Risonanza magnetica della colonna lombare, che mostra?


La risonanza magnetica della regione lombare è un metodo moderno per diagnosticare processi patologici che limitano la funzionalità della colonna vertebrale inferiore. La risonanza magnetica avviene senza manipolazioni chirurgiche, la procedura è indolore e sicura per il paziente. Il metodo visualizza la posizione degli elementi ossei, della cartilagine, dello stato dei tessuti molli, delle strutture neurali e dei vasi sanguigni.

Lo studio si basa sull'uso di un campo magnetico, che influenza il posizionamento dei dipoli d'acqua nelle cellule del corpo. Molecole H2O cambiano la loro posizione, l'intensità del segnale dipende direttamente dalla saturazione dei tessuti con il liquido. Speciali sensori leggono le informazioni, un complesso programma informatico elabora i dati, convertendoli in una serie di immagini strato per strato dell'area studiata.

La risonanza magnetica più informativa in relazione alle strutture sciolte: fibre nervose e muscolari, cellulosa, apparato legamentoso e sistema vascolare della colonna lombare. A seguito della scansione, il medico riceve fotografie dell'area in esame, scattate in tre proiezioni a una data profondità. Lo spessore del gradino per la risonanza magnetica è di 1 mm.

Risonanza magnetica per il mal di schiena

Il dolore alla colonna lombare limita l'attività motoria, riduce l'efficienza e peggiora la qualità della vita. Con la sciatica, i pazienti lamentano dolore, dolori, bruciore alla schiena con irradiazione all'inguine, al ginocchio, alla parte inferiore della gamba, al tallone. Il dolore può essere cronico o acuto. Il disagio aumenta con il carico, la flessione e l'estensione della colonna vertebrale, girando il tronco, sedendosi.

Lesioni traumatiche della parte bassa della schiena, ernie, spostamento delle vertebre, un forte sovraccarico della parte bassa della schiena sono accompagnate da sindrome da dolore acuto (lombalgia), che i pazienti descrivono come lombalgia. Più spesso si verifica in uno sfondo di aumento del carico, un attacco è accompagnato da spasmi muscolari, mobilità limitata.

Stenosi spinale lombare alla risonanza magnetica

Per un trattamento efficace del dolore nella parte bassa della schiena, è necessario stabilire la natura di questo fenomeno e chiarire la localizzazione del focus patologico. Più spesso in una situazione simile, il medico curante consiglia di eseguire una risonanza magnetica della regione lombosacrale, che mostra lo stato degli elementi morfologici della colonna vertebrale e delle strutture circostanti..

Nelle immagini ottenute come risultato della risonanza magnetica, sono visibili lesioni traumatiche del midollo spinale in violazione dell'integrità dei corpi vertebrali e della cartilagine. Vengono determinati strappi e stiramenti del tessuto muscolare e dell'apparato legamentoso. Nelle lesioni da compressione, la risonanza magnetica visualizza lo stato delle strutture cerebrali, rivela le aree di compressione delle radici nervose.

La scansione mostrerà la localizzazione e le dimensioni della neoplasia, la sua interazione con i tessuti circostanti. In presenza di processi infiammatori e distruttivi-distrofici che hanno causato dolore, la risonanza magnetica aiuta a determinare il grado di danno tissutale e l'esatta posizione del fuoco.

I tomogrammi riflettono le peculiarità dell'afflusso di sangue alla regione lombare, visualizzano patologie vascolari e le conseguenze della disfunzione delle vene e delle arterie della schiena.

Emangiomi su una risonanza magnetica della colonna lombare in proiezione coronarica

Indicazioni e controindicazioni per la risonanza magnetica della colonna vertebrale lombosacrale

La risonanza magnetica della regione lombosacrale è prescritta nei casi in cui altri tipi di ricerca non danno un'immagine chiara. La diagnosi differenziale di alcune malattie della colonna vertebrale richiede una visualizzazione dettagliata dei suoi elementi morfologici e delle strutture dei tessuti molli. La risonanza magnetica a contrasto della colonna lombare viene eseguita sia per chiarire lo stato del sistema circolatorio sia per determinare la dimensione e la localizzazione di neoplasie e processi infiammatori.

Massa tumorale (cerchiata in rosso) nell'immagine MRI della colonna lombare in proiezione assiale

Le indicazioni per la risonanza magnetica sono le seguenti malattie:

  • ernia, protrusione dei dischi intervertebrali e altre manifestazioni di osteocondrosi della colonna vertebrale;
  • lesioni lombari;
  • Ernia di Schmorl;
  • osteomielite;
  • spondilodiscite;
  • sclerosi multipla;
  • spondiloartrosi;
  • radicolite lombosacrale;
  • stenosi spinale;
  • patologia vascolare;
  • spondilosi;
  • patologia dello sviluppo della colonna lombare, ecc..

Stenosi spinale lombare alla risonanza magnetica (immagine pesata T1)

I segni dello sviluppo della malattia sono sintomi caratteristici che sono la ragione per lo studio della colonna vertebrale:

  • lombalgia (mal di schiena);
  • dolore lombare prolungato con innervazione alla gamba;
  • limitazione della mobilità della parte bassa della schiena;
  • aumento del dolore da seduti e durante lo sforzo;
  • violazione dell'innervazione degli arti inferiori, parestesia;
  • rigidità del movimento al mattino;
  • disturbi della defecazione, minzione, disfunzione erettile;
  • limitazione della mobilità degli arti inferiori.

Il medico effettua la diagnosi finale dopo la procedura di risonanza magnetica della colonna vertebrale, che consente di chiarire la natura del processo patologico.

Ernia del disco e stenosi assoluta del canale spinale alla risonanza magnetica della colonna lombare, immagine pesata in T2

La risonanza magnetica viene utilizzata durante la preparazione per l'intervento chirurgico e nel periodo postoperatorio. La scansione aiuta a determinare la localizzazione e le dimensioni della lesione e monitorare i processi di recupero.

Il campo di induzione utilizzato nella risonanza magnetica non ha un impatto negativo sulla salute umana. Le limitazioni all'uso della risonanza magnetica sono associate alle proprietà fisiche di questo fenomeno e all'uso del potenziamento del contrasto per aumentare il contenuto informativo dello studio..

Le controindicazioni assolute alla nomina di una risonanza magnetica nativa della colonna lombare sono:

  • il paziente ha tatuaggi realizzati con vernici ferromagnetiche;
  • la presenza nel corpo del paziente di perni metallici, protesi, aghi, ecc.;
  • la presenza di pacemaker impiantati e altri dispositivi elettromagnetici.

