Ipertrofia miocardica - segni e sintomi. Trattamento della cardiomiopatia ventricolare sinistra ipertrofica


Se asintomatica, questa malattia può provocare un arresto cardiaco improvviso. È spaventoso quando questo accade a giovani apparentemente sani che praticano sport. Cosa succede al miocardio, perché si verificano tali conseguenze, se l'ipertrofia viene trattata, dobbiamo capirlo.

Cos'è l'ipertrofia miocardica

Questa è una malattia autosomica dominante che tradisce i segni ereditari di mutazioni genetiche, colpisce il cuore. È caratterizzato da un aumento dello spessore delle pareti dei ventricoli. La cardiomiopatia ipertrofica (HCM) ha un codice di classificazione secondo ICD 10 # 142. La malattia è spesso asimmetrica, il ventricolo sinistro del cuore è più colpito. Questo succede:

  • disposizione caotica delle fibre muscolari;
  • sconfitta di piccole navi coronarie;
  • la formazione di aree di fibrosi;
  • ostruzione del flusso sanguigno - ostruzione del rilascio di sangue dall'atrio a causa dello spostamento della valvola mitrale.

Con carichi pesanti sul miocardio, causati da malattie, sport o cattive abitudini, inizia una reazione protettiva del corpo. Il cuore deve far fronte a volumi di lavoro gonfiati senza aumentare il carico per unità di massa. La compensazione inizia a verificarsi:

  • aumento della produzione di proteine;
  • iperplasia: aumento del numero di cellule;
  • un aumento della massa muscolare miocardica;
  • ispessimento del muro.

Ipertrofia miocardica patologica

Con il lavoro prolungato del miocardio sotto carichi che sono costantemente aumentati, si verifica una forma patologica di HCM. Un cuore ipertrofico è costretto ad adattarsi alle nuove condizioni. L'ispessimento del miocardio si verifica a un ritmo rapido. In questa posizione:

  • la crescita dei capillari e dei nervi è in ritardo;
  • l'afflusso di sangue è disturbato;
  • l'influenza del tessuto nervoso sui processi metabolici cambia;
  • le strutture miocardiche si consumano;
  • il rapporto tra le dimensioni del miocardio cambia;
  • si verifica una disfunzione sistolica e diastolica;
  • la ripolarizzazione è interrotta.

Ipertrofia miocardica negli atleti

Uno sviluppo anormale del miocardio - ipertrofia - si verifica impercettibilmente negli atleti. Con uno sforzo fisico elevato, il cuore pompa grandi volumi di sangue ei muscoli, adattandosi a tali condizioni, aumentano di dimensioni. L'ipertrofia diventa pericolosa, provoca un ictus, infarto, arresto cardiaco improvviso, in assenza di disturbi e sintomi. Non puoi interrompere bruscamente l'allenamento in modo che non sorgano complicazioni.

L'ipertrofia miocardica sportiva ha 3 tipi:

  • eccentrico - i muscoli cambiano proporzionalmente - tipico delle attività dinamiche - nuoto, sci, corsa a lunga distanza;
  • l'ipertrofia concentrica - la cavità dei ventricoli rimane invariata, il miocardio aumenta - si nota nei tipi di gioco e statici;
  • misto - inerente agli esercizi con l'uso simultaneo di immobilità e dinamica - canottaggio, ciclismo, pattinaggio.

Ipertrofia miocardica in un bambino

La comparsa di patologie miocardiche dal momento della nascita non è esclusa. La diagnosi a questa età è difficile. I cambiamenti ipertrofici nel miocardio sono spesso osservati nell'adolescenza, quando le cellule dei cardiomiociti crescono attivamente. L'ispessimento delle pareti anteriore e posteriore si verifica fino all'età di 18 anni, quindi si interrompe. L'ipertrofia ventricolare in un bambino non è considerata una malattia separata: è una manifestazione di numerosi disturbi. I bambini con HCM spesso hanno:

  • cardiopatia;
  • distrofia miocardica;
  • ipertensione;
  • angina.
  • Cosa mostra una scansione vascolare duplex?
  • Come alleviare il mal di denti a casa
  • Come fare in casa una crema per involtini di cialda

Cause di cardiomiopatia

È consuetudine distinguere tra cause primarie e secondarie di sviluppo ipertrofico del miocardio. I primi sono influenzati da:

  • infezione virale;
  • eredità;
  • fatica;
  • consumo di alcool;
  • sovraccarico fisico;
  • peso in eccesso;
  • avvelenamento tossico;
  • cambiamenti nel corpo durante la gravidanza;
  • uso di droga;
  • mancanza di oligoelementi nel corpo;
  • patologie autoimmuni;
  • malnutrizione;
  • fumare.

Le cause secondarie dell'ipertrofia miocardica sono provocate da tali fattori:

  • insufficienza della valvola mitrale;
  • ipertensione arteriosa;
  • difetti cardiaci;
  • malattie neuromuscolari;
  • squilibrio degli elettroliti;
  • processi parassitari;
  • malattie polmonari;
  • Cardiopatia ischemica;
  • stenosi aortica;
  • violazione dei processi metabolici;
  • difetto del setto ventricolare (IVS);
  • mancanza di ossigeno nel sangue;
  • patologie endocrine.

Ipertrofia ventricolare sinistra

Più spesso le pareti del ventricolo sinistro sono affette da ipertrofia. Una delle cause dell'LVH è l'alta pressione, che costringe il miocardio a lavorare con un ritmo accelerato. A causa dei sovraccarichi risultanti, la parete ventricolare sinistra e l'IVS aumentano di dimensioni. In questa situazione:

  • si perde l'elasticità dei muscoli miocardici;
  • la circolazione sanguigna rallenta;
  • il normale funzionamento del cuore è interrotto;
  • c'è il pericolo di un forte carico su di lui.

La cardiomiopatia ventricolare sinistra aumenta il bisogno del cuore di ossigeno e sostanze nutritive. È possibile notare cambiamenti nell'LVH durante l'esame strumentale. Appare la sindrome a basse emissioni: vertigini, svenimento. Tra i segni che accompagnano l'ipertrofia:

  • angina pectoris;
  • cadute di pressione;
  • angoscia;
  • aritmia;
  • debolezza;
  • ipertensione;
  • cattivo stato di salute;
  • mancanza di respiro a riposo;
  • mal di testa;
  • fatica;
  • palpitazioni a sforzo leggero.

Ipertrofia atriale destra

Un allargamento della parete del ventricolo destro non è una malattia, ma una patologia che appare durante il sovraccarico in questa sezione. Sorge a causa del flusso di una grande quantità di sangue venoso da grandi vasi. L'ipertrofia può essere causata da:

  • difetti congeniti;
  • difetti del setto interatriale, in cui il sangue entra simultaneamente nei ventricoli sinistro e destro;
  • stenosi;
  • obesità.

L'ipertrofia ventricolare destra è accompagnata da sintomi:

  • emottisi;
  • vertigini;
  • tosse notturna;
  • svenimento;
  • dolore al petto;
  • mancanza di respiro senza sforzo;
  • gonfiore;
  • aritmia;
  • segni di insufficienza cardiaca - gonfiore delle gambe, fegato ingrossato;
  • malfunzionamenti degli organi interni;
  • cianosi della pelle;
  • pesantezza nell'ipocondrio;
  • vene dilatate nell'addome.

Ipertrofia del setto interventricolare

Uno dei segni dello sviluppo della malattia è l'ipertrofia dell'IVS (setto interventricolare). La causa principale di questo disturbo sono le mutazioni geniche. L'ipertrofia settale provoca:

  • fibrillazione ventricolare;
  • fibrillazione atriale;
  • problemi alla valvola mitrale;
  • tachicardia ventricolare;
  • violazione del deflusso di sangue;
  • insufficienza cardiaca;
  • arresto cardiaco.

Dilatazione delle camere cardiache

L'ipertrofia del setto interventricolare può provocare un aumento del volume interno delle camere cardiache. Questa espansione è chiamata dilatazione miocardica. In questa posizione, il cuore non può svolgere la funzione di una pompa, si verificano sintomi di aritmia, insufficienza cardiaca:

  • affaticabilità veloce;
  • debolezza;
  • dispnea;
  • gonfiore delle gambe e delle braccia;
  • disturbi del ritmo;

Ipertrofia cardiaca - sintomi

Il pericolo di malattia miocardica in un decorso asintomatico per lungo tempo. Spesso diagnosticato accidentalmente durante gli esami fisici. Con lo sviluppo della malattia, si possono osservare segni di ipertrofia miocardica:

  • dolore al petto;
  • violazione del ritmo cardiaco;
  • mancanza di respiro a riposo;
  • svenimento;
  • fatica;
  • respiro affannoso;
  • debolezza;
  • vertigini;
  • sonnolenza;
  • rigonfiamento.

