Qual è la triforcazione posteriore dell'arteria carotide interna destra o sinistra


L'arteria carotide è un grande vaso sanguigno accoppiato che sale alla testa lungo la superficie anterolaterale del collo a destra ea sinistra. Ha origine nella cavità toracica, diramandosi dall'aorta, l'arteria principale del corpo umano che fornisce sangue a tutti gli organi interni. La divisione dell'arteria carotide nei tronchi esterno ed interno (biforcazione) si verifica nell'area della cartilagine tiroidea della laringe, dell'osso ioide o sotto la mascella inferiore. La parte esterna fornisce l'afflusso di sangue al viso, al collo e alla pelle del cranio, la parte interna nutre il cervello.

Cause e tipi di triforcazione

Alla base del cervello si trova una formazione vascolare a forma di poligono, la cui funzione è ridistribuire il flusso sanguigno da diversi bacini quando si verifica una carenza in uno o in un altro ramo dell'afflusso di sangue cerebrale. In onore del medico inglese Thomas Willis, che scoprì e descrisse questa formazione più di trecento anni fa, si chiama circolo di Willis.

Normalmente, i vasi del cerchio dovrebbero formare un sistema chiuso, ma a volte c'è una scissione delle arterie carotidi interne nella sua composizione in tre vasi più piccoli, che si chiama triforcazione. Potrebbe essere:

  • anteriore - è diviso in tronchi anteriore, posteriore e basilare;
  • posteriore - diviso in arterie cerebrali anteriori, medie e posteriori.

Questa caratteristica del sistema vascolare cerebrale è caratterizzata come un atavismo dello sviluppo intrauterino. Nella prima metà del periodo di formazione fetale, una tale ramificazione è la norma, ma mentre si sviluppa, i vasi si fondono e diventano più grandi. Tuttavia, a volte ciò non accade, la tripla scissione dell'arteria carotide rimane in una persona per tutta la vita. Questa caratteristica si riscontra in tutti gli abitanti del pianeta con una frequenza dal 14 al 25% della popolazione totale..

A seconda di quale delle navi accoppiate è soggetta a triforcazione, si chiama lato destro o sinistro. La triforcazione può essere completa quando la ramificazione dell'arteria interna, che è presente nello stato intrauterino, è completamente preservata e incompleta quando i vasi si connettono a un certo livello e quindi si dividono in tre rami.

Da un lato, il fenomeno è considerato non una patologia, ma solo una delle varianti della struttura del cerchio di Willis, dall'altro, la triforcazione posteriore o anteriore sia completa che parziale dell'arteria carotide interna può creare condizioni favorevoli per l'insorgenza di varie malattie vascolari o aggravarne il decorso.

Immagine sintomatica

Nella giovinezza, la triforcazione dell'arteria carotide di per sé non influisce in alcun modo sulla salute umana. La mancanza di flusso sanguigno ICA è compensata dall'elevata permeabilità delle altre arterie e dalla buona elasticità delle pareti dei vasi. I sintomi associati a una caratteristica simile della struttura dei vasi sanguigni iniziano più spesso ad apparire nella vecchiaia, quando, con l'accumulo di segni patologici, lo stato del sistema vascolare nel suo complesso peggiora e diventa instabile. Ma se il décolleté è accompagnato da altre deviazioni, può anche farsi sentire in una persona giovane..

La triforcazione dell'arteria carotide interna sinistra o destra provoca un flusso sanguigno irregolare al cervello. L'ipoplasia (sottosviluppo) dei rami vascolari porta al fatto che l'intensità del flusso sanguigno attraverso di essi differisce in modo significativo. Con la trifurcazione anteriore, l'arteria cerebrale anteriore rappresenta il 50% del volume totale di tutto il sangue che scorre attraverso questa arteria e solo il 10% per il tronco basilare. Sullo sfondo dell'ipossia di alcune parti del cervello, possono svilupparsi i seguenti sintomi:

  • Mal di testa - di solito alle tempie e all'occipite.
  • Vertigini e nausea.
  • Emicrania con aura pronunciata.

Quando la completa triforcazione posteriore dell'arteria carotide interna destra o sinistra accompagna un aneurisma vascolare nella regione cerebrale, sullo sfondo di una pressione sanguigna irregolare in diversi rami, aumenta il rischio di rottura del sangue ed emorragia nella zona cerebrale subaracnoidea. In questo caso, il livello di dolore aumenta bruscamente, può iniziare un forte vomito e la reazione alla luce intensa è aggravata. Un altro sintomo di una rottura dell'aneurisma cerebrale è la tensione spasmodica dei muscoli della schiena del collo e dell'occipite. In una situazione del genere, è necessario chiamare un'ambulanza il prima possibile.

La fornitura prematura di cure mediche porta allo sviluppo di gravi complicazioni che diventano la causa della disabilità e, nei casi più difficili, tutto può finire con la morte..

Diagnostica e trattamento

Molto spesso, la triforcazione dell'arteria carotide interna non si manifesta in alcun modo esternamente e viene rilevata in ordine casuale durante l'esame per altri motivi. Tra le procedure diagnostiche in grado di rilevare la ramificazione dell'ICA, va menzionato:

  • risonanza magnetica per immagini (MRI) del cervello;
  • esame della zona cerebrale su una tomografia computerizzata (TC);
  • angiografia (AH) - esame a raggi X con introduzione preliminare di un mezzo di contrasto nel flusso sanguigno, il cui utilizzo migliora la rilevazione visiva di patologie e caratteristiche strutturali dei vasi sanguigni;
  • dopplerografia a ultrasuoni (USDG): consente di osservare i vasi a colori e valutare lo stato del flusso sanguigno.

Di solito, la triforcazione dell'arteria carotide interna destra o sinistra che entra nel cerchio di Willis non richiede alcun trattamento. L'ICA svolge un ruolo ausiliario nell'afflusso di sangue al cervello, mentre altre arterie sopportano il carico principale. Solo quando viene rilevata una trombosi o un aneurisma di queste arterie, è necessario adottare misure terapeutiche corrispondenti alla gravità della situazione.

Le indicazioni per il trattamento sono complicazioni come l'attorcigliamento, in cui la direzione dell'arteria forma un angolo acuto incompleto, o l'avvolgimento, la sua forma ad anello. La curva ornata del ramo è in grado di pizzicare l'arteria principale. Tutto ciò influisce negativamente sul livello del flusso sanguigno ICA. Malattie concomitanti: ipertensione arteriosa, aterosclerosi e altre patologie vascolari possono aggravare i sintomi della triforcazione dell'arteria carotide interna.

La terapia è prescritta da un neurologo, a cui il paziente viene inviato per la consultazione. La parte medica del percorso terapeutico consiste nell'utilizzo di farmaci che aiutano ad eliminare le placche aterosclerotiche sulle pareti dei vasi sanguigni, prevengono la formazione di coaguli di sangue e migliorano il flusso sanguigno. Inoltre, il paziente deve rinunciare a cattive abitudini, come fumare, seguire una dieta priva di colesterolo, condurre uno stile di vita sano e monitorare il peso, non permettendo che venga superato in modo significativo rispetto alla norma..

Per controllare lo stato dei vasi cerebrali, è necessario sottoporsi a un esame periodico almeno una volta all'anno.

Al rilevamento di un aneurisma e della minaccia di rottura, viene eseguita un'operazione angiosurgica, che consiste nel legare i vasi e rimuovere l'area danneggiata.

Qual è la triforcazione posteriore dell'arteria carotide interna destra o sinistra

L'arteria carotide è un grande vaso sanguigno accoppiato che sale alla testa lungo la superficie anterolaterale del collo a destra ea sinistra. Ha origine nella cavità toracica, diramandosi dall'aorta, l'arteria principale del corpo umano che fornisce sangue a tutti gli organi interni. La divisione dell'arteria carotide nei tronchi esterno ed interno (biforcazione) si verifica nell'area della cartilagine tiroidea della laringe, dell'osso ioide o sotto la mascella inferiore. La parte esterna fornisce l'afflusso di sangue al viso, al collo e alla pelle del cranio, la parte interna nutre il cervello.

Caratteristiche della patologia

Questo processo patologico non può essere definito una malattia. La triforcazione è una caratteristica della struttura del cerchio di Willis. Questa insolita struttura delle arterie è abbastanza comune, in più del 20% delle persone. La patologia non è ancora la norma, poiché alcuni rami delle arterie divise possono fornire sangue insufficiente al cervello a causa dello sviluppo di aneurismi.

Questa struttura del cerchio di Willis è considerata la norma per un embrione all'interno dell'utero nella prima metà del suo sviluppo. Nel processo di crescita, la struttura dei vasi sanguigni cambia e assumono il loro stato normale. Ma in alcuni casi, la loro fusione non si verifica, mantengono le stesse dimensioni e si sviluppa la triforcazione dell'arteria carotide interna.

Con la triforcazione anteriore, l'arteria trasporta solo il 50% del sangue al cervello e solo il posteriore il 10%, che è il risultato dell'ipoplasia del segmento prossimale. La maggior parte degli scienziati in quest'area sostiene che la struttura non classica del Circolo di Willis può causare la formazione di aneurismi in uno qualsiasi dei suoi dipartimenti..

La struttura del cerchio di Willis

La biforcazione dell'arteria carotide è costituita da molti vasi che si trovano davanti alla base del cervello. Tale formazione può essere considerata un sistema di riserva che funzionerà quando il rifornimento del cervello è insufficiente con plasma, ossigeno e sostanze nutritive. Questo speciale sistema è progettato per compensare i problemi insorti con il flusso sanguigno, poiché è in grado di pompare il sangue al cervello da altre fonti nel corpo. La solita struttura del circolo di Willis ha un sistema chiuso di arterie che alimentano le strutture cerebrali.

Durante la triforcazione, a causa del flusso irregolare di sangue attraverso i vasi e le arterie, possono verificarsi alcuni fenomeni spiacevoli.

Tali condizioni patologiche avranno i seguenti sintomi:

  1. Vertigini;
  2. Dolore alle tempie e alla parte posteriore della testa;
  3. Manifestazione di segni significativi e pronunciati di emicrania.

