenta la pressione sanguigna, altera la funzione cardiaca, quindi aumenta la probabilità di una recidiva di un attacco di cuore.

Cibi in scatola, salsicce, cibi salati e affumicati dovrebbero essere esclusi dalla dieta. È sconsigliato anche bere caffè, tè forte, bevande gassate, pasticcini e dolci. Questi sono prodotti proibiti in qualsiasi fase: acuto, subacuto, cicatrizzante.

Gli esperti consigliano alle persone con malattie cardiache di prestare attenzione quando mangiano cibi ricchi di colesterolo. Pertanto, dovresti rinunciare alle frattaglie e attenersi a una dieta..

Si sconsiglia di mangiare uova di salmone. Carne di coniglio, carne di tacchino, pesce di mare, albume d'uovo contengono una piccola quantità di colesterolo. Non bisogna dimenticare i frutti ricchi di oligoelementi come potassio e magnesio. Sono molto utili per i problemi cardiaci. Banane, uvetta e albicocche secche contengono molti di questi oligoelementi. Un buon effetto nelle malattie cardiache è dato dall'uso di zucchine, barbabietole, patate. Il cibo sul tavolo deve essere cotto a bagnomaria o in umido, quindi la dieta dopo l'infarto miocardico per gli uomini sarà efficace.

Cosa puoi mangiare con un attacco di cuore in diversi periodi della malattia

Non tutti sanno cosa puoi mangiare con un infarto, ma la dieta è mirata ad abbassare i lipidi nel sangue. Succhi di frutta appena spremuti, succhi di frutta fresca sono utili. È necessario includere prezzemolo, mandorle, semi di girasole nel menu. La quantità di liquido deve essere rigorosamente controllata.

Si consiglia di bere non più di due litri di liquido. I pasti devono essere frequenti: si consigliano almeno sei pasti al giorno. Cosa puoi mangiare con un attacco di cuore? Con questo disturbo, è particolarmente necessario il rispetto della dieta corretta. Promuove la cicatrizzazione più rapida dei muscoli miocardici, questo processo può durare tre settimane..

In questo momento, un uomo ha bisogno di mangiare zuppe a basso contenuto di grassi, piatti di verdure e decotti.

I nutrizionisti consigliano di bere succo di carota, è necessario aggiungere un cucchiaio di olio vegetale. Si consiglia di rifiutare cibi grassi. Per il sesso più forte, affetto da eccesso di peso e diabete, l'uso di questi prodotti è particolarmente dannoso.

Non dimenticare che il sovrappeso può portare all'ipertensione. Promuove lo sviluppo dell'aterosclerosi.

Con un attacco di cuore, devi rinunciare a prodotti di farina, piatti dolci. Quando si seguono queste semplici regole, un uomo può facilmente sbarazzarsi di chili in più e il suo livello di colesterolo diminuirà. È utile mangiare cereali dietetici, miele. Uva, carni affumicate, fritture, funghi, ketchup devono essere completamente abbandonati.

Se un uomo ha subito un intervento chirurgico, durante il quale è stato posizionato uno stent, ha bisogno di fare piccoli pasti sei volte al giorno. Il consumo di alcol, prodotti di cioccolato è controindicato. Il contenuto calorico giornaliero non dovrebbe essere superiore a 1100 calorie al giorno. I piatti di frutta, gli alimenti contenenti cereali sono utili. La quantità di sale in cottura dovrebbe essere limitata (non più di 5 g al giorno). Se un rappresentante del sesso più forte segue queste raccomandazioni, sarà in grado di riprendersi rapidamente dall'infarto del miocardio.

Dopo che un uomo è stato dimesso dalla clinica, deve ancora seguire una dieta, ma i requisiti nutrizionali non sono più così rigidi..

Se un uomo ha subito un massiccio attacco di cuore, i carboidrati e le proteine ​​dovrebbero prevalere nella sua dieta quotidiana. Dovresti cucinare piatti a base di cagliata, puoi aggiungere panna acida e uvetta. Un decotto di rosa canina è dotato di un ampio effetto tonificante. Le composte di frutta secca, le insalate di verdure sono utili.

Le zuppe devono essere preparate con varietà di pesce a basso contenuto di grassi; anche il brodo di pollo liquido è utile. Il riso dovrebbe essere usato come contorno. Puoi coccolarti con il borsch vegetariano, ci sono molte ricette per questo piatto. Il contenuto calorico giornaliero aumenta a 2200 calorie al giorno. Il numero dei pasti è ridotto a tre. Si consiglia di bere 200 ml di kefir durante la notte.

Il paziente deve bere acqua pura non gassata (almeno 0,6 l). Puoi usare i frutti di mare per rafforzare i vasi sanguigni dopo un infarto. Contengono molte sostanze utili e hanno un effetto benefico sul lavoro del cuore, migliorano le condizioni del corpo nel suo insieme..

Se un uomo soffre di ipertensione, deve monitorare attentamente la quantità di liquido consumato. Non bisogna dimenticare che dopo un attacco di cuore è necessario mangiare in vari modi, la dieta dovrebbe essere attentamente studiata.

Mentre il paziente era nel reparto di cardiologia, la sua dieta è stata monitorata dal medico curante. Dopo che un uomo è stato dimesso dall'ospedale, deve seguire tutte le prescrizioni di uno specialista. La cena tardiva non è consigliata; la cena deve essere fatta entro e non oltre due ore prima di coricarsi. Se è difficile per il paziente andare a letto a stomaco vuoto, puoi bere 200 ml di yogurt. Non dovresti mangiare più di tre uova a settimana..

Alimentazione dopo un infarto durante il periodo di riabilitazione

Mangiare dopo un infarto consente l'uso del pane. Dovresti scegliere il pane fatto con farina premium, dovrebbe essere ben essiccato. Puoi anche mangiare cracker.

Le zuppe vanno consumate in piccole porzioni e vanno preparate in questo modo: una piccola quantità di cereali o verdure viene versata nel brodo vegetale. I fiocchi d'uovo possono essere aggiunti alla zuppa. La carne usata per cucinare dovrebbe essere priva di tendini e fascia. La carne di pollo può essere utilizzata, ma è necessario prima rimuovere la pelle da essa. La carne macinata viene utilizzata per preparare cotolette e polpette.

Il latte è consigliato e deve essere aggiunto al tè o ai pasti. La ricotta deve essere ben macinata e preparata in una pasta di cagliata. Puoi preparare una frittata proteica dalle uova. Le verdure possono essere mangiate sotto forma di budini. La farina d'avena è un ottimo porridge dietetico, puoi versarci un po 'di latte, il porridge di grano saraceno deve essere accuratamente macinato. È utile mangiare la semola.

È vietato il consumo di snack vari. Lo zucchero dovrebbe essere consumato non più di 30 grammi al giorno. Puoi sostituirlo con il miele. Il tè dovrebbe essere preparato liberamente. Puoi aggiungere una fetta di limone, una piccola quantità di latte al tè.

Succhi di frutta e decotti medicinali hanno un buon effetto sullo stato del sistema cardiovascolare. Sono inoltre consigliati per uomini e donne come prevenzione delle malattie ischemiche. Il dosaggio consigliato per queste bevande non supera i 150 ml al giorno. La quantità di liquido è

E cos'altro puoi mangiare dopo l'infarto del miocardio??

Il menu del giorno dovrebbe includere latte cagliato, un decotto a base di prugne, porridge di latte con una mela. Bevande consentite: gelatina, tè con latte. È utile mangiare pesce in umido, ricotta a basso contenuto di grassi, brodi vegetali, purè di prugne.

Nella seconda dieta, non dovrebbero essere consumate più di 1800 calorie al giorno. Il peso totale dei piatti non deve superare i due chilogrammi. La dieta dovrebbe contenere grassi nella quantità di 60 grammi, proteine ​​- almeno 70 grammi, carboidrati nella quantità di 25 grammi. I liquidi dovrebbero essere bevuti non più di un litro al giorno. La quantità di sale è limitata a tre grammi al giorno.

