Manuale medico


Articoli basati sulla consulenza di esperti

Manuale medico

Articoli basati sulla consulenza di esperti

Ipoplasia della vena giugulare interna sinistra che cos'è

Ipoplasia della vena giugulare interna sinistra che cos'è

Vena giugulare e sue malattie

Le vene giugulari appartengono al sistema della vena cava superiore e sono responsabili del deflusso del sangue dalla testa e dal collo. Il loro altro nome è giugulare. Questi sono tre vasi accoppiati: interno, esterno, anteriore.

Un po 'di anatomia

Il volume principale di sangue viene prelevato dalla testa e dal collo attraverso la più grande delle giugulari, quella interna. I suoi tronchi hanno un diametro di 11-21 mm. Inizia dal forame giugulare cranico, poi si espande, formando il seno sigmoideo, e scende nel punto in cui la clavicola si unisce allo sterno. All'estremità inferiore, prima di connettersi alla vena succlavia, forma un altro ispessimento, al di sopra del quale, nel collo, sono presenti le valvole (una o due).

La vena giugulare interna ha affluenti intracranici ed extracranici. Intracranico: questi sono i seni della dura madre con le vene del cervello, le orbite, gli organi dell'udito e le ossa del cranio che fluiscono in essi. Le vene extracraniche sono i vasi del viso e della superficie esterna del cranio, che fluiscono nella giugulare interna lungo il suo corso. Le vene extracraniche e intracraniche sono interconnesse da legamenti che passano attraverso speciali fori cranici.

La vena giugulare interna è l'autostrada principale che rimuove il sangue saturo di anidride carbonica dalla testa. Questa vena, grazie alla sua comoda posizione, viene utilizzata nella pratica medica per inserire cateteri per somministrare farmaci..

Il secondo più importante è l'outdoor. Corre sotto il tessuto sottocutaneo lungo la parte anteriore del collo e raccoglie il sangue dall'esterno del collo e della testa. Si trova vicino alla superficie ed è facilmente palpabile, particolarmente evidente quando si canta, si tossisce, si urla.

La più piccola delle vene giugulari è la giugulare anteriore, formata dai vasi superficiali del mento. Scende lungo il collo, fondendosi con la vena esterna sotto il muscolo che collega il processo mastoideo, lo sterno e la clavicola.

Funzioni della vena giugulare

Questi vasi svolgono funzioni molto importanti nel corpo umano:

    Fornire un flusso sanguigno inverso dopo la saturazione con anidride carbonica, prodotti metabolici e tossine dai tessuti del collo e della testa. Responsabile della normale circolazione sanguigna nelle regioni cerebrali.

Cateterismo

Per l'accesso venoso nella pratica medica, viene solitamente utilizzata la vena giugulare interna destra o la vena succlavia destra. Quando si esegue la procedura sul lato sinistro, c'è il rischio di danneggiare il dotto linfatico toracico, quindi è più conveniente eseguire manipolazioni a destra. Inoltre, il flusso sanguigno dalla parte dominante del cervello viene effettuato lungo la linea giugulare sinistra..

Secondo i medici, è preferibile la puntura e il cateterismo delle vene giugulari interne piuttosto che succlavia a causa del minor numero di complicanze, come sanguinamento, trombosi, pneumotorace.

Schema di cateterizzazione della vena giugulare

Le principali indicazioni della procedura:

    L'impossibilità o l'inefficacia dell'introduzione di farmaci nei vasi periferici. Prossima terapia infusionale a lungo termine e intensiva. La necessità di diagnosi e studi di controllo. Effettuare la disintossicazione mediante plasmaferesi, emodialisi, emoassorbimento.

Il cateterismo della vena giugulare interna è controindicato se:

    una storia di intervento chirurgico al collo; alterata coagulazione del sangue; ci sono ascessi, ferite, ustioni infette.

Esistono diversi punti di accesso alla vena giugulare interna: centrale, posteriore e anteriore. Il più comune e comodo è quello centrale.

La tecnica di puntura venosa tramite accesso centrale è la seguente:

Il paziente è posto sulla schiena, la testa è girata a sinistra, le mani sono lungo il corpo, il tavolo dal lato della testa è abbassato di 15 °. Determina la posizione dell'arteria carotide destra. La vena giugulare interna si trova più vicino alla superficie, parallela alla vena carotide. Il sito di puntura viene trattato con un antisettico e limitato con tovaglioli sterili, la lidocaina (1%) viene iniettata nella pelle e nel tessuto sottocutaneo e la ricerca della posizione della vena viene iniziata con un ago di ricerca intramuscolare. Determinare il decorso dell'arteria carotide con la mano sinistra e inserire l'ago lateralmente all'arteria carotide 1 cm con un angolo di 45 °. Far avanzare l'ago lentamente finché non appare il sangue. Inserire non più in profondità di 3-4 cm Se è stato possibile trovare una vena, rimuovere l'ago di ricerca e inserire l'ago dal set, ricordando il percorso, oppure inserire prima l'ago dal set nella direzione trovata dall'ago di ricerca, quindi rimuovere l'ultimo.

Il posizionamento del catetere di solito avviene secondo Seldinger. La tecnica di introduzione è la seguente:

È necessario assicurarsi che il sangue scorra liberamente nella siringa e scollegarla, lasciando l'ago. Un filo guida viene inserito nell'ago a circa metà della sua lunghezza e l'ago viene rimosso. La pelle viene incisa con un bisturi e il dilatatore viene inserito lungo il filo guida. Il dilatatore viene portato a mano più vicino al corpo in modo che non pieghi o ferisca il tessuto. Il dilatatore non viene completamente iniettato, viene creato solo un tunnel nel tessuto sottocutaneo senza penetrazione nella vena. Il dilatatore viene rimosso, il catetere viene inserito e il filo guida viene rimosso. Viene eseguito un test per una reazione allergica a un farmaco. Dal flusso sanguigno libero, si può comprendere che il catetere si trova nel lume del vaso.

Patologie della vena giugulare

Le principali malattie di queste vene includono patologie caratteristiche di tutti i grandi vasi:

    flebite (infiammazione); trombosi (formazione di coaguli di sangue all'interno di un vaso che ostruisce il flusso sanguigno; ectasia (dilatazione).

È una malattia infiammatoria delle pareti venose. Nel caso delle vene giugulari, ci sono tre tipi di flebite:

    La periflebite è un'infiammazione dei tessuti del tessuto sottocutaneo che circonda il vaso. Il sintomo principale è l'edema nel solco giugulare senza disturbare la circolazione sanguigna. La flebite è un'infiammazione della parete venosa, accompagnata da un edema denso, mentre rimane la permeabilità del vaso. Tromboflebite - infiammazione della parete venosa con formazione di un coagulo di sangue all'interno del vaso. È accompagnato da edema denso doloroso, pelle calda intorno ad esso, la circolazione sanguigna è compromessa.

Ci possono essere diversi motivi per la flebite della vena giugulare:

    ferite, contusioni e altre lesioni; violazione della sterilità durante il posizionamento di cateteri e iniezioni; l'ingresso di farmaci nei tessuti attorno alla nave (spesso si verifica quando il cloruro di calcio viene somministrato in aggiunta alla vena); infezione da tessuti vicini che sono colpiti da microrganismi dannosi.

Per la flebite non complicata (senza suppurazione), il trattamento locale è prescritto sotto forma di impacchi e unguenti (eparina, canfora, ittiolo).

Unguento eparina è usato per la flebite per prevenire la formazione di coaguli di sangue

La flebite purulenta richiede un approccio diverso. In questo caso, viene mostrato quanto segue:

    farmaci antinfiammatori (Diclofenac, Ibuprofen); medicinali che rafforzano le pareti dei vasi sanguigni (Phlebodia, Detralex); agenti anti-coagulazione (Curantil, Trental).

Se i metodi terapeutici non funzionano, l'area interessata della vena viene asportata chirurgicamente.

Flebectasia

Quindi in medicina chiamano espansione della vena giugulare. Di regola, non ci sono sintomi all'inizio della malattia. La malattia può andare avanti per anni senza manifestarsi in alcun modo. Il quadro clinico si sviluppa come segue:

    Le prime manifestazioni sono un ingrossamento indolore di una vena del collo. Un gonfiore si forma nella parte inferiore, simile a un fuso, nella parte superiore, un gonfiore bluastro appare sotto forma di una borsa. Nella fase successiva, c'è una sensazione di pressione quando si urla, movimenti improvvisi della testa, piegarsi. Poi c'è dolore al collo, la respirazione è difficile e la voce diventa rauca..