Se un paziente con triforcazione sviluppa un aneurisma, i sintomi possono comparire solo quando i vasi si rompono. In questo momento, il sangue verrà versato nella regione subaracnoidea e il paziente inizierà a sentire forti mal di testa. Le sensazioni dolorose insopportabili sono spesso accompagnate da nausea e vomito. Il paziente avverte una forte tensione nelle strutture muscolari nella parte posteriore della testa e diventa sensibile alla luce intensa.

Diagnostica

Alcune persone non sono nemmeno consapevoli della loro struttura speciale dell'arteria carotide interna. La triforcazione ICA anteriore nella maggior parte dei casi viene rilevata per caso, quando una persona decide di condurre uno studio del cervello in relazione a malattie completamente diverse. La risonanza magnetica aiuta a identificare questa caratteristica. Se necessario, utilizzare l'angiografia a contrasto per ottenere un'immagine vascolare più chiara e chiara.

La triforcazione può essere chiaramente identificata nelle immagini 3D-TOF acquisite. La sintomatologia clinica è causata dall'assenza nell'immagine dell'arteria vertebrale destra e dall'allontanamento dall'arteria carotide interna destra dei vasi cerebrali anteriori. Tali pazienti in futuro avranno bisogno del consiglio di un neurologo, che prescriverà loro un corso di terapia specializzato.

Trattamento

Quando si trova una triforcazione posteriore o un'arteria carotide interna anteriore, non disperare e cercare soluzioni a questo problema. Una struttura così speciale del cerchio di Willis non ha bisogno di una terapia speciale. La struttura di questi vasi arteriosi non può causare gravi patologie, poiché sono un'ulteriore fonte di nutrienti per il cervello, aumentano la circolazione sanguigna nella trombosi.

Il trattamento in una struttura medica può essere richiesto solo se si sviluppano complicazioni, ad esempio un aneurisma. Per eliminarlo, avrai bisogno di un intervento chirurgico, che consiste nel legare i vasi nel sito di formazione delle complicanze. Quando si apre un aneurisma, è necessario un trattamento conservativo, che è generalmente accettato per qualsiasi patologia con emorragia cerebrale..

Corpo sano, cibo naturale, ambiente pulito


Con la parte anteriore, l'arteria carotide interna è costituita dalle arterie anteriore, posteriore e basilare. Restringimento del lume e diminuzione del flusso sanguigno nel segmento V4 dell'arteria vertebrale. Buon pomeriggio, Masha. "E cosa significa l'assenza di flusso sanguigno attraverso entrambe le arterie di collegamento posteriori??
La triforcazione è suddivisa in anteriore e posteriore. La divisione dell'arteria carotide interna non è una malattia, ma è considerata una variante della norma della struttura del cerchio di Willis. La frequenza di questa patologia è del 14-25 percento di tutti i casi..

Nella maggior parte dei casi, i pazienti cercano uno studio del cervello per malattie completamente diverse e la triforcazione dell'arteria carotide interna è una "scoperta" diagnostica accidentale. In rari casi, come complicazione della triforcazione, è la comparsa di un aneurisma vascolare.

Complicazioni

Le complicazioni della triforcazione includono la comparsa di un aneurisma su qualsiasi nave. Questa patologia viene determinata immediatamente utilizzando una macchina per risonanza magnetica o TC. Una caratteristica della formazione dell'aneurisma è la completa assenza di segni di malattie neurologiche. In questo caso non viene fornito alcun trattamento speciale. Molte malattie concomitanti (ipertensione, aterosclerosi e altre) possono anche complicare il decorso della triforcazione..

Le complicazioni presenti con una struttura così non standard dei vasi sanguigni possono includere anche la loro maggiore lunghezza e l'adozione di varie forme innaturali:

  • La patologia vascolare è molto difficile da rilevare fintanto che hanno curve morbide ad angolo ottuso. Un vaso ben definito ha una curva decorata, in grado di pizzicare l'arteria principale;
  • Kinking. La direzione dell'arteria forma un angolo acuto incompleto;
  • Avvolgimento. L'arteria assume la forma di un anello, che altera significativamente il flusso sanguigno. Possono essere presenti anche sintomi di ischemia cerebrale.

Le caratteristiche dei vasi, vale a dire la triforcazione dell'arteria carotide interna sinistra, possono portare a un restringimento del suo lume. Questa patologia si forma principalmente nelle persone anziane. A causa della formazione di placche aterosclerotiche sulle pareti interne del vaso, il lume si restringe in modo significativo, il che compromette la circolazione sanguigna.

Tali placche sono formate da tessuto fibroso, colesterolo e calcio. Quando le placche diventano ricoperte di piastrine, può verificarsi il blocco completo delle arterie e dei vasi con una struttura non standard.

Triforcazione anteriore del sole sinistro

Per molti anni, lottando senza successo con l'IPERTENSIONE?

Responsabile dell'Istituto: “Rimarrai stupito di quanto sia facile curare l'ipertensione assumendoli tutti i giorni.

La stenosi dell'arteria carotide (cioè il suo restringimento o anche un flusso sanguigno completamente bloccato) diventa spesso la causa principale dello sviluppo di malattie ischemiche. Ciò è dovuto al ruolo estremamente importante di queste arterie nel corpo: sono loro che garantiscono più del ¾ del rifornimento del cervello con sangue e sostanze in esso contenute.

Di conseguenza, i problemi di permeabilità causano una mancanza di apporto di ossigeno, vitamine e microelementi ai tessuti cerebrali e questo, a sua volta, porta al loro graduale indebolimento e distruzione..

Per il trattamento dell'ipertensione, i nostri lettori hanno utilizzato con successo ReCardio. Vedendo una tale popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione. Leggi di più qui...

Caratteristiche e tipi di stenosi

Nelle fasi iniziali, lo sviluppo della stenosi dell'arteria carotide è quasi impercettibile, poiché il processo passa invariabilmente attraverso fasi di crescita - da sigilli impercettibili che limitano solo leggermente il flusso di sangue al cervello e per completare il blocco. Tuttavia, nelle fasi successive, la stenosi ha sintomi pronunciati che non dovrebbero essere ignorati..

Meno del 5% dei pazienti è asintomatico, con il restringimento che rappresenta più di un terzo di tutti i problemi circolatori nel cervello.

La presenza di sintomi è anche associata alla probabilità che lo sviluppo della malattia ischemica in condizioni pre-ictus e ictus sia:

Le velocità di afflusso di sangue attraverso le arterie carotidi per 100 g di tessuto cerebrale sono le seguenti:

La stenosi dell'arteria carotide è una delle poche malattie borderline che contemporaneamente si riferisce a:

  • cardiologico;
  • aree di ricerca neurologica.

Allo stesso tempo, il livello della sua crescita contribuisce regolarmente a determinare la forza con cui la sindrome aterosclerotica si sviluppa generalmente nel corpo..

Formazione e sviluppo della stenosi

Ciò è dovuto al fatto che la stenosi si verifica regolarmente a seguito di una combinazione di processi aterosclerotici con virus penetrati dall'esterno..

Assomiglia a questo:

  1. Il virus infetta le pareti dei vasi sanguigni (l'herpes e l'influenza di vario tipo hanno particolarmente successo in questo). Di norma, i vasi delle arterie coronarie e del collo sono i più colpiti..
  2. L'intima delle pareti è danneggiata e diventa possibile l'ingresso di sali di calcio, lipoproteine ​​e altre sostanze. Inizia una reazione infiammatoria.
  3. L'involucro aumenta, si verifica la formazione di anticorpi.

Dopodiché, qualsiasi cosa può portare a un ulteriore aumento del restringimento fino alla completa sovrapposizione del flusso sanguigno.

Tipi di stenosi

Esistono 3 tipi principali di classificazione della stenosi.

  1. Grado di restringimento.
  2. Caratteristiche causate da placche aterosclerotiche.
  3. Tipo di sviluppo.

La classificazione del restringimento delle arterie carotidi per gradi è la seguente:

Disturbi circolatori del cervello: triforcazione dell'arteria carotide interna

La triforcazione dell'arteria carotide interna sinistra può essere nelle sue due parti principali: quella posteriore e quella anteriore. Nella prima variante, c'è una divisione nelle arterie posteriori, anteriori e medie delle strutture cerebrali. Nella seconda variante, le strutture arteriose basilari, posteriori e anteriori del cervello si distinguono sull'arteria carotide interna. Questo tipo di separazione può essere sulle arterie carotidi situate sia a sinistra che a destra..

La triforcazione è un termine che significa la divisione di un'arteria in tre parti. Non è considerata una malattia o alcuna patologia. I medici riconoscono questa situazione come una delle varianti della struttura del cosiddetto cerchio di Willis negli esseri umani. Questa patologia si manifesta in quasi il 28% della popolazione totale del pianeta..

Non comporta di per sé un grande pericolo, ma può provocare un deterioramento dell'apporto di plasma sanguigno, ossigeno e sostanze nutritive a varie strutture cerebrali. In alcuni casi, può svilupparsi un aneurisma a causa della disomogeneità del volume quantitativo di sangue trasferito attraverso le tre arterie. In alcuni casi, accade che l'arteria anteriore trasporta quasi la metà di tutto il sangue che scorre e il basellare può passare attraverso se stesso solo 1/10 del volume totale.

Questo tipo di costruzione del cerchio di Willis è considerato abbastanza normale durante la prima metà dello sviluppo del feto all'interno dell'utero. Dopo che l'embrione inizia a crescere e svilupparsi, la struttura di tutti i vasi del suo cervello inizia a cambiare: alcuni di essi si uniscono e si ingrandiscono. In alcuni casi, questo processo non si verifica, il che porta alla trifucazione dell'ICA (arteria carotide interna). In questo caso, una persona ha tre vasi emanati dalle arterie carotidi che alimentano il cervello con il sangue, che in alcuni casi può essere considerato una riserva speciale.

La formazione specificata è costituita da molti vasi situati davanti alla base del cervello. È un sistema di backup in caso di insufficiente apporto di plasma sanguigno, ossigeno e sostanze nutritive al cervello. È progettato per compensare la carenza risultante, poiché promuove il pompaggio di sangue da altre fonti al cervello. Con una struttura normale, si forma un sistema chiuso di arterie che alimentano le strutture cerebrali.

