Infarto miocardico inferiore di trattamento per età indeterminata


Infarto miocardico inferiore di trattamento per età indeterminata

Infarto miocardico inferiore di età incerta

Domanda al dottore

Volkava Svetlana Viktorovna (2006-12-09 10:24:06)

Argomento: infarto

Domanda

Ciao! Volkova Svetlana si rivolge a te, per favore, guarda i risultati e il trattamento di mia madre e puoi consigliarmi un trattamento aggiuntivo... Diagnosi: IHD Angina pectoris da sforzo 2 (due) FC, clinica. Infarto miocardico posticipato (di età indeterminata). Ipertensione 2 (due) gradi, 3 (tre) stadi. Rischio 4 (quattro) CHS 2A (due A) stadio 39 (tre) FC.NYHA Diabete mellito 2, decorso grave Raccomandazioni: -Berlipril 10 mg 1 compressa 2 volte al giorno, controllo della pressione sanguigna, la dose è aggiustata -Cardiket 20 mg 1 compressa 2 volte al giorno giorno. -Betalok-30K 50 mg 1 scheda 1 volta al giorno sotto il controllo del polso, della pressione sanguigna, la dose viene regolata-Thrombo-ACC100 1 scheda. 1 volta al giorno la sera. -Trimetazidina 1 compressa 3 volte al giorno -2 mesi ECG: Durata: P = 60 ms QRS = 116 ms Intervalli: PQ = 92 MC QT = 328 QTc = 402 ms Assi: P = **** QRS = 5 T = - 50 HR: 102 bpm INTERPRETAZIONE AL COMPUTER ANALISI RITMO ECG in 40 secondi Deviazione frequenza cardiaca = 3% deviazione RMS della frequenza cardiaca = 24 ms Frequenza ventricolare media = 99 bpm Ritmo sinusale normale ANALISI DEL CONTORNO Posizione orizzontale dell'EOS sul piano frontale. Indice di massa ventricolare sinistro: 156 g / m2 (standard 110) Disturbi focali della conduzione intraventricolare Escludere i cambiamenti nell'atrio sinistro Cambiamenti nell'onda T nella regione posteriore-inferiore Con un'alta probabilità di essere associati a danno o ischemia miocardica CONCLUSIONE ECG MEDICA Ritmo sinusale, corretto con la frequenza cardiaca 102 battiti al minuto - tachicordia Posizione orizzontale di el. Assi del cuore Ipotrofia ventricolare sinistra. Disturbi focali nella / conduzione ventricolare. Segni di un infarto posticipato della regione posteriore-inferiore, ischemia della regione posteriore-inferiore. Diagnostica ecografica: la localizzazione dell'eco è difficile. Aorta Aorta: indurita, non dilatata 34 mm (N: fino a 38 mm) Anello AK: con inclusione di calcio Foglioline AK: compattata Ampiezza dell'apertura AK: normale Sulle pareti degli strati iperecogeni AO. LA Atrio sinistro: ingrandito 42 mm. (N: fino a 38 mm.) LV Cavità del VS: al limite superiore della norma EDC: 55 mm. (N: fino a 55 mm.) Setto interventricolare: ispessito 11 mm. (N: fino a 10 mm.) Parete posteriore VS: al limite superiore della norma 10 mm. (N: fino a mm.) Contrattilità generale del miocardio VS: ridotta EF circa 45% (N: più del 55%) Contrattilità locale del miocardio VS: ipocinesi inferiore pareti, regione settale inferiore con acinesia nel segmento basale. Ipocinesi della parete laterale. Piccola discinesia IVS. L'apice LV ha un accordo aggiuntivo. MC Valvole di MC: ispessite, ispessite, con inclusioni di calcio Fase opposta: si In sistole: chiusa Dopplegrafia MC: Regolazione su MC: ++, Flusso su MC con predominanza di PPN PX Cavità ventricolare destra: al limite superiore della norma 28 mm. (N: fino a 28 mm.) Valvole TK: ultrasonografia Doppler compatta TK: rigurgito su TK: + LA Valvola LA: l'ipertensione moderata non è esclusa dal flusso D Pressione sistolica: affidabile non possibile mm Hg Eco - spazio libero nel solco atrioventricolare 3-4 mm. CONCLUSIONE: ridotta contrattilità del miocardio LV. Dilatazione della cavità LA. Disfunzione diastolica del ventricolo sinistro. Calcificazione iniziale di AK e MK. Eco - segni di aterosclerosi AO.

Chiama un medico a casa per telefono. a Mosca 8 (495) 545-69-65 dalle 9.00 alle 21.00

3 risposte

Buon pomeriggio, Ksenia Viktorovna.

Ricerca nel sito

E se avessi una domanda simile ma diversa?

Se non hai trovato le informazioni necessarie tra le risposte a questa domanda, o se il tuo problema è leggermente diverso da quello presentato, prova a fare una domanda aggiuntiva al medico sulla stessa pagina, se è sull'argomento della domanda principale. Puoi anche fare una nuova domanda e dopo un po 'i nostri medici risponderanno. È gratis. Puoi anche cercare le informazioni di cui hai bisogno in domande simili in questa pagina o tramite la pagina di ricerca del sito. Ti saremo molto grati se ci consiglierai ai tuoi amici sui social network..

metodo di determinazione patomorfologica della durata dell'insorgenza dell'infarto miocardico

A61B10 / 00 Altri metodi e strumenti diagnostici, ad esempio per la diagnosi mediante vaccinazione; determinazione del sesso del bambino nel periodo embrionale; determinazione del periodo di ovulazione; dispositivi per l'esame della laringe

Disegni per brevetto RF 2518333

L'invenzione proposta si riferisce al campo della medicina, ovvero all'anatomia patologica.

È noto che l'esatta definizione del periodo di prescrizione dell'infarto miocardico è di grande importanza per il patologo.

Un metodo noto di diagnosi macroscopica dell'infarto miocardico precoce, basato sull'interazione della tellurite di potassio con le deidrogenasi tissutali. Al di fuori della zona dell'infarto, la tellurite di potassio colora il miocardio grigio o nero, mentre la zona di necrosi rimane incontaminata, a causa della distruzione di questi enzimi nella zona dell'infarto miocardico (Paltsev M.A. Anichkov N.M. Anatomia patologica. In 2 vol. T.2, Parte 1. - M. Medicine, 2001. - P.82).

Lo svantaggio di questo metodo è la mancanza della possibilità di una determinazione differenziata dei tempi di insorgenza dell'infarto miocardico. Il metodo noto consente di identificare solo lo stadio necrotico dell'infarto miocardico (periodo da 2 ore a 3 giorni), poiché dopo l'inizio dello stadio di organizzazione, l'attività delle deidrogenasi nel tessuto viene gradualmente ripristinata.

Inoltre, l'uso di questo metodo rende difficile ottenere campioni di alta qualità per studi istologici e immunoistologici e riduce la qualità della documentazione dei cambiamenti morfologici nel miocardio a causa del fatto che i coloranti macchiano persistentemente il tessuto di un colore grigio. Con un ulteriore studio obbligatorio del materiale, questo colore interferisce con la colorazione con coloranti standard..

L'essenza tecnica più vicina alla proposta è un metodo per diagnosticare la necrosi ischemica del muscolo cardiaco (Pat.2094806 Federazione Russa, IPC G01N 33/68, G01N 33/50, Metodo per la diagnosi della necrosi nelle sezioni istologiche / D.V. Kozlov; richiedente e titolare del brevetto Novokuznetsk, istituto statale per la formazione avanzata dei medici, - n. 94005367/14; dichiarato 14.02.1994; pubblicato il 27.10.1997).

Il metodo noto viene eseguito come segue. I frammenti del muscolo cardiaco vengono fissati con una soluzione acquosa di formalina neutra al 15% per 24 ore a temperatura ambiente. Successivamente il materiale viene sottoposto ad inclusione in paraffina, dopodiché vengono preparate sezioni istologiche, che vengono decerate mediante lavorazione in tre porzioni di o-xilene e successivo riscaldamento in termostato a 37 ° C per 3 ore. La disidratazione delle sezioni si ottiene con un trattamento di 3 minuti in ciascuna delle quattro porzioni di etanolo (assoluto, 96%, 70% e 56%). Quindi le sezioni vengono trasferite per 5 minuti in soluzione salina tamponata 0,05 M con un pH di 7,6. Il blocco della perossidasi endogena viene effettuato con una soluzione fresca di perossido di idrogeno al 3% per 10 minuti, lavata con soluzione salina tamponata per 5 minuti. Quindi le sezioni vengono mantenute sotto una goccia di una soluzione al 5% di albumina di siero di cavallo. Successivamente, l'albumina in eccesso viene rimossa e i vetrini vengono strofinati delicatamente attorno alle sezioni. A quest'ultima viene applicata una goccia di anticorpi primari di coniglio purificati per affinità contro l'alfa-glicoproteina associata alla gravidanza ad una concentrazione di 8 μg / ml. Le sezioni vengono incubate per 30 minuti a 37 ° C in una camera umida, dopodiché vengono lavate due volte con soluzione salina tamponata. Le sezioni istologiche vengono incubate in anticorpi secondari biotinilati a una diluizione di 10 μg per 1 ml di soluzione salina tamponata per 30 minuti, dopodiché vengono lavate con soluzione salina tamponata per 5 minuti. Quindi le sezioni vengono trattate con un complesso avidina-perossidasi per 30 minuti e lavate con soluzione salina tamponata. La manifestazione immunologica viene eseguita in una soluzione allo 0,03% di un substrato a base di diaminobenzidina (cromogeno DAB) per 10 minuti. La reazione viene interrotta risciacquando le sezioni in due porzioni di acqua distillata. I nuclei delle cellule vengono colorati con ematossilina per 3 min. Inoltre, le sezioni vengono eseguite attraverso alcoli freschi di concentrazione crescente (56% 70% 96%, etanolo assoluto) e tre porzioni di o-xilene, quindi sono racchiuse in un balsamo.

Nello studio delle micropreparazioni finite, si nota una chiara colorazione dei focolai di necrosi ischemica del muscolo cardiaco nella zona dell'infarto miocardico. Il fulcro della necrosi è marrone e il resto dei tessuti è giallo-grigio..

Lo svantaggio di questo metodo, così come uno simile, è la mancanza della possibilità di determinare con precisione il periodo di limitazione dell'infarto miocardico, poiché il metodo prototipo consente di identificare solo il suo stadio necrotico.

Gli svantaggi di questo metodo includono il fatto che l'emivita dei complessi associati alla gravidanza alfa2-glicoproteina con proteinasi non supera i 2 minuti. Di conseguenza, dopo mezz'ora, quasi tutti i complessi enzimatici con alfa2-glicoproteina associata alla gravidanza raggiungono gli organi bersaglio, in particolare il fegato, dove vengono metabolizzati. Al di fuori dei vasi sanguigni, questa distribuzione ha caratteristiche differenti, poiché l'alto peso molecolare dei complessi ne impedisce l'ingresso nei vasi sanguigni (Zorin NA ALFA-2-GLYCOPROTEIN Associated with Pregnancy. NEWS "Vector-Best", N 9, September, 1998. Cit Al link http://www.vector-best.ru/nvb/st9_5.htm 29/04/12). Di conseguenza, il rilevamento di complessi nella zona di confine dell'infarto miocardico è limitato a un periodo molto breve; l'identificazione dei complessi è possibile solo nella zona di necrosi, ad es. al di fuori delle zone di afflusso di sangue sicuro.

L'obiettivo dell'invenzione rivendicata è sviluppare un metodo per determinare il periodo di limitazione dell'infarto miocardico in studi patomorfologici.

Il risultato tecnico del metodo proposto è determinare il periodo di limitazione dell'infarto miocardico da 2 ore a 30 giorni.

Il risultato tecnico è ottenuto dal fatto che il metodo di determinazione patomorfologica della prescrizione dell'insorgenza di infarto miocardico comprende il fissaggio di un campione di tessuto, l'immissione in paraffina, la realizzazione di sezioni, la deceratura e il riscaldamento, il lavaggio in una soluzione tampone, l'incubazione in una camera umida con un reagente e l'elaborazione con un agente di sviluppo, disidratazione e conclusione di mercoledì.

La principale tecnica distintiva del metodo proposto è che gli anticorpi contro la metalloproteasi della matrice 9 vengono utilizzati come reagenti a una diluizione di 1: 100-1: 250.

