Quanto sono pericolosi gli extrasistoli sopraventricolari (sopraventricolari) e qual è la loro norma


L'extrasistole sopraventricolare è una violazione del ritmo cardiaco, che è caratterizzata dall'aspetto prematuro del complesso ventricolare.

Quando si tratta di questa aritmia, è chiaro che il fulcro dell'eccitazione è negli atri, il nodo atrioventricolare. Questa aritmia si riscontra spesso tra gli individui sani. A questo proposito, sorge la domanda: le extrasistoli sopraventricolari sono pericolose e qual è la loro norma consentita.

  • Eziologia, meccanismo di occorrenza
  • Classificazione
  • Quadro clinico
  • Diagnostica
  • Trattamento
  • Previsione

Eziologia, meccanismo di occorrenza

Può essere dovuto a cause funzionali, tossiche e organiche. Il primo tipo di aritmia non rappresenta una minaccia per la vita, la salute ed è associato all'influenza di fattori esterni sul nervo vago. Questi includono:

  1. Consumo eccessivo di bevande contenenti caffeina.
  2. Fumo.
  3. Disfunzione vegetativa.
  4. Stress psicoemotivo e fisico.

Spesso, una contrazione così straordinaria del miocardio può essere trovata nelle donne in gravidanza..

L'intossicazione ha una prognosi favorevole e si verifica nei seguenti casi:

  1. Avvelenamento con farmaci digitalici.
  2. Febbre.
  3. Consumo di alcool.
  4. L'uso di farmaci antiaritmici.

Gli extrasistoli sopraventricolari si trovano spesso sullo sfondo di molte malattie del sistema cardiovascolare e di altri sistemi. Patologia coronarica, accompagnata da un aspetto straordinario del complesso ventricolare:

  1. Malattia coronarica.
  2. Cardiomiopatia.
  3. Ipertensione arteriosa.
  4. Miocardite.
  5. Difetti delle valvole.

Altre malattie che portano a extrasistole sopraventricolare:

  1. Ipertiroidismo.
  2. Cambiamenti elettrolitici.
  3. Anemia.

Tale aritmia non è considerata la norma, è un segnale di disturbi distrofici nel miocardio.

L'emergere di uno straordinario complesso ventricolare è associato alla presenza di un fuoco inattivo di eccitazione, che inizia a funzionare sotto l'influenza di vari fattori. Insieme a questo, esiste una teoria del rientro, quando un impulso da un ramo con capacità di funzionamento normale passa con un ritardo a un altro, dove c'è una violazione della conduzione. In questo caso, l'onda di eccitazione segue un breve percorso, che porta ad una contrazione precoce dei ventricoli..

Classificazione

Per localizzazione del focus dell'impulso:

  1. Atriale.
  2. Atrioventricolare.

Per frequenza di occorrenza in un certo intervallo di tempo:

  1. Raro (fino a 5 al minuto).
  2. Media (6-15 al minuto).
  3. Frequente (più di 15 al minuto).

Per il numero di riduzioni consecutive:

  1. Gruppo (due di fila).
  2. Accoppiato (più di tre).

Alternando una normale frequenza cardiaca e una contrazione straordinaria:

  1. Bigeminia (alternanza di un normale complesso ventricolare con uno straordinario).
  2. Trigeminia (due battiti normali sono seguiti da extrasistolica).
  3. Quadrogeminia (la contrazione prematura segue tre contrazioni normali).

Gli extrasistoli accoppiati hanno una prognosi sfavorevole, poiché tre o più complessi anormali sono considerati tachicardia parossistica.

Quadro clinico

Le singole e rare extrasistoli sopraventricolari non si riflettono negativamente sul benessere. I pazienti spesso non hanno problemi di salute. In tali circostanze, si parla di una versione accettabile della norma.

Se ci sono segni clinici, in tutti i casi si notano palpitazioni e interruzioni nel lavoro del cuore. I pazienti con sensazioni simili sono descritti come congelati, che cadono dietro lo sterno..

Frequenti extrasistoli riducono la diastole, durante la quale c'è un massimo apporto di sangue al miocardio, l'apporto di sostanze nutritive. Di conseguenza, si verificherà l'ischemia del tessuto cardiaco, che si manifesterà come dolore acuto a breve termine.

Nei pazienti affetti da patologia coronarica, la frequente contrazione straordinaria delle fibre miocardiche si manifesta con vertigini pronunciate e debolezza generale, sensazione di mancanza d'aria. Ciò è dovuto all'ipossia del cervello sullo sfondo di una violazione del suo apporto di sangue..

Diagnostica

Riconoscere l'extrasistole sopraventricolare non è difficile. La diagnosi può essere fatta all'inizio della ricerca diagnostica. Durante il sondaggio, i pazienti descriveranno i disturbi caratteristici delle interruzioni nel cuore. L'esame rivela un polso irregolare e sintomi di malattie coronariche (aumento della pressione sanguigna, soffi cardiaci, scolorimento della pelle, ecc.).

La diagnosi è confermata dall'elettrocardiografia, dal monitoraggio Holter quotidiano. Le caratteristiche dei disturbi del ritmo extrasistolico sopraventricolare sono le seguenti.

  1. Comparsa precoce di un complesso ventricolare (QRS) non deformato.
  2. Cambiamento dell'onda P prima della contrazione precoce.
  3. Pausa compensatoria incompleta.

Dalla giunzione atrioventricolare:

  1. Apparizione di un complesso QRS prematuro.
  2. Onda P negativa in 2.3, aVF conduce dopo una contrazione straordinaria.
  3. Pausa compensatoria incompleta.

Il monitoraggio Holter giornaliero consente di diagnosticare rari extrasistoli singoli, non registrati sul nastro del cardiogramma.

Inoltre, secondo le indicazioni, vengono eseguiti ultrasuoni e test di laboratorio.

Trattamento

Le tattiche terapeutiche includono le seguenti regole per arrestare l'attività contrattile miocardica prematura. Prima di tutto, è necessario escludere cattive abitudini, organizzare il regime della giornata e il riposo, normalizzare l'atmosfera emotiva, consumare moderatamente caffè, tè forte.

Prescrizione di sedativi: valeriana, motherwort, melissa, menta. È imperativo aderire a una dieta contenente potassio (frutta secca, patate, ciliegie, uva) e, se necessario, assumere farmaci come Asparkam, Panangin.

Tali misure sono efficaci quando l'aritmia è di natura funzionale e non è una deviazione dalla norma..

Quando un disturbo extrasistolico influisce negativamente sul benessere del paziente, deriva da patologia cardiaca e rischia di innescare un parossismo di tachiaritmia, la terapia antiaritmica è appropriata. A tale scopo vengono utilizzati i seguenti farmaci:

  1. 1a classe (novocainamide).
  2. Grado 2 (beta bloccanti).
  3. Grado 4 (antagonisti dei canali del calcio).

