Cos'è la cardialgia?


Data di pubblicazione dell'articolo: 01.06.2018

Data di aggiornamento dell'articolo: 8.06.2019

La cardialgia è una condizione in cui il dolore si verifica nella parte sinistra del torace, nella regione della proiezione del cuore.

Il dolore può essere associato a patologie ischemiche, come infarto e angina pectoris, oa malattie non coronariche, come pericardite batterica, nevralgia e altre..

La sindrome cardialgica, a differenza di altri disturbi nel lavoro del sistema cardiovascolare o nervoso, non è una patologia separata e serve solo come diagnosi primaria. Pertanto, nonostante il fatto che un tale stato di disagio al petto di per sé non sia pericoloso, ciò non significa che sia necessario ignorarlo.

Le manifestazioni di cardialgia servono chiaramente come motivo per andare dal medico per scoprirne le cause alla radice e l'ulteriore terapia.

Segni della malattia

I sintomi della cardialgia non sono specifici e le loro manifestazioni sono simili a quelle di altre malattie cardiache negli adulti. Il più evidente è il dolore nella parte sinistra del torace, che è localizzato nella regione della parte superiore del cuore. Può cedere sotto le ascelle, nella spalla sinistra, sotto la scapola. Quando si cambia la posizione del busto o l'inclinazione, la sindrome del dolore a volte aumenta.

La natura del dolore è di natura diversa, stanno pugnalando, tagliando, sparando, ecc..

Altri sintomi della malattia includono le seguenti condizioni:

  • palpitazioni;
  • tremore degli arti superiori, raramente - convulsioni;
  • intorpidimento delle braccia e delle gambe;
  • sudorazione;
  • sensazione di mancanza di respiro, incapacità di fare un respiro profondo;
  • spasmo laringeo, difficoltà a deglutire;
  • nausea, a volte con vomito, pesantezza allo stomaco;
  • condizioni febbrili;
  • disordine del sonno;
  • vertigini, svenimenti;
  • aumento dell'ansia, senso di paura.

I sintomi variano in gravità. A volte le persone avvertono solo un po 'di fastidio al torace..

La letargia, la depressione senza causa dello spirito è spesso un segno pronunciato di cardialgia..

I pazienti nevrotici spesso aggravano la loro condizione con ansia inutile. Hanno pensieri ossessivi di morte, panico.

Tali pazienti sono caratterizzati da una maggiore attività fisica, che si esprime in movimenti pignoli. Ciò conferma la cardialgia funzionale, in cui non c'è danno miocardico. Dopo l'esame, nei pazienti affetti da un tipo di malattia nevrotica, non vengono registrate violazioni nel lavoro del sistema cardiovascolare.

Cardialgia ha il proprio codice ICD-10 - R07.2 - R07.4. Questi numeri rappresentano dolore al cuore, al petto e dolore non specificato.

Quando il dolore appare nell'area del cuore, è molto importante distinguere i sintomi ed essere in grado di descriverli correttamente per il medico.

Sensazioni di compressione, pressione al petto che non scompaiono dopo l'uso di nitroglicerina sono segni di angina pectoris. Con questa malattia, il paziente deve ricevere cure mediche urgenti..

Motivi di sviluppo

La cardialgia può svilupparsi non solo per ragioni direttamente correlate alla malattia cardiaca, ma anche per altri fattori non cardiaci.

L'origine dei dolori al petto può essere influenzata da patologie degli organi interni, delle vie respiratorie, della colonna vertebrale.

Relativo al cuore

Con tali malattie si verifica un forte dolore nell'area del cuore:

  • Angina pectoris. Una sindrome clinica in cui l'apporto di ossigeno e sostanze nutritive ai vasi coronarici è compromesso.
  • Miocardite. Processo infiammatorio nel muscolo cardiaco.
  • Cardiomiopatia. Danno miocardico, accompagnato da un aumento delle dimensioni del cuore, disturbi del ritmo.
  • Infarto miocardico. Ischemia clinica (IHD), che si verifica con lo sviluppo della necrosi dello strato intermedio del muscolo cardiaco.
  • Ipertrofia dei ventricoli destro o sinistro. Una condizione in cui la metà del cuore aumenta di dimensioni.
  • Pericardite. Infiammazione della membrana sierosa del cuore a causa di disturbi nel lavoro del miocardio.
  • Malattia delle valvole cardiache. Si verifica a causa di un danno all'aorta, che rende difficile la circolazione del sangue nei ventricoli.

Altri fattori

La genesi della cardialgia risiede spesso nei disturbi degli organi adiacenti al cuore. In questo caso, le sensazioni dolorose imitano il dolore cardiaco, irradiandosi in quest'area da un'altra fonte.

Le seguenti patologie causano cardialgia extracardiaca:

  • disturbi del sistema nervoso. Questi includono la nevrosi cardiaca, manifestata da un complesso di disturbi del sistema cardiovascolare.
  • malattie del sistema muscolo-scheletrico. Osteocondrosi, ernia intervertebrale, scoliosi, sindrome di Falconer-Weddel e altri;
  • disfunzione del tratto gastrointestinale - ulcere gastriche e intestinali, ernia del diaframma, esofagite;
  • malattie delle vie respiratorie - bronchite, polmonite, pleurite, ipertensione polmonare;
  • malfunzionamenti del sistema endocrino.

Inoltre, lesioni dell'addome, dei polmoni, della colonna vertebrale possono provocare sensazioni dolorose nel miocardio..

Durante la gravidanza, la menopausa (menopausa), le donne hanno dolori al petto di natura idiopatica. In un bambino, l'inizio della cardialgia può verificarsi durante l'adolescenza, durante un picco ormonale. Tali condizioni scompaiono da sole e non richiedono cure..

Classificazione per forma

Il dolore cardiaco non coronarico è diviso in due tipi, a seconda della patogenesi. Entrambe queste forme passano senza disfunzione del miocardio..

Psicogeno

La cardialgia funzionale viene registrata in un paziente se l'esame non ha rivelato alcun danno alla struttura del muscolo cardiaco e dei vasi coronarici. Quindi l'eziologia più probabile della malattia è un fattore psicogeno. Di solito è visto nei giovani con distonia vascolare vegetativa (VVD).

La forma psicogena si sviluppa sullo sfondo:

  • stress prolungato, depressione;
  • nutrizione impropria;
  • disturbi del sonno e del riposo;
  • aumento dell'attività fisica.

Le ragazze adolescenti con una predisposizione nevrotica sono particolarmente suscettibili al tipo di malattia psicogena.

