Pronto soccorso per sanguinamento arterioso


Il sanguinamento arterioso è una lesione molto grave che può essere fatale se l'assistenza medica non viene fornita tempestivamente. È considerato il più pericoloso di tutti i tipi di sanguinamento. Se le arterie sono danneggiate, il sangue scorre fuori da esse in un flusso zampillante.

Il sangue arterioso si distingue per il suo colore scarlatto brillante. Scorre fuori dal vaso secondo i battiti del cuore. Un tale infortunio può causare la morte non solo immediatamente dopo averlo ricevuto, ma anche con la fornitura di cure mediche qualificate. Il sanguinamento arterioso può portare alla perdita di un arto ferito e altre complicazioni.

Regole per fermare l'emorragia arteriosa

La perdita di sangue con sanguinamento arterioso si verifica così rapidamente che l'assistenza di emergenza dovrebbe essere fornita dai primissimi 2-3 minuti dopo la sua formazione. Quando le grandi arterie sono ferite, il tempo per fornire assistenza di emergenza si riduce a 1-2 minuti. Altrimenti, la pressione sanguigna scenderà ogni secondo, a seguito della quale la vittima perderà conoscenza, entrerà in coma o morirà immediatamente..

In caso di sanguinamento arterioso, prima di tutto, schiacciare (spremere) la ferita con le dita o il pugno, cercando di fermare il flusso sanguigno zampillante.

In questo caso, è necessario osservare alcune regole nella pressione e spremitura di determinati vasi sanguigni:

L'arteria carotide comune viene premuta con le dita sulla colonna vertebrale, vale a dire sui processi trasversali delle vertebre cervicali. In questo caso, dovresti premere sul bordo interno del muscolo sternocleidomastoideo approssimativamente nella sua parte centrale.

L'arteria mascellare esterna viene premuta con le dita sul bordo anteriore del muscolo massetere.

L'arteria temporale è compressa con le dita leggermente in avanti dal bordo superiore dell'orecchio.

L'arteria succlavia viene premuta con le dita o un pugno dietro il bordo esterno della parte clavicolare del muscolo sternocleidomastoideo fino alla prima costola.

L'arteria brachiale viene compressa dalle dita lungo il bordo interno del muscolo bicipite fino all'osso.

L'arteria femorale viene premuta da un pugno contro l'osso pubico sotto il legamento pupare. Nelle persone magre, questo vaso può essere facilmente premuto contro la coscia..

L'arteria poplitea viene premuta da un pugno al centro della cavità poplitea.

Dopo aver fornito assistenza di emergenza per premere la nave in caso di danni alle grandi arterie, è necessario applicare immediatamente un laccio emostatico di gomma. In caso di sanguinamento minore, un rullo stretto o una benda sterile monopezzo viene fasciata alla ferita. In condizioni estreme, al posto di un laccio emostatico, puoi usare una cintura, una sciarpa, una corda spessa e altri mezzi improvvisati con cui realizzare una benda di pressione. Una benda sterile viene applicata alla ferita stessa per evitare che l'infezione penetri nel corpo.

In alcuni casi, quando non c'è frattura ossea, è possibile utilizzare la flessione forzata dell'arto ferito invece di un laccio emostatico. Con questo metodo di arresto del sanguinamento arterioso, l'arto ferito viene piegato e fissato in una posizione piegata con una benda o altri mezzi disponibili.

L'imposizione di un laccio emostatico per sanguinamento arterioso

Già durante la fornitura di primo soccorso alla vittima per spremere i vasi, qualcuno dall'ambiente circostante dovrebbe preparare un laccio emostatico o mezzi improvvisati, cotone idrofilo, garza o tovaglioli di cotone. La garza o il tessuto vengono applicati alle aree danneggiate del corpo, senza raggiungere il sito di sanguinamento. Gli arti feriti dovrebbero essere in una posizione elevata. L'elastico è leggermente allungato e l'arto viene avvolto attorno ad esso in 2-3 giri. Il laccio emostatico deve essere applicato abbastanza stretto da fermare il sanguinamento dall'arteria, ma l'arto non deve essere schiacciato con forza. Le sue estremità sono legate, fissate con un gancio o una catena. In genere, un laccio emostatico o una benda a pressione viene applicato 2-3 cm sopra la ferita.

Caratteristiche dell'applicazione di un laccio emostatico per vari tipi di danno arterioso:

Se le mani sono ferite, viene applicato al terzo superiore della spalla..

La localizzazione ottimale del laccio emostatico sull'arto superiore è il terzo superiore o inferiore della spalla (al centro della spalla, il laccio emostatico non deve essere applicato per evitare danni al nervo radiale).

In caso di grave danno all'arteria femorale, potrebbe essere necessario un altro laccio emostatico, che viene applicato leggermente più in alto del primo.

In caso di rotture dell'arteria carotide e altre lesioni al viso e alla testa, una benda morbida viene posizionata sotto il laccio emostatico per non causare ulteriori lesioni. Allo stesso tempo, il laccio emostatico non è stretto troppo per prevenire il soffocamento umano e una circolazione sanguigna insufficiente al cervello..

Se il laccio emostatico viene applicato correttamente, il flusso sanguigno si interrompe completamente. Una nota è posta sotto il laccio emostatico, in cui sono indicati i dati sul danno e il tempo di applicazione della benda di pressione. L'area del corpo in cui viene applicato il laccio emostatico non deve essere completamente coperta dagli indumenti in modo che il personale ospedaliero possa trovare immediatamente il sito della lesione.

Dopo l'applicazione del laccio emostatico, la vittima viene immediatamente inviata in una struttura medica, dove riceverà l'assistenza necessaria. Quando si trasporta un paziente con ferite su grandi arterie, deve essere immobilizzato (immobilizzato).

Per evitare gravi conseguenze derivanti da un'alimentazione insufficiente dei tessuti, dalla loro necrosi e paralisi dovuta alla compressione delle fibre nervose, il laccio emostatico non deve essere lasciato sul corpo per più di 90 minuti. Se si verifica una situazione in cui il laccio emostatico deve ancora rimanere sull'arteria danneggiata, viene leggermente allentato per alcuni minuti e quindi stretto di nuovo. Quando si utilizza un laccio emostatico nella stagione fredda, è necessario avvolgere calorosamente la vittima, in particolare l'arto ferito.

Pericolo di sanguinamento arterioso

Se una vittima con sanguinamento arterioso non riceve assistenza di emergenza nei primi minuti dopo l'infortunio, semplicemente sanguinerà e morirà. La rapidissima perdita di sangue impedisce al corpo di attivare i suoi meccanismi di difesa. In questo caso, il cuore non ha un volume sanguigno normale sufficiente, a causa del quale la circolazione sanguigna si interrompe completamente..

Anche pizzicare le arterie nei primi minuti dopo l'infortunio è spesso difficile, perché hanno pareti più spesse e più ostinate delle vene e la pressione sanguigna in esse è molto più alta. Anche con l'arresto finale di tale sanguinamento in un istituto medico, possono sorgere varie complicazioni. Durante il trattamento di una ferita, il medico benda la nave nella ferita. In alcuni casi, può essere necessaria una sutura vascolare. Cambiamenti nelle proporzioni dei tessuti in termini anatomici, schiacciamento e sanguinamento grave rendono il processo di ricerca di un vaso e legatura di una ferita molto problematico. In caso di emorragia interna, la vittima necessita di un intervento chirurgico urgente, poiché in questo caso non è possibile applicare una benda compressiva.

La mancanza di aiuto dopo l'applicazione del laccio emostatico porta spesso alla morte dell'arto, a causa del flusso sanguigno alterato. La mancanza di sangue nei tessuti 8-10 ore dopo la lesione dell'arteria diventa critica. Allo stesso tempo, inizia lo sviluppo della cancrena, che è una necrosi irreversibile dei tessuti dell'arto. Dopodiché, il paziente può ancora essere salvato solo con l'amputazione dell'arto ferito. Inoltre, viene amputata molto più in alto rispetto al punto in cui è iniziata la cancrena..

Con una significativa perdita di sangue, il sangue del donatore viene trasfuso alla vittima dopo che l'emorragia si è interrotta. Il suo volume può arrivare fino a 1000 cc. Con tali lesioni, si verificano spesso ematomi pulsanti in rapida crescita. Devono anche essere operati. Per il sanguinamento nelle persone con ridotta coagulazione del sangue e alterazioni patologiche nelle pareti dei vasi sanguigni, viene utilizzata una soluzione al 10% di cloruro di calcio. È prescritto in un volume di 10-20 metri cubi. vedere per via endovenosa. Il miglior risultato nel trattamento del sanguinamento arterioso è dato da ripetute trasfusioni di sangue a piccole dosi (omeostatiche) (100-150 cc). Il paziente ha bisogno di riposo completo dopo l'operazione. Applicare un impacco freddo localmente sulla ferita.

Sulla base di quanto sopra, diventa chiaro che senza la fornitura di cure mediche di emergenza e professionali, i danni alle arterie che hanno portato al sanguinamento possono costare la vita a una persona. Ecco perché è così importante essere in grado di fornire il primo soccorso alla vittima e portarlo rapidamente in ospedale. La prognosi per il recupero dopo un tale infortunio dipende dalle dimensioni della lesione, dalla sua posizione sul corpo e da una serie di altri motivi che hanno portato a questa lesione..

Pronto soccorso per sanguinamento arterioso punto per punto: istruzioni dettagliate e regole per la fornitura

Tutti dovrebbero sapere come fornire il primo soccorso per il sanguinamento arterioso. Aiuterà a salvare la vita della persona ferita in difficoltà..

Le arterie, come le vene, sono vasi sanguigni del corpo umano. Solo loro forniscono il flusso dal cuore agli organi e alle vene - viceversa. Il sangue arterioso di solito ha una tonalità di rosso brillante e satura, a causa della presenza di ossigeno e ossiemoglobina. In venoso - il colore è scuro, poiché si muove centripeto, cioè verso il cuore, ed è saturo di anidride carbonica e deossiemoglobina.

Caratteristiche del sangue arterioso

Il sangue arterioso è necessario affinché i tessuti del corpo svolgano i processi metabolici del metabolismo. Nei piccoli vasi dei tessuti del corpo, l'ossigeno viene rilasciato e il sangue è saturo di anidride carbonica. Il sangue scorre già nelle vene e viene chiamato venoso. È importante sapere per poter fornire correttamente il primo soccorso per l'emorragia arteriosa, le cui cause possono essere molto diverse..

Se l'emorragia è interna, cioè il sangue riempie le cavità del corpo e non esce, è necessario chiamare urgentemente un'ambulanza. Non è realistico fornire assistenza a tale vittima senza intervento chirurgico. Puoi solo ridurre la perdita di sangue applicando il freddo al luogo.

Se esce il sangue, aiutare la vittima in difficoltà è dovere civico di ogni persona. Più avanti nell'articolo, ti diremo in dettaglio come fornire il primo soccorso per l'emorragia arteriosa, punto per punto, come agire per non danneggiare la vittima e te stesso, quali mezzi disponibili possono essere utilizzati in caso di emergenza. Imparerai come agire passo dopo passo e velocemente, perché qualsiasi ritardo minaccia una persona di morte, soprattutto se l'emorragia è pesante.