Previsione

L'extrasistole sopraventricolare è un disturbo del ritmo cardiaco comune. In molti pazienti la malattia è asintomatica. Le contrazioni premature rare e sporadiche in individui sani non portano a conseguenze minacciose per la salute.

Più pericolosi sono i disturbi extrasistolici di gruppo frequenti, che possono essere irti di disturbi emodinamici acuti e cronici.

Cos'è l'extrasistole sopraventricolare

La violazione del cuore, caratterizzata da contrazioni straordinarie difettose del miocardio dovute a impulsi aggiuntivi nelle parti superiori dell'organo o nel nodo atrioventricolare, è un'extrasistole sopraventricolare.

Classificazione

Per capire cos'è questa patologia, è necessario sapere che il muscolo cardiaco si contrae con essa ancor prima che il cuore si riempia di sangue per poi lanciarlo nel sistema circolatorio. La malattia che causa tali disturbi è chiamata "extrasistole".

La patologia è classificata in base a diversi indicatori:

  1. Per localizzazione del fuoco: seno, atriale, atrioventricolare (o dalla giunzione AV), ventricolare.
  2. In base al numero di extrasistoli:
    • singolo (sporadico) - un fallimento nella ciclicità si verifica in modo irregolare e raramente;
    • alloritizzato: un cambiamento nella frequenza cardiaca si verifica regolarmente, agli intervalli corretti;
    • il bagno turco si verifica se due extrasistoli si susseguono in fila in direzioni diverse;
    • gruppo (tachicardia parassistica) - seguono tre o più impulsi di seguito.
  3. In base al numero di centri di pulsazioni:
    • monotopico (monofocale) - gli extrasistoli provengono da un punto, il divario di adesione tra loro non è superiore a 0,04 s;
    • politopico (polifocale) - impulsi da diversi fuochi, la differenza tra gli intervalli di adesione raggiunge 0,08 s.
  4. Per forma: monomorfo e polimorfico.
  5. Per frequenza: raro - non più di 5 impulsi al minuto o fino a 30 all'ora, frequente - oltre 5 e 30, rispettivamente.
  6. Al momento dell'apparizione: presto, medio e tardi.
  7. Secondo la previsione del corso - favorevole e sfavorevole.

In medicina, la malattia è anche classificata secondo Lown. Quest'ultimo è stato prodotto negli anni '70 del XX secolo, è ancora attuale e comprende cinque gradazioni:

  • 0-1 - non si osserva aritmia o il numero di extrasistoli è massimo 30 durante qualsiasi ora di monitoraggio;
  • 2 - più di 30 impulsi monomorfi frequenti e soli all'ora;
  • 3 - impulsi multifocali;
  • 4 - tipi ripetuti di aritmie: 4a - accoppiati da un focus, 4b - impulsi di gruppo, inclusi i momenti di tachicardia;
  • 5 - prime extrasistoli, secondo il principio R su T..

La classificazione aiuta i medici a determinare correttamente la gravità della malattia. L'extrasistole ventricolare si verifica nel 50-60% della popolazione e in alcuni casi la malattia è lieve, mentre altri richiedono un trattamento complesso. Il metodo di Laun ti consente di distinguere una malattia grave da una patologia minore.

Secondo le previsioni (classificazione di J. T. Biqqer), le aritmie si dividono in:

  • di natura benigna, senza segni di patologia organica del cuore e sua disfunzione, la morte improvvisa in tal caso praticamente non accade;
  • di natura potenzialmente maligna, che sono caratterizzati da un'extrasistole esistente con danno organico al cuore, aumenta il rischio di morte;
  • natura maligna, quando gli impulsi ventricolari si verificano con gravi danni cardiaci, il rischio di morte improvvisa è massimo (ovvero il passaggio del paziente a uno stato di morte clinica e se si è in ritardo con la rianimazione, sarà impossibile riportare in vita una persona, di conseguenza - morte biologica).

Sintomi

I sintomi variano a seconda del tipo di malattia, ma sono gli stessi negli adulti e nei bambini. Molto spesso, i pazienti si lamentano di:

  • il verificarsi di sudorazione, calore nel corpo;
  • attacchi di vertigini, debolezza;
  • mancanza di respiro e sensazione di mancanza di respiro;
  • paura di panico inspiegabile.

Inoltre, molti distinguono una violazione del ritmo cardiaco, una sensazione di pulsazione delle vene del collo, una sensazione come se il cuore si stesse "girando".

Questi sintomi non compaiono allo stesso tempo. A seconda del tipo di malattia, alcuni sono più pronunciati, altri meno evidenti. La diagnosi finale è possibile dopo che tutti gli studi sono stati completati..

L'extrasistole sopraventricolare provoca disturbi della memoria, attenzione. Un flusso sanguigno insufficiente con un impulso prematuro contribuisce al verificarsi di stress, ansia incomprensibile, disturbi del sonno.

Cause di occorrenza

L'extrasistole sopraventricolare è più spesso provocata da una cardiopatia organica, ma può anche essere idiopatica. Tra i fattori che causano extrasistoli sopraventricolari (contrazione cardiaca prematura) ci sono:

  1. Patologie cardiache (cause cardinali):
    • malattia ischemica, che causa carenza di ossigeno e insufficiente apporto di sangue;
    • infarto del miocardio - danno e morte di una parte del muscolo cardiaco, nel tempo si forma una cicatrice in questo luogo;
    • insufficienza cardiaca, quando l'organo non è in grado di pompare completamente il sangue;
    • patologie che danneggiano il muscolo cardiaco (cardiomiopatie);
    • cardiopatia congenita o acquisita;
    • processi infiammatori nel muscolo cardiaco - miocardite.
  2. Uso a lungo termine o incontrollato di alcuni farmaci, come glicosidi cardiaci, diuretici, farmaci antiaritmici.
  3. Cambiamenti nelle proporzioni corporee degli elettroliti - parti di potassio, magnesio, sali di sodio.
  4. L'influenza di fattori esterni, come fumo, alcolismo, abuso di bevande contenenti caffeina, assunzione di droghe.
  5. Squilibrio nell'attività del sistema nervoso autonomo, responsabile della respirazione, della frequenza cardiaca, della digestione.
  6. Cambiamenti negativi nei livelli ormonali, presenza di diabete mellito, tireotossicosi, malattia surrenale.
  7. Mancanza di ossigeno (ipossia), ad esempio, con anemia, bronchite, arresto respiratorio notturno (apnea).

Succede che non è possibile stabilire cosa abbia influenzato lo sviluppo della patologia. Spesso, le malattie cardiache si verificano nelle persone con vagotonia, osteocondrosi cervicale. Spesso, singoli extrasistoli sono possibili in persone sane, compaiono senza motivo.

