Insufficienza vertebro-basilare


INSUFFICIENZA VERTEBRALE-BASILARE

L'insufficienza vertebro-basilare è una violazione della circolazione sanguigna nel bacino delle arterie vertebrali. Ciò, a sua volta, causa una mancanza di afflusso di sangue nelle principali strutture del cervello: tronco, cervelletto e lobi occipitali. Anatomicamente, questo è spiegato come segue: due arterie vertebrali si fondono nella principale, basilare, situata nella parte inferiore del tronco cerebrale. È da lei che partono i rami che forniscono al cervello la nutrizione necessaria per una vita piena. Di conseguenza, il deterioramento del flusso sanguigno porta a una violazione delle sue funzioni..

Va notato che questa è una malattia reversibile. Dopo aver eliminato le cause dell'insufficienza circolatoria nel tessuto nervoso, le proprietà del sistema nervoso centrale possono essere completamente ripristinate.

La sindrome acuta vertebro-basilare si sviluppa improvvisamente. La sua progressione è facilitata da una crisi ipertensiva. La forma acuta è caratterizzata da svenimento, debolezza, scarsa coordinazione e mobilità limitata. Il rischio di ictus aumenta notevolmente. La condizione può durare fino a diversi giorni. La forma cronica di VBI procede con esacerbazioni. Si notano disturbi della concentrazione, disfunzione visiva, disturbi del linguaggio, tachicardia.

SINTOMI
I sintomi dell'insufficienza vertebro-basilare sono suddivisi in temporanei e permanenti. I sintomi temporanei di solito si manifestano al momento degli attacchi ischemici transitori. I permanenti non solo non passano, ma si sviluppano anche in modo incrementale. Tra questi va notato:

  • Vertigini per diversi minuti, con apparente rotazione degli oggetti;
  • Calo della pressione sanguigna;
  • Sindrome cocleovestibolare - disturbi vestibolari con acufene e perdita dell'udito;
  • Deterioramento della statica e coordinazione dei movimenti;
  • Attacchi di caduta - cadute improvvise dovute a grave debolezza transitoria e immobilità di tutti gli arti senza perdita di coscienza;
  • Disturbi sensoriali: violazioni della sensibilità superficiale e profonda in un particolare arto o parte del tronco;
  • Cefalalgia: dolori lancinanti o brucianti nelle regioni cervico-occipitale e occipitale;
  • Disturbi visivi e oculomotori sotto forma di "mosche", "biforcazione" di oggetti, nebbia e perdita di campi visivi;
  • Improvvisi sbalzi d'umore, labilità emotiva, disturbi del sonno, attacchi di panico e altri disturbi psico-emotivi.
Sono i sintomi persistenti che sono preferiti per la diagnosi clinica. Man mano che il processo patologico si sviluppa, si intensificano e rischiano di portare a un ictus..


LE RAGIONI
Ci sono molti prerequisiti per il verificarsi della patologia. Il più comune è una diminuzione del flusso sanguigno nelle arterie vertebrali. Il restringimento dell'arteria vertebrale si verifica molto spesso a causa dell'aterosclerosi. In alcuni casi, può formarsi un coagulo di sangue, interrompendo il flusso sanguigno.

La compressione dei vasi sanguigni che trasportano il sangue dal cuore alla colonna vertebrale si verifica spesso con l'osteocondrosi cervicale. Inoltre, nella letteratura medica mondiale c'è un termine "Sindrome della Torre Pendente". I turisti anziani che guardano oggetti alti sono costretti a gettare indietro bruscamente la testa e, a seguito della compressione, inizia un attacco di VBI.

La comparsa di questo disturbo è anche ampiamente facilitata dalle lesioni al collo subite, ipertensione, escrescenze fibrose nelle cellule arteriose, trombosi e tromboflebite dei vasi sanguigni, diabete mellito.

Per identificare le cause della malattia, vengono prescritti test. Nella pratica standard, si tratta di studi sulla composizione elettrolitica del sangue, parametri del glucosio, anticorpi contro i fosfolipidi e dati sui lipidogrammi.

DIAGNOSTICA
Non è così facile diagnosticare VBI, poiché ci sono molte malattie con sintomi simili. Innanzitutto il medico esegue test funzionali al fine di rilevare diminuzione del tono muscolare, manifestazioni di sintomi in stato di iperventilazione, vertigini in caso di movimenti intensi. I dettagli del quadro clinico del VBI, come il disorientamento e la reazione ritardata, sono rivelati anche dal test di de Klein. Il test di Hauntan consente di escludere danni al tronco cerebrale.
Sulla base dei loro risultati, possono essere assegnati i seguenti tipi di diagnostica dell'insufficienza vertebro-basilare:

  • Radiografia del rachide cervicale: fornisce un'immagine dettagliata del rachide cervicale.
  • Ecografia Doppler (USDG): esamina lo stato dell'afflusso di sangue ai vasi del cervello, alle arterie grandi e vertebrali.
  • Ecografia Doppler transcranica (TCD) - esamina la riserva emodinamica, in altre parole, le capacità adattative del cervello.
  • La risonanza magnetica per immagini (MRI) - aiuta a rilevare le ernie intervertebrali e i processi patologici nella colonna vertebrale che possono portare allo sviluppo di questa malattia.
  • Reoencefalografia con termografia a infrarossi: determina lo stato dei vasi sanguigni e l'afflusso di sangue al cervello.
  • L'angiografia a risonanza magnetica - "visualizzazione di vasi senza contrasto" - consente di studiarne il diametro, lo stato delle pareti e del canale.
  • Arteriografia a sottrazione digitale: utilizzata per determinare il lume nei vasi.

FASI DI SVILUPPO DELLA SINDROME VERTEBRO-BASILARE
È consuetudine distinguere diverse fasi dello sviluppo della malattia. Il primo, chiamato compensazione, non ha caratteristiche speciali ed è caratterizzato da disturbi neurologici separati. Il secondo stadio - relativo compenso - è caratterizzato da attacchi ischemici transitori, nonché da una progressiva compromissione della circolazione sanguigna nel cervello. Qui, i sintomi della malattia si manifestano già ed è possibile un ictus minore. Il terzo si chiama scompenso. È caratterizzato dallo sviluppo di encefalopatia di grado 3. Contiene una minaccia per la vita, poiché è caratterizzato da un ictus completo con un decorso grave, che spesso porta a un esito fatale.


TRATTAMENTO VBI
Gli obiettivi principali del trattamento dell'insufficienza vertebro-basilare sono ridurre o eliminare i fattori che hanno portato alla malattia. E possono essere aterosclerosi delle arterie succlavia, vertebrali o basilari e ipertensione, aumento della viscosità del sangue e aumento dei livelli di colesterolo e lipoproteine ​​nel sangue o dorsopatia (osteocondrosi) del rachide cervicale.

Dopo l'identificazione tempestiva della causa della malattia, è necessario eseguire un trattamento correttivo, che migliorerà la circolazione sanguigna nelle arterie basilari e normalizzerà la pressione sanguigna. È anche importante eseguire la terapia per l'osteocondrosi del rachide cervicale, come una delle cause principali dell'insufficienza vertebro-basilare.

TERAPIA MEDICA:

  • vasodilatatori o vasodilatatori - per evitare l'occlusione vascolare, nonché per migliorare la pervietà vascolare;
  • farmaci antipertensivi che regolano la pressione sanguigna;
  • agenti antipiastrinici - per ridurre la coagulazione del sangue e prevenire la formazione di coaguli di sangue;
  • antiossidanti - per ridurre lo sviluppo dell'ipossia;
  • neurotrofici - farmaci che contribuiscono alla conservazione funzionale delle strutture del sistema nervoso, proteggono dagli effetti distruttivi dello stress ossidativo e ripristinano la capacità del corpo di fornire cibo ai tessuti - cerebrolysin, piracetam, cortexin;
  • con vertigini vestibolari vengono utilizzati agenti con un diverso meccanismo d'azione: vestibolo soppressori, antiemetici e farmaci che contribuiscono alla compensazione della funzione vestibolare (betaistina, piracetam, corticosteroidi, ecc.);
  • i correttori dei disturbi della circolazione cerebrale espandono i vasi sanguigni - riducono i livelli di glucosio, reintegrano la carenza di ossigeno. Hanno anche un effetto rilassante sulla muscolatura liscia (trental, cavinton, sermion);
  • metabolico e nootropico, migliorando le funzioni del sistema nervoso centrale: actovegin, cerebrolysin, ecc.;
  • antidepressivi - per migliorare lo stato psico-emotivo.

Con VBI sullo sfondo dell'osteocondrosi cervicale, vengono solitamente prescritti FANS, il che porta a una diminuzione dell'edema e all'eliminazione del dolore. Di conseguenza, la compressione delle arterie diventa meno grave e la circolazione sanguigna migliora..

Oltre alla terapia farmacologica, vengono prescritte fisioterapia e riflessologia - per eliminare il dolore ed eccitare vari centri nervosi del cervello; farmacopuntura, terapia manuale, massaggio della zona del collo e del colletto e kinesio taping - per eliminare gli spasmi muscolari.