In tali pazienti compare la cardioneurosi: dolori al petto, interruzioni del ritmo sullo sfondo di esaurimenti nervosi e shock psico-emotivi. I disturbi psicovegetativi nella fase di crisi vegetativa (attacchi di panico) sono spesso accompagnati da tachicardia, crisi ipertensiva e dolore al cuore.

  • dolore della pelle nella zona del torace sinistro;
  • formicolio, sensazione di bruciore in diverse parti del corpo;
  • dolore lancinante nella proiezione del cuore;
  • debolezza generale, sensazione di testa vuota.

I pazienti spesso scambiano tali sensazioni per il vero dolore cardiaco, a seguito del quale sviluppano cardiofobia. Hanno paura di morire per un attacco di cuore o un arresto cardiaco..

Vertebrogenico

La cardialgia vertebrale si sviluppa sullo sfondo di malattie della colonna vertebrale superiore.

Quando i nervi delle vertebre cervicali vengono pizzicati, il dolore si diffonde alle parti del miocardio e ai grandi vasi che vanno ai ventricoli. Per questo motivo, una persona ha una sensazione di compressione o pressione nella regione del cuore..

L'osteocondrosi è una causa comune di questo tipo di malattia. Si sviluppa a causa del fatto che una persona è seduta o sdraiata a disagio per molto tempo.

Con questa patologia, i dischi intervertebrali del rachide cervicale assumono una posizione errata.

La circolazione sanguigna è compromessa, le fibre nervose sono pizzicate. Questo porta a sensazioni dolorose proiettate nella regione miocardica. Il dolore appare quando si cambia la posizione del corpo, si gira la testa, si alzano le braccia.

Una sintomatologia simile è causata dalla sindrome cervicobrachiale. È caratterizzato da danni alle radici cervicali e al plesso brachiale. Questa malattia è comune nelle persone anziane..

Oltre alle sensazioni dolorose nello sterno, i pazienti hanno edema, intorpidimento del braccio sinistro.

La sindrome di Falconer-Weddel, una patologia costoclavicolare, espressa in un restringimento dello spazio tra la clavicola e la prima costola, può anche causare cardialgia. La costola comprime il fascio neurovascolare nella mano sinistra, provocando dolore in esso e nella parte sinistra del torace.

Diagnosi differenziale

Sulla base dei reclami del paziente, vengono prescritte le seguenti misure diagnostiche, in base ai risultati di cui viene fatta una diagnosi preliminare.

Inoltre, durante la diagnosi, viene rivelata una predisposizione ereditaria alle malattie cardiache, la presenza di lesioni, la gravità dei sintomi:

  • Grave dolore cardiaco persistente o lancinante indica un grave danno miocardico.
  • Le sensazioni dolorose durante l'inalazione parlano di nevralgia intercostale.
  • Il sollievo delle condizioni del paziente modificando la posizione del corpo indica problemi alla colonna vertebrale.
  • Sensazione di pienezza al petto, formicolio sotto la scapola può essere un segno di mal di stomaco.

Lo specialista esegue un esame fisico del paziente. Quando si compila l'anamnesi, sono importanti fattori come il tono della pelle, l'eruzione cutanea, l'edema. Il medico misura la pressione sanguigna e il polso. Quindi la persona viene inviata per un esame hardware.

La diagnosi differenziale completa viene eseguita nel dipartimento di cardiologia per chiarire una malattia specifica. Ti consente di separare accuratamente una malattia da un'altra.

Sono in corso i seguenti studi:

  • analisi generale del sangue, delle urine. Consente di identificare la presenza di un processo infiammatorio nel corpo;
  • biochimica del sangue. Mostra la presenza nel biomateriale di sostanze che influenzano la distruzione del miocardio;
  • raggi X. Fornisce un'immagine visiva dello stato degli organi interni;
  • ECG. Secondo il cardiogramma, il medico determina il ritmo del cuore, la correttezza del suo lavoro;
  • ecocardiografia. Verifica i cambiamenti morfologici e funzionali nel miocardio;
  • in casi diagnosticamente poco chiari, vengono prescritte anche la risonanza magnetica e la tomografia computerizzata della regione toracica. Forniscono immagini chiare e dettagliate degli organi interni.

Metodi di trattamento

Per eliminare i sintomi della cardialgia, è necessario curare la malattia sottostante.

Pertanto, il paziente deve essere esaminato da un gastroenterologo, cardiologo, pneumologo o neuropatologo, a seconda di dove lo invierà il terapista..

Solo il medico curante dovrebbe scegliere un regime di trattamento e selezionare i farmaci..

I tentativi di autodiagnosi, o automedicazione, nel caso di questa malattia possono avere conseguenze estremamente negative..

Se c'è una causa sottostante grave, il paziente viene ricoverato in ospedale.

Nelle forme più lievi e come misure preventive, vengono prescritte procedure sanitarie generali: fisioterapia, massaggio, elettroforesi, ecc..

In ogni caso, i metodi di terapia sono selezionati individualmente,

Tecniche di primo soccorso

Il primo soccorso per gli attacchi di cardialgia consiste nel fornire al paziente un afflusso di aria fresca, libero da parti di indumenti che premono sul petto e impediscono la respirazione profonda.

Il paziente viene posto a letto o su qualsiasi superficie piana. Quindi gli danno farmaci che normalizzano il lavoro del sistema cardiovascolare: Corvalol, Validol, Valocordin. Le compresse possono essere ingerite con un po 'd'acqua o succhiate posizionando la compressa sotto la lingua del paziente. Successivamente, è necessario chiamare un'assistenza medica di emergenza..

Cardialgia

Informazione Generale

La cardialgia è una sindrome dolorosa di origine cardiaca. Il dolore non è sempre associato alla patologia organica, ad es. a causa di alcuni difetti anatomici o cardiaci. Si distingue una variante funzionale, che è associata a disturbi nel funzionamento del sistema nervoso e all'attività del muscolo cardiaco del miocardio. Codice Cardialgia secondo mkb-10 - R07.2.

La sindrome può variare in intensità, natura ed essere transitoria. La cardialgia può essere innescata da una varietà di fattori. La sindrome cardiaca non è una patologia separata, a differenza di altri disturbi del sistema nervoso o cardiovascolare, ed è solo una diagnosi primaria. Nonostante il fatto che questa condizione non sia pericolosa, ciò non significa che possa essere ignorata. La patologia richiede un attento esame e una diagnosi finale..

Patogenesi

La sindrome del dolore si verifica a causa dell'irritazione dei recettori che si trovano nel miocardio, nel sacco pericardico o nell'endocardio. Senza una diagnostica e un esame speciali, è impossibile identificare quale sito di tessuto è coinvolto. La localizzazione del dolore non è evidente, sono possibili irradiazione e ritorno al braccio, al collo, alla scapola, all'addome. La sindrome del dolore si forma a seguito dell'esposizione a un fattore negativo.

