Proteine ​​totali nel sangue


9 minuti Autore: Lyubov Dobretsova 1275

  • Il ruolo delle proteine ​​nel corpo
  • Indicatori normali
  • Proteine ​​totali durante la gravidanza
  • Analisi della concentrazione di proteine
  • L'importanza del sondaggio
  • Video collegati

La proteina totale nel sangue è una delle caratteristiche più importanti del metabolismo degli amminoacidi nel corpo, che mostra il livello delle molecole proteiche di tutte le frazioni e varietà nel plasma. In altre parole, il termine "proteine ​​totali" indica la concentrazione totale di albumina e globuline presenti nel siero del sangue, i due tipi principali di questa sostanza.

Nel corpo umano, le proteine ​​svolgono molte funzioni vitali, come assicurare la coagulazione del sangue, trasportare grassi, ormoni, enzimi, mantenere l'equilibrio del pH del sangue, partecipare a reazioni di difesa, ecc..

A questo proposito, la determinazione della concentrazione di proteine ​​nel plasma è ampiamente utilizzata per diagnosticare patologie dell'apparato digerente, malattie oncologiche e disturbi nutrizionali. Inoltre, lo studio del livello di proteine ​​totali è indispensabile per le ustioni estese..

Le proteine ​​sono i principali elementi costitutivi delle cellule umane. Esistono molte delle loro varietà, ognuna delle quali ha il proprio scopo e, quindi, differisce nelle funzioni e nella struttura svolta..

Pertanto, un esame del sangue biochimico, durante il quale viene determinata la concentrazione delle proteine ​​totali e delle sue frazioni, è in grado di fornire al medico informazioni sullo stato di salute del paziente e sulle peculiarità del funzionamento dei suoi singoli organi e sistemi..

Il ruolo delle proteine ​​nel corpo

Le proteine ​​sono polimeri organici. Fanno parte di quasi tutte le cellule del corpo e nella loro struttura sono strutture molecolari complesse. Il loro principale costituente sono gli amminoacidi. Nel corpo umano, i composti proteici hanno molte funzioni diverse, come:

  • fornitura di attività immunitaria;
  • trasferimento di nutrienti alle cellule;
  • partecipazione ai processi metabolici;
  • la produzione di enzimi e ormoni;
  • rigenerazione dei tessuti danneggiati, ecc..

Anche il collagene, la cheratina, i peptidi (sostanze che compongono la struttura della pelle, dei capelli e delle unghie) sono rappresentati da composti proteici. Inoltre, quasi tutti gli enzimi che scompongono i nutrienti e le tossine, l'emoglobina (il componente principale degli eritrociti), la miosina (che fornisce la contrazione muscolare), gli ormoni (insulina, ecc.), Le immunoglobuline sono anche proteine. E questo non è un elenco completo dei componenti del corpo umano che hanno una struttura proteica..

Le proteine ​​per la maggior parte sono in un residuo denso di plasma (la parte liquida del sangue, che non contiene corpuscoli). La pressione arteriosa osmotica dipende direttamente dalla loro quantità nel siero, grazie alla quale viene mantenuto l'equilibrio tra il contenuto di acqua nel flusso sanguigno e nelle strutture dei tessuti.

Grazie all'equilibrio, viene controllata la capacità del liquido di essere in quantità sufficiente nel sangue, fornendo l'elasticità necessaria ai tessuti. Infine, i composti proteici sono una fonte di energia di emergenza in caso di fame o malnutrizione..

Normalmente, il corpo ricostituisce le sue risorse energetiche abbattendo carboidrati e grassi. Se, per qualsiasi motivo, si esauriscono e non ci sono nuove scorte, una persona sarà in grado di resistere per un certo tempo a causa dell'uso delle riserve proteiche.

Le proteine ​​plasmatiche sono divise in due classi, che differiscono per struttura e funzione. Il primo di questi (albumina) è prodotto dal fegato dal cibo che entra nel corpo. È la loro quantità che influenza la pressione osmotica, a causa della quale il fluido viene trattenuto nei vasi sanguigni..

Le globuline forniscono la funzione immunitaria (costituiscono la struttura degli anticorpi), la coagulazione (utilizzando il fibrinogeno) e sono anche una componente importante degli ormoni e degli enzimi. Inizialmente la divisione in albumina e globuline era basata unicamente sulla loro solubilità: la prima era sciolta in acqua pura, e la seconda solo in presenza di sali.

La violazione del contenuto totale di proteine ​​del sangue può verificarsi a causa di determinate condizioni fisiologiche e durante lo sviluppo di processi patologici nel corpo. A sua volta, è consuetudine distinguere la natura delle deviazioni: relativa (a causa di un cambiamento nel livello del fluido nel sangue) e assoluta (associata a guasti metabolici, cioè il tasso di produzione / decadimento delle proteine).

Indicatori normali

Il contenuto di proteine ​​del siero di latte è misurato in grammi per litro (g / L) e dipende direttamente dall'età della persona. Inoltre, i valori della norma possono variare nei diversi laboratori, a causa delle caratteristiche dei reagenti, nonché degli stati fisiologici del corpo..

Pertanto, nell'interpretare i risultati ottenuti, il medico dovrebbe essere guidato dalle norme del particolare laboratorio in cui è stata eseguita l'analisi. Nella maggior parte delle cliniche, i seguenti sono considerati i valori di riferimento per le proteine ​​del siero di latte:

  • per bambini fino a un anno - 51-73 g / l;
  • bambino 1-2 anni - 53-75 g / l;
  • bambini 3-14 anni - 60-80 g / l;
  • adulti - 64–84 g / l.

Va notato che il tasso di proteine ​​totali nel sangue nelle donne e negli uomini non è diverso. L'unica cosa da ricordare è che, in generale, questo indicatore è inferiore del 10% per i primi rispetto ai secondi..

Questa differenza è associata a un maggiore bisogno del corpo femminile nella sostanza descritta, nonché a una ridotta capacità sintetica del fegato rispetto al maschio. In base al rapporto tra le proteine ​​totali e le sue singole frazioni, i seguenti sono considerati indicatori normali:

  • proteine ​​totali - 64-84 g / l;
  • albumina - 35–55 g / l;
  • fibrinogeno - 2-4 g / l;
  • le globuline vengono determinate solo se necessario e con la loro divisione in frazioni e tipi.

