Preparazione per l'angiografia coronarica: cosa fare prima dell'esame?


La preparazione per l'angiografia coronarica è finalizzata ad un efficace esame radiopaco dei vasi coronarici del cuore. La fase preparatoria non è solo la prontezza di attrezzature e strumenti, ma anche il morale del paziente.

Sull'angiografia coronarica

L'angiografia coronarica aiuta ad ottenere un'immagine chiara delle condizioni delle arterie e dei loro rami. Il medico parlerà di come viene effettuato questo esame, cosa ti aspetta e quali rischi sono associati alla procedura se hai indicazioni per l'angiografia coronarica. Il medico ti informerà anche sul costo dello studio, che di solito dipende dalla durata della degenza ospedaliera e dal livello dell'ospedale. Ti offriamo di conoscere i prezzi per l'angiografia coronarica qui.

A volte un esame coronarico viene eseguito urgentemente per motivi di salute, ma più spesso viene eseguito di routine e si ha abbastanza tempo per prepararsi. Il giorno prima, il medico ti fornirà istruzioni dettagliate e ti spiegherà quali farmaci assumere. Inoltre, prima dell'angiografia coronarica, vengono prescritti un ECG e un'ecografia del cuore.

Il paziente non è sempre ricoverato per esame: se non ci sono controindicazioni, viene eseguita un'angiografia coronarica ambulatoriale. In questo caso, il paziente può tornare a casa poche ore dopo la procedura..

Come preparare?

Le raccomandazioni del medico generale per le procedure di angiografia coronarica includono quanto segue:

  • Non mangiare o bere nulla dopo cena la sera prima. Gli esami intravascolari vengono eseguiti a stomaco vuoto per evitare il vomito.
  • Porta con te in clinica tutti i farmaci che prendi costantemente. Chiedi al tuo medico di prendere le medicine mattutine (prima dell'intervento).
  • A causa dello stress sui reni, si consiglia di bere più liquidi nei giorni precedenti la procedura.
  • Se hai il diabete, chiedi al tuo medico se dovresti assumere insulina o altri farmaci in compresse (prima di iniziare).

Preparazione il giorno dello studio

Lo studio viene eseguito in sala operatoria angiografica. Vieni in clinica domattina. La preparazione per l'angiografia coronarica inizia con un consulto con un cardiologo. Il medico esaminerà prima la tua storia medica, comprese eventuali reazioni allergiche e eventuali farmaci che stai assumendo. Sarai esaminato prima della procedura, la tua pressione sanguigna e il tuo polso saranno misurati. Un cardiologo esperto valuterà necessariamente le controindicazioni e i rischi prima di indirizzare un paziente con bradicardia, febbre o pressione per questo studio. Ti verrà quindi trasformato in un camice da ospedale e ti verrà chiesto di rimuovere le lenti a contatto, gli occhiali, i gioielli, la protesi. Segue la procedura stessa dell'esame radiografico con mezzo di contrasto, di cui potete leggere il video cliccando sul link.

Angiografia coronarica (angiografia coronarica) - tipi, indicazioni e controindicazioni, preparazione e condotta, possibili complicazioni, revisioni e prezzo della procedura

Il sito fornisce informazioni di base solo a scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È necessaria una consulenza specialistica!

L'angiografia coronarica è una manipolazione diagnostica per studiare il lume dei vasi cardiaci che forniscono sangue al miocardio. Lo studio consente di scoprire il grado di restringimento dei vasi coronarici e valutare la gravità della malattia coronarica. Durante l'angiografia coronarica, le arterie cardiache vengono prima riempite con uno speciale agente di contrasto (urografin), dopo di che il medico esegue una serie di raggi X. Quindi, secondo le immagini, vengono studiate le condizioni e il grado di restringimento dei vasi coronarici e viene presa una decisione sulla necessità di un trattamento chirurgico, ad esempio, stent o bypass aortocoronarico..

È l'angiografia coronarica che consente di determinare il tipo ottimale di trattamento per la malattia coronarica: bypass, stent o terapia farmacologica. Durante l'angiografia coronarica, è possibile eseguire anche l'ecografia della parete interna dei vasi sanguigni, la termografia e anche il gradiente di pressione e la riserva di flusso sanguigno.

L'angiografia coronarica, se eseguita correttamente, è una procedura sicura con complicanze in meno dell'1% dei casi..

Ciò che è anche chiamato angiografia coronarica?

Il termine "angiografia coronarica" ​​consiste di due parole: coronarica e grafia. Dove "coronarico" è il nome dei vasi che portano il sangue direttamente al muscolo cardiaco - il miocardio. E "grafia" è il nome generico per tutti gli studi a raggi X. Pertanto, il significato generale del termine "angiografia coronarica" ​​è un esame a raggi X dei vasi del cuore. Pertanto, nomi di manipolazione come "angiografia coronarica dei vasi sanguigni" o "angiografia coronarica dei vasi cardiaci" sono, in effetti, un ritornello, una ripetizione o una traduzione del significato del termine.

Per fare riferimento a questa manipolazione diagnostica, vengono spesso utilizzati i termini angiografia angiocoronarica, angiografia coronarica o angiografia coronarica..

Cos'è l'angiografia coronarica?

L'angiografia coronarica è una registrazione video di un'immagine a raggi X dei vasi sanguigni del cuore mentre sono riempiti con un mezzo di contrasto, che consente di vedere chiaramente il lume e la parete interna delle arterie.

Il contrasto è necessario in modo che i vasi sulla registrazione radiografica siano chiari, chiaramente visibili e accessibili per lo studio. L'agente di contrasto riempie il lume del vaso cavo e lo rende così chiaramente visibile sulla pellicola radiografica. È a causa della proprietà di dare contrasto alle immagini che la sostanza è chiamata radiopaca. Attualmente, la soluzione di urografina viene utilizzata come sostanza radiopaca per l'angiografia coronarica.

La tecnica di ricerca è semplice: in primo luogo, un mezzo di contrasto viene iniettato nei vasi coronarici, dopodiché la loro immagine viene registrata su pellicola a raggi X. Al giorno d'oggi, la pellicola viene spesso sostituita con i dischi del computer, registrando l'immagine dei vasi del cuore su di essi. La qualità dell'immagine su supporti digitali e film è la stessa, quindi qualsiasi metodo può essere utilizzato a seconda delle preferenze personali del medico e dell'attrezzatura tecnica dell'istituto medico.

Dopo aver completato la registrazione, viene esaminata attentamente. Dal modo in cui l'agente di contrasto riempie i vasi, si può capire quanto sono ristretti, quali sono i difetti (ad esempio, lacerazione della parete o trombo), come si è sviluppato il ponte cardiaco, ecc. Tutti questi parametri sono riassunti e consentono di chiarire il grado di cardiopatia ischemica, nonché di determinare l'opzione di trattamento ottimale (chirurgica o conservativa).

Tipi di angiografia coronarica

A seconda del volume dei vasi esaminati, l'angiografia coronarica si divide in due tipologie:
1. Angiografia coronarica generale;
2. Angiografia coronarica selettiva.

Inoltre, grazie allo sviluppo della tecnologia, è ora possibile eseguire l'angiografia coronarica non con l'aiuto di un tradizionale apparato a raggi X e l'introduzione del contrasto nei vasi, ma con l'uso di un tomografo computerizzato. Questa procedura è chiamata tomografia computerizzata multistrato dei vasi coronarici, o per angiografia coronarica MSCT corta o angiografia coronarica TC.

Considera una breve descrizione e le caratteristiche distintive di tutti i tipi di angiografia coronarica.

Angiografia coronarica generale

Angiografia coronarica selettiva

L'angiografia coronarica selettiva è una modifica dell'angiografia coronarica generale, in cui viene eseguito uno studio mirato dello stato di uno o più vasi del cuore. Per la produzione di angiografia coronarica selettiva, il catetere è posizionato in modo che il contrasto possa riempire molto rapidamente il vaso in esame. Quindi viene fornito un mezzo di contrasto e vengono immediatamente eseguiti i raggi X a una velocità di 2-6 pezzi al secondo. È ottimale scattare foto su widescreen o su pellicola, perché è su di esse che si ottengono immagini di ottima qualità, consentendo la più completa e corretta interpretazione del risultato. L'angiografia coronarica selettiva viene eseguita rapidamente e allo stesso tempo utilizza una piccola quantità di mezzo di contrasto, che consente di applicare il metodo più volte in un breve periodo di tempo in diverse proiezioni.

Gli svantaggi dell'angiografia coronarica selettiva includono la necessità di cambiare le sonde durante lo studio e un rischio più elevato di fibrillazione atriale. Inoltre, per eseguire uno studio diagnostico, sono necessarie speciali apparecchiature a raggi X per le riprese o riprese rapide a raffica in time-lapse, nonché sonde, che sono sufficienti solo per 6-8 manipolazioni..

MSCT - angiografia coronarica (angiografia coronarica TC, angiografia coronarica computerizzata)

Per lo studio, i vasi del cuore vengono prima riempiti con un mezzo di contrasto (composti di iodio), dopodiché la persona viene posta sotto un tomografo per ottenere un'immagine tridimensionale del cuore. Questa procedura è molto semplice e veloce, non richiede il ricovero e facilita notevolmente la diagnosi dello stato dei vasi nella malattia coronarica. Pertanto, l'angiografia coronarica MSCT compete con successo con l'angiografia coronarica tradizionale ed è un'ottima alternativa..
L'angiografia coronarica MSCT presenta i seguenti vantaggi rispetto all'angiografia coronarica tradizionale:

  • Minima invasività;
  • La capacità di condurre un esame in un policlinico senza ricovero di una persona in un ospedale;
  • Minor rischio di complicanze;
  • La capacità di identificare la stenosi dei vasi del cuore;
  • La capacità di scoprire il tipo di placche aterosclerotiche (morbide o calcificate);
  • Capacità di valutare la condizione di shunt e stent inseriti durante interventi di cardiochirurgia;
  • La capacità di esaminare il cuore da qualsiasi posizione grazie all'immagine 3D.

Indicazioni per l'angiografia coronarica

Sospetta cardiopatia ischemica in assenza di sintomi clinici

Dolore toracico atipico

Angina instabile e sospetto infarto miocardico acuto

Ricorrenza di angina dopo innesto di bypass coronarico o stent

Sospetto infarto miocardico acuto

Condizioni per le quali è raccomandata l'angiografia coronarica

Angiografia coronarica - controindicazioni

Non ci sono controindicazioni assolute a nessun tipo di angiografia coronarica, quindi, in teoria, lo studio può essere eseguito da qualsiasi persona. Tuttavia, la procedura diagnostica deve essere posticipata fino a quando la condizione non si normalizza in presenza delle seguenti malattie:

  • Aritmia ventricolare incontrollata (l'angiografia coronarica può essere eseguita solo dopo che l'aritmia è diventata controllata);
  • Intossicazione da glicosidi cardiaci;
  • Ipopotassiemia incontrollata (bassi livelli di potassio nel sangue);
  • Ipertensione incontrollata;
  • Aumento della temperatura corporea;
  • Endocardite infettiva;
  • Patologia della coagulazione del sangue;
  • Insufficienza cardiaca scompensata;
  • Allergia all'urografin o allo iodio;
  • Grave insufficienza renale;
  • Gravi malattie degli organi interni.

Le malattie elencate sono controindicazioni relative, in presenza delle quali l'angiografia coronarica non è raccomandata. In una tale situazione, è necessario prima eliminare la patologia o stabilizzare la condizione e solo dopo eseguire l'angiografia coronarica.

Le persone che soffrono di varie malattie gravi dovrebbero essere sottoposte ad angiografia coronarica con monitoraggio simultaneo dei parametri emodinamici e registrazione ECG. Dopo una manipolazione diagnostica riuscita, è necessario continuare a monitorare l'ECG e i parametri emodinamici durante il giorno.

Preparazione per l'angiografia coronarica

Per prepararsi all'angiografia coronarica, una persona deve superare i seguenti test e sottoporsi a esami:

  • Analisi del sangue generale (numero di leucociti, eritrociti, piastrine, formula dei leucociti, ESR, concentrazione di emoglobina);
  • Analisi del sangue biochimica (ASAT, ALAT, CPK, creatinina, urea, glucosio, bilirubina);
  • Gruppo sanguigno e fattore Rh;
  • Coagulogramma (APTT, TV, PTI, INR, fibrinogeno);
  • ECG in tutte e 12 le derivazioni;
  • Prova di carico (cicloergometria o prova su tapis roulant);
  • Ecografia da sforzo;
  • Scintigrafia miocardica a riposo e durante l'esercizio;
  • Ecografia cardiaca.

Inoltre, per prepararsi all'angiografia coronarica, è necessario curare infezioni e raffreddori, nonché stabilizzare patologie croniche in modo che le loro manifestazioni siano controllate dall'assunzione di farmaci..

Alla vigilia dell'angiografia coronarica, è necessario limitare l'assunzione di cibo e radere la parte del corpo in cui verrà eseguita la puntura dell'arteria. Poiché molto spesso la puntura viene eseguita nell'arteria femorale, è necessario radere bene il pube e soprattutto la piega inguinale destra..

Angiografia coronarica: come viene eseguito lo studio

Per l'angiografia coronarica, una persona viene ricoverata in un ospedale specializzato per il trattamento delle malattie cardiovascolari. Dopo aver effettuato i test e preparato il giorno dell'angiografia coronarica, la persona viene portata nella sala operatoria dei raggi X, la stanza in cui verrà eseguito lo studio. Nella sala operatoria a raggi X, i sedativi e gli antistaminici vengono prima iniettati per via endovenosa, dopodiché vengono applicati gli elettrodi per monitorare l'ECG su braccia e gambe.

Quindi il sito di puntura della vena attraverso cui verrà inserito il catetere viene trattato con antisettici, imbrattato con iodio e coperto con biancheria sterile. Il punto in cui viene perforato il vaso sanguigno e da dove il catetere avanzerà alle arterie coronarie può essere diverso. Si chiama accesso all'angiografia coronarica. Attualmente, gli specialisti possono perforare i seguenti vasi per l'angiografia coronarica:

  • Arteria femorale (accesso femorale);
  • Arteria ascellare (accesso ascellare);
  • Arteria brachiale (accesso brachiale);
  • Arteria radiale (approccio radiale).