Forme di cardiomiopatia

Va notato che la malattia è caratterizzata da tre forme di ipertrofia, tenendo conto del gradiente della pressione sistolica. Tutti insieme corrispondono al tipo ostruttivo di HCM. Spicca:

  • ostruzione basale - uno stato di riposo o 30 mm Hg;
  • latenti - uno stato calmo, inferiore a 30 mm Hg - sono caratterizzati da una forma non ostruttiva di HCM;
  • ostruzione labile - fluttuazioni spontanee del gradiente intraventricolare.

Ipertrofia miocardica - classificazione

Per comodità di lavorare in medicina, è consuetudine distinguere tra i seguenti tipi di ipertrofia miocardica:

  • ostruttivo - nella parte superiore del setto, su tutta l'area;
  • non ostruttivo: i sintomi sono scarsamente espressi, diagnosticati per caso;
  • simmetrico: tutte le pareti del ventricolo sinistro sono interessate;
  • apicale: i muscoli del cuore sono ingranditi solo dall'alto;
  • asimmetrico: colpisce solo un muro.

Ipertrofia eccentrica

Con questo tipo di LVH, la cavità ventricolare si espande e, allo stesso tempo, si compattano in modo uniforme e proporzionale i muscoli miocardici causati dalla crescita dei cardiomiociti. Con un aumento generale della massa cardiaca, lo spessore relativo della parete rimane invariato. L'ipertrofia miocardica eccentrica può influenzare:

  • setto interventricolare;
  • la cima;
  • parete laterale.
  • Pasta con carne macinata al forno - ricette, foto, consigli.
  • Marmellata di fragole per l'inverno cinque minuti
  • Ginnastica ormonale dei monaci tibetani - recensioni e video

Ipertrofia concentrica

Il tipo concentrico della malattia è caratterizzato dalla conservazione del volume della cavità interna con un aumento della massa del cuore dovuto ad un aumento uniforme dello spessore delle pareti. C'è un altro nome per questo fenomeno: ipertrofia miocardica simmetrica. La malattia insorge a causa dell'iperplasia degli organelli dei miocardiociti, provocata dall'ipertensione. Questo sviluppo di eventi è tipico dell'ipertensione arteriosa..

Ipertrofia miocardica - gradi

Per una corretta valutazione delle condizioni del paziente con malattia da HCM è stata introdotta un'apposita classificazione che tiene conto dell'ispessimento del miocardio. Di quanto aumenta la dimensione delle pareti durante la contrazione del cuore, in cardiologia si distinguono 3 gradi. A seconda dello spessore del miocardio, le fasi sono determinate in millimetri:

  • moderato - 11-21;
  • media - 21-25;
  • pronunciato - oltre 25.

Diagnosi di cardiomiopatia ipertrofica

Nella fase iniziale, con un leggero sviluppo di ipertrofia muraria, è molto difficile identificare la malattia. Il processo diagnostico inizia con l'intervista al paziente, scoprendo:

  • la presenza di patologie nei parenti;
  • morte di uno di loro in giovane età;
  • malattie passate;
  • il fatto dell'esposizione alle radiazioni;
  • segnaletica esterna all'ispezione visiva;
  • valori di pressione sanguigna;
  • indicatori nelle analisi del sangue, urine.

Viene applicata una nuova direzione: la diagnosi genetica dell'ipertrofia miocardica. Aiuta a stabilire i parametri del potenziale HCMP dei metodi strumentali e radiologici:

  • ECG - determina segni indiretti - disturbi del ritmo, ipertrofia dei reparti;
  • Raggi X: mostra un aumento del contorno;
  • Ultrasuoni: valuta lo spessore del miocardio, alterato flusso sanguigno;
  • ecocardiografia: risolve il luogo dell'ipertrofia, violazione della disfunzione diastolica;
  • MRI: fornisce un'immagine tridimensionale del cuore, imposta il grado di spessore miocardico;
  • ventricolografia: esamina le funzioni contrattili.

Come trattare la cardiomiopatia

L'obiettivo principale del trattamento è riportare il miocardio alla sua dimensione ottimale. Le attività finalizzate a questo vengono svolte nel complesso. L'ipertrofia può essere trattata con una diagnosi precoce. Un ruolo importante nel sistema di guarigione del miocardio è svolto da uno stile di vita, che implica:

  • aderenza a una dieta;
  • rifiuto dell'alcol;
  • smettere di fumare;
  • perdita di peso;
  • esclusione di droghe;
  • limitare l'assunzione di sale.

Il trattamento farmacologico per la cardiomiopatia ipertrofica prevede l'uso di farmaci che:

  • ridurre la pressione sanguigna - ACE inibitori, antagonisti del recettore dell'angiotensina;
  • regolare i disturbi del ritmo cardiaco - antiaritmici;
  • farmaci con effetto ionotropico negativo - beta-bloccanti, calcio antagonisti del gruppo verapamil - rilassano il cuore;
  • rimuovere il fluido - diuretici;
  • migliorare la forza muscolare - ionotropi;
  • con la minaccia di endocardite infettiva - profilassi antibiotica.

Un metodo di trattamento efficace che altera il corso dell'eccitazione e della contrazione dei ventricoli è la stimolazione bicamerale con un ritardo atrioventricolare ridotto. Casi più complessi - ipertrofia IVS asimmetrica pronunciata, ostruzione latente, mancanza di effetto farmacologico - richiedono la partecipazione di chirurghi per la regressione. Per salvare la vita del paziente, aiuta:

  • installazione del defibrillatore;
  • impianto di un pacemaker;
  • miectomia settale transaortica;
  • escissione di una parte del setto interventricolare;
  • ablazione transcatetere settale alcolica.

Cardiomiopatia: trattamento con rimedi popolari

Su consiglio del cardiologo curante, è possibile integrare il piatto principale con rimedi erboristici. Il trattamento alternativo dell'ipertrofia ventricolare sinistra prevede l'uso di bacche di viburno senza trattamento termico, 100 g al giorno. È utile utilizzare semi di lino, che hanno un effetto positivo sulle cellule cardiache. Consiglia:

  • prendi un cucchiaio di semi;
  • aggiungere acqua bollente - litro;
  • tenere a bagnomaria per 50 minuti;
  • filtrare;
  • bevanda al giorno - dose 100 g.

L'infusione di avena ha buone recensioni nel trattamento della CMI per regolare il lavoro dei muscoli cardiaci. La prescrizione dei guaritori richiede:

  • avena - 50 grammi;
  • acqua - 2 bicchieri;
  • riscaldare fino a 50 gradi;
  • aggiungere 100 g di kefir;
  • versare il succo di ravanello - mezzo bicchiere;
  • mescolare, riposare per 2 ore, filtrare;
  • metti 0,5 cucchiai. miele;
  • dosaggio - 100 g, tre volte al giorno prima dei pasti;
  • corso - 2 settimane.

Ipertrofia del setto interventricolare

L'ipertrofia del setto interventricolare è un caso particolare di una malattia come la cardiomiopatia ipertrofica. Un setto interventricolare ispessito può impedire il flusso di sangue dal ventricolo sinistro, rendendo difficile il funzionamento del cuore.

Prevalenza e cause dell'ipertrofia

Geograficamente, la prevalenza di HCM è variabile. Inoltre, diverse categorie di età sono prese in diverse regioni. È difficile fornire dati epidemiologici precisi perché una malattia come la cardiomiopatia ipertrofica non presenta sintomi clinici specifici. Si può dire con certezza che la malattia è più spesso rilevata negli uomini. La terza parte dei casi è rappresentata da una forma familiare, il resto dei casi si riferisce a HCM, che non ha alcun legame con un fattore ereditario.

La causa che porta all'ipertrofia del setto interventricolare (IVS) è un difetto genetico. Questo difetto può verificarsi in uno dei dieci geni, ciascuno dei quali è coinvolto nella codifica delle informazioni riguardanti il ​​lavoro della proteina proteica contrattile nelle fibre muscolari del cuore. Ad oggi, sono note circa duecento di queste mutazioni, a seguito delle quali si sviluppa la cardiomiopatia ipertrofica..

