Distonia vegetovascolare: cos'è questa malattia, i principali segni e come affrontarla


HomeVSD Distonia vegetovascolare: cos'è questa malattia, i principali sintomi e come affrontarla

La distonia vegetovascolare è un disturbo del sistema nervoso autonomo che ha molte manifestazioni. Questo è un nome comune per il problema e indica violazioni più gravi. La sua particolarità è che questa diagnosi viene fatta solo nella vastità dell'ex CSI. Il VSD non è una malattia, nonostante interferisca con la vita normale.

Cos'è la distonia vegetativa-vascolare

La distonia vascolare si verifica a causa di un disturbo del sistema nervoso autonomo (autonomo). ANS è un dipartimento indipendente che regola e controlla la funzionalità degli organi interni umani. Questo è necessario per mantenere l'omeostasi. La mancanza di coordinamento porta alla manifestazione di sintomi spiacevoli che indicano l'inizio dello sviluppo della malattia.

VSD è anche chiamato nevrosi cardiaca, distonia neurocircolatoria, nevrosi psicovegetativa, angioneurosi, attacco di panico, distonia vasotomorfa, cardiopatia funzionale e altro ancora..

La distonia vegetativa regola:

  • processo digestivo, secrezione biliare;
  • indicatore della temperatura corporea;
  • il lavoro del sistema immunitario, cardiovascolare, endocrino;
  • mantenere la pressione sanguigna normale.

Questo sistema è diviso in divisioni parasimpatiche e simpatiche, ciascuna delle quali è responsabile delle proprie funzioni. Il primo stimola la digestione, restringe i bronchi, rallenta il battito cardiaco, restringe la pupilla, stimola la secrezione di saliva, glucosio, contrae la vescica, rilassa il retto. E il secondo, al contrario, dilata la pupilla, riduce la salivazione, rilassa la vescica, ecc., E stimola anche la produzione di adrenalina.

Classificazione

Non esiste ancora un singolo tipo di distonia vegetativa. A seconda dei vari tipi di cambiamenti nel corpo, si distinguono diverse classificazioni. Se stiamo parlando di cambiamenti nel sistema cardiovascolare, ci sono i seguenti tipi:

  1. Cardiaco. La distonia vascolare si manifesta con sensazioni dolorose nella regione del cuore, malfunzionamenti.
  2. Ipertensivo. Lo stato di stress è caratterizzato da una maggiore pressione.
  3. Ipotensivo. La pressione sanguigna è abbassata, c'è una sensazione di debolezza.

A seconda della divisione dell'ANS, che è compromessa, ci sono varietà simpaticotoniche, parasimpaticocotoniche e miste.

Per quanto riguarda il decorso della distonia vegetativa-vascolare, si suddivide nelle seguenti forme:

  • latente;
  • parossistica;
  • permanente.

Nel primo caso, il disturbo procede in forma latente. Nel secondo, la distonia vascolare si manifesta periodicamente, all'improvviso. E la terza forma ha manifestazioni costanti.

Le ragioni

È impossibile dire il motivo esatto che precede il disturbo. Possibili stimolanti per lo sviluppo della distonia vascolare vegetativa includono la presenza di malattie congenite o acquisite, nonché le caratteristiche individuali dell'organismo. Questi includono:

  • danno al sistema nervoso centrale;
  • encefalopatia;
  • malattie del sistema endocrino, compreso il diabete mellito;
  • conseguenze di lesioni alla testa;
  • la presenza di un'infezione cronica;
  • malattie cardiache e vascolari croniche;
  • osteocondrosi cervicale;
  • malattie gastrointestinali;
  • stress costante;
  • superlavoro;
  • problemi di sonno;
  • aumento dell'ansia, sentimenti forti e altre manifestazioni e caratteristiche individuali di una persona;
  • alcol, abuso di droghe, fumo di sigaretta;
  • disordini mentali.

I fattori che influenzano lo sviluppo della distonia vascolare includono anche il cambiamento climatico, conseguenza di cambiamenti patologici nel processo di formazione fetale o attraverso traumi alla nascita.

Fattori di rischio

I primi segni del disturbo si osservano già nell'infanzia o nell'adolescenza. Alcune fonti affermano che almeno l'80% soffre di manifestazioni di VSD, ma poiché non più della metà di loro cerca l'aiuto di uno specialista, è difficile parlare di numeri esatti. L'unica cosa che si può dire con certezza è che la distonia vegetativa-vascolare è una malattia delle donne, poiché si verifica in loro 3 volte più spesso.

Il gruppo di rischio per coloro che possono avere questo disturbo comprende pazienti che:

  • subiscono cambiamenti ormonali (donne in menopausa, donne in gravidanza e adolescenti);
  • hanno malattie croniche;
  • vivere in condizioni psicologiche scomode;
  • predisposizione ereditaria;
  • spesso si spostano da un luogo all'altro;
  • sono inattivi;
  • lavorare in un lavoro sedentario.

Primi segni e sintomi principali

Coloro che cercano l'aiuto di specialisti si lamentano più spesso di una diminuzione della forza e del mal di testa, vertigini, insonnia, disagio nella regione del cuore, gettandosi nel caldo, nel freddo. Oltre a queste manifestazioni standard, se ne distinguono molte altre, che possono variare a seconda della complessità della situazione..

I principali segni di VSD includono:

  • dipendenza dal tempo o sensibilità ai cambiamenti delle condizioni meteorologiche;
  • Un nodo alla gola;
  • dispnea;
  • compromissione della memoria;
  • distrazione dell'attenzione;
  • deterioramento della circolazione sanguigna negli arti, a seguito della quale si verifica intorpidimento;
  • sonnolenza e perdita di energia;
  • violazione dell'appetito, che può anche essere espressa sotto forma di bulimia, anoressia;
  • mal di schiena, arti.

Coloro che incontrano per primi tali manifestazioni di distonia vegetativa-vascolare le percepiscono come caratteristiche del corpo, senza attribuire loro particolare importanza. E solo quando iniziano a intensificarsi e portano un vero disagio, cercano aiuto dall'ospedale.

  • aumento dell'ansia;
  • sensazione di derealizzazione, spersonalizzazione;
  • l'emergere di paura senza causa;
  • vertigini (oscuramento degli occhi, vertigini);
  • aumento della frequenza cardiaca o rallentamento;
  • nausea;
  • sudorazione;
  • voglia di usare il bagno.

A seconda della violazione di un particolare dipartimento del sistema nervoso autonomo, le manifestazioni cambiano. Dopo l'attacco successivo, il paziente può sentirsi sopraffatto, debole, diventare apatico.

Nell'infanzia, i segni di VSD sono diversi. Le principali manifestazioni sono diarrea con flatulenza, scarso appetito e rigurgito frequente. Inoltre, si manifestano sbalzi d'umore, debolezza del sistema immunitario, aumento dell'irritabilità nervosa.

Diagnostica

La diagnosi di VSD viene fatta abbastanza spesso, nonostante i sintomi vaghi. Tutto ciò che non è incluso nella descrizione di una specifica malattia del sistema nervoso e ha manifestazioni poco chiare può essere attribuito a disturbi somatomorfi. Ma, nonostante ciò, per determinare il tipo specifico di distonia vegetativo-vascolare, escludere lesioni organiche e determinare il trattamento, vale la pena diagnosticare.

È possibile contattare pazienti con sintomi simili a un terapeuta, neurologo, cardiologo o endocrinologo.

Le misure diagnostiche in caso di disturbo vengono eseguite non con lo scopo di rilevare, ma con l'obiettivo di escludere la possibilità di altre lesioni più gravi. Per fare ciò, vale la pena passare attraverso molte diagnosi, che includono:

  • elettrocardiogramma;
  • elettroencefalogramma;
  • risonanza magnetica;
  • tomografia computerizzata;
  • ecografia.

Dovresti anche superare gli esami delle urine e del sangue. Se durante lo studio sono state riscontrate violazioni, al paziente vengono assegnati metodi aggiuntivi per chiarire la diagnosi.

Poiché le manifestazioni della distonia vegetativa-vascolare sono simili a malattie cardiache, disturbi gastrointestinali, asma bronchiale, malattie infettive, il processo diagnostico può essere ritardato.

Una caratteristica di questo disturbo è la manifestazione prolungata dei sintomi, l'assenza di qualsiasi danno organico, nonché un deterioramento della consapevolezza di sé..

