Ipertrofia miocardica: tipi, cause, sintomi, diagnosi e trattamento


In medicina, il termine "ipertrofia miocardica" si riferisce a un processo patologico, il cui sviluppo è accompagnato da un aumento delle dimensioni del muscolo cardiaco. In questo caso, anche la massa dell'intero organo diventa più grande, la sua forma cambia. Con l'ipertrofia del miocardio ventricolare sinistro, c'è un aumento delle dimensioni sul lato sinistro, a destra - sull'altro. Raramente, ma accade che entrambi i reparti siano coinvolti nel processo patologico. Nonostante l'alto rischio di morte, la prognosi per questa malattia può essere favorevole. Di norma, ciò è dovuto alla tempestività della visita dal medico..

Meccanismo di sviluppo

Dal momento in cui nasce un neonato, il cuore del bambino è esposto a determinati stress. La loro intensità aumenta nel tempo. La natura voleva che il cuore sopportasse numerosi carichi. L'indicatore della forza dell'organo dipende direttamente dallo stato del miocardio.

Se il cuore è sottoposto a uno stress significativo, ha bisogno di più sangue. Allo stesso tempo, aumenta anche la frequenza delle contrazioni degli organi. Se l'influenza di un fattore negativo (stress) è costante, il cuore inizia a lavorare più velocemente. Ciò è necessario per pompare tempestivamente il sangue e consegnarlo a tutti gli organi e sistemi. Se il cuore non è in grado di lavorare con un ritmo simile, le proprietà elastiche del miocardio si perdono, gradualmente aumenta di dimensioni.

Nel tempo, la patologia progredisce. Il pericolo della malattia sta nel fatto che molte persone convivono da anni con l'ipertrofia miocardica e non ne sono nemmeno a conoscenza, cancellando segnali allarmanti per altri disturbi esistenti o superlavoro. In questo caso, la mancanza di cure può portare alla morte..

Le ragioni

La patologia si verifica quando il cuore è regolarmente esposto a carichi elevati. Questi ultimi spesso accompagnano l'ipertensione arteriosa o l'ipertensione.

Inoltre, le seguenti malattie e condizioni sono spesso le cause dell'ipertrofia miocardica:

  • Difetti cardiaci congeniti. Questi includono: stenosi dell'aorta, un ventricolo, comunicazione compromessa tra i reparti, ipoplasia polmonare o artesia.
  • Difetti cardiaci acquisiti. L'organo è esposto a carichi elevati con restringimento della valvola aortica e rigurgito mitralico.
  • Cardiomiopatia.
  • Malattia coronarica.
  • Attività fisica ad alta intensità. Per questo motivo, l'ipertrofia miocardica si sviluppa spesso negli atleti..
  • Malattia di Fabry.
  • Sovrappeso.
  • Aterosclerosi.
  • Diabete.
  • Stile di vita inattivo.
  • Episodi frequenti di apnea ostruttiva del sonno.
  • Fumo.
  • Consumo eccessivo di bevande alcoliche.

A volte un aumento delle dimensioni del ventricolo destro o sinistro del cuore si verifica in persone completamente sane. Il gruppo a rischio comprende gli atleti, poiché espongono regolarmente il corpo a carichi ad alta intensità. In questi casi, è consuetudine parlare di ipertrofia miocardica fisiologica. Con un aumento delle dimensioni di uno o entrambi i reparti, è necessario ridurre l'intensità dei carichi. Quando questa condizione è soddisfatta, nella maggior parte dei casi, la malattia non si trasforma in una forma patologica, ma aumenta il rischio di sviluppare altre malattie del sistema cardiovascolare..

L'ipertrofia può essere asimmetrica o concentrica. Nel primo caso, la forma e le dimensioni della parte superiore, media o inferiore del ventricolo sinistro del cuore cambiano. Spesso, un setto che separa i reparti è coinvolto nel processo patologico. Questo tipo di ipertrofia miocardica viene diagnosticata nel 50% dei casi. Allo stesso tempo, lo spessore del tessuto muscolare in alcune aree può raggiungere i 6 cm.

L'ipertrofia concentrica è molto meno comune. È caratterizzato da una diminuzione delle dimensioni delle cavità, disturbi del ritmo cardiaco e della funzione diastolica dell'organo. Nella maggior parte dei casi viene diagnosticata l'ipertrofia concentrica del miocardio ventricolare sinistro, meno spesso di quello destro. Ciò è dovuto al fatto che il lavoro di quest'ultimo dipende in gran parte dal funzionamento dei polmoni..

Il coinvolgimento di entrambi i reparti nel processo patologico è estremamente raro..

Sintomi

L'ipertrofia miocardica è una malattia insidiosa. Ciò è dovuto al fatto che la maggior parte delle persone non è nemmeno consapevole della presenza della malattia e convive con essa per anni. Di norma, la malattia viene rilevata casualmente durante l'esame, nominata per un motivo completamente diverso..

Con il progredire dell'ipertrofia miocardica patologica, iniziano a comparire i primi segni premonitori. Di norma, compaiono già in una fase avanzata, quando il lavoro del cuore è significativamente compromesso..

Per prevenire la transizione della malattia a una forma grave, è necessario consultare un medico se si hanno sintomi anche lievi. Questi includono:

  • rapida insorgenza di stanchezza;
  • dispnea;
  • debolezza muscolare;
  • oscuramento negli occhi.

Man mano che la patologia si sviluppa, compaiono i seguenti segni di ipertrofia miocardica:

  • Gonfiore del viso la sera.
  • Tosse secca.
  • Disturbi del ritmo cardiaco.
  • Sonnolenza costante o, al contrario, insonnia.
  • Affaticamento aumentato.
  • Debolezza.
  • Episodi frequenti di mal di testa.
  • Picchi di pressione sanguigna.
  • Sintomi di angina.
  • Sensazioni dolorose al petto.
  • Dispnea.
  • Debolezza muscolare.

Spesso, lo sviluppo dell'ipertrofia miocardica è accompagnato da attacchi di asma cardiaco. Si verifica una condizione patologica dovuta al fatto che il muscolo non può più pompare una grande quantità di sangue, sullo sfondo del quale si forma il ristagno di tessuto connettivo liquido.

Gravità

La malattia si sviluppa gradualmente, passando attraverso diverse fasi..

Gradi di ipertrofia miocardica:

  1. Compensazione. Questa è la fase iniziale dello sviluppo del processo patologico, in cui entrambi i ventricoli sinistro e destro funzionano normalmente. A questo proposito, il paziente non avverte alcun segno allarmante. In questi casi, la malattia viene rilevata per caso durante le misure diagnostiche prescritte per un altro motivo..
  2. Subcompensazione. In questa fase, anche le condizioni generali di una persona possono rimanere le stesse. Le persone con altre patologie cardiache possono manifestare i primi sintomi: mancanza di respiro, debolezza, affaticamento, oscuramento degli occhi.
  3. Decompensazione. I cambiamenti nel miocardio sono pronunciati e quindi i sintomi della malattia sono molto pronunciati.

In una fase iniziale, la malattia nella maggior parte dei casi è curabile con metodi conservativi. Con una forma trascurata, il medico decide sull'opportunità di eseguire un intervento chirurgico.

Diagnostica

Quando si verificano i primi segni premonitori di ipertrofia miocardica, è necessario consultare un cardiologo. Durante il processo di ammissione, il medico esegue una diagnosi iniziale, comprese le seguenti attività:

  1. Sondaggio. Lo specialista deve fornire informazioni su quali sintomi infastidiscono una persona, quanto tempo fa sono comparsi e quale grado di gravità hanno. È anche importante informare il cardiologo della presenza di altre malattie, poiché l'ipertrofia è un segno di molti disturbi. Inoltre, è necessario informare il medico di quali disturbi soffrono i parenti più stretti..
  2. Esame del paziente. Lo specialista valuta le condizioni del paziente e determina approssimativamente la gravità del processo patologico durante l'auscultazione, la percussione e la palpazione. Utilizzando questi metodi, il medico può identificare i confini del cuore e valutare i cambiamenti nel suo lavoro..