L'ectasia può svilupparsi a qualsiasi età e le cause principali sono le seguenti:

    Contusioni alla testa e al collo, commozioni cerebrali, lesioni cerebrali traumatiche. Lavoro sedentario senza interruzioni per molto tempo. Fratture costali, lesioni alla colonna vertebrale e alla schiena. Interruzione dell'apparato valvolare, che non può regolare il movimento e il sangue, a seguito del quale si accumula e allunga le pareti vascolari. Ipertensione, malattia coronarica, malattia miocardica, difetti cardiaci, insufficienza cardiaca. Immobilità prolungata dovuta a patologie della colonna vertebrale o del tessuto muscolare. Leucemia. Tumori (benigni o maligni) degli organi interni. Disturbi endocrini.

Molto spesso, le vene giugulari sono dilatate per diversi motivi..

Il trattamento dell'ectasia dipende dalle condizioni generali del paziente, dalla gravità della malattia e da quanto il vaso è dilatato e da come colpisce i tessuti circostanti. Se nulla minaccia il normale funzionamento del corpo, il paziente verrà monitorato e non sarà richiesto alcun trattamento speciale.

Per quanto riguarda le complicazioni, c'è la probabilità di rottura della nave e sanguinamento, che molto spesso finisce con la morte. Sebbene le rotture di ectasia siano rare, non lasciare che la malattia faccia il suo corso. È necessario essere costantemente monitorati da un medico in modo che, in caso di progressione della malattia, possa prescrivere tempestivamente un'operazione chirurgica.

Trombosi della vena giugulare

In caso di trombosi, all'interno del vaso si forma un coagulo di sangue che impedisce il flusso sanguigno. La trombosi della vena giugulare è congenita, acquisita e mista.

I fattori di rischio ereditari includono:

    struttura speciale delle vene; carenza di antitrombina-3; un disturbo della coagulazione del sangue; mancanza di proteine ​​C, S.
    intervento chirurgico e condizioni dopo l'intervento chirurgico; tumore; età avanzata; periodo postpartum; immobilizzazione prolungata durante un lungo viaggio, volo; chemioterapia; sindrome da antifosfolipidi; trauma con conseguente compressione della vena; somministrazione di farmaci per via endovenosa; benda di gesso; cateterismo venoso; attacco cardiaco acuto, ictus; menopausa; lupus eritematoso; fumare; ulcera allo stomaco, sepsi; terapia ormonale; trombocitosi; grave disidratazione; malattie endocrine; prendendo contraccettivi ormonali.

Tra quelli misti si può definire un aumento nel sangue di alcuni fattori della coagulazione, il fibrinogeno e l'omocisteina.

    forte dolore al collo e alla clavicola durante la rotazione della testa, che può irradiarsi al braccio; gonfiore, arrossamento o colorazione bluastra nel coagulo di sangue; la gravità del pattern venoso; gonfiore del nervo ottico e visione offuscata; sepsi; debolezza nelle braccia e nelle gambe; cancrena degli arti; embolia polmonare.

Con la trombosi della vena giugulare vengono prescritti farmaci e trattamento anticoagulante, in rari casi viene eseguito un intervento chirurgico.

Sembra un gonfiore delle vene giugulari nei pazienti

Delle preparazioni mostrate:

    antinfiammatorio; antidolorifici; flebotonica; anticoagulanti (Cardiomagnet, Thrombo ACC, Warfarin, iniezione di eparina sottocutanea nelle forme acute).

Inoltre, viene prescritta una dieta a basso contenuto di colesterolo..

In alcuni casi, possono essere necessarie trombectomia (rimozione di un coagulo sanguigno con escissione di tessuto) e trombolisi, in cui il coagulo si dissolve.

Malformazioni congenite della vena giugulare

Le malattie congenite comprendono l'ipoplasia (sottosviluppo) e l'aneurisma della vena giugulare.

I sintomi dell'ipoplasia dipendono dalla gravità della malattia. Se le deviazioni dalla norma sono insignificanti, viene compensato dal fatto che la seconda vena della coppia assume le funzioni dell'autostrada difettosa, quindi lo sviluppo del bambino e la sua ulteriore vita procedono normalmente. Con deviazioni significative nello sviluppo della vena giugulare, il bambino può provare forti mal di testa, vomita spesso, è in ritardo nello sviluppo a causa dello scarso deflusso di sangue dalla testa. In questo caso, è necessario un intervento chirurgico..

Conclusione

In condizioni moderne, le patologie delle vene giugulari sono abbastanza facilmente diagnosticate utilizzando metodi moderni, come l'ecografia vascolare, la TC, la risonanza magnetica, la tromboelastografia, i test di laboratorio del tempo di protrombina. La cosa principale è essere attenti a qualsiasi cambiamento nel corpo e consultare un medico in tempo.

Caratteristiche delle vene giugulari: norma e patologia

Un deflusso di sangue di alta qualità dal cervello funge da base per l'esistenza del corpo umano. Nonostante la rete sviluppata di tutti i vasi del corpo umano, solo le vene giugulari svolgono il ruolo principale nel garantire il normale metabolismo cerebrale..

Caratteristiche anatomiche e anomalie strutturali

Le vene giugulari o giugulari sono i tre grandi vasi della vena cava superiore che trasportano il sangue dalla testa al collo. Questi includono la vena giugulare interna, la vena giugulare esterna e la vena giugulare anteriore..

Il vaso più grande che promuove il rilascio di sangue dal seno cranico è la vena giugulare interna. La vena giugulare interna ha origine nell'apertura giugulare del cranio, continua nel seno sigmoideo nella dura madre, da dove scende attraverso l'arteria carotide alla giunzione della clavicola e dello sterno.

Inoltre, si intreccia con la succlavia ed è la base della linea venosa brachiocefalica. La vena giugulare interna è il vaso principale che effettua il deflusso del sangue dalla testa.

La seconda per dimensione e importanza è la vena giugulare esterna, che ha un diametro inferiore, si trova sotto il tessuto cutaneo ed è il luogo di confluenza dell'orecchio posteriore, dei vasi venosi dell'occipite e della regione soprascapolare. Le funzioni della vena giugulare esterna includono la raccolta del sangue dalle parti esterne della testa e del collo. Questa linea venosa corre lungo la parte anteriore del collo dove si collega alla linea venosa succlavia..

Poiché si trova vicino alla pelle, può essere facilmente rilevato alla palpazione mentre si tossisce, si urla o si canta..

Nella pratica di terapia intensiva, questo vaso viene utilizzato per inserire cateteri periferici per facilitare la somministrazione dei farmaci..

La vena giugulare anteriore è uno dei vasi più piccoli di questo gruppo. È formato dai vasi superficiali del mento, scende lungo il collo, dove sotto il muscolo che collega lo sterno, la clavicola e il processo mastoideo, si fonde con la vena giugulare esterna e forma il vaso venoso mediano del collo.

Difetti dello sviluppo

Una malattia congenita, che, sebbene rara, ma si verifica, include ectasia o aneurisma delle vene giugulari. Questa patologia viene diagnosticata all'età di due anni e richiede un intervento chirurgico. I suoi segni sono una sporgenza sferica sulle pareti della nave con spasmi muscolari.

Questa deviazione può essere rilevata visivamente quando il bambino è teso, urla: una sporgenza sotto forma di tumore si forma nella parte anteriore del collo. È morbido al tatto e non provoca dolore.

Il bambino lamenta mal di gola durante la deglutizione, sensazione di spremitura e mal di testa. C'è una raucedine nella voce e una crescita lenta del bambino. Tuttavia, l'ectasia dei vasi venosi giugulari è pericolosa con complicazioni. A causa della distruzione dell'integrità della parete venosa, si verifica una violazione dell'afflusso di sangue, che è irto dello sviluppo di tromboflebite e rottura del vaso giugulare a causa della sua espansione.

Recentemente ho letto un articolo che racconta la crema naturale "Terme Castagno Bee" per il trattamento delle vene varicose e la pulizia dei vasi sanguigni dai coaguli di sangue. Con l'aiuto di questa crema, puoi PER SEMPRE curare le vene varicose, eliminare il dolore, migliorare la circolazione sanguigna, aumentare il tono delle vene, ripristinare rapidamente le pareti dei vasi sanguigni, pulire e ripristinare le vene varicose a casa.

Non ero abituato a fidarmi di nessuna informazione, ma ho deciso di controllare e ho ordinato un pacchetto. Ho notato i cambiamenti in una settimana: il dolore è passato, le mie gambe hanno smesso di “ronzare” e gonfiarsi, e dopo 2 settimane i coni venosi hanno cominciato a diminuire. Prova e tu, e se qualcuno è interessato, di seguito c'è il link all'articolo.

La rottura della vena giugulare è quasi sempre fatale a causa di una abbondante perdita di sangue, soprattutto se la rottura è avvenuta al di fuori delle mura di un istituto medico.

Non solo l'ectasia può diventare un'anomalia congenita. Il difetto congenito è anche l'ipoplasia della vena giugulare. Il quadro clinico in questa patologia dipende dal grado di ipoplasia. Con piccole deviazioni, lo sviluppo del bambino e l'ulteriore vita non cambiano in alcun modo, poiché la seconda autostrada giugulare svolge una funzione compensatoria.

