Nevrosi cardiaca: sintomi e trattamento, cause di insorgenza


PrincipaleNeurologiaNeurosi Nevrosi cardiaca: sintomi e trattamento, cause

La psiche delle persone non è sempre in grado di neutralizzare qualitativamente gli effetti dello stress e lo stato di ansia diventa patologico: si sviluppa la nevrosi. E poiché le persone sono più inclini a prestare attenzione alle reazioni del cuore (palpitazioni), questa condizione è chiamata "nevrosi cardiaca" o "cardioneurosi", con un'enfasi sulla natura nevrotica della patologia.

Cos'è la nevrosi cardiaca

È comune per gli esseri umani provare paura fisiologica in determinate circostanze. La sovraeccitazione emotiva è accompagnata da manifestazioni del sistema nervoso autonomo: il cuore batte furiosamente, il polso accelera, il viso e il corpo sono coperti di sudore freddo, la pressione aumenta o diminuisce. Questa è una normale reazione del corpo a una situazione stressante, che scompare quando una persona si calma. Nel caso di una nevrosi del cuore, la normalizzazione della psiche non si verifica e la persona "si blocca" in uno stato nevrotico, da cui è abbastanza difficile uscire senza un aiuto esterno (psicologi clinici e psicoterapeuti lavorano con le nevrosi).

Una caratteristica della cardioneurosi è l'assenza di danni organici al cuore e disturbi funzionali. Non ci sono prove sull'ECG per quelle esperienze che costringono i pazienti con nevrosi cardiaca a cercare cure mediche da uno specialista nel trattamento delle malattie cardiache. Ciò solleva una serie di problemi, poiché un nevrotico sperimenta sofferenza e preoccupazioni per la salute del suo cuore ei cardiologi affermano che non esiste alcuna indicazione medica per il trattamento. Questa situazione aumenta ulteriormente la nevrosi (ansia), che provoca un aumento della pressione "sui nervi" e l'emergere di un forte battito cardiaco.

Nevrosi cardiaca: i sintomi e il trattamento di questa patologia dipendono direttamente dal fatto che la persona sia pronta ad affrontare questo problema e rispondere adeguatamente all'aiuto di specialisti.

Come fa male il cuore con la cardioneurosi

I pazienti con nevrosi cardiaca descrivono l'attacco come:

  • sensazione di compressione, spremitura, distensione nella regione del cuore;
  • nodo alla gola;
  • sensazione di bruciore nella zona del torace;
  • una sensazione di affondare il cuore.

Caratteristiche della cardialgia (dolore al cuore) con cardioneurosi:

  • dolore doloroso, palpitante, pressante;
  • irradia alla scapola sinistra, al collo e alla colonna vertebrale.

Caratteristica distintiva: i pazienti con nevrosi cardiaca tendono a descrivere il dolore in modi diversi, a seconda del loro stato psico-emotivo. Immutata è l'ansia, la preoccupazione per il prossimo attacco, cioè le manifestazioni nevrotiche di questa patologia.

Sintomi tipici

La nevrosi cardiaca si manifesta come ansia e paura.

  • irritabilità eccessiva, tensione;
  • tachicardia patologica (aumento del battito cardiaco, non causato da attività fisica o paura fisiologica naturale);
  • tremore agli arti;
  • pensieri di panico;
  • vertigini;
  • respiro affannoso;
  • mal di testa;
  • aumento della sudorazione;
  • rigidità nel movimento, spasmi muscolari.

L'ansia nevrotica nella nevrosi cardiaca differisce dal normale stato di ansia - un utile meccanismo di adattamento e comportamento protettivo.

Durante un attacco di una nevrosi del cuore:

  • mancanza di respiro, appare il soffocamento;
  • c'è dolore e disagio nel cuore;
  • aumento della paura di un arresto cardiaco improvviso.

La durata dell'attacco va da pochi minuti a mezz'ora. Il paziente può essere in uno stato di stordimento. La sensazione di ansia persiste per un'ora o più. Nei casi più gravi, le convulsioni si verificano quotidianamente.

La nevrosi cardiaca dovrebbe essere distinta dalle patologie cardiache. Con la cardioneurosi si osserva cardialgia psicogena, in cui:

  • i pazienti tendono a descrivere i loro sintomi in modo molto emotivo, pignolo, gesticolano attivamente e si muovono;
  • non esiste una definizione chiara di dolore;
  • caratterizzato da panico, comportamento in qualche modo inappropriato;
  • c'è promiscuità nell'assunzione di farmaci, il desiderio di bere molte medicine diverse;
  • l'assunzione di nitroglicerina non influisce sull'attacco.

Durante un attacco di vera cardialgia (con angina pectoris e infarto miocardico):

  • i pazienti cercano di sdraiarsi o sedersi, muoversi meno, perché il movimento aumenta il dolore;
  • la descrizione del dolore è chiara e discreta;
  • La nitroglicerina riduce il dolore.

Il comportamento dei pazienti con cardioneurosi è significativamente diverso dal comportamento delle persone con malattie cardiache..

Cause di occorrenza

La nevrosi cardiaca si basa sul meccanismo che scatena gli attacchi di panico. Il panico qui è dovuto alla paura di morire per un infarto. Inoltre, il paziente potrebbe non sapere esattamente come si manifesta l'infarto miocardico. Qualsiasi dolore cardiaco, anche minore, è associato nel paziente a questa grave patologia cardiaca. In questo caso, un normale aumento fisiologico del battito cardiaco durante l'eccitazione o lo sforzo fisico è percepito come una minaccia per la vita, provoca l'insorgenza di paura patologica da arresto cardiaco improvviso.

La paura cambia in modo significativo lo sfondo ormonale, promuove un potente rilascio di adrenalina, che a sua volta provoca un battito cardiaco ancora maggiore. C'è un ciclo di paura e battiti cardiaci: la paura patologica incontrollata innesca un forte battito cardiaco, che a sua volta provoca paura di panico. Più il paziente teme per il suo cuore, più forte inizia a battere. Allo stesso tempo, non esiste una minaccia reale che possa giustificare la paura per il cuore, ma la psiche di un paziente con nevrosi percepisce la minaccia artificiosa come reale. Questa è la differenza tra una psiche sana e una nevrotica.

Il problema sta anche nel fatto che un attacco di cardioneurosi è sufficiente perché la paura e la paura di un nuovo attacco siano fissate nella mente del paziente. Questa paura di panico è il grilletto per l'attacco..

  • stress mentale e fisico eccessivo;
  • violazione regolare del regime fisiologico del sonno e della veglia;
  • nutrizione impropria;
  • malattie croniche;
  • intossicazione del corpo dopo una grave malattia infettiva o avvelenamento;
  • stress cronico;
  • disturbi ormonali;
  • gravidanza.

La nevrosi cardiaca è un disturbo psicosomatico, una patologia in cui l'attenzione dovrebbe essere focalizzata sullo stato mentale del paziente.

Come confermare la diagnosi

  • ECG;
  • Monitoraggio Holter (registrazione ECG giornaliera o più);
  • veloergometria;
  • Ecografia cardiaca.

La diagnosi di "nevrosi cardiaca" viene fatta in assenza di modificazioni organiche e disturbi funzionali nella regione del cuore, sulla base di sintomi caratteristici e ricorrenti.

Come trattare la nevrosi del cuore

Un trattamento efficace richiede un approccio integrato, un grande impegno da parte del medico e / o dello psicologo clinico e la partecipazione consapevole del paziente..

È meglio affrontare la cardiofobia con metodi psicoterapeutici. Se necessario, vengono utilizzati farmaci nel trattamento della nevrosi cardiaca (tranquillanti, ipnotici, antidepressivi, farmaci che normalizzano la pressione sanguigna).

Puoi alleviare rapidamente lo stress emotivo assumendo 5-10 compresse di glicina (sotto la lingua, fino a completo assorbimento). Se non sei riuscito a neutralizzare lo stress in tempo, dovresti bere Valocordin (15-30 gocce). Per mantenere l'equilibrio emotivo, prendi l'estratto in compresse e la tintura di erba madre (adatta per la terapia a lungo termine). Si consiglia di assumere farmaci sotto controllo medico, soprattutto per i farmaci da prescrizione.