Patogenesi

Cambiamenti con ipertrofia del setto interventricolare

Cosa succede con l'ipertrofia del setto interventricolare? Ci sono diversi cambiamenti patologici correlati che si verificano con l'ipertrofia miocardica. Innanzitutto, c'è un ispessimento del miocardio nell'area specificata, dividendo i ventricoli destro e sinistro. L'ispessimento del setto interventricolare non ha simmetria, quindi tali cambiamenti possono verificarsi ovunque. L'opzione più sfavorevole è un ispessimento del setto nel tratto di efflusso del ventricolo sinistro.

Ciò porta al fatto che uno dei lembi della valvola mitrale, che separa l'atrio sinistro e il ventricolo, inizia a entrare in contatto con l'IVS ispessito. Di conseguenza, la pressione in quest'area (efferente) aumenta. Al momento della contrazione, il miocardio ventricolare sinistro deve lavorare con maggiore forza in modo che il sangue da questa camera fluisca nell'aorta. In condizioni di continuo aumento della pressione nella sezione di uscita e in presenza di ipertrofia IVS del cuore, il miocardio ventricolare sinistro perde la sua precedente elasticità e diventa rigido o rigido.

Perdendo la capacità di rilassarsi adeguatamente durante la diastole o il riempimento, il ventricolo sinistro inizia a svolgere la sua funzione diastolica in modo peggiore. La catena dei cambiamenti patologici non finisce qui, la disfunzione diastolica comporta un deterioramento dell'afflusso di sangue al miocardio. C'è ischemia (carenza di ossigeno) del miocardio, che è successivamente integrata da una diminuzione della funzione sistolica del miocardio. Oltre all'IVS, può aumentare anche lo spessore della parete del ventricolo sinistro..

Classificazione

Attualmente viene utilizzata una classificazione, che si basa su criteri ecocardiografici, che consente di differenziare la cardiomiopatia ipertrofica nelle seguenti opzioni:

  1. Forma ostruttiva. Il criterio per questa variante di cardiomiopatia ipertrofica è la differenza di pressione (gradiente di pressione), che si verifica nell'area del tratto di efflusso ventricolare sinistro e varia da 30 mm Hg. e più in alto. Questo gradiente di pressione viene creato a riposo.
  2. Forma latente. A riposo, il gradiente di pressione è inferiore a 30 mm Hg. Quando si esegue uno stress test, aumenta ed è superiore a 30 mm Hg..
  3. Forma non ostruttiva. Il gradiente di pressione a riposo e durante la prova da sforzo non raggiunge i 30 mm Hg.

Sintomi

Dolore al petto

Non sempre la presenza di ipertrofia del setto interventricolare e del ventricolo sinistro presenta dei segni clinici. I pazienti possono vivere molto e solo dopo i settant'anni iniziano a mostrare i primi segni. Ma questa affermazione non si applica a tutti. Dopotutto, esistono forme di ipertrofia IVS che si manifestano solo in condizioni di intensa attività fisica. Ci sono opzioni che si fanno sentire con un'attività fisica minima. E tutto quanto sopra è correlato alla parte in cui il setto interventricolare è ispessito. In un altro caso, l'unica manifestazione della malattia può essere la morte cardiaca improvvisa..

Prima di tutto, i sintomi appariranno con una forma ostruttiva di ipertrofia. I reclami più comuni dei pazienti con ipertrofia IVS nel tratto di efflusso saranno i seguenti:

  • dispnea,
  • dolore al petto,
  • vertigini,
  • svenimento,
  • debolezza.

Tutti questi sintomi tendono a progredire. Di regola, compaiono per la prima volta durante l'attività fisica. Con il progredire della malattia, i sintomi si fanno sentire anche a riposo..

Diagnostica e trattamento

Nonostante il fatto che la diagnostica standard dovrebbe iniziare con i reclami dei pazienti, per la prima volta l'IVS e l'ipertrofia ventricolare sinistra possono essere rilevati mediante esame ecocardiografico (ecocardiografia, ecografia del cuore). Oltre ai metodi fisici per la diagnosi di IVS e ipertrofia ventricolare sinistra, eseguiti nello studio del medico, vengono utilizzati metodi di laboratorio e strumentali. Dei metodi diagnostici strumentali, vengono utilizzati i seguenti:

  1. Elettrocardiografia (ECG). I principali segni ECG di ipertrofia miocardica del setto interventricolare e del ventricolo sinistro sono: segni di sovraccarico e ingrossamento del cuore sinistro, onde T negative nelle derivazioni toraciche, onde Q atipiche profonde nelle derivazioni II, III aVF; violazione del ritmo e della conduzione del cuore.
  2. Radiografia del torace.
  3. Monitoraggio ECG Holter 24 ore su 24.
  4. Ultrasuoni del cuore. Oggi questo metodo è il principale nella diagnostica e rappresenta il "gold standard".
  5. Risonanza magnetica per immagini Angiografia coronarica.
  6. La diagnostica genetica utilizza un metodo di mappatura. Viene applicata l'analisi del DNA dei geni mutanti.

Tutti questi metodi diagnostici non vengono utilizzati solo per diagnosticare l'HCM, ma per la diagnosi differenziale in relazione a una serie di malattie simili.

Normalizzazione del peso corporeo

Il trattamento della cardiomiopatia ipertrofica ha diversi obiettivi: ridurre le manifestazioni della malattia, rallentare la progressione dell'insufficienza cardiaca, prevenire complicazioni pericolose per la vita, ecc. Come la maggior parte, se non tutte le malattie cardiache, l'HCM richiede misure non farmacologiche che contribuiscono alla progressione della malattia. I più importanti sono la normalizzazione del peso corporeo, il rifiuto delle cattive abitudini, la normalizzazione dell'attività fisica.

I principali gruppi di farmaci per il trattamento della IVS e dell'ipertrofia ventricolare sinistra sono beta-bloccanti, calcio-antagonisti (verapamil), anticoagulanti, inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina, antagonisti del recettore dell'angiotensina, diuretici, antiaritmici di classe 1A (disodaramide). Sfortunatamente, l'HCM è difficile da trattare con i farmaci, soprattutto se c'è una forma ostruttiva e un effetto insufficiente della terapia farmacologica..

Ad oggi, ci sono le seguenti opzioni per la correzione chirurgica dell'ipertrofia:

  • escissione del muscolo cardiaco ipertrofico nell'area IVS (miosettectomia),
  • sostituzione della valvola mitrale, riparazione della valvola mitrale,
  • rimozione dei muscoli papillari ipertrofici,
  • ablazione del setto alcolico.

Complicazioni

Violazione della conduzione del cuore (blocco)

Nonostante il fatto che una tale malattia, la cardiomiopatia ipertrofica, possa essere completamente asintomatica, può avere le seguenti complicazioni:

  1. Disturbo del ritmo cardiaco. Possono verificarsi disturbi del ritmo non fatali (non fatali) come la tachicardia sinusale. In altre situazioni, l'HCM può essere complicata da tipi più pericolosi di aritmie: fibrillazione atriale o fibrillazione ventricolare. Sono le ultime due varianti di aritmie che si verificano con l'ipertrofia IVS..
  2. Violazione della conduzione del cuore (blocco). Circa un terzo dei casi di HCM può essere complicato da blocchi.
  3. Morte cardiaca improvvisa.
  4. Endocardite infettiva.
  5. Complicazioni tromboemboliche. I coaguli di sangue formati in un determinato punto del letto vascolare possono diffondersi con il flusso sanguigno e ostruire il lume del vaso. Il pericolo di una tale complicazione che questi microtrombi possano entrare nei vasi del cervello e portare a una ridotta circolazione cerebrale.
  6. Insufficienza cardiaca cronica. La progressione della malattia porta costantemente al fatto che prima la funzione diastolica e poi sistolica del ventricolo sinistro diminuisce con lo sviluppo di segni di insufficienza cardiaca.

Ipertrofia iniziale del lvp

L'ipertrofia di varie parti del cuore è una patologia abbastanza comune che si verifica a causa di danni non solo ai muscoli del cuore o delle valvole, ma anche in violazione del flusso sanguigno nel piccolo cerchio con malattie polmonari, varie anomalie congenite nella struttura del cuore, a causa dell'aumento della pressione sanguigna, così come nelle persone sane sperimentando un'attività fisica significativa.

Più spesso di altri, si verifica l'ipertrofia del ventricolo sinistro del cuore, che è associata a un grande carico funzionale su questa sezione, che spinge il sangue ad alta pressione nell'aorta per l'afflusso di sangue a tutti gli organi e tessuti. Insieme ad esso, ma notevolmente meno comune (in ordine di prevalenza): ipertrofia del ventricolo destro, atrio sinistro, atrio destro. Esistono anche ipertrofie combinate, ad esempio ipertrofia del cuore sinistro o destro o ipertrofia dell'atrio sinistro e del ventricolo destro, ecc..

