Cause e conseguenze dei cambiamenti nell'attività bioelettrica del cervello


Spesso una diagnosi come "Lievi cambiamenti diffusi nell'attività bioelettrica del cervello" può essere ascoltata da un medico dopo aver subito un elettroencefalogramma - un metodo non invasivo per valutare e registrare l'attività elettrica della corteccia cerebrale utilizzando uno speciale apparato chiamato elettroencefalogramma. Come risultato della sua implementazione, tutti i fenomeni elettrici nella corteccia cerebrale, inclusa la sua attività, vengono registrati su carta sotto forma di una curva, che consente allo specialista di valutare completamente il lavoro dell'organo.

Successivamente, il paziente ei suoi parenti possono avere domande del tutto naturali: cos'è e in che modo i cambiamenti diffusi nell'attività bioelettrica della sostanza cerebrale sono pericolosi per la salute? Nonostante questa diagnosi suoni spaventosa, non tutto è così male: la terapia iniziata in tempo può riportare il malato al solito ritmo di vita.

Lesioni cerebrali diffuse e loro insorgenza

Come sapete, l'unità funzionale del sistema nervoso centrale (neuroni) è particolarmente sensibile alla quantità insufficiente di ossigeno fornita loro. Clinicamente, ciò si esprime nella distruzione delle connessioni interneuronali, una diminuzione dell'attività e disturbi metabolici, sia nelle cellule stesse che nei dipartimenti a cui appartengono. Questi processi possono portare alla morte di una parte della sostanza cerebrale e ad una diminuzione delle sue prestazioni..

Pertanto, la causa principale del danno diffuso e, di conseguenza, i cambiamenti nell'attività bioelettrica è la scarsa fornitura dei suoi componenti con microelementi sullo sfondo dell'influenza di vari fattori negativi..

Il danno organico diffuso può verificarsi a causa di patologie che sono accompagnate da edema, infiammazione e comparsa di tessuto cicatriziale nel midollo. Ad esempio, possono essere le seguenti malattie: encefalite, meningite, aterosclerosi e avvelenamento tossico con varie sostanze chimiche.

I pazienti che sono stati infettati da una neuroinfezione o sono stati a lungo sotto l'influenza di sostanze tossiche, il medico curante può ragionevolmente inviare a studiare l'attività biologica del cervello utilizzando un elettroencefalogramma. È un dispositivo elettrico di misurazione medico che, utilizzando speciali sensori, misura e registra la differenza di potenziale tra i punti del cervello situati in profondità o sulla sua superficie..

Successivamente, i dati ottenuti vengono registrati sotto forma di un elettroencefalogramma - una curva o un'immagine grafica di un processo elettrico oscillatorio. Durante la decodifica dei dati, vengono valutati i seguenti tipi di ritmi, che caratterizzano lo stato di attività cerebrale al momento:

  • Alfa - i tassi più alti sono registrati a riposo di una persona, normalmente l'attività polimorfica di questo tipo di onde dovrebbe essere compresa tra 25 e 95 μV;
  • Betta: queste onde compaiono in presenza di un'attività vigorosa;
  • Gamma: il ritmo è determinato quando si risolvono compiti intellettuali e situazioni che richiedono maggiore attenzione e concentrazione;
  • Kappa: è determinato nel lobo temporale durante i processi mentali;
  • Lambda - formato nella zona occipitale, durante l'elaborazione delle informazioni visive;
  • Mu - viene lanciato nella parte occipitale e viene osservato in uno stato calmo del soggetto;
  • Per completare il quadro si valutano i ritmi delta, theta e sigma, che sono indicatori del sonno, o sono inclusi in presenza di patologia.

A seconda del grado di distruzione delle strutture cerebrali e della posizione dell'area interessata, l'ampiezza dell'oscillazione del sensore elettroencefalografico sarà diversa dalle norme accettate e sarà espressa graficamente come segue:

  • la presenza di attività iperritmica insolita in assenza di un'attività bioelettrica regolare dominante;
  • la deviazione dei valori dell'elettroencefalogramma può manifestarsi nell'asimmetria dell'immagine grafica dell'attività cerebrale, mentre le aree simmetriche daranno diversi valori e frequenza delle oscillazioni di ampiezza;
  • i principali indicatori con i quali viene determinato il grado di lesione diffusa supereranno i valori normali (valori delta -, alfa -, theta -).

Se queste deviazioni sono presenti sul diagramma, lo specialista, dopo la decodifica, scriverà nella conclusione preliminare la seguente diagnosi: "lesione diffusa delle strutture cerebrali", il cui grado di forza dipenderà dal valore quantitativo delle deviazioni.

Spesso, i cambiamenti diffusi lievi e moderatamente pronunciati nell'attività bioelettrica del cervello vengono diagnosticati solo dopo aver superato l'elettroencefalogramma, poiché le loro manifestazioni influenzano in misura minore la vita del malato e spesso passano inosservate sia per se stesso che per gli altri.

Ma dopo la diagnosi finale, tutto va a posto: lo specialista può spiegare chiaramente il motivo del verificarsi di alcune deviazioni: la comparsa di un mal di testa di natura non chiara, un brusco cambiamento di umore, un'eccessiva irritabilità, un deterioramento del benessere generale e una perdita di interesse per gli hobby precedenti.

La dinamica del ripristino dell'attività cerebrale dipende dalla rapidità con cui viene iniziato il trattamento, ma questo processo è lungo e di solito richiede molto tempo, da diversi mesi a diversi anni dopo la comparsa dei primi segni del disturbo..

La lesione assonale diffusa (DAP) del cervello è molto spesso il risultato di trauma cranico e commozione cerebrale, a causa della quale potrebbe verificarsi la rottura di piccoli vasi e capillari. Poiché i neuroni del talamo e dell'ipotalamo sono sensibili anche a una carenza di nutrienti a breve termine e i loro assoni ai danni meccanici, l'EEG sarà caratterizzato da disturbi transitori e persistenti nel lavoro delle strutture sottocorticali e del tronco cerebrale.