CHIRURGIA
Il trattamento chirurgico è indicato solo in casi estremi. Con l'aiuto della chirurgia, viene eliminata l'insufficienza circolatoria associata a una diminuzione del diametro dell'arteria vertebrale a causa di stenosi, compressione o spasmo. Tali operazioni sono: microdiscectomia, endoarteriectomia, ricostruzione laser dei dischi intervertebrali, angioplastica con posizionamento di stent.

Insufficienza vertebro-basilare: segni e stadi, cause, trattamento e prognosi di vita

In ertebro, l'insufficienza basilare è un disturbo cronico della circolazione sanguigna nelle arterie vertebrali e basilari. Il processo patologico è accompagnato da una massa di sintomi che sono evidenti anche in una fase iniziale.

La progressione è associata alla complicanza della posizione del paziente, le possibilità di guarigione diminuiscono con lo sviluppo del disturbo.

Secondo le stime statistiche, circa il 5% delle persone soffre di questa malattia. I numeri sono parecchie volte superiori nei pazienti con patologie concomitanti del sistema cardiovascolare e / o muscolo-scheletrico.

Il trattamento è conservativo o operativo. Dipende dalla causa principale del disturbo e dalle condizioni attuali del paziente.

Le previsioni sono determinate direttamente dal momento dell'inizio della terapia, pertanto, ritardare una visita da un medico è pericoloso per la vita.

Meccanismo di sviluppo

La sindrome vertebro-basilare è una condizione polietiologica, cioè si sviluppa per molte ragioni, spesso esistenti in parallelo. La formazione si basa sui seguenti fattori:

Restringimento dell'arteria vertebrale da uno o entrambi i lati contemporaneamente

La cosiddetta aterosclerosi. Come risultato della stenosi sullo sfondo di fumo, farmaci, fattori biochimici. O come risultato della deposizione di colesterolo, delle strutture lipidiche e del blocco della placca.

In ogni caso il lume dell'arteria si restringe, il sangue si muove peggio e fornisce scarsamente ossigeno e sostanze essenziali al cervello. Il risultato a breve termine è un'insufficienza vertebro-basilare e un'ischemia nelle strutture cerebrali..

Anomalie vascolari congenite

Sono un po 'meno comuni. Tuttavia, il corso non è meno difficile. Tra tali diagnosi, si può distinguere l'ipoplasia dell'arteria vertebrale (il suo sottosviluppo) e, di conseguenza, un diametro del vaso inferiore rispetto al normale.

Maggiori informazioni sull'ipoplasia dell'arteria vertebrale destra qui, a sinistra - qui.

Ci sono altri fattori fondamentali (vedi i motivi), a prescindere da essi, il momento immediato è sempre associato ad un restringimento del lume dell'arteria, e quindi ad un indebolimento del flusso sanguigno nel cervello. Man mano che l'ischemia progredisce, peggiora.

I vasi vertebrali forniscono fino al 40% del flusso sanguigno totale nei tessuti nervosi e nutrono una serie di strutture:

  • Lobo occipitale e parietale.
  • Cervelletto.
  • Ipotalamo.
  • Tronco encefalico.
  • Pons.
  • Collina visiva.

Pertanto, la clinica è quasi sempre ovvia. Poiché il sistema nervoso centrale non riceve abbastanza nutrienti e ossigeno, iniziano i cambiamenti di natura irreversibile. Ad esempio, espansione dei ventricoli.

Pertanto, il corpo cerca di compensare lo scarso flusso sanguigno..

Finché il corpo è in grado di far fronte, c'è una clinica, ma non ci sono violazioni critiche. Ad un certo punto, l'intensità dell'alimentazione diventa così bassa che tutto va fuori controllo..

Inizia la fase terminale del processo patologico. Molto spesso, è accompagnato prima da attacchi ischemici transitori (transitori) e poi da un ictus a tutti gli effetti..

La mortalità per necrosi del tessuto nervoso nelle parti posteriori del cervello è circa quattro volte superiore a quella delle aree che si alimentano dalle arterie carotidi. Perché la probabilità di morte è enorme.

Classificazione

La malattia è suddivisa secondo due criteri. In base alla gravità della clinica, i disturbi organici sono chiamati:

  • Fase 1 VBN. È accompagnato da un minimo complesso di manifestazioni, che, tuttavia, sono evidenti se si ascolta il corpo. I momenti neurologici focali predominano. Con il coinvolgimento del cervelletto - vertigini, coordinazione alterata, lobo occipitale - problemi visivi, ecc..

Raramente isolato. Di solito dal lato 1-2 strutture contemporaneamente. C'è una buona possibilità di una cura completa se iniziata a questo punto..

  • Fase 2 VBN. Cambiamenti irreversibili accompagnano il paziente, quindi non è più necessario contare su una guarigione completa. Ma quando si esegue una terapia complessa, è possibile compensare il disturbo e ridurre i rischi di morte e disabilità..

I sintomi peggiorano. Quasi il 70% dei pazienti presenta attacchi ischemici transitori, chiamati anche microstroke o encefalopatia discircolatoria.

Con il progredire della progressione, le possibilità di recupero, anche parziale, diventano più sfuggenti..

  • VBN 3 stadi. È accompagnato da disturbi circolatori critici nel cervello. Questa è una fase scompensata che non suggerisce una cura. Il risultato finale è un ictus, solitamente esteso.

Poiché la correzione non è più possibile, non tarderà ad arrivare una ricaduta, che diventerà fatale. Principalmente cure palliative per migliorare il benessere e il disagio.

Parallelamente, si osserva il decorso dell'encefalopatia discircolatoria nella fase terminale.

In questo caso, stiamo parlando di messa in scena, questo è un modo generalmente accettato di classificare.

La sindrome può anche essere tipizzata in base alle caratteristiche neurologiche del disturbo..

Fase angiodistonica

I cambiamenti sono solo all'inizio. La clinica è minima o completamente assente (cosa piuttosto rara).

I segni sono rappresentati principalmente da punti comuni: mal di testa, disorientamento nello spazio. Le manifestazioni focali sono possibili, ma sono meno comuni o molto meno evidenti.

Fase mista

I segni della progressione del disturbo, la circolazione sanguigna insufficiente e le anomalie organiche, che possono essere rilevate con metodi di imaging, sono collegati. Ad esempio, MRI.

La clinica include sintomi generali e focali.

Stadio ischemico

Prevalgono i momenti tipici della circolazione sanguigna insufficiente nelle strutture cerebrali. Il recupero è già impegnativo, ma ancora possibile.

C'è un alto rischio di ictus. Senza trattamento, questa condizione si sviluppa, in media, nei futuri 1-4 anni..

I sintomi pre-ictus sono descritti in dettaglio in questo articolo..

Fase persistente

Come suggerisce il nome, questa è una fase cronica del processo patologico con un quadro clinico completo costantemente esistente..

Va notato che questa fase non è sempre altrettanto difficile. Dipende dal corso caratteristico di un particolare paziente. La cura completa è impossibile, è necessario regolare la condizione per aiutare il paziente. Anche quanto sarà possibile influenzare la situazione è una questione controversa..

Entrambe le classificazioni sono utilizzate in egual misura da neurologi e chirurghi vascolari specializzati. Lo scopo principale è determinare la fase specifica del disturbo, i metodi di terapia, le prospettive di esposizione.

Sintomi

Il quadro clinico è estremamente vario, a causa delle numerose strutture che si nutrono dai vasi vertebrali.

La sindrome del sistema arterioso vertebro-basilare si sviluppa gradualmente, le manifestazioni progrediscono lentamente, sovrapponendosi l'una all'altra.

Se parliamo di un elenco approssimativo, puoi creare il seguente elenco:

  • Vertigini. Si verifica quasi come un punto culminante. In quasi tutti i pazienti, indipendentemente dallo stadio del disturbo. Ma non sempre nella stessa misura. Ci sono opzioni in termini di flusso. Per alcuni, questa è una sensazione costante, per altri - attacchi di disagio transitorio..
  • Mal di testa. Anche la sua intensità non è la stessa. Dipende dalle caratteristiche del corpo umano e dallo stadio del disturbo. Carattere: opprimente, pulsante. La localizzazione è principalmente la parte posteriore della testa, ma non sempre. Possibili sensazioni di versamento, migrazione del disagio alla fronte, whisky (il cosiddetto "gesto del legionario").
  • Compromissione della coordinazione, instabilità nell'andatura e incertezza durante il movimento. Una persona normalmente non può navigare nello spazio. Questo è uno dei segni più comuni, presente in quasi il 70%. Il motivo è la sconfitta del sistema extrapiramidale, in particolare il cervelletto. Non esiste sempre, periodicamente il disagio aumenta.
  • Perdita dell'acuità uditiva, anche tinnito. Entrambi i sintomi vanno di pari passo..
  • Nausea, possibilmente vomito. Al culmine di un attacco di mal di testa o disorientamento nello spazio.

Questi sintomi sono tipici di tutte le fasi del processo patologico..