Questi possono essere processi infiammatori nei reumatismi, miocardite, un processo autoimmune. Lo spasmo delle arterie coronarie è possibile anche in risposta a situazioni di stress. L'intensità della sindrome del dolore non è sempre un indicatore della gravità delle condizioni del paziente. La lombalgia a breve termine è rara per la patologia del sistema cardiovascolare ed è molto spesso di natura neurologica.

Classificazione

Il dolore cardiaco non coronarico è diviso in 2 forme, a seconda della patogenesi. Entrambi i tipi procedono senza disturbi funzionali nel lavoro del miocardio..

Forma psicogena

Se, dopo un esame completo del paziente, non sono stati rilevati cambiamenti nella struttura del cuore, si parla di cardialgia funzionale, nella cui formazione il fattore psicogeno gioca il ruolo principale. Molto spesso, questa forma di cardialgia si osserva nei giovani con distonia vegetativa..

  • violazione del sonno, del lavoro e del riposo;
  • dieta irrazionale e squilibrata;
  • stress e depressione prolungati;
  • attività fisica eccessiva.

La maggior parte delle ragazze con una predisposizione nevrotica sono suscettibili al tipo psicogeno..

Forma verbrogenica

La cardialgia vertebrale è osservata nelle malattie della colonna vertebrale superiore. Il dolore può irradiarsi alla regione del cuore quando le radici nervose del rachide cervicale vengono pizzicate.

Spesso la forma vertebrogenica si sviluppa sullo sfondo dell'osteocondrosi con uno stile di vita sedentario. La posizione dei dischi intervertebrali cambia, le terminazioni nervose vengono pizzicate e la circolazione sanguigna è disturbata. Il dolore aumenta con il sollevamento delle braccia, la rotazione della testa e il cambiamento della posizione del corpo.

Un quadro clinico simile si osserva nella sindrome cervicobrachiale, che è caratterizzata da danni alle terminazioni nervose del plesso brachiale e del rachide cervicale. La patologia è tipica degli anziani. Oltre alla sindrome del dolore, intorpidimento della mano sinistra, gonfiore.

La sindrome di Falconer-Weddel può anche causare cardialgia: questa è una patologia costale-clavicolare, che si esprime in un restringimento dello spazio tra la prima costola e la clavicola. C'è una compressione del fascio neurovascolare nella mano sinistra, che provoca dolore nella metà sinistra del torace.

Le ragioni

La sindrome cardilgica si sviluppa non solo con le malattie cardiache, ma anche per altri motivi non correlati al lavoro del sistema cardiovascolare. I dolori al petto possono essere causati da alterazioni patologiche negli organi interni, colonna vertebrale, sistema respiratorio.

Relativo al cuore

La sindrome del dolore grave può essere associata alle seguenti malattie cardiache:

  • Angina pectoris. La malattia è associata a una violazione della fornitura del miocardio con ossigeno e sostanze nutritive.
  • Miocardite: un processo infiammatorio nel muscolo cardiaco.
  • Infarto miocardico. L'ischemia progressiva provoca la necrosi del muscolo cardiaco.
  • Cardiomiopatia: aumento delle dimensioni delle cavità cardiache e diminuzione della sua funzione di pompaggio.
  • Cardiopatia valvolare.
  • Pericardite.
  • Ipertrofia ventricolare destra o sinistra.

Altri fattori

La sindrome cardiaca può provocare non solo malattie cardiache. In questo caso, il dolore si irradia da un'altra fonte e imita la cardialgia. Patologie che provocano cardialgia extracardiaca:

  • Malattie del sistema muscolo-scheletrico: scoliosi, osteocondrosi, sindrome di Falconer-Weddel, ernia intervertebrale.
  • Disturbi del sistema nervoso (nevrosi del cuore, manifestata da un complesso di disturbi).
  • Disturbi disfunzionali del tratto digerente: ernia del diaframma, lesioni ulcerative dell'intestino e dello stomaco, esofagite.
  • Disturbi del sistema endocrino.
  • Malattie dell'apparato respiratorio: polmonite, bronchite, ipertensione polmonare, pleurite.

La sindrome del dolore può essere causata da lesioni traumatiche alla colonna vertebrale, al sistema polmonare, all'addome.

Le donne durante la menopausa, così come durante la gravidanza, possono avere dolori al petto di natura idiopatica. Nei bambini e negli adolescenti, la sindrome del dolore può essere associata a cambiamenti ormonali e un periodo di crescita attiva. Tali condizioni non richiedono un trattamento specifico e vanno via da sole..

Sintomi di cardialgia

Descrizione dei sintomi della malattia:

  • Carattere. Può essere il più vario, ma più spesso è: pugnalare; dolorante; bruciore; pressatura; pulsante; dolori costrittivi. Alcuni pazienti descrivono i loro sentimenti come un disagio dietro lo sterno, una spiacevole "sensazione del cuore". La gamma di sensazioni di dolore può essere piuttosto ampia, ma nella maggior parte dei casi il dolore è stereotipato..
  • Localizzazione. Molto spesso, la sindrome del dolore è localizzata all'apice del cuore, nella regione precordiale e nell'area del capezzolo sinistro. Alcuni pazienti indicano chiaramente con un dito dove fa male. Si può osservare la migrazione del dolore e la sindrome può anche avere una localizzazione stabile. La cardialgia può verificarsi al centro del torace, dietro lo sterno.
  • Flusso. I dolori sono di natura ondulata e non si prestano all'assunzione di nitroglicerina. La sindrome del dolore non è associata all'attività fisica. Il disagio dietro lo sterno è fugace, prolungato, a breve termine, frequente.
  • Irradiazione. Il dolore può essere dato all'ipocondrio sinistro, al braccio, sotto la scapola. Con la cardialgia psicogena, la sindrome del dolore si irradia alla regione ascellare. Spesso, l'irritazione si osserva nella metà destra del torace, nella regione lombare. L'irradiazione alla mascella inferiore e ai denti non è caratteristica (si dovrebbe sospettare l'angina pectoris).

Analisi e diagnostica

Il lavoro con i pazienti che lamentano dolore toracico inizia escludendo le malattie acute e potenzialmente letali:

  • sindrome coronarica acuta;
  • angina pectoris microvascolare;
  • spasmo vascolare;
  • dissezione aortica o malattia coronarica;
  • malattia microvascolare;
  • pericardite;
  • malattie indotte da farmaci;
  • patologia autoimmune;
  • tamponamento cardiaco;
  • insufficienza cardiaca acuta;
  • embolia polmonare;
  • pneumotorace;
  • polmonite;
  • rottura dell'esofago, ecc..