Metodi per il trattamento della distonia vegetativa-vascolare

A seconda del tipo e dell'intensità del disturbo, l'approccio terapeutico varierà. Se parliamo di una forma lieve di distonia vegetativa-vascolare, il paziente deve riconsiderare il suo stile di vita, evitare situazioni stressanti e, se possibile, condurre uno stile di vita più attivo.

L'errore principale che le persone commettono quando scoprono i primi segni di malattia è ignorarlo. Molti sono convinti che passerà con l'età, ma in realtà tutto è diverso ei sintomi non possono che intensificarsi e rendere la vita insopportabile.

L'uso di farmaci nel trattamento è necessario se si tratta di una forma moderata o grave. Puoi fare sport se non ci sono controindicazioni. La fisioterapia, d'altra parte, comprende molti approcci e metodi prescritti da un medico, a seconda della diagnosi..

Psicoterapeuti e psicologi ritengono che la distonia vascolare dipenda direttamente dalla salute psicologica di una persona. Per questo motivo, nel processo di trattamento, al paziente viene spesso consigliato un corso di psicoterapia, che ha lo scopo di eliminare ansia, paure, pensieri ossessivi, azioni e altri disturbi..

Trattamento farmacologico

Per sapere come trattare questo disturbo e non commettere errori, vale la pena imparare cos'è il VSD e come viene provocato il suo sviluppo.

Il trattamento è principalmente sintomatico, quindi non è necessario parlare dell'elenco esatto dei farmaci prescritti. Anche il dosaggio dei farmaci per la distonia vascolare varia a seconda del caso specifico..

Un possibile elenco di farmaci che possono essere prescritti per eliminare sintomi spiacevoli includono Novo-passit, Persen e Corvalol, che sono usati come sedativi volti a normalizzare il sonno, rilassando.

Valocormid per la distonia vascolare è usato come antispasmodico, che rilassa anche, allevia lo stress dal cuore e corregge il processo di eccitabilità del sistema nervoso. Puoi eliminare i segni di ipertensione con l'aiuto di Normatens. Azafen con glicina aiuta a superare l'ansia. Il primo mira anche a combattere il cattivo umore, la tristezza..

Vinpocetyp viene utilizzato per migliorare la circolazione sanguigna nel cervello. Questo farmaco dilata i vasi sanguigni, abbassando così la pressione sanguigna.

Oltre a questi medicinali, vengono prescritti altri farmaci. Il loro compito è fermare i sintomi negativi della distonia vegetativa-vascolare. Oltre ai sedativi e ai farmaci antipertensivi, vengono utilizzati antidepressivi e tranquillanti. Sono prescritti solo da un medico. Ma non sono sempre necessari. Se gli specialisti vedono che un paziente con una forma grave di distonia vegetativa-vascolare può far fronte alla depressione da solo, questi farmaci non sono prescritti, poiché hanno effetti collaterali.

Fisioterapia

Oltre al trattamento con la pillola, i sintomi della malattia vengono eliminati con la fisioterapia. Le più comuni includono la terapia laser e magnetica, l'elettroforesi con elettrosonno, l'induttometria con darsonvalutazione e aeroionoterapia..

Tali procedure durante la distonia vascolare vegetativa mirano a ripristinare il tono dei dotti sanguigni, normalizzare il metabolismo ed eliminare il dolore.

Con quale frequenza vengono eseguite tali procedure e quali saranno più efficaci, vale la pena chiedere al medico dopo la diagnosi. Ognuno di loro ha le sue caratteristiche e svantaggi, quindi viene selezionato individualmente.

Agopuntura e massaggio

Il massaggio con l'agopuntura aiuta a rilassarsi ed eliminare le manifestazioni di ansia. Inoltre, queste opzioni normalizzano la pressione sanguigna, portano alla normalizzazione del sonno..

Se parliamo del tipo ipertensivo di distonia vegetativo-vascolare, il massaggio va eseguito lentamente, sottolineando il rafforzamento sulla zona del colletto. E se è una varietà ipotonica, le azioni dovrebbero essere intense e rapide..

L'agopuntura viene eseguita solo da uno specialista. La procedura richiede aghi speciali, che lo specialista inietta in punti specifici del corpo umano. L'agopuntura per la distonia vascolare aiuta a ripristinare la microcircolazione, normalizza il tono muscolare, riduce il dolore e include anche la sintesi di serotonina, stimola il rilascio di cortisolo.

Trattamento domiciliare

La terapia per la distonia vegetativa-vascolare ha approcci diversi. Se questo disturbo ha manifestazioni lievi e poco frequenti, è sufficiente aderire alle raccomandazioni preventive. Una malattia moderata può essere curata a casa. Per questo, vengono prescritte pillole, praticando sport. Nei casi più gravi è possibile anche il ricovero in ospedale..

Molto spesso, il trattamento si svolge a casa utilizzando queste raccomandazioni. Per fare questo, usano non solo la terapia farmacologica, ma anche rimedi popolari che includono erbe sedative. E la fisioterapia per la distonia vascolare può essere sostituita con una doccia di contrasto.

Si consiglia inoltre di includere esercizio fisico, passeggiate all'aria aperta, possibilmente fare qualche tipo di sport, se non ci sono controindicazioni. Sarà utile visitare la piscina, sciare.

Rimedi popolari

Indipendentemente dal tipo di distonia vegetativa-vascolare, tutti i metodi popolari mirano a normalizzare il lavoro dell'ANS e della pressione.

Il tipo ipertensivo di distonia vascolare richiede l'uso di erbe per abbassare la pressione sanguigna e calmare. E con ipotonico, al contrario, è necessario aumentare la pressione.

Nel primo caso, si consiglia di utilizzare infusi di salvia e radice di valeriana, peonia, luppolo con melissa e menta, motherwort. Con il secondo tipo di distonia vegetativa-vascolare, vale la pena bere ginseng, immortelle, mirtillo rosso con vite di magnolia cinese, uva ursina, zamaniha, eleuterococco.

Dieta con VSD

La distonia vegeto-vascolare non richiede una dieta rigorosa, ma ci sono alcune restrizioni alimentari. Se è di tipo ipertensivo, si riduce l'assunzione di sale, che trattiene i liquidi nell'organismo, sono esclusi i prodotti che provocano un aumento della pressione. Questi sono formaggio, salsicce, sottaceti e carni affumicate, caffè con tè nero. Limita anche il consumo di fritti e fast food.

Con questo tipo di distonia vegetativo-vascolare, vale la pena arricchire la dieta con calcio, potassio e magnesio, che accelerano il ritiro di liquidi e sale, dilatano i vasi sanguigni (magnesio).

Cosa non si può fare con VSD?

Con la distonia vegetativa-vascolare, non è consigliabile fare tutto ciò che può portare ad un aumento dei sintomi negativi. I possibili provocatori di attacchi includono:

  • consumo frequente di bevande alcoliche;
  • abuso di tabacco;
  • l'uso di droghe;
  • abuso di caffè e bevande contenenti caffeina;
  • duro lavoro fisico;
  • sperimentando stress frequenti.

Inoltre, con la distonia vascolare, non è consigliabile bere farmaci che non sono stati prescritti da uno specialista. Se il paziente non sa esattamente che tipo di distonia vegetativa-vascolare (il suo tipo) ha, l'assunzione di farmaci sconosciuti può danneggiarlo.

Complicazioni

Complicazioni con distonia vegetativa-vascolare si verificano con una forma grave del disturbo. Ogni forma è caratterizzata da manifestazioni specifiche e, se non si presta attenzione a loro, non si assumono farmaci per fermarle, la malattia può progredire. Possono insorgere gravi problemi al cuore, al sistema cardiovascolare e al tratto gastrointestinale.

Oltre alla salute fisica, la distonia vegetativo-vascolare colpisce in misura maggiore quella psicologica. L'ansia e le paure alla fine si trasformano in nevrosi, depressione e altre complicazioni sotto forma di disturbi mentali. E non possono farcela da soli. Ciò richiederà l'aiuto di uno psicologo, psicoterapeuta o psichiatra..

Prevenzione del VSD

La prevenzione della distonia vascolare è rilevante quando una persona non ha segni di un disturbo. Queste misure mirano a prevenire le malattie. Le raccomandazioni più comuni che aiutano a ridurre al minimo la manifestazione includono:

  • stile di vita attivo;
  • fare sport;
  • dieta bilanciata;
  • esami preventivi annuali;
  • monitorare il tuo stato psicologico;
  • riduzione delle situazioni stressanti;
  • rifiuto di alcol e sigarette, droghe;
  • trattamento tempestivo delle malattie.

