Trasfusione di sangue: complicazioni, indicazioni, preparazione


La trasfusione di sangue è una procedura di trasfusione di sangue, che ha determinate indicazioni, può dare complicazioni, quindi richiede una preparazione preliminare.

I primi tentativi di trasfondere il sangue a una persona furono fatti molto prima della nascita di Cristo. A quel tempo, hanno cercato di iniettare il sangue degli animali nell'uomo: agnelli, cani, maiali, che, ovviamente, non si sono conclusi con successo. Quindi, sperimentalmente, si è scoperto che solo il sangue umano è adatto per una persona. Le persone hanno appreso della compatibilità del sangue solo nel 1901, quando lo scienziato Karl Landsteiner scoprì il sistema sanguigno antigenico ABO (gruppi sanguigni). È stata una vera svolta nella medicina, che ha permesso di eseguire trasfusioni di sangue da persona a persona senza conseguenze per la salute più o meno pericolose. Altri 40 anni dopo, è stato scoperto il sistema Rhesus, che ha reso questa procedura ancora più accessibile..

Cos'è la trasfusione di sangue?

Il sangue per la trasfusione viene raccolto dalle persone volontariamente. Questo viene fatto negli ospedali, nelle banche del sangue e nelle stazioni di trasfusione di sangue. Il sangue prelevato da un donatore viene conservato in contenitori in modo che non si deteriora; ad esso vengono aggiunti conservanti e stabilizzanti speciali. Sicuramente, il sangue viene esaminato per varie malattie infettive, come l'HIV, la gonorrea, l'epatite. Inoltre, vari componenti vengono estratti dal sangue: eritrociti, plasma, piastrine. Le medicine sono prodotte dal sangue: gamma globulina, albumina, crioprecipitato, ecc..

La procedura di trasfusione di sangue è simile alla procedura per il trapianto di tessuto da una persona all'altra. È semplicemente impossibile trovare sangue ideale per tutti i parametri, pertanto il sangue intero viene trasfuso molto raramente. Ciò accade solo quando il paziente richiede una trasfusione di sangue diretta di emergenza. Affinché il corpo dia il minimo di effetti collaterali, il sangue viene scomposto in componenti. Molto spesso sono eritrociti e plasma..

Al fine di evitare che una persona contragga malattie infettive pericolose, come l'HIV o l'epatite, il sangue prelevato dal donatore viene messo in quarantena, dove viene conservato per 6 mesi. I frigoriferi ordinari non sono adatti a questo, poiché in tali condizioni il sangue perderà le sue proprietà benefiche. Quindi, le piastrine vengono conservate per 6 ore, i globuli rossi possono esistere per non più di 3 settimane in frigorifero, ma dopo il congelamento vengono distrutti. Pertanto, il sangue ottenuto dal donatore viene suddiviso in globuli rossi, che possono essere congelati a una temperatura di -196 ° C utilizzando azoto. Inoltre, le temperature ultra basse possono resistere al plasma sanguigno. Il processo di conservazione del sangue è molto complesso e richiede un approccio selettivo..

La maggior parte delle persone che, a causa della loro attività professionale, non sono associate alla medicina, conoscono solo il metodo più comune di trasfusione di sangue. In questo caso, il sangue da un contenitore (bottiglia o gemakon - una sacca di sangue e un conservante) viene alimentato attraverso una puntura in una vena nel flusso sanguigno del paziente. Viene eseguito uno studio preliminare del sangue del paziente per determinarne il gruppo e il fattore Rh, se questo non è noto. Quindi gli viene dato il sangue che si adatta a una persona sotto tutti gli aspetti..

Se prima si credeva che qualsiasi sangue fosse adatto a una persona, la cosa principale è che dovrebbe essere ottenuto da una persona, allora la medicina moderna non condivide questo punto di vista. È necessario prima un test di compatibilità.

Il sangue può essere trasfuso dal donatore al ricevente per i seguenti scopi:

Funzione di auto-sostituzione del sangue.

L'esecuzione di trasfusioni di sangue richiede un atteggiamento attento da parte del medico. La procedura deve essere eseguita solo se ci sono determinate indicazioni per esso. La trasfusione di sangue ingiustificata minaccia di gravi problemi di salute, perché solo i gemelli identici possono avere la compatibilità del sangue al 100%. In altre persone, anche se sono parenti di sangue, il sangue differisce in una serie di indicatori individuali. Pertanto, non vi è alcuna garanzia che il corpo non inizierà a rifiutarlo..

Metodi e metodi di trasfusione di sangue

Esistono diversi modi di trasfusione di sangue, ciascuno dei quali è progettato per soddisfare scopi e obiettivi specifici..

Trasfusione indiretta, quando un paziente viene trasfuso con sangue di donatore conservato in determinati contenitori.

Trasfusione di sangue diretta, quando il paziente viene trasfuso di sangue direttamente dalla vena del donatore. Questa procedura viene eseguita utilizzando attrezzature speciali. Il dispositivo consente la trasfusione di sangue continua e, con l'aiuto di una siringa, viene eseguita una trasfusione intermittente.

Trasfusione di sangue di scambio, quando il sangue viene trasfuso a un paziente dopo che il suo sangue è stato parzialmente o completamente rimosso.

Autoemotrasfusione. In questo caso, il paziente viene trasfuso con il sangue del donatore preparato in anticipo durante l'operazione. In questo caso, il donatore e il paziente sono la stessa persona.

Reinfusione. In questo caso, il sangue di una persona, che è stato versato durante un incidente o durante un'operazione, viene raccolto e quindi trasfuso alla persona stessa.

Il sangue viene trasfuso mediante gocciolamento, getto o getto d'acqua. Il medico dovrebbe decidere la velocità della trasfusione.

La trasfusione di sangue è una procedura complessa rispetto alla chirurgia, quindi la sua attuazione è di competenza del medico e non del personale infermieristico..

Metodi per fornire sangue al ricevente:

L'infusione endovenosa è il metodo di base della trasfusione di sangue. La venepuntura è una trasfusione di sangue standard e la venesection è un metodo di trasfusione di sangue attraverso un catetere inserito nella vena succlavia. Il dispositivo può essere in questo posto per molto tempo, ma allo stesso tempo è necessaria una cura di alta qualità del catetere..

La trasfusione di sangue intra-arteriosa viene eseguita molto raramente quando una persona ha un arresto cardiaco.

È possibile eseguire trasfusioni di sangue intraosseo. A tale scopo, vengono spesso utilizzate le ossa dello sterno e dell'ileo. Meno comunemente, il sangue viene iniettato nel calcagno, nei condili del femore e nella tuberosità della tibia.

La trasfusione di sangue intracardica viene eseguita nel ventricolo sinistro. Questo metodo di trasfusione di sangue è raramente implementato nella pratica quando altri metodi non sono disponibili..

La trasfusione intra-aortica può essere eseguita quando ci sono solo pochi secondi per salvare la vita di una persona. Le indicazioni includono: morte clinica inaspettata, massiccia perdita di sangue durante l'intervento chirurgico allo sterno.

È importante distinguere tra autoemotrasfusione e autoemoterapia, poiché si tratta di due procedure radicalmente diverse. Con l'autoemotrasfusione, a una persona viene somministrata una trasfusione a tutti gli effetti del proprio sangue, che è stata precedentemente preparata. Con l'autoemoterapia, il sangue del paziente viene trasfuso da una vena nel gluteo. Questa procedura ha lo scopo di eliminare i difetti estetici, ad esempio l'acne giovanile, le lesioni cutanee pustolose, ecc..

Prepararsi per una trasfusione di sangue

La trasfusione di sangue richiede un'attenta preparazione della persona. Prima di tutto, ciò riguarda la raccolta di alta qualità dell'anamnesi, nonché lo studio della tensione allergica del paziente.

Pertanto, il medico deve porre al paziente le seguenti domande:

Ha già ricevuto una trasfusione di sangue? In caso affermativo, come ha gestito questa procedura??

La persona soffre di allergie?

Alla donna viene chiesto quante nascite ha avuto, se sono finite tutte con successo. Se la paziente ha una storia gravosa, le vengono mostrati esami preliminari aggiuntivi, tra cui: test Kumbas, che consente di rilevare gli anticorpi immunitari.

È imperativo scoprire quali malattie ha sofferto in precedenza il paziente e da quali patologie soffre in un dato momento.

In generale, il medico ha il compito di esaminare qualitativamente il paziente e scoprire se è a rischio di persone per le quali la trasfusione di sangue è controindicata..

A seconda dello scopo della trasfusione, il medico può somministrare alcuni componenti del sangue al paziente. Uso raramente sangue intero.

La preparazione preliminare si riduce ai seguenti passaggi:

Determinazione del gruppo sanguigno del paziente e del fattore Rh del sangue, se non ha un certificato scritto con un sigillo sulle mani che conferma questi indicatori.

Determinazione del gruppo sanguigno e del fattore Rh del donatore, nonostante il fatto che un tale segno sia già sulla fiala con il sangue.

Esecuzione di un test biologico per la compatibilità del sangue del donatore e del ricevente.

A volte è necessaria una trasfusione di sangue di emergenza, nel qual caso tutti i passaggi preparatori sono a discrezione del medico. Se è pianificato l'intervento chirurgico, il paziente deve seguire una dieta per diversi giorni, riducendo gli alimenti proteici nella sua dieta. Il giorno dell'intervento è consentita solo una colazione leggera. Se l'intervento è programmato per la mattina, l'intestino e la vescica del paziente dovrebbero essere vuoti.