Per una diagnosi accurata, è prescritto un esame completo. Il principale metodo di diagnosi strumentale della malattia è l'elettrocardiografia. Con l'ipertrofia miocardica, l'ECG rivela i seguenti cambiamenti:

  • Deformazione dell'onda P. In questo caso è consuetudine parlare di patologia atriale..
  • L'asse elettrico è inclinato a sinistra oa destra. Dipende da quale ventricolo è ingrandito. La posizione orizzontale dell'asse indica spesso anche la presenza di patologia sul lato sinistro, ma allo stesso tempo l'onda R dovrebbe essere aumentata nella 5a e 6a derivazione toracica.
  • Modificato il grado di conduttività elettrica del cuore.

Su decisione del medico, vengono prescritti anche metodi aggiuntivi di diagnostica strumentale. Questi includono:

  • Ultrasuoni. Durante lo studio è possibile identificare vari difetti cardiaci, aree con un ridotto tasso di contrattilità, ispessimento del setto interventricolare e miocardio.
  • EchoCG. Un metodo diagnostico altamente informativo che consente di valutare le dimensioni del cuore, nonché di analizzare il gradiente di pressione tra ventricoli e vasi sanguigni. Durante l'ecocardiografia è possibile registrare il flusso inverso del tessuto connettivo fluido.
  • Test di carico. Significa realizzare l'ergonomia della bicicletta. Quando il paziente riceve il carico sul tapis roulant, tutti gli indicatori necessari vengono registrati utilizzando ECG, ultrasuoni ed ecocardiografia..

In alcuni casi, è consigliabile eseguire un esame a raggi X, un'angiografia coronarica e una risonanza magnetica del cuore. Sulla base dei risultati ottenuti, il medico elabora il regime di trattamento più efficace.

Terapia farmacologica

Tutti i farmaci sono prescritti al fine di eliminare la causa principale della malattia, migliorare il benessere generale del paziente, aumentare l'aspettativa di vita del paziente, nonché per la prevenzione di vari tipi di complicazioni che possono rappresentare un pericolo non solo per la salute, ma anche per la vita umana..

Nella stragrande maggioranza dei casi viene diagnosticata l'ipertrofia ventricolare sinistra. In tali situazioni, vengono prescritti i seguenti farmaci:

  • Beta-bloccanti. Esempi di farmaci: "Atenolol", "Nadolol", "Sotalol", "Propranolol". Tali rimedi aiutano a ottenere miglioramenti visibili in almeno un terzo dei pazienti. Il meccanismo d'azione dei farmaci è il seguente: penetrando nel corpo, i componenti attivi riducono il bisogno di ossigeno del cuore. Se il paziente è in uno stato di stress psicoemotivo o fisico, le sostanze aiutano a ridurre il grado di esposizione al sistema simpatico-surrenale. Di conseguenza, la qualità della vita del paziente è notevolmente migliorata grazie al sollievo di sintomi spiacevoli. Molto spesso, i cardiologi prescrivono "Propranolol". Nella fase iniziale del trattamento dell'ipertrofia miocardica, il farmaco deve essere assunto tre volte al giorno alla dose di 20 mg. Quest'ultimo dovrebbe aumentare gradualmente. Se, al dosaggio più efficace (fino a 240 mg), il paziente manifesta reazioni indesiderate, il farmaco deve essere sostituito. Per le persone che soffrono di insufficienza cardiaca cronica, l'approccio è sempre individuale. Lo svantaggio di tali farmaci: non influenzano in alcun modo l'aspettativa di vita del paziente, cioè non possono aumentarla.
  • Calcio-antagonisti. Sullo sfondo dell'assunzione di questi fondi, la funzione contrattile è normalizzata, a causa della quale la progressione dell'ipertrofia si arresta. Inoltre, la richiesta di ossigeno del muscolo cardiaco diminuisce. Di conseguenza, il benessere del paziente migliora significativamente, il suo corpo diventa più resistente. Di norma, i medici prescrivono Verapamil. Secondo le statistiche, il trattamento con questo farmaco è efficace nella maggior parte dei pazienti. È necessario assumere il farmaco tre volte al giorno alla dose di 20-40 mg. Con una buona tolleranza, viene gradualmente aumentato fino a un massimo di 240 mg..
  • Fondi aggiuntivi. Questi includono: farmaci antiaritmici (ad esempio, "Disopiramide"), anticoagulanti, farmaci antipertensivi, vitamine e minerali.

Il funzionamento del ventricolo destro dipende in larga misura dal funzionamento dei polmoni. Se viene rilevata la sua ipertrofia, che si verifica in rari casi, vengono prescritti farmaci per trattare la malattia sottostante dell'apparato respiratorio. Che cosa è consigliabile prendere, il medico decide in base ai risultati diagnostici e alle caratteristiche individuali della salute del paziente.

Quando lo sviluppo dell'ipertrofia miocardica si interrompe, la qualità e l'aspettativa di vita del paziente migliorano e non vi è alcun rischio di complicanze, il risultato della terapia farmacologica è considerato positivo.

Trattamento operativo

Se i metodi conservativi sono inefficaci, è indicato l'intervento chirurgico. Di norma, viene eseguito utilizzando uno dei metodi principali: miosettectomia o trapianto di organi da donatore. Nel primo caso viene eseguita la resezione dei tessuti ipertrofici..

Spesso, il trattamento chirurgico è accompagnato da stent delle arterie coronarie, angioplastica, dissezione di aderenze e sostituzione della valvola (nei casi in cui viene diagnosticata la loro insufficienza).

Caratteristiche della routine quotidiana e della nutrizione

La terapia farmacologica e la chirurgia sono passi importanti per sbarazzarsi della malattia. Ma l'efficacia di tali metodi è minima, se il paziente non cambia il regime giornaliero e non apporta modifiche alla dieta..

Sullo sfondo dell'ipertrofia, l'elasticità del miocardio diminuisce. Per ripristinarlo è necessario attenersi alle seguenti regole nutrizionali:

  • Tutti i piatti devono essere bolliti, al forno o al vapore.
  • È necessario includere carne nella dieta, ma solo varietà a basso contenuto di grassi.
  • Durante ogni pasto, è necessario consumare qualsiasi prodotto dal seguente elenco: noci, cereali, frutta, olio vegetale, verdure, kefir, gelatina, bevande alla frutta.
  • È necessario escludere dalla dieta dolciumi e pane fresco..
  • È severamente vietato consumare bevande alcoliche.
  • La quantità di acqua dovrebbe essere ridotta.
  • Devi mangiare 4-6 volte al giorno. Allo stesso tempo, la dimensione di una porzione non deve superare i 200 g.

Agli individui con ipertrofia miocardica viene mostrato un riposo adeguato. Ma questo non significa che lo stile di vita debba essere inattivo. A tutti i pazienti viene mostrata un'attività fisica moderata..

Possibili complicazioni e prognosi

La malattia nella fase iniziale dello sviluppo non rappresenta un pericolo per la vita. In questa fase, il muscolo cardiaco funziona normalmente. Se la patologia è nella fase di scompenso, si forma il ristagno nel letto vascolare. In questo contesto, possono svilupparsi insufficienza cardiaca o infarto miocardico..

Con l'ipertrofia ventricolare sinistra, possono verificarsi manifestazioni aritmiche. Spesso si sviluppa una malattia ischemica. La complicanza più grave è l'arresto cardiaco improvviso..