La scelta del sito di puntura dell'arteria per l'angiografia coronarica viene effettuata dal medico e dipende dai materiali e dai dispositivi disponibili, nonché dalle sue preferenze personali. Non aver paura che un medico esegua una puntura dell'arteria femorale per l'angiografia coronarica e un altro, ad esempio, l'arteria brachiale, poiché ciò non indica la mancanza di professionalità di nessuno di loro. Semplicemente, grazie a diverse tecniche, ognuno può scegliere il metodo che può eseguire nel modo più accurato possibile con il minimo rischio di complicazioni..

Molto spesso, i medici inseriscono il catetere attraverso l'arteria femorale (accesso femorale), perché questo è il metodo più semplice e sicuro. Tuttavia, se una persona soffre di aterosclerosi dei vasi degli arti inferiori, viene inserito un catetere per angiografia coronarica attraverso le arterie brachiali, ascellari o radiali..

Dopo aver selezionato un'arteria per l'accesso, l'anestesia locale viene eseguita su quest'area dei tessuti molli e un vaso sanguigno viene perforato con un ago speciale. Uno speciale tubo cavo chiamato filo guida viene quindi inserito nell'ago di puntura e ha un diametro compreso tra 0,035 e 0,038 pollici. Questo filo guida manterrà il vaso aperto e fungerà da passaggio iniziale denso attraverso il quale sarà facile inserire il catetere e farlo avanzare alle arterie stesse del cuore..

Dopo aver inserito il filo guida, l'ago di puntura viene rimosso dalla vena. Per prevenire la coagulazione del sangue e la formazione di un coagulo di sangue, che può bloccare l'apertura della vena perforata, l'eparina viene iniettata per via endovenosa e l'intero sistema viene costantemente lavato con soluzione salina eparinizzata.

Successivamente, un catetere sottile e flessibile (un lungo tubo cavo) viene inserito nel vaso attraverso un filo guida, che viene fatto avanzare attraverso le arterie e le vene sotto controllo ecografico. Il catetere viene portato ai vasi fino al punto di attacco dell'aorta al bulbo cardiaco. Da questo momento, iniziano a misurare costantemente la pressione sanguigna e fanno avanzare con attenzione il catetere attraverso l'aorta ulteriormente, nella bocca delle arterie cardiache. Quando il catetere entra nelle arterie del cuore, il suo avanzamento viene interrotto.

Quindi, con una speciale siringa in grado di iniettare una soluzione sotto forte pressione, si versa un mezzo di contrasto nell'apertura iniziale del catetere, che si trova a livello del filo guida. Il contrasto si sposta rapidamente lungo il catetere fino alle arterie cardiache e inizia a riempirle. Pochi secondi dopo che il contrasto è stato iniettato, il medico esegue una serie di radiografie fotografiche o registra su videocassetta a raggi X. In questo caso, viene scattata una foto o un video in varie posizioni, in modo che in seguito sia possibile esaminare più a fondo i vasi del cuore, identificare la patologia esistente e determinarne il tipo.

Durante lo scatto di fotografie, il medico cerca di visualizzare separatamente le arterie coronarie destra e sinistra, che forniscono sangue a diverse parti del cuore. Inoltre, è necessario determinare il tipo di afflusso di sangue a tutto il cuore, che può essere destro o sinistro, a seconda di quale arteria forma il ramo postero-discendente. Se il ramo è formato dall'arteria coronaria destra, allora c'è un giusto tipo di afflusso di sangue al cuore, che è fisso in circa l'80% delle persone. Di conseguenza, se il ramo discendente posteriore è formato dall'arteria coronaria sinistra del cuore, allora c'è un tipo di afflusso di sangue sinistro, che è registrato nel 10% delle persone. Inoltre, il ramo discendente posteriore può formarsi dalle arterie coronarie destra e sinistra, formando il cosiddetto tipo di afflusso di sangue misto o bilanciato al cuore, che è registrato nel 10% delle persone.

Dopo aver acquisito una serie di immagini, l'angiografia coronarica è considerata completa. Il medico tira indietro delicatamente il catetere, rimuove il filo guida e arresta l'emorragia. Poiché l'arteria femorale è un grande vaso, al fine di evitare gravi emorragie dopo l'angiografia coronarica, dovrai sdraiarti con una benda di pressione stretta nel sito di puntura per 24 ore. Di solito, per fermare l'emorragia, subito dopo aver rimosso il catetere, un tovagliolo sterile viene applicato sulla ferita e premuto con un dispositivo speciale che sostituisce il laccio emostatico. Dopo 15 minuti, la pressione viene rilasciata e dopo un'altra mezz'ora il dispositivo viene rimosso e una fasciatura a pressione stretta viene applicata al sito di puntura. Dopodiché, è necessario solo mentire per un giorno, non alzarsi dal letto e non piegare la gamba in cui è stata perforata l'arteria, in nessun caso. Un giorno dopo l'esame, la benda di pressione viene rimossa e la persona può alzarsi e camminare di nuovo.

Dopo angiografia coronarica - risultati

Il risultato dell'angiografia coronarica è una serie di conclusioni sullo stato dei vasi cardiaci, sul grado del loro restringimento e sulla sufficienza dell'afflusso di sangue al miocardio. Il parametro più importante è il grado e il tipo di restringimento (stenosi) dei vasi coronarici..

Se viene rilevato un restringimento del lume dei vasi coronarici del 50% o meno, ciò non causerà cambiamenti nell'afflusso di sangue al miocardio, il che comporterà gravi patologie e un decorso sfavorevole della malattia. Nella conclusione dell'angiografia coronarica, in questo caso, si può indicare che una persona ha aterosclerosi coronarica non ostruttiva e non stenotica. Tali stenosi non riducono l'afflusso di sangue al cuore, ma possono essere prognosticamente sfavorevoli, poiché aumentano il rischio di rottura della parete arteriosa, nonché la formazione di un trombo parietale, seguito dal blocco completo del lume e dallo sviluppo di infarto miocardico..

Se il restringimento del lume dei vasi coronarici è superiore al 50%, stiamo parlando di un disturbo significativo in cui l'afflusso di sangue al miocardio è significativamente peggiore del normale. In una tale situazione, è necessario ripristinare l'afflusso di sangue al miocardio con l'aiuto di bypass coronarico, stent o angioplastica..

Inoltre, in base alle immagini ottenute con l'angiografia coronarica, è possibile determinare i tipi di stenosi, che si dividono in locali ed estesi (diffusa). Le stenosi locali interessano una piccola sezione del vaso cardiaco e le diffuse, al contrario, sono molto lunghe. Inoltre, la stenosi può essere semplice con bordi uniformi e lisci o complicata con contorni minati e irregolari della parete interna del vaso. La stenosi complicata si sviluppa con ulcerazione delle placche aterosclerotiche e formazione di trombi parietali e viene rilevata nell'80% dei pazienti con malattia coronarica.

Oltre alla stenosi, durante l'angiografia coronarica, possono essere rilevate anche occlusioni: blocchi completi del lume dei vasi cardiaci. In questi casi, la parte del miocardio che viene fornita con il sangue da questa arteria è costantemente carente di ossigeno e sostanze nutritive. Le occlusioni dell'arteria cardiaca non sono sempre associate a infarto miocardico.

Inoltre, secondo i risultati dell'angiografia coronarica, la conclusione a volte indica la gravità e la prevalenza dell'aterosclerosi dei vasi coronarici. Per fare ciò, valutare la presenza di stenosi e placche aterosclerotiche nelle tre arterie cardiache principali. Di conseguenza, la conclusione indica che c'è una lesione a uno, due o tre vasi del sistema di afflusso di sangue del cuore.

Angiografia coronarica - possibili complicazioni

La probabilità di morte per complicanze dell'angiografia coronarica è inferiore allo 0,1%. Tuttavia, poiché esiste una tale probabilità, la morte è attribuita a possibili complicazioni dell'angiografia coronarica, che dovrebbero essere prese in considerazione quando si decide se condurre uno studio diagnostico in persone che soffrono di diverse gravi malattie croniche allo stesso tempo, ad esempio IHD + diabete mellito, ecc..

Inoltre, le complicanze dell'angiografia coronarica includono lo sviluppo delle seguenti condizioni acute:

  • Infarto miocardico;
  • Ictus;
  • Aritmia (extrasistole, tachicardia ventricolare, fibrillazione ventricolare, blocco);
  • Rottura o altro danno ai vasi attraverso i quali è inserito il catetere;
  • Ischemia cerebrale con sviluppo di complicanze neurologiche;
  • Reazioni allergiche a una sostanza radiopaca;
  • Reazioni nell'area della puntura del vaso (formazione di ematoma, edema o falso aneurisma);
  • Reazioni vasovagali, manifestate da una diminuzione della pressione sanguigna, bradicardia, diminuzione del flusso sanguigno al cervello, pelle pallida e sudore freddo.

Gravi complicazioni dell'angiografia coronarica, come infarto e aritmia, o ischemia cerebrale si sviluppano in casi molto rari (non più dello 0,1%) e le reazioni allergiche sono un po 'più comuni - in circa il 2% dei casi. Le reazioni vasovagali si osservano nell'1-2% dei casi e sono solitamente causate dalla tensione nervosa e dall'ansia della persona stessa, nonché da una reazione al dolore durante la puntura arteriosa e dall'irritazione dei recettori dei ventricoli del cuore quando il catetere è avanzato. Le reazioni vasovagali vengono facilmente eliminate semplicemente sollevando il letto su cui giace la persona. È inoltre possibile interrompere le reazioni vasovagali somministrando alla persona un'annusata di ammoniaca o iniettando atropina per via endovenosa.

Il rischio massimo di sviluppare complicanze dell'angiografia coronarica è nelle persone con le seguenti malattie o condizioni:

  • Bambini e anziani oltre i 65 anni;
  • Angina di classe IV funzionale;
  • Stenosi dell'arteria coronaria sinistra;
  • Cardiopatia valvolare;
  • Insufficienza cardiaca ventricolare sinistra con una frazione di eiezione inferiore al 30-35%;
  • Gravi malattie croniche di vari organi o sistemi, ad esempio diabete mellito, insufficienza renale, tubercolosi, ecc..

Dove ottenere l'angiografia coronarica?

Angiografia coronarica - recensioni

Le revisioni della manipolazione diagnostica sono positive nella maggior parte dei casi. Ciò è dovuto al fatto che le persone comprendono l'importanza e il valore della ricerca per identificare la causa della loro malattia e, di conseguenza, scegliere il trattamento ottimale. Quasi tutti coloro che sono stati sottoposti ad angiografia coronarica hanno notato sensazioni spiacevoli e spiacevoli associate alla puntura venosa, all'introduzione del contrasto e all'arresto del sanguinamento. Tuttavia, questi sentimenti sono abbastanza sopportabili e non così forti da lasciare un'impressione emotiva pesante su di loro. E quindi, le persone considerano un lieve disagio una parte del tutto normale di una procedura diagnostica altamente informativa che li aiuterà a mantenere la loro qualità di vita e ad estenderla per un certo numero di anni. Inoltre, gli aspetti positivi dell'angiografia coronarica includono la sua disponibilità..

Gli svantaggi dell'angiografia coronarica, secondo i pazienti, includono una dose piuttosto elevata di raggi X ricevuta dal corpo durante lo studio, un piccolo rischio di complicanze e la necessità di sdraiarsi per 24 ore dopo la manipolazione. Tuttavia, tutti questi sono inconvenienti abbastanza tollerabili che non rendono la procedura troppo spiacevole e quindi difficile da superare..

Angiografia coronarica (angiografia coronarica): indicazioni, tecnica e sicurezza della manipolazione, risultati, recensioni dei medici - video

Costo (prezzo) dell'angiografia coronarica

Angiografia coronarica nella diagnosi di aterosclerosi e malattia coronarica - video

Angiografia coronarica - foto

Queste fotografie mostrano immagini dei vasi del cuore ottenute durante l'angiografia coronarica.

Autore: Nasedkina A.K. Specialista di ricerca biomedica.

Come viene eseguita l'angiografia coronarica dei vasi cardiaci: preparazione, conseguenze

Imparerai un elenco di condizioni che richiedono angiografia coronarica e come viene eseguita. Storia dello sviluppo, preparazione preoperatoria, periodo di recupero e conseguenze dell'angiografia coronarica.

    • Indicazioni
    • Controindicazioni
    • Preparazione del paziente
    • Come faccio
    • Effetti

L'angiografia coronarica o angiografia selettiva delle arterie coronarie è una procedura minimamente invasiva che consente di valutare l'afflusso di sangue ai vasi cardiaci. La procedura è diagnostica e precede il trattamento..

L'angiografia coronarica del cuore è uno dei metodi di ricerca più informativi in ​​cardiologia. Visualizzando il lume delle arterie coronarie è possibile determinare la formazione di occlusione, stenosi, restenosi, trombosi, espansione della cavità o presenza di anomalie vascolari congenite. Nella maggior parte dei casi, la causa principale della patologia cardiaca è un restringimento del diametro del lume arterioso sullo sfondo del processo aterosclerotico sviluppato, che è la causa di malattie così gravi come l'angina pectoris e l'infarto del miocardio..

Cateterismo separato e angiografia coronarica computerizzata. Nel primo caso la manipolazione è più invasiva, ma allo stesso tempo permette di eseguire misure terapeutiche (stenting e angioplastica). La tomografia computerizzata viene eseguita con meno rischi per la salute del paziente, ma se viene rilevata una patologia, non consentirà la procedura di restenosi.

Indicazioni

Ci sono molte condizioni che possono richiedere l'angiografia coronarica, sia per scopi diagnostici che terapeutici. La decisione sulla nomina di questa manipolazione dovrebbe essere presa dal cardiologo e solo con l'approvazione del paziente. A differenza dei metodi non invasivi per la valutazione della funzione cardiaca (TC, eco ed elettrocardiografia), l'intervento coronarico è una procedura traumatica e quindi non dovrebbe essere prescritto a tutti di seguito. Indicazioni principali:

Attacco cardiaco (infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST, infarto miocardico senza sopraslivellamento del tratto ST, angina instabile)

Risultati anormali dello stress test

Insufficienza cardiaca inspiegabile alla prima insorgenza

I pazienti sono rianimati con successo dopo un episodio di morte cardiovascolare improvvisa o dopo aritmie cardiovascolari maligne

Dolore toracico prolungato che non si ferma con i farmaci farmacologici

Sospetta angina di Prinzmetal

Controindicazioni

Come ogni altra manipolazione medica invasiva, l'angiografia coronarica ha un proprio numero di condizioni che possono renderlo impossibile o richiedere una certa correzione degli indicatori del paziente. Controindicazioni tipiche per l'esecuzione della manipolazione:

Intolleranza individuale alla soluzione di contrasto per raggi X.