Se parliamo di momenti focali specifici, non sempre si trovano e non in tutti i pazienti:

  • Disturbi dall'analizzatore visivo. Sfarfallio delle mosche negli occhi, aumento del numero di opacità fluttuanti (sembrano filamenti traslucidi, vermi, macchie), fotopsie (lampi di luce sotto forma di punti, linee, semplici allucinazioni visive), formazione di bovini (aree cieche che sembrano macchie nere).

Sono possibili anche affaticamento degli occhi, arrossamento e secchezza. Sono parti di un tutto. Il risultato dell'irritazione del lobo occipitale del cervello.

  • Un aumento del numero di battiti cardiaci al minuto. Tachicardia. Manifestazione allarmante. Può essere il risultato di un trofismo insufficiente del tronco cerebrale, anche dell'ipotalamo. La gravità dipende dal grado di ischemia. Di regola, questo è un sintomo transitorio che si verifica senza fattori provocatori visibili..
  • Velocità di caduta e produttività del pensiero. Le menomazioni intellettive si sviluppano più tardi e non sono critiche. A volte è impossibile trovare il problema da soli. La memoria e l'attenzione sono leggermente influenzate. Tuttavia, nelle fasi finali, il sintomo è molto più grave.
  • Sudorazione aumentata. O iperidrosi. Anche al di fuori dell'attività fisica a riposo.
  • Debolezza, sonnolenza. Non ho abbastanza forza per il lavoro, per il tempo libero. Il paziente vuole dormire costantemente. C'è anche pesantezza agli arti, tono muscolare insufficiente. Questo è il risultato della sconfitta dello stesso sistema extrapiramidale rappresentato dal cervelletto.
  • Aumenta la suscettibilità ai fattori ambientali negativi. Livello di ossigeno insufficiente nella stanza, temperatura alta o bassa intorno, ecc., Si forma anche la meteosensibilità.
  • Disturbi comportamentali. Aumento dell'aggressività, risentimento, forti scoppi di rabbia che sfociano in una grave stanchezza. Fenomeni psichiatrici puri.
  • Spesso ci sono attacchi con caduta come biglietto da visita di un processo patologico in corso. Paralisi temporanea del corpo con lancio della testa all'indietro e caduta.
  • In alcune situazioni è impossibile controllare il naturale svuotamento della vescica e dell'intestino. Incontinenza.

Ci sono molti segni clinici, i medici li combinano in varie combinazioni, per una descrizione più accurata della forma del processo patologico.

Cause degli errori VBI

La sindrome da insufficienza vertebro-basilare è un disturbo polietiologico, un gruppo di fattori è coinvolto nel suo sviluppo.

Se evidenziamo i principali:

  • Aterosclerosi. Come restringimento sintomatico delle arterie vertebrali o blocco di esse con placche di colesterolo. Quasi il principale colpevole, rappresentando fino all'80% dei casi registrati.
  • Disturbi congeniti come l'ipoplasia vascolare.

Altri fattori non sono così comuni, ma ci sono:

  • Precedenti lesioni al collo.
  • Osteocondrosi. È accompagnato dalla compressione delle arterie. Man mano che la progressione progredisce, si formano i dischi erniati della colonna vertebrale, che porta alla stabilizzazione del processo patologico, all'impossibilità della sua completa guarigione.
  • Problemi muscolari. Spasmo muscolare cronico, precedenti malattie infiammatorie (miosite) e altri. Non è facile eliminare tali violazioni, saranno necessari massaggi, fisioterapia.
  • Ipertensione o aumento della pressione sintomatico.
  • Angiopatia associata al diabete.
  • Anche vasculite - infiammazione delle pareti delle arterie.

Le ragioni vengono prese in considerazione quando si sviluppano tattiche terapeutiche. Senza conoscere il colpevole, la malattia non può essere eliminata.

Diagnostica

Viene eseguito sotto la supervisione di un neurologo o chirurgo vascolare. Entrambi gli specialisti lavorano spesso in tandem.

Il set di misure è standard:

  • Interrogatorio orale per identificare reclami, redigere un quadro clinico.
  • Prendendo l'anamnesi. Quando sono iniziate le violazioni, c'è qualche deterioramento, stile di vita, cattive abitudini, presenza di malattie croniche e attuali. E altri fattori.
  • Prove funzionali speciali. Con l'iperventilazione (respirazione rapida), girando, gettando indietro la testa, ecc. Si verificano in quasi tutti i pazienti e vengono utilizzati come metodo diagnostico affidabile. Una caratteristica caratteristica è che durante l'esecuzione dei test, i sintomi dell'insufficienza vertebro-basilare aumentano in modo significativo. Questo dà origine alla diagnosi..
  • Ecografia doppler dei vasi del collo e del cervello, scansione duplex. Per valutare la velocità e la qualità del flusso sanguigno.
  • Angiografia.
  • Anche la risonanza magnetica, se necessario. Entrambe queste tecniche sono fondamentali e forniscono il massimo delle informazioni sulla condizione delle arterie..
  • Analisi del sangue generale e biochimica con un quadro esteso dei lipidi. Consente di identificare il colesterolo in eccesso e altri grassi, rilevare l'aterosclerosi e la sua causa.

La diagnosi di VBI viene effettuata sulla base dei risultati di studi strumentali e di laboratorio, tenendo conto dei sintomi.

In alcuni casi, è necessaria più di una settimana per comprendere con precisione il processo, ma si tratta di situazioni relativamente rare. Di solito, non ci sono problemi con la rilevazione della patologia..

Metodi di trattamento

La terapia è principalmente conservativa. Ha lo scopo di eliminare la causa principale del VBI, alleviare i sintomi e prevenire la progressione del disturbo, l'ictus. A tale scopo vengono prescritti farmaci..

  • Nootropics. Accelera i processi metabolici nei tessuti nervosi. Glicina. Phenibut. Con cautela, poiché spesso provocano reazioni allergiche.
  • Vasodilatatori. Betaistina, cinnarizina, pentossifillina e altri. La loro funzione è chiara dal nome.
  • Antiaggreganti piastrinici e anticoagulanti. Per normalizzare il flusso sanguigno e prevenire la formazione di coaguli di sangue. Inoltre, correggere parzialmente la qualità nutrizionale dei tessuti cerebrali. Ciò include l'aspirina in varie modifiche e altri medicinali..
  • Cerebrovascolare. Migliora la microcircolazione nel cervello. Ciò include Piracetam, Actovegin, Cavinton.
  • È possibile prescrivere statine e farmaci correlati per combattere l'aterosclerosi.
  • Viene praticato l'uso di farmaci antipertensivi. Per abbassare la pressione sanguigna. ACE inibitori, beta bloccanti, calcio antagonisti e altri.

Massaggi e fisioterapia sono di grande aiuto. Di necessità. Le procedure sono determinate dal medico.

I trattamenti chirurgici sono prescritti in casi estremi. L'essenza dell'intervento è espandere le arterie con mezzi meccanici (stent, ballooning), plastica. Eliminazione fisica della placca di colesterolo duro.

In caso di ernie intervertebrali, il componente non funzionale viene rimosso e sostituito con una protesi. Ci sono diverse opzioni, ma si ricorre a quando il trattamento conservativo è inefficace e se non è un'altra via d'uscita.

Per migliorare la nutrizione del cervello, prevenire la stenosi vascolare e l'aterosclerosi, si consiglia di cambiare lo stile di vita:

  • Smetti di fumare, alcol.
  • Se possibile, attenersi a un regime adeguato di attività fisica. Non lavorare troppo, ma non stare fermo. Un'ora di cammino al giorno va bene per la persona media.
  • Fare il pieno di energie. Dormi 8-9 ore durante la notte.
  • Mangia meno grassi animali e sale (da 2 a 7 grammi).
  • Evita lo stress, se possibile.

Previsioni

La previsione è controversa, perché i cambiamenti sono già irreversibili. Ma quando si esegue il trattamento, le prospettive sono positive.

PalcoscenicoPrevisione
1Favorevole.
2
3Negativo. La mortalità è di circa il 30% nei primi 1-2 anni, di circa il 70% dopo 3-4 anni e di quasi il 98% dopo 5 anni.

È meglio ottenere informazioni più accurate dal proprio medico..

Possibili conseguenze

La complicanza chiave è l'ictus. Morire di tessuti nervosi. Inoltre, si formano spesso encefalopatia discircolatoria, demenza vascolare (demenza).

Alla fine, il paziente diventa profondamente disabile o muore.

L'insufficienza vertebro-basilare è un processo patologico complesso, è ben diagnosticato, ma estremamente pericoloso in caso di terapia prematura.

Con lo sviluppo di segni che assomigliano anche lontanamente alle manifestazioni di VBI, un urgente bisogno di andare da un neurologo. Ciò preserverà salute e vita..

Elenco della letteratura utilizzata nella preparazione dell'articolo:

  • Tattiche di gestione per i pazienti con VBI. Linee guida cliniche.
  • FSBEI HE "RNIMU li. N.I. Pirogov "Ministero della Salute della Federazione Russa, Mosca. Insufficienza vertebro-basilare. Autore: Kamchatnov P.R.
  • Barulin Alexander Evgenievich, Kurushina O.V., Puchkov A.E. Insufficienza vertebro-basilare.

