Ipertensione arteriosa non corretta che cos'è


Ipertensione arteriosa non corretta che cos'è

Trattamento dell'ipertensione sistolica isolata nei giovani e negli anziani

Per molti anni, lottando senza successo con l'IPERTENSIONE?

Responsabile dell'Istituto: “Rimarrai stupito di quanto sia facile curare l'ipertensione assumendoli tutti i giorni.

L'ipertensione arteriosa è la malattia più comune del sistema cardiovascolare. La patologia può verificarsi anche nelle giovani donne e uomini e nella vecchiaia viene diagnosticata in quasi una persona su due.

  • Cos'è l'ipertensione sistolica
  • Classificazione della malattia
  • Cause dell'ipertensione sistolica
  • Sintomi della malattia
  • Diagnostica dell'ISH
  • ISAG in giovane età
  • Ipertensione negli anziani
  • Trattamento dell'ipertensione
  • Diuretici per l'ipertensione
  • B-bloccanti
  • Calcio antagonisti
  • ACE inibitori
  • Prevenzione dell'ipertensione sistolica

Se un valore di pressione fino a 130/85 mm Hg è considerato normale. Art., Quindi con l'ipertensione, l'indicatore aumenta - leggermente o seriamente. L'ipertensione sistolica isolata è una delle varietà di patologia pericolosa per lo sviluppo di gravi complicanze.

Cos'è l'ipertensione sistolica

L'ipertensione sistolica isolata (ipertensione) o ISH (ISAG) è intesa come una forma di ipertensione che porta ad un aumento della pressione sistolica (superiore) di oltre 140 mm Hg. Art., Mentre la pressione diastolica è entro 90 mm Hg. Arte. e non aumenta ulteriormente. In alcuni pazienti, la pressione diastolica è anche leggermente ridotta..

Secondo le statistiche, circa 1/3 delle persone con ipertensione ha questa diagnosi. Nelle persone anziane, l'ISH si verifica nel 25% dei casi. Tra i giovani la patologia è meno diffusa, in circa il 3% della popolazione sotto i 40 anni. L'ipertensione di questo tipo è più pericolosa in termini di morte per complicazioni cardiache e vascolari: crisi ipertensiva, ictus, infarto miocardico. Quindi, il rischio di ictus aumenta di 2,5 volte, il rischio complessivo di mortalità cardiovascolare - 3-5 volte.

Si distinguono i seguenti gradi di malattia:

  1. Borderline con una pressione di 140-149 mm Hg. st.
  2. Il primo con una pressione di 140-159 mm Hg. st.
  3. Il secondo con una pressione di 160-179 mm Hg. st.
  4. Il terzo con una pressione superiore a 180 mm Hg. st.

La pressione diastolica inferiore non aumenta oltre i 90 mm Hg. st.

Classificazione della malattia

Esistono i seguenti tipi di ipertensione arteriosa sistolica isolata:

  1. Essenziale o primario. Le cause di questo tipo di malattia non sono state stabilite, il disturbo non è una conseguenza di altre patologie vascolari o altri problemi nel corpo. Molto spesso, l'ipertensione primaria viene ereditata.
  2. Secondario o sintomatico. Si sviluppa sullo sfondo di malattie del cervello, dei reni, cioè è di natura secondaria.

Cause dell'ipertensione sistolica

Un aumento della pressione sanguigna non è riconosciuto come una conseguenza naturale dell'invecchiamento del corpo, eppure l'usura vascolare è un importante fattore di rischio per lo sviluppo dell'ipertensione. Negli anziani, la patologia è osservata più spesso di un ordine di grandezza. Con l'età, l'elasticità delle pareti arteriose diminuisce e su di esse si depositano placche aterosclerotiche e calcio. Ciò provoca un deterioramento della risposta dei vasi sanguigni ai cambiamenti di pressione nella sistole..

Altri processi nel corpo che causano la comparsa di ISH con l'età sono:

  • un calo del flusso sanguigno renale, muscolare e cerebrale dovuto a una diminuzione della gittata cardiaca;
  • diminuzione della velocità di filtrazione glomerulare;
  • diminuzione della sensibilità di recettori speciali nei vasi sanguigni e nel cuore.

Se non vengono identificate ragioni evidenti per l'aumento della pressione sistolica, l'ipertensione viene riconosciuta come primaria. In età precoce, la patologia può svilupparsi in persone che fumano, abusano di alcol, consumano molto cibo grasso, salato e altri cibi spazzatura. Una giovane donna può sviluppare sintomi di ISH durante la gravidanza e scomparire da sola dopo il parto..

L'ipertensione secondaria è causata da una massa di malattie e condizioni, le principali sono:

  • diabete;
  • aterosclerosi vascolare;
  • insufficienza cardiaca congestizia;
  • ha avuto un ictus;
  • insufficienza della valvola aortica;
  • ipertiroidismo;
  • anemia grave;
  • febbre prolungata;
  • Blocco AV del cuore;
  • difetti cardiaci;
  • aortite;
  • tumori delle ghiandole surrenali, reni;
  • La sindrome di Itsenko-Cushing;
  • fallimento renale cronico;
  • aumento dei livelli di calcio, sodio nel sangue;
  • stress persistente.

Per il trattamento dell'ipertensione, i nostri lettori hanno utilizzato con successo ReCardio. Vista la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione..
Leggi di più qui...

Esiste un farmaco ISAG - una malattia in cui il livello normale di pressione aumenta a causa dell'assunzione di alcuni farmaci (principalmente ormoni steroidei, contraccettivi).

Sintomi della malattia

Di solito le manifestazioni più importanti dell'ipertensione sistolica non dipendono dall'età, sebbene nei giovani non si facciano sentire più a lungo nelle prime fasi della malattia.

I pazienti con ipertensione si lamentano spesso di dolori cardiaci, per lo più sordi, doloranti, molto raramente - cuciture, forti. I sintomi comuni includono debolezza, calo delle prestazioni, sonnolenza. La capacità di sopportare l'attività fisica e anche le normali attività quotidiane diminuisce drasticamente.

Negli uomini, l'ISH può progredire più rapidamente, il che è associato ad alti tassi di fumo, cattiva alimentazione e abuso di alcol. Nelle donne, lo sviluppo della malattia si verifica spesso durante la menopausa, quando termina la protezione naturale dei vasi sanguigni da parte degli ormoni sessuali.

Le persone anziane hanno una particolarità del decorso della malattia, vale a dire un aumento del rischio di sviluppare gravi complicanze. Ciò è dovuto alla durata della presenza di ISH e al livello di pressione più elevato. Le persone anziane hanno spesso malattie concomitanti: diabete mellito, aterosclerosi, gotta, obesità e altre. A questo proposito, gli anziani sviluppano più spesso ipertensione notturna o ipertensione a riposo. Un rapido aumento della pressione al risveglio è caratteristico. Tali sintomi corrispondono ai precursori di gravi complicanze: ictus ischemico ed emorragico, infarto miocardico.

