Leucociti bassi nel sangue cosa significa questo nelle donne


10 minuti Autore: Lyubov Dobretsova 1188

  • Funzione e tipi di leucociti
  • Perché l'indicatore sta cadendo
  • Leucopenia negli adulti
  • Diminuzione dei leucociti nei bambini
  • Come riportare gli indicatori alla normalità?
  • Video collegati

Il sangue è giustamente considerato il fluido principale del corpo e dalle sue condizioni si può concludere sulla salute umana in generale. Le sue cellule, in particolare un gruppo così ampio e diversificato come i leucociti, forniscono un'opportunità non solo per rilevare la presenza di anomalie, ma anche per fare una prognosi sulla natura della malattia.

Le ragioni dell'aumento dell'indicatore sono note alla maggior parte delle persone che non sono nemmeno direttamente correlate alla medicina. Sanno che il fattore più comune nella sua comparsa sono i processi infiammatori di varie eziologie. Ma ecco una condizione in cui i leucociti nel sangue sono abbassati, o la cosiddetta leucopenia, un mistero per molti.

Funzione e tipi di leucociti

Come tutte le altre cellule del corpo, i leucociti oi globuli bianchi hanno le loro responsabilità personali. Inoltre, la loro funzione è molto importante per garantire la vita normale di una persona, e consiste nel proteggerla da microbi patogeni e varie tossine. I leucociti sono i primi a reagire all'introduzione di agenti patogeni nel corpo e sono concentrati intorno a loro, cioè sono particolarmente circondati.

Quindi vengono neutralizzati e successivamente assorbiti, morendo nel processo. In una persona sana, nella maggior parte delle situazioni, la reazione all'ingresso di agenti estranei è molto violenta ed è accompagnata da un rapido aumento dei leucociti nel sangue, mentre si affrettano a svolgere il proprio lavoro.

Ciò significa che il sistema immunitario è abbastanza forte e il sistema di difesa funziona al livello appropriato. In tali pazienti, prima dell'introduzione di agenti patogeni, la conta dei globuli bianchi nell'analisi del sangue sarà molto probabilmente entro i limiti normali..

Affinché il sistema immunitario funzioni al giusto livello, ne vengono costantemente prodotti di nuovi per sostituire i globuli bianchi morti, mantenendo così l'equilibrio dei componenti del sangue. Se, a un certo punto della sintesi, si verificano violazioni, il loro contenuto diventa inferiore alla norma, il che porta a un deterioramento delle capacità protettive del corpo.

Perché l'indicatore sta cadendo

Una condizione in cui c'è un basso livello di leucociti nel sangue, cioè leucopenia, può svilupparsi sotto l'influenza di un elenco abbastanza ampio di fattori. Le cause più comuni di un basso numero di globuli bianchi sono raggruppate in due gruppi..

Carenza di sostanze essenziali

Spesso i leucociti cadono con una mancanza di nutrienti o oligoelementi coinvolti nella produzione di questi componenti del sangue. In larga misura, ciò è dovuto a un'alimentazione di scarsa qualità o squilibrata, e quindi la situazione può essere corretta abbastanza facilmente includendo rame, ferro, zinco, iodio, acido folico e vitamine del gruppo B come B nella dieta.1, B12.

Morire di leucociti

Abbastanza spesso, si nota un livello ridotto di globuli bianchi a causa della loro morte direttamente nel flusso sanguigno. Ci possono essere due ragioni per cui ciò accade, vale a dire:

  • L'introduzione di un'infezione nel corpo, che fa precipitare i leucociti verso di essa per neutralizzarla ed eliminarla. Lasciano il flusso sanguigno e si accumulano nel sito della lesione, che può essere rintracciato in laboratorio diagnosticando una diminuzione della loro concentrazione sierica. Allo stesso tempo, la sintesi dei corpi bianchi non diminuisce, e talvolta addirittura aumenta, se ciò è necessario per l'attuazione della funzione protettiva.
  • Anomalie nell'attività del midollo osseo, che è il principale fornitore di leucociti. In questo organo, hanno origine e poi maturano prima di entrare nel flusso sanguigno. Pertanto, anche la minima interruzione delle prestazioni del midollo osseo porta a uno stato in cui ci sono pochi leucociti nel sangue..