Stabilire la diagnosi

Vengono utilizzati diversi metodi per chiarire la diagnosi esatta. Prima di tutto, conducono un esame generale del paziente, ascoltano le sue lamentele sulle interruzioni nel lavoro del cuore, valutano il cambiamento dei sintomi, scoprono tutto sulle malattie infettive trasferite, sullo stile di vita.

Dopodiché, viene scritta una direzione per:

  • analisi di urina, sangue (biochimica e generale, per il contenuto di ormoni);
  • elettrocardiografia (ECG), che rileva anomalie specifiche per ogni tipo di extrasistole;
  • monitoraggio Holter quotidiano, in cui viene messo sul paziente uno speciale sensore per fissare i ritmi cardiaci durante qualsiasi azione (camminata, riposo, attività fisica, ecc.), dopodiché, sulla base di queste indicazioni, vengono determinate le violazioni esistenti
  • studio elettrofisiologico (impatto sul muscolo cardiaco con impulsi elettrici deboli);
  • ecocardiografia (EchoCG) o ecografia del cuore per cercare malattie cardiache.

Il monitoraggio giornaliero tramite Holter ed ECG consente di riconoscere extrasistoli sopraventricolari con conduzione aberrante, che è la forma aberrante più comune di un ciclo breve.

Se necessario, viene eseguito uno stress test, rilevando letture ECG durante l'attività fisica (esercizio su simulatori, squat) e successivamente, che consente di identificare l'aritmia.

Extrasistole in un bambino

Le deviazioni nei bambini piccoli e nei neonati vengono solitamente rilevate durante un esame di routine su un ECG, poiché a causa dell'età non possono descrivere nessuno dei propri sentimenti.

La malattia non causa notevole preoccupazione ai bambini; i bambini più grandi possono lamentarsi di stanchezza, mancanza di respiro e battiti cardiaci frequenti. Nell'80% dei casi, la malattia si manifesta nell'adolescenza (12-15 anni), più spesso nei ragazzi.

Una sorta di tale aritmia non causa molti danni al bambino, le possibili complicanze sono pericolose, in particolare la fibrillazione atriale, che causa la cessazione degli impulsi cardiaci.

Una caratteristica della malattia nei bambini è il verificarsi di ricadute, quando, dopo una lunga remissione, la malattia ricompare.

Extrasistole nelle donne in gravidanza

Durante la gestazione, il carico sul cuore aumenta in modo significativo e l'attività ritmica del miocardio può essere disturbata. Durante la gravidanza, questa non è una malattia così rara ed è caratterizzata da contrazioni irregolari aggiuntive.

La patologia colpisce la parte inferiore, superiore del cuore o l'intero organo, questa è una delle varietà di aritmia.

Le extrasistoli ventricolari si verificano a causa di cambiamenti ormonali nel corpo, specialmente se c'erano problemi con il sistema cardiaco prima della gravidanza o se c'era una predisposizione a loro.

Norme di ritmo

L'extrasistole è il cambiamento più comune nella frequenza cardiaca. Si manifesta sia nelle persone con patologie cardiache che nelle persone sane. In quest'ultimo caso, si verificano singoli extrasistoli e gli extrasistoli di gruppo sono molto meno comuni..

Durante il monitoraggio di un ECG, la norma al giorno non supera i 200 extrasistoli sopraventricolari.

Trattamento

Molto spesso, la malattia non richiede un trattamento speciale. Spesso è sufficiente riconsiderare la routine quotidiana, le abitudini per ridurre i sintomi e le manifestazioni spiacevoli.

Metodi tradizionali

Se non ci sono patologie del cuore e del sistema endocrino, devi solo seguire le raccomandazioni del medico:

  • riservare del tempo per il riposo durante il giorno;
  • razionalizzare la dieta, includere più alimenti contenenti fibre, ridurre al minimo la quantità di cibi grassi, piccanti e fritti;
  • se possibile, evitare lo stress, una grande attività fisica;
  • fare una passeggiata all'aria aperta ogni giorno.

Nei casi in cui il numero di extrasistoli supera le 200 unità al giorno o sono provocati da qualche tipo di malattia, viene prescritta la terapia farmacologica:

  • farmaci antiaritmici, a seconda del tipo di malattia - "Verapamil", "Etatsizin";
  • medicinali a base di potassio e magnesio - "Concor", "Propafenone";
  • per normalizzare la frequenza cardiaca, "Panangin", "Asparkam" vengono prescritti come farmaci complementari.

Inoltre, a seconda del quadro clinico, vengono prescritti beta-bloccanti ("Bisoprololo"), bloccanti dei canali del sodio e del potassio ("Allapinin", "Amiodarone").

Se la terapia conservativa non funziona, viene utilizzato un intervento chirurgico: chirurgia a cuore aperto, ablazione con catetere a radiofrequenza dei focolai ectopici.

Modi popolari

Al momento di decidere sull'uso di rimedi popolari, dovresti consultare il tuo medico per non aggravare la situazione. Si consigliano erbe o preparati per aiutare a normalizzare il sonno, calmare il sistema nervoso. È bene usare menta, motherwort, biancospino, valeriana. L'ingestione di una miscela di succo di ravanello nero e miele aiuta.

I preparati a base di erbe per sbarazzarsi delle aritmie sono i migliori per la gravidanza e i bambini, poiché non hanno effetti collaterali.

Conseguenze e misure preventive

Se la malattia è iniziata, condurre uno stile di vita malsano, può provocare insufficienza cardiaca, fibrillazione atriale, un cambiamento nella configurazione dell'atrio.

Come misura preventiva, i medici consigliano:

  • osservare la routine quotidiana, alternando lavoro e riposo;
  • garantire un sonno adeguato (almeno 8 ore al giorno);
  • smettere di fumare, bere alcolici.

È anche importante consultare uno specialista in modo tempestivo quando compaiono i sintomi, assumere i farmaci solo dopo essere stati prescritti da un medico.

L'extrasistole di per sé non rappresenta una minaccia per la vita umana, il pericolo principale è il rischio di sviluppare gravi patologie cardiache. Pertanto, è importante consultare un medico in modo tempestivo e adottare misure per prevenire conseguenze negative..

Battiti prematuri sopraventricolari

L'extrasistole sopraventricolare è una variante del disturbo del ritmo cardiaco, che si manifesta nel verificarsi di impulsi cardiaci al di fuori del sistema di conduzione del cuore, vale a dire negli atri o nella giunzione atrioventricolare. È possibile rilevare l'extrasistole sopraventricolare sia in persone con cardiopatologie che in persone assolutamente sane.

Questo tipo di disturbi del ritmo cardiaco si manifesta nel fatto che periodicamente una persona sperimenta interruzioni nel lavoro del cuore, a volte c'è una sensazione di mancanza d'aria, mancanza di respiro. Anche se in alcuni casi le persone non sospettano nemmeno di avere extrasistole sopraventricolare e apprendono questo problema dopo un ECG pianificato.