Una tecnica distintiva del metodo proposto è anche il fatto che l'incubazione con il reagente viene effettuata ad una temperatura di + 25 ° C e un'umidità relativa del 100%. Il tempo di incubazione è di 60 minuti.

Le differenze del metodo proposto sono che quando il rilevamento microscopico nella preparazione di neutrofili dai colori vivaci nei vasi della zona peri-infarto e neutrofili dai colori vivaci nella zona dell'infarto, il periodo di infarto viene stabilito da 2 ore a 1 giorno, quando vengono rilevati degranulazione dei neutrofili e colore brillante matrice extracellulare nella zona dell'infarto - da 1 a 2 giorni e quando vengono rilevate cellule colorate della fila fibroblastica nella zona di confine dell'infarto - da 3 a 30 giorni.

L'analisi comparativa della soluzione tecnica proposta con il prototipo ci permette di concludere che la soluzione tecnica proposta soddisfa i criteri della "novità" dell'invenzione.

Il metodo inventivo garantisce il raggiungimento del risultato tecnico percepito dal richiedente, ovvero assicurando la possibilità di determinare il periodo di limitazione dell'infarto miocardico da 2 ore a 30 giorni durante gli studi patomorfologici, riducendo la complessità e la durata dello studio.

Quindi, gli autori del metodo proposto hanno scoperto che gli anticorpi primari utilizzati si legano a sostanze sintetizzate da neutrofili, fibroclasti e sostanze nella matrice extracellulare in intervalli di tempo rigorosamente definiti dopo lo sviluppo dell'infarto miocardico. Pertanto, l'uso di preparati istologici per la colorazione immunoistochimica, come anticorpi primari contro la metalloproteasi della matrice 9, ha consentito agli autori del metodo proposto di differenziare i tempi di insorgenza dell'infarto miocardico durante l'esame patomorfologico.

Il vantaggio del metodo proposto è anche quello di consentire di identificare non solo lo stadio necrotico dell'infarto miocardico, ma anche lo stadio di organizzazione, che ne determina la forza rispetto al prototipo.

Quanto precede ci consente di concludere che la soluzione tecnica soddisfa il criterio "attività inventiva".

Il metodo che costituisce l'invenzione rivendicata è destinato all'uso in medicina. La possibilità della sua attuazione è confermata dai metodi e dai mezzi descritti nella domanda. Ciò dà motivo di ritenere che la soluzione tecnica rivendicata soddisfi il criterio dell'invenzione "applicabilità industriale".

L'essenza del metodo proposto è illustrata da un esempio di implementazione specifica. L'esempio seguente serve per illustrare ma non limitare l'invenzione..

L'oggetto dello studio era il materiale patologico di 30 pazienti deceduti per infarto miocardico acuto. In tutti i casi è stato diagnosticato un infarto miocardico transmurale acuto primario. L'età media è di 63,7 anni. Uomini - 18, donne - 12. Secondo i tempi di inizio di un attacco di cuore, i pazienti sono stati distribuiti come segue: 16 pazienti sono morti entro 3 giorni; 14 pazienti - nel periodo da 3 giorni a 1 mese.

Campioni di tessuto dalla zona di infarto miocardico e dalla zona che lo circonda sono stati fissati con una soluzione al 10% di formalina neutra e incorporati in blocchi di paraffina secondo la tecnica standard (Merkulov G.A. Course of pathohistological technique. - L. Meditsina, 1969. - pp. 13-15, 52 -59).

Quindi sono state preparate sezioni con uno spessore di 5 μm, che sono state montate su vetri rivestiti con poli-L-lisina. Le preparazioni sono state decerate prima in toluene per 5 minuti, quindi sequenzialmente in alcoli 100 °, 96 °, 90 °, 70 ° e 50 ° per 1 minuto. Quindi le preparazioni sono state mantenute in acqua distillata per 10 minuti..

Per smascherare gli antigeni, i preparati sono stati posti in tampone citrato (pH6,0) e riscaldati per 8 minuti in un forno a microonde con potenza 800W al 100% di potenza, quindi 10 minuti al 60% di potenza. Quindi i preparati sono stati raffreddati a 25 ° С in tampone citrato (pH6,0) e lavati con acqua distillata 2 volte per 5 minuti. Il campione di tessuto è stato tracciato con una Dako Pen idrofobica (Dako, codice S2002).

Per inattivare la perossidasi endogena, 50 μl di perossido di idrogeno al 3% sono stati applicati a ciascuna preparazione e mantenuti per 5 minuti. Quindi sono stati lavati con tampone Tris (pH7.6) due volte per 5 minuti. Quindi, sono stati applicati 50 μl di soluzione di caseina allo 0,4%, incubati per 5 minuti, lavati con tampone Tris (pH7.6) 2 volte per 5 minuti.

Quindi, gli anticorpi primari sono stati applicati a ciascuna preparazione: anticorpi anti-anticorpo monoclonale di coniglio MMP9 IgG (Epitomics, Clone-diaminobenzidina in 1 ml di perossido di idrogeno allo 0,05% (Novocastra, REF = RE7105, Lotto 710550), conservati per 5 minuti. Lavato con acqua. Le sezioni sono state controcolorate con 0,02% soluzione di ematossilina per 30 secondi. Lavato con acqua. Disidratato sequenzialmente in alcoli 70 °, 90 °, 96 °, 100 ° per 1 minuto. Quindi in toluene per 5 minuti. Collocato nel mezzo finale Permanente Sl>

È stato riscontrato che con esiti letali che si sono sviluppati entro diverse ore dallo sviluppo dell'infarto miocardico, i neutrofili dai colori vivaci sono stati registrati nei vasi della zona del peri-infarto (Fig.1, posizione A), così come i neutrofili dai colori vivaci nella zona dell'infarto (Fig.1, posizione B).

Nel periodo di limitazione dell'infarto da 1 a 2 giorni, sono state registrate degranulazione dei neutrofili, perdita di colore del citoplasma dei neutrofili. Parallelamente a ciò, è stato registrato un colore brillante della matrice extracellulare nella zona dell'infarto, che riflette il rilascio di MMP-9 dai neutrofili nel tessuto (Figura 2, posizione C). In caso di decesso successivo (3-30 giorni) è stata rilevata la colorazione delle cellule del filare fibroblastico nella zona di confine. In questo caso, la massima gravità del colore è stata rilevata nel 7-14 ° giorno (Fig.3, posizione D).

Gli autori notano la buona riproducibilità del metodo proposto: quando si colorano sezioni seriali in lotti diversi, si ottengono risultati di colorazione identici.

Pertanto, il metodo proposto consente di differenziare chiaramente il periodo di limitazione dell'inizio dell'infarto del miocardio nell'esame patomorfologico. Questo metodo può essere utilizzato in medicina, in particolare nell'anatomia patologica.

RICHIESTA

Un metodo di determinazione patomorfologica della durata dell'insorgenza dell'infarto miocardico, compreso il fissaggio di un campione di tessuto e l'immissione in paraffina, la realizzazione di sezioni, la decerazione e il riscaldamento, il lavaggio in una soluzione tampone, l'incubazione in una camera umida con un reagente e il trattamento con un agente di sviluppo, disidratazione e imprigionamento in un ambiente caratterizzato che gli anticorpi contro la metalloproteasi della matrice 9 siano utilizzati come reagenti a una diluizione di 1: 100-1: 250, la durata dell'incubazione con il reagente a una temperatura di 25 ° C e un'umidità relativa del 100% è di 60 minuti e con rilevamento microscopico nella preparazione di neutrofili dai colori vivaci nei vasi zona peri-infarto e neutrofili dai colori vivaci nella zona dell'infarto, l'età dell'infarto viene stabilita da 2 ore a 1 giorno, quando vengono rilevati degranulazione dei neutrofili e colore brillante della matrice extracellulare nella zona dell'infarto, da 1 a 2 giorni, e quando vengono rilevate cellule fibroblastiche colorate nella zona di confine dell'infarto - da 3 a 30 giorni.

Infarto miocardico inferiore di età incerta

L'infarto della parete miocardica inferiore è una condizione patologica acuta caratterizzata da ischemia dello strato muscolare del cuore. Come risultato di una diminuzione del livello di afflusso di sangue e ossigenazione, i cardiomiociti iniziano a morire in massa. Più ampia è l'area di ischemia, più estesa è l'area del miocardio, le cui cellule molto probabilmente moriranno a causa di un insufficiente apporto di ossigeno e di altri nutrienti necessari per il corretto funzionamento del tessuto muscolare cardiaco.

Classificazione

Nella maggior parte dei casi, l'infarto del miocardio inferiore si verifica a seguito di una violazione della capacità di flusso dell'arteria coronaria destra, causata dal blocco del lume del vaso da parte di un trombo. La malattia si sviluppa molto rapidamente, in poche ore le conseguenze di un infarto possono diventare irreversibili e, a causa della morte di massa dei cardiomiociti, una persona può morire nel più breve tempo possibile.

I medici cardiologi distinguono diverse classificazioni utilizzate per descrivere la natura della lesione della membrana muscolare del cuore:

  • per area di copertura (focale piccola, focale grande ed estesa);
  • dalla profondità del danno alla parete (transmurale);
  • dalla natura del corso (prolungato, primario, ripetuto);
  • dalla posizione del fuoco (ventricolo sinistro, parete posteriore, anteriore, interventricolare, combinato, posteroinferiore, apice del cuore, diaframmatico, ecc.).

L'esordio dell'infarto della parete inferiore del ventricolo sinistro, detto anche "basale", è spesso associato alla sconfitta di quest'area e allo sviluppo di alterazioni necrotiche.

Fattori di rischio

Il fattore più importante nel verificarsi di una tale condizione patologica è un alto livello di colesterolo e, di conseguenza, l'aterosclerosi del rivestimento interno delle arterie. Sulla base di ciò, è possibile distinguere i principali gruppi di persone il cui rischio di sviluppare un infarto miocardico è molto più alto:

  1. Età da 45-50 anni. Gradualmente, ogni anno, la parete interna delle arterie umane è esposta a lipoproteine ​​a bassa e media densità, che trasportano non solo il colesterolo "buono", necessario per il fabbisogno plastico ed energetico del corpo, ma anche "cattivo", che ha un effetto negativo sull'intima delle arterie. Pertanto, il guscio interno diventa sempre più sottile e le placche di colesterolo iniziano ad apparire nel lume dei vasi, che ostacolano la normale circolazione sanguigna..
  2. Genere. Secondo studi statistici, si può concludere che le donne hanno maggiori probabilità di soffrire di infarto miocardico, in particolare, il rischio aumenta dopo la menopausa. Tuttavia, le donne hanno maggiori probabilità di subire una patologia acuta con una maggiore probabilità di un esito positivo rispetto agli uomini..
  3. Ipertensione. I medici hanno da tempo dimostrato che i pazienti con ipertensione hanno molte più probabilità di avere un attacco cardiaco acuto rispetto alle persone con pressione sanguigna relativamente normale. Ciò è dovuto al fatto che in condizioni di ipertensione, lo strato muscolare del cuore necessita di grandi quantità di ossigeno per il lavoro attivo e il mantenimento di un alto livello di metabolismo cellulare..
  4. Una storia medica in cui è presente un precedente infarto miocardico. Non importa cosa fosse in termini di localizzazione, focalizzazione della diffusione o profondità della lesione: la cosa principale è che lo era e il muscolo cardiaco non è più in piena efficienza.
  5. Avere cattive abitudini. Il fumo ha il maggiore effetto negativo sul sistema cardiovascolare. Con la costante intossicazione del corpo da nicotina, i vasi sanguigni si restringono, il che porta a un insufficiente apporto di ossigeno agli organi e ai tessuti. Particolarmente pericoloso è il fatto che le arterie coronarie, che sono coinvolte nell'afflusso di sangue ai muscoli cardiaci, sono le più colpite. Il danno è causato non solo dal fumo attivo, ma anche da quello passivo.
  6. Aumento del peso corporeo e diminuzione dell'attività fisica. Con violazioni di tutti i tipi di metabolismo, in particolare il metabolismo dei grassi, aumentano i rischi di sviluppare una malattia aterosclerotica. L'inattività fisica è la ragione principale per la comparsa di chili in più, poiché con un livello insufficiente di attività fisica, il livello dei processi metabolici è significativamente ridotto.
  7. Diabete. I disturbi ormonali portano molto spesso a determinati disturbi metabolici, che è la ragione principale dell'aumento dei rischi di patologia miocardica.

