Preparati per migliorare la circolazione cerebrale


Il cervello è chiamato il centro di controllo di tutti gli organi e sistemi del corpo; è dal suo funzionamento che dipendono il benessere, le prestazioni e lo stato di salute umana. Il minimo squilibrio nel suo lavoro comporta tutta una serie di sintomi di varia gravità: affaticamento, vertigini, problemi di memoria, emicranie, picchi di pressione, disturbi vascolari.

Perché la fame di ossigeno è pericolosa?

Gravi patologie irreversibili del sistema circolatorio iniziano sempre con disturbi impercettibili o interruzioni a breve termine nell'afflusso di sangue al cervello. In caso di disturbi sistematici, la mancanza di ossigeno e sostanze nutritive contribuisce all'inattivazione delle cellule cerebrali, all'indebolimento del tessuto nervoso e alla scomparsa delle connessioni neurali, che porta all'inizio ad un indebolimento delle funzioni cognitive (indebolimento dell'attenzione, memoria, affaticamento rapido) e quindi sintomi più gravi - emicranie, compromissione della coordinazione movimenti, sonnolenza, ecc..

La mancanza di attenzione al problema innesca il meccanismo della fame acuta di ossigeno, ad es. morte di cellule in quantità di massa, provocando la formazione di aree di necrosi di diversa intensità, che si traduce in sintomi ancora più formidabili: paralisi degli arti, disturbi del linguaggio, ictus emorragico, che minacciano non solo la disabilità, ma anche una minaccia per la vita stessa.

Solo un'attenzione tempestiva ai sintomi e un approccio qualificato al trattamento possono fermare il peggioramento della condizione.

Motivi delle violazioni

Nella maggior parte dei casi, con disturbi della circolazione cerebrale, i medici diagnosticano l'encefalopatia vascolare o discircolatoria, indicando che ci sono lesioni dei tessuti organici nel cervello di natura non infiammatoria.

Le cause dei disturbi vascolari del cervello possono essere:

  • una precedente malattia infettiva che ha avuto un effetto negativo sui vasi sanguigni (ad esempio, encefalite, meningite);
  • anomalie vascolari congenite;
  • variazione del grado di lesione alla testa o alla colonna vertebrale;
  • cambiamenti vascolari aterosclerotici.
  • osteocondrosi cervicale e spinale;
  • stile di vita sedentario;
  • nutrizione impropria;
  • diabete di tipo 2;
  • cattive abitudini;
  • ipertensione;
  • tromboflebite.

I motivi più comuni che hanno recentemente causato disturbi vascolari del cervello sono l'ipodynamia, associata a un'alimentazione inappropriata, che contribuisce a depositi sulle pareti dei vasi sanguigni e cambiamenti organici nella colonna cervicale. Se prima i sintomi dell'osteocondrosi cervicale erano caratteristici delle persone anziane, a causa di alterazioni degenerative del tessuto osseo, ora, a causa della forzata ininterrotta seduta davanti ai computer, diventa una piaga per i giovani..

A causa della lunga immobilità, le vertebre schiacciano le terminazioni nervose, a seguito delle quali i fori nei processi delle vertebre, attraverso i quali il sangue arterioso passa alla testa, si restringono e, di conseguenza, il cervello non riceve ossigeno e sostanze nutritive.

I medici vedono anche la soluzione al problema di come migliorare la circolazione cerebrale nel mantenere uno stato emotivo calmo del paziente, poiché gli sbalzi d'umore improvvisi sono un modo sicuro per provocare picchi di pressione sanguigna e, di conseguenza, spasmi vascolari.

Sintomi che indicano problemi vascolari

I segni che indicano cambiamenti patologici nei vasi del cervello sono:

  • mal di testa di varia intensità e localizzazione;
  • vertigini;
  • difficoltà a ricordare;
  • affaticabilità veloce;
  • problemi di udito;
  • deterioramento della vista;
  • incapacità di concentrarsi;
  • diminuzione della sensibilità cutanea degli arti superiori e inferiori;
  • improvvisa perdita di coscienza a breve termine.