Nella terza dieta, il peso raccomandato del cibo consumato non deve superare i 2,3 kg. Questo tipo di dieta è dominata da carboidrati e proteine. Il volume del liquido non supera 1,1 litri. Il pane fresco è sconsigliato. Durante il periodo di cicatrizzazione, il pane di farina di frumento può essere consumato in quantità non superiore a 250 g al giorno. Il pane di segale può essere consumato solo nella prima dieta, non più di 50 grammi al giorno.

Nella seconda e terza razione puoi cucinare zuppe di verdure, zuppe con cereali. È consentito includere nel cibo dopo un infarto un brodo di carne debole con un basso contenuto di grassi. È consentito l'uso di panna acida, formaggio magro, vanillina, succo di limone. È vietato l'uso di snack nella seconda dieta. Il porridge dovrebbe essere sottile o viscoso. Devono essere accuratamente macinati. Nella terza razione è possibile includere degli snack nel menu. Cereali utili, fiocchi di latte e budini di grano saraceno, casseruola di mele, gelatina di frutta, purea di carote. È consentito utilizzare aringhe magre, prosciutto, pomodori maturi, frittelle di mele.

Dieta dopo un infarto: cosa puoi mangiare e bere?

Data di pubblicazione dell'articolo: 10.04.2019

Data di aggiornamento dell'articolo: 2.12.

La dieta dopo l'infarto del miocardio è divisa in due periodi: precoce (congedo per malattia) e tardi, a partire dalla dimissione del paziente..

Nel primo periodo, l'alimentazione medica ha rigide restrizioni sul contenuto calorico, sulla quantità di sale e sul liquido. Dopo il trattamento ospedaliero, inizia la seconda fase della dieta, che dovrebbe durare per tutta la vita se la persona è interessata alla propria salute..

Il paziente ha bisogno di aderire a una dieta ipocolesterolemizzante speciale, rivedere il suo comportamento alimentare e includere nella dieta più alimenti che fanno bene al cuore e ai vasi sanguigni..

Nutrizione nei primi giorni

Nella fase del trattamento ospedaliero, tutti i pazienti dopo infarto miocardico o intervento chirurgico alle arterie coronariche (posizionamento di stent, intervento chirurgico di bypass) ricevono nutrizione dietetica.

Il nome di questa dieta terapeutica è la tabella numero 10I secondo Pevzner. È una modifica del solito cibo terapeutico mostrato nelle malattie del sistema cardiovascolare (10a tabella secondo Pevzner).

La dieta si divide in tre fasi:

  • La fase 1 corrisponde alla prima settimana dopo un infarto. Durante questo periodo, il contenuto calorico della dieta viene ridotto il più possibile (1200-1300 kcal), tutti i piatti vengono preparati senza sale e serviti in forma liquida o pastosa. Ciò è necessario per scaricare il più possibile il corpo e ridurre il consumo di energia per la digestione del cibo. Liquido limitato a 1 litro al giorno.
  • La fase 2 copre la 2a e 3a settimana di trattamento ospedaliero. Nella seconda fase sono consentiti 2-3 grammi di sale al giorno e 1,2-1,3 litri di liquido, il contenuto calorico della dieta rimane basso - 1500-1600 kcal. I piatti possono essere serviti così come sono, tuttavia si dovrebbero evitare cibi grossolani e indigeribili.
  • La fase 3 inizia dalla 4a e termina alla 6a settimana. Il contenuto calorico giornaliero si avvicina alla normalità: sono consentiti 1800-2000 kcal (1600-1700 kcal per gli anziani), sale fino a 5 grammi e liquidi fino a 1,7 litri. In questa fase è possibile aggiungere eventuali pasti completi preparati secondo le regole di una sana alimentazione..

I prodotti consentiti della dieta terapeutica includono: tutte le varietà a basso contenuto di grassi di carne e pesce (nella prima fase solo sotto forma di polpette o cotolette al vapore), zuppe e zuppe di purea, omelette proteiche, latticini e latte, frutta e verdura (nella prima fase, sotto forma di purè purea). Prodotti da forno lievitati, cibi piccanti e salati, nonché cibi che provocano una sovraeccitazione del sistema nervoso centrale (in particolare cioccolato, tè, caffè) sono vietati.

Osservare la tabella 10I fino alla completa riabilitazione, in media 2-3 mesi per i pazienti con piccolo infarto focale (microinfarto) e 3-4 mesi dopo un infarto miocardico esteso. Dopo la fine della dieta terapeutica Pevzner, passano alla normale dieta ipocolesterolemizzante con restrizione di sale.

Posso portare del cibo in ospedale?

I pazienti che hanno avuto infarto miocardico o stent ricevono tre pasti completi al giorno nella mensa dell'ospedale.

Tuttavia, se vuoi compiacere la persona amata con cibo delizioso, puoi acquistare e portare cibo con te durante la tua visita. L'eccezione sono i pazienti che si trovano nel reparto di terapia intensiva (le visite a loro sono completamente vietate).

Si consiglia di dare la preferenza ai seguenti cibi e bevande:

  • latticini freschi (kefir, latte cotto fermentato) o yogurt magro fino a 500 ml;
  • qualsiasi frutto di peso fino a 1 chilogrammo (mele, banane, mandarini o arance sono i più adatti);
  • succhi naturali con contenuto zuccherino minimo (melograno, mela, pomodoro) non superiore a 2 litri;
  • acqua minerale naturale fino a 2 litri;
  • biscotti di pane o biscotti non zuccherati;
  • dolci e caramelle fino a 200 grammi (marshmallow, marmellata, caramelle, marshmallow, delizia turca, lecca-lecca);
  • prodotti da forno (pane integrale, pan di zenzero).

Non superare i limiti di peso e volume indicati raccomandati: i frigoriferi nei reparti sono progettati per 4-6 persone ed è difficile adattare il cibo a tutti i pazienti.

È inoltre vietato dal regime ospedaliero trasferire pasti, pasticcini e conserve fatte in casa all'ospedale. Ciò è dovuto al fatto che il personale medico non può tenere traccia della data di scadenza di tale alimento. Se nel frigorifero si trovano prodotti per la casa, l'infermiera ha tutto il diritto di buttarli..

Anche i prodotti vietati sono soggetti a riciclaggio..

I seguenti cibi e bevande non possono essere portati in ospedale:

  • bevande alcoliche e a basso contenuto di alcol;
  • prodotti di fabbrica scaduti o scaduti;
  • salsicce, pesce e cibo in scatola;
  • Fast food;
  • torte e torte alla crema;
  • prodotti semi-finiti;
  • bevande gassate dolci.

La famiglia e gli amici del paziente dovrebbero capire che la dieta ospedaliera ha lo scopo di ripristinare il corpo e migliorare le condizioni dopo un infarto. Non dovresti pensare che una persona cara sia affamata e cercare immediatamente di portare e trasferire cibi proibiti in ospedale.

Inoltre, il 90% dei "cardiopatici" che hanno avuto un infarto miocardico per la prima volta sono in sovrappeso o obesità viscerale. Tali pazienti non dovrebbero portare dolci e pasticcini, ma prodotti dietetici sani: frutta, ricotta, yogurt e kefir.

Dieta dopo aver subito un attacco di cuore e stenting

Durante la dimissione dall'ospedale, il paziente riceve un promemoria tra le mani, che contiene raccomandazioni per una dieta sana, attività fisica e regime. La dieta post-infarto dura tutta la vita per ridurre al minimo il rischio di recidiva.

Una buona alimentazione ha due obiettivi principali:

  1. correzione del metabolismo lipidico (grasso) e prevenzione dell'aterosclerosi;
  2. regolazione della pressione sanguigna.

