Quale medico dovresti contattare con l'osteocondrosi della colonna vertebrale?


L'osteocondrosi è una patologia cronica degenerativa-distrofica, durante la quale le fasi di remissione si alternano a esacerbazioni dolorose. Il suo pericolo sta nella quasi completa assenza di sintomi nella fase iniziale dello sviluppo. I pazienti lamentano dolore al collo, al torace, alla parte bassa della schiena anche con gravi danni ai dischi intervertebrali cartilaginei e alle vertebre. L'osteocondrosi in questa fase non può più essere completamente curata. I medici raccomandano un esame completo da parte di specialisti quando compare il primo fastidio alla schiena, che di solito è attribuito alla stanchezza dopo una dura giornata di lavoro o un intenso allenamento sportivo.

Che tipo di medico tratta l'osteocondrosi del rachide cervicale - un vertebrologo. In sua assenza nel personale di un istituto medico, un neurologo è impegnato in terapia. Ma prima di iniziare il trattamento, potrebbe essere necessario consultare altri medici di specializzazione ristretta per escludere patologie concomitanti. Ciò è dovuto a una varietà di sintomi dell'osteocondrosi, mascherati da manifestazioni cliniche di altre malattie..

Da quali medici vanno i pazienti

È importante sapere! I medici sono scioccati: "Esiste un rimedio efficace ed economico per l'OSTOCONDROSI". Ulteriori informazioni.

Quale medico tratta l'osteocondrosi della colonna vertebrale non è assolutamente importante per una persona con un'esacerbazione. Un improvviso dolore al collo, al petto, alla parte bassa della schiena è così penetrante che si blocca sul posto, ha paura di muoversi e provocare un nuovo attacco. In questi casi, è necessario chiamare la squadra dell'ambulanza il prima possibile. L'intensità del dolore diventa la causa della deglutizione compromessa, pertanto, gli analgesici in compresse non possono essere utilizzati per alleviarlo e gli unguenti non affrontano bene questo compito. Il medico arrivato effettuerà un'iniezione endovenosa o intramuscolare di un farmaco anestetico, valuterà le condizioni del paziente e, se necessario, lo ricovererà per la terapia in un ospedale.

Se l'osteocondrosi si sta appena sviluppando, ma i sintomi ricorrenti causano un grave disagio, non è opportuno posticipare una visita in ospedale. Quando si prende un appuntamento con un medico, le persone sono spesso guidate dalla localizzazione di sensazioni dolorose. Pertanto, è necessario diagnosticare l'osteocondrosi da medici che non sono coinvolti in terapie di patologie dell'apparato muscolo-scheletrico:

  • cardiologo. Viene trattato con dolore nella regione del cuore che assomiglia a un attacco di angina pectoris o infarto del miocardio. Di solito, questa è la manifestazione dell'osteocondrosi toracica nella fase di appiattimento dei dischi intervertebrali e un aumento della distanza tra le vertebre. Quando sporgono, le radici spinali vengono compresse, provocando il verificarsi di dolori acuti o sordi, doloranti dietro lo sterno, nel lato, nella schiena, nello spazio intercostale;
  • gastroenterologo. Anche spesso visitato da persone con osteocondrosi toracica di 2 o 3 gradi di gravità. La causa del dolore nella regione epigastrica è un disturbo di innervazione dovuto a danni alle terminazioni nervose, sviluppo di edema infiammatorio dei tessuti molli, bloccaggio dei vasi sanguigni da escrescenze ossee (osteofiti);
  • urologo, ginecologo, mammologo. Le persone con osteocondrosi lombosacrale o toracica sono spesso fatte per vedere questi medici. I dolori che sorgono nelle ghiandole mammarie o nell'addome inferiore sono considerati da loro come segni di patologie urogenitali o formazioni maligne e benigne formate. Le donne possono anche lamentarsi di una mancanza di orgasmo durante il rapporto e gli uomini di una diminuzione del desiderio sessuale. Tutti questi segni sono complicazioni dell'osteocondrosi..

Le persone con patologia cervicale soffrono di sintomi diversi. Ignari dello sviluppo dell'osteocondrosi, a quale medico rivolgersi, decidono per motivi specifici. A causa del forte aumento della pressione sanguigna, prendono un appuntamento con un cardiologo e, a causa della nausea, prendono un appuntamento con un gastroenterologo. L'acufene li porta a un otorinolaringoiatra e una diminuzione dell'acuità visiva a un oftalmologo. Compromissione della coordinazione del movimento, frequenti capogiri, insonnia ti fanno rivolgere a un neurologo, che diventa la soluzione di maggior successo. È questo medico che si occupa della terapia dell'osteocondrosi..

Qualunque sia lo specialista a cui una persona si rivolge, una malattia del profilo dovrebbe essere esclusa. Verrà eseguito l'esame a raggi X, che è il più informativo per diagnosticare la patologia del sistema muscolo-scheletrico. Qualsiasi medico, anche chi non cura l'osteocondrosi, è in grado di riconoscerla nelle immagini ottenute da vertebre deformate e dischi intervertebrali assottigliati. Il paziente arriverà comunque presto da uno specialista che si prenderà cura della terapia necessaria.

Quali medici trattano la malattia

Quale medico tratta l'osteocondrosi dipende dal livello di personale dell'ospedale. Pertanto, una persona con dolori più frequenti al collo, al torace, alla parte bassa della schiena più spesso prende un appuntamento con un terapista o un medico di famiglia. Hanno tutte le capacità di diagnosticare la patologia e, in assenza di medici di specializzazione ristretta, sono impegnati nel trattamento dell'osteocondrosi di 1 o 2 gradi di gravità. Prima di iniziare la terapia, vengono eseguiti numerosi test strumentali e di laboratorio:

  • radiografia;
  • TC o risonanza magnetica;
  • chimica del sangue.

È necessaria un'attenta diagnosi per identificare lo stadio della patologia e stabilirne la causa. Dopo il rilevamento dell'osteocondrosi, il paziente viene indirizzato per un ulteriore trattamento a uno dei seguenti specialisti:

  • vertebrologo. Questo medico è ben consapevole delle relazioni causali di tutte le patologie della colonna vertebrale con sintomi neurologici. Condurrà ulteriori studi diagnostici e, dopo averli studiati, elaborerà uno schema terapeutico, inclusi farmaci farmacologici, procedure fisioterapiche, massaggi, terapia fisica. È questo medico che tratta l'osteocondrosi cervicale, quindi, non importa quanto sia intenso il disagio al collo o alla parte posteriore della testa, dovresti contattarlo;
  • neurologo. Il vertebrologo non è sempre nello staff degli ospedali in piccoli insediamenti. In questi casi, un neurologo (neuropatologo) si occupa del trattamento di pazienti con osteocondrosi di qualsiasi localizzazione. Questo medico è impegnato nella diagnosi, terapia e prevenzione di patologie del sistema nervoso centrale e autonomo, malattie del sistema muscolo-scheletrico che influenzano il funzionamento del sistema nervoso centrale..

Anche l'OSTOCONDROSI "trascurata" può essere curata a casa! Ricorda solo di spalmarlo una volta al giorno..

A quale medico i pazienti con osteocondrosi cervicale, provocata da patologie sistemiche, dovrebbero rivolgersi a un reumatologo. La malattia può svilupparsi sullo sfondo dell'artrite cronica di qualsiasi eziologia (reumatoide, psoriasica, gottosa). Il trattamento dell'osteocondrosi viene effettuato contemporaneamente alla principale patologia che colpisce le articolazioni grandi e piccole del corpo umano.