Quando il ventricolo destro è danneggiato, si forma il ristagno di sangue nel letto venoso. Sullo sfondo di questo processo patologico, appare l'edema, il liquido si accumula nel torace e nella cavità addominale. Nei casi avanzati, si verifica l'ascite.

La prognosi dipende direttamente dalla gravità della malattia sottostante. Inoltre, la risposta del corpo a farmaci o interventi chirurgici non è di scarsa importanza. Nella fase iniziale dello sviluppo della patologia, la prognosi è generalmente favorevole. Se la malattia viene rilevata già nella fase di scompenso, spesso la malattia finisce con la morte del paziente. Ciò è dovuto al fatto che in una forma grave, il decorso della patologia nella maggior parte dei casi è accompagnato da complicazioni potenzialmente letali.

Infine

L'ipertrofia miocardica è un processo patologico caratterizzato da un aumento delle dimensioni del muscolo cardiaco. Una condizione simile si sviluppa in presenza di carichi pesanti a cui è esposto l'organo..

Nelle fasi iniziali dello sviluppo, la malattia potrebbe non manifestarsi in alcun modo, poiché il lavoro del cuore non è significativamente compromesso. In questi casi, la malattia viene solitamente rilevata in modo casuale. Con una forma avanzata, la qualità della vita del paziente si deteriora in modo significativo.

Il trattamento della malattia comporta l'assunzione di farmaci, il cambiamento dello stile di vita e l'adeguamento della dieta. Con l'inefficacia dei metodi conservativi, è indicato l'intervento chirurgico.

Ipertrofia miocardica: sintomi, cause, trattamento

Sintomi e cause dell'ipertrofia miocardica.

L'ipertrofia miocardica è un termine puramente morfologico che si verifica a causa di determinate condizioni fisiologiche e patologiche.

Questo termine dovrebbe essere inteso come un aumento delle dimensioni del cuore come risultato dell'espansione dei singoli cardiomiociti (cioè le cellule del muscolo cardiaco) senza aumentarne il numero.

La causa più comune di ipertrofia del muscolo cardiaco è l'ipertensione..

Cos'è l'ipertrofia cardiaca?

La conseguenza è l'ipertrofia miocardica, una complicanza che può svilupparsi nel corso di molte malattie. Nel caso delle malattie cardiovascolari, questo è molto spesso il risultato di stress cardiaco. L'ipertrofia miocardica colpisce principalmente il ventricolo sinistro, sebbene i cambiamenti ipertrofici possano interessare entrambe le camere. L'ipertrofia ventricolare destra è indicata nella letteratura medica come cuore polmonare. Qui, i cambiamenti nelle cellule del muscolo cardiaco sono causati da malattie respiratorie..

È difficile definire chiaramente una singola massa e dimensione cardiaca corretta. Questi parametri sono diversi individualmente. Le dimensioni e il peso del cuore variano in base all'età e al sesso.

Il trattamento dell'ipertrofia cardiaca deve essere causale: in primo luogo, il trattamento deve essere diretto ai cambiamenti morfologici sottostanti nel miocardio. Nel trattamento farmacologico, gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina degli antagonisti del recettore dell'angiotensina e dell'angiotensina II (i cosiddetti sartani), a cui è prescritta l'azione di inibizione dell'ipertrofia del ventricolo sinistro del miocardio.

Cause e ipertensione

L'ipertensione a lungo termine, non trattata o trattata in modo improprio è probabilmente la causa più comune di ipertrofia cardiaca (più specificamente, ipertrofia ventricolare sinistra) nella popolazione generale. Valori di pressione sanguigna anormalmente alti portano ad un aumento della post-carica, cioè il valore di pressione creato dai muscoli del ventricolo sinistro necessario per eseguire la contrazione e superare la resistenza periferica.

Risposta compensatoria dal cuore "sollievo" di questo tipo di compiti - ipertrofia concentrica - ispessimento della parete del ventricolo sinistro in direzione mediale con un conseguente aumento della contrattilità (forza di compressione). Il cuore si comporta proprio come qualsiasi altro muscolo.

Difficoltà di questo processo:

  • Disfunzione diastolica ventricolare sinistra - riempimento alterato del ventricolo sinistro durante l'afflusso di sangue durante la diastole miocardica;
  • lo sviluppo della cardiopatia ischemica - una sproporzione tra il requisito di miocardio LV ipertrofico e la reale possibilità di aumentare la rete vascolare dei tessuti attraverso le arterie coronarie; durante l'infarto miocardico, il cosiddetto rimodellamento (sostituzione delle fibre muscolari con tessuto connettivo e cicatriziale) della parete ventricolare sinistra, che può portare allo sviluppo di disfunzione sistolica.

L'ipertrofia ventricolare destra è causata da malattie o condizioni che provocano vasospasmo polmonare dovuto all'ipossia, come la broncopneumopatia cronica ostruttiva o la bronchite cronica.

Ipertrofia miocardica e malattie cardiovascolari

Si stima che la cardiomiopatia ipertrofica, la condizione genetica più comune della malattia del muscolo cardiaco, si presenti in 1/500 delle persone. Al centro della cardiomiopatia ipertrofica ci sono mutazioni nei geni che codificano per proteine ​​incluse nel sarcomero (cioè, l'unità funzionale del muscolo striato). L'essenza della malattia è l'ipertrofia ventricolare sinistra asimmetrica con un ispessimento sproporzionato significativo del setto ventricolare. La malattia è associata ad un aumentato rischio di morte per cause cardiovascolari. Il trattamento nei casi sintomatici prevede l'uso di β-bloccanti, calcioantagonisti e il farmaco antiaritmico disopiramide.

Cardiopatia congenita - Alcune malattie valvolari (principalmente rigurgito valvolare delle vene o delle arterie) che sono associate a perdite di sangue anomale (ad esempio, difetto del setto interatriale, dotto arterioso pervio) portano a un sovraccarico di volume nel ventricolo destro o sinistro. La conseguenza di questa situazione è un'ipertrofia eccentrica (I. centrifuga) della camera corrispondente, con l'ulteriore sviluppo di disfunzione sistolica. Per questo motivo, la procedura di scelta per difetti cardiaci emodinamicamente congeniti o acquisiti significativi è il trattamento.

Altri motivi

Le malattie endocrine sono un'altra causa di ipertrofia cardiaca che può essere osservata nei pazienti con disfunzione tiroidea (sia ipertiroidismo che ipotiroidismo).

A loro volta, i pazienti che soffrono di acromegalia (una malattia causata dalla presenza di un adenoma ipofisario che produce un eccesso di ormone della crescita) sono caratterizzati dallo sviluppo della cardiomegalia - raggiungono l'ipertrofia muscolare concentrica di entrambe le camere del cuore con una conseguenza a lungo termine sotto forma di una violazione della loro funzione sistolica.

Come causa dell'ipertrofia cardiaca, vale la pena notare le malattie associate allo stoccaggio: alcune delle malattie geneticamente determinate dell'accumulo lisosomiale sono clinicamente manifestate dall'ipertrofia miocardica. Un esempio può appartenere alla cosiddetta malattia di Fabry dove la massa del miocardio può superare 1 kg, di cui solo una frazione di percento è una sostanza che si accumula nei lisosomi (la cosiddetta globotriolceramide).

Ipertrofia cardiaca negli atleti

Sport intensi: questo termine è usato per descrivere i cambiamenti morfologici nel miocardio a seguito di un esercizio prolungato e intenso.

I pazienti in questo gruppo di solito possono vedere bradicardia a riposo (frequenza cardiaca troppo lenta) e miocardio ventricolare sinistro con ipertrofia settale interventricolare simmetrica pur mantenendo una corretta funzione diastolica. Gli sportivi possono vedere che la loro frequenza cardiaca è estremamente bassa a riposo e raggiunge anche circa 40 battiti al minuto..