Grave ipertensione arteriosa, non suscettibile di correzione farmacologica

Disfunzione della coagulazione del sangue

Squilibrio elettrolitico

Infezione sistemica acuta

Pericoloso disturbo del ritmo cardiaco

Insufficienza cardiaca scompensata

Attuale attacco ischemico

Preparazione del paziente

Nella maggior parte dei casi, l'angiografia coronarica viene eseguita mentre il paziente è sveglio. L'anestesia in questo caso viene eseguita localmente con l'uso di lidocaina e solo nell'area della puntura. Se indicato o desiderato dal paziente, può essere eseguita una sedazione generale minima. L'esecuzione della procedura con la piena coscienza del paziente è considerata molto più sicura, poiché se si sviluppano complicazioni, il paziente può segnalarle e il medico eseguirà manipolazioni appropriate per eliminarle..

Vari monitor e apparecchiature mediche utilizzate per determinare i segni vitali di un paziente spesso danno un errore elevato. Per questo motivo, la valutazione soggettiva del paziente della propria condizione è così importante..

La preparazione del paziente prevede l'astensione dal mangiare per almeno 6 ore prima dell'inizio della procedura. Se il paziente assume farmaci dal gruppo di anticoagulanti, devono essere abbandonati prima della manipolazione. Allo stesso tempo, l'uso di farmaci della classe degli agenti antipiastrinici, come l'aspirina e il clopidogrel, non è proibito. In molti casi di stent elettivo, la procedura non è pratica se il paziente non sta assumendo agenti antipiastrinici. In presenza di diabete, il medico deve essere avvisato prima della manipolazione al fine di regolare correttamente la terapia antiiperglicemica. Questi punti dovrebbero essere discussi con il proprio medico prima di iniziare lo studio..

Secondo le statistiche ufficiali, le complicanze gravi sono molto rare. Morte, infarto miocardico, angina pectoris, grave aritmia cardiaca e altri si sviluppano in meno dell'1% dei casi.

In media, la procedura richiede dai 20 ai 45 minuti. Allo stesso tempo, la durata della manipolazione può aumentare in modo significativo a causa di difficoltà tecniche non pianificate..

Se al paziente viene prescritta un'angiografia coronarica, utilizzando uno scanner TC, prima della procedura devono essere rimossi tutti i gioielli in metallo, orecchini, apparecchi acustici e occhiali. Si raccomanda di astenersi dal mangiare per 4-8 ore prima dell'inizio dello studio. È consentito bere, ma solo se non contiene caffeina, poiché un battito cardiaco accelerato complicherà la diagnosi della malattia. Se necessario, il medico ti informerà di ulteriori misure di preparazione.

Come faccio

Per eseguire la manipolazione, è prima necessario formare un accesso vascolare. L'arteria radiale o femorale viene utilizzata per questo ruolo. La prima opzione è considerata più accettabile perché l'arteria femorale è più grande e l'emorragia improvvisa da essa è più difficile da fermare rispetto a quella radiale. Dopo che il medico ha deciso la scelta dell'accesso, viene eseguita una puntura della nave. Innanzitutto, l'arteria viene perforata utilizzando un ago speciale attraverso il quale viene inserito un conduttore nel lume.

Nella fase successiva, un "introduttore" viene inserito lungo il filo guida, con l'aiuto del quale verranno eseguite tutte le manipolazioni in futuro. Quindi viene iniettato nel sistema circolatorio.

Dopo l'inserimento attraverso la guaina dell'introduttore, il catetere segue il corso delle arterie e raggiunge il cuore. Prima di raggiungere il ventricolo sinistro, il catetere viene inserito nel sistema dell'arteria coronaria.

Durante la manipolazione viene iniettata nel lume delle arterie coronarie una soluzione di contrasto per raggi X, la cui corrente può essere visualizzata con fluoroscopia. Il video in loop consente di vedere in maggior dettaglio la pervietà dei vasi e determinare il grado presunto di ostruzione.

Se ci sono placche aterosclerotiche o coaguli trombotici nell'arteria che causano il restringimento del lume, tali cambiamenti appaiono sotto forma di nebulosa aumentata sul monitor, a causa di una sorta di dispersione del flusso di sostanza. Oltre alla pervietà, è possibile valutare la tortuosità del decorso e la presenza di ulteriori collaterali nel sistema arterioso coronarico. Sebbene la soluzione iniettata non aiuti nella diagnosi delle calcificazioni nella parete arteriosa, a causa della loro alta densità, possono essere rilevate da apparecchiature a raggi X..

In questo caso, il medico deve regolare la posizione dell'apparecchiatura a raggi X, controllare la registrazione del cine loop, la posizione del catetere e la fornitura di mezzo di contrasto per raggi X..

Se il paziente ha controindicazioni per l'angiografia coronarica con cateterismo, lo studio delle arterie del cuore viene eseguito utilizzando un tomografo computerizzato. La procedura viene eseguita nel reparto di radiologia di un'istituzione medica. Per ridurre il battito cardiaco, a volte i medici prescrivono farmaci beta-bloccanti ai pazienti. A differenza dell'angiografia coronarica tradizionale, l'utilizzo della TC non richiede manipolazione invasiva, accompagnata dall'accesso all'arteria radiale o femorale, che consente di abbreviare il periodo di recupero. La procedura TC è più sicura, non causa tanto disagio e consente di ottenere un'immagine 3D dettagliata che può essere registrata e salvata su un supporto digitale. Il risultato dell'esame viene valutato da un radiologo specializzato. Conclusione L'angiografia coronarica TC viene inviata al medico curante, dopo di che vengono determinate ulteriori tattiche di trattamento.

Se il paziente ha una diagnosi confermata di sindrome coronarica acuta, la scelta migliore è l'angiografia coronarica con cateterismo, poiché con la TC non è possibile eseguire stent o angioplastica con palloncino..

Effetti

Entro 1-4 ore dall'angiografia coronarica, il paziente deve rispettare un rigoroso riposo a letto. Se l'accesso vascolare è stato eseguito attraverso l'arteria femorale, la gamba ferita deve essere mantenuta dritta in posizione estesa per l'intera fase di osservazione del periodo postoperatorio. Lo stesso vale per il polso se la mano è stata selezionata come accesso. Durante i primi due giorni, è necessario un monitoraggio regolare del polso nell'area sotto la puntura. Ciò è necessario per la prevenzione della trombosi postoperatoria precoce e della ridotta pervietà dell'arto..

Se il paziente ha un forte dolore al petto, questo deve essere immediatamente segnalato al medico. Il paziente può lasciare il territorio dell'ospedale entro poche ore dalla manipolazione. Se, oltre all'angiografia coronarica, è stata eseguita l'angioplastica con stent o con palloncino, il paziente deve pernottare in ospedale per valutare le condizioni generali e prevenire complicazioni precoci.

Per due settimane, è necessario venire periodicamente per un esame da un cardiologo in modo che possa eseguire un ECG e valutare i suoi indicatori. Gravi cambiamenti nel cardiogramma possono indicare una restenosi dello stent, che richiederà ulteriori procedure chirurgiche.

Dopo la dimissione dall'ospedale, non è consentito guidare per 48 ore. Si consiglia di bere molti liquidi per 8 ore dopo la manipolazione, questo rimuoverà la soluzione di contrasto per raggi X rimasta nel corpo. Non sollevare oggetti pesanti per una settimana. Durante il giorno, è necessario controllare le condizioni del paziente, quindi se il paziente vive da solo, allora dovrebbe chiedere a qualcuno di rimanere con lui durante la notte in modo che possa chiamare aiuto medico.

L'angiografia coronarica è pericolosa? Come ogni altra procedura chirurgica, l'angiografia ha un proprio elenco di benefici e rischi. Nonostante la bassa incidenza di complicanze, il paziente deve conoscere tutti i possibili scenari per lo sviluppo di eventi ed essere consapevole delle possibili conseguenze negative.

Le complicanze più comuni dell'angiografia coronarica sono:

Sanguinamento al sito di iniezione

Reazione allergica alla soluzione di contrasto

Compromissione renale associata a esposizione negativa alla soluzione di contrasto

Danni ai tessuti molli associati all'esposizione prolungata alle radiazioni durante la procedura

In presenza di malattie croniche come diabete mellito, insufficienza renale cronica, ipo o ipertiroidismo, è necessario informarne il medico. La gravidanza è una controindicazione relativa all'angiografia coronarica, pertanto si consiglia di avvisare il medico prima di eseguire la procedura al fine di evitare potenziali complicazioni del feto.

Nonostante le possibili complicazioni, le revisioni dell'angiografia coronarica sono per lo più positive, poiché questo è l'unico modo per valutare in modo affidabile il flusso sanguigno nelle arterie coronarie.

Descrivi nei commenti la tua esperienza con l'angiografia coronarica, se la procedura ha aiutato a sbarazzarsi della patologia cardiaca o se tutto è rimasto uguale?

Perché e chi ha bisogno di angiografia coronarica dei vasi cardiaci

L'angiografia coronarica è l'introduzione di una sostanza radiopaca nei vasi coronarici del cuore per determinarne la pervietà. Un'immagine del sistema vascolare viene ottenuta su una radiografia e serve come linea guida per la scelta di un metodo per l'ulteriore trattamento della malattia coronarica. Questo è uno dei modi più affidabili per determinare la localizzazione del restringimento, la gravità e la sua prevalenza per il successivo innesto di stent o bypass coronarico..

Indicazioni per l'angiografia coronarica del cuore

Lo scopo dello studio dello stato del letto vascolare può essere di emergenza. Questi includono una forte destabilizzazione delle condizioni dei pazienti con angina pectoris o dopo interventi chirurgici sul cuore. I segni di tale deterioramento sono aumento del dolore, alterazioni patologiche dell'ECG, aumento della concentrazione di troponina, ALT e AST nel sangue.

L'angiografia coronarica pianificata viene eseguita in questi casi:

  • Cardiopatia ischemica, confermata da ECG, test da sforzo, in assenza di risposta al trattamento farmacologico.
  • Prima dell'intervento al cuore in pazienti di età superiore ai 35 anni.
  • Angina precoce dopo un attacco di cuore.
  • Presenza di segni clinici di ischemia nelle persone con un aumentato rischio professionale.
  • Dopo un intervento chirurgico al cuore o ai grandi vasi.

Si consiglia di sottoporsi a tale esame in caso di difficoltà nel fare una diagnosi - una discrepanza tra i reclami del paziente ei dati di ulteriori metodi di ricerca.

Controindicazioni all'angiografia coronarica del cuore

In presenza di grave patologia cardiaca e non cardiaca, lo studio non viene effettuato, poiché vi è un aumentato rischio di complicanze. Lo studio non viene mostrato a pazienti con:

  • insufficienza della funzione renale con un livello di creatinina superiore a 150 mmol / l;
  • grave insufficienza cardiaca;
  • diabete mellito scompensato;
  • tipi complessi di aritmie;
  • ipertensione arteriosa maligna;
  • periodo acuto di infarto o ictus (meno di una settimana dalla data di insorgenza);
  • endarterite, endocardite;
  • reazioni allergiche (controindicazione relativa).

Preparazione per l'angiografia coronarica del cuore

La fase preparatoria prima della procedura include l'assunzione di anamnesi per chiarire la gravità della malattia coronarica (condizioni per l'insorgenza di convulsioni, attacchi di cuore sofferti). La presenza di allergie, diabete, ipertensione, lesioni ulcerative dello stomaco o dell'intestino, disturbi emodinamici, malattie vascolari, sanguinamento uterino.

I pazienti devono sottoporsi ai seguenti tipi di esame:

  • ECG, se necessario - monitoraggio quotidiano;
  • radiografia del torace;
  • ecocardiografia;
  • dopplerografia ecografica delle arterie succlavia e femorale;
  • esami del sangue per HIV, epatite, sifilide;
  • coagulogramma, elettroliti, creatinina, AST e ALT, livello glicemico.

Se si è soggetti a reazioni allergiche, è necessario un test cutaneo preliminare per una sostanza radiopaca.

Come viene eseguita l'angiografia coronarica del cuore?

L'angiografia coronarica si riferisce agli interventi diagnostici chirurgici, pertanto, può essere eseguita solo nei reparti in cui sono presenti specialisti esperti in tecniche intravascolari e apparecchiature angiografiche. Nelle sale operatorie durante questa procedura, si trovano rianimatori per fornire assistenza di emergenza in caso di complicazioni.

La prima fase dell'angiografia coronarica può differire a seconda della tecnica scelta:

  • Judkins utilizza due cateteri dell'arteria coronaria separati che vengono inseriti attraverso l'arteria femorale.
  • Il metodo Sones utilizza un catetere, le arterie coronarie destra e sinistra vengono passate in sequenza attraverso di esso, il punto di introduzione è l'arteria brachiale.

Tutte le fasi successive sono simili, indipendentemente dall'opzione di ricerca utilizzata. Il catetere viene inserito nell'arteria coronaria, attraverso di essa entra prima l'eparina e poi il mezzo di contrasto (Visipak, Omnipak, Ultravist o altri). Per l'arteria coronaria sinistra, i raggi X dovrebbero essere in cinque proiezioni, per la destra - in due. Allo stesso tempo, viene analizzato lo stato dei ventricoli del cuore.

Durante l'angiografia, le letture della pressione e dell'ECG vengono costantemente monitorate. In accordo con il paziente, il lume ristretto del vaso può essere espanso con un palloncino o può essere installato uno stent. Dopo il completamento della procedura, i cateteri vengono rimossi, una benda di pressione viene applicata al sito di puntura.

Angioplastica e stenting durante l'angiografia coronarica

Nella conclusione, indicare le seguenti informazioni:

  • Il tipo predominante di afflusso di sangue: destro, sinistro, uniforme.
  • La condizione dello strato muscolare del cuore, che viene fornito con una nave ristretta.
  • La presenza di collaterali e le loro caratteristiche.

Per informazioni su come viene eseguita l'angiografia coronarica del cuore, guarda questo video:

Quanto dura lo studio?

L'angiografia coronarica viene eseguita in anestesia locale, quindi non è richiesta alcuna preparazione preoperatoria preparatoria. Possono essere usati solo sedativi. Dopo l'anestesia del sito di puntura e l'inserimento del catetere, inizia la procedura stessa, che richiede da 20 a 30 minuti. Il tempo totale trascorso in sala operatoria è di circa un'ora. Ciò a condizione che non venga eseguito lo stent.