Con un alto grado di ipoplasia, soprattutto bilaterale, può essere necessaria la correzione chirurgica del difetto, altrimenti il ​​deflusso di sangue dal cervello è molto difficile. La difficoltà nel deflusso del sangue porterà a mal di testa insopportabili, vomito, mentre i bambini sono molto indietro nello sviluppo.

Cambiamenti strutturali nelle patologie

Uno dei processi patologici che avvengono direttamente nella vena giugulare è la trombosi. La trombosi della vena giugulare è una malattia acuta caratterizzata dalla formazione di un coagulo di sangue nel lume del vaso giugulare. Le cause della malattia sono associate a disturbi nel sistema di coagulazione del sangue umano. Il coagulo di sangue risultante è una minaccia per la vita umana.

Le principali manifestazioni della malattia sono dolore al collo sul lato colpito, difficoltà dovute al dolore quando si gira la testa. L'asimmetria del collo è chiaramente visibile a causa dell'edema della zona interessata.

Per il trattamento delle vene varicose e la pulizia dei vasi sanguigni dalla trombosi, Elena Malysheva consiglia un nuovo metodo basato sulla crema Cream of Varicose Veins. Contiene 8 piante medicinali utili che sono estremamente efficaci nel trattamento delle vene varicose. In questo caso vengono utilizzati solo ingredienti naturali, niente chimica e ormoni!

La malattia viene diagnosticata mediante scansione duplex ad ultrasuoni dei vasi del collo. Questa patologia richiede un trattamento immediato utilizzando regimi di terapia trombotica standard..

Poiché tutti i vasi sono superficiali, sono a rischio di lesioni. Questo può accadere se il collo è ferito. La vena giugulare è una grande nave, la cui lesione è accompagnata da sanguinamento, incluso, forse, fatale.

Molti dei nostri lettori per il trattamento delle varicose stanno attivamente utilizzando il noto metodo basato su ingredienti naturali, scoperto da Elena Malysheva. Ti consigliamo di leggere.

Spesso, i cambiamenti esterni nelle linee venose giugulari non sono associati alla patologia direttamente in essi, ma sono un sintomo di altri gravi disturbi. Questo sintomo sono le pareti venose giugulari tese e gonfie. Ciò si verifica nella sindrome da compressione degli organi mediastinici da parte di formazioni patologiche, ad esempio tumori.

Il deflusso di sangue dalle autostrade giugulari è disturbato e il collo aumenta notevolmente di volume a causa delle pareti vascolari gonfie. Allo stesso tempo, la pelle del collo acquisisce una tinta bluastra. Oltre alla sindrome mediastinica, il gonfiore vascolare può causare insufficienza cardiaca destra.

I cambiamenti nell'area del collo sono particolarmente pronunciati quando viene dosata la pressione sull'area del fegato. È possibile aiutare un paziente che ha problemi di gonfiore dei vasi del collo curando la malattia sottostante che ha causato il sintomo.

Pertanto, le vene giugulari svolgono funzioni insostituibili nella vita del corpo umano. I disturbi nel lavoro dei vasi giugulari possono essere associati sia alla patologia di se stessi che ad altri organi e sistemi. In caso di disturbi nel funzionamento di questi vasi al fine di prevenire complicazioni fatali, è necessario consultare uno specialista del trattamento..

Hai mai provato a sbarazzarti di VARICOSIS? A giudicare dal fatto che stai leggendo questo articolo, la vittoria non è stata dalla tua parte. E ovviamente non sai per sentito dire di cosa si tratta:

    sensazione di pesantezza alle gambe, formicolio. gonfiore delle gambe, peggiora la sera, vene gonfie. protuberanze sulle vene delle braccia e delle gambe.

Ora rispondi alla domanda: ti va bene? TUTTI QUESTI SINTOMI possono essere tollerati? E quanti sforzi, soldi e tempo avete già “sprecato” per un trattamento inefficace? Del resto, prima o poi, LA SITUAZIONE VERRÀ DIMINUITA e l'unica via d'uscita sarà solo l'intervento chirurgico!

Esatto: è ora di iniziare a porre fine a questo problema! Sei d'accordo? Ecco perché abbiamo deciso di pubblicare un'intervista esclusiva con il capo dell'Istituto di flebologia del Ministero della salute della Federazione Russa - V.M.Semenov, in cui ha rivelato il segreto di un metodo da un centesimo per il trattamento delle vene varicose e il completo ripristino dei vasi sanguigni. Leggi l'intervista. Leggi di più >>>

L'uso della risonanza magnetica nello studio delle vene cerebrali

Angiografia RM (esame delle vene del cervello)

Il ruolo del disturbo della circolazione venosa nell'origine e nel decorso delle malattie vascolari del cervello è stato a lungo sottovalutato. Ciò è spiegato dalle difficoltà precedentemente esistenti nella valutazione intravitale dell'emodinamica venosa cerebrale quando si utilizzano metodi tradizionali di registrazione del flusso sanguigno venoso nei vasi cerebrali, nonché dall'insufficiente attenzione dei ricercatori a questa sezione di angiologia..

L'emergere di metodi moderni di neuroimaging, in particolare la diagnostica MRI, ha notevolmente facilitato l'identificazione di tali malattie..

Consideriamo diversi esempi di processi patologici rilevati dalla diagnostica MRI utilizzando la venografia RM..

Trombosi delle vene e dei seni cerebrali

La causa dello sviluppo della trombosi venosa e sinusale della dura madre può essere lesioni settiche, traumi, compressione del seno da parte di un tumore, lesioni sistemiche del tessuto connettivo.

Inoltre, la trombosi sinusale può svilupparsi a causa di tromboflebite delle estremità o focolai infiammatori nel corpo (nel periodo postpartum, dopo un aborto, con malattie infettive, nonché malattie delle orecchie e dei seni paranasali).

Tenendo conto dell'età del paziente, del grado di sviluppo della circolazione collaterale, nonché della localizzazione del processo patologico, le manifestazioni cliniche della trombosi venosa sono piuttosto variabili e non specifiche..

È molto difficile isolare le manifestazioni cliniche tipiche della trombosi sinusale, ma i sintomi iniziali più comuni sono i seguenti:
1. mal di testa
2.edema della testa del nervo ottico (un segno di ipertensione intracranica)
3. deficit neurologico focale
4. disturbi della coscienza (compaiono in caso di danno alla sostanza cerebrale sotto forma di edema progressivo, sviluppo di infarto o emorragia).

In caso di danno ai seni, i sintomi cerebrali dipendono dall'entità e dalla velocità di aumento della trombosi.

I sintomi focali si sviluppano quando la sostanza cerebrale è coinvolta nel processo, ad es. con lo sviluppo di infarto venoso corticale. Compaiono deficit motori corticali, sintomi corticali e convulsioni, a seconda della localizzazione del seno colpito.

Quando alla risonanza magnetica si verifica un quadro clinico di trombosi venosa e sinusale del cervello, nella maggior parte dei casi si riscontrano segni di ischemia ed emorragia estese. Tuttavia, in alcuni casi, i metodi di neuroimaging standard non riescono a rilevare i cambiamenti nel parenchima cerebrale..

Il metodo di scelta in questi casi è la risonanza magnetica (MRI) del cervello utilizzando la venografia RM..

Trombosi del seno trasverso destro - aree ipointense T2 (deossiemoglobina intracellulare).

La venografia RM è necessaria per confermare la trombosi del seno venoso e determinare l'esatta posizione e l'estensione del trombo.

Venografia RM: nessuna visualizzazione del flusso sanguigno nel seno trasverso destro e nella vena giugulare.

Risonanza magnetica cerebrale: a destra (freccia verde) sull'immagine pesata in T2, è presente un normale fenomeno di "flusso vuoto" dal seno sigmoideo destro e dalla vena giugulare. A sinistra (freccia arancione), si nota un segnale anormalmente alto, molto probabilmente a causa della trombosi. Per confermare la trombosi sinusale e infine determinare la posizione e l'entità della trombosi, è necessaria la venografia RM.

Venografia RM: trombosi del seno trasverso sinistro. Si nota la perdita del segnale RM dal seno trasverso sinistro.
La presenza della visualizzazione del seno su dati "grezzi" o MRI del cervello conferma la trombosi sinusale ed esclude la sua ipoplasia.

Venografia RM: trombosi del seno trasverso destro. Si nota la perdita del segnale RM dal seno trasverso destro.
La presenza della visualizzazione del seno su dati "grezzi" o MRI del cervello conferma la trombosi sinusale ed esclude la sua ipo- e aplasia.

Trombosi del seno trasverso destro. Assenza del fenomeno del "flusso vuoto" dal seno trasverso destro alla risonanza magnetica cerebrale. Mancanza di visualizzazione del seno trasverso destro alla venografia RM.