La distonia vascolare è nota a molti per le sue manifestazioni. È un disturbo i cui sintomi possono essere ridotti o annullati. Per fare ciò, non dovresti iniziare la malattia e consultare un medico per ulteriori diagnosi e trattamenti. La distonia vegeto-vascolare non è una frase: questo complesso di sintomi indica l'inizio dello sviluppo di problemi di salute.

Distonia vegeto-vascolare (VVD) - sintomi e trattamento

Cos'è la distonia vegetativa-vascolare (VVD)? Le cause dell'insorgenza, la diagnosi e le modalità di trattamento saranno analizzate nell'articolo della dott.ssa Patrina A.V., neurologa con 14 anni di esperienza.

Definizione di malattia. Cause della malattia

Dall'editore: la distonia vegetativa-vascolare (VVD) è una diagnosi obsoleta che non esiste nella classificazione internazionale delle malattie (ICD-10). La disfunzione del sistema nervoso autonomo non è una malattia in sé. I sintomi, che vengono spesso diagnosticati con VSD, parlano di uno spettro di malattie, per il rilevamento di cui sono necessarie ulteriori diagnosi. Alcune di queste malattie - nevrosi, attacchi di panico, disturbi ansia depressivi - sono problemi psichiatrici. Un termine più corretto e moderno per alcuni dei disturbi attribuiti al VSD è "disfunzione autonomica somatoforme del sistema nervoso". Questa diagnosi è nell'ICD-10 con il codice F 45.3.

Il sistema nervoso autonomo (autonomo) è una parte del sistema nervoso del corpo che controlla l'attività degli organi interni e il metabolismo in tutto il corpo. Si trova nella corteccia e nel tronco cerebrale, nell'ipotalamo, nel midollo spinale e consiste in regioni periferiche. Qualsiasi patologia di queste strutture, così come una violazione del rapporto con il BHI, può causare disturbi autonomici. [1]

La distonia vegetovascolare (VVD) è una sindrome che si presenta sotto forma di vari disturbi delle funzioni autonome associate a un disturbo della regolazione neurogena e derivante da uno squilibrio nell'equilibrio dell'attività tonica delle divisioni simpatica e parasimpatica del VNS. [3]

La distonia vegetativa si manifesta con disturbi funzionali, ma sono causati da disturbi subcellulari. [cinque]

Questo disturbo può colpire persone di età diverse, ma si manifesta prevalentemente nei giovani. [cinque]

Il VSD è un disturbo multi-causale che può agire come una malattia primaria separata, ma più spesso è una patologia secondaria che si manifesta sullo sfondo di malattie somatiche e neurologiche esistenti. [15] I fattori di insorgenza del VSD si dividono in predisponenti e causanti.

Fattori che causano:

  • Psicogeno [5]: stress psico-emotivo acuto e cronico e altri disturbi mentali e nevrotici [3], che sono i principali precursori (predittori) della malattia. [10] La VSD è essenzialmente una risposta autonomica eccessiva allo stress. [9] Spesso i disturbi mentali - sindrome d'ansia, depressione - parallelamente ai sintomi mentali sono accompagnati da sintomi autonomici: in alcuni pazienti la predominanza mentale, in altri emergono disturbi somatici, il che complica la diagnosi. [dieci]
  • Fisico: superlavoro, colpo di sole (iperinsolazione), radiazioni ionizzanti, esposizione ad alte temperature, vibrazioni. Spesso l'impatto dei fattori fisici è associato allo svolgimento delle mansioni professionali, quindi questi vengono posizionati come rischi professionali [1], che possono causare o aggravare il quadro clinico della distonia vascolare. In questo caso, ci sono restrizioni all'ammissione a lavorare con i fattori specificati (ordine del Ministero della Salute della Federazione Russa del 2011 n. 302).
  • Chimico: intossicazione cronica, abuso di alcol, nicotina, spezie e altre sostanze psicoattive. [5] Le manifestazioni di VSD possono anche essere associate agli effetti collaterali di alcuni farmaci: antidepressivi con effetto attivante, broncodilatatori, levodopa e farmaci contenenti efedrina e caffeina. [10] Dopo la loro cancellazione, c'è una regressione dei sintomi di VSD.
  • Disormonale - fasi dei cambiamenti ormonali: pubertà, menopausa [3], gravidanza, disturbi disovariali [5], assunzione di contraccettivi con periodi di sospensione. [dieci]
  • Infettive: infezioni acute e croniche del tratto respiratorio superiore, sistema genito-urinario, malattie infettive del sistema nervoso (meningite, encefalite e altri). [cinque]
  • Altre malattie del cervello: morbo di Parkinson, encefalopatia discircolatoria (DEP), conseguenze di lesioni cerebrali traumatiche e altre. [3]
  • Altre malattie somatiche: gastrite, pancreatite, ipertensione, diabete mellito, tireotossicosi. [1]

Fattori predisponenti:

  • Caratteristiche costituzionali ereditarie del corpo: la malattia si manifesta durante l'infanzia o l'adolescenza, nel tempo il disturbo viene compensato, ma il ripristino delle funzioni compromesse è instabile, quindi la situazione è facilmente destabilizzata sotto l'influenza di fattori sfavorevoli. [dieci]
  • Caratteristiche della personalità [5] - maggiore concentrazione dell'attenzione sulle sensazioni somatiche (corporee), che sono percepite come una manifestazione della malattia, che a sua volta innesca il meccanismo patologico della reazione psico-vegetativa. [6]
  • Condizioni socio-economiche sfavorevoli - lo stato dell'ambiente in generale, un basso tenore di vita, la crisi economica nel paese, le condizioni di vita degli individui, la cultura del cibo (adesione al fast food, produzione di cibo più economica dovuta all'uso di materie prime non naturali), cultura sportiva (nonostante la costruzione attiva di sport complessi, dopotutto, non c'è piena integrazione dello sport nella vita quotidiana della popolazione). [5] Stiamo anche parlando delle peculiarità del clima nella parte centrale della Russia con una carenza di radiazioni ultraviolette nella stagione fredda, che porta ad un inasprimento di molte malattie croniche nel periodo autunno-primaverile, tra cui VSD. [1]
  • Patologie del periodo perinatale (prenatale) - infezioni intrauterine e intossicazione, rianimazione, ipossia intrauterina (carenza di ossigeno), preeclampsia materna, insufficienza placentare e altri. [6]

Myasishchev V.N., un eccezionale psicoterapeuta domestico, ritiene che il VSD si sviluppi come risultato dell'influenza dei disturbi psico-emotivi sulle anomalie autonomiche esistenti. [13]

Inoltre, la malattia può manifestarsi in persone sane come reazione psicofisiologica transitoria (temporanea) a qualsiasi emergenza, situazioni estreme. [dieci]

Sintomi di distonia vegetativa-vascolare

Il VSD è caratterizzato dalla manifestazione di complessi di sintomi simpatici, parasimpatici o misti. [1] La predominanza del tono della parte simpatica del VSN (simpaticotonia) si esprime in tachicardia, pallore della pelle, aumento della pressione sanguigna, indebolimento delle contrazioni delle pareti intestinali (peristalsi), pupilla dilatata, brividi, paura e ansia. [2] L'iperfunzione parasimpatica (vagotonia) è accompagnata da un battito cardiaco lento (bradicardia), difficoltà respiratorie, arrossamento del viso, sudorazione, aumento della salivazione, diminuzione della pressione sanguigna, irritazione (discinesia) dell'intestino. [2]

Distonia vascolare vegeto - una malattia che non esiste

La distonia vascolare vegetativa è un complesso di disturbi funzionali aspecifici causati dalla disregolazione del tono vascolare del sistema nervoso autonomo (ANS).

Al momento, il termine distonia vegetativa-vascolare (VVD) è considerato obsoleto e non viene utilizzato nella pratica medica. Inoltre, la distonia vegetativa-vascolare è assente nell'ICD10.

Nonostante ciò, molte persone continuano a cercare informazioni sulla distonia vegetativo-vascolare, poiché il complesso dei disturbi stesso, implicito nel concetto di VSD, è abbastanza comune. Secondo le statistiche, circa l'80% della popolazione mondiale ha affrontato sintomi di distonia vegetativa-vascolare. Molto spesso, i sintomi del VSD si verificano negli adolescenti e nelle persone di età compresa tra 20 e 40 anni..

La diagnosi di VSD, fatta in una clinica commerciale, porta nella maggior parte dei casi alla necessità di seri investimenti nella cura della presunta "salute scossa".

