Aneurisma cerebrale


Il sito fornisce informazioni di base solo a scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È necessaria una consulenza specialistica!

Complicazioni dell'aneurisma cerebrale

In linea di principio, con l'aneurisma cerebrale, ciascuno dei sintomi neurologici può essere considerato una complicazione, poiché qualsiasi funzione viene persa. Ad esempio, la perdita della vista, dell'udito o della paralisi possono essere considerate complicazioni a tutti gli effetti. Tuttavia, sono causati dalla presenza stessa di un aneurisma, che comprime il tessuto nervoso. L'aneurisma, a sua volta, nasconde il pericolo di altre complicazioni. Il più grave e ovvio di questi è il divario, che sarà discusso separatamente di seguito. Altre complicazioni sono meno comuni, ma rappresentano anche un serio pericolo per la salute e la vita umana..

In presenza di un aneurisma cerebrale, sono possibili le seguenti complicazioni:

  • Coma. Con gli aneurismi nelle parti del cervello responsabili delle funzioni vitali, il paziente può cadere in coma a tempo indeterminato. Questo è uno stato di incoscienza, durante il quale i processi di respirazione, battito cardiaco, controllo della temperatura corporea, ecc. Possono essere interrotti. Anche con cure mediche qualificate e cure adeguate, non tutti i pazienti escono dal coma.
  • Formazione di coaguli di sangue. I vortici di sangue si verificano spesso nella cavità dell'aneurisma, che a volte contribuisce alla formazione di coaguli di sangue. Questo di solito si verifica in grandi aneurismi. Un coagulo di sangue può formarsi nel sito di un aneurisma, riempiendone la cavità, o rompersi e bloccare un vaso di diametro inferiore. In entrambi i casi, c'è un arresto completo dell'emorragia in una particolare nave. Maggiore è il suo diametro, più gravi possono essere le conseguenze. In effetti, in una situazione del genere, una persona soffre di un ictus ischemico. Attualmente, un'assistenza tempestiva può salvare la vita di un paziente. Il coagulo di sangue può essere sciolto con i farmaci.
  • Formazione di malformazioni artero-venose (AVM). Un AVM è un difetto della parete che collega parzialmente un'arteria e una vena. Poiché la pressione sanguigna è più alta nell'arteria, la pressione scende lì e parte del sangue arterioso viene inviata alla vena. Di conseguenza, la pressione nella vena aumenta e le parti del cervello che sono state alimentate da questa arteria iniziano a soffrire di mancanza di ossigeno. Grave rigonfiamento del sacco aneurismatico e stiramento delle sue pareti possono contribuire alla formazione di AVM. I suoi sintomi assomigliano ai sintomi dell'ictus ischemico (attacchi ischemici transitori) o ai sintomi dell'aneurisma stesso. La chirurgia è anche l'unico trattamento efficace..
È a causa dei sintomi gravi che causano aneurismi e complicazioni pericolose che i medici raccomandano la rimozione chirurgica degli aneurismi il prima possibile..

Rottura dell'aneurisma cerebrale

L'aneurisma dei vasi cerebrali stesso molto spesso non è accompagnato da alcun sintomo clinico. Ci sono una serie di fattori che possono innescare una rottura dell'aneurisma. Questi sono, ad esempio, grave stress psico-emotivo, attività fisica eccessiva, valori di pressione alta, intossicazione da alcol, malattie infettive con temperatura corporea elevata. Con una rottura minacciosa, possono comparire sintomi aspecifici, spiegati dal microdanneggiamento della parete del vaso e dall'infiltrazione di sangue nel tessuto cerebrale. Molto spesso, ciò peggiora notevolmente le condizioni del paziente. Se allo stesso tempo sa della sua malattia (aneurisma), dovresti chiamare immediatamente un medico.

Un aneurisma cerebrale rotto può avere i seguenti sintomi precursori:

  • Forte mal di testa;
  • una sensazione di arrossamento alla testa o al viso;
  • disabilità visiva, visione doppia (diplopia), percezione del colore alterata (il paziente vede tutto in rosso);
  • disturbi del linguaggio;
  • aumento dell'acufene;
  • dolore al viso, principalmente nelle orbite;
  • attacchi di vertigini;
  • contrazioni muscolari involontarie delle braccia o delle gambe.
Ma è molto difficile per tali sintomi fare una diagnosi corretta in modo tempestivo. È molto importante prestare attenzione a tali segni non specifici per sospettare un problema nel tempo e aumentare le possibilità di un esito positivo..

Il divario stesso nella maggior parte dei casi ha un inizio acuto. I sintomi dipendono in gran parte dalla posizione dell'aneurisma rotto, dal volume di sangue che è stato versato e dalla velocità con cui il sangue scorre nel tessuto circostante. L'emorragia può essere di diversi tipi: nel tessuto cerebrale (emorragia parenchimale), nei ventricoli del cervello o nello spazio subaracnoideo (emorragia subaracnoidea).