Segni di infarto miocardico

L'infarto del miocardio della parete inferiore presenta diversi sintomi che sono abbastanza specifici per questo processo patologico, che consentono di differenziarlo rapidamente dall'angina pectoris, ad esempio. Tuttavia, esistono anche le cosiddette forme atipiche di infarto. Appaiono abbastanza raramente, ma hanno segni non corrispondenti..

Nel caso di una tipica forma di infarto della parete inferiore della membrana muscolare del cuore, il medico fa affidamento sul sintomo più importante per distinguere la patologia da qualsiasi altra malattia del sistema cardiovascolare: lacrimazione, forte dolore bruciante localizzato dietro lo sterno. Qualsiasi altro tipo di sensazioni dolorose non può essere attribuito in modo affidabile allo stato di un infarto, poiché la loro causa potrebbe essere completamente diversa..

Oltre al dolore acuto, cosiddetto "da pugnale", ci sono una serie di sintomi che distinguono un attacco di cuore da altre condizioni acute:

  • le sensazioni dolorose si estendono alla metà sinistra del corpo del paziente (mascella, braccio, gamba);
  • il dolore può verificarsi non solo dopo lo sport attivo, ma anche a riposo, il sonno;
  • la durata della sindrome del dolore supera la mezz'ora;
  • l'attacco non si ferma anche dopo aver assunto la sospensione dei farmaci e il riposo prolungato;
  • compaiono attacchi di vertigini, debolezza, nausea e vomito.

Tali sintomi significano uno sviluppo abbastanza rapido di ischemia e alterazioni necrotiche nel tessuto muscolare cardiaco. In questo caso, è necessario chiamare un'ambulanza con l'indicazione che è il team cardiologico che è richiesto. Allo stesso tempo, il paziente ha una probabilità abbastanza impressionante di una prognosi favorevole per una condizione acuta..

Forme atipiche

Tali forme di patologia minacciano il paziente con conseguenze molto più gravi. Il problema principale del decorso atipico di una condizione acuta è l'incapacità di dire con completa sicurezza che questo è un infarto del miocardio. Il quadro clinico con questo decorso della malattia è molto sfocato e, molto probabilmente, per una diagnosi più accurata, sarà necessario un ECG e non solo un semplice interrogatorio del paziente.

La localizzazione di sensazioni dolorose nell'infarto gastrico ricorda più un'esacerbazione della gastrite cronica - spasmi spiacevoli nella regione epigastrica, che causano nausea e persino vomito. All'esame obiettivo del paziente, è possibile prestare attenzione ai muscoli tesi della parete addominale anteriore. Questo tipo di patologia cardiovascolare si trova spesso nelle parti inferiori del ventricolo sinistro, a volte chiamato infarto diaframmatico..

Se un paziente che non ha una malattia cronica come l'aster bronchiale nella sua anamnesi inizia improvvisamente un attacco acuto di soffocamento, allora molto probabilmente possiamo parlare dell'inizio dello sviluppo del processo ischemico nel muscolo cardiaco. Oltre alla mancanza d'aria, si verifica una tosse, che può essere secca o con il rilascio di espettorato schiumoso. La sindrome del dolore con un decorso così asmatico di un attacco di cuore non è così pronunciata come nella versione classica, o è del tutto assente. L'esame obiettivo rivela un aumento della frequenza cardiaca e un cambiamento nel ritmo, respiro sibilante e rumori nei polmoni e nel cuore, un forte calo della pressione sanguigna. Questa forma di patologia si verifica spesso ripetutamente sullo sfondo dell'aterosclerosi progressiva..

La variante aritmica dello sviluppo dell'infarto miocardico è particolarmente difficile da determinare. La diagnosi di una tale condizione è complicata dal fatto che il ritmo e la frequenza cardiaca sono gravemente alterati, l'elettrocardiogramma rivela blocchi atrioventricolari e vari tipi di aritmie, che complicano notevolmente la diagnosi corretta. La sindrome del dolore non è pronunciata e durante un esame fisico del paziente, molto spesso è possibile trovare tutti gli stessi segni dell'ECG.

Oltre all'infarto miocardico aritmico, si distingue un'altra forma cancellata, che è praticamente impossibile da diagnosticare senza metodi di esame aggiuntivi. La sindrome del dolore con questa variante dello sviluppo dell'ischemia della membrana muscolare del cuore è completamente assente. Il paziente non si lamenta di debolezza, vertigini o altre manifestazioni di intossicazione corporea. Potrebbe esserci uno spiacevole disagio nell'area del torace che non ha una localizzazione specifica, aumento della sudorazione. Questa forma latente di infarto si sviluppa nei pazienti con diabete mellito ed è caratterizzata da un decorso molto complesso..

Spesso nella clinica c'è un decorso combinato della malattia, che complica in modo significativo la diagnosi tempestiva e l'inizio del trattamento potrebbe essere troppo tardi. Gli ultimi stadi di sviluppo di questo tipo di infarto miocardico sono generalmente fatali per il paziente..

Primo soccorso

Al minimo sospetto di infarto miocardico, è necessario chiamare un'ambulanza con l'indicazione obbligatoria che è il team di cardiologia che è richiesto. Prima il paziente riceve un trattamento nelle sue condizioni, più favorevole lo attende l'esito della malattia. In nessun caso dovresti ritardare con questo o provare a trasferire un attacco alle gambe.

Prima dell'arrivo della squadra dell'ambulanza, è necessario fornire al paziente un riposo completo. È meglio mettere la persona sul letto con un cuscino sotto la testa: questa posizione ridurrà il carico sul sistema cardiovascolare. È anche utile allentare gli indumenti stretti, slacciare i bottoni superiori e fornire ulteriore aria fresca aprendo le finestre. Per riportare un po 'il paziente in sé, puoi somministrargli dei sedativi..

Dopo essersi assicurati il ​​riposo, la compressa "Nitroglicerina" deve essere frantumata e posta sotto la lingua del paziente. Se ci sono farmaci beta-bloccanti a portata di mano nell'armadietto dei medicinali di casa, puoi dare al paziente una compressa da masticare. Con l'uso costante di tali medicinali da parte della persona interessata, è necessario somministrare la dose prescritta dal medico a turno per l'assunzione regolare..

Molto probabilmente, tali misure sospenderanno leggermente i processi di diffusione dei cambiamenti necrotici nel tessuto muscolare cardiaco, ma in questo modo è impossibile eliminare completamente un infarto. Ciò richiede cure mediche qualificate..

Fornire assistenza medica professionale

Il compito principale dei cardiologi con sospetto infarto miocardico inferiore di età indeterminata è quello di ripristinare la capacità delle arterie coronarie il prima possibile e prevenire l'ulteriore diffusione del processo necrotico nel tessuto cardiomuscolare. Per questo, vengono spesso utilizzati farmaci che prevengono la formazione di coaguli di sangue, attivano la trombolisi attiva e contagocce per fluidificare il sangue. In assenza di gravi controindicazioni, un medico dell'équipe dell'ambulanza può iniziare la terapia già sulla strada per un ospedale. Questo passaggio è molto importante, poiché non tutti i pazienti con infarto miocardico hanno indicazioni per procedure che causano trombolisi. Tuttavia, se la strada per l'ospedale dura più di mezz'ora, tali eventi sono obbligatori..

Il metodo migliore per ripristinare il flusso sanguigno coronarico è lo stent. Questa operazione mininvasiva viene eseguita esclusivamente in ambito ospedaliero. Durante l'intervento chirurgico, uno stent viene posizionato nel vaso bloccato. Tuttavia, in caso di emergenza, anche un tale passaggio potrebbe non essere d'aiuto e il medico decide di eseguire l'innesto di bypass coronarico. Durante tale operazione, viene creato un vaso artificiale che fornisce la circolazione sanguigna tra l'aorta e la parte dell'arteria coronaria libera da blocchi. Tale misura di emergenza consente di interrompere rapidamente la condizione patologica e normalizzare l'afflusso di sangue e l'ossigenazione del tessuto muscolare cardiaco..

Conseguenze dell'infarto miocardico inferiore

L'infarto del miocardio posposto ha sempre un effetto estremamente negativo sulla salute generale del paziente. Nel sito di una lesione necrotica del muscolo cardiaco si forma una formazione di cicatrici, costituita da tessuto connettivo. Questa parte del miocardio perde per sempre le sue qualità e funzioni lavorative. Anche dopo la terapia riabilitativa e un lungo ciclo di trattamento, i medici non possono ripristinare completamente il corpo del paziente. Spesso, come conseguenza della malattia, si sviluppano varie aritmie e tachicardie..

Per prevenire complicazioni di natura grave, il paziente dopo un infarto deve riconsiderare attentamente il suo stile di vita, cambiare abitudini, dieta, routine quotidiana e attività fisica.

Dopo un infarto miocardico esteso, i pazienti spesso sviluppano un aneurisma cardiaco. Questa condizione minaccia il paziente e richiede un intervento chirurgico urgente..

Il concetto di infarto miocardico inferiore, cos'è e quali sono le conseguenze, è alla base del corretto approccio al trattamento di una condizione acuta e alla successiva terapia riabilitativa.

Infarto miocardico acuto della parete inferiore

L'infarto miocardico inferiore viene diagnosticato quando, a causa della mancanza di ossigeno, si verifica la morte cellulare nel muscolo cardiaco, che porta a disfunzione d'organo. Il trattamento viene effettuato in ambiente ospedaliero. La prognosi dipende dalla tempestività della terapia e dalla presenza di complicanze.

Caratteristiche:

Il processo patologico che accompagna un infarto può interessare tutti gli strati del cuore o uno di essi.

  • Endocardio. Riveste la cavità dell'organo. È interamente composto da tessuto connettivo.
  • Miocardio. Questo è lo strato muscolare responsabile della contrazione. Contiene cardiomiociti. Non solo si contraggono, ma sono anche responsabili del passaggio di un impulso elettrico..
  • Epicardus. Questo è uno strato di tessuto connettivo strettamente allineato con il miocardio.

Durante un attacco di cuore, l'ossigeno e le sostanze nutritive non entrano in alcune parti del cuore, motivo per cui le cellule muoiono. Nella maggior parte dei casi, l'area del ventricolo sinistro è interessata..

Tenendo conto della profondità delle lesioni necrotiche, gli attacchi di cuore sono suddivisi in:

  1. Transmurale. Il danno penetra in tutti gli strati del muscolo cardiaco.
  2. Transmurale acuto che colpisce la parete posteriore. È quasi sempre accompagnato dalla morte del paziente..
  3. Non transmurale. La necrosi non si diffonde a tutti gli strati.
  4. Subendocardico. La lesione si trova nell'area sotto l'epicardio.
  5. Intramurale. I tessuti muoiono nello spessore del muscolo cardiaco.

A che età fa

L'infarto della parete inferiore si verifica più spesso dopo 40 anni. Ciò è dovuto a disturbi ischemici nel cuore, che si manifestano quando un'arteria coronaria è bloccata da un trombo..

L'aterosclerosi è considerata la principale causa di occlusione vascolare. All'età di 40 anni, i depositi sulle pareti dei vasi sanguigni restringono già il lume così tanto da interferire con il normale flusso sanguigno. A causa della cattiva circolazione sanguigna, il cuore soffre di mancanza di ossigeno e il suo lavoro viene interrotto.

Allo stesso tempo, la persona continua a condurre il solito stile di vita, fa sport, lavora sodo, fuma o beve alcolici. Ciò aggrava ulteriormente la situazione e prima o poi può verificarsi un attacco di infarto..

Dopo 60 anni, l'attività umana diminuisce, insieme alla necessità di ossigeno. Aiuta a ridurre la frequenza degli attacchi di cuore.

Negli ultimi anni, c'è stato lo sviluppo di attacchi di cuore nelle persone dopo 30 anni. È connesso con:

  • predisposizione genetica;
  • fumo e alcolismo;
  • ipertensione;
  • attività fisica insufficiente;
  • violazione dei processi metabolici;
  • ipercolesteroloma.

L'infarto della parete inferiore del ventricolo sinistro di solito si verifica in forma acuta. In primo luogo, compaiono forti dolori al petto che si diffondono ad altre parti del corpo. Le sensazioni spiacevoli si accumulano entro mezz'ora. La sindrome del dolore può portare alla perdita di coscienza.

Puoi ridurre la manifestazione del problema con l'aiuto della nitroglicerina. Inoltre, i pazienti soffrono di sensazioni di pressione toracica e mancanza di respiro. L'attacco si verifica più spesso di notte o al mattino presto. In questo caso, una persona avverte una forte paura e panico, la sudorazione aumenta.