La gravità della lesione dipende dalla gravità della manifestazione dei segni secondari di trauma: l'entità dell'edema, la disorganizzazione del metabolismo intercellulare e le complicazioni che hanno causato.

I cambiamenti pronunciati e diffusi nell'attività bioelettrica del cervello vengono solitamente diagnosticati in assenza di trattamento per la causa principale della malattia sottostante, ad esempio l'aterosclerosi, poiché in questa malattia le strutture degli organi non ricevono una quantità sufficiente di ossigeno e altri nutrienti a causa del restringimento del lume dei vasi sanguigni. In questo caso, sull'elettroencefalogramma viene registrata una diminuzione significativa della soglia di prontezza convulsiva, che indica una predisposizione del paziente alla comparsa di epilessia..

Un grado grave di disturbi diffusi si sviluppa sullo sfondo dei processi necrotici e della formazione di tessuto cicatriziale. Allo stesso tempo, nell'area interessata, c'è chiaramente una violazione della conduttività del segnale elettroencefalografico, che indica uno stadio avanzato della malattia. La causa della patologia può essere l'astrocitoma diffuso e altri tumori cerebrali..

Nonostante l'identificazione dettagliata del sito di localizzazione della distruzione diffusa dei tessuti, l'elettroencefalografia non può indicare con precisione la causa delle deviazioni nell'aspetto di una violazione dell'attività della sostanza cerebrale, pertanto il paziente necessita di un esame completo, compreso il passaggio di risonanza magnetica e TC.

Ancora una volta, alcune deviazioni nell'epiatività del cervello possono essere presenti sull'elettroencefalogramma anche in un bambino, il che è spiegato dallo sviluppo imperfetto del sistema nervoso. Inoltre, se le manifestazioni non sono significative e non influenzano i sistemi di supporto vitale, in questo caso non viene prescritto un trattamento radicale e il paziente viene posto sotto la supervisione di un neurologo, che può compensare la differenza negli indicatori con i farmaci..

Cause di cambiamenti diffusi

La disorganizzazione dell'attività bioelettrica del cervello non può avvenire semplicemente. Di solito è preceduto da varie deviazioni nell'organizzazione della sostanza cerebrale, ad esempio traumi o malattie, a causa delle quali vi è una violazione dei processi e la distruzione delle connessioni interneuronali.

L'attività bioelettrica del cervello può essere disorganizzata per diversi motivi:

  1. Trauma alla testa. Il grado di deviazione è determinato dalla gravità della lesione. Quindi, con una commozione cerebrale, vengono diagnosticati più spesso cambiamenti diffusi lievi e moderatamente pronunciati nella BEA del cervello e gravi lesioni cerebrali traumatiche portano successivamente alla formazione di zone con una lesione della conduzione dell'impulso volumetrico..
  2. Malattie infiammatorie di natura neuroinfettiva. Molto spesso, il tratto spinale e lo spazio subaracnoideo sono interessati, a causa del quale il metabolismo tra le sue strutture viene interrotto e il liquido cerebrospinale cessa di circolare normalmente nei ventricoli. Questo processo può portare all'edema della sostanza bianca e alla formazione di tessuto cicatriziale in luoghi di danno meccanico, che si manifesta nella natura irritativa dei disturbi diffusi. Cioè, l'elettroencefalogramma avrà un gran numero di oscillazioni beta di alta frequenza e ampiezza..
  3. Aterosclerosi dei vasi sanguigni e altre malattie, accompagnata da ridotta pervietà dei vasi sanguigni. Quando si esamina un paziente nella fase iniziale di queste malattie, un elettroencefalogramma di solito indica la presenza di cambiamenti diffusi lievi e moderatamente pronunciati nell'attività bioelettrica del cervello. Tuttavia, quando la situazione peggiora, i segni della loro progressione si manifesteranno in un deterioramento della conduttività delle connessioni interneuronali e, di conseguenza, in una distorsione dell'immagine grafica..
  4. Irradiazione o avvelenamento con sostanze chimiche. L'esposizione alle radiazioni interessa tutto il corpo, ma soprattutto l'attività, cioè il lavoro del cervello. Le conseguenze dell'avvelenamento sia radiologico che tossico sono irreversibili, il che influisce sulla capacità del paziente di fare le cose quotidiane. La distruzione diffusa dei tessuti causata da questi motivi richiede una seria terapia riparativa. Cambiamenti diffusi nella struttura del cervello possono essere innescati da disturbi dell'ipotalamo e della ghiandola pituitaria.

Nel processo di diagnosi e in base al risultato di una conversazione con una persona malata, uno specialista dovrebbe scoprire il più accuratamente possibile perché si è verificata la distruzione diffusa dei tessuti - dopotutto, la vita del paziente spesso dipende dalla rapidità con cui viene fatta la diagnosi finale e la causa della malattia viene eliminata:

  • una leggera disorganizzazione strutturale nella struttura del cervello appare dopo aver subito lievi ferite alla testa, commozione cerebrale della sostanza cerebrale;
  • la gravità moderata della patologia è una conseguenza di una malattia infiammatoria o infettiva;
  • gravi cambiamenti diffusi nell'attività biologica del cervello vengono diagnosticati in pazienti che hanno subito un addestramento a lungo termine con radiazioni o avvelenamento chimico, mentre le conseguenze di tale esposizione sono per lo più irreversibili o difficili da trattare.

Nei bambini, il ritardo nella maturità bioelettrica del cervello si esprime nella comparsa di anomalie nella riproduzione di alcuni processi neurofisiologici, ad esempio può essere ridotta motilità motoria, disturbi emotivi o ritardo dello sviluppo. L'accento di alcune violazioni dipenderà dalla posizione della zona dei cambiamenti diffusi..

Allo stesso tempo, la maturazione precoce dell'attività cerebrale può essere la ragione della formazione di aree di maggiore attività epica. Questa patologia in assenza di trattamento può portare a convulsioni e crisi epilettiche..

