I primi segni e il trattamento dell'ischemia cardiaca


La mancanza di afflusso di sangue in latino è ischemia cardiaca. Durante l'ischemia, il sangue semplicemente non è in grado di passare attraverso le arterie coronarie nella quantità richiesta a causa del blocco o del restringimento di queste ultime. Pertanto, il muscolo cardiaco non riceve la quantità richiesta di ossigeno e, se il trattamento non viene eseguito in tempo, non si contrae più, il che, di conseguenza, porta alla morte del paziente.

  1. Cause di occorrenza
  2. Gruppi a rischio
  3. Come riconoscere l'insorgenza della cardiopatia ischemica
  4. Quando vedere un dottore
  5. Diagnosi
  6. Trattamento
  7. Bypass con innesto dell'arteria coronaria
  8. Angioplastica
  9. Prevenzione della malattia ischemica
  10. Metodi tradizionali di prevenzione della cardiopatia ischemica
  11. Trattamento dell'ischemia con rosa canina e biancospino
  12. I benefici dell'aglio
  13. Ricette tradizionali per il trattamento dell'ischemia
  14. Nutrizione per la cardiopatia ischemica
  15. Il valore dell'attività fisica nell'IHD

Cause di occorrenza

Le principali cause di restringimento delle arterie coronarie sono le placche aterosclerotiche di colesterolo, che si depositano gradualmente sulle loro superfici interne, a partire, tra l'altro, dalla giovane età. Nel tempo, diventano solo di più e quando il lume della nave si restringe al 70% senza trattamento, inizia la carenza di ossigeno del muscolo cardiaco.

Anche la rimozione delle sostanze di scarto dalle cellule durante l'ischemia del cuore diventa difficile. Se la placca ostruisce completamente la nave e blocca il flusso sanguigno, la malattia coronarica (IHD) del cuore entra nella fase più acuta: si sviluppa un infarto del miocardio. Un'altra causa di ischemia cardiaca, oltre allo sviluppo di placche aterosclerotiche, è l'infiammazione delle arterie o lo spasmo.

Gruppi a rischio

Il maggior rischio di ischemia è nei pazienti con aterosclerosi o con le condizioni preliminari per il suo sviluppo:

  • con colesterolo alto;
  • con ipertensione e diabete;
  • mangiare molti cibi ipercalorici con una piccola quantità di oli vegetali e verdure fresche;
  • sovrappeso, fumo.

Un ruolo enorme nello sviluppo dell'ischemia cardiaca è giocato da ereditarietà sfavorevole e metabolismo alterato, soprattutto se i segni della malattia compaiono sullo sfondo di sovraccarico nervoso e mancanza di attività fisica.

Come riconoscere l'insorgenza della cardiopatia ischemica

Di solito, i sintomi iniziali dell'ischemia cardiaca si verificano con stress emotivo o sforzo fisico. Il cuore sembra stringere qualcosa, una pesantezza sorge dietro lo sterno. La forma della malattia è determinata dalla gravità della fame di ossigeno, dalla rapidità con cui si manifesta e dalla durata. Durante il trattamento si distinguono i seguenti tipi di ischemia:

  1. Un'ischemia di forma stupida (asintomatica), in cui non si verificano sensazioni di dolore e la malattia cardiaca viene rilevata dopo l'esame. Solitamente caratteristico delle prime fasi dell'ischemia, può verificarsi immediatamente dopo un infarto.
  2. Forma aritmica di ischemia, riconosciuta dal verificarsi di fibrillazione atriale, altri disturbi del ritmo.
  3. Angina pectoris, i cui sintomi si manifestano solitamente con lo sforzo da dolore al petto. Sensazioni dettagliate possono verificarsi anche quando si mangia troppo. Un attacco di angina pectoris è accompagnato da spremitura, pesantezza o anche una sensazione di bruciore al petto. Il dolore può anche essere sentito nella mano sinistra, nell'avambraccio, nel collo, nei denti. Spesso soffocamento, oscuramento degli occhi, sudorazione profusa e debolezza.

Più spesso, gli attacchi di angina si verificano al mattino. Queste possono essere manifestazioni brevi (5-10 minuti), ripetute con frequenze diverse. È più affidabile fermare questo attacco interrompendo qualsiasi attività fisica, sedazione emotiva e prendendo nitroglicerina. Se non ci sono risultati, puoi usarlo con un intervallo di cinque minuti fino a tre volte di seguito.

Anche l'angina pectoris è classificata in due tipi:

  1. Forma stabile e cronica di cardiopatia ischemica, attacchi in cui si verificano approssimativamente con la stessa frequenza, con un carico uguale e per lungo tempo hanno lo stesso carattere.
  2. Forma progressiva (instabile), in cui la frequenza delle crisi aumenta nel tempo, anche la gravità può aumentare.

In quest'ultimo caso, anche la soglia dell'attività fisica per l'inizio di un attacco diventa sempre meno, il dolore al cuore potrebbe non lasciare il paziente anche in assenza di stress fisico. Questa forma di ischemia cardiaca, se non trattata, si sviluppa spesso in infarto miocardico..

Quando vedere un dottore

Al fine di aumentare l'efficacia del trattamento dell'ischemia e non portare la malattia a fasi critiche, è necessario consultare un medico immediatamente dopo la comparsa dei primi sintomi di ischemia cardiaca:

  1. A volte, senti dolore al petto;
  2. La respirazione a volte è difficile;
  3. Nel lavoro del cuore a volte avvertite delle interruzioni;
  4. Difficilmente riesci a sopportare anche piccole attività fisiche come salire le scale;
  5. Hai attacchi di vertigini, mancanza di respiro, spesso si avverte stanchezza, a volte si verificano svenimenti;
  6. A volte il cuore sembra esplodere dal petto senza una ragione apparente.

Se i sintomi di cui sopra si verificano nel tuo caso, questo è già un motivo serio per contattare un cardiologo o un terapista per un trattamento complesso.

Diagnosi

Una diagnosi completa di ischemia cardiaca comporta una serie di esami:

  • prima di tutto verrà misurata la tua pressione;
  • dovrai superare la biochimica del sangue e un'analisi generale per determinare il livello di colesterolo in esso;
  • dovrai andare a un ECG - elettrocardiografia, oltre a eseguire uno stress test.

L'ultimo test per l'ischemia cardiaca viene eseguito su una bicicletta speciale (cicloergometro) con sensori attaccati al torace. Durante la pedalata, un cardiologo specialista determinerà in quale attività fisica iniziano i cambiamenti pericolosi nel tuo corpo..

In alcuni casi, con l'ischemia, potresti anche essere inviato per un esame ecografico (ecografia) del cuore per verificare il funzionamento del miocardio. L'immagine più accurata, che mostra quale arteria è e quanto ristretta, è fornita da un altro studio: l'angiografia. Quando viene eseguito, viene iniettata nel flusso sanguigno una sostanza che rende visibili le arterie coronarie durante un esame radiografico. Di conseguenza, lo specialista determina come il sangue si muove attraverso i vasi e dove si trova il blocco..

Trattamento

L'ischemia cardiaca si sviluppa sempre gradualmente, quindi è molto importante identificare la malattia in una fase iniziale dell'ischemia e iniziare il trattamento. Per questo, viene utilizzato un set di farmaci:

  1. Per vasodilatazione - nitrosorbitolo, nitroglicerina;
  2. Prevenire la formazione di coaguli di sangue: eparina, aspirina;
  3. Farmaci per combattere il colesterolo alto e ossigenare le cellule cardiache.

A volte vengono usati altri farmaci per trattare l'ischemia del cuore, come i beta-bloccanti, che abbassano la pressione sanguigna e rallentano il cuore, che richiede meno ossigeno. In ospedale, i medicinali vengono utilizzati anche per sciogliere i coaguli di sangue esistenti. Inoltre, i pazienti possono usare autonomamente sedativi, preferibilmente di origine vegetale, poiché è lo stress che spesso provoca nuovi attacchi di malattia ischemica. Puoi usare, ad esempio, motherwort o valeriana.

Tuttavia, tutti i suddetti farmaci possono solo rallentare lo sviluppo della malattia. Il trattamento dell'ischemia cardiaca, specialmente nelle sue manifestazioni gravi, è possibile solo attraverso l'intervento chirurgico.

Bypass con innesto dell'arteria coronaria

Durante questa operazione, i chirurghi impiantano una nuova nave. Questo è uno shunt attraverso il quale una quantità sufficiente di sangue fluirà ora al cuore bypassando l'area danneggiata. La vena safena della gamba viene solitamente utilizzata come vaso donatore, se, tuttavia, il paziente non soffre di vene varicose. Un'estremità della vena viene suturata all'aorta, l'altra alla nave sotto il sito di restringimento, dopo di che il flusso sanguigno scorre lungo il canale creato artificialmente.

Dopo l'operazione, gli attacchi di angina del paziente scompaiono, smette di prendere la maggior parte dei farmaci, senza i quali prima era impossibile esistere e torna a una vita sostanzialmente normale. Ma questo shunt di nuova creazione può anche essere bloccato con le placche di colesterolo nel tempo e portare a un nuovo sviluppo dell'ischemia cardiaca, pertanto il paziente deve anche monitorare lo stato di salute..