In alcuni casi, il dolore ricorda i sintomi della gastrite. E alla palpazione si nota la tensione dei muscoli della parete addominale.

L'attacco a volte si manifesta anche con una forte tosse, congestione al petto. Le sensazioni dolorose non appaiono sempre. Sono noti casi di decorso asintomatico.

Primo soccorso

Ai primi segni di un attacco, è necessario chiamare un team medico e fornire al paziente il primo soccorso. Le azioni corrette aiuteranno a salvare la vita di una persona e a ridurre l'area interessata.

Con lo sviluppo di un infarto, devi farlo:

  • Chiama un'ambulanza;
  • dare al paziente una posizione semi-seduta in modo che le gambe siano leggermente piegate alle ginocchia;
  • liberare la vittima da indumenti stretti, slacciare bottoni e cinture, fornire aria fresca;
  • mettere una compressa di nitroglicerina sotto la lingua, se possibile, quindi è necessario misurare la pressione sanguigna, poiché a valori inferiori a 90 mm Hg. Arte. la pillola non dovrebbe essere data;
  • dare all'Aspirina una compressa da masticare per ridurre la viscosità del sangue;
  • in caso di perdita di coscienza, respirazione instabile o assenza di polso, sono necessarie misure di rianimazione sotto forma di massaggio cardiaco e respirazione artificiale.

Diagnostica

  1. Fisico. L'esame inizia con la raccolta dell'anamnesi, l'esame del paziente, la palpazione dei tessuti per trovare un punto del cuore che è strettamente attaccato al torace. Se i linfonodi sono ingranditi, significa che si sviluppa un processo infiammatorio. Viene determinata anche la frequenza cardiaca. Durante un attacco, può verificarsi una completa cessazione del battito cardiaco. Il torace viene toccato per chiarire i confini dell'organo. Ritmi e toni vengono toccati utilizzando uno stetoscopio, la pressione sanguigna e la temperatura vengono misurate.
  2. Hardware. La tecnica principale per determinare le violazioni è l'elettrocardiografia. L'infarto miocardico inferiore sull'ECG si manifesta in modo molto accurato. Per valutare le condizioni del cuore, viene eseguita l'ecografia. Nel suo corso, viene determinata la velocità del flusso sanguigno, la presenza di coaguli di sangue, gli aneurismi e viene determinato lo stato dei vasi. Possono rilevare focolai di necrosi alla scintigrafia. La pervietà vascolare viene verificata mediante angiografia coronarica. Se queste manipolazioni non hanno fornito informazioni accurate, viene eseguita la risonanza magnetica.
  3. Laboratorio. Il sangue viene esaminato per la presenza di marker di necrosi. Un attacco di cuore è accompagnato dalla distruzione dei cardiomiociti e i loro componenti distrutti entrano nel flusso sanguigno. Se un esame del sangue ha confermato la loro presenza, non ci sono dubbi sulla diagnosi..

La terapia viene eseguita in ambiente ospedaliero. Prima di tutto, i trombolitici vengono utilizzati per prevenire la formazione di coaguli di sangue. Potresti anche aver bisogno di farmaci antiaritmici per alleviare i disturbi del ritmo cardiaco.

Per ridurre la richiesta di ossigeno del miocardio e alleviare il carico dall'organo, vengono utilizzati beta-bloccanti. Se i farmaci non hanno aiutato a ripristinare il normale flusso sanguigno nelle arterie coronarie, è necessario un intervento chirurgico urgente. Nella maggior parte dei casi, l'angioplastica viene eseguita per dilatare i vasi ristretti..

Durante il periodo acuto, il paziente deve evitare lo stress, qualsiasi sforzo fisico. È importante essere in completa pace. Quando la condizione si stabilizza, il paziente può camminare un po 'all'aria aperta ed eseguire un complesso di esercizi di fisioterapia.

Effetti

L'attacco posticipato influisce negativamente sullo stato dell'intero organismo. Al posto dei focolai di necrosi sul muscolo cardiaco, si formano cicatrici. Sono composti da tessuto connettivo e non possono contrarsi. Pertanto, la parte del miocardio su cui si trovano perde le sue funzioni per sempre..

Anche la terapia correttamente condotta e l'adesione a tutte le raccomandazioni nel periodo di riabilitazione non aiuteranno a ripristinare completamente il lavoro del cuore. La maggior parte dei pazienti sviluppa tachicardia e aritmie dopo un attacco..

Un attacco cardiaco esteso è spesso accompagnato dalla formazione di un aneurisma. In questo caso, il muro danneggiato si gonfia sotto pressione e c'è il rischio di rottura. Pertanto, non puoi fare a meno dell'aiuto di un medico..

Il tromboembolismo, la sindrome di Dressler, l'insufficienza cardiaca sono considerati gravi complicazioni della patologia..

La vita dopo

Dopo un infarto, la vita di una persona cambia radicalmente. Per prevenire complicazioni e un secondo attacco, il paziente deve seguire il corretto regime quotidiano, dieta e livello di attività fisica..

Lo stato di salute è influenzato negativamente dallo stress e dallo stress emotivo. Ciò è dovuto al fatto che il battito cardiaco in uno stato di stress aumenta e la richiesta di ossigeno del miocardio aumenta, il che può causare il ripetersi dell'attacco.

In una situazione del genere, è categoricamente controindicato consumare cibi contenenti molto colesterolo. Causano aterosclerosi e sono difficili da digerire, sovraccaricando non solo lo stomaco e l'intestino, ma l'intero corpo.

Dopo un infarto, fumare e bere alcolici è categoricamente controindicato.

Il pericolo di un secondo attacco disturberà sempre il paziente. Se un attacco di cuore si verifica entro due mesi dal primo, allora è considerato una ricaduta. In questo caso, il focus della necrosi si trova nello stesso punto della prima volta, ma l'area della lesione aumenta in modo significativo.

Per evitare lo sviluppo di tali problemi, è necessario:

  • monitorare la pressione sanguigna e gli indicatori di colesterolo;
  • sottoporsi periodicamente a esame;
  • trattare l'aterosclerosi per prevenire una cattiva circolazione.

Un attacco di cuore e le complicazioni che sorgono dopo aver causato la morte di milioni di persone. Pertanto, è necessario compiere ogni sforzo per prevenire lo sviluppo del problema. Se c'è già stato un attacco, allora è importante nel periodo di riabilitazione e per tutta la vita seguire le raccomandazioni per mantenere il suo stile di vita sano. Questo ti permetterà di vivere ancora per molti anni, anche in presenza di lesioni cardiache..

Cos'è l'infarto miocardico inferiore e i suoi sintomi

L'infarto miocardico inferiore è chiamato basale. Questa condizione patologica è più comune nelle persone relativamente giovani di età compresa tra 40 e 60 anni. Nella fascia di età avanzata, il numero di tali episodi diminuisce drasticamente. Questa condizione patologica si sviluppa a causa della morte di molte cellule della parete inferiore del cuore. Di norma, si verifica un processo sfavorevole a seguito di una violazione dell'apporto di ossigeno ai tessuti a causa di danni alle arterie coronarie. La prognosi del decorso dell'infarto miocardico inferiore dipende da molti fattori, tra cui la tempestività delle cure mediche e la presenza di ulteriori malattie croniche.

La terapia per questa condizione patologica deve essere eseguita in ambiente ospedaliero. Va notato che la fase acuta di questo disturbo rappresenta un serio pericolo per la vita del paziente. Secondo le statistiche, solo la metà dei pazienti può essere consegnata in tempo a una struttura medica. In futuro, il recupero e il ritorno alla vita piena si osservano nel 40% dei pazienti. Tuttavia, anche con un risultato così favorevole, il rischio di recidiva è estremamente alto..

Eziologia dell'infarto miocardico inferiore

Questo tipo di patologia cardiaca si sviluppa in un'età relativamente giovane e questa non è una coincidenza. Dopo 40 anni, le persone sperimentano un'attivazione della formazione di placche aterosclerotiche. Contribuiscono al restringimento dei vasi sanguigni e all'ossigenazione dei tessuti. Allo stesso tempo, la necessità rimane a un livello molto alto, poiché una persona continua ancora a condurre uno stile di vita attivo, praticare sport e lavorare. Pertanto, i tessuti del cuore non ricevono le sostanze di cui hanno bisogno, il che porta alla loro morte..

Molto spesso, la fase acuta di questo disturbo si sviluppa sullo sfondo del distacco di una placca aterosclerotica, che ostruisce il flusso sanguigno nell'arteria coronaria e entro 15-20 minuti porta alla morte di una vasta area del tessuto cardiaco. Contribuire allo sviluppo di una condizione patologica come l'infarto miocardico basale posteriore può essere influenzato da fattori sfavorevoli come:

  • lunga esperienza di fumo;
  • dipendenza da alcol;
  • mangiare cibi ricchi di grassi animali;
  • malattia coronarica;
  • obesità;
  • diabete;
  • ipertensione;
  • stile di vita passivo.

Va tenuto presente che una tale violazione è più spesso osservata nelle persone che hanno una predisposizione genetica ad essa. Attualmente, sono stati identificati numerosi geni che, sotto l'influenza di ulteriori fattori predisponenti, possono creare i prerequisiti per lo sviluppo di questo tipo di infarto miocardico. Coloro che hanno parenti la cui storia medica contiene episodi di questa condizione dovrebbero essere estremamente attenti alla loro salute..

Caratteristiche distintive dell'infarto miocardico inferiore

Il cuore è un organo estremamente complesso. Le sue pareti sono composte da molti strati. La gravità dei sintomi dell'infarto miocardico inferiore dipende in gran parte dalla profondità di diffusione della necrosi sullo sfondo della cessazione dell'apporto di ossigeno ai tessuti. Di solito, solo uno strato di tessuto è danneggiato, ma anche un infarto a focale larga della parete miocardica inferiore è abbastanza comune.

La seconda opzione è considerata prognosticamente meno favorevole..

Con un danno miocardico esteso, che si verifica raramente, le manifestazioni caratteristiche di questo processo patologico saranno visibili sull'ECG. Quando si esegue questo test, i medici possono immediatamente sospettare la causa dei sintomi. Nella maggior parte dei casi, con un infarto miocardico inferiore, sull'ECG appare un'onda Q o QZ anormale.

Abbassare i sintomi dell'infarto del miocardio

Una tale violazione del cuore nella stragrande maggioranza dei casi è molto acuta. All'improvviso ci sono forti dolori dietro lo sterno, che possono irradiarsi al braccio sinistro. Di solito, la durata dell'aumento del disagio è di 15-30 minuti. In alcuni casi, la sindrome del dolore è così intensa che una persona può perdere conoscenza.

Quando si assume nitroglicerina, il disagio non scompare completamente, ma può diminuire. I pazienti lamentano pressione al petto e mancanza di respiro. Nella maggior parte dei casi, un attacco di questo tipo di infarto miocardico si verifica di notte o nelle prime ore del mattino. Un aumento della sudorazione e la comparsa di una sensazione di paura è un chiaro segno di un malfunzionamento del cuore. Questa condizione patologica può anche avere manifestazioni atipiche..

In rari casi, può essere presente una variante gastrica del decorso dell'infarto miocardico. In questo caso, il disagio appare nella parte superiore dell'addome. Sono molto simili ai sintomi che si osservano con l'esacerbazione della gastrite. Spesso, la palpazione rivela la tensione muscolare nella parete addominale anteriore.

Inoltre, con una variante atipica del decorso della malattia, i sintomi dell'infarto miocardico possono assomigliare a quelli che sono presenti durante un attacco di asma bronchiale. In questo caso, c'è una forte tosse e una sensazione di congestione al petto. È anche possibile una variante indolore del decorso di un attacco di cuore. La qualità del sonno peggiora. I pazienti possono lamentarsi di malinconia inspiegabile. Molto spesso, questa variante della manifestazione della malattia si osserva negli anziani. Con un corso simile, la patologia è spesso accompagnata da sintomi aggiuntivi, ad esempio aumento della sudorazione..

Diagnostica infarto miocardico inferiore

Tale danno miocardico dovrebbe essere distinto dall'angina pectoris e da altri disturbi del lavoro di questo organo. La diagnostica completa ci consente di identificare non solo la natura del problema cardiaco, ma anche l'entità del danno tissutale. Innanzitutto, viene eseguita la raccolta più completa di anamnesi e esame del paziente.