Sintomi di extrasistole sopraventricolare

I sintomi dell'extrasistole sopraventricolare possono variare a seconda della presenza di cardiopatologia.

A volte le aritmie cardiache sono completamente asintomatiche e talvolta il paziente può presentare i seguenti reclami:

Una sensazione periodica di interruzioni nel lavoro del cuore, sebbene normalmente una persona non dovrebbe sentire il proprio battito cardiaco. A volte le persone dicono di avere la sensazione che il loro cuore si stia "girando" dentro. Ciò è dovuto al fatto che dopo che si verifica un episodio di extrasistole, è seguito da un impulso cardiaco compensatorio. È lui che lo percepisce come un colpo di stato.

La comparsa di vampate di calore, sudorazione.

A volte possono verificarsi grave debolezza e vertigini.

Di tanto in tanto, i pazienti avvertono mancanza di respiro e la sensazione di non avere abbastanza aria. Parallelamente, una persona ha una sensazione di panico, paura della propria morte..

La gravità dei sintomi dipende dalla presenza di cardiopatia organica.

Cause di extrasistole sopraventricolare

Le cause dell'extrasistole sopraventricolare sono divise in 7 grandi gruppi, tra cui:

Extrasistoli di eziologia cardiaca. Questo gruppo include extrasistoli sopraventricolari, che sono causati da una o un'altra malattia cardiaca:

Difetti cardiaci congeniti e acquisiti.

Processi infiammatori nel muscolo cardiaco (miocardite).

È la malattia cardiaca che è la causa più comune che porta allo sviluppo di disturbi del ritmo cardiaco..

Extrasistoli dovuti all'assunzione di farmaci. A questo proposito, farmaci come diuretici e glicosidi cardiaci sono pericolosi..

Violazione del rapporto tra elettroliti nel corpo.

Extrasistoli derivanti da fattori esterni. Questo gruppo include disturbi del ritmo cardiaco causati dall'abuso di bevande alcoliche, fumo, assunzione di droghe, eccessiva passione per i liquidi contenenti caffeina, cibo piccante.

Disregolazione del sistema nervoso autonomo.

Disturbi ormonali nel corpo causati da un malfunzionamento delle ghiandole endocrine, ghiandole surrenali. L'extrasistole sopraventricolare può portare al diabete mellito.

Separatamente, si distingue extrasistole sopraventricolare di eziologia inspiegabile. In questo caso, sorgono disturbi del ritmo per ragioni che non possono essere stabilite.

Il metodo principale che consente di diagnosticare l'extrasistole sopraventricolare è l'ECG.

Trattamento dell'extrasistole sopraventricolare

Il trattamento dell'extrasistole sopraventricolare dipende dal fatto che la persona abbia sintomi di disturbi del ritmo cardiaco che sente e anche se ha altre malattie cardiache.

Nel caso in cui non vi siano cardiopatologie e i disturbi del ritmo cardiaco siano asintomatici, i medici si limitano a raccomandazioni standard.

Limitare l'uso di cibi e bevande piccanti con caffeina. Inoltre, non lasciarti trasportare troppo dal tè forte..

Condurre uno stile di vita sano con un esercizio moderato.

Smettere di fumare, usare droghe e bevande alcoliche.

Il pericolo principale dell'extrasistole sopraventricolare è che può provocare flutter atriale. Questo, a sua volta, può causare ictus, infarto, occlusione vascolare e altri incidenti cardiovascolari. Pertanto, anche se il medico non ha prescritto alcun farmaco, è necessario attenersi alle raccomandazioni fornite..

Nel caso in cui l'extrasistole sia causata da qualsiasi malattia, tutti gli sforzi dovrebbero essere diretti al suo trattamento, poiché non sarà possibile eliminare i disturbi del ritmo cardiaco senza di esso. Spesso questi pazienti vengono messi sotto controllo da un neurologo. Sono prescritti sedativi, ad esempio Relanium e Rudotel. In alcuni casi, questi farmaci vengono sostituiti con preparati a base di erbe sedative (melissa, erba madre, tintura di peonia). Allo stesso tempo, è importante stabilire che i disturbi del ritmo cardiaco non sono provocati dall'assunzione di farmaci..

Nel caso in cui gli extrasistoli causino sintomi che una persona sente in modo indipendente e il numero di extrasistoli al giorno supera i 200 episodi, si consiglia al paziente di assumere farmaci antiaritmici. Ce ne sono 4 classi. La scelta di un farmaco specifico dipende dalle condizioni del paziente, dalla sua storia e dai reclami. È importante condurre un monitoraggio ECG Holter prima di prescrivere un particolare farmaco..

È possibile utilizzare i seguenti farmaci per il trattamento dell'extrasistole sopraventricolare:

Se, dopo 2 mesi dall'inizio della terapia, gli extrasistoli sono stati eliminati e non sono determinati dall'ECG, è possibile ridurre la dose del farmaco selezionato con la sua successiva cancellazione. In alcuni casi è necessario un trattamento più lungo. Se l'extrasistole ha una forma maligna, in cui aumenta il rischio di sviluppare condizioni potenzialmente letali, è indicato il trattamento continuo. L'ablazione con radiofrequenza per extrasistole sopraventricolare non è prescritta.

Il decorso dell'extrasistole sopraventricolare senza danni al muscolo cardiaco è generalmente favorevole.

L'extrasistole ventricolare è uno dei tipi di aritmie cardiache. La patologia si manifesta in contrazioni straordinarie e premature dei ventricoli del cuore. Allo stesso tempo, il paziente stesso in tali momenti sperimenta vertigini, debolezza, dolore al cuore, sensazione di mancanza d'aria. Per rilevare la malattia, è necessario un esame cardiologico completo..

Nei casi lievi di extrasistole idiopatica, non accompagnata da cambiamenti nel muscolo cardiaco e nei vasi coronarici, la terapia farmacologica non è richiesta. È sufficiente spiegare al paziente che la ragione di questa condizione sono i disturbi del regime, l'aumento dello stress fisico e psicologico. Basta snellire la routine quotidiana, non sovraccaricare.

L'ablazione con radiofrequenza, o RFA, è una chirurgia cardiaca minimamente invasiva eseguita sotto la supervisione di una macchina a raggi X. La procedura viene eseguita per trattare aritmie, tachicardia, extrasistoli e altri disturbi nel lavoro del cuore. L'effetto terapeutico si ottiene grazie all'effetto puntuale della corrente ad alta frequenza sulle aree danneggiate del cuore.

Extrasistole sopraventricolare - sintomi e trattamento

Che cosa sono i battiti prematuri sopraventricolari? Analizzeremo le cause di occorrenza, diagnosi e metodi di trattamento nell'articolo della dottoressa Kolesnichenko Irina Vyacheslavovna, cardiologa con 23 anni di esperienza.