Come distinguere i tipi di sanguinamento esterno

Prima di iniziare qualsiasi azione di primo soccorso, devi capire con che tipo di sanguinamento hai a che fare. Questo diventerà chiaro dopo l'ispezione visiva..

Considera i segni esterni di diverse emorragie:

  1. Capillare: praticamente l'intera superficie danneggiata della ferita sanguina, il sangue viene rilasciato come una rete. Questo sanguinamento di solito non è massiccio e facile da fermare..
  2. Venoso: il flusso sanguigno è di colore scuro, il flusso scorre continuamente.
  3. Arterioso: il sangue dalla ferita sgorga letteralmente, mentre si muove sotto pressione, pulsa al ritmo del battito cardiaco. Poiché la velocità del flusso è elevata, la perdita di sangue può essere estesa. Pertanto, il primo soccorso per il sanguinamento arterioso dovrebbe essere eseguito rapidamente e abilmente, nei primissimi minuti dopo aver ricevuto una ferita.

Si ritiene che il sanguinamento dalle arterie danneggiate sia il più pericoloso dei tre elencati, poiché una perdita di sangue abbondante si verifica in un breve periodo di tempo, questo può portare alla perdita di coscienza, alla morte di un arto, una persona può cadere in coma o morire.

Regole generali di pronto soccorso

Le regole elencate di seguito riguardano non solo la chiarezza del pronto soccorso per l'emorragia arteriosa, sono disposizioni generali con l'assistenza di persone ferite. Tutti hanno bisogno di conoscerli in modo che, con le migliori intenzioni, non danneggino né se stessi né la persona bisognosa di aiuto..

Verificare innanzitutto che la persona sia stata allontanata dalla zona di pericolo. Se il pericolo persiste, la vittima deve essere portata fuori o trascinata via dal luogo dell'incidente. Assicurati che niente minacci lui o te.

Se c'è uno sconosciuto di fronte a te e vuoi aiutarlo, proteggiti indossando una maschera e guanti di gomma. Dovrebbero adattarsi bene alla mano, assicurarsi che la gomma non si rompa durante il funzionamento. Questo può salvarti la vita personalmente, perché una persona può avere malattie pericolose che vengono trasmesse attraverso il sangue. Non puoi agire impulsivamente e metterti in pericolo.

Sollevare la parte danneggiata del corpo più in alto e istruire le altre persone a chiamare un'ambulanza. In caso di forti emorragie, premi con la mano sull'area sopra la ferita. Se non hai i guanti, puoi farlo con il ginocchio o avvolgendo qualsiasi capo di abbigliamento intorno alla mano, raccogliendolo in una palla.

Non toccare mai una ferita aperta con le mani, non tirare fuori nulla, non cercare di sciacquarla con acqua per eliminare lo sporco. Ciò aumenterà solo la perdita di sangue e causerà ancora più danni alla vittima..

Pronto soccorso per sanguinamento arterioso punto per punto

Fornendo assistenza alla vittima con sanguinamento zampillante, è necessario agire nei primi minuti secondo un piano chiaro:

  • Posiziona la vittima in modo che la ferita sia al di sopra del livello del cuore.
  • Bloccare l'arteria sopra il sito rotto. Questo dovrebbe fermare o ridurre la perdita di sangue..
  • Applicare un elastico a pochi centimetri sopra lo spazio. Se non è a portata di mano, puoi crearne uno fatto in casa da una cintura, corda, corda o tessuto naturale attorcigliato.
  • È imperativo annotare il tempo di applicazione di una benda stretta in modo che i medici conoscano la durata della compressione dei vasi. Questo è molto importante, perché con l'applicazione prolungata di una benda di pressione, può verificarsi necrosi dei tessuti, il che significa cancrena. Da questo, una persona può perdere un arto o la vita..
  • Applicare una benda di garza sterile sulla ferita aperta per prevenire l'infezione.
  • Assicurati di trasportare il paziente all'ospedale più vicino per un aiuto professionale o chiama un'ambulanza.

Ora conosci punto per punto le regole del primo soccorso per l'emorragia arteriosa e sarai in grado di agire correttamente se necessario. Successivamente, considereremo come installare correttamente una benda di pressione..

Come applicare un laccio emostatico

È molto comodo spremere un arto con un elastico, poiché ha fori e ganci per fissarlo sul segmento desiderato. Nella foto sotto, puoi vedere un prodotto in gomma appositamente progettato per fermare l'emorragia. Applicalo 2-3 cm sopra la rottura del vaso, avvolgendolo più volte attorno all'arto.

Dovrebbe essere abbastanza teso, ma non causare lo scolorimento blu dell'arto, che può portare a necrosi dei tessuti. Il sito della medicazione non ha bisogno di essere coperto con indumenti, in modo che i medici di emergenza in arrivo possano trovare rapidamente il sito dell'arteria danneggiata. Fornire al paziente un'immobilizzazione dell'arto durante il trasporto in ospedale.

Non dimenticare di indicare l'ora dell'applicazione dell'imbracatura Non può essere tenuto sul corpo per più di due ore. Se è necessario continuare a spremere la nave, rimuovere temporaneamente il laccio emostatico, ripristinare la circolazione sanguigna nei tessuti e quindi applicare nuovamente la benda. Se fuori fa freddo, copri la persona con una coperta calda, in particolare il punto di spremitura con un laccio emostatico.

Azioni passo passo

Poiché con il sanguinamento arterioso, il primo soccorso inizia con la spremitura dell'arteria sopra la rottura, considereremo attentamente la corretta applicazione di un laccio emostatico di gomma. Nel luogo scelto, è necessario raddrizzare le pieghe del vestito e avvolgerlo con un tessuto morbido, creando uno strato tra il corpo e la gomma. Quindi il laccio emostatico viene fatto scivolare dal basso sotto l'arto, la gomma viene tesa con le mani e avvolta attorno al corpo.

Il primo cerchio viene applicato saldamente, quindi la tensione viene leggermente allentata e le svolte successive non sono più così schiaccianti. Fissare i bordi con ganci. Assicurati che non ci siano pizzichi di pelle tra gli strati di gomma. Il laccio emostatico viene tirato senza una pressione eccessiva, a condizione che l'emorragia si fermi. Per capirlo, ascolta l'increspatura sottostante. Se il polso non si sente, la tensione è troppo forte e devi allentare il laccio emostatico.

Usare mezzi improvvisati

Se non hai un laccio emostatico medico a portata di mano, puoi utilizzare qualsiasi materiale a portata di mano. Il primo soccorso per il sanguinamento arterioso di un arto può essere fornito con una cravatta o una cintura, una benda o una cintura dai vestiti, un tubo di gomma o una sciarpa, ma questo non può essere fatto con un filo o uno spago sottile.

Se usi un panno, devi regolare la torsione per il serraggio, come nella foto sopra nell'articolo. Assicurati che la pelle non rimanga impigliata tra strati di stoffa o benda quando torni il tessuto..

La durata dell'applicazione del laccio emostatico

Nelle regole per il primo soccorso per sanguinamento arterioso, si dice che è imperativo scrivere il tempo di installazione del laccio emostatico e far scivolare una nota sotto i suoi giri. Il tempo è indicato chiaramente: sia ore che minuti. Il periodo di tempo in cui il recipiente resta schiacciato dipende dalla temperatura ambiente. Nella stagione calda è di 2 ore e con basse temperature dell'aria è ancora inferiore, fino a 1-1,5 ore. Se durante questo periodo la vittima non può essere portata in ospedale, è necessario consentire ai tessuti di riprendere la circolazione sanguigna..

È meglio eseguire questa procedura insieme. Una persona dovrebbe sentire l'arteria danneggiata con il dito e premerla sopra la rottura. Il suo assistente sbottona dolcemente e rimuove un laccio emostatico o una benda di pressione. È necessario dare almeno 5 minuti per ripristinare la circolazione sanguigna nei tessuti, quindi applicare nuovamente un laccio emostatico, ma diversi centimetri sopra il punto precedente. È desiderabile spremere la nave il più vicino possibile al sito della lesione.

Pronto soccorso per sanguinamento arterioso dell'arto

Per fermare il sanguinamento alle estremità, utilizzare il metodo di bloccaggio dell'arteria piegando il braccio o la gamba in corrispondenza dell'articolazione. Le immagini seguenti mostrano che un rullo morbido è posizionato al posto della piega, quindi l'arto viene fissato con un laccio emostatico attorno alla coscia o al tronco..

Questo metodo viene utilizzato nei casi in cui è scomodo applicare un laccio emostatico sopra la pausa..

Ora sai come fornire il primo soccorso per sanguinamento arterioso passo dopo passo e puoi agire correttamente se necessario.

Sanguinamento

Regole di comportamento

Lo scopo e la procedura per eseguire un'indagine sulla vittima

Lo scopo del sondaggio è identificare i segni di sanguinamento che richiedono un arresto anticipato. L'esame generale viene eseguito molto rapidamente, entro 1-2 secondi, dalla testa ai piedi.

I concetti di "sanguinamento", "perdita di sangue acuta"

Il sanguinamento è inteso come una situazione in cui il sangue (normalmente situato all'interno dei vasi del corpo umano) per vari motivi (il più delle volte a causa di lesioni) lascia il letto vascolare, il che porta a una perdita di sangue acuta - la perdita irreversibile di parte del sangue. Ciò è accompagnato da una diminuzione della funzione del sistema circolatorio per trasportare ossigeno e sostanze nutritive agli organi, che è accompagnata da un deterioramento o dalla cessazione della loro attività..

I principali segni di perdita di sangue acuta:

• forte debolezza generale;

• lampeggiante "mosche" davanti agli occhi;

• svenimento, più spesso quando si cerca di alzarsi;

• pelle pallida, umida e fredda;

Questi segni possono essere osservati sia in presenza di sanguinamento esterno in corso, sia con emorragia interrotta, sia in assenza di sanguinamento visibile o in corso..

A seconda della quantità di perdita di sangue, del tipo di vaso e di quale organo è stato rifornito di sangue dal vaso danneggiato, possono verificarsi vari disturbi nel corpo umano, da minori alla cessazione dell'attività vitale, ad es. morte della vittima. Ciò può accadere quando vasi di grandi dimensioni sono danneggiati se non viene fornito il primo soccorso, ad es. con sanguinamento grave inarrestabile. Le capacità compensative del corpo umano, di regola, sono sufficienti per mantenere la vita con sanguinamento di bassa e media intensità, quando il tasso di perdita di sangue è basso. In caso di danni a grandi vasi, il tasso di perdita di sangue può essere così significativo che la morte della vittima senza primo soccorso può avvenire entro pochi minuti dal momento della lesione.

Segni di vari tipi di sanguinamento esterno (arterioso, venoso, capillare, misto)

Il sanguinamento esterno è accompagnato da danni alla pelle e alle mucose, mentre il sangue viene versato nell'ambiente.