L'ISH, come altri tipi di ipertensione, può manifestarsi in crisi ipertensive. La pressione superiore aumenta bruscamente a 200 mm Hg. Arte. e superiore, quello inferiore rimane praticamente invariato. La crisi porta a uno spasmo dei vasi sanguigni nel cervello e può finire in un ictus. Ma spesso le crisi ipertensive finiscono bene, la pressione torna alla normalità..

Diagnostica dell'ISH

La diagnosi viene fatta ad una persona che, dopo tre visite dal medico ogni 2-3 settimane o con misurazioni della pressione arteriosa domiciliare, il suo livello è di 140/90 mm Hg. Arte. e altro ancora. Se ci sono segni caratteristici di ipertensione, ma non è possibile fissare il livello esatto di pressione, è necessario eseguire un monitoraggio quotidiano, prestando particolare attenzione agli indicatori di notte, al mattino..

Per cercare le cause della malattia, per confermare / escludere la diagnosi di ipertensione secondaria, vengono prescritti una serie di altri esami:

  • analisi del sangue generali e biochimiche;
  • studio delle frazioni renali;
  • profilo lipidico;
  • ECG ed ecografia del cuore, vasi coronarici;
  • Ultrasuoni dei reni e delle ghiandole surrenali;
  • analisi per ormoni tiroidei, ecc..

ISAG in giovane età

È molto importante diagnosticare i giovani in tempo, perché il loro rischio di sviluppare una malattia coronarica è notevolmente aumentato, così come il rischio di morire per un ictus (rispetto a persone sane della stessa fascia di età). I giovani hanno maggiori probabilità di fumare, bere alcolici, sottoporsi a stress, quindi è possibile una rapida progressione dell'ISAG..

Ipertensione negli anziani

I pazienti in età pensionabile richiedono un approccio speciale, perché hanno una miriade di altre malattie oltre all'ipertensione. I risultati della diagnosi possono essere influenzati dai farmaci assunti, quindi è molto importante prendere la storia corretta e prendere in considerazione tutti i fattori di rischio associati..

Quando si misura la pressione in una persona anziana, è importante pompare aria fino a 250 mm Hg. Art., Quindi abbassarlo molto lentamente. La procedura di misurazione deve essere eseguita stando seduti e in piedi (in quest'ultimo caso - dopo un minuto da un lato e dopo 5 minuti dall'altra dopo aver preso una posizione eretta). L'ipertensione da camice bianco si verifica nel 25% degli anziani e i livelli di pressione sanguigna potrebbero non riflettere la realtà.

Trattamento dell'ipertensione

Obiettivo del trattamento: isolare la malattia e ridurre il rischio di ictus, infarto, crisi ipertensive, morte cardiaca improvvisa. Per questo, a una persona viene prescritto un numero di farmaci che vengono selezionati solo su base individuale..

Le terapie non farmacologiche sono molto importanti. Una dieta con una diminuzione dei cibi grassi, i cibi salati è obbligatoria. Dovresti smettere di fumare, bere caffè, alcol, tè forte. È importante combattere l'eccesso di peso, dall'iperlipidemia all'assunzione di farmaci speciali (ad esempio, Crestor, Rosuvastatina). Sono prescritti terapia fisica, passeggiate, vari metodi per aumentare la resistenza allo stress.

I farmaci per abbassare la pressione sanguigna nell'ISAH dovrebbero solo abbassare la pressione sistolica e la diastolica non dovrebbe fluttuare notevolmente. Nelle persone con diabete, è importante raggiungere la figura superiore fino a 120 mm Hg, nel resto - fino a 140 mm Hg. È necessario abbassare lentamente la pressione sanguigna per non provocare perdita di coscienza, collasso, ictus ischemico.

Diuretici per l'ipertensione

I diuretici sono generalmente la prima linea di trattamento per l'ISH. Sono prescritti per quasi tutti i pazienti, poiché riducono la gittata sistolica del cuore, riducono la quantità di plasma sanguigno e ottimizzano l'estensibilità delle pareti dei vasi sanguigni. I diuretici si sono dimostrati eccellenti nel trattamento di quei pazienti in cui l'ipertensione è associata allo scompenso cardiaco..

Esistono diversi tipi di diuretici:

  • tiazide (clotiazide);
  • combinato (Triampur);
  • loopback (Lasix);
  • risparmiatore di potassio (Veroshpiron).

Di solito i diuretici sono combinati con beta-bloccanti nel trattamento dell'ISH, che dà risultati migliori..

B-bloccanti

Quando ingeriti, i principi attivi di questi farmaci iniziano a bloccare specifici beta-recettori, prevenendo così varie complicazioni cardiache, incluso il rallentamento del rischio di malattia coronarica..

Solitamente prescritto in combinazione con altri farmaci, sebbene nella fase iniziale dell'ipertensione, la pressione sanguigna possa normalizzarsi indipendentemente. I farmaci più famosi del gruppo sono Betalok, Logimax, Metoprolol-Teva.

Calcio antagonisti

Il lavoro di questi farmaci si basa sul blocco dei canali del calcio nelle cellule e sull'interruzione della contrazione delle fibre muscolari delle pareti vascolari..

Di conseguenza, i vasi si rilassano, reagiscono meno ai segnali nervosi in arrivo, arrestano gli spasmi. La pressione sanguigna torna alla normalità dopo l'assunzione di farmaci. Rappresentanti del gruppo - Nifedipine, Amlodipine, Verapamil.

ACE inibitori

Questi farmaci sono più spesso prescritti per le persone con diabete mellito e per la disfunzione sistolica del ventricolo sinistro. Ben tollerato dai pazienti. Il meccanismo d'azione si basa sul blocco di un enzima che causa il vasospasmo e lo sviluppo di ipertensione arteriosa persistente. Farmaci conosciuti: Enalapril, Cilazapril, Captopril.

Per il trattamento dell'ipertensione, i nostri lettori hanno utilizzato con successo ReCardio. Vista la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione..
Leggi di più qui...

Nei pazienti con un lungo decorso della malattia, è importante eseguire un trattamento complesso. Spesso viene prescritto un farmaco del gruppo di ACE inibitori, che è integrato con un beta-bloccante e un diuretico tiazidico. Il dosaggio deve essere regolato con un monitoraggio costante della pressione sanguigna, della funzionalità renale, dell'equilibrio elettrolitico.

Prevenzione dell'ipertensione sistolica

Per la prevenzione dell'ISAG, è importante abbandonare le cattive abitudini, normalizzare il cibo, mangiare più cibi vegetali, cereali, frutti di mare e latte acido. L'attività quotidiana, la ginnastica, l'esercizio fisico dovrebbero diventare la regola fin dalla giovinezza. È necessario trattare tempestivamente tutte le malattie degli organi interni in modo che in futuro i problemi non siano complicati dall'ipertensione.