Questi sono cambiamenti fisiologici che non richiedono alcun trattamento. La regressione di questi cambiamenti può essere osservata dopo una pausa di 3 mesi dall'esercizio di resistenza..

Studia

Da un punto di vista pratico, gli studi aggiuntivi più importanti che consentono di fare una diagnosi sono:

  • ECG: consente di identificare le caratteristiche dell'ipertrofia dei singoli atri o delle camere cardiache;
  • l'ecocardiografia (UKG) è uno studio che riflette più accuratamente i cambiamenti nella morfologia miocardica; permette di misurare lo spessore delle pareti delle singole cavità cardiache e le loro dimensioni nelle fasi sistolica e diastolica;
  • Radiografia del torace: consente di visualizzare i contorni espansi delle singole cavità cardiache.

Ipertrofia miocardica

L'ipertrofia miocardica (GM) è anche nota come cardiomiopatia ipertrofica. Più preoccupato per il ventricolo sinistro, sebbene possa verificarsi ipertrofia ventricolare atriale e destra. Nel processo di sviluppo di GM, il miocardio dell'una o dell'altra parte del cuore si ispessisce, a causa del quale la forma, le dimensioni, il volume delle camere cardiache sono disturbate.

Lo sviluppo dell'ipertrofia miocardica è spesso accompagnato dalla proliferazione del tessuto connettivo, che successivamente porta a perdita di elasticità muscolare e ridotta attività cardiaca.

La diagnosi della malattia viene effettuata con la partecipazione di un cardiologo, medici di specialità correlate. Sono necessari l'elettrocardiografia e l'ecografia. Molto dipende dalla determinazione della causa dell'allargamento miocardico, poiché una terapia somministrata correttamente consente al paziente di migliorare la qualità della vita.

Video Life è fantastico! Ipertrofia cardiaca. (20.07.2017)

Statistiche

  • La malattia è più spesso determinata all'età di 20-40 anni.
  • Gli uomini si ammalano il doppio delle donne.
  • La prevalenza della malattia è di circa lo 0,2%.
  • La morte per cardiomiopatia ipertrofica si verifica nel 2-8% dei casi.
  • Fino al 10% dei casi di GM sono complicati da un decorso prolungato della malattia, insufficienza cardiaca, la stessa quantità ricade sullo sviluppo di endocardite infettiva e circa il 10% sulla transizione spontanea di una forma ipertrofica in una forma dilatata..
  • In assenza di una terapia appropriata, la morte da GM è di circa l'8%.
  • La metà di tutti i decessi durante lo sviluppo di GM è associata al verificarsi di patologie più complesse (blocco AV completo, fibrillazione ventricolare, infarto miocardico).

Classificazione

La divisione più comune dell'ipertrofia miocardica è nel sito di localizzazione dell'ispessimento del muscolo cardiaco:

  • ventricolo destro;
  • ventricolo sinistro, che può essere simmetrico e asimmetrico.

Il GM simmetrico si verifica nel 30% dei casi. Non così spesso c'è un ispessimento del setto interventricolare, che porta all'ipertrofia asimmetrica. Meno spesso, il GM dell'apice del cuore, così come le sue pareti posteriori e anterolaterali.

A seconda della pressione sistolica, determinata nel ventricolo sinistro, ci sono:

  • cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva;
  • cardiomiopatia ipertrofica non ostruttiva.

La forma non ostruttiva comprende GM dell'apice del cuore e ipertrofia ventricolare sinistra simmetrica. L'ipertrofia asimmetrica può essere presentata sia come forma ostruttiva che non ostruttiva.

Il grado di ispessimento miocardico può variare, in base alla sua entità si distinguono:

  • GM moderato (non più di 20 mm);
  • GM medio (entro 21-25 mm);
  • pronunciato GM (più di 25 mm).

L'ipertrofia miocardica può attraversare quattro fasi di sviluppo, che sono caratterizzate da cambiamenti fisiologici e clinici:

  1. La pressione nell'area di uscita dal ventricolo sinistro non è superiore a 25 mm Hg. Art., Mentre il paziente non ha reclami.
  2. La pressione sale a 35 mm Hg. Art., Ci sono lamentele con una maggiore attività fisica.
  3. La pressione sale a 45 mm Hg. Art., Ci sono reclami sotto forma di attacchi di angina e mancanza di respiro.
  4. La pressione sale a 80 mm Hg. Arte. inoltre, si notano vari disturbi emodinamici, aumenta il rischio di morte improvvisa.

Le ragioni

Il fattore principale nello sviluppo dell'ipertrofia miocardica è considerato una predisposizione ereditaria, quando la cardiomiopatia ipertrofica è determinata nei genitori o nei parenti stretti. Se ciò non viene osservato, la malattia è associata a una mutazione nei geni delle proteine ​​coinvolte nel muscolo cardiaco. Pertanto, il GM è considerato una patologia congenita o acquisita..

Nel caso della determinazione del GM congenito, si possono notare varie anomalie della struttura del cuore. In particolare, al paziente può essere diagnosticata una stenosi mitralica, un difetto del setto interventricolare o uno sviluppo / localizzazione anormale di grandi vasi del cuore.

La patologia acquisita è spesso associata a fattori predisponenti esterni che non sono direttamente correlati alla struttura del cuore e al suo funzionamento. Ad esempio, potrebbe essere:

  • aumento del peso corporeo;
  • ipertensione arteriosa;
  • malattie dei polmoni e di altri organi;
  • abuso di alcol o fumo;
  • attività fisica frequente, spesso associata a sport professionistici.

Un aumento delle dimensioni di alcune parti del cuore può essere associato a fattori eziologici caratteristici:

  • Il ventricolo sinistro spesso si allarga sullo sfondo di ipertensione arteriosa, stenosi aortica, sovraccarico fisico.
  • Il ventricolo destro può ispessirsi a causa di difetti cardiaci congeniti, ipertensione polmonare cronica, insufficienza cardiaca congestizia.
  • L'atrio sinistro diventa più grande con coartazione dell'aorta, malformazioni delle valvole aortica e mitrale, obesità generale, ipertensione arteriosa.
  • L'atrio destro è più spesso ingrandito a causa di malattie polmonari associate al ristagno di sangue nella circolazione polmonare. In alcuni casi, l'ipertrofia della PP accompagna una malformazione della valvola tricuspide o un difetto del setto ventricolare.

Video Perché si verifica l'ipertrofia cardiaca??

Patogenesi

In uno stato normale, lo spessore delle pareti di varie parti del cuore è determinato all'interno.

  • nell'atrio destro e sinistro - 2-3 mm;
  • nel ventricolo sinistro - 9-11 mm;
  • nel ventricolo destro - 4-6 mm.

La massa cardiaca è maggiore negli uomini e in media 300 g, nelle donne è leggermente inferiore - 250 g.

L'ipertrofia miocardica è più spesso definita nel ventricolo sinistro. Inoltre, lo spessore del muro di questa sezione può raggiungere i 3 cm e la massa dell'intero organo può arrivare a diversi chilogrammi. Tali cambiamenti hanno un effetto estremamente negativo sul lavoro del sistema cardiovascolare, portando nei casi gravi all'insufficienza cardiaca..

Per vari motivi, il carico sul cuore può aumentare e quindi lo spessore del miocardio aumenta per soddisfare le accresciute esigenze del corpo. All'inizio, questo meccanismo compensatorio non si manifesta in alcun modo: la persona si sente come al solito. Ma l'aumento della crescita del muscolo cardiaco provoca un indebolimento del trofismo dei cardiomiociti, poiché il letto vascolare non ha il tempo di coprire l'area aumentata del miocardio in modo così attivo e rapido. L'organo inizia a sperimentare una mancanza di ossigeno e sostanze nutritive e, di conseguenza, la sua capacità contrattile è indebolita.