Come accennato in precedenza, nei casi di un quadro clinico di trombosi venosa cerebrale lungo le vene e i seni, una risonanza magnetica del cervello in alcuni casi rivela una zona di ischemia ed emorragia.

MRI del cervello: c'è una combinazione di vasogenico (freccia arancione), edema citotossico ed emorragia (freccia verde). Questa immagine MRI, così come la posizione della zona patologica nella proiezione del lobo temporale, fa pensare alla CMC venosa emorragica dovuta alla trombosi venosa di Labbe. La conferma richiede una venografia MRI o MRI con mezzo di contrasto.

STENOSI, AREE DI ESPANSIONE PATOLOGICA E IPOPLASIA DELLE STRUTTURE VENOSE DEL CERVELLO

Immagine MRA di asimmetria pronunciata della rete venosa con predominanza e dilatazione non nitida delle vene dell'emisfero destro (trasverso, seni sigmoideo e vene giugulari a destra); ipoplasia del seno trasverso e sigmoideo sinistro. Singole aree (2) di espansione locale delle vene nelle parti parasagittali dell'emisfero sinistro, la grande vena del cervello. Struttura venosa convoluta asimmetrica, dilatata e pronunciata delle sezioni extracraniche a destra.

Segni MRA di leggera dilatazione del seno sagittale superiore, diminuzione locale del flusso sanguigno e restringimento del lume del seno retto distale; asimmetria del lume dei seni trasversali, sigmoideo e vene giugulari interne.

MALFORMAZIONI VASCOLARI

1. Malformazione venosa (angioma venoso).

Si verifica relativamente spesso e non è una vera malformazione, in misura maggiore è una variante della struttura del deflusso venoso.

Il decorso è solitamente asintomatico. Raramente hanno convulsioni.

Malformazione venosa. Schema. Si identificano piccole venule dilatate a forma di "ombrello", "testa di medusa", drenanti in una grande vena transcorticale, che a sua volta sfocia nel seno sagittale superiore.

a) T1 con contrasto endovenoso. Le frecce mostrano vene dilatate della sostanza bianca profonde che drenano in una vena transcorticale dilatata;
b) La venografia RM con mezzo di contrasto mostra una displasia venosa che drena in una vena cerebrale interna ingrandita. Malformazione venosa.

2. Malformazione della grande vena del cervello (vena di Galeno).

Un AVM situato in posizione centrale che drena nella vena di Galeno, con la formazione delle sue vene varicose. Nei neonati possono verificarsi sintomi di insufficienza cardiaca a causa dell'elevato volume di flusso sanguigno shunt.

a) Malformazione (dilatazione varicosa) della vena di Galeno, schema.
b) L'abbassamento T1 è determinato dalla vena di Galeno espansa (freccia aperta), drenante (freccia) nel seno sagittale;
c) Ricostruzione del volume RM.

Ipoplasia cerebrovascolare

L'ipoplasia cerebrovascolare è una malattia vascolare caratterizzata da uno sviluppo insufficiente delle strutture del sistema circolatorio del GM. Con esso, le strutture che alimentano l'organo hanno una forma irregolare, anormalmente contorte, difettose e non possono funzionare correttamente. Questa patologia porta a un insufficiente apporto di sangue al cervello e alle conseguenze corrispondenti..

Tipi di ipoplasia

In senso lato, l'ipoplasia è un'anomalia nella formazione di qualsiasi organo, in cui è completamente o parzialmente ridotta. Una delle forme più gravi di anomalie di questo tipo è considerata l'ipoplasia del corpo calloso del cervello in un bambino. Manca il corpo calloso, la struttura del sistema nervoso centrale che collega gli emisferi. Nel 70-75% dei casi clinici il bambino diventa disabile.

Il cervello è spesso colpito da malattie vascolari di varia complessità. Allo stesso tempo, qualsiasi patologia influisce immediatamente sulle condizioni di una persona, poiché questo organo è sensibile alla mancanza di oligoelementi.

L'ipoplasia delle arterie cerebrali può essere acquisita o congenita. Il primo si sviluppa sullo sfondo dell'influenza di fattori sfavorevoli e il secondo tipo di patologia è una conseguenza dello sviluppo anormale dei tessuti delle arterie e delle vene durante il periodo di sviluppo intrauterino del bambino. Nella pratica medica, l'ipoplasia congenita viene spesso diagnosticata..

L'afflusso di sangue alla parte della testa del sistema nervoso centrale avviene attraverso due arterie carotidi interne e due arterie vertebrali - sinistra e destra. In una persona sana, si sviluppano in modo uniforme. Se durante la formazione del sistema circolatorio del cervello fetale si è verificato un guasto, ciò porta al sottosviluppo di alcuni vasi sanguigni. Gli specialisti distinguono l'ipoplasia del lato destro, del lato sinistro e bilaterale.

Quando i vasi principali sono bloccati, l'afflusso di sangue al cervello viene effettuato attraverso le strutture del cerchio di Willis, che è formato dalle arterie principali vicino alla base del cranio..

Un circolo di Willis normalmente sviluppato si trova solo nel 25-40% della popolazione, in altri casi i suoi componenti hanno una struttura anormale. Spesso si tratta di ipoplasia delle arterie comunicanti anteriori o posteriori, assenza e deformazione dei primi segmenti delle arterie cerebrali anteriori e posteriori.

La patologia può anche interessare i seni venosi - raccoglitori in cui il sangue di scarto si raccoglie dalla superficie del cervello. Da loro, entra in due vene giugulari - vasi sanguigni accoppiati situati sul collo. Con l'ipoplasia dei seni venosi, c'è una diminuzione del deflusso venoso.

Lesione dell'arteria destra

I vasi sanguigni vertebrali si fondono prima in un'arteria basilare, che poi si divide nell'arteria cerebrale posteriore destra e sinistra. Le arterie di collegamento posteriori destra e sinistra si allontanano da loro, rispettivamente. Attraverso questi vasi sanguigni, il sangue scorre al cervello posteriore, al cervelletto e alla regione talamica..

Pertanto, con l'ipoplasia dell'arteria vertebrale destra, l'attività motoria umana, la vista e lo stato psicoemotivo di una persona soffrono per primi. Alcuni segni di patologia possono essere confusi con manifestazioni di depressione: diminuzione dell'autostima, sensi di colpa, pessimismo, disturbi del sonno, dipendenza dal tempo, apatia e letargia.

A volte i sintomi dell'ipoplasia sono simili alle manifestazioni dello sviluppo del tumore:

  • Vertigini frequenti;
  • Disturbo della coordinazione del movimento;
  • Mal di testa.

Il principale pericolo di patologia è che l'ipoplasia porta a una circolazione sanguigna insufficiente nel bacino vertebro-basilare e alla comparsa di coaguli di sangue in esso - trombi. Possono anche comparire cambiamenti degenerativi nella sostanza del cervello e possono svilupparsi malattie di fondo, ad esempio l'aterosclerosi, in cui le placche di colesterolo aderite alle pareti riducono ulteriormente il lume del vaso e interferiscono con la normale circolazione sanguigna..

Lesione dell'arteria sinistra

L'ipoplasia può essere l'arteria vertebrale destra o sinistra. Allo stesso tempo, la patologia del lato sinistro non viene espressa immediatamente, poiché questo vaso sanguigno è fisiologicamente più largo di quello destro e la sua disfunzione può essere compensata dal corpo per lungo tempo. Spesso i sintomi compaiono solo con l'esacerbazione di malattie croniche, ad esempio con aterosclerosi, ipertensione, ecc..

Nel tempo, i sintomi aumenteranno insieme ai cambiamenti legati all'età nei tessuti e negli organi del corpo umano. Il sintomo principale dell'ipoplasia di questa nave è la cefalea, che si estende al rachide cervicale..

Quando le arterie vertebrali si restringono nel corpo, si formano anastomosi di compensazione - anastomosi vascolare. Attraverso di loro successivamente, il sangue scorre in modo indiretto, aggirando le parti ipoplastiche del sistema circolatorio..

Il quadro clinico dell'ipoplasia del seno trasverso sinistro è determinato dal grado di sottosviluppo dell'arteria vertebrale sinistra. Una forma lieve di patologia praticamente non compare, mentre con un grado di alterazione grave l'anomalia viene visualizzata sulle immagini MRI. La sua presenza è segnalata anche da cefalee notturne, nausea, vomito..

Una grave ipoplasia sinusale del cervello può causare trombosi, edema del nervo ottico e perdita dei campi visivi.

Le principali cause e conseguenze della patologia

L'ipoplasia delle strutture del sistema circolatorio del cervello è solitamente una patologia congenita, il cui debutto di solito si verifica nei primi anni di vita di un bambino. In questo caso, il fattore che provoca la malattia è l'intossicazione da sostanze nocive durante la gravidanza..