- lasciando un commento, accetti le Condizioni d'uso

  • Aritmia
  • Aterosclerosi
  • Vene varicose
  • Varicocele
  • Vene
  • Emorroidi
  • Ipertensione
  • Ipotensione
  • Diagnostica
  • Distonia
  • Ictus
  • Attacco di cuore
  • Ischemia
  • Sangue
  • Operazioni
  • Un cuore
  • Navi
  • Angina pectoris
  • Tachicardia
  • Trombosi e tromboflebite
  • Tè al cuore
  • Hypertonium
  • Bracciale a pressione
  • Normalife
  • Allapinin
  • Asparkam
  • Detralex

L'ipertensione arteriosa non corretta è

Cos'è l'ipertensione arteriosa: cause e trattamento dell'ipertensione

Per molti anni, lottando senza successo con l'IPERTENSIONE?

Responsabile dell'Istituto: “Rimarrai stupito di quanto sia facile curare l'ipertensione assumendoli tutti i giorni.

L'ipertensione arteriosa è una malattia cronica che colpisce un gran numero di persone moderne..

La difficoltà è che molti pazienti trascurano le misure preventive e uno stile di vita sano.

Per il trattamento dell'ipertensione, i nostri lettori hanno utilizzato con successo ReCardio. Vista la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione..
Leggi di più qui...

È necessario sapere cos'è l'ipertensione arteriosa per avviare le procedure terapeutiche in modo tempestivo, evitando complicazioni su larga scala irte di morte.

Caratteristiche del sistema cardiovascolare e ipertensione arteriosa

Il sistema vascolare del corpo è come un albero, dove l'aorta è il tronco, che si dirama in arterie, che sono suddivise in piccoli rami - arteriole.

Il loro compito è portare il sangue ai capillari che forniscono nutrienti e ossigeno a ogni cellula del corpo umano. Dopo che l'ossigeno è stato trasferito al sangue, ritornano al cuore attraverso i vasi venosi..

Affinché il sangue scorra attraverso il sistema delle vene e delle arterie, è necessario spendere una certa quantità di energia. La forza che agisce sulle pareti dei vasi sanguigni durante il flusso sanguigno è la pressione.

La pressione dipende dal funzionamento del cuore e delle arteriole, che sono in grado di rilassarsi se è necessario abbassare la pressione sanguigna, oppure di contrarsi se è necessario aumentarla.

L'ipertensione arteriosa è una condizione definita da un aumento persistente della pressione sistolica fino a 140 mm Hg. arte e altro ancora; e pressione diastolica fino a 90 mm Hg. Arte. e altro ancora.

Ci sono tali periodi di cambiamenti della pressione sanguigna:

  1. scende da 1 a 5 al mattino,
  2. dalle 6 alle 8 del mattino,
  3. diminuisce dalle 23 alle 00.

La pressione cambia con l'età:

  • gli indicatori nei bambini sono 70/50 mm Hg. st.,
  • i tassi nelle persone anziane sono superiori a 120/80.

Cause di ipertensione arteriosa

In molti casi non è possibile comprendere l'origine dell'ipertensione arteriosa. In questo caso si parla di ipertensione essenziale primaria. Alcuni medici ritengono che i fattori stimolanti dell'ipertensione primaria siano:

  • accumulo di sale nei reni,
  • la presenza di sostanze vasocostrittori nel sangue,
  • squilibrio ormonale.

Circa il 10% delle persone soffre di ipertensione grave a causa di determinati farmaci o altre condizioni mediche. Tale ipertensione arteriosa è chiamata ipertensione secondaria..

Le cause più comuni di ipertensione sono:

  1. Nefropatia,
  2. Ipertensione renovascolare,
  3. Tumore surrenale,
  4. Feocromocitoma,
  5. Effetti collaterali dei farmaci,
  6. Aumento della pressione sanguigna durante la gravidanza.

Se i reni trattengono molto sale, il volume del fluido nel corpo aumenta. Di conseguenza, la pressione sanguigna e il volume aumentano. I reni producono anche l'enzima renina, che svolge un ruolo chiave nelle letture della pressione sanguigna..

La renina aumenta anche la produzione di aldosterone, un ormone responsabile del riassorbimento di acqua e sale.

L'ipertensione renovascolare grave è piuttosto rara; i seguenti gruppi di persone ne soffrono:

  • anziani,
  • fumatori,
  • Bambini piccoli.

L'ipertensione renovascolare viene diagnosticata iniettando un mezzo di contrasto in un'arteria o vena e quindi esaminando il flusso sanguigno nei reni con radiazioni a raggi X..

Le ghiandole surrenali sono due ghiandole che secernono molti ormoni, incluso l'aldosterone, che si trova nella parte superiore di ciascun rene. L'aldosterone, prodotto dalle ghiandole surrenali, regola l'equilibrio del sale e dell'acqua nel corpo.

In casi estremamente rari, un tumore della ghiandola surrenale provoca un aumento della produzione di aldosterone, che contribuisce alla ritenzione di acqua e sale nel corpo, aumentando così la pressione. Tale ipertensione arteriosa colpisce più spesso le giovani donne. Ci sono ulteriori sintomi:

  • sete intensa,
  • minzione abbondante.

Un altro raro tipo di ipertensione è il feocromicitoma, provocato da un altro tipo di tumore surrenale. Allo stesso tempo, più dell'ormone adrenalina viene prodotto nel pancreas..

L'adrenalina è un ormone che aiuta il corpo a rispondere pienamente alle situazioni di stress. Questo ormone ha le seguenti proprietà:

  1. accelera la frequenza cardiaca,
  2. aumenta la pressione,
  3. favorisce il trasporto del sangue ai muscoli degli arti inferiori.

Con il feocromocitoma, l'adrenalina causa:

  • battito cardiaco accelerato,
  • tremito,
  • calore.

Alcuni farmaci e sostanze possono aumentare la pressione sanguigna, ad esempio:

  1. steroidi,
  2. antipiretici,
  3. acido glicerico.

Sintomi di ipertensione arteriosa

Come sapete, l'ipertensione arteriosa ha il secondo nome "killer silenzioso", poiché i suoi sintomi non compaiono per molto tempo. L'ipertensione cronica è una delle principali cause di ictus e attacchi di cuore.

La sindrome da ipertensione arteriosa ha i seguenti sintomi:

  1. Premendo mal di testa che si verifica periodicamente,
  2. Fischio o tinnito,
  3. Svenimenti e vertigini,
  4. "Mosche" negli occhi,
  5. Palpitazioni,
  6. Premendo il dolore nella regione del cuore.

Con l'ipertensione, possono essere espressi i sintomi del disturbo sottostante, in particolare la malattia renale. Solo un medico può scegliere farmaci per il trattamento dell'ipertensione.

L'ipertensione arteriosa contribuisce in gran parte all'indurimento delle arterie. Una grande pressione sulle pareti dei vasi sanguigni porta alla loro suscettibilità a una serie di elementi grassi. Questo processo è chiamato aterosclerosi vascolare..

