L'angina instabile è una minaccia per il tuo cuore


È importante e necessario conoscere la differenza tra angina stabile e instabile.

L'angina progressiva è una variante dello sviluppo dell'angina instabile. Quest'ultimo può svilupparsi in infarto miocardico (violazione della conduttività della parete muscolare del cuore a causa della morte di alcune cellule) o morte improvvisa. Pertanto, il trattamento dell'angina instabile è molto importante..

Conoscere la malattia

Soffri di disturbi nella zona del torace?

Hai urgentemente bisogno di vedere un cardiologo. Dopo tutto, sviluppi una malattia pericolosa!

Per spiegare, per capire cos'è l'angina instabile, bisogna avere una certa conoscenza del cuore e delle sue funzioni. Sostanze come glucosio e ossigeno sono necessarie per il corretto funzionamento del cuore. Le sostanze cadono nel cuore attraverso le arterie.

Con un aumento dello stress fisico o emotivo, il miocardio (lo strato muscolare medio più alla moda) richiede più ossigeno - aumenta il flusso sanguigno coronarico. Se le arterie non sono in grado di fornire la quantità richiesta di sostanze al cuore, si verificherà un'ischemia miocardica..

Questo porta a necrosi (morte cellulare) e cicatrici in quel sito..

Esistono due tipi di angina pectoris: stabile e instabile. L'angina pectoris instabile si distingue per la sua imprevedibilità della comparsa di convulsioni (il dolore in questa malattia ha la forma di convulsioni), la loro durata e l'efficacia della nitroglicerina nelle convulsioni.

La possibilità di infarto miocardico aumenta con questa malattia.

Angina instabile - esacerbazione della malattia coronarica (angina stabile), quando per vari motivi la durata aumenta e la frequenza degli attacchi aumenta.

L'angina pectoris è una compagna della cardiopatia ischemica (malattia coronarica), manifestata da ischemia miocardica, gravi spasmi al petto, che possono essere seguiti da morte improvvisa. A causa della malattia, può svilupparsi un infarto miocardico o l'angina pectoris diventerà stabile.

L'angina pectoris elimina ogni stress (fisico e psicologico). Ecco perché un buon dottore non solo prescriverà un sacco di pillole, ma ti consiglierà anche di rallentare il ritmo della vita, cambiare il tuo posto di lavoro.

Gli esperti chiamano angina pectoris instabile - una condizione pre-infarto, a causa dell'elevata probabilità di un attacco di cuore. A volte la malattia diventa angina pectoris stabile o progressiva. Nella classificazione internazionale delle malattie ICD-10, la malattia ha un proprio codice personale.

I medici possono spesso indicarlo in una direzione o in una diagnosi. Il codice dell'angina instabile è 120.0. L'instabile (angina pectoris progressiva comparsa per la prima volta) appartiene alla prima classe della classificazione standard.

Sintomi della malattia

È difficile prevedere l'insorgenza dei sintomi della malattia, perché i sintomi dell'angina instabile possono comparire in qualsiasi momento. La differenza rispetto all'angina da sforzo è che i segni dell'angina instabile compaiono inaspettatamente e il loro numero aumenta nel tempo..

I sintomi della malattia sono:

  1. dolore (a volte il dolore si irradia alla mascella, al polso);
  2. compressione del torace (cuore);
  3. fiato corto;
  4. disturbi generali;
  5. sentirsi a corto di aria;
  6. nausea.

Spesso è il dolore il sintomo della malattia. Gli attacchi sono accompagnati da una sensazione di paura. Il paziente si copre di sudore freddo, diventa pallido. Nei test di laboratorio, una chiara evidenza della presenza della malattia sarà la registrazione di un aumento del livello di tropinina.

Con il consenso del paziente, i medici specialisti possono eseguire l'angiografia coronarica al fine di effettuare una diagnosi accurata..

Tuttavia, è possibile determinare con precisione la malattia, anche dopo la presenza dei suddetti sintomi e un attacco, solo utilizzando attrezzature speciali. È necessario fare un ECG, ottenere un cardiogramma del cuore. Va tenuto presente che l'angina instabile è prognosticamente sfavorevole in termini di sviluppo dell'infarto miocardico..

È difficile rilevarlo, anche utilizzando attrezzature speciali..

L'angina pectoris instabile manifesta sintomi dopo l'esercizio fisico, l'assunzione di cibo e gli scoppi emotivi.

Cause di angina pectoris

La causa principale della malattia è il restringimento dei vasi coronarici, la distruzione delle pareti dei vasi e la comparsa di aterosclerosi, a seguito della quale appare il restringimento. Le convulsioni compaiono quando il diametro delle arterie si riduce di oltre la metà.

Dopo il restringimento, si forma un coagulo di sangue nell'arteria (a causa della lacerazione di una placca aterosclerotica), il miocardio non riceve le sostanze necessarie, appare il dolore.

Più pronunciata è la stenosi aterosclerotica, più grave è la malattia. La malattia può svilupparsi a causa di malattie del reparto gastrointestinale (ernia diaframmatica, ecc.), Oltre che a causa di malattie infettive, allergiche e varie lesioni vascolari.

La malattia è più grave con malattie concomitanti: diabete mellito, difetti cardiaci. Lo sviluppo della malattia è influenzato sia da fattori ambientali che dalla tendenza genetica. A rischio sono i fumatori, persone che conducono uno stile di vita sedentario con una dieta squilibrata.

I maschi sono più inclini a sviluppare la malattia.

L'età influisce anche sulla comparsa della malattia: nelle persone di età superiore ai 30 anni, la malattia compare più spesso. Le donne sono protette dalla malattia dagli ormoni sessuali - estrogeni. Fino all'età di 50 anni, i loro vasi e il cuore sono sotto stretto controllo..

Trattamento della malattia

L'angina pectoris instabile richiede un trattamento immediato, con l'intervento di medici professionisti.

Il trattamento deve essere effettuato in regime di ricovero. I pazienti sono soggetti a ricovero immediato. Insieme al trattamento, devono essere effettuati l'osservazione e il monitoraggio costanti delle condizioni del paziente.

L'obiettivo del trattamento dell'angina pectoris instabile è prevenire gli attacchi di dolore e sradicare le complicanze. Durante il trattamento il paziente deve attenersi al riposo a letto, seguire una dieta (l'assunzione di cibo non deve essere pesante e stressante per l'organismo, mangiare in piccole porzioni, ma spesso).

I casi gravi possono richiedere un intervento di scansione delle arterie coronarie (perforazione di un vaso sanguigno e gonfiore, disostruzione dei vasi ostruiti) o un trapianto di organi sani.

Ora ci sono tecnologie che ti permettono di scoprire lo stato delle arterie senza introdurre nulla all'interno. Questo metodo di screening è diventato lo standard in alcuni paesi del mondo. È obbligatorio per tutti i cittadini di età superiore ai 50 anni passare annualmente.