Cosa fare durante un attacco

Quando si verifica un attacco, si consiglia di:

  • fornire al paziente accesso all'aria fresca;
  • misurare la pressione sanguigna;
  • dare al paziente Valocordin, tintura di Motherwort, Novo-Passit, Glycine (sotto la lingua).

Se possibile, cerca di distrarre il paziente, di distogliere la sua attenzione dal cuore.

Psicoterapia

È possibile curare completamente la nevrosi del cuore se si comprendono le cause dell'ansia e della paura nevrotica. Ma questo è il problema principale: è difficile per un nevrotico valutare adeguatamente le sue condizioni, cioè accettare il fatto che non è il cuore che deve essere trattato, ma la nevrosi. Nel trattamento della cardioneurosi è richiesto l'aiuto di psicoterapeuti e psicologi clinici.

Nella fase iniziale della psicoterapia, è difficile per il paziente spostare l'attenzione dal cuore. Un attacco di nevrosi cardiaca si verifica all'improvviso e questa repentinità praticamente paralizza la psiche del paziente, lo rende incapace di controllare coscientemente i suoi pensieri e le sue azioni. Per addestrare l'attenzione, il passaggio deve essere effettuato in uno stato di calma e solo dopo che il paziente ha compreso l'importanza di questo metodo e il suo ruolo chiave nel recupero dalla nevrosi cardiaca.

Una terapia efficace è impossibile senza la consapevolezza del paziente dei principali meccanismi delle loro manifestazioni nevrotiche..

Rimedi popolari

Un buon effetto terapeutico nella nevrosi cardiaca è fornito dall'uso di piante medicinali lenitive ad azione cardiovascolare. I più efficaci nella nevrosi cardiaca sono l'adone primaverile (adone) e il cuore di motherwort. Il biancospino è usato per rafforzare il muscolo cardiaco.

Una miscela di piante medicinali:

  • cuore di motherwort;
  • adone primaverile (adone);
  • rizomi di valeriana tritati;
  • coni di luppolo;
  • menta / melissa.

Mescola tutti i componenti in proporzioni uguali, insisti in un thermos. Dosaggio: 2-4 cucchiai. l. miscele per 1 litro. Assumere 0,5 tazze 2-3 volte al giorno lontano dai pasti. Puoi addolcirlo se necessario. L'infusione è adatta per 2 giorni.

L'effetto della fitoterapia non arriva immediatamente. Si consiglia di prendere un'infusione medicinale per almeno 2 settimane..

Complicazioni

Il pericolo di cardioneurosi è il possibile sviluppo di patologie cardiache. Con una prognosi sfavorevole, la nevrosi cardiaca provoca il verificarsi di ipertensione, angina pectoris, cardiopatia ischemica.

La nevrosi cronica può causare danni organici e funzionali non solo al cuore, ma anche ai vasi sanguigni, che porta alla comparsa di malattie vascolari, che a loro volta portano a patologie degli organi interni, della pelle e delle articolazioni (cioè, "tutte le malattie dei nervi").

Previsione

Visitare i medici e prendere le pillole è inefficace in termini di completo recupero se una persona non riesce a capire cosa gli sta accadendo e non è pronta a prendere il controllo del suo umore e delle sue emozioni..

La questione del controllo delle emozioni dovrebbe essere affrontata gradualmente e con attenzione, poiché c'è il rischio che un'altra paura di non essere in grado di frenare la tua sfera emotiva.

Se i pazienti preferiscono una terapia farmacologica costante ("sedersi sulle pillole"), si deve tenere conto del possibile danno derivante dall'uso di farmaci. Ciò è particolarmente vero per l'assunzione di sonniferi, tranquillanti e antidepressivi..

Con un trattamento efficace della nevrosi cardiaca, che include non solo la terapia di supporto, ma anche l'eliminazione della causa della nevrosi con la partecipazione attiva del paziente stesso, è possibile il completo recupero.

Prevenzione

La prevenzione della nevrosi cardiaca include, prima di tutto, metodi di autodifesa antistress e stabilizzazione dello stato emotivo.

Per ristabilire la tranquillità aiuta:

  • piacevoli ricordi;
  • musica preferita;
  • comunicazione costruttiva;
  • camminare all'aperto;
  • attività fisica moderata (senza competizione e forte coinvolgimento emotivo);
  • giochi con animali domestici;
  • viaggi.

Migliora l'umore e distrae dalle esperienze dolorose impegnate nel tuo hobby preferito.

Nutrizione per la prevenzione delle malattie cardiovascolari

Nella prevenzione delle nevrosi cardiovascolari è importante una corretta alimentazione, con l'esclusione o la riduzione del consumo di prodotti dannosi per la salute dei vasi sanguigni, quali:

  • carne grassa;
  • torte, creme, prodotti a base di farina (con una grande quantità di grasso di pasticceria);
  • margarina;
  • oli vegetali deodorati raffinati.

I prodotti di origine animale (carne, ricotta grassa, burro) contengono colesterolo. Quando si consuma una grande quantità di questi prodotti, il colesterolo si accumula nei vasi, formando placche di colesterolo, che portano all'aterosclerosi e all'ipertensione..

Gli oli vegetali raffinati e deodorati e la margarina contengono grassi trans nocivi.

Nevrosi cardiaca: caratteristiche della deviazione, cause, sintomi e metodi di correzione

La nevrosi cardiaca è un fenomeno in cui si verifica un'interruzione nel funzionamento di un organo, che non porta al suo danno strutturale. La malattia si verifica a causa di disturbi nel lavoro del sistema nervoso autonomo e si manifesta con dolore al cuore, irritabilità, attacchi di panico. Per lo più le donne sotto i 40 anni soffrono di nevrosi cardiaca.

Caratteristica

La cardioneurosi (nevrosi cardiaca) è una violazione dell'attività funzionale del miocardio senza danneggiare la struttura del muscolo cardiaco, associata a deviazioni nell'attività mentale. Lo sviluppo della patologia è associato a esperienze e paure interne, che provocano questo tipo organico di nevrosi.

Il cuore continua a pompare sangue attraverso i vasi come al solito, ma le sue contrazioni sono accompagnate da attacchi di dolore al petto, stanchezza generale, vertigini e attacchi di panico.

Gli psicoterapeuti descrivono il meccanismo della cardioneurosi come segue:

  • una persona da molto tempo è in uno stato di stress, ansia;
  • lo stato di ansia è aggravato, si aggiunge la paura incontrollata per lo stato di salute;
  • si verificano sintomi di panico e cardiaci.

Gli attacchi possono essere ripetuti molte volte, tutto dipende dallo stato d'animo di una persona.

Le ragioni

La nevrosi del muscolo cardiaco si verifica a causa di:

  1. disturbi mentali ereditari;
  2. forti shock, stress, aumento dello stress mentale;
  3. hobby per l'alcol, il fumo;
  4. insonnia prolungata;
  5. disturbi ormonali. Nelle donne, un particolare rischio di sviluppare la nevrosi cardiaca si verifica durante la pubertà, la menopausa, la gestazione, dopo il parto, durante l'assunzione di farmaci ormonali, negli uomini - con disfunzioni del sistema endocrino e durante la pubertà;
  6. grave superlavoro;
  7. caratteristiche del carattere di una persona. Lo sviluppo della cardioneurosi è in gran parte influenzato dall'abitudine di prendere tutto a cuore, preoccupandosi delle inezie;
  8. l'influenza di fattori fisici (raggi ultravioletti diretti, vibrazioni, rumore);
  9. intossicazione cronica del corpo con sostanze stupefacenti, veleni domestici, sali e vapori di metalli pesanti.

Anche i processi infettivi focali del tratto respiratorio superiore e del sistema nervoso possono portare allo sviluppo della cardioneurosi. Esso:

  • ARI;
  • tonsillite cronica;
  • faringite;
  • encefalite;
  • meningite.

In presenza di questi fattori, l'ipotalamo interrompe la regolazione del lavoro del cuore e dei vasi sanguigni. Gli organi reagiscono in modo eccessivo ai segnali del sistema nervoso centrale, che si manifesta in un complesso di sintomi.