Dovresti essere attento alle raccomandazioni fornite. Il trattamento terapeutico o neurologico, di regola, richiede solo un terzo di tutti i casi di distonia vegetativa-vascolare. È proprio a causa dei possibili costi ingiustificati del trattamento che vale la pena comprendere l'essenza della situazione con questo complesso di disturbi. Per necessità, daremo una visione più ampia di questi disturbi..

Distonia vascolare vegeto - che cos'è

Attenzione! Pensa alla definizione di IRR data all'inizio del testo. Ci occupiamo di un complesso di disturbi funzionali aspecifici.

Cioè, sono presenti disturbi funzionali. Ma non sono specifici e molti di loro sono misti.

Di regola, per dare voce alle diagnosi: "VSD di tipo ipertensivo, ipotonico o misto". Possono anche utilizzare un suono più scientifico: distonia neurocircolatoria o NDC abbreviato.

Il concetto di distonia vegetativa-vascolare molto spesso significa distonia neurocircolatoria (NCD) e disfunzione somatoforme del sistema nervoso autonomo (ADVS).

Cosa c'è nell'ICD10

Come diagnosi, la distonia neurocircolatoria è assente nell'ICD10, così come la distonia vegetativa. Tuttavia, questo termine è ampiamente utilizzato da neurologi, cardiologi e terapisti nei paesi di lingua russa..

La diagnosi di disfunzione somatoforme del sistema nervoso autonomo è presente nel catalogo ICD10 con il codice F45.3.

Il termine distonia neurocircolatoria indica un disturbo neurogenico funzionale del sistema cardiovascolare, che si basa su una violazione della regolazione neuroendocrina del sistema nervoso autonomo.

I sintomi della distonia neurocircolatoria sono aggravati da stress, superlavoro e deficit di sonno.

Il decorso della NCD è benigno, la prognosi è favorevole.

La disfunzione somatoforme del sistema nervoso autonomo (ADVS) è chiamata un complesso di sintomi clinici, inclusa l'interruzione del funzionamento dei sistemi e degli organi umani, causata da uno squilibrio tra il lavoro del sistema nervoso simpatico e parasimpatico.

A questo proposito, nei pazienti con ADVNS, inizia a prevalere l'attività della divisione simpatica o parasimpatica del sistema nervoso autonomo..

Cosa c'è alla reception del terapeuta

A un appuntamento con un terapista locale con lamentele di cattiva salute e dopo aver ricevuto i risultati di un esame del sangue, potresti sentire la diagnosi di VSD. Le raccomandazioni sono le più semplici: dormi a sufficienza, cammina di più, mangia bene, meno stress.

In una clinica commerciale, ad esempio, la cardialgia o la tachicardia possono essere aggiunte alla diagnosi di VSD, se ti sembra di sentire dolore al cuore. Se indichi che senti mal di testa e vertigini, sarai presto perplesso in risposta a una possibile aggiunta al VSD sotto forma di ischemia cerebrale o encefalopatia discircolatoria. Ci sono molte opzioni.

Attenzione. La cosa più importante è che quando la diagnosi di distonia vegetativa-vascolare viene fatta secondo tutte le analisi, non c'è malattia fisica e mentale.

Molto spesso, si verifica la nevrosi. Questa è l'instabilità emotiva di una persona, che è creata da uno squilibrio del sistema nervoso autonomo..

Cos'è VNS

Il sistema nervoso autonomo (autonomo) è la parte del sistema nervoso umano responsabile della regolazione dell'attività degli organi interni (comprese le ghiandole endocrine), dei sistemi circolatorio e linfatico.

Il lavoro del VNS prevede:

  • mantenere l'omeostasi nel corpo (costanza dell'ambiente interno);
  • adattamento attivo del corpo umano ai cambiamenti nell'ambiente esterno.

Nell'ANS si distinguono le divisioni simpatico e parasimpatico. L'azione del sistema nervoso simpatico è opposta a quella del parasimpatico.

L'attivazione del sistema nervoso simpatico si traduce in:

  • aumento della frequenza cardiaca e della forza;
  • restringimento delle arterie responsabili dell'afflusso di sangue alla maggior parte degli organi interni e espansione delle arterie responsabili dell'afflusso di sangue ai muscoli;
  • inibizione della peristalsi intestinale e inibizione della secrezione di enzimi digestivi;
  • diminuzione della salivazione;
  • rilassamento dello sfintere della vescica;
  • espansione dei bronchi e dei bronchioli, nonché aumento della ventilazione polmonare;
  • pupille dilatate.

L'attivazione del sistema nervoso parasimpatico porta ad una diminuzione della frequenza e della forza delle contrazioni cardiache, aumento della peristalsi intestinale e stimolazione della produzione di enzimi digestivi, aumento della salivazione, contrazione dello sfintere vescicale, diminuzione della ventilazione polmonare e pupille ristrette.

Il sistema parasimpatico ha scarso effetto sulle arterie responsabili dell'afflusso di sangue agli organi interni. L'eccezione sono le arterie degli organi genitali e del cervello, così come le arterie coronarie e polmonari. L'attivazione del sistema nervoso parasimpatico stimola la loro espansione.

Normalmente, i sistemi nervoso simpatico e parasimpatico lavorano di concerto, contribuendo all'adeguato adattamento del corpo ai cambiamenti nell'ambiente esterno ed interno..

Per riferimento. In caso di squilibrio tra il lavoro delle divisioni parasimpatico e simpatico dell'ANS, si sviluppa la distonia vegetativa-vascolare.

Cause degli errori VSD

Ci sono molte ragioni per lo sviluppo di VSD. Nei bambini piccoli, il VSD può svilupparsi sullo sfondo di varie patologie del periodo perinatale (ad esempio, a causa dell'ipossia fetale intrauterina), traumi alla nascita, prematurità, malformazioni congenite (comprese le malformazioni del rachide cervicale), nonché varie malattie durante il periodo neonatale.

Leggi anche sull'argomento

Tutto ciò influisce sul grado di formazione dei dipartimenti ANS, portando a interruzioni nel loro funzionamento..

Durante la pubertà, il tasso di normalizzazione della regolazione neuroendocrina è in ritardo rispetto al tasso di sviluppo degli organi interni e alla crescita del corpo nel suo insieme. Ciò porta ad un aggravamento dello squilibrio tra il lavoro del sistema nervoso autonomo simpatico e parasimpatico e provoca la progressione dei sintomi della distonia vegetativa-vascolare.

Negli adulti, l'esacerbazione o la comparsa dei sintomi della distonia vegetativa-vascolare è più spesso causata da:

  • stress, disturbi depressivi o nevrosi;
  • sindrome da stanchezza cronica, deficit di sonno prolungato e superlavoro;
  • lesioni craniocerebrali e lesioni della colonna vertebrale cervicale e toracica;
  • malattie endocrine e disturbi ormonali durante la gravidanza o la menopausa;
  • neuroinfezioni precedentemente trasferite;
  • malattie croniche degli organi interni;
  • stress fisico;
  • stile di vita sedentario;
  • esaurimento, aderenza a lungo termine a diete rigorose.

Fattori di rischio per lo sviluppo della distonia vegetativa-vascolare

Per riferimento. Il principale fattore di rischio è l'ereditarietà. Se i parenti stretti del paziente presentavano sintomi di distonia vegetativa-vascolare, molto probabilmente lui stesso svilupperà periodicamente sintomi di VSD.

Anche il tipo di corpo astenico, l'aumento dell'eccitabilità del sistema nervoso, lo scarso adattamento alle condizioni meteorologiche e lo sforzo fisico sono considerati fattori predisponenti. Tempeste magnetiche, cambiamenti climatici, voli e cambio di fuso orario possono provocare l'insorgenza di sintomi di VSD..

Il rischio di esacerbazione dei sintomi della distonia vegetativa-vascolare aumenta con l'abuso di alcol, il fumo, il deficit di sonno, la dieta squilibrata.

Secondo le statistiche, si ritiene che il VSD sia più comune tra le donne. Tuttavia, questo non è del tutto vero. Le sensazioni inerenti al VSD si trovano nelle persone indipendentemente dal sesso. In circa le stesse quantità.

Ma l'appello ai medici tra i sessi è diverso. Le donne possono tranquillamente permettersi di consultare un neurologo o uno psicologo. Ma i rappresentanti del sesso "più forte" mostrano una timidezza inutile. Gli uomini compensano la loro riluttanza a vedere un medico con l'alcol.