Questo può portare a:

  • Fumo;
  • Bere bevande alcoliche;
  • Avvelenamento del corpo con prodotti di scarto di agenti patogeni (rosolia, influenza);
  • Assunzione incontrollata di droghe, intossicazione con loro.

La formazione anormale delle arterie vertebrali può essere una conseguenza dello stress e della depressione della donna incinta.

Una lieve ipoplasia del cervello potrebbe non apparire per molto tempo, tuttavia, durante un'esacerbazione di malattie croniche del sistema cardiovascolare, complicherà seriamente la situazione.

La patologia acquisita appare più spesso a causa di danni meccanici alle strutture corrispondenti del sistema circolatorio o pizzicandole tra i dischi vertebrali. Tali cambiamenti si verificano a causa di una violazione dell'integrità delle vertebre cervicali o di un uso prolungato del tutore cervicale.

Una forma grave di ipoplasia vascolare è sempre associata a gravi conseguenze. Questi includono:

  1. Il rischio di sviluppare aneurismi e, a seguito della loro rottura, un ictus;
  2. Instabilità della pressione sanguigna, ipertensione;
  3. Deterioramento del benessere generale, stanchezza rapida, sonnolenza;
  4. Vertigini, svenimenti, vomito grave.

Il sottosviluppo dei vasi cerebrali nel feto è irto di gravi conseguenze, fino allo sviluppo di difetti nelle strutture del sistema nervoso centrale. Successivamente, possono portare a disfunzione del corpo calloso, sottosviluppo cerebellare, ecc..

Sintomi di ipoplasia

A causa dei cambiamenti ipoplastici nei vasi cerebrali, il volume di sangue che li attraversa diminuisce. Ciò porta ad una mancanza di nutrienti e ossigeno necessari per il normale funzionamento del sistema nervoso centrale, come indicato dai seguenti sintomi:

  1. Fatica cronica;
  2. Mal di testa, vertigini;
  3. Cambiamento della pressione sanguigna.

La patologia influenza lo stato psicoemotivo del paziente: può sviluppare irritabilità, c'è una diminuzione delle capacità mentali, la memoria soffre, la concentrazione dell'attenzione è compromessa.

Le manifestazioni locali dell'ipoplasia dell'arteria cerebrale dipendono dal grado di patologia e dal volume dei disturbi causati da una circolazione sanguigna insufficiente.

L'ipoplasia delle arterie di collegamento posteriori porta alla disfunzione delle parti posteriori dell'organo. Questo si manifesta in nausea, vomito, vertigini. Spesso, con questa condizione, si sviluppano disturbi sensoriali: intorpidimento degli arti, formicolio in essi, sensazione di calore, ecc. Da parte del sistema visivo si nota la diplopia.

Poiché le arterie connettive posteriori, insieme ad altri rami dei vasi sanguigni vertebrali, formano un cerchio walisiano, il loro fallimento porta alla sua disfunzione. In una persona sana, i sintomi della patologia praticamente non influenzano il benessere, tuttavia, durante l'esame, gli esperti notano ancora una leggera asimmetria dell'afflusso di sangue.

L'ipoplasia di questa parte del sistema circolatorio del cervello può portare a conseguenze negative, poiché svolge la funzione di "salvagente" quando viene interrotto l'afflusso di sangue attraverso le arterie principali.

L'ipoplasia bilaterale dei bacini delle arterie vertebrali (vertebrali) porta a insufficienza vertebrale-basilare. Questa patologia porta a una circolazione sanguigna insufficiente in più parti del cervello contemporaneamente: la parte occipitale, il cervelletto e il tronco..

Successivamente, il paziente ha un danno ischemico ai tessuti del sistema nervoso centrale con conseguenti disturbi funzionali del funzionamento delle strutture corrispondenti..

Anche il sottosviluppo di una delle arterie vertebrali influisce sul benessere del paziente. Ad esempio, con una grave patologia del vaso sanguigno sinistro, si nota quanto segue:

  • Forte dolore pulsante nella parte posteriore della testa;
  • Capogiri frequenti, svenimenti;
  • Ipertensione;
  • Una sensazione di oppressione all'occipite;
  • Compromissione della coordinazione dei movimenti;
  • Sonnolenza;
  • Disturbi sensibili.

Di tanto in tanto, la persona malata può manifestare allucinazioni uditive e visive, irritabilità e instabilità dell'umore. Vi è una grave violazione della regolamentazione del "sonno-veglia".

Come viene fatta la diagnosi

Il modo migliore per rilevare l'ipoplasia del sistema vascolare del cervello è l'angiografia classica e le sue variazioni, ad esempio l'esame selettivo. Con l'aiuto di esso, gli esperti valutano il funzionamento di tutte le arterie e le vene della testa, la loro lunghezza e identificano la presenza di ulteriori percorsi di flusso sanguigno.

Nonostante i vantaggi, questo metodo di ricerca ha una serie di controindicazioni:

  • Allergia allo iodio (è un componente dell'agente di contrasto);
  • Malattie croniche: insufficienza renale, insufficienza cardiaca, insufficienza polmonare, oncopatologia;
  • Processi infiammatori nel corpo;
  • Tromboflebite;
  • Malattia mentale;
  • Gravidanza.

Con una patologia come l'ipoplasia dell'arteria vertebrale destra o sinistra del cervello, uno specialista può prescrivere l'ecografia Doppler (USG). Questo metodo di ricerca non invasivo consente nel più breve tempo possibile di ottenere informazioni sullo spessore delle pareti del vaso interessato, la natura e la fase del flusso sanguigno in esso contenuto, la simmetria delle strutture accoppiate, la velocità del flusso sanguigno e l'indice resistivo..

Metodi di trattamento

La tattica della terapia per il paziente è determinata in base alle caratteristiche della patologia e al grado della sua influenza sull'afflusso di sangue al cervello. Questo può essere un trattamento conservativo o un intervento chirurgico..

Come supplemento per l'ipoplasia vascolare, gli esperti raccomandano di combinare il trattamento principale con metodi alternativi. Tuttavia, l'automedicazione è pericolosa, poiché i farmaci potrebbero non essere compatibili con le piante medicinali.

Trattamento farmacologico

Il trattamento conservativo consiste nell'assunzione di farmaci, la cui azione è volta a migliorare i parametri del sangue e il metabolismo dei tessuti. In alcuni casi, possono essere utilizzati agenti ormonali.

È importante ricordare che anche se vengono seguite tutte le raccomandazioni di uno specialista, il problema non scomparirà, ma proteggerà il cervello da malattie più gravi.

Intervento operativo

In una condizione acuta, quando il flusso sanguigno non può essere ripristinato con i farmaci, al paziente viene prescritto un intervento chirurgico.

Di solito si tratta di un'operazione secondo la tecnica endovascolare: uno speciale espansore viene inserito nel vaso interessato attraverso un endoscopio, che successivamente ne tratterrà le pareti e ne previene lo spasmo.

Rimedi popolari

In caso di ipoplasia, l'uso della medicina tradizionale non è limitato, tuttavia, va ricordato che tale aiuto non può essere il trattamento principale, ma solo completarlo.

La ricezione di rimedi popolari deve essere coordinata con il medico curante.

Prodotti che hanno un effetto positivo sulla composizione di qualità del sangue:

  • Oliva, olio di lino;
  • Miele;
  • Succo di limone;
  • Patate;
  • Semi di aneto;
  • Aglio;
  • Decotto di melissa.

I metodi di terapia non tradizionali per l'ipoplasia del sistema vascolare del cervello includono anche l'agopuntura, il massaggio e gli esercizi ginnici..

Patologia vascolare congenita - flebectasia della vena giugulare: sintomi, opzioni di trattamento

L'ipoplasia dei vasi cerebrali è un sottosviluppo degli elementi del sistema circolatorio. L'ipoplasia delle arterie nel cervello è un'anomalia nello sviluppo degli elementi del flusso sanguigno, che porta a lesioni ischemiche del midollo, processi atrofici e distruttivi. Questi cambiamenti sono spesso la causa dell'ictus..

Caratteristiche della flebectasia della vena giugulare

Questa è un'anomalia dello sviluppo congenita che si sviluppa in circa 1 bambino su 10.000. Inizia a manifestarsi all'età di 2-5 anni. Quando si sforza, si tossisce, si piange, si nota un rigonfiamento sul collo. È causato dall'accumulo di sangue e dallo stiramento della parete della vena giugulare indebolita. Questo indebolimento è associato a uno sviluppo alterato della vena nel periodo embrionale..