Raccomandazioni nel periodo di recupero dopo la procedura

Il paziente può rimanere in ospedale dopo l'angiografia da 5 a 24 ore. In questo periodo è consigliato il riposo a letto, è possibile bere acqua e succhi di frutta. Se la frequenza cardiaca è stabile, il paziente viene dimesso.

A casa, per almeno una settimana, è necessario seguire un regime delicato, escludere l'attività fisica, l'assunzione di alcol e il fumo. Per 2-3 giorni, non è necessario fare il bagno; il sito di puntura deve rimanere asciutto durante la doccia. L'auto può essere guidata in 3 - 5 giorni.

Un'urgente necessità di consultare un medico con i seguenti sintomi:

  • sanguinamento dal sito di puntura dell'arteria;
  • dolore, gonfiore e arrossamento della pelle;
  • c'è indurimento vicino alla zona di cateterizzazione;
  • la temperatura corporea è aumentata;
  • la pelle è scolorita e l'arto che è stato utilizzato per guidare il catetere diventa insensibile e si sente freddo o caldo al tatto;
  • esperienza di eccessiva debolezza, dolore al petto e mancanza di respiro.

Possibili conseguenze negative dell'angiografia coronarica del cuore

La complicanza più comune è il sanguinamento dal sito di puntura dell'arteria. In generale, l'angiografia coronarica è una procedura non pericolosa..

Meno dell'uno per cento dei pazienti presenta aritmie sotto forma di fibrillazione ventricolare, danni alla parete vascolare e infarto miocardico. Di regola, questo è associato a manifestazioni di grave angina pectoris. È anche possibile l'intolleranza alla sostanza contrastante, il blocco della nave da un trombo.

Costo della ricerca sul cuore

Il costo stimato della procedura è compreso tra 10 e 19 mila rubli, molto spesso dipende dal metodo utilizzato dalla clinica, nonché dalla disponibilità di attrezzature di alta precisione.

Nel caso in cui durante l'angiografia coronarica sia stata presa una decisione (insieme al paziente) sullo stent vascolare, verrà effettuato un pagamento aggiuntivo per i materiali di consumo e il trattamento chirurgico aggiuntivo. All'estero, il costo di un esame con vasi coronarici contrastanti varia da 7 a 15 mila dollari.

Domande reali dei pazienti

I pazienti di solito hanno molte domande prima della procedura. I più comuni sono:

È possibile eseguire un intervento di bypass senza angiografia coronarica? Una valutazione preliminare del grado di danno alle arterie e del luogo di afflusso di sangue alterato può essere stabilita con precisione solo con l'angiografia coronarica, pertanto si consiglia di passarla a tutti i pazienti prima di operazioni sui vasi del cuore.

Ho il diabete di tipo 1. Si può eseguire l'angiografia coronarica? Il diabete mellito non è una controindicazione. Ma prima che la procedura venga prescritta, è necessario ottenere l'opinione di un endocrinologo, sottoporsi a un esame del sangue per lo zucchero e il livello di emoglobina glicata. La dose di insulina deve essere regolata in modo che la glicemia sia vicina al normale.

Quanto spesso può essere eseguita l'angiografia coronarica? Questo metodo diagnostico non è pericoloso, quindi può essere eseguito tutte le volte che è necessario per controllare i vasi coronarici del cuore. Il riesame può essere prescritto in caso di aumento del dolore al cuore, scarsa efficacia della terapia farmacologica, alterazioni dell'ECG o in un esame del sangue biochimico.

L'angiografia coronarica può essere eseguita senza il rinvio di un medico? Un'indicazione per la diagnostica dei vasi coronarici è, prima di tutto, la cardiopatia ischemica. Se presenta sintomi tipici e le condizioni del paziente sono valutate come soddisfacenti, gli attacchi di angina si verificano solo con uno sforzo fisico elevato e un'operazione non è pianificata nel prossimo futuro, quindi non è necessaria una tale diagnosi.

Al fine di determinare definitivamente se è indicata la corornarografia, è imperativo analizzare tutta la documentazione medica disponibile. Questo può essere fatto solo professionalmente da un cardiologo..

Pertanto, l'esame angiografico coronarico dei vasi sanguigni è il "gold standard" nella diagnosi di ischemia miocardica e nella pianificazione del posizionamento di stent o shunt. Il metodo si riferisce a tipi di esami relativamente sicuri, quindi può essere consigliato a quasi tutti i pazienti con malattia coronarica, ad eccezione di quelli con gravi malattie concomitanti o patologie cardiache complesse.

Spesso si verificano complicazioni dell'angiografia coronarica, perché i rischi di eseguire la ricostruzione dei vasi cardiaci attraverso il braccio sono piuttosto alti. L'ematoma è il più semplice tra loro.

L'intervento di bypass cardiaco è piuttosto costoso, ma aiuta a migliorare la qualità della vita del paziente. Come viene eseguito l'innesto di bypass? Complicazioni dopo CABG e MKB. Tipi di shunt, cos'è intracoronarica. Chirurgia a cuore aperto. Quante volte puoi farlo. Quanti vivono dopo. Il periodo di permanenza in ospedale. Come fare con un attacco di cuore.

La riabilitazione dopo un intervento di bypass cardiaco è molto importante. Sono importanti le raccomandazioni del medico su dieta, nutrizione, regole di comportamento nel periodo postoperatorio con innesto di bypass coronarico. Come organizzare la vita dopo? Viene rilasciata la disabilità?

Quando le arterie coronarie sono bloccate, si verifica l'occlusione coronarica. A volte è parziale, cronico. Il trattamento delle arterie comprende la terapia farmacologica e l'angioplastica vascolare.

La risonanza magnetica del cuore viene eseguita secondo gli indicatori. E anche i bambini vengono sottoposti a esame, le cui indicazioni sono difetti cardiaci, valvole, vasi coronarici. La risonanza magnetica con mezzo di contrasto mostrerà la capacità del miocardio di accumulare liquidi, rilevare i tumori.

Il cateterismo cardiaco viene eseguito per confermare patologie gravi. Un esame delle sezioni giuste, le cavità possono essere eseguite. Viene anche usato per l'ipertensione polmonare..

È piuttosto insolito passare attraverso la mappatura del cuore. Questo sondaggio è anche chiamato dispersivo, colore. Il complesso cardio per la mappatura non invasiva può essere eseguito su un gran numero di persone.

Una funzione importante è svolta dalla circolazione coronarica. Le sue caratteristiche, lo schema di movimento in un piccolo cerchio, i vasi sanguigni, la fisiologia e la regolazione sono studiati dai cardiologi se si sospettano problemi.

Una puntura cardiaca viene eseguita come parte delle misure di rianimazione. Tuttavia, sia i pazienti che i parenti hanno molti problemi: quando è necessario, perché viene eseguito con tamponamento, che tipo di ago viene utilizzato e, naturalmente, è possibile perforare il miocardio durante la procedura.

Angiografia coronarica dei vasi cardiaci

L'angiografia coronarica del cuore è un metodo per diagnosticare lo stato del sistema cardiovascolare. Differisce in un alto livello di contenuto informativo e consente di identificare le malattie vascolari nella fase iniziale dello sviluppo. La diagnosi precoce garantisce un trattamento altamente efficace e un rapido recupero.

Questa procedura è pericolosa? I medici affermano che il rischio di complicanze e reazioni avverse dopo l'angiografia coronarica del cuore è dell'1-2%. Se lo specialista tiene conto di tutte le indicazioni per la procedura e le controindicazioni, la possibilità di sviluppare conseguenze spiacevoli è pari a zero.

  1. Descrizione della procedura
  2. Tipi di angiografia coronarica
  3. Generale
  4. Selettivo
  5. Angiografia coronarica TC (MSCT, computer)
  6. Indicazione per la conduzione
  7. Angiografia coronarica nella diagnosi dell'aterosclerosi
  8. Come viene eseguita l'angiografia coronarica
  9. Preparazione per la procedura
  10. Controindicazioni
  11. Rischi e potenziali complicazioni
  12. Informazione Generale
  13. Indicazioni per la procedura
  14. Formazione
  15. Com'è fatto
  16. Come eseguire l'angiografia coronarica ambulatoriale dei vasi cardiaci, video
  17. Condizioni
  18. Controindicazioni
  19. Rischi, complicazioni e conseguenze
  20. Raccomandazioni dopo l'implementazione
  21. Costo diagnostico
  22. L'essenza della tecnica
  23. Quali complicazioni può causare una diagnosi del genere?
  24. Quando eseguire?
  25. Quando non puoi eseguire
  26. Formazione
  27. Come è l'esame
  28. Conseguenze pericolose
  29. Conseguenze dell'angiografia coronarica del cuore
  30. Fattori di rischio
  31. Elenco delle possibili complicazioni
  32. Nefropatia
  33. Infezione
  34. Insufficienza respiratoria
  35. Reazione allergica
  36. Dissezione dell'arteria
  37. Danno vascolare locale
  38. Ictus
  39. Ematoma
  40. Come evitare complicazioni?
  41. Perché e chi ha bisogno di angiografia coronarica dei vasi cardiaci
  42. Indicazioni per l'angiografia coronarica del cuore
  43. Controindicazioni all'angiografia coronarica del cuore
  44. Preparazione per l'angiografia coronarica del cuore
  45. Come viene eseguita l'angiografia coronarica del cuore?
  46. Quanto dura lo studio?
  47. Raccomandazioni nel periodo di recupero dopo la procedura
  48. Possibili conseguenze negative dell'angiografia coronarica del cuore
  49. Costo della ricerca sul cuore
  50. Domande reali dei pazienti
  51. Angiografia coronarica delle navi: che cos'è e come viene eseguita
  52. Cos'è l'angiografia coronarica vascolare
  53. È pericolosa?
  54. Com'è fatto
  55. Invasivo
  56. Non invasivo
  57. Controindicazioni per
  58. Conseguenze dell'angiografia coronarica
  59. Conclusione

Descrizione della procedura

A causa della maggiore rilevanza di un esame efficace e accurato delle lesioni cardiache, i pazienti sono interessati alla domanda su cosa significhi angiografia coronarica.

L'angiografia coronarica è un metodo per esaminare le lesioni del cuore e del sistema circolatorio. L'elevata precisione ed efficienza della misura diagnostica è spiegata dalla tecnologia della sua implementazione. L'angiografia coronarica dei vasi cardiaci viene eseguita introducendo una speciale sostanza radiopaca - l'urografin, che consente di ottenere immagini chiare di tutte le arterie e le pareti su una macchina a raggi X.

La questione di ciò che rivela l'angiografia coronarica richiede una considerazione più dettagliata. Questo sarà discusso ulteriormente..

Con l'età, alcuni pazienti sviluppano placche nell'arteria coronaria destra o sinistra che bloccano il lume. Questo metodo di ricerca consente di valutare in modo molto accurato i seguenti indicatori:

  • la presenza di un restringimento o una stenosi e la sua localizzazione;
  • il grado di danno arterioso;
  • presenza di angina pectoris, infarto, cardiosclerosi, sviluppo di aterosclerosi.

Grazie al buon lume, il diagnostico è in grado di esaminare attentamente i vasi o le arterie colpite e fare la diagnosi corretta. L'angiografia coronarica consente di determinare con precisione la necessità di un successivo bypass e stenting delle arterie coronarie utilizzando un supporto.

Tipi di angiografia coronarica

Ad oggi, i medici aderiscono a un'unica classificazione dell'angiografia coronarica in base al criterio del numero di vasi esaminati. Si distinguono tre tipi principali:

  1. Generale. Si assume il classico esame radioterapico delle patologie cardiache con mezzo di contrasto.
  2. Selettivo. Questo metodo diagnostico consente di esaminare un'area specifica del cuore o un vaso specifico. Il catetere viene inserito attraverso il braccio, l'avambraccio o la coscia..
  3. Angiografia coronarica TC. L'angiografia coronarica TC (con l'ausilio di una tomografia computerizzata) è uno dei metodi più innovativi per lo studio delle patologie intracardiache. Negli ultimi anni è stato dimostrato che la diagnostica non invasiva è più accurata ed efficiente dei metodi invasivi di esame del cuore.

Generale

L'angiografia coronarica generale è un metodo classico di esame radiologico delle lesioni intracardiache su una macchina a raggi X convenzionale. Il diagnostico riesce a vedere quasi tutte le aree del cuore. In questo caso, la sostanza radiopaca viene iniettata direttamente nei vasi coronarici.

Una registrazione video che mostra la condizione e il tipo di lesione, ad esempio il restringimento del lume dei vasi coronarici e la sua localizzazione, viene registrata su un CD o su qualsiasi altro dispositivo di memorizzazione esterno.

Selettivo

Che cos'è l'angiografia coronarica selettiva (SCG)? Questo metodo diagnostico è una modifica dell'angiografia coronarica generale. La differenza tra loro sta nel numero di navi esaminate. Con l'aiuto del metodo generale, il diagnostico riesce a considerarli tutti, mentre durante la diagnosi selettiva, solo pochi o un vaso sono nel campo visivo del medico.

L'angiografia coronarica selettiva viene eseguita installando un catetere speciale, all'interno del quale viene iniettata una piccola quantità di mezzo di contrasto radiopaco. Altre caratteristiche di SCG includono:

  • alta velocità di manipolazione;
  • possibilità di ripresa da diverse proiezioni.

Nonostante i notevoli vantaggi del tipo selettivo di angiografia coronarica, questo metodo ha ancora i suoi svantaggi. In primo luogo, gli specialisti devono eseguire la procedura su diverse sonde, a seguito delle quali il paziente può sviluppare aritmie o addirittura fibrillazione cardiaca. In secondo luogo, l'apparato per angiografia coronarica selettiva deve svolgere la funzione di imaging rapido. In caso contrario, il diagnostico non sarà in grado di acquisire lo stato patologico dell'unità in esame..