Nel tempo, la comparsa dell'aterosclerosi provoca un restringimento del lume delle arterie e dell'angina pectoris. Il restringimento delle arterie degli arti inferiori causa i seguenti sintomi:

  • dolore,
  • rigidità mentre si cammina.

Inoltre, a causa dell'ipertensione, si verificano coaguli di sangue. Quindi, se un trombo si trova in un'arteria coronaria, allora porta a un attacco di cuore e, se è in un'arteria carotide, a un ictus.

L'ipertensione arteriosa, che non è stata trattata per molto tempo, spesso porta alla formazione di una complicanza pericolosa: l'aneurisma. Pertanto, il muro dell'arteria si gonfia. L'aneurisma spesso si rompe, provocando:

  1. emorragia interna,
  2. sanguinamento cerebrale,
  3. ictus.

Un aumento persistente della pressione sanguigna è la causa della deformazione arteriosa. Lo strato muscolare, da cui vengono create le pareti delle arterie, inizia ad ispessirsi, comprimendo il vaso. Ciò impedisce al sangue di circolare all'interno del vaso. Nel tempo, l'ispessimento delle pareti dei vasi sanguigni degli occhi porta alla cecità parziale o completa..

Il cuore è sempre colpito a causa dell'ipertensione arteriosa prolungata. L'alta pressione stimola il muscolo cardiaco a lavorare duramente per garantire un'adeguata ossigenazione dei tessuti.

Questa condizione provoca un ingrossamento del cuore. Nelle prime fasi, il cuore ingrossato ha più forza per pompare il sangue alle arterie in modo ottimale ad alta pressione.

Ma nel tempo, il muscolo cardiaco ingrossato può indebolirsi e irrigidirsi, non fornendo più ossigeno adeguato. Il sistema circolatorio deve fornire un rifornimento costante al cervello di sostanze nutritive e ossigeno.

Se il corpo umano rileva una diminuzione della quantità di sangue che entra nel cervello, i meccanismi di compensazione si attivano rapidamente, aumentano la pressione e il sangue dai sistemi e dagli organi viene trasferito al cervello. Sono in corso le seguenti modifiche:

  • il cuore inizia a battere più velocemente,
  • i vasi sanguigni degli arti inferiori e della regione addominale si contraggono,
  • più sangue scorre al cervello.

Come sapete, nell'ipertensione le arterie che forniscono ossigeno al cervello possono restringersi a causa dell'accumulo di sostanze simili al grasso in esse. Ciò aumenta il rischio di ictus..

Se le arterie del cervello vengono bloccate per un breve periodo, si verifica un'interruzione dell'afflusso di sangue a una parte separata del cervello. Questo fenomeno in medicina è chiamato microstroke..

Anche se la condizione dura solo un minuto, richiede cure mediche immediate. Se il trattamento non viene eseguito, è irto dello sviluppo di un ictus a tutti gli effetti. I micro-colpi ripetitivi portano all'indebolimento della funzione cerebrale. Ecco come si sviluppa la demenza nelle persone con ipertensione..

Ogni rene è costituito da milioni di piccoli filtri chiamati nefroni. Ogni giorno più di 1.500 litri di sangue attraversano i reni, dove i rifiuti e le scorie vengono filtrati ed escreti nelle urine. Le sostanze benefiche entrano nel flusso sanguigno.

La pressione alta fa lavorare duramente i reni. Inoltre, il danneggiamento dei piccoli vasi all'interno dei nefroni riduce il volume del sangue filtrato. Dopo un po ', questo porta ad una riduzione della funzione di filtraggio dei reni..

Pertanto, la proteina viene escreta nelle urine prima di tornare nel flusso sanguigno. I rifiuti che devono essere eliminati possono entrare nel flusso sanguigno. Questo processo porta all'uremia e quindi all'insufficienza renale, che richiede dialisi costante e purificazione del sangue..

Come accennato in precedenza, ci sono un gran numero di vasi sanguigni nella parte inferiore del bulbo oculare, che sono molto sensibili all'ipertensione. Dopo diversi anni di ipertensione, può iniziare il processo di distruzione della retina. La deformazione può essere dovuta a:

  • accumulo di colesterolo nei vasi sanguigni,
  • circolazione sanguigna insufficiente,
  • sanguinamento locale.

Diagnosi di ipertensione arteriosa

La diagnosi di ipertensione arteriosa, di regola, non viene effettuata dopo una singola misurazione della pressione sanguigna, a meno che non sia superiore a 170-180 / 105-110 mm Hg. st.

Le misurazioni vengono effettuate in un determinato periodo per confermare la diagnosi. È necessario tenere conto delle circostanze durante le quali vengono effettuate le misurazioni. La pressione aumenta:

Per il trattamento dell'ipertensione, i nostri lettori hanno utilizzato con successo ReCardio. Vista la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione..
Leggi di più qui...

  • dopo aver fumato o bevuto caffè,
  • sotto stress.

Se la pressione sanguigna in un adulto è superiore a 140/90 mm Hg. Art., Quindi la misurazione ripetuta, di regola, viene eseguita dopo un anno. Nelle persone la cui pressione sanguigna è compresa tra 140/90 e 160/100 mm Hg. Art, una seconda misurazione viene eseguita dopo poco tempo. Con un'elevata pressione diastolica da 110 a 115 mm Hg. Arte. trattamento urgente necessario.

Nelle persone anziane, in alcuni casi, si forma un raro tipo di ipertensione arteriosa, chiamata ipertensione sistolica isolata. Indicatori di pressione sistolica, pur superando i 140 mm Hg. La pressione diastolica rimane intorno ai 90 mm Hg. st o inferiore. Questo tipo di malattia è considerato pericoloso perché provoca ictus e insufficienza cardiaca..

Oltre a misurare la pressione sanguigna, il medico dovrebbe controllare i cambiamenti in altri organi, soprattutto se le letture della pressione sono costantemente a valori elevati..

Gli occhi sono l'unico organo del corpo umano in cui i vasi sanguigni sono chiaramente visibili. Con l'aiuto di un flusso luminoso di luce, il medico esamina il fondo dell'occhio con un apparato speciale: un oftalmoscopio, che consente di vedere chiaramente il restringimento o l'espansione dei vasi sanguigni.

Il medico può vedere piccole crepe, emorragie, che sono le conseguenze dell'ipertensione.

L'ispezione include anche:

  1. ascoltando con uno stetoscopio i soffi cardiaci,
  2. misurare le dimensioni del cuore con la palpazione,
  3. L'uso di un elettrocardiogramma aiuta a esaminare l'attività elettrica del cuore e anche a stimarne le dimensioni.

Oltre agli studi strumentali, il medico prescrive:

  • esame delle urine per escludere infezioni renali,
  • test della glicemia,
  • analisi del sangue per il colesterolo.

Il fondo, i reni ei vasi sanguigni agiscono come organi bersaglio per la pressione sanguigna patologica.

Trattamento dell'ipertensione

Intorno agli anni '50 del secolo scorso, nell'industria farmaceutica si registra un aumento della produzione e sintesi di nuovi gruppi di farmaci antipertensivi..