Indicazioni e controindicazioni per la trasfusione di sangue

Nonostante il fatto che la preparazione per il processo di trasfusione di sangue sia eseguita secondo tutte le regole, questa procedura provoca comunque la sensibilizzazione del corpo. Inoltre, c'è sempre il rischio di immunizzare il corpo con antigeni che la medicina moderna non conosce ancora. Pertanto, non ci sono praticamente indicazioni per eseguire una trasfusione di sangue intero..

Solo le seguenti situazioni possono fungere da eccezione:

Perdita di sangue acuta da una persona, quando il suo volume totale è circa il 15% del volume totale di sangue circolante.

Sanguinamento sullo sfondo di una violazione del sistema di emostasi. Se possibile, il paziente non viene trasfuso con sangue intero, ma con gli elementi necessari.

Trauma o intervento chirurgico complesso che si traduce in una massiccia perdita di sangue.

La trasfusione di sangue intero ha molte più controindicazioni che indicazioni. La principale controindicazione è un'ampia varietà di malattie del sistema cardiovascolare. Tuttavia, quando si tratta di trasfusione di massa eritrocitaria o altri singoli elementi del sangue, le controindicazioni assolute spesso si trasformano in relative.

Quindi, le controindicazioni assolute per la trasfusione di sangue intero includono:

Endocardite settica negli stadi subacuto e acuto.

Trombosi ed embolia.

Disturbi della circolazione cerebrale di intensità pronunciata.

Miocardite e miocardosclerosi.

Il terzo stadio dell'ipertensione arteriosa.

Terzo e 2B grado di disturbi circolatori.

Aterosclerosi dei vasi cerebrali.

Emorragia retinica.

Reumatismi nella fase acuta, febbre reumatica.

Insufficienza renale ed epatica nelle fasi acute e croniche.

Tubercolosi polmonare disseminata.

Ipersensibilità alle proteine ​​e ai farmaci proteici.

Se viene creata una situazione che rappresenta una minaccia diretta per la vita di una persona, non prestano attenzione alle controindicazioni assolute. Dopotutto, ci sono momenti in cui una persona morirà semplicemente senza una pronta trasfusione di sangue. Tuttavia, anche in questo caso è altamente desiderabile trasfondere il paziente non con sangue intero, ma con i suoi singoli componenti, ad esempio la massa di eritrociti. Inoltre, i medici cercano di sostituire il più possibile il sangue con soluzioni speciali. Parallelamente, al paziente viene mostrata l'introduzione di farmaci antiallergici.

Sangue per trasfusione e suoi componenti

Il sangue umano è costituito da cellule del sangue e plasma. Da questi componenti vengono preparati vari preparati, sebbene questo processo non possa essere definito tecnologicamente facile..

I componenti del sangue più comuni ottenuti dal sangue intero sono globuli bianchi, plasma, piastrine e globuli rossi..

Eritrociti

I globuli rossi vengono trasfusi quando c'è una carenza di globuli rossi. Le indicazioni per la procedura sono il livello di ematocrito inferiore a 0,25 e l'emoglobina inferiore a 70 g / l.

Ciò può accadere alle seguenti condizioni:

Anemia che si sviluppa nel primo periodo postpartum o nel primo periodo postoperatorio.

Grave anemia da carenza di ferro, che si sviluppa nelle persone anziane con insufficienza cardiaca o respiratoria o nelle giovani donne durante la gravidanza. La procedura in questo caso può essere eseguita prima dell'inizio del travaglio o prima dell'operazione imminente..

Anemia associata a varie malattie dell'apparato digerente.

Intossicazione del corpo sullo sfondo di gravi ustioni, avvelenamento, processi purulenti. Gli eritrociti del sangue del donatore possono liberare il corpo del paziente dalle sostanze tossiche.

Eritropoiesi che causa anemia.

Se il paziente ha sintomi che indicano una violazione della microcircolazione sanguigna, gli viene somministrata una sospensione di eritrociti. È una massa diluita di globuli rossi.

Per ridurre al minimo il rischio di sviluppare reazioni indesiderate dal corpo, è necessario utilizzare eritrociti lavati tre o cinque volte per la trasfusione. Con l'aiuto della soluzione fisiologica, vengono rimosse piastrine, leucociti, conservanti, elettroliti, microaggregati e altre sostanze, di cui il corpo di una persona malata non ha bisogno. Se la massa eritrocitaria è stata sottoposta alla procedura per la rimozione di leucociti e piastrine da essa, allora si chiama EMOLT.

Il sangue, attualmente utilizzato per la trasfusione, viene congelato dopo il prelievo dal donatore. Pertanto, lavano la massa eritrocitaria il giorno in cui eseguiranno la sua trasfusione..

EMOLT viene somministrato ai pazienti per le seguenti indicazioni:

Se il paziente ha già avuto complicazioni causate da trasfusioni di sangue.

La presenza di anticorpi isoimmuni o autoimmuni nel sangue del paziente. Una situazione simile si osserva spesso con l'anemia emolitica..

Il lavaggio degli eritrociti è necessario nel caso in cui sia necessario eseguire una grande quantità di trasfusioni di sangue, il che riduce i rischi di sviluppare una sindrome da trasfusione di sangue massiva.

Aumento della coagulazione del sangue.

Il paziente ha insufficienza renale o epatica.

Pertanto, diventa ovvio che EMOLT consente di aiutare una persona che ha controindicazioni assolute all'esecuzione di trasfusioni di sangue intero..

Plasma

Il plasma contiene una grande quantità di componenti proteiche, vitamine, anticorpi, ormoni e altre sostanze utili di cui i pazienti hanno bisogno in un'ampia varietà di situazioni. Pertanto, il plasma è un costituente del sangue, che è molto richiesto per la trasfusione. Può anche essere utilizzato in combinazione con altri componenti del sangue..

Il plasma viene trasfuso nei seguenti casi: diminuzione del volume totale di sangue circolante, sanguinamento, immunodeficienza, esaurimento e altri gravi problemi di salute.

Piastrine

Le piastrine sono piastre che prendono parte al processo di emopoiesi. Formano coaguli di sangue bianco, necessari per fermare il sanguinamento capillare. Meno piastrine nel corpo umano, maggiore è il rischio di sanguinamento. Se il loro livello diminuisce fino a un punto zero critico, aumenta la probabilità di emorragia cerebrale..

La conservazione e la raccolta delle piastrine è un processo molto complesso. La massa piastrinica non può essere preparata in anticipo, poiché viene conservata per un tempo molto breve e richiede anche un'agitazione costante. Pertanto, le piastrine vengono trasfuse solo il giorno della raccolta dal donatore. Prima di ciò, il sangue viene urgentemente controllato per le infezioni..

Molto spesso, il donatore è una persona che è un parente della vittima. L'alloimmunizzazione si sviluppa in quei pazienti che sono spesso trasfusi con massa piastrinica. Inoltre, questa condizione è una compagna frequente di donne che hanno subito un difficile aborto o parto, a causa del quale avevano bisogno del sangue di un donatore..

Affinché la trasfusione di piastrine nel sangue abbia successo, è altamente desiderabile condurre un'analisi per la selezione delle piastrine per gli antigeni del sistema leucocitario HLA. Questa analisi è molto costosa finanziariamente e richiede anche molto tempo..

Inoltre, le trasfusioni di piastrine comportano il rischio di sviluppare un'altra reazione chiamata trapianto contro ospite. Ciò accade quando le cellule T e B aggressive sono presenti nelle piastrine del donatore. Pertanto, la trasfusione di piastrine è un compito piuttosto difficile..

Indicazioni per la trasfusione di piastrine:

Trombocitopatie, che sono accompagnate da un aumento del sanguinamento. Questa patologia può essere acquisita o congenita. Se la conta piastrinica raggiunge 60,0 * 10 9 / l, ma non è presente la sindrome emorragica, questa non è un'indicazione per la trasfusione di sangue. La massa piastrinica viene trasfusa quando il livello piastrinico raggiunge 40 * 10 9 / l.

Preparazione per il trattamento con citostatici.

Leucociti

La trasfusione di leucociti è un compito ancora più difficile della trasfusione di piastrine. Questa procedura viene utilizzata per trattare la leucopenia ed è indicata anche per i pazienti che hanno ricevuto radioterapia o chemioterapia..

Spesso rifiutano questa procedura, poiché è molto difficile ottenere una massa leucocitaria di alta qualità. Viene estratto solo utilizzando un separatore. Dopo la rimozione dal corpo del donatore, i leucociti muoiono molto rapidamente. Inoltre, la trasfusione di leucociti è associata a complicazioni come brividi, mancanza di respiro, tachicardia, aumento della temperatura corporea, calo della pressione sanguigna.

Trasfusione di sangue per un neonato

Le indicazioni per la trasfusione di sangue per un neonato sono simili a quelle per la trasfusione di sangue per un adulto. La selezione di una dose di sangue viene effettuata su base individuale. I medici dovrebbero prestare particolare attenzione ai bambini nati con malattia emolitica del neonato..

In caso di ittero emolitico, il bambino viene sottoposto a trasfusione di sangue sostitutiva utilizzando EMOT del gruppo 0 (I), con la coincidenza obbligatoria del fattore Rh.

La trasfusione di sangue a un neonato è un processo complesso che richiede cautela e massima attenzione da parte del medico..

Complicazioni da trasfusioni di sangue

Le complicazioni durante la trasfusione di sangue si sviluppano più spesso a causa del fatto che il personale medico ha commesso errori nella conservazione, nella preparazione del sangue o durante la procedura.

I motivi fondamentali che possono portare a complicazioni includono:

Incompatibilità del gruppo sanguigno tra il donatore e il paziente. In questo caso, si sviluppa uno shock trasfusionale..

Allergia del paziente alle immunoglobuline contenute nel sangue del donatore.