Per le donne incinte, la risonanza magnetica della colonna vertebrale viene eseguita dopo 13 settimane. Nel primo trimestre si osserva uno sviluppo intensivo dell'embrione, si verifica la formazione di organi e sistemi, pertanto si consiglia alle future mamme di evitare influenze esterne sul corpo.

La controindicazione all'uso del potenziamento del contrasto durante la risonanza magnetica della parte bassa della schiena è:

  • gravidanza, indipendentemente dal termine;
  • malattie epatiche e renali scompensate, accompagnate da grave insufficienza di questi organi;
  • allergia a componenti aggiuntivi della soluzione contrastante;
  • bambini di età inferiore a 12 anni (durante la scansione al di fuori dell'ospedale).

La claustrofobia è una limitazione relativa alla nomina della risonanza magnetica: il paziente può provare disagio a causa della permanenza prolungata nello spazio chiuso del tubo tomografico.

Antelistesi delle vertebre lombari, stenosi del canale spinale sull'immagine MRI

La risonanza magnetica della schiena non viene eseguita su pazienti di peso superiore a 120 kg e volumi superiori a 150 cm.

Come viene eseguita una risonanza magnetica della colonna lombare??

Per sottoporsi a una risonanza magnetica della colonna vertebrale, il paziente deve prepararsi: informare il medico di malattie esistenti e controindicazioni per lo studio, rimuovere gioielli, accessori in metallo, piercing prima della scansione.

Il paziente assume una posizione orizzontale, a faccia in su sul tavolo mobile del tomografo. Il suo corpo è fissato con vincoli, le cuffie vengono utilizzate per proteggerlo dal rumore di un apparecchio funzionante. Il tavolo è avvolto in un'ampia parte anulare del dispositivo, che è un tubo, dove sono fissati un generatore di campo magnetico e sensori che leggono la risposta dei tessuti studiati.

Quando viene eseguita la risonanza magnetica della colonna vertebrale, il tomografo esegue la scansione dell'area target in proiezioni assiali, sagittali e coronariche. Sulla base delle foto ricevute, il medico, se necessario, ricostruisce un modello 3D della regione lombosacrale.

Scoliosi su una risonanza magnetica della colonna lombare in proiezione coronarica (modalità STIR)

Per aumentare il contenuto delle informazioni, la tomografia della colonna vertebrale viene eseguita con miglioramento del contrasto. Dopo diverse immagini native, la scansione viene interrotta, il paziente viene iniettato per via endovenosa, utilizzando una siringa o un catetere, una soluzione di gadolinio. Il farmaco riempie il letto vascolare nell'area di interesse, quindi penetra nei tessuti e fornisce la visualizzazione dei cambiamenti patologici nelle strutture in esame. La scansione prosegue registrando nelle immagini le caratteristiche della diffusione dei chelati (sali solubili) del gadolinio.

Durante la risonanza magnetica, il radiologo e i tecnici sono dietro un divisorio e viene utilizzato un citofono per comunicare con il paziente. Il candidato tiene in mano un pulsante speciale, premendo che funge da segnale per il personale medico. Se ti senti negativo, la scansione può essere interrotta.

Emangiomi su una risonanza magnetica della colonna lombare (STIR)

Quanto tempo richiede una risonanza magnetica della colonna lombare?

Il paziente dovrebbe venire per una risonanza magnetica della colonna lombare 10-15 minuti prima dell'orario stabilito, questa volta sarà necessario per prepararsi e seguire le raccomandazioni del medico. La scansione richiede 20-30 minuti, con l'aumento del contrasto la durata della procedura aumenta a 35-45 minuti. Prima dell'esame, il paziente deve trasformarsi in un comodo kit, prendere una posizione comoda sul tavolo del tomografo. Durante l'intera scansione, il paziente deve rimanere immobile..

La preparazione dei risultati richiede fino a 60 minuti; se è richiesta una seconda opinione, il tempo di attesa aumenta a 2 ore. Al paziente viene consegnato un CD con fotografie e parere di un medico.

Decodifica MRI della regione lombosacrale

La risonanza magnetica della colonna lombosacrale viene eseguita sia durante il trattamento iniziale del paziente che per chiarire una diagnosi esistente. Il medico descrive lo stato degli elementi morfologici della colonna vertebrale e delle strutture dei tessuti molli, valutandone la funzionalità e il rispetto dei normali parametri.

Scansione MRI sagittale della colonna vertebrale lombosacrale (modalità STIR)

Cosa è compreso nell'area di studio con risonanza magnetica della parte bassa della schiena

Le fotografie a strati consentono di studiare in dettaglio le caratteristiche strutturali della colonna vertebrale lombosacrale. L'immagine tridimensionale visualizza la posizione relativa delle strutture anatomiche di una data area. Analizzando le immagini ottenute, il medico annota i seguenti parametri nel protocollo dello studio:

  • dimensione, forma delle vertebre;
  • lume e diametro del canale spinale, localizzazione di stenosi e blocchi del liquido cerebrospinale;
  • l'altezza e la densità dei dischi intervertebrali, le protuberanze ernarie, la loro localizzazione, direzione, dimensione;
  • la condizione dei legamenti lombari, la presenza di rotture e altre lesioni;
  • la gravità del segnale dal midollo osseo;
  • curve patologiche della colonna vertebrale inferiore;
  • la gravità della lordosi lombare fisiologica;
  • condizione del midollo spinale, delle membrane e delle radici nervose;
  • la funzionalità del sistema vascolare;
  • posizione, dimensione, natura delle neoplasie;
  • la condizione delle faccette articolari delle vertebre L1-L5;
  • segni di patologie congenite e acquisite;
  • la condizione dei tessuti molli della parte bassa della schiena.

Quando vengono rilevati cambiamenti patologici, lo specialista indica l'esatta localizzazione e dimensione del focus, la natura del processo osservato, un possibile effetto negativo sui tessuti circostanti.

Disco intervertebrale erniato L4-L5 alla risonanza magnetica in proiezione coronarica

In caso di fratture vertebrali del rachide lombare e sacrale, la risonanza magnetica mostra il grado di danno al midollo spinale e alle strutture neurali.

Ernia sull'immagine MRI della colonna lombare

Le protrusioni e, di conseguenza, i dischi intervertebrali erniati sono processi degenerativi-distrofici caratterizzati da spostamento dell'elemento cartilagineo, diminuzione del lume dello spazio articolare, possibile danno all'anello fibroso, pizzicamento delle radici nervose. La malattia è accompagnata da sindrome del dolore persistente, mobilità limitata della parte bassa della schiena e degli arti..