Le persone anziane sono particolarmente inclini a incidenti cerebrovascolari dovuti a cambiamenti legati all'età, che si esprimono sia in una diminuzione del tono delle pareti dei vasi che in un restringimento del lume in esse dovuto a depositi. Tuttavia, ogni anno, i giovani soffrono sempre più di problemi sia cardiovascolari che neurologici, subendo le conseguenze di gravi condizioni di infarto o ictus, che spesso terminano tristemente..

La diagnostica è l'inizio del percorso verso la salute

La diagnosi immediata dello stato funzionale del cervello e un approccio integrato al trattamento dei problemi emergenti sono di importanza decisiva per prevenire l'aumento dei sintomi. È inaccettabile fare qualsiasi passo alla cieca, a caso, per uscire da una condizione così grave come la ridotta circolazione sanguigna nel cervello..

In questo caso, i segni sono abbastanza universali, ad es. può indicare disturbi funzionali minori caratteristici di tutte le età - da un bambino a una persona anziana, facilmente suscettibili di correzione e gravi lesioni cerebrali organiche (aneurismi, meningiomi), il cui ritardo nel trattamento è pericoloso per la vita. Pertanto, l'importanza di seguire tutte le procedure prescritte dal medico quando si effettua una diagnosi è fuori discussione..

In caso di gravi danni alle navi, vengono prescritte operazioni in cui vengono rimosse le navi inoperative o le neoplasie in esse contenute e vengono sostituite dal trapianto.

Un neurologo alla primissima visita di un paziente, senza una diagnosi dettagliata, può prescrivere farmaci vasocostrittori per alleviare le manifestazioni acute della malattia. Questi fondi alleviano solo i sintomi, ma non producono un effetto terapeutico. Per iniziare un trattamento qualificato e solitamente a lungo termine, è necessario un esame completo.

Prima di tutto, un neurologo compila l'anamnesi di un paziente, che consente di valutare le condizioni del paziente e identificare i rischi di una malattia che potrebbe essere associata a patologie precedenti..

Oltre agli esami del sangue di laboratorio obbligatori, il medico prescrive immancabilmente opzioni per metodi diagnostici hardware: tomografia computerizzata (TC), risonanza magnetica (MRI), encefalografia cerebrale, che con elevata precisione può identificare vari disturbi nella struttura anatomica, localizzazione delle neoplasie e la loro natura, cambiamenti nelle pareti dei vasi sanguigni dovuti a infezioni, ecc. Il valore di queste tecniche high-tech è particolarmente grande per determinare lo stato dei vasi sanguigni, vale a dire la loro pervietà, cioè il diametro del loro lume. Se necessario, può essere prescritta l'angiografia: un esame a raggi X dei vasi, in cui viene iniettato un mezzo di contrasto.

La consultazione con un oftalmologo è obbligatoria quando si individuano problemi cerebrali, poiché la causa dei problemi potrebbe essere un tumore, la cui presenza o assenza è stabilita dallo stato delle papille dei nervi ottici del fondo. Se si verifica atrofia delle papille, è necessario escludere altri motivi che portano a ciò, ad esempio l'aumento della pressione intracranica.

Farmaci di base

Quando si prescrive un medicinale per migliorare la circolazione cerebrale, il medico deve valutare in modo completo il grado di effetti sia positivi che negativi su un particolare paziente, poiché tutti i farmaci hanno controindicazioni per l'uso e causano vari effetti collaterali. Al fine di ridurre l'effetto negativo sul corpo, il medico esegue esami del sangue, del succo gastrico, della pressione sanguigna e altri.

Per normalizzare i disturbi circolatori, vengono utilizzati i seguenti gruppi di farmaci:

  • farmaci nootropici;
  • farmaci vasodilatatori;
  • agenti antipiastrinici e anticoagulanti.

Nootropics

Il gruppo comprende farmaci per la circolazione cerebrale, che stimolano il metabolismo nel tessuto nervoso, aumentano la resistenza alla carenza di ossigeno e migliorano le condizioni delle pareti dei vasi sanguigni. Questi sono i seguenti farmaci:

  • Cerebrolysin;
  • Piracetam;
  • Encephabol;
  • Phenotropil;
  • Mexidol;
  • Pantocalcina;
  • Glicina;
  • Picamilon;
  • Pramiracetam.