L'emorragia stessa quando si rompe un aneurisma può essere accompagnata dai seguenti sintomi:

  • Mal di testa acuto e improvviso. Molti pazienti paragonano questo dolore a un colpo alla testa. La sindrome del dolore grave può essere rapidamente sostituita da uno stato di coscienza alterato, dalla confusione allo sviluppo del coma.
  • Respirazione rapida (tachipnea) più di 20 respiri al minuto per un adulto.
  • All'inizio la frequenza cardiaca aumenta, compare la tachicardia (la frequenza cardiaca è superiore a 80 al minuto). Con il progredire dell'ictus emorragico, le palpitazioni cardiache vengono sostituite dalla bradicardia (la frequenza cardiaca rallenta meno di 60 battiti al minuto).
  • È possibile lo sviluppo di convulsioni generalizzate. Questo sintomo si sviluppa nel 10-20% dei casi..
In generale, la rottura di un aneurisma cerebrale è la complicanza più grave e, sfortunatamente, molto comune. La mortalità rimane alta anche con un ricovero tempestivo e la fornitura di cure mediche qualificate. In molti modi, la possibilità di un esito letale dipende dalla posizione dell'aneurisma rotto. Può essere localizzato nei centri vitali. Spesso, dopo aver subito un ictus emorragico, i pazienti perdono una serie di abilità (parola, movimento, percezione uditiva, ecc.). A volte possono essere ripristinati nel corso della riabilitazione, ma spesso anche queste lesioni sono irreversibili..

Diagnostica aneurisma cerebrale

La diagnosi di aneurisma cerebrale è un compito molto difficile. Spesso, per identificare questa patologia, il paziente deve visitare una varietà di specialisti fino a quando qualcuno sospetta la presenza di un difetto vascolare. Ciò è spiegato dal fatto che gli aneurismi nel sistema nervoso centrale (SNC) possono produrre una varietà di sintomi che assomigliano ad altre patologie. Ad esempio, il mal di testa può essere il risultato di avvelenamento, ipertensione e centinaia di altre malattie. Inoltre, non tutti i pazienti presentano alcuna manifestazione di aneurisma..

I seguenti sintomi sono molto eloquenti sulla presenza di problemi nel sistema nervoso centrale:

  • sindrome convulsiva;
  • problema uditivo;
  • deficit visivo;
  • disturbi olfattivi;
  • perdita di sensibilità cutanea;
  • paralisi;
  • deterioramento della coordinazione motoria;
  • allucinazioni;
  • disturbi della parola o della scrittura, ecc..
Esistono numerose procedure diagnostiche standard che possono aiutare a identificare un aneurisma cerebrale. Nella prima fase viene eseguito un esame fisico del paziente. Successivamente, se si sospetta un aneurisma, vengono prescritti quei metodi diagnostici in grado di visualizzare (rendere visibile, rilevare) questo difetto vascolare.

Esame obiettivo del paziente

L'esame obiettivo si riferisce ad alcune procedure che coinvolgono un medico che esegue sia un esame neurologico generale che uno specialistico. Allo stesso tempo, vengono rivelati quei segni della malattia che non avrebbero potuto essere notati dal paziente stesso. È quasi impossibile confermare la diagnosi di un aneurisma durante un esame fisico. Tuttavia, un medico esperto può sospettare questa patologia e prescrivere studi più specifici..

L'esame obiettivo consiste nelle seguenti procedure:

  • Palpazione. La palpazione è un metodo di esame fisico, durante il quale il medico, premendo su diverse aree del corpo, determina foche atipiche, sonde formazioni sulla pelle, ecc. Sull'aneurisma dei vasi sanguigni nel cervello con l'aiuto della palpazione, puoi trovare non molte informazioni, ma con il suo aiuto altre malattie concomitanti possono essere determinate. La palpazione aiuta a determinare le condizioni della pelle, e questa è un'informazione particolarmente importante, poiché molte malattie sistemiche del tessuto connettivo si manifestano proprio sulla pelle.
  • Percussione. La percussione è il tocco di diverse aree del corpo per rilevare aree di risonanza acustica alta o bassa. Per i pazienti con aneurisma cerebrale, questo tipo di esame è usato raramente, ma è utile per identificare le comorbidità dei polmoni e del cuore..
  • Auscultazione. L'auscultazione è un esame fisico, che si riduce all'ascolto da parte di un medico con uno stetoscopio di vari rumori del corpo. Una persona con un aneurisma vascolare nel cervello può mostrare la presenza di soffi patologici nell'aorta, nel cuore (che si verificano in concomitanza con l'endocardite batterica e la coartazione dell'aorta), nelle arterie carotidi.
  • Misurazione della pressione sanguigna. La pressione sanguigna viene misurata quotidianamente nei pazienti con aneurismi. Questo aiuta a identificare lo stato generale del corpo in un dato momento (la pressione sanguigna bassa può essere il risultato di un'emorragia massiccia, danni al centro vasomotore nel cervello). Il controllo della pressione a volte può prevenire la rottura dell'aneurisma.
  • Esame neurologico. Il modo più efficace per esaminare un paziente con aneurisma cerebrale è un esame neurologico. In questo caso, il medico determina la condizione del muscolo tendineo e dei riflessi cutanei, rivela la presenza di riflessi patologici (che appaiono a seguito di malattie e lesioni nel sistema nervoso centrale). Inoltre, il medico controlla l'attività fisica e determina la sensibilità o il suo deficit. Puoi anche verificare la presenza di sintomi meningei - segni di irritazione del rivestimento del cervello. Ma va tenuto presente che i dati ottenuti durante l'esame obiettivo non confermano la diagnosi. Malformazioni artero-venose, neoplasie o attacchi ischemici transitori possono presentare un quadro clinico simile..

