Come ripristinare la parola dopo un ictus se è compromessa o completamente persa


Il recupero della parola dopo un ictus è uno dei compiti più importanti nella riabilitazione di un paziente. È importante non posticipare questo processo a un secondo momento: più tardi inizi, minori sono le possibilità di successo. Ed è meglio se ti avvicini immediatamente al ripristino della parola in un paziente con competenza.

In questo articolo considereremo le fasi necessarie della riabilitazione e tutti i modi per ripristinare la parola dopo un ictus, che sono possibili allo stesso tempo..

Se improvvisamente hai un ictus

Cosa succede con un ictus? La circolazione sanguigna in varie parti del cervello è danneggiata in un modo o nell'altro, il sistema nervoso soffre e la connessione con il cervello è danneggiata. Una persona perde molte delle capacità del suo corpo, a cui non aveva pensato prima.

Un ictus divide senza pietà la vita di una persona in "prima" e "dopo". Nella migliore delle ipotesi, si tratta di piccoli cambiamenti nella memoria, nella parola, nel movimento. E se il trattamento e la riabilitazione vengono eseguiti in tempo e correttamente, la persona si riprenderà rapidamente e tornerà alla vita normale..

Ma c'è anche una perdita completa di tutte queste e alcune altre funzioni del corpo. E poi la persona non sarà più la stessa. Questa è una tragedia sia per se stesso che per i suoi cari..

In questa situazione, il panico non dovrebbe essere consentito. Devi essere paziente e prendere tutti i modi possibili per aiutare il paziente il più possibile. Dopotutto, deve imparare a vivere di nuovo.

Cosa è necessario per il successo del recupero di un paziente dopo un ictus:

  • Certo, farmaci prescritti da un medico. Stimola la circolazione cerebrale compromessa. È importante condurlo costantemente.
  • Ripristino delle funzioni motorie. Necessita di fisioterapia, fisioterapia, è possibile utilizzare appositi simulatori per restituire la sensibilità degli arti paralizzati.
  • Lavora per ripristinare la parola, la memoria, la capacità di leggere e scrivere, la percezione della realtà. Non puoi fare a meno dell'aiuto di un logopedista e di un sistema di classi adeguatamente costruito..
  • Un clima confortevole in famiglia, l'umore psicologico del paziente stesso, così come dei suoi parenti, un mare di pazienza e ottimismo.

Compromissione del linguaggio nell'ictus

L'ictus è emorragico o ischemico. Con un ictus emorragico, troppo sangue scorre al cervello, possono esserci rotture delle arterie e con un ictus ischemico, al contrario, non abbastanza sangue scorre al cervello.

L'ictus emorragico è meno comune, ma provoca conseguenze più gravi per il paziente. Ma in entrambi i casi, una persona può avere parti del cervello compromesse responsabili della parola..

Se la parola si rifiuta, le violazioni si sono verificate nell'emisfero sinistro del cervello. Con un tale ictus, il lato destro è paralizzato e non c'è discorso..

I colpi con paralisi sul lato destro sono più comuni che a sinistra. E questo è meglio per il paziente, poiché in questo caso è più facile diagnosticare, poiché i disturbi del linguaggio si manifestano sempre.

Questo si chiama afasia. In questo caso, possono verificarsi violazioni in diverse parti del cervello. A seconda di ciò, le conseguenze potrebbero essere diverse. Come ripristinare la parola dopo un ictus ischemico o emorragico?

Scopriamo i tipi di afasia e le loro conseguenze:

  • Amnestico. Una persona può comunicare, ma di tanto in tanto dimentica i nomi degli oggetti di cui parla.
  • Semantico. In questo caso, devi parlare al paziente con frasi estremamente semplici, semplicemente non capirà quelle complesse..
  • Sensoriale. Un tipo complesso di afasia in cui il paziente non capisce affatto la parola. Per lui si tratta di una serie di suoni. Allo stesso tempo, il significato di ciò che è stato detto, praticamente non può capire.
  • Il motore. Una persona capisce tutto, ma non può dire nulla in modo coerente, confonde suoni e parole o si blocca su una combinazione di suoni.
  • Totale. Il paziente non capisce niente, non riconosce nessuno, non può dire nulla. Molto spesso, questa fase si verifica immediatamente dopo un ictus. Dopo un po ', potrebbe passare al motore.

La parola può riprendersi dopo un ictus?
e quanto velocemente accadrà?

Nessuno può garantire al 100% che il paziente sarà in grado di parlare. Ma se agisci rapidamente, correttamente, segui tutte le raccomandazioni degli specialisti, crei un'atmosfera di pazienza, amore e cura intorno a un parente malato, supportalo il più possibile nel suo desiderio di riprendersi, allora ha molte più possibilità di ripristinare rapidamente la perdita del linguaggio.

Semplici problemi con la parola vengono risolti in 2-6 mesi durante l'esecuzione di allenamenti ed esercizi regolari speciali. Se il grado di violazione è maggiore, sarà necessario più tempo..

A volte possono essere necessari diversi anni. Una previsione di 5-10 anni è considerata un periodo dopo il quale i cambiamenti in meglio sono difficilmente possibili. Tuttavia, i miracoli di guarigione avvengono, ma il più delle volte si trovano nel regno della realtà non materiale..

La gente dice "Le case e le mura indigene guariscono". Questa è la domanda su come dovrebbero comportarsi i parenti di un paziente con ictus. Le prime domande che fanno al medico sono: “La parola si riprende dopo un ictus? È possibile ripristinare la parola dopo un ictus? Quanto tempo ci vuole per recuperare la parola dopo un ictus? " I parenti sono comprensibili. Ma molto dipende dal loro comportamento, dalle loro azioni..

Ecco le solite raccomandazioni dei medici ai parenti del paziente:

  • Il paziente deve sentire che la sua famiglia ha bisogno di lui, che è prezioso per lei, che i suoi parenti credono in lui, lo amano, desiderano sinceramente la sua guarigione e non hanno dubbi al riguardo. In questo caso, avrà una motivazione aggiuntiva per rimettersi in piedi il più rapidamente possibile. Ciò significa che ci sarà energia per questo..
  • È necessario parlare costantemente con il paziente e in sua presenza. Allora sentirà il suo coinvolgimento nella famiglia. Ma soprattutto: se l'argomento è importante per lui, proverà a parlare.
  • Sarà bello se la sua musica preferita, le canzoni che ha cantato prima, suoneranno in casa. Il desiderio interiore di cantare insieme può ben stimolare i suoi impulsi vocali a risvegliarsi..
  • Ma è meglio rimuovere il rumore, la varietà e il volume non necessari dei suoni per non sovraccaricare il paziente. Devi parlargli con calma, calma, senza emozioni esplosive. Circondalo con la tua gentilezza. Allo stesso tempo, non è necessario sottolineare ogni volta che è malato terminale..
  • I parenti devono avere la massima pazienza, poiché dovrebbero diventare assistenti costanti per il paziente durante l'esecuzione degli esercizi che il logopedista mostrerà. E in nessun caso reagire con irritazione se l'esercizio non può essere fatto..

Cosa fare se la perdita del linguaggio si verifica con un ictus

Come riprendere la parola dopo un ictus? Immediatamente dopo il primo aiuto necessario al paziente, è importante consultare un logopedista.

Solo questo specialista sarà in grado di valutare correttamente il grado di danno del linguaggio e elaborare una serie efficace di misure per il suo ripristino. Il compito principale di un tale complesso: ripristinare la respirazione del linguaggio, la voce, l'articolazione, l'intonazione, il timbro.

