Endarterite obliterante: cause, diagnosi, trattamento


Il sito fornisce informazioni di base solo a scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È necessaria una consulenza specialistica!

Cos'è l'endarterite cancellante?

Tra gli uomini che vanno dal medico con lamentele di dolore alle gambe, ci sono persone che soffrono di una grave malattia: l'endarterite obliterante. Questo è il nome di una malattia associata a danni ai piccoli vasi (arterie e capillari) degli arti inferiori. Lo sviluppo della malattia porta a un progressivo disturbo circolatorio alle gambe e soprattutto ai piedi. Ciò significa che i tessuti degli arti inferiori ricevono meno nutrienti e ossigeno di quelli necessari per il normale funzionamento. In assenza di trattamento, i tessuti dei piedi iniziano a morire - si sviluppa la cancrena. Una persona ha uno o entrambi i piedi amputati.

Altri nomi per questa malattia sono trombangite obliterante, endarteriosi, cancrena spontanea, ecc. Le donne soffrono di questa malattia molto meno frequentemente degli uomini (circa 10 volte). Gli uomini, d'altra parte, si ammalano più spesso nella mezza età e anche in giovane età..

Cause della malattia

La medicina non conosce ancora i motivi esatti per cui si verifica l'endarterite obliterante, sebbene il meccanismo di sviluppo della malattia sia stato a lungo chiarito. In primo luogo, c'è uno spasmo persistente (restringimento) dei piccoli vasi delle gambe, in particolare dei piedi. Quindi le pareti dei vasi spasmodici iniziano a infiammarsi, a seguito della quale il lume della nave si restringe ancora di più, fino a completare il blocco da parte di un trombo.

Molti ricercatori ritengono che i processi autoimmuni giochino un ruolo decisivo nello sviluppo di questa malattia: il corpo, per ragioni poco chiare, inizia a produrre anticorpi contro le cellule dei propri vasi..

Ma i fattori che danno impulso allo sviluppo di questa malattia sono stati studiati molto bene. Questi includono:

  • fumare;
  • alcolismo;
  • uno stato di stress prolungato;
  • ipotermia frequente ea lungo termine delle gambe;
  • indossare scarpe scomode, provocando lo sviluppo di vesciche e abrasioni;
  • lesioni alle gambe;
  • alcune infezioni croniche;
  • quantità eccessive di cibi grassi nella dieta quotidiana.

Diagnostica

A causa della presenza di sintomi caratteristici, il medico può facilmente stabilire una diagnosi di endoarterite obliterante anche al primo esame del paziente.

Tuttavia, per chiarire la diagnosi e chiarire lo stadio di sviluppo della malattia, vengono utilizzati studi vascolari utilizzando raggi X (angiografia arteriosa), ultrasuoni (Doppler), microfotografia dei capillari (capillarografia), ecc..

Sintomi della malattia

Reclami dei pazienti

I pazienti con endarterite obliterante lamentano con il medico la rapida insorgenza di stanchezza, pesantezza alle gambe durante la deambulazione, sensazione di intorpidimento alle gambe, sensazione di "strisciamento" sulla pelle delle gambe, sudorazione e freddo ai piedi. Soprattutto gravemente, dolorosamente, le gambe sono fredde quando fa freddo. Frequenti lamentele di crampi alle gambe.

Ma la lamentela principale è la comparsa improvvisa di forti dolori ("come se pugnalati") ai muscoli del polpaccio. Il paziente non può camminare, è costretto a fermarsi per riposare finché il dolore non scompare. Questo fenomeno è chiamato "claudicatio intermittente" e si verifica solo con l'endarterite obliterante.

Segni esterni della malattia

Stadi clinici della malattia

Il primo stadio della malattia è chiamato ischemico (cioè associato a un deterioramento dell'afflusso di sangue all'arto). Si caratterizza per la rapida insorgenza di stanchezza alle gambe durante i movimenti, sensazione di "strisciamento", crampi ai polpacci, freddo alle gambe. Piedi pallidi, freddi, ma il polso sulle arterie dei piedi è determinato.

Il secondo stadio sono i disturbi trofici (cioè i disturbi nutrizionali dei tessuti). Tutte le sensazioni spiacevoli alle gambe si intensificano, il dolore appare quando si cammina. C'è un sintomo di claudicatio intermittente. Il dolore è possibile anche a riposo. Si concentra sulla pianta o sulle dita dei piedi o sui muscoli del polpaccio. La pelle chiara dei piedi diventa bluastra. Diventa secco, sembra pergamena. La crescita delle unghie sulle dita dei piedi rallenta, le unghie sono deformate. I peli delle gambe cadono. Il polso sulle arterie dei piedi è palpabile con difficoltà o è determinato solo su una gamba.

Il terzo stadio è ulcerativo-necrotico. Il movimento del paziente è fortemente ostacolato a causa della claudicatio intermittente persistente. Il dolore alle gambe diventa costante. In posizione orizzontale, aumenta, in modo che il paziente non possa nemmeno dormire sonni tranquilli. I muscoli delle gambe si atrofizzano, le gambe perdono peso. Le ulcere si formano sulle dita dei piedi. L'impulso sui piedi non viene rilevato.

Il quarto stadio è cancrenoso: si sviluppa la cancrena dei piedi. Questa fase della malattia è possibile solo nei casi avanzati, in completa assenza di trattamento.

La cancrena può essere secca o umida. Con lo sviluppo della cancrena secca, i tessuti delle dita o dell'intero piede si seccano, morendo gradualmente. I tessuti interessati diventano neri, si deformano, si ispessiscono.

In caso di sviluppo di cancrena umida, il piede diventa edematoso, come se fosse gonfio. Vene e aree di emorragia risplendono attraverso la pelle pallida e tesa. Si verifica il decadimento dei tessuti e le sostanze tossiche risultanti entrano nel flusso sanguigno, avvelenando l'intero corpo. Per salvare la vita del paziente, i medici sono costretti ad amputare l'arto colpito.

Fasi della malattia in base alla frequenza di insorgenza di attacchi di dolore

Trattamento

La medicina moderna non ha i mezzi per curare completamente una malattia come la cancellazione dell'endarterite. Tuttavia, è del tutto possibile rallentare lo sviluppo della malattia, aumentare la durata dei periodi di remissione, alleviare le condizioni del paziente e, nella maggior parte dei casi, prevenire lo sviluppo di cancrena - con la nomina tempestiva di un trattamento individuale complesso.

L'obiettivo del trattamento per questa malattia è alleviare il dolore, eliminare lo spasmo dei vasi sanguigni, eliminare i disturbi del sistema nervoso.

Il complesso trattamento combina un'ampia varietà di metodi: farmaci, fisioterapia, medicina tradizionale e solo in casi estremi - intervento chirurgico.

Il trattamento conservativo viene utilizzato sin dalle prime fasi della malattia. Comprende l'assunzione di farmaci, l'esecuzione di procedure fisioterapiche e l'uso della medicina tradizionale.