Nonostante il fatto che il meccanismo d'azione di alcuni nootropi sia ancora un mistero per la medicina, il loro uso efficace nel trattamento degli ictus ischemici ed emorragici li rende indispensabili per il trattamento di gravi patologie. Non solo migliorano il metabolismo nelle strutture cerebrali e prevengono la morte delle cellule nervose, ma ripristinano anche gli impulsi dei neuroni, promuovono l'utilizzo del glucosio, forniscono energia alle cellule, aumentano la resistenza dei tessuti alla carenza di ossigeno.

L'assunzione di nootropi richiede un approccio individuale basato su un regime specifico e un dosaggio opportunamente selezionato corrispondente alla gravità della patologia.

Farmaci vasodilatatori

Il meccanismo della circolazione cerebrale alterata è più spesso espresso dal vasospasmo, in cui il lume delle arterie o delle vene si restringe nella misura in cui il trasporto del sangue rallenta in modo significativo. La nave viene compressa a causa dell'emergere di una reazione protettiva all'aumento della pressione sanguigna sulle pareti: all'inizio si sforzano, portando infine all'ispessimento delle pareti, a seguito del quale il lume si riduce, il che comporta una diminuzione del volume di sangue che lo attraversa.

I farmaci vasodilatatori hanno un effetto rilassante sulle pareti dei vasi sanguigni, alleviando lo spasmo e riportandoli al loro stato normale, normalizzando così il flusso sanguigno.

Tutti i vasodilatatori sono divisi in gruppi:

  • Correttori della circolazione cerebrale:
    • Vinpocetina;
    • Cavintazolo;
    • Telektol;
    • Cavinton;
    • Winpoton;
    • Bravinton.

Il loro effetto terapeutico si basa sulla capacità di bloccare gli ioni calcio e sodio, che provocano spasmi vascolari. Agendo delicatamente sui piccoli vasi sanguigni (arteriole e capillari), i farmaci hanno un effetto benefico sulla pressione sanguigna, sul metabolismo energetico dei tessuti, sul polso, proteggono dalla carenza di ossigeno e accelerano l'emodinamica.

  • Correttori combinati della circolazione cerebrale (costituiti da complessi di sostanze risultanti):
    • Vasobral;
    • Instenon;
    • Pentossifillina.

Questi farmaci agiscono specificamente per migliorare la circolazione cerebrale bloccando i corrispondenti recettori che portano allo spasmo. Sono utilizzati per ridurre la permeabilità delle cellule vascolari, prevenire la formazione di coaguli di sangue e aumentare la resistenza delle cellule nervose alla mancanza di ossigeno. I farmaci possono anche migliorare il metabolismo e l'utilizzo dei prodotti metabolici. Questi farmaci non influenzano la pressione sanguigna..

  • Calcio antagonisti (bloccanti dei canali del calcio):
    • Corinfar;
    • Cinnarizina;
    • Nicardipina;
    • Verapamil;
    • Gallopamil;
    • Nimodipina.

Il principio principale della loro azione si basa su una diminuzione del flusso di ioni calcio nelle cellule della parete vascolare e del cuore, che riduce il loro tono e aumenta l'afflusso di sangue agli organi. I farmaci sono particolarmente indicati per il trattamento dei disturbi associati all'ipertensione..

  • Adrenoblocker:
    • Celiprol;
    • Nicergoline;
    • Prazosin;
    • Sermion;
    • Kardura.

Il lavoro dei farmaci si basa sul blocco dei recettori della muscolatura liscia e del cervello, che causano lo spasmo delle pareti vascolari. I farmaci alleviano lo spasmo di vasi sia grandi che piccoli, normalizzando la pressione, che è molto richiesta nel trattamento di condizioni complicate dall'ipertensione. Il loro dosaggio richiede un'attenzione particolare, poiché esiste un'alta probabilità di un effetto collaterale sotto forma di una forte diminuzione della pressione, fino a segni di tachicardia, che è regolata da una diminuzione del dosaggio.