Nella diagnosi dei dischi intervertebrali erniati, la risonanza magnetica per immagini è un metodo diagnostico prioritario. Questo tipo di esame strumentale consente di vedere la sporgenza dell'elemento cartilagineo, la direzione e le dimensioni della deformità e una diminuzione del lume dei canali radicolari. La risonanza magnetica della colonna vertebrale lombare e sacrale mostra una diminuzione dell'idratazione del disco, che è un segno iniziale caratteristico della malattia indicata.

Quando viene rilevata un'ernia del disco, il medico indica nel protocollo di studio l'esatta localizzazione del processo, guidata dai nomi delle vertebre situate nelle vicinanze. È obbligatorio determinare la dimensione e la direzione della protrusione, questa informazione aiuta a scegliere un metodo efficace per trattare la malattia.

Diminuzione dell'altezza del disco, ernia sequestrata nell'area dei corpi L4-L5 e stenosi assoluta del canale spinale sull'immagine MRI della colonna lombare in proiezione sagittale

Cosa puoi mangiare dopo una risonanza magnetica della colonna lombare?

La risonanza magnetica non influisce sul funzionamento del tratto gastrointestinale, dopo la procedura non ci sono restrizioni sulla dieta del paziente.

Un'eccezione è la risonanza magnetica con aumento del contrasto. La soluzione di gadolinio viene escreta nelle urine e nelle feci, il processo richiede 1-2 giorni. Durante il tempo indicato, aumenta il carico sul fegato e sui reni. Questo fatto determina cosa puoi mangiare dopo la risonanza magnetica della colonna vertebrale.

Si consiglia di escludere dalla dieta cibi fritti, grassi, bevande alcoliche, dolciumi. Ai pazienti vengono mostrati pasti leggeri e di rapida digeribilità, contorni di cereali, prodotti a base di latte fermentato, bevono molta acqua (acqua pulita senza gas).

RM o TC della colonna lombare?

La scelta di un metodo per esaminare la colonna lombare dipende dalla natura della malattia e se il paziente ha controindicazioni.

La risonanza magnetica è prescritta nei casi in cui è necessario visualizzare i tessuti molli della parte bassa della schiena e delle strutture neurali. Le immagini ottenute come risultato della risonanza magnetica mostrano le condizioni di muscoli, legamenti, fibre, midollo spinale e radici nervose. Il metodo aiuta a diagnosticare processi infiammatori e degenerativi, neoplasie, patologie delle strutture cerebrali.

Emangiomi alla RM della regione lombosacrale, immagine pesata in T2

La tomografia computerizzata si basa sull'uso dei raggi X. Questo metodo di ricerca è informativo in relazione allo stato del tessuto osseo e cartilagineo. La TC è utilizzata nella diagnosi di lesioni traumatiche dei corpi vertebrali e dei processi spinosi, patologie del disco cartilagineo. La TC con contrasto aiuta a identificare patologie vascolari, neoplasie e infiammazioni.

Risonanza magnetica della colonna vertebrale lombosacrale

Attualmente, la risonanza magnetica della colonna lombosacrale è la procedura più avanzata e progressiva per l'esame di tutti i tessuti. La risonanza magnetica consente di visualizzare e valutare le condizioni non solo del tessuto osseo, come in un esame a raggi X, ma anche di legamenti, tendini, muscoli, dischi intervertebrali, nervi radicolari, ecc..

La risonanza magnetica è prescritta come un modo affidabile per diagnosticare le condizioni della colonna vertebrale. Alla visita iniziale, il medico prescrive immagini radiografiche, che possono valutare solo indirettamente le condizioni dei dischi intervertebrali. Se la distanza tra i corpi vertebrali adiacenti è ridotta, si può presumere la protrusione del disco. È impossibile stabilire la presenza di un'ernia del disco utilizzando l'esame a raggi X..

La risonanza magnetica è oggi la più efficace, poiché consente di rilevare anche alterazioni degenerative e distrofiche minori nei tessuti cartilaginei dei dischi intervertebrali.

L'indubbio vantaggio del metodo è l'uso di un metodo fondamentalmente nuovo durante la procedura: la radiazione magnetica, che, a seguito di collisioni con le cellule, fornisce un'immagine risonante strato per strato dei tessuti. Non danneggia la salute umana.

Nel frattempo, sezioni strato per strato, modellate utilizzando un programma informatico in un'unica immagine, consentono di visualizzare l'intero nervo radicolare, le membrane dure del midollo spinale, i plessi nervosi, i corpi vertebrali, i processi arcuati e spinosi, i dischi intervertebrali, i loro anelli fibrosi e i dischi polposi. Anche le ernie più piccole possono essere rilevate con la risonanza magnetica.

Nota! Solo un vertebrologo o un neurologo esperto può valutare i risultati dell'esame. Da solo, anche con una decrittazione, è improbabile che tu sia in grado di valutare le condizioni della colonna vertebrale e dei tessuti circostanti. Pertanto, dopo l'esame, consultare uno specialista. Potrà inoltre consigliare un metodo di trattamento adeguato..

Cosa mostra la risonanza magnetica della colonna vertebrale lombosacrale?

Un'immagine MRI della colonna lombosacrale mostra lo stato reale dei tessuti in tempo reale. La risonanza delle sezioni stratificate mostra la posizione dei dischi e delle vertebre, i loro cambiamenti distrofici degenerativi (se presenti).

Diamo uno sguardo più da vicino a ciò che mostra la risonanza magnetica della colonna vertebrale lombosacrale:

  • la condizione dei corpi vertebrali, inclusa la densità della struttura del tessuto osseo;
  • la presenza di cambiamenti nei corpi vertebrali, la formazione di osteofiti, compresi i processi spinosi e arcuati;
  • sclerosando la rete capillare dei vasi sanguigni nello spessore della placca terminale, che separa l'anello fibroso dal corpo vertebrale e fornisce una nutrizione parziale diffusa del tessuto cartilagineo;
  • assottigliamento del guscio del disco (anulus fibrosus), screpolature della sua superficie, perdita di elasticità, formazione di calcificazioni nei siti di distruzione;
  • una diminuzione della densità o massa del nucleo polposo (corpo gelatinoso interno) dovuta al deflusso di fluido ai tessuti dell'annulus fibrosus, che comporta una riduzione in altezza e il superamento dei corpi vertebrali;
  • il grado di tensione dell'apparato legamentoso (longitudinale lungo e trasversale corto), che può indicare il grado di instabilità della posizione dei corpi vertebrali, il rischio di stenosi del canale spinale;
  • lo stato del tessuto muscolare nella zona paravertebrale, che ci consente di valutare la sua capacità di fornire una nutrizione diffusa al tessuto cartilagineo dei dischi intervertebrali;
  • la condizione dei nervi radicolari e il grado di compressione, degenerazione sullo sfondo di disturbi trofici, puoi vedere la radicolopatia;
  • sporgenze ernarie con la determinazione della loro esatta localizzazione delle dimensioni, comprese quelle situate all'interno del canale spinale;
  • lo stato delle membrane durali del midollo spinale, del liquido cerebrospinale, delle strutture cerebrali.