Il corpo umano ha bisogno di una quantità abbastanza grande di proteine: almeno 35 grammi dovrebbero essere forniti quotidianamente con il cibo. Con la malnutrizione, le diete povere di proteine ​​o mono, possono svilupparsi patologie pericolose, ad esempio la distrofia alimentare. Anche le donne incinte o che allattano, i vegetariani, i vegani e quelli con un elevato consumo di alcol sono a maggior rischio di carenza di proteine..

Proteine ​​totali durante la gravidanza

Il periodo di portare un bambino è una condizione speciale, che è accompagnata da cambiamenti significativi in ​​quasi tutto il corpo, il che significa che riguarda anche il livello di concentrazione delle proteine ​​totali e delle sue frazioni.

Durante la gravidanza, di regola, le fluttuazioni di questo indicatore si verificano verso il basso e talvolta raggiungono anche numeri abbastanza tangibili, fino al 30%. Inoltre, tali deviazioni non sono considerate patologie..

Il tasso di proteine ​​totali nelle donne in gravidanza diminuisce a causa di cambiamenti come:

  • un aumento del volume della piazza circolante a causa della ritenzione di liquidi nel letto vascolare;
  • un aumento del fabbisogno del corpo di materiale plastico per la produzione di sesso e altri ormoni;
  • la necessità di più materiale plastico necessario per la crescita e lo sviluppo del feto.

Cambiamenti anormali nei rapporti totali delle proteine ​​del siero di latte possono sembrare una diminuzione o un aumento. La prima opzione è molto più comune, ma meno specifica. Le situazioni in cui i tassi aumentano sono piuttosto rare e sono tipiche di una ristretta gamma di malattie. Durante la gravidanza, un alto livello di proteine ​​non è la norma e fondamentalmente un sintomo simile indica preeclampsia (gestosi) o un'altra patologia che si è manifestata.

Analisi della concentrazione di proteine

In una persona sana, il livello delle proteine ​​del siero di latte viene mantenuto a un livello costante. Ma con lo sviluppo di patologie associate alla loro sintesi o catabolismo, il contenuto può cambiare in una direzione o nell'altra..

Ad esempio, quando i siti dei tessuti sono danneggiati sotto l'influenza di citochine (peptidi e proteine ​​simili agli ormoni), aumenta la formazione di proteine ​​della fase acuta. Questi includono come la proteina C-reattiva, il fibrinogeno, l'aptoglobina, il componente C-3 del complemento e un certo numero di composti simili.

Elettroforesi delle proteine

Un esame del sangue per le proteine ​​viene eseguito mediante elettroforesi, una tecnica diagnostica comune utilizzata in medicina da molti anni. L'elettroforesi delle proteine ​​sieriche è un metodo per separarle in frazioni o singoli composti, che si basa sul movimento di macromolecole proteiche cariche di vario peso in un campo elettrico.

La tecnica viene utilizzata per analizzare i componenti e per ottenere una proteina omogenea (omogenea). Le proteine ​​animali eterogenee (disomogenee) sono estranee al corpo umano, il che significa che possono portare a una risposta immunitaria. Uno di questi, ad esempio, sono le proteine ​​del latte vaccino.

Il principio di base della tecnica di elettroforesi è applicare un sottile gel di agarosio al plasma. La corrente elettrica che attraversa il gel provoca la migrazione delle proteine, che porta alla comparsa di bande, le cui caratteristiche sono determinate dalle dimensioni e dalla carica delle molecole proteiche. In questo caso quelli che hanno una carica negativa in eccesso si avvicinano all'anodo e, a loro volta, vengono suddivisi in 5 frazioni.

Come accennato in precedenza, il siero contiene circa 100 diverse proteine ​​e durante l'elettroforesi vengono rilasciate 5 frazioni principali in base alla loro mobilità: albumina, α1-, α2-, β- e γ-globuline. Questa funzione viene utilizzata come valutazione degli indicatori. Dopo la separazione, le proteine ​​vengono colorate in alcuni coloranti, il che consente di valutare il loro contenuto quantitativo nelle bande risultanti..

L'analisi delle bande può essere eseguita sia visivamente che utilizzando la scansione laser con un apparecchio speciale: un densitometro. I sistemi di elettroforesi commerciali hanno notevolmente semplificato questo processo e ora richiedono solo 10 μL di plasma per essere completato..

Dopo aver immerso il campione nel gel per 40 minuti, viene sottoposto a elettroforesi a 100 V e, dopo essiccazione e colorazione, scansionato a 600 nm su un densitometro. La determinazione dell'indice relativo e assoluto del contenuto delle singole frazioni viene effettuata sulla base dei risultati della proteina totale ottenuta durante la rifrattometria (misura della rifrazione della luce nel mezzo).

Immunoelettroforesi

Sulla base dell'elettroforesi delle proteine ​​del siero, molto più tardi è stato sviluppato un nuovo metodo, con l'aiuto del quale gli specialisti sono in grado di caratterizzare le molecole proteiche non solo dalla loro velocità di migrazione, ma anche dalle loro proprietà antigeniche. Questo test è chiamato immunoelettroforesi ed è una combinazione di elettroforesi con doppia diffusione (penetrazione reciproca degli atomi) e immunoprecipitazione (precipitazione) in un gel..

La tecnica viene eseguita in due fasi. Il primo implica la separazione del biomateriale studiato in un gel, e il secondo prevede un'analisi immunologica. Nel corso di quest'ultimo, a causa di un aumento della sensibilità dell'elettroforesi, è possibile identificare i singoli antigeni, isolandoli da un sistema multicomponente.

Riferimento! Grazie alle sue capacità diagnostiche uniche, l'immunoelettroforesi delle proteine ​​del siero mostra immunoglobuline patologiche A, M, G, catene leggere e pesanti di immunoglobuline e le loro varie varianti. Sulla base di questo studio, è possibile diagnosticare una gamma abbastanza ampia di un'ampia varietà di malattie che in precedenza erano difficili da determinare..

L'importanza del sondaggio

Lo studio delle proteine ​​totali del sangue è uno dei test più importanti, poiché consente di identificare molte malattie nelle prime fasi. Ad esempio, il contenuto di proteina C reattiva aumenta rapidamente con un processo infiammatorio attivo accompagnato da danni ai tessuti..

La sua sensibilità è parecchie volte superiore alla ben nota velocità di sedimentazione degli eritrociti (ESR). Ma allo stesso tempo, aumenta e scompare anche prima che l'ESR aumenti. Al momento, questa tecnica è quasi l'unica opzione per la diagnosi precoce di un gran numero di malattie, quindi in molti casi si fa ricorso..