  • Anticoagulanti e agenti antipiastrinici:
    • Tiklid;
    • Plavix;
    • Aspirina;
    • Dipiridamolo;
    • Urokinase;
    • Streptochinasi;
    • Warfarin

Questi farmaci sono progettati per prevenire la minaccia di coaguli di sangue nell'insufficienza vascolare. Influenzando la viscosità del sangue e contrastando l'adesione dei suoi elementi sagomati, migliorano la circolazione cerebrale non direttamente, ma indirettamente. Diluendo il sangue, i farmaci prevengono la sovrapposizione del lume vascolare, a causa del quale si sviluppano formidabili complicazioni, tra cui il tromboembolismo. L'assunzione di questi farmaci richiede uno stretto controllo sui parametri del sangue di laboratorio: coagulazione, test di funzionalità epatica, coagulogramma.

Il medico prescrive la forma, il dosaggio, la frequenza di assunzione di pillole per la circolazione cerebrale, a seconda della gravità dei disturbi neurologici.

Come aiutare te stesso da solo

Con sintomi pronunciati di disturbi neurologici, non si può fare a meno di un intervento qualificato di medici e di un serio trattamento terapeutico. Ma nei casi della fase iniziale della malattia, con sintomi come affaticamento, segni di VSD, indebolimento della memoria e dell'attenzione, vertigini, è del tutto possibile invertire i processi patologici e migliorare l'afflusso di sangue alla testa organizzando adeguatamente la propria vita e obbedendo a regole severe.

Stile di vita corretto

Il rispetto di uno stile di vita sano include l'abbandono delle cattive abitudini, un'organizzazione razionale del lavoro e del riposo, un'attività fisica sufficiente. È inoltre importante prevenire patologie che contribuiscono a spasmi e vasocostrizione alla testa: osteocondrosi, aterosclerosi, ipertensione, diabete mellito.

Assunzione di farmaci e integratori alimentari

È utile assumere regolarmente farmaci e integratori alimentari per mantenere i vasi sanguigni normali e migliorare il metabolismo generale. È del tutto possibile normalizzare i disturbi nella fase iniziale con l'assunzione regolare di integratori alimentari, rimedi omeopatici in aggiunta al trattamento principale. Per il trattamento dei problemi vascolari della testa, si consiglia di assumere:

  • La glicina è un amminoacido che neutralizza l'effetto delle tossine nei tessuti, regola i processi di inibizione ed eccitazione nelle cellule e aumenta la loro attività funzionale.
  • Il Ginkgo Biloba è un potente antiossidante naturale che ripristina le pareti vascolari e allevia gli spasmi.
  • Diidroquercetina - un bioflavonoide che normalizza i livelli di colesterolo, proteggendo i vasi sanguigni dalla formazione di placche, migliorando l'elasticità dei vasi sanguigni.

Modalità di alimentazione e qualità

Mangiare una dieta equilibrata contenente una quantità sufficiente di nutrienti, vitamine e oligoelementi è una condizione importante da una vasta gamma di misure volte a migliorare la circolazione sanguigna nel cervello.

Evitare cibi grassi, salati, grassi trans, agenti cancerogeni, limitare l'uso di carboidrati leggeri, dolci, bevande gassate e alcoliche aiuta a migliorare lo stato dei vasi sanguigni. Per attivare la circolazione sanguigna, dovresti arricchire la tua dieta con aminoacidi di origine vegetale e animale (carne magra, frutti di mare, fegato di manzo, legumi, pesce, latte), verdura e frutta (soprattutto banane e mele), cereali, in particolare grano saraceno e farina d'avena, oli vegetali, noci, semi, miele. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alla presenza sufficiente di vitamine A, C, E, K e gruppo B sul tavolo, come elementi strutturali insostituibili nei processi redox del corpo, rimedi popolari.

I prodotti alimentari correttamente selezionati possono non solo duplicare le sostanze necessarie alla circolazione sanguigna del cervello contenute negli integratori alimentari e nei farmaci, come glicina, bioflavonoidi, vitamine, acido folico, minerali, acidi Omega-3, ma anche aumentare in modo significativo l'effetto terapeutico dei farmaci.