Come ripristinare la parola dopo un ictus a casa? Non auto-medicare in questo caso. Solo dopo gli esercizi e i massaggi mostrati dal logopedista sarà possibile eseguirli regolarmente in modo indipendente a casa con l'aiuto dei parenti.

Esercizi di logopedia per ripristinare la parola dopo un ictus a casa

Consideriamo ora quali metodi può offrire uno specialista per ripristinare il linguaggio del paziente e come dovrebbero essere applicati.

Esercizi di articolazione e respirazione

All'inizio, una persona è invitata a respirare semplicemente, quindi all'espirazione a pronunciare determinati suoni consonantici, un suono per espirazione. Dopodiché, mentre espiri, tutti questi suoni vengono pronunciati di seguito. Non ce ne sono più di quattro. I suoni possono essere pronunciati durante l'espirazione anche quando il mento è sollevato..

Ginnastica articolatoria dopo un ictus

Include esercizi per lingua, labbra, voce, muscoli facciali.

Esercizi per la lingua e il palato molle

  1. Tira fuori la lingua dalla bocca e tienila premuta per alcuni secondi.
  2. Tiralo verso il basso e piegalo di nuovo, quindi tienilo premuto per un po '.
  3. Tiralo verso il basso e dirigilo prima verso l'angolo destro della bocca, poi verso sinistra.
  4. Guida avanti e indietro nel cielo con la punta della lingua.
  5. Dirigi la lingua verso la guancia destra e sinistra.
  6. Applauso con la lingua, prima una volta, poi due, poi tre.
  7. Rilassa la lingua e, muovendola avanti e indietro, morditi leggermente i denti.
  8. Leccati le labbra prima in un modo, poi nell'altro.

Esercizi per le labbra

  1. Metti le labbra in un tubo in avanti.
  2. Piega in un sorriso a bocca chiusa.
  3. Scopri i denti e alza il labbro superiore, quindi tienilo premuto per un paio di secondi.
  4. Gonfia le guance e agita l'aria da un lato all'altro, fai rotolare l'aria sopra la bocca.
  5. Rilassa le labbra e soffia attraverso la fessura in esse.

Esercizi vocali

La ginnastica vocale viene eseguita per ictus ischemico o emorragico.

  1. Pronunciamo separatamente tutti i suoni vocalici, prima lunghi, poi brevi, mentre espiriamo. Dopodiché, mentre espiriamo, pronunciamo tutti i suoni di seguito.
  2. Parliamo il suono Y solo articolatorio, senza suono, e sentiamo tensione sotto il mento.
  3. Pronunciamo tutti i suoni vocalici in fila scorrendo l'uno nell'altro, sottolineando alternativamente suoni diversi.
  4. Pronunciamo le consonanti, prima sorde, separatamente, poi una dopo l'altra durante un'espirazione. Dopodiché, pronunciamo i suoni con la voce nello stesso modo. Aggiungiamo consonanti con vocali in alcune sillabe, alternando consonanti sorde e sonore accoppiate.

Tutte le combinazioni di suoni, le loro permutazioni e combinazioni sono determinate dal logopedista.

Esercizi per scioglilingua dopo un ictus

Per prima cosa, chiediamo al paziente di terminare uno scioglilingua familiare, aumentando gradualmente il numero di parole che ha detto. Se possibile, portiamo l'esercizio alla perfezione..

Esercizi per i muscoli facciali

  1. Alza, abbassa, aggrotta le sopracciglia, rilassa le sopracciglia.
  2. Apri la bocca, prova ad allungarla, quindi rilassati.
  3. Sorridi senza aprire la bocca.
  4. Gonfiare e gonfiare le guance.
  5. Tira fuori le labbra come per un bacio.
  6. Tirare la lingua il più lontano possibile in diverse direzioni dalla bocca.
  7. Muovi delicatamente la mascella inferiore a sinistra, poi a destra, quindi in cerchio.

Massaggio di logopedia dopo un ictus

Dopo la serie completa di esercizi, è necessario applicare un massaggio facciale su ciascuna parte del viso..

È importante che i movimenti del massaggio siano selezionati solo da uno specialista. Alcune aree del viso dovranno essere rilassate e alcune dovranno essere tonificate. Se ti avvicini da solo, puoi causare danni irreparabili..

Oltre a massaggiare direttamente i muscoli facciali, massaggiano la lingua, le labbra, la superficie interna delle guance, le orecchie, il cuoio capelluto e le mani. Tutto ciò allevia la rigidità muscolare e quindi libera la parola..

Caratteristiche del lavoro del medico con il paziente

  • Il compito principale di tutte le azioni di uno specialista è la disinibizione della parola. E per questo usano tutte le capacità del paziente che ha al momento. Gli esercizi non devono stancare il paziente. Iniziano con elementi semplici e durano 10-15 minuti. Dopo che il programma diventa più difficile e il tempo di lezione aumenta..
  • Devi parlare con il paziente con calma e lentamente in modo che capisca il discorso. Se non può dire nulla, gli chiediamo di annuire in risposta, dimostrando che capisce.
  • Se è difficile per il paziente parlare, è necessario chiedergli di dare qualsiasi onomatopea che può fare. Se riesce a pronunciare solo una sillaba, dovresti prendere le parole che iniziano con questa sillaba e lasciargli provare a finirle gradualmente.
  • Lo stesso è con proverbi e detti, i nomi di film famosi. Devi iniziare una frase e chiedere al paziente di completarla, in una parola o in una sillaba, come fa. Tutte le parole che di solito pronunciamo automaticamente, dovrebbero essere invitate a pronunciare. Possono essere giorni della settimana, mesi, un conteggio regolare fino a dieci.
  • È bene introdurre carte con immagini nel lavoro. Puoi fare semplici domande: “Cos'è questo? Cosa sta facendo? Come è lui? " Allo stesso tempo, è importante passare gradualmente a questi compiti. I nomi vengono nominati per primi. Dopo un po 'di tempo in cui questa fase è completata, i verbi sono collegati e solo allora gli aggettivi.
  • A poco a poco, le attività di riabilitazione comprendono esercizi di disegno e scrittura. All'inizio, alla persona viene chiesto di inserire semplicemente le lettere mancanti nella parola, quindi di copiare l'intera parola. I compiti stanno gradualmente diventando più difficili.
  • Gli esercizi basati sulle domande poste al paziente andranno bene. In primo luogo, vengono poste semplici domande con l'opzione di rispondere "sì" o "no". Dopodiché, le domande sono complicate in modo che la domanda stessa contenga una risposta monosillabica. E questa parola deve essere pronunciata dal paziente come risposta..

Altri metodi di recupero della parola dopo un ictus

Musico-terapia

Accade spesso che sia difficile per una persona con un ictus parlare, ma può cantare. Quindi tutti gli esercizi di logopedia con suoni, sillabe, parole vengono eseguiti come una canzone.

Riflessologia facciale.

I punti biologicamente attivi sul viso sono influenzati in un certo modo.

Terapia con cellule staminali.

Quando tali cellule vengono iniettate nei tessuti interessati, la loro integrità può essere ripristinata..

Agopuntura.

Questo metodo è utilizzato principalmente per l'afasia motoria. Pertanto, correggono l'attività del linguaggio umano..

Conclusione e conclusioni

E in conclusione, vorrei sottolineare i punti più importanti che non dovrebbero essere dimenticati quando si ripristina la parola in un paziente dopo un ictus:

  • Questa è una risposta rapida al problema e non rimanda le misure di riabilitazione per dopo.,
  • moderazione in tutto,
  • un graduale aumento dei carichi durante le lezioni,
  • appello obbligatorio a un logopedista e possibilmente a un defettologo,
  • stretta aderenza a tutte le loro prescrizioni,
  • grande pazienza e creazione dell'atmosfera più amichevole della casa.