In base al tipo di vasi sanguigni danneggiati, il sanguinamento è:

- Arteriosa. Sono i più pericolosi, poiché quando le grandi arterie sono ferite, c'è una grande perdita di sangue in breve tempo. Un segno di sanguinamento arterioso è solitamente un flusso di sangue scarlatto pulsante, una pozza di sangue scarlatto che si diffonde rapidamente e gli indumenti della vittima rapidamente intrisi di sangue.

- Venoso. Sono caratterizzati da un minor tasso di perdita di sangue, il sangue è di ciliegia scura, scorre in un "flusso". Il sanguinamento venoso può essere meno pericoloso del sanguinamento arterioso, ma richiede anche un arresto anticipato..

- Capillare. Osservato con abrasioni, tagli, graffi. Il sanguinamento capillare, di regola, non rappresenta una minaccia immediata per la vita.

- Misto. Questo è il sanguinamento, in cui ci sono contemporaneamente sanguinamento arterioso, venoso e capillare. Osservato, ad esempio, quando un arto viene strappato. Pericoloso per la presenza di sanguinamento arterioso.

Metodi per fermare temporaneamente l'emorragia esterna: pressione con le dita dell'arteria, applicazione di un laccio emostatico, massima flessione dell'arto nell'articolazione, pressione diretta sulla ferita, applicazione di una benda di pressione

Nel caso in cui la vittima sia ferita, la persona che presta il primo soccorso deve adottare le seguenti misure:

- fornire un ambiente sicuro per il primo soccorso;

- assicurarsi che ci siano segni di vita nella vittima;

- condurre un sondaggio per determinare la presenza di sanguinamento;

- determinare il tipo di sanguinamento;

- fermare l'emorragia nel modo più appropriato o in combinazione.

Attualmente, nella fornitura del primo soccorso, vengono utilizzati i seguenti metodi per interrompere temporaneamente il sanguinamento:

1. Pressione diretta sulla ferita.

2. Applicazione di una benda di pressione.

3. Pressione delle dita dell'arteria.

4. Massima flessione dell'arto nell'articolazione.

5. Imposizione di un laccio emostatico (servizio o improvvisato).

1. La pressione diretta sulla ferita è il modo più semplice per fermare l'emorragia. Quando lo si utilizza, la ferita viene chiusa con tovaglioli sterili o una benda sterile, dopodiché la mano del partecipante al primo soccorso viene applicata sull'area della ferita con una forza sufficiente per fermare l'emorragia. In assenza di una benda o di tovaglioli, qualsiasi tessuto disponibile può essere utilizzato da applicare alla ferita. In assenza di servizio e mezzi improvvisati, è consentito esercitare una pressione sulla ferita con la mano di un partecipante al primo soccorso (mentre non dovresti dimenticare la necessità di usare guanti medici).

La vittima può anche essere incoraggiata a cercare di fermare l'emorragia che ha da solo esercitando una pressione diretta sulla ferita..

2. Per un controllo più prolungato del sanguinamento, è possibile utilizzare un bendaggio pressore. Durante l'applicazione, è necessario osservare i principi generali dell'applicazione delle bende: si consiglia di mettere i tovaglioli sterili del kit di pronto soccorso sulla ferita, la benda deve essere stesa nella direzione di marcia, alla fine dell'applicazione la benda deve essere fissata legando l'estremità libera della benda attorno all'arto. Poiché lo scopo principale della medicazione è fermare il sanguinamento, deve essere applicato con forza (pressione). Se la benda inizia a impregnarsi di sangue, vengono applicati alcuni altri tovaglioli sterili e fasciati strettamente.

3. La pressione delle dita dell'arteria consente di arrestare rapidamente ed efficacemente il sanguinamento dalle grandi arterie. La pressione viene applicata in punti specifici tra la ferita e il cuore. La scelta dei punti è dovuta alla possibilità di premere l'arteria contro l'osso. Il risultato è la cessazione del flusso sanguigno nell'area danneggiata della nave e l'arresto o un significativo indebolimento del sanguinamento. In genere, la compressione digitale dell'arteria precede l'applicazione di un laccio emostatico e viene utilizzata nei primi secondi dopo il rilevamento del sanguinamento e l'inizio del primo soccorso (così come la pressione diretta sulla ferita). La pressione con le dita dell'arteria può essere un metodo indipendente per fermare l'emorragia oppure può essere utilizzata in combinazione con altri metodi (ad esempio, con una benda di pressione sulla ferita). L'efficacia e la correttezza dell'utilizzo di questo metodo sono determinate visivamente, riducendo o arrestando il sanguinamento.

L'arteria carotide comune è premuta sulla superficie anteriore del collo all'esterno della laringe sul lato della lesione. La pressione al punto indicato può essere applicata con quattro dita contemporaneamente verso la colonna vertebrale, mentre l'arteria carotide viene premuta contro di essa. Un'altra opzione per la pressione delle dita sull'arteria carotide è premere sullo stesso punto con il pollice verso la colonna vertebrale. È necessario premere con forza sufficiente, perché il sanguinamento dall'arteria carotide è molto intenso.

L'arteria succlavia viene premuta nella fossa sopra la clavicola fino alla prima costola. Puoi applicare pressione al punto di pressione dell'arteria succlavia usando quattro dita raddrizzate. Un altro metodo di pressione delle dita sull'arteria succlavia è con le dita flesse..

L'arteria brachiale viene premuta contro l'omero dall'interno tra il bicipite e il tricipite nel terzo medio della spalla se il sanguinamento è derivato da ferite nel terzo medio e inferiore della spalla, dell'avambraccio e della mano. La pressione sul punto di pressione viene eseguita con l'aiuto di quattro dita della mano, avvolgendo la spalla della vittima dall'alto o dal basso.

L'arteria ascellare viene premuta contro l'omero sotto l'ascella quando sanguina da una ferita alla spalla sotto l'articolazione della spalla. La pressione al punto di pressione dell'arteria ascellare è prodotta da dita diritte e rigidamente fissate con una forza sufficiente nella direzione dell'articolazione della spalla. In questo caso, l'area dell'articolazione della spalla della vittima dovrebbe essere tenuta con l'altra mano..

L'arteria femorale viene compressa sotto la piega inguinale quando sanguina da ferite nella coscia. La pressione viene applicata con un pugno fissato con l'altra mano, il peso corporeo del partecipante al primo soccorso.

4. La massima flessione dell'arto nell'articolazione porta alla flessione e alla compressione del vaso sanguigno, che aiuta a fermare l'emorragia. Questo metodo è abbastanza efficace per fermare l'emorragia. Per migliorare l'efficienza, posizionare 1-2 bende o indumenti arrotolati nell'area delle articolazioni. Dopo la flessione, l'arto viene fissato con le mani, diversi giri di benda o mezzi improvvisati (ad esempio una cintura dei pantaloni).

In caso di sanguinamento da ferite della spalla superiore e della regione succlavia, l'arto superiore viene portato dietro la schiena con flessione all'articolazione del gomito e fissato con una benda o entrambe le mani vengono riportate con flessione alle articolazioni del gomito e tirate l'una all'altra con una benda.

Per fermare il sanguinamento dall'avambraccio, un rullo viene inserito nella curva del gomito, l'arto viene flesso il più possibile nell'articolazione del gomito e l'avambraccio è fissato alla spalla in questa posizione, ad esempio, con una cintura.

In caso di danni ai vasi del piede, della parte inferiore della gamba e della fossa poplitea, in quest'ultimo vengono inserite diverse bende o un rullo di tessuto, dopo di che l'arto viene piegato sull'articolazione del ginocchio e fissato in questa posizione con una benda.

Per fermare l'emorragia in caso di infortunio alla coscia, un rotolo di tessuto o più bende vengono posizionati nella piega inguinale, l'arto inferiore viene piegato sull'articolazione dell'anca (il ginocchio viene tirato verso il petto) e fissato con le mani o una benda.

5. L'imposizione di un laccio emostatico può essere utilizzato per un arresto temporaneo più prolungato di una grave emorragia arteriosa. Per ridurre gli effetti negativi del laccio emostatico sugli arti, dovrebbe essere applicato secondo le seguenti regole.

1). Il laccio emostatico dovrebbe essere applicato solo per sanguinamento arterioso con lesioni alla spalla e alla coscia.

2). Il laccio emostatico deve essere applicato tra la ferita e il cuore, il più vicino possibile alla ferita. Se la sede del laccio emostatico si trova nel terzo medio della spalla e nel terzo inferiore della coscia, applicare il laccio emostatico più in alto.

3). Un laccio emostatico non può essere applicato su un corpo nudo, solo su indumenti o su un cuscinetto di tessuto (benda).

4). Prima dell'applicazione, il laccio emostatico deve essere avvolto sull'arto e allungato.

cinque). Il sanguinamento viene interrotto dal primo tour (esteso) del laccio emostatico, tutti i tour successivi (di fissaggio) vengono sovrapposti in modo che ogni tour successivo si sovrapponga approssimativamente alla metà del precedente.

6). Il laccio emostatico non deve essere coperto con bende o indumenti, ad es. dovrebbe essere in vista.

7). L'ora esatta dell'applicazione del laccio emostatico deve essere indicata in una nota, la nota deve essere posizionata sotto il laccio emostatico

otto). Il tempo massimo di permanenza del laccio emostatico sull'arto non deve superare i 60 minuti nella stagione calda e i 30 minuti nel freddo.

nove). Dopo aver applicato un laccio emostatico, l'arto deve essere immobilizzato (immobilizzato) e isolato termicamente (avvolto) utilizzando i metodi disponibili.

dieci). Se il tempo massimo per applicare il laccio emostatico è scaduto e l'assistenza medica non è disponibile, dovresti fare quanto segue:

a) per eseguire la pressione delle dita dell'arteria sopra il laccio emostatico;

b) rimuovere il laccio emostatico per 15 minuti;

c) se possibile, eseguire un leggero massaggio dell'arto, su cui è stato applicato il laccio emostatico;

d) applicare un laccio emostatico appena sopra il precedente punto di imposizione;

e) tempo massimo di riapplicazione - 15 minuti.

Come un laccio emostatico improvvisato, puoi usare mezzi improvvisati: treccia, sciarpa, cravatta e altre cose simili. Per fermare l'emorragia, in questo caso, viene realizzato un anello con i materiali indicati, ruotando fino a quando l'emorragia arteriosa non si arresta o si indebolisce in modo significativo con l'aiuto di qualsiasi oggetto durevole (metallo o asta di legno). Una volta raggiunto l'arresto dell'emorragia, l'asta viene fasciata fino all'arto. Anche le imbracature improvvisate vengono applicate secondo le regole di cui sopra..

Pronto soccorso per epistassi

Se la vittima è cosciente, è necessario metterlo a sedere con la testa leggermente inclinata in avanti e pizzicare il naso nell'area delle ali del naso per 15-20 minuti. In questo caso, puoi mettere il freddo sul ponte del naso. Se dopo il tempo indicato l'emorragia non si è fermata, è necessario chiamare un'ambulanza, prima dell'arrivo della quale è necessario continuare a eseguire le stesse misure.