1- interno; 2- vene giugulari esterne; 3- arteria carotide comune

Distinguere tra la patologia delle vene giugulari (giugulari) interne ed esterne. Interno: un'ampia nave che raccoglie il sangue dalle parti interne del cranio. Quello esterno è più sottile, i vasi venosi fluiscono in esso dalla superficie esterna della testa. C'è anche una vena anteriore, che è un raccoglitore di sangue venoso dal collo e dalla regione sublinguale. Tutti questi vasi sono accoppiati, fluiscono nelle vene succlavia.

Tutte le vene sono dotate di valvole sviluppate che impediscono al sangue di fluire nella direzione opposta. Ciò è possibile quando la pressione nella cavità toracica aumenta, quando il sangue venoso normalmente ritorna alla testa in piccole quantità. Quando un bambino urla o piange, le vene cervicali oi vasi sulla superficie della sua testa possono gonfiarsi. Succede simmetricamente.

Con la debolezza congenita di una delle valvole, il sangue scorre nella vena colpita più intensamente, e quindi con la tensione è chiaro che il suo aumento è molto maggiore su un lato. Questo sintomo è il sintomo principale della flebectasia..

Si consiglia di leggere l'articolo sulla trombosi succlavia. Da esso imparerai le cause dello sviluppo della trombosi succlavia, i sintomi di un problema nell'arteria nel blocco venoso acuto, nonché i metodi di diagnosi e trattamento. E qui c'è di più sulla tromboflebite delle vene del viso e del collo.

Video utile

Guarda il video sulla posizione delle vene giugulari interne, esterne e anteriori:

Un rigonfiamento o un aneurisma dell'arteria carotide può essere una condizione congenita. Può anche essere sinistro e destro, interno ed esterno, sacculare o fusiforme. I sintomi compaiono non solo sotto forma di un nodulo, ma anche una violazione del benessere. Trattamento - solo intervento chirurgico.

A causa di una serie di malattie, anche a causa della curvatura, può svilupparsi la trombosi succlavia. Le ragioni del suo aspetto nell'arteria, la vena sono molto diverse. I sintomi sono blu in faccia, dolore. La forma acuta richiede un trattamento immediato.

Il risultato di processi infiammatori purulenti può essere la tromboflebite delle vene del viso e del collo. Una malattia spiacevole che richiede una visita obbligatoria da un medico. Tuttavia, la tromboflebite della vena facciale può essere prevenuta.

La trombosi dei seni cerebrali o delle vene delle meningi può verificarsi spontaneamente. I sintomi ti aiuteranno a cercare aiuto e cure in modo tempestivo.

Il sanguinamento è un fenomeno formidabile che può provocare la morte. Abbastanza spesso, provoca vene varicose esofagee. Quali sono le ragioni per lo sviluppo della patologia? Quali sono i sintomi delle vene varicose dell'esofago e dello stomaco? Quale trattamento e dieta sono indicati?

Negli arti inferiori, la tromboflebite delle vene superficiali si verifica più spesso. Ha diverse forme: vene acute, superficiali, ascendenti, subacute, safene. Solo il rilevamento e il trattamento tempestivi ti salveranno dalle tristi conseguenze.

Il cateterismo venoso viene eseguito se necessario per la somministrazione regolare o rapida del farmaco. È possibile selezionare le vene centrale, giugulare, succlavia, periferica, ombelicale. La tecnica di Seldinger è semplice, ma potrebbero esserci complicazioni, anche nei bambini.

Il cateterismo cardiaco viene eseguito per confermare patologie gravi. Un esame delle sezioni giuste, le cavità possono essere eseguite. Viene anche usato per l'ipertensione polmonare..

A causa di difetti alla nascita o dopo una malattia, può verificarsi rigurgito tricuspidale. Le ragioni possono essere nell'endocardite reumatica, nella polmonite e in altre malattie. Rilevato in un bambino, incl. neonato, adulti. Può essere di 4 gradi e anche una combinazione: polmonare, valvolare, polmonare, prolasso con rigurgito.

Ragioni per i cambiamenti a destra, a sinistra, in entrambe le vene

La causa della flebectasia è la debolezza del tessuto connettivo delle sue valvole. La patologia può manifestarsi in un bambino, ma abbastanza spesso si verifica nelle donne durante la menopausa e negli anziani. Ciò è dovuto all'intensificazione dei processi di cambiamenti strutturali sotto l'influenza di cambiamenti ormonali o legati all'età. In questi casi, con uguale probabilità può verificarsi flebectasia giugulare su entrambi i lati o anche bilateralmente..

La dilatazione di entrambe le vene cervicali è un segno di grave malattia cardiaca con lavoro insufficiente del ventricolo sinistro. Questo può essere visto con una malattia polmonare cronica o gravi difetti cardiaci come la stenosi mitralica.

Oltre alla debolezza anatomica delle valvole venose, la causa della malattia può essere un tumore che comprime la parte sovrastante del vaso. In questo caso, importa da che parte è avvenuta la sconfitta:

  • La flebectasia giugulare del lato destro può essere osservata con un aumento significativo dei linfonodi cervicali a destra o dei tumori dei tessuti molli in quest'area;
  • di conseguenza, la sconfitta della vena giugulare sinistra dovrebbe allertare i medici in merito a qualsiasi patologia dei vasi linfatici a sinistra.

Non esiste un elenco di malattie che causano la flebectasia. In ogni caso, il medico esamina individualmente il paziente, identificando tutte le caratteristiche del suo corpo.

Perché si verifica la malattia

La malattia non dipende dal sesso o dall'età, inoltre, può anche essere congenita. La dilatazione della vena (giugulare) più comune si verifica nel collo. Contribuisci a questo:

  • contusioni spinali, fratture, traumi craniocerebrali, commozioni cerebrali;
  • stile di vita passivo;
  • malattie vascolari, insufficienza cardiaca, ictus, attacchi di cuore, pressione;
  • cancro, fibromi e altre neoplasie degli organi interni;
  • malattie del sistema endocrino.

Manifestazione e fasi della flebectasia venosa

La flebectasia delle vene degli arti inferiori, della giugulare o di qualsiasi altra si forma senza differenze visibili. La malattia può svilupparsi per molti anni senza farsi sentire. Ma puoi ancora notare alcuni sintomi:

La nave colpita può essere prominente sul corpo, ma raramente causa disagio.

  • C'è un aumento della vena, si gonfia. In questo caso, il paziente non avverte dolore o alcun inconveniente..
  • Successivamente, c'è una sensazione di pressione o pulsazione dei vasi colpiti.
  • Nei casi più gravi, si verifica dolore.

Sintomi della malattia

Nei ragazzi, la patologia si verifica 3 volte più spesso che nelle ragazze. Spesso, insieme all'espansione della vena, c'è anche la sua tortuosità.

La patologia esternamente procede quasi impercettibilmente. Di solito, i pazienti visitano un medico all'età di 8-15 anni con lamentele di rigonfiamento su un lato del collo, causato dall'espansione della vena giugulare esterna. All'inizio, si manifesta solo gonfiando dal lato del muscolo sternocleidomastoideo del collo durante la sua tensione.

Quindi, con la progressione, questa formazione aumenta con pianto, tensione e altre condizioni che aumentano la pressione nella cavità toracica e impediscono il normale flusso di sangue venoso attraverso la vena cava succlavia e superiore al cuore.

La violazione del normale deflusso di sangue dai tessuti della testa è accompagnata da tali sintomi clinici che compaiono per la prima volta durante l'infanzia:

  • mal di testa;
  • episodi di vertigini;
  • disturbi del sonno;
  • affaticabilità veloce;
  • scarso rendimento scolastico;
  • sangue dal naso di natura poco chiara;
  • sensazione di soffocamento, pressione sul collo;
  • nausea e vomito;
  • svenimento.

L'incidenza di tali sintomi varia dal 10 al 40% e costringe il paziente a consultare un medico. In altri casi, se la malattia è asintomatica, una persona può vivere tutta la sua vita e non essere consapevole della presenza di una tale anomalia vascolare..

Più grande è il lume di espansione, più spesso il paziente è preoccupato per qualcosa. Ciò è dovuto al volume del flusso inverso del sangue e allo sviluppo della stasi venosa nei tessuti della testa..

Anatomia e funzione

Tutto il sangue che scorre dalla testa e dal collo circola attraverso la vena giugulare interna (IJV). Il diametro del tronco del plesso venoso varia da 11 a 21 mm. Ha origine dal lume giugulare cranico, dopo di che si allarga e si forma una curva sigmoidea. Discende gradualmente al sito di confluenza della clavicola e dello sterno.

Le vene cervicali su entrambi i lati hanno 2 affluenti:

  • Intracranica. Sono seni solidi del rivestimento del cervello, in cui scorrono le vene del cervello, le cavità oculari, gli organi responsabili della funzione uditiva.
  • Extracranica. Include plessi coroide del viso e cranio esterno.

Tra di loro, i dotti a destra ea sinistra sono collegati da legamenti che passano attraverso speciali fori nel cranio. La vena giugulare interna drena il sangue pieno di anidride carbonica lontano dalla testa. È usato in medicina per il cateterismo e l'introduzione di un ago attraverso il quale entrano sostanze medicinali.