Il trattamento inizia con l'assunzione di aspirina (ha proprietà vasocostrittrici), al fine di rimuovere i coaguli di sangue, per escludere il blocco dei vasi coronarici. I comprovati benefici dell'aspirina non possono essere sfruttati appieno: irrita le pareti dello stomaco. Se c'è dolore al petto, al paziente viene somministrata nitroglicerina.

I beta-bloccanti svolgono un ruolo importante nel trattamento (rallentano la frequenza cardiaca, abbassano la pressione sanguigna). Sono prescritti per eliminare la malattia miocardica ischemica, ridurre il danno vascolare. In combinazione con l'aspirina e altri farmaci, i beta-bloccanti garantiscono un effetto affidabile.

I nitrati vengono inizialmente somministrati per via endovenosa in modo continuo, quindi annullati. Con l'autotrattamento, la malattia progredisce. A causa di ciò, si sviluppa angina da sforzo o malattia cronica. Ma non disperare, perché anche l'angina pectoris progressiva è curabile.

Complicazioni

Se lasci che la malattia faccia il suo corso, allora la probabilità di un infarto miocardico acuto, aritmie cardiache è alta. È possibile valutare il rischio di complicanze come segue. Se l'ECG è normale, il rischio è basso. Se hai più di 65 anni, c'è un'angina progressiva nell'ultima metà del mese, quindi la probabilità è nella media.

Se hai diversi disturbi cardiaci, più di un segno di angina pectoris e angina a riposo, il rischio di infarto è alto. Inoltre, i pazienti con una malattia dovrebbero essere costantemente monitorati da un cardiologo..

Vivere con angina instabile

Mangia bene o, come dicono i medici, razionalmente. Rifiuta assolutamente la gola (dice la gente - dalla gola) quando mangiano tutto ciò che mettono in tavola. Prepara il cibo senza sale. Dimentica di fumare e bere. Tutti quelli che dicono che l'alcol aiuta il cuore mentono palesemente.

Altrimenti, nessun trattamento può prevenire lo sviluppo della malattia. La cosa più importante è prendersi cura dei propri nervi. Dopotutto la vita va avanti. Gestisci le tue emozioni, esercita tranquillità e serenità. La medicina tradizionale può essere utilizzata per prevenire l'angina pectoris e migliorare le condizioni generali.

Per i pazienti, l'importante è non perdere il momento di un infarto (accompagna un dolore molto grave, l'attacco dura da 15 minuti). Appare sia durante l'esecuzione di varie attività fisiche (sebbene sia completamente controindicato per questo disturbo), sia in uno stato calmo.

In un momento del genere, devi chiamare un'ambulanza e usare la nitroglicerina. Se il medicinale non allevia il dolore, allora un attacco di cuore è vicino. Tutti i malati di cuore hanno, ovviamente, nitroglicerina.

Se la durata di conservazione di 6 mesi è scaduta o il farmaco è stato conservato in modo errato, si trasforma in spazzatura. Conservare la nitroglicerina in una piccola bottiglia ambrata e rinnovare ogni 6 mesi. Se la nitroglicerina è normale, si dissolve rapidamente in bocca, se le compresse si comportano diversamente devono essere sostituite.

Qualche parola in conclusione

Non pensiamo che un grande e modesto lavoratore delle dimensioni di un pugno stia costantemente e ininterrottamente stringendosi e rilassandosi nel nostro petto. E quando questo lavoratore inizia a perdere forza e un dolore acuto appare nel tuo petto, solo allora sei pronto a correre fino ai confini della terra in modo che il tuo cuore riacquisti il ​​suo potere precedente.

Accade così che tu lo abbia aiutato e lui continua a lavorare come prima. Ma succede, sfortunatamente, che il tuo aiuto sia arrivato troppo tardi.

Ogni persona, ovviamente, deve prolungare la vita del suo cuore in modo che non si esaurisca e funzioni senza intoppi. Ma, sfortunatamente, le statistiche ci presentano fatti orribili: sempre più persone muoiono per malattie cardiache, in particolare, angina pectoris instabile..

Pertanto, dovresti abbandonare le cattive abitudini, mantenere un peso normale, non mangiare varie cose brutte e non essere molto nervoso. Dopotutto, seguire questi suggerimenti è molto più facile che convivere con un vizio così terribile in seguito..

Attualmente, la scienza medica ha chiaramente stabilito che una diminuzione del volume dell'attività muscolare contribuisce alla crescita delle malattie cardiovascolari e riduce la resistenza del corpo a varie malattie..

È stato anche scoperto che le persone che si muovono un po ', la malattia coronarica si verifica 2-3 volte più spesso. E con l'attività fisica, l'apporto di sangue al cuore e ai vasi coronarici migliora. Questo è il motivo per cui i cardiologi considerano l'attività fisica un mezzo importante per prevenire l'angina pectoris..

Angina instabile del cuore

Il periodo di cardiopatia ischemica (IHD), durante il quale esiste la possibilità di sviluppare un attacco di cuore in una parte del cuore come il miocardio (rottura del cuore) è una condizione patologica ed è angina instabile. Gli attacchi di qualsiasi angina pectoris sono caratterizzati dalla presenza di forti dolori. Si trovano nella zona del torace. Inoltre, i sintomi del dolore possono essere descritti a parole, come un rimbalzo nel collo e, in alcuni casi, nelle spalle. In alcuni casi, il malato è costretto a sopportare dolori nella zona degli arti superiori. La ragione di questa malattia, così come la sua forma stabile, risiede nella mancanza di rifornimento del cuore con tessuti come il sangue..

  1. Descrizione della malattia
  2. Cause e fattori di rischio
  3. Classificazione
  4. Sintomi
  5. Diagnostica
  6. Trattamento
  7. Previsioni e prevenzione

Descrizione della malattia

L'aterosclerosi è una delle cause della malattia coronarica. Questa malattia può essere caratterizzata da depositi di colesterolo e altri lipidi sulle pareti di un elemento così importante del sistema cardiovascolare come i vasi sanguigni. L'effetto negativo di questi depositi sul corpo nelle arterie coronarie è di primaria importanza, sebbene l'aterosclerosi stessa sia più diffusa nei vasi all'interno del corpo umano. L'attività fisica aumenta la probabilità che la malattia si manifesti. Nel tempo, le placche di colesterolo crescono di dimensioni. La conseguenza di questo fenomeno è il fatto che si verifica la vasocostrizione. Questo, a sua volta, non è compatibile con il normale flusso sanguigno. In caso di disturbi circolatori in uno stato calmo del paziente, non ci sono praticamente segni di manifestazione.

Tuttavia, il sangue inizia a muoversi più intensamente attraverso i vasi nei casi in cui una persona sta vivendo uno sforzo fisico. Il carico nervoso ha lo stesso effetto. A causa della vasocostrizione, le dinamiche del sangue sono difficili. La conseguenza di ciò è l'ipossia (mancanza di ossigeno) del miocardio. L'accumulo di prodotti metabolici che non vengono elaborati è una conseguenza dell'effetto ipossico. Queste sostanze causano il dolore descritto. Questa condizione è chiamata attacco di angina pectoris..