Le cellule miocardiche (cardiomiociti) sono piuttosto altamente specializzate e non sono in grado di moltiplicarsi per semplice divisione, quindi l'ipertrofia miocardica si verifica a causa di un aumento del numero di strutture intracellulari e del volume del citoplasma, a seguito del quale la dimensione dei cardiomiociti cambia e la massa del miocardio aumenta..

L'ipertrofia cardiaca è un processo adattativo, cioè si verifica in risposta a vari disturbi che ne impediscono il normale funzionamento. In tali condizioni, il miocardio è costretto a contrarsi con un carico maggiore, il che comporta un aumento dei processi metabolici in esso, un aumento della massa cellulare e del volume dei tessuti..

Nelle fasi iniziali del suo sviluppo, l'ipertrofia è di natura adattativa e il cuore è in grado di mantenere il normale flusso sanguigno negli organi a causa di un aumento della sua massa. Tuttavia, nel tempo, la funzionalità del miocardio è esaurita e l'ipertrofia è sostituita dall'atrofia, il fenomeno opposto, caratterizzato da una diminuzione delle dimensioni delle cellule.

A seconda dei cambiamenti strutturali nel cuore, è consuetudine distinguere due tipi di ipertrofia:

  • Concentrico: quando la dimensione del cuore aumenta, le sue pareti si ispessiscono e le cavità dei ventricoli o degli atri diminuiscono di volume;
  • Eccentrico: il cuore è ingrandito, ma le sue cavità sono espanse.

È noto che l'ipertrofia può svilupparsi non solo con qualche tipo di malattia, ma anche in una persona sana con maggiore stress. Quindi, negli atleti o nelle persone impegnate in un duro lavoro fisico, si verifica l'ipertrofia dei muscoli scheletrici e dei muscoli cardiaci. Ci sono molti esempi di tali cambiamenti e talvolta hanno un esito molto triste fino allo sviluppo di insufficienza cardiaca acuta. L'eccessivo sforzo fisico sul lavoro, la ricerca di muscoli pronunciati nei bodybuilder, l'aumento del lavoro del cuore, ad esempio, nei giocatori di hockey, sono irti di conseguenze così pericolose, quindi, praticando tali sport, è necessario monitorare attentamente lo stato del miocardio.

Quindi, date le cause dell'ipertrofia miocardica, ci sono:

  1. Ipertrofia lavorativa (miofibrillare), che si verifica a causa di un carico eccessivo su un organo in condizioni fisiologiche, cioè in un corpo sano;
  2. Sostituzione, che è il risultato dell'adattamento dell'organo alla funzione in varie malattie.

Vale la pena menzionare questo tipo di patologia miocardica come ipertrofia rigenerativa. La sua essenza sta nel fatto che quando una cicatrice del tessuto connettivo si forma nel sito di un infarto (poiché le cellule del muscolo cardiaco non sono in grado di moltiplicarsi e reintegrare il difetto che è apparso), i cardiomiociti circostanti aumentano (ipertrofia) e assumono parzialmente le funzioni dell'area persa.

Per comprendere l'essenza di tali cambiamenti nella struttura del cuore, è necessario menzionare le ragioni principali del verificarsi dell'ipertrofia nei suoi vari reparti in condizioni di patologia..

Cause dell'ipertrofia cardiaca

Come accennato in precedenza, il miocardio del ventricolo sinistro del cuore subisce più spesso una proliferazione patologica. Normalmente lo spessore del muro di questa sezione non dovrebbe essere superiore a 1 - 1.2 cm Con un aumento oltre 1.2 cm si può parlare di ipertrofia. Di regola, anche il setto interventricolare è soggetto a modifiche. In casi gravi e trascurati, lo spessore del miocardio può raggiungere 2-3 cm e il peso del cuore aumenta fino a un chilogrammo o anche di più.

È chiaro che un tale cuore non può pompare adeguatamente il sangue nell'aorta e, di conseguenza, l'afflusso di sangue agli organi interni viene interrotto. Inoltre, a causa della maggiore massa di tessuto muscolare, le arterie coronarie non riescono più a far fronte alla fornitura di ossigeno e sostanze nutritive a fronte di una loro richiesta sempre crescente. Di conseguenza, lo sviluppo dell'ipossia e, di conseguenza, della sclerosi, cioè la proliferazione del tessuto connettivo nello spessore del miocardio ipertrofico (cardiosclerosi diffusa).

Cause dell'ipertrofia ventricolare sinistra

Tra le cause dell'ipertrofia del ventricolo sinistro ci sono le seguenti:

  • Ipertensione arteriosa;
  • Stenosi (restringimento) della valvola aortica;
  • Cardiomiopatia ipertrofica;
  • Aumento dell'attività fisica.

L'ipertensione arteriosa (AH) colpisce milioni di persone in tutto il mondo, il numero di tali pazienti è in costante crescita e in tutti i pazienti si verifica uno o l'altro grado di ipertrofia miocardica. In caso di aumento della pressione nei vasi della circolazione sistemica, il miocardio ventricolare sinistro è costretto a spingere ulteriormente il sangue nel lume aortico con una forza considerevole, il che porta, nel tempo, ad una sua ipertrofia moderata o addirittura pronunciata. È questo cambiamento nel cuore che è alla base dello sviluppo della cardiosclerosi diffusa nei pazienti con ipertensione (comparsa di fasci di tessuto connettivo), manifestata da segni di angina.

La stenosi della valvola aortica si verifica più spesso a causa di precedenti reumatismi con lo sviluppo di endocardite - infiammazione del rivestimento interno del cuore e delle valvole. Un'altra causa molto comune di danno alla valvola aortica è il processo aterosclerotico. A volte si verificano cambiamenti patologici a causa della sifilide trasferita. Dopo che l'infiammazione si è attenuata, il collagene si deposita nelle cuspidi della valvola aortica, che crescono insieme, mentre l'apertura si restringe attraverso la quale il sangue lascia il ventricolo sinistro nel letto vascolare. Di conseguenza, il ventricolo sinistro è fortemente stressato e ipertrofico..

La cardiomiopatia ipertrofica è ereditaria e si manifesta in un ispessimento irregolare di varie parti del miocardio, compreso il ventricolo sinistro e il setto interventricolare (IVS).

L'aumento dell'attività fisica contribuisce ad aumentare il lavoro del cuore ed è anche accompagnato da un aumento della pressione sanguigna, che aggrava le manifestazioni di ipertrofia della metà sinistra del cuore.

Oltre alle cause elencate e più comuni di ipertrofia ventricolare sinistra, obesità generale, disturbi ormonali e malattie renali, accompagnate dal verificarsi di ipertensione secondaria, possono anche contribuire ad esso..

Ragioni per l'ipertrofia ventricolare destra:

  1. Ipertensione polmonare cronica dovuta a COPD;
  2. Restringimento dell'apertura della valvola polmonare;
  3. Difetti cardiaci congeniti;
  4. Aumento della pressione venosa nell'insufficienza cardiaca congestizia con aumento del sovraccarico di volume sanguigno nella metà destra del cuore.

Normalmente, lo spessore della parete del ventricolo destro è di 2-3 mm, se questa cifra viene superata, parlano della comparsa di ipertrofia.

L'ipertrofia delle parti destre del cuore con la loro successiva dilatazione (espansione) porta alla formazione del cosiddetto cuore polmonare, che è inevitabilmente accompagnato da insufficienza circolatoria in entrambi i circoli. A causa della sconfitta dell'atrio e del ventricolo destro, il ritorno venoso del sangue da organi e tessuti attraverso la vena cava è disturbato. Si verifica una congestione venosa. Tali pazienti lamentano edema, mancanza di respiro, cianosi della pelle. Nel tempo, si uniscono i segni di interruzione del lavoro degli organi interni.

Vale la pena notare che i processi di ipertrofia delle varie camere del cuore sono correlati: con un aumento della parete del ventricolo sinistro, si svilupperà inevitabilmente l'ipertrofia dell'atrio sinistro. Nel tempo, a causa della presenza di una maggiore pressione nel piccolo cerchio, sarà possibile rivelare diversi gradi di ipertrofia nella metà destra del cuore..

L'ipertrofia miocardica è possibile anche nei bambini. Le cause più comuni di ciò sono i difetti cardiaci congeniti (triadi, tetralogia di Fallot, stenosi dell'orifizio dell'arteria polmonare, ecc.), Cardiomiopatia ipertrofica e altri..