Assunzione di acqua nel corpo

Per migliorare la circolazione sanguigna nel cervello, è necessario prestare particolare attenzione al regime di bere, poiché per rimuovere le tossine e prevenire la formazione di trombi, che è una delle principali cause di blocco vascolare. Il corpo ha bisogno di 1,5-2,5 litri di acqua pulita al giorno.

Ginnastica quotidiana

Con sintomi di osteocondrosi del rachide cervicale e attività fisica insufficiente, è importante fare regolarmente esercizi ginnici a casa, poiché il movimento aiuta a migliorare il metabolismo e l'afflusso di sangue a tessuti e organi, incluso il cervello. L'esercizio stimola la crescita delle terminazioni nervose e la formazione di connessioni neurali, che migliorano la memoria e le prestazioni mentali.

La ginnastica in recupero rimuove il tono dei muscoli che comprimono i vasi, ripristinando così la circolazione sanguigna. Particolarmente rilevanti sono i movimenti che interessano la regione cervico-spalla. I movimenti con giri e inclinazioni della testa contribuiscono all'espansione dei vasi che alimentano il cervello, che aumenta il flusso di sangue ad esso insieme al flusso di ossigeno.

Semplici esercizi vengono eseguiti in modo fluido e lento, con la posizione raddrizzata della colonna vertebrale, senza movimenti bruschi, in posizione eretta o seduta:

  • guardando dritto davanti a sé, gira dolcemente la testa;
  • ruotare con attenzione la testa in una direzione, poi nell'altra;
  • inclina la testa da un lato fino a quando l'orecchio tocca la spalla, in direzioni diverse;
  • inclina la testa in avanti, cercando di toccare il petto con il mento, quindi inclina lentamente la testa all'indietro finché il mento non si alza;
  • immagina che la punta del naso sia una matita e scrivi numeri con essa nell'aria - da 1 a 10, poi indietro. I numeri non dovrebbero essere troppo piccoli.

La ricarica dovrebbe essere data 10-15 minuti al giorno per le prime 2 settimane, quindi il numero di ripetizioni dovrebbe essere aumentato a due volte al giorno, a casa e al lavoro.

Dai lavoro al tuo cervello

Alla luce della recente ricerca sui problemi cerebrali, gli scienziati notano un collegamento diretto tra il grado di stress mentale e una diminuzione dei disturbi funzionali del cervello in futuro. Chi non risparmia la propria "unità centrale di elaborazione", ma la carica, risolvendo cruciverba, memorizzando poesie e assumendosi qualcosa di nuovo e difficile, riduce notevolmente le possibilità di affrontare il morbo di Alzheimer o la demenza in età avanzata. Gli esperti raccomandano esercizi speciali per "scuotere" il cervello: diventa mancino per la giornata se la persona è destrorsa, o viceversa, vai al negozio o lavora in un altro modo, muoviti di tanto in tanto per l'appartamento bendati, costringendo sia i sensi che le cellule ad attivarsi il cervello sotto la pressione di nuove impressioni.

Farmaci nootropici che migliorano la nutrizione e la circolazione sanguigna nel cervello: un elenco dei più efficaci con i prezzi

Con uno scarso lavoro dei vasi sanguigni e del sistema nervoso centrale, i medici prescrivono farmaci per migliorare la circolazione cerebrale. Aiutano ad eliminare le conseguenze delle malattie, prevenire il ristagno del sangue, migliorare la memoria e la percezione delle informazioni. I farmaci sono divisi in diversi grandi gruppi, che differiscono nel principio di influenza delle malattie.

Trattamento della circolazione cerebrale

Per ridotta circolazione cerebrale in medicina si intende un malfunzionamento dei vasi del cervello e del midollo spinale. Questo processo patologico colpisce le arterie, le vene, causando trombosi, embolia, restringimento del lume, aneurismi. A seconda della gravità della malattia e della sua localizzazione, i medici prescrivono vari farmaci che contribuiscono al recupero.