L'angiografia coronarica e l'angiografia del cuore sono la stessa cosa

Angiografia coronarica TC (MSCT, computer)

L'angiografia coronarica TC è un metodo moderno per studiare le caratteristiche anatomiche, nonché le condizioni patologiche delle arterie coronarie utilizzando un tomografo computerizzato. Si chiama non solo TC, la diagnostica ha un altro nome: angiografia coronarica virtuale o computerizzata. A differenza degli altri due tipi di procedura, l'angiografia coronarica TC presenta i seguenti vantaggi:

  • la capacità di misurare la calcificazione;
  • alta velocità della procedura, a causa della quale l'angiografia coronarica TC non richiede il ricovero in ospedale.
  • diagnosi precoce delle placche aterosclerotiche;
  • alta accuratezza e contenuto informativo riguardante lo stato e la funzionalità del cuore;
  • determinazione accurata del sito di stenosi;
  • migliore qualità dell'immagine;
  • la capacità di visualizzare non solo il lume, ma anche le pareti;
  • minore esposizione alle radiazioni dei pazienti.


La maggior parte dei centri diagnostici moderni offre ai pazienti di sottoporsi a angiografia coronarica MSCT. In realtà, questo è lo stesso nome dell'angiografia coronarica virtuale. La MSCT viene eseguita utilizzando nuovi modelli di tomografia computerizzata multistrato. Questo dispositivo ha una gamma più ampia di funzionalità.

Indicazione per la conduzione

L'angiografia coronarica è una misura diagnostica molto accurata e informativa che consente di studiare molte malattie, quindi i pazienti sono interessati a quando viene eseguita. Il suo scopo si distingue per un'ampia gamma di indicazioni. L'angiografia coronarica viene eseguita in due ordini: pianificato e di emergenza.

È necessaria una procedura pianificata per controllare i vasi coronarici nei seguenti casi:

  • se è necessario confermare la diagnosi di "ischemia del cuore" dopo aver superato l'ECG;
  • prima della cardiochirurgia in tutti i pazienti di età inferiore a 35 anni o dopo infarto miocardico;
  • patologia dell'aorta;
  • il verificarsi di sintomi di ischemia cardiaca in persone con una predisposizione allo sviluppo della malattia;
  • dopo un intervento chirurgico al cuore;
  • con malattia vascolare - aneurisma aortico;
  • in assenza di efficacia dai farmaci nella lotta contro l'angina pectoris;
  • per confermare la diagnosi di endocardite infettiva.

L'angiografia coronarica di emergenza viene eseguita in caso di manifestazioni acute di malattie cardiache. L'urgenza della procedura è dovuta alle seguenti condizioni:

  1. Sospetto infarto miocardico acuto. Alle prime manifestazioni - angina pectoris senza causa, ipotensione arteriosa, stato di shock, il medico indirizza il paziente alla diagnosi.
  2. Attacco ricorrente di angina pectoris dopo l'intervento chirurgico. L'angiografia coronarica viene ripetuta dopo l'inserimento di uno stent se si manifestano sintomi di ischemia.

L'angiografia coronarica mediante TC ha una gamma più ampia di indicazioni. Oltre al fatto che utilizzando questo metodo, il diagnostico riesce a identificare tutte le lesioni e le condizioni patologiche di cui sopra, l'angiografia coronarica virtuale su un tomografo consente anche di identificare l'aneurisma dei vasi cerebrali, consentendo di determinare il focus di un ictus.

Angiografia coronarica nella diagnosi dell'aterosclerosi

L'aterosclerosi occupa uno dei primi posti nella classifica delle malattie mortali. La chiave per il recupero e la prevenzione dello sviluppo di complicanze vascolari è identificare la malattia in una fase precoce. L'angiografia coronarica è un modo molto accurato per determinare la presenza di placche aterosclerotiche e la loro localizzazione. Lo studio ci permette di trarre conclusioni sulla gravità e la prevalenza dell'aterosclerosi. La conclusione dei risultati viene effettuata tenendo conto dei seguenti criteri:

  1. Gradi di restringimento. Se, in base ai risultati della diagnostica, il lume della nave si restringe di meno del 50%, si conclude sull'aterosclerosi coronarica non ostruttiva.
  2. La quantità di placca nelle arterie del cuore. Il numero di placche in una, due o tre arterie cardiache consente di trarre una conclusione sul danno quantitativo al sistema linfatico..

L'angiografia coronarica aterosclerosi mediante TC è il modo più avanzato e veloce per rilevare la placca nel cuore. Il diagnostico riesce a chiarire il grado di lesione aterosclerotica nella fase iniziale della diagnosi senza l'introduzione di un catetere endovenoso.

Come viene eseguita l'angiografia coronarica

L'angiografia coronarica dei vasi viene eseguita da un chirurgo interventista in una sala operatoria a raggi X, una sala appositamente attrezzata in cui vengono eseguite la diagnostica delle radiazioni e la terapia delle lesioni cardiache. Al momento delle manipolazioni, dovrebbe essere presente anche un rianimatore in caso di necessità di cure mediche di emergenza.

Prima di iniziare la manipolazione, al paziente vengono iniettati sedativi attraverso una vena. Successivamente, il medico mette gli elettrodi dell'elettrocardiografo su braccia e gambe. Riassumendo come viene eseguita l'angiografia coronarica, si possono distinguere diverse fasi:

  1. Nella prima fase, il catetere viene inserito. Secondo la tecnica di Judkins, due cateteri separati vengono inseriti attraverso l'arteria femorale. Secondo Sones, il chirurgo deve inserire un catetere attraverso un'arteria della spalla. Tutte le manipolazioni vengono eseguite utilizzando un anestetico locale.
  2. Nella seconda fase, il catetere viene portato alle arterie coronarie utilizzando un angiografo. In primo luogo, devono ricevere eparina e quindi l'agente di contrasto.
  3. Nella terza fase, l'area interessata viene fissata nell'immagine. L'arteria sinistra viene scansionata da cinque posizioni e quella destra da due.
  4. Nella fase finale, il catetere viene rimosso dalla vena e l'area della puntura viene coperta con una benda stretta.

Alla domanda su quanto dura la procedura, i medici danno una risposta ambigua. La procedura richiede circa 25-30 minuti, ma il paziente è in sala operatoria per almeno un'ora. Dopo la diagnosi, il paziente viene ricoverato in un reparto per un giorno. Si consiglia di dedicare le prime 4-7 ore al riposo e non alzarsi dal letto. Il paziente può iniziare a lavorare solo 24-48 ore dopo la manipolazione.

L'angiografia coronarica virtuale alla TC è leggermente diversa dalla procedura usuale eseguita su un'angiografo. La durata della procedura non supera 1 minuto. La diagnostica si svolge in fasi:

  1. Viene misurata la pressione del paziente. La frequenza ottimale è considerata di 70 battiti cardiaci in 60 secondi. Se il paziente ha un ritmo cardiaco anormale, al paziente vengono somministrati sedativi.
  2. Il medico inserisce un catetere attraverso una vena periferica, dove entrerà l'agente di contrasto.
  3. La diagnostica diretta viene eseguita sul tavolo del tomografo in posizione supina con le braccia sollevate.

I pazienti sono spesso interessati a come e quando vengono riportati i risultati. Possono essere ottenuti sotto forma di immagine stampata o in formato elettronico su CD o chiavetta USB il giorno della diagnosi. Di norma, il giorno successivo viene emessa un'opinione scritta..

Quanto spesso può essere eseguita l'angiografia coronarica? A causa della sicurezza della procedura, la procedura può essere eseguita il numero di volte richiesto. Gli esperti scelgono spesso questo metodo diagnostico come principale per il monitoraggio dello stato dei vasi sanguigni..

L'angiografia coronarica ripetuta è prescritta per le recidive acute di malattie cardiache, nonché in assenza di un effetto dal trattamento farmacologico.

Preparazione per la procedura

La procedura richiede un'attenta preparazione del paziente. Per prima cosa il medico deve mandarlo a sottoporsi ad alcuni esami di laboratorio al fine di individuare tempestivamente eventuali controindicazioni. Il paziente dovrà eseguire un elettrocardiogramma a 12 derivazioni, oltre a sottoporsi a un esame del sangue completo, che include i seguenti test:

  • per possibili reazioni allergiche;
  • infezioni latenti e HIV;
  • coagulazione;
  • per la creatinina;
  • per enzimi epatici;
  • sulla biochimica.

Se i risultati diagnostici non rivelano controindicazioni, il cardiologo dovrebbe dare una direzione e spiegare le principali sfumature della preparazione per la procedura. La maggior parte dei pazienti è preoccupata per molte domande su come prepararsi per l'angiografia coronarica: dove radersi, quali gioielli rimuovere, cosa mangiare. La preparazione per la procedura di angiografia coronarica del cuore richiede il rispetto delle seguenti regole:

  • sospensione dell'uso di farmaci che influenzano la coagulazione del sangue;
  • depilazione dell'area in cui verrà perforata l'arteria (pube e pieghe inguinali);
  • escludendo l'assunzione di cibo il giorno della procedura, il che significa che l'angiografia coronarica viene eseguita a stomaco vuoto;
  • rimuovere tutti i gioielli, gioielli in metallo, occhiali, lenti e protesi.

Controindicazioni

Le restrizioni e i divieti sull'angiografia coronarica non dovrebbero essere ignorati in quanto possono portare a gravi effetti collaterali o addirittura alla morte. Le procedure di angiografia coronarica virtuale e angiografica sono controindicate nei seguenti casi:

  • durante la gravidanza;
  • dopo un ictus;
  • con malattie della tiroide;
  • con diabete mellito complicato;
  • con ipersensibilità al mezzo di contrasto;
  • con gravi patologie dei reni e del fegato;
  • con insufficienza cardiaca pronunciata.

I medici identificano diverse condizioni in cui la conduzione dell'angiografia coronarica del cuore deve essere concordata con uno specialista specializzato. Ad esempio, un paziente con ARVI e tutti i sintomi associati - naso che cola, febbre, può posticipare la procedura e posticiparla di una settimana. L'esecuzione è possibile in caso di emergenza con le seguenti malattie relative:

  • ipertensione arteriosa, che non viene trattata con farmaci;
  • un leggero aumento della temperatura corporea sullo sfondo di malattie infettive e virali;
  • endocardite infettiva;
  • malattie sistemiche degli organi interni;
  • aritmie ventricolari instabili.

Rischi e potenziali complicazioni

Nonostante l'elevato livello di innocuità dell'angiografia coronarica, la procedura non può essere definita assolutamente sicura a causa della possibilità di complicanze. Le conseguenze spiacevoli, di regola, colpiscono i pazienti che non seguono le regole di preparazione per la procedura o accettano la manipolazione nonostante le controindicazioni. Le complicanze dopo l'angiografia coronarica possono svilupparsi anche in coloro che non seguono le raccomandazioni relative al recupero dopo la procedura. Questi sono i seguenti punti:

  • degenza ospedaliera per tutta la giornata;
  • restrizione nell'assunzione di cibo;
  • eliminazione dell'attività fisica durante la settimana;
  • rifiuto temporaneo del bagno fino a quando la puntura non guarisce.

Secondo le revisioni dei pazienti, le conseguenze più comuni dopo l'angiografia coronarica dei vasi cardiaci includono:

  1. Reazioni a una puntura di una nave sotto forma di ematoma, edema, arrossamento dopo angiografia coronarica.
  2. Danno vascolare
  3. Manifestazioni allergiche. Si verificano in caso di contatto con un potenziale allergene..

Pertanto, le complicanze dopo l'angiografia coronarica del cuore sono estremamente rare. Se il paziente è a rischio di sviluppare conseguenze spiacevoli, il medico può offrirgli un'alternativa: scegliere un altro metodo diagnostico.

Riassumendo tutto quanto sopra, possiamo concludere che l'angiografia coronarica è un modo innovativo per diagnosticare lo stato dei vasi cardiaci. L'esame vascolare per la presenza di lesioni (ad esempio, stenosi del vaso coronarico o il suo restringimento) e la loro localizzazione consente di rilevare lo sviluppo di malattie cardiache in una fase precoce.

Il risultato diagnostico dipende da molti parametri: il dispositivo su cui viene eseguita l'angiografia coronarica, il rispetto delle regole per la preparazione e l'esecuzione della procedura, nonché le condizioni del paziente durante la manipolazione. Al termine, il paziente riceve un parere scritto e le immagini ottenute durante la scansione, in due forme: stampata ed elettronica.

Le malattie cardiovascolari sono una patologia molto comune per le persone sopra i 40 anni. E tra queste malattie, le più comuni sono associate all'imperfezione del letto vascolare e alla nutrizione limitata del muscolo cardiaco..

Per chiarire le cause dei disturbi cardiaci, ci sono molti metodi diagnostici. Uno dei test più informativi è l'angiografia coronarica dei vasi cardiaci: cos'è, è pericoloso farlo e come è l'esame?

Informazione Generale

Questa è una manipolazione invasiva utilizzata per determinare lo stato dei vasi che trasportano sangue e ossigeno al cuore. Si chiamano coronarie. Le arterie coronarie sinistra e destra normalmente forniscono nutrimento muscolare e mantengono la salute dell'intero organo.

Con uno sviluppo sfavorevole degli eventi, queste arterie si restringono (stenosi) o si intasano (occlusione) per vari motivi. L'apporto di sangue al cuore è significativamente limitato o in una certa area si interrompe del tutto, il che causa malattia coronarica e infarto.

Per escludere un tale difetto o, se disponibile, determinarne il grado, viene eseguita l'angiografia coronarica.

Si tratta di un esame radiografico del lume dei vasi coronarici utilizzando un angiografo e un mezzo di contrasto iniettato attraverso un catetere proprio nel vestibolo delle arterie cardiache. Il rilevamento viene eseguito da diverse angolazioni, il che consente di creare l'immagine più dettagliata dello stato dell'oggetto del rilevamento.

Indicazioni per la procedura

L'angiografia coronarica di routine viene eseguita per:

  • conferma o confutazione della diagnosi di cardiopatia ischemica;
  • chiarimento della diagnosi se altri metodi per determinare la malattia sono inefficaci;
  • determinare la natura e il modo di eliminare il difetto durante l'operazione imminente;
  • revisione dello stato dell'organo in preparazione alla chirurgia a cuore aperto, ad esempio, con un difetto.

In casi di emergenza, la procedura viene eseguita in presenza dei primi segni e sintomi di un infarto o in uno stato di preinfarto, che richiedono un intervento immediato per motivi di salute.
Considera come prepararti per l'angiografia coronarica del cuore e come viene eseguita questa procedura.

Formazione

Prima della nomina dell'angiografia coronarica, è necessario sottoporsi a una serie di esami per escludere o confermare la presenza di fattori che non consentono di utilizzare questa metodica diagnostica.

