Perché i linfonodi sono infiammati??


Con la linfoadenopatia, le persone particolarmente impressionabili sospettano immediatamente di avere malattie terribili. Dissipare le paure e spiegare perché i linfonodi si infiammano.

Quando i linfonodi si infiammano (ingrossati), questa è linfoadenopatia. Causa preoccupazione per molti. E le persone particolarmente sensibili e impressionabili sospettano immediatamente di avere malattie terribili e persino il cancro..

Cos'è la linfa e perché è necessaria?

La linfa è un fluido che elimina le cellule morte nel corpo, così come batteri, tossine e virus..

Ci sono più di 500 ghiandole linfatiche o linfonodi nel corpo. Nel sistema, svolgono il ruolo di pompe: fanno muovere la linfa attraverso il flusso linfatico. E i linfociti (globuli bianchi protettivi) che costituiscono la linfa proteggono il sistema circolatorio e tengono lontani batteri, virus e cellule tumorali..

Dove sono i linfonodi?

Parte del corpoDove sono?
Arti superiori- ascelle,
- sui gomiti.
Capo- intorno alle orecchie,
- sotto la mascella.
Gabbia toracica- nella trachea e nei bronchi,
- vicino allo sterno,
- tra i bordi.
Collo- nella parte anteriore del collo, sia in superficie che in profondità.
Bacino- nella regione del sacro,
- l'ileo.
Arti inferiori- all'inguine, sia in superficie che in profondità,
- sotto le ginocchia.
Cavità addominale- nella zona del fegato,
- stomaco,
- organi genitali interni nelle donne.

Perché i linfonodi sono infiammati??

I linfonodi sono concentrati in gruppi in alcune parti del corpo. Ogni gruppo "serve" la sua parte del corpo. E sebbene un aumento dei linfonodi possa parlare di varie malattie formidabili (tubercolosi, HIV, SARS, malattie veneree e oncologiche), il motivo principale risiede sempre nello sviluppo della patologia nella zona per cui funziona il nodo. Quando non ci sono abbastanza linfociti per combattere gli agenti nocivi nella linfa, si moltiplicano attivamente per eliminare l'infezione. Per questo motivo, i linfonodi si ingrandiscono e si induriscono e la pelle sopra di loro diventa rossa e diventa sensibile..

Cioè, l'infiammazione dei linfonodi non è una malattia indipendente, ma piuttosto un segnale che il corpo dà quando qualcosa va storto..

A seconda di quali linfonodi sono infiammati, puoi determinare abbastanza accuratamente dove si trova il problema. Viene utilizzato dai medici per confermare determinate diagnosi..

Sintomi

Se il linfonodo è aumentato, ma la temperatura non è aumentata, nessun dolore si verifica con la pressione e le condizioni generali non sono peggiorate, allora tutto è in ordine: questo linfonodo sta solo lavorando più attivamente di altri. Passa.

È peggio se ti senti debole con la linfoadenopatia, le orecchie, la gola o la testa fanno male e la temperatura aumenta. Vai da un terapista. Se la causa dell'infiammazione è un raffreddore o un'influenza, li aiuterà a curarli o li invierà a un altro specialista. Ad esempio, dal dentista, se improvvisamente il problema è la carie. Sbarazzati della malattia all'origine e i linfonodi tornano alla normalità.

Ma ci sono momenti in cui i linfonodi infiammati causano gravi disagi e rappresentano persino un pericolo per la vita. In questo caso, devi suonare l'allarme e correre dal dottore..

Ci preoccupiamo quando:

  • debolezza generale e sensazione di malessere;
  • calore;
  • fa male alla bocca, alla gola, alle orecchie e alla testa in generale;
  • naso chiuso;
  • ha difficoltà a respirare, difficoltà a deglutire;
  • dopo due settimane i linfonodi non sono tornati al loro stato normale.

Suoniamo l'allarme quando:

  • un processo purulento iniziò nel linfonodo, a causa del quale la pelle sopra di esso divenne rossa e divenne calda;
  • i linfonodi sono infiammati in più punti contemporaneamente;
  • il nodo non si muove se ci clicchi sopra;
  • ha iperidrosi, febbre persistente, perdita di peso senza motivo.

Ma se i nodi sono infiammati e non ci sono segni di raffreddore o infezione, questo è un male. Il problema potrebbe essere una malattia autoimmune o un cancro.

Come aiutare te stesso prima di visitare il medico?

Hai già preso un appuntamento con un medico, ma vuoi in qualche modo alleviare la tua condizione ora? Ecco alcuni semplici suggerimenti:

  • Prendi un antidolorifico per abbassare la temperatura e alleviare un po 'di dolore. Meglio a base di paracetamolo. È necessario fare attenzione con l'aspirina e l'ibuprofene: non dovrebbero essere somministrati a bambini e persone che hanno problemi di coagulazione del sangue senza consultare un medico.
  • Riposati: questo ti aiuterà a far fronte alla malattia più velocemente. Se possibile, prendi un congedo per malattia o una pausa.

E ricorda: l'automedicazione fa sempre male. È meglio cercare l'aiuto di un tecnico qualificato.

Infiammazione dei linfonodi: sintomi, cause, complicanze e trattamento

Il sito fornisce informazioni di base solo a scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È necessaria una consulenza specialistica!

Cosa sono i linfonodi?

I linfonodi (linfonodi) sono organi del sistema linfatico. Agiscono come un filtro per la linfa da diversi organi e parti del corpo..

I linfonodi sono formazioni rotonde o ovali da 0,5 a 50 mm di diametro. Si trovano vicino ai vasi linfatici e sanguigni. La posizione dei linfonodi aiuta il corpo a creare una barriera contro varie infezioni e tumori..

Sono presenti linfonodi cervicali, sopraclaveari, intratoracici, ascellari, del gomito, femorali, inguinali e poplitei. Sono presenti anche linfonodi localizzati nei polmoni (broncopolmonare), nella cavità addominale (mesenterica e paraaortica), leggermente sopra l'inguinale (iliaco).

Come riconoscere in modo indipendente l'infiammazione dei linfonodi?

L'infiammazione dei linfonodi, o linfoadenite, è difficile da ignorare. Il primo segnale allarmante è un aumento dei linfonodi: un rigonfiamento nella testa, nel collo, nel bacino, ecc. Inoltre, compaiono altri sintomi: sensazioni dolorose, specialmente avvertite quando vengono premute; foche; arrossamento. A volte sono possibili infiammazione purulenta, mal di testa, debolezza generale e febbre. Un linfonodo, un gruppo di linfonodi o tutti i linfonodi contemporaneamente possono infiammarsi.