Un'improvvisa violazione della circolazione coronarica è un segno di angina instabile. C'è un restringimento dei vasi sanguigni per un breve periodo, che provoca un attacco.

Questo tipo di angina è talvolta considerato come una condizione che si trova al confine di un normale fallimento nel lavoro cardiaco e nell'infarto del miocardio. Se nel corso dello sviluppo di questo disturbo non sono state fornite cure mediche precoci, allora questo è irto dello sviluppo di un fenomeno come un attacco di cuore acuto. Questa circostanza giustifica misure per il ricovero urgente del paziente e l'introduzione di un controllo medico di natura continua nella sua relazione.

Cause e fattori di rischio

Nell'arteria coronaria può verificarsi una rottura della cosiddetta placca fibrosa. Di conseguenza, viene generato un coagulo di sangue, che blocca un sufficiente apporto di sangue al miocardio. Ci sono una serie di motivi diversi che svolgono un ruolo fondamentale nella distruzione della placca fibrosa:

  • Mancanza di collagene.
  • Eccessivi depositi di grasso.
  • Processi di infiammazione.
  • Destabilizzazione emodinamica.

La cardiopatia ischemica è considerata la principale causa di insorgenza della malattia in questione. È caratterizzato dall'accumulo di depositi di grasso sulle pareti arteriose. Altri fattori che provocano la malattia includono i seguenti: elevata capacità di adesione delle piastrine; diminuzione dell'antitrombogenicità delle cellule endoteliali; il rilascio di un agente vasoattivo (ad esempio, la serotonina) nel sangue (in questa situazione, si verifica una rapida diminuzione del diametro dei vasi cardiaci); distruzione dei capillari, con conseguente versamento di sangue nella placca.

Tra i fattori provocatori di questa malattia vi sono: colesterolo alto nel sangue, uno stile di vita con ridotta attività motoria, ipertensione, diabete, la predisposizione della genetica umana a questo.

Classificazione

L'attuale stato di classificazione della malattia in esame è la classificazione di Braunwald dell'angina instabile. Questo sistema è stato istituito alla fine degli anni '80 del XX secolo..

L'angina pectoris instabile è suddivisa nei seguenti tipi:

  1. Prinzmetal (opzionale). La sua causa è la vasocostrizione durante gli spasmi..
  2. Prima volta o primaria. La malattia dà fastidio circa un mese.
  3. Post-infarto precoce. Dura per 2 giorni dopo un infarto miocardico o in un periodo acuto della durata di circa 8 settimane.
  4. Progressivo. C'è un deterioramento del benessere, un aumento della frequenza degli attacchi progredisce durante un mese.

La gravità e l'età sono considerati segni di classificazione. A questo proposito, viene data una divisione nei seguenti gradi:

  • 1 grado. L'esordio della malattia è avvenuto meno di due mesi fa, si manifesta a riposo, progredisce rapidamente, passa duro.
  • 2 ° grado. Associato alla fase subacuta della malattia. I sintomi compaiono per la prima volta e la durata del dolore è superiore a 2 giorni.
  • 3 gradi. Il dolore compare dopo il secondo giorno.

Il quadro clinico e le ragioni della comparsa erano uno stimolo per identificare classi di patologia. Le classi in cui è suddivisa l'angina instabile:

  • 1 classe. La manifestazione del dolore è caratteristica principalmente con un carico maggiore e quindi con uno basso. La frequenza delle crisi aumenta nel tempo. La data del primo hit non dovrebbe essere anteriore a due mesi prima. C'è la possibilità di assenza di crisi epilettiche in uno stato di calma per due mesi.
  • Grado 2. C'è dolore permanente a riposo. Non sono trascorsi più di due mesi dall'inizio del primo attacco.
  • Livello 3. Include l'angina pectoris acuta in uno stato calmo, il cui momento in cui si è verificata è nel corso degli ultimi due giorni.

Secondo i motivi che hanno formato la malattia, l'angina pectoris instabile è divisa in 3 gruppi:

  • Gruppo A. Le cause delle convulsioni non sono legate al cuore. Possono essere i seguenti: infezione acuta, ipossia, tireotossicosi, anemia.
  • Gruppo B. L'origine dell'angina pectoris da qualsiasi disfunzione del cuore, ma non da infarto miocardico.
  • Gruppo C. La malattia ha una genesi associata a infarto miocardico.

La formulazione della diagnosi per una determinata patologia viene effettuata sulla base della classificazione per essa.

Sintomi

Il modo in cui procede questa patologia è caratterizzato da alcuni sintomi. Il paziente è preoccupato per i sintomi del dolore nella regione del cuore. Segni di dolore: ha un carattere pressante, schiacciante e anche bruciante e si manifesta nella zona dietro lo sterno, nella metà del petto dove si trova il cuore (cioè a sinistra). I sintomi del dolore possono essere osservati sia nella scapola sinistra che nella mano sinistra, nella mascella o nella parte sinistra del collo. In alcuni casi, il dolore può essere più localizzato, ad esempio esclusivamente tra le scapole, o può circondare. A volte la conseguenza di questa malattia può essere una delle forme di infarto miocardico, il cosiddetto addominale.

È caratterizzato dalla presenza di dolore esclusivamente nella regione addominale. La seguente sintomatologia può essere riscontrata durante i momenti dolorosi di esacerbazione: aumento della sudorazione, paura della morte. Registrato anche: vertigini e sensazione di mancanza d'aria.

La storia medica contiene i seguenti sintomi (possono caratterizzare la forma instabile dell'angina).

  • insorgenza più frequente di dolore rispetto a una forma stabile della malattia;
  • aumento dell'intensità delle crisi;
  • la longitudine dei momenti di esacerbazione è più alta (entro 10-15 minuti o più);
  • generazione di convulsioni durante uno sforzo fisico di dimensioni inferiori rispetto a prima, anche in uno stato di calma;
  • inefficacia o effetto a breve termine dall'esposizione alla nitroglicerina più un aumentato bisogno di essa.

L'angina pectoris progressiva e primaria presenta questi sintomi durante il mese precedente la diagnosi. Per il tipo di malattia postinfartuale, questi sintomi sono caratteristici da 2 giorni a 8 settimane dopo il verificarsi della rottura del cuore..

L'angina di Prinzmetal è caratterizzata da una prognosi sfavorevole con un rischio significativo di infarto miocardico macrofocale. Questa rottura del cuore può verificarsi entro i primi due o tre mesi dal momento in cui si è manifestato per primo l'attacco. Con questo tipo di angina, i pazienti sono preoccupati per il dolore cardiaco. Si verifica più spesso nei giovani uomini a riposo e durante il tempo che precede la mattina. Queste persone hanno l'opportunità di eseguire azioni con un serio sforzo fisico negli intervalli tra gli attacchi. Il ridotto afflusso di sangue al muscolo cardiaco con questo disturbo è associato a un fenomeno chiamato spasmo dei vasi coronarici. In questo caso non vi è alcun obbligo di aterosclerosi coronarica nel paziente.