Tutte le sezioni di tessuto ottenute vengono caricate in uno speciale programma per computer che simula i tessuti e le singole parti strutturali della colonna vertebrale.

Esistono numerose indicazioni per la risonanza magnetica della colonna vertebrale lombosacrale. Questo esame è consigliato nei seguenti casi:

  • lamentele di dolore in quest'area;
  • la presenza di gravi sintomi neurologici, come intorpidimento degli arti inferiori, formicolio, sensazione di brividi striscianti, diminuzione della forza muscolare);
  • sospetto di osteocondrosi, complicato da protrusione e protrusione erniaria del disco;
  • condizione dopo un impatto traumatico (consente di escludere una frattura da compressione del corpo vertebrale, lesioni sminuzzate di processi spinosi e arcuati, spostamento dei tessuti, lacrime e molto altro);
  • lo sviluppo di un processo tumorale nei tessuti della colonna vertebrale o del midollo spinale, inclusa la presenza di metastasi;
  • violazione della postura e curvatura della colonna vertebrale, disallineamento delle ossa pelviche;
  • distruzione delle articolazioni ileo-sacrali delle ossa, che porta alla deformazione dell'osteoartrosi;
  • instabilità della posizione dei corpi vertebrali e dei dischi intervertebrali, spostamenti periodici come retrolistesi o antelistesi;
  • distruzione della faccetta intervertebrale e delle faccette articolari;
  • violazione del tessuto trofico del midollo spinale e delle membrane durali, presumibilmente associata alla compressione dei vasi sanguigni;
  • lesioni reumatiche della colonna vertebrale, tra cui spondilite anchilosante, lupus eritematoso sistemico, sclerodermia, poliosteoartrite, ecc.;
  • lesione tubercolare dei tessuti della colonna vertebrale.

L'esame può essere effettuato anche per altre patologie che imitano il quadro clinico dell'osteocondrosi lombosacrale. Questi sono processi infiammatori nella cavità addominale, distruzione delle articolazioni dell'anca, sindrome della cauda equina e muscolo piriforme, malattie delle vie urinarie e del sistema urinario..

Una visita medica viene eseguita a spese del programma CHI. Se il paziente decide di condurre in modo indipendente questo esame, verrà pagato.

Preparazione per una scansione MRI della colonna vertebrale lombosacrale

La procedura di risonanza magnetica della colonna vertebrale lombosacrale può essere eseguita senza una preparazione speciale del paziente. Non dipende dall'ora dell'assunzione di cibo e liquidi, dall'ora del giorno e da altri fattori. Non è richiesta alcuna preparazione speciale per la risonanza magnetica della colonna vertebrale lombosacrale.

Durante l'esame, il medico può decidere che è necessario iniettare un mezzo di contrasto. Una registrazione di questo viene inserita nel protocollo del sondaggio. Viene preliminarmente eseguito un test allergico, viene rivelata la sensibilità del paziente. Questo viene fatto per evitare complicazioni negative. Il mezzo di contrasto viene iniettato per via endovenosa. Dopo la sua localizzazione nella lesione, vengono prese ulteriori immagini.

Un mezzo di contrasto in assenza di una reazione allergica ad esso in un paziente è completamente innocuo per la salute. È completamente escreto nelle urine entro 24-36 ore dalla somministrazione..

Come viene eseguita la risonanza magnetica della colonna vertebrale lombosacrale?

E ora alcune parole su come viene eseguita la risonanza magnetica della colonna vertebrale lombosacrale in condizioni moderne. Il tomografo è un dispositivo a capsula. Al suo interno è presente un magnete che trasmette segnali impulsivi. C'è un lettore sotto il magnete che riceve onde risonanti.

Come viene eseguita la risonanza magnetica della colonna vertebrale lombosacrale:

  • al paziente vengono forniti un microfono e delle cuffie: con il loro aiuto, sarà in grado di comunicare con il medico;
  • quindi si sdraia su un apposito dispositivo con il quale viene posto all'interno del tomografo;
  • l'area da esaminare dovrebbe essere sotto il magnete;
  • nei prossimi 30-40 minuti, devi cercare di non muoverti e respirare in modo uniforme e calmo.

Se soffri di claustrofobia, devi informare il medico in anticipo. I sedativi saranno usati per calmarsi e tollerare la procedura. Durante il funzionamento del dispositivo, possono periodicamente verificarsi suoni estranei. Non c'è bisogno di aver paura.

Prima di eseguire una risonanza magnetica della colonna vertebrale lombosacrale, ti consigliamo di discutere tutte le tue preoccupazioni con un diagnostico. Ti consiglierà il tuo comportamento e le date le raccomandazioni necessarie.

Controindicazioni alla risonanza magnetica della colonna vertebrale lombosacrale

Esistono controindicazioni alla risonanza magnetica della colonna vertebrale lombosacrale, che dovrebbero essere prese in considerazione per non danneggiare la salute. È categoricamente controindicato eseguire questo esame in persone che si trovano in uno stato di eccitazione nervosa e mentale, intossicazione da droghe o alcol.

Si sconsiglia di eseguire la procedura in presenza di gravi patologie renali, come urolitiasi, malattia policistica, amiloidosi. La risonanza magnetica può provocare un'esacerbazione dei processi patologici.

Altre controindicazioni includono:

  1. la presenza di impianti metallici e parti di osteosintesi nel corpo;
  2. il paziente ha un pacemaker artificiale o un pacemaker (la procedura può causare arresto cardiaco);
  3. gravidanza in qualsiasi momento;
  4. esacerbazione di qualsiasi malattia mentale.

Non importa l'età e il sesso di una persona, il suo peso corporeo. Sebbene ci siano miti secondo cui i pazienti che pesano più di 120 kg non vengono esaminati, questo è completamente falso. La risonanza magnetica può essere eseguita con denti finti e impianti dentali metallici in titanio.

Come viene rilasciato il risultato della risonanza magnetica?

Il risultato della risonanza magnetica della colonna vertebrale lombosacrale viene consegnato al paziente nelle mani sotto forma di una registrazione dettagliata dell'intero esame su un disco speciale. Possono essere fornite anche immagini individuali. Decodifica obbligatoria sotto forma di descrizione da parte del medico che ha eseguito l'esame.