Cause di ipertrofia atriale sinistra

  1. Obesità generale, che rappresenta una minaccia particolare quando si manifesta nell'infanzia e nei giovani;
  2. Stenosi o insufficienza della valvola mitrale o aortica;
  3. Ipertensione arteriosa;
  4. Cardiomiopatia ipertrofica;
  5. Anomalie congenite del cuore o dell'aorta (coartazione).

La valvola mitrale è l'apertura tra l'atrio sinistro e il ventricolo. Il danno ad esso, come l'aorta, si verifica più spesso con reumatismi, lesioni aterosclerotiche e si manifesta con stenosi (restringimento) o insufficienza. Quando questa apertura si restringe, l'atrio sinistro spinge ulteriormente il sangue con maggiore carico, e quando si verifica un'insufficienza mitralica, i lembi della valvola mitrale non si chiudono completamente, quindi un certo volume di sangue dal ventricolo ritorna nell'atrio sinistro (rigurgito) durante ogni battito cardiaco, creando un eccesso volume dei liquidi e aumento dello stress. Il risultato di tali cambiamenti nell'emodinamica intracardiaca è l'ipertrofia (aumento) del miocardio atriale sinistro..

Cause dell'ipertrofia atriale destra

Lo sviluppo di cambiamenti ipertrofici nella metà destra del cuore è quasi sempre associato a patologie polmonari e cambiamenti nel flusso sanguigno all'interno del piccolo cerchio. Il sangue proveniente da tutti gli organi e tessuti entra nell'atrio destro attraverso la vena cava, quindi, attraverso la valvola tricuspide (tricuspide), si sposta nel ventricolo, quindi da lì entra nell'arteria polmonare e ulteriormente nei polmoni, dove avviene lo scambio di gas. Ecco perché c'è un cambiamento nel cuore destro a causa di varie malattie dell'apparato respiratorio..

Le principali cause di ipertrofia atriale con localizzazione del lato destro sono:

  • Broncopneumopatia cronica ostruttiva (COPD) - asma bronchiale, bronchite cronica, enfisema polmonare, pneumosclerosi;
  • Stenosi o insufficienza della valvola tricuspide, nonché cambiamenti nella valvola polmonare e presenza di un allargamento del ventricolo destro;
  • Malformazioni congenite del cuore (difetto IVS, tetrade di Fallot).

Nelle malattie polmonari croniche, la sezione vascolare del piccolo cerchio è danneggiata con la comparsa di una quantità eccessiva di tessuto connettivo (sclerosi), una diminuzione dell'area di scambio di gas e le dimensioni della microvascolarizzazione. Tali cambiamenti comportano un aumento della pressione nei vasi dei polmoni, rispettivamente, il miocardio della metà destra del cuore è costretto a contrarsi con maggiore forza, a causa della quale si ipertrofizza.

Con il restringimento o la chiusura incompleta dei lembi della valvola tricuspide, i cambiamenti nel flusso sanguigno sono simili a quelli della metà sinistra del cuore quando cambia la valvola mitrale.

Manifestazioni di ipertrofia cardiaca

In caso di danno miocardico alla metà sinistra del cuore, possono comparire i seguenti sintomi:

  • Dispnea;
  • Vertigini, svenimenti;
  • Dolore nella regione del cuore;
  • Varie aritmie;
  • Stanchezza e debolezza.

Inoltre, l'ipertrofia può essere sospettata in presenza di un fattore causale come: ipertensione arteriosa, malattia valvolare e altri..
Quando si verifica l'ipertrofia della metà destra del cuore, i segni clinici di patologia polmonare, così come la stasi venosa, vengono alla ribalta:

  1. Mancanza di respiro, tosse, mancanza di respiro;
  2. Cianosi e pelle pallida;
  3. Rigonfiamento;
  4. Disturbi del ritmo cardiaco (fibrillazione atriale, fibrillazione, varie extrasistoli, ecc.).

Metodi per diagnosticare i cambiamenti ipertrofici

Il modo più semplice, più economico, ma allo stesso tempo più efficace per diagnosticare l'ipertrofia del muscolo cardiaco è l'ecografia o l'ecocardiografia. In questo caso, puoi determinare con precisione lo spessore di varie pareti del cuore e le sue dimensioni.

I segni indiretti di tali cambiamenti possono essere rilevati utilizzando un ECG:

I cambiamenti nella configurazione del cuore dovuti a un aumento dell'una o dell'altra delle sue parti possono anche essere giudicati dai risultati della radiografia del torace.

Schemi: ipertrofia ventricolare e atriale all'ECG

Trattamento dell'ipertrofia cardiaca

Il trattamento dell'ipertrofia di varie parti del cuore è ridotto all'effetto sulla causa che lo ha causato.

In caso di sviluppo del cuore polmonare dovuto a malattie dell'apparato respiratorio, cercano di compensare la funzione dei polmoni prescrivendo terapia antinfiammatoria, farmaci broncodilatatori e altri, a seconda della causa sottostante..

Il trattamento dell'ipertrofia ventricolare sinistra nell'ipertensione arteriosa è ridotto all'uso di farmaci antipertensivi di vari gruppi, diuretici.

In presenza di gravi difetti valvolari, è possibile il trattamento chirurgico fino alla protesi.

In tutti i casi, lottano con i sintomi del danno miocardico: la terapia antiaritmica viene prescritta secondo le indicazioni, glicosidi cardiaci, farmaci che migliorano i processi metabolici nel muscolo cardiaco (ATP, ribossina, ecc.). Si consiglia di seguire una dieta con quantità limitate di sale e assunzione di liquidi, normalizzare il peso corporeo nell'obesità.

Con difetti cardiaci congeniti, se possibile, i difetti vengono rimossi chirurgicamente. In caso di gravi disturbi nella struttura del cuore, lo sviluppo di cardiomiopatia ipertrofica, l'unica via d'uscita dalla situazione può essere un trapianto di cuore.

In generale, l'approccio alla terapia di tali pazienti è sempre individuale, tenendo conto di tutte le manifestazioni esistenti di disturbi cardiaci, condizioni generali e presenza di malattie concomitanti..

In conclusione, vorrei sottolineare che l'ipertrofia miocardica acquisita tempestivamente rilevata è abbastanza suscettibile di correzione. Se sospetti irregolarità nel lavoro del cuore, dovresti consultare immediatamente un medico, identificherà la causa della malattia e prescriverà un trattamento che darà possibilità per molti anni di vita.

Cos'è l'ipertrofia miocardica

Questa è una malattia autosomica dominante che tradisce i segni ereditari di mutazioni genetiche, colpisce il cuore. È caratterizzato da un aumento dello spessore delle pareti dei ventricoli. La cardiomiopatia ipertrofica (HCM) ha un codice di classificazione secondo ICD 10 # 142. La malattia è spesso asimmetrica, il ventricolo sinistro del cuore è più colpito. Questo succede:

  • disposizione caotica delle fibre muscolari;
  • sconfitta di piccole navi coronarie;
  • la formazione di aree di fibrosi;
  • ostruzione del flusso sanguigno - ostruzione del rilascio di sangue dall'atrio a causa dello spostamento della valvola mitrale.

Con carichi pesanti sul miocardio, causati da malattie, sport o cattive abitudini, inizia una reazione protettiva del corpo. Il cuore deve far fronte a volumi di lavoro gonfiati senza aumentare il carico per unità di massa. La compensazione inizia a verificarsi:

  • aumento della produzione di proteine;
  • iperplasia: aumento del numero di cellule;
  • un aumento della massa muscolare miocardica;
  • ispessimento del muro.

Ipertrofia miocardica patologica

Con il lavoro prolungato del miocardio sotto carichi che sono costantemente aumentati, si verifica una forma patologica di HCM. Un cuore ipertrofico è costretto ad adattarsi alle nuove condizioni. L'ispessimento del miocardio si verifica a un ritmo rapido. In questa posizione:

  • la crescita dei capillari e dei nervi è in ritardo;
  • l'afflusso di sangue è disturbato;
  • l'influenza del tessuto nervoso sui processi metabolici cambia;
  • le strutture miocardiche si consumano;
  • il rapporto tra le dimensioni del miocardio cambia;
  • si verifica una disfunzione sistolica e diastolica;
  • la ripolarizzazione è interrotta.

Ipertrofia miocardica negli atleti

Uno sviluppo anormale del miocardio - ipertrofia - si verifica impercettibilmente negli atleti. Con uno sforzo fisico elevato, il cuore pompa grandi volumi di sangue ei muscoli, adattandosi a tali condizioni, aumentano di dimensioni. L'ipertrofia diventa pericolosa, provoca un ictus, infarto, arresto cardiaco improvviso, in assenza di disturbi e sintomi. Non puoi interrompere bruscamente l'allenamento in modo che non sorgano complicazioni.