Diagnostica

Per diagnosticare un paziente con sospetta angina instabile vengono utilizzate numerose procedure diagnostiche. Questi includono: lo studio dell'anamnesi e dei sintomi, un esame generale del paziente e l'attuazione dell'ascolto dei suoni cardiaci. In questo caso, è importante condurre un'analisi delle urine (per escludere altri disturbi) e dei tessuti come il sangue (che stabiliscono processi infiammatori). Devono essere eseguite l'angiografia coronarica (che consiste nell'esaminare il flusso sanguigno nei vasi cardiaci) e la scientigrafia (un metodo per monitorare le condizioni delle cavità cardiache e delle pareti). Ecco le varietà del metodo ECG (elettrocardiografia) che sarà necessario eseguire:

  • ECG: consente di identificare le complicanze che accompagnano la malattia coronarica.
  • Holter ECG - è importante per determinare la durata degli attacchi di dolore. Insieme a questo, vengono studiati: frequenza degli attacchi + condizioni a cui sono associati.
  • Echo ECG - è necessario per stabilire le dimensioni del cuore. Inoltre, utilizzando questo metodo, vengono studiate la struttura del cuore, l'emodinamica e lo stato delle valvole..
  • Stress echo ECG - un metodo che mostra le aree del miocardio che soffrono di ipossia in condizioni in cui il cuore è sottoposto a stress fisico.

Fare una diagnosi è una questione che viene eseguita per una data malattia esclusivamente dopo aver raccolto i dati dall'intera serie di esami di cui sopra.

Trattamento

Posizionamento di emergenza in un ospedale in conformità con il rigoroso riposo a letto: questa operazione è prescritta per questa diagnosi. Inoltre, al paziente viene assegnata la terapia farmacologica necessaria..

I seguenti mezzi sono utilizzati nel trattamento:

  • Medicinali che migliorano il flusso sanguigno. Secondo il meccanismo d'azione, sono suddivisi in farmaci anticoagulanti diretti chiamati agenti antipiastrinici. I gruppi elencati includono: aspirina, prasugrel, clopidogrel e altri.
  • Medicinali che possono ridurre la fame di ossigeno del miocardio. Questi includono beta-bloccanti e farmaci del gruppo dei calcio antagonisti..
  • Antidolorifici. Tra questi ci sono l'assunzione di nitroglicerina e il metodo della neuroleptanalgesia.

Se la terapia farmacologica non è stata efficace, è probabile la nomina di metodi chirurgici per il trattamento della patologia:

  • Angioplastica. Un cosiddetto stent viene introdotto in un vaso soggetto a costrizione. Aiuta a mantenere il normale flusso sanguigno. Ciò è dovuto al fatto che le pareti dei vasi non si attaccano tra loro..
  • Bypass con innesto dell'arteria coronaria. La distruzione dell'arteria coronaria principale o di una parte significativa dei vasi cardiaci è un indicatore per l'uso di questo metodo. Garantire la consegna del sangue al cuore introducendo un nuovo canale che funzionerà separatamente da quelli gravati da lesioni vascolari.

Cardio-riabilitazione in un sanatorio: questo tipo di appuntamento viene utilizzato in caso di trattamento di successo. Questo tipo di riabilitazione è importante per stabilizzare il flusso sanguigno nel cuore..

Previsioni e prevenzione

Malattie concomitanti, durata e gravità di questa malattia determinano la prognosi della malattia. Ecco le misure preventive per l'angina instabile per evitare attacchi:

  • Resistere al peso in eccesso.
  • Bikot fumante.
  • Bere alcol con moderazione o evitare l'alcol.
  • Attività sportive.
  • Trattamento tempestivo di disturbi irti di restringimento delle arterie e aumento della pressione.
  • Mangiare abbastanza pesce e carni magre. Devi anche aggiungere frutta, verdura e cereali integrali alla tua dieta..
  • Una compressa di aspirina una volta al giorno può ridurre il numero di attacchi di dolore e ridurre la possibilità di sviluppare un fenomeno come l'infarto miocardico acuto.

Angina instabile

L'angina instabile è un periodo di esacerbazione della cardiopatia ischemica, accompagnato da un alto rischio di sviluppare alterazioni necrotiche nel miocardio e morte cardiaca improvvisa. I pazienti riferiscono forti dolori al petto, disturbi del ritmo, mancanza di respiro ed edema generalizzato. Il piano diagnostico include cardiografia, Echo-KG, metodi di laboratorio e angiografia. Il trattamento si basa su una complessa terapia farmacologica. Se le misure conservative sono inefficaci o se il danno al muscolo cardiaco è esteso, vengono utilizzati metodi invasivi (rivascolarizzazione). Quindi, considera qual è questa condizione, classificazione, cause, sintomi e trattamento.

Angina instabile del cuore: cos'è questa malattia?

L'angina pectoris instabile è una condizione patologica del corpo in cui si verifica un forte dolore nel cuore, che si irradia agli arti superiori, al collo, alle spalle. Poiché l'angina pectoris è considerata instabile, ciò suggerisce che tali attacchi sono difficili da prevedere, determinano la loro ciclicità, eziologia. Nel corpo del paziente, appaiono inaspettatamente e scompaiono anche impercettibilmente fino alla successiva ricaduta.

Una tale patologia è particolarmente pericolosa per la vita umana, poiché un'esacerbazione si verifica senza la presenza di fattori patogeni, supera nel momento più inaspettato. Non è possibile controllare il disturbo caratteristico, pertanto è necessario consultare uno specialista in modo tempestivo, andare in ospedale per un esame, seguito dalla nomina di un regime di terapia intensiva.

Uno dei tipi è l'angina instabile, che è un periodo di malattia coronarica (malattia coronarica), che occupa un posto intermedio tra l'angina pectoris con un decorso stabile (angina da sforzo) e l'infarto miocardico acuto. Molto spesso, una condizione dolorosa viene diagnosticata negli uomini in età pensionabile, ma ciò non esclude il fatto del suo sviluppo nei pazienti giovani.

Attualmente è in corso un lavoro di consulenza attivo tra la popolazione volto a diffondere informazioni su cosa sia l'angina instabile, come definirla e dove andare alle prime manifestazioni di questa malattia..

  • Codice ICD 10: 120.0

Perché si sta sviluppando?

Ad oggi, è stato stabilito che il principale fattore eziologico del decorso progressivo della malattia ischemica in generale e dell'angina pectoris instabile in particolare è un restringimento graduale del lume delle arterie coronarie. Questo crea i prerequisiti per la necrosi dei cardiomiociti, peggiora la prognosi per il paziente. L'aterosclerosi è considerata la causa principale del processo patologico. La deposizione di lipidi sull'endotelio dei vasi coronarici porta alla formazione di placca, che può ridurre significativamente il volume del flusso sanguigno attraverso l'arteria.