Se viene rilevato un aumento dei linfonodi, è necessario rispondere alternativamente alle seguenti domande:
1. Quanto velocemente e quanto sono aumentati i linfonodi?
2. I linfonodi sono mobili o sono in una posizione fissa?
3. Il dolore ai linfonodi è costante, si verifica solo con la pressione o è del tutto assente?
4. I linfonodi sono densi o viceversa molto morbidi?
5. Uno o più linfonodi è infiammato?

Va notato che un aumento di un linfonodo, non accompagnato da sensazioni dolorose, non è ancora motivo di preoccupazione. Forse questo linfonodo funziona semplicemente più attivamente di altri, il che ha portato a questo effetto. Questo è spesso visto nelle persone che hanno avuto un'infezione di recente. Quando il corpo si riprende completamente dalla malattia, anche il linfonodo torna alla normalità. Ma se il processo di guarigione è ritardato o il dolore appare nell'area dei linfonodi, una visita dal medico non fa ancora male.

Diagnosi medica di infiammazione dei linfonodi

In primo luogo, il medico deve esaminare attentamente il paziente e ottenere risposte a tutte le domande sopra esposte. Inoltre, il medico dovrebbe studiare la storia del paziente, ad es. scopri di cosa era malato prima e come è andata la malattia. Successivamente, viene solitamente prescritto un esame del sangue, che può aiutare a scoprire le cause della linfoadenite. Per escludere un tumore o trovare la fonte dell'infezione, il paziente viene inviato per radiografie o tomografia computerizzata (TC). Quest'ultima procedura non solo è a pagamento ma anche costosa. Ma le immagini ottenute dopo consentono al medico di vedere più chiaramente l'immagine della malattia. Ciò significa che il trattamento sarà prescritto correttamente e porterà un effetto maggiore..

Se tutti i metodi di cui sopra non hanno aiutato a fare una diagnosi accurata, è necessario condurre una biopsia dei linfonodi. Durante questa procedura, il medico preleva piccoli campioni del tessuto linfonodale, il suo contenuto ed esamina il materiale ottenuto in laboratorio. Successivamente, le possibilità di determinare la causa dell'infiammazione aumentano in modo significativo..

Come procede l'infiammazione dei linfonodi??

La linfoadenite si verifica più spesso a causa dell'ingestione di microrganismi dannosi.

Esistono due tipi di infiammazione dei linfonodi:
Linfoadenite purulenta
Questo tipo di malattia è caratterizzato da un dolore grave e costante, spesso pulsante nei linfonodi. Con l'infiammazione purulenta, i linfonodi sembrano fondersi tra loro e con altri tessuti situati nelle vicinanze. Un altro dei tratti distintivi della linfoadenite purulenta è l'immobilità dei linfonodi..

A volte si verifica una fusione purulenta, durante la quale appare una grande suppurazione sui tessuti molli. In questo caso, la pelle attorno al linfonodo e direttamente sopra di esso diventa rossa. Di conseguenza, nell'area del linfonodo appare un tumore con contorni chiari. La sua densità è diversa nelle diverse aree: da qualche parte il tumore è molto duro, da qualche parte è ammorbidito. Quando senti il ​​tumore, puoi sentire un suono caratteristico che è paragonato allo scricchiolio della neve..

La differenza tra la linfoadenite purulenta è un netto deterioramento delle condizioni generali. La temperatura di una persona aumenta, la frequenza cardiaca aumenta, si verificano mal di testa e debolezza generale.

Il pericolo di questa malattia è che può diffondersi rapidamente in tutto il corpo e causare la diffusione dell'infiammazione in tutto il corpo..

Linfoadenite non suppurativa
Questo tipo di malattia porta al paziente meno sofferenza, perché la condizione generale non cambia. Per quanto riguarda i linfonodi, sono induriti, ingranditi e mobili. Le sensazioni dolorose sorgono esclusivamente quando vengono premute.

Esistono anche due tipi di decorso della malattia:
Linfoadenite acuta (dura fino a 2 settimane).
Questo tipo di malattia è caratterizzato da un'insorgenza improvvisa. All'improvviso c'è dolore ai linfonodi, che sono aumentati notevolmente. La linfoadenite acuta è anche caratterizzata da febbre e malessere..

Linfoadenite cronica (dura oltre 1 mese).
Questa fase segue quella precedente. Quando il processo infiammatorio si attenua, la linfoadenite acuta diventa cronica. Sebbene ci siano casi di sviluppo di linfoadenite cronica senza uno stadio acuto pronunciato.

Questa condizione è caratterizzata da un aumento dei linfonodi senza sensazioni spiacevoli in essi. Non ci sono altre manifestazioni della malattia.

Se si sospetta una linfoadenite cronica, di solito vengono prescritti test citologici e istologici. Il primo ti consente di studiare le cellule del linfonodo e il secondo - i tessuti corrispondenti. Questi studi sono necessari per confermare la correttezza della diagnosi, perché la linfoadenite cronica può essere facilmente confusa con una serie di altre malattie..

Esiste una classificazione della linfoadenite in base ai tipi di fluido che appare nel sito dell'infiammazione.
Su questa base, si distinguono i seguenti tipi di linfoadenite:

  • emorragico: in questo caso, il sangue predomina nel fluido;
  • purulento: con questo tipo di malattia, il fluido contiene più pus;
  • sieroso: il sito dell'infiammazione è riempito con un liquido traslucido saturo di proteine;
  • fibroso: la composizione del fluido è dominata dalla proteina fibrina, che garantisce la coagulazione del sangue.

Cause di infiammazione dei linfonodi

Esistono due tipi di questa malattia:
1. Linfoadenite aspecifica.
La causa di questa malattia sono i processi infiammatori causati dall'ingestione di vari parassiti (stafilococco, streptococco) nel corpo. Questi microrganismi differiscono in quanto diventano pericolosi per la salute solo in determinate condizioni..
Molto spesso, la linfoadenite aspecifica è associata all'infiammazione dei linfonodi del collo, sebbene a volte sia colpito il gruppo sottomandibolare.

2. Linfoadenite specifica.
Questo è il nome dell'infiammazione che si verifica a seguito dell'esposizione al corpo di malattie infettive più gravi, come l'AIDS, la sarcoidosi, la tubercolosi, ecc. La sua differenza è che, come ogni malattia specifica, danneggerà la salute in ogni caso..