Il precedente trattamento per l'ipertensione coinvolgeva:

  1. dieta senza sale,
  2. interventi chirurgici,
  3. fenobarbital come antistress.

Ci sono informazioni che all'inizio degli anni '40, ogni terzo o quarto posto in ospedale era occupato da un paziente con ipertensione o le sue conseguenze. Negli ultimi anni sono stati effettuati un gran numero di studi che hanno portato ad un aumento dell'efficacia della terapia per l'ipertensione arteriosa. Ora il numero di morti e gravi conseguenze della malattia è notevolmente diminuito..

In Russia e nei paesi europei, i migliori operatori sanitari hanno lavorato alla ricerca e hanno confermato che solo il trattamento farmacologico dell'ipertensione consente di ridurre il rischio di:

  1. malattia cardiovascolare,
  2. colpi,
  3. deceduti.

Tuttavia, alcune persone sono convinte che l'ipertensione arteriosa non possa essere trattata con farmaci, poiché ciò riduce la qualità della vita e porta allo sviluppo di vari effetti collaterali, comprese le condizioni depressive..

Quasi tutti i farmaci hanno effetti collaterali, ma gli studi dimostrano che quando si utilizzano farmaci che abbassano la pressione sanguigna, gli effetti collaterali vengono registrati solo nel 5-10% dei pazienti.

La varietà esistente di gruppi di farmaci che riducono la pressione sanguigna consente al medico e al paziente di scegliere il trattamento più ottimale. Il medico è tenuto ad avvertire il paziente dei possibili effetti collaterali dei farmaci utilizzati.

Medicinali

Diuretici o diuretici pressori trattano la pressione sanguigna aumentando l'escrezione di acqua e sale da parte dei reni. Quindi, viene creato il rilassamento dei vasi sanguigni..

I diuretici sono considerati il ​​gruppo più antico di farmaci antipertensivi. Questi farmaci sono stati utilizzati dagli anni '50 del XX secolo. Al giorno d'oggi sono anche ampiamente utilizzati, spesso in combinazione con altri farmaci..

I beta-bloccanti sono apparsi negli anni '60. I farmaci erano usati per trattare l'angina pectoris. I beta-bloccanti abbassano la pressione sanguigna agendo sul sistema nervoso. Bloccano l'effetto dei recettori beta-nervosi sul sistema cardiovascolare.

Di conseguenza, la frequenza cardiaca diventa meno attiva e il volume di sangue espulso dal cuore al minuto diminuisce, il che riduce la pressione. I beta-bloccanti riducono anche l'effetto di alcuni ormoni, quindi anche la pressione sanguigna si normalizza..

Poiché i beta-bloccanti possono causare vasocostrizione periferica, non sono raccomandati per le persone con problemi circolatori agli arti superiori e inferiori..

I bloccanti dei canali del calcio appartengono a un gruppo di farmaci che bloccano il flusso di calcio nelle cellule muscolari. Pertanto, la frequenza delle loro contrazioni è ridotta. Tutte le cellule muscolari hanno bisogno di calcio, se è assente, i muscoli non possono contrarsi normalmente, i vasi si rilassano e il flusso sanguigno migliora, il che abbassa la pressione.

I bloccanti del recettore dell'angiotensina II sono il gruppo più moderno di farmaci. L'angiotensina II è un efficace vasocostrittore; la sua sintesi viene effettuata sotto l'influenza della renina, un enzima renale. L'angiotensina II ha la proprietà principale, stimola la produzione di aldosterone, che ritarda l'escrezione di acqua e sale da parte dei reni.

Farmaci bloccanti il ​​recettore dell'agitensina II. Il trattamento dell'ipertensione non è completo senza questi farmaci, perché:

  1. prevenire un'ulteriore vasocostrizione,
  2. facilitare l'eliminazione dell'acqua e del sale in eccesso dal corpo.

Il trattamento con ACE-inibitori è ampiamente utilizzato nell'ipertensione. Con l'aiuto dei farmaci, il rapporto tra i composti cambia a favore delle sostanze biologicamente attive vasodilatatrici. I medicinali in questo gruppo sono generalmente prescritti a persone con ipertensione a causa di malattie renali o insufficienza cardiaca..

Gli alfa bloccanti agiscono sul sistema nervoso, ma attraverso recettori diversi rispetto ai beta bloccanti. I recettori alfa aiutano le arteriole a contrarsi, quindi si rilassano e la pressione scende. Gli alfa-bloccanti hanno un effetto collaterale: ipotensione ortostatica, cioè un forte calo di pressione dopo che una persona assume una posizione eretta.

Gli agonisti del recettore dell'imidazolina sono uno dei farmaci antipertensivi più promettenti. Il trattamento con medicinali di questo gruppo consente di eliminare il vasospasmo, a seguito del quale la pressione inizia a diminuire.

Gli agonisti del recettore dell'imidazolina sono usati per trattare l'ipertensione lieve e sono prescritti di routine nella terapia di associazione.

Trattamento non farmacologico

La terapia dell'ipertensione arteriosa senza farmaci comporta, prima di tutto, la riduzione dell'assunzione di sale. È anche importante riconsiderare la quantità di bevande alcoliche assunte. È noto che bere più di 80 grammi di alcol al giorno aumenta il rischio di malattie cardiovascolari e ipertensione..

Il sovrappeso viene riconosciuto se supera il 20% o più del normale peso corporeo, a seconda dell'altezza. Le persone obese sono spesso inclini alla formazione di ipertensione arteriosa. Di solito hanno livelli elevati di colesterolo nel sangue..

Perdere peso in eccesso aiuterà non solo a ridurre la pressione sanguigna, ma aiuterà anche a prevenire malattie pericolose:

  • aterosclerosi,
  • diabete.

È importante ricordare che non esiste un programma dietetico stabilito che non restituirà mai il peso perso..

L'ipertensione arteriosa può ridurre i sintomi se si aderisce a questa terapia: attività sportiva,

  1. limitare l'assunzione di sale,
  2. assunzione di cibo dietetico.

Fare esercizio per mezz'ora tre o quattro volte alla settimana ti aiuterà a perdere peso e normalizzare la pressione sanguigna. Il video informativo in questo articolo ti parlerà dei pericoli dell'ipertensione arteriosa.

Ipertensione essenziale: cause, sintomi, diagnosi, trattamento, prognosi

L'ipertensione essenziale è una delle malattie più comuni del sistema cardiovascolare, che non ha confini geografici e colpisce sempre più i giovani. Le sue cause non sono ancora del tutto comprese, sebbene i fattori di rischio e le probabili prerequisiti siano ben noti..

L'ipertensione primaria o essenziale è un aumento cronico della pressione sanguigna, a partire da 140 mm Hg. Arte. per sistolica ("superiore") e 90 mm Hg. Arte. per la diastolica ("inferiore"). È possibile sia un aumento isolato della prima cifra, sia un aumento simultaneo di entrambi.