Se la risonanza magnetica della colonna vertebrale lombosacrale ha mostrato un'ernia, allora questo fatto può essere designato come una violazione dell'integrità dell'anello fibroso con la perdita di parte del nucleo polposo. Alcuni medici scrivono direttamente che c'è un'ernia o una protrusione erniaria in una certa posizione e dimensione.

Non è consigliabile interpretare in modo indipendente i risultati ottenuti. Assicurati di contattare un vertebrologo o un neurologo. Ed è meglio trattare eventuali cambiamenti distrofici degenerativi nei tessuti della colonna vertebrale nelle cliniche di terapia manuale. Trovane uno dove vivi.

Ci sono controindicazioni, è necessaria una consulenza specialistica.

Puoi usufruire del servizio di appuntamento gratuito del medico di base (neurologo, chiropratico, vertebrologo, osteopata, ortopedico) sul sito web della clinica del Movimento Libero. Alla prima consulenza gratuita, il medico ti esaminerà e ti intervisterà. Se ci sono risultati di risonanza magnetica, ecografia e raggi X, analizzerà le immagini e farà una diagnosi. In caso contrario, scriverà le istruzioni necessarie.

Mrt pop cos'è

Appuntamento per MRI e TC a pagamento per telefono:
(812) 426-13-75

registrazione in tutte le aree
selezioneremo una clinica con uno sconto
il consulto del medico

  • Cliniche
    • Per distretti
    • Con la metropolitana
  • Tipi di studi MRI
    • Capo
    • Esami della testa non standard
    • Cervello
    • Navi GM
    • Tomografia orbitale
    • ENT
    • Ipofisi
    • Denti
    • Mascella
    • Collo
    • Un cuore
    • Polmoni
    • Ghiandola mammaria
    • Navi
    • Colangiografia
    • Fegato
    • Pancreas
    • Spazzola
    • Articolazioni
    • - Ginocchio
    • - Articolazione dell'anca
    • - Articolazione temporo-mandibolare
    • - Spalla
    • - Piede
    • - Articolazione del gomito
    • - Caviglia
    • Risonanza magnetica della colonna vertebrale
    • - GOP
    • - POP
    • - Lombosacrale
    • - NEGOZIO
    • - Articolazioni iliache
    • Stomaco
    • Rene
    • MT
    • Prostata
    • BP e spazio retroperitoneale
    • Hydro mri
    • Intestini
  • Tipi di studio TC
  • Domande frequenti sulla risonanza magnetica
  • Scansione TC
  1. MRI
  2. Tipi di studi MRI
  3. Risonanza magnetica della colonna vertebrale
  4. POP

La risonanza magnetica è il metodo più accurato e sensibile per determinare anomalie e malattie di organi e sistemi del corpo umano. Il forte campo magnetico creato nel tomografo colpisce le cellule e iniziano a risuonare. Questa risonanza viene catturata dai sensori del dispositivo, dopodiché il computer la elabora e la visualizza sotto forma di immagini strato per strato della zona anatomica studiata su diversi piani e in alta risoluzione..

Uno dei pilastri della salute umana è una colonna vertebrale forte. In caso di disturbi nel funzionamento del segmento di cresta a livello lombare, si verificano dolore alle gambe e alla parte bassa della schiena, intorpidimento delle estremità, "lombalgia", interruzioni nel funzionamento degli organi interni del bacino. In questi casi, è necessaria una risonanza magnetica della colonna lombare per determinare la causa del disturbo, fare una diagnosi e selezionare le tattiche di trattamento.

L'esame MRI della colonna lombare rivela ernie e sporgenze di dischi intervertebrali, osteocondrosi e artrosi, conseguenze di lesioni traumatiche, processi infiammatori e infezioni, formazioni neoplastiche delle vertebre e del midollo spinale in vari stadi, metastasi in essi, patologie e anomalie nello sviluppo di questo segmento della colonna vertebrale-dorsale, degenerazione malattie del midollo spinale, disturbi circolatori. La risonanza magnetica è prescritta in preparazione all'intervento chirurgico e nel periodo postoperatorio per monitorare il processo di recupero.

In alcuni casi, una scansione MRI di questa parte della colonna vertebrale viene eseguita utilizzando un mezzo di contrasto. La necessità di contrasto è determinata dal radiologo secondo le indicazioni per lo studio. Il contrasto aiuta a visualizzare meglio l'area studiata, a definire i confini di infiammazioni e tumori.

La risonanza magnetica per immagini non rappresenta una minaccia per la salute umana, tuttavia esistono alcune limitazioni per la sua implementazione. La risonanza magnetica non è raccomandata per i pazienti con impianti metallici, pacemaker, apparecchi vascolari e altri oggetti contenenti metallo nel corpo. La risonanza magnetica con contrasto non viene eseguita per le persone con insufficienza renale cronica, una predisposizione alle allergie. Evitare l'uso del contrasto nell'esame di donne in gravidanza e durante l'allattamento..

La risonanza magnetica non richiede preparazione, aderenza a una dieta speciale o cambiamento del normale ritmo di vita. L'unica condizione è la necessità di rimuovere tutti i gioielli, gli indumenti contenenti metallo, le chiavi e altre cose dalle tasche che potrebbero reagire a un forte campo magnetico..

L'esame dura circa 15 minuti, i risultati vengono emessi entro mezz'ora dall'esame o il giorno successivo.

È possibile sottoporsi a risonanza magnetica di tutte le parti della colonna vertebrale, compresa la cervicale, in cliniche e centri medici in quasi tutti i distretti di San Pietroburgo. Le istituzioni mediche pubbliche e private forniscono questo servizio a pagamento e su appuntamento.

Per la risonanza magnetica della colonna lombare, i prezzi possono essere trovati direttamente nella clinica selezionata o utilizzando i servizi del nostro portale.

Sul nostro sito web, non solo puoi scoprire il costo dell'esame e iscriverti a una risonanza magnetica, ma anche selezionare un centro diagnostico, ospedale o clinica adatto a te, ottenere informazioni sulle attuali offerte promozionali e programmi fedeltà per varie categorie di popolazione.

Come iscriversi e completare lo studio?

Il modo più conveniente per registrare per MRI e TC nella città di San Pietroburgo è tramite il City Recording Service.

Telefono di servizio multicanale: (812) 426-13-75
Giorni lavorativi: 08: 00-23: 00;
Fine settimana: dalle 09:00 alle 21:00

Gli operatori hanno accesso agli orari e ai prezzi di un gran numero di cliniche e ti offriranno diverse opzioni, in diverse fasce di prezzo e diverse zone della città.