Quando si valutano le condizioni di un paziente con cardialgia nel pronto soccorso, sono inizialmente guidati dalla stabilità dei parametri emodinamici. L'esame clinico e la raccolta dell'anamnesi consente di determinare la presenza di edema, la localizzazione del dolore, la sua natura. Quando si valuta la stabilità emodinamica, è necessario confermare o escludere condizioni pericolose per la vita. In qualsiasi paziente, viene valutata la funzione della respirazione e della circolazione sanguigna, un ECG, un esame del sangue biochimico, una radiografia del torace e l'ecocardiografia vengono eseguiti secondo necessità.

In un ambiente ambulatoriale, una storia dettagliata e dati dell'esame obiettivo sono importanti, che aiutano a determinare l'ulteriore ricerca diagnostica. Se viene rilevata una sindrome del dolore di natura cardiogena, il paziente viene sottoposto a un esame approfondito da parte di un cardiologo in una clinica ambulatoriale o in un ospedale, a seconda della prognosi della malattia e della gravità della condizione. Se la sindrome del dolore è associata a danni al tratto digerente, disturbi mentali o danni all'apparato muscolo-scheletrico e respiratorio, il paziente viene indirizzato secondo il profilo allo specialista appropriato per la selezione della terapia e l'ulteriore osservazione.

È abbastanza difficile riconoscere e differenziare il dolore toracico non cardiaco e, se la ricerca diagnostica viene interrotta prematuramente, soprattutto nelle persone con disturbi mentali, il rischio di sviluppare patologie gravi, comprese le malattie del sistema cardiovascolare, aumenta in modo significativo. Per la diagnosi tempestiva della cardialgia psicogena, è importante ricordare le caratteristiche del suo decorso clinico e valutare adeguatamente il background psico-vegetativo del paziente.

Trattamento cardialgia

La terapia per la condizione viene sempre eseguita sotto la supervisione del medico curante. Con la distonia neurocircolatoria, i sedativi sono prescritti sulla base di motherwort, valeriana, viene eseguita una terapia vitaminica complessa. Inoltre, si consiglia di normalizzare la modalità di lavoro, dormire e riposare, trascorrere più tempo all'aria aperta, camminare, eseguire procedure per il rafforzamento generale del corpo (ginnastica, indurimento).

Cardialgia

La cardialgia è una condizione patologica caratterizzata dall'insorgenza di dolore nella parte sinistra del torace, che non è associata ad angina pectoris o infarto. Va notato che questa non è un'unità nosologica indipendente, ma una manifestazione di un gran numero di condizioni diverse di origine sia cardiaca che non cardiaca..

Di solito, la cardialgia funzionale non rappresenta un pericolo per la salute e la vita del paziente, ma questo non significa affatto che non debba essere trattata. In realtà, questa condizione è una conseguenza di disturbi che stanno già progredendo nel corpo umano. Prima di tutto, devi occuparti del loro trattamento..

È importante essere in grado di distinguere il dolore nella cardialgia dal dolore nell'angina pectoris. Se i dolori nell'area di proiezione del cuore sono di carattere schiacciante e pressante, compaiono più spesso dopo un forte fisico. carichi che non vengono fermati prendendo nitroglicerina: questa è l'angina pectoris. Questa condizione richiede cure mediche immediate..

Eziologia

Le ragioni della progressione della cardialgia sono convenzionalmente suddivise in cardiache ed extracardiache.

  • ipertrofia miocardica;
  • lesioni endocardiche;
  • miocardite;
  • cardiomiopatia disormonale;
  • lesioni pericardiche.
  • disturbi del sistema nervoso centrale. La progressione della cardialgia può essere innescata da distonia neurocircolatoria, osteocondrosi cervicale o toracica, ernia dei dischi intervertebrali, sindrome cervicobrachiale, trauma alle terminazioni nervose intercostali;
  • disturbi gastrointestinali: ernia diaframmatica, posizione elevata del diaframma, spasmo esofageo, ulcere gastriche e duodenali;
  • patologie dell'apparato muscolo-scheletrico: sindrome di Tietze, trauma costale di varia gravità;
  • disturbi dell'apparato respiratorio: pleurite, bronchite, tracheite, pleuropolmonite, ipertensione polmonare;
  • patologia degli organi mediastinici;
  • disfunzione degli organi del sistema endocrino;
  • trauma addominale di varia gravità.

Varietà

Forma psicogena

La cardialgia psicogena progredisce in una persona sullo sfondo della depressione o di un grave shock emotivo. Il paziente presenta i seguenti sintomi:

  • bruciore e dolore nella regione della proiezione del cuore e nell'ipocondrio sinistro. La persona nota che ha una sensazione di pienezza nel petto o, al contrario, - vuoto;
  • il dolore è costante, pulsante;
  • aumenta la sensibilità della pelle nell'area del capezzolo sinistro;
  • con la forma psicogena della malattia, il dolore può irradiarsi non solo al collo, alla colonna vertebrale o alla parte bassa della schiena, ma anche ai genitali.

Spesso la sindrome del dolore è accompagnata dalla manifestazione delle seguenti sensazioni spiacevoli in alcune parti del corpo:

  • formicolio;
  • brividi striscianti;
  • intorpidimento;
  • formicolio.

Forma verbrogenica

La cardialgia vertebrale si sviluppa quando viene colpita la colonna cervicale. La sindrome del dolore si manifesta quando le radici nervose che escono da questa parte della colonna vertebrale vengono compresse. Queste fibre nervose hanno un effetto riflesso sul cuore e sui vasi sanguigni coronarici, a causa del quale c'è dolore pressante o doloroso nell'area di proiezione del muscolo cardiaco.