Tale studio può essere completato non solo a Mosca e nelle grandi città, ma viene eseguito da quasi tutti i laboratori nelle piccole città e nei centri regionali. Prima di donare il sangue, è necessario prepararsi, che include il rifiuto del cibo per 8-12 ore, la riduzione dello stress fisico e psico-emotivo alla vigilia dello studio, nonché l'alcol e il fumo un'ora prima della procedura.

Durante la preparazione si può bere acqua naturale. Va ricordato che la decodifica dei materiali dell'esame deve essere eseguita solo da uno specialista, poiché la scelta di una strategia terapeutica e, quindi, il recupero del paziente dipende direttamente dalla diagnosi corretta..

Cosa può dire la proteina totale del sangue: la norma, le ragioni della sua diminuzione e aumento

La proteina totale nel siero del sangue è la concentrazione di albumina e globuline della componente liquida del sangue in totale, espressa quantitativamente. Questo indicatore è misurato in grammi / litro..

Le frazioni proteiche e proteiche sono composte da amminoacidi complessi. Le proteine ​​del sangue prendono parte a vari processi biochimici del nostro corpo e servono a trasportare nutrienti (lipidi, ormoni, pigmenti, minerali, ecc.) O componenti medicinali a vari organi e sistemi.

Agiscono anche come catalizzatori e svolgono le difese immunitarie del corpo. La proteina totale serve a mantenere un pH costante dell'ambiente circolante e prende parte attiva nel sistema di coagulazione. A causa delle proteine, tutti i componenti del sangue (leucociti, eritrociti, piastrine) sono presenti nel siero in sospensione. È la proteina che determina il riempimento del letto vascolare..

La proteina totale può essere utilizzata per giudicare lo stato di emostasi, perché a causa delle proteine, il sangue ha caratteristiche come la fluidità e una struttura viscosa. È da queste qualità del sangue che dipende il lavoro del cuore e dell'intero sistema cardiovascolare..

Lo studio delle proteine ​​totali del sangue si riferisce all'analisi biochimica ed è uno dei principali indicatori per la diagnosi di varie malattie, inoltre è incluso nell'elenco obbligatorio degli studi durante l'esame clinico per alcuni gruppi di popolazione.

Norme sulla concentrazione di proteine ​​sieriche per diverse categorie di età:

categoriaNorm / donneNorm / uomini
Neonato42-62 g / l41-63 g / l
Bambini sotto 1 anno44-79 g / l47-70 g / l
Bambini da 1 a 4 anni60-75 g / l55-75 g / l
Bambini dai 5 ai 7 anni53-79 g / l52-79 g / l
Ragazzi dagli 8 ai 17 anni58-77 g / l56-79 g / l
Adulti 22-34 anni75-79 g / l82-85 g / l
Adulti 35-59 anni79-83 g / l76-80 g / l
Adulti 60-74 anni74-77 g / l76-78 g / l
Più di 75 anni69-77 g / l73-78 g / l

Determina senza errori le proteine ​​totali del sangue durante la diagnosi:

  • malattie renali, malattie del fegato
  • processi infettivi acuti e cronici di varia natura
  • ustioni, cancro
  • disturbi metabolici, anemia
  • malnutrizione e malnutrizione, malattie gastrointestinali - per valutare il grado di malnutrizione
  • una serie di malattie specifiche
  • come 1 tappa in un esame completo della salute del paziente
  • valutare le riserve del corpo prima dell'intervento chirurgico, le procedure mediche, l'assunzione di farmaci, l'efficacia del trattamento e determinare la prognosi della malattia attuale

Le indicazioni delle proteine ​​totali del sangue consentono di valutare le condizioni del paziente, la funzione dei suoi organi e apparati nel mantenimento del corretto metabolismo proteico, oltre a determinare la razionalità della nutrizione. In caso di deviazione dal valore normale, lo specialista prescriverà un ulteriore esame per identificare la causa della malattia, ad esempio uno studio delle frazioni proteiche, che può mostrare la percentuale di albumina e globuline nel siero del sangue.

Le deviazioni dalla norma possono essere:

  • Deviazioni relative sono associate a cambiamenti nella quantità di acqua nel sangue circolante, ad esempio durante l'infusione o, al contrario, con un'eccessiva sudorazione.
  • Quelli assoluti sono causati da un cambiamento nel tasso di metabolismo delle proteine. Possono essere causati da processi patologici che influenzano la velocità di sintesi e degradazione delle proteine ​​sieriche o fisiologici, come la gravidanza.
  • Le deviazioni fisiologiche dalla norma delle proteine ​​totali nel siero del sangue non sono associate a malattie, ma possono essere causate dall'assunzione di cibi proteici, dal riposo a letto prolungato, dalla gravidanza, dall'allattamento o dai cambiamenti nel carico idrico e dal lavoro fisico pesante.

Qual è la diminuzione della concentrazione di proteine ​​totali nel siero??

I livelli ridotti di proteine ​​totali nel sangue sono chiamati ipoproteinemia. Questa condizione può essere osservata in processi patologici, ad esempio, come:

  • epatite parenchimale
  • sanguinamento cronico
  • anemia
  • perdita di proteine ​​nelle urine nella malattia renale
  • dieta, digiuno, assunzione insufficiente di cibi proteici
  • aumento della disgregazione proteica associata a disturbi metabolici
  • intossicazione di varia natura
  • febbre.

L'ipoproteinemia fisiologica dovrebbe essere annotata separatamente, ad es. condizioni non associate al decorso dei processi patologici (malattia). Si può osservare una diminuzione delle proteine ​​totali del sangue:

  • nell'ultimo trimestre di gravidanza
  • durante l'allattamento
  • con carichi pesanti prolungati, ad esempio, durante la preparazione degli atleti per le competizioni
  • con inattività fisica prolungata, ad esempio, in pazienti allettati

Sintomaticamente, una diminuzione della concentrazione di proteine ​​totali nel sangue può essere espressa dalla comparsa di edema tissutale. Questo sintomo di solito si manifesta con una significativa diminuzione delle proteine ​​totali, inferiore a 50 g / l.

Cosa indica un aumento delle proteine ​​sieriche totali??

Un aumento significativo della concentrazione di proteine ​​totali nel sangue è chiamato iperproteninemia. Questa condizione non può essere osservata durante i normali processi fisiologici, il che significa che si sviluppa solo in presenza di patologia, in cui si verifica la formazione di proteine ​​patologiche..

Ad esempio, un aumento delle proteine ​​totali nel sangue può indicare lo sviluppo di una malattia infettiva o una condizione in cui si verifica la disidratazione (ustioni, vomito, diarrea, ecc.).