La dimensione della formazione è di secondaria importanza, la presenza di un grande nucleo lipidico e un rivestimento sottile viene alla ribalta, alla rottura del quale iniziano a formarsi i trombi. Allo stesso tempo, i vasi danneggiati diventano eccessivamente sensibili alle sostanze vasocostrittori secrete dalle piastrine, il che comporta un ulteriore restringimento del lume delle arterie.

Segni

Quali sono i segni caratteristici dell'angina instabile? Questo è l'aspetto di un tipico schema di crisi:

  • Il dolore sorge all'improvviso, all'improvviso. Si sente dietro lo sterno, può essere dato alla spalla, ad altre aree.
  • Prendendo nitroglicerina, il riposo aiuta ad alleviare il dolore.
  • La durata normale di un attacco è inferiore a 10 minuti. Puoi nominare chiaramente l'ora di inizio e fine.
  • Inoltre, di solito c'è una ragione per questo (attività fisica, stress emotivo).

Spesso l'angina pectoris supera coloro che sono dipendenti da alcol o cibi piccanti, poiché richiedono anche un lavoro più attivo del cuore.

L'insidiosità della sindrome sta nel fatto che a volte questi sintomi sono ritardati di un giorno o anche due. La persona crede che non ci siano motivi di preoccupazione, mentre sta già sviluppando un infarto miocardico.

L'angina instabile è intrinsecamente un'esacerbazione della malattia coronarica cronica (cardiopatia ischemica). Sotto l'influenza di determinati fattori, la frequenza degli attacchi, la durata del dolore e la loro intensità aumentano. Ridotta tolleranza all'esercizio.

Esistono 4 tipi di angina pectoris instabile:

  • Angina pectoris di nuova insorgenza.
  • Progressivo.
  • Postinfarto.
  • Prinzmetal.

Di solito, una qualsiasi delle varianti dell'angina pectoris instabile dopo il trattamento si trasforma in angina pectoris stabile, ma con una diminuzione della tolleranza all'esercizio. Le persone chiamano questa malattia "stato di pre-infarto" a causa del fatto che spesso c'è una complicazione sotto forma di infarto miocardico.

La seconda classificazione dell'angina pectoris instabile - in base alla gravità del processo patologico:

  • 1 grado. L'attacco si sviluppa spontaneamente, prevale per meno di 2 mesi, è caratterizzato da una grave condizione del paziente clinico.
  • 2 ° grado. Caratterizza la forma subacuta della malattia, che è difficile da identificare con sintomi inespressi per meno di 2 settimane.
  • 3 gradi. Il dolore infastidisce gli ultimi 2 giorni con una durata fino a 15 minuti, caratterizza il periodo acuto, il rischio di sviluppare un infarto miocardico.

Sintomi di angina instabile

Le manifestazioni si verificano quando il lume dell'arteria è sovrapposto del 70% o più. L'afflusso di sangue diminuisce in modo significativo, l'emodinamica è compromessa. L'attacco è difficile da confondere con altri processi.

I sintomi dell'angina pectoris instabile sono determinati dai sistemi nervoso e cardiovascolare:

  • Intenso dolore al petto sul lato sinistro. Dà al braccio, alla scapola, alla schiena o alla parte bassa della schiena.
  • La durata corrisponde alla durata dell'episodio. La coppettazione viene eseguita con farmaci con proprietà analgesiche.
  • Dispnea. Sullo sfondo dell'attività fisica. E se il processo patologico va avanti da molto tempo, allora anche in uno stato di completo riposo.
    Sintomi dispeptici. Bruciore di stomaco, nausea, vomito, dolore addominale. Sorgi di conseguenza.

L'angina instabile in rari casi può essere scambiata per un'ulcera o un altro processo gastroenterologico.

La durata di un episodio è di circa 10-30 minuti o poco più. Passa da solo, se non si è verificato un attacco di cuore.

Effetti

A causa del decorso progressivo, l'angina pectoris instabile spesso causa complicazioni. I principali eventi avversi sono l'infarto del miocardio e una maggiore probabilità di morte cardiaca improvvisa. Possibili aritmie cardiache:

  • tachicardia patologica,
  • bradicardia cardiaca,
  • extrasistoli,
  • blocco della conduzione degli impulsi.

La natura costante del processo colpisce direttamente il miocardio, che porta allo sviluppo di insufficienza cardiaca cronica in entrambi i circoli della circolazione sanguigna. Nei casi più gravi, l'esito della CHF è l'edema polmonare e la morte del paziente.

Metodi diagnostici

Per fare una diagnosi vengono utilizzati i seguenti tipi di procedure diagnostiche:

  • esame generale del paziente, ascolto dei toni cardiaci, studio dei sintomi e anamnesi;
  • un esame del sangue per rilevare processi infiammatori;
  • l'analisi delle urine è necessaria per escludere altre patologie;
  • ECG - per identificare le complicanze della malattia coronarica;
  • Holter ECG - utilizzato per determinare le condizioni, la frequenza e la durata delle crisi;
  • Eco ECG - necessario per studiare la struttura e le dimensioni del cuore, nonché lo stato delle valvole e della circolazione sanguigna;
  • angiografia coronarica, che esamina il flusso sanguigno nei vasi cardiaci;
  • ECG sotto sforzo: eseguito per identificare aree di ipossia miocardica sotto stress fisico;
    scintigrafia per studiare le condizioni delle pareti e delle cavità del cuore.

Solo dopo aver raccolto i dati completi di tutti gli esami, fanno una diagnosi appropriata.

Trattamento

  • ricovero d'urgenza;
  • grave limitazione dell'attività fisica - rigoroso riposo a letto.

Terapia farmacologica

Sollievo (cessazione) della sindrome del dolore:

  • nitrati (un gruppo di farmaci che alleviano un attacco cardiaco doloroso, ma non influenzano il polso e la pressione sanguigna);
  • neuroleptanalgesia (un metodo di anestesia generale endovenosa in cui il paziente è cosciente, ma non emotivamente).

Medicinali per ridurre la richiesta di ossigeno del miocardio - beta-bloccanti (dilatano i vasi sanguigni, rallentano il battito cardiaco, alleviano il dolore nell'area del cuore): calcioantagonisti (inibiscono la penetrazione del calcio nelle cellule muscolari del cuore e dei vasi sanguigni, dilatano i vasi sanguigni, modificano la frequenza cardiaca).

Fluidificanti del sangue:

  • agenti antipiastrinici (farmaci che riducono la capacità delle piastrine (cellule del sangue responsabili della coagulazione del sangue) di aderire insieme);
  • anticoagulanti diretti (farmaci che inibiscono l'attività del sistema di coagulazione del sangue e prevengono la formazione di coaguli di sangue).