Se ci sono sospetti sull'origine endocrina o metabolica della malattia, sarà richiesto un esame da parte di un endocrinologo. Se vengono rilevate violazioni del funzionamento delle ghiandole endocrine, lui, in parallelo con il vertebrologo o il neurologo, si occuperà della terapia del paziente.

Assistenza medica durante il trattamento e la riabilitazione

Per l'osteocondrosi cervicale, toracica, lombare, sono caratteristici vari sintomi che possono causare lo sviluppo di un'altra malattia non meno grave. In alcuni pazienti, soprattutto donne, vengono spesso rilevati disturbi neurologici. Soffrono di instabilità psico-emotiva, ansia, ansia, apatia, insonnia e talvolta depressione. Tali disturbi sono causati da informazioni sull'incurabilità dell'osteocondrosi o dalla notizia del prossimo intervento chirurgico. I pazienti richiedono la consulenza di uno psicoterapeuta o psichiatra. Il medico prescrive farmaci che stabilizzano la condizione umana: tranquillanti, antipsicotici, antidepressivi, sedativi.

Con un forte spostamento dei dischi intervertebrali o delle vertebre, il paziente può essere indirizzato a un osteopata. Il medico aiuta ad eliminare i disturbi neurologici e vascolari mediante un'azione meccanica sulla colonna vertebrale. Un osteopata tratta la patologia solo con le mani, identificando preliminarmente lo stato delle strutture danneggiate. Ripristina i dischi o le vertebre nella posizione anatomicamente corretta, esegue manipolazioni per migliorare la circolazione sanguigna nella colonna vertebrale colpita.

Dopo il sollievo dei processi infiammatori nei tessuti molli, una diminuzione della gravità delle sensazioni dolorose, inizia il periodo di riabilitazione. Gli obiettivi della terapia in questa fase sono la completa eliminazione dei sintomi e la prevenzione dei cambiamenti distruttivi e degenerativi nei dischi e nelle vertebre sani adiacenti. Il paziente viene indirizzato a un medico della riabilitazione che sviluppa una serie di misure per il recupero del paziente.

Nelle grandi cliniche mediche ci sono centri di riabilitazione dove si svolgono procedure di fisioterapia e massaggi, corsi di fisioterapia. Nelle piccole città e villaggi, il recupero del paziente può essere gestito da diversi specialisti.

Chi tratta l'osteocondrosi, quale medico conduce la riabilitazione dei pazienti:

  • riflessologo. Durante la riabilitazione, utilizza una serie di tecniche metodologiche, applicando fattori di influenza fisici non medicinali su alcune aree puntiformi della colonna vertebrale (punti di agopuntura). Di conseguenza, vengono attivati ​​processi fisiologici per migliorare la circolazione sanguigna nelle strutture del tessuto connettivo, rigenerare i tessuti molli danneggiati;
  • chiropratico. Dopo aver eseguito procedure mediche, lo specialista migliora le condizioni dell'intero sistema muscolo-scheletrico. Il chiropratico si occupa dello stretching a secco e sott'acqua della colonna vertebrale per aumentare la distanza tra le vertebre danneggiate e prevenirne lo spostamento. Allo stesso tempo, viene eliminato il pizzicamento delle terminazioni nervose, la causa principale di forti dolori penetranti;
  • massaggiatore. Conduce massaggio classico, digitopressione o coppettazione, studiando preliminarmente la diagnosi e l'anamnesi del paziente. Le procedure terapeutiche mirano ad alleviare il paziente dagli spasmi muscolari, ripristinare l'innervazione e normalizzare l'afflusso di sangue ai tessuti con sostanze nutritive e bioattive. Dopo 5-10 sedute di massaggio, il muscolo della schiena si rinforza, aiutando a mantenere le vertebre nella posizione corretta;
  • fisioterapista. La terapia laser, la magnetoterapia, la terapia UHF, la fonoforesi, l'elettroforesi vengono utilizzate attivamente nella fase di riabilitazione. Il fisioterapista sceglierà una serie di misure individualmente per ogni paziente. Le strutture di fisioterapia fanno anche applicazioni con ozocerite, paraffina, bischofite. Nel trattamento dell'osteocondrosi vengono utilizzati bagni con fango, acque minerali;
  • medico di terapia fisica. Un paziente con patologie della colonna vertebrale o delle articolazioni in fase di riabilitazione visita questo specialista. Solo una terapia fisica regolare eviterà la progressione dell'osteocondrosi. Grazie all'allenamento, il corsetto muscolare viene rafforzato, l'apporto di tessuti con sostanze nutritive, oligoelementi e minerali migliora. Il medico della terapia fisica redigerà un programma di lezione individuale, monitorerà la correttezza degli esercizi.

Chi tratta l'osteocondrosi di 3 o 4 gradi di gravità - solo un chirurgo. La terapia conservativa in questi casi è inefficace. Il chirurgo sceglie il metodo dell'operazione in base allo stadio della patologia, al grado di danno alle strutture vertebrali, alla storia del paziente. In assenza di controindicazioni, il paziente viene immediatamente preparato per un intervento chirurgico invasivo o minimamente invasivo. Le ernie discali e la decompressione del canale spinale vengono rimosse. Spesso vengono eseguite microdiscectomia, valorizzazione della puntura del disco, ricostruzione laser o sostituzione con impianto, stabilizzazione dei segmenti vertebrali.

Articoli simili

Come dimenticare i dolori articolari e l'osteocondrosi?

  • I dolori articolari limitano i tuoi movimenti e una vita appagante...
  • Sei preoccupato per il disagio, lo scricchiolio e il dolore sistematico...
  • Forse hai provato un sacco di medicine, creme e unguenti...
  • Ma a giudicare dal fatto che stai leggendo queste righe, non ti hanno aiutato molto...

Ma l'ortopedico Valentin Dikul afferma che esiste un rimedio davvero efficace per l'OSTOCONDROSI! Leggi di più >>>

Quale medico contattare

Malessere? Dolore? A quale dottore andare?

Cari pazienti!

Le statistiche mostrano che in un numero di casi (dal 10 al 30%) le visite a medici specialisti, ai quali il paziente può fissare un appuntamento da solo o venire senza appuntamento, non sono fondamentali. Cioè, una persona si è ammalata, diciamo, di stomaco e decide che ha bisogno di visitare un chirurgo. E il chirurgo, dopo aver esaminato il paziente, vede che la malattia non è il suo profilo. La persona può avere disturbi digestivi, pancreatite o un'altra condizione medica NON CHIRURGICA. Un nuovo esempio: a gennaio 86 persone, con artrite, artrosi, dermatiti e ostecondrosi, hanno fatto visita ai chirurghi del nostro policlinico ad un appuntamento fuori profilo. Naturalmente, dovrebbero ricevere cure mediche da specialisti di un altro profilo..

Conclusione: tempo sprecato per entrambi: lo specialista potrebbe usarlo per aiutare il "suo" paziente profilo e il visitatore a visitare il medico giusto.

I medici del nostro policlinico hanno preparato raccomandazioni per i residenti del Distretto Industriale allegato al GKP n. 2 al fine di ridurre al minimo il tempo ei nervi spesi e rendere la visita all'istituzione il più efficiente possibile.

Innanzitutto, puoi andare al pronto soccorso senza appuntamento, che ti indirizzerà allo specialista giusto se necessario. Quali reclami vengono ricevuti nel pronto soccorso, leggi qui: http://gp2.medicalperm.ru/informacija-dla-pacijentov/zdes-vas-primut-bez-zapisi

Motivi per contattare (registrare) un terapista

Il terapista è il primo e primario medico a cui il paziente deve rivolgersi in caso di problemi di salute. Dopo un esame dettagliato e un interrogatorio del visitatore, il medico sarà in grado di determinare a quali esami e analisi aggiuntivi inviarlo.