Le principali funzioni delle navi:

  • Fornisce un flusso sanguigno inverso dopo averlo saturato con anidride carbonica, prodotti metabolici e sostanze tossiche.
  • Responsabilità per la normale circolazione sanguigna nelle regioni cerebrali.

Metodi diagnostici

Se sospetti una flebectasia giugulare, dovresti contattare un chirurgo vascolare che condurrà un appropriato esame angiologico. Per valutare la gravità del processo causato da una violazione del deflusso venoso, viene prescritta una consultazione con un neurologo e un oftalmologo (esame del fondo).

Il metodo di screening, ovvero la diagnosi preliminare rapida, è la scansione duplex ad ultrasuoni. Ti consente di determinare i seguenti segni:

  • luogo e struttura dell'istruzione, sua dimensione;
  • la direzione del flusso sanguigno, la sua natura (laminare, cioè lineare, o turbolento, cioè vorticoso);
  • pervietà delle vene, condizioni delle loro pareti e valvole.

Quindi al paziente vengono assegnati i seguenti metodi di ricerca:

  • sangue, urina, test ECG;
  • Esame radiografico del torace e della colonna cervico-toracica;
  • scansione triplex a ultrasuoni in modalità B;
  • determinazione dopplerografica della velocità del flusso sanguigno lineare e volumetrico attraverso le vene;
  • Flebografia a contrasto con raggi X (riempiendo il lume della vena con una sostanza che non trasmette raggi X);
  • tomoangiografia calcolata e a risonanza magnetica per determinare con precisione tutte le caratteristiche della lesione.

Secondo la flebografia, si distinguono 4 tipi di malattie:

  • espansione circolare limitata in combinazione con la tortuosità della vena;
  • espansione circolare limitata;
  • espansione circolare diffusa;
  • espansione laterale o aneurisma.

A seconda dei dati ricevuti, il chirurgo pianifica il tipo di intervento.

Ectasia

Vai al catalogo dei farmaci

Torna all'elenco dei termini medici

A B C D E F G H I J K L M N O P R S T U V W X Y Z

Ectasia - (ectasia, ectasis) - espansione di un tubo, condotto o qualsiasi organo cavo.;

Trovato in 105 domande:

neurologo pediatrico 29 aprile 2020 / Natalia / Yaroslavl

… Indice di resistenza (RI) 0,65 (con norma da 0,6) CONCLUSIONE: Deformazioni di entrambi gli ICA, a destra, con moderata significatività emodinamica. Ectasia

VYAV. Difficoltà nella perfusione distale del cervello sullo sfondo della stasi venosa nel cranio 2-3 cucchiai. (non escluso... aperto

chirurgo vascolare 20 gennaio 2020 / Irina / Kremenchug

... Sulla gamba destra e quando si cammina costantemente fa male. Oggi ho fatto un'ecografia Diagnosi: nessuna patologia rilevata. Integratori: ectasia moderata

affluenti alla gamba destra. Potresti spiegare cos'è e come affrontarlo? Andrà via dopo la gravidanza? In... aperto

chirurgo vascolare 12 gennaio 2020 / Grigory... / Saratov

In un bambino, con tensione (ridendo o piangendo), si forma un tumore al collo, quando lo stato è calmo, non c'è nulla che non si possa vedere aprire

13 gennaio 2020 / Uchkin Ilya Gennadievich

Molto probabilmente ectasia

vena giugulare. Una variante della norma congenita non necessita di trattamento.

neurologo 22 agosto 2020 / Nadezhda / Mosca

… Collo e cervello: aterosclerosi stenosante delle principali arterie della testa. Segni ecografici di angiopatia discircolare. Ectasia

vene giugulari interne. Una moderata non rettilineità del corso di entrambe le arterie vertebrali nella regione intravertebrale è più a sinistra.... Aperto

neurologo 8 giugno 2020 / Albina / Mukhtolovo

... spostamento epodinamico; Deformità a forma di C di VA a destra nel prossimale con spostamento emodinamico. Il flusso sanguigno lungo la PA nel canale saurale è sufficiente su entrambi i lati. Ectasia

VYAV entrambi i lati. Che cos'è? C'è osteocondrosi cronica e cervicale e toracica. Aperto

cardiologo 6 giugno 2020 / Albina / Mukhtolovo

... spostamento epodinamico; Deformità a forma di C di VA a destra nel prossimale con spostamento emodinamico. Il flusso sanguigno lungo la PA nel canale saurale è sufficiente su entrambi i lati. Ectasia

VYAV entrambi i lati. Che cos'è? C'è osteocondrosi cronica e cervicale e toracica. Aperto

neurologo pediatrico 21 febbraio 2020 / Nadezhda / Poshekhonye

... Per PA, intracranialmente 27% S> D. gli indici che caratterizzano il tono vascolare sono leggermente aumentati nel PCA sinistro, OA, leggermente diminuiti nell'MCA sinistro. Moderata ostruzione del deflusso venoso lungo la ZMV destra, IVJ destra (all'ingresso del cranio) Ectasia

VYAV a sinistra. Aperto

neurologo 25 gennaio 2020 / natalia / arzamas

Risonanza magnetica della testa, scansione normale delle arterie principali del CCA sulla deformazione C destra per spostamento emodinamico tra ectasia 4a e 5a vertebra

VJV a destra è pericoloso come trattare aperto

chirurgo vascolare 18 novembre 2014 / Andrey / Arkadak, regione di Saratov.

... e indici di resistenza periferica). Il deflusso venoso attraverso le vene di Rosenthal, le vene giugulari interne e le vene vertebrali è moderatamente difficile. Ectasia minore

vene giugulari. Viene trattato in qualche modo? E se questo non viene trattato, per quanto tempo vivrai. Aperto

chirurgo vascolare 11 novembre 2014 / ANATOLIA... / San Pietroburgo

Placca aterosclerotica Gcmodinamicamente insignificante della biforcazione del CCA destro sullo sfondo di cambiamenti degenerativi nei bacini delle arterie carotidi su entrambi i lati. Extravasale... aperto

18 novembre 2014 / Andrey

... e indici di resistenza periferica). Il deflusso venoso attraverso le vene di Rosenthal, le vene giugulari interne e le vene vertebrali è moderatamente difficile. Ectasia minore

vene giugulari. Viene trattato in qualche modo? E se questo non viene trattato, per quanto tempo vivrai.

neurologo 15 ottobre 2014 / Yuri / Mosca

… 1. Deformazione dell'arteria vertebrale sinistra. Violazione del flusso sanguigno nel VA sinistro durante i test funzionali. 2. ectasia moderata

vene vertebrali su entrambi i lati con segni di deflusso venoso alterato.

Cari dottori! Per favore aiutami a capire... apri

mammologo 17 luglio 2014 / valentina... / Moldova

Ho 51 anni Bruciore molto forte nella zona del capezzolo Cosa potrebbe essere? E tu cosa puoi fare? Aperto

19 luglio 2014 / Andrey Petrov

San Valentino. Si consiglia di consultare un ginecologo. Potrebbe essere ectasia

mammologo 13 luglio 2014 / Julia / Kazan

Ciao! Ho 22 anni, non ho partorito. Ieri il petto destro mi faceva un po 'male, ma non per molto. stamattina ho visto una piccola quantità di secrezione sanguinolenta dal capezzolo destro... aperto

14 luglio 2014 / Andrey Petrov

Yulenka. Molto probabilmente hai l'ectasia

dotti lattiferi. Contatta il medico locale nello ZhK: prescriverà un trattamento dopo l'esame e il chiarimento della diagnosi.

Trattamento della flebectasia della vena giugulare

La flebectasia non è solo un difetto estetico. Porta all'interruzione dell'afflusso di sangue al cervello e interrompe le sue funzioni. In futuro, questa condizione potrebbe progredire. Pertanto, è meglio sottoporsi a un intervento chirurgico a 7-10 anni..

Tipi di interventi chirurgici:

  • resezione circolare (rimozione) dell'espansione;
  • resezione longitudinale;
  • rivestimento (rafforzamento delle pareti della nave) con una rete polimerica;
  • resezione di dilatazione con plastica vascolare.

Tutti questi tipi di intervento sono ugualmente efficaci e consentono di ripristinare finalmente il normale flusso sanguigno. L'operazione viene eseguita in anestesia generale e dura circa 2 ore. Il periodo di recupero è breve. Questi tessuti sono ben forniti di sangue e guariscono rapidamente.

Informazione Generale

L'ipoplasia delle arterie vertebrali è una malattia congenita caratterizzata dal loro sottosviluppo. Il lume della nave nel sito della sua introduzione nel canale osseo è significativamente ridotto, il che porta a una violazione dell'afflusso di sangue ai tessuti cerebrali.