Qual è la ragione della diminuzione della sintesi

Ci sono anche molte ragioni che portano a una diminuzione della produzione di leucociti e alcune, sfortunatamente, sono causate dalle azioni delle persone stesse. Questi includono il seguente elenco.

Intossicazione. Le sostanze nocive che entrano nel corpo umano possono influenzare seriamente molte delle sue funzioni e, in particolare, interrompere il normale funzionamento del midollo osseo. In larga misura, questo vale per l'avvelenamento con arsenico, benzene, toluene e metalli pesanti. Inoltre, alcol e intossicazioni alimentari possono ridurre l'attività funzionale del midollo osseo..

Neoplasie. Con la crescita delle metastasi di un tumore canceroso, le loro cellule infettano non solo gli organi vicini, ma si diffondono anche attraverso il flusso sanguigno al resto, spesso penetrando nel midollo osseo. Nel processo, danneggiano e spostano i tessuti che forniscono la sintesi dei leucociti, che porta naturalmente a una diminuzione del loro livello. Di conseguenza, la produzione diminuisce gradualmente o si interrompe completamente..

Chemioterapia. In oncologia, quando i tumori si sviluppano in vari organi, viene utilizzata principalmente la chemioterapia, che influisce negativamente non solo sui tessuti tumorali, ma anche sulle cellule sane. Pertanto, dopo la chemioterapia, c'è quasi sempre un numero ridotto non solo di leucociti, ma anche di piastrine, eritrociti e altri componenti del sangue..

Malattie autoimmuni. Queste patologie portano a una reazione negativa del corpo non solo agli oggetti dannosi, ma anche alle proprie cellule. Le conseguenze di tali malattie sono la distruzione dei globuli bianchi nel sangue e nel midollo osseo..

Patologie congenite, ad esempio, sindrome di Kostman (neuropenia congenita (diminuzione dei leucociti neutrofili)), mielocatassi (livello anormalmente basso di leucociti). Esposizione alle radiazioni che ha causato malattia da radiazioni.

HIV. I corpi bianchi maturi e completamente vitali stanno attivamente morendo con il corso di un gran numero di malattie, tra cui:

  • infezioni parassitarie: toxoplasmosi, trichinosi, clamidia;
  • malattie virali (con loro, i corpi bianchi passano dal sangue ai tessuti, dove assorbono e digeriscono elementi estranei, il che porta alla morte dei leucociti);
  • disfunzione della milza e del fegato, poiché sono una sorta di serbatoi per i componenti del sangue e con un aumento delle dimensioni tendono a trattenere un numero maggiore di leucociti;
  • disturbi ormonali provocati dalla patologia della ghiandola tiroidea, che hanno un effetto distruttivo su tutte le cellule in generale, e soprattutto i leucociti ne soffrono.

Inoltre, l'uso prolungato di un certo numero di farmaci ha un effetto negativo sulla vitalità dei globuli bianchi. Si notano tassi ridotti con la terapia a lungo termine:

  • agenti antibatterici: levomicitina, sintomicina e un gruppo di sulfonamidi;
  • farmaci antinfiammatori: Reopyrin, Pirabutol, Analgin e Amidopyrin;
  • farmaci che inibiscono la funzione della ghiandola tiroidea: perclorato di potassio, Mercazolil, Propicil.

Leucopenia negli adulti

La diminuzione dei globuli bianchi negli adulti è nota per vari motivi e negli uomini e nelle donne possono essere notevolmente diversi. Naturalmente, ciò è dovuto alle caratteristiche di genere. Oltre a tutti i suddetti fattori, se ne possono distinguere almeno altri due, a seguito dei quali gli uomini affrontano più spesso un basso numero di globuli bianchi.

Ciò include la malattia da radiazioni, poiché il sesso più forte lavora principalmente in industrie associate a sostanze radioattive e avvelenamento da metalli pesanti, che si verifica anche durante le attività professionali. Pertanto, se nell'analisi del sangue generale è indicato che i leucociti sono al di sotto del normale, una delle prime domande del medico dovrebbe essere proprio sulle peculiarità della sfera lavorativa.

Nelle donne, gli indicatori sottostimati sono spesso dovuti ad aspetti fisiologici e non sono precursori della malattia, ma indicano solo determinati processi nel corpo. Il periodo più importante è la gravidanza, per il cui mantenimento il sistema immunitario subisce cambiamenti significativi..