Il terapeuta non solo identifica le possibili malattie interne, ma propone anche un piano per il loro trattamento e quindi indirizza il paziente a medici appropriati strettamente specializzati che si specializzano in queste patologie.

Il paziente deve fissare un appuntamento con il terapista locale se presenta i seguenti sintomi:

  • Aumento della temperatura oltre 37 gradi
  • Sensazioni dolorose e disagio in qualsiasi zona del corpo
  • Mal di testa da molto tempo
  • Tosse, naso che cola, mal di gola
  • Debolezza, cattivo umore, mancanza di appetito
  • Sensazione di stanchezza dalla mattina presto

È molto importante non provare a diagnosticare te stesso da solo e non iniziare il trattamento con rimedi popolari improvvisati. Questo dovrebbe essere considerato attendibile solo da professionisti esperti. Altrimenti, puoi causare gravi danni irreparabili alla tua salute..

Come fissare un appuntamento con un terapista, puoi scoprirlo sulla pagina principale del nostro sito web: http://gp2.medicalperm.ru/informacija-dla-pacijentov/kak-zapisatsa-k-vrachu/

Vi ricordiamo che i tempi di attesa per un appuntamento con un terapista su appuntamento presso la nostra clinica sono notevolmente diminuiti rispetto allo scorso anno.

Di quali problemi hai bisogno per andare dal chirurgo

Per aiuto, il chirurgo deve essere consultato in questi casi:

  • Se ci sono state lesioni, anche l'ingresso di oggetti estranei nei tessuti o negli organi
  • In presenza di dolore locale alle articolazioni della colonna vertebrale, del ginocchio e dell'anca
  • Con infiammazione degli organi interni, tessuti molli
  • Con ernie, frequenti attacchi di dolore addominale acuto
  • Tumori (benigni e maligni)
  • Malformazioni d'organo.

I motivi per una visita urgente dal chirurgo sono:

  • Ascessi, foruncoli o altre formazioni infiammatorie purulente
  • Dolore acuto, improvviso e persistente all'addome o al torace
  • Insorgenza improvvisa di mancanza di respiro
  • Lesioni cutanee varie: tagli, ferite (con o senza sanguinamento)
  • La conseguente freddezza delle gambe (piedi e dita dei piedi), che è accompagnata da zoppia e stanchezza
  • Gonfiore, arrossamento e dolore in qualsiasi luogo, che di solito indicano un'infiammazione purulenta
  • Casi gravi di unghie incarnite e panaritium

Inoltre, se il dolore nel sito dell'infiammazione non ti consente di addormentarti per un massimo di una notte, devi andare urgentemente dal chirurgo.

Cari pazienti! Speriamo che i nostri consigli ti possano aiutare. Se hai domande, visita il nostro sito web, suggerisci argomenti che ti interessano. Se il titolo Programma educativo per il paziente è richiesto da te, continueremo a mantenerlo sul sito Web del GKP n. 2.

Come sapere quale medico contattare

Il contenuto dell'articolo

  • Come sapere quale medico contattare
  • Quale medico cura la colonna vertebrale
  • Quale medico dovrebbe curare il mal di schiena

Le principali direzioni della medicina

Ci sono molte direzioni diverse nella medicina moderna: cardiologia, oncologia, oftalmologia, gastroenterologia, ginecologia, urologia e altre. A seconda delle modalità di cura richieste, si dividono tutte in terapeutiche e chirurgiche, definendo la specializzazione dei medici. Le persone malate, di regola, prima di tutto hanno bisogno dell'aiuto di un medico generico: è questo specialista, dopo aver valutato le condizioni del paziente ei sintomi caratteristici, può trarre le prime conclusioni e prescrivere un trattamento.

Se necessario, il terapista indirizza il paziente ad altri specialisti, ad esempio un endocrinologo (se la malattia è associata a disturbi metabolici) o un chirurgo (se è necessario un intervento chirurgico). Il terapista deve essere consultato anche in caso di sintomi poco chiari, ad esempio, quando il paziente è tormentato da dolori sia all'addome che al torace e la persona ha difficoltà a dire cosa potrebbe aver causato il disagio.

La situazione è diversa per coloro che hanno bisogno di assistenza medica dopo essere stati feriti: devono recarsi al pronto soccorso nel loro luogo di residenza o ricorrere alla chiamata di un'ambulanza. Nelle grandi città, dove l'infrastruttura medica è ben sviluppata, ci sono spesso centri traumatologici specializzati, ad esempio oftalmologici (se una persona ha una lesione agli occhi) o neurologici (se c'è il rischio di danni cerebrali o gravi lesioni cerebrali traumatiche).

Consigli generali nella scelta di un medico

Quando il paziente capisce chiaramente che sta soffrendo, può chiedere aiuto direttamente a uno specialista ristretto. Ad esempio, in caso di dolore al cuore, il paziente deve visitare un cardiologo, in caso di problemi respiratori - da un pneumologo o otorinolaringoiatra, se il dolore è localizzato nelle sezioni superiori - nel naso o nella laringe. Per le malattie degli organi riproduttivi, le donne dovrebbero fissare un appuntamento con un ginecologo e gli uomini - con un andrologo.

Se le sensazioni dolorose sono associate a malattie del tratto gastrointestinale, in particolare del pancreas e dello stomaco, e sono associate all'assunzione di cibo, è necessario consultare un gastroenterologo. Tuttavia, va ricordato che il dolore addominale può essere causato da una varietà di fattori, tra cui malattie o lesioni infettive, e nelle donne - e malattie della sfera genito-urinaria. In caso di reclami sul lavoro del sistema urinario (dolore nell'area dei reni, minzione dolorosa, ecc.), È necessario consultare un urologo.

Va notato che un certo numero di specialisti in policlinici municipali accetta solo dopo aver consultato un terapeuta - dopo tutto, le malattie che vengono trattate, ad esempio, da un immunologo, endocrinologo o genetista, spesso non hanno sintomi pronunciati, inoltre, il loro decorso può essere clinicamente molto vario.

Come scegliere un chirurgo

Se il paziente richiede un intervento chirurgico e il tempo lo consente, è possibile prima chiedere consiglio a varie cliniche. Dopo aver soppesato tutti i pro ei contro, il paziente, in particolare, potrà scegliere il metodo laparoscopico, quando il chirurgo eseguirà tutte le manipolazioni praticando solo una piccola incisione.

Come scegliere un dentista

In caso di malattie dei denti e delle gengive, è necessario contattare i dentisti, tra i quali ci sono anche specialisti in diversi campi. Pertanto, i terapisti dentali preservano e mantengono la salute dentale. Chirurghi: rimuovere i denti, preparare i pazienti per l'impianto, fornire cure di emergenza per lesioni in quest'area (ad esempio, fratture della mascella) ed eseguire anche tutti gli interventi chirurgici nella cavità orale.

Un ortodontista viene consultato in caso di malocclusione o crescita anormale dei denti e con difetti estetici da essi causati. I paradontisti aiutano a risolvere i problemi gengivali e i dentisti ortopedici si occupano di vari tipi di protesi dentali.

Quale medico dovresti contattare se le tue articolazioni fanno male

Da questo articolo scoprirai: quali medici possono essere consultati se le articolazioni di braccia, gambe e altri fanno male. Come viene fatta la diagnosi, quali altri specialisti sono coinvolti nella diagnosi e nel trattamento delle malattie articolari.

L'autore dell'articolo: Stoyanova Victoria, medico della 2a categoria, capo del laboratorio presso il centro di cura e diagnosi (2015-2016).