Trattamento farmacologico

Trattamento fisioterapico

Le seguenti tecniche di fisioterapia aiutano a migliorare la circolazione sanguigna nelle gambe:

  • Procedure termiche (riscaldamento della regione lombare con UHF, diatermia, correnti di Bernard, applicazioni di ozocerite; sauna - esposizione all'aria calda secca).
  • Baroterapia (l'arto colpito viene posto in una camera a pressione, dove viene esposto a pressione alternata alta e bassa - il cosiddetto baromassaggio).
  • Magnetoterapia (trattamento con un campo magnetico ad alta frequenza. Questo gruppo di procedure fisioterapiche comprende anche l'uso della cosiddetta "tuta spaziale di Epifanov").
  • Trattamento ad ultrasuoni.
  • Elettroforesi (iniezione di farmaci direttamente nella zona interessata del corpo sotto l'influenza di un campo elettrico).
  • Idroterapia (generale e locale - pediluvi). Sono utili bagni di conifere, idrogeno solforato e radon. I pediluvi usati per questa malattia sono molto diversi:
    • Bagni caldi - immersione dei piedi in acqua riscaldata a 40-42 o. La procedura richiede 15-20 minuti. Quindi i piedi vengono asciugati. Si consiglia di indossare calze di lana.
    • Bagni di senape - vengono eseguiti allo stesso modo di quelli caldi, ma all'acqua viene aggiunta la polvere di senape secca (1-2 cucchiai).
    • Bagni di contrasto: i piedi vengono immersi prima per 5 minuti in acqua calda (42-43 o), quindi in acqua fredda (dal rubinetto) per 30 secondi. Questo viene ripetuto 4 volte. La quinta volta si conclude con un'immersione di 5 minuti dei piedi in acqua calda. Si asciugano i piedi. Metti i calzini (di lana).

Un altro tipo di bagni terapeutici per la cancellazione dell'endarterite sono i bagni di trementina bianca secondo il metodo di Zalmanov. Sono usati come semicupi o pediluvi, ma i semicupi sono più efficaci. Per questi bagni viene aggiunta all'acqua una speciale emulsione bianca chiamata "Trementina bianca". Il ciclo di trattamento con "Trementina bianca" consiste in 25 bagni, assunti a giorni alterni, con aumento graduale della quantità di emulsione aggiunta all'acqua.

Medicina tradizionale

I guaritori tradizionali sono usati per curare l'endarterite, prima di tutto, la raccolta di erbe medicinali (erboristeria).

Ecco le ricette per diverse tisane:

Collezione per alleviare il dolore alle gambe

  • fiori di lavanda, foglie di menta piperita, fiori e foglie di biancospino - 30 g ciascuno;
  • Semi di Sophora giapponese, erba di timo, erba di erba secca della foresta - 20 g ciascuno;
  • foglie di droga e frutti del muso - 10 g ciascuno;
  • steli e foglie di vischio bianco - 40 g.

Tutti questi componenti (pre-essiccati) vengono frantumati, miscelati e preparati con acqua bollente alla velocità di 600 ml per 2 tavoli. cucchiai della miscela. 2 ore dopo, l'infuso viene filtrato e preso un quarto d'ora prima dei pasti, 3 volte al giorno, 0,75 tazze.

Raccolta che riduce il vasospasmo

  • piccola pervinca (foglie), cumino (frutti) - 10 g ciascuno;
  • biancospino (fiori) - 20 g;
  • vischio bianco (foglie e steli) - 30 g.

2 tavolo. cucchiai della miscela frantumata vengono versati con 400 ml di acqua bollente e insistono per 2 ore. Si consiglia di prenderlo quattro volte al giorno, un'ora dopo un pasto, 100 ml. Il trattamento dura 2 settimane, poi viene interrotto per 1 settimana. Ci sono 3 di questi corsi in totale. Puoi ripetere il trattamento con questa collezione solo dopo sei mesi..

È anche utile bere infusi di semi di aneto, erba di San Giovanni, ittero, boccioli di betulla, immortelle, radice di valeriana. Sono preparati nel solito modo: un tavolo. un cucchiaio di erbe aromatiche in 200 ml di acqua bollente; lasciate raffreddare, filtrate, bevete durante il giorno.). Queste piante aiutano a pulire i vasi sanguigni e ad aumentare il loro lume.

Le erbe medicinali sono utilizzate non solo per la somministrazione orale, ma anche per i pediluvi. Ad esempio, i pediluvi con polvere di fieno sono molto efficaci..

300 g di polvere di fieno, o semplicemente fieno, vengono messi in un sacchetto di tessuto denso, versati con tre litri di acqua bollente e infusi per un'ora. Quindi l'infuso viene filtrato e aggiunto all'acqua per il pediluvio, riscaldata a 38-39 o. La procedura dura 20-25 minuti.

Oltre alle piante medicinali, la medicina tradizionale utilizza vari metodi di trattamento dell'endarterite obliterante, ad esempio i "pediluvi" caldi e asciutti. Per questo, 2 mattoni vengono riscaldati in qualsiasi modo. I mattoni caldi vengono posti sul pavimento, il paziente si siede accanto a lui su una sedia e mette i piedi nudi sui mattoni (non surriscaldare i mattoni per evitare scottature!). La procedura dura circa mezz'ora, dopodiché si consiglia di indossare calze di lana; meglio che vada a letto.

Vasi di pulizia con un decotto di patate
Pelare 4-5 patate ben lavate e far bollire la pulizia con 0,5 litri di acqua. Quindi abbassare la fiamma e cuocere la pulizia per altri 15 minuti. Filtrare il brodo risultante dopo il raffreddamento e bere 100 ml tre volte al giorno. Prendi il cibo mezz'ora dopo aver preso il brodo. Il trattamento dura 2 settimane.

Pulire i vasi con una miscela di agrumi
Scorrere un tritacarne 2 arance e 2 limoni insieme alla buccia (togliere i semi!). Aggiungi 2 cucchiai al composto. cucchiai di miele, mescolate il tutto, tenetelo a temperatura ambiente per un giorno, poi mettetelo in frigorifero. Prendi tre volte al giorno mezz'ora prima dei pasti, 2 cucchiaini. Il trattamento dura un mese, poi viene interrotto per 2 settimane, quindi segue un altro mese di trattamento.

Trattamento con prodotti dell'apicoltura e miele
Il miele migliora il metabolismo e la circolazione sanguigna, quindi è utile per cancellare l'endarterite. Si consiglia di scegliere il miele scuro per il trattamento e consumare fino a 100 g di questo prodotto al giorno (in piccole porzioni, 1-2 cucchiaini prima dei pasti, lavati con liquido caldo).

La propoli con endoarterite ha un effetto analgesico e purificante del sangue. Prendilo sotto forma di una tintura al 10% (farmacia) 15 gocce 3-4 volte al giorno, un'ora prima di un pasto, o semplicemente mastica piccoli pezzi (4-5 g) di propoli pura. Devi masticare per alcuni minuti e solo allora deglutire.

La pappa reale purifica e dilata i vasi sanguigni e quindi migliora l'apporto di ossigeno ai tessuti. Puoi assumere questo prodotto nella sua forma pura, sotto forma di tintura o compresse "Apilac".

La pappa reale pura viene assorbita sotto la lingua a 20-30 mg; La tintura al 10% (5-10 gocce) viene sciolta in un cucchiaio di acqua calda; Le compresse di Apilak sono usate per via sublinguale, 2 tab. Tutti questi fondi dovrebbero essere presi 3-4 volte al giorno, 1–0,5 ore prima dei pasti.

L'unguento "Apifitobalzam" viene strofinato sulle gambe doloranti, che include propoli, cera d'api ed estratto di erba rampicante di palude.

Trattamento al veleno d'api
Il veleno d'api allevia il vasospasmo, ha un effetto analgesico e migliora il benessere dei pazienti con endarterite. Il veleno d'api viene utilizzato in vari modi:

  • puntura diretta delle api (apiterapia);
  • inalazione di veleno d'api sotto forma di inalazione;
  • sfregamento in unguenti contenenti veleno d'api (Apizartron, Ungapiven, Virapin, Apinil, crema Tentorium);
  • l'introduzione di preparati farmaceutici intradermici in fiale (Apitoxin, Apizartron, Toxapin, Venapiolin, Virapin);
  • assorbimento di compresse di veleno d'api sotto la lingua (Apifor).