L'aumento delle proteine ​​totali non può essere accidentale; in questo caso si consiglia di rivolgersi al più presto possibile al medico per ulteriori esami. Solo uno specialista può stabilire la causa, fare la diagnosi corretta e prescrivere un trattamento efficace.

Malattie in cui c'è una diminuzione e un aumento delle proteine ​​totali nel sangue:

Diminuzione delle proteine ​​totali del sangueElevate proteine ​​ematiche totali
  • Interventi chirurgici
  • Processi tumorali
  • Malattie del fegato (epatite, cirrosi, tumori e metastasi)
  • Glomerulonefrite
  • Malattie del tratto gastrointestinale (pancreatite, enterocolite)
  • Emorragia acuta e cronica
  • Brucia la malattia
  • Tireotossicosi
  • Anemie
  • B-n Wilson-Konovalov (eredità)
  • Pleurite
  • Ascite
  • Febbre
  • Diabete
  • Lesioni e politrauma
  • Terapia infusionale (infusione di grandi volumi)
  • Intossicazione, avvelenamento
  • Mieloma multiplo
  • Artrite reumatoide
  • Epatite cronica
  • Cirrosi epatica
  • Lupus eritematoso sistemico
  • Linforganulomatosi
  • Sclerodermia
  • Ustioni estese
  • Emorragia massiccia
  • Diabete insipido
  • Avvelenamento e infezioni che accompagnano vomito e diarrea
  • Blocco intestinale
  • Nefrite
  • Colera
  • Sepsi
  • Tumore maligno
  • Allergie

Come prepararsi per la consegna di test biochimici?

  • La consegna di test biochimici, comprese le proteine ​​totali, non richiede una preparazione speciale, ma va ricordato che vengono somministrati al mattino a stomaco vuoto. Il pasto precedente dovrebbe essere non più tardi di 8 e preferibilmente 12 ore prima della procedura.
  • Il giorno prima del test, è meglio non assumere molti cibi proteici.
  • Non bere troppi liquidi
  • Evita un'attività fisica intensa.

Tutti questi fattori possono influenzare il vero risultato dell'analisi in una direzione o nell'altra..

La proteina totale nel sangue è elevata

Cos'è Total Protein?

Proteine ​​totali: un concetto collettivo

La proteina comune è il nome collettivo di tutti i polipeptidi e le proteine ​​complesse presenti nel sangue umano. In un esame del sangue biochimico, questo indicatore è il più comune, poiché consente al medico di capire se il paziente ha anomalie nel metabolismo delle proteine. Per chiarire la diagnosi in caso di scostamento dagli indicatori normali, saranno necessarie ulteriori analisi per stabilire quale frazione (parte) è mancante o prodotta in eccesso.

Il siero di sangue umano contiene più di 90 tipi di proteine, ognuna delle quali svolge solo la sua funzione intrinseca, tuttavia, non è sempre necessario determinarne una per il trattamento e la diagnosi. Un esame del sangue per le proteine ​​totali rivela anomalie nel contenuto totale dei seguenti gruppi delle proteine ​​più importanti nel sangue:

  1. Albumina - prodotta dalle cellule del fegato, costituisce la maggior parte delle proteine ​​del sangue;
  2. Le globuline sono componenti essenziali del sistema immunitario del corpo;
  3. Il fibrinogeno è uno dei principali enzimi del sistema di coagulazione del sangue;
  4. Lipoproteine ​​a bassa e alta densità - proteine ​​responsabili del trasferimento e dell'utilizzo del colesterolo.

Dopo un semplice elenco, è chiaro che l'analisi consente di identificare anomalie nel lavoro di molti organi e sistemi: ematopoietico, sistema di coagulazione del sangue, sistema metabolico (metabolismo), sistema escretore del fegato e dei reni.

Tipi di iperproteinemia (alto contenuto di proteine)

Un processo infettivo può essere una variante della fisiologia

Nella pratica clinica, i tipi di iperproteinemia si distinguono più spesso, a seconda dei fattori che l'hanno causata. I principali e più comuni sono:

  • Iperproteinemia fisiologica - osservata con una dieta ad alto contenuto di proteine ​​animali e vegetali, nonché durante il periodo di recupero dopo un'intensa attività fisica. Questo aumento delle proteine ​​totali è a breve termine e di solito non pronunciato..
  • L'iperproteinemia causata da un processo infettivo può essere considerata un'opzione fisiologica, poiché è di natura protettiva e consente al corpo di far fronte rapidamente a un agente infettivo (virus, batteri o protozoi). Si verifica principalmente durante un processo infiammatorio acuto, nonché in caso di febbre, aumento della temperatura corporea, disidratazione. Di norma, la proteina totale aumenta leggermente, principalmente a causa della rapida produzione di globuline, componenti protettive del sistema immunitario.
  • Iperproteinemia derivante da un malfunzionamento del sistema escretore - molto spesso sarà pronunciata, i risultati sono molte volte superiori ai valori normali. Indica una diminuzione o un completo fallimento della funzione renale.
  • Iperproteinemia causata da neoplasie maligne - può essere osservata con qualsiasi cancro, ma il più pronunciato è con il mieloma.

Inoltre, l'iperproteinemia può essere classificata nei seguenti gruppi:

  1. Primario - causato da malattie del sistema sanguigno, incluso il cancro;
  2. Secondario: è una conseguenza di malattie di altri organi e sistemi. In questo caso, un aumento delle proteine ​​totali è solo uno dei sintomi;
  3. Falso: causato da errori nella preparazione per l'analisi, il metodo di prelievo del sangue.

Motivi per un aumento delle proteine ​​totali del sangue

Un aumento delle proteine ​​totali può segnalare un pericolo

Le ragioni più innocue per un aumento delle proteine ​​totali sono le imprecisioni nella dieta, quando una persona consuma molte più proteine ​​di quelle di cui ha bisogno. Una seconda causa comune è non bere abbastanza liquidi, il che porta alla disidratazione. Questo è più spesso osservato in pazienti che soffrono di disturbi acuti dell'apparato digerente, accompagnati da vomito e diarrea..

Tuttavia, un aumento significativo delle proteine ​​totali spesso indica a favore di malattie gravi, pertanto dovrebbe essere interpretato solo dal medico curante. Per stabilire la diagnosi corretta nella maggior parte dei casi, sono necessarie ulteriori ricerche..

Come si manifestano i livelli elevati di proteine?