Importante. Le donne sposate, quando il marito ha sintomi di VSD, dovrebbero essere informate che è impossibile rimuoverle assumendo alcol. Questo può solo peggiorare il problema..

Classificazione

Non esiste una classificazione unica della distonia vegetativa-vascolare.

A seconda della prevalenza dei disturbi autonomici, il VSD si suddivide in:

  • generalizzato (c'è un'interruzione nel funzionamento di diversi sistemi);
  • sistemico (solo un sistema è interrotto);
  • locale (compaiono disturbi lievi singoli).

A seconda della gravità dei sintomi, la distonia vascolare vegetativa può essere lieve, moderata e grave.

Per la natura del corso, il VSD è diviso in latente (nascosto), parossistico (parossistico), permanente (costante).

A seconda della causa dell'insorgenza dei sintomi, la distonia vascolare vegetativa può essere primaria (per le caratteristiche costituzionali del paziente) e secondaria (associata ad altre patologie).

A seconda del grado di predominanza dell'influenza delle divisioni simpatico o parasimpatico, si distinguono i VSD dei tipi simpaticotonici, parasimpaticotonici (vagotonici) e misti..

A seconda del livello di pressione sanguigna, la distonia vegetativa-vascolare si distingue per i tipi ipertesi, ipotonici e misti.

Distonia vascolare vegeto - sintomi

I sintomi di VSD sono suddivisi in due tipi: disturbi generali del sistema nervoso autonomo (sudorazione eccessiva, irritabilità, debolezza) e interruzioni nel lavoro di un determinato sistema (aumento o diminuzione della pressione, gonfiore e feci sconvolte).

I sintomi più tipici della distonia vegetativa-vascolare includono:

  • vertigini frequenti e aumento della fatica;
  • palpitazioni cardiache (tachicardia), disturbi del ritmo cardiaco (aritmie);
  • "Pesantezza" al petto (spesso peggiora con un respiro profondo);
  • nausea (soprattutto al mattino), singhiozzo, gonfiore, flatulenza, stitichezza alternata e diarrea;
  • minzione frequente;
  • mancanza di respiro, sensazione periodica di mancanza d'aria;
  • dolore migratorio lieve e intermittente nei muscoli e nelle articolazioni;
  • frequenti disturbi del sonno (insonnia, sonno agitato e superficiale);
  • aumento periodico della temperatura a 37-37,5, comparsa di febbre o brividi.

Per riferimento. La principale difficoltà nella diagnosi è che i sintomi del VSD non sono specifici e variabili..

Sindrome da disturbo cardiaco

La sindrome cardiaca con distonia vegetativa-vascolare si manifesta principalmente con dolore al cuore, aumento della frequenza cardiaca (meno spesso una diminuzione della frequenza cardiaca - bradiaritmia), disturbi del ritmo cardiaco, aumento o diminuzione della pressione sanguigna.

Il dolore al cuore con VSD è il più delle volte instabile e, di regola, mite. Tuttavia, si possono anche osservare attacchi dolorosi e fastidiosi. Molto spesso, l'attacco di dolore è di breve durata. Inoltre, i pazienti spesso lamentano una sensazione di interruzioni e "dissolvenza" nel lavoro del cuore.

Con la distonia vegetativa-vascolare di tipo ipotonico, c'è una diminuzione della pressione, scarso rendimento, letargia, sonnolenza, debolezza, irritabilità, sono possibili condizioni di svenimento.

Con VSD di tipo ipertensivo, c'è un aumento della pressione sanguigna, mal di testa e vertigini, nausea, vomito, lampi di mosche davanti agli occhi, tinnito.

Sindrome respiratoria

Disturbi nel lavoro del sistema respiratorio in pazienti con distonia vegetativa-vascolare possono manifestarsi:

  • tachipnea (respirazione rapida);
  • respirazione superficiale (i pazienti con VSD spesso non riescono a fare un respiro profondo a causa del disagio che appare nel torace);
  • fiato corto;
  • sensazione di mancanza d'aria;
  • picchi di pressione sanguigna.

Inoltre, con lo sviluppo di una crisi vascolare vegetativa, possono verificarsi attacchi di mancanza di respiro, simili a un attacco asmatico..

Sindrome astenica e sincope

I pazienti con distonia vegetativa-vascolare sono spesso disturbati da attacchi di debolezza, letargia, perdita di appetito, sensazione di "nodo alla gola", nausea e vertigini.

Distonia vegetovascolare: trattamento, sintomi e cause

Oggi la diagnosi di distonia vegetativa-vascolare (VVD) viene fatta sempre meno spesso ai pazienti, ma non perché l'umanità sia stata in grado di sconfiggere completamente questa malattia, ma perché una tale formulazione è obsoleta. La distonia vegetovascolare significa disfunzione del sistema nervoso autonomo, che non è una malattia indipendente, ma è solo una conseguenza dei cambiamenti patologici nel corpo.

Nell'ultima edizione dell'ICD-10, non esiste una malattia come la VSD. I disturbi caratteristici di lei sono chiamati nel suo termine più moderno e accurato "disfunzione autonomica somatoforme del sistema nervoso". Ma per semplicità di presentazione e comprensione, useremo ulteriormente il concetto più familiare di IRR.

Cos'è VSD

Il sistema nervoso autonomo, chiamato anche sistema nervoso autonomo, fa parte del sistema nervoso del corpo umano. È responsabile del controllo dell'attività degli organi interni, dei processi metabolici nel corpo, del lavoro dei vasi sanguigni e linfatici, nonché dell'attività delle ghiandole endocrine. Pertanto, il sistema nervoso autonomo svolge un ruolo importante nel mantenimento dell'omeostasi (costanza dell'ambiente interno) e dell'adattamento alle mutate condizioni dell'ambiente esterno..

Il sistema nervoso autonomo è responsabile dell'innervazione di tutto il corpo, organi e tessuti. Inoltre, il suo lavoro non obbedisce in alcun modo alla volontà di una persona, ma è controllata indipendentemente dai desideri dalla corteccia degli emisferi cerebrali. Cioè, una persona non può fermare arbitrariamente il cuore o influenzare il tasso di peristalsi intestinale.

I centri nervosi autonomi si trovano anche nel tronco cerebrale, nell'ipotalamo e nel midollo spinale. Pertanto, eventuali violazioni in questi organi si riflettono direttamente nella qualità del funzionamento del sistema nervoso autonomo e possono portare allo sviluppo di disturbi autonomici.

Pertanto, tutti i processi vitali del corpo sono sotto il controllo del sistema nervoso autonomo, vale a dire:

  • frequenza del battito cardiaco;
  • livello di pressione sanguigna;
  • termoregolazione;
  • l'attività delle ghiandole salivari, sudoripare, endocrine;
  • frequenza respiratoria e profondità;
  • digestione del cibo e peristalsi intestinale;
  • lo stato della muscolatura liscia degli organi interni e delle pareti dei vasi sanguigni;
  • processi di crescita e riproduzione;
  • processi metabolici;
  • minzione, ecc..

Anatomicamente e funzionalmente, ci sono 3 sezioni nel sistema nervoso autonomo:

  • Simpatico - è responsabile del metabolismo, del dispendio energetico e della mobilitazione delle forze per un'attività vigorosa. Nella sfera della sua influenza c'è il lavoro del cuore e il livello della pressione sanguigna. Pertanto, il dipartimento simpatico consente al corpo umano di prepararsi il più possibile per una lotta o un lavoro attivo..
  • Parasimpatico: regola il lavoro degli organi principalmente durante il sonno e il riposo passivo, è responsabile del ripristino delle riserve energetiche consumate. È responsabile dell'abbassamento della frequenza cardiaca, della pressione sanguigna e dell'aumento della peristalsi, che consente di ricostituire le riserve energetiche dal cibo ricevuto..
  • Metasimpatico: fornisce una connessione tra gli organi interni e la conservazione dei riflessi autonomici locali.

Tutte le parti del sistema nervoso autonomo sono in una certa relazione tra loro, il che garantisce la corretta regolazione del corpo. Allo stesso tempo, gli organi più importanti dal punto di vista del supporto vitale hanno una doppia innervazione con effetto opposto. Ma quando la minima deviazione dalla norma, l'azione dello stress, l'equilibrio tra le divisioni simpatica e parasimpatica viene disturbato, il che porta alla predominanza di una di esse sull'altra. Il risultato di ciò è lo sviluppo della distonia vascolare vegetativa..