Chirurgia

Con l'endarterite obliterante, il trattamento chirurgico è prescritto se non vi è alcun effetto della terapia conservativa, nonché in caso di rilevamento tardivo della malattia (casi avanzati senza trattamento).

Sono possibili le seguenti opzioni chirurgiche:

  • Simpatectomia: taglio delle fibre nervose responsabili del vasospasmo delle gambe. L'effetto di questa operazione è particolarmente evidente nelle prime fasi della malattia. Le condizioni del paziente migliorano drasticamente: i dolori scompaiono o si indeboliscono improvvisamente, le ulcere guariscono, i tessuti morti vengono gradualmente respinti. Il colore della pelle delle gambe diventa normale. La temperatura della pelle delle gambe aumenta (di 4-6 o).
  • Bypass surgery - sutura di un vaso artificiale bypassando l'arteria interessata. Questa operazione è una delle più efficaci in questa malattia..
  • Rimozione dell'area interessata dell'arteria (possibile se la lunghezza di quest'area non supera i 15 cm).
  • Operazioni microchirurgiche per ripristinare la pervietà dei vasi spasmodici.
  • Rimozione di aree di cancrena secca.
  • Amputazione. Lo sviluppo di cancrena umida è un'indicazione per l'amputazione del piede, della parte inferiore della gamba o dell'intero arto inferiore. È molto importante eseguire questa operazione in modo tempestivo per preservare almeno l'articolazione del ginocchio - in questo caso sono possibili protesi successive..

Prevenzione delle esacerbazioni

Creazione di condizioni di temperatura confortevoli per i piedi

Modalità motore attiva

Igiene degli arti inferiori

Protezione delle gambe da lesioni minori (abrasioni, abrasioni, duroni)

Nutrizione appropriata

Non esiste una dieta speciale per i pazienti con endoarterite obliterante, ma va tenuto presente che essere in sovrappeso è un onere aggiuntivo per le gambe. Pertanto, si raccomanda di ridurre il contenuto calorico del cibo, limitare la quantità di piatti dolci, grassi e di farina (ei pazienti con eccesso di peso dovrebbero escludere completamente questi prodotti dalla loro dieta).

Invece, devi aumentare la quantità di frutta e verdura nella tua dieta quotidiana. I succhi naturali, sia di frutta che di verdura, sono molto utili.
I nutrizionisti raccomandano che i pazienti con endarterite mangino più melanzane in qualsiasi forma. Questo ortaggio aiuta a pulire le pareti dei vasi sanguigni dal colesterolo..

Gli alimenti contenenti vitamina B dovrebbero essere inclusi nella dieta: pane di segale, porridge di grano saraceno, noci, piselli, fagioli.
È anche utile mangiare i frutti della cenere di montagna - aronia sia rossa che nera - per rafforzare la parete vascolare.

Automassaggio

Nel periodo iniziale della malattia, l'automassaggio ha un effetto terapeutico pronunciato: migliora la circolazione sanguigna nelle gambe, riduce gli spasmi vascolari e promuove lo sviluppo di vasi aggiuntivi. Si consiglia di condurre sessioni di automassaggio due volte al giorno..
In questo caso, il paziente massaggia la schiena, la parte bassa della schiena, i glutei e le cosce.

Automassaggio della schiena e della parte bassa della schiena
In posizione eretta (gambe divaricate alla larghezza delle spalle), il paziente mette entrambe le mani dietro la schiena e accarezza la schiena dal centro (dalla colonna vertebrale) ai lati. Accarezzare la parte bassa della schiena viene eseguito spostando i palmi verso l'alto dai glutei, quindi dal centro verso i lati.
Successivamente, la parte lombare viene sfregata con movimenti circolari delle dita nella direzione dalla parte bassa della schiena al coccige e viceversa.

Automassaggio dei glutei
Mentre massaggia il gluteo destro, il paziente si alza in piedi, appoggiandosi alla gamba sinistra. La gamba destra è rilassata e adagiata di lato. Accarezza la natica destra con il palmo destro, portando la mano dal basso verso l'alto e verso destra. Questo è seguito dallo sfregamento dei glutei con movimenti circolari delle dita..

La tecnica successiva è impastare il muscolo gluteo tra le dita della mano destra. Allo stesso tempo, le dita sono serrate e aperte, muovendosi verso l'alto. Quindi il muscolo gluteo viene scosso e accarezzato.
Il gluteo sinistro viene massaggiato con le stesse tecniche, ma con la mano sinistra, e in appoggio sulla gamba destra.

Automassaggio della coscia
Quando massaggia la coscia destra, il paziente si siede su una sedia con uno schienale e mette la gamba destra su uno sgabello davanti. Un piccolo rullo di tessuto è posizionato sotto l'articolazione del ginocchio della gamba destra. Lo stinco destro dovrebbe pendere liberamente dallo sgabello. Gamba sinistra leggermente di lato.

Il massaggio inizia accarezzando le cosce con una o due mani (alternativamente). La direzione del movimento va dall'articolazione del ginocchio all'articolazione dell'anca. La carezza leggera e superficiale viene gradualmente intensificata e quindi si procede allo sfregamento. Viene eseguito con movimenti rotatori delle dita lungo le superfici laterali della coscia, a partire dall'articolazione del ginocchio. Sulla parte esterna della coscia, lo sfregamento viene eseguito sull'articolazione dell'anca e all'interno - sul quarto superiore della coscia.
Dopodiché, ripeti le carezze.

Questo è seguito dall'impastamento dei muscoli della coscia destra (mano sinistra). L'impasto della coscia dalla parte posteriore viene eseguito con entrambe le mani, rimuovendo la gamba dallo sgabello e posizionandola con un angolo di 80-85 ° rispetto al pavimento. Il paziente si sposta sul bordo della sedia..

Dopo aver impastato, scuoti i muscoli della coscia con entrambe le mani e ripeti la carezza. Questo completa il massaggio della coscia destra. Le stesse tecniche vengono ripetute sulla coscia sinistra, appoggiandola su uno sgabello..

Le tecniche di automassaggio devono essere prima mostrate al paziente dal massaggiatore del policlinico.

Fisioterapia

Con l'endarterite obliterante degli arti inferiori, gli esercizi di terapia fisica possono essere eseguiti nella fase iniziale della malattia o dopo operazioni sui vasi delle gambe. Lo scopo di questi esercizi è migliorare la circolazione sanguigna nelle gambe, aumentare le prestazioni dei muscoli delle gambe..

In nessun caso il paziente deve iniziare l'educazione fisica da solo: può causare gravi danni alla sua salute. Il paziente impara una serie di esercizi sotto la guida di un medico di terapia fisica. Questo complesso comprende sia esercizi di rafforzamento generale che di respirazione, nonché esercizi speciali per gli arti colpiti dalla malattia..

Negli stadi ulceroso-necrotico e cancrenoso l'esercizio fisico è categoricamente controindicato..

Rifiuto delle cattive abitudini

Un paziente con endarterite obliterante dovrebbe escludere definitivamente il fumo e il consumo di alcol dalla sua vita. La nicotina e l'alcol contribuiscono al vasospasmo e supportano questo spasmo. La nicotina è particolarmente pericolosa: rallenta il flusso sanguigno, restringe i vasi sanguigni, aumenta la coagulazione del sangue.

Gli esperimenti hanno dimostrato che un paziente con endarterite, dopo aver fumato anche una sigaretta, avverte immediatamente che i suoi piedi sono freddi. La loro temperatura cutanea scende di parecchi gradi.

Se il paziente, essendo un forte fumatore, non vuole o non può rinunciare alla sua dipendenza, nessuna misura medica lo aiuterà a superare la malattia.