Sangue di donatore di scarsa qualità. In questo caso, è possibile lo sviluppo di intossicazione da potassio, shock tossico-batterico, reazioni pirogene.

Trasfusione di sangue di massa, che può provocare sindrome del sangue omologa, cuore dilatato acuto, sindrome da trasfusione massiva, intossicazione da citrato.

Trasmissione dell'infezione con il sangue del donatore. Sebbene la sua conservazione a lungo termine riduca al minimo questa complicazione.

Distruzione (emolisi) di eritrociti estranei:

Se il paziente sviluppa l'una o l'altra reazione negativa, il medico deve prendere misure di emergenza. I sintomi di tali complicazioni saranno evidenti: la temperatura corporea di una persona aumenta, i brividi aumentano e può svilupparsi soffocamento. La pelle diventa blu, la pressione sanguigna scende bruscamente. Ogni minuto le condizioni della persona peggioreranno, fino allo sviluppo di insufficienza renale acuta, embolia polmonare, infarto polmonare, ecc..

Qualsiasi errore del personale medico commesso durante il processo di trasfusione di sangue può costare la vita a una persona, quindi la procedura deve essere affrontata nel modo più responsabile possibile. È inaccettabile che la trasfusione di sangue venga eseguita da una persona che non ha una conoscenza sufficiente di questa procedura. Inoltre, le trasfusioni di sangue devono essere eseguite per indicazioni estremamente rigorose..

Relazione sulla donazione e trasfusione di sangue:

Un esame del sangue generale (CBC) è il primo studio che inizia la diagnosi di malattie o un esame preventivo da parte di un medico come parte di una visita medica annuale. Senza questo semplice ma importante test, è impossibile valutare oggettivamente la salute di una persona. UAC è altrimenti chiamato clinico generale o.

Un esame del sangue biochimico ("biochimica" o semplicemente LHC) è un test di laboratorio altamente informativo che consente di giudicare lo stato e lo stato funzionale della maggior parte degli organi interni e dei sistemi del corpo umano. Insieme a un'analisi clinica generale o generale, questo esame del sangue viene eseguito nella prima fase.

L'urina è un fluido biologico, il risultato finale del processo naturale della vita umana. Si forma nel rene umano in due fasi complesse. Insieme al fluido in uscita, viene escreto dal corpo: urea, come prodotto finale del metabolismo proteico, elettroliti, acido urico, nonché vitamine e ormoni

L'alanina aminotransferasi o ALT in breve è uno speciale enzima endogeno. È incluso nel gruppo delle transferasi e nel sottogruppo delle aminotransferasi. La sintesi di questo enzima avviene a livello intracellulare. Una quantità limitata entra nel sangue.

AST, AST, AST o aspartato aminotransferasi sono lo stesso concetto, che denota uno degli enzimi del metabolismo delle proteine ​​nel corpo. Questo enzima è responsabile della sintesi degli amminoacidi che compongono le membrane cellulari e i tessuti. Non in tutti gli organi, mostra AST.

Che cos'è la trasfusione di sangue e come viene eseguita la trasfusione di sangue

La trasfusione di sangue (trasfusione di sangue) equivale a un'operazione di trapianto di organi con tutte le conseguenze che ne derivano. Nonostante tutte le precauzioni, a volte sorgono complicazioni, dove il fattore umano gioca un ruolo importante.

Ci sono molte condizioni e malattie in cui la trasfusione di sangue è indispensabile. Si tratta di oncologia e chirurgia, ginecologia e neonatologia. La chirurgia trasfusionale è una procedura complessa con molte sfumature e richiede una seria formazione professionale.

La trasfusione è la somministrazione endovenosa di sangue donato o dei suoi componenti (plasma, piastrine, eritrociti, ecc.) Al ricevente. Il sangue intero viene trasfuso raramente, per lo più vengono utilizzati solo i suoi componenti.

I centri trasfusionali operano costantemente nei grandi centri regionali. In cui la raccolta e la conservazione del plasma e di altri componenti del sangue per le operazioni. Ad esempio, il principale centro trasfusionale di Mosca invita regolarmente i donatori a donare il sangue.

Tipi di trasfusione di sangue

Esistono 4 tipi di trasfusione di sangue:

Trasfusione di sangue diretta

Trasfusione di sangue intero direttamente dal donatore al ricevente. Prima della procedura, il donatore viene sottoposto a un esame standard.

Viene eseguito sia con l'ausilio dell'apparato che con l'uso di una siringa.

Trasfusione di sangue indiretta

Il sangue viene pre-raccolto, suddiviso in componenti, conservato e conservato in condizioni adeguate prima dell'uso.

Questo tipo di trasfusione di sangue è il tipo più comune di trasfusione. Viene eseguito utilizzando un sistema endovenoso sterile. In questo modo vengono introdotti plasma fresco congelato, masse di eritrociti, piastrine e leucociti.

Trasfusione di scambio

Sostituzione del sangue del ricevente con sangue di donatore in volume sufficiente. Il sangue del ricevente viene contemporaneamente rimosso dai vasi parzialmente o completamente.

Autoemotrasfusione

Per la trasfusione viene utilizzato il sangue del ricevente stesso, preparato in anticipo. Con questo metodo, viene esclusa l'incompatibilità del sangue e l'introduzione di materiale infetto..

Vie di somministrazione nel letto vascolare:

  1. Endovenoso - il metodo principale di trasfusione, quando il farmaco viene iniettato direttamente in una vena - puntura venosa, o attraverso un catetere venoso centrale nella vena succlavia - venesection. Un catetere venoso centrale è a lungo termine e richiede un'attenta manutenzione. Solo un medico può inserire un CVC.
  2. Trasfusione di sangue intra-arteriosa e intra-aortica - vengono utilizzate in casi eccezionali: morte clinica causata da una massiccia perdita di sangue. Con questo metodo, il sistema cardiovascolare viene stimolato in modo riflessivo e il flusso sanguigno viene ripristinato..
  3. Trasfusione intraossea: l'introduzione di sangue viene effettuata nelle ossa con una grande quantità di sostanza spugnosa: sterno, calcagno, ali iliache. Il metodo viene utilizzato quando è impossibile trovare vene accessibili, spesso utilizzate in pediatria.
  4. Trasfusione intracardiaca: l'iniezione di sangue nel ventricolo sinistro del cuore. Usato estremamente raramente.

Indicazioni per la trasfusione di sangue

Indicazioni assolute - quando la trasfusione è l'unico trattamento. Questi includono: perdita di sangue acuta del 20% o più del volume di sangue circolante, shock e operazioni con una macchina cuore-polmone.

Ci sono anche indicazioni relative quando la trasfusione di sangue diventa un trattamento ausiliario:

  • perdita di sangue inferiore al 20% della BCC;
  • tutti i tipi di anemia con una diminuzione del livello di emoglobina a 80 g / l;
  • forme gravi di malattie settiche purulente;
  • sanguinamento prolungato a causa di un disturbo emorragico;
  • ustioni profonde di una vasta area del corpo;
  • malattie ematologiche;
  • tossicosi grave.

Controindicazioni alla trasfusione di sangue

La trasfusione di sangue è l'introduzione di cellule estranee nel corpo umano e questo aumenta il carico su cuore, reni e fegato. Dopo la trasfusione, vengono attivati ​​tutti i processi metabolici, il che porta a un'esacerbazione delle malattie croniche.

Pertanto, prima della procedura, è necessario raccogliere attentamente la vita e la storia della malattia del paziente..

Le informazioni sulle allergie e sulle trasfusioni precedenti sono particolarmente importanti. Sulla base dei risultati delle circostanze chiarite, i destinatari sono identificati a rischio.

Questi includono:

  • donne con una storia ostetrica gravata - aborti spontanei, nascita di bambini con malattia emolitica;
  • pazienti affetti da malattie del sistema ematopoietico o con oncologia nella fase di decadimento del tumore;
  • destinatari che hanno già ricevuto una trasfusione.

Controindicazioni assolute:

  • insufficienza cardiaca acuta, che è accompagnata da edema polmonare;
  • infarto miocardico.

In condizioni che minacciano la vita del paziente, il sangue viene trasfuso, nonostante le controindicazioni.

Controindicazioni relative:

  • violazione acuta della circolazione cerebrale;
  • difetti cardiaci;
  • endocardite settica;
  • tubercolosi;
  • insufficienza epatica e renale;
  • gravi allergie.

Come viene eseguita la trasfusione di sangue?

Prima della procedura, il destinatario viene sottoposto a un esame approfondito, durante il quale vengono escluse possibili controindicazioni.

Uno dei prerequisiti è determinare il gruppo sanguigno e il fattore Rh del ricevente.

Anche se i dati sono già noti.

Il gruppo sanguigno e il fattore Rh del donatore devono essere ricontrollati. Sebbene le informazioni siano sull'etichetta del contenitore.

Il passaggio successivo consiste nel testare la compatibilità di gruppo e individuale. Si chiama campione biologico..

Il periodo di preparazione è il punto più cruciale dell'operazione. Tutte le fasi della procedura vengono eseguite solo da un medico, l'infermiera aiuta solo.

Prima della manipolazione, i componenti del sangue devono essere riscaldati a temperatura ambiente. Il plasma appena congelato viene scongelato a 37 gradi in apparecchiature speciali.

I componenti del sangue del donatore vengono conservati in un emacone, un contenitore di polimero. Un sistema di infusione endovenosa monouso è collegato ad esso e fissato verticalmente.

Quindi il sistema viene riempito, viene prelevata la quantità di sangue richiesta per i campioni.