Inoltre, il rilevamento di linfonodi ingrossati indica l'inizio del processo infiammatorio. Le percussioni e l'auscultazione sono obbligatorie. Durante la diagnosi precoce vengono mostrate le misurazioni della pressione sanguigna e della temperatura corporea. Per chiarire la diagnosi, viene eseguito immediatamente un ECG.

In futuro, viene prescritta l'ecocardiografia, che consente di vedere il lavoro del cuore del paziente. Questo studio aiuta a determinare le violazioni della funzione contrattile del miocardio, nonché la velocità del flusso sanguigno.

Inoltre, l'uso di questo metodo rileva la presenza di un coagulo di sangue o di un aneurisma e valuta anche il funzionamento delle valvole e dei vasi adiacenti..

La coronografia viene spesso eseguita. Questo metodo di ricerca consente di determinare con precisione il grado di pervietà vascolare nel cuore. La scintigrafia consente di determinare con precisione l'entità della lesione necrotica del cuore. Inoltre, può essere indicato l'uso della risonanza magnetica. Questo studio consente di identificare anche i più piccoli cambiamenti nella struttura del tessuto. Nella maggior parte dei casi vengono eseguiti esami del sangue generali e biochimici. Consentono di determinare i segni caratteristici della necrosi.

Trattamento dell'infarto miocardico inferiore

Quando compaiono i primi segni di una condizione patologica, è necessario chiamare una squadra di ambulanze. Il paziente deve essere disteso in modo che la testa sia sollevata. Una compressa di nitroglicerina sotto la lingua. In futuro, la terapia viene eseguita in un ambiente ospedaliero. L'aspirina è solitamente inclusa nel regime di trattamento. Favorisce la soppressione delle piastrine, quindi, previene la formazione di coaguli di sangue che possono bloccare il lume dei vasi sanguigni.

Di solito viene nominato anche Plavix e, inoltre, i suoi componenti. Questo è uno strumento molto potente. Previene la formazione di coaguli di sangue, il che migliora significativamente la prognosi nell'infarto miocardico inferiore. Inoltre, i farmaci del gruppo trombotico vengono spesso introdotti nel regime di trattamento. In alcuni casi, è necessario l'uso di farmaci per alleviare le manifestazioni di aritmia.

Inoltre, in questa condizione patologica, viene prescritto l'uso di beta-bloccanti per ridurre la richiesta di ossigeno del miocardio e agenti che aiutano a ridurre il carico sul cuore. Se non è possibile ripristinare il flusso sanguigno nelle arterie coronarie con i farmaci, può essere indicato il comportamento urgente dell'intervento chirurgico. Solitamente eseguito dall'angioplastica, che espande i vasi ristretti.

Inoltre, viene eseguita una terapia volta a mantenere il funzionamento dei reni, degli organi respiratori, della pressione sanguigna e del polso..

Durante il periodo acuto, il paziente ha bisogno di riposo completo e l'eliminazione di qualsiasi sovraccarico fisico e stress. Un aspetto indispensabile della terapia è una dieta delicata. L'alcol e la nicotina durante questo periodo di ricovero e successivamente durante la riabilitazione devono essere completamente abbandonati. Dopo la stabilizzazione della condizione, al paziente possono essere consigliate brevi passeggiate all'aria aperta per eseguire una terapia fisica delicata.

Il punto più importante è la riabilitazione, poiché senza di essa c'è un alto rischio di un secondo infarto. Spesso le persone devono cambiare radicalmente il loro stile di vita e sopportare severe restrizioni per molto tempo. È necessario evitare stress fisici ed emotivi, l'uso di cibi grassi e prodotti semilavorati e, inoltre, viaggi che comportano un cambiamento di zone climatiche. È necessario seguire le prescrizioni del medico in merito all'aderenza a una dieta delicata speciale ed eseguire il complesso di terapia fisica prescritto. Inoltre, le cure termali in istituzioni speciali che si occupano della riabilitazione di pazienti affetti da malattie cardiovascolari possono essere di grande beneficio..

Prevenzione dell'infarto miocardico inferiore

Le persone a rischio di sviluppare questo disturbo acuto devono adottare attivamente misure per prevenirlo. È necessario rinunciare a tutte le cattive abitudini, poiché influenzano negativamente il lavoro dell'intero sistema cardiovascolare.

A partire dai 35 anni di età, i livelli di colesterolo nel sangue devono essere monitorati. Ciò ridurrà il rischio di formazione di placca. In alcuni casi, potrebbe essere necessario visitare un medico per prescrivere farmaci speciali dal gruppo delle statine. Questi fondi aiutano a mantenere i normali livelli di colesterolo nel sangue..

Assicurati di fare sport. L'esercizio quotidiano può aiutare a ridurre il rischio di infarto miocardico. Inoltre, l'impegno per un'alimentazione sana è un aspetto fondamentale per prevenire questo disturbo cardiaco. Tutti i piatti devono essere cotti al vapore o bolliti. Si consiglia di ridurre l'assunzione di sale. Tutto ciò ridurrà notevolmente il rischio di sviluppare patologie..

Infarto miocardico inferiore di età incerta

Infarto miocardico inferiore di trattamento per età indeterminata

Ciao! Volkova Svetlana si rivolge a te, per favore, guarda i risultati e il trattamento di mia madre e puoi consigliarmi un trattamento aggiuntivo... Diagnosi: IHD Angina pectoris da sforzo 2 (due) FC, clinica. Infarto miocardico posticipato (di età indeterminata). Ipertensione 2 (due) gradi, 3 (tre) stadi. Rischio 4 (quattro) CHS 2A (due A) stadio 39 (tre) FC.

NYHA Diabete mellito 2, decorso grave Raccomandazioni: -Berlipril 10mg 1 scheda 2 volte al giorno, controllo della pressione sanguigna, la dose viene regolata -Cardiket 20mg 1 scheda 2 volte al giorno. -Betalok-30K 50 mg 1 scheda 1 volta al giorno sotto il controllo del polso, della pressione sanguigna, la dose viene regolata-Thrombo-ACC100 1 scheda. Una volta al giorno la sera.

-Trimetazidina 1 scheda 3 volte al giorno -2 mesi ECG: Durata: P = 60 ms QRS = 116 ms Intervalli: PQ = 92 MC QT = 328 QTc = 402 ms Assi: P = **** QRS = 5 T = -50 Frequenza cardiaca: 102 battiti / min INTERPRETAZIONE AL COMPUTER ANALISI ECG RITMO in 40 secondi Deviazione frequenza cardiaca = 3% deviazione RMS della frequenza cardiaca = 24 ms Frequenza ventricolare media = 99 bpm Ritmo sinusale normale ANALISI DEL CONTORNO Posizione orizzontale dell'EOS sul piano frontale. Indice di massa ventricolare sinistro: 156 g / m2 (standard 110) Disturbi focali della conduzione intraventricolare Escludere i cambiamenti nell'atrio sinistro Cambiamenti nell'onda T nella regione posteriore-inferiore Con un'alta probabilità di essere associati a danno o ischemia miocardica CONCLUSIONE ECG MEDICA Ritmo sinusale, corretto con la frequenza cardiaca 102 battiti al minuto - tachicordia Posizione orizzontale di el. Assi del cuore Ipotrofia ventricolare sinistra. Disturbi focali nella / conduzione ventricolare. Segni di un infarto posticipato della regione posteriore-inferiore, ischemia della regione posteriore-inferiore. Diagnostica ecografica: la localizzazione dell'eco è difficile. Aorta Aorta: indurita, non dilatata 34 mm (N: fino a 38 mm) Anello AK: con inclusione di calcio Foglioline AK: compattata Ampiezza dell'apertura AK: normale Sulle pareti degli strati iperecogeni AO. LA Atrio sinistro: ingrandito 42 mm. (N: fino a 38 mm.) LV Cavità del VS: al limite superiore della norma EDC: 55 mm. (N: fino a 55 mm.) Setto interventricolare: ispessito 11 mm. (N: fino a 10 mm.) Parete posteriore VS: al limite superiore della norma 10 mm. (N: fino a mm.) Contrattilità generale del miocardio VS: ridotta EF circa 45% (N: più del 55%) Contrattilità locale del miocardio VS: ipocinesi inferiore pareti, regione settale inferiore con acinesia nel segmento basale. Ipocinesi della parete laterale. Piccola discinesia IVS. L'apice LV ha un accordo aggiuntivo. MC Valvole di MC: ispessite, ispessite, con inclusioni di calcio Fase opposta: si In sistole: chiusa Dopplegrafia MC: Regolazione su MC: ++, Flusso su MC con predominanza di PPN PX Cavità ventricolare destra: al limite superiore della norma 28 mm. (N: fino a 28 mm.) Valvole TK: ultrasonografia Doppler compatta TK: rigurgito su TK: + LA Valvola LA: l'ipertensione moderata non è esclusa dal flusso D Pressione sistolica: affidabile non possibile mm Hg Eco - spazio libero nel solco atrioventricolare 3-4 mm. CONCLUSIONE: ridotta contrattilità del miocardio LV. Dilatazione della cavità LA. Disfunzione diastolica del ventricolo sinistro. Calcificazione iniziale di AK e MK. Eco - segni di aterosclerosi AO.

Chiama un medico a casa per telefono. a Mosca 8 (495) 545-69-65 dalle 9.00 alle 21.00

3 risposte

Buon pomeriggio, Ksenia Viktorovna.

E se avessi una domanda simile ma diversa?

Se non hai trovato le informazioni di cui hai bisogno tra le risposte a questa domanda, o se il tuo problema è leggermente diverso da quello presentato, prova a fare una domanda aggiuntiva al medico sulla stessa pagina se è sull'argomento della domanda principale.

Puoi anche fare una nuova domanda e dopo un po 'i nostri medici risponderanno. È gratis. Puoi anche cercare le informazioni di cui hai bisogno in domande simili in questa pagina o tramite la pagina di ricerca del sito.

Ti saremo molto grati se ci consiglierai ai tuoi amici sui social network..

metodo di determinazione patomorfologica della durata dell'insorgenza dell'infarto miocardico

A61B10 / 00 Altri metodi e strumenti diagnostici, ad esempio per la diagnosi mediante vaccinazione; determinazione del sesso del bambino nel periodo embrionale; determinazione del periodo di ovulazione; dispositivi per l'esame della laringe

Disegni per brevetto RF 2518333

L'invenzione proposta si riferisce al campo della medicina, ovvero all'anatomia patologica.

È noto che l'esatta definizione del periodo di prescrizione dell'infarto miocardico è di grande importanza per il patologo.

Un metodo noto di diagnosi macroscopica dell'infarto miocardico precoce, basato sull'interazione della tellurite di potassio con le deidrogenasi tissutali.

Al di fuori della zona dell'infarto, la tellurite di potassio colora il miocardio grigio o nero, mentre la zona di necrosi rimane senza macchia, a causa della distruzione di questi enzimi nella zona dell'infarto miocardico (Paltsev M.A., Anichkov N.M..

Anatomia patologica. In 2 volumi Vol.2, Parte 1 - M. Medicine, 2001. - S. 82).

Lo svantaggio di questo metodo è la mancanza della possibilità di una determinazione differenziata dei tempi di insorgenza dell'infarto miocardico. Il metodo noto consente di identificare solo lo stadio necrotico dell'infarto miocardico (periodo da 2 ore a 3 giorni), poiché dopo l'inizio dello stadio di organizzazione, l'attività delle deidrogenasi nel tessuto viene gradualmente ripristinata.

Inoltre, l'uso di questo metodo rende difficile ottenere campioni di alta qualità per studi istologici e immunoistologici e riduce la qualità della documentazione dei cambiamenti morfologici nel miocardio a causa del fatto che i coloranti macchiano persistentemente il tessuto di un colore grigio. Con un ulteriore studio obbligatorio del materiale, questo colore interferisce con la colorazione con coloranti standard..

Caratteristiche dell'infarto miocardico inferiore

L'infarto della parete miocardica inferiore è una condizione patologica acuta caratterizzata da ischemia dello strato muscolare del cuore. Come risultato di una diminuzione del livello di afflusso di sangue e ossigenazione, i cardiomiociti iniziano a morire in modo massiccio.

Più ampia è l'area di ischemia, più estesa è l'area del miocardio, le cui cellule molto probabilmente moriranno a causa di un insufficiente apporto di ossigeno e di altri nutrienti necessari per il corretto funzionamento del tessuto muscolare cardiaco.