La stabilizzazione del colesterolo e di altri livelli di lipoproteine ​​dannose è necessaria per prevenire la progressione dell'aterosclerosi. Le placche aterosclerotiche compaiono nel lume dei vasi sanguigni quando il metabolismo dei grassi è disturbato nel corpo. La correzione del metabolismo lipidico si ottiene seguendo una rigorosa dieta ipocolesterolemizzante.

Questa dieta si basa su tre principi fondamentali:

  • ridurre il consumo di grassi animali nocivi (saturi);
  • aumentare la quantità di alimenti vegetali nella dieta;
  • aumento dell'assunzione di grassi polinsaturi omega-3 e omega-6.

Una dieta ipocolesterolemizzante implica un completo rifiuto dei cibi grassi di origine animale. Invece, l'enfasi è su frutta e verdura e i grassi sani (polinsaturi) sono ottenuti dalla carne e dal pesce dietetici. Durante il trattamento termico del cibo, è vietato friggere in girasole o burro, preferibilmente in umido o al vapore.

La regolazione della pressione sanguigna implica un completo rifiuto del sale o una diminuzione del suo consumo a 5 grammi al giorno (1 cucchiaino). Il sale è una sostanza che aumenta la pressione sanguigna a causa della ritenzione di liquidi nel corpo, quindi una dieta terapeutica mira a ridurne la quantità nella dieta.

Cibo e bevande ammessi

Nel tardo periodo di riabilitazione, la dieta include un elenco dei seguenti prodotti:

  • carne magra;
  • tutti i tipi di pesce e frutti di mare;
  • qualsiasi verdura, frutta e funghi;
  • tutti i cereali e legumi;
  • latticini a basso contenuto di grassi e prodotti a base di latte fermentato;
  • prodotti da forno in quantità limitate;
  • bevande con una quantità minima di caffeina e tannino;
  • uova non più di 3-4 a settimana.

La carne è una fonte di proteine ​​e l'unica fonte di aminoacidi essenziali, quindi non puoi abbandonarla completamente.

È consentito il consumo di varietà dietetiche di carne e pollame:

  • vitello magro e manzo;
  • carne di coniglio;
  • filetto di pollame (pollo, tacchino, anatra) senza pelle;
  • frattaglie senza grasso viscerale (gli accumuli di grasso devono essere rimossi prima della cottura).

Il pesce contiene non solo proteine, ma anche acidi polinsaturi omega-3 e omega-6, che prevengono la progressione dell'aterosclerosi. Regolano l'equilibrio dei grassi nel sangue, favorendo la scomposizione e l'utilizzo dei lipidi nocivi, rafforzando quindi la parete vascolare.

Una grande quantità di acidi grassi polinsaturi si trova nel pesce grasso:

  • sgombro;
  • aringhe (non salate);
  • triglie;
  • salmone;
  • trota;
  • carpa di fiume.

Frutta, verdura ed erbe aromatiche dovrebbero costituire il 40-50% della dieta quotidiana. È consentito il consumo di qualsiasi alimento vegetale, tuttavia, la preferenza dovrebbe essere data a frutta e verdura contenenti la più alta quantità di fibra alimentare. La fibra non digeribile purifica l'intestino e favorisce la normalizzazione delle feci.

I seguenti tipi di frutta e verdura sono ricchi di fibre e fibre vegetali:

  • mele di tutti i tipi;
  • Cavolo bianco;
  • pere;
  • legumi;
  • semi di zucca;
  • broccoli;
  • carota;
  • patate;
  • foglie di lattuga;
  • barbabietola.

I pazienti con l'obiettivo di perdere peso devono prestare attenzione al contenuto calorico della frutta: le banane e l'uva contengono molti carboidrati, quindi è necessario limitarne l'uso.

I prodotti lattiero-caseari fermentati dovrebbero essere presenti nella dieta ogni giorno. Il kefir fresco, il latte cotto fermentato e lo yogurt contengono bifidobatteri che giovano alla microflora del tratto gastrointestinale.

Le bevande consentite comprendono anche tutti i tipi di tè, compresi quelli alle erbe:

  • tè nero e verde debole;
  • ibisco;
  • infuso di rosa canina;
  • Sally in fiore;
  • camomilla, zenzero e tè alla menta;
  • caffè debole (non prima di 4-5 mesi dopo un infarto);
  • cicoria istantanea.

I funghi sono un'altra utile fonte di proteine. Sono consentiti tutti i tipi, solo il metodo di preparazione è importante. I funghi in scatola non dovrebbero essere mangiati (contengono molto sale). È meglio bollire o friggere funghi freschi in padella senza sale e spezie piccanti con un minimo di olio d'oliva.

L'elenco degli alimenti più utili per il muscolo cardiaco e i vasi sanguigni che prevengono il verificarsi del pre-infarto comprende anche:

  • olio di lino e sesamo - hanno proprietà antiossidanti e metaboliche grazie alla presenza di vitamina E, possono influenzare il riassorbimento della cicatrice post-infarto;
  • mandorle e noci: rinforzano la parete vascolare e normalizzano la pressione sanguigna;
  • asparagi: regola il tono dei vasi arteriosi;
  • acetosa e aglio - aiutano a mantenere la normale viscosità del sangue.

Cibi e bevande vietati

L'elenco dei prodotti che sono completamente vietati è piccolo:

  • carni grasse (maiale, manzo), soprattutto fritte e strutto;
  • sottaceti e conservazione;
  • latticini grassi (kefir, latte cotto fermentato, gelato) e formaggi;
  • Fast food;
  • qualsiasi cibo salato, piccante o piccante.

Inoltre, i pazienti con malattie croniche concomitanti dovrebbero adattare la loro dieta tenendo conto delle loro condizioni. Pertanto, i pazienti con diabete mellito di tipo 1 o 2 devono monitorare attentamente la quantità di carboidrati consumati e ridurne la quantità. I diabetici, insieme al sale, devono anche abbandonare completamente lo zucchero raffinato. Alle persone con gastrite è inoltre vietato mangiare cibi acidi (crauti, mele verdi, agrumi, zuppa di cavolo), dolci al cioccolato e lievito (torte, panini, pizza, ecc.).

L'alcol è possibile?

Contrariamente alla credenza popolare, sono consentite piccole dosi di alcol dopo un infarto miocardico. In una meta-analisi quinquennale di casi clinici in cardiologia, è stato riscontrato che i pazienti che bevevano 10-25 grammi di alcol al giorno al giorno avevano meno probabilità di avere un secondo infarto o ictus. Il fatto è che l'alcol ha un effetto protettivo contro l'aterosclerosi. Previene la formazione di placche aterosclerotiche sulla parete arteriosa, causa di cardiopatia coronarica, infarto miocardico e ictus..

Nel primo periodo (fino ai primi 6 mesi dopo un attacco cardiaco esteso), l'alcol dovrebbe essere completamente escluso: non dimenticare che può contribuire al vasospasmo e all'aumento della pressione. Dopo sei mesi, a volte è consentito consumare piccole dosi di bevande alcoliche..

Allo stesso tempo, gli attacchi di cuore non devono superare categoricamente il limite massimo consentito - 30 grammi. alcool puro. Puoi bere un bicchiere di vino rosso, un bicchiere di rum o cognac al giorno, ma dovresti rifiutare la birra: bere birra porta rapidamente ad un eccesso di peso.

Menu di esempio per chi ha subito un infarto

La nutrizione dei pazienti dopo un infarto dovrebbe essere equilibrata e contenere tutte le sostanze necessarie (proteine, grassi, carboidrati), macro e microelementi.

Il menu deve essere preparato in modo responsabile: prepara in anticipo un elenco di piatti e calcola il contenuto calorico approssimativo della dieta (calcolatrici e tabelle speciali aiutano in questo). Non dovresti essere troppo fanatico del conteggio delle calorie: è consentito un errore di 100-200 calorie.