L'ictus è una malattia grave, ma con questo approccio è molto più facile da superare.

Come ripristinare la parola dopo un ictus: recupero con esercizio fisico, farmaci e rimedi popolari

A causa di un disturbo acuto della circolazione cerebrale, varie strutture del cervello, incluso il centro del linguaggio, possono soffrire. Il disturbo dell'articolazione è un disturbo comune nell'ictus, spesso è questo che diventa il primo segno che consente di sospettare che si sia verificato un ictus. Il disturbo del linguaggio può essere reversibile, ma può essere una conseguenza a lungo termine dell'ictus. In molti casi, può essere corretto con esercizi speciali..

È impossibile garantire il completo recupero della parola dopo un ictus. Il successo dipende dalla localizzazione della lesione nel cervello, dalle capacità rigenerative del corpo, dalle condizioni in cui si trova il paziente, dalla sua determinazione, pazienza e perseveranza..

Perché la funzione vocale è compromessa

Una condizione in cui un paziente dopo un ictus non può parlare normalmente è chiamata afasia. Si verifica a causa dell'apertura di connessioni tra neuroni, disturbi acuti della loro nutrizione, compressione del tessuto nervoso da parte dell'ematoma, nonché a causa di qualsiasi altro danno organico alle corrispondenti strutture del cervello. Allo stesso tempo, dovrebbe essere chiaro che il grado di sconfitta dipende dal fatto che una persona sarà in grado di comunicare normalmente e pronunciare nuovamente le parole senza difficoltà..

A seconda della profondità del danno alle capacità linguistiche, si distinguono le seguenti forme di afasia:

  • totale (completo): la parola è completamente assente, il paziente può essere in uno stato di coscienza crepuscolare, non riconoscere i propri cari. Questa è la forma più difficile per la terapia e il ripristino del linguaggio;
  • sensoriale - associato a una violazione del centro Wernicke, responsabile del riconoscimento vocale. Il paziente sente la sua lingua madre come completamente nuova, incapace di capire cosa gli viene detto;
  • i disturbi motori sono limitati all'area dei muscoli facciali del viso, motivo per cui non c'è una dizione chiara negli adulti che hanno parlato chiaramente prima. Allo stesso tempo, il paziente capisce tutto e cerca di rispondere, ma non ci riesce. È in grado di comprendere appieno i significati e riprodurre i suoni più semplici;
  • amnesico: la memoria delle parole di una persona è danneggiata, non può nominare gli oggetti circostanti;
  • semantico: il paziente è in grado di pronunciare solo frasi brevi e semplici. Ha problemi a comprendere strutture linguistiche complesse, frasi lunghe.

Il tipo di afasia è importante per lo sviluppo di tattiche e strategie per il recupero del linguaggio dopo l'ictus, poiché ognuno di essi richiede un programma separato. Cosa fare se si verificano i sintomi di cui sopra?

Nella maggior parte dei casi, la parola può essere ripristinata, se non completamente, in un volume sufficiente in modo che una persona possa comunicare con gli altri.

Recupero della parola dopo un ictus: lezioni con un logopedista

Nella prima volta dopo l'ictus, l'attenzione principale è focalizzata sul livellamento del danno organico e sul mantenimento delle funzioni vitali. La riabilitazione del linguaggio di solito inizia una settimana dopo quanto accaduto, cioè dopo che il discorso è stato ritirato, a condizione che le condizioni del paziente lo consentano, cioè siano sufficientemente stabilizzate. Se ciò non è possibile, le lezioni di ripristino vocale devono essere avviate entro e non oltre due mesi dall'incidente. Dopo questo periodo, il sistema nervoso si riprenderà molto peggio..

Un programma di allenamento individuale viene preparato da un logopedista e all'inizio controlla l'esercizio. Nelle prime fasi, vale la pena chiamare un logopedista a casa: qui viene creata l'atmosfera più favorevole per il paziente. Con ulteriori progressi nel ripristino della parola, gli esercizi di logopedia possono essere trasferiti allo studio del medico. Ai pazienti che stanno facendo progressi vengono mostrate classi in gruppi: questa tecnica è molto efficace ei pazienti, essendo tra persone con disturbi simili, smettono di essere imbarazzati. Anche il momento competitivo è importante. È possibile istruire i parenti del paziente in modo che conducano lezioni con lui a casa. In questo caso, il logopedista esamina di volta in volta il paziente, monitorando l'andamento del recupero e, se necessario, aggiustando il programma..

Affinché le lezioni di logopedia forniscano un risultato, dovrai aderire esattamente alle raccomandazioni, lavorare sodo per molto tempo.

Innanzitutto, il logopedista esamina il paziente, analizza la sua reazione a discorsi silenziosi e rumorosi, gesti, valuta la capacità di comprendere e ricordare.

Il paziente è anche incoraggiato a leggere ad alta voce, iniziando con frasi semplici, come titoli di articoli o poesie per bambini, lentamente, cercando di pronunciare le parole in modo chiaro e distinto..

Le tecniche di logopedia si basano sul coinvolgimento di varie strutture cerebrali nel processo del linguaggio. I seguenti esercizi vengono utilizzati per ripristinare la parola dopo un ictus:

  1. Fonetico - mirato a ripristinare l'innervazione, controllando i muscoli facciali del viso (in particolare labbra, lingua). Al paziente viene chiesto di ripetere dopo il medico un certo suono appartenente a una delle categorie - labiale, sibilante, ecc. Questo esercizio iniziale serve anche come diagnosi della forma di perdita del linguaggio. Sia i singoli suoni che gli scioglilingua interi vengono utilizzati per lo sviluppo del linguaggio: all'inizio possono sembrare troppo complicati, ma anche infruttuosi, ma i tentativi regolari di pronunciarli portano a dinamiche positive.
  2. Semantica: il paziente deve includere il pensiero attivo e trovare nuovi significati nelle situazioni proposte, ad esempio, continuare una frase, matrice associativa. Al paziente può essere chiesto di avviare un dialogo con il medico su un argomento neutro.
  3. Visivo, figurativo. Per le persone con afasia sensoriale, viene utilizzato il metodo dell'illustrazione. Vengono utilizzate illustrazioni tratte da libri, manuali speciali o schede illustrate. Tali esercizi ti incoraggiano a trovare le connessioni e le sequenze appropriate..
  4. Creativo. Questo gruppo include canto, lezioni di musica, arteterapia, ecc..

Durante la sessione, il logopedista (e in seguito una persona vicina che lo sostituisce in classe) aderisce agli stati d'animo più favorevoli al paziente: pronuncia tutte le parole ad alta voce e chiaramente, si rivolge educatamente al paziente, mostra pazienza. Questo è importante per i pazienti con ictus che sono spesso imbarazzati per la loro condizione, si sentono impotenti e hanno difficoltà fisiche (ad esempio, quando il lato destro del viso è paralizzato o la lingua è storta). Una relazione confortevole tra medico e paziente è la chiave per il successo del trattamento.

Nelle prime fasi, vale la pena chiamare un logopedista a casa: qui viene creata l'atmosfera più favorevole per il paziente. Con un ulteriore successo nel ripristino della parola, gli esercizi di logopedia possono essere trasferiti allo studio del medico.