L'ipertrofia miocardica sportiva ha 3 tipi:

  • eccentrico - i muscoli cambiano proporzionalmente - tipico delle attività dinamiche - nuoto, sci, corsa a lunga distanza;
  • l'ipertrofia concentrica - la cavità dei ventricoli rimane invariata, il miocardio aumenta - si nota nei tipi di gioco e statici;
  • misto - inerente agli esercizi con l'uso simultaneo di immobilità e dinamica - canottaggio, ciclismo, pattinaggio.

Ipertrofia miocardica in un bambino

La comparsa di patologie miocardiche dal momento della nascita non è esclusa. La diagnosi a questa età è difficile. I cambiamenti ipertrofici nel miocardio sono spesso osservati nell'adolescenza, quando le cellule dei cardiomiociti crescono attivamente. L'ispessimento delle pareti anteriore e posteriore si verifica fino all'età di 18 anni, quindi si interrompe. L'ipertrofia ventricolare in un bambino non è considerata una malattia separata: è una manifestazione di numerosi disturbi. I bambini con HCM spesso hanno:

  • cardiopatia;
  • distrofia miocardica;
  • ipertensione;
  • angina.

Cause di cardiomiopatia

È consuetudine distinguere tra cause primarie e secondarie di sviluppo ipertrofico del miocardio. I primi sono influenzati da:

  • infezione virale;
  • eredità;
  • fatica;
  • consumo di alcool;
  • sovraccarico fisico;
  • peso in eccesso;
  • avvelenamento tossico;
  • cambiamenti nel corpo durante la gravidanza;
  • uso di droga;
  • mancanza di oligoelementi nel corpo;
  • patologie autoimmuni;
  • malnutrizione;
  • fumare.

Le cause secondarie dell'ipertrofia miocardica sono provocate da tali fattori:

  • insufficienza della valvola mitrale;
  • ipertensione arteriosa;
  • difetti cardiaci;
  • malattie neuromuscolari;
  • squilibrio degli elettroliti;
  • processi parassitari;
  • malattie polmonari;
  • Cardiopatia ischemica;
  • stenosi aortica;
  • violazione dei processi metabolici;
  • difetto del setto ventricolare (IVS);
  • mancanza di ossigeno nel sangue;
  • patologie endocrine.

Ipertrofia ventricolare sinistra

Più spesso le pareti del ventricolo sinistro sono affette da ipertrofia. Una delle cause dell'LVH è l'alta pressione, che costringe il miocardio a lavorare con un ritmo accelerato. A causa dei sovraccarichi risultanti, la parete ventricolare sinistra e l'IVS aumentano di dimensioni. In questa situazione:

  • si perde l'elasticità dei muscoli miocardici;
  • la circolazione sanguigna rallenta;
  • il normale funzionamento del cuore è interrotto;
  • c'è il pericolo di un forte carico su di lui.

La cardiomiopatia ventricolare sinistra aumenta il bisogno del cuore di ossigeno e sostanze nutritive. È possibile notare cambiamenti nell'LVH durante l'esame strumentale. Appare la sindrome a basse emissioni: vertigini, svenimento. Tra i segni che accompagnano l'ipertrofia:

  • angina pectoris;
  • cadute di pressione;
  • angoscia;
  • aritmia;
  • debolezza;
  • ipertensione;
  • cattivo stato di salute;
  • mancanza di respiro a riposo;
  • mal di testa;
  • fatica;
  • palpitazioni a sforzo leggero.

Ipertrofia atriale destra

Un allargamento della parete del ventricolo destro non è una malattia, ma una patologia che appare durante il sovraccarico in questa sezione. Sorge a causa del flusso di una grande quantità di sangue venoso da grandi vasi. L'ipertrofia può essere causata da:

  • difetti congeniti;
  • difetti del setto interatriale, in cui il sangue entra simultaneamente nei ventricoli sinistro e destro;
  • stenosi;
  • obesità.

L'ipertrofia ventricolare destra è accompagnata da sintomi:

  • emottisi;
  • vertigini;
  • tosse notturna;
  • svenimento;
  • dolore al petto;
  • mancanza di respiro senza sforzo;
  • gonfiore;
  • aritmia;
  • segni di insufficienza cardiaca - gonfiore delle gambe, fegato ingrossato;
  • malfunzionamenti degli organi interni;
  • cianosi della pelle;
  • pesantezza nell'ipocondrio;
  • vene dilatate nell'addome.

Ipertrofia del setto interventricolare

Uno dei segni dello sviluppo della malattia è l'ipertrofia dell'IVS (setto interventricolare). La causa principale di questo disturbo sono le mutazioni geniche. L'ipertrofia settale provoca:

  • fibrillazione ventricolare;
  • fibrillazione atriale;
  • problemi alla valvola mitrale;
  • tachicardia ventricolare;
  • violazione del deflusso di sangue;
  • insufficienza cardiaca;
  • arresto cardiaco.

Dilatazione delle camere cardiache

L'ipertrofia del setto interventricolare può provocare un aumento del volume interno delle camere cardiache. Questa espansione è chiamata dilatazione miocardica. In questa posizione, il cuore non può svolgere la funzione di una pompa, si verificano sintomi di aritmia, insufficienza cardiaca:

  • affaticabilità veloce;
  • debolezza;
  • dispnea;
  • gonfiore delle gambe e delle braccia;
  • disturbi del ritmo;

Ipertrofia cardiaca - sintomi

Il pericolo di malattia miocardica in un decorso asintomatico per lungo tempo. Spesso diagnosticato accidentalmente durante gli esami fisici. Con lo sviluppo della malattia, si possono osservare segni di ipertrofia miocardica:

  • dolore al petto;
  • violazione del ritmo cardiaco;
  • mancanza di respiro a riposo;
  • svenimento;
  • fatica;
  • respiro affannoso;
  • debolezza;
  • vertigini;
  • sonnolenza;
  • rigonfiamento.

Forme di cardiomiopatia

Va notato che la malattia è caratterizzata da tre forme di ipertrofia, tenendo conto del gradiente della pressione sistolica. Tutti insieme corrispondono al tipo ostruttivo di HCM. Spicca:

  • ostruzione basale - uno stato di riposo o 30 mm Hg;
  • latenti - uno stato calmo, inferiore a 30 mm Hg - sono caratterizzati da una forma non ostruttiva di HCM;
  • ostruzione labile - fluttuazioni spontanee del gradiente intraventricolare.

Ipertrofia miocardica - classificazione

Per comodità di lavorare in medicina, è consuetudine distinguere tra i seguenti tipi di ipertrofia miocardica:

  • ostruttivo - nella parte superiore del setto, su tutta l'area;
  • non ostruttivo: i sintomi sono scarsamente espressi, diagnosticati per caso;
  • simmetrico: tutte le pareti del ventricolo sinistro sono interessate;
  • apicale: i muscoli del cuore sono ingranditi solo dall'alto;
  • asimmetrico: colpisce solo un muro.

Ipertrofia eccentrica

Con questo tipo di LVH, la cavità ventricolare si espande e, allo stesso tempo, si compattano in modo uniforme e proporzionale i muscoli miocardici causati dalla crescita dei cardiomiociti. Con un aumento generale della massa cardiaca, lo spessore relativo della parete rimane invariato. L'ipertrofia miocardica eccentrica può influenzare:

  • setto interventricolare;
  • la cima;
  • parete laterale.

Ipertrofia concentrica

Il tipo concentrico della malattia è caratterizzato dalla conservazione del volume della cavità interna con un aumento della massa del cuore dovuto ad un aumento uniforme dello spessore delle pareti. C'è un altro nome per questo fenomeno: ipertrofia miocardica simmetrica. La malattia insorge a causa dell'iperplasia degli organelli dei miocardiociti, provocata dall'ipertensione. Questo sviluppo di eventi è tipico dell'ipertensione arteriosa..

Ipertrofia miocardica - gradi

Per una corretta valutazione delle condizioni del paziente con malattia da HCM è stata introdotta un'apposita classificazione che tiene conto dell'ispessimento del miocardio. Di quanto aumenta la dimensione delle pareti durante la contrazione del cuore, in cardiologia si distinguono 3 gradi. A seconda dello spessore del miocardio, le fasi sono determinate in millimetri:

  • moderato - 11-21;
  • media - 21-25;
  • pronunciato - oltre 25.