Come viene eseguita la risonanza magnetica della schiena?

Oggi, la risonanza magnetica della colonna vertebrale è una delle tecniche diagnostiche più informative e sicure. Durante la ricerca, lo specialista ha la possibilità di visualizzare e studiare in dettaglio la colonna vertebrale, il midollo spinale, la rete vascolare situata in prossimità della colonna vertebrale, i tessuti molli, i legamenti, le articolazioni. Il risultato di una procedura senza contatto e indolore è un'immagine 3D dell'area scansionata.

  1. Foglio di indicazione
  2. MRI del rachide cervicale
  3. Risonanza magnetica toracica
  4. MRI della regione lombosacrale
  5. Quali malattie diagnosticano la risonanza magnetica?
  6. Restrizioni alla procedura
  7. Fase preparatoria
  8. Progressi della ricerca
  9. Decodificare i risultati
  10. Problema di costo
  11. Tecniche alternative
  12. video

Foglio di indicazione

Le indicazioni per la diagnosi sono varie e vengono formulate a seconda dell'area della colonna vertebrale interessata. Di seguito sono riportate le principali indicazioni per la RM, raggruppate in base a questo criterio:

MRI del rachide cervicale

  • lesioni (sospetto di esso) nell'area locale;
  • mal di testa più frequenti, vertigini;
  • intorpidimento degli arti superiori, della colonna cervicale e della testa;
  • svenimento;
  • dolore al collo, dietro la testa, nei follicoli piliferi;
  • trombosi dei vasi cervicali;
  • neoplasia;
  • osteocondrosi della regione cervicale;
  • disagio nella regione cervicale;
  • patologia del midollo spinale;
  • insufficienza della circolazione sanguigna nel cervello.

Risonanza magnetica toracica

  • mal di schiena;
  • osteocondrosi della regione toracica;
  • dolore al cuore, parte interscapolare;
  • nevralgia;
  • una sensazione di disagio, sindrome del dolore nell'area del fegato;
  • sensazione di oppressione toracica;
  • dolore nella zona epigastrica.

MRI della regione lombosacrale

  • paresi, paralisi delle gambe;
  • fallimento nel processo di afflusso di sangue agli arti inferiori e alla piccola pelvi;
  • ernia del disco della colonna lombare;
  • dolore al sacro, parte bassa della schiena e gambe;
  • sacro e lesione lombare;
  • deviazioni anormali nello sviluppo dell'area locale della colonna vertebrale;
  • tumori maligni e metastasi nella regione lombare;
  • sensazione di costrizione nel dipartimento locale;
  • infiammazione del midollo spinale;
  • riduzione del lume del canale spinale nella regione lombare e sacrale.

Quali malattie diagnosticano la risonanza magnetica?

La risonanza magnetica della schiena determina patologie locali nelle fasi iniziali del loro sviluppo. L'immagine mostra una fetta, rispettivamente, la struttura delle vertebre, così come i dischi e le terminazioni nervose.

Poiché vengono scansionate tre parti della colonna vertebrale, le probabili patologie diagnosticate possono anche essere classificate in base all'area di studio..

La risonanza magnetica del rachide cervicale aiuta a identificare le seguenti malattie della colonna vertebrale:

  • protrusione, ernia;
  • fallimento nella circolazione sanguigna del sistema vascolare e dei tessuti;
  • neoplasie;
  • osteocondrosi dell'area locale;
  • midollo spinale, infezioni alle ossa.
Ernia spinale

L'esame dell'area del torace rivela:

  • patologie degenerative-distrofiche;
  • sconfitta per infezione, fungo;
  • osteomielite;
  • manifestazioni di tubercolosi nelle ossa;
  • ernia intervertebrale (protrusione);
  • neoplasie nell'area locale;
  • deviazioni nella struttura delle vertebre.

Quando si prescrive la risonanza magnetica per immagini della regione lombosacrale, è probabile un'ulteriore diagnosi di una serie delle seguenti anomalie patologiche:

  • infiammazione nell'area locale;
  • infezioni e lesioni di natura non infettiva;
  • Sindrome di Reiter;
  • spondilite anchilosante;
  • osteocondrosi della colonna vertebrale;
  • artrosi;
  • spondiloartrosi;
  • danno nel dipartimento locale (frattura da compressione della colonna vertebrale, contusione, frattura di archi e corpi vertebrali, lussazione, ecc.).

Nella foto della risonanza magnetica della colonna vertebrale, lo specialista può anche determinare la disfunzione della rete vascolare, i difetti delle terminazioni nervose. L'esame MRI completo della colonna vertebrale aiuta a diagnosticare l'intero spettro di patologie.

Restrizioni alla procedura

La risonanza magnetica della schiena è classificata come metodo diagnostico sicuro, tuttavia, non si può fare a meno delle restrizioni sullo studio. Tra loro:

  • la presenza di pacemaker impiantati, dispositivi per la somministrazione di insulina e altri prodotti elettronici che non possono essere rimossi dal corpo del paziente;
  • la presenza di clip metalliche, impianti metallici e valvole cardiache nei vasi del cervello;
  • prodotti in metallo ortodontici e ortopedici;
  • persone che soffrono di claustrofobia (un tipo alternativo di apparecchio di tipo aperto è accettabile);
  • instabilità psicologica del paziente (possibilmente una risonanza magnetica in anestesia);
  • primo trimestre di gravidanza;
  • allattamento (dopo la procedura, l'alimentazione deve essere interrotta per 2 giorni);
  • peso del paziente superiore a 180 kg.

Se viene eseguita una procedura con contrasto, all'elenco di controindicazioni sopra riportato si aggiungono: una reazione allergica al contrasto, disturbi renali in un paziente, una forma cronica di dermatite allergica e patologie infiammatorie dell'apparato respiratorio.

Tra le controindicazioni relative allo studio ci sono: aumento della temperatura corporea, tosse, mestruazioni, congestione nasale e altre condizioni che possono causare disagio al paziente all'interno della capsula topografica.

Fase preparatoria

La risonanza magnetica di diverse parti della colonna vertebrale non richiede una preparazione speciale per l'esame. Se la scansione non è accompagnata dall'iniezione di un mezzo di contrasto, il paziente non può morire di fame, bere liquidi prima della procedura.

Il paziente dovrà prepararsi per la diagnosi come segue:

  • eseguire un esame del sangue per escludere l'allergia a un mezzo di contrasto (soggetto alla sua introduzione);
  • prendere uno psicolettico se il paziente soffre di una fobia di uno spazio chiuso, non controlla i movimenti del proprio corpo;
  • utilizzare sedativi se è prevista una risonanza magnetica della colonna vertebrale del bambino;
  • rimuovere gioielli, accessori contenenti elementi metallici appena prima della procedura;
  • informare uno specialista di patologie esistenti, gravidanza.