Classificazione

Nella maggior parte dei casi, l'infarto del miocardio inferiore si verifica a seguito di una violazione della capacità di flusso dell'arteria coronaria destra, causata dal blocco del lume del vaso da parte di un trombo. La malattia si sviluppa molto rapidamente, in poche ore le conseguenze di un infarto possono diventare irreversibili e, a causa della morte di massa dei cardiomiociti, una persona può morire nel più breve tempo possibile.

I medici cardiologi distinguono diverse classificazioni utilizzate per descrivere la natura della lesione della membrana muscolare del cuore:

  • per area di copertura (focale piccola, focale grande ed estesa);
  • dalla profondità del danno alla parete (transmurale);
  • dalla natura del corso (prolungato, primario, ripetuto);
  • dalla posizione del fuoco (ventricolo sinistro, parete posteriore, anteriore, interventricolare, combinato, posteroinferiore, apice del cuore, diaframmatico, ecc.).

L'esordio dell'infarto della parete inferiore del ventricolo sinistro, detto anche "basale", è spesso associato alla sconfitta di quest'area e allo sviluppo di alterazioni necrotiche.

Fattori di rischio

Il fattore più importante nel verificarsi di una tale condizione patologica è un alto livello di colesterolo e, di conseguenza, l'aterosclerosi del rivestimento interno delle arterie. Sulla base di ciò, è possibile distinguere i principali gruppi di persone il cui rischio di sviluppare un infarto miocardico è molto più alto:

  1. Età da 45-50 anni. Gradualmente, ogni anno, la parete interna delle arterie umane è esposta a lipoproteine ​​a bassa e media densità, che trasportano non solo il colesterolo "buono", necessario per il fabbisogno plastico ed energetico del corpo, ma anche "cattivo", che ha un effetto negativo sull'intima delle arterie. Pertanto, il guscio interno diventa sempre più sottile e le placche di colesterolo iniziano ad apparire nel lume dei vasi, che ostacolano la normale circolazione sanguigna..
  2. Genere. Secondo studi statistici, si può concludere che le donne hanno maggiori probabilità di soffrire di infarto miocardico, in particolare, il rischio aumenta dopo la menopausa. Tuttavia, le donne hanno maggiori probabilità di subire una patologia acuta con una maggiore probabilità di un esito positivo rispetto agli uomini..
  3. Ipertensione. I medici hanno da tempo dimostrato che i pazienti con ipertensione hanno molte più probabilità di avere un attacco cardiaco acuto rispetto alle persone con pressione sanguigna relativamente normale. Ciò è dovuto al fatto che in condizioni di ipertensione, lo strato muscolare del cuore necessita di grandi quantità di ossigeno per il lavoro attivo e il mantenimento di un alto livello di metabolismo cellulare..
  4. Una storia medica in cui è presente un precedente infarto miocardico. Non importa cosa fosse in termini di localizzazione, focalizzazione della diffusione o profondità della lesione: la cosa principale è che lo era e il muscolo cardiaco non è più in piena efficienza.
  5. Avere cattive abitudini. Il fumo ha il maggiore effetto negativo sul sistema cardiovascolare. Con la costante intossicazione del corpo da nicotina, i vasi sanguigni si restringono, il che porta a un insufficiente apporto di ossigeno agli organi e ai tessuti. Particolarmente pericoloso è il fatto che le arterie coronarie, che sono coinvolte nell'afflusso di sangue ai muscoli cardiaci, sono le più colpite. Il danno è causato non solo dal fumo attivo, ma anche da quello passivo.
  6. Aumento del peso corporeo e diminuzione dell'attività fisica. Con violazioni di tutti i tipi di metabolismo, in particolare il metabolismo dei grassi, aumentano i rischi di sviluppare una malattia aterosclerotica. L'inattività fisica è la ragione principale per la comparsa di chili in più, poiché con un livello insufficiente di attività fisica, il livello dei processi metabolici è significativamente ridotto.
  7. Diabete. I disturbi ormonali portano molto spesso a determinati disturbi metabolici, che è la ragione principale dell'aumento dei rischi di patologia miocardica.

Segni di infarto miocardico

L'infarto del miocardio della parete inferiore presenta diversi sintomi che sono abbastanza specifici per questo processo patologico, che consentono di differenziarlo rapidamente dall'angina pectoris, ad esempio. Tuttavia, esistono anche le cosiddette forme atipiche di infarto. Appaiono abbastanza raramente, ma hanno segni non corrispondenti..

Nel caso di una tipica forma di infarto della parete inferiore della membrana muscolare del cuore, il medico fa affidamento sul sintomo più importante per distinguere la patologia da qualsiasi altra malattia del sistema cardiovascolare: lacrimazione, forte dolore bruciante localizzato dietro lo sterno. Qualsiasi altro tipo di sensazioni dolorose non può essere attribuito in modo affidabile allo stato di un infarto, poiché la loro causa potrebbe essere completamente diversa..

Oltre al dolore acuto, cosiddetto "da pugnale", ci sono una serie di sintomi che distinguono un attacco di cuore da altre condizioni acute:

  • le sensazioni dolorose si estendono alla metà sinistra del corpo del paziente (mascella, braccio, gamba);
  • il dolore può verificarsi non solo dopo lo sport attivo, ma anche a riposo, il sonno;
  • la durata della sindrome del dolore supera la mezz'ora;
  • l'attacco non si ferma anche dopo aver assunto la sospensione dei farmaci e il riposo prolungato;
  • compaiono attacchi di vertigini, debolezza, nausea e vomito.

Tali sintomi significano uno sviluppo abbastanza rapido di ischemia e alterazioni necrotiche nel tessuto muscolare cardiaco. In questo caso, è necessario chiamare un'ambulanza con l'indicazione che è il team cardiologico che è richiesto. Allo stesso tempo, il paziente ha una probabilità abbastanza impressionante di una prognosi favorevole per una condizione acuta..

Forme atipiche

Tali forme di patologia minacciano il paziente con conseguenze molto più gravi..

Il problema principale del decorso atipico di una condizione acuta è l'incapacità di dire con completa sicurezza che questo è un infarto del miocardio..

Il quadro clinico con questo decorso della malattia è molto sfocato e, molto probabilmente, per una diagnosi più accurata, sarà necessario un ECG e non solo un semplice interrogatorio del paziente.

La localizzazione di sensazioni dolorose nell'infarto gastrico ricorda più un'esacerbazione della gastrite cronica - spasmi spiacevoli nella regione epigastrica, che causano nausea e persino vomito.

Durante un esame fisico del paziente, è possibile prestare attenzione ai muscoli tesi della parete addominale anteriore.

Questo tipo di patologia cardiovascolare si trova spesso nelle parti inferiori del ventricolo sinistro, a volte chiamato infarto diaframmatico..

Se un paziente che non ha una malattia cronica come l'aster bronchiale nella sua anamnesi inizia improvvisamente un attacco acuto di soffocamento, allora molto probabilmente possiamo parlare dell'inizio dello sviluppo del processo ischemico nel muscolo cardiaco. Oltre alla mancanza d'aria, si verifica una tosse, che può essere secca o con il rilascio di espettorato schiumoso.

La sindrome del dolore con un decorso così asmatico di un attacco di cuore non è così pronunciata come nella versione classica, o è del tutto assente. L'esame obiettivo rivela un aumento della frequenza cardiaca e un cambiamento nel ritmo, respiro sibilante e rumori nei polmoni e nel cuore, una forte diminuzione della pressione sanguigna.

Questa forma di patologia si verifica spesso ripetutamente sullo sfondo dell'aterosclerosi progressiva..

Particolarmente difficile da determinare è la variante aritmica dello sviluppo dell'infarto miocardico.

La diagnosi di una tale condizione è complicata dal fatto che il ritmo e la frequenza cardiaca sono gravemente alterati, l'elettrocardiogramma rivela blocchi atrioventricolari e vari tipi di aritmie, che complicano notevolmente la diagnosi corretta. La sindrome del dolore non è pronunciata e durante un esame fisico del paziente, molto spesso è possibile trovare tutti gli stessi segni dell'ECG.

Oltre all'infarto miocardico aritmico, si distingue un'altra forma cancellata, che è praticamente impossibile da diagnosticare senza metodi di esame aggiuntivi. La sindrome del dolore con questa variante dello sviluppo dell'ischemia della membrana muscolare del cuore è completamente assente.

Il paziente non si lamenta di debolezza, vertigini o altre manifestazioni di intossicazione corporea. Forse la presenza di fastidi sgradevoli nella zona del torace che non ha una localizzazione specifica, aumento della sudorazione.

Questa forma latente di infarto si sviluppa nei pazienti con diabete mellito ed è caratterizzata da un decorso molto complesso..

Spesso nella clinica c'è un decorso combinato della malattia, che complica in modo significativo la diagnosi tempestiva e l'inizio del trattamento potrebbe essere troppo tardi. Gli ultimi stadi di sviluppo di questo tipo di infarto miocardico sono generalmente fatali per il paziente..

Primo soccorso

Al minimo sospetto di infarto miocardico, è necessario chiamare un'ambulanza con l'indicazione obbligatoria che è il team di cardiologia che è richiesto. Prima il paziente riceve un trattamento nelle sue condizioni, più favorevole lo attende l'esito della malattia. In nessun caso dovresti ritardare con questo o provare a trasferire un attacco alle gambe.

Prima dell'arrivo della squadra dell'ambulanza, è necessario fornire al paziente un riposo completo. È meglio mettere la persona sul letto con un cuscino sotto la testa: questa posizione ridurrà il carico sul sistema cardiovascolare.

Sarà anche utile allentare gli indumenti stretti, slacciare i bottoni superiori e fornire ulteriore aria fresca aprendo le finestre.

Per riportare un po 'il paziente in sé, puoi somministrargli dei sedativi..

Dopo essersi assicurati il ​​riposo, la compressa "Nitroglicerina" deve essere frantumata e posta sotto la lingua del paziente. Se ci sono farmaci beta-bloccanti a portata di mano nell'armadietto dei medicinali di casa, puoi dare al paziente una compressa da masticare. Con l'uso costante di tali medicinali da parte della persona interessata, è necessario somministrare la dose prescritta dal medico a turno per l'assunzione regolare..

Molto probabilmente, tali misure sospenderanno leggermente i processi di diffusione dei cambiamenti necrotici nel tessuto muscolare cardiaco, ma in questo modo è impossibile eliminare completamente un infarto. Ciò richiede cure mediche qualificate..

Fornire assistenza medica professionale

il compito dei cardiologi con un sospetto di presenza di infarto miocardico inferiore di età indeterminata è quello di ripristinare il più presto possibile il throughput delle arterie coronarie e prevenire l'ulteriore diffusione del processo necrotico nel tessuto cardiomuscolare. Per questo, vengono spesso utilizzati farmaci che prevengono la formazione di coaguli di sangue, attivano la trombolisi attiva e contagocce per fluidificare il sangue. In assenza di gravi controindicazioni, un medico dell'équipe dell'ambulanza può iniziare la terapia già sulla strada per un ospedale. Questo passaggio è molto importante, poiché non tutti i pazienti con infarto miocardico hanno indicazioni per procedure che causano trombolisi. Tuttavia, se la strada per l'ospedale dura più di mezz'ora, tali eventi sono obbligatori..

Il metodo migliore per ripristinare il flusso sanguigno coronarico è lo stent. Questa operazione mininvasiva viene eseguita esclusivamente in ambito ospedaliero. Durante l'intervento chirurgico, uno stent viene posizionato nel vaso bloccato.

Tuttavia, in caso di emergenza, anche un tale passaggio potrebbe non essere d'aiuto e il medico decide di eseguire l'innesto di bypass coronarico. Durante questa operazione viene creato un vaso artificiale che fornisce la circolazione sanguigna tra l'aorta e la parte dell'arteria coronaria libera da ostruzioni..

Tale misura di emergenza consente di interrompere rapidamente la condizione patologica e normalizzare l'afflusso di sangue e l'ossigenazione del tessuto muscolare cardiaco..

Conseguenze dell'infarto miocardico inferiore

L'infarto del miocardio posposto ha sempre un effetto estremamente negativo sulla salute generale del paziente. Nel sito di una lesione necrotica del muscolo cardiaco si forma una formazione di cicatrici, costituita da tessuto connettivo.

Questa parte del miocardio perde per sempre le sue qualità e funzioni lavorative. Anche dopo la terapia riabilitativa e un lungo ciclo di trattamento, i medici non possono ripristinare completamente il corpo del paziente.

Spesso, come conseguenza della malattia, si sviluppano varie aritmie e tachicardie..