Trasfusione di sangue - conservazione dei componenti del sangue

Quindi il sistema è collegato al ricevente attraverso una vena periferica o CVC. Per prima cosa vengono iniettati a goccia 10-15 ml di farmaco, quindi la procedura viene sospesa per alcuni minuti e viene valutata la risposta del paziente.

Il tasso di trasfusione di sangue è individuale. Può essere iniezione a goccia oa getto. Ogni 10-15 minuti vengono misurati il ​​polso e la pressione, il paziente viene monitorato.

Dopo la trasfusione, è necessario urinare per un'analisi generale per escludere l'ematuria.

Al termine dell'operazione, una piccola quantità di farmaco viene lasciata nel gemakone e conservata per due giorni ad una temperatura di 4-6 gradi.

Ciò è necessario per studiare le cause delle eventuali complicazioni che si verificano dopo la trasfusione. Tutte le informazioni sulla trasfusione di sangue sono registrate in documenti speciali.

Dopo la procedura, si consiglia di rimanere a letto per 2-4 ore.

In questo momento, viene monitorato il benessere del paziente, il polso e la pressione sanguigna, la temperatura corporea e il colore della pelle.

Se non ci sono reazioni in poche ore, l'operazione è andata a buon fine..

Trasfusione di sangue - possibili complicazioni

Le complicazioni possono iniziare durante la procedura o qualche tempo dopo.

Qualsiasi cambiamento nelle condizioni del ricevente indica una reazione post-trasfusione che si è verificata, che richiede assistenza immediata.

Le reazioni avverse si verificano per i seguenti motivi:

  1. La tecnica della trasfusione di sangue è violata:
    • tromboembolia - a causa della formazione di coaguli nel fluido trasfuso o della formazione di coaguli di sangue nel sito di iniezione;
    • embolia gassosa - a causa della presenza di bolle d'aria nel sistema endovenoso.
  2. La risposta del corpo all'introduzione di cellule estranee:
    • shock trasfusionale - in caso di incompatibilità di gruppo del donatore e del ricevente;
    • una reazione allergica - orticaria, edema di Quincke;
    • sindrome da trasfusione di sangue massiva - trasfusione di oltre 2 litri di sangue in breve tempo;
    • shock tossico batterico - con l'introduzione di un farmaco di bassa qualità;
    • infezione da infezioni trasmesse dal sangue - molto raro, a causa della conservazione in quarantena.

Sintomi della reazione risultante:

  • aumento della temperatura corporea;
  • brividi;
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • abbassamento della pressione sanguigna;
  • dolore toracico e lombare;
  • dispnea.

Le complicazioni sono anche più gravi:

  • emolisi intravascolare;
  • insufficienza renale acuta;
  • embolia polmonare.

Qualsiasi cambiamento nelle condizioni del destinatario richiede assistenza urgente. Se si verifica una reazione durante la trasfusione, viene immediatamente interrotta.

Nei casi più gravi, l'assistenza viene fornita nelle unità di terapia intensiva.

Quasi tutte le complicazioni derivano dal fattore umano. Per evitare ciò, è necessario seguire attentamente l'intero algoritmo dell'operazione..

L'atteggiamento della medicina nei confronti dell'operazione di trasfusione di sangue è cambiato molte volte. E oggi ci sono specialisti che sono categoricamente contrari all'introduzione del sangue di qualcun altro nel corpo..

Ma dobbiamo ammettere che in alcuni casi la trasfusione di sangue è un'operazione vitale, di cui non si può fare a meno.

Quando si accetta una procedura di trasfusione di sangue, è necessario essere sicuri della qualità dei farmaci e delle qualifiche del personale.

Trasfusione di sangue: le regole. Compatibilità dei gruppi sanguigni durante la trasfusione e preparazione del paziente per la trasfusione di sangue

La trasfusione di sangue è l'introduzione di sangue intero o dei suoi componenti (plasma, eritrociti) nel corpo. Questo viene fatto per molte malattie. In settori come l'oncologia, la chirurgia generale e la patologia neonatale, è difficile fare a meno di questa procedura. Scopri quando e come viene trasfuso il sangue.

Regole di trasfusione di sangue

Molte persone non sanno cosa sia la trasfusione di sangue e come funzioni questa procedura. Il trattamento di una persona con questo metodo inizia la sua storia nell'antichità. I guaritori medievali praticavano questa terapia ampiamente, ma non sempre con successo. La trasfusiologia del sangue inizia la sua storia moderna nel XX secolo grazie al rapido sviluppo della medicina. Ciò è stato facilitato dall'identificazione del fattore Rh negli esseri umani.

Gli scienziati hanno sviluppato metodi per preservare il plasma, creato sostituti del sangue. Gli emocomponenti ampiamente utilizzati per le trasfusioni hanno ottenuto l'accettazione in molti rami della medicina. Una delle aree della trasfusione è la trasfusione di plasma, il suo principio si basa sull'introduzione di plasma fresco congelato nel corpo del paziente. Il metodo di trattamento della trasfusione di sangue richiede un approccio responsabile. Per evitare conseguenze pericolose, ci sono regole per la trasfusione di sangue:

1. La trasfusione di sangue dovrebbe avvenire in un ambiente asettico.

2. Prima della procedura, indipendentemente dai dati precedentemente noti, il medico deve condurre personalmente i seguenti studi:

  • determinazione dell'affiliazione al gruppo secondo il sistema AB0;
  • determinazione del fattore Rh;
  • controlla se donatore e ricevente sono compatibili.

3. È vietato utilizzare materiale che non è stato testato per l'AIDS, la sifilide e l'epatite sierica..

4. La massa del materiale prelevato in una volta non deve superare i 500 ml. Un medico dovrebbe soppesarlo. Può essere conservato a una temperatura di 4-9 gradi per 21 giorni.

  • Pasta per torta veloce
  • Perché i barattoli di cetriolo esplodono
  • Succo di melograno: benefici e proprietà

5. Per i neonati, la procedura viene eseguita tenendo conto del dosaggio individuale.

Compatibilità del gruppo sanguigno per la trasfusione

Le regole di base per la trasfusione prevedono una trasfusione di sangue rigorosa per gruppo. Esistono schemi e tabelle speciali per combinare donatori e beneficiari. Secondo il sistema Rh (fattore Rh), il sangue è diviso in positivo e negativo. A una persona con Rh + può essere somministrato Rh-, ma non viceversa, altrimenti porterà all'adesione dei globuli rossi. La tabella mostra la presenza del sistema AB0:

Procedendo da questo, è possibile determinare i modelli di base della trasfusione di sangue. Una persona con un gruppo O (I) è un donatore universale. La presenza del gruppo AB (IV) indica che il proprietario è un destinatario universale, può essere infuso con materiale di qualsiasi gruppo. I titolari di A (II) possono essere trasfusi con O (I) e A (II) e le persone con B (III) - O (I) e B (III).

Tecnica di trasfusione di sangue

Un metodo comune per il trattamento di varie malattie è la trasfusione indiretta di sangue fresco congelato, plasma, piastrine ed eritrociti. È molto importante eseguire correttamente la procedura, rigorosamente secondo le istruzioni approvate. Tale trasfusione viene eseguita utilizzando sistemi di filtri speciali, sono usa e getta. Il medico curante, e non il personale medico junior, ha la piena responsabilità della salute del paziente. Algoritmo di trasfusione di sangue:

  1. La preparazione del paziente per la trasfusione di sangue include l'assunzione di anamnesi. Il medico chiede alla paziente malattie croniche e gravidanze (nelle donne). Effettua i test necessari, determina il gruppo AB0 e il fattore Rh.
  2. Il medico sceglie il materiale del donatore. Lo valuta macroscopicamente per l'idoneità. Ricontrolla per i sistemi AB0 e Rh.
  3. Misure preparatorie. Vengono eseguiti numerosi test per la compatibilità del materiale donatore e del paziente utilizzando un metodo strumentale e biologico.
  4. Trasfusione. Prima della trasfusione, la sacca con il materiale deve essere a temperatura ambiente per 30 minuti. La procedura viene eseguita con un contagocce asettico monouso a una velocità di 35-65 gocce al minuto. Quando si esegue una trasfusione, il paziente deve essere assolutamente calmo..
  5. Il medico compila il protocollo trasfusionale e dà istruzioni al personale infermieristico.
  6. Il ricevente viene monitorato durante il giorno, in particolare per le prime 3 ore.
  • Cognomi russi per donne e uomini
  • Come scegliere uno zaino per una prima elementare
  • Patate francesi al forno - ricette con foto. Come cucinare deliziose patatine fritte

Trasfusione di sangue da una vena al gluteo

La terapia di autoemotrasfusione è abbreviata in autoemoterapia, è una trasfusione di sangue da una vena nel gluteo. È una procedura di trattamento che migliora la salute. La condizione principale è un'iniezione del proprio materiale venoso, che viene eseguita nel muscolo gluteo. Il gluteo dovrebbe riscaldarsi dopo ogni iniezione. Il corso è di 10-12 giorni, durante i quali il volume del materiale ematico iniettato aumenta da 2 ml a 10 ml in una iniezione. L'autoemoterapia è un buon metodo di correzione immunitaria e metabolica del proprio corpo.

Trasfusione di sangue diretta

La medicina moderna utilizza la trasfusione di sangue diretta (direttamente in una vena dal donatore al ricevente) in rari casi di emergenza. I vantaggi di questo metodo sono che il materiale di origine conserva tutte le sue proprietà intrinseche e lo svantaggio è l'hardware complesso. La trasfusione con questo metodo può causare lo sviluppo di embolia venosa e arteriosa. Indicazioni per la trasfusione di sangue: disturbi del sistema di coagulazione con il fallimento di un altro tipo di terapia.