Solo una persona pigra non ha sentito parlare della pressione sanguigna cronicamente alta e del suo pericolo sotto forma di ictus, che porta. Tuttavia, non tutte le persone che sanno che la pressione sanguigna "salta" va immediatamente dal medico. Tra coloro che sono arrivati ​​ce ne sono molti che non seguono le prescrizioni degli specialisti, non assumono farmaci o li afferrano quando si supera una crisi ipertensiva.

La mancanza di un'adeguata attenzione alla pressione sanguigna, l'assunzione incoerente di farmaci o il rifiuto del trattamento portano ad un aumento multiplo del rischio di catastrofi vascolari acute nel cervello, pur mantenendo la pressione sanguigna a un livello normale, anche con l'aiuto di farmaci, non solo migliora il benessere, ma prolunga anche vita ai vasi sanguigni, al cuore e al cervello.

Nell'era dell'aumento dello stress psico-emotivo e dello stress cronico, con condizioni ambientali, stile di vita, alimentazione in costante deterioramento, è molto importante monitorare non solo i singoli sintomi che possono indicare uno stadio avanzato della malattia, ma anche visitare regolarmente un medico per prevenire e diagnosi precoce di ipertensione insidiosa. Questo vale, prima di tutto, per le persone della generazione più anziana, ma non danneggia nemmeno i giovani di età compresa tra 30 e 35 anni.

Cause di ipertensione primaria

L'ipertensione arteriosa essenziale è chiamata primaria. Ciò significa che non è stato possibile trovare una causa specifica sotto forma di una malattia degli organi che agiscono come regolatori della pressione sanguigna. Si può considerare che la diagnosi di ipertensione essenziale è una diagnosi di esclusione, quando è stato confermato dagli esami che la pressione aumenta come da sola, con reni, cuore, sistema endocrino sani (al contrario di un aumento della pressione sanguigna con ipertensione secondaria).

Tuttavia, non si dovrebbe pensare che la causa non esista in quanto tale e la pressione fluttua da sola. Il fattore esatto che provoca l'ipertensione non è stato formulato, ma gli scienziati hanno nominato le condizioni in cui si sviluppa la malattia. Oggi, l'ipertensione primaria è riconosciuta come una patologia multifattoriale, nel cui aspetto è attivamente coinvolta una combinazione di varie cause..

Si considerano le cause più significative di aumento cronico prolungato della pressione primaria:

  • Predisposizione ereditaria, confermata in quasi la metà dei pazienti con ipertensione essenziale;
  • Essere in sovrappeso, aumentando il rischio di ipertensione fino a cinque volte;
  • Fumo, che è anche un fattore di rischio per i cambiamenti ischemici nel cuore;
  • Bassa attività fisica, spesso combinata con un eccesso di peso, che è del tutto naturale;
  • Caratteristiche nutrizionali: eccesso di sale e liquido, mancanza di oligoelementi (magnesio, prima di tutto), vitamine, abuso di caffè, tè, alcol;
  • Stress e sovraccarico psico-emotivo.

Tradizionalmente, l'ipertensione essenziale è stata recentemente attribuita alle malattie degli anziani, ma oggi la situazione sta cambiando, un numero crescente di pazienti con una diagnosi del genere non ha nemmeno raggiunto i 50 anni. Ciò indica, prima di tutto, il ruolo dello stress e dello stile di vita, piuttosto che i fattori di rischio associati ai cambiamenti legati all'età..

Tra le condizioni sfavorevoli che aumentano significativamente il rischio di ipertensione arteriosa ci sono il diabete mellito, i disturbi del metabolismo dei grassi, che si riflettono nel profilo lipidico, e uno stile di vita malsano. Anche le persone sopra i 55 anni sono molto inclini alla patologia..

Grado e stadio dell'ipertensione primaria

Al fine di giudicare più accuratamente i possibili rischi di complicanze dell'ipertensione, oltre a riflettere le caratteristiche del suo decorso, sono stati calcolati i gradi di aumento della pressione. La combinazione del grado in base al numero di pressione e alcuni fattori di rischio, nonché malattie concomitanti, indica il rischio di complicazioni pericolose: ictus, infarti, insufficienza renale acuta o insufficienza cardiaca.

Sono stati identificati tre gradi di ipertensione essenziale:

  • AH di 1 grado, quando la pressione sistolica è 140-159 mm Hg. Art., Diastolica 90-99 mm Hg. st.
  • Al 2 ° grado, gli indicatori di pressione sono rispettivamente 160-179 e 100-109 mm Hg. st.
  • Il grado 3 è il più grave quando la pressione raggiunge 180/110 mm Hg. Arte. e più in alto.

La diagnosi di solito include il grado, lo stadio della malattia e il rischio di complicanze. Quindi, il grado è determinato dai parametri di cui sopra, mentre non è un singolo aumento della pressione che è importante, ma una costante, almeno tre o quattro dimensioni durante il mese.

Lo stadio dell'ipertensione primaria è determinato dai sintomi e dai segni caratteristici del coinvolgimento degli organi interni. Nella prima fase, possono essere assenti sia i sintomi che i segni di alterazioni negli organi bersaglio e solo i numeri sul tonometro indicano la presenza di ipertensione. Nella seconda fase, i cambiamenti nelle pareti dei vasi sanguigni progrediscono, una certa ipertrofia del miocardio diventa evidente, ma questi fenomeni non influenzano ancora l'attività del cuore e di altri organi. Il terzo stadio - chiamato anche stadio dei cambiamenti d'organo - porta segni di evidenti patologie vascolari e disturbi degli organi bersaglio in connessione con esso.

Riassumendo il grado di ipertensione essenziale, i fattori di rischio esistenti e le caratteristiche del danno d'organo bersaglio, il medico può facilmente determinare il rischio: insignificante, basso, alto, molto alto, che determina la probabilità di complicanze fatali.

È importante notare che anche il primo grado di ipertensione può essere accompagnato da un rischio molto elevato di complicanze in presenza di diabete, danni agli organi bersaglio, una combinazione di più di tre fattori di rischio, attacchi ischemici transitori passati o ictus. I pazienti con tali fattori aggravanti dovrebbero essere estremamente vigili, anche se la pressione “non ha superato” 140-149 mm Hg. st.

Qualche parola sugli organi bersaglio

La pressione sanguigna è un indicatore generale, colpisce non solo i vasi sanguigni e il benessere, ma provoca anche danni a vari organi. Il cuore, i reni, il sistema nervoso centrale e la retina sono interessati. Questi organi sono tradizionalmente considerati bersagli per l'ipertensione essenziale..

Il cuore lavora con grande stress, il risultato è l'ipertrofia miocardica. Nelle fasi iniziali, l'ipertrofia fornisce un flusso sanguigno adeguato negli organi ed è considerata un meccanismo per l'adattamento a nuove condizioni, e successivamente il cuore è impoverito e manca di nutrizione. Questa circostanza spiega la grande tendenza dei pazienti con ipertensione ad infarto, disturbi del ritmo, morte coronarica improvvisa..