Sintomi

I sintomi della nevrosi cardiaca includono quanto segue:

  1. sindrome del dolore nella regione del cuore, che ha diverse intensità: dal dolore lancinante e pulsante alle sensazioni taglienti che non consentono la respirazione profonda;
  2. mal di testa;
  3. aumento della sudorazione;
  4. brividi;
  5. attacchi di panico, che si manifestano in ansia improvvisa, ansia, senso di paura della morte;
  6. stanchezza generale grave;
  7. sensazione di un nodo alla gola;
  8. sensazione di fiato corto;
  9. pensieri ossessivi sull'avere una grave malattia;
  10. aumento del battito cardiaco;
  11. intorpidimento degli arti superiori e inferiori;
  12. minzione frequente e feci molli.

La frequenza degli attacchi di nevrosi del muscolo cardiaco è un concetto individuale: possono verificarsi sia mensilmente che 1-2 volte l'anno.

Il quadro clinico della cardioneurosi si verifica sotto l'influenza di fattori provocatori come il superlavoro, lo stress fisico, la sindrome premestruale nelle donne.

Possibili complicazioni

La nevrosi del muscolo cardiaco raramente causa complicazioni, ma a volte un lungo decorso di questo fenomeno porta a un deterioramento della qualità della vita. Una persona con questa diagnosi limita l'attività, diventa più cauta e chiusa a causa di varie fobie, diventa incline a depressione costante e ipocondria..

Le complicanze più gravi di questa sindrome sono lo sviluppo di angina pectoris, ipertensione, disfunzione dell'apparato digerente, fibrillazione atriale. La nevrosi cardiaca è pericolosa perché, con un decorso prolungato, aumenta il rischio di infarto associato a ridotta circolazione coronarica..

Approcci terapeutici

Il compito principale del trattamento dei pazienti con nevrosi cardiaca è stabilizzare lo stato generale del sistema nervoso. La direzione principale è la psicoterapia. Lo psicoterapeuta lavora con il paziente per capire quali fattori hanno causato il disturbo.

Inoltre, vengono prescritti i seguenti gruppi di farmaci:

  • sedativi a base di erbe (Novopassit, Valeriana);
  • Beta-bloccanti che normalizzano la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna (anaprilina)
  • analgesici per sopprimere il mal di testa (Spazmalgon, Nurofen).

I pazienti con cardioneurosi dovrebbero pianificare un regime di lavoro e riposo, stare all'aperto più spesso e abbandonare le cattive abitudini. Ciò impedirà un'ulteriore progressione della deviazione..

Nevrosi cardiaca

Informazione Generale

La cardioneurosi è un disturbo funzionale della regolazione nervosa del sistema cardiovascolare, che non è associato a un disturbo strutturale o patologia del cuore. La malattia colpisce principalmente le donne di età compresa tra i 14 ei 50 anni.

La nevrosi cardiaca non rappresenta un grave pericolo per la salute del paziente, ma richiede un'attenta diagnosi per identificare ed escludere condizioni più pericolose.

La cardioneurosi è piuttosto una diagnosi eccezionale, poiché è esposta quando altre malattie non sono confermate. I sintomi della patologia influenzano fortemente la qualità della vita del paziente e il suo benessere generale, manifestato in attacchi inaspettati di dolore al petto. La malattia è facilmente suscettibile di correzione farmacologica con sessioni di psicoterapia aggiuntive. La diagnosi della malattia viene eseguita non solo da cardiologi, ma anche da neurologi, psicoterapeuti..

Patogenesi

Il lavoro di tutti gli organi e sistemi è regolato dal sistema nervoso. Con la nevrosi, il normale funzionamento di alcuni organi viene interrotto a causa di cambiamenti nel lavoro del sistema nervoso.

La cardioneurosi è caratterizzata da una violazione della regolazione nervosa dell'attività cardiaca. In questo caso, la struttura del miocardio, lo stato dei vasi coronarici e dell'apparato valvolare cardiaco non cambia. Non ci sono cambiamenti patologici nell'organo. Il cuore continua a pompare sangue per tutto il corpo a un ritmo normale, ma la sua attività contrattile è accompagnata da dolore periodico nell'area del torace. Si possono notare interruzioni nel lavoro del cuore, vertigini e grave debolezza. I sintomi elencati sono associati esclusivamente a esperienze psico-emotive e instabilità del sistema nervoso (depressione, panico, paura, stress).

La cardioneurosi nasce da una percezione distorta da parte del sistema nervoso degli impulsi emanati dal cuore. Ecco perché sorgono sensazioni spiacevoli e persino dolorose e nel cervello si formano comandi errati, che possono influenzare solo leggermente il normale funzionamento del sistema cardiovascolare. La cardioneurosi può imitare quasi tutte le patologie del cuore, che si tratti di malattia coronarica, miocardite o aritmia. La principale differenza sta nell'assenza di disturbi funzionali e riarrangiamenti strutturali nel miocardio..

Le ragioni

Il cuore è caratterizzato dall'automatismo: si contrae da solo. Tuttavia, questa autonomia è solo parziale. Attraverso segnali coscienti provenienti dalla corteccia cerebrale e dai centri autonomici, il sistema nervoso può interferire con il cuore e regolare l'attività cardiaca. Quando queste relazioni regolatorie tra il cuore e il sistema nervoso sono disturbate, una persona ha la sensazione che qualcosa non va nel cuore, si manifestano sindrome del dolore o disturbi del ritmo.

Le principali cause della nevrosi cardiaca:

  • caratteristiche individuali dello psicotipo di una persona, instabilità congenita della psiche (sconforto, irascibilità, irritabilità, depressione) e labilità psicoemotiva;
  • le conseguenze di shock neuropsichici e gravi situazioni stressanti;
  • superlavoro del sistema nervoso a seguito di un lavoro mentale prolungato, studio;
  • malattie del sistema endocrino, che sono accompagnate da disturbi ormonali;
  • periodi di cambiamenti ormonali (pubertà, menopausa);
  • la presenza di malattie croniche a lungo termine che portano all'esaurimento del sistema nervoso e all'indebolimento del corpo nel suo insieme;
  • stile di vita sbagliato: una sovrabbondanza di attività fisica, o viceversa la sua mancanza, l'abuso di alcol, il fumo di tabacco.

Sintomi di una nevrosi del cuore

La cardioneurosi può procedere in modi diversi: da attacchi lievi, a breve termine e periodici (1 volta in diverse settimane e mesi) a attacchi di hacking costanti quotidiani con sintomi aumentati. In ciascuno dei casi, si verifica un attacco sullo sfondo di un sovraccarico del sistema nervoso (duro lavoro mentale, insonnia, stress, preoccupazioni, ecc.).

Il quadro clinico classico della cardioneurosi e dei suoi sintomi:

  • Dolore al petto, al cuore o nella parte sinistra del torace. La sindrome del dolore può essere accompagnata da gravità, lieve disagio ed essere di natura lancinante, bruciante o schiacciante.
  • Sensazione di affondamento del cuore, sensazione di tremore al petto. I pazienti descrivono le loro sensazioni come arresto cardiaco, sbiadimento.
  • Impotenza pronunciata, debolezza in tutto il corpo.
  • Instabilità della pressione sanguigna.
  • Vertigini, mal di testa.
  • Mancanza di respiro, mancanza di respiro.
  • Intorpidimento degli arti superiori e inferiori.
  • Disturbi del ritmo (extrasistole, rallentamento o accelerazione del ritmo sinusale).
  • Sentimenti di ansia, paura.
  • Rossore della pelle del viso, pallore della pelle.
  • Insonnia, sensazione di ansia prima di andare a letto.

La nevrosi stessa è uno stato di transizione tra patologia e norma e raramente viola le condizioni generali del paziente..

Analisi e diagnostica

La diagnosi di "nevrosi cardiaca" viene stabilita solo dopo l'esclusione di un'altra patologia. Con la cardioneurosi, non ci sono cambiamenti organici che potrebbero essere rilevati durante:

  • ECG;
  • Ecocardiografia;
  • radiografia del torace;
  • Monitoraggio ECG Holter 24 ore su 24.