Indicazioni per la trasfusione di sangue

Le principali indicazioni per la trasfusione di sangue:

  • grande perdita di sangue di emergenza;
  • malattie della pelle purulente (acne, foruncoli);
  • Sindrome DIC;
  • sovradosaggio di anticoagulanti indiretti;
  • grave intossicazione;
  • malattie del fegato e dei reni;
  • malattia emolitica del neonato;
  • anemia grave;
  • operazioni chirurgiche.

Trasfusione di sangue

La trasfusione di sangue è una trasfusione di sangue o di componenti del sangue a un ricevente.

Il processo di trasfusione di sangue avviene attraverso i vasi, ma in casi estremi è possibile anche attraverso le arterie. Il materiale può essere sia vero sangue che suoi sostituti. La funzione principale di questa procedura è ripristinare la pressione osmotica, un volume sanguigno vitale, per sostituire le proteine ​​del plasma sanguigno, i leucociti, gli eritrociti. Anche tra le indicazioni per la trasfusione di sangue ci sono infezioni, disturbi ematopoietici, avvelenamenti, ustioni, ecc..

Il sangue utilizzato per la trasfusione può essere pre-raccolto, ma a volte viene utilizzata la trasfusione di sangue diretta.

Durante la trasfusione di sangue, il sangue del donatore e del ricevente deve essere compatibile per una serie di motivi:

La corrispondenza del fattore Rh e del gruppo sanguigno è estremamente importante nella trasfusione di sangue. Circa diversi decenni fa, si credeva che il primo gruppo sanguigno con un fattore Rh negativo fosse adatto per la trasfusione a qualsiasi gruppo. Tuttavia, la scoperta di agglutinogeni ha dimostrato che questa ipotesi non era corretta..

Al momento non esiste un “sangue universale” per le trasfusioni, tuttavia, quando necessario, i medici usano il cosiddetto “sangue blu”. È un sostituto del sangue a base di sostanze speciali.

Complicazioni

  • La coagulopatia (disturbo della coagulazione) è una delle complicazioni estremamente pericolose durante la trasfusione di sangue. Questa complicanza può essere causata sia da una trasfusione di sangue troppo estesa, sia dal risultato di una reazione emolitica. Per la diagnosi, il sangue viene aspirato in una provetta, dopo di che viene agitato per 20 minuti. Se il sangue inizia a coagulare anche un po ', allora si sta verificando una coagulopatia, forse un po'. L'introduzione di farmaci per via endovenosa e il riscaldamento del paziente portano ad un aggravamento della situazione.
  • A seguito della trasfusione di sangue possono svilupparsi brividi e febbre, tuttavia queste anomalie possono essere il risultato di un'infezione che era presente anche prima dell'inizio della procedura, pertanto non è possibile giudicare con precisione le cause di tali complicanze.
  • Anche la complicanza tardiva della trasfusione di sangue è comune. Include complicazioni infettive e sensibilità agli antigeni del sangue. A seguito di trasfusioni di sangue, la presenza di infezione, fino alla trasmissione di HIV ed epatite, è la più comune delle complicanze, che può portare a morte o invalidità.

Istruzione: Laureato in Chirurgia presso la Vitebsk State Medical University. All'università, ha diretto il Consiglio della Società Scientifica Studentesca. Ulteriore perfezionamento nel 2010 - nella specialità "Oncologia" e nel 2011 - nella specialità "Mammologia, forme visive di oncologia".

Esperienza lavorativa: lavoro nella rete medica generale per 3 anni come chirurgo (ospedale di emergenza di Vitebsk, Liozno CRH) e part-time come oncologo e traumatologo regionale. Lavora come rappresentante farmaceutico durante tutto l'anno presso la società Rubicon.

Ha presentato 3 proposte di razionalizzazione sul tema "Ottimizzazione della terapia antibiotica in base alla composizione delle specie della microflora", 2 opere premiate nel concorso repubblicano-revisione dei lavori scientifici degli studenti (1 e 3 categorie).

L'anestesista-rianimatore fornisce le informazioni più importanti sulla trasfusione di sangue, gli scopi e le modalità della sua attuazione

L'emotrasfusione in medicina è considerata una trasfusione di sangue e dei suoi componenti da un donatore (una persona che dona volontariamente il suo sangue) a un ricevente (una persona che riceve questo sangue).

Oggi la pratica della trasfusione di sangue intero è storia. Ora vengono trasfusi solo i componenti del sangue.

Le trasfusioni di sangue sono elementi essenziali nel trattamento di molte malattie e condizioni acute.

Cos'è la trasfusione di sangue

La trasfusione di sangue è una procedura per trasfondere sangue o componenti del sangue. Questa è una manipolazione seria che richiede un medico altamente qualificato e un esame completo del paziente. Viene eseguito solo in un ospedale aperto 24 ore su 24 e sotto la costante supervisione di operatori sanitari.

Sangue e sue funzioni

Il sangue è un tessuto speciale del corpo, che è una sorta di tessuto connettivo ed è costituito da una parte liquida - plasma e cellule - elementi a forma di (eritrociti, piastrine, leucociti). Il sangue scorre attraverso i vasi sanguigni a causa della contrazione ritmica del cuore.

Il volume del sangue di un adulto è di 5 litri per gli uomini e quasi 4 litri per le donne..

Le principali funzioni del sangue:

  • trasporto di sostanze - vari ormoni, sostanze nutritive, calore, ecc.;
  • respirazione - il sangue trasporta ossigeno e anidride carbonica grazie a una sostanza speciale - l'emoglobina, che è contenuta negli eritrociti. Nei polmoni il sangue è saturo di ossigeno, che viene poi consegnato a tutti i tessuti e organi del corpo, dove viene sostituito dall'anidride carbonica;
  • nutrizione: tutti i nutrienti dall'intestino o dal fegato vengono trasportati a organi e tessuti;
  • escrezione - urea, acido urico e altre "scorie";
  • regolazione dello scambio termico - raffreddamento di organi ad alta intensità energetica e riscaldamento di quelli più freddi. A causa del restringimento o dell'espansione dei vasi sanguigni, il sangue trattiene o emette calore;
  • mantenimento dell'omeostasi - mantenimento della stabilità interna del corpo - livello di pH, pressione osmotica, ecc.;
  • protezione - grazie alle cellule del sangue, che fanno parte del sistema immunitario, viene eseguita la lotta contro agenti estranei - batteri, virus, ecc.;
  • regolazione umorale - trasporto di sostanze e ormoni biologicamente attivi.

Gruppi sanguigni

Un gruppo sanguigno è una combinazione di tratti del sangue che sono determinati geneticamente e immunologicamente e sono anche ereditati.

La formazione di un'affiliazione di gruppo avviene già al 3 ° - 4 ° mese di vita intrauterina del feto. Esistono diverse migliaia di gruppi sanguigni, ma i quattro principali secondo il sistema AB0 e il fattore Rh sono di importanza pratica.

Durante la trasfusione di sangue, gli antigeni del sangue possono causare incompatibilità, quindi solo il sangue dello stesso gruppo deve essere trasfuso.

Sistema AB0

Il sistema AB0 è determinato da antigeni speciali: agglutinogeni, che si trovano sugli eritrociti e agglutinine nel siero del sangue.

  • gruppo O (I) - negli eritrociti non ci sono agglutinogeni, nel siero - agglutinine anti-A e anti-B;
  • gruppo A (II) - gli eritrociti contengono l'agglutinogeno A, il siero - l'agglutinina anti-B;
  • gruppo B (III) - gli eritrociti contengono agglutinogeno B, siero - agglutinina anti-A;
  • gruppo AB (IV) - gli eritrociti contengono agglutinogeni A e B, il siero non contiene agglutinine.

Fattore Rh

È un sistema antigenico che si trova sulla superficie degli eritrociti e ha più di 51 specie.

Il più importante di questi è l'antigene D. Più dell'85% della popolazione ha questo antigene sugli eritrociti ed è considerato Rh positivo, e coloro che non lo hanno sono Rh negativo.

Componenti del sangue

Mezzi contenenti eritrociti

  • massa eritrocitaria - contiene, oltre agli eritrociti, una miscela di leucociti, piastrine, proteine ​​plasmatiche e immunocomplessi;
  • eritroconcentrato: plasma, leucociti e piastrine vengono completamente rimossi;
  • sospensione eritrocitaria - eritroconcentrante in una speciale soluzione di risospensione;
  • eritrociti lavati - contengono solo eritrociti;
  • sangue modificato.

Thromboconcentrant

Viene utilizzato quando il livello delle piastrine diminuisce Plasma

Attualmente viene utilizzato plasma fresco congelato, ottenuto per centrifugazione, plasmaferesi del sangue e congelamento istantaneo. Applicato con:

  • Sindrome DIC;
  • sanguinamento massiccio;
  • brucia la malattia;
  • coagulopatia (violazione del sistema di coagulazione del sangue);
  • emofilia;
  • sepsi, ecc.

Il meccanismo d'azione del sangue donato

  • sostituzione del volume di sangue perso. Gli eritrociti donatori ripristinano la funzione di scambio gassoso;
  • effetto emodinamico - c'è un aumento del volume del sangue circolante e della microcircolazione attraverso i capillari. Entro 24 ore, c'è un afflusso di linfa nei vasi, di conseguenza, il volume del sangue aumenta ancora di più;
  • rafforzamento dell'immunità dovuto all'introduzione di leucociti e sostanze biologicamente attive;
  • effetto emostatico - a causa di fattori di coagulazione del sangue.