La linfoadenite aspecifica può verificarsi con le seguenti malattie:
Ascesso dei denti. Una malattia infettiva, il cui focus si trova vicino alla radice del dente. Un ascesso (ascesso) può verificarsi a causa di carie sotto-trattata, malattie gengivali o altre malattie dentali. Inoltre, un ascesso può essere causato da un trauma meccanico, a seguito del quale il dente è stato rotto o da un'infezione che è entrata nel corpo durante un'iniezione durante una procedura dentale. Questa malattia può portare allo sviluppo di infiammazione dei linfonodi sotto la mascella..
Altri sintomi: dolore a lungo termine al dente, sapore amaro in bocca, arrossamento o gonfiore delle gengive, alitosi, dolore durante la masticazione.
Allergia. La speciale sensibilità del corpo a determinate sostanze.
Altri sintomi: naso che cola, dolore agli occhi, tosse, starnuti, gonfiore.

Angina (tonsillite acuta). Una malattia acuta caratterizzata da infiammazione delle tonsille. Gli agenti causali del mal di gola sono batteri come lo stafilococco aureo, il meningococco, ecc..
Altri sintomi: mal di gola, peggioramento durante la deglutizione, gola irritata e secca, febbre; un rivestimento ben marcato bianco-giallastro o purulento sulle tonsille, sensazione di corpo estraneo durante la deglutizione, alitosi, segni di avvelenamento, mal di testa, brividi, debolezza generale.

ARVI. Malattia virale della cavità nasale, della faringe e dell'epiglottide. In questo caso, diversi gruppi di linfonodi possono aumentare contemporaneamente. Negli adulti, con infezioni virali, i linfonodi aumentano quasi sempre e l'infiammazione dei linfonodi in un bambino è solitamente così insignificante che non viene rilevata durante la palpazione.
Altri sintomi: naso che cola, tosse, mal di testa, mal di gola, vomito, debolezza generale, feci molli.

Malattia da graffio di gatto (linforeticolosi benigna). Una malattia infettiva che si verifica dopo un morso di gatto o un graffio profondo. È lei che spesso causa l'infiammazione dei linfonodi nei bambini. La malattia appare dovuta al fatto che un piccolo bacillo entra nel corpo: Bartonella. Questa malattia causa spesso infiammazione dei linfonodi ascellari. Ma può anche organizzare l'infiammazione dei linfonodi all'inguine. La malattia da graffio di gatto non si diffonde da persona a persona.
Altri sintomi: un piccolo granello con un bordo rosso, che alla fine si trasforma in una bolla; un aumento del linfonodo più vicino ad esso, che si verifica in circa una settimana; segni di avvelenamento generale; aumento della temperatura; a volte malattie concomitanti del sistema nervoso (meningite, ecc.).

Linfangite. Infiammazione dei vasi linfatici. Gli agenti causali della malattia sono streptococchi, stafilococchi, ecc..
Altri sintomi: striature rosse sulla pelle, brividi, febbre alta, gonfiore, debolezza.

Toxoplasmosi. Una malattia causata da un parassita chiamato toxoplasma. Puoi prendere il parassita attraverso il contatto con gatti, cani, conigli e altri animali domestici o predatori. Puoi anche essere infettato mangiando carne e uova che non hanno subito il trattamento termico richiesto..
Se l'infiammazione dei linfonodi nelle donne è stata causata proprio dalla toxoplasmosi, la situazione è particolarmente pericolosa e devono essere prese misure urgenti. Il fatto è che in caso di gravidanza, la malattia sarà necessariamente trasmessa al bambino. E con un tale problema, i bambini muoiono nel grembo materno o nascono con lesioni multiple del sistema nervoso, degli occhi e di altri organi..
Altri sintomi: febbre, mal di testa, nausea, vomito, convulsioni, ingrossamento del fegato e / o milza, riduzione delle prestazioni.
Tuttavia, la malattia può essere asintomatica o con sintomi parziali..
Cellulite (erisipela del tessuto adiposo). È un'infiammazione purulenta, di cui soffre il tessuto adiposo sottocutaneo. La malattia è causata da microrganismi dannosi che sono penetrati nella fibra attraverso la pelle danneggiata. Può causare infiammazione dei linfonodi del collo o della testa.
Altri sintomi: arrossamento di una vasta area della pelle, dolore nell'area dell'infiammazione, edema, brividi, febbre, aumento della sudorazione.

La linfoadenite specifica compare con le seguenti malattie:

HIV o AIDS. Una malattia virale che colpisce il sistema immunitario. Puoi essere infettato attraverso rapporti sessuali non protetti, usando strumenti medici contaminati. Inoltre, la malattia viene trasmessa da madre a figlio durante il parto e l'allattamento. Con questa malattia, i linfonodi si infiammano dietro le orecchie e nella regione occipitale. L'HIV e l'AIDS sono caratterizzati da lesioni massicce di vari gruppi di linfonodi.
Altri sintomi: febbre, debole immunità, infiammazione della pelle (orticaria), ulcere della mucosa della bocca e dei genitali, "lingua fibrosa", ecc..

Malattia di Gaucher. Una malattia ereditaria estremamente rara in cui il grasso si accumula in grandi quantità nel fegato, milza, reni e polmoni. In questo caso, si verifica l'infiammazione dei linfonodi..
Altri sintomi: strabismo, difficoltà a deglutire, spasmi laringei, demenza, lesioni ossee.

Malattia di Niemann-Pick. Anche una malattia genetica molto rara associata all'accumulo di grasso negli organi interni.
Altri sintomi: funzionalità epatica anormale, difficoltà respiratorie, ritardi nello sviluppo, malnutrizione, movimento degli occhi e coordinazione dei movimenti.

Lupus eritematoso sistemico. Malattia del tessuto connettivo in cui il sistema immunitario di una persona inizia ad attaccare le cellule sane.
Altri sintomi: un'eruzione cutanea rossa a forma di farfalla situata sulle guance e sul ponte del naso; debolezza generale; bruschi salti di temperatura; mal di testa; dolore muscolare; affaticabilità veloce.

Morbillo. Una malattia infettiva acuta trasmessa da goccioline trasportate dall'aria. Il morbillo causa spesso infiammazione dei linfonodi nell'intestino.
Altri sintomi: febbre molto alta, tosse secca, congiuntivite, naso che cola, eruzione cutanea, segni di avvelenamento generale, infiammazione delle mucose della bocca e del naso.

Leucemia (cancro del sangue). Una malattia derivante dalla mutazione delle cellule del midollo osseo. La leucemia può causare infiammazione dei linfonodi dietro l'orecchio e altri tipi di linfoadenite.
Altri sintomi: tendenza a lividi, sanguinamento frequente e infezioni, dolore alle articolazioni e alle ossa, debolezza generale, ingrossamento della milza, improvvisa perdita di peso, mancanza di appetito.