Insufficienza vertebro-basilare: sintomi e metodi di trattamento

Foto dal sito naran.ru

Molto spesso, le persone con malattie della colonna vertebrale, che hanno osteocondrosi con protrusione del nucleo intervertebrale nel segmento cervicale, soffrono di insufficienza vertebro-basilare. Questo crea pressione sui vasi sanguigni e sulla discircolazione. La sindrome è reversibile e, con una terapia adeguata, passa presto.

Le ragioni

Uno dei principali colpevoli dell'insufficienza vascolare vertebro-basilare è la sconfitta delle arterie succlavia e vertebrali situate tra il cuore e la parte posteriore della testa, poiché è attraverso di esse che circola il sangue, che alimenta il cervello. Ma con alcune patologie, la velocità e la direzione del flusso sanguigno possono cambiare in modo significativo.

Le principali cause di insufficienza vertebro-basilare:

  • tendenza ereditaria alla disfunzione;
  • lesioni del segmento cervicale della colonna vertebrale, conseguenze di un incidente;
  • infiammazione vascolare sistemica;
  • sindrome fosfolipidica;
  • danno o dissezione delle pareti dell'aorta;
  • trombosi.

Nel 70-80% dei casi, l'insufficienza vertebro-basilare si verifica sullo sfondo di lesioni della colonna vertebrale e aterosclerosi. Nel restante 20-30% dei pazienti, la causa della malattia è un'anomalia nella struttura delle arterie, che può essere congenita o ottenuta in risposta a cambiamenti patologici nell'organismo.

Spesso i pazienti con diabete mellito affrontano un'insufficienza vertebro-basilare. Un'altra causa comune di danno all'arteria basilare è un aumento prolungato e persistente della pressione sanguigna..

Sintomi di insufficienza vertebro-basilare

L'insufficienza vertebro-basilare è caratterizzata da polisintomi. Tutte le manifestazioni della lesione sono classificate in permanenti ed episodiche, che dipendono dalla posizione della carenza di afflusso di sangue. Il periodo di esacerbazione può variare da un paio d'ore a diversi giorni, mentre i sintomi persistenti tormentano costantemente il paziente e possono presto portare ad attacchi ischemici e ictus.

Sintomi stabili di insufficienza vertebro-basilare:

  • vertigini;
  • dolore e intorpidimento nella parte posteriore della testa;
  • sudorazioni notturne, aumento della frequenza cardiaca, febbre;
  • problemi di udito, tinnito;
  • debolezza, perdita di prestazioni, sonnolenza;
  • irascibilità, instabilità emotiva.

Tutti i pazienti con insufficienza vertebro-basilare presentano distonia vegetativa-vascolare, sindrome astenica e disturbi vestibolari. Il deterioramento della funzionalità del cervello porta a disturbi neurologici: il paziente lamenta problemi di memoria e attenzione, distrazione. Spesso con insufficienza vertebro-basilare delle arterie, si combina una diminuzione della vista, a volte con la perdita di oggetti, una sensazione di nodo e mal di gola.

Con la progressione dell'insufficienza vascolare vertebro-basilare, i sintomi diventano più pronunciati e pericolosi. Il paziente è osservato:

  • difficoltà a parlare e deglutire;
  • cadute improvvise;
  • svenimento;
  • disorientamento nello spazio e nel tempo;
  • perdita di sensibilità degli arti;
  • contrazioni involontarie di parti del corpo.

Nei casi più gravi, l'insufficienza vertebro-basilare acuta termina con un ictus. Un risultato simile si osserva nel 30% dei pazienti se la malattia non viene trattata.

Quale medico si occupa del trattamento dell'insufficienza vertebro-basilare?

Un neurologo è impegnato nell'identificazione e nel trattamento delle lesioni delle vene del cervello. Nei disturbi gravi può essere necessaria la consultazione di un chirurgo vascolare. Se non ci sono specialisti di questo profilo nel policlinico locale, con sintomi di insufficienza vertebro-basilare, dovresti contattare il tuo terapista locale.

Diagnostica

I disturbi circolatori nel cervello non sono facili da diagnosticare. Il motivo è la non specificità dei sintomi. Un quadro clinico simile alla sindrome dell'insufficienza vertebro-basilare si verifica in molte malattie e nella maggior parte dei casi si manifesta in modi diversi. Il medico deve effettuare diagnosi differenziali, per separare i sentimenti soggettivi dei pazienti da quelli oggettivi..

Per confermare l'insufficienza della circolazione cerebrale, sono prescritti i seguenti studi:

  • biochimica e emocromo completo;
  • RM angiografia delle navi;
  • Radiografia con test funzionali;
  • termografia a infrarossi;
  • TC e RM della colonna vertebrale e del rachide cervicale;
  • dopplerografia ecografica;
  • reoencefalografia.

Inoltre, ai pazienti con insufficienza vertebro-basilare acuta può essere prescritto un profilo lipidico, un test per gli anticorpi ai fosfolipidi e un'analisi della composizione elettrolitica del sangue. Questi test di laboratorio aiutano a stabilire la causa del disturbo vascolare..

Trattamento dell'insufficienza vertebro-basilare

Dopo aver completato le misure diagnostiche e aver identificato l'insufficienza vertebro-basilare, il medico prescriverà il trattamento. Se la patologia delle arterie è in una fase iniziale di sviluppo, la terapia può essere eseguita a casa. Con sintomi pronunciati con segni di ictus ischemico, il paziente viene inviato al dipartimento neurologico.

Farmaco

Foto dal sito irecommend.ru

Non esiste un regime di trattamento unico per l'insufficienza circolatoria. Per ogni paziente vengono sviluppate le proprie tattiche, che dipendono dal grado di discircolazione e dalla gravità del decorso..

Molto spesso, i seguenti farmaci vengono utilizzati per eliminare i sintomi dell'insufficienza vascolare vertebro-basilare:

  • per migliorare la microcircolazione e il flusso sanguigno cerebrale - Reopolyglucin, Pentoxifylline, Reomacrodex;
  • nootropics - Cerebrolysin, Pantogam, Vinpocetine, Phenibut, Seamax, Actovegin, Piracetam;
  • osmodiuretici - Glicerolo, Mannitolo;
  • da vertigini - Phezam, Bellataminal, Meklozin, Betagistin;
  • eliminare la nausea e il vomito - Ondansetron, Domperidone, Metoclopramide.

Nell'insufficienza vertebro-basilare acuta e nell'attacco ischemico transitorio, è necessaria la somministrazione a lungo termine di agenti antipiastrinici. Molto spesso, l'aspirina viene utilizzata per questo scopo in dosaggi minimi, Bromcamphor, Tiklopedin.

Rimedi popolari

I farmaci da soli non possono far fronte alla patologia. Pertanto, i medici spesso consigliano di rafforzare il trattamento farmacologico dell'insufficienza vertebro-basilare con rimedi popolari.

La composizione curativa dell'aglio dà un buon effetto fluidificante del sangue. Devi prendere 4 teste di una verdura calda, sbucciarle, tritarle e metterle in un barattolo di vetro. Insistere in una stanza buia finché non appare il succo. Quindi filtrate, aggiungete un cucchiaio di miele e il succo di un limone. Prendi 1 cucchiaino. dopo la prima colazione. Regime di trattamento: ogni 10 giorni di pausa settimanale.

Aiuta con insufficienza vertebro-basilare, tintura di castagne. La frutta fresca (1/2 kg) viene schiacciata e versata con acqua bollita (1 litro). Mantenere in un luogo buio per 7 giorni, filtrare e prendere 1 cucchiaino. due volte al giorno prima dei pasti.

Per i pazienti ipertesi con insufficienza vertebro-basilare, è adatta una raccolta di erbe:

  • melissa - 20 g;
  • seta di mais - 40 g;
  • valeriana - 20 g.

Versare le piante secche con un litro di acqua bollente, coprire e lasciar raffreddare. Filtrare l'infuso e mescolare con il succo di un limone. Bere 100 ml tre volte al giorno, preferibilmente prima dei pasti. Fai una pausa dopo 7 giorni.

La seguente ricetta popolare aiuterà ad eliminare i sintomi vascolari dell'insufficienza vertebro-basilare:

  • frutti di biancospino - 20 g;
  • acqua - 250 ml;
  • miele - 1 cucchiaino.

Le bacche secche vengono versate con acqua bollente e messe a fuoco basso. Dopo 10 minuti, rimuovere, raffreddare sotto il coperchio e filtrare. L'infuso caldo viene abbinato al miele, suddiviso in tre porzioni e consumato mezz'ora prima dei pasti.

Ginnastica

La ginnastica speciale ha un meraviglioso effetto preventivo e curativo nell'insufficienza vascolare vertebro-basilare. Può allungare la colonna vertebrale, rilassare i muscoli spasmodici e aumentare il flusso sanguigno..

Gli esercizi calmi con una piccola ampiezza sono adatti a pazienti con compromissione cerebrale. Devono essere eseguiti quotidianamente, evitando lunghe pause..