Hai dolori articolari? Il sintomo può essere causato da numerose malattie, le più famose e comuni delle quali sono l'artrite e l'artrosi..

È impossibile fare una diagnosi corretta da solo, quindi è necessario consultare un medico che cura le malattie articolari - un artrologo.

E se non ci fosse uno specialista del genere nelle cliniche della città? A chi devo rivolgermi? Hai bisogno di vedere un terapista. Esaminerà, interrogherà il paziente, aiuterà a stabilire una diagnosi preliminare.

Successivamente il terapista ti indirizzerà da un medico che si occuperà del trattamento della malattia che ha causato il dolore articolare. Un tale specialista (ad eccezione di un artrologo) può essere:

  • reumatologo (con artrite, gotta);
  • ortopedico (per artrosi e altre patologie che si verificano con la distruzione della cartilagine, la deformazione e la mobilità articolare ridotta);
  • neuropatologo (per sintomi causati da danno, violazione, infiammazione delle terminazioni nervose).

Nel processo di diagnosi o trattamento, può essere richiesta la consultazione di specialisti correlati.

Ad esempio, con l'artrite reumatoide, anche gli organi interni (cuore, vasi sanguigni) soffrono. Pertanto, tali pazienti vengono spesso indirizzati a un cardiologo..

Quando viene indirizzato a un artrologo

Un artrologo è uno specialista ristretto e specializzato che è il primo a stabilire una diagnosi e cura anche le malattie dei tessuti e delle articolazioni periarticolari.

Tratta pazienti con patologie quali:

1) Periartrite (infiammazione dei tessuti periarticolari).

2) Borsite (infiammazione delle borse periarticolari).

3) Osteoartrosi e artrosi (distruzione cronica della cartilagine con deformazione dell'articolazione e sua esacerbazione).

4) Tendinite e tendovaginite (infiammazione dei tendini e delle guaine dei tendini (guaine che circondano i tendini)).

  • gottoso - causato dalla gotta (disturbo metabolico, in cui si verifica la deposizione di sali di acido urico nelle articolazioni);
  • reumatoide - si verifica sullo sfondo di danni ai tessuti autoimmuni (la produzione di anticorpi contro le proprie cellule);
  • reattivo - formato dopo una malattia infettiva (morbillo, rosolia, influenza, ecc.);
  • psoriasico - causato dalla psoriasi (una malattia cronica della pelle);
  • altri tipi.

6) Osteoporosi (un cambiamento nella struttura del tessuto osseo, a causa del quale perde massa, diventa fragile e fragile).

7) Spondilite anchilosante (una malattia del tessuto connettivo che si manifesta con un danno alla colonna vertebrale).

Clicca sulla foto per ingrandire

Quali sintomi dovresti contattare un artrologo con:

  • dolore costante e doloroso alle articolazioni delle braccia o delle gambe, aggravato dopo lo sforzo, verso la fine della giornata lavorativa;
  • infiammazione di una o più articolazioni contemporaneamente;
  • dolore acuto, acuto, costante o improvviso (lombalgia) che rende impossibile qualsiasi movimento alle ginocchia, al gomito e ad altre articolazioni;
  • problemi di mobilità (quando si cerca di piegare o raddrizzare, sollevare, muovere un braccio o una gamba, le articolazioni iniziano a far male, si piegano male, diventa difficile tenere oggetti piccoli e grandi nella mano);
  • la comparsa di edema o gonfiore, arrossamento delle articolazioni con un aumento della temperatura;
  • deformità, cambiamento nella forma dell'articolazione (gonfiore limitato chiaramente prominente sulla superficie, levigatura dei contorni);
  • la comparsa di dolorosa compattazione dei tessuti, scricchiolio, crepitio e altri suoni caratteristici durante il movimento.

Come un artrologo fa una diagnosi

Un artrologo formula una diagnosi sulla base di una serie di dati:

1) Sondaggio. Il medico pone domande al paziente, scoprendo la possibile causa della malattia, chiarendo con quali sintomi procede la patologia.

2) Ispezione. Il medico individua i segni caratteristici della presunta patologia. Per stabilire una diagnosi preliminare ed escludere malattie che sono simili nei sintomi alla presunta malattia, il medico può:

  • piegare-raddrizzare l'arto passivamente (senza l'aiuto del paziente);
  • toccare, premere sulle articolazioni, rivelando punti particolarmente dolorosi;
  • testare il paziente (ad esempio, fare squat, piegare un arto, ecc.).

3) Ricerca diagnostica. Per chiarire le patologie, potrebbe essere necessario:

  • radiografia;
  • RM, ecografia o TC;
  • artroscopia (esame intraarticolare minimamente invasivo);
  • puntura (estrazione) e analisi del fluido intra-articolare;
  • test per il fattore reumatoide (per confermare o escludere l'artrite reumatoide), ecc..
Diagnostica per malattie articolari. Clicca sulla foto per ingrandire

Algoritmo di azioni dell'artrologo dopo la diagnosi

Dopo che la diagnosi è stata stabilita e confermata, il medico:

  • prescrive farmaci e procedure fisioterapiche che aiuteranno ad alleviare i sintomi acuti (dolore), prevenire complicazioni o esacerbazioni della patologia;
  • monitora il processo, aggiustando il dosaggio o prescrivendo altri mezzi più efficaci, in base ai risultati degli studi di controllo (analisi, radiografia e altri);
  • fornisce raccomandazioni per aiutare a controllare il processo patologico a casa;
  • fissa la data della visita ulteriore e dell'esame.

Se la patologia richiede un monitoraggio costante (ad esempio, artrite reumatoide), il paziente:

  • mettere sulla registrazione del dispensario;
  • nominare visite di controllo ed esami 1-2 volte l'anno (a seconda delle condizioni della persona);
  • raccomandare misure terapeutiche e profilattiche (dieta, fisioterapia, terapia fisica, cure termali) che migliorano le condizioni del paziente.
Trattamento termale in Russia. Clicca sulla foto per ingrandire

Più specialisti comuni

Se non c'è un artrologo in città, quale altro medico puoi contattare per i dolori articolari? In caso di problemi di questo tipo, puoi contattare:

  1. Reumatologo.
  2. Al traumatologo-ortopedico.
  3. A un neurologo.

1. Reumatologo

Quali patologie si rivolgono a questo specialista:

  • artrite;
  • malattie sistemiche del tessuto connettivo;
  • cambiamenti patologici nei tessuti periarticolari;
  • tutte le manifestazioni di queste patologie (ad esempio, cardite - che cos'è, pleurite - che cos'è, neuropatie - che cos'è).

Devi andare da un reumatologo quando vedi:

  • ispessimento doloroso dei tessuti e dolore doloroso durante l'esercizio e il movimento;
  • gonfiore, arrossamento, aumento della temperatura locale in una o più articolazioni contemporaneamente;
  • rigidità mattutina, che si sente come "guanti stretti" sulle mani, un corsetto o una giacca attillata sul corpo (appare dopo il sonno e di solito dura da 30 minuti a un'ora);
  • limitazione della mobilità causata dal dolore (fa male piegare, piegare, muovere una gamba o un braccio, è difficile tenere oggetti in mano, prenderli dagli scaffali, pettinare);
  • dolore acuto, insopportabile e costante alle articolazioni, che si verifica di notte e si attenua leggermente nel pomeriggio;
  • evidente deformazione delle articolazioni piccole e grandi, cambiamenti nella forma delle dita delle mani o dei piedi, comparsa di noduli densi sotto la pelle nei gomiti.
Deformazione delle mani con artrite reumatoide

È importante sapere che in caso di malattie sistemiche del tessuto connettivo, le manifestazioni extra-articolari di malattie non sono rare, quindi altri specialisti (cardiologo, neuropatologo, nefrologo) sono solitamente coinvolti nel trattamento.