I pasti dovrebbero essere cinque o sei pasti al giorno: tre pasti completi e due o tre spuntini leggeri. Vale la pena notare che il mito comune "non mangiare dopo le 18:00" può essere ignorato: l'ultimo pasto dovrebbe essere 3-3,5 ore prima di coricarsi. Pertanto, se il paziente va a letto tardi, intorno alle 23:00, l'ultimo pasto può essere alle 21:00.

Esempi di layout di menu per uomini e donne sono presentati nelle tabelle seguenti.

Per uomo

L'apporto calorico totale per gli uomini è di 2200-2500 calorie. I pasti principali rappresentano l'80% di tutte le calorie, il restante 20% (circa 500 kcal) viene distribuito alla merenda.

MangiareLunedimartedìmercoledìgiovediVenerdìSabatoDomenica
Prima colazioneFarina d'avena nel latte con miele e frutta secca, un panino con formaggio e una tazza di tè non zuccheratoFrittata di proteine, cacao, pane tostato con marmellataFarinata di latte di grano saraceno, tè verde con formaggio e panino al prosciuttoMuesli al latte, 3 pezzi di cioccolato fondente, tè senza zuccheroFrittelle con ricotta e uvetta, una tazza di tè neroFarina d'avena nel latte con mele, una tazza di caffè deboleUova fritte da 2 uova con prosciutto, pane tostato con formaggio, una tazza di tè senza zucchero
1 ° spuntinoYogurt naturaleRicotta con miele e nociFrutta fino a 400 grUn bicchiere di succo naturale con biscotti di farina d'avenaUn bicchiere di latte cotto fermentato, 2-3 pagnotteFrutta fino a 400 grBicchiere di latte, biscotti
CenaCostolette di filetto di pollo con porridge di grano saraceno, insalata di barbabietole bollite con melaZuppa di noodle di pollo, pilaf di manzo magro, insalata di pomodori e cetrioli senza olioUn piatto di borscht magro, purè di patate e cotoletta di polloZuppa di funghi con panna, spezzatino di verdure con pollo bollitoGrano saraceno con costolette di pollo, insalata di verdureMaccheroni al formaggio, gulasch di manzo, insalata verdeZuppa di purea di zucca, insalata di verdure con riso
2 ° spuntinoPezzo di casseruola di ricottaInsalata di verdure1 uovo sodo, pomodoroUn bicchiere di kefir, una melaFiocchi di latteFrittelle di mele con tèFrutta fino a 300 gr
CenaPollock al vapore, insalata di verdure di cavolo e carote con 1 cucchiaino. olio d'olivaSpaghetti al formaggio, braciola di manzoFegato di manzo in umido in panna acida con cipolleNasello, stufato in salsa di pomodoro, insalata verdePetto di pollo con cavolo cappuccio in umidoPatate al forno, insalata di verdure con panna acida a basso contenuto di grassiPasta navale

Per donne

Il contenuto calorico giornaliero della dieta per le donne è di 250-350 calorie in meno ed è di circa 1700-2100 kcal. Le donne in età riproduttiva non possono ridurre drasticamente la loro assunzione giornaliera di grassi. La dieta deve contenere almeno 30 grammi di grasso puro, altrimenti il ​​ciclo mestruale potrebbe non funzionare correttamente.

MangiareLunedimartedìmercoledìgiovediVenerdìSabatoDomenica
Prima colazioneToast con marmellata, tè non zuccheratoFarina d'avena con latte e fruttaFrittata di proteine, una tazza di cacao con formaggio a pasta duraRicotta con miele e frutta secca, una tazza di caffè deboleFrittelle di patate con panna acida, una tazza di tè senza zuccheroPorridge di miglio con verdurePorridge di grano saraceno con latte, un bicchiere di cacao, 2-3 biscotti d'avena
1 ° spuntinoFrutta fino a 300 grRicotta con banana1 insalata di uova sode, pomodori e cetrioliUn bicchiere di latte cotto fermentato, 1 mela200 gr di uvaInsalata di verdure con panna acida, 2-3 pagnotteMela al forno con miele e cannella
CenaBorscht magro con una fetta di pane integrale, cotoletta di pollo tritata con insalata di barbabietoleZuppa di noodle al pollo, pilaf di manzoPurè di patate con salsa di pollo, insalata di pomodori e cetrioliZuppa di piselli, porridge di grano saraceno con funghi e torta di pesceZuppa di cavolo cappuccio, pilaf di pollo, insalata verde con panna acidaPatate lesse con sgombro, insalata di verdureMaccheroni e formaggio, braciola di filetto di pollo, insalata di crauti
2 ° spuntinoUn bicchiere di kefirFrutta o verdura fino a 300 grPatatine al formaggio cremoso, una tazza di cacao3 pezzi di cioccolato fondente, una tazza di tè non zuccheratoInsalata di barbabietole bollite con mela1 pompelmoUn bicchiere di latte cotto fermentato con fibra
CenaCarpa bollita con insalata di verdurePasta con gulasch di manzoRiso in umido con verdureFiletto di pollo al forno con funghi e patateFrittata di proteine ​​con broccoliPorridge di grano saraceno con tonno, insalata di algheManzo bollito con cavolo stufato

Alcune semplici ricette per i piatti consentiti

Offriamo 3 piatti deliziosi e semplici facili da preparare a casa. Per i pazienti che hanno un piroscafo o un multicooker, la prima ricetta consiglia di rinunciare alla frittura in olio d'oliva e dare la preferenza alla cottura a vapore..

Frittata di broccoli

Ungete una padella con olio d'oliva, mettete a fuoco. Lavate i broccoli, divideteli in piccole infiorescenze, asciugateli e metteteli in una padella. Fai bollire i broccoli a fuoco basso per 3-5 minuti. Rompere 2 uova in una ciotola, aggiungere 150 ml di latte e 2 cucchiai. l. Farina di frumento.

Mescolare fino a che liscio, quindi versare il contenuto della ciotola nella padella in modo uniforme. Copri la teglia e inforna la frittata a fuoco basso per 7-10 minuti.

Filetto di pollo con funghi e formaggio

Sciacquare 2 pezzi di filetto di pollo e asciugarli con un tovagliolo di carta. Cospargere la carne con rosmarino o timo e condire con succo di limone. Coprite il pollo con la pellicola e lasciate agire per 30 minuti. Grattugiare il formaggio a pasta dura su una grattugia fine.

Lavare 150-200 grammi di champignon e tagliarli a fettine sottili. Mettere la carne marinata su un foglio, cospargere con funghi e formaggio, quindi avvolgere strettamente in un foglio. Facoltativamente, aggiungi prezzemolo, sedano o aneto al pollo. Cuocere il pollo in forno a 200 ° C per 25 minuti.

Zuppa di sedano

La zuppa di sedano è perfetta per i pazienti che cercano di perdere peso. Inoltre, ha un lieve effetto diuretico, liberando il corpo dai liquidi in eccesso..

Per prepararlo, devi prendere la radice e i gambi di sedano, una testa di cavolo, cipolle e petto di pollo. Pelare la radice di sedano, grattugiare su una grattugia fine, quindi soffriggere insieme alle cipolle tritate in una padella senza olio per 5-7 minuti. Tagliare il petto di pollo a pezzetti, metterlo in una casseruola e versare 4 litri di acqua.

Mentre il pollo arriva a ebollizione, tagliare i gambi di sedano e il cavolo. Dopo aver fatto bollire l'acqua, rimuovere la schiuma risultante e aggiungere le verdure tritate e la radice di sedano tostata. Cuocere a fuoco lento la zuppa per 20-25 minuti, aggiungere le erbe aromatiche a piacere (aneto, prezzemolo) 5 minuti prima della cottura.