In presenza di triforcazione, sono possibili alcuni fenomeni che si verificano a causa del flusso irregolare del flusso sanguigno attraverso vari tipi di arterie. La sintomatologia si esprime come segue:

  1. 1. Una persona si lamenta che gli gira la testa.
  2. 2. Il portatore di questa patologia può avere mal di testa.
  3. 3. Spesso in un tale paziente, i medici scoprono un'emicrania, che a volte ha segni significativi e molto espressivi.

Se un tale paziente sviluppa un aneurisma, i sintomi della lesione possono venire alla luce solo quando la nave si rompe. In quel momento, la trasfusione di sangue avviene nella cosiddetta area subaracnoidea. Quindi il paziente inizia a lamentarsi della presenza di sensazioni dolorose insopportabili nell'area della testa. Molto spesso, un tale dolore in un paziente è accompagnato da un processo nauseabondo e quindi dal vomito. In una persona, le strutture muscolari nella parte posteriore della testa sono molto tese, quindi si sviluppa una forte fotofobia..

La triforcazione sull'arteria carotide sinistra o destra viene spesso rilevata dai medici durante l'esame di un paziente che è venuto a diagnosticare il cervello a causa di un'altra malattia. La RM (risonanza magnetica per immagini) viene solitamente utilizzata per rilevare la triforcazione, ma può essere necessaria anche la TC (tomografia computerizzata) per identificare più chiaramente la posizione della maglia di questi vasi.

A volte, quando si verifica una complicazione della triforcazione (aneurisma su una nave), viene determinata quasi immediatamente utilizzando la risonanza magnetica o la TC. Ma questi casi sono quasi sempre l'eccezione alla regola, poiché di solito non ci sono segni della malattia dal lato neurologico. Pertanto, in questi casi non è richiesto un processo di trattamento speciale. Un'altra malattia concomitante, ad esempio l'insorgenza di sintomi di aterosclerosi o ipertensione, può anche complicare il decorso della triforcazione..

Il paziente non ha bisogno di farsi prendere dal panico o pensare di essere irrimediabilmente incurabile quando fa una diagnosi come la triforcazione sull'arteria interna della carotide. Di solito, l'opzione descritta di costruire il cerchio di Willis non ha assolutamente bisogno di eseguire misure terapeutiche speciali. È necessario tenere conto del fatto che questo è praticamente un sistema di compensazione della riserva per processi indesiderabili come la trombosi o l'interruzione del normale flusso di plasma sanguigno, ossigeno e sostanze nutritive nelle strutture cerebrali..

Se un paziente ha complicazioni sotto forma di aneurisma, dopo che la diagnosi è stata fatta, si consiglia di eseguire solo un'operazione chirurgica, poiché tale malattia non può essere curata con altri metodi. Con questo intervento chirurgico, i vasi vengono legati nel sito della loro rottura. L'apertura di un aneurisma può richiedere un trattamento conservativo con farmaci e altri farmaci che i medici usano per combattere le emorragie cerebrali..

Domande correlate e consigliate

Cos'è la triforcazione? Questa divisione in tre arterie.

La triforcazione è suddivisa in anteriore e posteriore. Con la parte anteriore, l'arteria carotide interna è costituita dalle arterie anteriore, posteriore e basilare. Nella seconda opzione, le arterie cerebrali anteriori, medie e posteriori.

varianti della struttura del circolo di Willis si trovano secondo vari autori dal 25 al 75% dei casi. Secondo gli scienziati, tali opzioni si riflettono nella sua piena funzione, che gioca un ruolo importante nella regolazione del flusso sanguigno nel cervello. Tra questi, ci sono i più pericolosi (triforcazione anteriore o posteriore dell'arteria carotide interna), che influenzano la distribuzione del sangue nel cervello e sono consentiti fino al verificarsi di cambiamenti occlusivi che richiedono una buona circolazione collaterale. Con la trifurcazione anteriore, l'arteria carotide interna trasporta il 50% del sangue al cervello e il contrario, a causa dell'ipoplasia del segmento prossimale dell'arteria cerebrale anteriore (A1), trasporta il 30% del sangue. L'arteria carotide interna sul lato della sua triforcazione posteriore trasporta circa il 50% del sangue al cervello, l'arteria carotide interna opposta il 40% del sangue e l'arteria basilare solo il 10% del sangue. Secondo la maggior parte degli scienziati, le varianti della struttura non classica del circolo di Willis possono essere la causa di aneurismi, sia nelle parti anteriori che posteriori di esso.A causa dell'irregolarità del flusso sanguigno, sono possibili i seguenti sintomi: vertigini, mal di testa, emicrania (a volte con un'aura significativamente espressiva) i sintomi si verificano solo in caso di rottura. Quando il sangue viene versato nello spazio subaracnoideo, i pazienti lamentano dolori alla testa intollerabili accompagnati da vomito, nausea, tensione nei muscoli occipitali e fotofobia. Non fatevi prendere dal panico e attribuite a voi stessi una malattia incurabile durante la messa in scena della triforcazione dell'ICA (arteria carotide interna), questa variante della struttura del cerchio di Willis non necessita di un trattamento speciale. I vasi di questa unità arteriosa sono progettati per compensare i processi circolatori in caso di trombosi o disturbi del normale flusso sanguigno. Se c'è una complicazione - aneurisma, viene eseguito solo il trattamento chirurgico. Consiste nel legare i vasi nel sito dell'aneurisma. All'apertura, è necessario un trattamento conservativo, che è accettato per qualsiasi emorragia cerebrale. Ricorda: la triforcazione dell'arteria carotide interna non è una malattia, ma è considerata solo una variante della norma strutturale. Tutte le misure terapeutiche dovrebbero mirare a stabilire un regime quotidiano, cambiare lo stile di alimentazione e allocare il tempo per le esigenze personali e il riposo. La base della terapia farmacologica è il trattamento neuromultimetabolico e vascolare. (più facile - per aiutare il cervello a vivere in condizioni estreme)

Capitolo 2 Anatomia, fisiologia e fisiopatologia delle malattie occlusive dei rami dell'arco aortico

Circolo di willis

Il cerchio di Willis è un complesso anatomicamente formato di vasi della base del cervello, che compensa l'afflusso di sangue insufficiente a causa di traboccamenti da altri bacini vascolari. I suoi vasi costituenti normalmente formano un sistema chiuso alla base del cervello, chiamato il cerchio di Willis (poligono) (1 - OA, 2 - PCA, 3 - PCA, 4 - PSA, 5 - SMA, 6 - PMA "> Fig. 6). Le seguenti arterie sono coinvolte nella sua formazione:

  • PSA;
  • il segmento iniziale della PMA (A-1);
  • parte sopraclinoide dell'ICA;
  • ZSA;
  • il segmento iniziale della ZMA (P-1);
  • arteria principale distale.

Di questi, solo il PSA e l'arteria principale non sono accoppiati, il resto è accoppiato. Tuttavia, un circolo di Willis completamente chiuso e normalmente sviluppato si verifica solo nel 25-50% dei casi. L'ipoplasia delle arterie di collegamento, l'assenza e l'ipoplasia dei primi segmenti di PMA e PCA sono abbastanza comuni..

Nella cerchia di Willis si distinguono le sezioni anteriore e posteriore. La sezione anteriore include l'ICA, il segmento A-1 PMA e il PSA; nella sezione posteriore - il PCA, il segmento P-1 del PCA e la sezione distale dell'arteria principale.

Le deviazioni dalla norma della parte anteriore del cerchio di Willis sono un po 'meno comuni delle anomalie della parte posteriore.

L'arteria comunicante anteriore si distingue per un'ampia varietà di struttura, dimensione e posizione: dalla completa assenza o ipoplasia, raddoppiandola e triplicandola, alla formazione di un'ampia fistola arterio-arteriosa nell'area di contatto delle pareti PMA. In rari casi (dall'1 al 7%), entrambe le PMA partono da una ICA, che è chiamata "trifurcazione anteriore" della PMA. Nel caso dell'aplasia del PSA o della triforcazione anteriore del PMA, la parte anteriore del cerchio di Willis è aperta. Anomalie non comuni (nell'1,5-10% dei casi) sono la duplicazione delle sezioni A-1 e la presenza di una terza o arteria cerebrale anteriore media che si estende dal PSA, nota come arteria di Wilder (arteria termatica).

La parte posteriore normale del cerchio di Willis si trova solo nel 15-65% delle persone. Anomalie nella parte posteriore del cerchio di Willis possono manifestarsi in una varietà di dimensioni, asimmetria di ramificazione e assenza di alcune arterie e segmenti. La più comune è la differenza nei diametri delle arterie vertebrali, quando una è ipoplastica e l'altra è ipertrofizzata alle dimensioni dell'arteria principale. Attualmente, è generalmente accettato che una delle arterie vertebrali sia normalmente dominante, e l'altra sia recessiva, in termini di contributo al flusso sanguigno totale nel bacino vertebro-basilare. L'asimmetria consentita è del 50%. Le arterie di collegamento posteriori hanno solitamente un diametro leggermente inferiore rispetto al PSA. Un'anomalia abbastanza comune è l'ipoplasia del PCA. In rari casi, il suo diametro è uguale al diametro del PCA, il che ci consente di parlare (con ipoplasia del segmento P-1) della formazione della triforcazione posteriore dell'ICA.

Una delle varianti di un'anomalia pronunciata nella struttura del sistema vertebro-basilare intracranico è l'assenza di fusione completa di entrambe le arterie vertebrali nell'arteria principale, quando le anastomosi rimangono tra di loro sotto forma di un canale di forma irregolare o quando entrambe le PA rimangono isolate l'una dall'altra.

In caso di aplasia della PCA o dell'arteria principale, nonché della triforcazione posteriore dell'ICA, la parte posteriore del cerchio di Willis è aperta. La parte posteriore del cerchio di Willis dà origine a rami perforanti che vanno al diencefalo e al mesencefalo. Le anomalie del circolo di Willis si verificano in media nel 59% dei casi.