La distonia vegetovascolare è una sindrome che combina una varietà di disturbi delle funzioni autonome, che sono il risultato di una regolazione neurogena compromessa. Ciò si verifica quando l'equilibrio tra l'attività delle parti simpatica e parasimpatica del sistema nervoso autonomo è disturbato, il che può essere dovuto all'azione di un'enorme varietà dei motivi più disparati.

Pertanto, il VSD è un disturbo multifattoriale che può essere considerato come uno dei sintomi di una malattia neurologica o somatica esistente e che consiste in cambiamenti nel lavoro degli organi interni. A volte non è possibile stabilire la causa principale dello sviluppo della distonia vascolare vegetativa.

La distonia vegetovascolare è anche spesso chiamata cardioneurosi, disvegetosi, nevrastenia e alcuni altri termini.

Cause di distonia vascolare vegetativa

Il VSD può svilupparsi sullo sfondo di un numero enorme di un'ampia varietà di fattori. Tra loro si distinguono in particolare:

  • psicologico: stress forte o costante, depressione;
  • fisico - grave affaticamento fisico, esposizione a vibrazioni, alte temperature, colpi di sole;
  • chimica - dipendenza da alcol, nicotina, sostanze stupefacenti, assunzione di una serie di medicinali, in particolare contenenti efedrina, caffeina, broncodilatatori;
  • cambiamenti nei livelli ormonali - età di transizione, gravidanza e allattamento, menopausa, uso di contraccettivi ormonali, specialmente con frequenti periodi di sospensione;
  • infettivo - malattie acute e croniche dell'apparato respiratorio, dei reni, del cervello;
  • disturbi neurologici - morbo di Parkinson, lesione cerebrale traumatica;
  • malattie endocrine - diabete mellito, tireotossicosi;
  • patologia del sistema cardiovascolare - ipertensione arteriosa, cardiopatia ischemica.

Si ritiene che la causa principale dello sviluppo di VSD sia lo stress..

Ma non tutte le persone con anche molte delle malattie elencate sviluppano distonia vegetativa. Le donne ne soffrono 2 volte più spesso degli uomini e quasi la metà di tutti i casi di VSD diagnosticato si verifica in ragazze giovani che non hanno ancora compiuto 25 anni. E solo il 33% delle donne con distonia vegetativa ha più di 25 anni.

Un ruolo significativo nella valutazione dei rischi di VSD è assegnato all'ereditarietà. Molto spesso, compare per la prima volta durante l'infanzia o l'adolescenza. Invecchiando, i disturbi possono essere compensati e le convulsioni scompaiono. Ma l'impatto di fattori negativi può ribaltare la situazione e provocare nuovamente l'insorgenza di distonia vascolare vegetativa.

L'impulso per il suo sviluppo può essere:

  • tratti psicologici della personalità, in particolare sospettosità e tendenza all'ipocondria;
  • condizioni socio - economiche, ambientali sfavorevoli (mancanza di luce solare, stile di vita sedentario, mancanza di fondi, mancanza di cultura alimentare, uso di prodotti economici e di bassa qualità, ecc.);
  • patologie intrauterine - infezioni, ipossia, insufficienza fetoplacentare, recidiva, ecc..

A volte il VSD è una reazione transitoria a qualsiasi forte sconvolgimento emotivo, situazioni di emergenza.

Sintomi di distonia vegetativa

È quindi già chiaro che la distonia vegetativo-vascolare può manifestarsi in modi cardinalmente differenti. In questo concetto, vengono "protetti" vari sintomi che sorgono in risposta a disturbi nel lavoro del sistema nervoso autonomo..

Nella maggior parte dei casi, il VSD è latente. Ma sotto l'influenza di sovraccarichi o altri fattori sfavorevoli, si sviluppa un attacco. Spesso si accendono all'improvviso e turbano una persona. Sono più difficili per gli anziani, poiché di solito hanno già una serie di altre malattie, il che aggrava la situazione.

Ci sono spesso segni di altre malattie che non sono direttamente correlate al sistema nervoso autonomo o al cervello. Ma se allo stesso tempo si osservano manifestazioni di disturbi nel lavoro del sistema cardiovascolare, il neurologo ha buone ragioni per presumere la presenza di VSD.

Le lamentele più comuni dei pazienti a cui viene successivamente diagnosticata una distonia vascolare vegetativa sono:

  • mal di testa di varia intensità e durata, emicranie;
  • attacchi di vertigini;
  • sudorazione eccessiva;
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • grave debolezza, aumento della fatica;
  • fluttuazioni della temperatura corporea;
  • rumore nelle orecchie;
  • oscuramento degli occhi, a volte seguito da svenimenti;
  • sonnolenza costante;
  • aumento dell'ansia, attacchi di panico;
  • sbalzi d'umore improvvisi;
  • sindromi ossessivo-compulsive, ipocondria.

Un attacco di panico è una forte paura di una morte imminente, che cattura completamente il paziente. L'attacco inizia con l'inizio dell'ansia, che aumenta gradualmente e si trasforma in un vero orrore. Ciò è dovuto al fatto che il corpo invia segnali di pericolo, ma non vede le opzioni per uscire dalla situazione. L'attacco dura in media 10-15 minuti, dopodiché il benessere del paziente ritorna gradualmente alla normalità.

Tipi di VSD

La natura della manifestazione dei segni di VSD dipende direttamente dallo stato dei vasi sanguigni. Sulla base di ciò, si distinguono i seguenti tipi di distonia vascolare vegetativa:

  • ipertensivo;
  • ipotonico;
  • misto;
  • cardiaco;
  • vagotonico.

Ma i sintomi sono estremamente raramente presenti tutto il tempo. Molto spesso hanno la natura delle convulsioni. Non sempre compaiono tutti i sintomi caratteristici di un particolare tipo di distonia vascolare vegetativa. Inoltre, questo è raro. Di solito, i pazienti lamentano 2-3 violazioni, la cui presenza, in combinazione con i risultati degli esami eseguiti, consente di determinare il tipo specifico di decorso della distonia vascolare vegetativa.

In base a come procede il VSD, ci sono 3 gradi di gravità della violazione:

  • lieve: i pazienti mantengono completamente la loro capacità di lavorare, i sintomi del VSD non causano loro un disagio significativo e non ci sono crisi vegetative;
  • moderato - periodicamente ci sono periodi in cui una persona perde la capacità di lavorare a causa di un'esacerbazione della distonia vascolare vegetativa e dello sviluppo di una crisi vegetativa;
  • grave: un corso lungo e persistente di VSD con frequenti periodi di esacerbazione, crisi, che porta a una significativa diminuzione delle prestazioni.

Tipo ipertensivo

I pazienti hanno un tono vascolare pronunciato e un aumento persistente della pressione sanguigna. Le loro principali lamentele riguardano il verificarsi di:

  • battito cardiaco accelerato;
  • vampate di calore;
  • mal di testa;
  • stanchezza costante;
  • nausea, vomito, i cui attacchi non sono associati all'assunzione di cibo;
  • diminuzione dell'appetito fino alla sua completa perdita;
  • sudorazione (durante un attacco, c'è una forte sudorazione dei palmi);
  • paura irragionevole ma intensa;
  • lampeggiante "mosche" davanti agli occhi.

Tipo ipotonico

Il tono basso dei vasi sanguigni e la pressione sanguigna bassa sono caratteristici. Pertanto, i pazienti sono spesso infastiditi:

  • episodi di oscuramento degli occhi;
  • una forte diminuzione della pressione sanguigna;
  • grave debolezza;
  • perdita di conoscenza;
  • pallore della pelle;
  • nausea, bruciore di stomaco;
  • cambiamenti nella natura delle feci (diarrea o costipazione);
  • incapacità di fare un respiro completo.

Allo stesso tempo, si può notare che nei pazienti con VSD secondo il tipo ipotonico, i palmi e i piedi sono costantemente freddi.

Tipo misto

Con questa variante del VSD, c'è una variabilità nel tono vascolare, quindi la pressione sanguigna può fluttuare entro un intervallo abbastanza ampio. Può salire bruscamente a valori alti e poi cadere improvvisamente all'estremo.

In questi casi, c'è un cambiamento nei sintomi della VVD, procedendo secondo il tipo ipertensivo, manifestazioni della VVD di tipo ipotonico. Ciò influisce in modo significativo sulla vita dei pazienti, poiché attacchi di debolezza, sudorazione profusa e condizioni di semi-svenimento sono sostituiti da vampate di calore, tachicardia e mal di testa..