Dieta dopo infarto e stent per uomini e donne

L'infarto miocardico è solitamente causato dalla trombosi dell'arteria coronaria. In futuro, il successo della riabilitazione è in gran parte determinato da una corretta alimentazione. La dieta dopo un infarto può ridurre significativamente il rischio di ricaduta e garantire il ripristino sistematico delle funzioni vitali.

Nutrizione nei primi giorni

La prima settimana dopo un attacco di cuore è una fase acuta post-infarto. È in questi giorni che sono possibili esacerbazioni acute e un secondo attacco. La domanda su cosa si può mangiare dopo un infarto richiede un approccio speciale associato all'aderenza a una dieta rigorosa. È importante fornire pasti frazionati in piccole porzioni, fino a 7 volte al giorno..

Tutti i prodotti possono essere consumati solo bolliti o in umido. Nella dieta dopo un infarto, il sale è proibito. Il pane può essere consumato solo come crostini. Carne magra consentita in forma bollita.

Posso portare del cibo in ospedale?

Nel periodo acuto, un paziente che ha subito un attacco di cuore può essere in terapia intensiva. Non si accettano trasmissioni qui. Se viene trasferito al reparto generale, la dieta consente i seguenti alimenti:

  • zuppe schiacciate;
  • porridge liquido;
  • stufato di verdure;
  • prodotti a base di latte fermentato senza grassi;
  • frittata;
  • decotti;
  • succo di carota.

Ma è meglio chiarire l'elenco dei prodotti consentiti in un ospedale specifico..

Principi di nutrizione per l'infarto miocardico

La nutrizione dopo un infarto dovrebbe fornire al corpo l'energia necessaria, contribuendo allo stesso tempo alla soluzione di tali compiti:

  • ripristino delle funzioni miocardiche e cicatrizzazione della zona di necrosi;
  • mantenere il peso corporeo a un livello fisiologico normale;
  • normalizzazione di zucchero e colesterolo;
  • aumento del flusso sanguigno.

Quando si organizza una dieta terapeutica, vengono utilizzati i seguenti principi:

  1. Suddivisione del periodo di riabilitazione in 3 fasi: acuta (7 giorni), subacuta (2a e 3a settimana) e fase cicatriziale (dalla 4a settimana fino al recupero). In ogni fase viene applicata una dieta diversa.
  2. Contenuto calorico e volume. Nei primi giorni, vengono impostati a un livello minimo (fino a 1300 kcal) con un aumento graduale: nella seconda fase, 1800 kcal e nella terza fase - fino a 2400 kcal.
  3. Nutrizione frazionata. Nel periodo acuto, la frequenza: 6-7 volte e poi 4-5 volte al giorno.
  4. Rifiuto di consumare cibi con un'alta concentrazione di grassi animali e colesterolo. La quantità richiesta è fornita dai grassi vegetali (olio d'oliva, noci, ecc.).
  5. Temperatura ottimale degli alimenti. Non sono ammessi cibi freddi o eccessivamente caldi.
  6. Significativamente limitato, e nella prima fase è escluso, il sale da cucina.
  7. Limitare l'assunzione di liquidi liberi.
  8. Si consiglia di escludere i carboidrati "veloci", privilegiando i carboidrati "lenti" (cereali, pane nero).
  9. Particolare attenzione è riservata agli oligoelementi e alle vitamine. Le loro fonti principali sono i frutti di mare e la frutta secca..
  10. Evitare cibi fritti e limitare i cibi cotti.

Se il paziente ha altre patologie nella dieta, vengono effettuati gli opportuni aggiustamenti. Il diabete mellito richiede una dieta speciale e l'esclusione di alimenti con glucosio.

Un altro problema comune è il sovrappeso. Con una tale dieta, il contenuto calorico del cibo diminuisce..

Caratteristiche della preparazione della dieta

Quando sviluppi una dieta, dovresti considerare i seguenti consigli:

  1. Consumo obbligatorio di verdura (almeno 300 g al giorno) e frutta (oltre 150 g).
  2. I prodotti di pane integrale vengono introdotti nel menu e la pasta dovrebbe essere fatta con varietà di grano duro.
  3. Solo carne magra. La pelle viene rimossa dalla carne di pollame.
  4. Frutti di mare e pesce vengono consumati almeno 3 volte a settimana.
  5. I piatti di legumi (piselli, lenticchie, fagioli secchi) vengono preparati almeno 2 volte a settimana.
  6. Le uova (solo proteine) possono essere consumate fino a 6 a settimana (bollite o come frittata).
  7. Eliminazione di marinate e sottaceti.
  8. I latticini e i prodotti a base di latte fermentato devono essere utilizzati nella versione senza grassi.
  9. Puoi tranquillamente usare oli vegetali: girasole, oliva, soia, sesamo.
  10. È necessario limitare le bevande dolci. È meglio sostituire il caffè con una bevanda al caffè..

È importante capire che le restrizioni dietetiche non dovrebbero influire sul valore energetico della dieta. La mancanza di sale altera il gusto, che può essere corretto mediante l'uso di succo di pomodoro o bevande agrodolci, l'aggiunta di succo di limone.

Alimenti vietati

Quando si elabora una dieta, è necessario considerare il seguente elenco di alimenti vietati dopo un infarto:

  • pane bianco e fresco;
  • prodotti ricchi;
  • cottura al forno;
  • prodotti a base di carne grassa e pesce;
  • fegato;
  • frattaglie (compreso il cervello);
  • salsicce;
  • prodotti in scatola;
  • caviale;
  • latte e panna;
  • tuorlo d'uovo;
  • semole di miglio, orzo perlato e orzo;
  • cavolo;
  • cetrioli;
  • ravanello;
  • cipolla;
  • aglio;
  • amido (compreso il dolce);
  • cioccolato e dolciumi;
  • caffè e cacao;
  • il succo d'uva;
  • spezie;
  • paté;
  • salsicce e salsicce;
  • margarina.

Non mangiare cibi salati, in salamoia, affumicati, eccessivamente dolci.

Cosa puoi mangiare dopo un infarto?

Cosa puoi mangiare dopo un infarto? La preferenza dovrebbe essere data a tali prodotti utili:

  1. Prodotti a base di carne: manzo magro, pollo magro, tacchino, coniglio, uccelli selvatici e animali (come lepre).
  2. Oliva, girasole, olio di mais.
  3. Latticini: latte scremato, formaggio magro, kefir magro.
  4. Pesce: merluzzo magro, passera di mare, qualsiasi aringa, sgombro, tonno, salmone.
  5. Quasi tutta la frutta fresca e le verdure bollite, le patate lesse, le noci, la frutta secca.
  6. Prodotti da forno di farina grossolana, cracker, pane Borodino.
  7. Cereali: avena e frumento, riso non lucidato.
  8. Dessert: budini ipocalorici, gelatine, sorbetto, biscotti di farina d'avena.
  9. Bevande: tè delicato, acqua minerale, succhi di frutta non zuccherati e altre bevande a basso contenuto di zucchero.

Questi prodotti possono essere consumati in qualsiasi fase della riabilitazione.

Nella prima fase sono in atto rigide restrizioni dietetiche, ma poi vengono aggiunti gradualmente altri alimenti con un uso limitato..

Trattamento

Il rischio di trombosi è considerato uno degli eventi più pericolosi nello stato post-infarto. Per ridurlo, la nutrizione dovrebbe essere integrata con misure farmacologiche. La dieta deve essere abbinata all'assunzione di farmaci che migliorano i parametri reologici del sangue. Il farmaco più comune è l'acido acetilsalicilico, ad es. Aspirina.

In condizioni di ricovero ospedaliero, vengono utilizzati farmaci moderni a base di questo acido. Uno dei rimedi più efficaci sono le compresse Thrombo ASS. Queste compresse hanno un rivestimento enterico per evitare complicazioni gastrointestinali.

Diete in base ai numeri da seguire

Dopo un infarto, al paziente viene prescritta una terapia nutrizionale, che si basa su una dieta con un numero assegnato. Nel periodo acuto, viene utilizzata la tabella n. 10I.