La patologia può essere del lato sinistro, del lato destro o bilaterale e molto spesso la violazione riguarda l'arteria destra - secondo le statistiche, questo fenomeno si nota in ogni decima persona nel mondo.

Possibili complicazioni

Dopo un intervento chirurgico alle vene giugulari nel prossimo futuro, l'8-9% dei pazienti sviluppa stenosi o trombosi del vaso. I medici sono bravi ad affrontare queste complicazioni. L'uso di farmaci moderni può ridurre al minimo la frequenza delle complicanze.

Non sono state osservate complicazioni nel tardo periodo postoperatorio.

Se l'operazione è necessaria, il rifiuto da essa porterà a conseguenze negative:

  • mal di testa prolungato;
  • impossibilità di attività fisica intensa;
  • scarso rendimento scolastico;
  • aumento della gravità di altri sintomi;
  • un aumento di un difetto estetico nel collo.

Una complicanza rara ma più pericolosa è il trauma o la rottura di un vaso venoso ingrossato. In questo caso, si verifica un sanguinamento intenso, che richiede cure mediche urgenti. Questa condizione si verifica con estensioni di grandi dimensioni (fino a 10 cm o più)..

Anche le più piccole flebectasie sono una fonte di flusso sanguigno anormale, quindi possono trombosi nel tempo. È pericoloso per un coagulo di sangue entrare nel cuore e attraverso il suo ventricolo destro nel sistema circolatorio polmonare. Il risultato è una condizione grave e spesso fatale come l'embolia polmonare..

Effetti

L'ectasia dell'insieme di vasi che forniscono il deflusso del sangue dalla testa può avere conseguenze spiacevoli e l'espansione della vena giugulare nel collo spesso porta a complicazioni. Una malattia rara che si verifica nei pazienti giovani: la trombosi del seno cerebrale.

Il risultato letale è del 30%. L'occlusione della vena cerebrale causa edema cerebrale o disturbi dell'afflusso di sangue cerebrale.

Se la trombosi del seno sigmoideo si trova nella vena interna, si sviluppano processi infiammatori sulla pelle.

Le conseguenze del danno ai grandi vasi nel collo sono spesso manifestate da segni come:

  • disturbi del movimento;
  • convulsioni;
  • crisi epilettiche;
  • eccitazione;
  • deficit visivo;
  • stato soporifero;
  • coma;
  • sintomi meningei;
  • patologia vestibolare;
  • disturbi cerebellari.

La tromboflebite del seno cavernoso è accompagnata da sintomi bilaterali. Il paziente ha una ridotta sensibilità cutanea nella regione del ramo orbitale che si estende dal nervo trigemino, si verifica un ematoma nella retina.

Le lesioni infettive dei seni cerebrali sono complicate da processi purulenti nella cavità cranica. Come risultato della comparsa di una forte tensione nella parete del vaso, si verifica la sua rottura, accompagnata da un sanguinamento massiccio.

Il paziente sviluppa sintomi oftalmici:

  • gonfiore e arrossamento delle palpebre;
  • cambiamenti nelle funzioni dei nervi laterali e abducenti.

La mancata ricerca di assistenza medica provoca cecità. Il paziente cade in coma.

La trombosi del tronco vascolare è accompagnata da danni ai nervi vicini e accessori. Il paziente sviluppa emiparesi.

È possibile partorire con flebectasia moderata

Durante il parto, la pressione nella cavità toracica aumenta, il che aumenta lo stress sulla vena dilatata. Pertanto, la questione della gestione del processo lavorativo dipende dalla gravità della flebectasia..

Una donna incinta dovrebbe consultare un chirurgo vascolare.

Puoi partorire con questa malattia in ogni caso. A seconda della gravità della patologia, è possibile eseguire il parto naturale, l'esclusione di un periodo persistente, l'anestesia.

Per flebectasia particolarmente grave e altre malattie concomitanti, è indicato un taglio cesareo.

La questione della tattica del parto è decisa individualmente per ogni donna. Se ha subito un intervento chirurgico per questa malattia durante l'infanzia, non ci sono restrizioni per il parto normale..

Procedure di fisioterapia per la sindrome PA

È impossibile ignorare un'altra fase importante della terapia riabilitativa: le procedure di fisioterapia. Un buon effetto è dato da massaggi della zona del collo, procedure di agopuntura e altre misure fisioterapiche: UHF, elettroforesi con farmaci ed esercizi di fisioterapia volti ad alleviare il dolore e altre manifestazioni cliniche di questa malattia

Al termine del ciclo di trattamento, i pazienti devono sottoporsi a cure riabilitative aggiuntive in sanatori o resort specializzati, dove hanno la possibilità di prendere idrogeno solforato, bagni di radon, fanghi terapeutici, massaggio professionale della zona interessata per consolidare il risultato della terapia.

Prevenzione dello sviluppo

La prevenzione primaria di questa malattia non è stata sviluppata, poiché è congenita e la sua causa non è stata stabilita. Vengono forniti solo consigli generali sul trasporto di un bambino: alimentazione sana, buon riposo, assunzione di multivitaminici per le donne incinte.

Se un bambino ha subito un intervento chirurgico per questa malattia, viene eseguita un'ecografia delle vene cervicali ogni anno per garantire che il recupero sia normale..

Se l'intervento chirurgico non è stato eseguito, con una piccola dimensione del difetto, può successivamente diminuire o scomparire in modo indipendente. Per questo è necessario rafforzare i muscoli del collo: sono indicati massaggi e esercizi di fisioterapia. Le situazioni che aumentano la pressione intra-addominale e intratoracica dovrebbero essere evitate:

  • tosse grave e prolungata;
  • stitichezza persistente;
  • sollevamento pesi;
  • intensa attività fisica.

Si consiglia di leggere l'articolo sul cateterismo venoso. Da esso imparerai i vantaggi e gli svantaggi del metodo, le indicazioni e le controindicazioni per il cateterismo venoso, nonché la tecnica di Seldinger, le regole della cura del catetere e come rimuovere il catetere dalla vena. E qui c'è di più sulla tromboflebite delle vene superficiali.

La flebectasia venosa giugulare è un ingrossamento congenito delle vene del collo causato dalla debolezza delle loro valvole. Provoca un difetto estetico e porta anche a disturbi del flusso sanguigno venoso nel cervello, nella testa, nel collo. Il principale metodo di trattamento è la chirurgia all'età di 7-10 anni.

Tecniche utilizzate nel trattamento della compressione extravasale della PA

Il trattamento prescritto dovrebbe mirare a ridurre l'edema e l'infiammazione che si sviluppano durante il bloccaggio meccanico del vaso sanguigno. Viene aggiunta una violazione del flusso sanguigno venoso - di conseguenza, si sviluppa un processo reciproco stagnante. Pertanto, questo fattore deve essere preso in considerazione durante il trattamento. A tal fine, un neurologo deve prescrivere farmaci complessi in grado di ripristinare l'emodinamica compromessa. Questa fase è molto importante e responsabile nel trattamento della malattia, poiché farmaci selezionati in modo improprio possono migliorare le sue manifestazioni e persino causare varie complicazioni, incluso l'ictus emorragico. Di solito i medici prescrivono decongestionanti e farmaci antinfiammatori non steroidei.

Con un forte mal di testa, il medico può prescrivere un blocco della novocaina di PA e plesso simpatico. In alcuni casi, con l'inefficacia del trattamento conservativo, il medico può decidere di condurre un'operazione, durante la quale viene eseguita la decompressione della PA, la rimozione degli osteofiti e le escrescenze che contribuiscono alla compressione dei vasi sanguigni nel corpo vertebrale. Questa complessa operazione viene eseguita in centri medici specializzati da neurochirurghi che hanno esperienza nell'esecuzione di tali interventi..

Dopo la rimozione dell'infiammazione acuta, è necessario eseguire una terapia speciale mirata alla rigenerazione dei neuroni danneggiati e al ripristino delle funzioni cerebrali colpite dalla carenza di ossigeno prolungata. L'uso di questi farmaci migliorerà la microcircolazione dei tessuti e l'afflusso di sangue all'intero tronco cerebrale. Di conseguenza, tutti i processi funzionali importanti nel cervello dovrebbero tornare alla normalità..

Questa fase del trattamento è particolarmente importante per i pazienti con un aumentato rischio di sviluppare attacchi ischemici transitori, in presenza di sindrome vertebrale - per prevenire deficit neurologici persistenti e lo sviluppo di complicanze secondarie..

Oltre ai farmaci di base, i pazienti devono assumere farmaci antispastici, antiallergici e multivitaminici. Assicurati di ricordare che tutti gli appuntamenti devono essere fissati dal medico, altrimenti l'automedicazione può portare a conseguenze disastrose..


Articolo Successivo
Come ridurre la pressione da 160 a 110