Il minimo diagnostico di cui sopra deve essere eseguito per ciascun paziente con sintomi di cardioneurosi. La diagnosi viene stabilita quando vengono identificati i seguenti fattori:

  • in base ai risultati della ricerca diagnostica, non sono stati rilevati cambiamenti patologici o sono stati presentati sotto forma di disturbi minimi del ritmo (extrasistole singola, tachicardia, bradicardia);
  • non sono state identificate ragioni per il dolore nella regione del cuore (malattie dell'esofago, nevralgia intercostale, patologia dell'apparato respiratorio);
  • l'insorgenza dei sintomi è stata preceduta da un'eccessiva tensione nervosa.

Trattamento della nevrosi cardiaca

Il programma di trattamento comprende le seguenti attività obbligatorie:

  • Attività fisica misurata sufficiente (passeggiate all'aria aperta, giochi sportivi, esercizi di fisioterapia). Sia l'ipodynamia che lo sforzo fisico eccessivo non sono ammessi.
  • Alimentazione corretta, equilibrata, arricchita di vitamine e sali minerali. Non è consentito l'uso di bevande alcoliche, caffè forte. Evita cibi irritanti e piccanti.
  • Normalizzazione dello stile di vita. Eliminazione di fattori causali che provocano nevrosi, rifiuto di cattive abitudini, esclusione di sovraccarico mentale e neuropsichico.
  • Fisioterapia (piscina e attività acquatiche in un sanatorio, massaggi).
  • Sessioni di agopuntura.
  • Terapia farmacologica.

Il trattamento deve essere completo e tenere conto dei sintomi clinici di un particolare paziente.

I dottori

Goncharova Margarita Ivanovna

Dmitry Lebed

Galieva Elvira Nurullovna

Medicinali

La terapia calmante e sedativa con farmaci viene eseguita:

Per un effetto distraente e con scopo antianginoso vengono prescritti:

Quando si registrano disturbi del ritmo, i beta-bloccanti vengono prescritti sotto il controllo della pressione sanguigna e del polso:

Con uno scopo rinforzante, vengono prescritti complessi multivitaminici:

Procedure e operazioni

Varie manipolazioni fisioterapiche hanno un effetto positivo sugli indicatori generali dello stato dei sistemi nervoso e cardiovascolare. Procedure di fisioterapia per la nevrosi cardiaca:

  • Sonno elettrico. Consiste nell'effetto su alcune parti del cervello di scariche elettriche.
  • Doccia Charcot. Migliora la circolazione sanguigna e tonifica il corpo nel suo insieme.
  • Bagni curativi. I riempitivi di conifere e perle hanno un effetto calmante sul sistema nervoso.
  • Doccia circolare. Ha un effetto distraente e stimolante.
  • Agopuntura. L'impatto competente su determinati punti normalizza la funzione cardiaca.
  • Fisioterapia.

La nevrosi cardiaca risponde bene alla terapia in un trattamento termale. Con un cambiamento nell'ambiente abituale, l'alimentazione dietetica e il rispetto di un regime di sonno e riposo, si nota una tendenza positiva pronunciata. Essere in un sanatorio ha un effetto benefico sullo stato psico-emotivo del paziente, perché il corpo si rilassa il più possibile lontano dai soliti problemi.

Trattamento della cardioneurosi con rimedi popolari

I metodi della medicina tradizionale aiutano a ridurre la gravità della nevrosi cardiaca e ad alleviare le condizioni del paziente. I preparati erboristici più comunemente usati con effetto sedativo. Tali preparati a base di erbe non hanno praticamente controindicazioni, ad eccezione di una reazione allergica o intolleranza individuale, tuttavia, è necessario seguire alcune regole per rispettare i dosaggi raccomandati. Se le tinture sono preparate in modo improprio, l'effetto può risultare troppo pronunciato o troppo debole e inefficace. Tradizionalmente, 500 ml di alcol o acqua e 1-2 cucchiai del set di erbe vengono presi come base per preparare una soluzione. Mescolare bene la miscela preparata e lasciarla fermentare.

Le ricette più efficaci per la cardioneurosi:

  • Un decotto di valeriana e radici di menta. La soluzione ha un pronunciato effetto sedativo. Prendi due volte al giorno invece del tè.
  • Un insieme di frutti di biancospino, uva passa, cenere di montagna e albicocche secche. Questa combinazione consente di saturare il corpo con utili oligoelementi e garantire il normale funzionamento del cuore e del sistema nervoso. Il brodo è preparato tradizionalmente. Devi prendere 2-3 volte al giorno invece del tè.
  • Latte caldo con miele. Calma il sistema nervoso e normalizza il sonno.
  • Raccolta da radici di valeriana, menta, orologio a tre foglie, coni di luppolo, melissa. Il brodo può essere preso 100 ml tre volte al giorno. Il corso è progettato per 1 mese.

Pronto soccorso per nevrosi cardiaca

È quasi impossibile prevedere l'inizio di un attacco, soprattutto se il paziente non ha mai sperimentato una condizione simile prima.

Come fornire il primo soccorso per la cardioneurosi:

  • adagiare il paziente su una superficie orizzontale, fornire un afflusso di aria fresca, liberare il collare;
  • somministrare al paziente Valokardin o qualsiasi farmaco leggero con un effetto sedativo, sedativo, tinture alcoliche su melissa, valeriana, motherwort sono adatte;
  • se possibile, contare il polso e misurare il livello di pressione sanguigna; gli indicatori normali indicheranno l'assenza di patologie organiche e gravi disturbi funzionali;
  • cercare di calmare il paziente, poiché troppo clamore può aggravare la situazione.

Dopo la normalizzazione della condizione, si consiglia di consultare un terapista per un esame completo ed esclusione di gravi cause di dolore al petto.

Previsione

È difficile determinare la prognosi della cardioneurosi, anche se vengono seguite tutte le raccomandazioni del medico.

Le ulteriori condizioni del paziente dipendono da diversi fattori contemporaneamente:

  • età;
  • cause e durata della malattia;
  • caratteristiche dello stato mentale del paziente, lo stato del sistema nervoso.

Con disturbi neuropsichiatrici minimi, il recupero è registrato nell'80-90% delle persone di età compresa tra 15 e 40 anni con la selezione di una terapia competente e adeguata.

Nelle persone di età superiore ai 35 anni con una storia di trauma e una psiche instabile, il recupero si osserva nel 20-30% dei casi. Nel 95% dei pazienti, la malattia scompare da sola o vi è una diminuzione della gravità dei sintomi sotto forma di una diminuzione della frequenza e dell'intensità degli attacchi. Nel 5% dei pazienti, il trattamento passa senza l'effetto desiderato e la nevrosi cardiaca si trasforma in disturbi più pronunciati e gravi.

Elenco delle fonti

  • Lebedev MA, Palatov S.Yu., Kovrov G.V., "Neuroses (clinic, dynamics, therapy)", articolo sulla rivista "Medical Review", 2013 (n. 3)
  • Zharikov N.M., Sarsembaev K.T., Lebedev M.A. "Neurosi: pre-malattia, dinamiche, esiti", Mosca, Medicina Shiko, 2007
  • Shavlovskaya O.A. "Terapia delle condizioni asteniche con farmaci di tipo d'azione metabolico", articolo sulla rivista BC, 2012 (n. 19)

Istruzione: Laureato in Medicina Generale presso la Bashkir State Medical University. Nel 2011 ha conseguito un diploma e un attestato nella specialità "Terapia". Nel 2012 ha ricevuto 2 attestati e un diploma nelle specialità "Diagnostica funzionale" e "Cardiologia". Nel 2013 ha seguito corsi su "Temi di attualità dell'otorinolaringoiatria in terapia". Nel 2014 ha seguito corsi di alta formazione nella specialità "Ecocardiografia clinica" e corsi nella specialità "Riabilitazione medica". Nel 2017 ha completato i corsi di alta formazione nella specialità "Ecografia vascolare".