Evitare lo stress

Previsione

Se il trattamento dell'endarterite obliterante viene avviato in modo tempestivo e il paziente soddisfa tutte le prescrizioni del medico, la malattia si sviluppa lentamente e non è necessaria un'operazione. Una cura completa è impossibile, ma è possibile rallentare, fermare la progressione della malattia, prevenire il verificarsi di cancrena.

Tuttavia, con un inizio tardivo o una completa assenza di trattamento, se il paziente ha cattive abitudini, la prognosi è infausta. Lo sviluppo della cancrena e l'amputazione degli arti sono quasi inevitabili.

Cos'è l'endarterite cancellante?

Le lesioni obliteranti dei vasi delle estremità non sono la malattia più rara ai nostri tempi. Pertanto, chiunque può esservi esposto. Pertanto, è necessario conoscere questa "terribile bestia" per potersi difendere. Come ultima risorsa, sappi quale specialista specifico contattare per chiedere aiuto.

Cos'è?

Le lesioni obliteranti delle estremità (dal latino oblitterare - cancellazione, levigatura) sono malattie del sistema circolatorio e linfatico, che colpiscono in particolare i vasi delle estremità. All'interno delle pareti delle arterie e dei capillari cresce il loro strato interno, il che porta a una diminuzione del lume della nave, alla sua parziale crescita eccessiva. Questa è la cancellazione.

Il motivo è l'infiammazione degli strati endoteliali della nave. Insieme, c'è un blocco della circolazione sanguigna e del drenaggio linfatico. Esiste una classificazione delle malattie cancellanti, che si basa sulla loro localizzazione. Quindi, le lesioni di arterie, vene, vasi linfatici delle estremità sono isolate.

Inoltre, le malattie cancellanti sono congenite e acquisite (infiammatorie, distrofiche). Nella maggior parte dei casi, tali infiammazioni sono registrate nei maschi di età compresa tra 30 e 50 anni. Nelle donne, la malattia è piuttosto rara..

Le malattie obliteranti più comuni sono:

  • tromboangioite obliterante / endarterite;
  • obliterazione dell'aterosclerosi.

Foto di endoarterite obliterante:

Sintomi della malattia

  • I primissimi sintomi di endoarterite che compaiono in un paziente sono sensazioni dolorose nell'area del piede, della parte inferiore della gamba e delle dita dei piedi. I segni sono caratterizzati da intorpidimento, un sintomo di un "dito morto" (senso alterato dell'oggetto nelle dita), nonché una sensazione di calore o bruciore. I pazienti lamentano che durante il movimento la sensazione di calore si trasforma in freddo.
  • I casi in cui la malattia ha origine dalla flebite migratoria non sono così comuni. Sul piede del paziente (schiena) appare un'area rossastra ispessita. Dopo due settimane scompare lasciando una pigmentazione marrone sulla pelle. Tali trasformazioni sono osservate su importanti vasi venosi. Per la diagnosi differenziale, l'assenza di vene varicose è di grande importanza..
  • Un segno evidente della malattia è la claudicatio intermittente. I pazienti nel processo di movimento sviluppano forti dolori ai polpacci, che si diffondono in tutta la gamba su e giù. Pertanto, il paziente è costretto a zoppicare e fare soste, durante le quali il disagio scompare..

L'essenza del sintomo è nella reazione sbagliata dei vasi, vale a dire, durante il carico motorio, i vasi di tipo muscolare dovrebbero espandersi e si restringono. Inoltre, i pazienti lamentano pallore e freddezza dell'arto..

Con un decorso lieve della malattia, il disagio può apparire solo all'inizio del cammino. Dopo che il corpo umano si è abituato a tali carichi e non si verificano problemi di movimento. Si ritiene che in tali casi i vasi collaterali (ausiliari) si sviluppino fortemente. Nei casi più gravi, il dolore diventa un compagno costante di una persona. I pazienti devono sedersi di notte per massaggiare l'arto colpito.

Più in là sulla punta, vicino all'unghia, si forma un piccolo "granello viola". Gradualmente allargandosi, porta alla cancrena.

Come rafforzare le pareti dei vasi sanguigni e delle vene a casa? Leggi in questo articolo.

Metodi di trattamento

Il trattamento più efficace è nelle prime fasi dell'obliterazione dell'endarterite dei vasi degli arti inferiori. Ma prima devi abbandonare le cattive abitudini. È stato dimostrato che quando si smette di fumare, le sensazioni dolorose diminuiscono.

Medicinali e chirurgici

Per il trattamento dell'endarterite obliterante degli arti inferiori, vengono utilizzati vari farmaci vasodilatatori, antispastici, unguento eparinico come parte delle compresse per eliminare la trombosi. Così come:

  • Acido nicotinico. Un effetto positivo è dato dalla sua combinazione con vitamine del gruppo B. Il farmaco viene iniettato per via intra-arteriosa nell'arteria femorale.

Esiste anche un trattamento fisioterapico dei sintomi dell'endarterite. Tali procedure portano ad un aumento dell'effetto dei farmaci, che consente un recupero più rapido dei pazienti. In questo caso, le seguenti procedure fisioterapiche vengono utilizzate in cicli:

  • Elettroforesi (stimolazione del corpo con corrente elettrica associata all'introduzione di farmaci; ha un effetto positivo su tutto il corpo nel suo insieme).
  • UHF (esposizione del paziente a campi elettromagnetici ad altissima frequenza; riduce il dolore, rimuove l'edema, aiuta nella guarigione di ferite e fratture).
  • Esposizione ultrasonica (vibrazioni delle particelle del mezzo, che si trasformano in un effetto termico sul corpo umano, mentre avviene il micromassaggio dei tessuti; migliora la circolazione sanguigna e le funzioni metaboliche del corpo).

Al fine di escludere l'ipossia tissutale, viene utilizzata una camera a pressione (una stanza / "camera" in cui si crea artificialmente una pressione aumentata o diminuita in relazione alla pressione atmosferica) e l'introduzione di ossigeno sotto la pelle.

Ci sono trattamenti chirurgici. Per eliminare l'effetto dei gangli spasmodici (nodi nervosi), è necessario eseguire blocchi di novocaina ed eliminare prontamente i gangli del tronco simpatico su entrambi i lati.

Nel caso di una manifestazione lieve di flebite (infiammazione delle pareti dei vasi sanguigni), l'area interessata dei vasi viene ruotata chirurgicamente su protesi o bypass (cioè creano un percorso per il sangue bypassando l'area interessata, grazie all'orlo di una parte dell'arteria femorale (è più spesso utilizzata) al vaso interessato).

Nella fase della malattia, in cui viene diagnosticata la presenza di cancrena nel paziente, viene sollevata la questione dell'amputazione dell'arto per salvare la vita umana.

Impara da questo articolo su cos'è la trombosi vascolare.

In quali casi avviene il passaggio degli ultrasuoni Doppler?

Consigli popolari

Anche il trattamento con rimedi popolari per eliminare l'endarterite può aiutare ad alleviare le condizioni del paziente. I decotti a base di piante medicinali servono come fonti di componenti utili per il paziente. Quindi, si consiglia di utilizzare:

  • miscele di limone e miele all'interno;
  • decotto di patate (è necessario il liquido avanzato dalla cottura delle patate) nella quantità di ½ tazza, 3 volte al giorno;
  • decotto alle erbe, che comprende: erba di San Giovanni, cumino, valeriana, immortelle;
  • è riconosciuta efficace anche la terapia con il veleno d'api, ovvero l'assunzione di pappa reale.

Complicazioni di endarterite

Esiste un'alta probabilità della comparsa di complicanze dell'endarterite obliterante in caso di ricorso prematuro a un'organizzazione medica per chiedere aiuto. La malattia viene diagnosticata in fasi successive, quando il passaggio della malattia dalla fase di "sensazioni dolorose quando si cammina" allo stadio di "cancrena sviluppata".