  • esami del sangue (generali, per lo zucchero, per l'epatite B e C, la bilirubina e altri parametri epatici, per l'HIV, per RW, per il gruppo e il fattore Rh);
  • analisi delle urine per la presenza di patologia renale;
  • ECG a 12 derivazioni;
  • esame e conclusione di specialisti sulle malattie croniche esistenti.

Al momento dell'ammissione alla manipolazione, la preparazione diretta viene eseguita prima della procedura:

  • il medico interrompe in anticipo alcuni farmaci, ad esempio quelli che riducono la coagulazione del sangue;
  • escludere l'assunzione di cibo il giorno della diagnosi - per evitare complicazioni sotto forma di vomito, lo studio viene effettuato a stomaco vuoto;
  • il medico raccoglie una storia allergica, esegue un test con un mezzo di contrasto.

Immediatamente prima dell'angiografia coronarica, si consiglia di fare la doccia, radersi i peli all'inguine, rimuovere gioielli dal corpo (orecchini, anelli, piercing), occhiali, protesi rimovibili, lenti, usare il bagno.

Com'è fatto

Il paziente si sdraia su un tavolo speciale. I sensori cardiaci sono attaccati al petto. Nell'area in cui viene inserito il catetere, vengono eseguite l'anestesia locale e la disinfezione della pelle. Viene praticata una microincisione nella vena attraverso la quale viene inserito un catetere.

Un catetere viene fatto passare attraverso i vasi sotto il controllo di un angiografo fino alla bocca delle arterie coronarie. In alternativa, in ciascuno di essi viene iniettato un mezzo di contrasto, che delinea lo spazio interno di questi vasi. Le riprese e la fissazione vengono eseguite da posizioni diverse. Viene determinata la sede della stenosi o dell'occlusione.

Durante l'operazione il paziente è cosciente, le sue condizioni vengono monitorate osservando l'aspetto, la frequenza cardiaca e il suo comportamento verbale.

Al termine del monitoraggio, il catetere viene accuratamente rimosso dalla vena. La ferita viene suturata con cura. Il paziente rimane a letto per un po 'di tempo e il dottore scrive una conclusione. Indica la dimensione degli spazi vuoti più piccoli nei vasi, il grado di restringimento e il metodo raccomandato per correggere la situazione: stent o bypass chirurgico dei vasi cardiaci. In assenza di aree problematiche, viene fornita una descrizione generale delle arterie coronarie.

Come eseguire l'angiografia coronarica ambulatoriale dei vasi cardiaci, video

Condizioni

Molto spesso, l'angiografia coronarica viene eseguita in ambiente ospedaliero come parte di un esame di routine per la malattia coronarica. In questo caso, tutti i test vengono effettuati qui, pochi giorni prima dell'intervento..

È possibile effettuare diagnosi e in regime ambulatoriale. Ma il paziente deve prima sottoporsi in modo indipendente a tutti gli esami secondo l'elenco, ricevere la conclusione di un cardiologo sulla possibilità di angiografia coronarica e un rinvio ad essa, indicando lo scopo dello studio.

In regime ambulatoriale, l'inserimento di un catetere per angiografia coronarica viene eseguito più spesso attraverso la vena del polso e nel braccio - nel periodo postoperatorio, il carico su di esso, contrariamente all'invasione attraverso il vaso femorale, può essere ridotto al minimo per evitare pericolose emorragie.

Controindicazioni

Diverse condizioni non consentono l'applicazione di questo metodo diagnostico, quindi ricorrono a quelle alternative. Un esame preliminare può rivelare queste condizioni:

  • ipertensione arteriosa incontrollata: l'intervento può provocare stress, di conseguenza è possibile una crisi ipertensiva;
  • stato post-ictus: l'eccitazione può causare un attacco ripetuto della malattia;
  • sanguinamento interno in qualsiasi organo - con l'invasione, la perdita di sangue può aumentare;
  • malattie infettive: il virus può contribuire alla formazione di trombi nel sito dell'incisione, nonché all'esfoliazione delle aree sulle pareti dei vasi sanguigni;
  • il diabete mellito nella fase di scompenso è uno stato di danno renale significativo, glicemia alta, possibilità di infarto;
  • febbre di qualsiasi origine - che accompagnano la pressione alta e le palpitazioni cardiache possono portare a problemi cardiaci durante e dopo la procedura;
  • grave malattia renale: l'agente di contrasto può causare danni agli organi o aggravare la malattia;
  • intolleranza al mezzo di contrasto: alla vigilia della diagnosi viene eseguito un test;
  • aumento o diminuzione della coagulazione del sangue - può causare trombosi o perdita di sangue.

Con la preparazione preliminare, tutte queste condizioni vengono identificate e viene prescritto un trattamento per compensarle. Non ci sono controindicazioni assolute alla procedura. Dopo aver ottenuto la stabilizzazione, la procedura può essere eseguita in condizioni stazionarie..

Rischi, complicazioni e conseguenze

L'angiografia coronarica, come qualsiasi invasione, può avere effetti collaterali causati da una risposta inappropriata del corpo all'intervento e dallo stress del paziente. Raramente, ma si verificano i seguenti eventi:

  • sanguinamento al cancello di somministrazione;
  • aritmia;
  • allergia;
  • distacco dello strato interno dell'arteria;
  • sviluppo di infarto miocardico.

L'esame pre-procedurale è progettato per prevenire queste condizioni, ma a volte accade. I medici che partecipano all'esame affrontano la situazione, la procedura si interrompe ai primi segni sfavorevoli, il paziente viene portato fuori dallo stato pericoloso e trasferito in ospedale per l'osservazione.

Raccomandazioni dopo l'implementazione

Secondo la conclusione del medico che ha condotto lo studio, il cardiologo determina il modo di trattare il paziente. Se indicato, viene prescritto il tempo per il posizionamento dello stent (allo stesso modo dell'angiografia coronarica - utilizzando un catetere).

A volte questa procedura viene eseguita proprio durante la diagnosi, se c'è un preventivo consenso del paziente. Il cardiologo può anche prescrivere un trattamento ambulatoriale o un bypass aortocoronarico.

Costo diagnostico

Se hai una polizza assicurativa medica obbligatoria, l'angiografia coronarica secondo le indicazioni viene eseguita gratuitamente. Ma l'attrezzatura della maggior parte degli ospedali non consente di coprire tutti con questo metodo diagnostico in breve tempo. Di solito la coda dura mesi, perché sono previste quote limitate di indagine. È possibile condurre questo studio su base commerciale.

Il costo in Russia è in una vasta gamma: da 10 a 45 mila rubli. All'estero, anche questo intervento non è sempre coperto da assicurazione e inoltre non è economico - da 300 dollari a 2500 euro.

L'angiografia coronarica è inclusa nell'elenco obbligatorio delle procedure diagnostiche per determinare il grado di danno ai vasi cardiaci. La procedura è stata elaborata e standardizzata da molto tempo - questo serve come garanzia della sicurezza del paziente.

Il livello di cardiologia nel paese consente di identificare la patologia in una fase iniziale e adottare misure per eliminarla o prevenirne lo sviluppo.

Le malattie cardiache rappresentano una seria minaccia per la salute e la vita umana. Oggi esiste un gran numero di diversi metodi diagnostici che consentono di chiarire il quadro clinico e classificare la malattia dell'organo principale in una fase iniziale di sviluppo..

L'angiografia coronarica del cuore è uno di questi metodi. Il sistema cardiovascolare umano è esposto a un gran numero di influenze negative, causate da un sovraccarico emotivo costante, cibo spazzatura e altri fattori.

Allora, che cos'è: angiografia coronarica del cuore e perché viene eseguita??

L'essenza della tecnica

È noto che il lavoro dell'organo principale dipende completamente dall'apporto di sangue al miocardio e quindi dai vasi. Sono le arterie che forniscono tutti i nutrienti al cuore, il più importante dei quali è l'ossigeno. E l'attività dell'organo principale colpisce tutte le altre parti del corpo, quindi, se si verifica un guasto lì, si osserveranno violazioni anche in aree remote.

Quando il lume del vaso è ostruito da una placca di colesterolo o da un trombo distaccato, il rilascio di sostanze nutritive al cuore viene sospeso. Il risultato di tali disturbi può essere l'ipossia tissutale, seguita dai loro cambiamenti necrotici..

Questi processi causano lo sviluppo di danno ischemico e infarto miocardico. Di solito è sufficiente fare un esame ecografico di un organo o un elettrocardiogramma che mostri la frequenza cardiaca al paziente, man mano che il quadro clinico diventa chiaro.

Ma tali tecniche non sempre consentono di determinare con precisione la natura del processo patologico che si verifica nell'area problematica..

Quali complicazioni può causare una diagnosi del genere?

Questo metodo di rilevamento è strumentale. Viene effettuato introducendo una sostanza radiopaca nel sistema circolatorio dell'organo principale.

Successivamente, al paziente viene eseguita una radiografia, le cui immagini mostrano la pervietà delle arterie.

L'angiografia coronarica aiuta a identificare quanto sia compromessa la circolazione sanguigna nell'area del cuore e a scoprire le cause di questa malattia.

Dopo aver effettuato questo esame, il medico decide su ulteriori tattiche di terapia o sulla necessità di un intervento chirurgico..

Varietà di un tale sondaggio:

  1. L'angiografia coronarica TC è un metodo non invasivo in cui viene esaminata la condizione dei vasi coronarici. La tecnica è considerata moderna e non richiede l'iniezione di un mezzo di contrasto nelle arterie. La tomografia computerizzata viene utilizzata per condurre, durante la diagnostica, viene utilizzata la sincronizzazione elettrocardiografica. I risultati sono sempre molto accurati.
  2. L'esame intravascolare richiede l'esame ecografico delle arterie. Poiché non è sempre possibile valutare lo stato dei vasi sanguigni utilizzando questo metodo, viene utilizzato estremamente raramente..
  3. L'angiografia coronarica RM viene utilizzata solo a scopo di ricerca nei centri scientifici. Gli ospedali non dispongono di tali apparecchiature, poiché lo sviluppo di questo metodo non è ancora in grado di valutare accuratamente le condizioni delle arterie.
  4. Angiografia coronarica con cateterismo. I medici chiamano questo metodo di diagnosi interventistico selettivo. Oggi questo metodo è abbastanza comune e viene spesso utilizzato per valutare il letto dei vasi coronarici..

Nonostante diversi tipi di tale diagnostica, i medici usano spesso una tecnica invasiva, poiché è disponibile per quasi tutte le cliniche e il suo costo è basso rispetto ad altri..

Quando eseguire?

Indicazioni per la ricerca:

  1. L'incapacità di fare al paziente un elettrocardiogramma o una diagnostica ecografica utilizzando un carico.
  2. Infarto miocardico, che procede in forma acuta, in alcuni pazienti che richiedono stent, come dicono i medici.
  3. Angina di Prinzmetal.
  4. Alta probabilità di morte improvvisa dovuta a malattie cardiache.
  5. Prescritto a pazienti che necessitano di sottoporsi a intervento chirurgico alle valvole dell'organo.
  6. Angina pectoris, che si verifica insieme a manifestazioni di ischemia, durante lo sforzo fisico di una persona.
  7. Infarto miocardico, dopo il quale si sono verificate aritmie cardiache fatali come la fibrillazione ventricolare o il blocco AV completo, nonché la morte clinica.
  8. Ricorrenza dopo infarto o angina.
  9. Chiarimento del tipo di malattia quando altri metodi non hanno rivelato un quadro clinico.
  10. Edema del tessuto polmonare.
  11. Insufficienza cardiaca di qualsiasi corso.

A volte i medici decidono di eseguire un intervento chirurgico sull'organo principale dopo l'angiografia coronarica. Una questione importante dei pazienti riguardo a questa procedura è il costo della diagnostica. Il costo dell'esame in diverse istituzioni può variare, ma non si può dire che una persona dovrà pagare una grande quantità per un tale evento..

Quando non puoi eseguire

Poiché questa procedura è invasiva, ci sono rischi che suggeriscono le conseguenze dell'angiografia coronarica del cuore.

Al fine di prevenire pericolose reazioni negative del corpo del paziente, la diagnosi viene eseguita solo dopo aver valutato ogni situazione specifica. Esistono controindicazioni per l'utilizzo di tale tecnica di rilevamento..

Se almeno uno di questi viene trovato in una persona, il medico curante proibirà tali interventi per il suo paziente..

Quando smettere di usare l'angiografia coronarica:

  • Malattie infettive acute.
  • Emoglobina eccessivamente bassa nel sangue del paziente.
  • Violazione delle caratteristiche della coagulazione del sangue che possono portare a gravi emorragie.
  • Patologia di altri organi interni, decorso cronico o acuto.
  • Colpo di qualsiasi tipo.

Il medico stesso determina la presenza o l'assenza di controindicazioni nel suo paziente. Tutti gli appuntamenti vengono fissati su base individuale. Alcune persone sono allergiche a una sostanza introdotta nel corpo per contrastare i vasi sanguigni. In questa situazione, il medico proibirà l'angiografia coronarica..

Formazione

Prima di iniziare la procedura, i medici devono assicurarsi che tutte le misure preparatorie siano state eseguite correttamente. Qualche tempo prima della diagnosi prescritta, al paziente vengono informate le azioni necessarie per un normale esame e l'ottenimento di risultati affidabili.

  1. Prima della procedura, non puoi mangiare 8-10 ore prima della procedura, altrimenti il ​​vomito potrebbe aprirsi durante l'evento.
  2. Il regime di bere è molto importante, quindi è necessario seguire le raccomandazioni riguardanti questa regola del consumo di acqua. È consentito bere in piccoli volumi solo 2-3 ore prima dell'inizio della diagnosi. Ciò è necessario per stabilizzare l'attività dei reni, che devono rimuovere rapidamente l'agente di contrasto dal corpo..
  3. Pochi giorni prima dello studio, sarà necessario superare i test, che devono essere consegnati al medico che conduce l'evento.

Non dobbiamo dimenticare lo stato emotivo, il paziente deve essere calmo in modo che tutti i processi corporei avvengano in una modalità normale e non possano influenzare i risultati dell'esame.

Quali test sono necessari:

  • Analisi generale delle urine (OAM).
  • Un esame del sangue generale, con una decodifica dettagliata del livello piastrinico e dell'indice di protrombina.
  • Test di coagulazione del sangue.
  • Analisi del sangue biochimica (BAC).
  • Test di conferma che il paziente non abbia la sifilide, l'HIV, l'epatite B o C..
  • Diagnosi ecografica dell'organo principale.
  • Elettrocardiogramma.
  • Ecocardiografia.