Definizione di malattia. Cause della malattia

Il cuore normalmente funziona in modo ordinato. Il ritmo del cuore è impostato dal nodo del seno, che genera impulsi elettrici. Sotto la loro influenza, gli atri si contraggono prima, poi i ventricoli. A volte il ritmo cardiaco è disturbato e si verifica un'eccitazione e contrazione prematura del cuore o delle sue parti, chiamata extrasistole.

L'extrasistole sopraventricolare (sopraventricolare) (LES) è una straordinaria contrazione prematura del cuore da impulsi originati dagli atri superiori o inferiori o dalla giunzione atrioventricolare (giunzione AV), che si trova tra gli atri ei ventricoli del cuore [1].

Le cause dell'extrasistole possono essere cardiache ed extracardiache. Le malattie cardiache sono associate a malattie del sistema cardiovascolare (battiti prematuri organici). Le cause extracardiache sono associate a malattie di altri organi e sistemi, nonché all'azione di alcuni fattori (extrasistole funzionale). In alcuni casi, l'extrasistole sopraventricolare non è associata a problemi del cuore o di altri organi e all'azione di fattori provocatori. In questo caso, viene diagnosticata l'extrasistole idiopatica..

L'extrasistole organica si verifica nelle malattie cardiache: malattia coronarica (IHD), ipertensione arteriosa e con ispessimento della parete ventricolare sinistra, cardiomiopatie, difetti cardiaci, insufficienza cardiaca, prolasso (flessione) della valvola mitrale e altre malattie del sistema cardiovascolare.

Cause di extrasistole funzionale:

  • squilibrio elettrolitico: diminuzione o aumento della concentrazione di potassio, calcio e sodio nel sangue, diminuzione del magnesio;
  • vari tipi di intossicazione, comprese le malattie infettive;
  • malattie accompagnate da carenza di ossigeno nei tessuti: anemia, malattie broncopolmonari;
  • ristrutturazione e malattie del sistema endocrino: diminuzione o aumento dell'attività ormonale delle ghiandole surrenali e della tiroide, diabete mellito, formazione / squilibrio / estinzione della funzione ovarica (inizio delle mestruazioni, menopausa), gravidanza;
  • squilibrio del sistema nervoso autonomo: distonia vegetativo-vascolare, influenze autonome nelle malattie del tratto gastrointestinale.
  • fumo, stress, consumo di grandi quantità di bevande caffeinate o alcoliche, che portano ad un aumento dell'attività del sistema simpatico-surrenale e all'accumulo di catecolamine (adrenalina, norepinefrina, ecc.), Che aumentano drasticamente l'eccitabilità del miocardio. In questo caso, c'è una chiara connessione con il fattore provocante, ma non ci sono cambiamenti organici nel muscolo cardiaco..

È molto importante identificare il fattore eziologico che ha causato l'extrasistole sopraventricolare: il trattamento consigliato dipenderà da questo.

Gruppo di motiviFattori causali
Malattia cardiovascolare⠀ • ⠀ Cardiopatia ischemica cronica (CHD) e infarto miocardico
⠀ • ⠀ Cardiomiopatia
⠀ • ⠀ Ipertensione arteriosa che porta all'ipertrofia ventricolare sinistra
⠀ • ⠀ Miocardite (infiammazione del muscolo cardiaco)
⠀ • ⠀ Insufficienza cardiaca
⠀ • ⠀ Difetti cardiaci congeniti e acquisiti
⠀ • ⠀ Prolasso della valvola mitrale
L'influenza dei farmaci⠀ • ⠀ Sovradosaggio o assunzione incontrollata di farmaci ("Digossina", antiaritmici, diuretici, beta-adrenostimolanti, antidepressivi, "Euphyllin", "Beroduala", "Salbutamol")
Squilibrio elettrolitico⠀ • ⠀ Diminuzione o aumento della concentrazione ematica di potassio, calcio e sodio, diminuzione del magnesio
Intossicazione⠀ • ⠀ Alcol, prodotti chimici, rischi professionali, fumo
⠀ • ⠀ Malattie infettive
Squilibrio del sistema nervoso autonomo⠀ • ⠀ Distonia vegeto-vascolare, influenze vegetative nelle malattie del tratto gastrointestinale
Malattie accompagnate da carenza di ossigeno nei tessuti⠀ • ⠀ Anemia, patologia del sistema broncopolmonare
Malattie e condizioni di ristrutturazione del sistema endocrino⠀ • ⠀ Attività ormonale ridotta o aumentata delle ghiandole surrenali e della tiroide
⠀ • ⠀ Diabete mellito
⠀ • ⠀ Diventare / squilibrio / estinzione della funzione ovarica (inizio delle mestruazioni, menopausa)
⠀ • ⠀ Gravidanza
Caratteristiche dello stile di vita⠀ • ⠀ Nervosismo, preoccupazioni, emozioni negative
⠀ • ⠀ Situazioni stressanti frequenti
⠀ • ⠀ Attività fisica eccessiva, attività fisica ridotta
Nessun motivo identificato⠀ • ⠀ Non vi è alcuna associazione di aritmia con malattie o altri fattori

Sintomi di extrasistole sopraventricolare

Non è difficile sospettare un'extrasistole sopraventricolare in un paziente se si sente. Molto spesso, i pazienti lamentano una sensazione di interruzioni nel lavoro del cuore: contrazioni premature, pause, dissolvenza. Se l'aritmia si verifica di notte, il paziente può svegliarsi e sentirsi ansioso. Meno spesso, i pazienti sono disturbati da attacchi di frequenti battiti cardiaci irregolari, in questo caso è richiesta l'esclusione della fibrillazione atriale parossistica (parossistica).

A volte si può notare uno schema curioso: i più spiacevoli sono extrasistoli funzionali "innocui", non associati a danni al cuore. Una persona potrebbe non sentire disturbi del ritmo più gravi. Ciò è probabilmente dovuto alla soglia di sensibilità all'aritmia nei pazienti e al grado di danno al muscolo cardiaco..

I periodi di extrasistole sopraventricolare non sono solitamente accompagnati da gravi disturbi emodinamici (afflusso di sangue). Tuttavia, i pazienti con danni organici al cuore possono provare dolore toracico di diversa natura, possono verificarsi la comparsa o un aumento di mancanza di respiro, debolezza, capogiri e anche la tolleranza all'esercizio fisico diminuisce..

L'extrasistole sopraventricolare con distonia vegetativa-vascolare è accompagnata da grave affaticamento, debolezza, aumento della sudorazione, mal di testa periodico, vertigini, irritabilità.