Angioplastica

Durante questa operazione, il chirurgo espande meccanicamente la sezione dell'arteria ristretta e il flusso sanguigno viene ripristinato durante l'ischemia. Per fare ciò, un catetere a palloncino sotto forma di un tubo flessibile viene inserito nell'arteria femorale e passato nelle arterie coronarie..

Quando il tubo raggiunge il sito di vasocostrizione, il palloncino sul catetere si gonfia e viene posizionato uno stent, un dispositivo che assomiglia a un distanziatore per prevenire la costrizione del vaso. Questa operazione è molto più facile da tollerare, ma è controindicata nei pazienti con diabete e in coloro che hanno una fase acuta della malattia e la lesione vascolare è già troppo forte.

Prevenzione della malattia ischemica

Un modo efficace per prevenire e curare la malattia coronarica è cambiare lo stile di vita, eliminando le cause stesse dell'ischemia cardiaca. Le seguenti abitudini dovranno essere cambiate:

  1. Smettere di fumare;
  2. Rispetto di una dieta che include cibi a basso contenuto di grassi, l'uso di verdure fresche, frutta;
  3. Esercitare l'attività fisica quotidiana, impegnarsi in esercizi di fisioterapia, ridurre gradualmente il peso corporeo;
  4. Monitorare la pressione sanguigna, mantenerla normale;
  5. Impara ad alleviare efficacemente lo stress con tecniche di rilassamento o yoga.

I pazienti con ischemia cardiaca devono anche avere un riposo adeguato, il sonno deve essere di almeno 8 ore. Non puoi mangiare troppo e l'ultimo pasto della giornata deve essere effettuato entro e non oltre 3 ore prima di coricarsi. Stai all'aperto più spesso e aumenta gradualmente la durata delle tue passeggiate.

Metodi tradizionali di prevenzione della cardiopatia ischemica

Per evitare il verificarsi di un'ischemia cardiaca in futuro o per rallentarne lo sviluppo, insieme al trattamento tradizionale, è estremamente utile seguire le antiche ricette popolari..

Trattamento dell'ischemia con rosa canina e biancospino

È molto utile bere un infuso di biancospino e rosa canina nel trattamento dell'ischemia cardiaca. I frutti dovrebbero essere preparati come il tè, insistendo per 2 ore e 3-4 volte mezzo bicchiere al giorno da bere.

La rosa canina può essere utilizzata anche per il bagno. Versare 500 g di rosa canina con acqua bollente in un volume di 3 litri e cuocere il composto a fuoco basso per dieci minuti. Quindi viene raffreddato e filtrato, aggiunto al bagno. Mantenere la temperatura dell'acqua a circa 38 gradi, le procedure per ottenere un buon risultato dovranno essere eseguite almeno 20.

I benefici dell'aglio

Il colesterolo può essere ridotto del 15% consumando solo tre spicchi d'aglio al giorno. Per la prevenzione dell'ischemia e il trattamento dell'aterosclerosi può essere preparato come segue:

  1. Sbucciare l'aglio medio giovane, schiacciarlo in una polpa e trasferirlo in un barattolo;
  2. Versare la massa d'aglio con un bicchiere di olio di girasole, mettere in frigorifero;
  3. Dopo una giornata, spremi circa un cucchiaio di succo di limone in un bicchiere, aggiungi un cucchiaino di olio all'aglio cotto e ingoia il composto..

Fatelo 3 volte al giorno, mezz'ora prima dei pasti. Dopo tre mesi di corso, fare una pausa, dopodiché è possibile riprendere il trattamento dell'ischemia con l'aglio.

Ricette tradizionali per il trattamento dell'ischemia

Il trattamento dell'ischemia del cuore, insieme ai farmaci prescritti dal cardiologo, può essere effettuato anche utilizzando la medicina tradizionale. Di seguito presentiamo diverse ricette efficaci che spesso aiutano a curare la malattia coronarica con maggiore successo ed eliminare le cause della sua insorgenza:

  1. Finocchio. 10 gr. versare la frutta con un bicchiere di acqua bollente. Riscaldare il composto a bagnomaria per breve tempo, raffreddare e filtrare. Il volume deve quindi essere portato a 200 ml. Il brodo dovrebbe essere preso fino a quattro volte al giorno per un cucchiaio. Particolarmente utile nel trattamento dell'insufficienza coronarica.
  2. Miele di rafano. Grattugiare il rafano su una grattugia fine, mescolare un cucchiaino del quale con la stessa quantità di miele. Questo dovrebbe essere fatto immediatamente prima dell'uso, mentre il rimedio per il trattamento dovrebbe essere preferibilmente assunto per un mese. Puoi bere la miscela solo con acqua..
  3. La palude secca. Versalo (10 g) con un bicchiere di acqua bollente e per 15 minuti. mettere a bagnomaria. Raffreddare la miscela in ¾ ora, filtrare, portare il volume a 200 ml. Dovresti bere mezzo bicchiere dopo un pasto. Aiuta efficacemente nel trattamento dell'angina pectoris.
  4. Tè al biancospino. Prepara la frutta secca nello stesso modo del tè normale. Il colore è come un tè nero non molto forte. È usato per l'ischemia del cuore e qualsiasi malattia cardiaca, puoi bere con lo zucchero.
  5. Biancospino con motherwort. In precedenza era considerato un trattamento indispensabile per l'ischemia cardiaca. Mescola i frutti di biancospino con l'erba madre in 6 cucchiai. Versare 7 tazze di acqua bollente, ma non far bollire la birra. Avvolgere il contenitore con una coperta e lasciare agire per 24 ore. Quindi filtrare l'infuso, puoi prenderlo fino a 3 volte al giorno. Mescolare con rosa canina (decotto) se lo si desidera, ma non addolcire. Conservare in frigorifero.
  6. Foglia di fragola. Versare 20 g di foglie con acqua bollente, far bollire un bicchiere della miscela per un quarto d'ora, dopodiché bisogna insistere per due ore. Filtrare il brodo e portare la quantità all'originale con acqua bollita. Per l'ischemia, prendi un cucchiaio fino a quattro volte al giorno in qualsiasi momento.

Nutrizione per la cardiopatia ischemica

L'assunzione di pillole da sole per l'ischemia cardiaca prescritte da un medico non è sufficiente per ottenere un risultato di trattamento. È anche importante mangiare bene per abbassare il colesterolo e rafforzare il cuore. Prima di tutto, devi limitare il più possibile il consumo di cibi ricchi di grassi saturi. È principalmente cibo di origine animale: carne, uova, latte, burro, salsicce.

L'ischemia cardiaca non è un motivo per abbandonare completamente questi prodotti, ma allo stesso tempo il latte dovrebbe essere consumato esclusivamente a basso contenuto di grassi e la carne dovrebbe essere magra, senza grassi. Le migliori opzioni in questo caso sono carne di tacchino, vitello, pollo e coniglio. Tutto il grasso visibile deve essere rimosso dalla carne durante la cottura. E durante la cottura in forno, posizionare la carne sulla griglia per rimuovere il grasso in eccesso. Quando si preparano le uova strapazzate e la frittata, non utilizzare più di un uovo per porzione. Aggiungi solo proteine ​​per aggiungere massa.

Pesce, al contrario, con ischemia del cuore, dovresti scegliere il più grasso, ad esempio lo sgombro. L'olio di pesce contiene molti componenti importanti per il metabolismo del colesterolo. E anche nel pesce di mare c'è molto iodio, che impedisce la formazione di placche sclerotiche. Questo componente si trova anche in eccesso nelle alghe. Quest'ultimo dissolve anche i coaguli di sangue, che sono la causa dei coaguli di sangue..

I grassi insaturi, invece, sono necessari per i pazienti con ischemia del cuore. Nel corpo, contribuiscono alla produzione del cosiddetto. Colesterolo "buono". Questi componenti si trovano nell'olio vegetale, qualsiasi oliva, girasole, ecc. I prodotti ad alto contenuto di fibre alimentari riducono la quantità di colesterolo. Queste sono verdure, pane di crusca, noci, fagioli.

Le bacche sono anche molto utili per l'ischemia del cuore, poiché contengono acido salicilico, che previene la formazione di coaguli di sangue. Devi mangiare banane, pesche, albicocche secche e altri cibi ricchi di potassio. Il rifiuto dovrebbe provenire da cibi salati e troppo piccanti, non bere troppo liquido. È meglio assumere il cibo in piccole porzioni fino a cinque volte al giorno. Limitati a un pasto vegetariano un paio di volte a settimana..

Il valore dell'attività fisica nell'IHD

Nel trattamento dell'ischemia cardiaca, l'allenamento fisico è di grande importanza. Se la malattia è nella sua fase iniziale, al paziente viene mostrato il nuoto, il ciclismo - carichi ciclici non troppo intensi. Non dovrebbero essere eseguiti solo durante i periodi di esacerbazione..