Durante un attacco, c'è spesso la paura della quasi morte, l'incapacità di fare un respiro completo, che aggrava ulteriormente la situazione. Può essere presente dolore nella regione del cuore.

Tipo cardiaco

Questo tipo di VSD viene diagnosticato quando si verifica un dolore lancinante nell'area del cuore, che non influisce in modo significativo sul benessere generale di una persona. Possono essere accompagnati da aritmie e sudorazione profusa, ma gli esami effettuati non rivelano patologie cardiache.

Tipo Wagotonic

Per questo tipo di distonia vegetativa, l'insorgenza di disturbi respiratori è tipica. Spesso i pazienti si lamentano dell'incapacità di fare un respiro completo, una sensazione di soffocamento al petto. In questo caso, potrebbe esserci una tendenza ad abbassare la pressione sanguigna e rallentare il battito cardiaco. Ma con il tipo vagotonico di VSD, c'è un aumento della salivazione e il verificarsi di cambiamenti nel lavoro del sistema digestivo.

Come va l'attacco

Durante un attacco di VSD, si osserva una crisi simpato-surrenale, poiché una grande quantità di adrenalina viene improvvisamente rilasciata nel sangue. Poi inizia all'improvviso. Allo stesso tempo, il battito cardiaco inizia a farsi sentire, la pressione e la temperatura corporea aumentano. In questo caso, la pelle può diventare pallida, si verificano brividi. Ciò è accompagnato dall'emergere di una forte paura per la propria vita. Questo stato dura in media 20-30 minuti, ma può durare 2-3 ore, dopodiché la condizione migliora gradualmente.

Gli attacchi possono ripresentarsi più volte alla settimana o più volte al giorno.

Dopo la fine dell'attacco, il paziente avverte un forte bisogno di urinare, durante il quale viene espulso un grande volume di urina leggera. La paura è sostituita da una grave debolezza, poiché spesso c'è un forte calo della pressione sanguigna. In alcuni casi, questo è accompagnato dalla comparsa di tremori alle gambe, fino all'incapacità di camminare normalmente.

Dopo un attacco, le persone tendono ad essere ansiose, spaventate da nuovi episodi. Pertanto, si verifica spesso la depressione, il che peggiora ulteriormente la situazione. Inoltre, i pazienti con VSD possono tendere a rifiutarsi di comunicare con altre persone, poiché sono imbarazzati dalla loro malattia e dalle sue manifestazioni. Ma allo stesso tempo hanno anche paura di non ricevere le cure mediche necessarie al momento giusto, il che non aiuta a migliorare la situazione..

Inoltre, un attacco di VSD può verificarsi con una crisi vagoinsulare. In questo caso, l'attacco inizia con la comparsa di sintomi di stordimento:

  • rumore nelle orecchie;
  • oscuramento negli occhi;
  • debolezza improvvisa;
  • sensazione di irrealtà di ciò che sta accadendo.

Questi fenomeni vengono osservati per un periodo di tempo molto breve e vengono sostituiti dalla perdita di coscienza..

Durante una crisi vagoinsulare, può esserci un forte dolore addominale, un forte, urgente, bisogno di svuotare l'intestino. Con un attacco, c'è una motilità intestinale accelerata, una diminuzione della pressione sanguigna, un rallentamento della frequenza cardiaca e una forte sudorazione. I pazienti di solito si lamentano di sudore freddo con una pronunciata sensazione di calore. Sono spesso ricoperti da una malinconia indescrivibile e appare un'intensa paura..

Molto raramente, un attacco di VSD procede secondo un tipo misto, in cui si osservano sintomi tipici di una crisi vagoinsulare e simpato-surrenalica. Molto spesso in questi casi, c'è:

  • mancanza di respiro, fino a una sensazione di soffocamento;
  • dolore al petto;
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • forti capogiri;
  • instabilità dell'andatura;
  • fortissima paura della morte;
  • sensazione di irrealtà di ciò che sta accadendo.

Diagnostica

Per la diagnosi e il trattamento del VSD, è necessario consultare un neurologo. È meglio redigere un elenco dettagliato dei reclami prima della consultazione. Ciò aiuterà lo specialista non solo a rilevare il VSD, ma anche a suggerire cosa ha causato il suo sviluppo. Il medico condurrà sicuramente un'indagine approfondita, durante la quale scoprirà anche la presenza e la natura dei prerequisiti per lo sviluppo della distonia vascolare vegetativa.

Quindi il neurologo procede all'esame. Il medico valuta le condizioni della pelle, misura il polso, la pressione arteriosa talvolta tramite un test ortostatico (vengono eseguite 2 misurazioni: una in posizione supina, la seconda dopo aver preso posizione eretta), ascolta i polmoni e il cuore. Per valutare l'attività del sistema nervoso autonomo simpatico e parasimpatico, può far scorrere l'estremità dell'impugnatura del martello sulla pelle.

Dopo il completamento dell'esame e l'assunzione della presenza di VSD, il neurologo prescrive necessariamente una serie di studi che aiuteranno a rilevare o confermare le ipotesi esistenti sulle cause dello sviluppo della violazione. A tale scopo, ai pazienti viene prescritto:

  • UAC e OAM;
  • test della glicemia;
  • analisi del sangue per TSH, T3 e T4 (ormoni tiroidei);
  • analisi del sangue biochimica per determinare la concentrazione di potassio, colesterolo, creatinina, urea e altri composti;
  • ECG;
  • fluorografia degli organi del torace;
  • reoencefalografia;
  • Risonanza magnetica;
  • Ultrasuoni dei vasi del collo;
  • EEG.

Trattamento della distonia vegetativa-vascolare

Il trattamento del VSD è sempre selezionato rigorosamente individualmente. In questo caso, il neurologo deve tenere conto di molti fattori e elaborare le tattiche ottimali. Prende in considerazione non solo il tipo di distonia vascolare vegetativa, la gravità e la frequenza degli attacchi, l'età del paziente, ma anche la presenza di malattie concomitanti e le loro caratteristiche..

Quando prescrivono il trattamento per i pazienti con VSD, i neurologi perseguono due obiettivi: eliminare i sintomi della distonia vascolare vegetativa e influenzare la causa dello sviluppo della disfunzione del sistema nervoso autonomo. È il secondo compito di particolare importanza, poiché a volte non è possibile trovare la vera causa dell'inizio del VSD. Ma la qualità della vita del paziente in futuro dipende da questo prima di tutto, poiché, avendo eliminato la causa del VSD, verrà anche eliminato. Pertanto, spesso il trattamento della distonia vegetativa-vascolare viene eseguito non solo da un neurologo, ma anche da altri specialisti ristretti, in particolare un cardiologo..

Inoltre, il trattamento della distonia vegetativo-vascolare comporta un effetto sullo stato psicoemotivo dei pazienti, poiché lo stress e la tensione nervosa prolungata non contribuiscono sicuramente al miglioramento della loro condizione..

Pertanto, il trattamento della distonia vegetativa-vascolare è sempre complesso. Include:

  • terapia farmacologica;
  • correzione dello stile di vita;
  • psicoterapia;
  • trattamento Spa.

La terapia manuale viene spesso utilizzata per combattere le cause del VSD. Ciò è dovuto al fatto che un effetto competente sulla colonna vertebrale può migliorare le prestazioni di quasi tutti gli organi del corpo umano. Dopotutto, è nel midollo spinale che si trovano i centri autonomici, che soffrono molto in presenza di patologie della colonna vertebrale..

Pertanto, l'eliminazione di scoliosi, protrusioni, ernie dei dischi intervertebrali, spondilosi e altri disturbi porta necessariamente a un significativo miglioramento delle condizioni dei pazienti e, se trattate nelle prime fasi, e alla completa eliminazione delle cause dello sviluppo di VSD.

Uno dei metodi più efficaci di terapia manuale è il metodo dell'autore di Gritsenko. Con il suo aiuto, è possibile ripristinare la posizione normale di ciascuna vertebra e quindi normalizzare completamente le prestazioni del midollo spinale. Di conseguenza, migliora anche la circolazione sanguigna, i dolori alla schiena e al petto, i problemi respiratori e una serie di altri disturbi scompaiono. Un ulteriore "bonus" può essere definito un aumento delle capacità di adattamento del corpo e un rallentamento dei processi naturali di invecchiamento.

Con la corretta implementazione della terapia manuale, si osservano miglioramenti dopo le prime sedute. Ma per consolidare i risultati ed eliminare le cause della distonia vascolare vegetativa, è necessario sottoporsi a un ciclo di terapia manuale. Allo stesso tempo, le sessioni possono essere combinate con lavoro, studio, viaggio di lavoro e altre attività.