Chirurgia

Il trattamento chirurgico è indicato per i pazienti con forme complesse e in rapida progressione di angina pectoris instabile resistenti al trattamento conservativo, in cui il rischio di sviluppare complicanze gravi e pericolose per la vita è significativamente aumentato. Tra i metodi di correzione chirurgica di una condizione patologica, vengono spesso utilizzati i seguenti:

  • bypass arterioso coronarico o ripristino chirurgico del normale afflusso di sangue all'area di ischemia miocardica creando un letto arterioso di bypass;
  • angioplastica coronarica con stent, quando uno speciale stent viene inserito in un vaso ristretto, che espande il suo lume e ripristina il flusso sanguigno coronarico.

Riabilitazione:

  1. I pazienti che hanno subito un'angina pectoris e sono stati sottoposti a un ciclo di trattamento in un ospedale vengono inviati per la riabilitazione in un sanatorio. È necessaria un'ulteriore somministrazione dei farmaci prescritti. È anche importante continuare a condurre uno stile di vita sano con un esercizio moderato. Assicurati di rimanere regolarmente all'aria aperta e di dormire bene con il riposo.
  2. È necessario seguire una dieta speciale e una dieta corretta. Si consiglia di cuocere a vapore, bollire o cuocere il cibo. È incoraggiata l'accettazione di frutta e verdura, succhi e gelatine, cereali e latticini. Limita le carni grasse e i grassi animali. Alcolici, cibi piccanti, grassi, affumicati e salati sono esclusi senza fallo. Limitare al minimo l'assunzione di sale.
  3. L'uso permanente di determinati farmaci prescritti da un cardiologo è estremamente importante per prevenire le recidive e per mantenere una vita normale. Il recupero è possibile dopo 2 settimane dall'inizio della malattia.

Prognosi del paziente

La prognosi dell'angina instabile è generalmente abbastanza ottimistica. Naturalmente, la condizione per questo è il ricovero tempestivo con un trattamento somministrato con competenza. Molto dipende dal paziente stesso. Deve mostrare coscienziosità: seguire le raccomandazioni del medico, soprattutto per quanto riguarda l'abbandono delle cattive abitudini, la dieta, la riduzione dello stress fisico ed emotivo.

Tuttavia, l'assenza di complicazioni non può essere completamente esclusa. Circa il 20% di coloro che hanno avuto un attacco di NA durante i primi 2-3 mesi hanno un infarto miocardico e l'11% lo ha durante il primo anno.

Quindi, l'angina instabile è un problema che può avere le conseguenze più gravi e il trattamento della sindrome è difficile e costoso. È molto più corretto prendersi cura della salute del proprio cuore in anticipo che curarla in seguito..

Raccomandazioni dietetiche

L'angina pectoris si verifica spesso sullo sfondo di un'aterosclerosi di lunga data. Una delle cause della malattia risiede nell'utilizzo di grassi vegetali solidi, che vengono convertiti in colesterolo, depositati sulle pareti dei vasi sanguigni, riducendone notevolmente il lume. Una piccola quantità di sangue ossigenato passa attraverso il diametro più piccolo e gli organi forniti soffrono di fame. L'eccesso di peso in un paziente con angina pectoris pone ulteriore stress sul cuore, costringendolo a funzionare in una modalità avanzata. La dieta per l'angina pectoris richiede l'adesione ai seguenti principi di base:

  1. Regime. Mangia spesso, ma in piccole porzioni, compresi gli spuntini tra i pasti..
  2. Diversità. La dieta consiste in prodotti di natura animale e vegetale.
  3. Razionalità. Tutti i componenti nutrizionali del cibo dovrebbero essere inclusi nel menu.
  4. Evitare il colesterolo. I prodotti che compromettono la circolazione sanguigna sono esclusi dalla dieta.
  5. Cucina sana. Il trattamento termico preferito degli alimenti si basa sull'ebollizione, la stufatura e la cottura a vapore. I cibi fritti non sono consigliati.

Il rispetto di queste semplici regole aiuterà anche ad evitare infarto ischemico, aritmia, diabete mellito, ipertensione o altre malattie vasospastiche del sistema cardiovascolare..

Consigliato

La base della dieta quotidiana è costituita da alimenti che soddisfano i seguenti criteri:

  • contengono minerali (fosforo, calcio, magnesio, ferro, potassio, sodio, zinco);
  • sono fonti di vitamine A, B, C, E, PP;
  • La vitamina C è particolarmente utile per l'angina pectoris, che è un potente antiossidante che previene il restringimento dei vasi sanguigni, riduce la loro permeabilità e ha un effetto rilassante sulle arterie.
  • sono ricchi di fibre e fibre grossolane che rimuovono il colesterolo "cattivo" in eccesso dal corpo, purificano l'intestino, normalizzano il metabolismo, rallentano il processo di danno vascolare.

I seguenti prodotti soddisfano i criteri elencati:

  • fagioli, crusca e cereali (soprattutto farina d'avena, grano saraceno, miglio, orzo);
  • latte e prodotti a base di latte fermentato - preziose fonti di lattosio, tiamina, vitamina A, calcio;
  • verdure, soprattutto a foglia (qualsiasi cavolo, spinaci);
  • frutti, soprattutto banane, poiché sono ricchi di potassio;
  • oli vegetali (girasole, oliva, mais) - fonti di grassi mono e polinsaturi, nonché vitamine A, D, E, K e F, che sono coinvolte nella formazione cellulare e nel metabolismo;
  • noci (noci, mandorle, nocciole);
  • miele, poiché è una preziosa fonte di potassio e sostituisce con successo lo zucchero;
  • frutta secca (uvetta, prugne, albicocche secche).

Va notato che un tale insieme di prodotti comporta una dieta terapeutica - tabella numero 10. È anti-aterosclerotico ed è prescritto per normalizzare il metabolismo, ridurre la coagulazione del sangue e ripristinare il metabolismo dei vasi sanguigni e del muscolo cardiaco.

Prodotti completamente o parzialmente limitati

  • Escludere carni grasse, grassi culinari, carne di pollame grassa (anatra, oca), brodi di carne e pesce, salsicce, cibo in scatola e tutti i tipi di carne affumicata.
  • Reni, cervello, caviale di pesce, fegato a causa dell'alto contenuto di colesterolo.
  • Pasta sfoglia e pasticceria, pasticceria con crema.
  • Pesce grasso, cibo in scatola, pesce affumicato.
  • Latticini grassi (formaggio, pasta di cagliata, panna, ricotta, panna acida).
  • Sono esclusi ravanelli, tutti i tipi di ravanelli, acetosa, spinaci, legumi e funghi in qualsiasi forma.
  • È vietato utilizzare cioccolato, gelato, tè e caffè forti, succo d'uva, cacao.
  • Limita i tuorli di uova, riso, semolino e pasta. Per l'obesità: uva, zucchero, marmellata, uvetta.
  • Sono consentite quantità minime di miele. Se hai la tendenza alla flatulenza, dovresti limitare l'uso di latte, cavoli e tutti i legumi.