Preparazioni di sangue

Isolando le frazioni del sangue si ottengono varie preparazioni proteiche:

  • farmaci che hanno un effetto complesso sul corpo:

- l'albumina viene utilizzata per ripristinare il volume del sangue circolante durante il sanguinamento, plasmaferesi, con una diminuzione del contenuto di proteine ​​plasmatiche,

- Le proteine ​​sono prescritte nelle stesse condizioni dell'albumina e hanno anche un effetto antianemico;

  • farmaci che correggono il sistema emostatico:

- crioprecipitato - preparato dal plasma, contiene fattori di coagulazione del sangue ed è utilizzato per l'emofilia A, malattia di von Willebrand,

- complesso protrombinico - ottenuto anche dal plasma, prescritto per l'emofilia B,

- fibrinogeno - contiene una proteina-fibrinogeno, viene utilizzato per il sanguinamento durante il parto, per la prevenzione del sanguinamento nel periodo postoperatorio,

- trombina - applicata localmente per fermare l'emorragia,

- spugna emostatica - fatta di plasma, è una massa porosa che assorbe bene il sangue. È usato per il sanguinamento del fegato, della milza, ecc..,

- fibrinolisina - un farmaco che scompone i coaguli di sangue, fa parte dei farmaci per sciogliere i coaguli di sangue. È usato per infarto miocardico acuto, embolia polmonare;

  • farmaci che influenzano le proprietà immunologiche del corpo (ottenuti dal sangue di persone che hanno subito una malattia infettiva appropriata):

Che cos'è una trasfusione di sangue (trasfusione di sangue), le regole per la conduzione, in che modo la procedura è utile e pericolosa

Una trasfusione di sangue tempestiva salva la vita a persone con malattie gravi, tra cui cancro, anemia, sindrome tromboemorragica e le trasfusioni di emergenza possono salvare anche coloro che hanno perso quasi tutto il proprio sangue.

I tentativi di trasfondere il sangue sono stati effettuati in epoche diverse, ma questo ha portato a conseguenze negative dovute ai processi di rigetto, e solo dopo la scoperta dei gruppi sanguigni e del fattore Rh questo metodo è diventato relativamente sicuro.

Cos'è la trasfusione di sangue?

L'emotrasfusione è una trasfusione di sangue e dei suoi componenti (plasma, cellule del sangue), utilizzata per la perdita di sangue estesa, carenza di componenti del sangue.

Ci sono una serie di regole rigide riguardo a questa procedura medica. Il rispetto di essi riduce i rischi di complicazioni che possono portare alla morte..

Quali sono i tipi di trasfusioni di sangue?

Esistono cinque tipi principali di trasfusione di sangue, a seconda del metodo di trasfusione.

Trasfusione diretta

Il sangue viene prelevato da un donatore preselezionato utilizzando una siringa e viene iniettato direttamente nel paziente. Per evitare che il liquido si coaguli durante la procedura, è possibile utilizzare sostanze che impediscono questo processo.

Visualizzato se:

  • L'infusione indiretta non è stata efficace e le condizioni del paziente sono critiche (shock, perdita di sangue del 30-50%),
  • Un paziente con emofilia ha un'emorragia estesa,
  • Trovate violazioni nei meccanismi emostatici.

Procedura di trasfusione di sangue

Trasfusione di scambio

Durante questa procedura, il sangue viene prelevato dal paziente e contemporaneamente viene iniettato il sangue del donatore. Questo metodo consente di rimuovere rapidamente le sostanze tossiche dal flusso sanguigno e ripristinare la mancanza di elementi del sangue. In alcuni casi, utilizzando questo metodo, viene eseguita una trasfusione di sangue completa..

Effettuato quando:

  • Ittero emolitico nei neonati,
  • Uno stato di shock che si è sviluppato dopo una trasfusione di sangue fallita,
  • Insufficienza renale acuta,
  • Avvelenamento con sostanze tossiche.

Trasfusione del sangue del paziente (autoemotrasfusione).

Prima dell'intervento, viene prelevata una certa quantità di sangue dal paziente, che gli viene poi restituita se l'emorragia si è aperta. Questo metodo, associato all'introduzione del proprio sangue, ha un vantaggio rispetto agli altri, associato all'assenza di effetti negativi che si verificano quando viene introdotto il materiale donatore..

Indicazioni per la trasfusione:

  • Problemi a trovare un donatore adatto,
  • Aumento dei rischi di trasfusione di materiale donato,
  • Caratteristiche individuali (gruppo raro, fenomeno Bombay).

L'autoemotrasfusione ha trovato applicazione nello sport e si chiama doping del sangue: ad un atleta viene iniettato il suo materiale precedentemente sequestrato 4-7 giorni prima della competizione. Ha una serie di effetti negativi e ne è vietato l'uso.

Controindicazioni:

  • Bassa concentrazione di proteine,
  • Insufficienza cardiaca di grado 2 o superiore,
  • Grave deficit di peso,
  • Pressione sistolica inferiore a 100 mm,
  • Malattia mentale accompagnata da ridotta coscienza,
  • Interruzioni nei processi di afflusso di sangue cerebrale,
  • Cancro in fase terminale,
  • Problemi al fegato o ai reni,
  • Reazioni infiammatorie.

Trasfusione indiretta

Il modo più comune per trasfondere il sangue. Il materiale viene preparato in anticipo con l'uso di sostanze speciali che ne prolungano la durata. Quando se ne presenta la necessità, al paziente viene trasfuso sangue idoneo.

Reinfusione

Questa tecnica è considerata parte dell'autoemotrasfusione, poiché al paziente viene iniettato il proprio sangue. Se, durante l'intervento chirurgico, l'emorragia si è aperta e il fluido è entrato in una delle cavità del corpo, viene raccolto e iniettato indietro. Inoltre, questa tecnica viene praticata per lesioni traumatiche di organi interni e vasi sanguigni..

La trasfusione di sangue di reinfusione non viene praticata se:

  • Il sangue è rimasto nella cavità addominale per più di un giorno,
  • Il paziente ha il cancro,
  • Il danno ha colpito gli organi cavi del torace e della zona addominale (intestino, stomaco, vescica, bronchi, esofago, cistifellea).

Il sangue raccolto viene filtrato attraverso otto strati di garza prima della somministrazione. Possono essere applicati altri metodi di pulizia.

Inoltre, la trasfusione di sangue è suddivisa in base alle modalità di somministrazione:

Endovenosa. Si esegue con una siringa (puntura venosa) o con un catetere (venisezione). Il catetere è collegato alla vena succlavia e il materiale del donatore scorre attraverso di essa. Può essere installato a lungo.

La vena succlavia è adatta per il cateterismo, poiché si trova in una posizione comoda, è facile trovarla in qualsiasi circostanza e la velocità del flusso sanguigno in essa è elevata.

Intraarteriosa. Viene eseguito nei seguenti casi: quando il battito cardiaco e la respirazione si sono fermati, che sono stati causati da un'estesa perdita di sangue, con bassa efficienza dell'infusione classica in una vena, con uno stato di shock acuto, durante il quale si verifica una pronunciata diminuzione della pressione sanguigna.

La trasfusione di sangue utilizza le arterie dell'anca e della spalla. In alcuni casi, l'introduzione viene eseguita intra-aortica: il sangue viene inviato all'aorta, la più grande arteria del corpo.

La trasfusione è indicata per la morte clinica, insorta per emorragia volumetrica durante interventi chirurgici al torace, e per salvare vite in altre situazioni critiche, quando la probabilità di morte per grave emorragia è molto alta.

Intracardiaco. Questa procedura viene eseguita in casi estremamente rari quando non ci sono opzioni alternative. Il materiale del donatore viene iniettato nel ventricolo sinistro del cuore.

Intraosseo. Viene utilizzato solo nei casi in cui non sono disponibili altri metodi di trasfusione di sangue: nel trattamento delle ustioni che coprono gran parte del corpo. Le ossa contenenti materiale trabecolare sono adatte per l'introduzione del materiale. Le seguenti zone sono più convenienti per questo scopo: torace, tallone, femore, cresta iliaca.

L'infusione intraossea è lenta a causa della natura della struttura e, per accelerare il processo, viene creata una maggiore pressione nel contenitore con il sangue.

Quando è necessaria la trasfusione di sangue??

A causa dei rischi di trasfusione di sangue, che sono associati all'uno o all'altro grado di sensibilità del corpo ai componenti di materiale estraneo, è stato determinato un rigido elenco di indicazioni e controindicazioni assolute e relative alla procedura.

L'elenco delle indicazioni assolute include situazioni in cui è necessaria una trasfusione di sangue, altrimenti la probabilità di morte è vicina al 100%.

Letture assolute

Grave perdita di sangue (oltre il 15% della quantità totale di sangue). Con una significativa perdita di sangue, la coscienza è disturbata, si osserva un aumento compensatorio della frequenza cardiaca, c'è il rischio di sviluppare condizioni soporose, coma.

Il materiale del donatore ripristina il volume di sangue perso e accelera il recupero.

Grave shock causato da un'eccessiva perdita di sangue o da altri fattori che possono essere alleviati dalla trasfusione di sangue.

Qualsiasi shock richiede un avvio urgente di misure mediche, altrimenti c'è un'alta probabilità di morte.

Quando si interrompe la maggior parte delle condizioni di shock, spesso è necessario materiale da donatore (non sempre sangue intero).

Se viene rilevato uno shock cardiogeno, la trasfusione viene eseguita con cautela.

Anemia, in cui la concentrazione di emoglobina è inferiore a 70 g / l. I tipi gravi di anemia si sviluppano raramente sullo sfondo della malnutrizione, di solito il loro sviluppo è dovuto alla presenza di gravi malattie nel corpo, tra cui neoplasie maligne, tubercolosi, ulcere gastriche, malattie associate a disturbi dei processi di coagulazione.