2. Ortopedico

L'ortopedico si occupa dei problemi del sistema muscolo-scheletrico. Se necessario, esegue protesi chirurgiche dell'articolazione. Ciò consente di ripristinare le sue funzioni e migliorare significativamente le condizioni del paziente..

Per quali malattie si rivolgono a un ortopedico-traumatologo:

  • artrosi;
  • osteocondrosi;
  • radicolite;
  • osteoporosi;
  • danno ai tessuti periarticolari (borsite - infiammazione delle borse mucose intorno all'articolazione, tendinite - infiammazione dei tendini, tendovaginite - infiammazione dei tendini e delle loro guaine, epicondilite - infiammazione degli epicondili (parti dell'osso a cui sono attaccati i muscoli), periartrite - infiammazione della capsula articolare e di altri tessuti circostanti - borse, legamenti).

Quali sintomi si riferiscono a un ortopedico-traumatologo:

  1. Mobilità ridotta nell'articolazione (è impossibile piegarsi completamente, raddrizzarsi, abdurre, sollevare un arto).
  2. Dolore articolare ricorrente o persistente che si manifesta o peggiora con lo sforzo, salendo e scendendo le scale.
  3. Dolore alla schiena acuto e lancinante che appare e peggiora a causa di movimenti improvvisi (starnuti, tosse, chinarsi).
  4. Crunch, crepitio o blocco (il paziente lamenta un breve ritardo durante il movimento o la fissazione dell'articolazione in una determinata posizione).
  5. Infiammazione, arrossamento, gonfiore dell'articolazione, comparsa di foche dolorose lungo i legamenti, i tendini, i muscoli.
  6. Evidente deformazione delle articolazioni, comparsa di zoppia, disturbi della postura.

Può essere prescritto un trattamento ortopedico per alleviare il dolore e altri sintomi:

  • corsetto speciale;
  • pneumatico;
  • bendare;
  • fermo;
  • Correttore posturale;
  • trazione (trazione della colonna vertebrale in acqua o su un apparecchio speciale).
1 - correttore posturale; 2 - ginocchiera

Altrimenti, l'ortopedico lavora con il paziente allo stesso modo degli altri medici..

3. Neuropatologo

Il trattamento del dolore alle articolazioni è spesso consigliato a un neurologo. Neurologo - specialista nel trattamento di malattie neurologiche causate da danni alle terminazioni nervose.

Clicca sulla foto per ingrandire

Con patologie articolari e osteocondrosi, i sintomi neurologici compaiono abbastanza spesso, pertanto, si fa riferimento a un neuropatologo:

  • con dolore al sito di infiammazione e lungo il nervo (ad esempio, con una lesione dell'anca, il dolore può essere dato all'articolazione del ginocchio);
  • in caso di disturbi della sensibilità (formicolio, intorpidimento, sensazione di bruciore, "pelle d'oca" strisciante);
  • con violazioni dell'attività motoria (paresi - una diminuzione della forza dei movimenti, paralisi - una completa cessazione dei movimenti delle gambe o delle braccia).

Un neurologo può aiutare con vertigini, insonnia o sonnolenza, memoria, vista, problemi di udito che appaiono a causa dell'osteocondrosi cervicale.

Quali medici di altre specialità possono partecipare alla diagnosi e al trattamento delle articolazioni

A quale medico devo rivolgermi per una diagnosi completa? Altri medici prendono parte alla diagnosi di eventuali patologie articolari:

  1. Radiologi.
  2. Diagnostici ecografici, RM, TC.
  3. Medici-assistenti di laboratorio.

Se durante l'esame, l'interrogatorio o l'esame vengono rilevate malattie concomitanti che hanno influenzato lo sviluppo della patologia articolare o possono complicare la terapia, i medici consigliano quale medico contattare per la consultazione. Gli specialisti correlati sono coinvolti nel trattamento:

  • cardiologo, nefrologo, pneumologo per manifestazioni extra-articolari dell'artrite reumatoide;
  • un ginecologo con osteoporosi postmenopausale nelle donne e un andrologo negli uomini (dopo 50 anni);
  • un neuropatologo, se la malattia si manifesta con danni alle terminazioni nervose e ridotta sensibilità, attività motoria e altri sintomi neurologici;
  • endocrinologo per diabete mellito, malattie della tiroide.

Fonti primarie di informazione, materiali scientifici sull'argomento

  • Ivashkin V. T., Sultanov V. K. Malattie delle articolazioni. Propedeutica, diagnosi differenziale, trattamento. M.: Litera, 2005.
  • Manuale del terapeuta. Shulutko B.I., ELBI-SPb, 2008.
  • Malattie diffuse del tessuto connettivo: una guida per i medici. Mazurov V.I., SPb: SpetsLit, 2009.
  • Diagnosi delle malattie reumatiche e sistemiche del tessuto connettivo. Una guida pratica. Okorokov A.N., M.: Letteratura medica.
  • Malattie reumatiche: nomenclatura, classificazione, standard di diagnosi e trattamento. Kovalenko V.N., Shuba N.M., Kiev: Katran group, 2002.

Chi cura la depressione: quale medico contattare

Se si verificano sintomi allarmanti di depressione, è importante iniziare a trattare la malattia in modo tempestivo. Gli specialisti che comprendono questo problema sono terapeuta, psicologo, psichiatra, psicoterapeuta, psicoanalista e neurologo. Ogni medico ha diversi metodi di influenza nel trattamento della patologia e fornisce assistenza con vari gradi di depressione.

Dove andare prima

Se non trattata, la depressione può causare problemi al cuore e ai vasi sanguigni. Gli episodi ripetitivi costanti di malattia tendono a ridurre l'area del cervello coinvolta nelle emozioni e nella memoria. Inoltre, la depressione può essere un sintomo di altre patologie pericolose, quindi, in caso di manifestazioni della malattia, è necessario chiedere aiuto a uno specialista.

Terapista

Se il paziente ha difficoltà a scegliere uno specialista ristretto la cui competenza include il trattamento della depressione, la prima cosa da fare è visitare un terapista. Un medico di base non è specializzato in disturbi mentali, ma è in grado di fare una diagnosi iniziale e riconoscere una forma di depressione dalla sua gravità. Inoltre, il terapeuta può inviare un esame, che confermerà o negherà la presenza di altre patologie (la loro conseguenza potrebbe essere cattivo umore e depressione).

A seconda della gravità della depressione, il medico indirizzerà il paziente a uno specialista. La terapia per una forma lieve della malattia può avvenire sotto la supervisione del terapeuta stesso. Con questo grado di gravità, non ci sono cambiamenti cardinali nell'umore del paziente, la malattia risponde bene al trattamento. In questa fase, dopo aver scoperto la causa del disturbo mentale, la malattia regredisce senza l'uso di farmaci. Se necessario, il medico prescrive sedativi e antidepressivi lievi, monitora la progressione della depressione.

Psicologo

Lo psicologo è specializzato anche nel trattamento della depressione lieve. Non è classificato come medico, in quanto potrebbe non avere una laurea in medicina. Lo psicologo non diagnostica e non prescrive pillole per la malattia. Il metodo principale di trattamento è una conversazione con un paziente, durante la quale il medico dà un atteggiamento positivo al paziente. Lo psicologo aiuta il paziente a capire cosa lo ha portato alla depressione, come uscire da questo stato. L'obiettivo della terapia è attivare le risorse interne del paziente per combattere la patologia.