Il verificarsi di interruzioni nel lavoro del cuore durante l'extrasistole può essere associato all'azione di fattori provocatori (fumo, alcol, attività fisica eccessiva, ecc.), Un'esacerbazione della malattia che ha causato l'extrasistole. Tuttavia, i sintomi dell'aritmia possono manifestarsi senza alcun collegamento con alcun fattore provocante [6].

Patogenesi dell'extrasistole sopraventricolare

Esistono diversi meccanismi per l'origine degli extrasistoli:

  • Rientro di un'ondata di eccitazione (rientro). Normalmente, l'impulso elettrico passa attraverso il sistema di conduzione del cuore solo una volta, dopodiché svanisce. Al rientro, l'impulso può nuovamente propagarsi al miocardio, provocandone l'eccitazione prematura. Inoltre, c'è una circolazione di conduzione con ripetuta eccitazione ripetuta del tessuto in assenza di un intervallo di rilassamento cardiaco.
  • Aumento dell'eccitabilità del miocardio che si verifica sotto il nodo del seno a causa di vari fattori. Allo stesso tempo, aumenta l'attività delle membrane cellulari delle singole sezioni degli atri e della giunzione AV..

Va notato che l'impulso ectopico (errato) dagli atri si diffonde dall'alto verso il basso lungo il sistema di conduzione cardiaca. Uno straordinario impulso che nasce nella connessione AV si propaga in due direzioni: dall'alto verso il basso lungo il sistema conduttivo dei ventricoli e dal basso verso l'alto (nella direzione opposta) lungo gli atri.

L'identificazione del meccanismo eziopatogenetico (cioè la causa e il meccanismo di sviluppo) dell'insorgenza di extrasistoli sopraventricolari è molto importante, poiché ciò determina le tattiche terapeutiche.

Con un attento interrogatorio del paziente, è possibile non solo identificare i segni di varie malattie cardiache, ma anche stabilire la frequenza e la regolarità del fumo, del bere tè, caffè, alcol, psicostimolanti e droghe, nonché una serie di farmaci che provocano extrasistole sopraventricolare. Il meccanismo di comparsa di extrasistoli in questo caso è associato alla stimolazione del sistema nervoso simpatico.

In tutti i pazienti con ELE, è necessario controllare la funzione della ghiandola tiroidea, poiché un cambiamento nel suo stato funzionale a volte causa aritmie. Ad esempio, un aumento dei livelli di ormone tiroideo può causare palpitazioni, extrasistoli sopraventricolari e ventricolari e fibrillazione atriale. Se in futuro è necessario prescrivere il farmaco antiaritmico "Amiodarone", assicurarsi di controllare il livello degli ormoni TSH, T3 e T4.

In caso di sviluppo acuto di extrasistole sopraventricolare, è necessario escludere l'ipopotassiemia, cioè una diminuzione del livello di potassio nel sangue.

La connessione tra il primo episodio e ripetuti aumenti di extrasistole, che scorre a ondate, con infezioni indica miocardite. La comparsa o l'intensificazione dell'extrasistole può essere l'unica o una delle manifestazioni della malattia coronarica. In questo caso, è caratteristico un aumento delle interruzioni nel lavoro del cuore durante lo sforzo fisico, quando c'è una discrepanza tra l'afflusso di sangue al cuore e l'aumento della necessità di flusso sanguigno. Con altre cardiopatie organiche identificate (difetti cardiaci, cardiomiopatia, cuore ipertensivo, prolasso della valvola mitrale), la gravità dell'extrasistole sopraventricolare è spesso associata all'entità della dilatazione atriale.

Spesso è possibile identificare una connessione tra ELE e l'attivazione del sistema nervoso simpatico (sotto sforzo) o parasimpatico (durante il sonno, dopo aver mangiato, con calcoli biliari, adenoma prostatico) [3]. Nel primo caso, durante l'esercizio, l'ampiezza e la frequenza cardiaca aumentano, il che può provocare extrasistole sopraventricolare. Nel secondo, la velocità di contrazione del cuore rallenta, il che può anche causare disturbi del ritmo.

Classificazione e fasi di sviluppo dell'extrasistole sopraventricolare

Classificazione degli extrasistoli sopraventricolari nel sito di origine:

  • atriale: contrazioni premature del cuore da impulsi provenienti dagli atri;
  • nodulare o atrioventricolare - impulsi prematuri dalla connessione AV.

Per frequenza di occorrenza:

  • raro - meno di cinque al minuto;
  • frequente - più di cinque al minuto.

Per densità:

  • singolo;
  • accoppiato (distici);
  • gruppo (terzine);
  • jogging tachicardia sopraventricolare parossistica (più di quattro extrasistoli di fila).

I singoli extrasistoli possono presentarsi caoticamente o essere del tipo di bigeminia (ogni seconda contrazione è un'extrasistole), trigeminia e quadremmina (ogni terzo e quarto complesso è straordinario). Tale extrasistole, quando compaiono complessi straordinari dopo uno, due, tre seni, è chiamata ritmica.

Gli extrasistoli possono essere monotopici, emanati dalla stessa parte del sistema di conduzione del cuore e politopici - da parti diverse di esso [9].

Complicazioni di extrasistole sopraventricolare

L'extrasistole sopraventricolare può provocare lo sviluppo di tachicardia sopraventricolare, che è caratterizzata da un inizio brusco e dalla fine dell'attività cardiaca patologicamente rapida. Durante un attacco, la frequenza cardiaca sale a 220-250 battiti al minuto [4]. Se in questo momento è possibile eseguire un ECG, è possibile registrare un parossismo (attacco) di tachicardia sopraventricolare.

La fibrillazione atriale (fibrillazione atriale) può diventare una delle conseguenze di questa malattia. Si tratta di eccitazioni e contrazioni caotiche e frequenti degli atri, nonché contrazioni di alcuni gruppi di fibre muscolari atriali. Durante un attacco, la frequenza cardiaca aumenta in modo significativo, il ritmo cardiaco corretto viene interrotto. Il rischio di fibrillazione atriale dovrebbe servire come criterio per la malignità dell'extrasistole sopraventricolare (alto rischio di morte improvvisa) [10]. Il presagio di fibrillazione atriale è frequente extrasistole sopraventricolare di gruppo con corse di tachicardia sopraventricolare parossistica (parossistica).

Diagnostica extrasistole sopraventricolare

La diagnosi di extrasistole sopraventricolare può essere fatta sulla base dei reclami del paziente, secondo un esame obiettivo, dati di auscultazione (ascolto) del cuore, secondo i risultati di uno studio elettrografico (ECG), monitoraggio quotidiano Holter ECG.

Dopo aver valutato i reclami durante un esame obiettivo durante l'auscultazione o la palpazione del polso, gli extrasistoli sono definiti come contrazioni premature su uno sfondo di normale ritmo sinusale. La pausa dopo l'extrasistole sopraventricolare non è molto lunga (su questa base si può sospettare la sua origine sopraventricolare). Con bigeminismo e trigeminia, così come frequenti extrasistole, può essere determinato un deficit di polso. Tuttavia, la diagnosi di ELE può essere confermata solo con l'aiuto di studi strumentali..