Inoltre, una grave anemia di tipo post-emorragico si sviluppa sullo sfondo di una grave perdita di sangue. La trasfusione di sangue tempestiva consente di ripristinare il volume perso di emoglobina e elementi preziosi.

Lesioni traumatiche e operazioni chirurgiche complesse in cui si è verificata un'emorragia massiccia. Qualsiasi intervento chirurgico richiede uno stock pre-preparato di sangue del donatore, che verrà trasfuso se durante l'operazione viene violata l'integrità delle pareti dei grandi vasi. Ciò è particolarmente vero per gli interventi complessi, che includono quelli che vengono eseguiti nelle aree di ubicazione delle grandi navi.

L'elenco delle relative indicazioni comprende situazioni in cui la trasfusione di sangue è una misura aggiuntiva insieme ad altre procedure terapeutiche.

Indicazioni relative

Anemia. La trasfusione di sangue è usata per trattare l'anemia di varia gravità.

Questa procedura viene eseguita in presenza di indicazioni speciali, tra cui:

  • Violazioni dei meccanismi di trasporto dell'ossigeno nel sangue venoso,
  • Difetti cardiaci,
  • Emorragia intensa,
  • Insufficienza cardiaca,
  • Cambiamenti aterosclerotici nei vasi del cervello,
  • Malfunzionamento polmonare.

Se è presente un'indicazione (o più di una), si raccomanda la trasfusione.

Emorragie causate da malfunzionamenti nei meccanismi dell'omeostasi. Omeostasi: un sistema che garantisce la conservazione del sangue in forma liquida, controlla i processi di coagulazione e rimuove i resti di sangue coagulato.

Grave intossicazione. In queste situazioni viene utilizzata una trasfusione di sangue di scambio, indicata per la rapida rimozione dei veleni dall'organismo. Efficace nell'eliminazione delle sostanze tossiche che rimangono a lungo nel sangue (acrichina, tetracloruro di carbonio), e nel recupero dopo l'ingestione di sostanze che portano alla degradazione dei globuli rossi (piombo, nitrofenolo, anilina, nitrobenzene, nitrito di sodio).

Stato immunitario basso. Con una carenza di leucociti, il corpo è vulnerabile alle infezioni e in alcuni casi possono essere reintegrati con l'aiuto del materiale del donatore.

Disturbi dei reni. Uno dei sintomi di una grave insufficienza renale è l'anemia. Il suo trattamento non inizia in tutti i casi ed è indicato se una bassa concentrazione di emoglobina può portare allo sviluppo di insufficienza cardiaca..

La trasfusione di sangue per questa patologia fornisce benefici a breve termine e la procedura deve essere ripetuta periodicamente. La trasfusione di globuli rossi è comune.

Insufficienza epatica. La trasfusione di sangue e dei suoi elementi è indicata per la correzione dei disturbi nei meccanismi dell'omeostasi. Effettuato se ci sono prove.

Malattie oncologiche, che sono accompagnate da emorragie interne, disturbi dell'omeostasi, anemia. La trasfusione riduce il rischio di complicanze, allevia le condizioni del paziente e aiuta a riprendersi dalla radioterapia e dalla chemioterapia. Ma il sangue intero non viene trasfuso, poiché ciò accelera la diffusione delle metastasi.

Lesione settica. Nella sepsi, la trasfusione di sangue migliora le difese immunitarie, riduce la gravità dell'intossicazione e viene utilizzata in tutte le fasi del trattamento. Questa procedura non viene eseguita se ci sono gravi disturbi nel funzionamento di cuore, fegato, milza, reni e altri organi, poiché ciò porterà a un peggioramento della condizione.

Malattia emolitica nei neonati. La trasfusione di sangue è un metodo di trattamento chiave per questa patologia sia prima della nascita di un bambino che dopo.

Inoltre, il trattamento trasfusionale viene effettuato con grave tossicosi e malattie settiche purulente..

Il 41% dei malati di cancro riferisce di voler sbarazzarsi della grave stanchezza dovuta all'anemia, che viene trattata mediante trasfusione di componenti del sangue.

Quando la trasfusione è controindicata?

La presenza di controindicazioni alla trasfusione di sangue è dovuta a:

  • Aumento del rischio di rigetto,
  • Aumento dello stress sul cuore e sui vasi sanguigni a causa dell'aumento del volume sanguigno dopo la trasfusione,
  • Esacerbazione di processi infiammatori e maligni a causa dell'accelerazione del metabolismo,
  • Un aumento della quantità di prodotti di degradazione delle proteine, che aumenta il carico sugli organi, le cui funzioni includono l'eliminazione di sostanze tossiche e di scarto dal corpo.

Le controindicazioni assolute includono:

  • Endocardite infettiva in forma acuta o subacuta,
  • Edema polmonare,
  • Disturbi pronunciati nei meccanismi di afflusso di sangue cerebrale,
  • Trombosi,
  • Miocardiosclerosi,
  • Cambiamenti sclerotici nei reni (nefrosclerosi),
  • Miocardite di varie eziologie,
  • Terzo quarto stadio dell'ipertensione,
  • Gravi difetti cardiaci,
  • Emorragia retinica,
  • Gravi cambiamenti aterosclerotici nelle strutture vascolari del cervello,
  • Malattia di Sokolsky-Buyo,
  • Insufficienza epatica,
  • Insufficienza renale.

Emolisi di eritrociti estranei

Con la trasfusione di componenti del sangue, molte controindicazioni assolute diventano relative. Inoltre, la maggior parte delle controindicazioni assolute viene trascurata se il rischio di morte è alto se una trasfusione di sangue viene rifiutata..

Controindicazioni relative:

  • Distrofia amiloide,
  • Alta sensibilità alle proteine, allergie,
  • Tubercolosi polmonare disseminata.

I rappresentanti di alcune religioni (ad esempio i Testimoni di Geova) possono rifiutarsi di trasfondere per motivi religiosi: il loro insegnamento definisce questa procedura inaccettabile.

Il medico curante valuta tutti i pro e i contro, associati a indicazioni e controindicazioni, e decide sull'adeguatezza della procedura.

Quali sono i nomi delle persone che ricevono trasfusioni di sangue??

La persona che riceve il materiale dal donatore è chiamata ricevente. Questo è anche il nome non solo di coloro che ricevono sangue e componenti del sangue, ma anche di coloro a cui vengono trapiantati gli organi di donatori..

Il materiale del donatore viene accuratamente controllato prima dell'uso per ridurre al minimo la probabilità di un esito negativo.

Quali test vengono eseguiti prima della trasfusione di sangue?

Prima di effettuare una trasfusione di sangue, il medico deve prendere le seguenti misure:

  • Un'analisi che consente di determinare a quale gruppo appartiene il sangue del ricevente e qual è il suo fattore Rh. Questa procedura viene sempre eseguita, anche se il paziente afferma di conoscere esattamente le caratteristiche del proprio sangue..
  • Un test per determinare se il materiale del donatore è adatto a un ricevente specifico: campione biologico durante la trasfusione. Quando un ago viene inserito in una vena, vengono iniettati 10-25 ml di materiale del donatore (sangue, plasma o altri componenti). Successivamente, l'afflusso di sangue si interrompe o rallenta e quindi, dopo 3 minuti, vengono iniettati altri 10-25 ml. Se dopo tre iniezioni di sangue il benessere del paziente non è cambiato, il materiale è adatto.
  • Test di Baxter: a un paziente vengono iniettati 30-45 ml di materiale del donatore e dopo 5-10 minuti viene prelevato il sangue da una vena. Viene posto in una centrifuga e quindi viene valutato il suo colore. Se il colore non è cambiato, il sangue è compatibile, se il liquido diventa più pallido, il materiale donatore non è adatto.

Inoltre, in alcuni casi, vengono eseguiti altri test di compatibilità:

  • Campione usando la gelatina,
  • Test di Coombs,
  • Test aereo,
  • Test antiglobulina in due fasi,
  • Test della poliglucina.

Quale medico esegue la trasfusione di sangue?

Ematologo - un medico specializzato in patologie del sangue, sistema ematopoietico.

Le principali funzioni di un ematologo:

  • Trattamento e prevenzione di malattie del sistema circolatorio e degli organi ematopoietici (comprese anemia, leucemia, patologia emostatica),
  • Partecipazione al midollo osseo e agli esami del sangue,
  • Rivelare le caratteristiche del sangue nei casi difficili,
  • Conduzione di test altamente specializzati,
  • Controllo dei processi trasfusionali.

C'è anche un'area separata in medicina che è direttamente correlata ai processi di trasfusione di sangue: la trasfusiologia. I transfusiologi controllano i donatori, controllano il trattamento trasfusionale, raccolgono il sangue.

Quali sono le regole per la trasfusione di sangue?

Le regole generali della procedura includono quanto segue:

  • Il processo di trasfusione di sangue deve essere eseguito in completa disinfezione,
  • La preparazione per la trasfusione dovrebbe includere tutti i campioni e le analisi necessarie,
  • L'uso di sangue donato che non è stato testato per l'infezione è inaccettabile,
  • Il volume di sangue prelevato in una procedura non deve superare i 500 ml. Questo materiale viene conservato per non più di 21 giorni dalla data di rimozione in condizioni di temperatura speciali,
  • Quando si esegue una trasfusione di sangue in un neonato, è necessario osservare un dosaggio rigoroso, determinato individualmente.

Il mancato rispetto di queste regole è pericoloso, poiché porta allo sviluppo di gravi complicazioni nel paziente..