Se la vittima con sangue dal naso è incosciente, dargli una posizione laterale stabile, controllando la pervietà delle vie aeree, chiamare un'ambulanza.

Come fornire il primo soccorso per traumi con sanguinamento arterioso

Le arterie sono spesso danneggiate quando ferite perché sono vicine alle ossa. Tale perdita di sangue è la più pericolosa in quanto se si perde più di 1 litro, una persona può morire. Ancora meno per bambini e adulti over 70.

La gravità del rischio è determinata dalla quantità di emorragia e dalla portata. Dal trauma alla nave più grande: l'aorta, la morte può avvenire in pochi minuti.

La causa del sanguinamento è la rottura della parete arteriosa in caso di lesioni gravi.

Perché il sanguinamento arterioso è pericoloso?

Le arterie forniscono l'ossigeno necessario al funzionamento del corpo. Un'abbondante perdita di sangue interrompe questo processo. Il cervello può morire dopo 6 minuti dalla cessazione della sua alimentazione. Anche il cuore e i nervi sono a grande rischio..

I recipienti pieni non si attaccano tra loro, il che è impossibile se non sono sufficientemente caricati. Il sangue rimanente non è in grado di far fronte alla fornitura della quantità richiesta di ossigeno. Si verifica uno shock vascolare (collasso).

L'aria può entrare nell'arteria rotta. L'infezione è possibile attraverso la ferita.

Peggio ancora per le vittime che hanno problemi di coagulazione.

Classificazione del sanguinamento

Il sanguinamento può essere esterno (evidente), interno (latente) e acuto (grande perdita di sangue in un tempo minimo).

Segni di sanguinamento da un'arteria

Questo sanguinamento ha le sue caratteristiche:

  • sangue - ferocemente rosso;
  • scorre rapidamente, ad alta pressione;
  • sgorga al battito del polso;
  • la condizione si sta rapidamente deteriorando;
  • la pressione delle dita non ferma l'emorragia.
  • nausea e vomito sullo sfondo di debolezza generale;
  • vertigini con possibile perdita di coscienza;
  • oscurità davanti agli occhi, voglia di dormire;
  • pelle pallida e mucose;
  • polso basso leggermente al di sopra della ferita;
  • arti freddi;
  • bassa pressione sanguigna;
  • polso rapido, sensazione di fiato corto;
  • svenimento per il dolore o l'odore del sangue;
  • bocca secca, sudore freddo.

La gravità e la velocità di sviluppo dei sintomi elencati è determinata dalla velocità del flusso sanguigno.

Diagnostica

Per il rilevamento completo del sanguinamento esterno, la vittima deve essere spogliata.

Determinare il sito dell'emorragia interna richiede la conoscenza del trauma che si è verificato.

Pronto soccorso per sanguinamento arterioso

Il primo soccorso deve essere fornito con calma, senza panico, piuttosto rapidamente e correttamente eseguire tutte le attività.

Con effusioni esterne

  1. Chiamata medica.
  2. Esame e identificazione delle ferite sanguinanti in tutto il corpo, compresi i casi chiusi.
  3. Fermare il sangue nel modo giusto al momento. Spesso un arresto temporaneo del sangue, prima dell'arrivo di un'ambulanza, salva la vita di una persona.
  4. Applicare una medicazione battericida alla ferita.
  5. Anestesia.
  6. Misurazione della pressione sanguigna e del polso.
  7. Bere caldo o qualsiasi bevanda senza alcol.
  8. Lascia visibile il sito della ferita.
  9. Informa il dottore quando è avvenuto l'incidente.

I modi principali per fermare il sanguinamento arterioso

Spremere

Per fermare il sangue dall'arteria, è necessario premere con decisione la mano su un punto morbido sopra il bordo della ferita e tenerla finché non viene applicato il laccio emostatico.

Con una ferita sulla spalla, è meglio premere l'arteria con un pugno sotto l'ascella. L'uomo ferito deve premere la mano sul corpo.

L'arteria ulnare viene premuta nella curva del gomito, tenendo lì 1-2 rotoli della benda, piegando fortemente il braccio.

Vaso femorale - all'inguine.

Vaso stinco - sotto il ginocchio (dietro), con due confezioni di medicazioni.

In caso di danni al piede o alla mano, è sufficiente bendare un pacchetto di benda sulla ferita e mantenere sollevato l'arto.

L'imposizione di un laccio emostatico, un elastico o materiale improvvisato, viene utilizzata per la violazione di una grande arteria.

Regole di vestizione

  • 5-8 cm sopra il bordo della ferita;
  • avvolto 2-3 volte;
  • mettere la stoffa o indossare vestiti raddrizzati dalle pieghe;
  • le estremità sono fisse; d
  • le sovrapposizioni mantengono l'arto sollevato;
  • sulla parte inferiore della gamba e sull'avambraccio no.

Ogni 30-60 minuti in inverno e 1-2 ore nella stagione calda, la benda deve essere sciolta pizzicandola con le dita sopra la ferita per 10-15 minuti. Per i bambini, il laccio emostatico viene tenuto per 20 minuti. Se applicato correttamente, il polso non può essere sentito sotto la ferita.

Per una rimozione tempestiva, viene allegata una nota che indica l'ora e la data di imposizione.

Non puoi stringere debolmente il laccio emostatico: questo comprime le vene, il che minaccia di aumentare il sanguinamento. Con un forte serraggio, le parti remote degli arti possono essere paralizzate. L'applicazione sulla pelle esposta provoca un forte dolore dopo circa 45 minuti.

Fissazione

In assenza di una frattura, l'arteria del piede o della parte inferiore della gamba può essere bloccata piegando forte il ginocchio e fissando la gamba in questa posizione.

Se l'arteria succlavia è danneggiata, lega le mani dietro la schiena sopra i gomiti, posizionando una cosa morbida.

In ogni caso, il freddo viene applicato sopra la benda..

Con emorragia interna

  1. Anestetizzare.
  2. Appoggia la persona ferita su una superficie piana, sollevando le gambe.
  3. Metti il ​​raffreddamento.
  4. Trasporto urgente in ospedale.

Quando sanguina dal tratto digestivo, il paziente non deve bere.

Trattamento

Solo un medico può fermare completamente l'emorragia in condizioni speciali, applicando le misure necessarie: medicazione, sutura, con l'aiuto di farmaci, intervento chirurgico dopo studi sull'hardware.

Autodifesa del corpo

La natura ha previsto un tale meccanismo di difesa se la ferita è profonda e il sangue non scorre così rapidamente: schiacciando il vaso danneggiato con il sangue accumulato accumulato, le estremità schiacciate possono attaccarsi tra loro, si forma un coagulo di sangue.

La conoscenza e le abilità per aiutare rapidamente a fermare l'emorragia arteriosa salveranno la vita di una persona.

Come identificare il sanguinamento arterioso e fornire il primo soccorso

Il sanguinamento è una condizione patologica caratterizzata dal deflusso di sangue dal flusso sanguigno nell'ambiente o in varie cavità corporee.

Una massiccia perdita di sangue è pericolosa per la salute e la vita umana, quindi tutti dovrebbero essere in grado di riconoscere i segni di sanguinamento nel tempo e sapere come agire in una situazione del genere.

Cos'è il sanguinamento arterioso?

Il sanguinamento arterioso è un tipo di sanguinamento causato da arterie danneggiate. Questi vasi trasportano sangue ricco di ossigeno a tutti gli angoli del nostro corpo, quindi il fallimento di grandi vasi di questo tipo può essere fatale.

Vale la pena agire immediatamente con tale perdita di sangue, perché l'alta pressione nelle arterie costringe il sangue a fluire ad alta velocità. Spesso vengono contati i minuti e persino i secondi..

Differenze tra sanguinamento arterioso e venoso

Qual è la caratteristica del sanguinamento arterioso?

Il sintomo principale del sanguinamento arterioso è il rapido flusso di sangue scarlatto dalla ferita. Con la perdita di sangue dalle vene, il sangue è di colore più scuro e scorre lentamente, poiché la pressione in questi vasi è molto più bassa.

Il sanguinamento arterioso ha caratteristiche caratteristiche con cui può essere facilmente riconosciuto:

  • Il sangue che scorre ha un colore scarlatto brillante e scorre a una velocità significativa,
  • Il sangue è abbastanza sottile, in contrasto con il denso venoso,
  • Il flusso di sangue "pulsa" al ritmo del battito cardiaco,
  • Il polso nelle aree dell'arteria danneggiata situate sotto la ferita è scarsamente sentito o assente,
  • Lo stato di salute della vittima peggiora davanti ai nostri occhi: la persona avverte vertigini, stanchezza, può perdere conoscenza,
  • La pelle diventa rapidamente pallida, acquisisce una tinta bluastra.

Se l'arteria carotide è ferita, la vita della vittima è in grave pericolo. È uno dei principali vasi che fornisce sangue al cervello. Senza il primo soccorso, una persona morirà in un paio di minuti, quindi dovresti assolutamente sapere come fermare l'emorragia.

Cosa può portare a sanguinamento?

Nella clinica ci sono due tipi di sanguinamento: da danno meccanico o patologico. Il primo significa trauma alla parete del vaso a causa di fratture delle ossa vicine o lesioni da qualsiasi oggetto.

Le condizioni patologiche si verificano quando la parete arteriosa viene distrutta a causa di cambiamenti strutturali. Questo fenomeno può essere il risultato di un processo tumorale nei vasi, derivante da vasculite e altre malattie sistemiche..

Le cause comuni di sanguinamento arterioso includono:

  • Lesioni stradali.
  • Se l'arteria è danneggiata, la causa dell'emorragia non gioca un ruolo importante. In ogni caso, è necessario fornire il primo soccorso il prima possibile e contattare specialisti qualificati.
  • Diversi tipi di emofilia.
  • Cirrosi epatica, epatite.
  • Diabete.
  • Lesioni vascolari sotto l'influenza di tossine batteriche e infezioni virali.

Quando una grande arteria è danneggiata, la circolazione sanguigna è centralizzata - una condizione in cui il sangue lascia le estremità, concentrandosi nella regione degli organi vitali - i polmoni, il cervello, il cuore. Questo è un fenomeno fisiologico finalizzato al supporto vitale di emergenza. Si manifesta come pallore e cianosi degli arti, che cessano di essere riforniti di sangue come al solito..

Perché il sanguinamento arterioso è più pericoloso??

Il sangue arterioso è il principale fornitore di ossigeno a tutti gli organi.

Un serio apporto di sangue minaccia l'ischemia, cioè la fame di ossigeno, di alcune parti del corpo. Organi come l'intestino possono rimanere senza aria per decine di minuti, tuttavia, dopo 6 minuti di digiuno si verificano cambiamenti irreversibili nel cervello e nel cuore.

Esiste anche qualcosa come il collasso, una condizione in cui si verifica uno shock emorragico a causa di un forte calo della pressione sanguigna e del flusso sanguigno. Può portare all'arresto cardiaco.

Quali sono i modi per fermare il sangue?

Diverse tecniche sono utilizzate per fermare l'emorragia. Vale la pena sceglierne uno a seconda della posizione della nave danneggiata, delle sue dimensioni e dell'intensità dell'emorragia..