Cambiamenti diffusi dopo un trauma

Spesso una conseguenza di un danno meccanico o di gravi lesioni alla testa è la rottura di lunghi processi funzionali delle cellule nervose: gli assoni. In questo caso, al paziente viene diagnosticata una lesione cerebrale diffusa e la gravità del danno è determinata dal numero di disturbi, il cui sviluppo ha provocato..

Una caratteristica di una tale lesione è lo stato di incoscienza della vittima, e più a lungo dura il coma, peggiore è la prognosi - nella maggior parte dei casi il paziente rimane profondamente disabile o viene registrata la sua morte.

Ciò è dovuto al fatto che le parti mobili del cervello possono essere spostate e le parti fisse possono essere attorcigliate, mentre anche un leggero spostamento delle zone cerebrali minaccia una persona con una rottura completa o parziale degli assoni. Lo stesso processo distruttivo può verificarsi con piccoli vasi che alimentano la regione anteriore e la corteccia. Di conseguenza, si verifica una morte diffusa, cioè uniforme delle unità strutturali, che complica in modo significativo la procedura di diagnosi della patologia.

Conseguenze e cambiamenti nel corpo

Un lieve danno diffuso alle strutture del cervello di solito non minaccia la vita del paziente ei suoi sintomi scompaiono entro pochi mesi dall'esposizione a fattori negativi. Una leggera deviazione nello sviluppo della maturità bioelettrica può essere presente nei bambini, ma questo non è fondamentale: in assenza di un catalizzatore per disturbi diffusi e l'uso di una terapia riparativa tempestiva, tali deviazioni scompaiono dall'adolescenza.

Cambiamenti diffusi moderatamente pronunciati in BEA si manifestano nell'interruzione del lavoro delle singole strutture cerebrali. Ad esempio, graficamente, l'attività elettrica della corteccia cerebrale può differire leggermente dalle norme accettate, che in pratica si manifesta in segni di moderata disorganizzazione del lavoro delle sezioni anteriori: compromissione della memoria, vista, udito, eccessiva irritabilità.

Cambiamenti moderati e diffusi nell'attività bioelettrica del cervello possono causare conseguenze come:

  • diminuzione delle prestazioni;
  • l'emergere di problemi a livello psicologico;
  • distrazione;
  • lentezza fisica.

Se i disturbi ei sintomi sono pronunciati, come dopo un danno assonale diffuso (DAP), la gravità delle conseguenze dipende dal numero di giorni durante i quali il paziente era incosciente.

Ad esempio, se il coma è durato meno di un giorno e il trauma al cranio è insignificante, allora l'uscita dal coma inizia con il ritorno dei movimenti oculari (ad esempio, sbattendo le palpebre), quindi c'è un graduale ripristino della coscienza, il contatto verbale si espande e i disturbi neurologici negativi svaniscono, ma non scompaiono completamente anche dopo un lungo trattamento.

I cambiamenti pronunciati e diffusi nell'attività bioelettrica del cervello vengono solitamente registrati in un paziente dopo gravi lesioni alla testa. Clinicamente, questo si manifesta nella formazione di molteplici focolai di distruzione delle connessioni assonali e sanguinamento aperto, a causa del quale il lavoro organizzato dei centri funzionali del cervello viene interrotto. Allo stesso tempo, sull'elettroencefalogramma, un danno significativo al talamo interrompe la comparsa di onde EEG sincrone sul lato del danno.

La reazione di difesa del corpo a tali cambiamenti nella sostanza cerebrale è un coma, cioè uno stato pericoloso tra la vita e la morte, che è caratterizzato da perdita di coscienza, ridotta risposta agli stimoli esterni, indebolimento dei riflessi, ritmo confuso della respirazione e del battito cardiaco, cambiamenti nel tono vascolare, alterata termoregolazione del corpo.

Un coma prolungato può essere la causa della morte del paziente, poiché durante esso il funzionamento delle strutture della formazione regolatoria, responsabili del funzionamento degli organi di supporto vitale del corpo, svanisce. È impossibile riportare in vita una persona del genere e tornare alla vita normale..

Anche con una combinazione favorevole di circostanze, cambiamenti diffusi gravi e moderati possono provocare edema cerebrale, morte delle sue singole parti, disturbi metabolici, infiammazione e altri cambiamenti cerebrali generali patologici. Anche se il paziente è sopravvissuto, questo non è invano per lui: in futuro, la sua salute peggiora, l'attività cerebrale, le capacità motorie sono disturbate e si sviluppano anomalie mentali. I bambini mostrano regressione e notevoli ritardi nello sviluppo..

Inoltre, nei bambini, anche una leggera violazione dell'attività cerebrale può portare a iperattività, aumento dell'eccitabilità o viceversa, letargia, regressione delle capacità acquisite, ritardo nello sviluppo mentale e del linguaggio. Tutte queste deviazioni possono essere espresse in un modo o nell'altro, ma un bambino del genere ha un disperato bisogno di cure, poiché la sua assenza non farà che aggravare la situazione..

Trattamento e prevenzione

Il successo del trattamento dei cambiamenti diffusi nell'attività bioelettrica del cervello dipende dalla velocità della diagnosi e dal grado di patologia che li ha causati. In questo caso, il paziente deve comprendere chiaramente la gravità della situazione: ritardare o rifiutare il trattamento può provocare lo sviluppo di una serie di altre complicazioni.

In casi particolarmente gravi, in presenza di malattie concomitanti, può essere richiesto l'aiuto di un neurochirurgo, tuttavia, se la situazione lo consente, viene data preferenza alla terapia farmacologica.

La velocità di ripristino delle connessioni interneuronali e, di conseguenza, la normalizzazione della differenza nei biopotenziali dipende da un gran numero di fattori, incluso il grado di danno alla sostanza cerebrale: meno è, maggiore sarà il successo del risultato della terapia, mentre il normale ritmo di vita del paziente sarà possibile diversi mesi dopo l'inizio del trattamento.