I reni sono un importante organo di regolazione della pressione sanguigna. Inoltre soffrono in larga misura del suo aumento: sono coinvolti sclerosi e distrofia delle arteriole, anse vascolari dei glomeruli e tubuli. Con una lunga storia di ipertensione, la probabilità di insufficienza renale cronica è alta, che è secondaria all'ipertensione essenziale, ma la aggrava in modo significativo.

Il cervello sta vivendo il "carico" dell'ipertensione sin dalle fasi iniziali della malattia. I cambiamenti vascolari portano a malnutrizione, microinfarti, distrofia del tessuto nervoso e, alla fine, grave demenza vascolare. La maggior parte dei sintomi della patologia sono associati a danni cerebrali: mal di testa, rumore nelle orecchie o nella testa, perdita di memoria e attività mentale, ecc. Emorragie e attacchi di cuore, che spesso si verificano sullo sfondo di crisi ipertensive, sono particolarmente pericolosi.

Anche la retina è considerata un organo bersaglio. I suoi vasi acquisiscono tratti caratteristici e già un esame di routine del fondo nella prima fase dell'ipertensione può aiutare a fare la diagnosi corretta. Nel tempo, il paziente nota una diminuzione della vista, il distacco della retina è possibile anche con figure di pressione significative.

Manifestazioni essenziali di ipertensione

La principale e primissima manifestazione dell'ipertensione arteriosa essenziale è l'eccesso di pressione sul tonometro, registrato molte volte. Per un po ', il paziente convive con l'ipertensione iniziale e non se ne accorge nemmeno. Questo è comprensibile, perché le pareti vascolari non sono ancora cambiate e sono in grado di controllare il loro tono e l'ampiezza del lume, "adattandosi" alle figure di pressione, quindi, potrebbero non esserci sintomi. Alcuni pazienti in questa fase, anche se notano alcuni sintomi, non prestano loro la dovuta attenzione a causa dell'apparente insignificanza.

L'eccessiva pressione sanguigna può essere asintomatica solo per il momento. Cambia gradualmente e inevitabilmente la struttura dei vasi sanguigni: arterie e arteriole, prima di tutto, il cuore soffre. Senza trattamento, la patologia diventa clinicamente pronunciata e in questa fase il paziente va quasi sempre dal medico.

Nella fase iniziale, tra i segni di disturbo, i pazienti notano mal di testa, vertigini, debolezza, possibilmente tinnito, oscuramento degli occhi. Questi sintomi non infastidiscono continuamente, si verificano periodicamente, spesso - con forte stress fisico o psico-emotivo, dopo errori nella dieta.

Tali fenomeni non sono considerati segni specifici di ipertensione, perché spesso si verificano in persone con pressione sanguigna normale, ma è comunque necessario essere cauti. L'aumento dei mal di testa, la loro durata e intensità, la mancanza di effetto dai soliti analgesici dovrebbero essere il primo motivo per misurare la pressione a casa o andare dal medico.

Nella seconda fase, i sintomi della patologia diventano sempre più distinti, sono frequenti crisi ipertensive con vividi sintomi di ipertensione:

  • Ansia, rossore al viso, sudorazione;
  • Forte mal di testa, sensazione pulsante alla testa;
  • È possibile la nausea e persino il vomito;
  • Sensazione di pressione, dolore toracico, mancanza di respiro;
  • Mosche lampeggianti davanti agli occhi, oscuramento negli occhi.

Questi segni sono i più caratteristici, ma succede che con valori di pressione relativamente bassi, il paziente avverte un forte mal di testa, è apatico, pallido. Spesso tali crisi sono accompagnate da una tendenza all'edema..

Se la crisi ipertensiva è stata arrestata con i farmaci, il paziente continua la sua vita abituale e non sempre prestando la dovuta attenzione alle letture del tonometro e ai farmaci tempestivi. Se la diagnosi di ipertensione essenziale non è più in dubbio, la crisi si è verificata ripetutamente, allora è impossibile sperare in un miglioramento o recupero spontaneo: la malattia è cronica, progressiva, pericolosa con complicazioni.

A poco a poco, l'eccesso di pressione sanguigna porta a cambiamenti negli organi interni, che sono associati principalmente al fattore vascolare. Le pareti vascolari sono le prime a subire il colpo dell'ipertensione. Per qualche tempo si adattano alle fluttuazioni di pressione, espandendo poi il loro lume, riducendolo poi al diametro desiderato, ma questo non può accadere all'infinito.

Il carico costante contribuisce a cambiamenti irreversibili fino alla sclerosi, quando le pareti delle arterie e delle arteriole diventano dense, fragili e incapaci di una rapida risposta ai cambiamenti di pressione. Di conseguenza, l'ipertensione essenziale diventa permanente, il suo grado aumenta, il rischio diventa massimo.

Parallelamente ai vasi, si verifica l'adattamento alle nuove condizioni da parte del miocardio. Il cuore spinge il sangue con una forza maggiore del normale, le sue fibre si ipertrofizzano, le pareti si ispessiscono. Con l'ipertrofia miocardica possono essere associati dolori al torace e alla regione cardiaca, che compaiono come sintomi in un certo numero di pazienti. Nelle fasi successive della malattia, l'ischemia del muscolo cardiaco è chiaramente espressa, l'aterosclerosi coronarica è caratteristica, si verificano sintomi di angina pectoris, interruzione del ritmo cardiaco, insufficienza ventricolare sinistra acuta (edema polmonare).

Le persone con il terzo stadio di ipertensione essenziale hanno una serie di segni da altri organi, il che rende le loro lamentele molto diverse. Ai sintomi sopra elencati si aggiungono segni di encefalopatia vascolare: diminuzione delle capacità intellettuali, attenzione, memoria, cambiamenti comportamentali, tendenza all'apatia o alla depressione. In molti pazienti la vista è persa e il suo declino può essere rapidamente progressivo. I segni di insufficienza cardiaca sono in aumento e il danno renale porta a disturbi metabolici (aumento della creatinina nel sangue, comparsa di proteine ​​nelle urine, ecc.).

Trattamento essenziale per l'ipertensione

Il trattamento dell'ipertensione arteriosa essenziale ha lo scopo di normalizzare la pressione sanguigna, lo stile di vita e migliorare la funzione degli organi bersaglio. Comprende sia la terapia farmacologica che le misure generali..

Quando viene fatta una diagnosi, il primo passo è cambiare il tuo stile di vita. Abbandonare le cattive abitudini, cambiare la natura della dieta, combattere l'obesità e la scarsa attività fisica sono le prime cose da fare. Inoltre queste misure, e le più semplici, non richiedono di andare in farmacia e di spendere grosse somme di denaro..

I medici dei policlinici ripetono instancabilmente a tutti i pazienti con ipertensione essenziale sulla necessità di un'assunzione costante e sistematica di farmaci secondo lo schema raccomandato. Nonostante questo, molti pazienti, se prendono le pillole, periodicamente, quando la malattia si fa sentire da una crisi ipertensiva.