Di seguito è riportata una serie di esercizi mostrati per i pazienti con sindrome da insufficienza vertebro-basilare:

  1. Da una posizione eretta. Inclina la testa e cerca di portare il mento al petto.
  2. Esegui movimenti circolari della testa prima a destra, poi a sinistra.
  3. Piega la testa di lato, cercando di toccare l'orecchio con la spalla destra, poi la sinistra.
  4. Alza e abbassa le spalle finché non senti calore nei muscoli.
  5. Stai su una gamba il più a lungo possibile. Non puoi tenerti con le mani e appoggiarti al muro. Se il movimento è facile, puoi chiudere gli occhi. Quindi cambia gamba.

Nel complesso della ginnastica con insufficienza vertebro-basilare, è consentito aggiungere curve in avanti, movimenti circolari con le mani. Il nuoto dà un eccellente effetto curativo. È fantastico se riesci a visitare la piscina due volte a settimana, ma un allenamento una tantum sarà di grande beneficio..

Prevenzione

Le seguenti raccomandazioni aiuteranno a prevenire la comparsa della sindrome da insufficienza vertebro-basilare:

  • trattamento tempestivo delle malattie della colonna vertebrale;
  • dieta bilanciata;
  • attività fisica moderata;
  • smettere di fumare e alcol;
  • controllo della pressione sanguigna;
  • eliminazione dei fattori di stress.

Pazienti a rischio, è necessario controllare sistematicamente il livello di colesterolo nel sangue, eseguire una correzione tempestiva dei disturbi nevrotici, assumere regolarmente farmaci per fluidificare il sangue.

I knowledge worker che trascorrono la maggior parte della giornata con la testa inclinata dovrebbero fare un po 'di riscaldamento ogni ora. È utile fare una passeggiata all'ora di pranzo e tornare a casa a piedi dopo il lavoro..

Una prognosi favorevole per l'insufficienza vascolare vertebro-basilare dipende in gran parte dalla tempestività e dall'adeguatezza del trattamento. In assenza di terapia, è possibile la formazione di una condizione cronica con frequenti attacchi ischemici e il successivo sviluppo di ictus. Pertanto, è necessario essere pazienti e seguire rigorosamente tutte le raccomandazioni del medico..

Autore: Elena Medvedeva, medico,
appositamente per Vertebrolog.pro

Video utile sull'insufficienza vertebro-basilare

Elenco delle fonti:

  • Insufficienza vertebro-basilare. Possibilità di diagnostica manuale e terapia / Novoseltsev S.V. // Foliant, 2007.
  • Caratteristiche cliniche e patogenetiche della sindrome da insufficienza vertebro-basilare / Kamchatnov P.R., Gordeeva. T. N., Kabanov A.A. et al. // J. Stroke, 2001.
  • Farmacoterapia di pazienti vascolari con funzione di equilibrio compromessa / Butko D. Yu. Et al. // Approcci moderni alla diagnosi e al trattamento delle malattie nervose e mentali: Atti di conferenze. - SPb, 2000.

Viene trattata l'insufficienza vertebro-basilare??

Metodi moderni di diagnostica di VBI

Per "separare il grano dalla pula" e identificare la vera causa della malattia, sono state sviluppate molte tecniche diagnostiche efficaci..

  1. Classico - Esame radiografico del rachide cervicale.
  2. Angiografia, o introduzione di un mezzo di contrasto nel vaso, per misurare il diametro esatto della clearance interna.
  3. TC (tomografia computerizzata), MRI (risonanza magnetica per immagini): le ultime generazioni di tomografi consentono con incredibile precisione di stabilire le più piccole anomalie anatomiche in qualsiasi struttura.
  4. La termografia è uno studio della radiazione infrarossa di tutti i componenti della colonna vertebrale per determinare la temperatura di aree malsane mediante indicatori atipici.
  5. Ecografia Doppler: l'ecografia misura la velocità del movimento del sangue attraverso i vasi del collo e della testa. In questo caso sono visibili placche, anomalie del diametro e pervietà dei vasi. Avendo la capacità di determinare visivamente le condizioni delle pareti delle arterie vertebrali, delle arterie carotidi e di altri vasi, il medico prescrive il trattamento più appropriato per questo caso..
  6. Gli ECG con diversi tipi di carico, chiamati test, consentono di valutare la reazione del sistema cardiovascolare a varie condizioni.
  7. La reoencefalografia è un metodo basato sulla fissazione dei cambiamenti nell'entità della resistenza elettrica dei tessuti per identificare le posizioni dell'accidente cerebrovascolare.

Il rapido sviluppo delle tecnologie mediche, con accesso tempestivo alle cure mediche, non lascia alla malattia la minima possibilità!

Trattamento dell'insufficienza vertebro-basilare

Dopo aver completato le misure diagnostiche e aver identificato l'insufficienza vertebro-basilare, il medico prescriverà il trattamento. Se la patologia delle arterie è in una fase iniziale di sviluppo, la terapia può essere eseguita a casa. Con sintomi pronunciati con segni di ictus ischemico, il paziente viene inviato al dipartimento neurologico.

Farmaco

Foto dal sito irecommend.ru

Non esiste un regime di trattamento unico per l'insufficienza circolatoria. Per ogni paziente vengono sviluppate le proprie tattiche, che dipendono dal grado di discircolazione e dalla gravità del decorso..

Molto spesso, i seguenti farmaci vengono utilizzati per eliminare i sintomi dell'insufficienza vascolare vertebro-basilare:

  • per migliorare la microcircolazione e il flusso sanguigno cerebrale - Reopolyglucin, Pentoxifylline, Reomacrodex;
  • nootropics - Cerebrolysin, Pantogam, Vinpocetine, Phenibut, Seamax, Actovegin, Piracetam;
  • osmodiuretici - Glicerolo, Mannitolo;
  • da vertigini - Phezam, Bellataminal, Meklozin, Betagistin;
  • eliminare la nausea e il vomito - Ondansetron, Domperidone, Metoclopramide.

Nell'insufficienza vertebro-basilare acuta e nell'attacco ischemico transitorio, è necessaria la somministrazione a lungo termine di agenti antipiastrinici. Molto spesso, l'aspirina viene utilizzata per questo scopo in dosaggi minimi, Bromcamphor, Tiklopedin.

Rimedi popolari

I farmaci da soli non possono far fronte alla patologia. Pertanto, i medici spesso consigliano di rafforzare il trattamento farmacologico dell'insufficienza vertebro-basilare con rimedi popolari.

La composizione curativa dell'aglio dà un buon effetto fluidificante del sangue. Devi prendere 4 teste di una verdura calda, sbucciarle, tritarle e metterle in un barattolo di vetro. Insistere in una stanza buia finché non appare il succo. Quindi filtrate, aggiungete un cucchiaio di miele e il succo di un limone. Prendi 1 cucchiaino. dopo la prima colazione. Regime di trattamento: ogni 10 giorni di pausa settimanale.

Aiuta con insufficienza vertebro-basilare, tintura di castagne. La frutta fresca (1/2 kg) viene schiacciata e versata con acqua bollita (1 litro). Mantenere in un luogo buio per 7 giorni, filtrare e prendere 1 cucchiaino. due volte al giorno prima dei pasti.

Per i pazienti ipertesi con insufficienza vertebro-basilare, è adatta una raccolta di erbe:

  • melissa - 20 g;
  • seta di mais - 40 g;
  • valeriana - 20 g.

Versare le piante secche con un litro di acqua bollente, coprire e lasciar raffreddare. Filtrare l'infuso e mescolare con il succo di un limone. Bere 100 ml tre volte al giorno, preferibilmente prima dei pasti. Fai una pausa dopo 7 giorni.

La seguente ricetta popolare aiuterà ad eliminare i sintomi vascolari dell'insufficienza vertebro-basilare:

  • frutti di biancospino - 20 g;
  • acqua - 250 ml;
  • miele - 1 cucchiaino.

Le bacche secche vengono versate con acqua bollente e messe a fuoco basso. Dopo 10 minuti, rimuovere, raffreddare sotto il coperchio e filtrare. L'infuso caldo viene abbinato al miele, suddiviso in tre porzioni e consumato mezz'ora prima dei pasti.

Ginnastica

La ginnastica speciale ha un meraviglioso effetto preventivo e curativo nell'insufficienza vascolare vertebro-basilare. Può allungare la colonna vertebrale, rilassare i muscoli spasmodici e aumentare il flusso sanguigno..

Di seguito è riportata una serie di esercizi mostrati per i pazienti con sindrome da insufficienza vertebro-basilare:

  1. Da una posizione eretta. Inclina la testa e cerca di portare il mento al petto.
  2. Esegui movimenti circolari della testa prima a destra, poi a sinistra.
  3. Piega la testa di lato, cercando di toccare l'orecchio con la spalla destra, poi la sinistra.
  4. Alza e abbassa le spalle finché non senti calore nei muscoli.
  5. Stai su una gamba il più a lungo possibile. Non puoi tenerti con le mani e appoggiarti al muro. Se il movimento è facile, puoi chiudere gli occhi. Quindi cambia gamba.

Nel complesso della ginnastica con insufficienza vertebro-basilare, è consentito aggiungere curve in avanti, movimenti circolari con le mani. Il nuoto dà un eccellente effetto curativo. È fantastico se riesci a visitare la piscina due volte a settimana, ma un allenamento una tantum sarà di grande beneficio..