Il piano di trattamento è redatto dal medico curante, di solito un neurologo o altro specialista, che è responsabile del trattamento della causa dei cambiamenti diffusi. Il tasso di normalizzazione dell'attività bioelettrica dipende dal successo della terapia e dalle ragioni di tali cambiamenti - ad esempio, è più facile eliminare la causa delle lesioni vascolari aterosclerotiche che risolvere i problemi causati da radiazioni o effetti tossici.

Per ripristinare l'attività cerebrale, prima di tutto, vengono prescritti farmaci che eliminano la causa principale dei disturbi circolatori, nonché sostanze che normalizzano e fermano le sindromi neurologiche e psicopatologiche. Per purificare il corpo dopo l'avvelenamento, vengono prescritti farmaci antitossici, volti a neutralizzare il veleno e rimuovere i prodotti del suo decadimento.

Per normalizzare il metabolismo intracellulare vengono utilizzati complessi vitaminici che contengono oligoelementi che migliorano il funzionamento del sistema nervoso centrale, ad esempio, acidi grassi omega-3, vitamine del gruppo "B".

Vari metodi fisioterapici di trattamento aiuteranno a migliorare il benessere: ad esempio, magnetoterapia o elettroforesi. L'ozono terapia porta anche buoni risultati, la cui essenza è la somministrazione di una soluzione salina ozonizzata al paziente per via endovenosa..

Poiché la causa principale di lievi cambiamenti irritativi nell'attività bioelettrica del cervello è una violazione dell'afflusso di sangue a causa del restringimento del lume vascolare, la correzione dello stile di vita del paziente servirà come misura preventiva: si consiglia vivamente di aderire a uno stile di vita sano e limitare l'uso di alimenti contenenti grassi animali e vegetali. Dovresti anche abbandonare le cattive abitudini e aumentare il numero di escursioni all'aria aperta..

Alcuni specialisti, come misura preventiva, possono prescrivere l'assunzione di vari rimedi erboristici con un pronunciato effetto nootropico, che aiuteranno a migliorare l'attività cerebrale e ripristinare le funzioni cognitive della corteccia..

Naturalmente, l'uso di tali farmaci non può sostituire un trattamento farmacologico a tutti gli effetti, tuttavia, la somministrazione congiunta con i principali farmaci può aiutare in modo significativo nel trattamento dei cambiamenti diffusi nell'attività bioelettrica del cervello, l'importante è coordinarlo con il medico curante.

Modifiche diffuse moderate nella BEA del cervello: cause e sintomi, metodi di diagnosi e trattamento

I cambiamenti diffusi nell'attività bioelettrica del cervello sono spesso il risultato di lesioni alla testa, lesioni infettive del tessuto cerebrale. I sintomi della condizione patologica influenzano negativamente la vita: una persona è costantemente accompagnata da sensazioni dolorose, stanchezza e disturbi nervosi. Con una terapia tempestiva e competente, la conduttività degli impulsi viene ripristinata, ma ciò richiede diversi mesi e persino anni.

Cos'è?

Il cervello è una rete neurale che propaga impulsi di natura ondulatoria. L'EEG (elettroencefalogramma) consente di registrare le onde in uscita. Gli indicatori di elettrogenesi aiutano a imparare molto sullo stato fisico e mentale del paziente.

Il ritmo dell'attività cerebrale è eterogeneo. Tenendo conto della frequenza e dell'ampiezza delle oscillazioni, ci sono:

  • le onde alfa (frequenza 8-13 Hz, ampiezza 25-95 μV) sono registrate in una persona sana, diffuse principalmente alle aree occipitale e parietale;
  • le onde beta (14-30 Hz, 3-5 μV) diventano pronunciate con un intenso lavoro intellettuale e fisico, nonché con un effetto irritante sugli organi sensoriali;
  • le onde theta (4 - 8 Hz, 25 - 35 μV) sono emesse dall'ippocampo, si notano nei bambini di 5-6 anni e negli adulti durante il sonno profondo e in coma;
  • le onde delta (1-3 Hz, 20-40 μV) sono tipiche di un neonato, in un adulto si osservano durante il sonno.

Esistono altri tipi di onde, ma sono quelle sopra elencate sull'encefalogramma che permettono di identificare patologie diffuse del cervello.

Qual è questa diagnosi?

Il cervello è un'enorme raccolta di cellule. Quando la patologia si verifica in un'area specifica, viene chiamata localizzata. Quando più focolai patologici di dimensioni diverse compaiono in aree diverse, parlano di lesioni diffuse. Cioè, con questo tipo di malattia, l'intero organo viene catturato..

Per il cervello, come per qualsiasi organo umano, alcuni fenomeni patologici sono caratteristici. Con cambiamenti diffusi nella BEA del cervello, possiamo parlare di:

  • sclerosi (aumento della densità dei tessuti);
  • malazione (ammorbidimento e perdita della struttura del tessuto);
  • risposta infiammatoria;
  • processo tumorale.

Sclerosi diffusa

Questa è la patologia più comune presentata, manifestata dalla compattazione dei tessuti dovuta a un insufficiente apporto di ossigeno. La causa può essere una ridotta circolazione sanguigna e lo sviluppo di malattie a causa delle quali l'ossigeno viene fornito in quantità insufficienti.

Le malattie provocatorie più comuni sono:

  • ipertensione;
  • anemia;
  • insufficienza del muscolo cardiaco;
  • aterosclerosi carotidea.

Le patologie elencate vengono diagnosticate principalmente negli anziani; in assenza di un trattamento tempestivo e adeguato, portano alla comparsa di sclerosi diffusa..

I provocatori della sclerosi sono patologie non associate a carenza di ossigeno: insufficienza epatica e renale. Causano danni tossici al tessuto cerebrale, di conseguenza, le aree morte diventano più dense o si formano delle cisti..

Un altro fattore che porta alla sclerosi diffusa è il malfunzionamento del sistema immunitario. La guaina mielinica, che copre il neurone, funge da isolante biologico. Gli agenti immunitari attaccano lo strato isolante, provocando sintomi neurologici. È così che si sviluppa la sclerosi multipla, diagnosticata nei pazienti giovani..