Terapia farmacologica

Il trattamento del VSD prevede l'uso di un intero complesso di farmaci, il cui elenco, così come il dosaggio, è determinato dal neurologo su base individuale. Pertanto, la terapia farmacologica per la distonia vascolare vegetativa può includere:

  • Antidepressivi: aiutano ad eliminare l'ansia eccessiva, l'aumento dell'irritabilità e aiutano a superare le condizioni depressive, lo stress psico-emotivo e l'apatia. Spesso sullo sfondo dell'assunzione di antidepressivi, c'è una diminuzione del dolore al cuore, dolore muscolare e anche in quei casi in cui in precedenza non rispondevano al sollievo con altri mezzi.
  • Tranquillanti - utilizzati per ridurre il rischio di attacchi di panico, eliminare paure irragionevoli e alleviare l'aumento dell'ansia.
  • Sedativi: inizialmente si preferisce i rimedi erboristici, ma se non hanno l'effetto desiderato vengono sostituiti con più "artiglieria pesante". I rimedi erboristici agiscono lievemente, in assenza di allergie, non hanno un effetto negativo sul corpo, ma hanno un effetto benefico sul sistema nervoso.
  • Nootropics - progettato per attivare la circolazione sanguigna nei vasi del cervello, rimuovere gli effetti negativi dell'ipossia (carenza di ossigeno) e aumentare la capacità del corpo di resistere allo stress.
  • Bloccanti adrenergici: vengono prescritti quando vengono rilevate violazioni nel lavoro del cuore.
  • Diuretici - sono usati in presenza di mal di testa, attacchi di vertigini che si verificano sullo sfondo di aumento della pressione intracranica o ipertensione arteriosa. Promuovono l'eliminazione dei liquidi in eccesso dal corpo, ma portano a una diminuzione del sodio e di un po 'di potassio. Ciò può influire negativamente sul lavoro del cuore, pertanto i diuretici sono spesso combinati con farmaci che compensano la carenza di questi ioni..
  • Preparati vitaminici contenenti vitamine del gruppo B - migliorano la conduzione degli impulsi nervosi e, in generale, hanno un effetto positivo sullo stato del sistema nervoso nel suo complesso.
  • Farmaci metabolici - progettati per aumentare il controllo sui livelli di glucosio, hanno proprietà microcircolari e antiipossiche.

Correzione dello stile di vita

Al fine di migliorare il funzionamento del sistema nervoso autonomo, si consiglia vivamente ai pazienti con VSD di rivedere il proprio stile di vita e le proprie abitudini. Quindi, i neurologi raccomandano a tutti i pazienti:

  1. Organizza la corretta modalità di lavoro e riposo. È importante fare delle pause, alzarsi dalla sedia e camminare durante la giornata lavorativa per migliorare il flusso sanguigno nel corpo e consentire alla testa di riposare..
  2. Dormire a sufficienza. Si consiglia di dormire almeno 8 ore al giorno.
  3. Cammina all'aria aperta ogni giorno. Vale la pena camminare per circa un'ora. Questo è sufficiente per migliorare il funzionamento di tutto il corpo..
  4. Rendi l'attività fisica moderata parte integrante della vita. Gli sport fanatici con VSD saranno dannosi, ma una corsa di mezz'ora, l'aerobica, il nuoto saranno molto utili.
  5. Mangia correttamente. Si consiglia ai pazienti di rinunciare a cibi ad alto contenuto di grassi trans, che contribuiscono alla formazione di placche aterosclerotiche, oltre ad aumentare l'eccitabilità nervosa. Ma una dieta rigida con VSD non viene mostrata, poiché restrizioni rigorose possono influire negativamente sullo stato psicoemotivo del paziente, il che aggraverà il decorso della distonia vascolare vegetativa.

Poiché il tema della nutrizione nell'IRR solleva molte domande, richiede una considerazione più dettagliata. Con una tale diagnosi, la dieta dovrebbe essere costruita secondo i seguenti principi:

  • arricchire la dieta con alimenti che sono fonti di potassio e magnesio e hanno un effetto positivo sul lavoro del sistema cardiovascolare, in particolare, sul livello della pressione sanguigna;
  • normalizzazione del bilancio idrico-salino dovuto al consumo di 1,5 litri di acqua al giorno, oltre a tè, succhi e altre bevande;
  • trarre piacere dal cibo;
  • massima approssimazione della dieta alle esigenze di una dieta sana.

La natura della dieta può variare a seconda del tipo di distonia vegetativa. Quindi, in caso di forma ipertensiva, è importante escludere cibi contenenti una grande quantità di sale "nascosto". A tal fine, si raccomanda di astenersi dal mangiare fast food, conservanti, marinate, semilavorati, ecc. Si incoraggiano invece i pazienti a includere nel menù giornaliero zuppe a base di carne vegetale o debole o brodo di pesce. Si consiglia inoltre di sostituire il tradizionale pane di frumento o di segale con prodotti a base di farina integrale o crusca..

Con la VVD ipotonica, quando si redige un menu, è necessario prestare particolare attenzione a frutta e verdura contenenti una maggiore quantità di vitamina C e β-carotene ben assorbite, nonché a cibi che aumentano la pressione sanguigna. Pertanto, con questa forma di disfunzione del sistema nervoso autonomo, vale la pena introdurre nella dieta quotidiana:

  • agrumi, banane, peperoni, ananas, melograni;
  • eventuali noci, grano saraceno, fegato, cervello;
  • formaggi;
  • aringa;
  • cioccolato fondente, cacao, caffè.

Con VSD ipotonico, non è vietato mangiare pane bianco, patate e persino dolci.

Se a un paziente viene diagnosticata una forma cardiaca della malattia, si consiglia di portare sulla sua tavola cibi che sono una fonte di magnesio e potassio. Ciò influenzerà positivamente il lavoro del muscolo cardiaco e ridurrà il rischio di sviluppare complicazioni pericolose. Pertanto, dovrebbero prestare attenzione a:

  • farina d'avena, grano saraceno;
  • legumi;
  • cipolle, melanzane;
  • albicocche, pesche, uva, anche sotto forma di frutta secca;
  • succhi naturali, composte, gelatine;
  • latticini;
  • uova di gallina;
  • pesce magro e carne.

Psicoterapia

Con la distonia vegetativa, è importante non chiuderci fuori dal problema, ma risolverlo. Pertanto, la psicoterapia competente gioca un ruolo significativo nella terapia del VSD. La psicoterapia ti aiuta a capire meglio te stesso, a diventare più calmo e più sicuro di te.

trattamento Spa

Il riposo annuale in un sanatorio al di fuori del periodo di esacerbazione della distonia vegetativa-vascolare ha un effetto positivo sullo stato fisico e psico-emotivo delle persone, che contribuisce al prolungamento della remissione. Ma con VSD, lunghi viaggi all'estero non saranno una buona idea. Sarebbe più corretto scegliere un resort balneologico nella zona climatica in cui risiede permanentemente, poiché un brusco cambiamento climatico può influire negativamente sulle condizioni di una persona e provocare una nuova esacerbazione di VSD.

Conseguenze del VSD

Nonostante il fatto che la distonia vegetativa-vascolare sia piuttosto difficile, ha una prognosi positiva. Certo, il rischio di sviluppare conseguenze negative è direttamente influenzato dal rigore del rispetto delle raccomandazioni mediche, in particolare quelle relative all'aderenza al regime quotidiano, al rifiuto delle cattive abitudini e all'assunzione dei farmaci prescritti..

Con un approccio attento al trattamento del VSD, il rischio di sviluppare conseguenze indesiderabili è minimo. Ma se il problema viene ignorato, i pazienti hanno una grande possibilità di incontrare ulteriormente:

  • tachicardia;
  • ipertensione che non può essere trattata con farmaci convenzionali per abbassare la pressione sanguigna;
  • cardiomiopatia;
  • diabete mellito di tipo 2;
  • urolitiasi e calcoli biliari;
  • ictus, infarto miocardico.

Il VSD influisce negativamente sullo stato di immunità. Pertanto, i pazienti con una tale diagnosi hanno molte più probabilità di altri di soffrire di infezioni respiratorie. In questo caso, si forma un circolo vizioso, poiché con infezioni respiratorie acute, gli attacchi si osservano più spesso.


Articolo Successivo
Commozione cerebrale