Prima di tutto, il paziente viene sottoposto a un ECG, che può registrare un complesso straordinario. Spesso sull'ECG, gli extrasistoli sopraventricolari vengono rilevati per caso (in assenza di reclami).

Segni caratteristici di ekstrasistole sopraventricolare:

  • complesso QRS ventricolare, che non appare dal nodo del seno con una certa frequenza, ma prematuramente;
  • l'onda P atriale deformata (diversa dal seno), che precede il complesso QRS, indica l'origine sopraventricolare dell'extrasistole;
  • pausa compensatoria incompleta (cioè allungamento dell'intervallo da un'onda P alla successiva) dopo un'extrasistole sopraventricolare (la somma degli intervalli prima e dopo l'extrasistole è inferiore a due intervalli P-P normali, questa è la differenza da una pausa compensatoria completa che si verifica dopo un'extrasistole ventricolare);
  • complesso QRS stretto (meno di 0,12 sec.) senza un'onda P rilevabile con extrasistole atrioventricolare [2].

Un ruolo importante è svolto dalla valutazione dell'intervallo di adesione (dall'onda P che precede il complesso normale all'onda P dell'extrasistole). La sua costanza indica la natura monotopica degli extrasistoli sopraventricolari (cioè provengono da un fuoco) [7].

Poiché l'ECG viene eseguito in un breve periodo di tempo e non sempre si verifica un'eccitazione straordinaria al momento della sua rimozione, questo tipo di studio non consente di identificare il problema nel 100% dei casi. Per una diagnosi accurata, deve essere utilizzato un monitoraggio ECG giornaliero o più lungo (entro due giorni, ad esempio), chiamato monitoraggio Holter (dal nome dell'autore che ha proposto questa tecnica). Per valutare la frequenza delle extrasistoli sopraventricolari, lo studio dovrebbe essere condotto in assenza di terapia antiaritmica. Il numero di extrasistoli non è superiore a 30 all'ora..

Dopo la registrazione, i dati di monitoraggio ECG vengono decifrati da uno specialista e diventa possibile:

  • per chiarire il numero di extrasistoli sopraventricolari, la loro forma, per determinare la presenza di coppie, gruppi e serie di tachicardia sopraventricolare parossistica;
  • determinare in quale momento si presentano, se la comparsa di extrasistoli dipende dall'attività fisica o da altri fattori (il paziente indica questi dati nel diario che conserva durante il monitoraggio);
  • per correggere la dipendenza del verificarsi di extrasistole sopraventricolare dallo stato di sonno o veglia;
  • monitorare l'efficacia della terapia farmacologica;
  • identificare altri possibili disturbi del ritmo e della conduzione.

Va notato che è di fondamentale importanza valutare la frequenza di ELE, poiché la tattica del trattamento dipenderà da questo..

I battiti prematuri sopraventricolari possono essere rilevati per la prima volta durante un test da sforzo (cicloergometria o test su tapis roulant).

Un'indicazione per uno studio elettrofisiologico (EPI) può essere la necessità di stabilire più accuratamente il sito di insorgenza di extrasistoli (con frequenti extrasistoli sopraventricolari monotopici) in caso di successivo trattamento chirurgico. Con EFI, il carico sul cuore aumenta attraverso la stimolazione elettrica del miocardio. Tale stimolazione viene effettuata mediante elettrodi che forniscono al muscolo cardiaco correnti elettriche di potenza fisiologica ad alta frequenza. Di conseguenza, il miocardio inizia a contrarsi più velocemente, c'è un aumento provocato della frequenza cardiaca (tachicardia). Con una frequenza cardiaca elevata, possono comparire vari tipi di aritmie, inclusa l'extrasistole sopraventricolare.

Trattamento dell'extrasistole sopraventricolare

ELE può essere benigno. In questo caso, il rischio di morte improvvisa è molto basso, a volte il paziente non avverte nemmeno il disturbo del ritmo. Tale extrasistole non richiede sempre un trattamento..

Se possibile, è necessario eliminare il fattore eziologico:

  • normalizzare il sonno;
  • limitare o interrompere completamente l'assunzione di droghe e bevande provocanti;
  • smettere di fumare:
  • normalizzare la funzione tiroidea nell'ipertiroidismo;
  • regolare il livello di potassio nel sangue;
  • rimuovere la cistifellea in caso di calcoli biliari;
  • evitare la posizione orizzontale dopo aver mangiato con un'ernia dell'apertura esofagea del diaframma;
  • normalizzare la pressione sanguigna;
  • aumentare l'attività fisica in base alle capacità del corpo;
  • escludere un'attività fisica eccessiva (sollevamento pesi, sollevamento pesi).

Si consiglia al paziente di regolare la routine quotidiana. La dieta va integrata con cibi ricchi di potassio e magnesio, hanno un effetto benefico sul sistema cardiovascolare.

Alimenti contenenti potassioAlimenti contenenti magnesio
⠀ • ⠀ albicocche secche;
⠀ • ⠀ cacao in polvere;
⠀ • ⠀ crusca di frumento;
⠀ • ⠀ uvetta;
⠀ • ⠀ semi di girasole;
⠀ • ⠀ noci (pino, mandorle, arachidi, noci);
⠀ • ⠀ legumi (piselli, lenticchie, fagioli);
⠀ • ⠀ patate al cartoccio;
⠀ • ⠀ avocado;
⠀ • ⠀ funghi porcini;
⠀ • ⠀ banane;
⠀ • ⠀ agrumi;
⠀ • ⠀ Cavoletti di Bruxelles e cavolo rapa;
⠀ • ⠀ latte e prodotti a base di latte fermentato;
⠀ • ⠀ cereali (avena, grano saraceno, orzo perlato, riso);
⠀ • ⠀ frutta (pesche, pere, anguria, mele, prugne, albicocche, melone);
⠀ • ⠀ cicoria;
⠀ • ⠀ verdure (carote, spinaci, cipolle verdi, melanzane, cetrioli);
⠀ • ⠀ uova di gallina;
⠀ • ⠀ pesce e carne;
⠀ • ⠀ succo di mela.
⠀ • ⠀ olio (sesamo, semi di lino, arachidi);
⠀ • ⠀ formaggio (olandese, Poshekhonsky, capra, con muffa);
⠀ • ⠀ ricotta (snack senza grassi e magri, cagliata);
⠀ • ⠀ cioccolato fondente;
⠀ • ⠀ quasi tutti i tipi di carne;
⠀ • ⠀ pesce (halibut, storione, pesce persico, eglefino, merluzzo, saury);
⠀ • ⠀ uova di anatra;
⠀ • ⠀ cereali (fiocchi d'avena, ceci, piselli, grano saraceno, riso integrale, lenticchie);
⠀ • ⠀ frutti e bacche (ciliegia, kiwi, ananas, feijoa, lampone, pera, pesca, cachi);
⠀ • ⠀ molti tipi di tè (ad esempio, "Ivan-tea") e succhi;
⠀ • ⠀ zenzero;
⠀ • ⠀ senape;
⠀ • ⠀ vaniglia.