Nella loro terapia, gli psicologi usano i metodi della psicoanalisi, della programmazione neurolinguistica (PNL), della meditazione, dei test psicologici. Lo specialista analizza i segni della depressione, durante la conversazione, scopre quando è iniziata la malattia, cosa l'ha preceduta, quanto dura la depressione. Lo psicologo esclude altre cause somatiche (endocrine, tumore, ecc.) Che possono causare sintomi depressivi.

Gli psicologi clinici, a loro volta, sono specializzati nella depressione che è stata innescata da altre malattie..

Psicoterapeuta

Uno psicoterapeuta è il medico di base che tratta la depressione negli adulti. Non solo prescrive ed esegue misure terapeutiche, ma fornisce anche consigli a pazienti la cui condizione non viene diagnosticata come depressione, ma si osservano solo sintomi depressivi. L'obiettivo principale del lavoro dello psicoterapeuta è identificare la causa della depressione, riconoscere gli errori di pensiero del paziente ed eliminarli, cambiare le percezioni negative in positive..

A differenza di uno psicologo, uno psicoterapeuta prescrive la terapia farmacologica. Per curare la depressione, prescrive antidepressivi di qualsiasi gruppo e tranquillanti..

Il trattamento principale per la depressione è la psicoterapia individuale, le cui aree principali sono:

  • liberazione del paziente dalla sofferenza;
  • sviluppare l'abilità di problem solving indipendente;
  • formazione di un'adeguata percezione della realtà;
  • preparazione psicologica del paziente allo stress.

La psicoterapia individuale consente di stabilire un contatto tra il paziente e il medico, stabilire rapporti di fiducia, che diventano la base per la cooperazione nella risoluzione dei problemi psicologici. Gli indubbi vantaggi di questo metodo di trattamento sono:

  • analisi di una situazione di vita separata del paziente;
  • valutazione delle sue capacità psicologiche;
  • tenendo conto delle caratteristiche individuali.

Lo svantaggio di tale terapia è l'incapacità di prevedere e risolvere situazioni in cui si verificano manifestazioni depressive come risultato delle interazioni interpersonali del paziente con gli altri. Inoltre, con tale psicoterapia, il medico non ha l'opportunità di valutare oggettivamente la situazione di vita attuale del paziente, poiché ne ha un'idea solo dalle parole del paziente..

In alcuni casi, lo psicoterapeuta consiglia la psicoterapia di gruppo di pazienti, che non sostituisce, ma integra le sessioni individuali con un medico.

Psichiatra

Uno psichiatra tratta la depressione da moderata a grave. Questo specialista lavora solo con pazienti con malattie mentali. Il concetto di trattamento per la depressione da questo medico si basa sulla comprensione che la depressione è una patologia con un disturbo mentale globale. Nella sua terapia usa metodi severi per curare la malattia; con il permesso dei parenti possono essere prescritte cure ospedaliere. Nei casi più gravi, è possibile utilizzare la terapia d'urto..

I principali metodi di trattamento psichiatrico:

  1. Trattamento farmacologico (antidepressivi SSRI, antidepressivi triciclici, nootropi).
  2. Terapia insulinica (induzione del coma ipoglicemico attraverso la somministrazione di grandi dosi di insulina, attualmente utilizzata raramente).
  3. Terapia elettroconvulsiva. Un piccolo attacco convulsivo è causato dall'esposizione del paziente a una corrente elettrica sotto la supervisione dei medici. Il paziente è sotto l'influenza di farmaci anestetici. Utilizzato quando i farmaci e altre terapie sono inefficaci.
  4. Psicoterapia razionale (trattamento mediante chiarificazione e persuasione logica).
  5. Terapia suggestiva (trattamento tramite suggestione tramite appello a emozioni, impressioni inconsce e vivide).
  6. Psicoterapia comportamentale.

Psicoanalista

Uno psicoanalista è uno specialista nel campo della psicoanalisi. Si tratta di uno psicologo o psicoterapeuta che ha ricevuto un'istruzione medica superiore e ha completato uno stage con una laurea in psichiatria. Si sottopone alla sua psicoanalisi personale con uno psicoanalista più esperto, che gli permette di avere una comprensione della terapia da parte del paziente e dello specialista. Inoltre, uno psicoanalista più esperto controlla le sessioni del futuro medico e controlla i suoi materiali..

Il trattamento della depressione con l'aiuto di uno psicoanalista ha lo scopo di identificare meccanismi di comportamento nascosti, interpretare ed elaborare i fattori del comportamento umano. L'obiettivo finale della terapia è riorientare il paziente e cambiare le posizioni di vita in modo più confortevole e soddisfacente.

Neurologo

Nei casi in cui la depressione è il risultato di disturbi neurologici (morbo di Alzheimer, condizioni post-ictus, ecc.), Un neurologo può curare la malattia. I metodi della sua influenza sono il trattamento farmacologico, non usa conversazioni psicologiche.

Quali sintomi dovresti vedere un medico

La depressione è una malattia grave che, oltre al cattivo umore prolungato, è accompagnata da una serie di altri sintomi. Questi includono:

  • pensieri oscuri e tristi;
  • bassa autostima, mancanza di fiducia in se stessi, sensazione di inutilità e inutilità;
  • umore pessimista, atteggiamento negativo verso tutto ciò che lo circonda;
  • deterioramento dell'attività mentale;
  • la comparsa di fobie, sentimenti di ansia;
  • mancanza di piacere nella vita;
  • mancanza di interesse per qualsiasi cosa.

Manifestazioni fisiche della depressione:

  1. Decelerazione della parola e dell'attività motoria rispetto al ritmo abituale.
  2. Mancanza di forza fisica per fare qualsiasi cosa, debolezza, stanchezza.
  3. Variazione del peso del paziente (più spesso si osserva una perdita di peso a causa di un deterioramento dell'appetito, meno spesso - il peso aumenta).
  4. Aumento della frequenza cardiaca.
  5. Deterioramento delle condizioni dei capelli (fragilità, opacità), unghie, la pelle diventa secca. Spesso i pazienti sperimentano una frattura monotona delle sopracciglia, che fa sembrare la persona più vecchia.
  6. Difficoltà a defecare.
  7. Dolori di origine indeterminata.
  8. Diminuzione o dissolvenza completa della libido.
  9. Violazione del ciclo mestruale nelle donne, impotenza negli uomini. I cambiamenti nel sistema nervoso centrale provocano un deterioramento della funzione riproduttiva, che può portare a una completa assenza di mestruazioni nelle donne e all'impotenza negli uomini.
  10. Disturbi del sonno (insonnia o sonnolenza). L'insonnia nella depressione è caratterizzata da risvegli precoci. Il paziente si sveglia alle 4-5 del mattino e non riesce più ad addormentarsi. Il paziente può affermare di non aver dormito durante la notte, ma altri lo hanno visto addormentato, il che indica una perdita del senso del sonno.

Per diagnosticare la depressione, i sintomi devono essere persistenti. Anche una persona sana può trascorrere una giornata a letto con la mancanza di voglia di fare qualsiasi cosa e l'umore basso. Un cambiamento delle condizioni esterne in questo caso agisce in modo curativo: una passeggiata, un cambiamento di ambiente aiuta a superare l'apatia. Se un tale stato psicologico dura più di 14 giorni e il cambiamento di scenario non contribuisce a dinamiche positive, allora stiamo parlando di depressione; c'è bisogno di visitare un medico.

Le tendenze suicide sono i segni più pericolosi del disturbo depressivo..