Questi trucchi sono:

  • Bloccaggio con le dita della nave,
  • Rivestimento dell'imbracatura,
  • Tamponamento della ferita.

Punti di pressione delle arterie

Il primo e l'ultimo metodo di arresto sono adatti se la carotide, la mascella o le arterie temporali sono danneggiate, cioè quei vasi su cui è impossibile applicare un laccio emostatico. Il sanguinamento arterioso con lesioni alle estremità può essere fermato più efficacemente con l'aiuto di un laccio emostatico.

Come fornire correttamente il primo soccorso?

Spesso dipende dalla fornitura tempestiva di pronto soccorso con abbondante arteriosa, se la vittima sopravviverà. Per un'assistenza rapida, vale la pena sapere cosa fare in questa situazione. Prima di tutto, chiama la squadra dell'ambulanza, quindi procedi immediatamente con l'algoritmo di azioni consigliato.

Fermare l'emorragia punto per punto

  • Decidi un modo per fermare l'emorragia. Come accennato in precedenza, a seconda della posizione della lesione, puoi semplicemente pizzicare la nave con le dita, applicare un laccio emostatico o tamponare la ferita..
  • Il primo soccorso aiuterà la vittima ad aspettare l'arrivo dell'ambulanza. Successivamente, verrà effettuato un arresto completo del sanguinamento legando la nave o suturando la ferita.
  • Inizia pizzicando l'arteria con le dita. È necessario premere il vaso non sui tessuti molli, ma sull'osso per garantire l'arresto efficace del sanguinamento.
  • Se la localizzazione lo consente, applicare un laccio emostatico leggermente più in alto rispetto al sito della lesione del vaso.
  • Se non è possibile applicare un laccio emostatico, tampona la ferita.

Come bloccare la nave con sanguinamento arterioso?

Per fornire assistenza con la perdita di sangue il più rapidamente possibile, è necessario sapere quali azioni eseguire con il bloccaggio delle dita e in quale ordine..

In una situazione estrema, prova a concentrarti e segui questo algoritmo:

  • Trova la ferita. Se non è visibile a causa del sangue, è necessario fare una pressione con il palmo della mano. Quindi puoi determinare esattamente da dove proviene la "fontana" e coprire meglio la ferita..
  • Liberare l'area ferita dagli indumenti.
  • Se il sanguinamento si verifica da un vaso sul braccio, premilo contro l'osso più vicino con il pollice, afferrando e stringendo il resto della mano.
  • Tieni la ferita per 10 minuti. Questa volta è più spesso sufficiente per fermare il sanguinamento di gravità da lieve a moderata..
  • Non rimuovere le dita finché non viene applicata l'imbracatura.

Si consiglia di disinfettare le mani con sapone o antisettico prima di eseguire il serraggio. Ciò impedirà che l'infezione penetri nella ferita. Tuttavia, in una situazione in cui esiste una grave minaccia per la vita della vittima, questo consiglio può essere tranquillamente ignorato..

Siti di bloccaggio delle arterie principali:

Nome dell'arteriaCome trovareCompressione ossea
Temporale2 cm sopra e anteriormente all'apertura del canale uditivo esternoTemporale
Recto2 cm anteriormente all'angolo della mascella inferioreMascella inferiore
Generale assonnatoIl bordo superiore della cartilagine tiroideaTubercolo assonnato del processo trasversale della 6a vertebra cervicale
SucclaviaDietro la clavicola nel terzo medioPrima costola
AscellareBordo anteriore della crescita dei peli sotto l'ascellaTesta dell'omero
SpallaBordo mediale del muscolo bicipiteSuperficie interna della spalla
FemoralePiega a metà inguineIl ramo orizzontale dell'osso pubico
PopliteoApice della fossa popliteaSuperficie posteriore della tibia
Aorta addominaleZona ombelico (premuto con un pugno)Zona lombare

Azioni quando si applica un laccio emostatico

Un laccio emostatico è un modo più affidabile per fermare l'emorragia rispetto al bloccaggio di un'arteria. Si applica in caso di emorragia moderata e grave 2 cm più in alto dall'area danneggiata.

Il laccio emostatico può essere medico, cioè prefabbricato. Tuttavia, in situazioni di emergenza, molto spesso questo dispositivo può essere sostituito con mezzi improvvisati come una cintura, strisce di tessuto resistente, una cravatta..

Quando scegli un oggetto da vestire, assicurati che sia il più largo possibile. Le corde sottili non sono adatte per fare un laccio emostatico, poiché pizzicano troppo i tessuti, contribuendo allo sviluppo della necrosi.

Il laccio emostatico non viene applicato sulla pelle. Per non schiacciare troppo, un pezzo di stoffa giace sotto di esso o semplicemente fissarlo agli indumenti del paziente. Il criterio per la corretta applicazione del laccio emostatico è l'assenza di un impulso sul vaso schiacciato sotto il punto di applicazione.

Vale la pena ricordare che il laccio emostatico non può essere applicato per molto tempo. In estate, la nave può essere riparata per 60 minuti, in inverno - 30 minuti. Per aiutare i medici di emergenza, scrivi una nota con l'ora esatta del bloccaggio dell'arteria, fissala con un laccio emostatico o fissala ai vestiti. In assenza di carta, scrivi una nota sulla pelle della vittima.

Dopo il tempo di serraggio consigliato, il laccio emostatico deve essere rimosso per 10 minuti. Questo aiuta a evitare la necrosi dei tessuti a causa della mancanza di ossigeno..

L'imposizione di un laccio emostatico per sanguinamento arterioso

L'applicazione di un laccio emostatico sull'arteria carotide ha una serie di caratteristiche. Per non passare la nave sul lato opposto, è necessario alzare la mano della vittima sul lato opposto alla posizione della ferita. Puoi anche usare un bastoncino robusto, posizionando prima un rullo di garza di cotone tra esso e la pelle.

Fissare l'arteria con un laccio emostatico, avvolgendola anche attorno alla stecca (bastone o braccio). È molto difficile fermare l'emorragia nel collo, quindi cerca di riparare bene il laccio emostatico.

Come viene eseguito il tamponamento della ferita??

Un tamponamento e un laccio emostatico possono fermare l'emorragia grave, ma sono solo temporanei. Solo gli operatori sanitari qualificati possono finalmente far fronte alla situazione..

Come fermare l'emorragia se non è possibile applicare il laccio emostatico? In questi casi, è necessario eseguire il tamponamento..

Per fare questo, hai bisogno di una benda o di un batuffolo di cotone, se non sono disponibili, i normali tovaglioli di carta andranno bene..

Dopo aver piegato un batuffolo di cotone o tovaglioli in più strati, premili sulla ferita, riavvolgendoli strettamente con una benda. Questo tipo di tampone viene utilizzato per le emorragie dalle arterie degli arti superiori e inferiori..

Per rendere più efficace l'arresto del sangue, solleva l'arto colpito.

Azioni per una grande perdita di sangue

L'arteria più assetata di sangue è quella carotide. È vitale e il suo danno è molto spesso fatale. Se sei riuscito a fermare il sanguinamento da un vaso così grande, vale la pena prendere misure per prevenire lo shock ipovolemico (l'ipovolemia è una condizione in cui il volume del flusso sanguigno diminuisce drasticamente).

La vittima dovrebbe avere accesso all'aria. Togli gli indumenti in eccesso. Stendilo sulla schiena, cerca di mettere le gambe in elevazione in modo che il sangue si concentri il più possibile nella parte centrale del corpo.

Se la vittima è cosciente, dagli dell'acqua o del tè dolce. In caso di incoscienza e impossibilità di respirare, eseguire le compressioni toraciche.

In caso di perdita di sangue acuta, cerca di calmare la vittima in modo che non esegua movimenti inutili. Attendi l'arrivo dell'ambulanza, che devi chiamare prima di prestare il primo soccorso. Di 'al dispatcher l'indirizzo dell'incidente e inizia immediatamente a fermare l'emorragia.

Sanguinamento

Informazione Generale

Il sanguinamento è l'effusione di sangue negli organi interni o nell'ambiente esterno. Il nostro corpo ha 4-5 litri di sangue: il 60% è nei vasi e il 40% nel deposito. La perdita di 1/3 del volume sanguigno è pericolosa per la vita, ma se scade rapidamente, la vittima può morire con meno perdite. Cioè, un indicatore importante delle condizioni del paziente non è solo il volume, ma anche il tasso di perdita di sangue. Il sanguinamento con rapida perdita di sangue è sempre accompagnato da collasso e, se c'è una lenta perdita di sangue, potrebbero non esserci sintomi.

Normalmente il sistema emostatico mantiene lo stato liquido del sangue e lo mantiene nel letto vascolare. Se la parete vascolare è danneggiata, vengono immediatamente attivati ​​i meccanismi volti a fermare il sanguinamento. Ciò coinvolge la parete vascolare, le piastrine e il sistema di coagulazione (fattori di coagulazione del plasma).

Ma con ferite o ferite estese, questo non è sufficiente. Il sanguinamento dai capillari, dalle piccole arterie e dalle vene può interrompersi spontaneamente, mentre il sanguinamento abbondante è pericoloso per la vita della vittima. Cosa fare se inizia l'emorragia? Dopotutto, la sua interruzione tempestiva a volte è cruciale per salvare vite umane. A questo proposito, è importante determinare correttamente il tipo di sanguinamento e fornire il primo soccorso.

Patogenesi

Il collegamento principale nella patogenesi della perdita di sangue è una diminuzione del volume del sangue circolante. Con poca o grande perdita di sangue, ma a sviluppo lento, è possibile mantenere la pressione sanguigna normale. Ciò accade a causa del fatto che lo spasmo dei piccoli vasi (arteriole) si verifica in modo riflessivo sulla perdita di sangue e aumenta il tono del sistema nervoso simpatico. Con una massiccia perdita di sangue, il BCC diminuisce a causa di una diminuzione del flusso sanguigno venoso al cuore e di una diminuzione della circolazione sanguigna. Nelle fasi iniziali, un aumento della frequenza cardiaca e un aumento della forza delle contrazioni mantiene il volume minuto della circolazione sanguigna, ma poi diminuisce progressivamente. La frequenza cardiaca allo stadio terminale diminuisce.

La perdita di sangue influisce sulla funzione del muscolo cardiaco: la velocità di contrazione diminuisce. Quando la pressione diminuisce, il flusso sanguigno nelle arterie coronarie diminuisce - l'ipossia miocardica progredisce e la conduzione cardiaca è compromessa, e questo è importante per la prognosi.

Con la perdita di sangue, gli shunt artero-venosi vengono aperti e parte del sangue passa nelle venule attraverso le anastomosi, bypassando i capillari. Allo stesso tempo, l'afflusso di sangue ai muscoli, alla pelle e ai reni si deteriora, ma il sangue ritorna al cuore più facilmente: la gittata cardiaca e l'apporto al cervello sono supportati. Questo meccanismo compensa una diminuzione del sangue fino al 10% senza modificare la pressione e la funzione cardiaca. Secondo un altro meccanismo, la conservazione dell'emodinamica avviene a causa del flusso di liquidi e proteine ​​nel flusso sanguigno dagli spazi interstiziali. La perdita di sangue influisce sicuramente sulla microcircolazione, poiché quando la pressione scende a 50 mm Hg. Arte. la stasi (ristagno) si nota nei capillari e nella fase terminale compaiono i microtrombi.