L'apertura del cerchio di Willis è possibile sia davanti che dietro. Inoltre, può essere completo (in assenza di arterie di collegamento) e incompleto (con sottosviluppo o restringimento). L'assenza anatomica di PSA (dissociazione del cerchio di Willis davanti) è rara - nel 3-4% dei casi, e dietro - molto più spesso - 6,8-25%. Inoltre, c'è un altro tipo di anomalie nella scarica delle arterie che formano il cerchio di Willis..

Di massima importanza nelle lesioni occlusive delle arterie brachiocefaliche è il cosiddetto. triforcazione dell'ICA da uno o due lati. È noto che il PCA può derivare non dall'arteria basilare, ma dall'ICA nel sito di origine abituale del PCA. Questa variante anatomica è chiamata "triforcazione ICA posteriore". Secondo molti autori, la triforcazione posteriore dell'ICA si verifica in non più del 15% dei casi, in alcuni lavori viene chiamata 42% dei casi.

Inoltre, si distingue la triforcazione ICA anteriore, quando l'ACA sinistro e destro si discostano da un ICA. In questi casi, il segmento prossimale di uno dei PMA ha un diametro maggiore e, a livello della consueta scarica di PSA, forma una biforcazione, da cui derivano entrambi i PMA per lo stesso emisfero e quello opposto. La trifurcazione anteriore nella maggior parte degli studi è stata osservata nel 5-11% dei casi.

Opzioni di sviluppo

Lo schema classico della cerchia di Willis si trova nel 25-38% delle persone, il resto delle opzioni sono tali anomalie dello sviluppo che differiscono dalla norma, che possono peggiorare le proprietà compensatorie del sistema. Tra le patologie predominanti della struttura vi sono gli aneurismi vascolari (aree stabilmente dilatate con alterato tono della parete vascolare). Altre opzioni strutturali anomale inerenti alla cerchia di Willis:

  1. Sottosviluppo dell'arteria connettiva.
  2. Assenza o sottosviluppo dell'arteria anteriore nella regione anteriore
  3. Assenza o sottosviluppo dell'arteria posteriore nella regione anteriore.
  4. Triforcazione (divisione in 3 rami) dell'arteria, spesso la carotide interna nella regione posteriore. Si verifica con una frequenza del 19% dei casi.
  5. Aplasia (assenza di parte) delle arterie, più spesso del connettivo posteriore. Si manifesta con una frequenza del 17,5% dei casi.

Nel 14% dei casi, l'immagine di un anomalo cerchio di Willis chiuso o aperto combina diverse varianti non classiche della formazione dei vasi sanguigni. Nell'11,5% dei casi il sistema circolatorio è rappresentato da rare varianti. Nello schema normale del Willis, il cerchio è completamente chiuso, il che significa che il sistema di afflusso di sangue funziona bene, compensando la mancanza di flusso sanguigno se ci sono anomalie nello sviluppo dei vasi di rifornimento o il sangue non entra bene nel tessuto cerebrale.

Un paziente con VC classica, se c'è un blocco di una o due arterie vertebrali, è in grado di sopravvivere, perché il sistema ridistribuisce la direzione del flusso sanguigno, garantendo il normale afflusso di sangue a tutte le parti. Se il cerchio di Willis non è chiuso, significa che le capacità compensatorie del sistema circolatorio sono ridotte. La malattia cerebrovascolare è una delle cause di morte più comuni.

Se, a causa della progressione dell'aterosclerosi o di altre patologie vascolari, si verifica un'ostruzione delle arterie di alimentazione, il sistema anormale del flusso sanguigno ausiliario e compensatorio non funziona. La conseguenza più comune di un cerchio aperto di Willis è un deterioramento acuto della circolazione sanguigna nelle strutture cerebrali e un ictus. Se lo sviluppo del cerchio di Willis corrisponde allo schema classico, si verifica una ridistribuzione naturale del flusso sanguigno nei seguenti casi:

  • Compressione dell'arteria di alimentazione nel collo a causa di una brusca rotazione della testa.
  • Spasmi dei vasi di alimentazione dovuti a una regolazione neuroumorale compromessa.
  • Otturazione (blocco) dei vasi sanguigni con un embolo o un trombo.

La funzionalità del circolo di Willis non è pienamente realizzata se è aperto o se si osservano tali varianti di rete, il che porta a difficoltà nel flusso sanguigno compensatorio. Le statistiche mostrano che i pazienti con ridotta circolazione cerebrale hanno quasi sempre anomalie nella struttura del sistema circolatorio che alimenta il cervello.

Le conseguenze tipiche della struttura, quando il circolo willisiano è aperto, sono associate ad una diminuzione dell'intensità della circolazione sanguigna e ad una distribuzione non uniforme del flusso sanguigno. Di conseguenza, si verificano vari disturbi: ischemia, atrofia, necrosi di singole aree, TIA (attacchi ischemici transitori).

Per giudicare se è un bene o un male che il cerchio di Willis sia aperto, è importante determinare quanto deviazioni dalla struttura classica influenzano la regolazione dell'emodinamica. In alcune varianti del sistema, esiste una predisposizione alla formazione di aneurismi, con la cui rottura si verifica un ictus emorragico.

Con il deterioramento cronico dell'afflusso di sangue a determinate zone, si sviluppa l'ictus ischemico. Se il cerchio di Willis è aperto, ciò indica l'assenza di arterie importanti (di solito una o entrambe le arterie di collegamento posteriori), che possono portare a gravi conseguenze: ictus, disabilità, morte.

Capitolo 2 Anatomia, fisiologia e fisiopatologia delle malattie occlusive dei rami dell'arco aortico

Circolo di willis

Il cerchio di Willis è un complesso anatomicamente formato di vasi della base del cervello, che compensa l'afflusso di sangue insufficiente a causa di traboccamenti da altri bacini vascolari. I suoi vasi costituenti normalmente formano un sistema chiuso alla base del cervello, chiamato il cerchio di Willis (poligono) (1 - OA, 2 - PCA, 3 - PCA, 4 - PSA, 5 - SMA, 6 - PMA "> Fig. 6). Le seguenti arterie sono coinvolte nella sua formazione:

  • PSA;
  • il segmento iniziale della PMA (A-1);
  • parte sopraclinoide dell'ICA;
  • ZSA;
  • il segmento iniziale della ZMA (P-1);
  • arteria principale distale.

Disturbi circolatori del cervello: triforcazione dell'arteria carotide interna

La triforcazione dell'arteria carotide interna sinistra può essere nelle sue due parti principali: quella posteriore e quella anteriore. Nella prima variante, c'è una divisione nelle arterie posteriori, anteriori e medie delle strutture cerebrali. Nella seconda variante, le strutture arteriose basilari, posteriori e anteriori del cervello si distinguono sull'arteria carotide interna. Questo tipo di separazione può essere sulle arterie carotidi situate sia a sinistra che a destra..

  • 1. Qual è l'essenza del fenomeno descritto?
  • 2. La struttura del cerchio di Willis e le possibili conseguenze
  • 3. Diagnosi e trattamento della malattia
  • 4. Conclusione sull'argomento

La triforcazione è un termine che significa la divisione di un'arteria in tre parti. Non è considerata una malattia o alcuna patologia. I medici riconoscono questa situazione come una delle varianti della struttura del cosiddetto cerchio di Willis negli esseri umani. Questa patologia si manifesta in quasi il 28% della popolazione totale del pianeta..

Non comporta di per sé un grande pericolo, ma può provocare un deterioramento dell'apporto di plasma sanguigno, ossigeno e sostanze nutritive a varie strutture cerebrali. In alcuni casi, può svilupparsi un aneurisma a causa della disomogeneità del volume quantitativo di sangue trasferito attraverso le tre arterie. In alcuni casi, accade che l'arteria anteriore trasporta quasi la metà di tutto il sangue che scorre e il basellare può passare attraverso se stesso solo 1/10 del volume totale.

Questo tipo di costruzione del cerchio di Willis è considerato abbastanza normale durante la prima metà dello sviluppo del feto all'interno dell'utero. Dopo che l'embrione inizia a crescere e svilupparsi, la struttura di tutti i vasi del suo cervello inizia a cambiare: alcuni di essi si uniscono e si ingrandiscono. In alcuni casi, questo processo non si verifica, il che porta alla trifucazione dell'ICA (arteria carotide interna). In questo caso, una persona ha tre vasi emanati dalle arterie carotidi che alimentano il cervello con il sangue, che in alcuni casi può essere considerato una riserva speciale.

La formazione specificata è costituita da molti vasi situati davanti alla base del cervello. È un sistema di backup in caso di insufficiente apporto di plasma sanguigno, ossigeno e sostanze nutritive al cervello. È progettato per compensare la carenza risultante, poiché promuove il pompaggio di sangue da altre fonti al cervello. Con una struttura normale, si forma un sistema chiuso di arterie che alimentano le strutture cerebrali.

In presenza di triforcazione, sono possibili alcuni fenomeni che si verificano a causa del flusso irregolare del flusso sanguigno attraverso vari tipi di arterie. La sintomatologia si esprime come segue:

  1. 1. Una persona si lamenta che gli gira la testa.
  2. 2. Il portatore di questa patologia può avere mal di testa.
  3. 3. Spesso in un tale paziente, i medici scoprono un'emicrania, che a volte ha segni significativi e molto espressivi.

Se un tale paziente sviluppa un aneurisma, i sintomi della lesione possono venire alla luce solo quando la nave si rompe. In quel momento, la trasfusione di sangue avviene nella cosiddetta area subaracnoidea. Quindi il paziente inizia a lamentarsi della presenza di sensazioni dolorose insopportabili nell'area della testa. Molto spesso, un tale dolore in un paziente è accompagnato da un processo nauseabondo e quindi dal vomito. In una persona, le strutture muscolari nella parte posteriore della testa sono molto tese, quindi si sviluppa una forte fotofobia..

La triforcazione sull'arteria carotide sinistra o destra viene spesso rilevata dai medici durante l'esame di un paziente che è venuto a diagnosticare il cervello a causa di un'altra malattia. La RM (risonanza magnetica per immagini) viene solitamente utilizzata per rilevare la triforcazione, ma può essere necessaria anche la TC (tomografia computerizzata) per identificare più chiaramente la posizione della maglia di questi vasi.