L'aumento delle proteine ​​può essere accompagnato da febbre alta

Le ragioni dell'aumento della concentrazione di proteine ​​totali nel sangue sono varie, pertanto è possibile distinguere contemporaneamente diversi gruppi di sintomi che possono disturbare una persona malata. Spesso si osservano uno o due segni oppure i sintomi sono completamente assenti. Il paziente può essere disturbato da:

  • Aumento della temperatura corporea, brividi, aumento delle manifestazioni di patologia infettiva (tosse, dolore toracico o addominale);
  • Sintomi di danno epatico: odore dolciastro sgradevole dalla bocca, sapore amaro, dolore e pesantezza nella parte destra dell'addome;
  • Sintomi di disfunzione renale: aumento della quantità di urina giornaliera, cambiamenti nel suo colore, comparsa di edema mattutino;
  • Manifestazioni aspecifiche che possono essere caratteristiche di malattie oncologiche: perdita di peso con un'alimentazione adeguata e costante, sensazione di debolezza, mal di testa.

Perché alti livelli di proteine ​​sono pericolosi?

L'alto livello di proteine ​​totali, caratteristico di gravi patologie, è pericoloso a causa della crescente intossicazione dell'organismo con i prodotti di decomposizione di questi componenti "non necessari". La pressione oncotica (tessuto) è seriamente disturbata, a causa della quale sempre più fluido viene rilasciato nel flusso sanguigno, che avrebbe dovuto essere nei tessuti. Tutto ciò porta alla disidratazione e all'ulteriore aggravamento della patologia esistente di organi o interi sistemi, il corpo cessa di far fronte alla malattia.

Va ricordato che un aumento delle proteine ​​totali in un esame del sangue biochimico è un motivo per fissare immediatamente un appuntamento con il proprio medico, solo lui può scoprire con precisione i motivi che hanno causato questo aumento.

Indicazioni per la ricerca

Ci sono una serie di indicazioni per lo studio.

Lo studio è prescritto per le seguenti malattie esistenti per correggere le tattiche di trattamento:

  • Infezioni croniche e acute;
  • Malattie del tessuto connettivo;
  • Malattie autoimmuni (lupus eritematoso sistemico, collagenosi);
  • Malattie del fegato (epatite virale e non infettiva, cirrosi);
  • Malattia renale (glomerulonefrite, pielonefrite);
  • Malattie oncologiche;
  • Malattie del sistema sanguigno (porpora iperproteinemica, sindrome della coagulazione intravascolare disseminata);
  • Condizioni dopo lesioni gravi, ustioni, massicci interventi chirurgici.

Preparazione per un test proteico

Limita l'attività fisica alla vigilia del test

La preparazione per l'analisi consiste nell'eliminazione di quei fattori che possono influire negativamente sulla sua accuratezza:

  • Bere una quantità sufficiente di liquido - il sangue deve essere donato a stomaco vuoto, tuttavia, non è consigliabile escludere l'uso di acqua;
  • Esclusione dell'eccesso di cibo: il giorno prima dell'analisi, dovresti astenersi dal mangiare una grande quantità di carne, pesce;
  • Riduzione del carico sportivo: non è consigliabile praticare sport 1-2 giorni prima del test.

Correzione dell'iperproteinemia

La correzione dell'iperproteinemia deve essere eseguita da uno specialista

Non è possibile regolare in modo indipendente questo indicatore, poiché nella maggior parte dei casi è solo uno dei sintomi di una malattia esistente. I medici lo prescrivono per determinare la gravità della patologia, nonché per stabilire con precisione la diagnosi.

Nei casi in cui un aumento del livello di proteine ​​totali è causato da disturbi nutrizionali, è sufficiente modificare la propria dieta a favore di un maggiore apporto di alimenti vegetali, e l'indicatore tornerà alla normalità dopo poche settimane..

Prevenzione di un livello aumentato

La dieta a basso contenuto proteico completa l'approccio correttivo completo

La prevenzione dell'iperproteinemia consiste nel rilevamento e nel trattamento tempestivi di malattie del sistema escretore, emopoiesi e malattie oncologiche. Regolari esami del sangue e delle urine generali aiuteranno in questa materia: per gli adulti, è necessario sottoporsi a un esame almeno una volta all'anno e per le persone anziane - almeno una volta ogni sei mesi..

Inoltre, è necessario includere nella dieta una quantità sufficiente di frutta e verdura, per escludere l'eccesso di carne. L'Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda che gli adulti consumino quotidianamente almeno 500 grammi di verdura, erbe e frutta. Allo stesso tempo, il fabbisogno di carne, indipendentemente dal sesso, rimane piuttosto modesto: non più di 160-180 g, questa è solo una porzione al giorno.

Proteine ​​totali nel sangue

Definizione e significato clinico

Le proteine ​​totali del sangue sono uno degli indicatori del metabolismo degli amminoacidi nel corpo, che caratterizza la concentrazione di molecole proteiche di tutti i tipi e frazioni nel plasma. Possiamo dire che questo indicatore dei prodotti del metabolismo proteico è un'immagine speculare delle capacità rigenerative del corpo. Dopotutto, le proteine ​​svolgono il ruolo di una sorta di telaio o materiale plastico su cui sono contenuti tutti gli altri elementi di cellule e tessuti. Se questo substrato è sufficiente, qualsiasi organo o sistema rimane completo, sia strutturalmente che funzionalmente..

L'intera proteina del corpo umano è rappresentata da più di cento sottospecie diverse. Queste proteine ​​possono essere costituite solo da un insieme di aminoacidi, oppure possono contenere vari composti di proteine ​​di diverso peso molecolare con altri prodotti metabolici (lipidi, carboidrati, elettroliti sotto forma di glicoproteine, lipoproteine ​​ed emoglobina, ecc.) Il loro metabolismo, in particolare la sintesi, oppure altrimenti succede nel fegato. Pertanto, l'utilità funzionale di questo organo è il principale regolatore del metabolismo delle proteine..

L'indicatore delle proteine ​​totali del plasma sanguigno riflette la prontezza del corpo in modo tempestivo e adeguato a rispondere a eventuali disturbi imprevisti nella struttura o nel funzionamento di tutti gli organi e sistemi. In questo caso, la frazione globulinica caratterizza l'immunità, il fibrinogeno - meccanismi di coagulazione e l'albumina - tutte le altre capacità riparatrici!