Tale dieta prevede un'assunzione di cibo frequente e frazionata e termina 3 ore prima di coricarsi. Tutti gli alimenti che hanno restrizioni sono esclusi dalla dieta. Nella dieta, la priorità è data agli alimenti con fibre alimentari (verdura, frutta, cereali), nonché ai pesci di varietà "bianche".

Nella seconda fase della riabilitazione, dovresti andare alla Tabella 10. Il valore energetico di una tale dieta è di 2200-2400 kcal al giorno. La dieta è arricchita con vitamine A, C e D. Comprende carne magra, grassi vegetali e vari ortaggi e frutta contenenti i più importanti oligoelementi (potassio, manganese, magnesio, iodio, ecc.).

Dieta in diversi periodi di infarto

In ogni fase del trattamento postinfarto, è richiesto un approccio speciale alla formazione della dieta. Si basa su una dieta dietetica rigorosa subito dopo l'incidente con un progressivo indebolimento del regime e l'ampliamento dell'elenco degli alimenti consentiti..

Dieta per il periodo acuto

La prima dieta si basa sui seguenti principi:

  • valore energetico - 1150 –1300 kcal;
  • contenuto proteico - 55 g, grassi vegetali - non più di 70 g, carboidrati - 180-210 g;
  • bisogno di vitamine: A, B1 e B2 - almeno 2 mg, PP - 15 mg, C - 100 mg;
  • liquido libero - non più di 850 ml;
  • il contenuto massimo di sale totale non è superiore a 2 g;
  • norma giornaliera - 1700 g.

Dieta per il periodo subacuto

Quando si compila una seconda dieta dopo un infarto, si consigliano i seguenti parametri:

  • valore energetico - 1500–1800 kcal;
  • contenuto di proteine ​​e grassi - 55-75 g, carboidrati - 235-260 g;
  • la composizione vitaminica è simile alla prima dieta;
  • volume totale di liquido libero - fino a 1 litro;
  • contenuto di sale totale - non più di 2 g;
  • massa totale di cibo - 2000 g

Dieta per la fase di cicatrici

Nella fase finale della riabilitazione dopo un infarto, il contenuto calorico del cibo aumenta:

  • il valore energetico sale a 2350 - 2400 kcal;
  • contenuto proteico: 80-95 g, grassi: 75-85 g, carboidrati: 320-360 g;
  • il contenuto di vitamine e sale è preservato dalle diete precedenti;
  • liquido libero - non più di 1 litro;
  • peso totale - 2300 g.

Quando si compila una dieta, vengono prese in considerazione le caratteristiche individuali del corpo e il corso della riabilitazione.

Nutrizione per gli uomini

La dieta postinfarto dovrebbe tenere conto del sesso della persona. Per uomini e donne, è formato secondo principi diversi. L'organizzazione della nutrizione dopo l'infarto miocardico per gli uomini tiene conto del fatto che la causa più comune è l'aterosclerosi. In quest'ottica, il compito principale della dieta è abbassare i livelli di colesterolo..

I principi di base per la compilazione di una dieta maschile:

  • usando solo olio vegetale;
  • completa esclusione del burro dalla dieta;
  • consumo minimo di alimenti che sono fonti di colesterolo;
  • aumento del consumo di alimenti con fibre (verdura, frutta);
  • consumo obbligatorio di alimenti contenenti acidi omega-3 (frutti di mare, pesce)

Se viene elaborata una dieta dopo un infarto e lo stent per gli uomini, il menu si concentra sui carboidrati. Mangia frutta secca e noci ogni giorno.

Dieta per le donne

La dieta postinfartuale per le donne tiene conto del fatto che la patologia è più spesso accompagnata da diabete mellito. Il compito più importante della riabilitazione è la normalizzazione del glucosio nel sangue.

Regole di base della dieta femminile:

  • esclusione di dolci e pasticcini;
  • consumo massimo di frutta e verdura;
  • esclusione di prodotti che aumentano la pressione sanguigna (caffeina, prodotti gassati);

A proposito di ciò che una donna può mangiare con un attacco di cuore, le ostetriche dicono quanto segue. Si consigliano i seguenti prodotti: porridge di grano saraceno, pinoli, avocado, anguria, uvetta, albicocche, patate al forno, banane, formaggio magro e ricotta, pesce magro, mele, mirtilli rossi, carote e succo di barbabietola. Lo zucchero dovrebbe essere sostituito con miele naturale o nettarina.

Menu di esempio per i pasti settimanali

Una dieta casalinga nel periodo post-infarto può essere fatta tenendo conto dei menu approssimativi di un giorno. La prima dieta può essere simile a questa:

  • Dopo il risveglio, si beve un infuso di prugne a stomaco vuoto..
  • Colazione: porridge di grano saraceno, ricotta a basso contenuto di grassi, bevanda al caffè (orzo).
  • Pranzo: purea di frutta (può essere fatta con le mele), brodo di rosa canina.
  • Pranzo: brodo, pollo bollito, gelatina di ribes.
  • Merenda pomeridiana: ricotta grattugiata, carote grattugiate, infuso di rosa canina.
  • Cena: pesce bollito, purea di carote, tè debole al limone.
  • Prima di andare a letto, puoi mangiare prugne imbevute d'acqua.

Nella fase successiva del trattamento, puoi utilizzare la seguente dieta:

  1. Colazione: porridge di riso al latte, frittata di albume d'uovo, bevanda al caffè.
  2. Pranzo: cavolfiore, crostini di pane, brodo di rosa canina.
  3. Pranzo: borscht vegetariano, manzo bollito con salsa di frutta.
  4. Spuntino pomeridiano: salsa di mele, brodo di rosa canina.
  5. Cena: carne bollita, porridge di grano saraceno.
  6. La sera: un bicchiere di kefir.

Nel menu è importante controllare il contenuto di sale (non più di 2 g al giorno), zucchero, presenza di grassi.

Regole di cucina

I pasti dietetici vengono preparati mediante bollitura o stufatura. Nella dieta dopo un infarto, la frittura è esclusa. Nel periodo acuto, tutti i prodotti vengono puliti e nella seconda fase vengono tritati.

Pezzi di cibo possono essere consumati solo nella terza fase del trattamento. Se ci sono zone grasse sulla carne, vengono tagliate. Dovresti mangiare solo carne magra. Tutti i pasti sono preparati senza sale. Non vanno serviti cibi freddi con temperature inferiori ai 12 gradi.

Ricette popolari e salutari per i piatti dopo l'infarto del miocardio

Quando si organizza una dieta dopo un infarto, alcune ricette sono particolarmente apprezzate:

  1. Insalata: pomodori (4 pezzi), cetriolo (2 pezzi), insalata verde, olio d'oliva (3 cucchiai).
  2. Insalata di patate: patate (4 pezzi), cetriolo (1 pezzo), pomodoro (1 pezzo), verdure, panna acida (3 cucchiai).
  3. Zuppa di frutta secca: frutta secca (200 g), orzo perlato (100 g), cannella, panna acida (2 cucchiai), scorza d'arancia, acqua (1,5 l).
  4. Zuppa di melanzane: melanzane (3 pezzi), pomodoro (2 pezzi), farina (1 cucchiaio), erbe aromatiche, olio vegetale (2 cucchiai), acqua (2 l). Puoi aggiungere alcuni pezzi di salsiccia.
  5. Sottaceto: patate (3 pezzi), carote (1 pezzo), una cipolla piccola, riso (2 cucchiai), passata di pomodoro (1 cucchiaio), panna acida (4 cucchiai), acqua (1,5 l).
  6. Carote con formaggio: carote (600 g), formaggio (50 g), olio vegetale (50 ml). Il formaggio viene strofinato.