A volte, quando si verifica una complicazione della triforcazione (aneurisma su una nave), viene determinata quasi immediatamente utilizzando la risonanza magnetica o la TC. Ma questi casi sono quasi sempre l'eccezione alla regola, poiché di solito non ci sono segni della malattia dal lato neurologico. Pertanto, in questi casi non è richiesto un processo di trattamento speciale. Un'altra malattia concomitante, ad esempio l'insorgenza di sintomi di aterosclerosi o ipertensione, può anche complicare il decorso della triforcazione..

Il paziente non ha bisogno di farsi prendere dal panico o pensare di essere irrimediabilmente incurabile quando fa una diagnosi come la triforcazione sull'arteria interna della carotide. Di solito, l'opzione descritta di costruire il cerchio di Willis non ha assolutamente bisogno di eseguire misure terapeutiche speciali. È necessario tenere conto del fatto che questo è praticamente un sistema di compensazione della riserva per processi indesiderabili come la trombosi o l'interruzione del normale flusso di plasma sanguigno, ossigeno e sostanze nutritive nelle strutture cerebrali..

Se un paziente ha complicazioni sotto forma di aneurisma, dopo che la diagnosi è stata fatta, si consiglia di eseguire solo un'operazione chirurgica, poiché tale malattia non può essere curata con altri metodi. Con questo intervento chirurgico, i vasi vengono legati nel sito della loro rottura. L'apertura di un aneurisma può richiedere un trattamento conservativo con farmaci e altri farmaci che i medici usano per combattere le emorragie cerebrali..

Triforcazione anteriore incompleta del sole sinistro. Video: la struttura del cerchio di Willis. RM angiografia nello studio delle arterie cerebrali.

Il cervello fornisce tutte le più importanti funzioni fisiologiche e l'attività mentale umana. I neuroni nel cervello richiedono un apporto significativo di sostanze nutritive e ossigeno, che provengono dal sangue. Se il flusso sanguigno è disturbato, alcune delle cellule nervose possono morire, il che è irto di gravi conseguenze..

Pertanto, la natura ha inventato un meccanismo per compensare la mancanza di sangue in una delle due regioni vascolari del cervello. Questo è il cerchio di Willis che collega i bacini carotidei e vertebrali.

Ipotensivo. Modifica dei fattori di rischio per le piccole e medie imprese. Precedente CoO, un'altra operazione o radioterapia al collo. Occlusione carotidea controlaterale; Gravi malattie cardiache, polmonari o renali. Prima di cardiochirurgia o infarto miocardico. Lesioni delle arterie carotidi: dissezione, trombosi, recidiva di stenosi, fatale. Dissezione sonnolenta con controindicazione alla terapia anticoagulante, recidiva di infarto cerebrale e stenosi persistente di sonnolenza significativa. Displasia fibromuscolare, malattia di Takayset.

Cos'è questa formazione anatomica? Perché le anomalie del suo sviluppo sono pericolose? Come cambiano l'afflusso di sangue al cervello? Le risposte a queste domande interessano i pazienti, poiché molti di loro hanno problemi vascolari..

Caratteristiche della patologia

Questo processo patologico non può essere definito una malattia. La triforcazione è una caratteristica della struttura del cerchio di Willis. Questa insolita struttura delle arterie è abbastanza comune, in più del 20% delle persone. La patologia non è ancora la norma, poiché alcuni rami delle arterie divise possono fornire sangue insufficiente al cervello a causa dello sviluppo di aneurismi.

Questa struttura del cerchio di Willis è considerata la norma per un embrione all'interno dell'utero nella prima metà del suo sviluppo. Nel processo di crescita, la struttura dei vasi sanguigni cambia e assumono il loro stato normale. Ma in alcuni casi, la loro fusione non si verifica, mantengono le stesse dimensioni e si sviluppa la triforcazione dell'arteria carotide interna.

Con la triforcazione anteriore, l'arteria trasporta solo il 50% del sangue al cervello e solo il posteriore il 10%, che è il risultato dell'ipoplasia del segmento prossimale. La maggior parte degli scienziati in quest'area sostiene che la struttura non classica del Circolo di Willis può causare la formazione di aneurismi in uno qualsiasi dei suoi dipartimenti..

In cosa consiste il cerchio di Willis

Prima di tutto, devi capire di cosa si tratta: il cerchio di Willis. Questa è un'anastomosi delle arterie del cervello, che ha la forma di una corona ovale. Questa educazione prende il nome dal suo scopritore - Thomas Willis.

Il cerchio è formato da arterie come:

  1. Collegamento posteriore.
  2. Cerebrale posteriore.
  3. Cerebrale anteriore.
  4. Domestico assonnato.

Questa struttura del cerchio consente di collegare due sistemi tra loro: il vertebrale-principale e la carotide.

Lo sviluppo della cerchia di Willis si verifica più spesso secondo la versione classica. In questo caso, la formazione sarà simmetrica rispetto all'asse verticale. Le patologie strutturali sono comuni.

La struttura del cerchio di Willis

La biforcazione dell'arteria carotide è costituita da molti vasi che si trovano davanti alla base del cervello. Tale formazione può essere considerata un sistema di riserva che funzionerà quando il rifornimento del cervello è insufficiente con plasma, ossigeno e sostanze nutritive. Questo speciale sistema è progettato per compensare i problemi insorti con il flusso sanguigno, poiché è in grado di pompare il sangue al cervello da altre fonti nel corpo. La solita struttura del circolo di Willis ha un sistema chiuso di arterie che alimentano le strutture cerebrali.

Durante la triforcazione, a causa del flusso irregolare di sangue attraverso i vasi e le arterie, possono verificarsi alcuni fenomeni spiacevoli.

Tali condizioni patologiche avranno i seguenti sintomi:

  1. Vertigini;
  2. Dolore alle tempie e alla parte posteriore della testa;
  3. Manifestazione di segni significativi e pronunciati di emicrania.

Se un paziente con triforcazione sviluppa un aneurisma, i sintomi possono comparire solo quando i vasi si rompono. In questo momento, il sangue verrà versato nella regione subaracnoidea e il paziente inizierà a sentire forti mal di testa. Le sensazioni dolorose insopportabili sono spesso accompagnate da nausea e vomito. Il paziente avverte una forte tensione nelle strutture muscolari nella parte posteriore della testa e diventa sensibile alla luce intensa.

Funzioni del circolo di Willis

La funzione principale del sistema è la regolazione dell'emodinamica cerebrale. Se il volume di afflusso sanguigno diminuisce in una certa area del cervello, il sistema rappresentato dal VC reindirizza il flusso sanguigno in modo tale da sopperire alla perdita di sangue nelle zone carenti..

Grazie al sistema, molte anomalie nello sviluppo dei vasi cerebrali (aplasia, ipoplasia) non sono accompagnate da sintomi neurologici e spesso diventano un riscontro accidentale durante un esame diagnostico prescritto per un altro motivo.

Diagnostica

Alcune persone non sono nemmeno consapevoli della loro struttura speciale dell'arteria carotide interna. La triforcazione ICA anteriore nella maggior parte dei casi viene rilevata per caso, quando una persona decide di condurre uno studio del cervello in relazione a malattie completamente diverse. La risonanza magnetica aiuta a identificare questa caratteristica. Se necessario, utilizzare l'angiografia a contrasto per ottenere un'immagine vascolare più chiara e chiara.

La triforcazione può essere chiaramente identificata nelle immagini 3D-TOF acquisite. La sintomatologia clinica è causata dall'assenza nell'immagine dell'arteria vertebrale destra e dall'allontanamento dall'arteria carotide interna destra dei vasi cerebrali anteriori. Tali pazienti in futuro avranno bisogno del consiglio di un neurologo, che prescriverà loro un corso di terapia specializzato.

La struttura del cerchio di Willis

L'anatomia della struttura normalmente assume la formazione di un anello chiuso all'interno del sistema circolatorio: il cerchio di Willis. Le principali arterie che compongono il cerchio di Willis:

  1. Cerebrale anteriore (primario).
  2. Collegamento frontale.
  3. Carotide interna (sovracliniforme).
  4. Collegamento posteriore.
  5. Cerebrale posteriore (primario).

Numerose arterie si diramano dal cerchio di Willis, formando una rete ramificata, la cui struttura anatomica consente, se necessario, di alimentare qualsiasi parte del cervello. Varie deviazioni nella formazione della struttura del sistema sono più spesso anomalie congenite, meno spesso si verificano a causa di precedenti malattie infettive, lesioni craniocerebrali, patologie vascolari (aterosclerosi, regolazione neuroumorale compromessa).

Trattamento

Quando si trova una triforcazione posteriore o un'arteria carotide interna anteriore, non disperare e cercare soluzioni a questo problema. Una struttura così speciale del cerchio di Willis non ha bisogno di una terapia speciale. La struttura di questi vasi arteriosi non può causare gravi patologie, poiché sono un'ulteriore fonte di nutrienti per il cervello, aumentano la circolazione sanguigna nella trombosi.

Il trattamento in una struttura medica può essere richiesto solo se si sviluppano complicazioni, ad esempio un aneurisma. Per eliminarlo, avrai bisogno di un intervento chirurgico, che consiste nel legare i vasi nel sito di formazione delle complicanze. Quando si apre un aneurisma, è necessario un trattamento conservativo, che è generalmente accettato per qualsiasi patologia con emorragia cerebrale..

Complicazioni

Le complicazioni della triforcazione includono la comparsa di un aneurisma su qualsiasi nave. Questa patologia viene determinata immediatamente utilizzando una macchina per risonanza magnetica o TC. Una caratteristica della formazione dell'aneurisma è la completa assenza di segni di malattie neurologiche. In questo caso non viene fornito alcun trattamento speciale. Molte malattie concomitanti (ipertensione, aterosclerosi e altre) possono anche complicare il decorso della triforcazione..