I componenti principali delle proteine ​​totali, che vengono determinati nel corso della ricerca biochimica, sono:

Albumina - proteine ​​a basso peso molecolare che forniscono tutto il fabbisogno plastico del corpo nel materiale da costruzione per mantenere la struttura e la sintesi di nuove cellule. Componi la maggior parte delle proteine ​​totali;

Le globuline sono proteine ​​a grande molecola necessarie per la sintesi di anticorpi, immunoglobuline e altre proteine ​​immunitarie (componenti del complemento, proteina c-reattiva, mediatori infiammatori, fattore di necrosi tumorale, ecc.) Nella struttura della proteina totale occupano poco meno della metà del volume;

Il fibrinogeno è una proteina ad alto peso molecolare che partecipa alla fase finale della formazione di un coagulo piastrinico ed è responsabile dell'utilità del sistema di coagulazione del sangue. Rappresenta la quantità più piccola di tutti i componenti delle proteine ​​totali.

Il tasso di proteine ​​totali nel sangue

Ciascuno degli indicatori di un esame del sangue biochimico ha le proprie unità di misura e valori standard con i quali devono essere confrontati i risultati ottenuti durante lo studio. Per quanto riguarda la proteina totale e le sue frazioni, i seguenti indicatori di norma sono considerati generalmente accettati:

A seconda del tipo di frazione proteica:

Qual è la proteina totale e qual è la sua norma in base all'età negli uomini e nelle donne

Il rapporto tra le proteine ​​di base nel sangue

La proteina totale è solo uno dei numeri nell'analisi del sangue biochimica. Contando la quantità di proteine ​​totali e dei suoi componenti è facile scoprire se tutto è in ordine con i principali organi umani.

Cosa è più pericoloso per la salute: proteine ​​alte o basse e cosa indicano queste condizioni?

Proteine ​​o proteine?

Il concetto di "proteine ​​totali" include non un criterio, ma diversi contemporaneamente. Ciascuno dei suoi componenti o fazioni ha la sua funzione. Per il corpo, le proteine ​​sono assolutamente insostituibili e servono a diversi scopi.

Sono coinvolti nel trasferimento di nutrienti, ormoni, prodotti metabolici e persino farmaci. Le proteine ​​sono un "trasporto" universale nel sangue umano.

Un'altra funzione importante è la neutralizzazione. Molti prodotti metabolici sono tossici per gli organi. Ma una delle frazioni - l'albumina - si lega alle tossine e le rende sicure. In questa forma, le sostanze non necessarie vengono escrete dal corpo..

Le proteine ​​fanno lo stesso con le molecole dannose dall'esterno. L'albumina è in grado di neutralizzare i veleni.

La struttura e lo scopo delle proteine ​​del sangue.

La prossima parte importante sono le globuline. Queste sono vere proteine ​​protettive. Le globuline sono rappresentate da anticorpi, quindi il loro altro nome è immunoglobuline. Gli anticorpi sono prodotti dal nostro corpo contro l'invasione di batteri, virus o funghi.

IMPORTANTE! È dovuto al fatto che gli anticorpi sono rappresentati da proteine ​​che l'immunità è notevolmente ridotta nelle persone emaciate..

Ci sono proteine ​​tra le proteine ​​che sono responsabili della coagulazione del sangue: fibrinogeno, protrombina e altri fattori della coagulazione. Queste sostanze svolgono un ruolo fondamentale nell'arresto del sanguinamento. La mancanza di fattori di coagulazione porta ad un aumento del sanguinamento - lividi e una grande perdita di sangue quando feriti.

SRB e RF: che cos'è?

A volte il medico prescrive un'analisi per i test reumatici. In questo caso, il sangue della vena viene analizzato per il contenuto di alcune proteine: fattore reumatoide e proteina C-reattiva.

Il fattore reumatoide sono le immunoglobuline, anticorpi che non funzionano correttamente. Attaccano il proprio corpo. Pertanto, la comparsa nel corpo di una grande quantità di RF indica la natura autoimmune della malattia..

Fattore reumatoide: autoanticorpi che reagiscono come un autoantigene con le proprie immunoglobuline G, che hanno subito cambiamenti sotto l'influenza di un agente (ad esempio, un virus)

La proteina C reattiva è un criterio universale per l'infiammazione. Aumenta se un processo infiammatorio si sta verificando attivamente nel corpo. Non è sempre un'infezione, l'infiammazione può essere autoimmune.

Pertanto, CRP e RF vengono calcolati quando si sospetta una natura autoimmune della malattia, in particolare una patologia articolare..

Quante proteine ​​sono buone?

La gamma dei risultati del test delle proteine ​​del sangue varia in base all'età e al sesso. Ciò che è normale per una neonata non è adatto per un uomo anziano. Ciò è dovuto alle peculiarità dell'immunità, del metabolismo e della funzionalità epatica. Nei neonati, molti indicatori cambiano in modo transitorio, molto rapidamente e per un breve periodo. Pertanto, qualsiasi analisi sospetta a questa età dovrebbe essere ricontrollata..

Livelli normali di proteine ​​del sangue nella tabella 1.

EtàNorme nelle donneLa norma negli uomini
Bambini sotto i 28 giorni40-6041-60
Bambini sotto i 12 mesi45-8045-70
Bambini 12-48 mesi60-8055-75
Bambini dai 5 ai 7 anni50-8055-80
Ragazzi dagli 8 ai 16 anni55-8055-80
17-25 anni75-8080-85
25-55 anni70-8075-80
56-75 anni70-7570-75
Più di 75 anni65-7570-75

Non tutti hanno bisogno di misurare le proteine ​​totali. Questo criterio viene sempre calcolato non separatamente, ma come componente dell'analisi biochimica.

Le indicazioni mediche per il conteggio della sua quantità sono varie:

  • Eventuali malattie infettive,
  • Problemi al fegato, sistema gastrointestinale,
  • Emoglobina al di sotto del normale,
  • Disturbi metabolici,
  • Prima dell'intervento.

Le deviazioni dell'indicatore dal normale possono essere relative e assolute..

La relativa diminuzione è associata alla “diluizione” del sangue. La trasfusione di soluzioni liquide durante l'intossicazione provoca un aumento della quantità della componente liquida del sangue. Allo stesso tempo, il contenuto di proteine ​​sarà relativamente basso..

Il calo assoluto non è correlato alla fluidificazione del sangue, è un vero calo delle proteine. Può essere innescato da un'assunzione insufficiente o da una perdita eccessiva.

IMPORTANTE! La perdita di proteine ​​nelle patologie renali può essere vista nell'analisi delle urine classica.

L'aumento delle proteine ​​può anche essere relativo - con perdita di liquidi attraverso vomito o diarrea. Un aumento assoluto del contenuto proteico può essere un segno di malattie sistemiche, infezioni o neoplasie..