Quindi, nel gentil sesso, una diminuzione dei leucociti può essere dovuta ai seguenti fattori:

  • prendendo antidolorifici durante le mestruazioni;
  • usare contraccettivi contenenti ormoni;
  • mancanza di ferro e vitamine dei gruppi B e C, cosa che spesso accade con diete ipocaloriche rigorose.

Il sistema riproduttivo femminile è il più vulnerabile a un gran numero di malattie diverse. Pertanto, anche piccoli cambiamenti nell'analisi del sangue generale non possono essere ignorati, ma è necessario eseguire un esame completo per escludere la patologia.

Diminuzione dei leucociti nei bambini

La concentrazione di globuli bianchi è normalmente molto più alta in un bambino che in un adulto. Ma possono anche avere aliquote ridotte. Ad esempio, i bambini a volte sviluppano leucopenia transitoria. Il suo decorso è caratterizzato da quanto segue: il numero totale di globuli bianchi non esce dai confini normali, ma i granulociti si riducono.

Questa condizione non influisce in alcun modo sulla salute del bambino e la terapia in questo caso non è richiesta. La causa della leucopenia transitoria è l'effetto degli anticorpi materni che sono passati al neonato durante lo sviluppo intrauterino. Di norma, la conta leucocitaria di un bambino torna alla normalità al raggiungimento dei quattro anni.

Non bisogna dimenticare che il declino dei leucociti nei bambini più grandi e negli adolescenti ha un notevole effetto sull'immunità, come evidenziato da raffreddori costanti e malattie infettive. Spesso iniziano a ferire, la pelle diventa suscettibile a processi infiammatori, come pustole, foruncoli, ecc. Dopo la guarigione delle ferite, rimangono cicatrici.

Se, durante un esame del sangue, si nota una diminuzione persistente del numero di leucociti, ciò potrebbe indicare la presenza di:

  • malattia ereditaria;
  • infezioni virali: epatite, rosolia, morbillo;
  • malattie batteriche: brucellosi, febbre paratifoide;
  • disturbi ormonali.

La leucopenia nei bambini può anche essere il risultato di un uso prolungato di potenti farmaci, ad esempio antibiotici o antispastici. Il loro utilizzo, oltre ad aiutare, può anche nuocere, indebolire il corpo del bambino e renderlo vulnerabile ad altre patologie.

Oltre a tutto quanto sopra, un calo dei leucociti nei bambini a volte indica lo sviluppo di una malattia grave: la leucemia. Per poter diagnosticare in tempo e prescrivere la terapia appropriata, è imperativo esaminare a fondo il bambino, anche se questo è l'unico segno fino ad ora. Con la leucopenia, il monitoraggio costante delle condizioni del bambino dovrebbe diventare parte integrante della sua vita..

Come riportare gli indicatori alla normalità?

La leucopenia come patologia indipendente non viene trattata, poiché è solo un sintomo di una malattia o un cambiamento temporaneo nella composizione del sangue. Pertanto, sarà possibile aumentare il livello dei leucociti solo dopo aver determinato la causa della sua comparsa e aver condotto una terapia appropriata o corretto lo stile di vita.

Per aumentare l'indicatore sarà necessario inizialmente effettuare tutti gli esami necessari, in base ai quali sviluppare un'ulteriore strategia terapeutica. Se il declino si è verificato sullo sfondo di una mancanza di oligoelementi, vitamine o farmaci, è possibile aumentare abbastanza rapidamente il contenuto di globuli bianchi.

Per fare questo, è necessario scoprire dal medico quali alimenti aumentano l'immunità e, quindi, il numero di leucociti e guidarli nella loro dieta, combinandoli con l'assunzione degli integratori alimentari e delle vitamine necessari. Il livello dei leucociti è abbastanza facile da aumentare con rimedi popolari, come l'uso di succhi di carota, barbabietola rossa, arancia e melograno appena spremuti.