Algoritmo di trasfusione di sangue

Le informazioni su come eseguire correttamente una trasfusione di sangue al fine di prevenire complicazioni sono note da tempo ai medici: esiste uno speciale algoritmo in base al quale viene eseguita la procedura:

  • Viene determinato se esistono controindicazioni e indicazioni per la trasfusione. Il paziente viene anche intervistato, nel corso del quale scoprono se ha ricevuto una trasfusione di sangue prima, e se ha avuto una tale esperienza, se ci sono state complicazioni. Se la paziente è di sesso femminile, è importante durante l'intervista se c'è stata un'esperienza di gravidanze patologiche.
  • Sono in corso studi per scoprire le caratteristiche del sangue del paziente.
  • Viene selezionato un materiale donatore adatto alle caratteristiche. Viene quindi eseguita una valutazione macroscopica per determinarne l'idoneità. Se sono presenti segni di infezione nella fiala (presenza di coaguli, fiocchi, torbidità e altri cambiamenti nel plasma), questo materiale non deve essere utilizzato.
  • Analisi del materiale del donatore secondo il sistema del gruppo sanguigno.
  • Conduzione di test che consentono di scoprire se il materiale del donatore è adatto al ricevente.
  • La trasfusione viene eseguita a goccia e prima dell'inizio della procedura, il materiale del donatore viene riscaldato a 37 gradi o lasciato a temperatura ambiente per 40-45 minuti. Devi gocciolare a una velocità di 40-60 gocce al minuto.
  • Durante la trasfusione di sangue, il paziente è sotto costante supervisione. Quando la procedura è completata, viene trattenuta una piccola quantità di materiale del donatore in modo che possa essere esaminato se il ricevente ha problemi.
  • Il medico compila la storia medica, che include le seguenti informazioni: caratteristiche del sangue (gruppo, rhesus), informazioni sul materiale del donatore, data della procedura, risultati dei test di compatibilità. Se sorgono complicazioni dopo la trasfusione di sangue, questa informazione viene registrata.
  • Dopo la trasfusione di sangue, il ricevente viene monitorato per un giorno, vengono eseguiti anche test delle urine, vengono misurati la pressione sanguigna, la temperatura, il polso. Il giorno successivo, il destinatario dona sangue e urina.

Perché un gruppo sanguigno diverso non può essere trasfuso?

Se a una persona viene iniettato sangue non adatto a lui, inizierà una reazione di rigetto, associata alla reazione del sistema immunitario, che percepisce questo sangue come estraneo. Se viene trasfusa una grande quantità di materiale donatore inappropriato, il paziente morirà. Ma errori di questo tipo sono estremamente rari nella pratica medica..

Anticorpi che influenzano la compatibilità del sangue

Quanto dura una trasfusione di sangue??

La velocità di infusione e la durata totale della procedura dipendono da vari fattori:

  • Metodo di somministrazione selezionato,
  • La quantità di sangue da trasfondere,
  • Caratteristiche e gravità della malattia.

In media, una trasfusione di sangue dura da due a quattro ore.

Come viene eseguita la trasfusione di sangue ai neonati??

Il dosaggio del sangue per un neonato è determinato su base individuale.

Molto spesso, la trasfusione di sangue viene eseguita per trattare la malattia emolitica e ha le seguenti caratteristiche:

  • Viene utilizzato il metodo di scambio di trasfusioni di sangue,
  • Il materiale viene trasfuso o dal primo gruppo o da quello identificato nel bambino,
  • È usato per la trasfusione di massa eritrocitaria,
  • Anche plasma gocciolante e soluzioni che lo sostituiscono,
  • Prima e dopo la procedura, l'albumina viene iniettata in un dosaggio individuale.

Se un bambino è stato trasfuso con un gruppo sanguigno I, il suo sangue acquisisce temporaneamente questo gruppo.

Dove viene preso il sangue?

Le principali fonti di materiale includono:

  • Donazione. Fonte centrale di sangue. Se la diagnosi ha confermato che la persona che vuole donare il sangue è sana, può essere un donatore.
  • Spreco di sangue. Viene rimosso dalla placenta, conservato e utilizzato per la produzione di farmaci, tra cui il fibrinogeno, la trombina. Da una placenta si ottengono circa 200 ml di materiale.
  • Materiale cadavere. Viene ritirato dai morti che non avevano malattie gravi. Il sequestro viene eseguito nelle prime sei ore dopo la morte. Da un corpo è possibile ottenere circa 4-5 litri di materiale, che viene accuratamente controllato per verificarne la conformità agli standard.
  • Autoblood. Il paziente dona il proprio sangue prima di un intervento chirurgico complesso e viene utilizzato se l'emorragia si è aperta. Viene utilizzato anche materiale che è stato versato nella cavità corporea.

Dove posso donare il sangue?

Una persona che vuole donare materiale deve recarsi in uno dei punti di raccolta del sangue del donatore. Lì gli verrà detto quali test devono essere eseguiti e in quali casi è impossibile essere un donatore.

Quali sono i mezzi di trasfusione di sangue?

I mezzi di trasfusione includono tutti i componenti e i farmaci che sono stati creati su base sanguigna e vengono iniettati nei vasi sanguigni.

  • Sangue in scatola. Per preservare il sangue, vengono aggiunti conservanti, stabilizzanti e antibiotici. Il tempo di conservazione è correlato al tipo di conservante. Il periodo massimo è di 36 giorni.
  • Eparinizzato. Contiene eparina, cloruro di sodio e glucosio per stabilizzarlo. Utilizzato nelle prime 24 ore, utilizzato nei dispositivi che forniscono la circolazione sanguigna.
  • Citrato fresco. Al materiale che previene la coagulazione viene aggiunta solo una sostanza stabilizzante, citrato di sodio. Questo sangue viene utilizzato nelle prime 5-7 ore.

Il sangue intero viene utilizzato molto meno frequentemente dei componenti e dei preparati a base di esso e questo è associato a un gran numero di rischi, effetti collaterali e controindicazioni. La trasfusione di emocomponenti e farmaci è più efficace, poiché è possibile agire in modo mirato.

  • Sospensione eritrocitaria. È costituito da globuli rossi e conservante.
  • Globuli rossi congelati. Il plasma e le cellule del sangue vengono rimossi dal sangue utilizzando una centrifuga e soluzioni, ad eccezione degli eritrociti.
  • Massa eritrocitaria. Utilizzando una centrifuga, il sangue viene separato in strati, quindi viene rimosso il 65% del plasma.
  • Massa piastrinica. Ottenuto utilizzando una centrifuga.
  • Massa dei leucociti. L'uso della massa leucocitaria è indicato per lesioni settiche che non possono essere curate con altri metodi, con una bassa concentrazione di leucociti e per ridurre la leucopoiesi dopo la chemioterapia.
  • Plasma liquido. Usato nelle prime 2-3 ore. Contiene elementi benefici e proteine.
  • Plasma secco. Viene realizzato utilizzando un sottovuoto da precedentemente congelato.
  • Proteina. Utilizzato nello sport, fonte di amminoacidi.
  • Albume. Utilizzato per ascite, ustioni gravi e durante il recupero da condizioni di shock.

Eritrociti ed emoglobina

Il materiale trasfusionale viene conservato in contenitori speciali.

Quali sono i rischi della trasfusione di sangue?

Disturbi e malattie dopo la trasfusione di sangue sono solitamente associati a errori medici in qualsiasi fase della preparazione alla procedura.

Le ragioni principali per lo sviluppo di complicanze:

  • Mancata corrispondenza delle caratteristiche del sangue del ricevente e del donatore. Si sviluppa uno shock da trasfusione di sangue.
  • Ipersensibilità agli anticorpi. Si verificano reazioni allergiche, fino allo shock anafilattico.
  • Materiale di scarsa qualità. Avvelenamento da potassio, reazioni febbrili, shock tossico infettivo.
  • Errori nella trasfusione di sangue. Chiusura del lume nel vaso con un trombo o una bolla d'aria.
  • Trasfusione di un volume sanguigno enorme. Avvelenamento da citrato di sodio, sindrome da trasfusione massiva, cuore polmonare.
  • Sangue infetto. Se il materiale del donatore non è stato adeguatamente testato, potrebbe contenere microrganismi patogeni. Le malattie pericolose vengono trasmesse attraverso la trasfusione, che includono l'HIV, l'epatite, la sifilide.

Perché è utile la trasfusione di sangue??

Per capire perché il sangue viene trasfuso, vale la pena considerare gli effetti positivi della procedura..

Il materiale del donatore introdotto nel sistema circolatorio svolge le seguenti funzioni:

  • Sostituzionale. Il volume del sangue viene ripristinato, il che ha un effetto positivo sul lavoro del cuore. I sistemi di trasporto del gas vengono ripristinati e le cellule del sangue fresche svolgono le funzioni di smarrimento.
  • Emodinamica. Il funzionamento del corpo migliora. Il flusso sanguigno aumenta, il cuore lavora più attivamente, la circolazione sanguigna nei piccoli vasi viene ripristinata.
  • Emostatico. L'omeostasi migliora, aumenta la capacità di coagulazione del sangue.
  • Disintossicazione. Il sangue trasfuso accelera la pulizia del corpo dalle sostanze tossiche e aumenta la resistenza.
  • Stimolante. La trasfusione provoca la produzione di corticosteroidi, che influiscono positivamente sia sul sistema immunitario che sulle condizioni generali del paziente.

Nella maggior parte dei casi, gli effetti positivi della procedura superano quelli negativi, soprattutto quando si tratta di salvare vite umane e guarire da gravi malattie. Prima della dimissione dopo una trasfusione di sangue, il medico curante fornirà raccomandazioni in merito a nutrizione, esercizio fisico e prescriverà farmaci.


Articolo Successivo
Fibrillazione atriale