Se il paziente ha una forma grave di ischemia cardiaca, vengono utilizzati come carico complessi di esercizi terapeutici speciali. Viene selezionato dal medico curante, tenendo conto delle condizioni del paziente. Le lezioni dovrebbero essere condotte da un istruttore in un ospedale, una clinica e sotto la supervisione di un medico. Dopo il corso, il paziente può eseguire autonomamente gli stessi esercizi a casa..

Malattia coronarica: cause, sintomi, diagnosi e trattamento

Chi di noi non ha mai avuto angoscia almeno una volta nella vita? Sfortunatamente, ci sono pochissime persone di questo tipo. Per alcuni, il dolore al cuore si verifica allo stesso tempo, per altri - abbastanza spesso. Ci sono molte ragioni per tali sensazioni, una di queste è la malattia coronarica. IHD: cos'è, come si manifesta e come affrontarlo questo articolo lo dirà.

La malattia coronarica è una malattia che si traduce in una mancata corrispondenza tra il bisogno di ossigeno del muscolo cardiaco e il suo rilascio ad esso. Può essere un processo acuto o cronico.

Cause di occorrenza

L'IHD è una malattia che si manifesta quando l'apporto di sangue al cuore è insufficiente. Questo porta alla sconfitta delle arterie coronarie. Questo può accadere nei seguenti casi:

  • la lesione aterosclerotica è la causa principale della malattia. Una placca aterosclerotica che cresce in una nave chiude il suo lume, a seguito della quale un volume minore di sangue passa attraverso l'arteria coronaria;
  • anomalie genetiche congenite delle arterie coronarie - un difetto dello sviluppo che si è formato in utero;
  • malattie infiammatorie delle arterie coronarie (coronarite), derivanti da malattie sistemiche del tessuto connettivo o periarterite nodulare;
  • aneurisma dell'aorta, che è in fase di dissezione;
  • danno sifilitico alle pareti dei vasi coronarici;
  • tromboembolia ed embolia delle arterie coronarie;
  • difetti cardiaci congeniti e acquisiti.

Gruppo di rischio

I fattori eziologici includono i fattori di rischio, che sono divisi in 2 gruppi - che cambiano e non cambiano (cioè quelli che dipendono dalla persona e quelli che la persona non può cambiare).

  • Fattori di rischio immutabili:
  1. Età - 61 anni e oltre (secondo alcune fonti, 51 anni).
  2. Eredità complicata: presenza di aterosclerosi, malattia coronarica nella famiglia immediata (genitori, nonni).
  3. Sesso: si verifica prevalentemente negli uomini, l'IHD nelle donne è molto meno comune.
  • Fattori di rischio modificabili:
  1. Mancanza di attività fisica.
  2. Aumento prolungato della pressione sanguigna, quindi della pressione sanguigna (ipertensione arteriosa o ipertensione).
  3. Sovrappeso e sindrome metabolica.
  4. Dislipidemia - uno squilibrio tra lipidi "buoni" (lipoproteine ​​ad alta densità) e "cattivi" (lipoproteine ​​a bassa densità) verso questi ultimi.
  5. Esperienza di fumo a lungo termine.
  6. Disturbi concomitanti del metabolismo dei carboidrati - diabete mellito o iperglicemia prolungata.
  7. Disturbo alimentare - mangiare cibi grassi ricchi di carboidrati semplici, mangiare grandi quantità di cibo, non osservare il suo regime di assunzione.

Meccanismi di sviluppo

IHD è ciò che viene definito come la mancata corrispondenza tra la richiesta di ossigeno del miocardio e l'erogazione di ossigeno. Di conseguenza, i meccanismi di sviluppo sono associati a questi due indicatori..

Il bisogno del cuore per la quantità di ossigeno di cui ha bisogno è determinato dai seguenti indicatori:

  • la dimensione del muscolo cardiaco;
  • contrattilità del ventricolo sinistro e destro;
  • valore della pressione sanguigna;
  • frequenza cardiaca (FC).

Il mancato rilascio dell'ossigeno si verifica principalmente a causa del restringimento del lume dei vasi coronarici da parte delle placche aterosclerotiche. Nei vasi colpiti, il loro rivestimento interno è danneggiato, a seguito del quale l'endotelio smette di secernere sostanze vasodilatatrici e inizia a produrre vasocostrittore, che riduce ulteriormente il lume dei vasi.

Un altro meccanismo di sviluppo è la rottura di una placca aterosclerotica, a seguito della quale le piastrine aderiscono al sito di danno alla parete vascolare, formando masse piastriniche che chiudono il lume dei vasi, riducendo il flusso di sangue.

Tipi di IHD

La cardiopatia ischemica è classificata come segue:

  • SCD - morte cardiaca improvvisa.
  • Angina pectoris:
  1. a riposo;
  2. in tensione (instabile, stabile e prima emergente);
  3. spontaneo.
  • Ischemia indolore.
  • Infarto miocardico (focale piccola e grande).
  • Cardiosclerosi dopo un attacco di cuore.

A volte questa classificazione include altri due elementi, come insufficienza cardiaca e disturbi del ritmo cardiaco. Questa classificazione della cardiopatia ischemica è stata proposta dall'OMS e non è praticamente cambiata fino ad ora. Le suddette malattie sono forme cliniche di cardiopatia ischemica.

Quadro clinico

I sintomi della cardiopatia ischemica dipendono dalla sua forma clinica. Possono variare in forza, durata e natura del dolore, in presenza o assenza di determinati sintomi.

Morte cardiaca improvvisa

È la morte che si verifica entro un'ora dall'insorgenza dei sintomi cardiaci, associati a cause cardiache, naturali, precedute dalla perdita di coscienza.

La morte improvvisa è direttamente causata da malattia coronarica, infarto miocardico, difetti cardiaci congeniti, cardiomiopatie, anomalie delle arterie coronariche e sindrome di Wolff-Parkinson-White (preeccitazione ventricolare).

I sintomi di questa cardiopatia ischemica (forma clinica) possono iniziare con un vago dolore al petto, seguito da mancanza di respiro, aumento della frequenza cardiaca e debolezza dopo alcune settimane. Dopo l'insorgenza di questi sintomi, si verifica un'improvvisa perdita di coscienza (a causa dell'arresto cardiaco, la circolazione cerebrale si interrompe). L'esame rivela pupille dilatate, assenza di tutti i riflessi e del polso e arresto respiratorio.

Stabile angina da sforzo

Questa forma è caratterizzata dal verificarsi di dolore al petto che appare durante l'esercizio e / o forti emozioni, quando si fa freddo, e può anche manifestarsi in uno stato calmo, quando si mangia una grande quantità di cibo.

In questa forma clinica, puoi capire un po 'di più di cosa si tratta, chiamata malattia ischemica. Come risultato dei vari motivi che sono stati descritti sopra, si verifica l'ischemia miocardica e gli strati che si trovano sotto l'endocardio ne soffrono per primi. Di conseguenza, la funzione contrattile ei processi biochimici nelle cellule vengono interrotti: poiché non c'è ossigeno, le cellule passano a un tipo di ossidazione anaerobica, a seguito della quale il glucosio si scompone in lattato, il che riduce il pH intracellulare. Una diminuzione dell'indice di acidità intracellulare porta al fatto che l'energia nei cardiomiociti si esaurisce gradualmente.

Inoltre, l'angina pectoris porta al fatto che la concentrazione di potassio all'interno della cellula diminuisce, mentre aumenta la concentrazione di sodio. Per questo motivo, si verifica un fallimento nel processo di rilassamento del muscolo cardiaco e la funzione contrattile soffre già per la seconda volta..

A seconda della tolleranza al carico cardiaco, la Canadian Society of Cardiology ha identificato le seguenti classi funzionali di angina da sforzo:

  1. Classe funzionale (FC) I - un attacco di angina non è causato durante la normale attività fisica, ma si verifica solo con stress molto forte o prolungato.
  2. FC II equivale a una lieve limitazione dell'attività fisica. In questo caso, l'attacco viene provocato camminando per più di 200 m in piano o salendo più di una rampa di scale.
  3. FC III - limitazione significativa dell'attività fisica, in cui il dolore al petto si verifica già quando si cammina su terreno pianeggiante o si sale una rampa di scale.
  4. Con IV FC di angina da sforzo, qualsiasi attività fisica senza disagio e dolore dietro lo sterno è impossibile e le convulsioni possono verificarsi anche a riposo.

I sintomi della malattia coronarica includono dolore e suoi equivalenti (mancanza di respiro ed estrema stanchezza). Il dolore è localizzato dietro lo sterno, dura da 1 a 15 minuti e ha un carattere crescente. Se la durata del disagio è superiore a 14 minuti, c'è il pericolo che non sia più angina, ma infarto miocardico. Ci sono due condizioni per la cessazione del disagio: l'abolizione del fisico. caricare o prendere nitroglicerina sotto la lingua.

Il dolore può essere di carattere compressivo, pressante o esplosivo, con la paura della morte che sorge. L'irradiazione avviene sia nella parte sinistra che nella parte destra del torace, nel collo. L'irradiazione al braccio sinistro, alla spalla e alla scapola è considerata classica..