TC e RM per aneurisma cerebrale

Con la tomografia computerizzata, il paziente riceve una certa dose di radiazioni, quindi questo metodo non viene utilizzato in gravidanza, nei bambini piccoli o in pazienti con malattie del sangue o tumori. Più nuova è la macchina CT, minore è la dose che il paziente riceve e più sicura è la procedura. Per un adulto, piccole dosi non sono pericolose. Nel caso della risonanza magnetica, non esiste tale radiazione e quindi non c'è rischio di radiazione. Tuttavia, la risonanza magnetica non viene eseguita su pazienti con pacemaker, impianti metallici e altri tipi di protesi elettroniche, poiché un potente campo magnetico si riscalda e attrae frammenti metallici.

Con l'aiuto della TC e della risonanza magnetica è possibile ottenere le seguenti informazioni sull'aneurisma cerebrale:

  • la dimensione dell'aneurisma;
  • la sua posizione;
  • il numero di aneurismi;
  • la formazione di coaguli di sangue;
  • il grado di compressione del tessuto nervoso adiacente;
  • velocità del flusso sanguigno in un vaso (su MRI in alcune modalità).
Va notato che queste procedure diagnostiche sono piuttosto costose e non tutte le cliniche dispongono delle attrezzature necessarie. A questo proposito, TC e RM sono prescritte prima dell'intervento chirurgico, per valutare il rischio di rottura e per altre gravi indicazioni.

Raggi X per aneurisma cerebrale

La radiografia è il metodo diagnostico di routine più comune disponibile per ogni paziente. Il modo più efficace per eseguire la cosiddetta angiografia. In questa procedura, una certa quantità di mezzo di contrasto viene iniettata nell'arteria del paziente, il che evidenzia i contorni del vaso nell'immagine. Quindi, dopo aver scattato la foto, sarà facile rilevare il rigonfiamento del muro..

L'accuratezza della radiografia (anche con contrasto) è solitamente inferiore rispetto a TC e RM. Viene eseguito nelle prime fasi per scoprire se il paziente ha un aneurisma o è il caso di altri disturbi (tumori, traumi, ecc.). Durante questa procedura, il paziente riceve anche una certa quantità di radiazioni, ma è molto piccola e non causa gravi danni. Se le condizioni del paziente suscitano preoccupazione e non sono disponibili metodi di ricerca più sicuri, a volte vengono trascurate anche le controindicazioni (scattano foto per bambini e donne incinte).

Anche la funzionalità renale deve essere considerata quando si utilizzano mezzi di contrasto. Se ci sono malattie croniche (ad esempio, aneurisma sullo sfondo di malattie reumatiche o con malattia renale policistica concomitante), l'angiografia è molto pericolosa. Il corpo potrebbe non rimuovere completamente l'agente di contrasto dal sangue, il che peggiorerà notevolmente le condizioni del paziente..

Elettroencefalografia (EEG) per aneurisma cerebrale

Questo metodo di ricerca è funzionale. Non può rilevare la presenza di un aneurisma o fornire informazioni specifiche al riguardo. Tuttavia, l'EEG viene spesso eseguito su questi pazienti per determinare l'attività del cervello. Ciò aiuterà, ad esempio, a escludere l'epilessia come possibile causa di convulsioni..

Questa procedura è completamente indolore e innocua per il paziente. Sulla testa del paziente sono posti speciali sensori elettromagnetici che registrano l'attività del tessuto cerebrale. Questa attività viene registrata, in modo simile alla registrazione di un elettrocardiogramma. Uno specialista esperto, sulla base di questo studio, può trarre conclusioni preziose sulla misura in cui sono interessate alcune parti del cervello. A volte queste informazioni si rivelano preziose quando si decide un'operazione..

Trattamento dell'aneurisma cerebrale

Il trattamento dell'aneurisma cerebrale ha diverse direzioni. L'opzione principale, che, in un modo o nell'altro, è considerata dai medici, è la chirurgia. Ha lo scopo di eliminare il problema stesso (sacco dell'aneurisma) e ripristinare la normale forza della parete vascolare. Ciò elimina virtualmente la possibilità di sanguinamento o riformazione di un aneurisma in questo luogo..

Un'altra area importante è la prevenzione farmacologica della rottura dell'aneurisma. Per fare ciò, i medici prescrivono una varietà di farmaci progettati per influenzare le cause della formazione di aneurisma. Influenzano anche fattori avversi che possono provocare rottura e sanguinamento. In ogni caso, l'elenco di questi farmaci sarà individuale, poiché i pazienti sono anche esposti a vari fattori.

Per il trattamento farmacologico di pazienti con aneurisma cerebrale, possono essere utilizzati i seguenti farmaci:

  • Nimodipina. La dose standard è di 30 mg 4 volte al giorno, ma può variare da caso a caso. Il farmaco previene lo spasmo delle arterie nel cervello e previene un aumento della pressione. Pertanto, viene eseguita la prevenzione della rottura dell'aneurisma. Inoltre, la vasodilatazione migliora l'apporto di ossigeno al tessuto nervoso, che allevia alcuni dei sintomi..
  • Fosfenitoina. Per via endovenosa, 15-20 mg per 1 kg di peso corporeo. Il farmaco agisce sul tessuto nervoso stabilizzando la conduzione degli impulsi nervosi. Può alleviare molti sintomi come vomito, nausea, mal di testa, convulsioni, ecc..
  • Captopril, labetalolo. Questi farmaci sono molto comuni per il trattamento dell'ipertensione. La dose viene selezionata individualmente, a seconda degli indicatori della pressione sanguigna. La loro azione rilassa le pareti delle arterie del corpo, abbassando la pressione sanguigna. Di conseguenza, la parete dell'aneurisma è meno tesa e il rischio di rottura è ridotto..
  • Proclorperazina. È prescritto a 25 mg al giorno, ma la dose può essere aumentata se necessario. L'effetto principale del farmaco è ridurre l'attività del centro del vomito nel cervello.
  • Morfina. È usato per via endovenosa in rari casi con forte dolore. La sua nomina è possibile solo in ospedale a causa di un possibile arresto respiratorio. La dose viene selezionata dal medico individualmente, a seconda delle condizioni del paziente.
In alcuni casi, possono essere utilizzati altri farmaci con un effetto terapeutico simile. L'appuntamento dipende dal tipo di sintomi che compaiono nel paziente. Fondamentalmente, quasi tutti possono essere eliminati con i farmaci. Questa tattica viene utilizzata fino a quando non viene presa la decisione finale sull'operazione. L'autotrattamento di questi sintomi potrebbe non portare l'effetto desiderato ed essere semplicemente pericoloso. Ad esempio, alcuni farmaci antiemetici agiscono solo sul tratto digerente, quindi non possono eliminare il vomito causato dalla compressione del tessuto cerebrale. Allo stesso tempo, questi farmaci hanno una serie di controindicazioni ed effetti collaterali che peggioreranno solo le condizioni del paziente..

Pronto soccorso per rottura dell'aneurisma cerebrale

Tutti i pazienti con sospetta rottura di aneurisma cerebrale devono essere ricoverati urgentemente. Tuttavia, se compaiono i sintomi specifici sopra menzionati, il primo soccorso deve essere fornito immediatamente. Se l'assistenza medica non viene fornita nelle prime ore dall'insorgenza della malattia, il rischio di morte è molto alto..

Le principali attività per fornire assistenza prima dell'arrivo dei medici sono:

  • Posare il paziente in posizione orizzontale con un'estremità della testa rialzata. Questa posizione migliora naturalmente il ritorno venoso e riduce il rischio di edema cerebrale..
  • Fornire accesso all'aria fresca e rilascio dagli indumenti che stringono il collo - cravatte, fazzoletti da collo, ecc. Ciò migliorerà la circolazione cerebrale e ritarderà la morte delle cellule nervose.
  • In caso di perdita di coscienza, controllare le vie aeree. Allo stesso tempo, le protesi rimovibili vengono rimosse dalla bocca, la testa viene girata su un lato per impedire l'ingresso di vomito nelle vie respiratorie.
  • Applicare freddo sulla testa (impacco di ghiaccio o oggetti congelati). Tali manipolazioni possono ridurre il rischio di edema cerebrale e limitare la quantità di emorragia. Il freddo rallenta il flusso sanguigno e favorisce una più rapida coagulazione del sangue. Pertanto, il danno irreversibile viene ritardato.
  • Quando possibile, deve essere effettuato un monitoraggio costante della pressione sanguigna, della frequenza cardiaca e della respirazione prima dell'arrivo di un'ambulanza. Quando la respirazione si interrompe, vengono avviate le misure di rianimazione, che verranno continuate dai medici arrivati.
Va notato che l'efficacia di queste misure nella pratica non è così elevata e non esclude un risultato letale. In alcuni casi, la rottura dell'aneurisma porta alla morte del paziente nei primi minuti, quindi non si può fare nulla. Tuttavia, non è possibile installarlo in loco senza attrezzature speciali, quindi è comunque necessario continuare a lottare per la vita del paziente fino all'arrivo degli specialisti..

Operazione per aneurisma cerebrale

L'intervento chirurgico è attualmente il più efficace nel trattamento dell'aneurisma cerebrale, nonostante la presenza di vari regimi terapeutici. Solo la chirurgia può garantire i risultati migliori e una prognosi favorevole. Il trattamento chirurgico è obbligatorio se la dimensione dell'aneurisma supera i 7 mm. Per i pazienti con rottura di aneurismi, l'operazione deve essere eseguita il prima possibile, poiché il rischio di rottura ripetuta dell'aneurisma (in caso di interruzione spontanea dell'emorragia) e di sanguinamento è maggiore nei primi giorni. Per i pazienti con un aneurisma non rotto, la tempistica dell'operazione è meno importante, poiché il rischio di rottura è molte volte inferiore.

Esistono i seguenti metodi chirurgici per il trattamento dell'aneurisma cerebrale:

  • microchirurgia aperta (chirurgia diretta);
  • chirurgia endovascolare;
  • metodo combinato.
La scelta del metodo di intervento è una questione molto complessa e richiede un approccio integrato. Ogni volta che il metodo di trattamento viene selezionato individualmente, a seconda dei risultati ottenuti nella fase diagnostica.

I seguenti fattori influenzano la scelta di un particolare metodo di intervento da parte di un chirurgo:

  • localizzazione dell'aneurisma;
  • la presenza o l'assenza del suo divario;
  • stato del paziente;
  • la presenza di complicazioni;
  • rischi;
  • periodo di tempo dopo l'emorragia (se presente).