Nelle prime settimane dopo un ictus emorragico o ischemico, puoi cavartela con le lezioni per 10-15 minuti. A poco a poco, la durata delle lezioni aumenta.

Se l'aiuto di uno specialista non è stato fornito in tempo, il centro del linguaggio cesserà presto di svolgere le sue funzioni e sarà molto più difficile ripristinare la parola. Tali pazienti sono trattati da un logopedista-afasologo.

Per accelerare il recupero della parola dopo un ictus, i medici possono prescrivere farmaci che aiutano a ripristinare il funzionamento del sistema nervoso centrale. Questi includono il farmaco nootropico originale Gliatilin (colina alfoscerato). La forma fosfato del farmaco consente alla gliatilina di essere assorbita meglio e di ripristinare il più rapidamente possibile le cellule cerebrali danneggiate, il che contribuisce al ripristino della parola, della memoria e del pensiero. L'alfoscerato di colina protegge le cellule cerebrali da ulteriori danni, anche con circolazione ridotta o saturazione di ossigeno insufficiente. La gliatilina migliora la trasmissione degli impulsi nervosi e ha un effetto positivo sulla funzione dei recettori. Il farmaco è ben tollerato dai pazienti, è controindicato per l'uso da parte di donne in gravidanza, donne che allattano e persone con ipersensibilità alla colina alfoscerato.

Esercizi per ripristinare la parola dopo un ictus a casa

Oltre alla formazione con uno specialista, il paziente continua a esercitare in modo indipendente o con l'aiuto dei parenti. Quelli, a loro volta, dovrebbero parlare molto con la vittima, prenderlo con pazienza, essere amichevoli e capire che solo con studi persistenti prolungati e perseveranza dimostrata, questa patologia è reversibile.

Esercizi volti a sviluppare le labbra:

  • massima estensione delle labbra in un tubo;
  • afferrare con un labbro con l'altro, poi viceversa;
  • tirando le labbra con le dita ai lati, su e giù;
  • un ampio sorriso, alternato a un'espressione triste, angoli cadenti delle labbra.

Esercizi per sviluppare una lingua:

  • massima protrusione della lingua dalla cavità orale;
  • toccando alternativamente il cielo con la lingua, poi il letto sotto la lingua;
  • leccare le labbra con movimenti circolari, cambiando il lato di rotazione;
  • arrotondare la lingua il più lontano possibile;
  • movimenti della lingua lungo la superficie interna delle guance e delle labbra in direzioni diverse.

Il paziente è anche incoraggiato a leggere ad alta voce, iniziando con frasi semplici, come titoli di articoli o poesie per bambini, lentamente, cercando di pronunciare le parole in modo chiaro e distinto..

La durata delle lezioni è inizialmente breve - 3-5 minuti, quindi viene gradualmente aumentata, portandola a 10-15. Va tenuto presente che non è tanto la durata di una lezione che è importante quanto la loro regolarità..

L'afasia si verifica a causa dell'apertura delle connessioni tra i neuroni, di un disturbo acuto della loro nutrizione, della compressione del tessuto nervoso da parte dell'ematoma, nonché di qualsiasi altro danno organico alle corrispondenti strutture del cervello.

La normale circolazione degli impulsi nel cervello riprende solo in presenza di carichi costanti, quindi dovresti farlo quotidianamente.

Metodi aggiuntivi per ripristinare i disturbi del linguaggio

Per mantenere l'attività del sistema nervoso e una migliore assimilazione delle informazioni, possono essere prescritti farmaci che aiutano a migliorare il flusso sanguigno cerebrale - i cosiddetti nootropi. Migliorano la circolazione cerebrale, accelerano la crescita delle fibre nervose. La terapia farmacologica aiuta a ripristinare la memoria, stimolare il pensiero.

Anche la fisioterapia è efficace: stimolazione con impulsi elettrici dei muscoli facciali, massaggio del viso e della lingua.

Anche i rimedi popolari possono aiutare: decotti e infusi di viburno, pigne, ginepro, timo, piantaggine, erba di San Giovanni, fragole, salvia, rosa canina, calendula e altre piante. Puoi raccogliere piante da solo o in farmacia, singole erbe o collezioni già pronte.

La terapia complessa continua fino a quando la parola non viene ripristinata completamente o fino a quando gli esercizi intensificati non cessano di portare risultati.

Previsione

È impossibile garantire il completo recupero della parola dopo un ictus. Il successo dipende dalla localizzazione della lesione nel cervello, dalle capacità rigenerative del corpo, dalle condizioni in cui si trova il paziente, dalla sua determinazione, pazienza e perseveranza. I pazienti con forme più gravi della malattia, che sono state accompagnate da danni estesi alle strutture cerebrali, guariscono più a lungo e le possibilità di un loro pieno recupero sono inferiori. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, la parola può essere ripristinata, se non completamente, in un volume sufficiente in modo che una persona possa comunicare con gli altri.

Nelle prime settimane dopo un ictus emorragico o ischemico, puoi cavartela con le lezioni per 10-15 minuti. A poco a poco, la durata delle lezioni aumenta.

La previsione dettagliata si presenta così:

  • in assenza di un trattamento adeguato, la possibilità di ripristinare l'attività del linguaggio dopo la sua perdita a seguito di un ictus è di circa il 15%;
  • con ictus grave, ma seguendo l'intera gamma di misure terapeutiche, le possibilità di recupero completo aumentano al 55%, con ictus moderato - 75%, con ictus lieve - 90%.

Pertanto, la risposta alla domanda "come ripristinare la parola dopo un ictus?" successivo: iniziare il trattamento in modo tempestivo, sotto la supervisione di un medico, fare esercizi regolarmente e con insistenza, essere pazienti e non rinunciare alle lezioni, anche se il risultato non è così rapido e ovvio come previsto.

video

Offriamo per la visualizzazione di un video sull'argomento dell'articolo.

Recupero della parola dopo un ictus

L'ictus non è raro e non è una malattia degli anziani. In un mondo in cui lo stress, il superlavoro e il rifiuto delle persone di vivere con un ritmo sano, prendersi cura di se stessi sono onnipresenti, questo è stato a lungo un tragico incidente che incombe su quasi tutti.

Il recupero della parola dopo un ictus è uno dei compiti primari per il paziente che lo ha sofferto, è necessario tornare alla vita normale..

La parola può riprendersi dopo un ictus e quanto velocemente accadrà??

La maggior parte dei pazienti colpiti da ictus presenta disturbi del linguaggio e limitazioni del movimento. Coloro le cui perdite di cellule cerebrali sono state particolarmente gravi devono letteralmente imparare di nuovo a parlare dopo un ictus. È possibile il recupero completo della funzione vocale.

I moderni metodi di terapia consentono di raggiungere il successo per la maggior parte di coloro che hanno applicato, ma se non si fa nulla, la parola non tornerà con poco sforzo, come a volte accade con le funzioni motorie..

Il recupero delle funzioni vocali richiede sempre più tempo rispetto all'eliminazione di altre conseguenze più tangibili di un ictus. Ciò è dovuto al fatto che la malattia colpisce l'organo che è completamente responsabile della parola: il cervello. Il processo di recupero può richiedere da diversi mesi a un anno: l'età del paziente e il tipo di ictus sono importanti..

Cosa fare se la perdita del linguaggio si verifica con un ictus?

Questo è un tipo di conseguenze triste ma, sfortunatamente, normale per una malattia così grave. I parenti e altre persone vicine possono solo fornire al paziente le cure necessarie e iniziare il processo di riabilitazione. In alcuni casi, potresti persino aver bisogno di un logopedista dopo un ictus, tanto che una persona perde le sue abilità precedenti.