Quando la pressione scende a 50 mm Hg. Arte. il flusso sanguigno renale diminuisce di un terzo e, pertanto, la diuresi diminuisce, che si arresta a una pressione di 40 mm Hg. Arte. Un rallentamento del flusso sanguigno renale viene registrato pochi giorni dopo la perdita di sangue. Se la perdita di sangue non viene completamente sostituita, c'è il rischio di insufficienza renale.

Con una grave perdita di sangue, l'apporto di ossigeno dai tessuti diminuisce bruscamente, si sviluppa la carenza di ossigeno e, soprattutto, il sistema nervoso centrale ne soffre. Nel corpo, a causa dell'ipossia, si accumulano prodotti metabolici sottoossidati e si sviluppa acidosi (prima compensata e poi non compensata).

Parallelamente, nel corpo vengono attivati ​​meccanismi di compensazione: la coagulazione del sangue viene accelerata. Tuttavia, la fibrinolisi viene contemporaneamente attivata (dissoluzione di coaguli di sangue e coaguli di fibrina, che si verifica sotto l'azione degli enzimi proteolitici plasmatici). Con meccanismi compensatori insufficienti nella condizione di una diminuzione prolungata della pressione, la perdita di sangue si trasforma in una condizione grave e irreversibile - shock emorragico, che può durare per ore.

Classificazione del sanguinamento

Tipi di sanguinamento a seconda della nave danneggiata:

  • Arteriosa.
  • Venoso.
  • Capillare.
  • Parenchimale.
  • Misto (artero-venoso).
  • Speziato.
  • Cronico.
  • Non traumatico.
  • Traumatico.

Nel sito dello spurgo del sangue:

  • Interno (nascosto).
  • All'aperto.
  • Interstitial.

Di seguito considereremo quali tipi di sanguinamento esistono e le loro caratteristiche. L'importanza e la necessità di sapere cosa si verifica l'emorragia è determinata dalla corretta fornitura di pronto soccorso. Il fatto è che diversi tipi di sanguinamento richiedono un approccio diverso alla fornitura di cure mediche..

Emorragia interna

Quando il sangue scorre internamente, si accumula nelle cavità del corpo. La causa è un trauma o varie malattie croniche. Si verifica con una lesione chiusa al torace o alla cavità addominale con danni ai vasi sanguigni e agli organi parenchimali. Il sangue scorre nella cavità (pleurica o addominale). L'emorragia interna si verifica con punture e ferite da taglio che hanno un lungo canale della ferita e penetrano nella cavità toracica / addominale. Il flusso sanguigno intracranico è osservato con lesione cerebrale traumatica. La natura massiccia, il trattamento tardivo e alcune difficoltà nello stabilire una diagnosi portano al fatto che l'emorragia interna minaccia la vita del paziente. Se parliamo di malattie che sono accompagnate da sanguinamento, allora possiamo nominare tubercolosi polmonare, ulcera peptica, cirrosi epatica, malattia renale, rottura della milza.

Una variazione è il sanguinamento intra-addominale - un accumulo di sangue nella cavità addominale (il termine medico emoperitoneo). Questo tipo di sanguinamento è spesso il risultato di traumi addominali o complicazioni di processi patologici nella cavità addominale e nello spazio retroperitoneale. In caso di lesioni, l'integrità dei vasi dell'omento, del mesentere dell'intestino, del fegato, della milza e del pancreas viene interrotta e l'aneurisma aortico si rompe. Non è esclusa la possibilità di sanguinamento nella cavità addominale dopo operazioni sui suoi organi con una diminuzione della coagulabilità del sangue o il fallimento delle suture imposte ai vasi. L'emorragia intra-addominale può anche essere associata a patologie ginecologiche: apoplessia ovarica e gravidanza ectopica.

Il sanguinamento parenchimale è un sanguinamento dagli organi interni del parenchima. Il sanguinamento parenchimale si verifica quando il fegato, la milza, i polmoni, i reni e il pancreas subiscono lesioni. Di solito il sanguinamento parenchimale è misto, poiché le arterie e le vene dell'organo sono danneggiate. Allo stesso tempo, il sangue scorre abbondantemente e continuamente. È estremamente difficile fermarlo ed è necessario l'intervento di un chirurgo.

Emorragia esterna (esterna)

Si sviluppa quando vengono danneggiati vasi di vario calibro. L'emorragia esterna si manifesta con il rilascio di sangue all'esterno. Può essere capillare, arterioso e venoso.

Sanguinamento arterioso

L'arteria è il più pericoloso di tutti i tipi di sanguinamento. La perdita di 1-1,5 litri di sangue è molto pericolosa. Con la perdita di sangue, si sviluppa l'ipossia e la funzione di tutti gli organi e sistemi è compromessa. A causa dell'ipertensione e della velocità del suo flusso, i coaguli di sangue non hanno il tempo di formarsi, quindi non si fermano da soli. L'emorragia arteriosa si verifica con ferite da puntura, fratture o politrauma.

Il sanguinamento grave si verifica quando le arterie carotide, femorale o ascellare sono danneggiate. L'emorragia pesante (massiccia) è mortale: la morte può verificarsi in 3-5 minuti. Con esso, il 40-70% del sangue viene perso (la perdita di sangue è di 2-3,5 litri). La perdita di oltre 3-3,5 litri è assolutamente fatale..

Sanguinamento venoso

Si verifica con ferite da taglio e puntura. Con esso, il sangue viene versato di un colore ciliegia scuro e scorre lentamente, in modo uniforme, in un flusso continuo. Il sanguinamento venoso è meno intenso del sanguinamento arterioso, quindi raramente minaccia la vita della vittima. Quando il collo è ferito, c'è il rischio di embolia gassosa: l'aria viene aspirata attraverso le vene danneggiate durante l'inalazione, le cui bolle diventano una fonte di embolia del letto arterioso.

Sanguinamento capillare

Si sviluppa con varie lesioni superficiali della pelle (abrasioni, tagli superficiali), mucose, muscoli. Con queste lesioni, il vaso sanguinante nella ferita non è visibile. A causa di danni superficiali, la perdita di sangue è insignificante e non pericolosa per l'uomo. Potrebbe esserci un sintomo di "rugiada sanguinante": sul sito del danno compaiono gocce di sangue, simili alla rugiada, che aumentano lentamente. Qual è la caratteristica del sanguinamento capillare? Le sue caratteristiche principali:

  • il sangue si perde in gocce;
  • l'intera superficie della ferita sanguina;
  • le navi danneggiate non sono visibili;
  • poca perdita di sangue;
  • il meno pericoloso di tutti i tipi;
  • spesso si ferma da solo.

Il pericolo esiste in emofilia, epatite, sepsi, in cui la coagulazione del sangue è compromessa.

Cause di sanguinamento

I motivi sono vari, ma si possono distinguere i principali:

  • Danno meccanico ai vasi sanguigni con lesioni aperte e chiuse. Le lesioni alle arterie sono le più pericolose. Questa è una violazione completa o parziale dell'integrità della parete vascolare. Le lesioni possono essere arma da fuoco, morsi, coltellate, schiacciate. Può esserci un danno isolato all'arteria, così come combinato, quando la vena, l'osso e il nervo sono danneggiati, il che aggrava significativamente le condizioni del paziente. Le lesioni alle arterie delle estremità sono le più comuni e un sintomo caratteristico, oltre al sanguinamento pulsante, è l'ischemia dei tessuti delle estremità. Quest'ultimo ha diversi gradi: compensato, non compensato, irreversibile e necrosi.
  • Danno termico: ustioni, congelamento.
  • Disturbo della coagulazione del sangue.
  • Distruzione della parete vascolare da un processo patologico. In questo caso, si sviluppa un'emorragia arrosiva, che è di natura non traumatica. L'emorragia arrosiva può essere causata da processo tubercolare, oncologico (tumore con carie) o ulcerativo, processo infiammatorio distruttivo (necrosi).
  • La maggiore permeabilità della parete del vaso è accompagnata da sanguinamento diapedetico. In questo caso, i vasi del letto microcircolatorio (arteriole, venule, capillari) sono più spesso colpiti. Un tale stato patologico dei vasi è notato con carenza di vitamina C, uremia, scarlattina, malattia di Shenlein-Henoch, sepsi.
  • Malattie del tratto gastrointestinale (ulcera peptica, emorroidi, colite ulcerosa, polipi colorettali, sindrome di Mallory-Weiss).
  • Trauma meccanico alla vagina (rottura della parete), danno alla mucosa cervicale, erosione, malattie infiammatorie degli organi femminili, polipi, tumori maligni, mancata contraccezione causano sanguinamento durante il rapporto.
  • Cambiamenti tossici nei vasi sanguigni in caso di avvelenamento con fosforo e benzene.
  • Malattie respiratorie (tubercolosi, polmonite, tumori, edema polmonare, bronchiectasie, infarto polmonare, ascesso).

Tra i pazienti, ci sono gruppi a maggior rischio di sanguinamento:

  • Femmina.
  • Età anziana.
  • Pazienti con insufficienza renale.
  • Le donne in gravidanza con ipofunzione ovarica, disfunzione mestruale, infantilismo genitale, che hanno subito aborti, hanno patologie del fegato, reni, fibromi uterini, bacino stretto, nascite multiple, un grande feto sono a rischio di sanguinamento ostetrico.
  • Persone con malattie del fegato.
  • Presenza di trombocitopenia o disfunzione piastrinica.
  • Malati di collagene (predispongono al sanguinamento).
  • Con una storia di cancro.
  • Pazienti che assumono anticoagulanti. Molto spesso in questi pazienti ci sono emorragie sottocutanee, sanguinamento gastrointestinale, emorragia intraoculare e intracranica. Il sanguinamento minore si verifica molto più spesso durante la terapia con warfarin e agenti antipiastrinici.
  • Malati di emofilia.
  • Quelli con malattie emorragiche congenite (malattia di von Willebrand, anomalia di May-Hegglin, teleangectasia emorragica, trombastenia grave di Glanzmann, sindrome di Scott).

Segni di sanguinamento

La capacità di determinare il tipo di flusso sanguigno e di fornire correttamente assistenza determina l'esito di questa condizione per il paziente.

Quali sono i segni di sanguinamento arterioso? Per l'esterno, visibile, è caratteristico:

  • carattere pulsante;
  • sangue rosso vivo (scarlatto);
  • uno dei segni di sanguinamento arterioso è il sangue che sgorga dalla ferita.

L'emorragia arteriosa porta rapidamente all'anemia acuta. La perdita di 1000 ml è pericolosa e la perdita di oltre 1000 ml è pericolosa per la vita. La vittima è pallida, il polso è accelerato (fino a 140-160 al minuto), la pressione scende rapidamente, sono frequenti vertigini, nausea e svenimenti. Il polso nelle arterie periferiche scompare, si notano disturbi respiratori.