Chirurgia aperta (clipping) per aneurisma cerebrale

Il metodo di chirurgia aperta più comune è il clipping. Il clipping dell'aneurisma è considerato lo standard nel trattamento degli aneurismi cerebrali. L'accesso all'aneurisma è transcranico (ovvero viene eseguita la craniotomia). Tale operazione può richiedere diverse ore e comporta un serio rischio per la salute. Tuttavia, è questo metodo che fornisce ai medici il miglior accesso all'aneurisma..

L'operazione si svolge in più fasi:

  • craniotomia nella proiezione dell'aneurisma;
  • apertura della dura madre;
  • ricerca e separazione dell'aneurisma dai tessuti sani;
  • l'applicazione di una clip nell'area del collo o del corpo dell'aneurisma (che porta all'esclusione dell'aneurisma dal flusso sanguigno);
  • ripristino dell'integrità dei tessuti.
In presenza di aneurismi giganti, vengono preliminarmente create le condizioni per ridurre le dimensioni del sacco o del collo aneurismatico, quindi vengono applicate le clip. Questo metodo consente di disattivare l'aneurisma dalla circolazione con un danno minimo ai nervi e al tessuto cerebrale.

L'operazione viene eseguita utilizzando un microscopio operatorio e altre apparecchiature microchirurgiche. L'efficacia del clipping come metodo di trattamento chirurgico dell'aneurisma escludendolo dal flusso sanguigno è molto alta..

Il metodo chirurgico diretto include anche l'avvolgimento (l'uso di una speciale garza chirurgica o un pezzo di muscolo), che aiuta a rafforzare le pareti del vaso in modo che possa sopportare una maggiore pressione e prevenire la rottura.

Chirurgia endovascolare per aneurisma cerebrale

La chirurgia endovascolare è una procedura chirurgica eseguita sui vasi sanguigni senza incisione, attraverso una puntura percutanea con un ago. Questa tecnica permette anche di escludere l'aneurisma dalla circolazione. Il metodo prevede la puntura percutanea della carotide comune, dell'arteria carotide interna o dell'arteria femorale sotto il controllo di una macchina a raggi X o sotto il controllo della tomografia computerizzata. Un catetere viene inserito attraverso un ago nel vaso, all'estremità del quale c'è un palloncino, che chiude il lume e spegne l'aneurisma dal flusso sanguigno. Invece di un catetere a palloncino, è possibile utilizzare anche speciali microcoil, che sono considerati più moderni ed efficaci..

Un tale metodo come l'embolizzazione dell'aneurisma si riferisce anche agli interventi endovascolari. L'essenza dell'embolizzazione dell'aneurisma è che vengono iniettate sostanze speciali nel vaso colpito, che si induriscono e portano alla fine del riempimento dell'aneurisma con il sangue. L'operazione viene eseguita sotto controllo radiografico con l'introduzione di un mezzo di contrasto.

In condizioni moderne, ricorrono spesso a metodi endovascolari, poiché questi ultimi hanno alcune caratteristiche:

  • sono più gentili;
  • non richiedono l'anestesia generale nella maggior parte dei casi;
  • non richiedono l'accesso aperto;
  • abbreviare il periodo di ricovero;
  • in alcuni casi difficili, questo è l'unico metodo adatto (con un aneurisma profondo).

Metodo combinato per aneurismi cerebrovascolari

Il metodo combinato include una combinazione di un metodo chirurgico diretto con metodi endovascolari. Il ritaglio più comunemente utilizzato con trombo endovascolare, occlusione temporanea con un palloncino con ulteriore ritaglio, ecc..

Come con qualsiasi intervento chirurgico, il trattamento dell'aneurisma dei vasi cerebrali può portare a complicazioni intraoperatorie o postoperatorie..

Le potenziali complicanze di qualsiasi tipo di intervento chirurgico al cervello includono:

  • ipossia;
  • vasospasmo;
  • perforazione (rottura) della parete dell'aneurisma con un palloncino o microcoil;
  • rottura di un aneurisma durante l'intervento chirurgico;
  • embolia (blocco) di vasi situati distali (un po 'più in là) dell'aneurisma, coaguli di sangue;
  • Morte.

Quali possono essere le conseguenze di un'operazione di aneurisma cerebrale??

Le conseguenze della chirurgia per rimuovere l'aneurisma cerebrale dipendono dal metodo di intervento chirurgico. Se l'aneurisma è stato rimosso mediante craniotomia, le complicanze postoperatorie possono essere abbastanza comuni. Prima di tutto, ciò è dovuto a una violazione della normale circolazione del liquido cerebrospinale, irritazione delle meningi, edema nel sito di craniotomia. Il paziente può soffrire a lungo di mal di testa, acufene. La comparsa di altri sintomi dipende anche dalla localizzazione specifica dell'intervento - compromissione temporanea dell'udito, della vista, dell'equilibrio, ecc. In questo caso, questi sintomi potrebbero non essere stati prima dell'intervento. Appaiono abbastanza raramente e di solito sono temporanei..

Con l'intervento endovascolare, non si verifica la dissezione del tessuto su larga scala e la craniotomia non è necessaria. Ciò riduce significativamente il rischio di complicazioni o conseguenze avverse nel periodo postoperatorio. Esiste il rischio di coaguli di sangue o danni alla parete del vaso. Ma queste complicazioni sono solitamente associate a specifici errori medici o eventuali difficoltà che sorgono durante l'operazione..