Allo stesso tempo, è molto importante ridurre al minimo i rischi di contrarre malattie infettive, poiché con un'immunità indebolita, il corpo non sarà in grado di resistere a loro. Per fare ciò, dovresti seguire alcune semplici regole:

  • pulire e lavare accuratamente frutta e verdura;
  • sottoporre carne, pesce, uova a un trattamento termico di alta qualità;
  • rifiutare di usare acqua grezza - bere solo bollito;
  • evitare di mangiare cibi in scatola ed escludere anche quelli fatti in casa;
  • cerca di non contattare le persone con il raffreddore;
  • usa una benda di garza di cotone quando esci o in luoghi affollati;
  • la dieta dovrebbe essere dominata da cibi proteici, agrumi, bacche, prodotti a base di latte fermentato e fibre.

È relativamente facile aumentare il livello dei leucociti utilizzando complessi vitaminici e assumendo con cura i farmaci necessari. Se i motivi del calo dell'indicatore sono gravi, i metodi semplici non lo aumenteranno e dovrai eseguire una terapia farmacologica specializzata. È possibile che il paziente debba essere ricoverato in ospedale.

La leucopenia, che non può essere eliminata per più di due settimane, è spesso causata da una grave malattia infettiva e nel tempo, in assenza di terapia, la gravità dei sintomi non farà che aumentare. La leucopenia grave, rilevata entro uno o due mesi, è una garanzia al 100% dello sviluppo di patologie gravi e necessita di cure mediche immediate.

Una diminuzione a breve termine del coefficiente indica piccoli cambiamenti nel corpo che possono andare via da soli senza terapia, ad esempio un raffreddore. Dopodiché, i leucociti torneranno alla normalità da soli e non sarà necessario alcun trattamento per aumentarli. Ma un lungo e netto calo è un segno pericoloso e non puoi fare a meno di una diagnosi completa..

In una nota. È possibile controllare il livello dei leucociti in qualsiasi laboratorio clinico eseguendo un esame del sangue generale. Questo è uno degli esami più veloci, semplici ed economici, che fornirà al medico le informazioni primarie sulla salute del paziente..

Cause di una diminuzione del livello dei leucociti nel sangue - leucopenia

Una condizione fisica caratterizzata da un basso numero di globuli bianchi è anche nota come leucopenia. Solitamente questo termine denota una diminuzione anomala della concentrazione fisiologica dei leucociti nel sangue, o, come sono meglio conosciuti, globuli bianchi. Più precisamente, questa è una condizione in cui il livello dei leucociti è inferiore a 3500-4000 cellule per millimetro cubo di sangue.

Al fine di comprendere meglio i sintomi che manifestano un basso livello di concentrazione leucocitaria, quali sono le possibili cause e, soprattutto, cosa fare in caso di questa malattia, inizieremo chiarendo cosa sono i leucociti.

È una famiglia di cellule del sangue prodotte dal midollo spinale che comprende 5 classi differenti, ovvero:

  • Neutrofili. Il loro compito è proteggere il corpo dalle infezioni..
  • Linfociti. Si dividono in tre sottotipi principali:
    • Linfociti T. Sono in grado di rilevare le cellule infette nel tuo corpo, come i virus che sono entrati nelle loro membrane. Agiscono principalmente contro infezioni virali e alcune infezioni batteriche. Distruggono alcuni tipi di cellule cancerose e sono anche responsabili del rigetto d'organo dopo il trapianto;
    • Linfociti B. Producono anticorpi: sono proteine ​​speciali che si legano a cellule estranee per attirare l'attenzione del sistema immunitario su di loro. "Ricorda" di infezioni precedenti;
    • T-killer. Svolgono la funzione di regolare l'immunità.
  • Monociti. Assorbe le cellule danneggiate e inibisce lo sviluppo di microrganismi.
  • Eosinofili. Contrassegna i parassiti e le cellule tumorali e partecipa a una reazione allergica.
  • Basofili. Partecipa attivamente a una reazione allergica insieme agli eosinofili.

Neutrofili, eosinofili e basofili, per la somiglianza della loro struttura, sono combinati sotto il nome di granulociti.

La concentrazione di leucociti in una persona sana è di circa 4.000-1.000 cellule per millimetro cubo (millilitro) di sangue, nelle seguenti proporzioni:

  • 40-70% dei neutrofili;
  • 20-50% di linfociti;
  • 1-10% di monociti;
  • 0-7% eosinofili;
  • 0-2% di basofili.