I principali metodi di trattamento:

  • farmaco;
  • fisioterapia;
  • psicologico.

Per il trattamento più efficace, è auspicabile fornire al paziente tutti i metodi - questo vale sia per la riabilitazione domiciliare che per la degenza ospedaliera.

Perché la velocità di recupero dipende dal tipo di disturbo del linguaggio?

Dopo un ictus, quando il paziente è sopravvissuto ed è in riabilitazione, è molto importante determinare di quale tipo di disturbo del linguaggio soffre. Il corso del trattamento dipenderà da questo e medici e parenti saranno in grado di capire quanto sia gravemente danneggiato il cervello..

Esistono tre tipi di disturbi del linguaggio e ognuno avrà un effetto diverso perché sono interessate diverse parti del cervello. Combattendo il tipo sbagliato di disturbo, i medici possono sprecare tempo prezioso, rendendo molto più difficile per un paziente il recupero da un ictus ischemico..

Tipi di disturbi del linguaggio

I disturbi del linguaggio come conseguenza di un ictus sono molto diversi: il loro tipo è determinato da molti fattori, sia interni che esterni. I metodi di trattamento per ciascuno di essi sono simili, ma comunque diversi, quindi, per la prima volta dopo un ictus, il paziente necessita di una diagnostica dettagliata e di alta qualità.

Afasia

La forma più comune di perdita parziale o totale della capacità di parlare è l'ictus. Esiste in tre forme: motoria, sensoriale e semantica.

Nel primo caso, il problema principale del paziente è che non è fisicamente in grado di pronunciare parole, e ancor più di esprimersi in frasi, sebbene comprenda perfettamente il discorso delle persone intorno. Inoltre, il paziente affronta la pronuncia dei singoli suoni, il che gli consente di attirare l'attenzione..

Una situazione leggermente diversa con grave afasia motoria: è necessario un logopedista senza eccezioni, poiché gli esercizi dopo un ictus con conseguenze così gravi devono essere eseguiti da un professionista. Una persona con questa diagnosi è completamente senza parole pur mantenendo le funzioni dell'intelligenza.

Nella seconda forma, vengono preservate le funzioni di percezione delle informazioni sonore, nonché la capacità di parlare, ma il paziente non è in grado di ricordare, ad esempio, l'ordine dei suoni in una parola, distorcendola, nonché i nomi e gli scopi di oggetti e fenomeni. Le funzioni uditive sono completamente preservate.

Nella terza forma, il paziente non ha problemi con nient'altro che comprendere il significato di ciò che sente nel discorso di qualcun altro. Inoltre, con l'afasia semantica, si osserva una regressione lessicale temporanea: il paziente potrebbe non comprendere frasi complesse, immagini di discorsi lunghi e astratti, confronti.

Disartria

In questo disturbo, il paziente può mantenere la comprensione della parola e la capacità teorica di parlare, ma non è in grado di pronunciare parole o persino suoni (a seconda della gravità), poiché un ictus colpisce i muscoli e gli organi che sono fisicamente responsabili della parola.

Questi sono la lingua, le labbra, tutti i muscoli respiratori, il palato molle, la laringe e, soprattutto, le corde vocali. Tutto questo si atrofizza temporaneamente (tutto quanto sopra o con alcune eccezioni) e rende impossibile il discorso nella sua normale comprensione. Con la disartria, il paziente può ancora esprimere emozioni con l'aiuto dei muscoli facciali e produrre suoni di base, se la malattia ha colpito principalmente l'apparato vocale esterno.

Disprassia

In termini di sintomi, la violazione è simile alla disartria: la sua causa risiede anche nell'incapacità temporanea dei muscoli dell'apparato vocale. La differenza è che i muscoli sono in grado di lavorare, poiché non sono paralizzati - sorgono difficoltà con la parola a causa del fatto che i segnali dal cervello non raggiungono gli organi del linguaggio o non raggiungono correttamente.

Di conseguenza, una persona con disprassia non sarà in grado di parlare in modo coerente e articolato o perderà temporaneamente completamente la parola..

Regole e misure generali

La certezza che il trattamento dell'ictus è professionale e intensivo è importante per iniziare il prima possibile, per non sorprendere nessuno, questo è ovvio per tutti. Tuttavia, a causa di negligenza o ignoranza, i parenti dei pazienti perdono tempo prezioso per la riabilitazione precoce, il che aumenta le possibilità del paziente non solo di sopravvivere, ma anche di riprendersi completamente da un ictus, in media, due volte..

Cosa è importante capire per i parenti e il paziente stesso, se ha una chiara coscienza:

  • la partecipazione del paziente al processo di trattamento è strettamente necessaria - anche i metodi e gli specialisti più costosi non aiuteranno se il paziente stesso non si sforza, cercando di riguadagnare le funzioni perse;
  • una diagnostica chiara e competente è quasi la metà del successo;
  • il recupero dovrebbe iniziare immediatamente dopo la fine della fase acuta;
  • non perdere tempo con metodi di trattamento "popolari": i decotti e le cospirazioni non aiuteranno ad eliminare le conseguenze dell'emorragia cerebrale;
  • il programma di recupero è molto importante: prima di accettare l'aiuto di specialisti, leggi attentamente il loro complesso di misure.

Il paziente avrà bisogno di condizioni confortevoli per un facile e rapido ritorno alla normalità: è richiesto un logopedista professionista dopo un ictus a casa, una corretta alimentazione nutriente, le necessarie cure igieniche e sanitarie e controlli regolari di ogni progresso dello stato - sia in meglio che in peggio. Il rispetto di queste condizioni richiede una notevole quantità di tempo e denaro dai propri cari, ma con un alto grado di probabilità può far uscire una persona da uno stato di incoscienza..

Come funziona il recupero??

Poiché la lotta contro la malattia va avanti per giorni e ore, senza un piano d'azione chiaro basato su metodi collaudati e caratteristiche personali del paziente, un buon trattamento non funzionerà. Immediatamente dopo la fase acuta di un ictus - queste sono le prime settimane o il primo mese di vita del paziente dopo un ictus, che deve trascorrere in un ospedale sotto la costante supervisione dei medici, è necessario iniziare il lavoro sul recupero.

Come ripristinare il discorso di un paziente dopo un ictus a casa (con l'aiuto di specialisti a casa) per periodi:

  1. I primi tre mesi: maggiore attenzione al paziente, le condizioni dovrebbero essere il più vicino possibile al ricoverato. Dovrebbe essere fatto ogni sforzo per scoprire i limiti reali delle capacità del paziente in questo stato. Scorci di abilità passate (singole parole, suoni, articolazione corretta) da annotare e sviluppare ripetendo.
  2. I prossimi tre mesi a sei mesi. Dopo la fine della prima metà dell'anno con la malattia, medici e professionisti del recupero possono prevedere quasi accuratamente le possibilità del paziente di tornare alla loro vecchia vita. La terapia dovrebbe includere ginnastica, lezioni di logopedia.
  3. Periodo di recupero tardivo (da sei mesi a un anno). Intorno a questo periodo, i pazienti iniziano a riacquistare gradualmente le proprie capacità linguistiche, se il lavoro con loro è stato svolto correttamente. Logopedista e parenti possono complicare le lezioni e lavorare con il paziente in modo più attivo, senza paura di causare danni.
  4. Periodo di recupero a lungo termine. Sfortunatamente, se durante il primo anno non sono stati raggiunti risultati significativi, ci sono poche speranze per un pieno recupero o ritorno della maggior parte delle funzioni. Se il paziente mostra un risultato eccellente, ma ha ancora difficoltà, è necessario continuare a lavorare con lui fino a quando il paziente non raggiunge il suo nuovo limite di capacità cognitive. Nei casi più positivi, puoi rifiutare un logopedista, senza fallo condurre lezioni e ginnastica a casa.