Cosa portare con te per una risonanza magnetica? Di solito nulla oltre ai risultati di studi precedenti (se presenti). Alcune istituzioni chiedono al paziente di portare un asciugamano.

MRI con contrasto

Progressi della ricerca

Quando il paziente è nella stanza diagnostica, può sdraiarsi sul tavolo attrezzato. Non è necessario spogliarsi allo stesso tempo, devi solo scegliere vestiti con un numero minimo di elementi di fissaggio.

In alcuni centri, al paziente viene fornito un set di indumenti usa e getta: in questo caso, il paziente deve cambiarsi immediatamente dietro lo schermo e solo allora sdraiarsi sul tavolo.

Gli arti e la testa di una persona sono fissati con cinghie speciali per garantire l'immobilità del paziente durante lo studio.

Se al paziente viene mostrato l'uso del mezzo di contrasto (per tumori, metastasi, malattie autoimmuni croniche, ecc.), Il farmaco viene somministrato in questa fase.

Il dottore lascia la stanza prima della scansione. Il paziente può comunicare con lo specialista tramite un apposito pulsante o microfono all'interno della capsula.

Nel processo di ricerca, una persona deve rimanere immobile, poiché i movimenti possono distorcere i risultati.

Di solito, la procedura si svolge senza causare alcun disagio al paziente: l'aria fresca entra nel tomografo. Il dispositivo fa rumore e si apre durante il funzionamento: al candidato viene chiesto di indossare le cuffie o inserire i tappi per le orecchie.

La durata media della procedura è di 30-60 minuti. Questo indicatore dipende dalle aree esaminate della colonna vertebrale..

Al termine dell'evento il paziente può alzarsi, vestirsi (se svestito) e lasciare l'ufficio. I dati trasferiti al computer vengono interpretati sotto forma di immagini tridimensionali.

Il medico redige una conclusione sulla base delle informazioni ricevute e la trasmette al paziente. Se la diagnosi è per un bambino piccolo, l'anestesia viene utilizzata prima della scansione del bambino..

Decodificare i risultati

Il medico diagnostico è responsabile della decodifica delle immagini. Il lavoro da svolgere richiede una notevole quantità di conoscenza da parte dello specialista: il medico correla tra loro le forme e la localizzazione degli organi, valuta lo stato del midollo spinale e delle strutture anatomiche vicine. A volte uno specialista deve confrontare l'immagine risultante con i risultati di esami precedenti.

Il medico noterà i primi fenomeni patologici durante il processo di ricerca. Tuttavia, il medico ricorre alla stesura di una conclusione solo dopo la fine della diagnosi di risonanza magnetica..

Di solito ci vuole circa un'ora. Il referto MRI viene rilasciato al paziente, che trasmette le informazioni al suo medico curante per la diagnosi e la prescrizione di metodi per il trattamento di protrusioni, infiammazioni, traumi, ecc..

Problema di costo

Vale subito la pena capire se la risonanza magnetica viene eseguita gratuitamente? La procedura può essere completata gratuitamente se si fornisce una polizza assicurativa sanitaria obbligatoria.

Tuttavia, poiché si tratta di diagnostica costosa, si forma una lunga coda per il trattamento gratuito. Il paziente deve attendere la procedura per diversi mesi..

Il costo della ricerca in Russia varia da 3500-5000 rubli. Il prezzo della risonanza magnetica dipende dal tipo di dispositivo utilizzato, dalle qualifiche dello specialista, dal campo di studio, dalla gravità del caso clinico, dal costo del contrasto, nonché dalla politica dei prezzi del centro medico.

Tecniche alternative

La tomografia computerizzata e la radiografia sono alternative piuttosto valide alla risonanza magnetica della colonna vertebrale. I metodi sono più attraenti in termini di prezzo, tuttavia, non possono essere definiti assolutamente sicuri per la salute (vengono eseguiti utilizzando i raggi X).

La TC rappresenterà un metodo diagnostico utile durante l'esame di pazienti con prodotti metallici impiantati, impianti ortopedici e ortodontici. Per quanto riguarda le donne incinte e i bambini piccoli, la tomografia computerizzata è vietata nel loro caso..

Il metodo diagnostico più dannoso

Un'altra alternativa è l'ecografia. Vale la pena notare la disponibilità e la sicurezza della procedura. Tuttavia, questo metodo non può essere definito abbastanza informativo. L'ecografia viene utilizzata per la diagnosi primaria.

Quando gli specialisti hanno difficoltà a fare una diagnosi accurata, viene utilizzata la RM o la TC. La nomina di questi studi come parte della diagnosi primaria è inappropriata..

La risonanza magnetica della colonna vertebrale è un modo accurato, informativo e indolore per diagnosticare le malattie locali. Con questa procedura, uno specialista valuta le condizioni della colonna vertebrale e delle strutture anatomiche vicine (rete venosa, tessuti molli, apparato legamentoso, ecc.).

Le indicazioni per la risonanza magnetica sono: dolore nell'area locale, disagio, sensazione di rigidità e altri sintomi di processi patologici caratteristici.

A seconda della localizzazione dei segni, viene eseguita la tomografia della colonna cervicale, toracica o lombosacrale. Lo studio ha un elenco di controindicazioni assolute e relative. La preparazione per l'evento è minima.

La durata della procedura varia da mezz'ora a un'ora. Il costo della diagnostica è elevato rispetto al costo di altre tecniche diagnostiche.

In alternativa alla risonanza magnetica, viene utilizzata la tomografia computerizzata o l'ecografia, se del caso..

Come viene eseguita la risonanza magnetica della colonna vertebrale lombosacrale??

La risonanza magnetica della colonna vertebrale lombosacrale è una procedura molto efficace per chiarire lo stato delle vertebre, della zona paravertebrale, dell'apparato legamentoso, del tessuto cartilagineo, dei vasi sanguigni, dei muscoli, delle radici nervose, nonché per scoprire le cause dei processi negativi. Grazie a ricerche altamente informative, il medico ottiene un quadro completo della patologia. Questo approccio aiuta a riconoscere i cambiamenti negativi anche nelle prime fasi..

  • 1. Che cos'è la risonanza magnetica
  • 2. Preparazione
  • 3. Condotta
    • 3.1. Durata
  • 4. Cosa mostra l'immagine?