Da queste cifre è chiaro che la leucopenia non può essere determinata da una diminuzione del livello dei monociti, per non parlare degli eosinofili o dei basofili. Pertanto, è importante una diminuzione dei neutrofili o dei linfociti. In alcune situazioni, la percentuale di neutrofili e linfociti cambia di posto. Quelli. in presenza di un doppio disturbo: neutropenia (diminuzione del numero di neutrofili) e linfocitosi (aumento dei linfociti).

In tali situazioni è necessaria una ricerca approfondita, perché potresti dover affrontare un grave problema medico o una grave infezione, oppure se i linfociti hanno una forma alterata al microscopio, allora puoi arrivare a leucemia o linfoma..

La leucopenia può derivare da:

  • Diminuzione della produzione di cellule del sangue nel midollo spinale;
  • Uso eccessivo di globuli bianchi per una serie di ragioni, che discuteremo in dettaglio di seguito;
  • Distruzione anormalmente attiva dei leucociti.

Cosa causa una diminuzione del livello dei globuli bianchi

Le ragioni, ovviamente, possono essere moltissime, ma per semplicità si possono raggruppare in 4 categorie principali:

Cause patologiche

Sono molte le malattie che portano ad una diminuzione dei leucociti nel sangue, di seguito elenchiamo alcune delle più comuni:

  • Malattie del midollo osseo, che influenzano la produzione di globuli bianchi: alcuni tipi di cancro; leucemia mieloide, che colpisce in modo degenerativo la produzione di globuli rossi; alcuni tipi di anemia, come megaloblastica.
  • Malattie sistemiche, in cui è coinvolto il sistema immunitario. Provocano un processo infiammatorio di natura acuta o cronica, che comporta l'uso massiccio di leucociti e la loro successiva distruzione. Un esempio è il lupus eritematoso sistemico e l'artrite reumatoide.
  • Infezioni virali, batteriche e fungine, che causano un processo infiammatorio attivo. Ad esempio, epatite e malaria.
  • Infezione virale, che influenzano la funzione del midollo osseo. Esempi sono la meningite, così come le infezioni da Mycobacterium tuberculosis e Mycobacterium Kansasii (causano infezioni polmonari simili alla tubercolosi).
  • Malattie autoimmuni del midollo osseo. Ad esempio, mielite trasversa e sclerosi multipla.
  • Problemi del sistema immunitario. L'infezione da HIV è un tipico esempio.

Cause medicinali

Esistono varie categorie di farmaci che hanno l'effetto di abbassare il numero di globuli bianchi. Ad esempio, questo effetto è esercitato da un farmaco usato per combattere il rigetto del trapianto di organi: la ciclosporina.

Altri farmaci che causano una diminuzione del numero di leucociti nel sangue sono agenti antineoplastici utilizzati nella chemioterapia, come l'Adriamicina. Dopo la chemioterapia, è normale che un esame del sangue mostri una diminuzione della conta dei globuli bianchi, soprattutto dopo un lungo ciclo..

In alcuni casi, una carenza di globuli bianchi è dovuta all'interazione di due diversi farmaci, come l'aspirina e il metotrexato (un farmaco usato per trattare l'artrite reumatoide).

Altre cause che possono causare leucopenia

  • Processi infiammatori acuti. Potrebbe essere un'infezione della ferita. Un evento che innesca un massiccio uso di leucociti.
  • Metodi strumentali speciali di trattamento. La radioterapia è usata in medicina per trattare i tumori. Consiste nell'irradiazione di tessuti neoplastici con radiazioni ionizzanti ad alta energia. L'effetto collaterale più comune di questo trattamento è, ovviamente, la leucopenia..

Tipi di leucopenia

Dopo esserci assicurati che il numero di leucociti sia inferiore alla soglia fisiologica, dobbiamo immediatamente iniziare a determinare la forma della leucopenia.

Esistono quattro diverse forme di leucopenia: neutrofila, linfocitica, mocitica ed eosinofila.

Leucopenia o neutropenia neutrofila. Ne parlano quando il numero di cellule neutrofili scende sotto le 1500 unità per ml di sangue. La neutropenia è definita lieve se la conta dei neutrofili è compresa tra 1000 e 1500 unità / ml. È determinato moderato se il numero di neutrofili è compreso tra 500 e 1000 unità / ml. Definito grave se il numero scende al di sotto di 500 unità per millilitro di sangue.