Diagnosi di cardiomiopatia ipertrofica

Nella fase iniziale, con un leggero sviluppo di ipertrofia muraria, è molto difficile identificare la malattia. Il processo diagnostico inizia con l'intervista al paziente, scoprendo:

  • la presenza di patologie nei parenti;
  • morte di uno di loro in giovane età;
  • malattie passate;
  • il fatto dell'esposizione alle radiazioni;
  • segnaletica esterna all'ispezione visiva;
  • valori di pressione sanguigna;
  • indicatori nelle analisi del sangue, urine.

Viene applicata una nuova direzione: la diagnosi genetica dell'ipertrofia miocardica. Aiuta a stabilire i parametri del potenziale HCMP dei metodi strumentali e radiologici:

  • ECG - determina segni indiretti - disturbi del ritmo, ipertrofia dei reparti;
  • Raggi X: mostra un aumento del contorno;
  • Ultrasuoni: valuta lo spessore del miocardio, alterato flusso sanguigno;
  • ecocardiografia: risolve il luogo dell'ipertrofia, violazione della disfunzione diastolica;
  • MRI: fornisce un'immagine tridimensionale del cuore, imposta il grado di spessore miocardico;
  • ventricolografia: esamina le funzioni contrattili.

Come trattare la cardiomiopatia

L'obiettivo principale del trattamento è riportare il miocardio alla sua dimensione ottimale. Le attività finalizzate a questo vengono svolte nel complesso. L'ipertrofia può essere trattata con una diagnosi precoce. Un ruolo importante nel sistema di guarigione del miocardio è svolto da uno stile di vita, che implica:

  • aderenza a una dieta;
  • rifiuto dell'alcol;
  • smettere di fumare;
  • perdita di peso;
  • esclusione di droghe;
  • limitare l'assunzione di sale.

Il trattamento farmacologico per la cardiomiopatia ipertrofica prevede l'uso di farmaci che:

  • ridurre la pressione sanguigna - ACE inibitori, antagonisti del recettore dell'angiotensina;
  • regolare i disturbi del ritmo cardiaco - antiaritmici;
  • farmaci con effetto ionotropico negativo - beta-bloccanti, calcio antagonisti del gruppo verapamil - rilassano il cuore;
  • rimuovere il fluido - diuretici;
  • migliorare la forza muscolare - ionotropi;
  • con la minaccia di endocardite infettiva - profilassi antibiotica.

Un metodo di trattamento efficace che altera il corso dell'eccitazione e della contrazione dei ventricoli è la stimolazione bicamerale con un ritardo atrioventricolare ridotto. Casi più complessi - ipertrofia IVS asimmetrica pronunciata, ostruzione latente, mancanza di effetto farmacologico - richiedono la partecipazione di chirurghi per la regressione. Per salvare la vita del paziente, aiuta:

  • installazione del defibrillatore;
  • impianto di un pacemaker;
  • miectomia settale transaortica;
  • escissione di una parte del setto interventricolare;
  • ablazione transcatetere settale alcolica.

Cardiomiopatia: trattamento con rimedi popolari

Su consiglio del cardiologo curante, è possibile integrare il piatto principale con rimedi erboristici. Il trattamento alternativo dell'ipertrofia ventricolare sinistra prevede l'uso di bacche di viburno senza trattamento termico, 100 g al giorno. È utile utilizzare semi di lino, che hanno un effetto positivo sulle cellule cardiache. Consiglia:

  • prendi un cucchiaio di semi;
  • aggiungere acqua bollente - litro;
  • tenere a bagnomaria per 50 minuti;
  • filtrare;
  • bevanda al giorno - dose 100 g.

L'infusione di avena ha buone recensioni nel trattamento della CMI per regolare il lavoro dei muscoli cardiaci. La prescrizione dei guaritori richiede:

  • avena - 50 grammi;
  • acqua - 2 bicchieri;
  • riscaldare fino a 50 gradi;
  • aggiungere 100 g di kefir;
  • versare il succo di ravanello - mezzo bicchiere;
  • mescolare, riposare per 2 ore, filtrare;
  • metti 0,5 cucchiai. miele;
  • dosaggio - 100 g, tre volte al giorno prima dei pasti;
  • corso - 2 settimane.

Cause dell'ipertrofia ventricolare sinistra

Il sovraccarico della sua pressione e del suo volume può portare al fatto che le pareti del ventricolo si ispessiscono e si allungano, quando il muscolo cardiaco deve superare l'ostacolo al flusso sanguigno quando viene espulso nell'aorta, o per spingere fuori un volume di sangue molto più grande del normale. Le cause del sovraccarico possono essere malattie e condizioni come:

- ipertensione arteriosa (il 90% di tutti i casi di ipertrofia è associato ad alta pressione sanguigna per lungo tempo, poiché si sviluppa un vasospasmo costante e una maggiore resistenza vascolare)
- difetti cardiaci congeniti e acquisiti - stenosi aortica, insufficienza delle valvole aortica e mitrale, coartazione (restringimento dell'area) dell'aorta
- aterosclerosi dell'aorta e deposizione di sali di calcio nei lembi della valvola aortica e sulle pareti dell'aorta
- malattie endocrine - malattie della tiroide (ipertiroidismo), ghiandole surrenali (feocromocitoma), diabete mellito
- obesità di origine alimentare o dovuta a disturbi ormonali
- consumo frequente (quotidiano) di alcol, fumo di tabacco
- praticare sport professionistici - gli atleti sviluppano l'ipertrofia miocardica come risposta allo stress costante sui muscoli scheletrici e sul muscolo cardiaco. L'ipertrofia in questo contingente di persone non è pericolosa se il flusso sanguigno all'aorta e la circolazione sistemica non sono disturbati.

I fattori di rischio per lo sviluppo dell'ipertrofia sono:

- ereditarietà gravata per malattie cardiache
- obesità
- genere (solitamente maschio)
- età (oltre 50 anni)
- aumento del consumo di sale da cucina
- disturbi del metabolismo del colesterolo

Sintomi dell'ipertrofia ventricolare sinistra

Il quadro clinico dell'ipertrofia miocardica ventricolare sinistra è caratterizzato dall'assenza di sintomi strettamente specifici e consiste nelle manifestazioni della malattia sottostante che lo ha portato e manifestazioni di insufficienza cardiaca, disturbi del ritmo, ischemia miocardica e altre conseguenze dell'ipertrofia. Nella maggior parte dei casi, il periodo di compensazione e assenza di sintomi può durare anni fino a quando il paziente non si sottopone a un'ecografia cardiaca pianificata o non si accorge della comparsa di disturbi dal cuore.
Si può sospettare l'ipertrofia se si osservano i seguenti sintomi:

- un aumento a lungo termine della pressione sanguigna, per molti anni, particolarmente scarsamente suscettibile alla correzione del farmaco e con ipertensione (più di 180/110 mm Hg)
- la comparsa di debolezza generale, aumento della fatica, mancanza di respiro durante l'esecuzione di quei carichi che in precedenza erano ben tollerati
- ci sono sensazioni di interruzioni nel lavoro del cuore o evidenti disturbi del ritmo, il più delle volte fibrillazione atriale, tachicardia ventricolare
- edema alle gambe, alle mani, al viso, che si manifesta spesso verso la fine della giornata e scompare al mattino
- episodi di asma cardiaco, soffocamento e tosse secca da sdraiati, più spesso di notte
- cianosi (colorazione bluastra) della punta delle dita, del naso, delle labbra
- attacchi di dolore al cuore o dietro lo sterno sotto sforzo oa riposo (angina pectoris)
- frequenti capogiri o perdita di coscienza
Al minimo deterioramento della salute e alla comparsa di disturbi cardiaci, è necessario consultare un medico per ulteriori diagnosi e trattamenti.