Le ragioni

Il blocco primario dei vasi sanguigni porta al fatto che a causa della mancanza di ossigeno trasportato dal flusso sanguigno, il tronco, il cervelletto e la corteccia visiva soffrono. Come sapete, la funzione fondamentale del cervelletto è coordinare i movimenti. Qualsiasi fallimento nel lavoro in quest'area diventa la ragione dell'incoerenza dei movimenti, la persona inizia a navigare male nello spazio.

La sindrome viene diagnosticata in un terzo di tutti coloro che soffrono di osteocondrosi. Se il trattamento viene avviato tempestivamente, l'insufficienza vertebro-basilare può essere eliminata.

La neurologia moderna distingue molte cause alla radice di questa patologia, che può essere suddivisa condizionatamente in congenita e acquisita. Tuttavia, nonostante la varietà di fattori eziologici, tutti portano allo stesso tipo di manifestazioni negative, combinate sotto il termine VBI..

Tra le cause congenite o ereditarie dello sviluppo di VBI, si distinguono:

  • anomalie nella formazione del feto o del suo trauma che si sono verificati durante la gravidanza o il travaglio e hanno portato a violazioni dell'area corrispondente del sistema vascolare o scheletrico (ipossia fetale, gravidanze multiple, parto difficile o prematuro, ecc.);
  • patologie genetiche della struttura dell'osso, del tessuto muscolare o dei vasi sanguigni del collo (displasia fibromuscolare, tortuosità delle arterie, costole aggiuntive, ipoplasia arteriosa, anomalia di Kimmerli, ecc.).

I neuropatologi notano anche che alcuni movimenti della testa frequenti oa lungo termine possono anche portare allo sviluppo di VBI. In particolare, questo vale per le sue virate forti in una direzione o nell'altra e per il massimo tiro all'indietro. A proposito, sui forum dedicati al problema del VBN, è spesso possibile trovare prove dell'insorgenza dei sintomi di questa malattia dopo aver dormito in una posizione scomoda per la testa..

Metodi di trattamento

Nella terapia del VBI vengono utilizzati farmaci in grado di eliminare o ridurre i sintomi, prevenire lo sviluppo di ictus e ripristinare la funzionalità dei tessuti cerebrali danneggiati. Ma un risultato positivo stabile dal trattamento è possibile solo se la causa principale viene eliminata: l'osteocondrosi cervicale.

Assunzione di farmaci

La terapia farmacologica viene eseguita utilizzando i seguenti farmaci:

  1. Farmaci antinfiammatori non steroidei che arrestano l'esacerbazione del processo patologico, alleviano il gonfiore dei tessuti, che consente di ridurre la pressione sui vasi sanguigni. Può essere somministrato come compresse, iniezioni, unguenti.
  2. Analgesici non narcotici. Sono usati per eliminare la sindrome dolorosa. Per il dolore intenso, ricorrono agli analgesici narcotici.
  3. Condroprotettori che accelerano il ripristino della cartilagine e del tessuto osseo. Sono anche prescritti sotto forma di unguenti e compresse..
  4. Poiché il cervello è carente di sostanze nutritive, si raccomandano complessi vitaminici e minerali.
  5. Vengono mostrati farmaci che normalizzano i processi del metabolismo e della conduzione degli impulsi nervosi.

Fisioterapia

Dopo un corso terapeutico, viene eseguita la fisioterapia per migliorare l'afflusso di sangue. Un buon effetto positivo si osserva con massaggi, riflessologia, applicazioni di ozocerite. Ma un medico professionista dovrebbe eseguire le procedure per non provocare complicazioni. Se possibile, è meglio consultare un medico osteopatico esperto di tecniche manuali..

È spesso possibile ascoltare consigli sull'uso dell'irudoterapia. Ma questo metodo può essere utilizzato solo dopo aver consultato il medico curante, poiché il trattamento con le sanguisughe può abbassare la pressione sanguigna, il che può influire negativamente sullo stato del cervello..

Il paziente deve misurare la pressione sanguigna quotidianamente, smettere completamente di fumare e bevande contenenti alcol. Nel periodo di recupero, si consiglia un'attività fisica moderata.

Devi seguire una dieta dietetica. La cottura al forno, le marinate, il cibo in scatola, i sottaceti, i piatti grassi sono esclusi dalla dieta. Il menu comprende agrumi, pomodori, bacche acide, peperoni, frutti di mare, ricotta a basso contenuto di grassi.

Cause di occorrenza

Gli esperti identificano le ragioni principali della comparsa della sindrome vertebro-basilare:

  • Osteocondrosi cervicale (alterazioni degenerative delle vertebre), che influisce negativamente sulla pervietà dei vasi cerebrali e porta a spasmi e alterazione del flusso sanguigno nelle arterie principali. Secondo le statistiche, un paziente su tre con osteocondrosi è a rischio di sindrome vertebro-basilare.
  • La sindrome può essere congenita - patologie durante la gravidanza e il parto (trauma, parto prematuro, qualsiasi violazione dell'integrità dei vasi sanguigni del cervello del bambino), anomalie congenite (displasia, disturbi circolatori congeniti - ipoplasia, malattia di Kimmerli - un difetto congenito nell'area della giunzione delle vertebre e del cranio).
  • Lesioni acquisite delle vertebre cervicali (incidenti, traumi stradali e sportivi).
  • Malattie vascolari, infiammazione delle pareti dei vasi sanguigni (infiammazione autoimmune dei rami dell'aorta, arterite).
  • Aterosclerosi (blocco cronico dei vasi sanguigni, deposizione di placche di colesterolo), difetti nel rivestimento centrale dei vasi sanguigni (aneurismi) e altre violazioni della pervietà vascolare (stenosi dell'arteria carotide, ecc.).
  • Diabete mellito di tipo 2 (danno ai piccoli vasi sanguigni nel cervello).
  • Ipertensione, in cui persiste la pressione alta, con conseguente alterazione della struttura e delle funzioni di base delle arterie e del cuore.
  • Sindrome fosfolipidica, che provoca la formazione di coaguli di sangue nelle vene e nelle arterie e altre patologie autoimmuni (lupus eritematoso, sindrome di Asherson, ecc.).
  • Danno (stratificazione) delle arterie - dissezione delle arterie carotidee e vertebrali.
  • Trombosi dei vasi sanguigni e delle vene (una patologia dovuta alla comparsa di un coagulo di sangue all'interno di una vena o arteria, un trombo blocca e interrompe il normale flusso sanguigno).
  • Le ernie vertebrali, la spondilosi e altri cambiamenti patologici nei dischi intervertebrali comprimono le arterie basilari o vertebrali e la circolazione sanguigna è compromessa.

VBI nei bambini e negli adolescenti

Sfortunatamente, al momento, questa diagnosi può essere trovata anche nei bambini di età inferiore ai 15 anni e talvolta nei bambini in età prescolare sotto i 5 anni. Quali sono le ragioni di una situazione così deplorevole? Eredità, lesioni spinali, patologie vascolari congenite (arterie basilari e vertebrali).

Pertanto, i genitori sono obbligati a consultare uno specialista al minimo sospetto. Il trattamento tempestivo può eliminare completamente la patologia. In caso di chiamate intempestive, potrebbe essere necessaria un'operazione.

Segni importanti che possono indicare insufficienza vascolare.

  1. Il bambino piange molto spesso.
  2. Difficile sopportare il caldo.
  3. Il bambino ha una postura scorretta.
  4. Il bambino si stanca rapidamente.
  5. Inclinato a dormire molto.

L'insufficienza vertebro-basilare può essere rilevata anche in un bambino

Con il caldo sono possibili svenimenti, attacchi di nausea e talvolta vomito. Un'altra prova che indica che il VBI potrebbe essere l'abitudine di assumere posture scomode, l'incapacità di mantenere la postura per lungo tempo.

Indicazioni di terapia

Una malattia come la VBI non è una condanna alla salute, può essere completamente reversibile se diagnosticata e curata in tempo.

Può essere ambulatoriale nelle fasi iniziali della malattia o con sintomi lievi, ma in caso di manifestazioni acute è necessario il monitoraggio ospedaliero: questo aiuterà a prevenire l'ictus.

  • ;
  • agenti antipiastrinici (agenti che fluidificano il sangue, riducono la coagulazione);
  • metabolico e nootropico - per migliorare la funzione cerebrale;
  • farmaci per la regolazione.

Questo elenco è integrato da antidepressivi, sonniferi e altri mezzi - secondo le indicazioni.

Di norma, la terapia è complessa: oltre ai farmaci vengono prescritti esercizi speciali, terapia manuale.

Importante: il trattamento è sempre individuale, non esiste uno schema generale e non può esserlo. In rari casi, se tutti questi metodi sono inefficaci, l'intervento chirurgico è obbligatorio

Per evitare ricadute della malattia, è necessario visitare un medico una o due volte all'anno e condurre corsi di trattamento di supporto (preventivo).

Se desideri maggiori informazioni ed esercizi simili per la colonna vertebrale e le articolazioni di Alexandra Bonina, guarda i materiali sui link sottostanti..