Esperienze lavorative: Dal 2011 al 2014 ha lavorato come terapista e cardiologa presso il Policlinico MBUZ n. 33 di Ufa. Dal 2014 lavora come cardiologa e dottore in diagnostica funzionale presso il Policlinico MBUZ n. 33 di Ufa. Dal 2016 lavora come cardiologo presso il Policlinico n. 50 di Ufa. Membro della Società Russa di Cardiologia.

Quanto è pericolosa la nevrosi cardiaca e come prevenirla

Un tipo di patologia funzionale del muscolo cardiaco è chiamata nevrosi del cuore o cardioneurosi. L'accelerazione dell'attività cardiaca è spesso provocata da un serio sforzo fisico o stress emotivo. Spesso il problema preoccupa le persone che sono caratterizzate da una psiche instabile e da uno stato d'animo malinconico..

Cause di cardioneurosi

Un'abbondanza di informazioni, difficoltà nella vita personale e nella carriera, conflitti, lavoro eccessivo e stress contribuiscono allo sviluppo della nevrosi del muscolo cardiaco. Spesso, la cardioneurosi è provocata da:

  • uso sistematico di bevande alcoliche;
  • grave affaticamento fisico;
  • l'inizio di cambiamenti ormonali, che si verificano sullo sfondo di pubertà, gravidanza, menopausa;
  • complicazioni derivanti da un'infezione virale.

Sintomi di patologia

La cardioneurosi si manifesta con i sintomi inerenti alla maggior parte delle malattie cardiache. Il suo verificarsi è una conseguenza dell'esaurimento nervoso, che influisce negativamente sullo stato psico-emotivo di una persona. Ecco perché il paziente spesso confonde i segni della patologia con il disturbo fisico. Quando inizia un attacco, una persona soffre di manifestazioni:

  • dolore nell'area del muscolo cardiaco;
  • disturbi del ritmo cardiaco;
  • vertigini;
  • dolori muscolari;
  • mancanza d'aria.

I sintomi neuropsichiatrici della nevrosi cardiaca dovrebbero includere:

  • ansia;
  • sensazione di paura;
  • impossibilità di un completo rilassamento;
  • insonnia;
  • stanchezza costante.

Gli specialisti possono diagnosticare la nevrosi cardiaca nei casi in cui i risultati degli esami non hanno rivelato gravi patologie organiche..

Diagnostica

La cardioneurosi può provocare un gran numero di sintomi, il che causa un problema nel fare una diagnosi. È importante sottoporsi a tutti gli esami diretti dal medico curante. Alla reception, il paziente dovrà sottoporsi a:

  • ispezione;
  • misurazione della pressione e del polso;
  • esame cardiologico.

Per determinare con precisione la patologia, il medico deve intervistare il paziente e redigere un'anamnesi. Dopodiché, di regola, vengono scritte le indicazioni per il passaggio:

  • elettrocardiogramma;
  • analisi del sangue generale;
  • esame ecografico del cuore;
  • monitoraggio quotidiano dell'attività cardiaca;
  • biochimica;
  • radiografia del torace.

Una malattia pericolosa può essere diagnosticata se:

  • assenza di cambiamenti patologici;
  • assenza di disturbi del ritmo cardiaco e nevralgie intercostali, malattie polmonari, ecc.;
  • rilevare la connessione tra la precedente situazione stressante e i segni manifestati.

Dolore al cuore con patologia

La cardioneurosi è accompagnata da dolore al petto e assenza di danni strutturali al cuore.

Gli esperti ritengono che le persone che differiscono in quanto segue siano inclini alla nevrosi cardiaca:

  • aumento dell'ansia, che si manifesta piuttosto bruscamente;
  • labilità emotiva;
  • ansia che dura a lungo.

La suscettibilità alla nevrosi sorge durante l'infanzia, quando genitori potenti crescono i figli in modo eccessivo e non danno loro l'opportunità di prendere decisioni da soli. Una persona cresce e i guai della vita lo spingono fuori da sé, gli fanno vivere esperienze serie.

La cardioneurosi è uno dei tipi di esaurimento nervoso, che è più spesso provocato dalla perdita di una persona cara, divorzio, gravi conflitti e paura dell'inizio di un evento. Una persona soffre di paura di morire per malattie cardiovascolari. Anche una leggera scossa emotiva provoca l'insorgenza di dolore nella regione del cuore. Il paziente necessita di cure mediche immediate, che prescriveranno un ciclo di farmaci.

La sintomatologia della patologia non è dovuta a disturbi somatici.

Il dolore nell'area del muscolo cardiaco si verifica sullo sfondo di paura, nevrastenia e pensieri di ridotta attività cardiaca. Allo stesso tempo, una persona sperimenta un vero dolore nello spazio retrosternale. Smette di interessarsi ai problemi quotidiani e concentra i suoi pensieri sul proprio stato. C'è pianto e un esaurimento generale. I sintomi sono pronunciati e possono durare per diversi giorni consecutivi. I pazienti sentono dolore al cuore con nevrosi di diversa natura:

  • speziato;
  • piagnucolare;
  • stupido;
  • accoltellamento.

Lo spasmo si estende spesso al collo, alle braccia e agli arti inferiori. Un attacco di sindrome cardiaca si verifica in pochi secondi dopo uno shock emotivo e un grave affaticamento fisico.

Il dolore al cuore con nevrosi può manifestarsi in modo parossistico e causare un attacco di un attacco di panico.

Con la nevrosi è possibile una tregua dall'esercito.

Terapia

Il trattamento della nevrosi cardiaca è a lungo termine. Il paziente, oltre ai farmaci, necessita dell'aiuto di uno psicoterapeuta. La terapia deve essere eseguita sotto la supervisione di un medico. Di seguito sono presentati i sintomi ei metodi per trattare la nevrosi cardiaca a casa.

Metodo di trattamento psicoterapeutico

L'obiettivo principale del trattamento è neutralizzare i fattori che stimolano lo sviluppo della malattia. I pazienti sono incoraggiati a partecipare agli appuntamenti di psicoterapia e ad imparare come alleviare lo stress attraverso sessioni di meditazione e auto-allenamento. Lo psicoterapeuta aiuta a sbarazzarsi della paura subconscia che una persona ha prima di ogni attacco. Inoltre, con l'aiuto della meditazione, l'ansia e lo stress vengono rimossi..

In alcuni casi, può essere necessaria l'ipnosi, durante la quale viene determinata la causa della situazione stressante. Di norma, l'inizio della patologia si sviluppa sullo sfondo di problemi nelle relazioni familiari, conflitti sul lavoro. L'esaurimento delle cellule nervose spesso contribuisce a una diminuzione delle prestazioni. L'uomo soffre di rapida stanchezza e depressione.

Terapia farmacologica

Oltre alle sedute psicoterapeutiche, il paziente necessita di farmaci. Per migliorare lo stato psico-emotivo, viene prescritto un ricevimento:

  • tranquillanti che influenzano efficacemente il sistema nervoso;
  • beta-bloccanti, che riducono il carico sul muscolo cardiaco;
  • medicinali antianginosi;
  • sedativi che aiutano a ridurre l'ansia e migliorare l'effetto sedativo.

Di norma, i farmaci del tipo vengono utilizzati per il trattamento farmacologico della nevrosi del muscolo cardiaco:

  • Adaptol, dotato di un effetto sedativo senza diminuzione della coordinazione e delle capacità mentali. Un tranquillante diurno può migliorare la funzione cognitiva senza causare sonnolenza. Progettato per il trattamento degli adulti.
  • Gidazepam, che aiuta ad alleviare lo stress, la nevrosi ed eliminare l'insonnia. Può essere utilizzato per cardioneurosi, attacchi di panico ed eccitabilità eccessiva.
  • Persen è un medicinale a base di erbe che ha un effetto sedativo sul corpo. Combatte efficacemente ansia, emicrania, stanchezza cronica e esaurimento nervoso. Dopo averlo accettato, una persona acquisisce uno stato di pace. Può essere usato per trattare bambini di età superiore a 12 anni.
  • Novo-Passita, per affrontare efficacemente mal di testa, nevrosi, emicranie e stanchezza cronica. Il farmaco promuove il rilassamento e la tranquillità.
  • Corvalol, che riduce il grado di eccitazione, ha un effetto ipnotico e previene gli spasmi del muscolo cardiaco.
  • Barbovala è un rimedio che i medici prescrivono per diagnosticare nevrosi, aritmie e stress emotivo.