Per prevenire complicazioni di natura grave, il paziente dopo un infarto deve riconsiderare attentamente il suo stile di vita, cambiare abitudini, dieta, routine quotidiana e attività fisica.

Dopo un infarto miocardico esteso, i pazienti spesso sviluppano un aneurisma cardiaco. Questa condizione minaccia il paziente e richiede un intervento chirurgico urgente..

Il concetto di infarto miocardico inferiore, cos'è e quali sono le conseguenze, è alla base del corretto approccio al trattamento di una condizione acuta e alla successiva terapia riabilitativa.

Infarto miocardico inferiore di età incerta

L'infarto miocardico è un danno al muscolo cardiaco (miocardio), che è caratterizzato da trombosi arteriosa e, di conseguenza, morte dei tessuti (necrosi).

La necrosi si verifica a causa del fatto che ossigeno e sostanze nutritive non entrano affatto in quest'area del cuore, o una quantità insufficiente di essi.

L'infarto miocardico della parete anteriore del ventricolo sinistro, così come delle sue sezioni superiori e delle sezioni superiori del setto, viene diagnosticato nel 50% dei casi. Questa patologia del ventricolo sinistro si verifica quando un vaso è bloccato e la stenosi dell'arteria sinistra (discendente).

L'infarto della parete anteriore è una delle condizioni cardiache più gravi.

L'infarto della parete posteriore, secondo le statistiche, colpisce il 30% dei pazienti. Si verifica anche con trombosi dell'arteria e stenosi dell'arteria destra (coronarica). Questa lesione del ventricolo sinistro può anche essere di diversi tipi, ad esempio: diaframmatica posteriore, posterolaterale, basale posteriore.

Con la sconfitta della parete inferiore del ventricolo sinistro, viene spesso diagnosticata la stenosi dell'arteria coronaria sinistra (ramo circonflesso) e la trombosi. Questo attacco di cuore si verifica in circa il 15-20% dei pazienti..

L'infarto settale si verifica abbastanza raramente nell'intervallo dal 7 al 17%. Può essere diffuso, il che significa che colpisce l'intero setto. Questa condizione è chiamata infarto del setto profondo.

Secondo le statistiche, un infarto al ventricolo destro si verifica nel 30% dei pazienti che hanno un infarto inferiore. Il ventricolo destro può essere colpito completamente o in una certa misura.

Se un attacco di cuore si verifica solo nel ventricolo destro, può essere isolato. Questa condizione si verifica molto raramente..

Di norma, con una patologia estesa, le pareti del ventricolo sinistro sono colpite, la destra è parzialmente interessata e appare l'insufficienza ventricolare destra..

Un massiccio attacco di cuore è una condizione che colpisce la maggior parte del cuore. Se c'è un massiccio infarto miocardico della parete anteriore del ventricolo sinistro, significa che il trombo ha bloccato l'arteria coronaria sinistra.

E con un infarto della parete posteriore, viene colpita l'arteria coronaria destra. Le conseguenze di questa sconfitta sono molto gravi..

Effetti

È importante sapere che il danno cardiaco lascia un segno per la vita e influisce negativamente sull'ulteriore stato del corpo. A causa della necrosi, rimane una cicatrice sul miocardio.

La gravità delle conseguenze dipende da molti fattori, ad esempio sono importanti anche la dimensione della necrosi, il tasso di formazione di cicatrici e la qualità di questo tessuto necrotico..

A causa di questi fattori, la funzione contrattile del cuore è notevolmente ridotta e in futuro compare l'aritmia..

E con violazioni significative, può svilupparsi insufficienza cardiaca..

Spesso, con un esteso infarto miocardico, si forma un aneurisma e per prevenire conseguenze pericolose, il suo trattamento viene eseguito chirurgicamente.

Ma va detto che con un infarto miocardico esteso, la conseguenza più grave e più frequente è la morte..

Le conseguenze possono essere nella forma:

  • aritmie;
  • insufficienza cardiaca, può essere acuta. Spesso, a seguito della manifestazione di questa patologia, si verificano edema polmonare e asma;
  • sindrome postinfartuale;
  • aneurismi;
  • tromboendocardite (parietale);
  • conseguenze neurotrofiche.

Previsione

Va notato che l'infarto del miocardio è una malattia molto grave che molto spesso causa la morte, il che significa che la prognosi non è molto favorevole..

Inoltre, la morte spesso si verifica anche con un'assistenza medica tempestiva. Vale a dire, secondo le statistiche, la morte si verifica nel 20% dei casi..

Soprattutto spesso la morte si verifica nei primi 2 giorni dopo un infarto..

Le prime 2 ore sono molto importanti, è durante questo periodo che viene eseguito un trattamento intensivo, vengono eseguite tutte le misure di rianimazione.

Dopo 5 giorni, la mortalità è già molto inferiore, la morte durante questo periodo può verificarsi a causa di gravi complicazioni. Una persona può tornare alla vita normale e lavorare dopo 6 mesi.

Diagnostica

La diagnosi inizia con una visita medica e un'immagine dei sintomi. Quindi vengono eseguiti tutti gli esami necessari:

  • elettrocardiografia;
  • ecocardiografia;
  • angiografia coronarica;
  • ricerca di laboratorio.

L'elettrocardiografia che utilizza elettrodi sensori aiuta a valutare lo stato del cuore dai suoi potenziali elettrici. Effettuando un ECG, i medici possono diagnosticare l'infarto del miocardio, dove è localizzato e quanto è comune.

Un ECG in una persona con un cuore sano ha onde, intervalli e segmenti. Con diverse localizzazioni dell'infarto, questi elementi cambiano.

Ad esempio, quando le onde cambiano (diminuzione o scomparsa completa di R e T aumentata e acuta), e segmenti (aumento o depressione di ST), ecc..

La cardiografia ECHO è uno studio che permette di valutare l'entità della necrosi miocardica, la sua localizzazione e identificare le aree dove non ci sono battiti cardiaci o dove sono molto deboli.

L'angiografia coronarica è un esame che consente di valutare lo stato delle arterie, ovvero quanto sono ristrette. Questa procedura deve essere applicata ai pazienti con sindrome coronarica..

Ma va anche notato che con l'aiuto dell'angiografia, viene eseguito anche il trattamento, poiché durante la procedura vengono inseriti stent speciali nell'arteria, che riprendono la normale circolazione sanguigna..

Gli esami di laboratorio sono necessari per diagnosticare l'infarto del miocardio, nonché per condurre un trattamento efficace:

  • esami del sangue e delle urine generali e biochimici;
  • marcatori per danno miocardico.

Con il danno miocardico nel sangue, la conta leucocitaria e l'ESR aumentano.

I marker per il danno miocardico sono test per gli enzimi intracellulari.

Si trovano nelle cellule muscolari, ma con danni ai tessuti iniziano a essere rilasciati nel sangue e la loro concentrazione aumenta.

In una persona sana, tali enzimi non si trovano nel sangue o sono contenuti in quantità molto piccole..

Queste sono le troponine CPK, LDH, AST, ecc. Le letture di questi test possono variare. Dipende da quanto tempo è passato dall'infarto. Viene eseguita anche un'analisi per l'enzima mioglobina. Ti consente di identificare la patologia nelle prime 2-4 ore. Ma va notato che la concentrazione di questo enzima diminuisce rapidamente..

Prevenzione

La prevenzione dell'infarto, come qualsiasi altra malattia, è rafforzare il corpo e mantenere uno stile di vita sano. Per esempio:

  • rifiuto delle cattive abitudini;
  • mangiare cibo sano;
  • attività fisica moderata;
  • non deve essere sottoposto a disturbi psico-emotivi (stress);
  • non puoi bere molto caffè forte e mangiare molti dolci;
  • regolare i modelli di sonno.

È anche importante tenere traccia del tuo peso, poiché i chili in più mettono ulteriore stress sul tuo cuore..

Inoltre, per la prevenzione, è necessario eseguire regolarmente test, ad esempio un esame del sangue per i livelli di colesterolo e zucchero..

Un metodo innovativo, il cuscino medico Zdorov, può essere utilizzato come misura preventiva. Ha un effetto benefico sul sistema cardiovascolare.

In conclusione, vorrei ricordarti che l'infarto del miocardio lascia conseguenze negative per la vita. È importante capire che qualsiasi danno al cuore è pericoloso per la vita. Pertanto, se si manifestano i sintomi di questa malattia, consultare immediatamente un medico..

In caso di infarto miocardico, ogni minuto è molto importante, soprattutto le prime 2 ore.

Per determinare la diagnosi, è sufficiente sottoporsi a un ECG, che può persino determinare l'area in cui è localizzata la necrosi.

  • Hai spesso fastidio nella zona del cuore (dolore, formicolio, spremitura)?
  • Potresti sentirti improvvisamente debole e stanco...
  • La pressione aumenta costantemente...
  • Mancanza di respiro dopo il minimo sforzo fisico e non c'è niente da dire...
  • E da molto tempo prendi un sacco di farmaci, sei a dieta e controlli il tuo peso...

Infarto miocardico inferiore dello stomaco sinistro: cause, meccanismo di sviluppo e metodi di trattamento

L'infarto miocardico inferiore è una condizione patologica acuta in cui la necrosi cellulare si verifica lungo la parete inferiore del muscolo cardiaco.

Si verifica a causa della carenza di ossigeno provocata da un blocco da parte di un trombo o di una placca aterosclerotica dell'arteria coronaria destra.

Se dopo 30 minuti il ​​flusso sanguigno non viene ripristinato, possono verificarsi conseguenze irreversibili..

Questo disturbo si riscontra più spesso nelle persone della categoria di età media e anziana dai 40 anni in su. La prognosi dipende dalle condizioni fisiche del corpo, dalla presenza di malattie concomitanti e dalle cure mediche di emergenza fornite in tempo.

Il meccanismo di sviluppo della patologia

Le persone sopra i 40 anni hanno una storia di una malattia come l'aterosclerosi. Provoca un restringimento del lume dei vasi, di conseguenza, l'elasticità delle membrane cambia e si formano depositi su di esse.

Questi disturbi causano carenza di ossigeno di organi, tessuti e, soprattutto, cuore, che porta alla necrosi di alcune aree. La lesione può essere localizzata in diversi punti, uno dei quali è la parete posteriore del miocardio.

È diviso in sezioni diaframmatiche e basali, motivo per cui i nomi degli attacchi di cuore sono scomparsi:

  • Diaframma posteriore: il lato del ventricolo sinistro è adiacente al diaframma. Il canale sanguigno coronarico inferiore è bloccato da un trombo, che porta a una lesione focale ampia.
  • Basale posteriore: si verifica a seguito dell'occlusione delle parti distali dell'arteria coronaria destra o del ramo circonflesso dell'arteria coronaria sinistra. Questo tipo di patologia si osserva con un attacco cardiaco esteso..

Tutte le aree interessate del tessuto muscolare cardiaco non possono essere rianimate. Sono ricoperti di tessuto fibroso, che non può svolgere tutte le funzioni necessarie. Pertanto, per prevenire il ripetersi di un attacco acuto, si consiglia di assumere costantemente farmaci e condurre uno stile di vita sano..

Caratteristiche della malattia

La parete del cuore è composta da tre strati:

  • Endocardio: tessuto connettivo fino a 0,5 mm di spessore. Riveste la cavità dell'organo principale, ripetendone esattamente il rilievo.
  • Il miocardio è la membrana più spessa formata da un muscolo striato striato, costituito da cellule strettamente collegate - cardiomiociti. Sono interconnessi da ponticelli, mentre formano una rete ad anello stretto che fornisce una contrazione ritmica degli atri e dei ventricoli.
  • L'epicardio è un guscio esterno liscio e sottile. È costruito da una piastra di tessuto connettivo che ha collagene e fibre elastiche. Saldamente in contatto con il miocardio.

Durante l'ischemia, la necrosi può diffondersi non solo a uno strato.

A seconda della profondità della lesione, si distinguono diversi tipi:

  • Transmurale: tutti gli strati del cuore sono coinvolti nel processo. Il focus necrotico penetra completamente nella parete dell'organo.
  • Non transmurale: l'area della patologia è limitata a un endocardio o epicardio in combinazione con il miocardio.
  • Subendocardico: la necrosi si trova in una stretta striscia nel rivestimento interno del ventricolo sinistro.
  • Intramurale: le aree interessate sono localizzate nello spessore della parete muscolare. In questo caso, gli strati limite non sono interessati dalla necrosi.

Cause della malattia

Il fattore principale nello sviluppo dell'infarto della parete inferiore del ventricolo sinistro è l'aterosclerosi.