A proposito, se vuoi ottenere un piano passo dopo passo per eliminare il dolore e il pizzicamento nella colonna cervicale, vai subito a questa pagina.

Lì troverai un corso di formazione gratuito per aiutarti a sbarazzarti di questi problemi una volta per tutte a casa..

Negazione di responsabilità

Le informazioni negli articoli sono solo a scopo informativo generale e non devono essere utilizzate per l'autodiagnosi di problemi di salute o per scopi terapeutici. Questo articolo non sostituisce la consulenza medica di un medico (neurologo, terapista). Consulta prima il tuo medico per conoscere la causa esatta del tuo problema di salute.

Ti sarò molto grato se clicchi su uno dei pulsanti condividi questo materiale con i tuoi amici

Cause della sindrome

Se analizziamo le principali cause che causano la sindrome da insufficienza vascolare, otteniamo il seguente elenco:

  • cambiamenti degenerativi-distrofici nelle vertebre associate all'osteocondrosi;
  • bloccaggio di vasi con ernie intervertebrali, escrescenze sulle ossa, tumori;
  • coaguli di sangue nei vasi sanguigni;
  • spasmi muscolari - le conseguenze dell'osteocondrosi cervicale.

Oltre a queste ragioni, uno stile di vita sbagliato ha un effetto negativo sulle condizioni di una persona. L'abitudine a piccoli movimenti, il lavoro sedentario spesso costituiscono i prerequisiti per la curvatura della colonna vertebrale. Qualsiasi deviazione nella struttura della cresta può contribuire al vasospasmo. I fattori di rischio includono l'uso di tabacco e alcol e una dieta malsana. Tutti i fattori presi insieme costituiscono i prerequisiti per la sindrome da insufficienza vascolare.

Se viene diagnosticata la VBI, la presenza di osteocondrosi peggiora la situazione

Durante il trattamento, prima di tutto, viene prestata attenzione al trattamento della causa, ad esempio l'osteocondrosi o l'ernia. I sintomi dell'insufficienza vascolare scompaiono automaticamente quando la causa principale viene eliminata

Uno stile di vita sedentario spesso causa lo sviluppo di VBI

I ritmi di vita moderni, la mancanza di cultura alimentare, l'abitudine a uno stile di vita sedentario hanno portato al fatto che l'osteocondrosi "ringiovanisce". In precedenza, una tale diagnosi veniva fatta dopo 40 anni e ora, sfortunatamente, anche un numero enorme di giovani soffre di questa patologia. All'elenco dei motivi è inoltre necessario aggiungere una completa mancanza di attività fisica, predisposizione genetica, lesioni mai subite, incapacità di superare situazioni di stress.

Se non trattate in modo tempestivo, le conseguenze possono essere molto gravi. Se sospetti un'insufficienza vascolare, dovresti consultare immediatamente un medico.

Trattamento dell'insufficienza vertebro-basilare nell'osteocondrosi

  1. monitoraggio costante della pressione sanguigna,
  2. rifiuto di cattive abitudini e pesante sforzo fisico.
  1. pane bianco,
  2. Fast food,
  3. cibi affumicati e fritti,
  4. Pepe,
  5. agrumi,
  6. pomodoro.
  • Indossare un collare ortopedico per ridurre lo stress sul collo.
  • La terapia manuale viene eseguita solo da uno specialista esperto, che aiuterà a ripristinare i processi anatomici disturbati.
  • L'agopuntura è necessaria per alleviare il dolore associato a malattie neurologiche.
  • Trattamento con medicinali, medicinali usati per questo scopo e si raccomanda anche di assumere complessi vitaminici.
  • Terapia fisica: fonoforesi, magnetoterapia, elettroforesi.
  • È necessario eseguire un complesso speciale di ginnastica medica.

I nostri lettori scrivono

Argomento: mi sono sbarazzato dell'osteocondrosi da solo, grazie al tuo sito!

A: Amministratore del sito

Ciao! Mi chiamo Albina, voglio condividere con i lettori del sito la mia storia di come sbarazzarmi della dolorosa osteocondrosi!

Tutto è come tutti gli altri: ho lavorato come contabile per 30 anni, la primavera-autunno è una stagione cittadina. Una volta ho sentito un dolore lancinante nella parte bassa della schiena. Pensavo che sarebbe passato, ma dopo una settimana non mi alzai. Diagnosi: osteocondrosi, dolore selvaggio e completa immobilità. Colpito da uno stile di vita sedentario sul lavoro e dallo stress costante in giardino.

In quel momento sembrava che la vita fosse chiusa, ma un giorno mia figlia mi ha mostrato un articolo su Internet. Non riesco a immaginare quanto le sia grato per questo !! Questo articolo mi ha salvato! Negli ultimi 2 anni mi muovo come prima, in primavera e in estate vado ancora alla dacia tutti i giorni. Le zie al lavoro si chiedono come faccio a fare tutto, da dove viene tanta forza ed energia, ancora non credono che ho 66 anni.

Chi vuole vivere una vita lunga ed energica senza problemi di movimento, prenditi 5 minuti e leggi questo articolo.

Le ragioni

L'osteocondrosi del rachide cervicale è una malattia degenerativa-distrofica cronica che si verifica a causa del graduale danno ai dischi intervertebrali e quindi alle vertebre. La causa della distruzione dei tessuti cartilaginei è una violazione del metabolismo diffuso, con l'aiuto del quale vitamine, oligoelementi e sostanze nutritive entrano nelle strutture vertebrali. Nelle condizioni del deficit creato, iniziano a verificarsi cambiamenti distruttivi nei dischi cartilaginei. Sono danneggiati, più sottili, perdono le loro proprietà ammortizzanti..

La radiografia mostra la deformazione delle vertebre.

Poi arriva il turno delle vertebre, che vengono ferite sotto forti carichi statici e dinamici. Con l'osteocondrosi di 2, 3, 4 gradi di gravità, queste strutture ossee si spostano e lo spostamento del disco intervertebrale provoca la formazione di ernie intervertebrali. Le vertebre diventano instabili, vengono avviati processi nel corpo per compensare questo disturbo. I bordi delle placche ossee sono appiattiti, crescono, formando escrescenze ossee - osteofiti. I processi trasversali delle vertebre sono dotati di fori in cui si trova l'arteria vertebrale. Un grande vaso sanguigno fornisce ossigeno e sostanze nutritive alle seguenti strutture:

  • segmenti spinali fino alla 2a vertebra toracica;
  • tronco encefalico;
  • orecchio interno e organi di equilibrio;
  • cervelletto;
  • sezioni posteriori dell'ipotalamo, talamo;
  • lobi temporali, occipitali del cervello.

Ecco come appaiono gli osteofiti nella foto.

Gli osteofiti formati, così come il canale intervertebrale ristretto, interferiscono con il normale afflusso di sangue a queste strutture vitali. I centri del tronco cerebrale regolano la respirazione, la deglutizione e il funzionamento del sistema cardiovascolare. Le parti del sistema nervoso centrale che forniscono sangue all'arteria vertebrale non sono meno importanti. Nella fase iniziale dell'osteocondrosi, con mancanza di ossigeno o sostanze nutritive, sono coinvolte anastomosi o connessioni vascolari naturali. Se un'arteria perde parzialmente la sua capacità di fornire sangue, la seconda inizia a pompare un volume maggiore di sangue.

Metodi di trattamento

La terapia per l'insufficienza vertebro-basilare dipende dal grado di danno cerebrale e dalle cause della malattia. Nel decorso cronico della patologia, vengono prese misure per frenare il progresso della malattia. Sono prevalentemente conservatori e non richiedono il ricovero del paziente. Il trattamento si basa su farmaci:

  • farmaci per espandere i vasi sanguigni e migliorare il flusso sanguigno attraverso di essi;
  • farmaci per la prevenzione dei coaguli di sangue a base di warfarin o aspirina;
  • farmaci per il ripristino dei processi metabolici nei tessuti del cervello, cioè nootropici - Actovegin, Glycine, ecc.;
  • farmaci per stabilizzare la pressione sanguigna - Betaserc, Anaprilin e loro analoghi.

È anche importante ricordare che i sintomi e il trattamento di VBI sono inestricabilmente interconnessi, pertanto potrebbe essere necessario assumere farmaci selezionati individualmente: antinfiammatori e analgesici, sedativi e antidepressivi, antiemetici e ipnotici. Eventuali farmaci, anche da banco, vengono prescritti dal medico solo dopo un esame approfondito e una valutazione della salute del paziente per eventuali controindicazioni!

Eventuali farmaci, anche da banco, vengono prescritti dal medico solo dopo un esame approfondito e una valutazione della salute del paziente per eventuali controindicazioni!

A loro, a differenza dei pazienti con una forma cronica di patologia, vengono prescritti farmaci non in forma orale, ma sotto forma di soluzioni per infusione endovenosa e intramuscolare. Il trattamento conservativo dell'insufficienza vertebro-basilare è completato dalla fisioterapia e, in casi particolarmente gravi, viene eseguita la chirurgia per ripristinare il flusso sanguigno: angioplastica per ripristinare il flusso sanguigno nelle arterie, endoarteriectomia per rimuovere un trombo, microdiscectomia per rimuovere la parte sporgente del disco intervertebrale che schiaccia il vaso.