Encefalomalacia

Il tessuto cerebrale contiene una grande quantità di liquido. Quando le cellule muoiono, si nota la necrosi umida, il cui segno principale è la comparsa di focolai ammorbiditi. Quando il processo coinvolge più parti del cervello, si parla di encefalomalacia diffusa. Nella fase finale, si verifica l'indurimento o si formano le cisti.

Vari fattori che influenzano l'intero cervello sono provocatori di un ammorbidimento diffuso. Cioè, le lesioni e gli ictus che portano a cambiamenti focali non possono diventarli. Ma potrebbero esserci:

  • infezioni;
  • edema;
  • morte clinica subito.

Con una reazione infiammatoria provocata dalla penetrazione di un'infezione, il sistema immunitario cerca di bloccare la diffusione dell'agente patogeno. Il risultato è la comparsa nel cervello infiammato di aree di tessuto morto contenenti una massa purulenta. Spesso il processo termina con un risultato letale, ma con una terapia condotta correttamente è possibile la rigenerazione delle strutture cerebrali. I neuroni morti non vengono ripristinati, ma la loro funzione viene rilevata dalle cellule circostanti.

Tumori diffusi

Il tumore è una patologia di tipo focale. Pertanto, è possibile parlare di lesione diffusa solo quando le metastasi penetrano nel cervello..

La metastasi è il movimento delle cellule maligne con linfa e sangue. Molto spesso, il trasferimento al tessuto cerebrale viene effettuato dal sistema polmonare e dalla ghiandola prostatica. Quando il flusso di metastasi è abbondante, si parla del grado generale di danno cerebrale. L'intervento chirurgico in questo caso è inutile.

Cause di cambiamenti diffusi

Le patologie sopra descritte non si presentano da sole. Di solito sono provocati da lesioni o malattie accompagnate da interruzione dei processi intracellulari e indebolimento della connessione tra i neuroni..

Il bioritmo del cervello è distorto quando ci sono:

  1. Trauma alla testa. Di solito si notano cambiamenti moderati e diffusi con commozione cerebrale, mentre gravi lesioni cerebrali traumatiche portano a una distorsione significativa degli indicatori di impulso.
  2. Malattie neuroinfettive infiammatorie: encefaliti, meningiti, mieliti, aracnoiditi e loro varianti miste. Con danni al midollo spinale e allo spazio subaracnoideo nei tessuti cerebrali, il metabolismo peggiora, la circolazione del liquido cerebrospinale nei ventricoli è disturbata. La sostanza bianca si gonfia, si formano cicatrici sulle aree danneggiate. Sull'encefalogramma, ciò si manifesta con cambiamenti irritativi nell'attività bioelettrica del cervello: si osservano onde beta ad alta frequenza e ampiezza.
  3. Aterosclerosi e altre malattie vascolari, accompagnate da un deterioramento della conduttività vascolare. Nelle fasi iniziali delle patologie si notano cambiamenti diffusi moderati e deboli nell'attività bioelettrica. In assenza di terapia, la conduttività neurale si deteriora, la distorsione degli indicatori sull'encefalogramma diventa pronunciata.
  4. Esposizione radioattiva e intossicazione chimica. Le radiazioni influiscono negativamente sullo stato dell'intero organismo, ma soprattutto dell'osso e del midollo cerebrale, ci sono malfunzionamenti di BEA della zona corticale. Dopo l'esposizione e l'avvelenamento da tossine, una persona perde la capacità di condurre una vita piena.

Cambiamenti diffusi dovuti a traumi

Una commozione cerebrale può rompere gli assoni - lunghi rami dei neuroni. In questo caso, la diagnosi è una lesione cerebrale diffusa. Un sintomo caratteristico è la perdita di coscienza.

Più lungo è lo stato di incoscienza, maggiore è la probabilità di successiva disabilità o morte.

Quando le parti mobili del cervello vengono spostate, gli elementi fissi vengono attorcigliati. E anche con un lieve spostamento della regione cerebrale, è possibile la distruzione completa o parziale degli assoni. Un processo simile può interessare i capillari che forniscono la regione frontale e la corteccia. Il risultato è una morte tissutale diffusa, che complica la diagnosi di patologia.

Sintomi

I cambiamenti nella BEA del cervello hanno un effetto immediato sullo stato fisico e mentale. Si manifesta un livello lieve e moderato di interruzione del biopotenziale tissutale:

  • mal di testa;
  • fluttuazioni regolari della pressione sanguigna;
  • vertigini;
  • improvvisi cambiamenti nello stato emotivo, isteria;
  • problemi con la memoria e le prestazioni;
  • condizioni convulsive.

Un cambiamento da moderato a grave in BEA, espresso da un rallentamento della frequenza di fondo, segnala l'epilessia di esordio.

I pericoli di cambiare BEA

Con una manifestazione moderata, l'attività bioelettrica alterata non aggrava lo stato del corpo. Ma la disorganizzazione del sistema dopo un po 'si sviluppa necessariamente in pericolose patologie.

A volte, insieme all'aritmia, viene rivelata una violazione dello stato funzionale del talamo e dell'ipotalamo. Ciò porta allo sviluppo della sindrome diencefalica, in cui vengono registrate patologie neurologiche, endocrine e metaboliche: il funzionamento della ghiandola tiroidea, del cuore e dei vasi sanguigni, degli organi digestivi e del sistema riproduttivo è interrotto. Il lavoro del sistema di regolamentazione, che è responsabile del mantenimento della temperatura corporea nella norma, viene interrotto. Si verificano depressione, insonnia, sbalzi d'umore incontrollabili.

In un bambino, un convincente disturbo della pervietà degli impulsi può causare gravi disturbi psicoemotivi, problemi motori e ritardi nello sviluppo.

Diagnostica

Lo squilibrio moderato nella BEA del cervello viene rilevato con diversi metodi. Applicare:

  • raccolta di anamnesi ed esame del paziente;
  • elettroencefalografia;
  • Risonanza magnetica;
  • angiografia (con aterosclerosi).