Tali disturbi possono provocare lo sviluppo di questa forma di patologia:

  • osteocondrosi. Con la progressione di questa malattia, si nota la sostituzione del tessuto cartilagineo dei dischi intervertebrali con tessuto osseo. Di conseguenza, la circolazione sanguigna è compromessa e la pressione sulle fibre nervose aumenta. Con l'osteocondrosi, si verifica dolore simpatico o radiale. La causa principale del dolore radiale nell'osteocondrosi è il danno alle radici dei nervi vertebrali. In questo caso, c'è un dolore lancinante, acuto o, al contrario, un dolore sordo e tirante. La manifestazione di un tale sintomo ha una ragione specifica: una lunga permanenza di una persona in una posizione scomoda per lui o movimenti improvvisi. È interessante notare che il paziente può indicare chiaramente la localizzazione della sindrome del dolore. Il dolore simpatico nell'osteocondrosi si manifesta senza una ragione apparente. Il suo personaggio è stupido. La sindrome del dolore è accompagnata dai seguenti sintomi: aumento della sudorazione, iperemia, aumento della pressione sanguigna;
  • spondiloartrosi. Meno spesso diventa la causa della progressione della malattia rispetto all'osteocondrosi. A causa dello sviluppo della spondiloartrosi, la cartilagine ialina è deformata e infiammata. L'infiammazione provoca la comparsa di nuove escrescenze ossee, che aumenta la pressione sulle radici dei nervi spinali. Compaiono i sintomi della cardialgia.

Sintomi

Con la progressione della malattia compaiono i seguenti sintomi:

  • sindrome del dolore localizzata nella metà sinistra del torace, dietro lo sterno. Raramente in quali casi il dolore si manifesta sotto l'ascella. È interessante notare che il dolore dipende direttamente dalla posizione del corpo della persona. Ad esempio, può aumentare se una persona si inclina in avanti o alza la mano sinistra;
  • disturbi del sonno;
  • senso di ansia;
  • violazione del riflesso della deglutizione;
  • oscuramento negli occhi;
  • il paziente non può respirare completamente, quindi ha una sensazione di mancanza d'aria;
  • nei casi più gravi, è possibile sviluppare vertigini o convulsioni;
  • se i sintomi della malattia compaiono in uno stato di completo riposo, ciò può indicare la progressione della distonia neurocircolare. In questo caso, i seguenti sintomi si uniscono alla clinica principale: stanchezza costante, debolezza, letargia, diminuzione delle prestazioni.

Diagnostica

In caso di dolore alla proiezione del cuore, è importante visitare immediatamente un istituto medico per una diagnosi completa di questa condizione, poiché un tale sintomo può indicare sia la cardialgia che la presenza di patologie del sistema cardiovascolare. Solo uno specialista qualificato sarà in grado di effettuare una diagnosi differenziale competente e prescrivere un trattamento adeguato.

Il piano standard per la diagnosi della cardialgia comprende i seguenti esami:

  • ecocardiografia;
  • raggi X;
  • EGD dello stomaco;
  • ECG;
  • Ultrasuoni;
  • Risonanza magnetica del cuore;
  • TC del cuore.

Attività di guarigione

Il trattamento della cardialgia viene prescritto dopo che è stata stabilita la causa del suo sviluppo. La terapia di base è sempre finalizzata al trattamento del disturbo che ha causato la comparsa di dolore nella proiezione del muscolo cardiaco.

  • mettere a letto il paziente;
  • togliersi i vestiti che possono costringere il petto;
  • dagli una pillola di Pentalgin, validol. Un buon effetto è dato dall'adozione delle gocce "Corvalol".

Se queste misure si sono rivelate inefficaci, chiamano un'ambulanza, che porterà la vittima in ospedale per ulteriori cure. Se la causa della cardialgia è la distonia neurocircolatoria, i seguenti farmaci sono inclusi nel piano di trattamento:

  • sedativi;
  • complessi multivitaminici;
  • antidolorifici - devono essere inclusi nel piano di trattamento per alleviare il dolore.

La chiave per il successo del trattamento della patologia è la normalizzazione del riposo e del sonno, nonché una buona alimentazione. È anche importante abbandonare le cattive abitudini: non assumere bevande alcoliche, non fumare e non consumare droghe forti. Di solito, il trattamento della malattia viene effettuato in un ospedale in modo che i medici possano controllare se c'è o meno un trend positivo. In caso contrario, il piano di trattamento viene adeguato e, se necessario, vengono prescritti ulteriori metodi di esame..

Va notato che molti pazienti preferiscono i farmaci tradizionali perché sono naturali e relativamente economici. È vietato assumere tali farmaci per il trattamento della cardialgia senza il permesso del medico curante, poiché è possibile solo aggravare il decorso della patologia. Il piano di trattamento è prescritto solo dal medico e solo lui può, se necessario, includere tali fondi..

Sintomi della cardialgia funzionale: cause di patologia, metodi di trattamento

I problemi con il sistema cardiovascolare sono al primo posto tra le malattie mortali. Pertanto, l'atteggiamento di medici e pazienti nei confronti di questa malattia è piuttosto severo. Ma non sempre i dolori al petto sono causati da malattie cardiache. Alla prima visita dal medico con lamentele di disagio dal cuore, la diagnosi primaria è solitamente la cardialgia. Una tale condizione di solito non rappresenta una seria minaccia, ma è necessaria una consulenza specialistica per escludere una patologia più grave.

Atteggiamento nell'ICD

Nella Classificazione Statistica Internazionale, il termine appartiene alla classe dei "sintomi e segni" indicanti una possibile patologia degli organi circolatorio e respiratorio, con un codice in ICD-10 R07.2. Si richiama l'attenzione sul fatto che i sintomi della cardialgia non dovrebbero coincidere con alcuna malattia inclusa in altre classi.

Ciò significa che il termine può essere ufficialmente utilizzato nella diagnosi differenziale di varie malattie, ma non nei casi di patologia coronarica evidente (angina pectoris, infarto del miocardio).

Cause della comparsa di cardialgia

  • osteocondrosi;
  • malattie dell'apparato digerente;
  • processi infiammatori nel corpo - miocardite, pericardite;
  • malattie cardiache, escluse le lesioni vascolari;
  • malattie della colonna vertebrale e delle costole;
  • ipertrofia di alcune parti del cuore;
  • ha subito lesioni al torace;
  • disturbi metabolici del corpo

Come si può vedere da quanto sopra, una malattia come la cardialgia può manifestarsi per una serie di motivi. È importante sapere che i sintomi di cardialgia che abbiamo descritto che sono comparsi non sono necessariamente precursori di gravi complicazioni, ma, tuttavia, anche l'automedicazione è sconsigliata. L'opzione migliore se si ha disagio nella parte sinistra del torace, che è un sintomo di cardialgia, è contattare un cardiologo esperto che condurrà l'esame necessario e determinerà cosa ha causato la cardialgia, se i suoi sintomi rappresentano una minaccia per la vita del paziente e cosa deve essere fatto per sbarazzarsi di sensazioni spiacevoli.

Come si forma la cardialgia??

Il meccanismo di formazione del dolore è sempre associato all'irritazione delle terminazioni nervose (recettori), di cui ce ne sono milioni nel cuore. Si trovano in tutti gli organi, nel tessuto muscolare, nei vasi sanguigni e nel cuore stesso. Perché si verifichi dolore, gli impulsi devono andare al midollo spinale e quindi alla corteccia della parte occipitale del cervello.