Linfoma (cancro dei linfonodi). Cancro del tessuto linfatico che colpisce molti organi interni. Il linfoma può provocare infiammazione dei linfonodi sotto il mento, così come altri tipi di linfoadenite. Questa malattia è caratterizzata da danni a molti linfonodi in diverse parti del corpo..
Altri sintomi: perdita di peso, diminuzione dell'appetito, debolezza, febbre alta.

Mononucleosi. Malattia virale acuta, che può essere contratta attraverso trasfusioni di sangue o goccioline trasportate dall'aria. Quasi tutti i gruppi di linfonodi possono essere coinvolti nel processo patologico..
Altri sintomi: vertigini, emicrania, debolezza, dolore durante la deglutizione, muco nei polmoni, febbre, infiammazione della pelle, fegato ingrossato e / o milza.

Tumore al seno. Tumore maligno della mammella. L'infiammazione dei linfonodi sotto le ascelle nelle donne può spesso indicare il cancro al seno..
Altri sintomi: noduli nelle ghiandole mammarie; Scarico dal capezzolo non associato a gravidanza o allattamento squame e ulcere nell'area del capezzolo; gonfiore o cambiamento nella forma del seno.

Artrite reumatoide. Una malattia del tessuto connettivo che colpisce le articolazioni. L'artrite reumatoide è una delle principali cause di disabilità.
Altri sintomi: gonfiore vicino alle articolazioni, un cambiamento nella loro forma, febbre locale, dolore alle articolazioni che peggiora con il movimento.

Sifilide. Una malattia venerea infettiva trasmessa non solo sessualmente, ma anche attraverso il sangue, strumenti medici e anche nella vita di tutti i giorni - attraverso spazzolini da denti, rasoi, asciugamani, ecc. La sifilide di solito causa l'infiammazione dei linfonodi inguinali..
Altri sintomi: lesioni arrossate e rossastre con ulcere localizzate su genitali, labbra, capezzoli o tonsille; danni alla pelle e alle mucose, agli organi del sistema immunitario, muscolo-scheletrico e nervoso.

Tubercolosi (lupus vulgaris). Una malattia infettiva diffusa che colpisce più comunemente i polmoni.
Altri sintomi: tosse prolungata con catarro e / o sangue, improvvisa perdita di peso, aumento della sudorazione notturna, debolezza generale, febbre.

Shankroid. Una malattia infettiva trasmessa solo attraverso il sesso. Il cancroide di solito causa l'infiammazione dei linfonodi negli uomini. nel sesso più forte, questa malattia si verifica molto più spesso.
Altri sintomi: dolore all'inguine, sanguinamento rettale, ulcere genitali.

Complicazioni di infiammazione dei linfonodi

L'infiammazione dei linfonodi dell'addome, come qualsiasi altra linfoadenite, se non trattata, può causare complicazioni. In particolare, può comparire un ascesso o un'intossicazione del sangue (sepsi).

Un ascesso è un grande accumulo di pus, sangue e tessuto morto in un unico punto. Può essere trattato con antibiotici o intervento chirurgico.

Avvelenamento del sangue: la diffusione dell'infezione in tutto il corpo attraverso i vasi sanguigni. Viene trattato con antibiotici. In assenza di trattamento, gli organi vitali iniziano rapidamente a fallire e si verifica la morte..

Quale medico devo contattare per l'infiammazione dei linfonodi?

Poiché l'infiammazione dei linfonodi può essere causata da varie malattie, il cui trattamento è di competenza di medici di diverse specialità, dovrai contattare diversi specialisti in tale condizione. Inoltre, lo specialista che deve essere contattato per l'infiammazione dei linfonodi in ogni caso dovrebbe essere selezionato in base a quale area del corpo si osserva la patologia dei linfonodi e come viene provocata.

Quindi, se i linfonodi sono infiammati nella regione sottomandibolare e prima ci sono stati interventi dentali o malattie, è necessario contattare un dentista (iscriversi), poiché questa situazione è molto probabilmente dovuta a un processo infettivo e infiammatorio nella cavità orale, prese dei denti, ecc..

Se i linfonodi all'inguine, nell'area pubica, sulle labbra di una donna sono infiammati, è necessario contattare un urologo (iscrizione) (uomini e donne) o un ginecologo (iscrizione) (donne), poiché in una tale situazione il processo infiammatorio è causato da malattie organi pelvici.

Se i linfonodi nella zona del collo sono infiammati, è necessario consultare un otorinolaringoiatra (ENT) (iscrizione), poiché in questo caso il processo infiammatorio è molto probabilmente dovuto a malattie degli organi ENT (ad esempio angina, tonsillite, faringite, sinusite, ecc.) eccetera.).

Se i linfonodi infiammati compaiono in qualsiasi altra area (ad esempio, sotto l'ascella, sulle braccia, sulle gambe, sul corpo, ecc.), Allora dovresti prima di tutto consultare un chirurgo (iscrizione) o un terapista (iscrizione)... I medici con queste qualifiche saranno in grado di condurre un esame, stabilire la causa più probabile di infiammazione dei linfonodi e quindi prescrivere un trattamento o indirizzare il paziente a un altro specialista la cui competenza include il trattamento di una sospetta malattia in una persona. In caso di infiammazione dei linfonodi di braccia, gambe o ascella, il terapista o il chirurgo può indirizzare il paziente a un oncologo (iscrizione) o uno specialista in malattie infettive (iscrizione) se le malattie sospette non sono di competenza del chirurgo o terapista. Se i linfonodi in diverse parti del corpo sono infiammati e questo è combinato con dolore alle articolazioni o eruzione cutanea persistente sulla pelle, il chirurgo o il terapista indirizzerà la persona a un reumatologo (iscrizione), poiché un tale insieme di sintomi indica la presenza di malattia reumatica (patologia autoimmune, patologia tessuto connettivo, ecc.).

Di conseguenza, in caso di infiammazione dei linfonodi, potrebbe essere necessario contattare i seguenti specialisti:

  • Terapista (per bambini - pediatra (iscriviti));
  • Chirurgo;
  • Urologo (per uomini e donne);
  • Ginecologo (per donne);
  • Dentista;
  • Otorinolaringoiatra (ORL);
  • Oncologo;
  • Infettivologo;
  • Reumatologo.

Quali studi possono prescrivere i medici per l'infiammazione dei linfonodi?