In caso di ipertensione essenziale, è molto pericoloso posticipare il trattamento o risparmiare sui farmaci. In qualsiasi momento, può verificarsi un aumento critico della pressione con una serie di conseguenze, anche mortali.

L'ipertensione essenziale è prescritta da un medico. L'autosomministrazione di farmaci è considerata inaccettabile, anche se il tonometro ha mostrato ipertensione e una pillola offerta da un parente o un vicino li aiuta. Nel caso di questa malattia, il successo del trattamento dipende dalla correttezza della terapia prescritta e ciò può essere ottenuto solo con l'aiuto di uno specialista..

Attualmente, sono stati adottati approcci nel trattamento complesso dell'ipertensione primaria, quando è consentito prescrivere contemporaneamente più farmaci da diversi gruppi. Sono usati:

  • Diuretico;
  • ACE inibitori;
  • Antagonisti del calcio;
  • Beta-bloccanti;
  • Antagonisti del recettore dell'angiotensina II;
  • Agonisti del recettore dell'imidazolina.

I farmaci di ciascun gruppo hanno le proprie controindicazioni, quindi dovrebbero essere prescritti solo da un medico in base allo stadio della malattia, alla risposta al trattamento e al contesto concomitante. Innanzitutto, un farmaco può essere prescritto sotto forma di monoterapia (un ACE inibitore, di regola), se l'effetto è insufficiente, vengono aggiunti agenti di altri gruppi. Questa combinazione consente l'uso di farmaci non nella dose massima, riducendo così la probabilità di effetti collaterali.

Gli ACE-inibitori sono i farmaci più comunemente usati. Vengono prescritti capropril (efficace anche in caso di crisi), enalapril, lisinopril. Questi fondi riducono la probabilità di complicanze, sono ben tollerati dai pazienti e possono essere assunti a lungo. Sono particolarmente indicati per patologie cardiache e renali, sono sicuri da assumere in età avanzata, durante la gravidanza, disturbi del metabolismo dei carboidrati e dei grassi.

I bloccanti del recettore dell'angiotensina II (losartan, valsartan) sono uno dei gruppi più moderni di farmaci per l'ipertensione primaria. Agiscono in modo selettivo, quindi sono praticamente privi di effetti collaterali. Sono prescritti abbastanza spesso, ma lo svantaggio può essere il costo elevato..

I diuretici sono utilizzati per il trattamento dell'ipertensione essenziale da più di una dozzina di anni, ma non perdono la loro rilevanza. Idroclorotiazide, veroshpiron, furosemide, torasemide, ecc. Prescritti. I diuretici sono indicati sia per l'uso a lungo termine che per alleviare le crisi ipertensive. Possono far parte di farmaci antipertensivi combinati insieme a farmaci di altri gruppi.

I calcioantagonisti (amlodipina, diltiazem, verapamil) promuovono il rilassamento delle pareti vascolari e lo spasmo, come sapete, è l'anello principale nella patogenesi dell'ipertensione. Hanno vantaggi per i pazienti con cardiopatia ischemica, aritmie, grave ipertrofia miocardica..

I beta-bloccanti (atenololo, metoprololo) non solo riducono la pressione, ma riducono anche il carico sul miocardio, hanno un effetto analgesico nell'angina pectoris, normalizzano il ritmo cardiaco, quindi sono solitamente prescritti per patologie cardiache - malattie ischemiche, tachiaritmie, cardiosclerosi. Devono essere usati con cautela nel diabete, nell'obesità e in altri disturbi metabolici..

Gli agonisti dei recettori dell'imidazolina (moxonidina) hanno una serie di vantaggi rispetto ad altri agenti, tra cui il principale è considerato non solo l'assenza di un effetto negativo sui processi metabolici, ma anche il loro miglioramento. La moxonidina è utile per l'ipertensione essenziale nei pazienti con obesità, diabete mellito.

Oltre a questi gruppi, è possibile prescrivere farmaci nootropici per i sintomi di encefalopatia ipertensiva discircolatoria, vitamine e oligoelementi con alterazioni del miocardio, sedativi con un alto livello di stress e labilità emotiva. È consentito assumere estratti vegetali, tè con proprietà ipotensive, ma non dovresti essere coinvolto nella medicina tradizionale - il trattamento a base di erbe non sostituirà la terapia farmacologica prescritta da un medico.

La diagnosi di ipertensione essenziale non è una frase e non si conclude necessariamente con un ictus o un infarto miocardico. Per prevenire un tale sviluppo di eventi, è importante controllare la pressione a casa, visitare periodicamente il medico e assicurarsi di assumere tutti i farmaci prescritti, anche se devi farlo per tutta la vita. Prendere una pillola è molto più facile che affrontare complicazioni gravi e molto pericolose dell'ipertensione.

Video: una serie di lezioni sull'ipertensione arteriosa e sui suoi tipi

La tua pressione sanguigna è più alta del normale? Questa è già ipertensione?

Un singolo aumento della pressione sanguigna, cioè accidentale registrato per la prima volta nella tua vita, da un lato, non indica ancora la presenza di ipertensione, ma, dall'altro, non va ignorato. Va detto subito che la pressione sanguigna normale è inferiore a 140/90 mm Hg..

L'alta pressione può anche essere osservata in una persona assolutamente sana in determinate condizioni, a causa di fattori quali: stress, dolore, attività fisica, bere caffè o tè forti, nonché assumere le bevande energetiche ormai di moda, ma in questo caso è una reazione naturale e fisiologica del corpo.

Alcuni pazienti provano l'eccitazione di un solo tipo di medico (camice bianco) o il pensiero di visitarlo, questa condizione è nota alla medicina e ha anche un nome specifico "ipertensione da camice bianco", è menzionata in quasi tutti i manuali. Questo fenomeno non dipende dalla volontà del paziente, ma si verifica a livello subconscio, mentre la persona può benissimo rimanere calma nell'aspetto e talvolta non prova nemmeno alcuna eccitazione interiore. E sebbene questa condizione non sia considerata patologica, tuttavia, il rischio di sviluppare ipertensione in futuro in queste persone è aumentato e dovrebbero essere più attenti al controllo della pressione sanguigna..

Va anche notato che nei pazienti anziani, a causa di cambiamenti nell'elasticità delle arterie, può esserci "pseudoipertensione" associata ad una maggiore rigidità delle arterie e i valori di alta pressione sanguigna (pressione sanguigna) ottenuti in questi casi non rifletteranno la vera pressione nel sistema circolatorio, che a volte crea significative difficoltà sia nella diagnosi che nel trattamento dell'ipertensione.

Quindi, con un aumento una tantum della pressione, abbiamo capito, ma cosa pensare se ciò accade di tanto in tanto?


Articolo Successivo
Frequenza cardiaca nei bambini e negli adolescenti: tabella per età