I cambiamenti nell'emocromo possono essere fisiologici. Ciò significa che la proteina è diminuita o aumentata non a causa della malattia, ma a causa delle caratteristiche dell'organismo. Questo è possibile durante la gravidanza e mentre si allatta un bambino, a causa del riposo a letto prolungato o di uno sforzo fisico eccessivo - sollevamento pesi, maratona.

Patologie in cui la quantità di proteine ​​totali cambia nella tabella n. 2.

Basso contenuto di proteineAlto contenuto di proteine
OperazioniAllergie
TumoriNeoplasie maligne
Brucia e brucia malattieSclerodermia
Malassorbimento e sindrome da maldigestioneArtrite reumatoide
FebbreMieloma multiplo
Patologia del fegatoPerdita di sangue, coagulazione del sangue
Patologie gastrointestinaliDisfunzione epatica
TireotossicosiSepsi
IntossicazioneLupus eritematoso sistemico
Emorragia e anemiaDiarrea e vomito profusi
Massiccia infusione di soluzioni
Stanchezza, fame, vegetarismo rigoroso

Cosa dice la proteina elevata??

I medici chiamano iperproteinemia ad alto contenuto proteico. Tutte le fazioni possono essere promosse contemporaneamente o ciascuna separatamente..

I valori più alti si osservano nel mieloma, un tipo di tumore del sangue. La patologia è caratterizzata dal fatto che una grande quantità di proteine ​​si forma nel corpo, che ha una struttura anormale.

È troppo grande e intasa i reni, può essere depositato nel tessuto osseo.

IMPORTANTE! Il mieloma multiplo si riferisce a tumori maligni del sistema sanguigno, quindi un aumento della quantità di proteine ​​è un motivo per visitare un ematologo.

Un livello inferiore di frazioni proteiche si osserva nelle malattie autoimmuni: lupus eritematoso sistemico, sclerodermia, artrite reumatoide. Ciò è dovuto alla formazione di un gran numero di anticorpi contro i propri tessuti: immunoglobuline.

Altre patologie più rare in cui si verifica l'iperproteinemia:

  • Macroglobulinemia, o malattia di Waldenstrom, una patologia simile al mieloma in cui viene sintetizzata anche una proteina anormale,
  • Le "malattie delle catene pesanti" sono diverse patologie dell'immunità, in cui l'organismo produce le immunoglobuline sbagliate, che non svolgono la loro funzione protettiva e sono più grandi,
  • Linfogranulomatosi - neoplasia del sistema sanguigno,
  • Cirrosi epatica - di solito causa ipo-, ma in alcuni casi si verifica iperproteinemia,
  • Altre patologie con una componente autoimmune: sarcoidosi, paraproteinemia,
  • Infezioni acute e croniche con una risposta immunitaria pronunciata.

Cosa mostra il basso contenuto di proteine??

Ipoproteinemia: questo è il termine che i medici chiamano una bassa concentrazione di proteine ​​nel siero.

Le sue ragioni sono:

  • Mancanza di funzionalità delle cellule del fegato (si verifica con epatite, cirrosi, danno epatico tossico, degenerazione grassa del suo tessuto),
  • Mancanza di cibi proteici (digiuno, digiuno)
  • Esaurimento dovuto a febbre e infezioni,
  • Virus dell'immunodeficienza umana e immunodeficienze congenite,
  • Neoplasie maligne,
  • Eccessiva perdita di urina quando i reni non funzionano correttamente,
  • Neoplasie del sistema sanguigno,
  • Grave anemia,
  • Malattie croniche del sistema gastrointestinale, che si manifestano con le sindromi di malassorbimento e maldigestione (digestione e assorbimento insufficienti),
  • Pancreas insufficiente,
  • Diabete mellito e nefropatia diabetica,
  • Mancanza di funzionalità tiroidea.

Come prepararsi per lo studio?

Il sangue per l'analisi biochimica viene prelevato da una vena. Oggi questo viene fatto utilizzando tubi a vuoto, che consentono di prelevare il sangue in modo rapido e indolore. Il calcolo del risultato richiede da alcune ore a 1-2 giorni.

Nota! Dato che piccoli laboratori e cliniche trasportano il sangue a istituzioni più grandi, a volte sono necessari fino a tre giorni per l'analisi.

Non mangiare la mattina prima di prendere il sangue. Il cibo dovrebbe essere leggero la sera prima. Sono esclusi i cibi grassi, fritti e affumicati, poiché possono influenzare i risultati del test attraverso cambiamenti nella funzionalità epatica.

Il grasso in eccesso, il carico proteico, il consumo di alcol possono influire sul livello e l'analisi verrà mostrata in modo errato. Un'eccessiva attività fisica ha un effetto simile: porta a un cambiamento nei livelli di proteine.

Se la proteina nel sangue è elevata, cosa significa

La proteina nel sangue quando si esegue un test biochimico può dire molto sullo stato di salute. In questo caso, la proteina è un concetto collettivo, poiché ci sono concetti di una proteina generale e ci sono frazioni separate. E tutte queste frazioni sono importanti per il corpo umano..

Il sangue umano è costituito per il 54% da plasma e per il 46% da corpuscoli (eritrociti, piastrine, cellule leucocitarie). Il plasma è chiamato la parte liquida del sangue contenente acqua, una sospensione di proteine, composti organici non proteici e sali inorganici. Normalmente, circa il 6-8% del plasma totale è costituito da proteine. Le proteine ​​più importanti nel plasma sanguigno sono l'albumina, le frazioni di globulina e il fibrinogeno..

Proteine ​​totali nel sangue: che cos'è

La proteina totale è composta da albumina, fibrinogeno e quattro frazioni di globulina (alfa1, alfa2, beta e gamma globuline). La separazione delle proteine ​​in frazioni si basa sulla loro mobilità durante l'elettroforesi.

Inoltre, le proteine ​​nel sangue differiscono per la solubilità. L'albumina è un tipo di proteina solubile in acqua; le globuline hanno bisogno di sali per dissolversi.

Quasi tutte le proteine ​​(ad eccezione delle immunoglobuline e degli ormoni peptidici) sono sintetizzate dalle cellule del fegato. Le plasmacellule sono responsabili della sintesi delle immunoglobuline e la produzione di ormoni peptidici viene effettuata dalle ghiandole del sistema endocrino.

I livelli di albumina possono aumentare con la disidratazione e la formazione di coaguli di sangue. Un aumento di questa frazione si osserva nelle malattie dell'intestino e del fegato, nonché in presenza di focolai di infezione purulenta nel corpo..