Le cellule nervose (neuroni) "decidono" come valutare i segnali, se rispondere a loro, se il sistema endocrino deve essere collegato alla soluzione del problema e le fibre simpatiche devono essere attivate. La risposta al dolore si manifesta come:

  • costrizione delle pupille;
  • battito cardiaco accelerato;
  • arrossamento o pelle pallida;
  • aumento della sudorazione;
  • respirazione rapida;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • ipertermia.

Il livello di adrenalina nel sangue aumenta necessariamente, gli ormoni tiroidei e l'insulina nel pancreas iniziano a essere prodotti più intensamente.

La Cardialgia segue lo stesso percorso. Tuttavia, è necessario notare una caratteristica del riconoscimento degli impulsi. Il fatto è che, entrando nei centri spinali, gli impulsi dei vasi coronarici si diffondono immediatamente in un'area significativa. I segnali da altri organi e muscoli arrivano qui.


Pertanto, il midollo spinale può fungere da risonatore per vari organi.

Di conseguenza, il cervello può riconoscere con precisione l'origine della sindrome del dolore cardiaco solo con un'eccessiva irritazione (nel caso dell'angina pectoris, attacco cardiaco acuto). Altri dolori dovrebbero essere attribuiti alla cardialgia di origine non cardiaca..

Raccomandazioni per evitare la malattia

Affinché la cardialgia lasci il tuo corpo, devi rivedere la tua dieta. Poiché è molto importante nel processo di guarigione. Pertanto, è necessario bilanciare la dieta, migliorando così il metabolismo del corpo..

La dieta dovrebbe contenere i seguenti alimenti:

  • Porridge di grano saraceno - contiene molte proteine. Il grano saraceno contiene grassi polinsaturi, che abbassano i livelli di colesterolo nel sangue e accelerano il metabolismo.
  • Porridge di grano: favorisce la normale digestione e purifica il corpo dalle tossine e dalle tossine.
  • Alghe marine, che contengono molto fluoro, iodio, fosforo, sodio e magnesio. Inoltre accelera il metabolismo nel corpo;
  • Verdure e frutta che contengono


ci sono molte vitamine e minerali;

  • Pesce - è un prodotto molto salutare perché contiene una grande quantità di proteine ​​e un basso contenuto di grassi;
  • È necessario bere almeno 2 litri di liquido al giorno;
  • Prodotti lattiero-caseari ricchi di lattosio;
  • Farina d'avena - è molto soddisfacente e contiene anche una grande quantità di sostanze che aumentano la resistenza del corpo a varie infezioni.
  • È necessario evitare bevande che contengono una grande quantità di caffeina, perché rimuovono i liquidi in eccesso dal corpo. È inoltre necessario limitare un gran numero di prodotti dolci, di farina e di pasticceria..

    Il ritmo della vita è particolarmente importante. È necessario trascorrere abbastanza tempo all'aria aperta, ottenere quante più emozioni positive possibili, non bere bevande alcoliche e non lasciarsi trasportare dai prodotti del tabacco.

    Cosa può causare cardialgia?

    I medici incontrano più spesso dolore nell'area del cuore quando:

    • miosite: infiammazione o stiramento del muscolo pettorale;
    • plessite - una malattia dei nervi del cingolo scapolare superiore;
    • nevralgia intercostale (radicolite) - con trauma e infiammazione delle radici che emergono dal midollo spinale lungo le costole sinistre;
    • pericardite essudativa - un'infiammazione infettiva del guscio esterno del cuore;
    • dissezione dell'aneurisma aortico;
    • pleurite e aderenze pleuriche;
    • ulcera allo stomaco;
    • pancreatite e colecistite;
    • osteocondrosi del rachide cervico-toracico;
    • costole rotte;
    • esofagite - infiammazione dell'esofago;
    • ernia iatale.

    La cardialgia neurogena più difficile da identificare associata a uno stato nevrotico, i disturbi mentali.

    Il dolore al cuore può essere preoccupante per bambini e adolescenti. Quando li si esamina, è imperativo escludere la miocardite a causa di infezioni passate, distonia vascolare vegetativa. Cardialgia funzionale - è determinata se la sindrome del dolore è associata a deviazioni temporanee legate all'età nello sviluppo fisico, squilibrio ormonale negli adolescenti, con disturbi del climaterio. Allo stesso tempo, l'esame non mostra malattie organiche..

    Alcuni autori si riferiscono a funzionali come tutti i casi di cardialgia che non sono associati a malattie del cuore e dei vasi sanguigni..

    Il quadro clinico del dolore cardiaco non coronarico

    Quando si analizza la natura del dolore, è necessario tenere conto della dipendenza individuale di ogni persona dalla soglia della percezione del dolore, della sensibilità e dello stato del sistema nervoso. I reclami dei pazienti possono sembrare molto colorati, descrivere emotivamente, ma non hanno segni oggettivi di dolore.

    E altre persone "silenziose" hanno la pazienza di resistere alla fila alla reception e di mettere letteralmente una mano immobilizzata sul tavolo. Analizzeremo le manifestazioni più tipiche della sindrome cardialgica nella sua connessione con le cause.

    Sindrome cardiaca X: che cos'è, cause, diagnosi, trattamento

    Esistono molte cause e meccanismi noti che portano alla sindrome cardiaca X, inclusi i seguenti:

    • Disfunzione endoteliale (angina microvascolare)
    • Ischemia miocardica
    • Resistenza all'insulina
    • Controllo autonomo anormale
    • Cambiamento della sensibilità al dolore
    • Carenza di livelli di estrogeni

    Circa il 20-30% delle persone che si sottopongono ad angiografia coronarica per esaminare il dolore toracico da angina possono avere una malattia coronarica non ostruttiva.

    La sindrome cardiaca X è più comune nelle donne che negli uomini. La sindrome cardiaca X è comune nelle donne in menopausa e in postmenopausa.

    Disfunzione endoteliale

    La disfunzione endoteliale nella sindrome cardiaca X sembra essere multifattoriale ed è associata a vari fattori di rischio, come fumo, obesità, ipercolesterolemia e infiammazione. Livelli ridotti di colesterolo lipoproteico ad alta densità (HDL-C) sono probabilmente associati a infiammazione sistemica nella sindrome cardiaca X; ha scoperto che livelli elevati di proteina C reattiva nel plasma, un segno di infiammazione, sono associati all'attività della malattia e alla disfunzione endoteliale.