Con una perdita di sangue assolutamente fatale, il 70% di esso viene perso (più di 3-3,5 litri). C'è una scarica involontaria di feci e urina, convulsioni, il paziente cade in coma e la morte si verifica a causa di arresto cardiaco.

Segni di sanguinamento venoso

Quali sono i segni di questa specie?

  • il sangue scorre lentamente e continuamente dalla ferita (non sgorga né sgorga);
  • rosso scuro (bordeaux).

Se la pressione venosa non è elevata, il sangue si arresta spontaneamente a causa della formazione di un coagulo sanguigno. Ma anche con una grande perdita di sangue, come nel caso precedente, c'è uno stato di shock e può essere fatale.

Segni di emorragia interna

I sintomi generali indicano sanguinamento interno. Con moderata gravità: aumento della frequenza cardiaca fino a 90-100 battiti, respiro rapido inespresso, estremità fredde, pelle pallida. Sono possibili secchezza delle fauci, vertigini, grave debolezza, svenimento, nausea, reazione ritardata e disturbi del movimento.

Nei casi più gravi, la pressione sistolica scende al di sotto di 80 mm. rt. Art., E il polso è superiore a 110 battiti / min. C'è un marcato aumento della frequenza respiratoria, sudore appiccicoso, sonnolenza, tremori alle mani, oscuramento degli occhi, apatia, sete, annebbiamento della coscienza, pallore pronunciato della pelle. Con massicce emorragie interne, la pressione scende a 60 mm Hg. Art., La coscienza è confusa (il paziente è delirante) o assente, sudore freddo, pallore acuto con una sfumatura grigia. I lineamenti della vittima si affilano e lo sguardo diventa indifferente.

Oltre ai sintomi generali, ce ne sono di specifici che indicano danni all'uno o all'altro organo. La tosse con sangue è un segno di sanguinamento dal sistema broncopolmonare. L'emottisi o lo scarico abbondante di sangue durante la tosse è una conseguenza dell'arrosione dei vasi sanguigni con bronchiectasie, tubercolosi o tumori bronchiali. A seconda del grado di sanguinamento, possono essere strisce di sangue nell'espettorato o il rilascio di sangue schiumoso scarlatto quando si tossisce. La tosse parossistica di solito precede il sanguinamento. Il paziente può provare dolore al petto e una spiacevole sensazione di "bruciore", mancanza di aria o sensazione di fastidio respiratorio. Il paziente è preso da ansia e paura.

Il sanguinamento nella cavità pleurica si verifica quando si verifica un colpo al torace. Il sangue scorre nella cavità pleurica e il polmone viene compresso in questa metà. A questo proposito, il paziente respira con difficoltà e, se l'accumulo di sangue è significativo, soffoca.

Il vomito con sangue scarlatto o fondi di caffè appare quando sanguina dal tratto gastrointestinale superiore. Il vomito di sangue è possibile se la sorgente si trova sopra il legamento di Treitz, e quando il sangue viene a contatto con l'acido cloridrico, il colore cambia e assume il colore dei "fondi di caffè". Tuttavia, dal colore del vomito non è sempre possibile determinare con precisione il luogo della perdita covascolare. Con una massiccia perdita di sangue dallo stomaco, il vomito è rosso vivo.

Con una fonte di sanguinamento situata nel tratto gastrointestinale inferiore, il vomito è assente e il sangue si trova nelle feci (è anche determinato dall'esame digitale del retto). Più leggero è il sangue, più distale è la fonte di sanguinamento. L'isolamento di sangue immutato spesso indica sanguinamento emorroidario. Il sangue rosso vivo nelle feci si verifica con abbondante perdita di sangue e peristalsi accelerata. Se il tempo di transito del contenuto intestinale è di 8 ore, appare uno sgabello catramoso, lucido e appiccicoso, chiamato melena. È una conseguenza dell'effetto della flora intestinale sul sangue e sulle feci, solitamente informe.

I segni di emorragia interna nella cavità addominale sono abbastanza difficili da riconoscere, poiché i sintomi non sono specifici: debolezza, dolore addominale acuto, grave pallore, sudore freddo, debolezza, diminuzione della pressione, polso rapido, sonnolenza, battito cardiaco debole, grave mancanza di respiro, vertigini. L'emorragia interna è spesso accompagnata da perdita di coscienza. Con tali segni, si sospetta una patologia chirurgica. È possibile determinare con precisione la diagnosi intervistando il paziente (trauma, mestruazioni ritardate) e ulteriori ricerche: esame del sangue, ecografia degli organi addominali, esame da parte di un ginecologo.

Analisi e diagnostica

Diversi sistemi sono importanti nella coagulazione del sangue: il sistema cellulare (piastrine) e il sistema proteico plasmatico (fattori di coagulazione). Pertanto, per chiarire la causa dell'aumento del sanguinamento, è necessario determinare la consistenza della funzione piastrinica e l'attività dei fattori di coagulazione. L'esame dei pazienti con tendenza al sanguinamento include un esame del sangue per la coagulazione e la durata del sanguinamento.

Ci sono concetti di coagulazione del sangue e durata del sanguinamento. Il primo indicatore è determinato dall'emocoagulazione (fattori plasmatici) e il secondo dalle piastrine, che acquisiscono attività nell'area del danno ai piccoli vasi (capillari). Un esame del sangue per la coagulazione e la durata del sanguinamento consente di valutare l'emostasi periferica (locale, primaria) e l'emostasi secondaria (macrocircolatoria o coagulativa).

Fermare il sanguinamento dopo il danneggiamento dei piccoli vasi è dovuto alla formazione di coaguli di sangue in essi. In risposta al danno alla nave, il suo restringimento e adesione (saldatura) delle piastrine si verifica nel sito del danno. Le piastrine si attaccano ai bordi del vaso, sovrapponendosi l'una all'altra. Da loro vengono rilasciati serotonina e adrenalina, il che aumenta lo spasmo vascolare. La tromboplastina viene rilasciata dai tessuti danneggiati che, interagendo con alcuni fattori del sistema di coagulazione del plasma, forma la trombina. Di conseguenza, l'adesione delle piastrine diventa irreversibile e si forma un coagulo di fibrina (trombo piastrinico) e il sanguinamento dai piccoli vasi si interrompe..

La durata del sanguinamento secondo Duque è una determinazione del tempo del sanguinamento capillare, che dipende dallo stato dei capillari e dall'attività delle piastrine (la loro capacità di aderire e aggregarsi). Viene eseguito un esame del sangue perforando la falange dell'anulare. Contemporaneamente alla puntura, si accende un cronometro, la goccia di sangue che appare viene rimossa con la carta. Se non compare una nuova goccia, il cronometro viene spento e viene registrata la durata dell'emorragia. Lo studio dello stato dei capillari e delle piastrine è importante in caso di malattia di von Willebrandt, ipovitaminosi C, malattie del fegato, sindrome della coagulazione intravascolare disseminata, ipofunzione surrenale. Il tempo di sanguinamento di Duke è di 2-4 minuti. Ciò che conta è l'allungamento di questo tempo.

Ciò si verifica in caso di gravi carenze piastriniche (o trombocitopenia). È significativamente allungato con malattia di von Willebrandt, malattia del fegato, sindrome da coagulazione intravascolare disseminata e tumori. Inoltre, il tempo di sanguinamento si allungherà con disturbi della coagulazione (sindrome tromboemorragica) e un aumento del livello di eparina nel sangue - una malattia ereditaria di iperheparinemia, che si manifesta con diatesi emorragica. L'accorciamento indica una maggiore capacità di collasso dei capillari. In caso di disturbi della coagulazione del sangue, il tasso di durata del sanguinamento non cambia.

Il tempo di coagulazione (un altro indicatore) è il tempo necessario alla formazione di un coagulo per fermare l'emorragia. Questo indicatore viene utilizzato per identificare le violazioni dell'emostasi e viene utilizzato prima dell'intervento chirurgico e durante l'esame preventivo. Il prelievo di sangue viene effettuato non prima di 8 ore dopo aver mangiato. L'assunzione di alcol e l'attività fisica sono escluse prima dello studio. Per il sangue venoso (quando determinato con il metodo Lee-White) questo tempo non deve superare i 10 minuti (da 5 a 10 minuti).

Un aumento del tempo indica una tendenza al sanguinamento. Questo può essere osservato quando:

  • carenza di fattori plasmatici;
  • inferiorità congenita dei fattori plasmatici;
  • malattie del fegato;
  • trattamento con anticoagulanti indiretti.

Una diminuzione del tempo di coagulazione è associata ad un alto rischio di trombosi, che si osserva con trombofilia, uso di contraccettivi e corticosteroidi, sindrome DIC (stadio ipercoagulabile).

L'emostasi secondaria (coagulazione) è inclusa nel sanguinamento da vasi grandi e medi ed è fornita dal sistema di coagulazione del plasma. Include due collegamenti: procoagulante e anticoagulante. La coagulazione del sangue del plasma è una cascata di reazioni che si verificano sotto l'azione di enzimi, in cui il fattore precursore (zoenzima) viene convertito in un enzima che attiva un altro zima del sistema. Il prodotto finale della coagulazione è un coagulo piastrinico insolubile (noto anche come coagulo emostatico). Il processo si svolge in 4 fasi: la formazione della protrombinasi, la formazione di trombina, fibrina e fibrinolisi.

Nel processo di coagulazione del sangue sono coinvolti i procoagulanti: si tratta di proteine ​​e calcio, che causano la formazione di fibrina (è la base dell'emostasi). I procoagulanti sono designati da numeri: da I a XIII.

Il XII - il fattore Hageman - conta. La norma è del 65-150%. La sua attivazione si verifica quando si interagisce con una nave danneggiata e innesca il meccanismo di coagulazione del sangue intravascolare. Una carenza congenita di questa proteina è la malattia di Hageman, che è caratterizzata da un aumento del tempo di coagulazione del sangue in assenza di sanguinamento. Non essendoci tendenza al sanguinamento, la malattia non viene rilevata (scoperta per caso durante l'esame prima dell'intervento).

Pronto soccorso per sanguinamento

L'arresto temporaneo di sanguinamento appartiene al medico di pronto soccorso. assistenza e viene svolto nell'ambito del primo soccorso. Il primo soccorso per l'emorragia include vari metodi e tecniche per fermare l'emorragia e tutti si riferiscono all'arresto temporaneo dell'emorragia.