Il sistema di conduzione del cuore, così come i vasi, non possono espandersi all'infinito, quindi, con l'ipertrofia, iniziano a comparire aritmie a causa della ridotta conduzione dell'impulso.

Il miocardio ipertrofico viene gradualmente e parzialmente sostituito dal tessuto connettivo, che influisce negativamente anche sulla funzione contrattile del cuore. Pertanto, l'ipertrofia miocardica a lungo termine può essere complicata dalla cardiosclerosi diffusa..

È importante notare che un aumento dello spessore della parete di una parte del cuore porta all'ipertrofia dell'altra. Pertanto, l'ispessimento, ad esempio, del ventricolo sinistro, nel tempo porta all'ipertrofia dell'atrio sinistro. Nel tempo, anche il lato destro del cuore cambia nella sua struttura.

L'ipertrofia miocardica può avere vari meccanismi di sviluppo, che dipendono dalla localizzazione del processo patologico:

  • GM ventricolare sinistro.
  • GM ventricolare destro.
  • GM dell'atrio destro.
  • GM atriale sinistro.

Nello sviluppo e nel corso di ciascuna delle patologie elencate, si notano le sue caratteristiche..

Ipertrofia miocardica ventricolare sinistra

Nella maggior parte dei pazienti con ipertensione arteriosa, viene determinata l'ipertrofia ventricolare sinistra. Ciò è dovuto all'aumento della pressione nel sistema circolatorio, che costringe il cuore a lavorare di più per spingere il sangue attraverso il sistema circolatorio. L'ipertrofia del ventricolo sinistro a lungo termine si trasforma gradualmente in cardiosclerosi diffusa, che a sua volta può manifestarsi come attacchi di angina..

Con difetti cardiaci sotto forma di stenosi della valvola aortica, spesso si sviluppa ipertrofia miocardica LV. Ciò è dovuto alla ridotta emodinamica del cuore. In particolare, attraverso l'apertura ristretta, il sangue viene spinto male nell'aorta, che richiede uno sforzo maggiore dal ventricolo sinistro. La stenosi si forma per vari motivi. Molto spesso sullo sfondo dei reumatismi, quando il processo infiammatorio provoca l'adesione dei lembi valvolari, che porta a un restringimento dell'apertura. Inoltre, questa patologia può essere causata dalla sifilide, danneggiata dall'aterosclerosi.

Ipertrofia miocardica ventricolare destra

Di per sé, il ventricolo destro è considerato meno potente del sinistro, poiché durante la sistole la pressione massima nel ventricolo destro è di 25 mm Hg. Art., E nella sinistra - 125 mm Hg. Arte. Pertanto, con disturbi nella circolazione sistemica, l'ipertrofia del pancreas si sviluppa più velocemente, ma anche la dilatazione della sua cavità si verifica più rapidamente..

Lo sviluppo dell'ipertrofia pancreatica si verifica spesso in violazione della struttura della valvola polmonare, nonché sullo sfondo di malattie polmonari associate al ristagno della circolazione polmonare. In particolare, un aumento del RV si verifica spesso nella cardiopatia polmonare cronica, nell'insufficienza cardiaca e in altre malattie che portano a un sovraccarico del cuore destro..

Ipertrofia atriale sinistra

L'atrio inizia ad allargarsi con ipertensione arteriosa, difetti cardiaci congeniti, obesità generale, reumatismi. Molto spesso, un sovraccarico della metà sinistra del cuore è causato da una violazione della struttura della valvola mitrale, che si trova tra l'atrio sinistro e il ventricolo. Se c'è un restringimento del buco, il sangue scorre con difficoltà da una sezione all'altra. L'insufficienza della valvola contribuisce al ritorno di parte del sangue espulso durante la sistole dal ventricolo all'atrio, che porta anche all'ipertrofia di quest'ultimo.

Il processo di ritorno del sangue da una sezione all'altra attraverso la valvola interessata è chiamato "rigurgito".

Ipertrofia atriale destra

I cambiamenti nell'emodinamica nella circolazione polmonare, che si verificano per lungo tempo, portano allo sviluppo dell'ipertrofia atriale destra. Questa parte del cuore riceve sangue da tutti gli organi, entra attraverso il sistema venoso cavo. Durante la sistole, il sangue viene spinto nel ventricolo destro, quindi nel tronco polmonare e quindi entra nei polmoni. Su questo percorso, il flusso sanguigno attraversa due valvole: tricuspide (tra l'atrio destro e il ventricolo) e quella polmonare (situata alla base del tronco polmonare).

Se le valvole (specialmente le valvole tricuspidi) sono colpite e si osserva la loro stenosi o insufficienza, diventa difficile per l'atrio destro far fronte alla pressione sanguigna, a causa della quale si sviluppa la sua ipertrofia.

La patologia si manifesta sullo sfondo di malattie polmonari croniche come enfisema polmonare, pneumosclerosi, asma bronchiale, bronchite ostruttiva cronica. Spesso, la patologia si sviluppa sullo sfondo di un difetto nel setto interventricolare, tetralogia di Fallot.

L'ipertrofia miocardica si riferisce a patologie eterogenee. Le caratteristiche della struttura del muscolo cardiaco gli consentono di aumentare sia in lunghezza che in spessore. Pertanto, a seconda della struttura del sito patologico, si distinguono i seguenti tipi di GM:

  • Concentrico: il miocardio è ipertrofico a causa dell'aumento dello spessore della parete.
  • Eccentrico: la cavità cardiaca si espande e, a causa di ciò, la dimensione del miocardio aumenta.

Ipertrofia concentrica

Il muscolo cardiaco cambia più di spessore che di lunghezza. Se visto in sezione trasversale, il miocardio sembra più ampio, mentre non vi è alcuna violazione del volume diastolico finale. Per questo tipo di ipertrofia, i disturbi coronarici sono più caratteristici, spesso contribuendo allo sviluppo della malattia coronarica. Il verificarsi di ipertrofia concentrica è principalmente associato a un'eccessiva pressione sanguigna.

Ipertrofia eccentrica

L'aumento delle fibre muscolari si verifica più in lunghezza che in spessore. Per questo motivo, anche la cavità cardiaca si allunga. La patologia presentata è caratterizzata da una bassa resistenza del letto vascolare periferico e da una maggiore gittata cardiaca. L'ipertrofia eccentrica si manifesta più spesso sullo sfondo dell'accumulo di grandi volumi di sangue nelle cavità.

Clinica

L'ipertrofia miocardica si manifesta con sintomi caratteristici delle malattie cardiovascolari. Si osserva una leggera differenza tra le manifestazioni di ipertrofia ventricolare sinistra e ipertrofia ventricolare destra..

L'ipertrofia miocardica della metà sinistra del cuore è accompagnata dalla seguente clinica:

  • Sensazioni dolorose nella regione del cuore.
  • Aumento della fatica e della debolezza.
  • Diminuzione della tolleranza all'esercizio.
  • La manifestazione dell'aritmia.
  • Fiato corto.

Una malattia cardiovascolare diagnosticata in precedenza può suggerire ipertrofia. Può essere ipertensione, malattie cardiache, malattia coronarica, ecc..

L'ipertrofia del cuore destro è spesso espressa dai seguenti sintomi:

  • Edema.
  • Pelle pallida o blu.
  • Respirazione pesante, accompagnata da tosse e mancanza di respiro.
  • La comparsa di varie aritmie come fibrillazione atriale, extrasistole o fibrillazione.

In alcuni pazienti si possono manifestare disturbi vegetativi, manifestati da mal di testa, tinnito, vertigini, scarso sonno.

Diagnostica

Al primo appuntamento con il medico, il paziente viene intervistato, durante il quale vengono riconosciuti reclami e momenti salienti della storia della vita e della malattia. Inoltre, viene eseguito un esame obiettivo utilizzando la palpazione, le percussioni e l'auscultazione. Con il loro aiuto, vengono determinati i confini del cuore, che aumentano con l'ipertrofia. Durante l'ascolto, è possibile rilevare cambiamenti nella frequenza cardiaca, smorzamento o, al contrario, un aumento dei suoni cardiaci.