Aspetti principali del trattamento

Se si sono già verificati cambiamenti patologici, il trattamento conservativo non ripagherà. I metodi più efficaci per eliminare le vertigini saranno precisamente misure operative. Vale a dire:

  1. Bypass
  2. Reimpianto
  3. Angioplatsika
  4. Protesi

Al fine di ridurre al minimo i rischi di attacchi ischemici e ictus, nonché creare le condizioni più favorevoli per un intervento chirurgico di successo, il medico prescrive una serie di misure terapeutiche conservative:

  • Prevenzione dello sviluppo di patologie cardiovascolari
  • Stabilizzazione della pressione sanguigna
  • Combattere l'eccesso di peso
  • Uso regolare di fluidificanti del sangue
  • Diete, aumentando il livello di cultura nutrizionale
  • Rafforzare tutti gli organi e i sistemi del corpo

Prevenzione dello sviluppo di VBI

Il complesso di misure preventive ha lo scopo di prevenire lo sviluppo delle cause che portano alla patologia descritta. La prevenzione è necessaria non solo nella fase in cui la malattia può ancora essere prevenuta. Nelle fasi iniziali della malattia, i cambiamenti patologici possono essere sospesi e prevenire la progressione.

Elenco delle misure preventive necessarie:

  1. Rispetto di una dieta. Include il rifiuto di fast food, salsicce, carni affumicate, grassi e fritti.

Questi prodotti dovrebbero essere sostituiti dall'inclusione di carne bollita, ricotta a basso contenuto di grassi, frutta, verdura e bacche nella dieta;

  1. Smettere di fumare, alcol;
  2. Ridurre la quantità di sale consumata;
  3. Non trascurare gli esercizi ginnici;
  4. Cerca di non sederti a lungo in una posizione.

In conclusione, vorrei sottolineare ancora una volta che solo un approccio globale alla prevenzione e al trattamento dell'insufficienza vertebro-basilare porterà il risultato desiderato e ti salverà dai numerosi problemi di salute che questa condizione provoca.

Sintomi

I disturbi circolatori causano una varietà di sintomi:

  • La testa fa male in modo monotono, crepitando di pulsazioni ritmiche. Le sensazioni spiacevoli si intensificano dopo una notte di sonno trascorsa in una posizione scomoda. Qualsiasi lancio improvviso della testa all'indietro provoca dolore
  • Sensazione di nausea, vomito, che non sono alleviati dai farmaci farmacologici
  • Disabilità visiva temporanea. Dolore, "velo" davanti agli occhi, mancanza di un'immagine chiara e diminuzione dell'acuità visiva
  • La funzione del servo è distorta, compaiono rumori estranei, il suono non si sente chiaramente
  • Convulsioni ischemiche che possono causare ictus
  • Vertigini costanti
  • Disturbo della deambulazione
  • Dolore muscolare

Diagnostica

Quando si diagnostica l'insufficienza vertebro-basilare, sorgono alcune difficoltà. Ciò è dovuto a un'ampia varietà di sintomi caratteristici di molte altre patologie. Ogni paziente valuta soggettivamente le sue esperienze, descrive velatamente le sensazioni che sorgono. Per identificare la sindrome, sono spesso necessari numerosi studi differenziali. È necessario escludere neuronite vestibolare, labirintite acuta, malattia di Meniere, neuroma del nervo uditivo, malattie demielinizzanti, idrocefalo normoteso, disturbi psicoemotivi. Per confermare l'insufficienza vertebro-basilare, ai pazienti vengono assegnati i seguenti studi strumentali:

  • ecografia Doppler ad ultrasuoni per valutare le caratteristiche del flusso sanguigno (portata sanguigna, pieno valore di afflusso sanguigno a varie strutture), per stabilire la presenza o l'assenza di occlusioni;
  • angiografia a contrasto, necessaria per visualizzare le condizioni dei vasi sanguigni, in particolare le loro pareti;
  • Raggi X, che rivelano il grado di danno alle ossa, ai tessuti cartilaginei, situati nelle vicinanze delle strutture del tessuto connettivo;
  • test con iperventilazione, che consentono di stabilire possibili disturbi nel lavoro del sistema cardiovascolare;
  • La TC o la risonanza magnetica vengono eseguite per identificare lo stadio del processo degenerativo-distrofico nel rachide cervicale, la presenza di ernie intervertebrali formate, il grado di compressione dei vasi sanguigni e delle radici spinali da escrescenze ossee;
  • reoencefalografia, che aiuta a valutare l'afflusso di sangue a tutte le parti del cervello;
  • Angiografia MRI, che consente un esame di alta precisione delle principali arterie della testa.

Nei casi di osteocondrosi cervicale complicata da insufficienza vertebro-basilare, vengono eseguite terapia trombolitica o altre operazioni chirurgiche. Per determinare lo stato delle arterie vertebrali, per stabilire il campo operatorio, al paziente viene mostrata la panangografia a raggi X. L'effetto vertebrale sull'arteria vertebrale è confermato anche dall'esame radiografico eseguito con test funzionali. Vengono eseguiti esami biochimici del sangue per valutare lo stato di salute generale, per identificare patologie metaboliche croniche o endocrine non identificate.

Trattamento

La terapia per l'insufficienza vertebrale-basilare è determinata in base alla causa che la causa. Viene data preferenza a un approccio integrato, poiché, oltre ad eliminare la causa principale, è necessario correggere le violazioni già iniziate. Il trattamento deve essere eseguito il prima possibile, poiché la correzione tempestiva delle violazioni migliora la prognosi per il paziente.

Le tecniche chirurgiche sono attualmente tra le più diffuse. Consentono di ottenere la completa eliminazione della causa e ridurre il rischio di ricadute successive. In caso di patologia del sistema scheletrico, vengono utilizzate tecniche per eliminare restringimenti nei canali, ernie nei dischi intervertebrali o escrescenze ossee. In caso di restringimento o piegature patologiche dei vasi, è possibile utilizzare shunt, protesi o angioplastica. Questi metodi operativi richiedono un alto livello di formazione di specialisti e la disponibilità di attrezzature costose..

Il trattamento conservativo consiste nella prescrizione di farmaci. Il loro uso può raramente eliminare completamente la causa dell'insufficienza vertebro-basilare. L'appuntamento è consigliabile nelle prime fasi del processo patologico, nonché nella fase di recupero dopo l'intervento chirurgico.

Tra i farmaci prescritti per l'insufficienza vertebro-basilare, ci sono:

  • Un gruppo di statine. Questi farmaci hanno lo scopo di abbassare i livelli sierici di colesterolo. Non dissolvono i coaguli di sangue già formati, ma prevengono un aumento delle dimensioni della placca e il restringimento del lume vascolare. I rappresentanti più popolari del gruppo includono Atorvastatin o Creston.
  • Agenti antipiastrinici. Il loro meccanismo d'azione è finalizzato alla riduzione della velocità di coagulazione del sangue e al miglioramento dei suoi parametri reologici. Il loro uso viene effettuato sotto il controllo di un coagulogramma, poiché esiste un'alta probabilità di effetti collaterali..
  • Un gruppo di agenti neurotrofici o nootropici volti a migliorare la nutrizione del tessuto cerebrale, accelerare i processi metabolici nei neuroni e ripristinare sezioni di fibre nervose dopo l'ipossia. Questi includono farmaci come Cortexin o Cerebrolysin.

L'uso raramente causa reazioni collaterali, quindi può essere utilizzato per molto tempo.

I metodi non farmacologici sono di grande importanza nella terapia dell'insufficienza vertebro-basilare. Consentono non solo di influenzare la causa principale, ma anche di ridurre la gravità dei sintomi patologici. Il loro uso è possibile solo in combinazione con altri metodi di trattamento, poiché non eliminano completamente la patologia..

Per i pazienti con un peso corporeo elevato, si consiglia di cambiare la dieta e includere un'attività fisica che aiuterà a ridurre il peso e ridurre il carico sul corpo, compreso il sistema cardiovascolare.

Il massaggio allevia la tensione nelle fibre muscolari e migliora la circolazione sanguigna. Dovrebbe essere eseguito solo dopo una diagnosi approfondita e l'esclusione delle controindicazioni. L'instabilità della colonna vertebrale può causare gravi conseguenze.

L'inclusione della terapia fisica nello stile di vita consente di rafforzare il corsetto muscolare lungo la colonna vertebrale. La sua implementazione non richiede attrezzature speciali o la necessità di supervisione medica. Dopo un corso di formazione condotto da uno specialista, il paziente può eseguire autonomamente gli esercizi in un momento conveniente.

Importante! Meno popolare era l'agopuntura o la fisioterapia.

L'effetto della loro attuazione è a breve termine, in alcuni casi l'efficacia non è stata dimostrata. Pertanto, l'appuntamento viene effettuato solo se si osserva il trattamento principale..

Prima di eseguire un massaggio sullo sfondo dell'osteocondrosi, è necessaria una radiografia del rachide cervicale


Articolo Successivo
Gli unguenti più efficaci per le vene varicose: valutazione delle migliori creme per le vene varicose venose