    La disfunzione endoteliale, con ridotta biodisponibilità dell'ossido nitrico endogeno e aumento dei livelli plasmatici di endotelina-1 (ET-1), può spiegare, almeno in parte, lo stato anormale della rete microvascolare coronarica nella sindrome cardiaca X.

    Resistenza all'insulina

    Diversi studi clinici hanno confermato la presenza di iperinsulinemia in molti pazienti con sindrome cardiaca X. Inoltre, è stato riscontrato che la metformina migliora la funzione vascolare e riduce l'ischemia miocardica nelle donne con dolore toracico che non hanno il diabete e arterie coronarie normali all'angiografia.

    Controllo autonomo anormale

    Anomalie del sistema nervoso autonomo, caratterizzato da iperattività adrenergica e disfunzione dei barocettori, sono state riscontrate in diversi studi clinici. Nelle persone con sindrome cardiaca, è stato dimostrato un miglioramento della riserva di flusso sanguigno coronarico come risultato del blocco α-adrenergico con doxazosina.

    Disturbo della sensibilità cardiaca dolorosa

    Numerosi studi hanno dimostrato che le anomalie nella percezione del dolore sono una delle principali anomalie negli individui con dolore toracico e risultati normali di angiografia coronarica. L'elaborazione neurale centrale alterata dei segnali afferenti può contribuire alla percezione anormale del dolore in questi pazienti (diminuzione della soglia del dolore).

    Carenza di ormoni estrogeni

    La sindrome cardiaca X è comune nelle donne in menopausa o in postmenopausa, suggerendo un ruolo patogeno per la carenza di ormoni estrogeni. Nelle donne in postmenopausa con sindrome cardiaca X, la terapia sostitutiva con estrogeni migliora la funzione endoteliale coronarica, riduce l'incidenza di angina e migliora l'angina indotta dall'esercizio.

    Dolore, tiro o addirittura, nella zona del torace è un sintomo comune di distonia vegetativa-vascolare, cioè una manifestazione fisica di un disturbo d'ansia.

    Cardialgia nella cardiopatia non coronarica

    Oltre alla malattia ischemica, esiste un'altra patologia accompagnata da dolore al cuore.

    La miocardite è una sindrome dolorosa instabile, lieve, la malattia viene rilevata da disturbi del ritmo, segni di scompenso cardiaco:

    • tachicardie,
    • mancanza di respiro a riposo,
    • gonfiore ai piedi.

    Nella diagnosi, è importante scoprire la connessione con una malattia infettiva trasferita di recente (influenza, ARVI, scarlattina, tonsillite).

    Versamento pericardico: i dolori assomigliano all'angina pectoris, ma durano molto più a lungo, non sono alleviati dalla nitroglicerina. Possono essere "stupidi" in natura. Sono accompagnati dalla compressione dell'esofago, quindi il paziente ha difficoltà a deglutire. Il viso del paziente è fortemente cianotico, la mancanza di respiro è significativamente pronunciata.

    Un altro articolo: Pressare il dolore nel cuore

    Aneurisma aortico: il dolore è permanente se i nervi vicini sono coinvolti nel processo infiammatorio e instabile se nella fase iniziale si verifica solo la compressione durante un cambiamento di posizione del corpo. Sono dati alla spalla, al braccio sinistro e alla scapola, zona interscapolare. Sono accompagnati da raucedine, tosse secca, singhiozzo. La compressione dei nervi e delle vene adiacenti provoca:

    • gonfiore del viso, del collo;
    • costrizione della pupilla e retrazione nel bulbo oculare;
    • espansione o restringimento dei vasi della metà sinistra della testa, del collo;
    • tono della pelle cianotico.

    Con la dissezione dell'aneurisma, il dolore si manifesta all'improvviso, è di natura tagliente ed è spesso associato allo sforzo fisico. È possibile un'immagine di shock:

    • dolce freddo,
    • calo di pressione,
    • perdita di conoscenza,
    • convulsioni.

    Questo video ti aiuterà a riconoscere i sintomi di diversi tipi di cardialgie:

    Come la cardialgia si combina con le malattie del sistema nervoso periferico?

    Le malattie del sistema nervoso periferico sono causate da una patologia del midollo spinale e dei nervi (radici) che si estendono da esso. È necessario distinguere tra:

    • cardialgia vertebrogenica causata da cambiamenti nella colonna vertebrale con osteocondrosi;
    • radicolite: infiammazione delle radici in uscita;
    • plessite - infiammazione del plesso nervoso nella parte anteriore dell'articolazione della spalla;
    • miosite: danno alle terminazioni nervose nei muscoli.

    L'osteocondrosi della colonna cervico-toracica con la crescita delle spine ossee sui processi, la compressione del disco intervertebrale è più spesso la causa del dolore da radicolite.


    Le radici nervose subiscono irritazione meccanica e danno sintomi di cardialgia.

    Il dolore è caratterizzato come:

    • bruciore, simile a scosse elettriche;
    • diffondere lungo la mano sinistra nella mano;
    • provocato da cambiamenti nella posizione del corpo (inclinazioni, svolte);
    • aggravato da tosse, starnuti;
    • può essere accompagnato da mal di testa e vertigini dovuti alla compressione dell'arteria vertebrale e all'ischemia cerebrale;
    • nell'area delle vertebre alterate c'è una diminuzione della sensibilità cutanea.

    La plessite è accompagnata dalla diffusione del dolore lungo la superficie anteriore del torace nella parte superiore dalla regione succlavia verso il basso e lungo il braccio sinistro. L'arto è limitato nei movimenti a causa del forte dolore, è particolarmente difficile sollevare la spalla e spostare indietro il braccio teso.

    La nevralgia intercostale o radicolite del torace si manifesta con dolore alla cintura di tipo "lancinante" o costante lungo la costola. Aumentano con:

    • tosse e starnuti;
    • ipotermia;
    • respiro profondo;
    • movimenti improvvisi del corpo.

    La miosite è caratterizzata da una connessione con lesioni, sovratensione durante l'esercizio. Il dolore è costante, la palpazione determina il sito doloroso massimo, che corrisponde all'ematoma sottocutaneo formato da un livido.

    Tutti i segni neurologici possono essere rilevati durante l'esame da un neurologo da un cambiamento nel tono muscolare, perdita o aumento della sensibilità, sintomi specifici.

    Eziologia

    Le ragioni della progressione della cardialgia sono convenzionalmente suddivise in cardiache ed extracardiache.