Misure preventive

La prognosi della malattia dipende dalla sua gravità, durata dello sviluppo e patologie associate. Per prevenire gli attacchi di angina, si consiglia di seguire misure preventive:

  • smettere di fumare;
  • la lotta all'eccesso di peso;
  • fare sport;
  • consumo moderato di alcol;
  • grandi quantità di frutta, pesce, verdura, cereali integrali e carni magre nella dieta.
  • ridurre il livello di colesterolo dannoso nel sangue e prevenire la formazione di placche aterosclerotiche sull'intima dei vasi coronarici;
  • l'uso profilattico di anticoagulanti che prevengono la trombogenesi da parte di pazienti di età pari o superiore a 50 anni;
  • eliminazione di sovraccarico nervoso e situazioni stressanti.

Inoltre, le malattie che causano ipertensione e restringimento dei vasi arteriosi devono essere prontamente trattate. L'assunzione di una compressa di aspirina al giorno può ridurre il numero di attacchi di dolore e ridurre la probabilità di sviluppare un infarto miocardico acuto.

L'angina instabile è oggi un argomento di discussione in molte conferenze e simposi medici internazionali, in quanto è una delle cause più comuni di morte tra i pazienti cardiopatici. A questo proposito, gli scienziati lavorano costantemente per migliorare i regimi di trattamento per la malattia e raccomandano alle persone di effettuare una diagnosi tempestiva della condizione patologica, che impedirà lo sviluppo delle sue complicanze..

Angina instabile

Cos'è l'angina instabile?

L'angina instabile è una sindrome coronarica acuta in cui il cuore non riceve sufficiente flusso sanguigno e ossigeno a causa di un blocco in un'arteria.

L'angina instabile causa dolore toracico occasionale o imprevedibile a causa di un blocco parziale dell'arteria che alimenta il cuore. A differenza dell'angina stabile, il dolore o il disagio derivante dall'angina instabile si verifica spesso durante il riposo, dura più a lungo, non migliora con i farmaci e non è associato a nessuna causa evidente, come l'esercizio o lo stress emotivo.

La diagnosi di angina instabile, una forma di sindrome coronarica acuta (SCA), viene spesso eseguita al pronto soccorso e richiede una combinazione di sintomi nel paziente, un elettrocardiogramma (ECG) e un esame del sangue.

Il trattamento prevede l'assunzione di farmaci per alleviare il dolore toracico e l'ischemia associata (quando il cuore non riceve un flusso sanguigno adeguato). Vengono anche somministrati farmaci per fermare la formazione di un coagulo di sangue nell'arteria interessata. In alcuni casi, è necessaria una procedura invasiva chiamata angioplastica con stent (quando viene aperta un'arteria chiusa).

Sintomi di angina instabile

I sintomi classici dell'angina pectoris includono pressione o dolore toracico, a volte di natura costrittiva o "pesante", che spesso si irradia alla mascella o al braccio sinistro.

Tieni presente, tuttavia, che molti pazienti con angina non presentano i sintomi classici. Il loro disagio può essere molto lieve e localizzato alla schiena, all'addome, alle spalle o a una o entrambe le braccia. Nausea, mancanza di respiro o solo una sensazione di bruciore di stomaco possono essere l'unico sintomo.

Fondamentalmente, questo significa che chiunque sia di mezza età o più anziano, in particolare chiunque abbia uno o più fattori di rischio per la malattia coronarica (CAD), dovrebbe essere attento ai sintomi che potrebbero rappresentare l'angina..

Inoltre, le persone senza alcuna storia di malattia coronarica possono anche sviluppare angina instabile. Sfortunatamente, queste persone hanno un rischio maggiore di infarto perché spesso non riconoscono i segni dell'angina..

Di conseguenza, chiunque abbia una storia di malattia coronarica dovrebbe sospettare un'angina instabile se i sintomi si verificano nelle seguenti situazioni:

  • a livelli di attività fisica inferiori al solito;
  • durante il riposo;
  • dura più a lungo del solito o compare soprattutto di notte;
  • i sintomi non migliorano con la nitroglicerina (un medicinale che rilassa e dilata le arterie coronarie).

Se pensi di avere un'angina instabile, dovresti consultare immediatamente il medico o il pronto soccorso.

Causa di angina instabile

L'angina instabile è "instabile" perché, come tutte le forme di sindrome coronarica acuta (SCA), è più spesso causata dalla rottura effettiva della placca nell'arteria coronaria..

Nell'angina instabile, la placca e il coagulo di sangue, che è quasi sempre associato alla rottura, creano un blocco parziale dell'arteria. Questo blocco parziale può creare un'occlusione (man mano che i coaguli di sangue crescono e si restringono), causando un'angina imprevedibile che si accende e si spegne in modo imprevedibile.

Se un coagulo provoca il blocco completo di un'arteria (cosa che di solito fa), il muscolo cardiaco che alimenta l'arteria interessata è in serio pericolo di danni irreversibili. In altre parole, l'inevitabile rischio di infarto del miocardio (attacco cardiaco) è molto alto con l'angina.

Ovviamente questa condizione è piuttosto "instabile" e necessita quindi di cure mediche immediate..

Nessun trigger visibile / pattern imprevedibile.

Guardando più in profondità nel significato, l'angina instabile è considerata "instabile" perché non segue più i modelli prevedibili tipici della "angina stabile".

Innanzitutto, a differenza dell'angina stabile, i sintomi dell'angina instabile si verificano in modo più casuale e imprevedibile. Più specificamente, mentre i sintomi dell'angina stabile sono solitamente innescati da esercizio, affaticamento, rabbia o un'altra forma di stress, con angina instabile, i sintomi possono (e spesso si verificano) senza alcun fattore scatenante apparente..

In effetti, l'angina instabile si verifica spesso a riposo e può persino svegliare una persona da un sonno ristoratore. Inoltre, con questa forma di angina, i sintomi spesso persistono per più di pochi minuti..

L'angina instabile è "instabile" perché i sintomi possono manifestarsi più frequentemente del solito, senza alcun fattore scatenante distinguibile e possono persistere a lungo.

Diagnostica

I sintomi sono fondamentali nella diagnosi di angina instabile o qualsiasi altra forma di sindrome coronarica acuta (SCA).

In particolare, se sono presenti uno o più dei seguenti tre sintomi, il medico dovrebbe prenderlo come una forte indicazione che si sta verificando un particolare tipo di SCA:

  • angina a riposo, soprattutto se dura più di 10 minuti alla volta;
  • un attacco di angina pectoris limita notevolmente la capacità di qualsiasi attività fisica;
  • progressione dell'angina pectoris precedentemente stabile, con episodi più frequenti, prolungati o che si verificano con meno stress rispetto a prima.

Non appena il medico sospetta l'ACS, dovrebbe immediatamente ottenere i risultati di un elettrocardiogramma (ECG) e analisi del sangue per studiare gli enzimi cardiaci..

ECG ed enzimi cardiaci.