Il paziente viene inviato per la risonanza magnetica se viene registrata una maggiore attività elettrica. Indica la presenza di una patologia che sarà visibile su un'immagine tomografica.

Decodificare l'encefalogramma

Durante la sessione, il paziente si siede con un cappuccio a cui sono attaccati i sensori. Catturano gli impulsi, trasmettono le informazioni alla carta sotto forma di un grafico a onde.

Un disturbo del ritmo moderato e grave è facilmente notato da un medico specialista. Può vedere:

  • asimmetria delle onde;
  • distribuzione disturbata dei flussi alfa e beta;
  • frequenza e ampiezza fuori dai limiti normali;
  • doppia amplificazione delle onde beta, che indica l'inizio di una crisi epilettica.

Durante la procedura viene eseguita la fotostimolazione. Il ritmo normale delle onde dovrebbe corrispondere alla frequenza dei lampi luminosi. Non è considerato patologico se supera la norma per un massimo di 2 volte. Ma se c'è una diminuzione del ritmo o un aumento significativo, allora c'è sicuramente una patologia.

Il ritmo alfa segnala le violazioni se:

  • assente (questa è un'indicazione di asimmetria interemisferica);
  • è fissato nel lobo frontale;
  • gli interemisferi sono asimmetrici di oltre il 35%;
  • si rivela la distorsione della sinusoidalità dell'onda;
  • c'è un'irregolarità di frequenza (l'alta frequenza indica un trauma cranico);
  • valore di picco inferiore a 25 o superiore a 95 μV.

La violazione dell'attività alfa nell'infanzia segnala un ritardo mentale. L'assenza di questo ritmo è un segno della demenza di un bambino..

Le onde beta con un'ampiezza elevata indicano una commozione cerebrale, una breve - un'infezione infiammatoria. Nei bambini, il ritmo indica un ritardo nello sviluppo mentale a 15 Hz e 40 μV.

Le onde theta superiori a 45 μV indicano una compromissione funzionale. Inoltre, un aumento in tutte le parti dell'organo è un segnale di una grave patologia del sistema nervoso centrale. L'alta frequenza è un segno di un tumore. In un bambino, un eccesso di indicatori theta e delta nei tessuti occipitali indica un ritardo nello sviluppo mentale o una ridotta circolazione sanguigna.

L'EEG può esprimere vari cambiamenti in BEA:

  • attività relativamente ritmica - un'indicazione di mal di testa;
  • la BEA diffusa in combinazione con processi patologici generalizzati e parossismi è un segno di convulsioni convulsive ed epilettiche;
  • una ridotta reattività BEA indica disturbi psicoemotivi.

In conclusione, il medico può scrivere:

  • piccoli cambiamenti regolatori, processi diffusi nel parenchima cerebrale;
  • cambiamenti cerebrali residui (residui);
  • disorientamento bioelettrico cerebrale con inclusione di strutture ipotalamiche mediane;
  • BEA relativamente ritmico, disfunzione delle strutture mediane e del tronco cerebrale con aree di parossismi.

Terapia

Il disturbo cerebrale diffuso dovrebbe essere trattato solo in un ambiente sanitario. Il piano terapeutico è organizzato tenendo conto della causa della distorsione BEA. La cosa più difficile è ripristinare il cervello di un paziente che ha subito intossicazione o esposizione alle radiazioni. Con l'aterosclerosi, la normalizzazione dell'attività cerebrale è possibile solo nella fase iniziale..

La terapia farmacologica prevede l'utilizzo di fondi volti ad eliminare sia la malattia provocante stessa che i suoi sintomi mentali, neurologici, metabolici e vegetativi. Sono usati:

  • antiossidanti;
  • nootropici;
  • farmaci per normalizzare il metabolismo;
  • medicinali vasoattivi;
  • calcioantagonisti per normalizzare l'attività cerebrale;
  • farmaco "pentossifillina" per migliorare la circolazione sanguigna.

Le misure fisioterapiche danno buoni risultati: magnetoterapia, elettroterapia, procedure balneologiche. Per le malattie vascolari viene utilizzata l'ossigenazione iperbarica (saturazione dei tessuti con ossigeno sotto pressione fino a 1,5 atmosfere), ozono terapia.

Con l'aterosclerosi è necessario un cambiamento nella dieta, l'esclusione di cibi che aumentano i livelli di colesterolo nel sangue. Se la malattia è avanzata, il medico prescrive un farmaco dal gruppo delle statine. I farmaci della categoria dei fibrati inibiscono la sintesi dei lipidi e prevengono lo sviluppo dell'aterosclerosi.

Nelle malattie gravi è necessario l'intervento di un neurochirurgo.

Prevenzione

Per prevenire patologie che portano a cambiamenti nella BEA del cervello, dovresti:

  • ridurre al minimo il consumo di bevande contenenti caffeina;
  • rinunciare a sigarette e alcol;
  • mantenersi in forma;
  • aver paura dell'ipotermia e del surriscaldamento;
  • proteggersi da lesioni alla testa.

Un moderato cambiamento di BEA è una conseguenza dello sviluppo asintomatico di una neoplasia maligna, quindi dovresti assolutamente visitare un neurologo. Non dovresti ignorare le misure terapeutiche proposte, è severamente vietato auto-medicare, usare ricette popolari dubbie. Questo può portare a complicazioni, disabilità e morte..

Cambiamenti moderati e diffusi in BEA del cervello

Lievi cambiamenti diffusi nell'attività bioelettrica che si sono verificati nel cervello indicano disturbi minori nel sistema nervoso centrale. Il termine "diffuso" significa "diffuso", quindi è usato per descrivere processi patologici che si verificano senza un focus di localizzazione chiaramente definito.

Cos'è BEA of the Brain

I cambiamenti diffusi nei biopotenziali sono disturbi che vengono rilevati durante uno studio elettroencefalografico del cervello, il che di solito significa che c'è una ragione per una diagnosi. L'elettroencefalografia viene utilizzata per determinare:

  • Maturità delle strutture neuronali.
  • Dinamica delle relazioni cortico-sottocorticali.
  • Lo stato funzionale delle strutture cerebrali.