I segni di malattia coronarica includono sintomi di accompagnamento che si presentano: nausea, vomito, sudorazione eccessiva, tachicardia e aumento della pressione sanguigna. Il paziente è pallido, si blocca in una posizione, poiché il minimo movimento aumenta il dolore.

Angina instabile (NS)

NS è un'ischemia miocardica acuta, la cui gravità e durata dell'esposizione è insufficiente per l'insorgenza di infarto miocardico.

Questo tipo di cardiopatia ischemica si verifica per i seguenti motivi:

  • spasmo acuto, trombosi o embolizzazione delle arterie coronarie;
  • infiammazione dei vasi coronarici;
  • rottura o erosione di una placca aterosclerotica con ulteriore formazione di un trombo sulla superficie danneggiata del vaso.

I sintomi della malattia coronarica includono disturbi tipici e atipici. I disturbi tipici includono la sindrome del dolore prolungato (più di 15 minuti), la presenza di dolore a riposo e gli attacchi notturni. Con disturbi atipici, c'è dolore nella regione epigastrica, indigestione, che si sviluppa in modo acuto e aumento della mancanza di respiro.

A differenza dell'infarto miocardico, non ci sono marcatori di necrosi nel sangue. Questa è la principale differenza nella diagnostica differenziale..

Angina di Prinzmetal

Questo tipo si riferisce a una variante, in cui le sensazioni spiacevoli dietro lo sterno compaiono a riposo, mentre un aumento transitorio del segmento ST è determinato sull'elettrocardiogramma. Si verifica a causa di uno spasmo temporaneo e transitorio delle arterie coronarie; l'angina variante non è in alcun modo collegata all'attività fisica. Un attacco doloroso può essere fermato sia indipendentemente che dopo aver assunto nitroglicerina.

La cardiopatia ischemica di questo tipo è caratterizzata dalla comparsa del tipico dolore senocardiotico dietro lo sterno, più spesso di notte o al mattino presto, della durata di oltre 15 minuti. Un sintomo concomitante è la comparsa di emicrania e sindrome di Raynaud, e in presenza di questo tipo di angina pectoris, molto spesso si rivela la presenza di asma da aspirina.

Il segno diagnostico è la comparsa improvvisa di sincope dovuta ad aritmie ventricolari che compaiono al culmine del dolore.

La causa dell'ischemia miocardica in questo caso non è il suo aumentato fabbisogno di ossigeno, ma semplicemente una diminuzione dell'apporto di ossigeno al muscolo cardiaco.

Diagnosi di cardiopatia ischemica

La diagnosi di malattia coronarica comprende anamnesi, dati dell'esame obiettivo (descritti sopra) e metodi di ricerca aggiuntivi:

  1. ECG - è uno dei principali metodi diagnostici, uno dei primi riflette i cambiamenti che si verificano durante un attacco nel miocardio: è possibile una violazione del ritmo e della conduzione. In casi diagnostici poco chiari, viene eseguito il monitoraggio ECG giornaliero (Holter).
  2. Test di laboratorio: emocromo completo (nessuna modifica specifica), analisi del sangue biochimica (aumento dei marcatori biochimici della necrosi miocardica: troponine, CPK, mioglobina).
  3. Test da sforzo - utilizzati per la diagnosi differenziale delle forme cliniche di malattia coronarica tra di loro, nonché della cardiopatia ischemica con altre malattie, per determinare la tolleranza individuale dell'attività fisica, per valutare la capacità di lavorare o per valutare l'efficacia del trattamento.

Casi in cui non è possibile eseguire gli stress test: infarto miocardico fresco (meno di 7 giorni), presenza di angina pectoris instabile, accidente cerebrovascolare acuto, tromboflebite, febbre o presenza di grave insufficienza polmonare.

L'essenza di questa tecnica è un aumento graduale dosato del fisico. carico a cui viene effettuata la registrazione simultanea di un elettrocardiogramma e la registrazione di pressione sanguigna.

Un test è considerato positivo quando compare un tipico dolore toracico, senza cambiamenti nell'ECG. Se si verificano segni di ischemia, il campione deve essere interrotto immediatamente..

  • Studio ecocardiografico: condurre un'ecografia del cuore, al fine di valutarne la capacità contrattile. È possibile condurre un'ecografia da stress, in cui viene valutata la mobilità delle strutture e dei segmenti del ventricolo sinistro con un aumento della frequenza cardiaca: dopo la somministrazione di dobutamina o attività fisica. Viene utilizzato per diagnosticare forme atipiche di angina pectoris o quando è impossibile condurre prove di stress.
  • L'angiografia coronarica è il gold standard per la diagnosi della malattia coronarica. Eseguito per angina pectoris grave o ischemia miocardica grave.
  • Scintigrafia - visualizzazione del muscolo cardiaco, in cui è possibile identificare aree di ischemia (se presenti).

Trattamento CHD

Il trattamento della cardiopatia ischemica è complesso e può essere sia farmacologico (conservativo e chirurgico) che non farmacologico.

Il trattamento non farmacologico della cardiopatia ischemica include l'impatto sui fattori di rischio: eliminazione di un'alimentazione malsana, riduzione del peso corporeo in eccesso, normalizzazione dell'attività fisica e della pressione sanguigna, nonché correzione dei disturbi del metabolismo dei carboidrati (diabete mellito).

Il trattamento farmacologico si basa sulla nomina di vari gruppi di farmaci per il trattamento più completo e complesso. Si distinguono i seguenti gruppi principali di farmaci:

  • Nitrati
  1. A breve durata d'azione - usati per alleviare un attacco e non sono adatti per il trattamento. Questi includono la nitroglicerina, il cui effetto si verifica entro pochi minuti (da uno a cinque).
  2. A lunga durata d'azione - questi includono isosorbide mono- e dinitrato, usati per prevenire le convulsioni.
  • Beta-bloccanti - per ridurre la contrattilità miocardica:
  1. Selettivo (blocca solo un tipo di recettore): metoprololo e atenololo.
  2. Non selettivo (bloccando tutti i recettori simpatici che si trovano sia nel cuore che in altri organi e tessuti) - propranololo.
  • Agenti antipiastrinici (aspirina, clopidogrel) - riducono la coagulazione del sangue influenzando l'aggregazione piastrinica.
  • Statine - simvastatina, nistatina (riducono la concentrazione di colesterolo nelle lipoproteine ​​a bassa densità, cioè influenzano i fattori di rischio).
  • Agenti metabolici - preduttali, aumenta l'apporto di ossigeno al muscolo cardiaco.
  • Inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (lisinopril, ramipril) o bloccanti del recettore dell'angiotensina (losartan, valsartan).

È possibile usare combinazioni di questi farmaci.

Intervento operativo

Il trattamento chirurgico della malattia coronarica consiste in due metodi principali: angioplastica coronarica transluminale percutanea (dilatazione con palloncino) e innesto di bypass coronarico.

  1. La dilatazione con palloncino è il trattamento di scelta per lesioni a vaso singolo o doppio con frazione di eiezione ventricolare sinistra normale. Un palloncino viene inserito ad alta pressione nell'area ristretta dell'arteria coronaria, che viene gonfiata e fissata. Possibile impianto di stent, che previene la ristenosi.
  2. La chirurgia di bypass dell'arteria coronarica è un'operazione in cui viene creata un'anastomosi tra l'arteria toracica interna o l'aorta e l'arteria coronaria sotto il sito di restringimento. Di conseguenza, l'afflusso di sangue al miocardio viene ripristinato. È il metodo di scelta per lesioni a due o tre vascolari, una diminuzione della frazione di eiezione ventricolare sinistra inferiore al 45% e in presenza di patologie concomitanti (ad esempio, diabete mellito).

L'innesto di bypass coronarico deve essere utilizzato nei seguenti casi:

  • restringimento dell'arteria coronaria sinistra di oltre il 50%;
  • IHD di III e IV classi funzionali, che non risponde alla terapia attiva;
  • ischemia grave in combinazione con restringimento di due o più arterie coronarie.

Le complicazioni dopo la procedura sono divise in precoce e tardiva. Si considerano la morte prematura e l'insorgenza di infarto miocardico. Per stenosi tardiva ricorrente nelle arterie coronarie.

La malattia ischemica è una malattia formidabile, ma molte persone non lo capiscono e cercano di curarsi con rimedi popolari. Questo può portare a conseguenze disastrose, fino alla morte inclusa..

I medici raccomandano l'uso di rimedi popolari non al posto di, ma insieme a cure mediche o come profilassi in presenza di fattori di rischio. Alcuni di questi rimedi includono biancospino, rosa canina, motherwort e grano saraceno. In generale, in medicina, non ci si può auto-medicare, specialmente in presenza di questa patologia, e anche l'uso di rimedi popolari dovrebbe essere discusso con un medico..

In presenza di ischemia del cuore, il trattamento ei sintomi della malattia sono leggermente diversi a seconda della forma clinica del paziente.