I farmaci possono essere utilizzati per migliorare significativamente la circolazione cerebrale per le seguenti indicazioni:

  • ictus emorragico;
  • infarto cerebrale;
  • emorragia;
  • focolai di necrosi tissutale;
  • cicatrici;
  • piccole cisti.

Ogni malattia del cervello è unica e lo sviluppo della malattia può essere accompagnato da problemi individuali. Tuttavia, ci sono alcuni sintomi generali, quando compaiono, dovresti consultare un medico per un esame dettagliato della nomina dei farmaci:

  • mancanza di coordinamento;
  • problemi di memoria;
  • disturbo della sensibilità;
  • paresi, paralisi;
  • crisi epilettiche;
  • disfunzione degli organi di senso.

Quali sono i farmaci per migliorare la circolazione cerebrale

I farmaci popolari per i disturbi della circolazione cerebrale aiutano a normalizzare il lavoro del corpo dopo le malattie: aterosclerosi, ictus, traumi, osteocondrosi, ipertensione. Le medicine possono rimuovere le vertigini, migliorare la memoria, alleviare il mal di testa. Puoi usarli per eliminare le conseguenze di malattie già curate..

I principali tipi di farmaci

Per ottenere un migliore apporto di sangue ai vasi cerebrali, i medici prescrivono i seguenti gruppi di farmaci:

  • vasodilatatori - vasodilatatori;
  • prevenire la formazione di trombi - agenti antipiastrinici, anticoagulanti;
  • nootropi che influenzano una maggiore attività cerebrale;
  • alfa-bloccanti: abbassare la pressione sanguigna, alleviare gli spasmi.

Una volta nel corpo umano, questi medicinali hanno un effetto complesso sui vasi sanguigni e sulle cellule del sangue:

  • dilatare i vasi sanguigni;
  • ridurre l'adesione delle piastrine;
  • ridurre la viscosità del sangue;
  • aumentare la plasticità degli eritrociti;
  • fornire alle cellule cerebrali glucosio e ossigeno, aumentare la loro resistenza all'ipossia.
  • Sgombri sottaceto a casa secondo deliziose ricette con foto
  • Cosa significano le feci verdi in un bambino e in un adulto
  • Angiografia dei vasi cerebrali

Farmaci nootropici che migliorano la nutrizione e la circolazione sanguigna nel cervello

I farmaci per migliorare la memoria e la circolazione cerebrale, appartenenti al gruppo dei nootropi, sono considerati popolari. Ripristinano la funzione cerebrale dopo ipossia, ictus e lesioni al cranio, ma non influenzano la circolazione sanguigna. I nootropi stimolano i processi metabolici nei tessuti colpiti. Questo gruppo di medicinali comprende:

  • Piracetam e analoghi;
  • Piridossina e suoi derivati ​​(Encephabol);
  • neuroaminoacidi - Phenibut, Pantogam, Picamilon (ha un forte effetto calmante), Acido glutammico, Glicina;
  • alfoscerato di colina;
  • ginkgo biloba e suoi derivati;
  • Cerebrolysin;
  • ossibutirrato di sodio - ha un forte effetto ipnotico.

Rimedi omeopatici

Ai primi segni di insufficienza della circolazione cerebrale, si consiglia di assumere il preparato omeopatico Iodio dorato. Aiuta a gestire tinnito, mal di testa, instabilità dell'andatura e disturbi della memoria. I medici non hanno sempre un atteggiamento positivo nei confronti dell'omeopatia, ma se il paziente, con l'aiuto di uno specialista, ne seleziona uno adatto (ad esempio Microhydrin), l'effetto sarà pronunciato e stabile.

Vitamine

Gli eccipienti funzionano bene per migliorare la circolazione sanguigna nel cervello. Le vitamine diventano un elemento importante della terapia complessa:

  • L'ascorutina - un farmaco con vitamina C e rutina, progettato per rafforzare le pareti dei capillari, viene prescritto in via profilattica;
  • acido nicotinico - prescritto solo da un medico, usato per l'elettroforesi, migliora l'afflusso di sangue al cervello nell'osteocondrosi cervicale;
  • complessi di vitamine del gruppo B - Milgamma, Pentovit, Neuromultivit.