Per ottenere dati oggettivi sulle condizioni del paziente, vengono eseguiti metodi di ricerca strumentale. Prima di tutto, viene eseguita l'elettrocardiografia. Con l'ipertrofia miocardica, si noteranno i seguenti segni indiretti:

  • L'asse elettrico del cuore in violazione del lavoro del cuore destro viene deviato a destra, l'ampiezza dell'onda R aumenta nelle prime due derivazioni toraciche e anche la conduttività elettrica del cuore cambia spesso.
  • Con un cambiamento nell'attività del ventricolo sinistro, si nota una deviazione dell'EOS a sinistra; si può anche notare la sua posizione orizzontale. L'onda R nella 5a e 6a derivazione toracica è aumentata.
  • La deformità dell'onda P può indicare ipertrofia atriale. Con un aumento nella prima metà del dente, si parla di P-polmonare, corrispondente all'ipertrofia dell'atrio destro. Il cambiamento nella seconda metà dell'onda indica P-mitrale e lo sviluppo dell'ipertrofia atriale sinistra.

Inoltre, vengono utilizzati i seguenti metodi di ricerca:

  • Ecografia del cuore - aiuta a identificare i difetti cardiaci, l'ispessimento del miocardio e dei setti, possono anche essere identificate aree con ridotta contrattilità.
  • L'ecocardiografia viene eseguita per calcolare le dimensioni dei componenti cardiaci, nonché il gradiente di pressione tra i vasi ei ventricoli. Può rilevare il flusso sanguigno inverso e misurare la gittata cardiaca.
  • Test da sforzo: l'ergometria della bicicletta e il carico sul tapis roulant sono combinati con la registrazione dell'ECG, l'ecocardiografia e l'ecografia. Consente di valutare la funzionalità del miocardio, nonché la sua resistenza allo stress fisico.

A seconda delle indicazioni, gli studi di cui sopra possono essere integrati con radiografia del torace, risonanza magnetica cardiaca e angiografia coronarica.

Trattamento

Viene praticato un effetto complesso sullo sviluppo dell'ipertrofia miocardica. Prima di tutto, vengono fornite raccomandazioni per cambiare lo stile di vita. In futuro, viene eseguita la correzione medica delle condizioni generali del paziente. In assenza dell'effetto della terapia eseguita, ricorrono all'ultimo metodo di trattamento: l'intervento chirurgico. In questo caso, viene eseguita l'escissione parziale del muscolo ispessito o del setto o del trapianto di cuore.

Trattamento farmacologico

Principalmente mirato alla causa dello sviluppo dell'ipertrofia miocardica. Se c'è un aumento del ventricolo sinistro o dell'atrio a causa dell'ipertensione arteriosa, viene prescritta una terapia antipertensiva. Può includere farmaci dei seguenti gruppi:

  • beta-bloccanti;
  • ACE inibitori;
  • bloccanti dei canali del calcio;
  • diuretici.

L'aumento della pressione nelle arterie polmonari viene alleviato con l'aiuto di broncodilatatori, espettoranti e farmaci antinfiammatori.

I difetti cardiaci sono trattati principalmente con la chirurgia, in particolare possono essere utilizzate valvole cardiache protesiche.

A seconda delle indicazioni, possono essere prescritti agenti fortificanti, complessi vitaminici e antiossidanti.

Video È necessario trattare l'ipertrofia ventricolare sinistra

Complicazioni

Nelle fasi iniziali dello sviluppo, l'ipertrofia miocardica non minaccia in alcun modo il paziente, poiché non si sono ancora verificati cambiamenti cardinali nel cuore e l'emodinamica non è significativamente compromessa. L'unica cosa che può essere osservata è la clinica della malattia sottostante: ipertensione, malattie cardiache, malattie polmonari. Se la malattia è passata allo stadio di scompenso, i sintomi del ristagno compaiono nel letto vascolare. Con l'ulteriore progressione di GM, si sviluppa insufficienza cardiaca o infarto miocardico.

Le complicanze più gravi si osservano con l'ipertrofia ventricolare sinistra:

  • Interruzione improvvisa dell'attività cardiaca.
  • Malattia coronarica, che può portare a infarto miocardico.
  • Manifestazioni aritmiche.

La rottura del cuore destro porta al ristagno nel letto venoso, che causa edema, il liquido si accumula nella cavità addominale e toracica. Nei casi più gravi, si sviluppa l'ascite.

Previsione e prevenzione

La conclusione prognostica dipende in gran parte dal decorso della malattia sottostante, nonché dalla risposta del corpo al trattamento. Una prognosi relativamente favorevole può essere stabilita nelle fasi iniziali dello sviluppo della malattia..

Gravi forme di ipertrofia miocardica nella fase di scompenso, particolarmente complicate da insufficienza cardiaca e altre condizioni complesse, spesso portano i pazienti alla morte.

La prevenzione della progressione della malattia, così come lo sviluppo di complicanze, viene effettuata con l'aiuto, prima di tutto, dei cambiamenti dello stile di vita. Per questo è importante:

  • controllare il peso e, se necessario, sbarazzarsi dei chili in più;
  • smettere di abusare di alcol e smettere di fumare;
  • altri prodotti indesiderati;
  • organizzare l'attività fisica quotidiana.

Speciali stress test aiutano a selezionare l'attività fisica. Di norma, l'esercizio è indicato nei casi in cui non vi è insufficienza cardiaca o aritmie gravi. In assenza di tali complicazioni, è utile nuotare, camminare.

Ipertrofia miocardica negli atleti

Con l'allenamento fisico, che viene eseguito regolarmente con un carico gradualmente crescente, nel tempo non solo aumentano i bicipiti. Un aumento simile della massa muscolare si osserva nel miocardio, e questo è abbastanza naturale. Il cuore si adatta all'aumento dello stress, con conseguente sviluppo di ipertrofia miocardica compensatoria.

Un corpo grande con un cuore piccolo non ha senso, motivo per cui la crescita del muscolo cardiaco sullo sfondo delle attività sportive è considerata un normale processo di adattamento.

Il cuore atletico è un termine relativamente recente che denota un miocardio ingrossato sullo sfondo di un esercizio intenso e prolungato. Durante questo processo, la crescita delle camere cardiache aumenta, lo spessore delle loro pareti aumenta e il numero di vasi sanguigni cambia. L'ipertrofia miocardica può essere concentrica, eccentrica e mista.

  • Il GM eccentrico è tipico degli atleti coinvolti nello sci di fondo, nell'atletica e nel nuoto. La dinamica delle classi provoca un aumento del volume delle camere cardiache, mentre le loro pareti si ispessiscono leggermente.
  • Concentrico GM è più spesso determinato negli atleti coinvolti nello sport. In questi casi, il miocardio, al contrario, si ispessisce di più e il volume delle camere diminuisce..
  • Il GM misto è tipico dei ciclisti che sperimentano vari tipi di stress, sia statico che con maggiore resistenza..

Il decorso asintomatico dell'ipertrofia miocardica negli atleti non causa ansia. La malattia è pericolosa quando le manifestazioni cliniche diventano evidenti: mancanza di respiro durante lo sforzo, aritmie, dolore o disagio nella regione del cuore. Quindi viene eseguito un esame generale dell'atleta e viene prescritto un trattamento appropriato, durante il quale l'attività fisica viene ridotta. In alcuni casi, gli sport devono essere abbandonati del tutto..