Il fatto che il decorso della malattia sia peggiorato è indicato dal ragionamento del paziente sull'insensatezza dell'esistenza e della morte. Una riluttanza generale ad andare avanti con la vita è caratteristica dello stadio 1 della depressione, pensieri suicidi distinti - per lo stadio 2, pianificazione del suicidio - per lo stadio 3, intenzioni - per lo stadio 4. Ognuna di queste condizioni dovrebbe essere la ragione per un appello urgente a uno psicoterapeuta..

Qual è l'aiuto psicologico

I metodi di assistenza psicologica dipendono dalla situazione di vita individuale del paziente, dalle cause della depressione, dalla gravità del decorso della malattia e dai sintomi della patologia. La scelta del metodo di terapia viene effettuata dal medico curante individualmente.

Il metodo psicoanalisi si basa sull'esame della depressione da diverse angolazioni. Come fenomeno negativo, espresso nello stato apatico e depresso del paziente, e come fattore positivo che ti fa concentrare sugli obiettivi di vita e sui desideri del paziente.

Il primo compito della psicoanalisi è stabilire la causa di un disturbo depressivo..

Per fare ciò, è necessario passare attraverso la fase di protezione psicologica, quando le risposte del paziente alle domande sono false a causa di difficoltà interne. La psicoanalisi riporta il paziente indietro nel tempo (spesso durante l'infanzia) per ritrovare la situazione che è servita da punto di partenza della malattia.

La tecnica PNL ti consente di rivelare il potenziale interiore del paziente. Il medico aiuta a identificare e realizzare i valori e le esigenze reali di una persona. La PNL non è finalizzata all'analisi e all'elaborazione di esperienze negative che si sono verificate, il suo obiettivo è un atteggiamento positivo, insegnando un nuovo modello di comportamento del paziente. Con l'aiuto della PNL, il paziente è programmato per fissare obiettivi di vita e raggiungerli.

L'allenamento autogeno basato sulle pratiche buddiste ti permette di padroneggiare la capacità di autoregolarti. Il metodo è particolarmente efficace per disturbi psicosomatici (manifestazioni corporee da depressione) e funzionali. Con la depressione con un maggiore senso di ansia e sospettosità, la situazione può peggiorare.

Come trovare un buon medico: 10 segni

Qualità del medico importanti per il successo del trattamento

Olga Kashubina medico, giornalista medico, divulgatore della scienza, autore di un canale sulla medicina

Se decidi di prenderti cura della tua salute e di andare in una clinica pubblica o in un centro medico privato, avrai bisogno non solo delle capacità di comunicazione con i medici, ma anche della capacità di distinguere un buon medico da uno non importante. Olga Kashubina condivide i segni di un vero professionista che non ha paura di fidarsi.

L'elenco dei segni di un buon medico è utile sia quando stai cercando di conoscere meglio un nuovo medico, sia per valutare la professionalità di quegli specialisti che ti osservano da molto tempo..

Forse, se non hai lamentele sul tuo medico, non ha senso controllarlo usando la lista di controllo qui sotto. Amalo per quello che è (e questo non è ironico).

Ma se sei a disagio con il dottore, ma allo stesso tempo è difficile formulare cosa esattamente non va, questi 10 punti saranno utili. Attenzione, c'è il rischio che dopo aver letto dovrai cercare un nuovo specialista!

Riferirsi al paziente come "tu"

Questa piccola cosa è la prima occasione per farsi un'idea del dottore. Ora, con lo sviluppo della medicina commerciale, che motiva a trattare il paziente più come un cliente, i medici sono sempre meno indulgenti "tu". Ma può ancora essere ascoltato sia nelle cliniche pubbliche che private, soprattutto se il paziente sembra giovane. Secondo me, "frugare" al primo incontro è una bandiera rossa: il medico aderisce ad un approccio paternalistico. Cioè, comunica con il suo reparto e non è pronto a fare i conti con la sua opinione su questioni mediche..

La capacità di ascoltare

Nel 2018, un gruppo di scienziati provenienti da Stati Uniti e Messico ha deciso di analizzare per quanto tempo un medico è disposto ad ascoltare un paziente senza interromperlo. Hanno installato telecamere negli studi medici e registrato 112 visite. Si è scoperto che, in media, dopo che il medico ha posto al paziente la domanda: "Come ti senti?" - oppure: "Di cosa ti lamenti?" - gli concede solo 11 secondi per rispondere. Quindi il medico interrompe il paziente con un'osservazione chiarificatrice o cambia la direzione della conversazione con un'altra domanda. Gli scienziati hanno notato che solo un medico su tre ha permesso al proprio reparto di esprimersi pienamente.

Ci sono molte spiegazioni per questa situazione: sia il tempo limitato di ricovero, sia la tendenza di alcuni pazienti (spesso anziani) a rimanere bloccati nei propri pensieri ea essere costantemente distratti da dettagli insignificanti. Alla fine, è con l'aiuto di brevi commenti e domande chiarificatrici durante la conversazione che il medico può dimostrarti la sua attenzione..

Ma a volte i continui tentativi del medico di interrompere il paziente sono un segno di atteggiamento condiscendente nel quadro del modello di comunicazione paternalistico. Fermandoti, il dottore sembra dire: "Capisco tutto, poi io stesso". Questo è sbagliato: i ricercatori che ho citato nelle loro scoperte hanno notato che un comportamento più paziente del medico migliorerebbe sicuramente la qualità della diagnosi, perché spesso i pazienti non possono sapere quale dei loro reclami sia il più importante, quindi li menzionano proprio alla fine..

Amore per le domande

Sicuramente almeno una volta ti sei trovato in una situazione in cui hai dovuto lasciare lo studio del medico in dubbio o confusione. Qualcosa è rimasto poco chiaro, ma non è stato possibile chiederlo. Se ti mantieni in contatto con il medico ogni tanto e non chiedi qualcosa di importante o se il medico risponde alle tue domande in modo irritato oa monosillabi, questo è un allarme..

In medicina, si applica la stessa regola della pedagogia: se uno studente o un paziente non chiede nulla dopo una lezione o un consulto, molto probabilmente non ha capito nulla. È fantastico quando il dottore conclude l'appuntamento con la frase: "E ora sono pronto ad ascoltare le tue domande". E il dottore è cattivo se non cerca in alcun modo di spiegare la situazione al paziente o gli parla nella sua lingua aviaria, composta da termini complessi. Ciò significa che o non considera il paziente un degno interlocutore, oppure lui stesso non è molto esperto nell'argomento, quindi, in questo modo, cerca di nascondere la sua insicurezza. C'è una terza, pessima opzione: semplicemente non gli importa.

Non condanna

"Tutti mentono", ha detto la famosa dottoressa della serie TV Gregory House. Questo è ciò che lo ha spinto a condurre un'intera indagine alle spalle del paziente per scoprire la vera causa della malattia. Ma perché i pazienti spesso distorcono la situazione o rispondono in modo evasivo alle domande dei medici? Ad esempio, nascondono la loro dipendenza da alcol o sono imbarazzati ad ammettere che stanno tradendo il coniuge?

Il motivo è semplice: abbiamo tutti paura del giudizio o della censura. Il medico in particolare che vedi per la prima volta nella tua vita non è da biasimare per questa paura che si è sviluppata negli anni di comunicazione con i medici. E, forse, lo ingannerai "per ogni evenienza", per non metterti in una posizione scomoda. Ad esempio, per non ricevere commenti su uno stile di vita sbagliato.

Ma un buon specialista farà di tutto per stabilire la fiducia con te nel tempo. Il tipo in cui tu, senza domande principali, sei pronto a raccontargli l'esperienza dell'uso di droghe pesanti o esperimenti domestici con la medicina alternativa (non so nemmeno quale sia il peggio). E ammetti onestamente che non sarai in grado di eseguire alcune delle sue raccomandazioni a causa della pigrizia o della mancanza di denaro.