La ricetta per le mele ripiene è particolarmente attraente. Un nucleo viene tagliato nel frutto e lì viene deposto il pollo bollito (50 g). Dall'alto, tutto viene versato con salsa bianca e olio vegetale. Questo piatto è cotto al forno..

Frutta e verdura

Nella dieta dopo un infarto, sono consentite quasi tutte le verdure e la frutta. Il loro consumo dovrebbe essere aumentato, il che reintegrerà il corpo con vitamine e fibre. Le eccezioni sono patate fritte e in umido, frutta sciroppata o candita, mandorle e nocciole. Questi alimenti dovrebbero essere eliminati dalla dieta. Si sconsiglia di mangiare patatine, acetosa, spinaci, funghi, ravanelli e ravanelli.

Noci dopo MI

Studi scientifici dimostrano che le noci riducono significativamente il rischio di malattie cardiache. Migliorano la salute di una persona che ha avuto un attacco di cuore. Le noci contengono componenti importanti come proteine, grassi vegetali, carboidrati, vitamine e vari oligoelementi.

Un ruolo particolare è dato alle noci, che devono essere introdotte nella dieta dopo un infarto..

Con il peso corporeo in eccesso, la tariffa giornaliera è limitata a 30 g.I pinoli sono molto utili. Gli anacardi contengono una quantità significativa di vitamine, ma devono essere accuratamente sbucciati dalla pelle.

Quanto tempo dopo un infarto dovresti seguire la tua dieta?

La durata del trattamento postinfarto dipende dalla gravità e dal tipo di patologia, dalla sua estensione, dalle caratteristiche del corpo, dalla presenza di altre malattie croniche, dalla tempestività e dall'efficacia del trattamento.

Il periodo affilato, di regola, può esser eliminato tra 7 giorni. La seconda fase può durare 2-3 settimane, quando il rischio di un secondo infarto è ancora alto. Dal 20 ° giorno inizia la stabilizzazione del recupero, accompagnata dalla cicatrizzazione dei tessuti colpiti. Questo periodo può durare diversi mesi..

Il recupero completo può essere stabilito solo dal medico curante dopo aver condotto gli esami necessari. Per questo, è importante fornire le condizioni necessarie durante l'intero periodo di riabilitazione..

Conseguenze del mancato rispetto della dieta

Dopo aver subito un infarto, il rischio di ripetute patologie cardiache aumenta in modo significativo. La trombosi è molto probabile. La nutrizione ha un effetto significativo sui parametri reologici del sangue, sui livelli di colesterolo e zucchero. La mancata osservanza di una dieta dopo un infarto può causare gravi danni alla salute. Un'alimentazione scorretta è una strada diretta verso un secondo infarto e molto spesso porta alla disabilità e persino alla morte.

Conclusione

La dieta dopo un infarto è un elemento essenziale di un trattamento completo. Viene impostato tenendo conto delle peculiarità della fase riabilitativa e si basa sulle tabelle dietetiche 10 e 10I. Quando si organizza il cibo, è importante eliminare completamente gli alimenti proibiti, aumentando il consumo di cibi sani. La dieta dovrebbe escludere danni alla salute, ma non dovrebbe ridurre il valore energetico del cibo, che è necessario per una vita a tutti gli effetti.

Principi di nutrizione per l'infarto miocardico

Lo stato di restringimento completo o parziale del lume della nave che alimenta il cuore provoca la morte del suo muscolo - un attacco di cuore. È una malattia pericolosa per la vita. Il primo giorno al paziente è stato prescritto il riposo a letto stazionario. Recupero, ripristino della circolazione sanguigna nel muscolo interessato, la sua attivazione graduale si ottiene in vari modi, non escludendo l'alimentazione. La dieta dopo un infarto ha chiare restrizioni sulla quantità di acqua, sale, proteine, colesterolo che dovrebbero essere assunte con il cibo.

Caratteristiche della preparazione della dieta

La nutrizione dopo l'infarto miocardico, i metodi di cottura e tritare gli alimenti dipendono direttamente dal periodo di patologia (tempo acuto, subacuto, cicatrizzante). Ciò è dovuto alla gravità delle condizioni generali del paziente e alla sua capacità motoria. I casi di attacchi cardiaci a focale ridotta sono talvolta trasmessi "sulle gambe". In altre situazioni, al paziente viene rigorosamente mostrato il riposo a letto..

Una dieta per infarto ha i seguenti obiettivi:

  • movimenti delicati dell'esofago, del diaframma, dello stomaco durante la digestione;
  • garantire il buon funzionamento dell'intestino;
  • conservazione dei costi energetici da parte dell'organismo;
  • prevenzione dello sviluppo di patologie che possono aggravare il quadro generale;
  • rafforzare il paziente, restituendo la forza persa dopo un attacco.

La divisione del menu terapeutico secondo Pevzner per lo stato post-infarto del miocardio determina la nutrizione dietetica della tabella numero 10. Questa dieta consiglia di mangiare in modo frazionato, con restrizione di liquidi, sale, calorie, l'assoluta esclusione dei grassi animali.

A seconda del periodo di tempo trascorso dal giorno dell'attacco, si dividono:

  • La dieta 1 è un pasto nella prima settimana dopo un infarto. Questo periodo è considerato acuto, al paziente viene mostrato un riposo completo, qualsiasi movimento minimo può causare una ricaduta. I piatti vengono preparati frullati, questo ne facilita l'assimilazione e non è assolutamente salato. Il paziente necessita di essere nutrito frequentemente (6 volte al giorno), in piccole porzioni. Esclusione obbligatoria degli alimenti proibiti.
  • La dieta 2 è il cibo nella seconda o terza settimana dal giorno dell'attacco ed è un periodo subacuto. È necessario aumentare gradualmente il carico sugli organi digestivi. Per fare questo, il cibo non viene macinato, ma schiacciato, continuano a nutrirsi spesso e frazionatamente.
  • Un mese dopo un attacco di cuore, inizia un periodo di cicatrici. Quindi inizia la dieta 3. Questo tipo di cibo continua a risparmiare gli organi digestivi, ma attiva e normalizza il loro lavoro in modo sano. Il paziente ha bisogno di un pasto vario e nutriente..

Comune a tutte e tre le diete è evitare cibi freddi o caldi. Se il paziente non vuole mangiare, è impossibile forzare o persuadere. Il tempo dopo un infarto, diviso per razioni, può variare su base individuale e dipende dalla gravità dell'attacco cardiaco e dal volume del danno cardiaco.

Alimenti vietati

Oltre a limitare l'uso di liquidi e sale, dopo l'infarto miocardico, il principale parametro proibito è il colesterolo. È presente nel corpo in due forme. Il primo avvolge le pareti dei vasi sanguigni, impedisce il movimento e si raccoglie in placche. Il secondo - necessario, partecipa alla scissione del precedente. L'assunzione di colesterolo "nocivo" dipende dal cibo, che regolarmente satura il sangue con i suoi elementi. Immediatamente dopo un attacco, è necessario escludere cibi che stimolano fermentazione e gonfiore. In base a questi requisiti, i prodotti vietati includono:

  • pane e prodotti a base di farina;
  • tuorli d'uovo;
  • piselli e fagioli;
  • carni grasse, pesce e strutto;
  • ricchi brodi di carne;
  • latticini ricchi di grassi (latte intero, panna, ricotta fatta in casa e kefir, creme pasticcere preparate);
  • Maionese.

Per non provocare patologie dello stomaco, della cistifellea, del fegato e dei reni durante il periodo di ripristino della circolazione sanguigna, è necessario rifiutare i piatti fritti, affumicati e alla griglia. Non puoi mangiare cibo in scatola, in salamoia, piccante e pepato. Per tutta la durata del trattamento, dovresti dimenticare il tonico:

  • caffè, cioccolato, tè forte;
  • senape, rafano, peperoncino, aglio;
  • bevande gassate.