Al fine di evitare gravi conseguenze dopo un'operazione di rimozione dell'aneurisma, è necessario seguire le seguenti regole:

  • dopo un'operazione aperta, la testa non viene lavata per almeno 2 settimane (o più sulle istruzioni speciali del medico);
  • astenersi da sport di contatto o sport con la palla per eliminare il rischio di colpi alla testa (circa un anno);
  • aderenza a una dieta (escludere cibi piccanti, non mangiare troppo, escludere alcol) per evitare emorragie o edema cerebrale;
  • smettere di fumare;
  • non visitare lo stabilimento balneare o la sauna per almeno sei mesi.
Possono essere applicate altre prescrizioni a seconda della causa dell'aneurisma. Ad esempio, in caso di ipercolesterolemia, che causa danni vascolari aterosclerotici, alla dieta viene aggiunta la restrizione dei grassi animali. Visite regolari dal medico nel periodo postoperatorio riducono al minimo la probabilità di eventuali complicazioni o conseguenze spiacevoli. I capelli rasati per la craniotomia di solito ricrescono. Rimane solo una piccola cicatrice arcuata, che può essere vista se i capelli sono corti.

Trattamento dell'aneurisma cerebrale con rimedi popolari

Poiché un aneurisma è un difetto strutturale e non un disturbo funzionale, è quasi impossibile curarlo con i farmaci. Anche la medicina tradizionale in questo caso è impotente. Le piante medicinali possono influenzare i processi funzionali nel corpo umano in modi diversi, ma il rigonfiamento nella parete del vaso può essere eliminato solo con l'aiuto di un'operazione.

Tuttavia, a volte i rimedi popolari possono essere utilizzati per alleviare una serie di sintomi e anche per prevenire la rottura di aneurismi. Le più efficaci in questo caso saranno le infusioni e le ricette sedative per abbassare la pressione sanguigna. Il loro uso corretto migliorerà la circolazione sanguigna nei vasi del cervello senza aumentare la pressione sanguigna. Pertanto, le cellule del tessuto nervoso soffriranno meno della privazione di ossigeno e il rischio di complicanze diminuirà..

I pazienti con aneurisma cerebrale possono utilizzare i seguenti rimedi popolari con il permesso del medico:

  • Succo di limone e arancia. Mescolare i succhi appena spremuti in proporzioni uguali e aggiungere una quantità uguale di acqua calda bollita a loro. Bere mezzo bicchiere di questa miscela ogni giorno a stomaco vuoto. Si ritiene che questo rimedio rafforzi le pareti dei vasi sanguigni e prevenga l'aterosclerosi..
  • Latte di capra con aglio. Mezzo bicchiere di latte caldo richiede mezzo cucchiaino di purea di aglio schiacciato. Bere ogni giorno prima di colazione. Riduce la probabilità di coaguli di sangue e rallenta la deposizione di colesterolo..
  • Succo di cachi. Il succo di cachi con polpa si beve mezzo bicchiere al giorno se il paziente, insieme all'aneurisma, è preoccupato per un aumento periodico della pressione.
  • Infuso di farina di mais. Versare un cucchiaio di farina di mais (non fiocchi!) In un bicchiere pieno di acqua bollente. Si copre con un piattino e si lascia in infusione per una notte. Al mattino durante la colazione, bere acqua senza mescolare il sedimento. Lo strumento è efficace con aumenti periodici della pressione.
  • Infuso di mirtilli. Bacche secche (4 cucchiaini) versare 200 ml di acqua bollente e lasciare per almeno 8 ore in un luogo buio. Dopo di che, l'infuso è bevuto. Questo rafforza le pareti dei vasi sanguigni, riduce il rischio di rottura dell'aneurisma.
Ci sono altri rimedi popolari che vengono usati a scopo profilattico. Va ricordato che prima di iniziare qualsiasi trattamento, anche il più innocuo a prima vista, è imperativo consultare il proprio medico. Ciò è spiegato dal fatto che il paziente non sempre conosce le ragioni che hanno causato la formazione dell'aneurisma e gli aneurismi stessi possono causare una varietà di disturbi nel corpo. Solo uno specialista competente può prendere in considerazione tutti i fattori che influenzano la salute del paziente.

Qual è la prognosi per l'aneurisma cerebrale?

La prognosi dell'aneurisma cerebrale dipende da una serie di fattori diversi. Si trovano nel processo di esame diagnostico e vengono utilizzati nella scelta delle tattiche di trattamento. In generale, possiamo dire che gli aneurismi inoperabili hanno sempre una prognosi sfavorevole. Se l'aneurisma non può essere operato (a causa della sua posizione o della presenza di gravi malattie concomitanti), di solito aumenta gradualmente, i sintomi si intensificano e le condizioni del paziente peggiorano fino alla rottura. Spesso sono questi aneurismi che prima o poi diventano la causa della morte del paziente..

Tuttavia, ci sono casi in cui gli aneurismi non sono aumentati e per tutta la vita non hanno causato alcuna preoccupazione a una persona, ma stava morendo per altre malattie. Occasionalmente, ci sono casi in cui piccoli aneurismi (soprattutto congeniti) scompaiono gradualmente da soli. Tuttavia, allo stesso tempo, c'è un'alta probabilità della loro ricomparsa.