Le conseguenze più gravi sono gli interventi chirurgici (che includono il recupero post-chirurgico) e le amputazioni degli arti..

Previsione e prevenzione

Si può contare su un completo recupero e su una prognosi favorevole solo se le raccomandazioni fornite dal professionista medico sono seguite accuratamente, nonché la diagnosi tempestiva della malattia (cioè nelle fasi iniziali).

Il trattamento preventivo ha lo scopo di prevenire lo sviluppo di cancrena con successiva amputazione dell'arto. Le raccomandazioni fornite dai medici sono le seguenti:

  • è necessario monitorare la temperatura delle estremità, per prevenire l'ipotermia; usa calzini di lana se necessario;
  • controllare ulteriormente lo stato delle scarpe. Deve essere comoda e libera;
  • Anche l'igiene degli arti inferiori è un aspetto importante. I piedi devono essere lavati 2 volte al giorno, utilizzando una doccia di contrasto (cambiare l'acqua calda in fredda e viceversa);
  • la condizione della pelle è molto importante. Deve essere asciutto. Puoi trattare i tuoi piedi con soluzioni disinfettanti e agenti antibatterici;
  • devi anche includere piacevoli passeggiate nella tua routine quotidiana;
  • è necessario smettere di usare alcol e prodotti del tabacco.

Le condizioni del paziente vengono regolate, dopo di che vengono inibite le manifestazioni dolorose della malattia e aumentano gli intervalli di remissione.

Sintomi e trattamento dell'endarterite obliterante

Molto spesso viene diagnosticata l'endarterite obliterante dei vasi degli arti inferiori, in cui si verifica un disturbo infiammatorio delle arterie sanguigne. Sullo sfondo della malattia, il flusso sanguigno è disturbato e in futuro il lume vascolare è completamente bloccato. Con una malattia, viene fornito sempre meno ossigeno alla gamba, il che danneggia il tessuto e interrompe la normale funzione dell'arto. La violazione tempestiva non diagnosticata dei vasi degli arti inferiori e superiori porta alla comparsa di ulcere trofiche, cancrena.

Lo sviluppo dell'endarterite obliterante è più spesso registrato negli uomini di mezza età che fumano molto.

Eziologia e patogenesi

Ragione principale

La malattia di Raynaud o l'endarterite obliterante si sviluppa quando fattori negativi influenzano il sistema vascolare. Spesso la fonte della malattia sono i disturbi autoimmuni, che portano all'infiammazione delle pareti vascolari. Ci sono tali fattori che influenzano lo sviluppo della malattia:

  • una reazione allergica alle sostanze alla nicotina;
  • aterosclerosi delle gambe;
  • alterata coagulazione del sangue;
  • malattie infettive.

Secondo l'eziologia, i fumatori attivi hanno il rischio maggiore di sviluppare l'endarterite obliterante. Spesso, un disturbo vascolare patologico viene registrato in pazienti che sono spesso sotto stress e si raffreddano eccessivamente le gambe. Con ripetuti congelamenti degli arti inferiori, aumenta anche la possibilità di ridotta circolazione sanguigna nelle gambe.

Come si sta sviluppando?

La patogenesi dell'endarterite obliterante è piuttosto complessa. Con la malattia, si verificano cambiamenti patologici in tutti gli strati delle arterie. Più spesso, viene registrato un cambiamento nella zona degli arti inferiori, ma è probabile un'infiammazione dei vasi del tratto digestivo, del cervello, del cuore e delle mani. L'endarterite obliterante porta alla proliferazione di 3 strati della parete arteriosa a causa di una reazione infiammatoria. Con la patologia, si verifica un restringimento del lume vascolare e una circolazione sanguigna rallentata. Sullo sfondo della malattia, il lavoro del piccolo ramo del plesso venoso superficiale viene interrotto, il che provoca lo sviluppo della flebite. Con la malattia avanzata, il tessuto cicatriziale si forma intorno alle arterie e alle vene, crescendo insieme in un infiltrato. A causa delle aderenze formate, l'innervazione dei tessuti viene interrotta e viene diagnosticata la neurite.

Sintomi tipici

Nelle fasi iniziali, a volte è problematico sospettare segni di deviazione. Man mano che la malattia progredisce, il quadro clinico si espande e vengono aggiunte varie manifestazioni patologiche. Un sintomo caratteristico dell'endarterite obliterante è la pesantezza persistente agli arti inferiori e una costante sensazione di affaticamento, anche con una breve camminata e un facile sforzo. Inoltre, si osservano i seguenti segni:

A causa dell'obliterazione dell'endarterite, si formano spesso ulcere che, senza un trattamento tempestivo, portano alla morte dei tessuti e alla cancrena.

Classificazione delle fasi

L'endarterite obliterante degli arti inferiori può manifestarsi con sintomi diversi, a seconda della gravità della malattia. Con un'esacerbazione della malattia, i sintomi sono più pronunciati che durante la remissione o il decorso cronico. La tabella mostra le fasi e i sintomi caratteristici dell'endarterite:

EnergiaQuadro clinico
InizialeIl lume vascolare è leggermente ristretto, mentre la circolazione sanguigna non è praticamente compromessa
I sintomi sono lievi
IschemicoL'afflusso di sangue agli arti inferiori è significativamente compromesso
Claudicazione intermittente quando si cammina
Piedi freddi e stanchezza
TroficoI tessuti non ricevono la quantità richiesta di ossigeno e sangue, il che influisce sulla loro funzione
Perdita di capelli nella zona dolorante
Fragilità e deformazione della lamina ungueale
Azzurro della pelle
Difficoltà a sentire il polso
Necrotica ulcerosaMancanza di polso agli arti inferiori
Dolore costante che non scompare con il riposo
Incapacità di muoversi in modo indipendente
Atrofia muscolare
La comparsa di numerose ulcere e morte dei tessuti
CancrenaAsciuttoLe dita degli arti inferiori e del piede si seccano, diventano nere e si deformano
BagnatoGonfiore del tessuto danneggiato
Rilascio nel sangue di sostanze tossiche che hanno un effetto tossico su tutto il corpo
Torna al sommario

Come viene effettuata la diagnosi??

È importante diagnosticare l'endarterite obliterante il prima possibile per evitare complicazioni. La diagnosi differenziale è obbligatoria, in cui la malattia viene confrontata con l'aterosclerosi, poiché i loro segni sono molto simili. Per fare una diagnosi, vengono utilizzati i seguenti metodi diagnostici:

  • Esame ecografico Doppler;
  • termografia, in cui uno specialista esamina gli indicatori di temperatura dell'epidermide;
  • reovasografia per valutare la velocità del movimento sanguigno nei vasi degli arti inferiori;
  • arteriografia con soluzione di contrasto;
  • oscillografia;
  • capillaroscopia, durante la quale viene studiata la microcircolazione sanguigna in un'area specifica.
Torna al sommario

Trattamento: metodi di base

L'operazione è una misura terapeutica radicale

Il trattamento chirurgico dell'endarterite obliterante degli arti inferiori viene utilizzato solo nei casi gravi e viene eseguito raramente. I nodi nervosi spastici influenzano negativamente il decorso della malattia, le condizioni generali del paziente, pertanto viene utilizzato un metodo terapeutico chirurgico. Spesso, le formazioni vengono rimosse contemporaneamente dalle estremità sinistra e destra. Se non compaiono segni pronunciati di flebite, viene eseguita un'operazione per sostituire l'area danneggiata della nave con una protesi e bypass.

Se, con l'endarterite obliterante, c'è una tale complicanza come la cancrena, allora per evitare la sepsi e la morte del paziente, viene eseguita l'amputazione dell'arto inferiore.