Terapia vitaminica

Per stabilizzare il corpo dopo aver sofferto di stress o angina pectoris, è importante, oltre alle compresse medicinali, utilizzare complessi vitaminici che migliorano la conduttività delle fibre nervose e normalizzano i disturbi metabolici. Grazie all'assunzione del complesso vitaminico, puoi ottenere:

  • ripristinare l'equilibrio del lavoro di tutti i sistemi e organi;
  • accelerare la produzione di enzimi e ormoni;
  • distruzione di una grande percentuale di radicali liberi;
  • migliorare la conduzione del tessuto nervoso.

I complessi vitaminici possono essere acquistati presso qualsiasi catena di farmacie. Di seguito sono elencate le vitamine più spesso prescritte dai medici per la cardioneurosi. Uno qualsiasi dei complessi contiene vitamine del gruppo B..

  1. Vitabalans Multivit - consente di regolare il tasso metabolico. La normalizzazione della struttura e della conduttività delle fibre nervose consente di neutralizzare l'ansia e la percezione dolorosa del fattore irritante. Vitabalans Multivit è utilizzato da adulti e bambini di età superiore ai 12 anni.
  2. Il Magnesio attivo Doppelherz e la vitamina B sono spesso utilizzati per disturbi nervosi e stanchezza cronica, terapia delle patologie cardiovascolari. Con lo sforzo fisico, la resistenza del corpo aumenta in modo significativo.
  3. La neuromultivite è un preparato vitaminico che migliora la formazione del sangue, la conduzione degli impulsi nervosi nelle sinapsi, la normalizzazione del battito cardiaco nelle malattie cardiache, che è importante nello sviluppo della nevrosi.
  4. Bodrovit si riferisce a complessi vitaminici specializzati che aiutano a far fronte alla nevrosi e ad aumentare le prestazioni mentali. Grazie all'assunzione sistematica del farmaco, è possibile migliorare la concentrazione e costruire resistenza allo stress, mantenendo tono e senso di vitalità del corpo.

Procedure di fisioterapia

In caso di nevrosi cardiaca, oltre all'omeopatia e ai complessi vitaminici, è importante utilizzare procedure fisioterapiche del tipo:

  • massaggio rilassante, che aiuta ad alleviare la tensione e normalizzare la circolazione sanguigna, ridurre l'ipertonia muscolare;
  • lezioni di fisioterapia;
  • massaggio dei punti attivi, che si trovano nella zona del viso, che aiuta a migliorare lo stato psico-emotivo.

Trattamento con metodi popolari

Con la nevrosi del muscolo cardiaco, gli esperti raccomandano la medicina tradizionale. Il trattamento della nevrosi cardiaca con rimedi popolari dovrebbe essere effettuato sotto la supervisione di un medico. Di seguito sono riportati i più efficaci.

  1. Terapia del miele. Per il trattamento, dovrai diluire 55 g di miele naturale in 2 bicchieri di acqua bollita. Si consiglia di assumere 60 ml di composizione di miele prima di ogni pasto. Lo stato di salute migliorerà rapidamente e il sonno tornerà alla normalità. La nevrosi cesserà di disturbare dopo 4 settimane di uso sistematico della composizione del miele.
  2. Il geranio è un ottimo rimedio che aiuta a normalizzare la pressione sanguigna, alleviare un attacco di irritabilità e attacchi di panico. L'allevamento di gerani in casa aiuta a normalizzare il sonno e alleviare lo stress.
  3. Trattamento con infuso di melissa. Preparando in anticipo 50 g di erba, riempila con 0,5 litri di acqua bollente. Insistiamo per 10 ore. Beviamo una composizione di 50 ml ogni 3 ore. L'infuso aiuta ad alleviare tremori nervosi, segni di attacco di panico e cardioneurosi.
  4. Un decotto di fireweed ha un effetto calmante e tonificante. Versare 35 g di tè ivan con 400 ml di acqua bollente e cuocere a fuoco lento per circa 10 minuti. Insistiamo 3 ore. Assumere 60 ml prima di ogni pasto..
  5. L'infuso di menta aiuta a far fronte a mal di testa, insonnia, sintomi di cardioneurosi. Versare 40 g di erba con 2 tazze di acqua bollente e lasciare agire per 5 ore. Beviamo 100 ml ogni 4-5 ore per 30 giorni. Se lo desideri, puoi addolcire la bevanda con il miele..

Prevenzione

La terapia della nevrosi è abbastanza lunga, quindi è importante prendere misure preventive per non provocare lo sviluppo di un disturbo spiacevole, che è estremamente difficile da curare da solo senza l'aiuto di uno psicoterapeuta.

Per la prevenzione della malattia è importante:

  • organizzare razionalmente la giornata lavorativa, assegnando tempo al riposo;
  • allenarsi regolarmente;
  • rifiutare di bere bevande alcoliche;
  • non mangiare troppo;
  • dormire più di 7 ore al giorno;
  • ridurre al minimo il tempo trascorso davanti al computer;
  • camminare all'aria aperta per almeno 1 ora al giorno.

Per far fronte allo stress che letteralmente perseguita la persona moderna, dovresti fermarti un momento e sentire cosa porta esattamente la felicità. È questa attività / tipo di svago / hobby che dovrebbe essere incluso nel programma ogni giorno. Questo è l'unico modo per saturare la tua vita di piacevoli impressioni ed evitare la nevrosi cardiaca..

Nevrosi cardiaca

La nevrosi cardiaca è una sorta di patologia cardiaca funzionale. È anche chiamata cardioneurosi. L'efficienza del cuore è caratterizzata dall'autonomia, per cui il suo funzionamento durante la normale attività non viene notato. Le cause della nevrosi cardiaca sono associate a uno sforzo fisico intenso o un forte stress emotivo, che provoca un'accelerazione dell'attività cardiaca. Quindi, rispondendo alla domanda della gente comune: "nevrosi del cuore, che cos'è?" puoi immaginarlo come una delle varietà di un esaurimento nervoso. È osservato in quasi il 10% della popolazione. Più spesso le persone che sono caratterizzate da una psiche debole e un temperamento malinconico sono suscettibili ad esso..

Sintomi di una nevrosi del cuore

Il disturbo descritto è un sintomo comune di condizioni nevrotiche generali..

Nevrosi cardiaca, che cos'è? Il termine "nevrosi del cuore" di solito indica un disturbo funzionale del cuore che si manifesta sullo sfondo di disturbi mentali, ad esempio nell'isteria.

Il meccanismo di origine e l'ulteriore sviluppo del disturbo descritto consiste nell'indebolire l'attività della corteccia cerebrale, a seguito della quale si verifica la disfunzione dei centri sottocorticali del sistema nervoso gangliare.

I fattori predisponenti all'insorgenza della cardioneurosi sono:

- varie malattie infettive, comprese le neuroinfezioni;

- disturbi ormonali (ad esempio, durante la pubertà, con la menopausa o la gravidanza); manifestazioni di labilità emotiva;

- vari disturbi che hanno causato stanchezza cronica del corpo;

Nonostante i suddetti fattori tipici per il verificarsi della patologia descritta, le cause più comuni di nevrosi cardiaca sono situazioni stressanti, sforzo fisico eccessivo e stress mentale. Inoltre, un ruolo enorme nella disfunzione della regolazione autonomica dell'attività cardiaca è giocato dall'uso di bevande alcoliche e contenenti caffeina, dal fumo.