In generale, i seguenti fattori influenzano la prognosi dell'aneurisma aortico:

  • i singoli aneurismi di solito hanno una prognosi migliore di quelli multipli;
  • i piccoli aneurismi, di regola, non danno sintomi così gravi come quelli grandi e il rischio di rottura è inferiore;
  • la posizione dell'aneurisma determina la gravità dei sintomi e la complessità (o possibilità) del trattamento chirurgico;
  • con malattie congenite dei tessuti connettivi, la prognosi degli aneurismi è solitamente peggiore, poiché queste malattie sono incurabili ed è impossibile eliminare la causa dell'aneurisma;
  • malattie concomitanti (cuore, vie respiratorie, reni, fegato, ecc.) possono rendere impossibile il trattamento chirurgico e peggiorare gravemente la prognosi per il paziente;
  • i pazienti in giovane età generalmente tollerano meglio la chirurgia e la prognosi per loro è migliore;
  • l'aderenza alle prescrizioni del medico aiuta a ridurre il rischio di complicanze e migliora la prognosi per qualsiasi paziente.
Attualmente, nessuno specialista può dire in modo inequivocabile se un aneurisma si romperà o fornire una previsione accurata sull'efficacia del trattamento. Troppi fattori influenzano il decorso della malattia e non è possibile prenderli tutti in considerazione. Tuttavia, i medici cercano di rimuovere l'aneurisma il prima possibile, poiché i rischi postoperatori sono sempre inferiori al rischio di avere un aneurisma cerebrale non aperto. Pertanto, la chirurgia migliora la prognosi per quasi tutti i pazienti..

Prevenzione della formazione di aneurismi cerebrali

Tutte le misure preventive per questa malattia possono essere teoricamente divise in due gruppi: prevenzione della formazione di aneurismi e prevenzione della loro rottura. In pratica, tuttavia, queste misure di solito coincidono, poiché i fattori che influenzano questi processi coincidono. Il primo fattore a cui prestare attenzione è una predisposizione ereditaria allo sviluppo di aneurisma cerebrale. Se il paziente ha un parente di sangue con un aneurisma o è morto per un ictus, dovrebbe prestare particolare attenzione. È caratteristico che l'aneurisma praticamente non si manifesti nelle prime fasi, quindi una persona che osserva almeno alcuni sintomi di un aneurisma dovrebbe essere periodicamente esaminata da uno specialista. La migliore prevenzione è la diagnosi tempestiva della malattia e l'esame tramite MRI, tomografia computerizzata del cervello, angiografia, ecc. Altrimenti, per prevenire l'aneurisma dei vasi cerebrali, una persona deve cercare di aderire a un determinato stile di vita.

Le misure preventive più importanti sono:

  • Controllo della pressione sanguigna. I pazienti inclini all'ipertensione dovrebbero assumere farmaci per abbassare la pressione sanguigna. Se c'è un aneurisma, deve essere costantemente monitorato..
  • Smettere di fumare e bere alcolici. Il fumo e l'alcol stimolano la vasocostrizione e modificano il flusso sanguigno attraverso una varietà di meccanismi. Ciò può aumentare temporaneamente la pressione nei vasi. Inoltre, il fumo indebolisce le pareti. Le persone che smettono di fumare e bere alcolici riducono il rischio di aneurisma. Per i pazienti con aneurisma, queste misure sono obbligatorie, poiché può rompersi in qualsiasi momento..
  • Passaggio a cibi sani. Si consiglia di mangiare verdura, frutta e limitare anche il consumo di cibi fritti e grassi. L'assunzione regolare di vitamine nel corpo normalizza i processi metabolici, riduce il rischio di aterosclerosi e ipertensione.
  • Controllo dei livelli di colesterolo. Se viene rilevato un livello di colesterolo elevato, è necessario assumere farmaci speciali. Sono prescritti dal medico dopo aver esaminato il paziente. Si consiglia inoltre di ripetere regolarmente i test del colesterolo nel sangue. Ciò ridurrà la probabilità di formazione di aneurisma..
  • Sfondo emotivo favorevole. Si consiglia ai pazienti di evitare gravi situazioni stressanti causate da superlavoro, ansia intensa, risentimento o dubbio. Lo stress può aumentare notevolmente la pressione, causando la rottura di un aneurisma esistente. Lo stress cronico in una persona sana può portare alla sua formazione graduale..
  • Rifiuto dall'attività fisica. È semplicemente pericoloso per i pazienti con un aneurisma rilevato sollevare pesi, salire rapidamente le scale o anche solo correre veloce. Qualsiasi attività fisica aumenta inevitabilmente la pressione sanguigna (a causa dell'aumento della frequenza cardiaca), che rappresenta una minaccia di ictus.
Nonostante tutti i metodi di cui sopra, la prevenzione più efficace e affidabile degli ictus emorragici nell'aneurisma cerebrale è un intervento chirurgico tempestivo. Va anche notato che una persona con aneurisma cerebrale è severamente vietata dall'automedicazione. Alcuni medicinali, se usati in modo errato o irragionevole, provocano la rottura di un aneurisma. Consultare un medico prima di assumere qualsiasi farmaco (inclusa la comune aspirina, che riduce la viscosità del sangue e aumenta il rischio di sanguinamento)..