Per la presenza di un processo infettivo-infiammatorio, proteine ​​di fase acuta (proteine ​​C reattive, aptoglobine, fibrinogeno, ecc.).

La durata della vita delle proteine ​​nel sangue varia da diversi giorni a diverse settimane. L'utilizzo di proteine ​​"invecchiate" avviene nel fegato mediante endocitosi.

Il ruolo delle proteine ​​nel corpo

Quantitativamente, la maggior parte delle proteine ​​totali è l'albumina (transtiretina e albumina). Rappresentano dal 50 al 70% delle proteine ​​totali nel sangue..

La transtiretina è prealbumina. Questa proteina del sangue è responsabile del trasporto degli ormoni tiroidei: tiroxina e triiodotironina.

L'albumina svolge il ruolo di riserva proteica, mantiene l'equilibrio osmotico-colloidale del sangue, è responsabile del legame e del trasporto di FA (acidi grassi), bilirubina e acidi biliari, SG (ormoni steroidei). L'albumina trasporta anche ioni inorganici di calcio e magnesio.

A cosa servono le globuline?

Le alfa globuline includono:

  • alfa1 - antitripsina, che agisce come un inibitore degli enzimi proteolitici;
  • proteina legante la tiroxina nel sangue, che lega e trasporta l'ormone tiroideo - tiroxina;
  • proteina legante il retinolo che trasporta la vitamina A (retinolo);
  • protrombina, che è un secondo fattore di coagulazione del sangue;
  • lipoproteina, che trasporta i lipidi;
  • proteina del sangue legante la vitamina D che lega e trasferisce il calciferolo;
  • macroglobulina che trasporta zinco e proteinasi;
  • antitrombina 3, che sopprime la coagulazione del sangue;
  • ceruloplasmina, che trasporta ioni rame;
  • transcortina, che lega e trasferisce gli ormoni (cortisolo e corticosterone).

Leggi anche sull'argomento

La frazione delle proteine ​​del sangue beta-globulina è suddivisa in:

  • transferrina, che è responsabile del legame e del trasferimento del ferro;
  • emopexina, trasporto di gemme;
  • fibrinogeno, che è il primo fattore nella coagulazione del sangue;
  • globulina che trasferisce gli ormoni sessuali maschili e femminili (testosterone ed estrogeni);
  • Proteina C reattiva nel sangue (proteina della fase acuta che risponde per prima a una risposta infiammatoria acuta);
  • Transcobalamina che trasporta cianocobalamina (vitamina B12).

La frazione delle proteine ​​totali nel sangue, rappresentata dalle gamma globuline, comprende le immunoglobuline:

  • IgG, correlate a specifici fattori di difesa umorale;
  • IgM, coinvolta nella risposta immunitaria primaria;
  • IgA, prevenendo la fissazione di microrganismi patogeni sulle mucose;
  • IgE, fornendo un'immunità antiparassitaria completa e partecipando a reazioni di genesi allergica;
  • IgD, che sono recettori per le cellule B-linfocitiche.

Indicazioni per il test delle proteine ​​totali nel sangue

La proteina totale nel sangue, la norma negli uomini e nelle donne dovrebbe essere valutata quando:

  • patologie acute e croniche di natura infettiva e infiammatoria;
  • edema;
  • patologie autoimmuni sistemiche accompagnate da danni al tessuto connettivo (collagenosi);
  • disidratazione, diarrea, vomito indomabile;
  • danno ai reni o al fegato (specialmente nelle malattie che violano la funzione proteico-sintetica del fegato - cirrosi, epatite, ecc.);
  • neoplasie maligne;
  • immunodeficienze;
  • disordini metabolici;
  • pancreatite acuta e cronica (durante l'esacerbazione);
  • terapia con glucocorticosteroidi;
  • disturbi alimentari (soprattutto con diete o digiuno prolungato);
  • alterato assorbimento nell'intestino (sindrome da malassorbimento);
  • ustioni termiche.

Inoltre, la proteina totale del sangue dovrebbe essere studiata nelle donne durante la gravidanza, specialmente quando compare un edema grave.

Preparazione per l'analisi

La proteina nel sangue deve essere valutata a stomaco vuoto, l'assunzione di cibo è esclusa dodici ore prima del test. Non è consentito bere tè, caffè, succhi e bevande gassate alla vigilia dello studio. Puoi bere normale acqua bollita al mattino..

Il giorno prima dello studio è escluso l'uso di cibi grassi e fritti.

Si consiglia di escludere l'assunzione di alcol 48 ore prima del prelievo di sangue. Al mattino, si consiglia di non fumare prima di prendere il sangue.

Inoltre, l'attività fisica è esclusa il giorno prima del prelievo di sangue..

Proteine ​​totali nel sangue. La norma e cosa può influenzare i risultati dello studio

Durante il trattamento con farmaci androgeni, clofibrato, corticotropina, corticosteroidi, adrenalina, ormoni tiroidei, insulina, progesterone si può osservare un aumento delle proteine ​​nel sangue.

Le proteine ​​del sangue possono diminuire con l'allopurinolo o la terapia con estrogeni.

Una proteina falsamente elevata nel sangue può essere rilevata con un'attività fisica intensa prima dello studio.

Quando si applica un laccio emostatico eccessivamente stretto o si lavora attivamente con la mano, anche le proteine ​​nel sangue possono essere erroneamente aumentate.

Norma di età

Proteine ​​totali nel sangue, la norma nei pazienti di età superiore a 16 anni va da 65 a 85 grammi per litro.

La norma delle proteine ​​totali nei bambini è presentata nella tabella:

Tasso di frazione

In alcuni laboratori, il risultato di uno studio sulle frazioni può essere registrato come percentuale: (frazione analizzata / proteine ​​totali nel sangue) * 100%

Aumento delle proteine ​​nel sangue: cosa significa

  • patologie acute e croniche di natura infettiva e infiammatoria;
  • disidratazione, a seguito di aumento della sudorazione, diarrea, vomito indomabile, ustioni estese, perdita di liquidi nel diabete insipido;
  • peritonite;
  • giada;
  • patologie autoimmuni sistemiche, accompagnate da danni al tessuto connettivo;
  • malattie tropicali;
  • lebbra;
  • ipergammaglobulinemia specifica;
  • poliartrite cronica;
  • fase attiva di epatite cronica o danno epatico cirotico;
  • neoplasie maligne, accompagnate da una maggiore sintesi di proteine ​​patologiche. Tale quadro può essere osservato con mieloma, macroglobulinemia, linfogranulomatosi, "malattie delle catene pesanti".

Articolo Successivo
Gruppo farmacologico - Diuretici