La nevrosi cardiaca, i sintomi e il trattamento di essa non differiscono per varietà e complessità. Il sintomo più comune di questo disturbo è il dolore al petto, così come le sensazioni dolorose a disagio nel cuore. Spesso, tali sensazioni possono irradiarsi alla scapola e al braccio sinistro. Le interruzioni della frequenza cardiaca possono verificarsi anche con lieve ansia o eccitazione. Inoltre, negli individui malati, si osserva la comparsa di una sensazione, come se il cuore si fermasse, ci fossero attacchi di aumento della frequenza cardiaca o una forte pulsazione avvertita da tutto il corpo. Le cardialgie variano in durata e natura. Possono essere doloranti o lancinanti, a breve termine e della durata di pochi minuti. Inoltre, i pazienti possono sentire un "nodo" alla gola. Spesso hanno difficoltà a respirare, a seguito della quale appare una sensazione di mancanza d'aria, che porta a una sensazione di soffocamento.

- temperatura subfebrilare seguita da una diminuzione (inferiore a 36 ° C);

- pressione sanguigna labile;

- la comparsa di disturbi dispeptici sotto forma di nausea, che non ha alcun legame con l'assunzione di cibo, vomito, eruttazione, sensazioni dolorose nell'addome;

- affaticabilità veloce con carico leggero;

- debolezza generale e astenia;

- sonnolenza costante o, al contrario, insonnia;

- improvvisi lampi di freddo o di calore;

- arrossamento del torace e del viso, parestesia.

Se i segni di cardioneurosi si manifestano sullo sfondo di disturbi mentali depressivi, si notano spesso i seguenti sintomi: una sensazione di malinconia, tremori degli arti, una sensazione di tensione all'interno, paura della morte, pianto.

La nevrosi cardiaca è spesso accompagnata da varie fobie (soprattutto cardiofobia). Inoltre, gli attacchi di panico e le nevrosi cardiache spesso vanno insieme, in sostanza sono un disturbo. Si ritiene che la cardioneurosi sia caratterizzata da una varietà di manifestazioni cliniche, ma i sintomi più comuni sono ancora dolore cardiaco e attacchi di panico, che sono un attacco doloroso e inspiegabile di ansia, accompagnato da una sensazione di paura in combinazione con una varietà di sintomi somatici..

L'attacco di panico e la nevrosi cardiaca hanno determinate dinamiche di disfunzione del sistema nervoso, come evitare la possibilità di scontrarsi con un estraneo, l'ipocondria.

Dolore al cuore con nevrosi

La cardioneurosi è più spesso un sintomo di nevrosi generale, in altre parole, è una conseguenza di una disfunzione del sistema nervoso.

Con la nevrosi del cuore, non c'è la cosiddetta patologia organica o danno strutturale al tessuto cardiaco, ma ci sono dolori allo sterno.

Molto spesso la nevrosi si verifica in individui caratterizzati da una certa struttura di attività nervosa superiore. In altre parole, i soggetti inclini all'ansia, alla labilità emotiva e all'ansia senza causa sono più suscettibili alla nevrosi..

La causa della nevrosi cardiaca è spesso latente nell'infanzia. Quindi, ad esempio, i bambini cresciuti in condizioni di maggiore assistenza, abituati a obbedire a genitori forti, incapaci di prendere decisioni indipendenti e difendere la propria posizione, hanno maggiori probabilità di sviluppare la nevrosi cardio. In effetti, in uno stato adulto, sono abbastanza dipendenti dall'ambiente familiare, hanno costantemente paura di un impatto negativo sulla propria vita e preferiscono non resistere ai problemi della vita, ma seguire il flusso. La preoccupazione principale di queste persone è la loro salute. Non importa se ci sono ragioni oggettive di preoccupazione..

La cardioneurosi è considerata un tipo di esaurimento nervoso. Può essere provocato, ad esempio, dalla morte di una persona cara, dalla rottura emotiva delle relazioni, dai cambiamenti nel normale ambiente di vita, ecc. In tali condizioni, sorge un'incontrollabile paura persistente di morire per patologia cardiovascolare. In futuro, qualsiasi cambiamento dell'umore di una persona (in direzione di deterioramento o miglioramento), un leggero scossone emotivo è sufficiente per far apparire dolori cardiaci e disturbi dell'attività cardiaca, che aumentano ulteriormente l'ansia per il proprio stato di salute e aumenta la paura di morire. Si forma così un circolo vizioso: le esperienze danno origine a sintomi di disfunzione cardiaca, che a sua volta provoca un'escalation dell'ansia, che provoca un peggioramento ancora maggiore della condizione. Rompere un tale circolo vizioso è difficile..

La nevrosi cardiaca, i sintomi e il trattamento in questo caso coinvolgono l'assistenza psicologica piuttosto che la terapia farmacologica. Poiché i sintomi della cardioneurosi non sono dovuti a un disturbo somatico.

Il dolore al cuore in questo tipo di nevrosi è causato esclusivamente dalla presenza di maggiore ansia, in altre parole, sono provocati da pensieri di una probabile violazione dell'attività cardiaca. Non ci sono altri motivi per l'insorgenza della cardialgia. Tuttavia, una persona che è costantemente in uno stato di ansia intensificata avverte un vero dolore nello spazio retrosternale. Pertanto, tali pazienti diventano piuttosto sospettosi, invariabilmente cambiano medico, si sottopongono volontariamente a numerose analisi ed esami ripetuti, ma non riescono a trovare la vera causa della loro stessa malattia..

Ne consegue che la nevrosi del cuore si sviluppa in aumento. Dopotutto, la causa del disagio nella regione retrosternale non è stata stabilita, quindi ci sono motivi per la comparsa di ansia ancora maggiore. In altre parole, l'individuo sviluppa uno stato ossessivo borderline, che, oltre al dolore al cuore, presenta anche altri sintomi..

Una persona che soffre di una nevrosi del cuore ha un comportamento caratteristico. È immerso in se stesso, i suoi pensieri ruotano esclusivamente attorno al proprio stato doloroso. I pazienti con cardio-nevrosi sono indifferenti al mondo e ai problemi ambientali. Anche i problemi dei propri cari non li infastidiscono. Allo stesso tempo, descrivono la propria condizione in modo dettagliato e con tutta la cura, elencando in dettaglio tutti i sintomi, la loro gravità, il tempo di apparizione e la natura. Di solito si lamentano di stanchezza, generale perdita di forza, pianto, apatia, incapacità di concentrazione, di svolgere lavori che richiedono azioni o concentrazione precise..

Le sensazioni dolorose nello spazio retrosternale con cardioneurosi possono essere diverse per durata e natura. Sono parossistici o non scompaiono per molti giorni. Pazienti diversi avvertono diverse variazioni delle sensazioni dolorose: sensazioni di spremitura e pressione, dolore doloroso e sordo, algie acute e lancinanti. Inoltre, la cardialgia può diffondersi a tutta la superficie del torace, nonché al collo, all'arto superiore e alla mascella inferiore..

Oltre alle sensazioni dolorose nell'area del cuore con cardioneurosi, si notano spesso altri sintomi, come: mancanza di respiro, mancanza di respiro, aumento della frequenza cardiaca, pulsazioni in grandi capillari, fluttuazioni della pressione sanguigna, vertigini e alcuni altri.

Dall'aspetto del soggetto, dalla sua descrizione delle sue condizioni e da una serie di caratteristiche distintive, può essere fatta una diagnosi di cardioneurosi. Quindi, ad esempio, il dolore nell'angina pectoris è associato a stress fisico o stress emotivo eccessivo. I dolori cardiaci realmente esistenti impediscono al paziente di descriverli verbalmente, poiché questo intensifica le sensazioni dolorose, il paziente, al contrario, si sforza di riposare. La sindrome del dolore nella cardioneurosi non ha nulla a che fare con gli sforzi fisici, tuttavia, si può notare una chiara relazione con i cambiamenti nel background emotivo. Piccoli cambiamenti di umore causano cardialgia. Il paziente ne parla ad alta voce e con visibile piacere, attirando così ulteriore attenzione.

I dolori cardiaci con nevrosi a volte si verificano in modo parossistico e accompagnano un attacco di panico.

Quindi, il dolore nella cardioneurosi è il seguente:

- cuciture, opache, spremute dietro lo sterno;

- può irradiarsi al collo, alle scapole, all'arto superiore;

- possono essere accompagnati da mancanza di respiro, raggiungendo l'asfissia;

- spesso le cardialgie sono accompagnate da paura della morte, ansia e attacchi di panico.