Riabilitazione dopo aneurisma cerebrale

L'aneurisma cerebrale stesso, di regola, non richiede alcuna misura di riabilitazione. Vengono discussi solo in caso di complicazioni. Come notato sopra, varie funzioni vengono spesso perse dopo un ictus emorragico. Per il loro recupero è necessario un corso di riabilitazione. La decisione di iniziare la riabilitazione dovrebbe sempre essere presa con un medico che abbia familiarità con la storia medica. A volte può essere necessaria anche la riabilitazione dopo l'intervento chirurgico per rimuovere l'aneurisma. Alcune complicanze postoperatorie assomigliano a quelle di un ictus.

Per i pazienti dopo un ictus o un intervento chirurgico, saranno utili le seguenti indicazioni di riabilitazione:

  • Trattamento per posizione. Il metodo viene utilizzato per la paralisi nelle prime fasi della riabilitazione. Gli arti con muscoli spasmodici (contratti) sono posizionati in modo tale da ridurre il carico su di essi e migliorare il metabolismo. In questo modo la paralisi scompare più velocemente. Di solito gli arti vengono posti in speciali stecche per 1 - 2 ore, fissandone la posizione.
  • Massoterapia. Può essere utilizzato per problemi neurologici (massaggio della zona cervicale-collare) per migliorare l'afflusso di sangue al cervello attraverso le arterie vertebrali. Fanno anche un massaggio rilassante degli arti per la paralisi..
  • Terapia del calore. Include applicazioni di argilla calda o ozocerite per migliorare il metabolismo e rilassare i muscoli.
Per altri tipi di compromissione funzionale, vengono utilizzati anche agopuntura, magnetoterapia, terapia con corrente elettrica o elettroforesi con farmaci rilassanti. I disturbi del linguaggio o dell'udito richiedono un contatto sociale costante. In questo caso, è importante comunicare attivamente con il paziente, nonostante i suoi problemi e difficoltà. I medici di solito suggeriscono la tattica corretta alla famiglia e agli amici del paziente. Se necessario, sono coinvolti logopedisti. I disturbi della percezione sociale e i problemi cognitivi richiedono la consultazione con uno psicologo.

Va ricordato che la riabilitazione non dovrebbe mai iniziare immediatamente dopo un ictus o un intervento chirurgico. Di solito ci vogliono diverse settimane prima che inizi. Le procedure vengono avviate con il permesso del medico curante. Qualsiasi esercizio inizia gradualmente. Ad esempio, i muscoli spasmodici non ricevono in alcun caso un carico (movimenti attivi) finché non iniziano a riprendersi. La riabilitazione in questi casi può richiedere mesi o addirittura anni. Di solito la pratica persistente dà ancora un risultato positivo..

Dai disabilità con aneurisma cerebrale??

La disabilità viene determinata dopo un esame socio-medico con l'aiuto di una valutazione approfondita della salute di una persona, utilizzando criteri approvati dal Ministero della Salute e dello Sviluppo Sociale. In ogni singolo stato, questi criteri possono differire leggermente, ma in generale sono simili..

Ci sono le seguenti condizioni necessarie per l'assegnazione di un gruppo di disabilità:

  • disturbi della salute che causano disturbi funzionali permanenti associati alla presenza di malattie, lesioni o difetti;
  • limitazione della vita (incapacità parziale o totale di una persona di muoversi in modo indipendente, studiare, lavorare, nonché comunicare, controllare il proprio comportamento);
  • necessità di assistenza sociale, riabilitazione.
Tutte queste condizioni devono sussistere per molto tempo, di solito almeno un anno. In questi casi, una persona viene riconosciuta come disabile temporaneamente (o permanentemente) e può contare sul ricevere un gruppo di disabilità.

Esistono 3 gruppi di disabilità caratterizzati dalle seguenti caratteristiche:

  • Io gruppo. Il primo gruppo di disabilità comprende le persone con il più alto grado di compromissione della funzionalità del corpo (movimento, apprendimento, comunicazione, controllo del comportamento, ecc.). Le persone con disabilità del 1 ° gruppo necessitano di una supervisione costante e di un aiuto esterno.
  • ІІ gruppo. Il secondo gruppo comprende persone che hanno disturbi funzionali minori del corpo dovuti a malattie (paralisi, difetti del cranio, ecc.) O lesioni che comportano scarsa capacità lavorativa umana.
  • ІІІ gruppo. Le persone con il terzo gruppo di disabilità hanno disturbi funzionali del corpo di moderata gravità (disorientamento, sordità, paralisi, ecc.). Queste violazioni sorgono a causa di malattie, lesioni congenite, difetti. Queste persone con disabilità possono fare il self-service senza la necessità di cure e assistenza esterne..
L'aneurisma dei vasi sanguigni nel cervello porta molto spesso a una grave disabilità. Nel valutare la capacità di lavorare, gli specialisti tengono conto del tipo di aneurisma, della sua posizione, natura, presenza, nonché della frequenza delle crisi epilettiche, dei disturbi mentali, delle caratteristiche dell'emodinamica cerebrale (circolazione sanguigna) e dell'efficacia dell'intervento medico. Vengono prese in considerazione anche le caratteristiche sociali del paziente: la sua occupazione e le condizioni di lavoro. Il trasferimento del paziente a uno o un altro gruppo di disabilità aiuta ad evitare l'aggravamento dell'aneurisma, nonché successivamente a ripristinare la capacità di lavorare.

La riabilitazione sociale e lavorativa dei pazienti con aneurisma cerebrale comprende formazione professionale, riqualificazione, selezione e orientamento professionale.


Articolo Successivo
Corda aggiuntiva del ventricolo sinistro: è pericoloso?