Pertanto, la cardiopatia ischemica è una malattia pericolosa sia di per sé che nello sviluppo di complicanze. Con una diagnosi e un trattamento tempestivi, la malattia ha un esito favorevole. L'importante è non rimandare ad andare dal medico, soprattutto se si hanno sintomi o almeno uno dei fattori di rischio.

Perché la cardiopatia ischemica è pericolosa

Malattia coronarica (CHD)

Cos'è la cardiopatia ischemica?

Cardiopatia ischemica (CHD) - danno al muscolo cardiaco (miocardio) causato da una diminuzione o cessazione dell'erogazione di sangue al miocardio, a seguito di processi patologici nelle arterie coronarie (arterie che riforniscono il cuore).

La base dei processi patologici nelle arterie coronarie è la lesione aterosclerotica (aterosclerosi) - la deposizione di colesterolo sulla parete interna dei vasi sanguigni. L'IHD è definito il "killer n. 1" nel mondo - nei paesi sviluppati, il tasso di mortalità per IHD supera quello per cancro. Gli uomini si ammalano 2 volte più spesso delle donne; l'incidenza della malattia coronarica aumenta notevolmente con l'età.

Perché l'IHD è pericoloso?

La funzione principale del muscolo cardiaco è quella di pompare il sangue ossigenato dai polmoni agli organi e ai tessuti e pompare il sangue che scorre dagli organi ai polmoni in modo che sia nuovamente saturo di ossigeno..

Con una mancanza di afflusso di sangue al muscolo cardiaco stesso, inizia un deterioramento graduale (in corso cronico) o istantaneo (in corso acuto) dell'attività del muscolo cardiaco. Il miocardio soffre di una mancanza di ossigeno, sostanze nutritive, la cui quantità diminuisce gradualmente e costantemente (se non trattata). Soffrendo da solo, il cuore non può più svolgere efficacemente la sua funzione. Di conseguenza, gli organi interni sono coinvolti nel processo patologico, al quale il sangue non viene più erogato e rimosso efficacemente..

Qual è la causa della cardiopatia ischemica?

La IHD è causata da lesioni aterosclerotiche delle arterie che alimentano il cuore (arterie coronarie).

Una placca aterosclerotica si forma sulla parete interna dell'arteria coronaria, che successivamente provoca il blocco (occlusione) del vaso. Di conseguenza, il volume di sangue che scorre attraverso una tale arteria al cuore diminuisce bruscamente e il muscolo cardiaco inizia a soffrire. I primi sintomi della cardiopatia ischemica compaiono quando il lume dell'arteria si riduce di oltre il 50%, gli attacchi pronunciati della malattia si verificano quando il diametro si riduce di oltre l'80%.

L'ischemia (mancanza di afflusso di sangue e apporto di ossigeno) si verifica anche per i seguenti motivi:

  1. Spasmo delle arterie coronarie. Questo motivo è più tipico per i giovani con aterosclerosi delle arterie coronarie, ma di un piccolo grado di gravità. Lo spasmo arterioso può svilupparsi in risposta a sovraccarichi psicoemotivi e fisici di un cuore male addestrato.
  2. Violazione della violazione della funzione di coagulazione / anticoagulante del sangue (proprietà reologiche mediche del sangue) - la presenza di aterosclerosi aumenta la coagulazione del sangue e lo sviluppo di coaguli di sangue nelle arterie coronarie, che impediscono anche il flusso sanguigno..
  3. In alcune malattie del cuore, si verifica un aumento delle sue dimensioni e la crescita della rete vascolare, per garantire l'afflusso di sangue a un cuore ingrossato, è in ritardo. Si scopre che un grande cuore riceve la stessa quantità di sangue di prima che fosse ingrandito. E questo volume di sangue non è sufficiente, il muscolo cardiaco soffre, si sviluppa una condizione patologica.
  4. Durante lo sforzo fisico, il flusso sanguigno nel cuore aumenta, ma in presenza di una sezione ristretta del sistema vascolare, il sangue bypassa quest'area, attraverso vasi di dimensioni normali ("in quanto è più facile"). Di conseguenza, la porzione del muscolo cardiaco, a cui si avvicina il vaso ristretto, non riceve abbastanza sangue. Anche in questo caso il cuore soffre di mancanza di ossigeno e sostanze nutritive.
  5. Altri motivi per i quali può verificarsi ischemia sono una diminuzione della pressione sanguigna (ipotensione arteriosa), un aumento della pressione sanguigna (ipertensione arteriosa), disturbi del ritmo (aritmie), malattie della tiroide (tireotossicosi), malattie infettive con febbre alta, ecc..

Cosa include il concetto di cardiopatia ischemica??

Secondo la classificazione, l'IHD include le seguenti condizioni:

  1. La morte coronarica improvvisa (arresto cardiaco primario) è una morte non violenta correlata al cuore che si verifica come improvvisa perdita di coscienza entro 1 ora dall'insorgenza dei sintomi acuti, con una precedente malattia cardiaca può o meno essere nota, ma la morte è sempre inaspettata.
  2. L'angina pectoris è una delle forme di cardiopatia ischemica, manifestata da dolore parossistico o sensazione di disagio nella regione del cuore, causata dall'ischemia miocardica (ma senza lo sviluppo di necrosi - "morte" del muscolo cardiaco), che è associata a una diminuzione del flusso sanguigno e ad un aumento della richiesta di ossigeno del miocardio.
  3. L'infarto miocardico acuto è una forma di malattia coronarica caratterizzata dallo sviluppo di necrosi miocardica limitata a causa di un'incongruenza acuta del flusso sanguigno coronarico con le esigenze del miocardio.
  4. Cardiosclerosi postinfartuale: sostituzione delle aree di necrosi del muscolo cardiaco con tessuto connettivo
  5. Disturbi del ritmo cardiaco
  6. Insufficienza cardiaca: perdita di un'adeguata funzione di "pompaggio" del cuore, quando il muscolo cardiaco non è più in grado di far fronte al volume di sangue di cui ha bisogno per pompare.

Quali sono le manifestazioni cliniche della cardiopatia ischemica?

Le manifestazioni cliniche della cardiopatia ischemica dipendono dalla forma della cardiopatia ischemica (vedi sopra), ma le più caratteristiche sono:

  1. Il dolore al petto, il più delle volte (il più tipico!) Di un carattere compressivo e pressante, si verifica in modo parossistico. Tuttavia, molti pazienti descrivono il dolore come bruciore, sparo, spasmi, bruciore.
  2. La localizzazione più tipica del dolore toracico, che può diffondersi all'intera regione del cuore. Possibile localizzazione del dolore nella regione epigastrica (sotto lo sterno).
  3. Il dolore si irradia (si diffonde) più spesso alla spalla sinistra, al braccio sinistro, possibilmente alla regione cervicale, alla mascella inferiore e ai denti. Meno comunemente: nella spalla destra, nella scapola destra e persino nella regione lombare
  4. Il dolore è abbastanza intenso.
  5. Scarsa tolleranza all'esercizio (o ridotta tolleranza all'esercizio (tolleranza)).

Va ricordato che i sintomi possono variare da paziente a paziente. La diagnosi viene fatta solo da un medico!

Quali fattori di rischio contribuiscono all'insorgenza della cardiopatia ischemica?

I fattori di rischio sono fattori caratteristici di un dato individuo che aumentano significativamente il rischio di sviluppare una malattia coronarica rispetto agli individui che non hanno questi fattori. Esistono 4 categorie di fattori di rischio:

  1. Categoria 1: fattori, la cui eliminazione riduce significativamente il rischio di malattia coronarica;
  2. Categoria 2: fattori, la cui correzione potrebbe ridurre il rischio di sviluppare una malattia coronarica;
  3. Categoria 3: fattori la cui correzione ha meno probabilità di ridurre il rischio di malattia coronarica;
  4. Categoria 4: fattori che non possono essere corretti o il cui impatto non porta a una diminuzione del rischio di sviluppare una malattia coronarica.

La categoria 1 include i seguenti fattori:

È stato riscontrato che il fumo aumenta la mortalità per malattie cardiovascolari del 50% e il rischio aumenta con l'età e il numero di sigarette fumate.

  • Colesterolo alto.

Livelli elevati di colesterolo nel sangue sono sempre associati a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari. A partire dal livello di colesterolo di 4,65 mmol / L, il suo ulteriore aumento si correla continuamente e proporzionalmente con l'incidenza delle complicanze della IHD. Livello ottimale di colesterolo - fino a 5 mmol / l!

  • Ipertensione arteriosa.

Esiste una forte correlazione tra i livelli di pressione sanguigna sistolica ("superiore") e diastolica ("inferiore") e l'incidenza della malattia coronarica. Un aumento della pressione diastolica di 7 mm Hg rispetto alla norma aumenta il rischio di malattia coronarica del 27%.

La categoria 2 include i seguenti fattori:

  • Diabete.

Nei pazienti con diabete mellito di età pari o superiore a 40 anni, l'IHD è la principale causa di morte. L'aterosclerosi e la cardiopatia ischemica si sviluppano 10 anni prima nei pazienti con diabete mellito rispetto a quelli senza questa malattia.