Trattamento della nevrosi cardiaca

Prima di rispondere alla domanda: "come trattare la nevrosi cardiaca", è necessario capire i metodi diagnostici. Poiché l'esito della malattia dipende dalla correttezza della diagnosi. Il disturbo descritto progredisce rapidamente, a seguito del quale può portare a conseguenze piuttosto gravi..

Pertanto, il trattamento della nevrosi cardiaca con farmaci dipende dalla tempestività dell'individuazione della malattia. A causa della specificità del quadro clinico delle cardioneurosi, i medici devono condurre un esame approfondito per escludere altre patologie del sistema cardiovascolare. Per la diagnosi, nel primo turno, utilizzare l'esame elettrocardiografico e l'ecocardiografia. Questi metodi consentono di escludere lo sviluppo di malattie ischemiche, la presenza di malattie cardiache, miocardite, cardiomiopatia e altri disturbi.

I seguenti studi primari sono necessariamente effettuati al fine di identificare e determinare la nevrosi del cuore, i sintomi e il trattamento con rimedi popolari:

- misurazione della pressione sanguigna;

- sondare il ritmo del polso.

Il paziente viene anche intervistato, durante il quale lo specialista deve scoprire i fatti di esperienze emotive, shock mentali e aumento dello stress. Solo sulla base di tutte le informazioni di cui sopra è possibile diagnosticare correttamente i sintomi della nevrosi cardiaca e il trattamento con rimedi popolari.

Le cardioneurosi richiedono un approccio terapeutico integrato e un'attenta osservazione, poiché la malattia descritta è caratterizzata da polisintomatica.

Come trattare la nevrosi del cuore?

Si ritiene che il principale metodo terapeutico nel trattamento della nevrosi cardiaca sia la psicoterapia. Tuttavia, si raccomanda di combinare gli effetti psicoterapeutici con la terapia farmacologica. Solo un trattamento completo è efficace e consente di eliminare tutte le manifestazioni.

Il compito dello psicoterapeuta è identificare il "grano" delle esperienze emotive. Le manifestazioni psicologiche più frequenti della cardioneurosi sono l'insoddisfazione di se stessi, della vita personale e della professione. I problemi elencati portano a un lavoro eccessivo, una diminuzione della resistenza del sistema immunitario, compaiono segni di esaurimento dei meccanismi di regolazione nervosa..

Inoltre, la medicina tradizionale viene utilizzata con successo nel trattamento della cardioneurosi..

Il trattamento della nevrosi cardiaca con rimedi popolari ha lo scopo di rafforzare il sistema nervoso generale, e in particolare il sistema gangliare. Inoltre, ai pazienti con nevrosi cardiaca è consigliata la terapia fisica (ad esempio il nuoto), l'aderenza a una routine quotidiana e una dieta equilibrata. Inoltre, tali pazienti dovrebbero escludere completamente il fumo, il consumo di alcol e caffè. Uno psicoterapeuta deve insegnare a un paziente con segni di nevrosi cardiaca a rilassarsi praticando l'auto-allenamento o con l'aiuto di esercizi di respirazione (ad esempio, secondo il metodo Strelnikova).

I farmaci per il trattamento della nevrosi cardiaca nel periodo acuto sono prescritti dal gruppo di tranquillanti e beta-bloccanti. La successiva terapia farmacologica ha lo scopo di eliminare i segni di cardioneurosi, escludendo i sintomi di disagio. Dovrebbe includere anche preparati erboristici sedativi, complessi vitaminici e minerali. Corvalol e Valocardin sono generalmente prescritti da un cardiologo (per l'insonnia e per prevenire e alleviare gli attacchi di angina).

Per rilassarsi e alleviare spiacevoli manifestazioni di cardioneurosi, si possono fare brevi bagni caldi (non superiori a 38 ° C) con l'aggiunta di oli aromatici di conifere.

Inoltre, si consiglia di prescrivere preparati erboristici ad azione sedativa, quali: "Novopassit" o "Persen".

Il trattamento della cardioneurosi dipende dallo stato di salute, dall'età, dalle cause e dal quadro clinico del paziente..

Il trattamento della nevrosi cardiaca con rimedi popolari prevede l'uso di varie infusioni di erbe, decotti e preparati medicinali. Si consiglia di utilizzare cariche con effetto fortificante, proprietà terapeutiche sedative, ipnotiche e tranquillanti.

La valeriana è considerata una delle erbe più efficaci nel trattamento delle cardioneurosi. È caratterizzato da un effetto calmante, aiuta con palpitazioni cardiache, sovraeccitazione nervosa, insonnia. Per preparare l'infuso, si consiglia di macinare le radici di valeriana essiccate nella quantità di due cucchiai, versarle con 500 milligrammi di acqua pura e far bollire per tre minuti. Il brodo risultante deve essere insistito per una ventina di minuti e filtrato. Va consumato mattina e sera per cento millilitri..

Inoltre, è considerato obbligatorio prescrivere la tintura di peonia, che deve essere assunta per via orale cinque minuti prima dei pasti tre volte al giorno. La tintura deve essere consumata in una quantità di 10-30 gocce, diluite in un cucchiaio d'acqua.

Se le nevrosi cardiovascolari sono accompagnate da un forte battito cardiaco, quindi per ottenere un effetto rapido, è necessario prendere un decotto di parti uguali dell'erba Valeriana officinalis, coni di luppolo, origano e radici di calamo.

Con nevrosi del cuore, procedendo con soffocamento, vertigini e accompagnato da disfunzione nervosa, aiuta una raccolta composta da tre parti di erba rampicante e fiori di biancospino, due parti di motherwort e camomilla e una parte di cumino aiuta.

Le cardioneurosi, che sono sorte sullo sfondo della menopausa patologica e sono accompagnate da ipertensione, possono essere curate con un decotto di erbe: rampicante di palude, origano, erba di San Giovanni, vischio, achillea, salvia, fiori di calendula, equiseto e boccioli di pino. Tutti i componenti elencati devono essere presi in frazioni di peso uguale..

Le nevrosi cardiovascolari che si verificano con la disfunzione del sistema nervoso gangliare possono essere trattate con un infuso di fiori di biancospino, melissa, erba madre, menta piperita e valeriana medicinale.
Con la cardioneurosi, procedendo sullo sfondo di una maggiore secrezione della ghiandola tiroidea, si consiglia di prendere un decotto di proporzioni uguali in peso di agarico comune, fiori di biancospino, melissa, timo comune, valeriana officinalis e zyuznik europeo.

Per l'effetto terapeutico dei disturbi ossessivo-compulsivi, si consiglia di utilizzare un infuso costituito dall'erba dell'erba europea nella quantità di 50 grammi e 500 milligrammi di vodka. La soluzione risultante deve essere infusa per 14 giorni in un luogo buio, dopodiché deve essere filtrata. Si consiglia di prendere l'infuso un cucchiaino almeno due volte al giorno con il latte. Questo rimedio aiuta a sbarazzarsi di paure, sentimenti di panico, aumento dell'eccitabilità..

Un forte stress mentale può eliminare una miscela di aglio (1 spicchio) con un bicchiere di latte. Per preparare il prodotto bisogna grattugiare uno spicchio d'aglio con una grattugia fine oppure strizzarlo con uno spremiaglio e mescolare con il latte. Questa miscela dovrebbe essere presa prima di colazione trenta minuti..

Una miscela di miele e acqua è considerata un buon rimedio per la nevrosi cardiaca. Il miele in una quantità di 50 grammi deve essere sciolto in 500 milligrammi di acqua. Questa miscela va bevuta al giorno, suddivisa in quattro dosi..

Il trattamento della nevrosi con rimedi popolari è il più richiesto oggi. Poiché i farmaci utilizzati sono del tutto naturali e spesso risultano essere molto più efficaci della medicina farmacopea. Tuttavia, affinché i rimedi popolari siano utili, dovrebbero essere presi rigorosamente in conformità con la prescrizione medica..

Autore: Psiconeurologo N.N. Hartman.

Medico del Centro Medico e Psicologico "PsychoMed"


Articolo Successivo
Tachicardia sinusale