Vasodilatatori

Le compresse per migliorare la circolazione cerebrale possono anche essere vasodilatatrici. Colpiscono non solo i vasi del cervello, ma anche il sistema circolatorio nel suo insieme, migliorano l'apporto di cellule con ossigeno e sostanze nutritive e stabilizzano il flusso sanguigno. I farmaci vasodilatatori includono:

  • calcioantagonisti (diidropiridine) - bloccanti dei canali del calcio lenti, rilassano le pareti arteriose senza intaccare quelle venose;
  • Cinnarizin, Fezam, Omaron - i farmaci delle ultime generazioni, hanno un effetto su tutto il corpo, sono usati come indicato da un medico;
  • prima generazione - Nifedipine, Finoptin, Diazem;
  • seconda generazione - Isradipin, Klentiazem;
  • terza generazione - Norvask, Amlodipine.

Antipiastrinici e anticoagulanti

Gli anticoagulanti e gli agenti antipiastrinici aiuteranno a ridurre la viscosità del sangue e migliorarne la fluidità. A causa delle loro proprietà, la circolazione cerebrale è normalizzata. I farmaci sono usati a rischio di ischemia. I seguenti medicinali sono riconosciuti come i più efficaci:

  • agenti antipiastrinici (prevengono la formazione di coaguli di sangue) - Aspirina, Aspilat, Acuprin, Curantil, Trental;
  • anticoagulanti (migliorano la microcircolazione capillare) - Warfarin, Clexan, eparina. Fraxiparine.

Flavonoidi

I farmaci vascolari (flavonoidi) sono progettati per migliorare la circolazione sanguigna nel cervello attraverso effetti tonificanti e rinforzanti. Purificano il corpo dalle tossine. Il gruppo include preparati a base di erbe, quando li usano, non c'è alcun effetto sul lavoro del cuore. Gli adiuvanti flavonoidi sono:

  • Preparazioni di ginkgo biloba (Tanakan, Bilobil) - alleviano gli spasmi, migliorano la microcircolazione, alleviano il gonfiore, portano alla normalizzazione della pressione intracranica;
  • fondi con pervinca piccola (Cavinton, Vinpocetine) sono antispastici, prevengono la formazione di coaguli di sangue, aumentano la velocità del flusso sanguigno. Solo un medico li prescrive, l'automedicazione è inaccettabile, poiché si tratta di farmaci potenti che hanno una serie di controindicazioni.

Disaggreganti

I farmaci antitrombotici che riducono la viscosità del sangue e prevengono il blocco dei vasi sanguigni sono chiamati agenti antipiastrinici. La loro assunzione aumenta la microcircolazione capillare, migliora il flusso sanguigno. Questi includono:

  • angioprotettori - Curantil, Doxy-Hem, Vazonit, Pentoxifylline - sono disponibili nel formato di confetti, soluzione per infusione, compresse;
  • compresse e soluzione per somministrazione endovenosa - Anginal, Coribon, Trancocard, Aprikor, Parsedil.
  • Sterilizzatore per strumenti per manicure
  • Maglieria per bambini da 0 a 3 anni con descrizione e motivi con ferri da maglia
  • Cancro ai polmoni: sintomi e segni nelle donne e negli uomini

Preparazioni di acido nicotinico

Tra i potenti farmaci per migliorare la circolazione cerebrale, si possono individuare i farmaci che contengono acido nicotinico. Non influenzano i grandi vasi sanguigni, ma dilatano i capillari, rafforzano le loro pareti e abbassano i livelli di colesterolo nel sangue. Sono usati solo come indicato da un medico (soluzione per iniezione o compresse) e sotto controllo per prevenire complicazioni ed effetti collaterali. Ecco alcuni farmaci popolari:

  • Enduratin;
  • Nikoshpan;
  • Nicofuranosio;
  • Acipimox.

Correttori del microcircolo

I preparati per migliorare la circolazione sanguigna nei vasi cerebrali dal gruppo di correttori del microcircolo controllano le condizioni dei capillari, migliorano il benessere generale, neutralizzano le vertigini, l'andatura instabile e alleviano i sintomi di malattie croniche e acute. La durata del corso di ammissione è determinata dal medico in base alla gravità della malattia. Le droghe popolari sono:

  • Betaserk (Betagistin);
  • Vestibo;
  • Tagista.