Non esiste un risultato "accettabile": è importante ottenere il meglio per il paziente, il più vicino possibile allo stato pre-ictus. Arrenditi e fermati a metà strada: condanna una persona a una disabilità. Anche in assenza di fondi per l'importo richiesto, puoi fornire tutto l'aiuto possibile a casa.

Aiuto logopedista

Un logopedista è il primo specialista di cui un paziente ha bisogno. Non meno importante è un logopedista e parenti: il medico spiegherà la situazione, elaborerà un piano d'azione per ripristinare le funzioni del linguaggio e aiuterà semplicemente a orientare le persone che devono affrontare l'emorragia cerebrale. Non tutte le persone costrette responsabili del paziente sanno che dopo un ictus negli adulti, si verifica quasi sempre un disturbo del linguaggio, che si chiama asfasia, disprassia o disartria..

Esercizi di logopedia a casa

I logopedisti, contrariamente al pregiudizio, lavorano non solo con i bambini piccoli con un linguaggio non sviluppato - il loro elenco di doveri professionali include anche aiutare gli adulti che hanno perso la capacità di parlare dopo un ictus o altri gravi traumi che hanno colpito il sistema nervoso centrale.

Per i processi di recupero dopo un ictus, c'è una serie di esercizi: dopo 3-5 sessioni con un logopedista professionista, i parenti e altri operatori sanitari saranno in grado di ripeterli e trattare con il paziente da soli.

Esercizi di articolazione e respirazione

La ginnastica respiratoria è incredibilmente importante nel processo di recupero dopo un ictus, poiché i processi di respirazione e linguaggio sono inestricabilmente collegati. Prima il paziente è in grado di controllare i suoi processi respiratori, ad esempio per gonfiare semplici palline, controllare indipendentemente il flusso d'aria con le labbra, ecc., Più velocemente torneranno le sue funzioni vocali..

Durante la respirazione, sono coinvolti molti muscoli del viso, che sono anche responsabili della parola. Le labbra e la lingua hanno bisogno degli allenamenti più intensi.

Ginnastica articolatoria-riscaldamento

La persona media raramente immagina quante cose ordinarie e familiari il paziente deve imparare di nuovo dopo un ictus. Nella maggior parte dei casi, i muscoli responsabili della realizzazione fisica della parola sono completamente o parzialmente atrofizzati e il paziente deve riscoprire i movimenti più semplici della lingua in relazione al palato e apprendere la posizione delle labbra per la corretta riproduzione dei suoni.

Massaggio di logopedia

I tentativi di esercizio in modo indipendente sono un passaggio obbligatorio, ma mentre il paziente non è in grado di allenare l'articolazione, un logopedista può accelerare il processo di recupero dall'esterno conducendo sessioni di massaggio di logopedia. Agendo sui punti chiave, lo specialista velocizza il processo, il che consente di perdere meno tempo.

Metodi aggiuntivi

Oltre a quello di base e obbligatorio, ci sono molti altri modi per ripristinare la parola dopo un ictus: di solito vengono utilizzati poiché i parenti hanno fondi aggiuntivi.

Le terapie complementari più popolari sono:

  • musicoterapia (audioterapia) - sessioni musicali per il paziente che hanno un effetto benefico sulla maggior parte delle parti del cervello;
  • riflessologia facciale - un tipo di massaggio facciale di origine orientale, in cui il massaggiatore tocca importanti fasci nervosi e punti muscolari del viso, che aiuta a migliorare l'articolazione;
  • il trattamento con cellule staminali è un metodo estremamente costoso, che implica l'impianto di cellule al posto di quelle distrutte dall'emorragia;
  • massaggi - qualsiasi massaggio facciale (a volte in combinazione con uno standard per ripristinare già la funzione motoria) sarà utile al paziente, ma solo da un professionista o sotto la sua guida;
  • l'agopuntura è un metodo che potrebbe non essere adatto a tutti, ma in generale è stato dimostrato che l'agopuntura migliora la circolazione sanguigna, il che aiuterà il paziente a riprendere rapidamente il controllo dei muscoli facciali.

Nessuno dei metodi di cui sopra può danneggiare il paziente dopo un ictus: i parenti possono usarli quanto ritengono opportuno.

Previsione

Sfortunatamente, poche persone raggiungono il pieno recupero da un ictus - solo il 20% delle persone colpite..

Il resto acquisisce disabilità di varia gravità, ma in generale la prognosi è piuttosto rassicurante: la medicina moderna e la fisioterapia hanno aumentato al massimo le possibilità del paziente per la vita più appagante.

Se inizi il trattamento il prima possibile, sarai in grado di ottenere risultati incredibili: il cervello umano, anche in questo stato, è in grado di rigenerarsi.

L'uso di rimedi popolari

La medicina alternativa funziona meglio nei massaggi e in altre tecniche tattili, ma decotti, farmaci, cataplasmi e altre "cure miracolose" sono solo uno spreco di tempo e denaro preziosi. Parenti e amici stanno meglio concentrandosi su terapia fisica e farmaci di qualità.

Una persona che è sopravvissuta a un ictus non è condannata a essere un peso per i parenti e a soffrire in un corpo inamovibile: puoi fare tutto il possibile per lui per tornare al flusso principale della sua vita precedente almeno parzialmente. La parola gioca un ruolo primario nella socializzazione di una persona, quindi la sua perdita sarà un duro colpo per il paziente: è importante fare di tutto per prevenire un simile esito degli eventi.

Come ripristinare la parola dopo un ictus

La menomazione del linguaggio è una delle conseguenze più comuni dell'ictus. È possibile ripristinare la capacità di parlare completamente utilizzando diversi metodi, ma è necessario affrontare il problema con la massima responsabilità per ottenere un risultato il prima possibile. Per fare ciò, è necessario conoscere non solo i metodi di trattamento, ma anche le caratteristiche del problema..

Afasia e caratteristiche del trattamento

L'ictus è più spesso riscontrato dalle persone anziane, perché i cambiamenti nel corpo associati all'invecchiamento portano a una ridotta circolazione sanguigna. Uno dei sintomi più comuni di danno vascolare nel cervello è una perdita parziale o completa della capacità di parlare, che è accompagnata da paralisi quando parti del corpo iniziano a essere portate via, mancanza di coordinazione dei movimenti e forte mal di testa..

Meccanismo

I disturbi del linguaggio sono chiamati afasia, che secondo l'ICD ha un codice R47.0. Possono verificarsi sia con ictus ischemico o emorragico, sia con microstroke. Il danno ai vasi sanguigni porta alla morte delle cellule della sezione del discorso, che è responsabile della trasmissione dei segnali dal cervello. Questo è possibile solo con un'emorragia nell'emisfero sinistro. Può interrompere il funzionamento di molti componenti del corpo, che dipende interamente dall'entità del problema. Se l'ictus è esteso e colpisce entrambi i lati del cervello, la vittima può perdere la memoria e la capacità di pensare chiaramente e, se non trattata, sarà fatale.