La modulazione del ritmo alfa più spesso appartiene al significato diagnostico. I risultati dello studio si basano sulla gravità delle oscillazioni lente, che includono gli intervalli theta e delta. L'elettroencefalogramma mostra la natura del BEA dopo l'applicazione di carichi funzionali - test con apertura, chiusura degli occhi, iperventilazione, fotostimolazione ritmica.

L'EEG viene utilizzato per diagnosticare l'epilessia, indipendentemente dal grado di suscettibilità del paziente alle crisi epilettiche. La comparsa di attività epilettiforme è evidenziata da uno speciale ritmo delta. Si sospetta una predisposizione allo sviluppo dell'epilessia se la soglia (livello) di prontezza convulsiva diminuisce.

I cambiamenti negli indicatori normali di attività bioelettrica di natura diffusa, rivelati nello studio del cervello nei bambini, di solito indicano patologie che portano a disturbi:

  • Difficoltà di apprendimento a scuola.
  • Disadattamento sociale.
  • Disturbo della condotta.

La decelerazione della BEA durante un esame EEG è spesso osservata con molti malfunzionamenti del sistema nervoso centrale. Questi includono disturbi cognitivi lievi, ictus ischemico, disturbo da deficit di attenzione e aumento dell'attività fisica (ADHD), disturbo della personalità. Queste malattie sono caratterizzate da schemi (schemi) - una natura speciale del bioritmo, che consente di diagnosticare la patologia e differenziarla da malattie con sintomi simili.

Normalmente, BEA rallenta negli adulti durante il sonno. La condizione si manifesta in uno specifico schema EEG. Se durante la veglia si verificano deviazioni BEA moderatamente espresse di natura diffusa, indicano cambiamenti funzionali e morfologici che si sono verificati nel cervello..

Nei disturbi cerebrovascolari associati a patologie vascolari e un rallentamento del flusso sanguigno cerebrale, si verificano cambiamenti pronunciati negli indicatori dell'attività bioelettrica di un ordine diffuso con gravi lesioni dei tessuti cerebrali, quando, oltre al focus dell'ictus ischemico, tutte le parti del cervello sono coinvolte nel processo patologico. L'aumento della potenza del ritmo delta è un marker non specifico di disfunzione corticale, ADHD, epilessia, disturbo bipolare.

Se, secondo la conclusione dell'elettroencefalografia (EEG), i cambiamenti diffusi moderati sono di natura irritativa, c'è un'alta probabilità di neoplasie meningovascolari - meningiomi, sarcoma meningeo. Tali biopotenziali indicano irritazione delle strutture della corteccia cerebrale. Di solito, il paziente ha un ritmo corticale disorganizzato sullo sfondo di un'ampiezza irregolare delle oscillazioni alfa e un aumento di 2-3 volte dell'ampiezza delle oscillazioni beta.

L'irritazione delle strutture corticali si verifica a seguito di un'intensa esposizione a impulsi afferenti che provengono dalle zone angiorecettive e dalle meningi, che hanno una ricca innervazione. Man mano che le neoplasie crescono, l'ampiezza dei ritmi accelerati di solito diminuisce e nel ritmo generale compaiono onde delta con una piccola ampiezza. L'attività delle onde appare allo stesso modo in entrambi gli emisferi.

I disturbi cerebrali irritativi dei biopotenziali sono caratteristici delle neoplasie vascolari con localizzazione nelle parti anterobasali, sagittali e adiacenti del cervello. Uno studio EEG consente di sospettare malattie gravi nelle prime fasi, tra cui infarto cerebrale, ictus, tumori intracerebrali, disturbi mentali.

Segni di diffusi cambiamenti avvenuti

Il sospetto di cambiamenti cerebrali generali negli indicatori di attività bioelettrica che si sono verificati nel cervello di solito sorge durante un esame da parte di un neurologo. I disturbi sono evidenziati da sintomi neurologici, che si manifestano in misura maggiore o minore, a seconda delle cause della patologia e del volume della materia cerebrale interessata. Caratteristiche principali:

  1. Disturbo della condotta.
  2. Deterioramento delle capacità cognitive (memoria, prestazioni mentali).
  3. Cambiamenti di umore frequenti e improvvisi.
  4. Apatia, perdita di interesse per l'attività motoria, cognitiva e mentale.
  5. Perdita di capacità di comunicazione, difficoltà di comunicazione.
  6. Difficoltà a svolgere un lavoro normale, rallentando i processi di lavoro semplici.
  7. Affaticamento aumentato, affaticamento rapido dopo aver eseguito semplici azioni.
  8. Malessere generale, sensazione di malessere.

I segni di una disorganizzazione moderatamente pronunciata dell'attività bioelettrica sono tipici di molte malattie che colpiscono il cervello. Pertanto, è necessaria un'attenta diagnosi e differenziazione della patologia. Cambiamenti insignificanti nell'attività bioelettrica di natura cerebrale generale possono comparire in persone sane in diversi periodi della vita..

Cause di occorrenza

I cambiamenti moderati in BEA di un piano diffuso sono una patologia del cervello che si sviluppa a seguito di precedenti malattie o danni meccanici ai tessuti della testa, che indica un'eziologia polimorfica. Le ragioni principali per la comparsa di disturbi lievi diffusi:

  1. Lesioni ipossiche dei tessuti del SNC nel periodo perinatale.
  2. Sindrome da distonia autonomica.
  3. Demenza vascolare.
  4. Aterosclerosi dei vasi cerebrali.
  5. Trauma cranico con danni alla sostanza cerebrale.
  6. Malattie infettive - encefalite, meningite.
  7. Intossicazione cronica e acuta.

Sullo sfondo di queste malattie, la struttura della sostanza cerebrale cambia: compaiono aree di ischemia, necrosi, atrofia dei tessuti ed edema. Tali processi patologici sono chiaramente visibili utilizzando metodi di neuroimaging: MRI, TC, angiografia, Doppler.