A volte l'angiografia coronarica deve essere eseguita con urgenza, specialmente nei casi di infarto miocardico. In questa situazione, i medici condurranno urgentemente tutte le ricerche.

Come è l'esame

Se una persona ha paura che questa procedura sia dolorosa, non è necessario preoccuparsi, la diagnosi viene eseguita in anestesia. Quando lo stato emotivo diventa molto teso, è possibile assumere un sedativo prima dell'evento, non danneggerà e non influenzerà i risultati del test..

Il paziente viene posto su un divano, dopo di che il medico perfora l'arteria situata nel braccio, nella coscia o nella gamba. In questo luogo viene installato per la prima volta un tubo di plastica, che aiuta a introdurre altri strumenti senza ostacoli..

Questo tubo è chiamato cancello. Dopo queste azioni, il medico inserisce un catetere attraverso il quale l'agente di contrasto entra nelle arterie.

L'intero processo è controllato da un chirurgo che esegue i raggi X durante la diagnosi da diverse angolazioni.

Il luogo di iniezione di una sostanza speciale viene cambiato, per questo il catetere viene installato a turno: a destra e poi a sinistra nelle arterie coronarie. Dopo aver rimosso il tubo di plastica, il punto in cui si trovava viene lubrificato con una soluzione disinfettante e viene applicata una benda, a volte sono necessarie suture.

La fase successiva dell'esame è la decodifica dei dati ottenuti, in cui è impegnato il medico. In base ai risultati della procedura, viene valutato il grado di vasocostrizione, la presenza di vari blocchi in essi. Tutte le preoccupazioni del paziente su come viene eseguita l'angiografia coronarica dovrebbero essere dissipate dal medico, poiché le complicanze dopo di essa sono estremamente rare.

Conseguenze pericolose

Qualsiasi diagnosi invasiva può causare complicazioni, soprattutto quando si tratta del cuore e dei vasi sanguigni che circondano questo organo. Molto dipende dall'esperienza dello specialista, ma non tutto.

È molto raro parlare delle gravi conseguenze che si sviluppano dopo un tale intervento, ma accadono. Se studiamo i dati statistici, stiamo parlando di circa l'1% ogni 100.000 casi di tali studi, che si concludono con un esito deplorevole e fatale per il paziente.

Per ridurre la probabilità di complicanze, è necessario sottoporsi a angiografia coronarica solo se necessario e assicurarsi di essere prescritto dal medico curante.

Quali gravi conseguenze possono essere:

  1. Sanguinamento.
  2. Cuore o vaso rotto.
  3. Manifestazioni allergiche.
  4. Violazione del ritmo dell'organo.
  5. Ictus o infarto dovuto alla separazione di un coagulo di sangue dalla parete vascolare.
  6. Attacco di cuore.

Gravi complicazioni si verificano solo in rari casi, ma le conseguenze locali si osservano molto più spesso. Di solito una persona subisce processi patologici che compaiono nel sito di puntura. Questo può essere trombosi, formazione di ematomi, lesioni arteriose traumatiche. Se un'infezione penetra nella ferita, sono possibili reazioni infiammatorie a questa iniezione.

Poche persone conoscono l'esame del cuore mediante angiografia coronarica, ma sono disponibili informazioni su come eseguirlo. Dopo aver studiato tutti gli aspetti di una tale diagnosi, puoi eseguire senza paura questa procedura. Con l'aiuto di un tale evento, i medici riescono a rilevare malattie gravi e, se il trattamento viene avviato in tempo, la prognosi è generalmente favorevole..

Anche con scarsi risultati, indicanti una malattia incurabile, c'è sempre la possibilità di migliorare le condizioni del paziente dopo un'operazione d'organo. La medicina moderna è in grado di eliminare quasi tutti i difetti e le patologie che interferiscono con la normale attività del cuore. Non puoi rinunciare all'angiografia coronarica se il medico insiste.

Forse questo è l'unico metodo diagnostico che può mostrare dove si trova la causa del problema..

Conseguenze dell'angiografia coronarica del cuore

Secondo le statistiche, le malattie del sistema cardiovascolare occupano una posizione di primo piano nelle cause di morte nel mondo. Tali disturbi colpiscono principalmente i rappresentanti della popolazione lavorativa, che è associata a un sovraccarico costante del corpo e allo stress cronico.

Una procedura relativamente giovane chiamata angiografia coronarica dei vasi cardiaci permette di rilevare nel tempo i "germogli" delle patologie cardiache. Ma prima di ricorrere al suo aiuto, dovresti studiare attentamente le conseguenze dell'angiografia coronarica. Questa conoscenza ti consentirà di ridurre al minimo la probabilità di un esito negativo..

Fattori di rischio

Cos'è l'angiografia coronarica e quali sono le conseguenze dell'angiografia coronarica dei vasi cardiaci? Si tratta, prima di tutto, di una procedura invasiva che consente di valutare lo stato dei vasi sanguigni del cuore introducendo nel corpo uno speciale mezzo di contrasto che al momento dell'esame colora le arterie di un colore speciale. Quando si parla di "penetrazione" attraverso le membrane protettive di una persona (in questo caso, attraverso la pelle), va ricordata una regola breve ma importante: "un tale intervento è sempre associato a un rischio, sia insignificante per la salute, sia potenzialmente pericoloso per la vita"..

In alcuni casi, la probabilità di complicanze aumenta in modo significativo. Un gruppo speciale di fattori di rischio combina disturbi come:

  • una reazione allergica al contrasto iniettato;
  • una condizione grave associata alla psiche o al somatico;
  • gravidanza;
  • fibrillazione atriale (violazione del battito cardiaco con contrazione frequente ed eccitazione degli atri);
  • ipopotassiemia;
  • extrasistole frequente;
  • renale e insufficienza cardiaca;
  • febbre;
  • emofilia, anemia e altre forme di disturbi della coagulazione del sangue;
  • avvelenamento con glicosidi cardiaci speciali;
  • età avanzata del paziente;
  • malattie del sistema cardiovascolare;
  • diabete mellito e ictus;
  • emaciazione o peso eccessivo significativo;
  • grave malattia polmonare, come l'insufficienza polmonare;
  • disturbi cardiaci;
  • calcificazione dei vasi coronarici (deposizione di sali di calcio nelle cuspidi valvolari e vicino alle pareti delle arterie).

Se un paziente a rischio deve sottoporsi urgentemente a coronografia, la procedura viene eseguita sotto la stretta supervisione di un team di medici. Entro un giorno dalla diagnosi, viene eseguito un controllo speciale degli indicatori ECG (elettrocardiogramma) ed emodinamica (flusso sanguigno attraverso i vasi).

In caso di intervento di emergenza, è necessario cercare di informare il medico sulle reazioni allergiche e sulle possibili malattie concomitanti.

Va notato che la probabilità di complicanze è di circa 0,05-0,2%. Un esito fatale si verifica in meno dello 0,08% dei casi.

Elenco delle possibili complicazioni

Per prepararsi mentalmente all'angiografia coronarica e valutare il grado di rischio, è necessario familiarizzare con le complicanze più comuni secondo le statistiche mediche..

Nefropatia

A volte una diminuzione della pressione sanguigna durante la diagnosi o alcuni componenti dell'agente di contrasto provocano danni ai reni, che nella maggior parte dei casi scompaiono dopo circa 1-1,5 settimane. Raramente si verifica un'insufficienza acuta che richiede l'emodialisi - purificazione del sangue al di fuori dei reni.

Infezione

Nell'area della puntura arteriosa dopo l'angiografia coronarica, appare una piccola area di arrossamento, corrispondente alla scarica dalla ferita risultante e, in alcuni casi, la temperatura corporea aumenta. Questa infezione si verifica in meno dell'1–0,8% dei pazienti. Per la profilassi dopo l'intervento medico, vale la pena evitare l'acqua nel sito di puntura per 2-3 giorni.

L'infezione può anche verificarsi a seguito dell'uso di strumenti non sterili da parte dei medici, vale la pena familiarizzare in anticipo con specialisti e assicurarsi della loro competenza e coscienziosità

Insufficienza respiratoria

A differenza della stragrande maggioranza delle altre complicanze dell'angiografia coronarica, l'insufficienza respiratoria può verificarsi per una serie di motivi diversi, che vanno da una reazione allergica all'edema polmonare..

Reazione allergica

Le allergie sono causate dai conservanti nel mezzo di contrasto. Inoltre, in alcune persone, questa reazione sarà espressa sotto forma di eruzione cutanea, mentre in altre sarà sotto forma di shock anafilattico. Per prevenire un tale risultato, è necessario avvisare in anticipo i medici delle allergie a qualsiasi farmaco e cibo, principalmente frutti di mare..

Dissezione dell'arteria

Un raro fenomeno è associato alla penetrazione del sangue nell'area situata tra i gusci della parete del vaso. Se non evitato, la dissezione provocherà un blocco del flusso sanguigno, potenzialmente pericoloso per la vita del paziente..

Danno vascolare locale

Angiografia: che cos'è?

Questo tipo di conseguenze è considerato il più comune. Si esprime sotto forma di sanguinamento abbondante dal sito di puntura, perché la procedura viene eseguita nella cavità dell'arteria, in cui si osserva una pressione sanguigna relativamente alta. Fermare il sangue da un vaso così grande è piuttosto difficile, soprattutto se la puntura è stata introdotta nell'arteria inguinale..

Ictus

In questa situazione, stiamo parlando di un'emorragia cerebrale causata dalla sovrapposizione dei vasi sanguigni da particelle d'aria o coaguli di sangue. Tipicamente riscontrato in pazienti con ipertensione, diabete e insufficienza renale.

Ematoma

Un ematoma si forma quando il sangue scorre dall'arteria femorale alla regione anteriore della coscia. La stragrande maggioranza delle lesioni non danneggia i pazienti, ma lesioni di grandi dimensioni associate a gravi perdite di sangue a volte richiedono trasfusioni.

Come evitare complicazioni?

Per cominciare, è necessario selezionare specialisti che subiranno una procedura invasiva. Vale la pena esaminare le informazioni riguardanti la loro competenza e il livello di abilità. Questo è forse il punto di preparazione più importante..

Al momento della comunicazione con il medico responsabile della procedura, è necessario assicurarsi della sua competenza: deve condurre almeno 100 di tali studi all'anno

Inoltre, alcuni giorni prima dell'angiografia coronarica, è severamente vietato assumere farmaci senza l'apposito accordo con il medico curante..

Per prevenire le infezioni nella zona di cateterismo, si consiglia di rimuovere i peli nella zona dell'avambraccio o dell'inguine (a seconda del sito scelto dagli specialisti) utilizzando un rasoio elettrico. Il suo utilizzo eviterà danni alla superficie dello strato epiteliale..

Si consiglia vivamente di fare la doccia il giorno prima della procedura diagnostica. Dopo l'inizio delle ore 00:00, immediatamente prima della coronografia, non devono essere consumati cibi e bevande. Solo un approccio ragionevole alla diagnosi imminente ridurrà la probabilità di effetti collaterali pericolosi..

Perché e chi ha bisogno di angiografia coronarica dei vasi cardiaci

L'angiografia coronarica è l'introduzione di una sostanza radiopaca nei vasi coronarici del cuore per determinarne la pervietà.

Un'immagine della rete vascolare viene ottenuta su una radiografia e serve come linea guida per la scelta di un metodo per l'ulteriore trattamento della malattia coronarica.

Questo è uno dei modi più affidabili per determinare la localizzazione del restringimento, la gravità e la sua prevalenza per il successivo innesto di stent o bypass coronarico..

Indicazioni per l'angiografia coronarica del cuore

Lo scopo dello studio dello stato del letto vascolare può essere di emergenza. Questi includono una forte destabilizzazione delle condizioni dei pazienti con angina pectoris o dopo interventi chirurgici sul cuore. I segni di tale deterioramento sono aumento del dolore, alterazioni patologiche dell'ECG, aumento della concentrazione di troponina, ALT e AST nel sangue.

L'angiografia coronarica pianificata viene eseguita in questi casi:

  • Cardiopatia ischemica, confermata da ECG, test da sforzo, in assenza di risposta al trattamento farmacologico.
  • Prima dell'intervento al cuore in pazienti di età superiore ai 35 anni.
  • Angina precoce dopo un attacco di cuore.
  • Presenza di segni clinici di ischemia nelle persone con un aumentato rischio professionale.
  • Dopo un intervento chirurgico al cuore o ai grandi vasi.

Si consiglia di sottoporsi a tale esame in caso di difficoltà nel fare una diagnosi - una discrepanza tra i reclami del paziente ei dati di ulteriori metodi di ricerca.

Controindicazioni all'angiografia coronarica del cuore

In presenza di patologia cardiaca e non cardiaca grave, lo studio non viene effettuato, in quanto vi è un aumentato rischio di complicanze.

Lo studio non viene mostrato a pazienti con:

  • insufficienza della funzione renale con un livello di creatinina superiore a 150 mmol / l;
  • grave insufficienza cardiaca;
  • diabete mellito scompensato;
  • tipi complessi di aritmie;
  • ipertensione arteriosa maligna;
  • periodo acuto di infarto o ictus (meno di una settimana dalla data di insorgenza);
  • endarterite, endocardite;
  • reazioni allergiche (controindicazione relativa).

Preparazione per l'angiografia coronarica del cuore

La fase preparatoria prima della procedura include l'assunzione di anamnesi per chiarire la gravità della malattia coronarica (condizioni per l'insorgenza di convulsioni, attacchi di cuore sofferti). La presenza di allergie, diabete, ipertensione, lesioni ulcerative dello stomaco o dell'intestino, disturbi emodinamici, malattie vascolari, sanguinamento uterino.

I pazienti devono sottoporsi ai seguenti tipi di esame:

  • ECG, se necessario - monitoraggio quotidiano;
  • radiografia del torace;
  • ecocardiografia;
  • dopplerografia ecografica delle arterie succlavia e femorale;
  • esami del sangue per HIV, epatite, sifilide;
  • coagulogramma, elettroliti, creatinina, AST e ALT, livello glicemico.

Se si è soggetti a reazioni allergiche, è necessario un test cutaneo preliminare per una sostanza radiopaca.

Come viene eseguita l'angiografia coronarica del cuore?

L'angiografia coronarica si riferisce agli interventi diagnostici chirurgici, pertanto, può essere eseguita solo nei reparti in cui sono presenti specialisti esperti in tecniche intravascolari e apparecchiature angiografiche. Nelle sale operatorie durante questa procedura, si trovano rianimatori per fornire assistenza di emergenza in caso di complicazioni.