Medicinali per vasi cerebrali per anziani

Le persone oltre i 70 anni dovrebbero prestare particolare attenzione ai nootropi cerebrali. Aiutano a migliorare il processo di saturazione delle cellule con ossigeno e sangue, che aumenta l'assorbimento del glucosio. Lo zucchero migliora la concentrazione, la memoria e le prestazioni. Nella vecchiaia, i nootropi (Nootropil) aiutano a ripristinare la memoria. Il farmaco deve essere assunto quotidianamente per un mese. nel secondo mese la dose si dimezza. Il risultato è visibile nei primi sette giorni.

Lo svantaggio dei nootropi è la dipendenza e la necessità di aumentare la dose. Per evitare ciò, i medici raccomandano di fare delle pause o di sostituire i farmaci con altri. Per la prevenzione, oltre ai nootropi, gli anziani possono utilizzare:

  • vitamine - complessi con un componente di estratto di ginseng Vision, Biotredin, Vitrum Memori;
  • Glycine o Glycine-Forte - elimina gli effetti della sclerosi e dell'amnesia, aiuta con una vigorosa attività intellettuale (adatta anche a un bambino);
  • Intellan: stimola l'attività del cervello, ma è controindicato nei pazienti con diabete mellito;
  • Piracetam, Phenotropil: migliora la circolazione sanguigna, attiva i processi metabolici;
  • Tanakan, Phenibut: stimola l'attività mentale, elimina l'ansia eccessiva.

Iniezioni per migliorare la circolazione cerebrale

Per espandere i vasi cerebrali, i medici prescrivono spesso iniezioni ai pazienti. Con le iniezioni, i principi attivi penetrano più velocemente nel sangue, tonificano le pareti dei vasi sanguigni, fornendo il massimo effetto. I farmaci con cui è possibile eseguire le iniezioni sono suddivisi nei seguenti gruppi:

  • azione neurotropica - influenza i tessuti nervosi (Validol, Reserpine);
  • miotropico: influenza i muscoli e le fibre (papaverina, dibazolo);
  • miscelato dal gruppo di nitrati - Nitroglicerina, Nitrosorbit;
  • a base di alcaloide della vinca - Vincetin, Vinpocetine, Cavinton, Telektol, Bravinton - eliminare il vasospasmo, espandere il lume, migliorare il metabolismo nei tessuti, eliminare i coaguli di sangue;
  • a base di acido nicotinico - Enduratin, Nikoshpan - influenzano i capillari, eliminano le placche di colesterolo;
  • vasodilatatori - Drotaverin (No-shpa), Euphyllin, Piracetam.

Farmaci post-ictus per migliorare la circolazione cerebrale

Nella vecchiaia, le persone spesso hanno un ictus ischemico o emorragico, che porta a una compromissione della funzione cerebrale. Per migliorare la funzionalità e la circolazione sanguigna, vengono utilizzati i seguenti farmaci:

  • per ridurre e distruggere i coaguli di sangue - Prourokinase, Streptokinase, Activator;
  • ridurre il rischio di embolia - Fraxiparin, Clexane;
  • anticoagulanti - Warfarin, Sinkumar;
  • agenti antipiastrinici - Aspirina, Tiklopedin, Dipiridamolo;
  • destrani (per aumentare il volume del sangue circolante) - Reopolyglucin, Reomakrodex;
  • dalla pressione alta - ACE inibitori;
  • vasodilatatori - Pentossifillina, Trental;
  • per il recupero - nootropici, integratori alimentari.

I farmaci che migliorano la circolazione cerebrale possono essere acquistati online o in farmacia con o senza prescrizione medica. Puoi ordinare fondi da un catalogo o su consiglio di un medico. Il costo approssimativo dei medicinali è:


Articolo Successivo
Linfoma: prognosi, trattamento, foto, fasi, analisi. Cos'è il linfoma? Linfoma cutaneo