  • Abbassare il colesterolo delle lipoproteine ​​ad alta densità (colesterolo HDL) e aumentare i trigliceridi nel sangue (TAG)

Normalmente, il livello di colesterolo HDL dovrebbe essere superiore a 1,45 mmol / l. Livello TAG ≤1,7 mmol / l

  • Bassa attività fisica (inattività fisica)

Il rischio di sviluppare una malattia coronarica è quasi il doppio nelle persone con uno stile di vita sedentario rispetto alle persone attive.

  • Sovrappeso (obesità)

Per determinare il grado di obesità, viene utilizzato l'indice Quetelet (indice di massa corporea): il rapporto tra il peso corporeo, espresso in chilogrammi, e l'altezza, espresso in metri e al quadrato. Normalmente, l'indice di Quetelet va da 18,5 a 25. Da 25 a 30 - peso corporeo in eccesso, 30-35 - obesità I grado, 35-40 - obesità II grado, 40-50 - obesità III grado, più di 50 - obesità IV grado.

Il sovrappeso è significativamente associato al rischio di malattia coronarica e mortalità. Tra le donne con un eccesso di peso corporeo significativo, il rischio di malattia coronarica aumenta quasi 3 volte e con un moderato aumento del peso corporeo - dell'80% rispetto alle donne di peso normale.

  • Menopausa e periodo postmenopausale.

Dopo la menopausa, aumenta il rischio di sviluppare una malattia coronarica nelle donne. Ciò è dovuto ai cambiamenti nel metabolismo dei lipidi (grassi) e nel sistema cardiovascolare.

La categoria 3 include i seguenti fattori di rischio:

  1. Consumo di alcool
  2. Fatica
  3. Una dieta ricca di calorie e ricca di grassi animali.
  4. Omocisteina ematica elevata

La categoria 4 include:

  1. Età anziana
  2. Maschio
  3. Storia familiare (storia) dello sviluppo precoce della malattia coronarica - lo sviluppo della malattia coronarica in un padre o parenti di sangue di un maschio di età inferiore a 55 anni o in una madre o altri parenti di sangue di una femmina di età inferiore a 60 anni.

Quali sono i principi del trattamento IHD?

Il trattamento per la malattia coronarica deve iniziare con la modifica dei fattori di rischio che possono essere influenzati (vedi sopra)

  1. Smettere di fumare
  2. Abbassare il colesterolo (dieta, farmaci)
  3. Aumento dell'attività fisica
  4. Combatti l'obesità
  5. Trattamento dell'ipertensione arteriosa concomitante, diabete mellito (così come altre condizioni patologiche)
  6. Terapia farmacologica per la malattia coronarica (nitrati, agenti antipiastrinici, beta-bloccanti, ACE (enzima di conversione dell'angiotensina), calcioantagonisti, antiaritmici, ecc.)
  7. Chirurgia

IL TRATTAMENTO DELLA CHD È UN PROCESSO PERMANENTE DI INTERAZIONE DEL MEDICO E DEL PAZIENTE. LE TATTICHE DI TRATTAMENTO SONO DETERMINATE SOLO DAL MEDICO!

Perché è l'IHD e quanto è pericoloso?

Malattia coronarica

Molte persone iniziano a sentire dolore o costrizione nel cuore con l'avanzare dell'età. All'inizio, appaiono solo con uno stress fisico o emotivo significativo. Ma nel tempo, il carico a cui sorgono queste sensazioni diventa sempre meno. Di solito le persone tendono a pensare che questo sia "legato all'età", che non c'è niente da fare al riguardo e non cercano aiuto medico. Questa opinione è errata, perché spesso tale dolore è una manifestazione di malattia coronarica..

Cardiopatia ischemica (CHD): insufficiente apporto di sangue al muscolo cardiaco. Il sangue che porta ossigeno e sostanze nutritive non passa nella giusta quantità attraverso i vasi del cuore (arterie coronarie o coronarie) a causa di restringimenti o ostruzioni. A seconda di quanto è pronunciata la "fame" del cuore, quanto dura e quanto velocemente si è manifestata, si distinguono diverse forme di malattia coronarica..

- Forma asintomatica o "muta" di cardiopatia ischemica, quando la "fame" del cuore non manifesta sintomi clinici.

- Angina pectoris (angina pectoris) - con questa forma di malattia coronarica, una nutrizione cardiaca insufficiente si manifesta con un forte dolore dietro lo sterno durante l'esercizio, lo stress, il freddo o l'eccesso di cibo.

- Forma aritmica di malattia coronarica, in cui un insufficiente apporto di sangue al cuore si manifesta con disturbi del ritmo cardiaco, il più delle volte fibrillazione atriale.

- Infarto miocardico - morte di una parte del muscolo cardiaco causata dalla sua "fame".

- La morte cardiaca improvvisa è un arresto cardiaco, nella maggior parte dei casi causato da una forte diminuzione della quantità di sangue fornita. È possibile riportare in vita il paziente solo con misure di rianimazione immediate..

Se la CHD non viene trattata, a causa della carenza di ossigeno, il cuore cessa di funzionare normalmente, il che porta a un flusso sanguigno insufficiente a tutti gli altri organi. Questa condizione è chiamata insufficienza cardiaca cronica.

Perché è l'IHD e quanto è pericoloso?

La cardiopatia ischemica di solito si verifica a causa dell'aterosclerosi dei vasi cardiaci (coronarici). In questa condizione, si formano le cosiddette placche sulle pareti delle arterie, che restringono il lume o bloccano completamente i vasi. All'inizio, di regola, il restringimento del lume dei vasi coronarici è insignificante, si manifesta con dolore dietro lo sterno (angina pectoris). Se la placca si rompe, si sviluppano coaguli di sangue nei vasi ristretti, portando a un infarto miocardico. Inoltre, uno spasmo o un'infiammazione dei vasi coronarici può essere la causa di un insufficiente afflusso di sangue al cuore. Queste sono le cause dirette della malattia coronarica. A loro volta, appaiono a causa del fumo, dell'obesità, dell'ipertensione, dei farmaci incontrollati, dei disturbi ormonali, della malnutrizione e così via..

Tra le complicazioni della cardiopatia ischemica - disturbi del ritmo cardiaco o blocco. Con una grave angina pectoris o dopo un massiccio infarto, la funzione cardiaca è compromessa - si verifica un'insufficienza cardiaca cronica.

La malattia coronarica può svilupparsi negli adulti indipendentemente dal sesso a qualsiasi età, ma più spesso negli uomini di età compresa tra 40 e 65 anni. Lo sviluppo dell'aterosclerosi delle arterie cardiache è facilitato da fattori così diffusi nel nostro tempo come una dieta malsana e, di conseguenza, aumento del grasso nel sangue, ipertensione, fumo, inattività fisica e stress.

Nei paesi sviluppati, la malattia coronarica è diventata la causa più comune di morte e disabilità, rappresentando circa il 30% dei decessi. È molto più avanti rispetto ad altre malattie come causa di morte improvvisa e si verifica in una donna su tre e nella metà degli uomini. Questa differenza è dovuta al fatto che gli ormoni sessuali femminili sono uno dei mezzi di protezione contro le lesioni aterosclerotiche dei vasi. A causa del cambiamento dei livelli ormonali durante la menopausa, la probabilità di un attacco di cuore nelle donne dopo la menopausa aumenta in modo significativo.

Diagnosi di cardiopatia ischemica

Per sospettare una cardiopatia ischemica, il medico, di regola, ha bisogno solo dei reclami del paziente di dolore al petto, disturbi del ritmo cardiaco, mancanza di respiro. Per una diagnostica accurata, viene utilizzata l'elettrocardiografia e molto spesso deve essere eseguita durante l'attività fisica o sotto forma di monitoraggio holter utilizzando uno speciale sensore che il paziente indossa per un giorno. È possibile ottenere un'immagine del cuore, necessaria per la diagnosi di cardiopatia coronarica, mediante ecocardiografia o scansione isotopica (scintigrafia miocardica), che aiutano anche a identificare difetti nelle valvole cardiache o anomalie nel lavoro del muscolo cardiaco causate dalla sua "fame".

Infine, la diagnosi può essere fatta con l'aiuto dell'esame a raggi X a contrasto - cardioangiografia, che consente di vedere i vasi del cuore su un monitor speciale, i punti del loro restringimento o blocco.

Trattamento della malattia coronarica

Molto spesso, la malattia coronarica viene trattata con farmaci e vengono utilizzate combinazioni di farmaci con effetti diversi. Ci sono farmaci che dilatano i vasi sanguigni del cuore, altri farmaci riducono lo stress del cuore abbassando la pressione sanguigna e equalizzando la frequenza cardiaca. Esistono anche farmaci che combattono la causa principale della malattia coronarica: l'abbassamento dei livelli di colesterolo nel sangue.

Le arterie ristrette possono anche essere espanse usando una semplice operazione - il metodo dell'angioplastica coronarica, spesso fissando il loro lume con un inserto metallico - uno stent. Tale trattamento è più comune in Occidente ei medici russi preferiscono metodi terapeutici. In casi gravi, i cardiochirurghi ricorrono alla chirurgia di bypass, in cui i vasi cardiaci ostruiti vengono sostituiti con "nuovi" ben percorribili, solitamente "prodotti" dalle vene delle estremità.