L'afasia è divisa in diversi tipi, che determinano il grado di disturbi associati all'apparato vocale. Il successo del trattamento futuro dipende da loro. Ci sono 5 tipi in totale:

  • Il motore. Si verifica quando il centro di Broca, situato nel terzo giro cerebrale, è interessato. Il paziente ha problemi con la pronuncia di parole o frasi, può pronunciare solo suoni o parole incoerenti, ma il suo udito è preservato.
  • Sensoriale. La causa di questa afasia è il danno alla zona del linguaggio con lo stesso nome, che si trova nel centro di Wernicke. La vittima smette di capire il discorso degli altri e lui stesso inizia a pronunciare le parole in modo incoerente e senza significato.
  • Amnestico. Nell'afasia amnesica, l'emorragia può interessare leggermente diverse aree del cervello. Il paziente comunica normalmente, non ha problemi di lettura e percezione uditiva, ma spesso dimentica i nomi delle cose che conosce, motivo per cui incontra serie difficoltà nel processo di conversazione e non riesce a trovare la parola giusta.
  • Semantico. L'afasia di questo tipo è causata da danni all'area del cervello situata nel punto di giunzione della corona, della tempia e della fronte. Una persona soffre di un deterioramento della comprensione delle frasi, non percepisce la differenza nelle parole, espressa da preposizioni o finali, non comprende strutture vocali complesse.
  • Totale. Con ampi tratti, il paziente sviluppa afasia del tipo totale. È caratterizzato da una completa mancanza di parola, nonché dall'incomprensione del paziente su ciò che dicono gli altri..

Alcuni pazienti con afasia lieve possono riprendersi da soli, ma se gravemente compromessi, il trattamento è obbligatorio.

Previsione

Il trattamento precoce è essenziale per l'afasia. Tutti i pazienti possono sbarazzarsi dei disturbi del linguaggio nell'ictus, ma questo dovrebbe essere fatto nei primi mesi dopo un ictus. La procrastinazione rallenterà la futura riabilitazione e ridurrà le possibilità di un pieno ritorno delle abilità linguistiche. In caso di disturbi lievi, la prognosi è molto positiva ei primi successi di recupero compaiono dopo un mese di lezioni. Se non esegui tutte le misure principali per la riabilitazione, c'è il rischio di rimanere per sempre con vari difetti del linguaggio, oltre ad affrontare un disturbo mentale.

Durante il trattamento dell'afasia, non bisogna dimenticare il recupero di base, che prevede l'assunzione di vari farmaci e l'adesione a un rigoroso regime quotidiano. Se non lo fai, il rischio di subire un secondo ictus aumenterà e le possibilità di recupero diminuiranno in modo significativo. È importante capire che il periodo di recupero durerà a lungo e devi prenderlo molto sul serio..

Regole di trattamento

Sarà possibile ripristinare la parola solo se si rispettano rigorosamente le regole speciali di riabilitazione e trattamento. Hanno lo scopo di aumentare l'efficacia di tutte le terapie, oltre a ridurre il rischio di complicanze..

Quali condizioni devono essere soddisfatte:

  1. Segui tutti i consigli del medico.
  2. Lavora con un logopedista, fai esercizi a casa.
  3. Elimina lo stress, fornisci un ambiente confortevole.
  4. Avere un atteggiamento positivo nei confronti del trattamento, non dubitare del risultato.
  5. Comunica con i tuoi cari.
  6. Trascorri più tempo all'aperto, limita l'esercizio.
  7. Monitorare l'alimentazione, non mangiare cibo spazzatura.

Le persone vicine dovrebbero mostrare comprensione al paziente. È molto importante che gli parlino con frasi semplici, gli diano più tempo per rispondere e partecipino attivamente al processo di riabilitazione..

Inoltre, una persona può sperimentare afasia con un nervo schiacciato, trauma cranico, tumore al cervello, protesi dentali e alcune altre malattie.

Trattamento

Un medico qualificato dovrebbe essere coinvolto nello sviluppo di un piano di trattamento. Solo così si ottengono risultati significativi in ​​poco tempo. Quando il paziente viene dimesso dall'ospedale, gli verranno prescritti farmaci e procedure speciali volti a ripristinare la parola e la salute. La terapia dovrebbe essere completa, mentre la partecipazione dei parenti del paziente è importante in essa, perché il sostegno dei propri cari è molto importante per la riabilitazione.

Trattamento farmacologico

Nella medicina moderna, non ci sono farmaci speciali che aiuterebbero a ripristinare la funzione del linguaggio se trattati con le pillole. Tuttavia, i medici prescrivono spesso farmaci ai pazienti per migliorare il flusso sanguigno. Normalizzano il lavoro di tutte le terminazioni nervose, il che ha un effetto positivo sulla capacità di pronunciare le parole. Se usati correttamente, i problemi iniziano a scomparire gradualmente e la chiarezza e il volume della voce aumentano..

Inoltre, possono essere prescritti farmaci per stimolare il cervello, che rafforzano anche la memoria e aumentano l'attenzione. Tutto ciò porta a significativi benefici per la salute. Tuttavia, questo non è sufficiente per restituire completamente il discorso a una persona..

Farmaci più popolari:

  • Semax;
  • "Tsereton";
  • "Tserakson";
  • "Mexidol";
  • "Neuromidin".

Questi farmaci possono essere sostituiti con altri simili, nonché integrati con altri farmaci. La necessità di prenderli è determinata dal medico curante.

Metodi tradizionali

Per sbarazzarsi del ritardo del linguaggio e della sua normalizzazione, è possibile utilizzare rimedi popolari. I decotti più efficaci sono coni, bacche di viburno, ginepro, timo e salvia. Devono essere cotti fermentando in acqua bollente e infondendo per 20-30 minuti. Ripristinare la parola dopo un ictus a casa con tali mezzi dovrebbe fare attenzione, perché alcune persone possono affrontare conseguenze negative associate all'intolleranza individuale ai componenti del decotto.

È consentita anche la preparazione di bevande più complesse. Migliorano le condizioni del paziente e aiutano nel trattamento della perdita del linguaggio. Le seguenti miscele sono efficaci:

  1. Foglie di piantaggine, achillea, erba di San Giovanni.
  2. Agrimonia, calendula, rosa canina.
  3. Noce, fragole, foglie di eufrasia.

Prima di assumere tali bevande, si consiglia di consultare un medico per ottenere il massimo effetto ed evitare spiacevoli conseguenze..

Altri metodi

L'afasia può essere trattata non solo con l'aiuto di farmaci e rimedi popolari. Anche altri metodi mostrano buoni risultati. La fattibilità della loro applicazione è determinata individualmente. Alla maggior parte dei pazienti viene prescritto almeno uno di questi.

  • Fisioterapia. Aiuta con la paralisi dei muscoli responsabili delle funzioni del linguaggio. Nella maggior parte dei casi, la terapia fisica mostra la massima efficienza..
  • Fisioterapia. Il massaggio aiuta a rilassare il tessuto muscolare e migliorare il flusso sanguigno, che è importante dopo un ictus.
  • Agopuntura. Questo metodo viene utilizzato per correggere l'articolazione e normalizzare il linguaggio. Particolarmente efficace per l'afasia di tipo motorio.
  • Biocontrollo funzionale. Il metodo mostra buoni risultati nel miglioramento delle funzioni vocali e consiste nel controllo visivo dei tessuti muscolari associati alla pronuncia delle parole.
  • Lavorare con uno psicoterapeuta. Le lezioni con uno specialista aiutano a normalizzare rapidamente lo stato della psiche, che è molto importante quando si riprende da un ictus, che è accompagnato da afasia.
  • Intervento chirurgico. Le operazioni per ripristinare la parola sono molto rare. Il loro obiettivo è collegare il centro del linguaggio con una parte sana del cervello. Ma il discorso del paziente dopo questo rimane confuso e intermittente, il che rende il metodo meno popolare.