In caso di infiammazione dei linfonodi di qualsiasi localizzazione (su qualsiasi parte del corpo), il medico prescriverà sicuramente un esame del sangue generale e un esame delle urine generale, e condurrà anche un esame, la palpazione dei nodi e chiederà informazioni su malattie recenti o eventuali sensazioni, sintomi, cambiamenti insoliti, precedentemente assenti, che sono apparsi eccetera. Questi semplici studi e analisi aiuteranno il medico a navigare e comprendere la natura del processo patologico, dopodiché, se necessario, prescriveranno ulteriori esami o un regime di trattamento. Molto spesso, come metodi di esame aggiuntivi, i medici prescrivono radiografie (iscrizione) o tomografia computerizzata degli organi o delle parti del corpo desiderati.

Se i linfonodi sotto la mascella sono infiammati e nel recente passato una persona ha avuto problemi con i denti, manipolazioni dentali (ad esempio, iniezioni, installazione di impianti, estrazione dei denti, ecc.), Lesioni alla regione della mascella del viso, allora in tali situazioni il medico si limita solitamente a prescrivere un generale esame del sangue e ortopantomogramma (immagine panoramica di tutti i denti della mascella superiore e inferiore) (iscriviti). Un ortopantomogramma consente di scoprire dove nelle mascelle e nella cavità orale si trova un accumulo di pus o è localizzato un focolaio infiammatorio e un esame del sangue generale consente di valutare le condizioni generali del corpo. Pertanto, in base ai risultati di un ortopantomogramma, il medico è in grado di capire esattamente cosa è necessario fare per eliminare la causa dell'infiammazione del linfonodo. Ma il risultato di un esame del sangue generale consente di scoprire quanto è diventato sistemico il processo e se è necessario utilizzare antibiotici per la somministrazione orale e cosa.

L'infiammazione dei linfonodi sottomandibolari e cervicali si sviluppa spesso sullo sfondo di malattie infettive passate o croniche degli organi ENT (ad esempio tonsillite, faringite, tonsillite, sinusite, ecc.). In questo caso, il medico deve prescrivere un esame del sangue generale e un titolo ASL-O (iscrizione), che consentano di capire se è iniziata la diffusione sistemica del processo patologico e se è stata recentemente trasferita un'infezione streptococcica (titolo ASL-O). Inoltre, se, sullo sfondo dell'infiammazione dei linfonodi di una persona, rimangono segni di un processo infiammatorio nell'orofaringe o nel rinofaringe, il medico può prescrivere un esame del sangue per gli anticorpi contro la polmonite da Chlamydophila e la Chlamydia trachomatis (IgG, IgM, IgA), poiché questi microrganismi possono portare a infezioni croniche a lungo termine del sistema respiratorio difficili da trattare.

Quando l'infiammazione dei linfonodi del collo, della regione sottomandibolare e dietro le orecchie si sviluppa sullo sfondo o subito dopo aver subito un'infezione virale respiratoria acuta o un'influenza, il medico di solito si limita a prescrivere un esame del sangue generale e una radiografia dei seni del cranio facciale (iscrizione) o del linfonodo.

Se una persona ha infiammato i linfonodi all'inguine, sotto l'ascella, nella zona della coscia e non ci sono altri sintomi e non ci sono state malattie gravi per un mese, ma un gatto lo ha graffiato entro 10-14 giorni, allora molto probabilmente la linfangite è una manifestazione di linforeticolosi benigna (malattia da graffio di gatto). Questo infiammerà i linfonodi più vicini al sito del graffio del gatto. Il linfonodo infiammato è denso e ingrandito di dimensioni da 5 a 10 volte, e rimane tale per 1 settimana o due mesi. In una tale situazione, il medico di solito prescrive solo un emocromo completo e talvolta può essere prescritto un esame del sangue per Bartonella per confermare la diagnosi di malattia da graffio di gatto (in caso di dubbio).

Con un'infiammazione isolata dei linfonodi sullo sfondo dell'assenza di sintomi specifici, il medico può prescrivere un esame del sangue per gli anticorpi contro il toxoplasma (iscrizione), poiché la toxoplasmosi provoca linfoadenite di lunga durata e il resto può essere completamente asintomatico.

Con l'infiammazione dei linfonodi situati vicino al centro della cellulite (erisipela del grasso sottocutaneo, manifestata da arrossamento, gonfiore, dolore al fuoco, sudorazione e febbre), il medico di solito prescrive solo un esame del sangue generale e un'analisi per il titolo ASL-O. Non sono necessari altri studi con una patologia simile..

Con infiammazione persistente, ci sono vari gruppi di linfonodi, specialmente quelli situati dietro le orecchie e nella parte posteriore della testa, che si combinano con ulcere sulla mucosa della bocca e dei genitali, "lingua fibrosa", raffreddori frequenti, il medico prescrive un esame del sangue per l'HIV / AIDS (iscriviti), poiché una sintomatologia simile della natura è per questa malattia.

Quando una persona ha un'infiammazione dei linfonodi, combinata con l'accumulo di grasso nel fegato, milza, reni e polmoni, difficoltà a deglutire, ritardo dello sviluppo (demenza), movimenti oculari alterati, il medico lo invia per un ulteriore esame a un istituto medico che rileva patologie genetiche rare... E già in questo istituto medico specializzato, un genetista prescrive test specifici per fare una diagnosi, che vengono eseguiti nel laboratorio della stessa organizzazione. Con questi sintomi può essere prescritto il sequenziamento degli esoni e delle regioni pre-esone degli introni del gene GBA, nonché la determinazione dell'attività della chitotriosidasi e della beta-glucocerebrosidasi nel sangue..

Se l'infiammazione di uno qualsiasi dei linfonodi è persistente, non diminuisce nel tempo, associata a un'eruzione cutanea a forma di farfalla sul viso, livedo cutaneo (presenza di zone blu o rosse sulla pelle che formano uno schema di una maglia bizzarra), mal di testa e dolori muscolari, affaticamento, debolezza e la temperatura salta, quindi il medico indirizza un tale paziente a un reumatologo, poiché tali sintomi indicano una malattia autoimmune sistemica - lupus eritematoso sistemico. Un reumatologo o un terapista può ordinare i seguenti test per confermare la loro presunta diagnosi di lupus eritematoso:

  • Anticorpi antinucleari, IgG (anticorpi antinucleari, ANA, EIA);
  • Anticorpi IgG contro DNA a doppia elica (nativo) (anti-ds-DNA);
  • Fattore antinucleare (ANF);
  • Anticorpi ai nucleosomi;
  • Anticorpi contro la cardiolipina (IgG, IgM) (iscrizione);
  • Anticorpi contro l'antigene nucleare estraibile (ENA);
  • Componenti del complemento (C3, C4);
  • Fattore reumatoide (iscrizione);
  • proteina C-reattiva.
Se l'infiammazione dei linfonodi è combinata con dolore, gonfiore e un cambiamento nella forma delle articolazioni, il medico sospetta l'artrite reumatoide e indirizza la persona a un reumatologo, che a sua volta prescrive i seguenti test per confermare o negare questa diagnosi:
  • Anticorpi anti-cheratina Ig G (AKA);
  • Anticorpi antiphilaggrin (AFA);
  • Anticorpi contro il peptide citrullinato ciclico (ACCP);
  • Cristalli in una macchia di liquido sinoviale;
  • Fattore reumatoide;
  • Anticorpi contro la vimentina citrullinata modificata.
In una malattia infettiva acuta che assomiglia a un raffreddore a valle, chiamata mononucleosi, qualsiasi linfonodo può infiammarsi. Con la mononucleosi, oltre alla linfangite, una persona ha mal di testa, dolore durante la deglutizione, febbre, infiammazione della pelle, fegato ingrossato e milza. Se si sospetta la mononucleosi, il medico prescrive un esame del sangue generale con la preparazione obbligatoria e l'esame di uno striscio su vetro e può inoltre prescrivere un esame del sangue per gli anticorpi contro il virus Epstein-Barr (anti-EBV EA-D IgG, EBV VCA IgG, EBV VCA-IgM ), che è l'agente eziologico dell'infezione.

L'infiammazione dei linfonodi nella zona inguinale indica la presenza di una malattia infettiva degli organi genitali o urinari. In una situazione del genere, il medico prescrive un elenco di test in grado di rilevare un'infezione, tra cui:

  • Analisi del sangue per la sifilide (registrazione);
  • Analisi del cancroide;
  • Test di sangue, perdite vaginali o uno striscio dall'uretra per infezioni genitali (gonorrea (iscrizione), sifilide, ureaplasmosi (iscrizione), micoplasmosi (iscrizione), candidosi, tricomoniasi, clamidia (iscrizione), gardnerellosi, batterioidi fecali, ecc.).
I linfonodi infiammati nella parte superiore del corpo, combinati con tosse persistente persistente, sudorazione notturna, debolezza e febbre, fanno sospettare al medico che una persona abbia la tubercolosi. In questo caso, sono necessarie una radiografia del torace (registrazione) e fluorografia (registrazione), microscopia dell'espettorato, nonché determinare la presenza di micobatteri nel sangue, espettorato, lavaggi bronchiali, ecc..

Se una persona ha un'infiammazione dei linfonodi di qualsiasi localizzazione, che è combinata con una forte perdita di peso senza causa, cattiva salute generale, perdita di appetito, avversione alla carne, nonché la presenza di un tumore visibile o palpabile in qualsiasi parte del corpo, il medico riferirà la persona a un oncologo, poiché tale sintomatologia indica la presenza di una neoplasia maligna. E l'oncologo prescrive radiografie, ultrasuoni (iscrizione), risonanza magnetica o computerizzata (iscrizione) per scoprire la posizione e le dimensioni del tumore. Inoltre, l'oncologo prescrive un esame del sangue generale, un esame del sangue biochimico, un'analisi delle urine generale e un coagulogramma, che consente di valutare le condizioni generali del corpo, la sua prontezza alla terapia e la capacità di sottoporsi a intervento chirurgico, radioterapia (iscrizione) e chemioterapia (iscrizione). Inoltre, per ogni tipologia di tumore, l'oncologo può prescrivere esami specifici per monitorarne la progressione, l'efficacia del trattamento, ecc. Tuttavia, non presentiamo queste analisi specifiche, poiché questo non è l'oggetto di questo articolo..

Tutte le analisi e gli esami descritti possono essere integrati con una radiografia o anche una biopsia (registrata) del linfonodo infiammato. Di solito, una puntura del linfonodo e le radiografie delle parti del corpo vicine vengono eseguite quando si sospetta la presenza di una specifica malattia sistemica in una persona (AIDS, malattia di Gaucher, lupus eritematoso sistemico, sifilide, tubercolosi, morbillo, ecc.) O un processo tumorale (leucemia, linfoma, cancro al seno, ecc.) per rilevare cambiamenti caratteristici o cellule tumorali atipiche.

Come trattare l'infiammazione dei linfonodi?

Cosa fare con l'infiammazione dei linfonodi?

Se una persona ha la linfoadenite, un medico dovrebbe prescrivere un trattamento. Accade così che una persona stessa abbia identificato un'infiammazione dei linfonodi, ma non sa quale medico contattare. In questo caso, devi solo andare dal terapista locale che prescriverà il trattamento o scrivere un rinvio a un altro specialista.

Ma nei fine settimana e nei giorni festivi è abbastanza difficile trovare un medico. Quindi sorge la domanda: "Come rimuovere l'infiammazione dei linfonodi a casa?".

Puoi alleviare temporaneamente la condizione con l'aiuto di normali impacchi caldi. Un pezzo di tessuto pulito deve essere inumidito con acqua calda e applicato sul sito dell'infiammazione. Inoltre, è necessario monitorare attentamente che la pelle nell'area dell'infiammazione rimanga sempre pulita..

Per il dolore ai linfonodi e la febbre, dovresti prendere un analgesico da banco. Naturalmente, il riposo e il sonno adeguato saranno utili..

Infiammazione dei linfonodi: sintomi, cause, complicazioni e cosa fare? - Video

Autore: Pashkov M.K. Coordinatore del progetto sui contenuti.

Cosa fare quando il linfonodo è infiammato

Il processo infiammatorio nell'area dei linfonodi è la linfoadenite. Questa malattia è caratterizzata dalla penetrazione dell'infezione nel corpo, vale a dire nell'area del sistema linfatico. I linfonodi stessi variano per dimensioni, forma e area di localizzazione. La linfa passa attraverso di loro, liberandosi da microrganismi patogeni e cellule modificate. Cosa fare se il linfonodo è infiammato? Cosa dicono questi cambiamenti nel corpo??

Caratteristiche della struttura e funzioni principali

I linfonodi sono una barriera agli organismi patogeni e alle cellule patologicamente alterate che possono causare tumori maligni. I linfonodi contengono un gran numero di linfociti, responsabili della distruzione dei virus. Solo dopo una filtrazione completa la linfa entra nel sistema circolatorio..