Cardiopatia ischemica: perché è pericolosa??

Il cuore è un organo unico che svolge una funzione di pompaggio. Fornisce la circolazione sanguigna, facendo 100.000 battiti al giorno, 3 milioni di battiti al mese, pompando 170 litri di sangue al giorno.

Il cuore è l'organo principale del complesso sistema cardiovascolare; il suo peso medio è di 300 grammi. Durante la contrazione del cuore, il ventricolo destro spinge il sangue nei polmoni per saturarsi di ossigeno e dal ventricolo sinistro scorre sangue ricco di ossigeno a tutti gli organi del nostro corpo. L'apporto ininterrotto di ossigeno al cuore è fornito dai vasi coronarici. Queste arterie forniscono ossigeno e sostanze nutritive al muscolo cardiaco, senza i quali il nostro cuore non può funzionare..

Di solito, un cuore ben funzionante difficilmente ci infastidisce e ci dimentichiamo persino della sua esistenza. Ma arriva il momento in cui il tuo cuore si fa sentire.

Le condizioni cardiache variano, ma la più comune e grave è la malattia coronarica (CHD).

Cos'è la cardiopatia ischemica e l'angina pectoris, quali sono le ragioni della loro origine?

Il cuore della cardiopatia ischemica è il restringimento e il blocco delle arterie coronarie principali da parte delle placche aterosclerotiche. Sulla superficie interna delle arterie (normalmente molto lisce e uniformi) compaiono escrescenze particolari - placche che sporgono nella cavità del vaso sanguigno, come "ruggine nei tubi". Nel tempo, diventano sempre di più e quando il lume del vaso si restringe al 70%, c'è una difficoltà nel flusso sanguigno e, di conseguenza, l'equilibrio tra l'apporto di ossigeno al muscolo cardiaco e la sua necessità viene disturbato. Allo stesso tempo, si sviluppa la fame di ossigeno (ipossia) delle cellule.

Mentre in questo stato, le cellule soffrono anche di carenze nutrizionali e sono esposte ai prodotti di scarto che si accumulano. L'intero complesso di violazioni delle funzioni vitali delle cellule cardiache in condizioni di insufficiente afflusso di sangue è solitamente chiamato ischemia. Il grado di ischemia dipende dalla dimensione delle placche aterosclerotiche: maggiore è la dimensione della placca, rispettivamente, più stretto è il lume della nave, meno sangue lo attraversa, il che significa che i tessuti riceveranno meno ossigeno e sostanze nutritive, più pronunciate saranno le manifestazioni di angina pectoris. La placca può bloccare completamente il lume del vaso e bloccare il flusso sanguigno. Il meccanismo di comparsa dell'ischemia nello spasmo (restringimento acuto) delle arterie coronarie è simile..

Come si manifesta la CHD?

Quindi, se il muscolo cardiaco riceve una quantità insufficiente di ossigeno e sostanze nutritive, si sviluppa l'angina pectoris. Se la somministrazione di ossigeno e sostanze nutritive viene completamente interrotta, si sviluppa un infarto miocardico..

Molto spesso, la malattia si manifesta sullo sfondo di sforzo fisico o stress emotivo. In questo momento, c'è dolore o sensazione di compressione, pesantezza dietro lo sterno - il primo segnale sul possibile sviluppo di malattie cardiache.

La forma più comune di cardiopatia ischemica è l'angina pectoris. L'angina pectoris (precedentemente chiamata "angina pectoris") è una malattia, le cui principali manifestazioni sono dolori compressivi dietro lo sterno, che si irradiano (si irradiano) al braccio sinistro, metà sinistra della mascella inferiore, denti, spalla, ecc. Anche una sensazione di pesantezza, bruciore, pressione dietro lo sterno, sensazione di mancanza d'aria, a volte dolore nella parte superiore dell'addome può disturbare. Tali dolori si manifestano sotto forma di attacchi brevi (5-10 minuti), che possono essere ripetuti con frequenze diverse. L'esercizio fisico, lo stress emotivo, l'aria fredda e il fumo possono provocare un attacco di angina pectoris. Gli attacchi possono svilupparsi in qualsiasi momento della giornata. Ma il più delle volte si sviluppa nelle prime ore del mattino.

Nonostante il fatto che gli attacchi di angina abbiano molte manifestazioni, gli attacchi della stessa persona sono monotoni.

L'angina pectoris può essere:

  • stabile;
  • instabile.

Angina stabile - quando gli attacchi di angina compaiono a lungo dopo un carico uguale e con la stessa frequenza e hanno lo stesso carattere.

Angina pectoris instabile - manifestata da un aumento della frequenza degli attacchi, che può verificarsi con carichi inferiori, diventa più forte e più lunga nel tempo. Angina instabile - avvertenza: “Attenzione, rischio di infarto miocardico! Rivolgiti immediatamente a un medico! "

L'angina pectoris instabile o progressiva è caratterizzata sia da una maggiore frequenza e gravità degli attacchi, sia da una ridotta distanza percorsa a piedi. Il dolore può manifestarsi anche a riposo e la dose abituale di nitroglicerina non sempre dà un effetto, devi aumentarla. Aumenta il rischio di infarto miocardico e altre gravi complicanze!

Se il dolore diventa più intenso e dura più di 20-30 minuti, si ripete a ondate a riposo, c'è una forte debolezza e una sensazione di paura, il polso accelera e la pressione sanguigna oscilla bruscamente, è necessaria una consultazione urgente con un medico o un'ambulanza. In una tale situazione, si dovrebbe prima sospettare un infarto miocardico..

Come identificare l'angina pectoris?

La diagnosi di angina pectoris viene effettuata principalmente sulla base di un interrogatorio dettagliato del paziente, un'analisi approfondita dei reclami del paziente e delle caratteristiche del decorso della malattia. Tuttavia, per confermare la diagnosi e chiarire la gravità della malattia, il medico può prescrivere ulteriori metodi di ricerca: registrazione di un ECG a riposo e all'altezza dell'attacco di dolore. La registrazione dell'ECG ha un ruolo estremamente importante nell'esame dei pazienti anziani. Spesso, un ECG può rilevare un precedente infarto miocardico o aritmie cardiache.

Un posto speciale nella diagnostica è occupato dagli stress test, mentre l'ECG viene monitorato mentre il paziente svolge attività fisica (tapis roulant, cicloergometro). Tuttavia, è necessario sapere che al di fuori di un attacco di angina pectoris, l'ECG potrebbe essere normale..

Molte informazioni utili possono essere ottenute con la registrazione ECG 24 ore su 24 (monitoraggio ECG Holter), quando una registrazione ECG costante viene eseguita in un ambiente domestico.

Se questi studi non sono sufficienti, il medico può prescrivere metodi diagnostici più complessi: angiografia coronarica (studio con mezzo di contrasto dei principali vasi coronarici) e scintigrafia perfusionale (studio radio-nucleidico del muscolo cardiaco).

Fattori di rischio

Numerosi studi scientifici hanno permesso di identificare i fattori che contribuiscono allo sviluppo e alla progressione della malattia coronarica. Si chiamano fattori di rischio.

Allo stesso tempo, si distinguono i principali fattori di rischio per la malattia coronarica, che sono causalmente correlati a questa malattia e sono diffusi tra la popolazione:

  • disturbi del metabolismo dei grassi (lipidi), alti livelli di colesterolo;
  • ipertensione (più di 140/90 mm Hg);
  • fumare;
  • diabete mellito, violazione del metabolismo dei carboidrati.

Tra i fattori di rischio ci sono quelli che puoi influenzare:

  • fumare;
  • ipertensione arteriosa;
  • colesterolo alto;
  • fatica;
  • sovrappeso;
  • ipodynamia.

La pratica ha dimostrato che i pazienti con malattia coronarica di solito hanno diversi fattori di rischio allo stesso tempo. In questo caso, il loro impatto negativo viene riassunto e, di regola, aumenta più volte..

I fattori di rischio contribuiscono all'insorgenza e alla progressione della malattia coronarica e la loro correzione è la base per la prevenzione della malattia coronarica.

Trattamento CHD

Esistono due approcci principali al trattamento della malattia coronarica.

Il primo ha lo scopo di prolungare la vita del paziente prevenendo le complicazioni mortali della malattia. Questo approccio è considerato il principale. Include:

  • correzione dei fattori di rischio;
  • l'uso di farmaci che abbassano i livelli di colesterolo nel sangue - statine;
  • l'uso di sostanze medicinali che prevengono la formazione di trombi intravascolari - agenti antipiastrinici;
  • l'uso di farmaci che proteggono la parete vascolare dai danni;
  • l'uso di inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE inibitori), beta-bloccanti, calcio antagonisti, nitrati, citoprotettori.