    • ipertrofia miocardica;
    • lesioni endocardiche;
    • miocardite;
    • cardiomiopatia disormonale;
    • lesioni pericardiche.
    • disturbi del sistema nervoso centrale. La progressione della cardialgia può essere innescata da distonia neurocircolatoria, osteocondrosi cervicale o toracica, ernia dei dischi intervertebrali, sindrome cervicobrachiale, trauma alle terminazioni nervose intercostali;
    • disturbi gastrointestinali: ernia diaframmatica, posizione elevata del diaframma, spasmo esofageo, ulcere gastriche e duodenali;
    • patologie dell'apparato muscolo-scheletrico: sindrome di Tietze, trauma costale di varia gravità;
    • disturbi dell'apparato respiratorio: pleurite, bronchite, tracheite, pleuropolmonite, ipertensione polmonare;
    • patologia degli organi mediastinici;
    • disfunzione degli organi del sistema endocrino;
    • trauma addominale di varia gravità.

    Come le malattie respiratorie imitano il dolore al cuore?

    Le malattie dei polmoni e della pleura di natura infiammatoria molto spesso imitano la cardialgia con:

    • pleurite con versamento nella cavità pleurica;
    • pleuropolmonite groppa del lato sinistro;
    • pneumotorace sinistro (penetrazione dell'aria nella cavità pleurica con compressione del polmone).

    Se l'esordio è causato da polmonite, allora, oltre al dolore, il paziente avrà febbre alta, tosse con espettorato, segni di intossicazione. Il dolore massimo si verifica quando si cerca di fare un respiro profondo. Per questo motivo, la respirazione del paziente è superficiale.


    La pleurite del lato sinistro può essere rilevata mediante radiografia

    Lo pneumotorace si verifica durante il trauma, in pazienti con tubercolosi cavernosa. La condizione è equiparata allo shock, il dolore è molto intenso. A causa della compressione del polmone nel paziente, grave insufficienza respiratoria con soffocamento.

    Sintomi secondari della malattia

    Oltre al dolore, i pazienti hanno altre manifestazioni della malattia:

    • vertigini,
    • stordimento,
    • sudorazione,
    • debolezza,
    • estremità fredde.

    Questa sintomatologia è tipica della distonia. Con malattie di altri organi, sono possibili le seguenti manifestazioni:

    • bruciore di stomaco,
    • nausea,
    • disturbo delle feci,
    • aumento della temperatura,
    • tosse,
    • rigidità di movimento.

    Avendo la massima informazione sui sintomi, il medico sarà in grado di diagnosticare e, in base a ciò, scegliere un trattamento efficace.

    Che aspetto ha la cardialgia in caso di malattie dell'apparato digerente?

    La cardialgia causata da malattie dell'apparato digerente, procede con manifestazioni dolorose, il più delle volte associate all'assunzione di cibo, eccesso di cibo. Accompagnato da:

    • nausea,
    • bruciore di stomaco,
    • eruttazione,
    • vomito,
    • gonfiore,
    • disturbo delle feci.

    L'infiammazione dell'esofago nella parte inferiore provoca una forte sensazione di bruciore dietro lo sterno, che si diffonde su entrambi i lati e verso l'alto. Il dolore è peggiore durante la deglutizione, specialmente il cibo solido. Irradiare alla schiena, alla colonna vertebrale.

    L'ulcera allo stomaco è accompagnata da un dolore simile al cuore. Sono provocati mangiando. Si accendono all'improvviso, ma durano a lungo. A volte i pazienti auto-inducono il vomito per migliorare la condizione. L'epicentro del dolore si trova sotto l'arco costale sinistro o appena sotto lo sterno. Diffusione su spalla, schiena, basso addome.

    La pancreatite acuta è difficile con dolori parossistici da pugnale di natura cintura. Localizzato nell'addome superiore, si irradia alla clavicola sinistra, ad entrambe le scapole, alle parti inferiori posteriori delle costole. In termini di durata, differiscono da quelli cardiaci per una durata significativa (fino a tre giorni). Quindi l'intensità diminuisce, i dolori sordi e doloranti rimangono. Un sintomo importante è il vomito doloroso ripetuto, che non porta sollievo..

    Cardialgia per disturbi mentali

    I disturbi neurogeni e mentali, accompagnati da cardialgia, si distinguono per una descrizione emotiva molto vivida del dolore, i sintomi di accompagnamento.

    Il paziente si lamenta di:

    • sensazione di mancanza di respiro (fino al soffocamento);
    • paura della morte;
    • parestesia sotto forma di "pelle d'oca";
    • incapacità di fare un respiro profondo;
    • "Nodo alla gola".

    I pazienti "sperimentano" tutti i sintomi che un malato di cuore ha descritto loro una volta o di cui hanno letto. I reclami spesso variano per natura e posizione. Il dolore si manifesta nella regione del cuore o nella metà destra del torace.


    Con la cardialgia psicogena, il cuore "si restringe", poi formicola, poi "spara", quindi "brucia con il fuoco"

    Diagnostica

    Gli esempi elencati di cardialgia non possono essere respinti. Dopotutto, tutti i sintomi descritti possono essere causati da attacchi atipici di angina pectoris o infarto. La diagnosi è particolarmente difficile nelle persone sopra i 50 anni. Infatti, un paziente con osteocondrosi o ulcera peptica può sviluppare una vera ischemia miocardica.

    Pertanto, la diagnostica aggiuntiva è importante:

    • sull'ECG è evidente l'assenza di segni di necrosi e ischemia, mentre è importante effettuare più ripetizioni per poter confrontare la registrazione nel tempo;
    • negli esami del sangue, i test biochimici per la lattato deidrogenasi e la creatinfosfochinasi rimangono normali;
    • VES e leucocitosi caratterizzano maggiormente la malattia sottostante;
    • un aumento dell'attività degli enzimi pancreatici nel sangue (lipasi, amilasi, tripsina) conferma in modo convincente la versione della pancreatite;
    • L'ecografia del cuore e l'ecografia Doppler consentono di controllare il cuore con grande precisione;
    • le radiografie mostrano oggettivamente cambiamenti nelle vertebre o nel tessuto polmonare, un cuore ingrossato con pericardite, fluido tra i fogli pleurici.


    Il controllo mediante esofagogastroduodenoscopia rivela cambiamenti nell'esofago e nello stomaco

    Alcuni autori considerano fondamentale nella diagnosi l'uso della nitroglicerina. Un effetto negativo indica dolore non coronarico. Va notato che non tutti i pazienti tollerano bene questo farmaco. Un successivo calo della pressione e un forte mal di testa possono peggiorare la condizione.

    Una fase importante della diagnosi è l'esclusione di escrescenze tumorali di vari organi, metastasi.


    Articolo Successivo
    Embolia polmonare (EP)