Ma ci sono ancora ulteriori motivi provocatori:

  • Malattie del sistema endocrino.
  • Malattia ipertonica.
  • Cattive abitudini.
  • Ipodynamia.
  • Aumento del peso corporeo.
  • Dieta squilibrata.
  • Predisposizione genetica.
  • Sovraccarico psico-emotivo.

Importante! L'appartenenza al sesso maschile è una caratteristica dell'insorgenza dell'ischemia. Il pericolo aumenta di 3,5 volte.

Manifestazioni patologiche

Quando si verifica la necrosi cellulare della parte inferiore del cuore, il paziente presenta i seguenti sintomi:

  • Sensazioni spiacevoli nella zona del torace. La sindrome del dolore con questo tipo di disturbo non è pronunciata.
  • Cambiamenti nella frequenza cardiaca.
  • Sudore freddo e umido.
  • Debolezza, malessere.
  • Il corpo trema.
  • Pressione sanguigna bassa.

Importante! Nella fase acuta, si verifica più spesso una forma atipica della malattia: gastritica. Si manifesta sotto forma di dolore localizzato nella regione epigastrica, nausea, vomito.

Se una persona ha anche il minimo sospetto di sviluppare i sintomi descritti, ha urgente bisogno di andare in ospedale. Le conseguenze della malattia sono molto pericolose e prima viene fornito l'aiuto, più favorevole sarà la prognosi..

Diagnosi della malattia

Innanzitutto, viene eseguito un esame fisico, che include i seguenti elementi:

  • Prendendo l'anamnesi:
  • Ora di inizio specifica dell'attacco?
  • Durata del dolore?
  • Come il corpo ha reagito all'assunzione di nitroglicerina?
  • La condizione peggiora con un cambiamento nella posizione del corpo?
  • Esame del paziente.
  • Palpazione: il punto del cuore è determinato dal metodo di sondaggio della pelle, con MI si sposta. E un aumento dei linfonodi indica un processo infiammatorio..
  • Valutazione e pienezza della frequenza cardiaca.
  • Percussione: eseguita per determinare la dimensione, la configurazione e la posizione del cuore, nonché la dimensione del fascio vascolare.
  • Auscultazione: i suoni del cuore si sentono con uno stetoscopio.
  • Misurazione della pressione sanguigna e della temperatura corporea.

ECG con infarto inferiore

Successivamente, il paziente viene inviato per l'elettrocardiografia, un metodo di ricerca hardware che determina i cambiamenti nella funzione contrattile del miocardio e la velocità della circolazione sanguigna. Permette di identificare un coagulo di sangue o la rottura di una nave.

Modifiche tipiche dell'ECG:

  • L'ampiezza dell'onda RV1, V2 aumenta.
  • RV1 iniziale espanso.
  • Profondità decrescente SV1, V2.
  • Diminuisce ST (V1-2) nella fase acuta con dinamiche inverse.
  • La terza onda Q si espande a 2 mm.
  • La seconda onda Q sale sopra la prima Q.

Questo tipo di patologia è difficile da diagnosticare. I segni diretti possono essere rilevati solo nell'elettrocatetere Dorsale in cielo e nelle derivazioni toraciche aggiuntive V7 - V9 e V2 - V4 deve essere rimosso tra le costole superiori. È necessario eseguire un ECG più volte per chiarire la diagnosi.

Si consiglia inoltre di condurre ulteriori metodi di esame:

  • Ecocardiografia: un'ecografia che consente di valutare il lavoro del miocardio, lo stato dell'apparato valvolare, misurare lo spessore delle pareti, il livello di pressione nell'aorta, nell'arteria polmonare, negli atri e nei ventricoli.
  • La radiografia è un metodo di diagnostica delle radiazioni, che mira a identificare la patologia del sistema cardiovascolare.
  • Dona il sangue per analisi generali e biochimiche.

Fornire cure di emergenza

Se una persona ha i primi sintomi di un attacco ischemico, è necessario chiamare urgentemente un team cardiologico. Fornire alla vittima un riposo completo, dare al corpo una posizione orizzontale e mettere un cuscino sotto la testa: in questo modo si riduce il carico sul sistema cardiovascolare.

Sbottonare i vestiti strizzandoli e somministrare un confetto di nitroglicerina per via sublinguale. In presenza di aspirina, si consiglia di assumere 300 mg: questo farmaco riduce la viscosità del sangue e previene l'aggregazione delle piastrine.

Se durante un attacco una persona perde conoscenza, mentre il battito cardiaco non si sente e non c'è respiro, è necessario eseguire la rianimazione cardiopolmonare. Questa procedura deve essere eseguita prima dell'arrivo del medico..

Trattamento

L'obiettivo della terapia per l'infarto della parete inferiore del ventricolo sinistro è chiarire ed eliminare la causa dello sviluppo della malattia. Vale a dire, tutti gli sforzi sono diretti al ripristino del flusso sanguigno disturbato..

Per fare ciò, nomina:

  • Trombolitici: la loro azione è volta a sciogliere i coaguli di sangue. Il farmaco più efficace è la ticlopidina, un forte inibitore dell'aggregazione piastrinica. I componenti attivi del farmaco influenzano la durata del sanguinamento verso un aumento del tempo e rallentano anche l'adesione degli elementi del sangue. Dello stesso gruppo, viene prescritta l'aspirina - per prevenire il ripetersi della malattia.
  • Anticoagulanti: riducono l'attività del sistema di coagulazione del sangue. Dikumarin è considerato un esempio lampante..

Inoltre, le misure terapeutiche mirano a rallentare l'espansione della lesione..

Per fare questo, usa:

  • Beta-bloccanti: riducono l'area di necrosi, riducono la frequenza delle recidive della malattia, aritmie, hanno un effetto antianginoso e aumentano la tolleranza all'esercizio. Questi includono: propranololo, atenololo.
  • Analgesici: elimina il dolore, combatte l'insufficienza ventricolare sinistra acuta, lo shock cardiogeno, le complicanze tromboemboliche, ferma e previene i cambiamenti nella frequenza cardiaca e nella conduzione. Utilizzato nella pratica medica Morfina.
  • Farmaci antiaritmici: prevenzione e trattamento delle aritmie, a seguito delle quali la qualità della vita di una persona è compromessa o vi è una minaccia di gravi conseguenze. L'amiodarone viene utilizzato per ripristinare la frequenza cardiaca.

Importante! La combinazione sbagliata di farmaci può portare a gravi complicazioni. È severamente vietato auto-medicare.

Se la terapia non porta risultati positivi, il paziente viene indirizzato per un intervento chirurgico..

L'intervento chirurgico ha 3 metodi:

  • Bypass con innesto dell'arteria coronaria.
  • Escissione dell'aneurisma.
  • Installazione di pacemaker.

Dopo le procedure trasferite, il paziente necessita di una riabilitazione a lungo termine, che include: una corretta alimentazione, l'aderenza al trattamento farmacologico, un aumento graduale dell'intensità degli esercizi fisici, l'eliminazione dello stress psico-emotivo.

L'infarto miocardico inferiore è una condizione del miocardio quando le cellule della parete posteriore del muscolo muoiono a causa della carenza di ossigeno. Le possibilità di un completo recupero del corpo dipendono da una diagnosi tempestiva e da un'adeguata assistenza medica. Ed è possibile evitare ricadute con la stretta aderenza alle prescrizioni del medico e l'adesione a uno stile di vita sano.

Infarto miocardico acuto della parete inferiore del ventricolo sinistro

Il grande infarto miocardico focale è una forma di malattia coronarica. È caratterizzato da alterazioni necrotiche nei tessuti del muscolo cardiaco a causa del blocco dei vasi coronarici..

Il processo patologico si manifesta con un quadro clinico pronunciato a causa della scala della lesione.

Se non si fornisce aiuto al paziente nelle prossime ore dal momento in cui inizia l'attacco, c'è un'alta probabilità di morte..

Caratteristiche dell'infarto macrofocale

Il ventricolo sinistro è la sede principale di grandi focolai di necrosi caratteristici di un infarto (a causa del carico ricevuto). Possono toccare qualsiasi parete (anteriore, inferiore, laterale, posteriore) a seconda della nave intasata.

La forma focale della malattia differisce dalla dimensione focale ridotta dell'area interessata e dalla gravità del quadro clinico. Se il focus della necrosi è insignificante, i sintomi sono praticamente assenti. Il paziente può "stare in piedi" un tale attacco, cioè non accorgersene.

Con un infarto focale grande, viene toccata un'ampia area della parete muscolare del cuore, che porta allo sviluppo di complicazioni pericolose.

La mortalità dovuta a modificazioni necrotiche in ampie aree del miocardio è di circa il 40%. Questo tipo di malattia è il risultato di un grave blocco dei vasi sanguigni o è formato da focolai più piccoli. È tipico per gli uomini di età superiore ai 40 anni. Nelle donne l'ischemia provoca un infarto solo dopo 55-65 anni, quando l'attività ormonale svanisce.

Le ragioni

L'ischemia cardiaca, che si trasforma in una forma di infarto miocardico, si manifesta per i seguenti motivi:

  • aterosclerosi avanzata;
  • blocco dei vasi sanguigni da coaguli di sangue;
  • alta viscosità del sangue;
  • frequenti spasmi vascolari;
  • malattia ipertonica;
  • reumatismi;
  • neoplasie nel cuore;
  • grave lesione al torace.

Conseguenze di un infarto macrofocale

A causa della grande concentrazione di alterazioni necrotiche, c'è un'alta probabilità di morte nelle prime ore dopo l'inizio dell'attacco. A volte non solo lo strato miocardico è interessato, ma anche i tessuti vicini. Le complicazioni provocate da un infarto sono divise in 2 gruppi:

• forma affilata di arresto cordiaco; • aritmie; • rottura della parete cardiaca; • shock cardiogenico.• tipo cronico di arresto cordiaco; • blocco dei vasi sanguigni da coaguli di sangue; • aneurisma del muscolo cardiaco (protrusione di una certa parte del miocardio).

Sintomi e periodi

La sintomatologia di un infarto focale è abbastanza pronunciata. Molti pazienti emettono dolore acuto e compressivo. Un attacco si manifesta principalmente dopo o durante uno sforzo fisico o una situazione stressante. Può essere suddiviso in determinati periodi in termini di tempo e quadro clinico..

Sharpest

La forma più acuta della malattia si manifesta nelle prime ore:

  • dolore al cuore che si irradia al collo, all'orecchio, alle scapole, alla mascella e al braccio;
  • debolezza generale;
  • crescente mancanza di respiro;
  • attacco di panico;
  • ipertensione arteriosa;
  • sbiancamento della pelle;
  • sudorazione eccessiva;
  • battito cardiaco irregolare.

Acuto

Dal momento della fine della fase acuta di un infarto, inizia un periodo acuto. Dura circa 10 giorni e si manifesta con sintomi gravi:

  • ipotensione arteriosa;
  • un aumento della temperatura corporea;
  • segni di insufficienza cardiaca.

Subacuto

La fase subacuta inizia 10 giorni dopo l'inizio e dura circa 1 mese. La temperatura del paziente si stabilizza e il dolore toracico viene completamente eliminato. Il benessere generale sta gradualmente migliorando.

Postinfarto

Il periodo postinfarto inizia dopo la fase subacuta e dura sei mesi. Se vengono seguite tutte le raccomandazioni, la sensazione di disagio non appare. Alla fine dovrebbe formarsi una cicatrice nel sito dei cambiamenti necrotici.

Il corso della terapia

Il corso del trattamento si svolge in una clinica, poiché esiste un'alta probabilità di morte.

Dopo aver identificato i segni di un attacco di cuore, chiama un'ambulanza. In attesa del suo arrivo, alla paziente deve essere somministrato un blando sedativo (Valokardin, tintura di biancospino) e una compressa di aspirina.

L'uso della "nitroglicerina" è consentito in presenza di mancanza di respiro e pressione sanguigna normale o alta. La squadra arrivata di dottori ricovera il paziente. In ospedale, verrà inserita una storia medica su di lui.

Inizialmente, il trattamento viene eseguito in terapia intensiva, quindi il paziente viene trasferito in un reparto regolare del dipartimento di cardiologia.

Dopo il corso della terapia completato, il paziente si aspetta una lunga fase di recupero. Dovrà essere completato a casa, ma periodicamente dovrai essere esaminato e visitare un cardiologo per monitorare la situazione e identificare le complicazioni.


Articolo Successivo
COARZIONE AORTICA