L'alcol stimola il sistema nervoso e fa funzionare attivamente il sistema circolatorio. Pertanto, durante il periodo di recupero dopo un infarto, tali carichi sono categoricamente controindicati. C'è una teoria secondo cui 30 grammi di cognac, bevuti regolarmente, possono proteggere dall'infarto o prevenirne il ripetersi. Questa dichiarazione richiede l'adempimento della condizione principale: il rispetto di una dose rigorosamente di 30 grammi. Il danno derivante dal fumo dopo un infarto è confermato dalla sua ricorrenza nei fumatori.

Cosa puoi mangiare dopo un infarto

Per aiutare attivamente il cuore dopo la necrosi della sua area, è necessario mangiare cibi ricchi di potassio, calcio, magnesio. Questi oligoelementi aiutano a rafforzare le pareti dei vasi sanguigni, le fibre muscolari e sono essenziali per il ripristino del miocardio.

Allo stesso tempo, hai bisogno di cibi che stimolano la motilità intestinale, prevengono la stitichezza.

  • cracker, di ieri, pane secco;
  • miele (dovrebbero sostituire zucchero, marmellata);
  • minestre di brodo vegetale;
  • tipi di carne (vitello, manzo, pollo, tacchino, coniglio, selvaggina);
  • albumi;
  • albicocche secche, uvetta, prugne, melograno, corniolo, olivello spinoso;
  • latte solo con tè o durante la preparazione di cereali;
  • ricotta, kefir;
  • pesce magro, alghe, cozze;
  • patate al forno, altre verdure e frutta al forno.

È facile diversificare il menu dietetico con insalate di barbabietole, carote, sedano, ravanelli con aggiunta di prugne, panna acida. Violare in modo significativo, così come apportare modifiche alla dieta stabilita dal medico, è possibile solo previo accordo con lui.

Trattamento

Il trattamento dell'infarto miocardico si ottiene con farmaci e interventi chirurgici. La guida in linea viene eseguita in uno dei seguenti modi:

  • Stent dei vasi del cuore (posizionamento di uno stent o telaio per l'espansione).
  • Innesto di bypass dell'arteria coronaria (bypassando l'area interessata, ripristinando il flusso sanguigno utilizzando uno shunt).

Dopo l'operazione, è importante mangiare bene per tutta la vita e fare un esame del sangue per colesterolo e lipidi almeno 3 volte all'anno. Ciò impedirà alla placca aterosclerotica di bloccare lo shunt e manterrà intatto lo stent. Vale la pena raccomandare un completo rifiuto dei grassi animali, un uso limitato di girasole e burro. È necessario escludere pancetta, salsicce, pancetta, patè, funghi, pomodori. È buono mangiare verdure ed erbe aromatiche. La preferenza dovrebbe essere data a pesce bianco, frutti di bosco (more, mirtilli, fragole), frutta secca (albicocche secche, uvetta, datteri, fichi).

Alimentazione con infarto e dopo

Un esempio di menu potrebbe essere:

1 razionemattina dopo il sonno100 g di porridge di latte d'avena senza zucchero, con miele, 150 ml di tisana
2 pasti mattutinipurea di mele
cenapassato di verdura, 50 g di cotoletta di pesce al vapore, 100 g di purea di carote condita con olio di semi di girasole, 100 g di gelatina di frutta
tè pomeridiano50 g di ricotta a basso contenuto di grassi ammorbidita, 100 g di brodo di rosa canina
cena100 gr di porridge di grano saraceno frullato con polpette di pollo, 150 ml di tè al limone
prima di andare a letto100 gr di brodo di prugne
2 razioniDopo il sonnofrittata, senza tuorli, gelatina di frutta
2 pasti mattutini150 gr di ricotta con latte, 180 gr di brodo di rosa canina
cena250 grammi di borscht in brodo vegetale, 150 grammi di purè di patate, 55 grammi di vitello bollito, 100 grammi di gelatina di frutta
tè pomeridiano100 zucca o mele al forno
cena100 g di stufato di verdure, 50 g di pesce magro bollito, 180 g di tè al limone
prima di andare a letto180 g di kefir a basso contenuto di grassi
3 razioniDopo il sonno150 porridge di grano saraceno con 10 g di burro, tè con latte, 30 g di formaggio
2 pasti mattutini150 gr di ricotta, albicocche secche, uvetta, 180 ml di composta di frutta secca
cena250 g di zuppa di verdure con polpette di manzo, pangrattato, 150 g di barbabietole stufate in panna acida, una fetta di pollo bollito, 100 g di mele fresche
cena150 gr di purè di patate, pesce bollito, insalata di alghe, tè con latte
prima di andare a letto180 g di kefir

Può essere difficile per le donne rinunciare al cioccolato, ai pasticcini e alle torte alla crema. È importante preparare e sostituire pasticcini, focacce e pasticcini con mousse, budini, gelatine, gelatine di frutta, sformati. Nel tempo, questo scambio diventerà un'abitudine. Le raccomandazioni generali per uomini e donne sono:

  • regolare il peso;
  • rinunciare al sale;
  • evitare i conservanti;
  • bere liquidi in quantità limitate.

Le ricette di cibi sani purificano e rafforzano non solo il sistema cardiovascolare. Sintonizzano il lavoro dello stomaco, dell'intestino, non provocano la formazione di calcoli alla cistifellea e ai reni. Qualsiasi esacerbazione di altre malattie con un attacco di cuore è irta di conseguenze pericolose per la vita e per la salute.

Dieta dopo infarto miocardico per gli uomini

Gli uomini, in base alle caratteristiche fisiologiche, ai livelli ormonali, all'attività fisica e alle proprie abitudini, sono inclini all'accumulo di colesterolo. Ciò si riflette anche nel fatto che le donne sono meno inclini agli attacchi di cuore. Pertanto, il menu per uomini, secondo la dieta dopo un infarto e uno stent, può assomigliare a questo:

Al mattino, dopo il sonnoporridge di grano saraceno con latte, tè debole al limone, biscotti di farina d'avena
Il prossimo pasto del mattinocasseruola di ricotta o frittata proteica, mela grattugiata e insalata di carote
Cenazuppa con brodo vegetale, purè di patate con pollo bollito, insalata di verdure con generosa aggiunta di erbe aromatiche, condita con olio d'oliva, gelatina di frutta
Spuntino pomeridianoalbicocche secche, datteri, uvetta
Cenariso bollito con bistecca di pesce bianco al forno, insalata di barbabietole, composta di frutta secca
Tre ore prima di coricarsikefir a basso contenuto di grassi

Riabilitazione

Mangiare dopo l'infarto del miocardio per gli uomini dovrebbe escludere qualsiasi piatto di maiale. Bisogna rinunciare a gamberi e calamari, caviale rosso o nero, formaggi salati e salsicce.

I termini della riabilitazione dipendono dalla gravità dell'attacco cardiaco, dal volume del danno miocardico, dall'età del paziente e dalle malattie somatiche concomitanti. Quindi, con una quantità insignificante di necrosi, il periodo di recupero dura circa sei mesi. Un lungo processo può raddoppiare questo periodo. Fattori di rischio che provocano disturbi circolatori e provocano l'insorgenza di un attacco, allo stesso tempo aggravano, complicano e allungano la durata del trattamento. Questi includono:

  • ipertensione che porta a ictus;
  • diabete;
  • violazione della circolazione sanguigna nel cervello (ictus ischemico);
  • età avanzata.

Se i medici sono riusciti a fermare l'effetto distruttivo di un infarto in terapia intensiva, il paziente deve seguire tutte le raccomandazioni riguardanti l'alimentazione. Dopo la dimissione dall'ospedale, la dieta rimane secondo la dieta. Questa è una fase importante dopo la riabilitazione da infarto che può preservare e prolungare la vita..


Articolo Successivo
Vene varicose: quale medico tratta, chi contattare, descrizione dei sintomi e opzioni di trattamento