Correzione dei fattori di rischio

Innanzitutto, fumare, qui la risposta è chiara: salute e nicotina non sono compatibili. La nicotina è uno dei principali nemici del sistema cardiovascolare, ha una serie di effetti negativi sul corpo del paziente: aumenta la pressione sanguigna, restringe i vasi sanguigni, provoca aritmie, favorisce la deposizione di colesterolo "cattivo" sulle pareti dei vasi sanguigni, aumenta la coagulazione del sangue, riduce la percentuale di ossigeno nel sangue. Tutto ciò può provocare la comparsa di complicanze cardiovascolari in pazienti con malattia coronarica, compreso l'infarto del miocardio. Pertanto, è consigliabile smettere di fumare.

In secondo luogo, è necessario seguire una dieta, sviluppare una certa dieta. Alcuni alimenti sono noti per essere ricchi di colesterolo. E i livelli elevati di colesterolo nel sangue portano allo sviluppo dell'aterosclerosi..

Pertanto, è necessario escludere o limitare drasticamente l'uso di tali prodotti. Gli alimenti ricchi di colesterolo includono: carni grasse, fegato, burro, panna acida, panna, tuorli d'uovo, latte intero e formaggi grassi. È più utile introdurre nella dieta più verdure, latticini a basso contenuto di grassi, olio vegetale, carni magre, pesce, pollame, pane di farina integrale o con crusca, cereali con un alto contenuto di fibre vegetali (farina d'avena, fiocchi di crusca). Il burro va sostituito con margarina morbida come RAMA Vitality e RAMA Olivio. Si basano su una miscela di oli: semi di girasole o di soia e grassi vegetali solidi, che vengono prodotti dai semi di speciali palme da olio. Tutti questi ingredienti sono privi di colesterolo.

In terzo luogo, è importante combattere il sovrappeso. Essere in sovrappeso non è un problema estetico. Questo è il rischio di sviluppare molte malattie: diabete mellito, ipertensione, colelitiasi e altre malattie che possono aggravare il decorso della cardiopatia ischemica.

In quarto luogo, conduci uno stile di vita attivo, fai esercizio. Ti offriamo 9 consigli per aumentare l'attività fisica, che ovviamente è meglio discuterne di nuovo con il tuo medico:

  • 1. Usa le scale invece dell'ascensore.
  • 2. Cammina per lavorare e fare acquisti.
  • 3. Scendere dal trasporto.
  • 4. Fai più lavori domestici che puoi fare.
  • 5. Lavora in giardino e in campagna come puoi.
  • 6. Usa la bici con saggezza.
  • 7. Cammina per pranzo..
  • 8. Eseguire regolarmente esercizi utili: esercizi di fisioterapia, esercizi di respirazione.
  • 9. Combina l'attività fisica con emozioni positive: musica, arte, hobby, socializzazione con gli amici, ecc..

Quinto, cerca di evitare situazioni stressanti o impara ad affrontarle. Stiamo parlando di misure per prevenire o ridurre il sovraccarico psico-emotivo. Devi imparare a gestire le tue emozioni e valutare correttamente questa o quella situazione, tenendo conto del suo vero significato..

Si raccomanda di evitare il più possibile situazioni di conflitto, per acquisire emozioni positive. Anche fare ciò che ami (un hobby) ha un buon effetto. L'arsenale di mezzi per migliorare la salute può includere un sistema di allenamento psicologico (auto-allenamento) e tecniche di rilassamento che aumentano la resistenza del sistema nervoso a situazioni stressanti..

Statine

Quando i livelli di colesterolo sono significativamente elevati, anche una dieta attenta ridurrà i livelli di colesterolo di non più del 5-15%. Pertanto, se, osservando tale dieta, i livelli di colesterolo sono rimasti a un livello insoddisfacente, è necessario l'uso di farmaci ipolipemizzanti. Attualmente esistono diversi gruppi di farmaci ipolipemizzanti, ma è stato dimostrato che solo i farmaci del gruppo delle statine riducono il livello di colesterolo "cattivo" e il rischio di complicanze aterosclerotiche: fluvastina, atrovastina, simvastina, pravastina.

Agenti antipiastrinici

La prevenzione della trombosi vascolare acuta protegge il paziente dallo sviluppo di angina pectoris instabile e infarto miocardico, le forme più pericolose, acute di malattia coronarica. Pertanto, la nomina di agenti che influenzano i processi di trombosi è una componente importante per prevenire le complicanze dell'IHD. I principali farmaci antipiastrinici nella pratica moderna sono l'aspirina, la ticlopidina, il clopidogrel.

ACE inibitori

I più utilizzati nella pratica moderna per il trattamento dell'ipertensione e dell'insufficienza cardiaca sono gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina, i cosiddetti ACE inibitori..

Nitrati

I nitrati sono usati per alleviare e prevenire gli attacchi di angina. Questi farmaci sono stati usati per molti anni. È molto importante avere sempre con sé compresse di nitroglicerina e devono essere protette dal calore e dalla luce. I nitrati sono prescritti in varie forme: compresse, capsule, spray, unguento, cerotto.

Come alleviare un attacco di angina pectoris

Se hai un attacco di angina, usa la nitroglicerina, metti una compressa sotto la lingua.

  • sedersi prima di prendere nitroglicerina, il farmaco può causare vertigini;
  • lasciare che la compressa si dissolva completamente. Non schiacciare la compressa, il farmaco non funzionerà;
  • dovresti aspettare 5 minuti e se l'angina persiste, devi prendere un'altra compressa di nitroglicerina;
  • dovresti aspettare altri 5 minuti, se l'angina pectoris non è scomparsa, prendi la terza compressa di nitroglicerina.

Attenzione: se il dolore nella regione del cuore dura più di 15 minuti e non scompare dopo aver preso tre compresse di nitroglicerina, contatta un'ambulanza e prendi 1 / 2-1 compressa di aspirina - potresti sviluppare un infarto miocardico!

Beta-bloccanti

Questi farmaci riducono la quantità di ossigeno necessaria per il funzionamento del cuore durante lo stress fisico o emotivo. Inoltre rallentano il cuore e abbassano la pressione sanguigna. È molto importante prenderli continuamente e non interrompere l'assunzione senza consultare il medico. Questi farmaci sono utilizzati per ridurre il lavoro meccanico del cuore, prevenire attacchi di angina pectoris, aritmie cardiache, aumento eccessivo della pressione sanguigna durante stress fisico o psico-emotivo. Nei casi in cui un beta-bloccante non può essere prescritto a causa di controindicazioni o intolleranza (ad esempio, con asma bronchiale concomitante, broncopneumopatia cronica ostruttiva, malattia arteriosa periferica, ipotensione o pressione sanguigna normale, diabete mellito, ecc.), Si consiglia di prescrivere Coraxan ( ivabradina).

Calcio antagonisti

I calcioantagonisti prevengono lo sviluppo di attacchi di angina. Questi farmaci dilatano le arterie, comprese le arterie coronarie. Di conseguenza, il flusso sanguigno è facilitato, una grande quantità di sangue scorre al miocardio. I farmaci abbassano anche l'ipertensione.

Citoprotettori

Un gruppo speciale è rappresentato dai citoprotettori miocardici (Preductal MB). Questi farmaci proteggono direttamente le cellule miocardiche durante l'ischemia con una mancanza di ossigeno. Non influenzano la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna e, di regola, non sono accompagnati dallo sviluppo di effetti collaterali. Inoltre, se gli attacchi di angina persistono sullo sfondo di farmaci emodinamici, esperti russi ed europei hanno raccomandato la nomina di Preductal MV per migliorare l'efficacia antianginosa..

Trattamenti chirurgici per la malattia coronarica

Se il decorso della cardiopatia ischemica, nonostante l'assunzione di farmaci, progredisce e limita la vita normale del paziente, può essere necessario sottoporsi a un trattamento chirurgico..

Quali sono i metodi di trattamento chirurgico?

L'innesto di bypass dell'arteria coronaria è l'intervento chirurgico più comune per il trattamento dell'angina pectoris. In questo caso, viene utilizzata la nave del paziente, con l'aiuto del quale viene ripristinato il flusso sanguigno bypassando l'arteria bloccata. Il numero di shunt dipende dal numero di arterie interessate.

Angioplastica coronarica (dilatazione del palloncino) - una procedura in cui il lume di una nave viene ripristinato utilizzando un palloncino gonfiabile inserito in un'arteria.

Lo stent è una procedura in cui una spirale viene inserita nel lume della nave, espandendo l'arteria interessata.

Tuttavia, dovresti essere consapevole che la chirurgia è una fase importante nel trattamento della malattia coronarica, ma non guarisce completamente, quindi, anche in buona salute, il paziente deve prendere misure per prevenire la progressione dell'aterosclerosi coronarica e ricevere una terapia di supporto.

Come convivere con l'angina?

La qualità della vita di un paziente con angina pectoris e l'aspettativa di vita dipendono da:

  • diagnosi precoce della malattia;
  • rispetto del regime di assunzione di farmaci;
  • cambiamenti dello stile di vita ed eliminazione dei fattori di rischio.

Articolo Successivo
Palpitazioni cardiache ad alte temperature