Con gravi processi infettivi nel corpo, si accumula un gran numero di microrganismi patogeni. Ciò richiede che il sistema linfatico funzioni più attivamente. In questo caso, la produzione di linfociti avviene in una modalità più attiva. I linfonodi in risposta a questi cambiamenti aumentano di dimensioni e diventano dolorosi. L'automedicazione in questo caso è inaccettabile. Solo un medico può determinare la vera causa della malattia e prescrivere una terapia per eliminarla..

Cause del processo infiammatorio

L'infiammazione delle strutture linfatiche si verifica quando un'infezione o altri disturbi patologici penetrano:

  • Infezioni orali.
  • Malattie delle vie respiratorie superiori.
  • Sviluppo di tumori maligni.

La linfoadenite è specifica e non specifica. Nel primo caso, le cause dello sviluppo sono associate a malattie come la sifilide, la tubercolosi, l'AIDS, la leucemia, il morbillo, l'artrite reumatoide e la mononucleosi..

La forma non specifica della malattia è caratteristica dei disturbi patologici acuti nel corpo. Si sviluppano sullo sfondo della penetrazione di microbi patogeni nel corpo. Molto spesso ciò accade con una forma avanzata di carie, ascessi, parodontite, nonché con raffreddori e processi allergici nel corpo. Qualsiasi focolaio di putrefazione provoca l'infiammazione dei linfonodi.

Cosa dice l'area di localizzazione??

Le cause dell'infiammazione dei linfonodi possono essere determinate da un parametro come la posizione del processo patologico:

  • Sotto la mascella (morbida, mobile e dolorosa) - ascesso paratonsillare, parodontite, carie, tonsillite, morbillo o ARVI.
  • Sotto la mascella (aderente alla pelle, irregolare e indolore) - oncologia delle ghiandole salivari e della cavità orale.
  • Vicino al padiglione auricolare (separato dai tessuti adiacenti, elastico e doloroso) - carbonchio, foruncolo, otite media, infiammazione del lobo dell'orecchio.
  • Vicino al padiglione auricolare (saldato e indolore) - un processo oncologico nell'area della pelle o della regione parotide.
  • Dietro il padiglione auricolare (doloroso e sciolto) - mastoidite, otite media, suppurazione.
  • Dietro il padiglione auricolare (immobile e indolore) - metastasi o cancro della pelle.
  • Sulla parte posteriore del collo (doloroso e mobile) - malattie fungine, licheni, flemmoni o bolle.
  • Sulla parte posteriore del collo (irregolare e indolore, fuso con i tessuti) - lo sviluppo di un processo neoplastico nell'occipite.
  • Sulla parte anteriore del collo (dolorosa e leggermente elastica) - stomatite, herpes, infiammazione delle gengive, pulpite, osteomielite, tubercolosi e disfunzione tiroidea.
  • Sulla parte anteriore del collo (indolore, saldato e bitorzoluto) - lo sviluppo di tumori in bocca, labbra e ghiandola tiroidea.

Con l'infiammazione dei linfonodi solo sul collo, stiamo parlando della presenza di processi infiammatori nel collo, nella testa, nelle orecchie, nelle ossa del cranio e nelle ghiandole salivari. Cambiamenti simili nel corpo sono caratteristici dell'angina, della disfunzione tiroidea e della toxoplasmosi..

Se stiamo parlando di danni ai linfonodi in altre parti del corpo, questo potrebbe indicare la progressione di malattie come la brucellosi, il lupus eritematoso, la mononucleosi infettiva, la subsepsi e l'HIV. Con l'infiammazione delle strutture dei linfonodi nella zona inguinale, possiamo parlare dello sviluppo di malattie ginecologiche.

Sintomi

Prima viene determinata la linfoadenite, maggiori sono le possibilità di una pronta guarigione. Con una forma non specifica del processo infiammatorio, non si verifica solo un aumento dei linfonodi, ma si osserva anche dolore. Il disagio e il dolore progrediscono quando si preme sulle aree infiammate.

Con la suppurazione si sviluppano i seguenti sintomi:

  • Mal di testa e febbre.
  • Debolezza e perdita di appetito.
  • Aumento della temperatura corporea.

Con la progressione del processo infiammatorio, si osserva un aumento del dolore. Le strutture infiammate diventano più dense e i loro contorni sfocati. Il gonfiore può comparire nell'area di localizzazione del linfonodo interessato. Tra i segni più caratteristici ci sono il rossore della pelle..

In assenza di trattamento, dopo un po 'di tempo, si sviluppano un ascesso e un processo di fluttuazione, caratterizzato dalla comparsa di dolore pulsante. Inoltre, si osserva la crescita dell'ascesso e si verifica la sua apertura. Il pus, di regola, scorre all'interno, il che comporta danni ai tessuti adiacenti. Questo processo è pericoloso, poiché è irto della formazione di adenoflegmon, che è caratterizzato dall'ammorbidimento delle aree e dall'aspetto di un denso infiltrato. Quando si preme sul nodo interessato, si nota un leggero scricchiolio.

Se non vengono prese misure quando compaiono i sintomi sopra descritti, si sviluppano complicazioni, che sono accompagnate da tachicardia e febbre, nonché segni di una grave forma di intossicazione. L'appetito del paziente è completamente perso e la temperatura corporea sale a indicatori critici.

Il processo infiammatorio nell'area dei linfonodi inizia con la comparsa di dolore e ingrossamento. L'intensità dei sintomi dipende principalmente dalla forma della malattia. Nella forma acuta di linfoadenite, si verificano dolori acuti nell'area interessata. Il paziente ha malessere generale, debolezza e mal di testa. Di regola, la temperatura corporea aumenta. Con processi infiammatori non purulenti, il paziente mantiene uno stato di salute relativamente buono. Le strutture linfatiche ingrandite si ispessiscono e diventano mobili. La condizione della pelle non è disturbata, cioè non c'è iperemia.

L'infiammazione cronica dei linfonodi si sviluppa con una prolungata assenza di correzione medica o chirurgica. Molto spesso, i sintomi sono lievi. Lo sviluppo dell'esacerbazione avviene periodicamente.

Possibili complicazioni

L'infiammazione del linfonodo, indipendentemente dall'area della sua localizzazione, non è una malattia, ma una conseguenza di un processo infettivo. In assenza di una terapia farmacologica qualificata, c'è un'alta probabilità di sviluppare un ascesso o una sepsi (avvelenamento del sangue). Nel primo caso, stiamo parlando dell'accumulo di pus nell'area del linfonodo. Nel secondo caso, la diffusione dell'infezione in tutto il corpo attraverso i vasi sanguigni.