Sessioni speciali con un logopedista ed esercizi a casa sono particolarmente importanti per il trattamento dell'afasia. Ti permettono di recuperare il più rapidamente possibile senza complicazioni..

La moderna tecnologia medica consente di trattare l'afasia con cellule staminali. Questo metodo è utilizzato in un numero limitato di paesi avanzati e mostra un'elevata efficienza..

Lezioni con un logopedista

Le lezioni speciali con un logopedista dopo un ictus sono una parte essenziale del trattamento. È necessario iniziare a visitare uno specialista immediatamente dopo aver determinato il tipo di disturbi del linguaggio. Prima il paziente inizia ad allenare la capacità di parlare in modo completo, maggiori sono le possibilità di ottenere il risultato desiderato. Tutte le classi sono divise in 2 fasi.

Primo stadio

Le lezioni nella prima fase mirano a ripristinare le funzioni vocali elementari. È applicabile sia per adulti che per bambini. Se il paziente soffre di lieve afasia, il primo stadio può essere abbreviato. Prevede l'applicazione dei seguenti esercizi pratici:

  1. Una conversazione tra un logopedista e un paziente, costringendo la percezione delle informazioni. Per questo, lo specialista parla su vari argomenti, costringendo il paziente a comprendere la parola..
  2. Fare domande che richiedono una risposta dettagliata. Il medico pone al paziente una domanda speciale, in cui non è possibile rispondere solo con un gesto affermativo o negativo.
  3. Riconoscimento fotografico. Al paziente viene mostrata una foto con oggetti o persone familiari e deve nominare esattamente ciò che vede.
  4. Lettura di lettere o numeri. Al paziente vengono mostrate righe di numeri o lettere, dove si trovano gli elementi senza alcun ordine. Il suo lavoro è leggere ciò che vede.
  5. Scrivere e leggere. Con disturbi minori del linguaggio, al paziente viene chiesto di scrivere frasi o frasi, nonché di leggere ad alta voce testi preparati.

Se le lezioni portano scarsi risultati, possono essere ripetute in una forma più semplificata..

Seconda fase

Nella seconda fase, al paziente viene offerta una serie di compiti più complessi. È molto importante evitare stress inutili, come può ridurre l'efficacia delle lezioni. Pertanto, il logopedista dovrebbe monitorare attentamente le condizioni del paziente e dargli il tempo di riposare..

  1. Ripristinare la connessione tra parole e immagini. Per questo, al paziente vengono assegnati compiti complicati, simili agli esercizi della prima fase. Gli viene anche chiesto di comporre storie basate su immagini correlate, lavorare sull'intonazione, ripetere testi e leggere e scrivere piccoli saggi o lettere da solo..
  2. Riconoscimento vocale. Il paziente deve classificare le parole che ha sentito secondo determinati criteri, seguire le istruzioni espresse in frasi complesse, improvvisare su qualsiasi argomento, sforzarsi per un discorso di riferimento.
  3. Correzione dell'articolazione e della pronuncia. Elaborazione di frasi modello, tentativo di pronunciarle il più chiaramente possibile, sviluppo di intonazione e capacità di colorazione, realizzazione verbale di tutti i pensieri.
  4. Recupero delle abilità di base. Leggere libri o lettere, analizzare ciò che è stato letto, elaborare il riconoscimento di lettere con numeri, scrivere grandi saggi con un graduale aumento della complessità dei compiti.

Il recupero completo può richiedere un gran numero di sessioni con un logopedista. Se i progressi sono diventati evidenti, non puoi interrompere le lezioni con uno specialista, perché dovresti ottenere il massimo risultato, oltre a consolidarlo in modo che le abilità linguistiche non inizino a deteriorarsi di nuovo.

I logopedisti possono applicare esercizi aggiuntivi per ottenere risultati ancora maggiori.

Autodidatta

Inoltre, ogni paziente dovrebbe studiare a casa in modo indipendente. Ciò contribuirà ad accelerare il processo di riabilitazione. Alcuni medici danno ai pazienti un manuale speciale, che descrive tutti gli esercizi di base per la ginnastica domestica che dovrebbero essere eseguiti ogni giorno. Se non è stato rilasciato, ciò non significa che devi rinunciare all'allenamento a casa..

Lezioni singole

Puoi raggiungere il successo senza l'aiuto di altre persone. È sufficiente eseguire i seguenti esercizi per ripristinare la parola dopo un ictus:

  1. Tirare le labbra con una cannuccia per 7 secondi.
  2. Prova a rotolare la lingua in un tubo, ripetilo molte volte finché non sei molto stanco.
  3. Apri la bocca, tira fuori la lingua, allungala il più in alto possibile per 5 secondi. Si consiglia di allungare il collo insieme a questo.
  4. Allunga la lingua fino al naso e poi al mento.
  5. Con la bocca chiusa, cerca di raggiungere la gola con la lingua, fallo il più a lungo possibile.
  6. Fai scorrere la lingua da un lato all'altro della bocca. Fallo a velocità diverse.
  7. Estendi la mascella inferiore, afferrando il labbro superiore, per 3 secondi. Ripeti lo stesso per la mascella superiore e il labbro inferiore..
  8. Apri la bocca, unendo le labbra, fai scorrere la lingua lungo la fila di denti superiore, quindi ripeti con quella inferiore, oltre che con le labbra.
  9. Sorridi mostrando i denti, quindi nascondili con le labbra continuando a mantenere il tuo sorriso.
  10. Schiaffeggia ripetutamente, come mandare un bacio.
  11. Fai schioccare la lingua, cercando di aumentare gradualmente la velocità fino al limite.
  12. Allungando la lingua, sibila a lungo.

Gli esercizi dovrebbero essere eseguiti in 5-10 serie, se non diversamente indicato. A volte il numero di ripetizioni può essere aumentato a tua discrezione, ma non dovresti dimenticare l'importanza del riposo..

Classi congiunte

Inoltre, dovresti includere nell'elenco degli esercizi a casa allenamenti speciali che prevedono l'aiuto dei tuoi cari. Sono anche molto efficaci, quindi non è consigliabile saltarli..

Cosa si può fare con un aiuto esterno:

  1. L'assistente pronuncia la frase, tagliandola a metà frase. Il paziente deve completare la parola correttamente. Dovresti iniziare rimuovendo una sillaba, quindi complicare il compito..
  2. Entrambe le persone cantano a bassa voce. L'assistente inizia limitando il volume della voce, poi il paziente si unisce al canto.
  3. Il paziente legge scioglilingua al suo assistente. A poco a poco, devono essere complicati, ma dovresti iniziare con le opzioni più semplici..

Inoltre, il paziente può leggere libri o scrivere brevi saggi in modo indipendente, se le sue capacità linguistiche lo consentono. Inoltre, dovresti fare esercizi a casa, che il logopedista ti consiglierà.

Se l'esercizio non porta risultati visibili, dovresti aspettare un po '. A volte può essere necessario molto tempo per recuperare.

Difficoltà nel recupero della parola

Dopo un ictus, è importante sapere come ripristinare la parola. Se esegui tutti gli esercizi necessari nei primi mesi dopo i disturbi circolatori, i rischi di complicanze saranno minimi. Il paziente dovrà solo esercitarsi regolarmente e seguire le istruzioni del medico curante. Quindi sarà in grado di ottenere il ripristino completo della funzione vocale..


Articolo Successivo
Dov'è l'arteria carotide nel collo di una persona?