Perché viene assegnata la terapia fisica?

Il problema prioritario del paziente con malattia vascolare è la ridotta attività motoria dell'arto ferito. Gli esercizi ginnici aiutano a migliorare il flusso sanguigno, normalizzano la funzione dell'area danneggiata. La ginnastica viene selezionata individualmente per ciascun paziente e dipende dalla gravità dell'endarterite obliterante. Si consiglia di eseguire la terapia fisica ogni giorno 2 volte, mentre la durata della sessione va da 10 a 20 minuti.

Trattamento con rimedi popolari

L'endarterite obliterante può essere trattata utilizzando ingredienti naturali. Usa efficacemente il veleno d'api e usa la pappa reale. La fitoterapia ha lo scopo di normalizzare la circolazione sanguigna, eliminare le tossine e alleviare la condizione generale. Il succo di patate ha proprietà curative, che viene consumato per via orale in 100 ml 3 volte al giorno. Si consiglia al paziente di essere trattato con tali rimedi popolari, preparando decotti e tinture:

  • biancospino;
  • menta;
  • timo;
  • Erba di San Giovanni;
  • cumino;
  • valeriana;
  • immortelle.
Torna al sommario

Fisioterapia

Per prevenire la progressione dell'endarterite obliterante, si consiglia di eseguire manipolazioni fisioterapiche. Anche il massaggio è importante, che puoi fare da solo o utilizzare i servizi di un maestro. Trattamenti efficaci:

  • elettroforesi con farmaci;
  • Terapia UHF;
  • trattamento con ultrasuoni;
  • procedure in una camera a pressione;
  • l'introduzione di ossigeno sotto la pelle;
  • l'impatto delle correnti diadinamiche;
  • procedure termiche;
  • bagni medici;
  • magnetoterapia.
Torna al sommario

Complicazioni con l'endarterite obliterante

Se il paziente non esegue massaggi, fisioterapia, ginnastica e altre misure terapeutiche conservative, la malattia progredisce rapidamente e porta a conseguenze irreversibili. Sullo sfondo dell'endarterite obliterante, si formano ulcere trofiche ed eczema. Una grave complicanza è la cancrena, che provoca avvelenamento del sangue e morte in caso di amputazione prematura dell'arto inferiore.

Prevenzione

Una persona dovrebbe escludere il fumo dalla vita, che è il principale fattore predisponente per lo sviluppo della malattia. Vale la pena mangiare bene, evitando il congelamento e l'esposizione prolungata a una stanza troppo calda o fredda. La prevenzione dell'endarterite obliterante include un regolare esercizio fisico e indossare scarpe comode.

Endarterite obliterante

Articoli di esperti medici

L'endarterite obliterante è una malattia autoimmune che colpisce le arterie periferiche, poiché la malattia progredisce, inizia il restringimento del loro lume e una ridotta circolazione. Questa malattia è anche chiamata tromboangioite o malattia di Buerger..

Durante la malattia si osservano spesso periodi acuti, seguiti da remissione. Il restringimento delle arterie porta a una riduzione del flusso sanguigno negli arti.

Nelle prime fasi della malattia, una mancanza di sangue arterioso provoca dolore alle gambe dopo lo sforzo fisico, ma nel tempo il dolore diventa stabile, ulcere non cicatrizzanti a lungo termine e cancrena dei piedi possono comparire sulle gambe.

La malattia è più suscettibile agli uomini di mezza età.

Codice ICD-10

L'endarterite obliterante secondo l'ICD 10 è inclusa nella sezione I70 Aterosclerosi. Include: malattia arteriolosclerotica, ateroma, endoarterite obliterante o endoarterite con deformità. Escluso: aterosclerosi cerebrale, polmonare, coronarica, mesenterica.

Codice ICD-10

Cause di endoarterite obliterante

L'endarterite obliterante non è stata sufficientemente studiata da specialisti, quindi non è possibile stabilire le ragioni del suo sviluppo. Nella prima fase, appare un restringimento spastico stabile dei vasi capillari degli arti inferiori, in particolare dei piedi. Nel tempo, l'infiammazione inizia nelle pareti vascolari, modificate dallo spasmo, a seguito del quale le pareti interne della nave praticamente aderiscono, fino a quando non vengono completamente bloccate da un trombo.

Molti esperti ritengono che gli autoanticorpi (anticorpi prodotti dal sistema immunitario ai tessuti o alle proteine ​​del proprio corpo) portino alla malattia, che colpiscono le arterie e innescano la crescita del tessuto connettivo.

Alcuni esperti ritengono che il fumo, l'ipotermia frequente, lo stress portino allo sviluppo di endoarterite obliterante..

Inoltre, aumenta il rischio di sviluppare malattie, traumi, infezioni croniche, neuriti.

Mentre studiavano la malattia, medici e scienziati hanno identificato quattro possibili cause dello sviluppo di questa malattia:

  • Aterosclerosi in giovane età
  • Infezioni (in particolare micosi), avvelenamento
  • Disturbo della coagulazione del sangue
  • Allergia al tabacco

I medici hanno anche identificato altri fattori che contribuiscono al verificarsi di endoarterite obliterante:

  • passione per il fumo o il consumo di bevande alcoliche;
  • essere in uno stato di situazione stressante prolungata;
  • raffreddamento frequente e prolungato delle gambe;
  • camminare con scarpe strette o scomode;
  • attività associate a frequenti traumi ai piedi;
  • malattie infettive croniche;
  • abuso quotidiano di cibi grassi ricchi di colesterolo.

Sintomi di endoarterite obliterante

L'endarterite obliterante si manifesta principalmente con debolezza delle estremità, affaticabilità molto rapida. In caso di malattia, una persona può anche notare un forte affaticamento dopo una prolungata posizione in piedi o camminata, c'è la sensazione che le gambe sembrino "ronzare".

Con la progressione della malattia, la pelle degli arti diventa fresca, appare la secchezza. All'inizio, il freddo delle estremità si verifica di tanto in tanto, ma poi la sensazione di freddo non lascia una persona, anche se è vestita in modo caldo o fa caldo.

Successivamente, compaiono sensazioni di intorpidimento, formicolio o strisciamento. In una forma trascurata, quando i vasi hanno già subito cambiamenti significativi, la temperatura delle estremità differisce in modo significativo dalla temperatura corporea generale.

A causa di una violazione dell'afflusso di sangue, gli arti diventano pallidi, freddi, le dita diventano rosso-bluastre e differiscono nettamente di colore dal resto.

Un altro sintomo della malattia è l'aumento della sudorazione degli arti colpiti. Nelle ultime fasi, compaiono dolori nella parte inferiore della gamba, piede, che costringe una persona a riposare spesso mentre cammina. Questo sintomo nel linguaggio dei medici è chiamato claudicatio intermittente. C'è una forte diminuzione del lume dei vasi del polpaccio, che riduce l'apporto di ossigeno e sostanze nutritive ai tessuti, che provoca spasmi e forti dolori.

Con l'endarterite obliterante avanzata, la velocità di deambulazione diminuisce, una persona può percorrere sempre meno distanze.

I cambiamenti interessano anche le unghie, che diventano bluastre, si rompono rapidamente e si deformano a causa di un'alimentazione insufficiente..

Con la progressione della malattia, la forza della pulsazione delle arterie sul retro del piede diminuisce, il che provoca gravi convulsioni, che all'inizio disturbano solo quando si cammina e successivamente in uno stato calmo.

Se non trattata, la malattia porta a gonfiore e piaghe sulla pelle. Il sintomo più pericoloso dell'endarterite obliterante è la necrosi dei tessuti..