Le indicazioni per la terapia antiaritmica sono:

1. Scarsa tolleranza dell'extrasistole sopraventricolare. In questo caso, è necessario determinare in quali situazioni ea quale ora del giorno si verifica più spesso il disturbo del ritmo cardiaco, quindi impostare il tempo di assunzione del farmaco fino a questo momento.

2. Il verificarsi di ELE (non necessariamente frequente) in pazienti con difetti cardiaci (principalmente con stenosi mitralica) e altre malattie cardiache organiche. In questi pazienti, il sovraccarico e l'allargamento degli atri progrediscono. L'extrasistole sopraventricolare in questo caso è un presagio di fibrillazione atriale.

3. Extrasistole sopraventricolare, che si è manifestata come risultato di un fattore eziologico prolungato in pazienti senza precedente cardiopatia organica e ingrossamento atriale (con tireotossicosi, processo infiammatorio nel muscolo cardiaco, ecc.). Se non si esegue un trattamento antiaritmico (insieme a etiotropico), aumenta il rischio di fissazione dell'ELE. La frequente extrasistole sopraventricolare in tali situazioni è potenzialmente maligna in relazione allo sviluppo della fibrillazione atriale.

4. Frequente (700-1000 extrasistoli al giorno o più) ELE richiede anche la nomina di una terapia antiaritmica, anche se considerata idiopatica, poiché vi è il rischio di complicanze. L'approccio in questi casi dovrebbe essere differenziato. È anche possibile rifiutare la terapia antiaritmica, se ci sono motivi per questo:

  • mancanza di sintomi e reclami soggettivi;
  • numero limite di extrasistoli;
  • intolleranza ai farmaci antiaritmici;
  • segni di sindrome del seno malato o anomalie nella conduzione AB.

Farmaci antiaritmici usati per ELE:

  • Beta-bloccanti ("Metoprolol", "Bisoprolol"), calcioantagonisti ("Verapamil"). È patogeneticamente ragionevole prescrivere farmaci di questo gruppo a pazienti con ipertiroidismo, tendenza alla tachicardia, quando l'ELE si manifesta in uno sfondo di stress ed è provocato dalla tachicardia sinusale. I beta-bloccanti sono indicati per cardiopatia ischemica, ipertensione arteriosa, crisi simpatico-surrenali. "Verapamil" è prescritto per asma bronchiale concomitante, angina pectoris variante, intolleranza ai nitrati, pazienti con malattia coronarica.
  • Belloid, Teopek sono indicati per i pazienti con ELE mediata dal vago, che si sviluppa di notte sullo sfondo di una diminuzione della frequenza cardiaca. Questi farmaci aumentano il ritmo e vengono prescritti di notte..
  • Sotalol ("Sotalex", "Sotagexal"). È necessario selezionare una dose in base alla pressione sanguigna e alla frequenza cardiaca, alla durata degli intervalli PQ e QT. Indicato con una combinazione di ELE e battiti prematuri ventricolari.
  • Antiaritmici delle classi IA e IC ("Disopyramide", "Allapinin", "Propanorm", "Etatsizin"). L'uso non è indicato nei pazienti con malattia coronarica che hanno avuto recentemente un infarto miocardico a causa dell'effetto aritmogenico sui ventricoli.
  • Amiodarone ("Cordaron"). L'amiodarone è il farmaco antiaritmico più efficace disponibile. Può essere prescritto a pazienti con danno cardiaco organico.
  • In caso di efficacia insufficiente della monoterapia (cioè, l'uso di un antiaritmico), possono essere utilizzate combinazioni di farmaci.

Con un buon effetto della terapia prescritta, gli antiaritmici non dovrebbero essere cancellati rapidamente. Il trattamento viene effettuato per diverse settimane (mesi). Se la fibrillazione atriale è minacciata o se esiste una storia dei suoi episodi, la terapia ELE viene eseguita per tutta la vita. In caso di terapia antiaritmica continua, viene selezionata la dose minima efficace. I pazienti con un decorso ondulato di ELE dovrebbero sforzarsi di annullare l'antiaritmico durante i periodi di miglioramento (esclusi i casi di grave danno miocardico organico). La cancellazione degli antiaritmici viene effettuata gradualmente con una diminuzione dei dosaggi e del numero di dosi al giorno. Dopo l'interruzione, si consiglia al paziente di avere il farmaco con sé (strategia pill-in-pocket) per prenderlo rapidamente quando riprende l'aritmia [11].

Se non vi è alcun effetto dalla terapia antiaritmica, con ULE frequente (fino a 10.000 al giorno), viene considerata la questione del trattamento chirurgico: ablazione con radiofrequenza dei focolai aritmogeni (distruzione dei focolai mediante corrente elettrica) [5].

Previsione. Prevenzione

L'extrasistole sopraventricolare si riferisce a un disturbo del ritmo cardiaco comune. Le contrazioni cardiache rare e singole premature nelle persone sane non portano a conseguenze minacciose per la salute e la vita. Più pericolosa è la frequente extrasistole con presenza di episodi di tachicardia parossistica sopraventricolare, che può portare a disturbi emodinamici e allo sviluppo di fibrillazione atriale.

Per la prevenzione di ULE, si raccomandano le seguenti misure:

  1. Se hai una predisposizione ereditaria alle malattie cardiache, dovresti contattare un cardiologo il prima possibile..
  2. Con molta attenzione e solo sotto la supervisione di un medico usare farmaci che influenzano la frequenza cardiaca e la composizione elettrolitica del sangue (diuretici, glicosidi).
  3. In presenza di malattie endocrine (diabete mellito, iperfunzione delle ghiandole surrenali o della tiroide), è necessario sottoporsi ad un esame per lo sviluppo di patologie cardiovascolari.
  4. Abbandona le cattive abitudini: fumare, bere, ecc..
  5. Osserva il regime quotidiano (hai bisogno di un buon sonno e riposo). Segui una dieta equilibrata: includi cibi fortificati con potassio, magnesio nella dieta; escludere cibi troppo caldi, fritti e piccanti.
  6. Se possibile, riduci l'effetto dei fattori di stress, evita il sovraccarico emotivo. Si possono prendere in considerazione tecniche di rilassamento e training autogeno.

Articolo Successivo
Disturbi vegetativo-viscerali nei bambini del primo anno di vita.