La neutropenia può essere acuta o cronica e determina una maggiore sensibilità del soggetto che ne soffre alle infezioni batteriche e fungine..

La neutropenia grave è una condizione molto pericolosa perché il corpo non è in grado di combattere le infezioni, il che aumenta il rischio di morte.

Leucopenia linfocitica o linfocitopenia. Si dice che questa condizione si verifichi quando il numero di linfociti (la somma di tutti i diversi tipi) è inferiore a 1000 cellule per millilitro di sangue negli adulti e 3000 cellule per millilitro nei bambini sotto i 2 anni di età..

Le persone che soffrono di linfocitopenia sviluppano infezioni virali, fungine e parassitarie ripetute e gravi.

Leucopenia monocitica o monocitopenia. I monociti costituiscono meno del 12% di tutti i globuli bianchi e, quindi, sono presenti in un numero compreso tra 200 e 600 cellule per millilitro di sangue. I tessuti come la milza, il fegato e il midollo osseo si sviluppano in macrofagi, che liberano il corpo dai residui metabolici che si accumulano nelle cellule e che svolgono un ruolo importante come spazzini. La loro carenza è spesso osservata a causa di tossine batteriche o di alcuni farmaci come i corticosteroidi che entrano nel flusso sanguigno..

Leucopenia eosinofila o eosinofilopenia. Gli eosinofili rappresentano meno del 5% di tutti i globuli bianchi e la loro concentrazione varia tra 100 e 500 per millilitro di sangue. Il loro numero ridotto di solito non causa problemi, perché altri "familiari" di globuli bianchi sono in grado di compensare la loro azione. Tuttavia, un piccolo numero di eosinofili porta alla sindrome di Cushing.

Quali sono i sintomi di un basso numero di globuli bianchi

Poiché, come abbiamo visto, esistono diverse forme di leucopenia, ovviamente i sintomi differiranno da caso a caso..

Possono comparire i seguenti sintomi:

  • Febbre.
  • Malessere generalizzato, nausea.
  • Emicrania.
  • Fegato ingrossato.
  • Milza ingrossata.
  • Problemi respiratori.
  • Sintomi cutanei e piccole ulcere agli angoli della bocca e nella regione perianale.

Sintomi e diagnosi di neutropenia

La malattia può essere improvvisa o svilupparsi in maniera progressiva nel corso degli anni. Di regola, è asintomatico, specialmente nella forma cronica. Nello sviluppo acuto, si possono osservare: febbre, ulcerazioni agli angoli della bocca e nell'ano. Le ulcere possono essere molto dolorose.

La diagnostica viene eseguita sulla base di un emocromo completo (viene stimato il numero di tutte le cellule del sangue). Spesso è necessaria la puntura del midollo osseo. Viene eseguita dopo l'anestesia locale dei tessuti inserendo un ago nella cresta iliaca del bacino. Il midollo osseo viene quindi analizzato al microscopio.

Sintomi e diagnosi di linfocitopenia

Se la malattia è lieve, di solito è asintomatica. Tuttavia, con un numero ridotto di linfociti, la sensibilità a virus, batteri e altri parassiti aumenta notevolmente.

Richiesto per la diagnosi: emocromo completo ed esame del cervello.

Trattamento della leucopenia - rimedi

Cosa si può fare per correggere un numero basso di globuli bianchi? Non esiste un trattamento che copra tutte le possibili situazioni che portano a una diminuzione della concentrazione di leucociti nel sangue..

Pertanto, possono essere fornite solo raccomandazioni generali:

  • Diagnosi corretta e accurata delle cause della leucopenia.
  • Eliminazione delle cause identificate.

Basso numero di globuli bianchi e diagnosi della malattia

La diagnosi di malattie associate a un basso numero di globuli bianchi è piuttosto difficile. Il punto di partenza è sempre un esame del sangue (emocromo completo), a cui viene aggiunto un test del midollo osseo. Ciò è necessario per comprendere il problema, valutare altri parametri, contare il numero di eritrociti e piastrine e controllare anche il livello di bilirubina, transaminasi, ormoni tiroidei.