Le complicazioni presenti con una struttura così non standard dei vasi sanguigni possono includere anche la loro maggiore lunghezza e l'adozione di varie forme innaturali:

  • La patologia vascolare è molto difficile da rilevare fintanto che hanno curve morbide ad angolo ottuso. Un vaso ben definito ha una curva decorata, in grado di pizzicare l'arteria principale;
  • Kinking. La direzione dell'arteria forma un angolo acuto incompleto;
  • Avvolgimento. L'arteria assume la forma di un anello, che altera significativamente il flusso sanguigno. Possono essere presenti anche sintomi di ischemia cerebrale.

Le caratteristiche dei vasi, vale a dire la triforcazione dell'arteria carotide interna sinistra, possono portare a un restringimento del suo lume. Questa patologia si forma principalmente nelle persone anziane. A causa della formazione di placche aterosclerotiche sulle pareti interne del vaso, il lume si restringe in modo significativo, il che compromette la circolazione sanguigna.

Tali placche sono formate da tessuto fibroso, colesterolo e calcio. Quando le placche diventano ricoperte di piastrine, può verificarsi il blocco completo delle arterie e dei vasi con una struttura non standard.

La tortuosità dei vasi della colonna vertebrale, del collo e del cervello: cause, sintomi, trattamento

Per molti anni, lottando senza successo con l'IPERTENSIONE?

Responsabile dell'Istituto: “Rimarrai stupito di quanto sia facile curare l'ipertensione assumendoli tutti i giorni.

I pazienti che soffrono di ipertensione e disturbi neurocircolatori a volte non sospettano che la causa del loro disturbo risieda nella tortuosità patologica delle arterie carotidi o vertebrali. Questa caratteristica anatomica aumenta il rischio di ictus ischemico del 30% a causa del flusso sanguigno alterato in questi vasi sanguigni centrali. Per lo stesso motivo possono svilupparsi disturbi transitori della circolazione cerebrale..

Come si forma l'arteria tortuosa?

Di norma, il verificarsi di tortuosità delle arterie carotide e vertebrali è un fattore ereditario, quando le fibre elastiche prevalgono sulle fibre di collagene nel tessuto dei vasi sanguigni. Di conseguenza, le pareti dei grandi vasi si consumano, diventano più sottili e deformate. Un ulteriore fattore di rischio è l'aterosclerosi: quando le placche aterosclerotiche si depositano sulle pareti, il lume del vaso diminuisce, il che causa anche un flusso sanguigno alterato. Nella maggior parte dei casi, la tortuosità delle arterie può essere asintomatica, ma gradualmente il paziente può sviluppare disturbi transitori della circolazione cerebrale, che in alcuni casi provoca lo sviluppo di un microstroke se la causa non può essere rilevata in tempo. Nel 20% dei casi negli adulti, durante un esame preventivo, tortuosità dei vasi nel collo - le arterie carotidi.

Per il trattamento dell'ipertensione, i nostri lettori hanno utilizzato con successo ReCardio. Vedendo una tale popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione. Leggi di più qui...

Tortuosità patologica dell'arteria carotide

Le arterie carotidi si formano nella cavità toracica: l'arteria carotide sinistra inizia nell'arco aortico e la CA destra (arteria carotide) - nel tronco brachiale, quindi sono divise in un'arteria esterna e interna. C'è una tortuosità patologica dell'arteria carotide interna o tortuosità di entrambi gli ICA (arteria carotide interna). Le seguenti manifestazioni di tortuosità patologica dell'ICA e del CCA (arteria carotide comune) sono più spesso osservate.

Tipi di patologie vascolari:

  • Tortuosità a forma di S dell'ICA. L'allungamento dell'arteria porta alla comparsa di una curva liscia lungo l'arteria (una o più). Ciò non causa alcun inconveniente, di solito si rivela inaspettatamente, durante un esame preventivo. Nel tempo, le pieghe vascolari aumentano e possono rivelarsi piegature, il che porta inevitabilmente a futuri disturbi del flusso sanguigno.
  • Piegare la nave con un angolo acuto è attorcigliato. In alcuni casi, questo difetto è congenito; in questo caso, il bambino può soffrire di disturbi circolatori del cervello fin dall'infanzia. In altri casi, si sviluppa dalla curva a forma di S dell'arteria con ipertensione prolungata e indurimento vascolare. Con questa patologia, l'IMC (accidente cerebrovascolare) si sviluppa con lo sviluppo di sintomi vertebro-basilari: nausea, vomito, sensazione di instabilità, tinnito, mal di testa.
  • La tortuosità dell'arteria è a forma di cappio - avvolgimento. I loop si formano sull'arteria. In questo caso, non si verifica una curva acuta, ma la forza del flusso sanguigno in quest'area rallenta, in alcuni casi in modo significativo, ei sintomi si sviluppano improvvisamente e in modo imprevedibile. Gli attacchi dipendono dal livello di pressione sanguigna, dalla posizione del paziente e da altre cause indirette..

Disturbi circolatori del cervello: triforcazione dell'arteria carotide interna

La triforcazione dell'arteria carotide interna sinistra può essere nelle sue due parti principali: quella posteriore e quella anteriore. Nella prima variante, c'è una divisione nelle arterie posteriori, anteriori e medie delle strutture cerebrali. Nella seconda variante, le strutture arteriose basilari, posteriori e anteriori del cervello si distinguono sull'arteria carotide interna. Questo tipo di separazione può essere sulle arterie carotidi situate sia a sinistra che a destra..

La triforcazione è un termine che significa la divisione di un'arteria in tre parti. Non è considerata una malattia o alcuna patologia. I medici riconoscono questa situazione come una delle varianti della struttura del cosiddetto cerchio di Willis negli esseri umani. Questa patologia si manifesta in quasi il 28% della popolazione totale del pianeta..

Non comporta di per sé un grande pericolo, ma può provocare un deterioramento dell'apporto di plasma sanguigno, ossigeno e sostanze nutritive a varie strutture cerebrali. In alcuni casi, può svilupparsi un aneurisma a causa della disomogeneità del volume quantitativo di sangue trasferito attraverso le tre arterie. In alcuni casi, accade che l'arteria anteriore trasporta quasi la metà di tutto il sangue che scorre e il basellare può passare attraverso se stesso solo 1/10 del volume totale.

Questo tipo di costruzione del cerchio di Willis è considerato abbastanza normale durante la prima metà dello sviluppo del feto all'interno dell'utero. Dopo che l'embrione inizia a crescere e svilupparsi, la struttura di tutti i vasi del suo cervello inizia a cambiare: alcuni di essi si uniscono e si ingrandiscono. In alcuni casi, questo processo non si verifica, il che porta alla trifucazione dell'ICA (arteria carotide interna). In questo caso, una persona ha tre vasi emanati dalle arterie carotidi che alimentano il cervello con il sangue, che in alcuni casi può essere considerato una riserva speciale.

La formazione specificata è costituita da molti vasi situati davanti alla base del cervello. È un sistema di backup in caso di insufficiente apporto di plasma sanguigno, ossigeno e sostanze nutritive al cervello. È progettato per compensare la carenza risultante, poiché promuove il pompaggio di sangue da altre fonti al cervello. Con una struttura normale, si forma un sistema chiuso di arterie che alimentano le strutture cerebrali.

In presenza di triforcazione, sono possibili alcuni fenomeni che si verificano a causa del flusso irregolare del flusso sanguigno attraverso vari tipi di arterie. La sintomatologia si esprime come segue:

  1. 1. Una persona si lamenta che gli gira la testa.
  2. 2. Il portatore di questa patologia può avere mal di testa.
  3. 3. Spesso in un tale paziente, i medici scoprono un'emicrania, che a volte ha segni significativi e molto espressivi.

Se un tale paziente sviluppa un aneurisma, i sintomi della lesione possono venire alla luce solo quando la nave si rompe. In quel momento, la trasfusione di sangue avviene nella cosiddetta area subaracnoidea. Quindi il paziente inizia a lamentarsi della presenza di sensazioni dolorose insopportabili nell'area della testa. Molto spesso, un tale dolore in un paziente è accompagnato da un processo nauseabondo e quindi dal vomito. In una persona, le strutture muscolari nella parte posteriore della testa sono molto tese, quindi si sviluppa una forte fotofobia..

La triforcazione sull'arteria carotide sinistra o destra viene spesso rilevata dai medici durante l'esame di un paziente che è venuto a diagnosticare il cervello a causa di un'altra malattia. La RM (risonanza magnetica per immagini) viene solitamente utilizzata per rilevare la triforcazione, ma può essere necessaria anche la TC (tomografia computerizzata) per identificare più chiaramente la posizione della maglia di questi vasi.

A volte, quando si verifica una complicazione della triforcazione (aneurisma su una nave), viene determinata quasi immediatamente utilizzando la risonanza magnetica o la TC. Ma questi casi sono quasi sempre l'eccezione alla regola, poiché di solito non ci sono segni della malattia dal lato neurologico. Pertanto, in questi casi non è richiesto un processo di trattamento speciale. Un'altra malattia concomitante, ad esempio l'insorgenza di sintomi di aterosclerosi o ipertensione, può anche complicare il decorso della triforcazione..

Il paziente non ha bisogno di farsi prendere dal panico o pensare di essere irrimediabilmente incurabile quando fa una diagnosi come la triforcazione sull'arteria interna della carotide. Di solito, l'opzione descritta di costruire il cerchio di Willis non ha assolutamente bisogno di eseguire misure terapeutiche speciali. È necessario tenere conto del fatto che questo è praticamente un sistema di compensazione della riserva per processi indesiderabili come la trombosi o l'interruzione del normale flusso di plasma sanguigno, ossigeno e sostanze nutritive nelle strutture cerebrali..

Se un paziente ha complicazioni sotto forma di aneurisma, dopo che la diagnosi è stata fatta, si consiglia di eseguire solo un'operazione chirurgica, poiché tale malattia non può essere curata con altri metodi. Con questo intervento chirurgico, i vasi vengono legati nel sito della loro rottura. L'apertura di un aneurisma può richiedere un trattamento conservativo con farmaci e altri farmaci che i medici usano per combattere le emorragie cerebrali..

RM angiografia nello studio delle arterie cerebrali

Mal di testa, rumore e vertigini, disturbi della memoria, aumento della fatica, riduzione delle prestazioni: sintomi simili si riscontrano non solo negli anziani, ma anche nelle persone di mezza età e persino nei giovani.