Diagnosi della malattia

L'ipertrofia miocardica può essere presunta all'esame e all'interrogatorio del paziente, specialmente se c'è un'indicazione di difetti cardiaci, ipertensione arteriosa o patologia endocrina nell'anamnesi. Per una diagnosi più completa, il medico prescriverà i metodi di esame necessari. Questi includono:

- metodi di laboratorio - esami del sangue generali e biochimici, esami del sangue per gli ormoni, esami delle urine.
- Radiografia degli organi del torace - un aumento significativo dell'ombra del cuore, un aumento dell'ombra dell'aorta con insufficienza della valvola aortica, configurazione aortica del cuore con stenosi aortica - enfatizzando la vita del cuore, spostamento dell'arco ventricolare sinistro a sinistra.
- ECG: nella maggior parte dei casi, l'elettrocardiogramma rivela un aumento dell'ampiezza dell'onda R a sinistra e l'onda S nelle derivazioni toraciche di destra, approfondimento dell'onda Q nelle derivazioni di sinistra, spostamento dell'asse elettrico del cuore (EOS) a sinistra, spostamento del segmento ST sotto l'isolina, si possono osservare segni di blocco ramo sinistro del fascio.
- Echo - KG (ecocardiografia, ecografia del cuore) consente di visualizzare con precisione il cuore e vedere le sue strutture interne sullo schermo. Con l'ipertrofia, l'ispessimento delle zone apicali e settali del miocardio, vengono determinate le sue pareti anteriori o posteriori; si possono osservare zone di ridotta contrattilità miocardica (ipocinesia). Viene misurata la pressione nelle camere del cuore e dei grandi vasi, vengono calcolati il ​​gradiente di pressione tra il ventricolo e l'aorta, la frazione di gittata cardiaca (normalmente 55-60%), la gittata sistolica e le dimensioni della cavità ventricolare (EDV, CSR). Inoltre, vengono visualizzati i difetti cardiaci, se fossero la causa dell'ipertrofia..
- stress test e stress - Echo - KG - L'ECG e l'ecografia del cuore vengono registrati dopo l'attività fisica (test del tapis roulant, ergometria della bicicletta). Essenziale per informazioni sulla resistenza del muscolo cardiaco e sulla tolleranza all'esercizio.
- Il monitoraggio ECG di 24 ore è prescritto per registrare possibili disturbi del ritmo, se non sono stati registrati in precedenza su cardiogrammi standard e il paziente lamenta interruzioni nel lavoro del cuore.
- secondo le indicazioni possono essere prescritti metodi di ricerca invasiva, ad esempio l'angiografia coronarica per valutare la pervietà delle arterie coronarie se il paziente ha una cardiopatia coronarica.
- MRI del cuore per la visualizzazione più accurata delle formazioni intracardiache.

Trattamento dell'ipertrofia ventricolare sinistra

Il trattamento dell'ipertrofia è principalmente finalizzato al trattamento della malattia sottostante che ha portato al suo sviluppo. Ciò include la correzione della pressione sanguigna, il trattamento medico e chirurgico dei difetti cardiaci, la terapia delle malattie endocrine, la lotta contro l'obesità, l'alcolismo.

I principali gruppi di farmaci volti direttamente a prevenire ulteriori violazioni della geometria del cuore sono:

- Gli ACE inibitori (hartil (ramipril), fosicard (fosinopril), prestarium (perindopril), ecc.) Hanno proprietà oranoprotettive, cioè non solo proteggono gli organi bersaglio che sono affetti da ipertensione (cervello, reni, vasi sanguigni), ma prevengono anche un ulteriore rimodellamento (ristrutturazione) del miocardio.
- i beta-bloccanti (nebilet (nebivalolo), anaprilina (propranololo), recardium (carvedilolo), ecc.) Riducono la frequenza cardiaca, riducendo la richiesta di ossigeno del muscolo e riducendo l'ipossia cellulare, a seguito della quale l'ulteriore sclerosi e la sostituzione delle zone di sclerosi da parte del muscolo ipertrofico rallenta. Previene anche la progressione dell'angina pectoris riducendo l'incidenza del dolore cardiaco e della mancanza di respiro.
- i calcio-antagonisti (norvasc (amlodipina), verapamil, diltiazem) riducono il contenuto di calcio all'interno delle cellule muscolari del cuore, prevenendo l'accumulo di strutture intracellulari, con conseguente ipertrofia. Riducono anche la frequenza cardiaca, riducendo la richiesta di ossigeno del miocardio.
- farmaci combinati - prestans (amlodipina + perindopril), noliprel (indapamide + perindopril) e altri.

Oltre a questi farmaci, a seconda della patologia cardiaca sottostante e concomitante, può essere prescritto quanto segue:

- farmaci antiaritmici - cordarone, amiodarone
- diuretici - furosemide, lasix, indapamide
- nitrati - nitromint, nitrospray, isoket, cardiket, monochinque
- anticoagulanti e antiaggreganti piastrinici - aspirina, clopidogrel, plavix, courantil
- glicosidi cardiaci - strophanthin, digossina
- antiossidanti - mexidol, actovegin, coenzima Q10
- vitamine e farmaci che migliorano la nutrizione del cuore - tiamina, riboflavina, acido nicotinico, magnerot, panangina

Il trattamento chirurgico viene utilizzato per correggere i difetti cardiaci, l'impianto di un pacemaker artificiale (pacemaker artificiale o cardioverter - defibrillatore) con frequenti parossismi di tachicardia ventricolare. La correzione chirurgica dell'ipertrofia stessa viene utilizzata per una grave ostruzione del tratto di efflusso e consiste nell'eseguire l'operazione di Morrow - escissione di una parte del muscolo cardiaco ipertrofico nella regione del setto. In questo caso, è possibile eseguire contemporaneamente un'operazione sulle valvole cardiache interessate.

Stile di vita ipertrofia ventricolare sinistra

Lo stile di vita per l'ipertrofia non è molto diverso dalle raccomandazioni di base per altre malattie cardiache. È necessario osservare le basi di uno stile di vita sano, inclusa l'esclusione o almeno la limitazione del numero di sigarette fumate.
Si possono distinguere i seguenti componenti dello stile di vita:

- modalità. Dovresti camminare di più all'aria aperta e sviluppare una modalità di lavoro adeguata e riposare con un sonno sufficiente per la durata, necessaria per il recupero del corpo.

- dieta. Si consiglia di cucinare piatti in forma bollita, al vapore o al forno, limitando la preparazione di cibi fritti. Dai prodotti consentiti carni magre, pollame e pesce, latticini, verdure fresche e frutta, succhi, gelatine, bevande alla frutta, bevande alla frutta, cereali, grassi vegetali. L'abbondante assunzione di liquidi, sale da cucina, dolciumi, pane fresco e grassi animali è limitata. Sono esclusi alcol, cibi piccanti, grassi, fritti, piccanti, cibi affumicati. Mangia cibo almeno quattro volte al giorno in piccole porzioni.

- attività fisica. L'attività fisica significativa è limitata, specialmente con un'ostruzione pronunciata del tratto di efflusso, con un'alta classe funzionale di cardiopatia ischemica o nelle ultime fasi dell'insufficienza cardiaca.

- compliance (aderenza al trattamento). Si consiglia di assumere regolarmente i farmaci prescritti e di visitare il medico curante in modo tempestivo al fine di prevenire lo sviluppo di possibili complicanze.

La capacità di lavorare con l'ipertrofia (per il contingente lavorativo delle persone) è determinata dalla malattia sottostante e dalla presenza / assenza di complicanze e malattie concomitanti. Ad esempio, in caso di grave infarto, ictus, grave insufficienza cardiaca, la commissione di esperti può decidere sulla presenza di disabilità persistente (disabilità), con un peggioramento del decorso dell'ipertensione, si osserva una disabilità temporanea, registrata in congedo per malattia, e con un decorso stabile di ipertensione e assenza di complicazioni, la capacità di lavorare è completamente preservata.

Complicazioni dell'ipertrofia ventricolare sinistra

In caso di ipertrofia grave, possono svilupparsi complicazioni come insufficienza cardiaca acuta, morte cardiaca improvvisa e disturbi del ritmo fatali (fibrillazione ventricolare). Con la progressione dell'ipertrofia, si sviluppano gradualmente insufficienza cardiaca cronica e ischemia miocardica, che possono causare infarto miocardico acuto. Le aritmie, come la fibrillazione atriale, possono portare a complicazioni tromboemboliche - ictus, embolia polmonare.

Previsione

La presenza di ipertrofia miocardica con difetti o ipertensione aumenta significativamente il rischio di sviluppare insufficienza circolatoria cronica, malattia coronarica e infarto miocardico. Secondo alcuni studi, il tasso di sopravvivenza a cinque anni dei pazienti con ipertensione senza ipertrofia è superiore al 90%, mentre con l'ipertrofia diminuisce ed è inferiore all'81%. Tuttavia, con l'uso regolare di farmaci per far regredire l'ipertrofia, il rischio di complicanze diminuisce e la prognosi rimane favorevole. Allo stesso tempo, con difetti cardiaci, ad esempio, la prognosi è determinata dal grado di disturbi circolatori causati dal difetto e dipende dallo stadio dell'insufficienza cardiaca, poiché nelle sue fasi successive la prognosi è sfavorevole.


Articolo Successivo
Eosinofili e basofili sono elevati nell'analisi del sangue