La prima fase dell'angiografia coronarica può differire a seconda della tecnica scelta:

  • Judkins utilizza due cateteri dell'arteria coronaria separati che vengono inseriti attraverso l'arteria femorale.
  • Il metodo Sones utilizza un catetere, le arterie coronarie destra e sinistra vengono passate in sequenza attraverso di esso, il punto di introduzione è l'arteria brachiale.

Tutte le fasi successive sono simili, indipendentemente dall'opzione di ricerca utilizzata. Il catetere viene inserito nell'arteria coronaria, attraverso di essa entra prima l'eparina e poi il mezzo di contrasto (Visipak, Omnipak, Ultravist o altri). Per l'arteria coronaria sinistra, i raggi X dovrebbero essere in cinque proiezioni, per la destra - in due. Allo stesso tempo, viene analizzato lo stato dei ventricoli del cuore.

Durante l'angiografia, le letture della pressione e dell'ECG vengono costantemente monitorate. In accordo con il paziente, il lume ristretto del vaso può essere espanso con un palloncino o può essere installato uno stent. Dopo il completamento della procedura, i cateteri vengono rimossi, una benda di pressione viene applicata al sito di puntura.

Nella conclusione, indicare le seguenti informazioni:

  • Il tipo predominante di afflusso di sangue: destro, sinistro, uniforme.
  • La condizione dello strato muscolare del cuore, che viene fornito con una nave ristretta.
  • La presenza di collaterali e le loro caratteristiche.

Per informazioni su come viene eseguita l'angiografia coronarica del cuore, guarda questo video:

Quanto dura lo studio?

L'angiografia coronarica viene eseguita in anestesia locale, quindi non è richiesta alcuna preparazione preoperatoria preparatoria. Possono essere usati solo sedativi.

Dopo l'anestesia del sito di puntura e l'inserimento del catetere, inizia la procedura stessa, che richiede da 20 a 30 minuti. Il tempo totale trascorso in sala operatoria è di circa un'ora.

Ciò a condizione che non venga eseguito lo stent.

Raccomandazioni nel periodo di recupero dopo la procedura

Il paziente può rimanere in ospedale dopo l'angiografia da 5 a 24 ore. In questo periodo è consigliato il riposo a letto, è possibile bere acqua e succhi di frutta. Se la frequenza cardiaca è stabile, il paziente viene dimesso.

A casa, per almeno una settimana, è necessario seguire un regime delicato, escludere l'attività fisica, l'assunzione di alcol e il fumo. Per 2-3 giorni, non è necessario fare il bagno; il sito di puntura deve rimanere asciutto durante la doccia. L'auto può essere guidata in 3 - 5 giorni.

Un'urgente necessità di consultare un medico con i seguenti sintomi:

  • sanguinamento dal sito di puntura dell'arteria;
  • dolore, gonfiore e arrossamento della pelle;
  • c'è indurimento vicino alla zona di cateterizzazione;
  • la temperatura corporea è aumentata;
  • la pelle è scolorita e l'arto che è stato utilizzato per guidare il catetere diventa insensibile e si sente freddo o caldo al tatto;
  • esperienza di eccessiva debolezza, dolore al petto e mancanza di respiro.

Possibili conseguenze negative dell'angiografia coronarica del cuore

La complicanza più comune è il sanguinamento dal sito di puntura dell'arteria. In generale, l'angiografia coronarica è una procedura non pericolosa..

Meno dell'uno per cento dei pazienti presenta aritmie sotto forma di fibrillazione ventricolare, danni alla parete vascolare e infarto miocardico. Di regola, questo è associato a manifestazioni di grave angina pectoris. È anche possibile l'intolleranza alla sostanza contrastante, il blocco della nave da un trombo.

Costo della ricerca sul cuore

Il costo stimato della procedura è compreso tra 10 e 19 mila rubli, molto spesso dipende dal metodo utilizzato dalla clinica, nonché dalla disponibilità di attrezzature di alta precisione.

Nel caso in cui durante l'angiografia coronarica sia stata presa una decisione (insieme al paziente) sullo stent vascolare, verrà effettuato un pagamento aggiuntivo per i materiali di consumo e il trattamento chirurgico aggiuntivo. All'estero, il costo di un esame con vasi coronarici contrastanti varia da 7 a 15 mila dollari.

Domande reali dei pazienti

I pazienti di solito hanno molte domande prima della procedura. I più comuni sono:

È possibile eseguire un intervento di bypass senza angiografia coronarica?

Una valutazione preliminare del grado di danno alle arterie e del luogo di afflusso di sangue alterato può essere stabilita con precisione solo con l'angiografia coronarica, pertanto si consiglia di passarla a tutti i pazienti prima di operazioni sui vasi del cuore.

Ho il diabete di tipo 1. È possibile sottoporsi ad angiografia coronarica?

Il diabete mellito non è una controindicazione. Ma prima che la procedura venga prescritta, è necessario ottenere l'opinione di un endocrinologo, sottoporsi a un esame del sangue per lo zucchero e il livello di emoglobina glicata. La dose di insulina deve essere regolata in modo che la glicemia sia vicina al normale.

Quante volte può essere eseguita l'angiografia coronarica?

Questo metodo diagnostico non è pericoloso, quindi può essere eseguito tutte le volte che è necessario per controllare i vasi coronarici del cuore. Il riesame può essere prescritto in caso di aumento del dolore al cuore, scarsa efficacia della terapia farmacologica, alterazioni dell'ECG o in un esame del sangue biochimico.

È possibile sottoporsi ad angiografia coronarica senza il rinvio di un medico?

Un'indicazione per la diagnostica dei vasi coronarici è principalmente la malattia coronarica.

Se presenta sintomi tipici e le condizioni del paziente sono valutate come soddisfacenti, gli attacchi di angina si verificano solo con uno sforzo fisico elevato e un'operazione non è pianificata nel prossimo futuro, quindi non è necessaria una tale diagnosi.

Al fine di determinare definitivamente se è indicata la corornarografia, è imperativo analizzare tutta la documentazione medica disponibile. Questo può essere fatto solo professionalmente da un cardiologo..

Pertanto, l'esame angiografico coronarico dei vasi sanguigni è il "gold standard" nella diagnosi di ischemia miocardica e nella pianificazione del posizionamento di stent o shunt..

Il metodo si riferisce a tipi di esami relativamente sicuri, quindi può essere consigliato a quasi tutti i pazienti con malattia coronarica, ad eccezione di quelli con gravi malattie concomitanti o patologie cardiache complesse.

Angiografia coronarica delle navi: che cos'è e come viene eseguita

Le statistiche mondiali dicono che le malattie cardiache sono al primo posto tra tutte le malattie. Per la prevenzione delle malattie cardiache e per determinare la tattica del trattamento, l'angiografia vascolare viene spesso prescritta ai pazienti.

Angiografia coronarica: che cos'è? Questo è uno studio dei vasi coronarici del cuore utilizzando un mezzo di contrasto e raggi X, o senza di essi utilizzando apparecchiature moderne. Abbreviato in KAG.

La procedura può essere eseguita di routine durante un esame preventivo, o urgentemente per determinare lo stato dei vasi coronarici in caso di sospetto, oi primi segni di infarto nelle prime 5-12 ore.

Cos'è l'angiografia coronarica vascolare

Lo studio dei vasi coronarici che alimentano il tessuto muscolare del cuore e garantiscono il normale funzionamento è molto importante per l'individuazione di alterazioni patologiche e un trattamento tempestivo.

L'angiografia coronarica dei vasi è un tipo di esame visivamente informativo che consente di identificare con precisione la causa di una violazione dello stato dei vasi coronarici. Lo studio viene eseguito solo in un istituto medico da cardiologi rigorosamente secondo le indicazioni:

  • malattia coronarica;
  • fase preparatoria prima delle operazioni, stenting, bypass grafting;
  • forte dolore costante al petto;
  • sospetto di infarto miocardico;
  • un disturbo del ritmo cardiaco che minaccia la vita del paziente;
  • esami di follow-up dopo varie operazioni al cuore;
  • esame diagnostico per chiarire la diagnosi.

È pericolosa?

Con qualsiasi intervento nel corpo umano, eventuali complicazioni sono possibili. Con l'angiografia coronarica, costituiscono solo l'1% del numero totale di procedure eseguite e possono manifestarsi come:

  • fibrillazione dei ventricoli cardiaci;
  • quando si sposta lungo il letto del vaso del catetere, un trombo viene staccato;
  • il verificarsi di embolia gassosa;
  • danno al tessuto cardiaco;
  • infarto miocardico.

Tuttavia, la procedura viene eseguita in un ospedale, dove sono disponibili 24 ore su 24 specialisti che possono fornire un trattamento tempestivo e ridurre i rischi di gravi complicanze. L'angiografia coronarica è pericolosa, eseguirla e in che modo decide non solo il medico, ma anche il paziente stesso.

Quando si esegue un'angiografia coronarica senza contatto direttamente con il cuore, non ci sono complicazioni.

Com'è fatto

Che cos'è l'angiografia coronarica e come viene eseguita, il medico curante, un cardiologo, deve dirlo. Prima della procedura, vengono prescritti metodi diagnostici aggiuntivi in ​​modo pianificato:

  • esami del sangue e delle urine;
  • Ultrasuoni del cuore;
  • ecocardiografia;
  • test per la presenza di virus;
  • elettrocardiografia;
  • consultazioni con medici di specialità correlate (in ogni caso individualmente, se necessario e le condizioni del paziente).

Il paziente si prepara in anticipo per la procedura: lo studio viene eseguito a stomaco vuoto (il cibo non può essere assunto la sera dopo le 18:00 alla vigilia della procedura). Ad alcuni pazienti si consiglia di assumere farmaci speciali come indicato da un medico. Se necessario, il sito della futura puntura viene rasato.

L'angiografia coronarica viene eseguita con due metodi principali: metodo invasivo o mediante tomografia.

Invasivo

Il metodo dell'angiografia coronarica selettiva prevede l'introduzione attraverso la pelle in anestesia locale nell'arteria (femorale, radiale) di uno speciale catetere, che viene passato ai vasi coronarici. Quindi viene introdotto un contrasto speciale.

Il mezzo di contrasto durante l'angiografia coronarica viene distribuito su tutti i vasi coronarici e, con l'aiuto di un angiografo, sul monitor è possibile vedere la qualità della distribuzione e del riempimento dei vasi. Per compilare un quadro completo della pervietà dei vasi coronarici, le immagini vengono prese da tutti i lati.

Dopo l'introduzione di un mezzo di contrasto nel corpo, il paziente può surriscaldarsi. La frequenza cardiaca rallenta, il che è chiaramente sentito. Ciò è necessario per ottenere un'immagine chiara e una visione approfondita diretta dello stato delle navi sul monitor del dispositivo. Dopo la fine della procedura, la frequenza cardiaca viene ripristinata.

Il vantaggio del metodo di contatto, se necessario, è la capacità di eseguire immediatamente la dilatazione del palloncino o eseguire lo stent, che vengono eseguiti previo accordo con il paziente (è cosciente). Lo svantaggio è l'esposizione alle radiazioni ionizzanti.

L'intera procedura di angiografia coronarica richiede da 20 minuti a un'ora, in media 30-40 minuti. I pazienti sono in posizione supina e non provano disagio.

Non invasivo

  • L'angiografia coronarica TC (tomografia computerizzata) viene eseguita senza introdurre strumenti nel corpo.
  • Un'ora prima della diagnosi, il paziente assume un farmaco per ridurre il numero di contrazioni cardiache.
  • Immediatamente prima di scattare foto, un mezzo di contrasto viene iniettato per via endovenosa e il cuore viene scansionato da varie angolazioni.

Con la sincronizzazione aggiuntiva della tomografia con l'elettrocardiografia, è possibile acquisire immagini durante la diastole. Questo metodo produce un'immagine 3D, in cui lo stato dei vasi coronarici del cuore è chiaramente visibile..

Una caratteristica di questo tipo di diagnosi è la sensazione di battiti cardiaci rari, nonché la necessità di eseguire vari comandi del medico durante l'esame..

Il paziente riceve il risultato dell'esame immediatamente dopo il completamento dello studio diagnostico.

Controindicazioni per

Esistono alcune controindicazioni per l'esecuzione dell'angiografia coronarica:

  • gravidanza;
  • allergia al mezzo di contrasto;
  • diabete;
  • insufficienza epatica o renale;
  • aritmia cardiaca incontrollata (dopo il trattamento, la procedura può essere eseguita);
  • disturbi patologici della coagulazione del sangue;
  • temperatura corporea elevata;
  • intossicazione;
  • insufficienza cardiaca;
  • malattie cardiache infettive.

In condizioni acute pericolose per la vita, alcune controindicazioni sono condizionate (a discrezione del medico curante e in base alle condizioni del paziente). Dopo il corso di trattamento di alcuni tipi di condizioni patologiche e la stabilizzazione della salute del paziente, è possibile effettuare uno studio.

Conseguenze dell'angiografia coronarica

Per tutte le condizioni incomprensibili dopo uno studio diagnostico, dovresti consultare immediatamente un medico. Le conseguenze dell'angiografia coronarica sono minime, ma si verificano comunque:

  • lo sviluppo di un attacco di cuore quando una persona è troppo preoccupata;
  • lesione arteriosa;
  • distacco di un coagulo di sangue, che può portare a un ictus o infarto;
  • complicazione della condizione renale;
  • se la diagnosi è troppo lunga, irradiazione a raggi X;
  • le pareti troppo assottigliate del cuore o dei vasi sanguigni possono rompersi;
  • sanguinamento nel sito di puntura attraverso la pelle o all'interno, quando un vaso o tessuto cardiaco è danneggiato;
  • infezione nel corpo dopo la procedura (catetere mal elaborato o luogo della sua introduzione);
  • reazioni allergiche a farmaci aggiuntivi.

Conclusione

Ogni intervento sul corpo umano ha i suoi rischi. La possibilità di complicanze si riduce quando il paziente segue chiaramente tutte le fasi preparatorie per l'esame diagnostico.

Nonostante le controindicazioni e il minimo rischio di complicanze, l'angiografia coronarica rimane uno dei metodi più informativi di esame diagnostico dei vasi cardiaci, che ha salvato molte vite..


Articolo Successivo
Aritmia sinusale: sintomi e metodi di trattamento