Ipertrofia miocardica - segni e sintomi. Trattamento della cardiomiopatia ventricolare sinistra ipertrofica

Se asintomatica, questa malattia può provocare un arresto cardiaco improvviso. È spaventoso quando questo accade a giovani apparentemente sani che praticano sport. Cosa succede al miocardio, perché si verificano tali conseguenze, se l'ipertrofia viene trattata, dobbiamo capirlo.

Cos'è l'ipertrofia miocardica

Questa è una malattia autosomica dominante che tradisce i segni ereditari di mutazioni genetiche, colpisce il cuore. È caratterizzato da un aumento dello spessore delle pareti dei ventricoli. La cardiomiopatia ipertrofica (HCM) ha un codice di classificazione secondo ICD 10 # 142. La malattia è spesso asimmetrica, il ventricolo sinistro del cuore è più colpito. Questo succede:

  • disposizione caotica delle fibre muscolari;
  • sconfitta di piccole navi coronarie;
  • la formazione di aree di fibrosi;
  • ostruzione del flusso sanguigno - ostruzione del rilascio di sangue dall'atrio a causa dello spostamento della valvola mitrale.

Con carichi pesanti sul miocardio, causati da malattie, sport o cattive abitudini, inizia una reazione protettiva del corpo. Il cuore deve far fronte a volumi di lavoro gonfiati senza aumentare il carico per unità di massa. La compensazione inizia a verificarsi:

  • aumento della produzione di proteine;
  • iperplasia: aumento del numero di cellule;
  • un aumento della massa muscolare miocardica;
  • ispessimento del muro.

Ipertrofia miocardica patologica

Con il lavoro prolungato del miocardio sotto carichi che sono costantemente aumentati, si verifica una forma patologica di HCM. Un cuore ipertrofico è costretto ad adattarsi alle nuove condizioni. L'ispessimento del miocardio si verifica a un ritmo rapido. In questa posizione:

  • la crescita dei capillari e dei nervi è in ritardo;
  • l'afflusso di sangue è disturbato;
  • l'influenza del tessuto nervoso sui processi metabolici cambia;
  • le strutture miocardiche si consumano;
  • il rapporto tra le dimensioni del miocardio cambia;
  • si verifica una disfunzione sistolica e diastolica;
  • la ripolarizzazione è interrotta.

Ipertrofia miocardica negli atleti

Uno sviluppo anormale del miocardio - ipertrofia - si verifica impercettibilmente negli atleti. Con uno sforzo fisico elevato, il cuore pompa grandi volumi di sangue ei muscoli, adattandosi a tali condizioni, aumentano di dimensioni. L'ipertrofia diventa pericolosa, provoca un ictus, infarto, arresto cardiaco improvviso, in assenza di disturbi e sintomi. Non puoi interrompere bruscamente l'allenamento in modo che non sorgano complicazioni.

L'ipertrofia miocardica sportiva ha 3 tipi:

  • eccentrico - i muscoli cambiano proporzionalmente - tipico delle attività dinamiche - nuoto, sci, corsa a lunga distanza;
  • l'ipertrofia concentrica - la cavità dei ventricoli rimane invariata, il miocardio aumenta - si nota nei tipi di gioco e statici;
  • misto - inerente agli esercizi con l'uso simultaneo di immobilità e dinamica - canottaggio, ciclismo, pattinaggio.

Ipertrofia miocardica in un bambino

La comparsa di patologie miocardiche dal momento della nascita non è esclusa. La diagnosi a questa età è difficile. I cambiamenti ipertrofici nel miocardio sono spesso osservati nell'adolescenza, quando le cellule dei cardiomiociti crescono attivamente. L'ispessimento delle pareti anteriore e posteriore si verifica fino all'età di 18 anni, quindi si interrompe. L'ipertrofia ventricolare in un bambino non è considerata una malattia separata: è una manifestazione di numerosi disturbi. I bambini con HCM spesso hanno:

  • cardiopatia;
  • distrofia miocardica;
  • ipertensione;
  • angina.
  • Cosa è utile e come usare l'olio d'uva per la pelle del viso
  • Alghe: benefici e proprietà medicinali
  • Marmellata di pere con fette: ricette

Cause di cardiomiopatia

È consuetudine distinguere tra cause primarie e secondarie di sviluppo ipertrofico del miocardio. I primi sono influenzati da:

  • infezione virale;
  • eredità;
  • fatica;
  • consumo di alcool;
  • sovraccarico fisico;
  • peso in eccesso;
  • avvelenamento tossico;
  • cambiamenti nel corpo durante la gravidanza;
  • uso di droga;
  • mancanza di oligoelementi nel corpo;
  • patologie autoimmuni;
  • malnutrizione;
  • fumare.

Le cause secondarie dell'ipertrofia miocardica sono provocate da tali fattori:

  • insufficienza della valvola mitrale;
  • ipertensione arteriosa;
  • difetti cardiaci;
  • malattie neuromuscolari;
  • squilibrio degli elettroliti;
  • processi parassitari;
  • malattie polmonari;
  • Cardiopatia ischemica;
  • stenosi aortica;
  • violazione dei processi metabolici;
  • difetto del setto ventricolare (IVS);
  • mancanza di ossigeno nel sangue;
  • patologie endocrine.

Ipertrofia ventricolare sinistra

Più spesso le pareti del ventricolo sinistro sono affette da ipertrofia. Una delle cause dell'LVH è l'alta pressione, che costringe il miocardio a lavorare con un ritmo accelerato. A causa dei sovraccarichi risultanti, la parete ventricolare sinistra e l'IVS aumentano di dimensioni. In questa situazione:

  • si perde l'elasticità dei muscoli miocardici;
  • la circolazione sanguigna rallenta;
  • il normale funzionamento del cuore è interrotto;
  • c'è il pericolo di un forte carico su di lui.

La cardiomiopatia ventricolare sinistra aumenta il bisogno del cuore di ossigeno e sostanze nutritive. È possibile notare cambiamenti nell'LVH durante l'esame strumentale. Appare la sindrome a basse emissioni: vertigini, svenimento. Tra i segni che accompagnano l'ipertrofia:

  • angina pectoris;
  • cadute di pressione;
  • angoscia;
  • aritmia;
  • debolezza;
  • ipertensione;
  • cattivo stato di salute;
  • mancanza di respiro a riposo;
  • mal di testa;
  • fatica;
  • palpitazioni a sforzo leggero.

Ipertrofia atriale destra

Un allargamento della parete del ventricolo destro non è una malattia, ma una patologia che appare durante il sovraccarico in questa sezione. Sorge a causa del flusso di una grande quantità di sangue venoso da grandi vasi. L'ipertrofia può essere causata da:

  • difetti congeniti;
  • difetti del setto interatriale, in cui il sangue entra simultaneamente nei ventricoli sinistro e destro;
  • stenosi;
  • obesità.

L'ipertrofia ventricolare destra è accompagnata da sintomi:

  • emottisi;
  • vertigini;
  • tosse notturna;
  • svenimento;
  • dolore al petto;
  • mancanza di respiro senza sforzo;
  • gonfiore;
  • aritmia;
  • segni di insufficienza cardiaca - gonfiore delle gambe, fegato ingrossato;
  • malfunzionamenti degli organi interni;
  • cianosi della pelle;
  • pesantezza nell'ipocondrio;
  • vene dilatate nell'addome.

Ipertrofia del setto interventricolare

Uno dei segni dello sviluppo della malattia è l'ipertrofia dell'IVS (setto interventricolare). La causa principale di questo disturbo sono le mutazioni geniche. L'ipertrofia settale provoca:

  • fibrillazione ventricolare;
  • fibrillazione atriale;
  • problemi alla valvola mitrale;
  • tachicardia ventricolare;
  • violazione del deflusso di sangue;
  • insufficienza cardiaca;
  • arresto cardiaco.