Spesso i pazienti e alcuni operatori sanitari non prendono molto sul serio tali reclami.

Nel frattempo, possono indicare un'insufficienza circolatoria cerebrale cronica o essere i primi messaggeri di malattie gravi e pericolose..

Quali sono le ragioni delle vertigini? Esperto-neurologo principale di LLC "Esperto di clinica Kursk" Umerenkova Natalya Vladimirovna

Ecco perché, con tali reclami, è necessario un esame completo..

Perché un paziente con mal di testa ha prescritto una risonanza magnetica dei vasi cerebrali?

Dal radiologo di LLC "MRT Expert Yelets" Yavorsky Evgeny Valerievich

Cos'è l'angiografia RM dei vasi cerebrali?

L'angiografia RM è uno dei metodi più affidabili della diagnostica moderna, che consente di visualizzare chiaramente le strutture vascolari senza richiedere manipolazioni invasive..

Puoi scoprire il costo di un esame MRI dei vasi sanguigni e iscriverti a uno studio qui

Cosa mostra l'angiografia MRI??

Considerare le principali patologie vascolari rilevate dall'angiografia RM:

I. Malformazioni vascolari del cervello

Cos'è e cosa sono?

1. La malformazione artero-venosa (AVM) è la malformazione vascolare sintomatica più comune.

Gli AVM tipici sono rappresentati da 3 componenti principali: le arterie adduttive (vasi afferenti), un groviglio (nodo) di strutture vascolari alterate e vene drenanti (vasi efferenti).

Il nodo AVM consiste nella fusione di arterie e vene senza una rete capillare intermedia. Il tessuto cerebrale adiacente, di regola, è atrofico, con alterazioni di gliosi dovute al fenomeno del "furto".

Come capire cosa c'è scritto nella conclusione dell'esame MRI della testa e dei vasi sanguigni? Medici-radiologi della rete federale di diagnostica

Quali sono i sintomi tipici delle malformazioni artero-venose??

Clinicamente, le malformazioni artero-venose si manifestano con emorragie intracraniche, mal di testa, convulsioni e sintomi neurologici focali..

Nella figura - a) T2-tra. Determinato dalla grande dimensione dell'AVM della regione temporoparieto-occipitale sinistra (frecce); b) le frecce mostrano le arterie cerebrali centrali e posteriori di sinistra e il nodo della malformazione artero-venosa notevolmente dilatato

2. Anastomosi carotideo-cavernosa. Che cos'è? Questa è l'anastomosi tra l'infraclinoide (segmento cavernoso) dell'arteria carotide interna e il seno cavernoso. È spontaneo o post-traumatico.

La patogenesi è associata a un intenso scarico di sangue dall'arteria carotide interna (ICA) nel seno cavernoso, un aumento della pressione in quest'ultimo, espansione della vena ottica sul lato della lesione di varia gravità; la formazione di un esoftalmo pulsante.

Quali sintomi sono caratteristici della fistola carotideo-cavernosa? Clinica tipica: esoftalmo pulsante, dolore nell'area del bulbo oculare, mal di testa, infiammazione della congiuntiva e iniezione di vasi sclerali. Per quanto riguarda la prognosi dell'anastomosi carotideo-cavernosa, in assenza di trattamento si osserva una progressione dei sintomi.

La figura mostra la fistola carotideo-cavernosa a sinistra. La freccia mostra il livello dell'anastomosi tra l'arteria carotide interna sinistra e il seno cavernoso sinistro con la loro dilatazione e la presenza di flusso sanguigno ad alta velocità / alta intensità. Una freccia aperta indica una vena orbitale sinistra dilatata e convoluta, anch'essa con un flusso sanguigno intenso

3. Angiomi cavernosi (cavernoma, malformazione cavernosa). Cos'è? Questa è una raccolta di spazi sinusoidali allargati rivestiti con endotelio, senza aree di conservazione del normale parenchima cerebrale nella loro struttura. Ci sono sia formazioni singole che multiple.

La figura mostra più cavernomi cerebrali Le immagini T2 (a sinistra) e T1 (a destra) sul piano assiale mostrano formazioni focali di una struttura eterogenea con un bordo di emosiderina lungo la periferia (in T2-VI), senza infiltrazione perifocale ed effetto di massa

Quali sono i sintomi tipici degli angiomi cavernosi? Clinicamente, gli angiomi cavernosi si manifestano con convulsioni, mal di testa, sintomi neurologici focali; staminali sintomi con una localizzazione appropriata. Il sanguinamento è molto raro. Possibile combinazione di malformazione cavernosa e sviluppo venoso cerebrale.

4. Teleangectasia capillare. Che cos'è? La teleangectasia capillare è caratterizzata dall'alternanza di aree di normale parenchima cerebrale e aree con capillari dilatati. I siti più comuni sono il ponte e il cervelletto.

Quali sono i sintomi della teleangectasia capillare? Clinicamente asintomatico; deve essere differenziato da altri cambiamenti focali.

La figura mostra la teleangectasia capillare. Viene determinato il contorno "a pennello" di una piccola formazione focale nelle parti dorsali dei ponti del cervello (a, diagramma); b) un piccolo fuoco di un segnale RM eterogeneo e iso-ipointenso viene visualizzato nel ponte del cervello, con la presenza di aree di normale parenchima cerebrale nella sua proiezione (freccia)

Le ultime due varianti di malformazioni (angiomi cavernosi e teleangectasie capillari) sono visualizzate in modo più affidabile in un esame cerebrale standard, perché a causa del flusso sanguigno minimo in questi casi, l'angiografia RM è meno informativa.

Registrati per una risonanza magnetica della testa nella tua città qui

II. Aneurismi cerebrali

Che cos'è? Un aneurisma arterioso è una sporgenza limitata della parete di un'arteria sotto forma di un diverticolo o un sacco (aneurisma sacculare) o un'espansione uniforme di un'arteria in un'area specifica (aneurisma fusiforme).

Perché gli aneurismi cerebrali sono pericolosi? Gli aneurismi cerebrali sono la principale causa di emorragia intracranica non traumatica.

Perché si verificano gli aneurismi? Di solito, gli aneurismi si formano a causa di danni emodinamici alla parete del vaso sullo sfondo di aterosclerosi e ipertensione.

Sono anche possibili fattori traumatici e post-infettivi nella formazione di aneurismi.

Un improvviso aumento della pressione sanguigna e patologie ereditarie dei tessuti connettivi e muscolari possono anche essere fattori eziologici nel verificarsi di aneurismi cerebrali.

L'aneurisma del cervello è una malattia, secondo le statistiche, piuttosto rara: viene diagnosticata solo nel 5% degli abitanti del nostro pianeta. La giovane artista Nadezhda Rusheva è morta a causa di questa malattia. Leggi di più

La figura mostra un aneurisma trombizzato dell'arteria comunicante anteriore (freccia), complicato da emorragia

La figura mostra un aneurisma trombizzato dell'arteria principale (freccia). L'angiografia RM rivela l'assenza di flusso sanguigno visualizzato nell'arteria basilare, l'afflusso di sangue alle arterie cerebrali posteriori si verifica a causa del cerchio di Willis

Quali sono i sintomi degli aneurismi cerebrali? Clinicamente, gli aneurismi si manifestano con cefalea, sintomi vegetativi e quando si rompono si manifestano sintomi di emorragia subaracnoidea e / o intracerebrale. A grandi dimensioni, sono possibili sintomi neurologici focali.

Cosa sono gli aneurismi??

Un aneurisma fusiforme è un vaso dilatato, convoluto e allungato (dolicoectasia). Nessun aneurisma al collo.

Eziologicamente, questo tipo di aneurisma nella maggior parte dei casi si forma sullo sfondo di lesioni aterosclerotiche dei vasi cerebrali. Molto meno spesso - sullo sfondo di malattie infettive, collagenosi, condizioni immunosoppressive.

Le localizzazioni più caratteristiche degli aneurismi fusiformi sono: reparto vertebro-basilare; Segmento P1 dell'arteria cerebrale posteriore e segmento sopraclinoide dell'arteria carotide interna (ICA).

Per quanto riguarda i sintomi dell'aneurisma fusiforme, clinicamente di solito si manifesta con un attacco ischemico transitorio o ictus, meno spesso con un'emorragia subaracnoidea.

Cos'è un attacco ischemico transitorio e in cosa differisce da un ictus? Dal neurologo di LLC "Clinic Expert Tula" Kapralova Isabella Ivanovna

La figura mostra una risonanza magnetica di una donna di 73 anni con aterosclerosi delle arterie intracraniche. Viene determinata l'espansione fusiforme del segmento A1 dell'arteria cerebrale anteriore destra

III. Aterosclerosi dell'arteria intracranica

Che cos'è? L'aterosclerosi delle arterie intracraniche è un processo patologico sistemico multifattoriale, i cui fattori predisponenti sono l'ipercolesterolemia e l'iperlipidemia..

In questo caso, si verificano cambiamenti degenerativi nella parete vascolare, formazione di placche calcificanti, ulcerazione dell'intima e spostamento del trombo, a seguito dei quali il diametro della nave diminuisce progressivamente.

Segue la diffusione di tromboemboli lungo il letto vascolare, la dilatazione post-stenotica e la formazione di aneurismi fusiformi.

La figura mostra lesioni aterosclerotiche dei vasi intracranici, una diminuzione dell'intensità del flusso sanguigno e un restringimento del lume nelle sezioni terminali dell'arteria cerebrale anteriore (PMA), dell'arteria cerebrale media (MCA) e dell'arteria cerebrale posteriore (PCA)

Nella maggior parte dei casi, è la lesione aterosclerotica la causa della stenosi dell'arteria intracranica. Ma ci sono una serie di malattie congenite e acquisite che possono portare alla stenosi del lume del vaso e allo sviluppo di malattie non trasmissibili (sindromi neurocutanee, aplasia e ipoplasia delle arterie, malattia di Moya-Moya, malattie sistemiche del tessuto connettivo e vasculite).

IV. Vasculite

Cos'è la vasculite? Questa è un'infiammazione vascolare.