Un sintomo caratteristico dell'endarterite obliterante

L'endarterite obliterante si manifesta principalmente con intorpidimento e sensazione di pesantezza alle gambe, soprattutto dopo una lunga camminata. Spesso sulla pelle delle gambe compaiono "pelle d'oca", sensazione di freddo e sudorazione eccessiva. Nella stagione fredda, gli arti sono molto freddi e doloranti.

Un sintomo caratteristico sono i crampi e un forte dolore ai muscoli del polpaccio; dopo il riposo, la condizione torna alla normalità..

Obliterazione dell'endarterite e dell'aterosclerosi

L'endarterite obliterante colpisce le piccole arterie, non c'è formazione di placche, a differenza dell'aterosclerosi, che colpisce principalmente le grandi arterie e forma placche aterosclerotiche in alcuni punti del vaso colpito. Con l'endarterite obliterante, l'intera arteria spasmi, il lume si restringe, la circolazione sanguigna è difficile e la malattia progredisce molto più velocemente dell'aterosclerosi.

Obliterazione di endarterite e tromboangioite

L'endarterite obliterante è anche nota come tromboangioite. Gli uomini contraggono la tromboangioite dieci volte più spesso della metà femminile della popolazione. L'età media in cui la malattia inizia a manifestarsi è di 30-40 anni, ma ci sono stati casi in cui la malattia è stata diagnosticata a 15-16 anni.

Tuttavia, oltre ai sintomi di cui sopra, la principale lamentela dei pazienti è un forte dolore ai muscoli del polpaccio, che appare quando si cammina e fa fermare persino una persona dal dolore.

Ma torniamo ai primi segni della malattia. Come possono essere riconosciuti?

Per cominciare, dovresti esaminare la pelle delle gambe: nelle aree patologiche, la pelle è più chiara che sana e può persino avere una tinta bluastra. Piedi freddi al tatto.

Negli stadi più avanzati compaiono ulcere scarsamente curative, aree necrotiche nell'area dei piedi e delle articolazioni della caviglia, che nel tempo possono assumere l'aspetto di cancrena.

L'endarterite obliterante dei vasi degli arti inferiori è convenzionalmente suddivisa in più fasi:

  • Lo stadio iniziale è ischemico, caratterizzato da un rallentamento della circolazione sanguigna nell'arto. Sintomi dello stadio I: sensazione di affaticamento in aumento dinamico durante la deambulazione, sensazione di intorpidimento periodico, comparsa di contrazioni muscolari convulsive, freddo nella parte inferiore delle gambe.
  • Il successivo, stadio II - disturbi del trofismo tissutale (scarso apporto di ossigeno e nutrizione ai tessuti). Sintomi: aumenta il fastidio alle gambe, compare dolore e, di conseguenza, zoppia. La pelle delle gambe diventa bluastra, si verifica secchezza; le unghie cambiano forma, diventano fragili e senza vita.
  • Fase III: la comparsa di aree di necrosi e ulcere. Il dolore alle gambe è costante, soprattutto quando si è sdraiati. Gli arti inferiori perdono notevolmente peso, i muscoli del polpaccio diminuiscono. Le ulcere si sviluppano, principalmente nelle dita dei piedi.
  • Fase IV: lo sviluppo della cancrena. Ciò accade se il paziente non ha tentato di curare la malattia..

Inoltre, si distinguono varietà di endoarterite obliterante, a seconda della frequenza con cui si osservano sensazioni dolorose:

  • il paziente può viaggiare da uno a diversi chilometri prima di sentire dolore alle gambe;
  • il paziente non cammina più di duecento metri;
  • i dolori compaiono dopo 20-30 metri di percorso coperto;
  • i dolori sono costanti, le ulcere si formano sulle gambe;
  • si sviluppano lesioni gangrenose degli arti.

L'endarterite obliterante può svilupparsi gradualmente, nell'arco di diversi anni o rapidamente. L'ultima variante aggressiva dello sviluppo della malattia è la più pericolosa.

Obliterazione dell'endarterite degli arti inferiori

L'endarterite obliterante degli arti inferiori si verifica ciclicamente, ad es. i periodi di esacerbazione della malattia sono sostituiti da fasi di indebolimento temporaneo dei sintomi gravi o dalla loro completa scomparsa.

Di solito la malattia è cronica, ma in rari casi c'è un decorso acuto della malattia.

Nelle prime fasi della malattia, non si verificano cambiamenti organici nelle arterie; sono possibili spasmi vascolari. Nel tempo, l'endoarterite progressiva porta all'occlusione parziale o completa dell'arteria, con conseguente scarso flusso sanguigno e ulcerazione o cancrena..

Ci sono cinque fasi di sviluppo dell'endarterite obliterante degli arti inferiori:

  • Distrofia delle terminazioni nervose. In questa fase, il flusso sanguigno non è disturbato, le arterie (in rari casi, le vene) sono leggermente ristrette. Non vi è alcuna manifestazione clinica pronunciata della malattia in questa fase.
  • Spasmo arterioso. In questa fase, c'è un aumento del carico sui rami laterali dei vasi sanguigni, che porta alla comparsa dei primi sintomi della malattia: rapida stanchezza alle gambe, gambe costantemente congelate, zoppia possono apparire nel tempo.
  • Crescita del tessuto connettivo. In questa fase, tutti gli strati delle pareti dei vasi sanguigni iniziano a crescere attivamente, il che provoca dolore non solo dopo aver camminato o uno sforzo fisico, ma anche a riposo. Nelle arterie delle gambe, la pulsazione è significativamente ridotta. Il terzo stadio della malattia è considerato avanzato.
  • Trombosi (blocco) dei vasi sanguigni. In questa fase iniziano i processi irreversibili: necrosi dei tessuti, cancrena.
  • In questa fase, i cambiamenti iniziano a influenzare i vasi di altri organi, in particolare i vasi del cuore e del cervello..

Endarterite obliterante

Informazione Generale

L'endarterite obliterante (in altre parole tromboangioite, tromboangiosi o endarteriosi) si riferisce a malattie sistemiche croniche che colpiscono i piccoli vasi sanguigni e più spesso le arterie delle gambe. La patologia si sviluppa in più fasi, a partire dall'infiammazione (panarterite), restringimento graduale del lume vascolare - obliterazione graduale e fino al completo blocco, provocando lo sviluppo spontaneo di cancrena e necrosi dei tessuti privi di afflusso di sangue.

Nonostante il fatto che l'endoarterite sia una patologia neurodistrofica, localizzata più spesso sugli arti inferiori, i cambiamenti vengono spesso rilevati simultaneamente nei vasi del cuore, dei reni e persino del cervello. In questo caso, il tipo di obliterazione è simmetrico - si sviluppa su entrambe le gambe, e anche solitamente ascendente e segmentale - dalle parti distali del flusso sanguigno a quella prossimale, con aree alternate di blocco completo da parte dei segmenti dei vasi che hanno trattenuto il lume.

Il più delle volte si verifica negli uomini di 35-50 anni, nel gruppo a rischio - fumatori con molti anni di esperienza.

Patogenesi

Il meccanismo di cancellazione dell'endarterite si basa su reazioni autoimmuni allergiche. Nel flusso sanguigno si trovano autoanticorpi antielastina, un aumentato contenuto di immunoglobuline e immunocomplessi circolanti. La sensibilizzazione della parete si verifica a seguito di raffreddamento, traumi, esposizione a sostanze chimiche o medicinali. Ad esempio, dopo il congelamento il primo giorno, la concentrazione di sostanze pressorie nel flusso sanguigno aumenta e il livello delle catecolamine si normalizza ulteriormente, accompagnato da spasmo di grandi vasi e atonia capillare, trombosi dei vasi arteriosi e, meno spesso, venosi. Come risultato di spasmi prolungati, il loro tono aumenta e si verifica un'occlusione completa. Gli stimoli espressi possono paralizzare l'azione dei vasodilatatori, provocare il ristagno del sangue, che è particolarmente pericoloso sullo sfondo di una maggiore sensibilità delle pareti dei capillari a vari fattori di stress.