Cosa dovrebbe essere fatto

Quando compaiono capsule infiammate, è imperativo scoprire perché i linfonodi sono infiammati. È impossibile fare una diagnosi da soli. Per fare ciò, è necessario contattare un medico esperto che prescriverà una serie di test strumentali e di laboratorio. In presenza di una temperatura elevata, il medico curante può essere chiamato a casa.

Si prega di notare che è inaccettabile prendere misure per il trattamento da soli. Ciò può causare gravi complicazioni. Il riscaldamento può causare la rottura della capsula. Gli esperti consigliano di applicare un impacco fresco sulla zona interessata per ridurre il dolore..

Stabilire la diagnosi

L'infiammazione dei linfonodi assume diverse forme. Per prescrivere un trattamento efficace, è necessario prima determinare il tipo di disturbi patologici e scoprire la ragione del loro sviluppo. Per questo vengono svolte le seguenti attività di ricerca:

  • KLA e OAM - determinazione del grado del processo infiammatorio e del tipo di infezione, che è un provocatore di disturbi patologici.
  • Scansione a raggi X e TC: rilevamento di trasformazioni maligne nel corpo, nonché determinazione dell'area di localizzazione dell'infezione.
  • Biopsia: consiste nel prelevare una piccola area del contenuto della capsula. Questo metodo diagnostico è il più informativo.

Come determinare da soli l'infiammazione dei linfonodi? Per fare ciò, è sufficiente sentire attentamente l'area di tenuta. Normalmente le capsule filtranti non superano le dimensioni di 0,5-1,0 cm, devono essere visivamente invisibili e praticamente non palpabili. Anche il dolore e il disagio durante la palpazione dovrebbero essere assenti. Altrimenti, stiamo parlando dello sviluppo del processo infiammatorio nel corpo..

Misure curative

Per curare l'infiammazione dei linfonodi, è necessario prima eliminare la causa dello sviluppo di disturbi patologici nel corpo e adottare misure per correggerlo:

  • Danno fungino. Antimicotici locali prescritti o farmaci antifungini sistemici "Clotrimazolo" o "Ketoconazolo". I farmaci antibatterici antifungini sono anche ampiamente usati per trattare la candidosi, sullo sfondo del quale si verifica un aumento dei linfonodi.
  • Patologia dentale. Richiedono l'igiene della cavità orale e l'eliminazione dei focolai patologici. Per aumentare l'efficacia del trattamento ed eliminare le conseguenze delle malattie, viene prescritta la fisioterapia sotto forma di terapia laser, galvanizzazione e ultrasuoni.
  • Flora batterica. Viene prescritta una terapia antibatterica. Il farmaco viene selezionato individualmente, in base ai risultati dei test eseguiti.
  • Malattie infettive. La correzione viene eseguita utilizzando immunoglobuline specifiche. Tra i più efficaci ci sono "Cycloferon" e "Viferon". Con la natura virale della lesione, non è necessaria una terapia specifica.
  • Infezione erpetica. Viene trattato con la forma della compressa "Acyclovir".
  • Malattia oncologica. Richiede la rimozione di un tumore maligno, radioterapia o chemioterapia.

L'eliminazione della causa dell'infiammazione delle strutture linfatiche dovrebbe essere accompagnata dall'adozione di misure per alleviare le condizioni generali del paziente e prevenire lo sviluppo di varie complicanze.

Correzione dei farmaci

Per fermare il processo infiammatorio, vengono prescritti farmaci del seguente tipo:

  • FANS. Riducono la quantità di formazione di prostaglandidi nel corpo, che sono provocatori del processo infiammatorio. Con l'aiuto di farmaci antinfiammatori non steroidei, il dolore viene fermato e la febbre viene ridotta. Tra i farmaci più efficaci ci sono "Nise", "Diclofenac", "Ibuprofen" e "Nimesulide".
  • Analgesici. Alternativa a NVPS. Sono prescritti in presenza di intolleranza individuale ai farmaci antinfiammatori non steroidei. Principali analgesici: Panadol, Analgin ed Efferalgan.
  • Glucocorticosteroidi. Progettato per l'applicazione locale al linfonodo danneggiato. Prescritto nel decorso acuto del processo infiammatorio in presenza di iperemia ed edema. I farmaci "Desametasone" e "Prednisolone" vengono iniettati sotto la pelle e "Idrocortisone" viene applicato sulla pelle sotto forma di un unguento.
  • Agenti antivirali. Progettato per aumentare le funzioni protettive del corpo e sopprimere l'attività dei batteri patogeni all'interno del corpo. I farmaci più efficaci - "Kagocel", "Amiksin", "Cycloferon".
  • Farmaci antibatterici. Sono prescritti per combattere i processi infettivi nel corpo. Con la linfoadenite, i farmaci con un ampio spettro di azione sono più spesso prescritti: Fortaz, Cefixim, Tsedeks, Azitromicina.
  • Preparativi per l'azione locale. Vengono applicati sotto forma di impacchi sulle aree infiammate del sistema linfatico. Tra i più efficaci ci sono "Ichthyol" e "Heparin". Eliminano i processi stagnanti e accelerano il flusso della linfa nel sistema circolatorio.

Correzione chirurgica

In assenza dell'efficacia della terapia farmacologica o nel caso in cui ci siano gravi processi purulenti nel corpo, è necessaria un'operazione. Per questo, viene introdotta l'anestesia locale o generale, a seconda della complessità della correzione chirurgica..

La procedura viene eseguita come segue:

  • Le strutture linfatiche colpite vengono aperte. Le incisioni vengono praticate nel sito dell'infiltrato e viene eseguito il drenaggio.
  • L'essudato purulento e i tessuti molli che subiscono la necrosi vengono rimossi.
  • Viene installato un drenaggio per il deflusso del pus e viene inserito un tampone imbevuto di un medicinale antimicrobico o antisettico.
  • Le medicazioni vengono eseguite per 7-10 giorni, fino a quando la ferita inizia a guarire.

Dopo l'intervento chirurgico, viene prescritto un ciclo di antibiotici senza fallo, che elimina la probabilità di un'infezione secondaria. Il materiale biologico ottenuto durante l'operazione viene inviato all'istologia senza fallo. Questo è necessario per determinare il processo maligno nel corpo..

Se, in presenza di un processo infiammatorio, le misure terapeutiche vengono trascurate, si verifica una violazione del deflusso linfatico. Questo è irto dello sviluppo della linfostasi, che può causare una malattia come l'elefantiasi e provocare anche una diminuzione dell'ampiezza del movimento degli arti. Con l'inizio tempestivo della terapia farmacologica, la prognosi della malattia è favorevole..


Articolo Successivo
Tachicardia in un bambino: cause di palpitazioni cardiache