La classificazione della vasculite dipende da dove si verifica l'infiammazione e da quale calibro sono infiammati i vasi (grandi o piccoli).

Le manifestazioni cliniche della vasculite sono molteplici. Questo può essere sia un danno ai singoli organi che a tutto il corpo (dolore muscolare, manifestazioni cutanee, ecc.)

Nella figura - a) arterite primaria dell'angiografia RM del SNC, dati "grezzi".

C'è un restringimento diffuso del lume delle arterie intracraniche, una diminuzione dell'intensità del flusso sanguigno attraverso di esse, in particolare, i segmenti sopraclinoidi dell'ICA e le arterie cerebrali posteriori (frecce); b) L'immagine postcontrast T1-cor con contrasto endovenoso mostra un marcato miglioramento girale dei disturbi della circolazione cerebrale ischemica (CMC) in questo paziente

L'angioite primaria del sistema nervoso centrale è solitamente una malattia rapidamente progressiva, con la formazione di numerose zone di infarto cerebrale. Di regola, sono caratteristici i cambiamenti nella sostanza del cervello della localizzazione sopratentoriale.

V. Stenosi, deformità patologiche e anomalie delle arterie principali

Come appaiono nelle scansioni MRI?

Nella figura, le frecce mostrano la stenosi dell'arteria cerebrale media sinistra con flusso sanguigno conservato distale rispetto al sito della stenosi (al contrario dell'occlusione)

La figura mostra la tortuosità a forma di C del segmento prepetroso dell'arteria carotide interna sinistra; Tortuosità a forma di S e ipoplasia dell'arteria vertebrale sinistra; possibilità di collegare le arterie vertebrali - non fusione

La figura mostra l'attorcigliamento (curvatura ad angolo acuto) di entrambe le arterie carotidi interne

La figura mostra l'avvolgimento (formazione di ansa patologica) al confine dei segmenti cervicale e prepetroso dell'arteria carotide interna destra

Vi. Varianti della struttura delle arterie del cervello

Considera i tomogrammi.

La figura mostra una variante della connessione delle arterie vertebrali (divisione insulare delle parti prossimali dell'arteria principale (OA))

La figura mostra la triforcazione posteriore completa dell'arteria carotide interna sinistra: il segmento P1 dell'arteria cerebrale posteriore sinistra (PCA) non viene visualizzato e l'afflusso di sangue a P2 e alle parti più distali dell'arteria cerebrale posteriore sinistra (PCA) viene eseguito a causa dell'arteria carotide posteriore sinistra dilatata (PCA) (dal sistema arteria carotide interna sinistra (ICA), frecce)

La figura mostra una completa triforcazione anteriore dell'arteria carotide interna destra (ICA). Il flusso sanguigno lungo il segmento A1 dell'arteria cerebrale destra sinistra (PMA) non viene rilevato, l'afflusso di sangue ad A2 e alle parti più distali dell'arteria cerebrale destra sinistra (PMA) viene effettuato dal sistema dell'arteria carotide superiore destra (ICA) attraverso l'arteria comunicante anteriore

Materiale correlato:

Una cisti cerebrale è sempre una diagnosi pericolosa?

Can and Do not in MRI (sulle controindicazioni allo studio)

Perché il contrasto è necessario nella diagnostica MRI?

Capitolo 2 Anatomia, fisiologia e fisiopatologia delle malattie occlusive dei rami dell'arco aortico

Circolo di willis

Il cerchio di Willis è un complesso anatomicamente formato di vasi della base del cervello, che compensa l'afflusso di sangue insufficiente a causa di traboccamenti da altri bacini vascolari. I suoi vasi costituenti normalmente formano un sistema chiuso alla base del cervello, chiamato il cerchio di Willis (poligono) (1 - OA, 2 - PCA, 3 - PCA, 4 - PSA, 5 - SMA, 6 - PMA "> Fig. 6). Le seguenti arterie sono coinvolte nella sua formazione:

  • PSA;
  • il segmento iniziale della PMA (A-1);
  • parte sopraclinoide dell'ICA;
  • ZSA;
  • il segmento iniziale della ZMA (P-1);
  • arteria principale distale.

Di questi, solo il PSA e l'arteria principale non sono accoppiati, il resto è accoppiato. Tuttavia, un circolo di Willis completamente chiuso e normalmente sviluppato si verifica solo nel 25-50% dei casi. L'ipoplasia delle arterie di collegamento, l'assenza e l'ipoplasia dei primi segmenti di PMA e PCA sono abbastanza comuni..

Nella cerchia di Willis si distinguono le sezioni anteriore e posteriore. La sezione anteriore include l'ICA, il segmento A-1 PMA e il PSA; nella sezione posteriore - il PCA, il segmento P-1 del PCA e la sezione distale dell'arteria principale.

Le deviazioni dalla norma della parte anteriore del cerchio di Willis sono un po 'meno comuni delle anomalie della parte posteriore.

L'arteria comunicante anteriore si distingue per un'ampia varietà di struttura, dimensione e posizione: dalla completa assenza o ipoplasia, raddoppiandola e triplicandola, alla formazione di un'ampia fistola arterio-arteriosa nell'area di contatto delle pareti PMA. In rari casi (dall'1 al 7%), entrambe le PMA partono da una ICA, che è chiamata "trifurcazione anteriore" della PMA. Nel caso dell'aplasia del PSA o della triforcazione anteriore del PMA, la parte anteriore del cerchio di Willis è aperta. Anomalie non comuni (nell'1,5-10% dei casi) sono la duplicazione delle sezioni A-1 e la presenza di una terza o arteria cerebrale anteriore media che si estende dal PSA, nota come arteria di Wilder (arteria termatica).

La parte posteriore normale del cerchio di Willis si trova solo nel 15-65% delle persone. Anomalie nella parte posteriore del cerchio di Willis possono manifestarsi in una varietà di dimensioni, asimmetria di ramificazione e assenza di alcune arterie e segmenti. La più comune è la differenza nei diametri delle arterie vertebrali, quando una è ipoplastica e l'altra è ipertrofizzata alle dimensioni dell'arteria principale. Attualmente, è generalmente accettato che una delle arterie vertebrali sia normalmente dominante, e l'altra sia recessiva, in termini di contributo al flusso sanguigno totale nel bacino vertebro-basilare. L'asimmetria consentita è del 50%. Le arterie di collegamento posteriori hanno solitamente un diametro leggermente inferiore rispetto al PSA. Un'anomalia abbastanza comune è l'ipoplasia del PCA. In rari casi, il suo diametro è uguale al diametro del PCA, il che ci consente di parlare (con ipoplasia del segmento P-1) della formazione della triforcazione posteriore dell'ICA.

Una delle varianti di un'anomalia pronunciata nella struttura del sistema vertebro-basilare intracranico è l'assenza di fusione completa di entrambe le arterie vertebrali nell'arteria principale, quando le anastomosi rimangono tra di loro sotto forma di un canale di forma irregolare o quando entrambe le PA rimangono isolate l'una dall'altra.

In caso di aplasia della PCA o dell'arteria principale, nonché della triforcazione posteriore dell'ICA, la parte posteriore del cerchio di Willis è aperta. La parte posteriore del cerchio di Willis dà origine a rami perforanti che vanno al diencefalo e al mesencefalo. Le anomalie del circolo di Willis si verificano in media nel 59% dei casi.

L'apertura del cerchio di Willis è possibile sia davanti che dietro. Inoltre, può essere completo (in assenza di arterie di collegamento) e incompleto (con sottosviluppo o restringimento). L'assenza anatomica di PSA (dissociazione del cerchio di Willis davanti) è rara - nel 3-4% dei casi, e dietro - molto più spesso - 6,8-25%. Inoltre, c'è un altro tipo di anomalie nella scarica delle arterie che formano il cerchio di Willis..

Di massima importanza nelle lesioni occlusive delle arterie brachiocefaliche è il cosiddetto. triforcazione dell'ICA da uno o due lati. È noto che il PCA può derivare non dall'arteria basilare, ma dall'ICA nel sito di origine abituale del PCA. Questa variante anatomica è chiamata "triforcazione ICA posteriore". Secondo molti autori, la triforcazione posteriore dell'ICA si verifica in non più del 15% dei casi, in alcuni lavori viene chiamata 42% dei casi.

Inoltre, si distingue la triforcazione ICA anteriore, quando l'ACA sinistro e destro si discostano da un ICA. In questi casi, il segmento prossimale di uno dei PMA ha un diametro maggiore e, a livello della consueta scarica di PSA, forma una biforcazione, da cui derivano entrambi i PMA per lo stesso emisfero e quello opposto. La trifurcazione anteriore nella maggior parte degli studi è stata osservata nel 5-11% dei casi.

Capitolo 2 Anatomia, fisiologia e fisiopatologia delle malattie occlusive dei rami dell'arco aortico

Circolo di willis

Il cerchio di Willis è un complesso anatomicamente formato di vasi della base del cervello, che compensa l'afflusso di sangue insufficiente a causa di traboccamenti da altri bacini vascolari. I suoi vasi costituenti normalmente formano un sistema chiuso alla base del cervello, chiamato il cerchio di Willis (poligono) (1 - OA, 2 - PCA, 3 - PCA, 4 - PSA, 5 - SMA, 6 - PMA "> Fig. 6). Le seguenti arterie sono coinvolte nella sua formazione:

  • PSA;
  • il segmento iniziale della PMA (A-1);
  • parte sopraclinoide dell'ICA;
  • ZSA;
  • il segmento iniziale della ZMA (P-1);
  • arteria principale distale.

Qual è il cerchio di Willis

Il sistema vascolare del cervello ha una struttura complessa. Una delle parti più importanti è il cerchio di Willis. È un complesso di arterie che si trovano alla base del cervello.
Grazie ad esso, la corretta distribuzione del flusso sanguigno si verifica in caso di malfunzionamento delle arterie carotidi. Pertanto, qualsiasi patologia nel suo sviluppo può provocare la comparsa di conseguenze negative. Per identificarli in modo tempestivo, è necessario conoscere la struttura e le caratteristiche della cerchia di Willis..


Articolo Successivo
Perché c'è un raffreddore alla testa e cosa fare al riguardo