L'infiammazione vascolare porta a edema dello strato di avventizia, ispessimento della membrana elastica interna e infiltrazione cellulare. Successivamente, si verificano cambiamenti fibrotici nelle arterie distali di piccolo diametro. Il blocco viene effettuato a causa della formazione di un trombo organizzato bianco, costituito da elementi cellulari.

Le violazioni sono espresse sotto forma di occlusione delle arterie e possono essere localizzate nelle piante dei piedi, nella parte posteriore dei piedi, nei muscoli del polpaccio, che si manifesta sotto forma di forte dolore, sensazione di freddo, intorpidimento, pallore, mancanza di polso ed è causata dall'irritazione delle terminazioni nervose, dall'accumulo di prodotti metabolici nei tessuti muscolari, mancanza di nutrienti e ossigeno.

Lo sviluppo di processi necrotici ulcerativi e cancrenosi è spesso lento, ha scarsamente espresse opportunità di limitazione, può essere complicato da linfangite con linfoadenite.

Classificazione

A seconda delle manifestazioni dell'endarterite degli arti inferiori, accade:

  • Primario, con compromissione funzionale, manifestato da dolore che passa rapidamente e sensazione di bruciore alle estremità dopo una lunga camminata, nonché una diminuzione della pulsazione delle arterie del piede.
  • Subcompensato - accompagnato da un aumento della claudicatio intermittente, è difficile da superare anche diverse centinaia di metri, la crescita dei peli è disturbata nelle aree ischemiche, a causa dell'espansione paralitica dei capillari, la pelle delle gambe diventa viola, non c'è pulsazione delle arterie dei piedi e delle gambe.
  • Scompensato: il dolore si manifesta anche a riposo, è impossibile camminare per più di 200 metri, inizia la formazione di ulcere necrotiche e la progressione dei muscoli atrofimici.
  • Necrotiche, accompagnate da alterazioni distruttive (edema, ulcere), forse l'insorgenza di cancrena umida delle dita dei piedi.

La tromboangioite obliterante di Burger è un tipo di endoarterite, caratterizzata da una natura remittente del decorso, dall'aumento dell'ischemia e dalla tromboflebite migratoria. La malattia inizia con una reazione allergica e un aumento della temperatura corporea. I cambiamenti sistemici influenzano i vasi della pelle, i muscoli, le ossa, il sistema nervoso e gli organi interni.

Le ragioni

L'inizio dell'endarterite è preceduto da molti fattori, tra cui:

  • ipersensibilità alla nicotina;
  • neurite;
  • predisposizione genetica;
  • ripetuto raffreddamento prolungato e congelamento delle estremità;
  • ridotta tolleranza al glucosio;
  • iperfunzione surrenale.

Sintomi di endarterite

I sintomi dell'endarterite obliterante dei vasi degli arti inferiori si manifestano principalmente con reazioni negative locali causate da ischemia cronica: dolore, disagio e anche:

  • pallore, macchie o bluastra del tegumento;
  • aumento dell'affaticamento delle gambe;
  • indebolimento della pulsazione;
  • convulsioni;
  • sindrome dei piedi freddi;
  • ulcere trofiche;
  • parestesie: la comparsa di una sensazione di gattonare, bruciore, formicolio, ecc..

I cambiamenti necrotici di solito iniziano sull'alluce con una caratteristica cianosi maculata nell'area di lividi minori, abrasioni, ustioni, danni durante una pedicure.

I primi segni di endarterite

L'endarterite obliterante dei vasi degli arti inferiori si manifesta durante il riposo in posizione orizzontale sotto forma di una sensazione di intorpidimento e lieve dolore, che può essere facilmente fermata con ipnotici e farmaci anestetici. In futuro, la sindrome del dolore si intensifica e la salvezza per il paziente diventa dormire con le gambe abbassate, sedersi con gli arti piegati e massaggiare i piedi e le gambe. Una posizione così forzata segnala l'endarterite e dopo alcune settimane porta a gonfiore degli arti e contratture in flessione. Un aumento significativo del dolore è solitamente causato dalla distruzione del tessuto focale - necrosi e ulcere.

Nelle fasi successive della malattia, i pazienti sperimentano claudicatio intermittente - un fenomeno quando si verifica un forte dolore durante la deambulazione e una persona è costretta a fermarsi, ma dopo un po 'può andare di nuovo fino al prossimo attacco di dolore.

Analisi e diagnostica

Per identificare l'endarterite obliterante dei vasi degli arti inferiori, è necessario iniziare con la raccolta di dati da reclami e anamnesi, condurre un esame e, usando la palpazione, determinare il grado di cambiamento nel polso periferico per determinare il livello di ostruzione arteriosa. L'increspatura può essere distinta, ridotta o assente. Inoltre, vengono utilizzati metodi di auscultazione, test funzionali e metodi strumentali:

  • auscultazione per rilevare la stenosi o la vasodilatazione aneurismatica rilevando soffi sistolici sulle arterie;
  • Test di Ratashov e Goldflam, che determinano le aree di ischemia a seguito di movimenti di flessione-estensione dell'articolazione della caviglia per 2 minuti, manifestati da arto pallido e grave affaticamento;
  • Test di Lenyel-Levastin: un indicatore della circolazione sanguigna capillare, che rivela violazioni del flusso sanguigno mantenendo una macchia bianca per più di 4 secondi dopo la pressione simmetrica su entrambe le estremità inferiori;
  • resografia, che consente di registrare graficamente le oscillazioni del polso delle pareti arteriose e determinare il grado di insufficienza arteriosa con la natura del cambiamento di tono;
  • capillaroscopia: fornire informazioni sul flusso sanguigno capillare;
  • Ultrasuoni - per misurare la pressione sanguigna a vari livelli, determinare la localizzazione delle costrizioni e il grado di pervietà vascolare, nonché identificare le anastomosi artero-venose;
  • studi angiografici e gasografia a raggi X per ottenere un quadro completo del restringimento delle arterie e dei collaterali.

Trattamento dell'endarterite

Prima di prescrivere il trattamento, è necessario stabilire la localizzazione, la lunghezza e il grado di lesione occlusiva dei vasi degli arti inferiori. Il trattamento dell'endarterite obliterante dei vasi degli arti inferiori è prevalentemente conservativo, i farmaci:

  • blocco dei nervi corrispondenti alle parti vasocostrittori del sistema nervoso con soluzione di novocaina allo 0,25-1% per 3-7 giorni;
  • nelle fasi iniziali, può essere consigliabile utilizzare farmaci vasodilatatori che hanno un pronunciato effetto gangliare, miotropico o antispasmodico, in futuro possono causare deterioramento;
  • normalizzazione dei processi neurotrofici e metabolici dovuti all'uso di corticosteroidi, ad esempio prednisolone, agenti lipotropici - lipocaina, metionina, acido ascorbico, nonché terapia vitaminica (principalmente del gruppo B e tocoferoli);
  • normalizzazione dell'emocoagulazione con farmaci ad azione diretta, ad esempio l'introduzione di eparina per 2-3 settimane, quindi il passaggio agli anticoagulanti indiretti;
  • La fibrinolisina o la streptochinasi possono essere utilizzate per "sciogliere" i coaguli di sangue;
  • l'endarterite obliterante può richiedere desensibilizzazione e somministrazione di difenidramina o pipolfen.

Articolo Successivo
ACE inibitori: cos'è, un elenco di farmaci di tutte le generazioni, indicazioni, controindicazioni ed effetti collaterali