La zona lombosacrale negli esseri umani è sottoposta a uno stress tremendo. Ecco perché in questa parte della colonna vertebrale si rivelano più spesso:

  • tumori;
  • ernia del disco;
  • infiammazione delle articolazioni intervertebrali;
  • stenosi;
  • fratture delle strutture ossee, ecc..

La risonanza magnetica della colonna lombare consente di scansionare il tessuto in quest'area utilizzando un campo magnetico. Durante l'esame, il medico vede chiaramente le condizioni dei tessuti e come si trovano nella regione lombosacrale. Questo è un metodo diagnostico molto accurato, durante il quale il corpo del paziente non è esposto alle radiazioni e il medico riceve informazioni complete sulla patologia e sceglie il regime di trattamento corretto.

Mostrato MRI della colonna vertebrale inferiore nei seguenti casi:

  • dolore regolare nella parte bassa della schiena, che si irradia alla gamba o ai glutei;
  • rigidità nel movimento;
  • debolezza muscolare alle gambe;
  • violazione della sensibilità negli arti inferiori;
  • stenosi spinale;
  • ernia e protrusione;
  • violazioni nel sistema genito-urinario;
  • sospetto di un tumore della colonna vertebrale, dei vasi sanguigni, del midollo spinale, del tessuto nervoso.

Non è richiesta alcuna preparazione speciale prima di una risonanza magnetica della regione lombosacrale. Il rilevamento viene effettuato in qualsiasi momento della giornata. Non ci sono restrizioni su cibo, bevande o farmaci. Tutto ciò che è richiesto al paziente è di essere pronto a lungo senza movimento, perché anche il minimo movimento del corpo non è consentito.

Se lo studio verrà eseguito con l'uso di un mezzo di contrasto, in questo caso il paziente deve prepararsi. In questo caso, dovresti evitare di mangiare e mangiare sei ore prima della procedura. È anche necessario scoprire in anticipo se c'è una reazione allergica ai componenti della sostanza..

Prima dell'esame, il paziente deve fornire al medico i risultati di studi e analisi precedenti. Lo specialista deve spiegare come viene eseguita la procedura e cosa è necessario fare se si verifica una situazione insolita. Successivamente, il paziente deve rimuovere indumenti e oggetti metallici.

Prima di entrare nella stanza, mettono un telefono cellulare e altri dispositivi elettronici in una cassaforte, perché possono distorcere i risultati ottenuti o possono guastarsi sotto l'influenza di un campo magnetico. Se la procedura viene eseguita con contrasto, l'infermiera inserisce un catetere endovenoso attraverso il quale entrerà nel corpo.

La risonanza magnetica viene eseguita in una stanza appositamente attrezzata per questo scopo. Durante l'esame, il medico è nella stanza accanto, rimanendo in contatto con il paziente tramite un microfono. Il paziente viene comodamente posizionato sul tavolo del tomografo e, se necessario, viene fissato con cinture.

La procedura è la seguente: la parte mobile superiore del tavolo entra lentamente nella camera. La parte ad anello abbassa il sensore nella regione lombare. Il dispositivo si accende. Se lo si desidera, il paziente indossa le cuffie in modo da non essere infastidito dal rumore proveniente dal dispositivo. Il dispositivo scatta una serie di immagini, visualizzando lo stato degli organi e dei tessuti della zona lombare a strati. Quindi la parte mobile viene estesa, i fermi si indeboliscono e la persona si alza in piedi. Dopo la procedura, il paziente torna a casa immediatamente. Riceve i risultati della tomografia in formato cartaceo o elettronico.

Mrt pop cos'è

Testa, colonna vertebrale, organi interni, tessuti molli, articolazioni, vasi sanguigni

Esame TC

Testa, colonna vertebrale, organi e tessuti molli, articolazioni e ossa, vasi sanguigni

  1. A proposito di MRI
  2. Tipi di studi MRI
  3. POP

Risonanza magnetica della colonna vertebrale lombare

Le patologie più comuni della colonna lombare includono osteocondrosi, ernie, spondilosi, protrusione del disco. Inoltre, questa parte della colonna vertebrale può spesso essere ferita. Le lesioni a questa sezione sono potenzialmente pericolose nelle loro conseguenze, principalmente a causa del rischio di danni al midollo spinale, e questo può minacciare la completa immobilizzazione di una persona o la morte.

Nella diagnosi delle patologie in questo reparto, la risonanza magnetica è il metodo più informativo e popolare per identificare i processi patologici e valutare le condizioni generali delle vertebre, del midollo spinale, dei vasi sanguigni, delle radici nervose e degli elementi della cauda equina. La tomografia di questa sezione consente di vedere le strutture ossee, osservare la compressione o l'infiammazione dei nervi, riconoscere la patologia vascolare, identificare malattie croniche, processi infettivi e tumorali, comprese le malattie acute del midollo spinale.

Per la sua sicurezza per il corpo e l'accuratezza della risonanza magnetica della regione lombare, è di grande importanza nella pratica neurochirurgica e neurologica..

Nella diagnostica moderna, la risonanza magnetica della colonna lombare svolge un ruolo importante nell'identificazione dei seguenti cambiamenti patologici e malattie:

  • spondilosi deformante;
  • osteocondrosi della regione lombare;
  • metastasi, formazioni tumorali di natura benigna e maligna;
  • anomalie dello sviluppo;
  • ernie e sporgenze dei dischi intervertebrali;
  • instabilità, fratture, lussazioni, contusioni di questa parte della colonna vertebrale;
  • processi necrotici, ad esempio osteomielite, spondilite tubercolare;
  • disturbi circolatori nel midollo spinale, anomalie del letto vascolare;
  • difetti di sviluppo congeniti e acquisiti;
  • spostamento delle vertebre.

La risonanza magnetica della colonna lombare evita vari metodi diagnostici invasivi e non invasivi, ad esempio, puntura lombare, angiografia, mielografia.

Tomografia la capacità di dimostrare simultaneamente il midollo spinale e le vertebre senza l'introduzione di agenti di contrasto nello spazio subaracnoideo.

La risonanza magnetica della regione lombare può anche essere eseguita con aumento del contrasto se consigliato dal medico. Di norma, gli studi di contrasto vengono eseguiti in casi controversi o per la diagnosi di processi oncologici, poiché le formazioni tumorali hanno un flusso sanguigno denso e accumulano un mezzo di contrasto più attivamente.

Sulla nostra risorsa puoi saperne di più sulle indicazioni della risonanza magnetica dell'articolazione del ginocchio, della risonanza magnetica dell'intestino, del cervello e di altri organi.


Articolo Successivo
Placche di colesterolo nei vasi del cervello: pericolo, pulizia, prevenzione della formazione