Se una porzione dell'ECG nota come "segmenti ST" è elevata (indicando che l'arteria è completamente bloccata) e gli enzimi cardiaci sono aumentati (indicando un danno alle cellule cardiache), viene diagnosticato un infarto miocardico "massiccio" (chiamato anche "IM elevato"). segmento ST ").

Se i segmenti ST non sono elevati (indicando che l'arteria non è completamente bloccata), ma gli enzimi cardiaci sono aumentati (indicando che le cellule sono danneggiate), viene diagnosticato un infarto miocardico "minore" (chiamato anche "IM senza elevazione del segmento ST").

Se i segmenti ST non sono elevati e gli enzimi sono normali (il che significa che l'arteria non è completamente bloccata e non ci sono danni alle cellule), viene diagnosticata un'angina instabile.

In particolare, angina instabile e "IM con sopraslivellamento del tratto ST" sono condizioni simili. In ogni condizione, si è verificata la rottura della placca nell'arteria coronaria, ma l'arteria non è completamente bloccata, quindi rimane almeno una parte del flusso sanguigno.

In entrambe queste condizioni sono presenti sintomi di angina instabile. L'unica differenza è che il danno alle cellule cardiache in NSTEMI è sufficiente a causare un aumento degli enzimi cardiaci..

Poiché l'angina instabile e lo "STEMI" sono molto simili, il loro trattamento è identico..

Trattamento dell'angina instabile

Se è presente angina instabile o "MI senza sopraslivellamento del tratto ST", verrà suggerito uno dei due approcci generali:

  1. Trattamento farmacologico aggressivo per stabilizzare la condizione, seguito da test non invasivi.
  2. Trattamento aggressivo con farmaci per stabilizzare la condizione e intervento invasivo precoce (di solito angioplastica e stent).

Farmaci

Esistono tre tipi principali di farmaci usati per trattare l'angina pectoris instabile: farmaci anti-ischemici, farmaci antipiastrinici e farmaci anticoagulanti.

Farmaci antiischemici.

La nitroglicerina sublinguale, un agente antiischemico, viene spesso prescritta per alleviare qualsiasi dolore toracico ischemico.

Per il dolore persistente, la nitroglicerina può essere somministrata per via endovenosa (tramite una vena), a condizione che non vi siano controindicazioni (ad esempio, bassa pressione sanguigna). La morfina può anche essere prescritta per il dolore persistente.

Verrà prescritto anche un beta-bloccante, un altro farmaco antiischemico, a condizione che non ci siano controindicazioni come segni di insufficienza cardiaca.

Un beta-bloccante può abbassare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca di una persona, che, se elevate, aumentano il bisogno di ossigeno del cuore.

Infine, verrà prescritto un farmaco per abbassare il colesterolo, un farmaco a base di statine come atorvastatina o rosuvastatina.

È stato scoperto che le statine riducono l'incidenza di attacchi di cuore, morte per malattia coronarica, necessità di rivascolarizzazione miocardica e ictus..

Farmaci antipiastrinici.

Verranno prescritti agenti antipiastrinici per prevenire l'aggregazione piastrinica. Questi includono sia l'aspirina che un bloccante del recettore piastrinico P2Y12 - Plavix (clopidogrel) o brilinita (ticagrelor).

Possono essere prescritti anche anticoagulanti (fluidificanti del sangue) come eparina non frazionata (UFH) o lovenox (enoxaparina).

Possibile intervento invasivo.

Dopo la stabilizzazione con farmaci, il cardiologo deciderà se il paziente necessita di un intervento chirurgico invasivo, solitamente angioplastica con stent - una procedura (chiamata anche intervento coronarico percutaneo o PCI) in cui un'arteria parzialmente bloccata viene prima sbloccata con un catetere a palloncino e poi inserita in modo permanente con uno stent.

Determinare se eseguire l'angioplastica e lo stent è una decisione molto importante. Uno strumento utilizzato da molti cardiologi per prendere questa decisione è la scala TIMI (Thrombolysis for Myocardial Infarction)..

Il punteggio TIMI si basa sui seguenti fattori di rischio:

  • 65 anni o più;
  • la presenza di almeno tre fattori di rischio per lo sviluppo della malattia coronarica (ipertensione arteriosa, diabete mellito, dislipidemia, fumo o anamnesi familiare positiva di infarto miocardico precoce);
  • blocco preliminare dell'arteria coronaria del 50 percento o più;
  • almeno due episodi di angina nelle ultime 24 ore;
  • enzimi cardiaci elevati;
  • usando l'aspirina negli ultimi sette giorni.

Un punteggio TIMI basso (da 0 a 1) indica una probabilità del 4,7% di un esito cardiovascolare avverso (p. Es., Morte, infarto o ischemia grave che richiede rivascolarizzazione).

Un punteggio TIMI elevato (da 6 a 7) indica una probabilità del 40,9% di un esito cardiovascolare avverso e quindi quasi sempre richiede un intervento coronarico percutaneo precoce.

Prevenzione

Alcuni studi hanno dimostrato che apportare diversi cambiamenti allo stile di vita può impedire che il blocco peggiori e persino migliorarlo. I cambiamenti nello stile di vita possono anche aiutare a prevenire alcuni attacchi di angina. Consigliato:

  • perdere peso, se presente;
  • smettere di fumare;
  • allenarsi regolarmente;
  • bere alcolici solo con molta moderazione;
  • Mangiare una dieta sana ricca di verdure, frutta, cereali integrali, pesce e carni magre.

I medici consigliano anche di tenere sotto controllo altre condizioni di salute, come l'ipertensione, il diabete e il colesterolo alto..

Se ci sono uno o più fattori di rischio per malattie cardiache, parla con il tuo medico circa l'assunzione di aspirina o altri farmaci per prevenire un attacco di cuore.

La terapia con aspirina (da 75 a 325 mg al giorno) o farmaci come clopidogrel, ticagrelor o prasugrel possono aiutare a prevenire gli attacchi di cuore in alcune persone. Si raccomanda l'uso di aspirina e altri anticoagulanti se i benefici possono superare il rischio di effetti collaterali.

Previsione per la vita

L'angina instabile è un segno di una malattia cardiaca più grave.

Quanto sarà buona la previsione dipende da molti fattori, tra cui:

  • quante e quali arterie del cuore sono bloccate e quanto è grave il blocco;
  • se ha mai avuto un attacco di cuore;
  • quanto bene il muscolo cardiaco pompa il sangue nel corpo.

I disturbi del ritmo cardiaco e gli attacchi di cuore possono portare a morte cardiaca improvvisa.

Se avverti dolori al petto nuovi o in peggioramento che non migliorano con il riposo o i farmaci, dovresti andare immediatamente al pronto soccorso. Anche se il dolore non è correlato al cuore, non importa. È molto meglio stare attenti e sicuri che rischiare la vita..


Articolo Successivo
Sangue denso: sintomi, cause e trattamento, cosa fare e come diluire