A proposito, per quanto riguarda i soldi: è fantastico quando puoi dire al tuo medico senza esitazione che non hai l'opportunità di acquistare un medicinale costoso. Credimi, questa è una situazione del tutto normale e un buon medico ti consiglierà sicuramente un'alternativa affidabile sotto forma di un farmaco generico..

Diagnosi reali

Sfortunatamente, in Russia puoi spesso trovarti in una situazione in cui un dottore molto gentile e simpatico risulta essere uno specialista completamente analfabeta. Oppure si basa su informazioni obsolete. Oppure capisce tutto, ma preferisce dare ai pazienti diagnosi inesistenti per ricevere più soldi veri per diagnosi e cure.

Ecco un elenco delle malattie fantasma più popolari in Russia. Se li vedi sulla tua cartella clinica, corri a cercare un nuovo medico:

  • avitaminosi *
  • distonia vegetativa-vascolare / neurocircolatoria
  • ipertonicità dell'utero
  • disbiosi *
  • discinesia biliare
  • scoria del corpo
  • immunodeficienza*
  • osteocondrosi
  • ureaplasmosi, micoplasmosi, gardnerellosi
  • cellulite *
  • erosione cervicale

* In rare situazioni, tali diagnosi hanno il diritto alla vita, ma se nessuno ha fretta di ricoverarti in ospedale o non sei più in ospedale per colpa sua, molto probabilmente, non si tratta di te.

Approccio basato sull'evidenza

In questo libro, parliamo con te esclusivamente di medici classici: coloro che si sono diplomati in medicina, indossano un camice bianco, lavorano in una clinica autorizzata e nella loro pratica si affidano alle raccomandazioni di rispettabili comunità mediche (per lo più straniere). Cioè, non praticano l'omeopatia, l'ayurveda, l'agopuntura, l'irudoterapia, la bioenergetica, l'osteopatia e altri metodi di trattamento non tradizionali..

Un buon medico conosce il principale svantaggio della medicina alternativa: spreca tempo e denaro del paziente e, allo stesso tempo, raramente supera in alcun modo la medicina classica. E non sono pronto ad assumermi la responsabilità di passi in questa direzione. Allo stesso tempo - ricorda il punto quattro, sul non giudizio - puoi sempre discutere la tua visione personale del trattamento con un buon medico. Questo è importante: la medicina basata sull'evidenza non è una panacea. e se il tuo hobby per metodi non convenzionali non è in conflitto con gli appuntamenti ufficiali, puoi prendere una decisione su questo argomento da solo.

Capacità di leggere articoli scientifici

Con la parola "abilità" in questo caso intendo sia la conoscenza della lingua inglese che la capacità di analizzare le pubblicazioni. Difficilmente sarebbe opportuno chiedere direttamente al medico: "Quand'è stata l'ultima volta che ha aperto una rivista medica?" - ma questo non significa che non hai la possibilità di scoprire quanto regolarmente lo fa.

In primo luogo, un bravo dottore stesso è felice di parlare di nuove conoscenze acquisite (ovviamente, se è rilevante per il tuo caso). In secondo luogo, non è contrario a discutere la ricerca che leggi, se nelle tue abitudini cerchi in modo indipendente informazioni sulla tua salute..

Infine, se vuoi vedere un medico che blogga su Internet, fai attenzione a quali fonti cita (e se cita affatto). Se non ci sono collegamenti, è un male. Ci sono collegamenti ad articoli scientifici in russo - già qualcosa. Un'abbondanza di collegamenti a risorse straniere: sei sulla strada giusta!

Organizzazione

La medicina non è un luogo per la confusione creativa, poiché gli errori e il tempo sprecato in questo settore sono molto costosi. Le piccole cose possono diventare bandiere rosse: il fatto che il medico ti confonda con un altro paziente, si dimentica della tua visita, non riesce a trovare documenti importanti.

Siamo realistici: tutti hanno piccoli errori, soprattutto in una situazione in cui il medico ha avuto una giornata difficile. Ma se devi costantemente attendere un consulto, sebbene sia programmato per un orario specifico, se il medico nel suo insieme dà l'impressione di una persona non assemblata o è costantemente distratto da questioni non urgenti durante la comunicazione (ad esempio, sta conducendo una vivace corrispondenza su uno smartphone), pensa a cambiare uno specialista.

Riconoscimento da parte di pazienti e medici

A differenza delle recensioni false su Internet, nessun medico può fingere un buon atteggiamento da parte di pazienti e colleghi. Non è un dato di fatto che sarai in grado di accorgertene durante il primo consulto, ma se hai assistito a come altri pazienti dicono "grazie" al tuo medico e altri medici sono felici di discutere con lui di questioni professionali, probabilmente sei in buone mani. Certo, questo è un segno indiretto, ma insieme ad altre osservazioni, ci permetterà di valutare la tua scelta..

Sei calmo

Infine, nominerò una caratteristica molto importante, che in una certa misura generalizza tutto quanto sopra. Pensa alla sensazione con cui esci dalla clinica o chiudi la porta di casa dietro il medico che è stato chiamato a casa. Se dopo il consulto diventi più ansioso di prima, le ragioni possono essere due. O hai davvero affrontato una malattia molto grave e anche il miglior medico del mondo non è riuscito a mitigare l'effetto di questa notizia, oppure - cosa più comune - il dottore non è riuscito a convincerti che poteva aiutarti.

Non si tratta di alcune fantastiche promesse di far tornare la giovinezza o, al contrario, di allungare la vita di cento anni, ma di un chiaro piano d'azione. Parlare con il tuo medico dovrebbe semplificare i tuoi prossimi passi. Questa può essere una diagnosi preliminare e un elenco di esami per chiarirlo. O un elenco di medicinali che alleviano la tua condizione. O più opzioni di azione contemporaneamente, ognuna delle quali vale la pena pensare. Oppure contatta uno specialista correlato che ti aiuterà a chiarire la diagnosi.

Uno stato di completa confusione e incomprensione del significato di quanto sta accadendo sono i segni più importanti dell'incompetenza del medico curante. E se la tua guida cammina in tondo nella fitta foresta medica o si rifiuta di discutere la strada, allora è il momento di salutarlo. Fidati dell'esperienza degli invasori polacchi.

Buoni dottori nel tuo quaderno

  1. Prova a cercare su Google un medico che conosci per vedere in che modo le informazioni su di loro su Internet si riferiscono alle tue esperienze personali. Forse è così che troverai un buon servizio di raccomandazione di cui ti puoi fidare.
  2. Se i contatti di buoni medici, che tu ei tuoi parenti avete mai contattato, sono memorizzati in una forma disparata: sui biglietti da visita e nelle rubriche dei vecchi telefoni, raccoglili in un unico documento e salvali in formato elettronico. Assicurati di inserire in tale database non solo il cognome, ma anche il nome e il patronimico del medico, questo ti farà risparmiare tempo quando devi chiamarlo.
  3. Se uno dei tuoi amici o parenti condivide le sue impressioni sull'andare dal medico e parla calorosamente dello specialista, non essere troppo pigro per chiedere immediatamente il suo contatto. Tali informazioni tendono a essere dimenticate e perse..

Le informazioni sul sito sono solo di riferimento e non sono una raccomandazione per l'autodiagnosi e il trattamento. Per domande mediche, assicurati di consultare un medico.


Articolo Successivo
Calcio antagonisti - meccanismo d'azione, elenco dei farmaci