Dilatazione delle camere cardiache

L'ipertrofia del setto interventricolare può provocare un aumento del volume interno delle camere cardiache. Questa espansione è chiamata dilatazione miocardica. In questa posizione, il cuore non può svolgere la funzione di una pompa, si verificano sintomi di aritmia, insufficienza cardiaca:

  • affaticabilità veloce;
  • debolezza;
  • dispnea;
  • gonfiore delle gambe e delle braccia;
  • disturbi del ritmo;

Ipertrofia cardiaca - sintomi

Il pericolo di malattia miocardica in un decorso asintomatico per lungo tempo. Spesso diagnosticato accidentalmente durante gli esami fisici. Con lo sviluppo della malattia, si possono osservare segni di ipertrofia miocardica:

  • dolore al petto;
  • violazione del ritmo cardiaco;
  • mancanza di respiro a riposo;
  • svenimento;
  • fatica;
  • respiro affannoso;
  • debolezza;
  • vertigini;
  • sonnolenza;
  • rigonfiamento.

Forme di cardiomiopatia

Va notato che la malattia è caratterizzata da tre forme di ipertrofia, tenendo conto del gradiente della pressione sistolica. Tutti insieme corrispondono al tipo ostruttivo di HCM. Spicca:

  • ostruzione basale - uno stato di riposo o 30 mm Hg;
  • latenti - uno stato calmo, inferiore a 30 mm Hg - sono caratterizzati da una forma non ostruttiva di HCM;
  • ostruzione labile - fluttuazioni spontanee del gradiente intraventricolare.

Ipertrofia miocardica - classificazione

Per comodità di lavorare in medicina, è consuetudine distinguere tra i seguenti tipi di ipertrofia miocardica:

  • ostruttivo - nella parte superiore del setto, su tutta l'area;
  • non ostruttivo: i sintomi sono scarsamente espressi, diagnosticati per caso;
  • simmetrico: tutte le pareti del ventricolo sinistro sono interessate;
  • apicale: i muscoli del cuore sono ingranditi solo dall'alto;
  • asimmetrico: colpisce solo un muro.

Ipertrofia eccentrica

Con questo tipo di LVH, la cavità ventricolare si espande e, allo stesso tempo, si compattano in modo uniforme e proporzionale i muscoli miocardici causati dalla crescita dei cardiomiociti. Con un aumento generale della massa cardiaca, lo spessore relativo della parete rimane invariato. L'ipertrofia miocardica eccentrica può influenzare:

  • setto interventricolare;
  • la cima;
  • parete laterale.
  • Valore nutritivo del cibo - tavola
  • Casseruola di cavolo: ricette con foto
  • Cosa puoi mangiare con un'esacerbazione della gastrite

Ipertrofia concentrica

Il tipo concentrico della malattia è caratterizzato dalla conservazione del volume della cavità interna con un aumento della massa del cuore dovuto ad un aumento uniforme dello spessore delle pareti. C'è un altro nome per questo fenomeno: ipertrofia miocardica simmetrica. La malattia insorge a causa dell'iperplasia degli organelli dei miocardiociti, provocata dall'ipertensione. Questo sviluppo di eventi è tipico dell'ipertensione arteriosa..

Ipertrofia miocardica - gradi

Per una corretta valutazione delle condizioni del paziente con malattia da HCM è stata introdotta un'apposita classificazione che tiene conto dell'ispessimento del miocardio. Di quanto aumenta la dimensione delle pareti durante la contrazione del cuore, in cardiologia si distinguono 3 gradi. A seconda dello spessore del miocardio, le fasi sono determinate in millimetri:

  • moderato - 11-21;
  • media - 21-25;
  • pronunciato - oltre 25.

Diagnosi di cardiomiopatia ipertrofica

Nella fase iniziale, con un leggero sviluppo di ipertrofia muraria, è molto difficile identificare la malattia. Il processo diagnostico inizia con l'intervista al paziente, scoprendo:

  • la presenza di patologie nei parenti;
  • morte di uno di loro in giovane età;
  • malattie passate;
  • il fatto dell'esposizione alle radiazioni;
  • segnaletica esterna all'ispezione visiva;
  • valori di pressione sanguigna;
  • indicatori nelle analisi del sangue, urine.

Viene applicata una nuova direzione: la diagnosi genetica dell'ipertrofia miocardica. Aiuta a stabilire i parametri del potenziale HCMP dei metodi strumentali e radiologici:

  • ECG - determina segni indiretti - disturbi del ritmo, ipertrofia dei reparti;
  • Raggi X: mostra un aumento del contorno;
  • Ultrasuoni: valuta lo spessore del miocardio, alterato flusso sanguigno;
  • ecocardiografia: risolve il luogo dell'ipertrofia, violazione della disfunzione diastolica;
  • MRI: fornisce un'immagine tridimensionale del cuore, imposta il grado di spessore miocardico;
  • ventricolografia: esamina le funzioni contrattili.

Come trattare la cardiomiopatia

L'obiettivo principale del trattamento è riportare il miocardio alla sua dimensione ottimale. Le attività finalizzate a questo vengono svolte nel complesso. L'ipertrofia può essere trattata con una diagnosi precoce. Un ruolo importante nel sistema di guarigione del miocardio è svolto da uno stile di vita, che implica:

  • aderenza a una dieta;
  • rifiuto dell'alcol;
  • smettere di fumare;
  • perdita di peso;
  • esclusione di droghe;
  • limitare l'assunzione di sale.

Il trattamento farmacologico per la cardiomiopatia ipertrofica prevede l'uso di farmaci che:

  • ridurre la pressione sanguigna - ACE inibitori, antagonisti del recettore dell'angiotensina;
  • regolare i disturbi del ritmo cardiaco - antiaritmici;
  • farmaci con effetto ionotropico negativo - beta-bloccanti, calcio antagonisti del gruppo verapamil - rilassano il cuore;
  • rimuovere il fluido - diuretici;
  • migliorare la forza muscolare - ionotropi;
  • con la minaccia di endocardite infettiva - profilassi antibiotica.

Un metodo di trattamento efficace che altera il corso dell'eccitazione e della contrazione dei ventricoli è la stimolazione bicamerale con un ritardo atrioventricolare ridotto. Casi più complessi - ipertrofia IVS asimmetrica pronunciata, ostruzione latente, mancanza di effetto farmacologico - richiedono la partecipazione di chirurghi per la regressione. Per salvare la vita del paziente, aiuta:

  • installazione del defibrillatore;
  • impianto di un pacemaker;
  • miectomia settale transaortica;
  • escissione di una parte del setto interventricolare;
  • ablazione transcatetere settale alcolica.

Cardiomiopatia: trattamento con rimedi popolari

Su consiglio del cardiologo curante, è possibile integrare il piatto principale con rimedi erboristici. Il trattamento alternativo dell'ipertrofia ventricolare sinistra prevede l'uso di bacche di viburno senza trattamento termico, 100 g al giorno. È utile utilizzare semi di lino, che hanno un effetto positivo sulle cellule cardiache. Consiglia:

  • prendi un cucchiaio di semi;
  • aggiungere acqua bollente - litro;
  • tenere a bagnomaria per 50 minuti;
  • filtrare;
  • bevanda al giorno - dose 100 g.

L'infusione di avena ha buone recensioni nel trattamento della CMI per regolare il lavoro dei muscoli cardiaci. La prescrizione dei guaritori richiede:

  • avena - 50 grammi;
  • acqua - 2 bicchieri;
  • riscaldare fino a 50 gradi;
  • aggiungere 100 g di kefir;
  • versare il succo di ravanello - mezzo bicchiere;
  • mescolare, riposare per 2 ore, filtrare;
  • metti 0,5 cucchiai. miele;
  • dosaggio - 100 g, tre volte al giorno prima dei pasti;
  • corso - 2 settimane.

Articolo Successivo
I miei occhi sono gonfi, cosa devo fare? Consiglio del dottore