Per comprendere l'importanza di questi aspetti, ecco alcuni esempi di possibili diagnosi:

  • Se si manifesta leucopenia, accompagnata da un basso numero di piastrine (cosiddetta trombocitopenia) e un basso numero di globuli rossi, e la milza è ingrossata, si tratta sicuramente di un'iperfunzione della milza, causata, ad esempio, dalla malattia di Gaucher.
  • Se gli esami del sangue mostrano una conta dei globuli bianchi bassa ma nessuna splenomegalia, probabilmente c'è un disturbo della fatica nel midollo osseo, che produce meno cellule.
  • Se la leucopenia è accompagnata da alti livelli di bilirubina e transaminasi, ovviamente, questo indica un'infiammazione del fegato e potrebbe esserci un'epatite.
  • Se una diminuzione dei globuli bianchi è accompagnata da un alto tasso di eritrosedimentazione e febbre alta, potrebbe trattarsi di artrite reumatoide.
  • Se la carenza di globuli bianchi è accompagnata da un cambiamento nella concentrazione degli ormoni tiroidei, è molto probabile che si possa parlare della patologia della ghiandola tiroidea, causata, ad esempio, dalla presenza di noduli sulla ghiandola tiroidea..

Leucopenia e anemia

L'anemia in realtà non è una patologia che colpisce direttamente il numero di leucociti. Questa condizione è caratterizzata da una diminuzione dell'emoglobina nel sangue..

L'emoglobina è un importante costituente dei globuli rossi, l'anemia è una condizione caratterizzata da una bassa concentrazione di globuli rossi nel sangue o da un contenuto di emoglobina insufficiente.

Esistono diverse varianti di anemia, che sono accompagnate da una significativa diminuzione del valore della concentrazione di leucociti nel sangue:

  • Sindrome mielodisplasica. Combina le anemie tipiche degli anziani, ma può comparire anche nei giovani. Caratterizzato da anomalie delle cellule staminali del midollo osseo che non sono in grado di produrre con fisiologica efficienza (qualità e quantità) tre linee di globuli: eritrociti, leucociti o globuli bianchi e piastrine.
  • Anemie aplastiche. Caratterizzato da una produzione insufficiente di cellule dal midollo osseo e quindi porta alla leucopenia.
  • Anemia megaloblastica. Una malattia causata da una carenza di vitamina B12, che è determinata da un'alterazione nella sintesi del DNA del midollo osseo. Queste anemie sono principalmente caratterizzate da una produzione insufficiente di globuli rossi, tuttavia, la malattia è accompagnata da una diminuzione simultanea dei neutrofili (neutropenia).

Leucopenia e nutrizione

Poiché, come abbiamo visto, ci sono innumerevoli possibili cause di leucopenia, non esiste una dieta giusta per ogni situazione. Pertanto, il consiglio generale è che in caso di diminuzione del valore dei leucociti nel sangue, è necessario bilanciare il più possibile la dieta, fornendo all'organismo la giusta quantità di nutrienti..

Vitamine e globuli bianchi

Volendo dare qualche informazione sugli alimenti che influiscono sul valore della concentrazione di leucociti nel sangue, possiamo dire che è importante assumere vitamina B9, cioè acido folico, la cui assenza può portare alla maturazione indesiderata dei globuli rossi megaloblastici all'interno del midollo osseo, che porta allo sviluppo di macrocitici anemia e, ovviamente, leucopenia. L'assunzione giornaliera di vitamina B9 è di circa 0,2 mg: una dieta equilibrata copre questa esigenza.

Inoltre, la mancanza di vitamina B4, nota come adenina, può portare a una diminuzione del numero di globuli bianchi, tuttavia, questa situazione è estremamente rara, poiché i prodotti animali contengono molta di questa vitamina. I vegetariani, la cui dieta è povera di prodotti animali, possono essere un problema.

Leucopenia durante la gravidanza

Un basso numero di globuli bianchi di solito non si trova nelle gravidanze normali, tuttavia, se si verifica questa condizione durante questo periodo, sono necessarie ulteriori ricerche.

Tuttavia, la leucopenia non dovrebbe causare alcun allarme se non è causata da alcuna patologia. Con il monitoraggio periodico, non comporta pericoli né per la madre né per il bambino..


Articolo Successivo
Ipertensione primaria e secondaria: trattamento e prevenzione