Affinché un elettroencefalogramma dimostri che l'attività bioelettrica è in qualche modo disorganizzata, non è necessario un grave danno cerebrale. Un colpo alla testa a seguito di un incidente, combattimento o caduta senza danni visibili alle ossa del cranio e al tessuto cutaneo può provocare tali cambiamenti patologici.

Diagnostica

Il principale metodo diagnostico è il neuroimaging delle strutture cerebrali mediante RM o TC. Le tecniche funzionali includono l'elettroencefalografia. La risonanza magnetica del cervello viene eseguita per identificare i motivi che hanno provocato cambiamenti moderati negli indicatori di attività bioelettrica di natura diffusa. Con uno studio EEG del cervello, la diagnosi dei cambiamenti nei biopotenziali di natura diffusa viene effettuata sulla base di tre fattori confermati:

  • La presenza di attività polimorfica di tipo poliritmico (molti ritmi diversi allo stesso tempo) sullo sfondo dell'assenza di un bioritmo dominante.
  • Asimmetria irregolare con disorganizzazione dei ritmi di base. Si manifesta con disturbi di ampiezza, coincidenza delle fasi delle onde provenienti da parti simmetriche della testa.
  • Fluttuazioni patologiche di ordine misto. Nei principali bioritmi di alfa, beta, delta, theta si osservano deviazioni significative dall'ampiezza normale.

La disorganizzazione degli indicatori dell'attività bioelettrica è una tale deviazione nel lavoro del cervello, che riflette la presenza di un processo patologico nelle strutture cerebrali, che contribuisce alla diagnosi precoce delle malattie del sistema nervoso centrale. Esistono i principali tipi di bioritmi:

  1. Onde alfa. Frequenza 8-13 Hz. Il ritmo è associato allo stato naturale di riposo e rilassamento, nelle persone sane appare quando gli occhi sono chiusi, se una persona è in una stanza buia o riposa.
  2. Onde beta. Frequenza 14-40 Hz. Normalmente, riflettono l'attività dei processi cognitivi nel cervello. Nelle persone sane, il ritmo beta appare al momento della concentrazione, dell'osservazione di eventi interessanti, dell'attività mentale attiva.
  3. Onde delta. Frequenza 1-4 Hz. Normalmente, riflette i processi di recupero nel corpo, bassa attività fisica e mentale. Nelle persone sane, compare durante il sonno. La presenza eccessiva del ritmo delta è sempre osservata con vari disturbi neurologici, indicando una ridotta funzione di attenzione e deterioramento delle capacità cognitive.
  4. Onde theta. Frequenza 4-8 Hz. Normalmente, il ritmo theta indica un cambiamento nello stato di coscienza, osservato nel momento tra il sonno e il risveglio. Spesso la condizione è accompagnata dalla comparsa di immagini mentali inconsce. Quando il ritmo theta aumenta, una persona sana di solito si addormenta. L'aumento patologico del ritmo theta è associato a stress emotivo, disturbi mentali, sindrome astenica, commozione cerebrale e confusione.

Con un danno cerebrale diffuso, si osservano varie deviazioni dei normali bioritmi. Il neurofisiologo è impegnato nella decodifica dei risultati dell'elettroencefalogramma. Se il ritmo theta scompare, il medico diagnostica la morte cerebrale. Una significativa diminuzione del ritmo theta indica un sonno profondo. Nelle oscillazioni bioelettriche cerebrali, un ritmo domina sempre e sono presenti altri tre tipi di onde di base.

La violazione della sincronia dei bioritmi sullo sfondo dello smorzamento della curva EEG indica la patologia del sistema vascolare. I ritmi theta e i ritmi delta indicano uno stato pre-ictus. Se, dopo una lesione cerebrale traumatica, durante l'esame viene rilevata una maggiore attività epilettiforme, è possibile che l'epilessia si sviluppi in futuro. Un significativo rallentamento del ritmo alfa è spesso osservato con il parkinsonismo.

Metodi di trattamento

La correzione dei cambiamenti moderatamente pronunciati che si sono verificati nel cervello con indicatori di attività bioelettrica viene solitamente eseguita con farmaci nootropici. I farmaci nootropici migliorano lo stato energetico dei neuroni, stimolano i processi metabolici nelle cellule cerebrali e migliorano la trasmissione sinottica nei tessuti cerebrali. Gruppi di farmaci mostrati:

  • Colinergico.
  • Derivati ​​della pirrolidina.
  • Vasodilatatori cerebrali.
  • Antiossidanti.

Di solito viene prescritto il farmaco Piracetam, che aiuta a eliminare le deviazioni di tipo psicopatico. La pratica clinica mostra che il farmaco ha un effetto regolatorio in relazione alla disritmia rilevata durante un esame EEG. Allo stesso tempo, viene trattata la malattia sottostante, che ha provocato un cambiamento nell'attività dei biopotenziali e disturbi nel lavoro del sistema nervoso centrale.

Possibili conseguenze

Le conseguenze di cambiamenti cerebrali generali non grossolani che si sono verificati nel cervello con indicatori di attività bioelettrica spesso non rappresentano una minaccia per la salute e la vita. Deviazioni minori possono indicare la fase iniziale dei processi distruttivi che interessano i tessuti del midollo.

Prevenzione

A scopo preventivo, vengono mostrate misure generali che rafforzano il corpo: procedure di indurimento, organizzazione di una dieta sana, buon riposo, attività fisica dosata. Per prevenire disturbi nel lavoro del sistema nervoso centrale, è necessario evitare stress, sovraccarico fisico, lesioni nella zona della testa, intossicazione associata al consumo eccessivo di bevande alcoliche.

Il bioritmo disorganizzato durante uno studio EEG spesso indica vari disturbi funzionali e morfologici che si verificano nel cervello. La diagnosi e il trattamento tempestivi delle patologie del SNC aiuteranno a prevenire conseguenze gravi e pericolose per la vita.


Articolo Successivo
Quali metodi possono essere utilizzati per sciogliere e rimuovere le placche di colesterolo nei vasi sanguigni