Quali sono i modi per fermare l'emorragia? A seconda del tipo di sanguinamento, viene selezionato uno o un altro metodo di arresto temporaneo:

  • Tamponamento della ferita. Questo metodo viene utilizzato per ferite profonde (ferite da coltello e da arma da fuoco). Per questo, la medicazione viene posizionata sulla punta del dito indice e inserita nel foro della ferita il più in profondità possibile. Il dito non può essere rimosso dalla ferita, ma parallelamente si esegue il tamponamento con l'indice dell'altra mano. Spostando il materiale lungo il canale della ferita, il dito della prima mano viene gradualmente rimosso. Pertanto, alternativamente cambiando le mani, il canale della ferita viene riempito saldamente fino alla fine. Dall'alto, materiale aggiuntivo viene applicato alla ferita e fissato saldamente. Se possibile, usa bende con un agente emostatico.
  • Pressione delle dita su una nave sanguinante.
  • Applicare una benda di pressione.
  • Flessione dell'arto nell'articolazione e fissarlo in questo stato.
  • L'imposizione di un laccio emostatico è uno strattone circolare sull'arto. La domanda è: a quale sanguinamento viene applicato un laccio emostatico? Viene utilizzato per sanguinamento arterioso e solo in caso di danni alle grandi arterie (braccia e gambe), se l'intervento medico è ritardato. Quando si applica un laccio emostatico, è necessario indicare il tempo della sua applicazione. Inoltre, un laccio emostatico può essere applicato per il sanguinamento venoso nel caso in cui non sia possibile applicare una benda di pressione o se l'emorragia non si è fermata dopo la sua applicazione.
  • Bloccaggio (eseguito da un addetto alle ambulanze).
  • Posizione degli arti elevati.

Dopo aver identificato la fonte, è necessario agire tatticamente correttamente e sapere quale sanguinamento deve essere interrotto per primo, soprattutto se la vittima ha un politrauma. Prima di tutto, devi fermare l'arteria, poiché questo particolare tipo è considerato il più pericoloso.

Pronto soccorso per sanguinamento arterioso

Il primo soccorso per questo tipo di sanguinamento deve essere eseguito in modo rapido e competente, poiché quando un'arteria viene ferita, il sanguinamento è abbondante e minaccia la vita del paziente. L'ulteriore condizione del paziente e persino la sua vita dipendono dalla rapidità con cui viene fornito il PMP.

Algoritmo per fermare l'emorragia arteriosa

  • Posare la vittima in modo che il sito della ferita si trovi sopra il livello del cuore.
  • Se l'emorragia non è forte, puoi applicare una benda di pressione sulla ferita.
  • Esercitare pressione con le dita sull'osso (premendo l'arteria sopra il sito della ferita).
  • Usa la flessione degli arti in corrispondenza dell'articolazione. Quando l'arteria succlavia, ascellare o brachiale è ferita, entrambi i gomiti vengono tirati indietro fino al cedimento. Quando l'arteria femorale è ferita, la coscia viene portata allo stomaco, la gamba viene piegata sull'articolazione del ginocchio e fissata.
  • Per il sanguinamento arterioso, deve essere applicato anche un imballaggio stretto. Quando si sanguina dall'arteria carotide, è necessario premere rapidamente la ferita con le dita (pugno), quindi riempirla con una grande quantità di garza.

Il modo più veloce è premere il vaso contro l'osso sopra il sito di sanguinamento. Devi premere con più dita di una, ma preferibilmente con entrambe le mani. Di seguito sono riportati i punti di pressione delle arterie.

La pressione delle dita, se eseguita correttamente, consente di fermare l'emorragia quasi immediatamente. Ma è difficile mantenere tale pressione per più di 3-5 minuti. Pertanto, premere sui punti di pressione è un aiuto temporaneo di emergenza, che viene sostituito dall'imposizione di un laccio emostatico o di un morsetto. In alcuni casi, la pressione delle dita è l'unico modo, ad esempio, se non è possibile applicare un laccio emostatico (ferite al collo o ferite alla spalla e all'anca).

In ogni caso, questa tecnica è importante perché permette di guadagnare tempo per altri metodi..
Il sanguinamento arterioso può essere efficacemente fermato solo applicando un laccio emostatico sopra il sito di sanguinamento: questo è il metodo più affidabile utilizzato sugli arti inferiori e superiori.

Come applicare un laccio emostatico? Prima di tutto, devi conoscere le regole per applicare un laccio emostatico:

  • Viene applicato sopra il sito sanguinante.
  • Il luogo dell'imposizione è ricoperto da uno strato di garza (se non ce n'è, con un fazzoletto, un pezzo di stoffa). Questo viene fatto per non danneggiare la pelle e i nervi superficiali..
  • Un laccio emostatico viene applicato all'arto sollevato.
  • Vengono effettuati diversi giri, i primi giri del laccio emostatico sono meno stretti e quelli successivi sono più stretti. Le bobine devono passare l'una all'altra. Se applicato correttamente, l'emorragia si interrompe, il polso scompare e la pelle sotto il laccio emostatico diventa pallida. Le estremità del laccio emostatico si fissano bene.
  • Con il sanguinamento degli arti superiori, viene applicato un laccio emostatico sul terzo superiore della spalla (il più vicino possibile all'ascella). Se l'arto inferiore è danneggiato, viene applicato sul terzo superiore della coscia (il più vicino possibile alla piega inguinale). Un tale luogo di sovrapposizione è dovuto al fatto che qui si concentrano grandi vasi, il cui bloccaggio fornisce un effetto rapido. Il bruciore della parte inferiore della gamba e dell'avambraccio non è efficace, poiché in queste parti i vasi giacciono in profondità ed è improbabile che smetta di sanguinare..
  • Quando il gonfiore e l'azzurro del braccio o della gamba appaiono sotto l'applicazione del laccio emostatico, viene rimosso e dopo un po 'viene applicato di nuovo.
  • Il tempo di applicazione del laccio emostatico è obbligatorio, poiché la cessazione del flusso sanguigno provoca la necrosi dei tessuti. In generale, il laccio emostatico viene applicato per 1,5-2 ore, in inverno questo tempo è ridotto a un'ora. Durante questo periodo, il paziente deve essere portato in ospedale.
  • Se il laccio emostatico è sull'arto per più del tempo prescritto, quindi per ripristinare l'afflusso di sangue, viene indebolito per 5-10 minuti e in questo momento viene utilizzato il metodo di pressione con le dita della nave. Questo può essere ripetuto più volte, riducendo il tempo in cui il laccio emostatico rimane sull'arto. Ogni volta che devi sovrapporlo sopra il posto precedente..
  • La vittima dovrebbe sdraiarsi sulla schiena con la testa abbassata (per un migliore afflusso di sangue al cervello) e sollevare braccia e gambe.
  • In assenza di laccio emostatico, utilizzare un tubo di gomma, cravatta, bretelle, un fazzoletto, cinture, un asciugamano, un pezzo di stoffa spessa.

Fermare l'emorragia venosa

Cosa succede se c'è sanguinamento venoso e quali sono i modi per fermarlo? Nel piano PMP, la nave viene premuta contro l'osso sotto la ferita. Ciò non richiede strumenti aggiuntivi. Se una vena è ferita, il modo migliore è applicare una benda di pressione.

Prima di questo, la ferita viene lavata con un antisettico e vengono applicati strati di garza, quindi un denso batuffolo di cotone (benda spiegata), che premerà sulla ferita e benderà strettamente. La benda di pressione dovrebbe afferrare la ferita 10-15 cm sopra e sotto di essa. Quando si fascia strettamente e si preme l'oggetto che preme, il lume delle vene viene compresso. Dopodiché, con sanguinamento venoso, all'arto viene data una posizione elevata e viene applicato il freddo. È possibile fornire il primo soccorso per questo tipo di sanguinamento mediante tamponamento della ferita. A volte diventa il metodo definitivo per fermare il sangue..

Come fermare il sanguinamento venoso con il laccio emostatico? Come già accennato in precedenza, con questo tipo di flusso sanguigno, viene applicato anche un laccio emostatico, se non è possibile interrompere il flusso di sangue con qualsiasi mezzo, ma il laccio emostatico viene applicato sotto il livello della ferita. La conferma dell'efficacia è l'arresto del sanguinamento. Se il tipo di sanguinamento viene identificato in modo errato, non si fermerà.

Flusso sanguigno capillare

A causa della capacità del sangue di coagulare, il sanguinamento capillare spesso si interrompe spontaneamente. Il sanguinamento capillare può essere fermato sollevando l'arto ferito al di sopra del livello del corpo. Se ciò non è avvenuto, o per accelerare il processo di arresto del sangue, e anche per evitare che l'infezione entri nella ferita, il sanguinamento capillare viene fermato applicando una benda di pressione: in presenza di perossido di idrogeno, la ferita viene trattata, vengono applicati diversi strati di garza pulita (benda), quindi uno strato di cotone idrofilo e bendato.

Questo viene fatto abbastanza strettamente, ma non troppo: il flusso sanguigno arterioso e venoso non deve essere disturbato. Successivamente, il freddo viene applicato alla ferita (contribuisce al restringimento dei piccoli vasi). Se nel kit di pronto soccorso è presente una spugna emostatica, viene applicata sulla ferita invece della garza, quindi viene realizzata una benda di pressione. In assenza di materiale di medicazione medica, il sito di sanguinamento viene legato con un fazzoletto o un panno di cotone pulito. I modi temporanei per fermare l'emorragia mista sono gli stessi.

Tutti i metodi di cui sopra sono utilizzati per l'emorragia esterna, ma per lesioni e sanguinamento da organi interni, l'emorragia viene interrotta in un istituto medico.

Pronto soccorso per emorragie interne

Quando vengono colpiti all'addome o feriti, il fegato, la milza o l'arteria addominale si rompono, accompagnati da un massiccio flusso di sangue nella cavità addominale. Inoltre, questa condizione si osserva con una gravidanza extrauterina. In entrambi i casi, con sanguinamento intraperitoneale interno, compaiono forti dolori addominali, perdita di coscienza e nel paziente si sviluppa rapidamente uno shock emorragico.

Cosa fare in questi casi? Certo, è impossibile fermare l'emorragia interna a casa o per strada: l'arresto dell'emorragia interna richiede un intervento chirurgico. Tuttavia, una risposta rapida, la richiesta di un'ambulanza e il trasporto immediato in ospedale salverà il paziente. Prima dell'arrivo di un'ambulanza, alla vittima viene data una posizione semi-seduta con le gambe piegate alle ginocchia e viene applicato ghiaccio o un impacco freddo sull'addome.

Con il sanguinamento gastrico, il paziente ha bisogno di riposo, applicando il freddo allo stomaco. L'assunzione di cibo è esclusa. È necessario essere trasportati nel vano su una barella in posizione supina con le gambe sollevate. In un ospedale con sanguinamento gastrointestinale, l'acido aminocaproico viene iniettato nello stomaco e vengono utilizzati metodi endoscopici per fermare il sanguinamento.

Le cure di emergenza per l'emorragia polmonare consistono in:

  • La creazione della respirazione libera (sbottonare il colletto di una camicia, vestiti, rimuovere una cravatta, rimuovere la protesi).
  • Dare al paziente una posizione semi-seduta con un'estremità della testa sollevata del corpo. Il paziente non deve alzarsi o camminare. In caso di perdita di coscienza - posizione sul lato.
  • Evitare l'assunzione di cibo e acqua.
  • Applicare un impacco freddo sul petto.
  • Ricovero urgente.

In caso di emorragia polmonare nel pronto soccorso, il sangue viene aspirato dalle prime vie respiratorie e il paziente viene ricoverato nel reparto di terapia intensiva chirurgica.

Nella fase preospedaliera, i farmaci devono essere somministrati per via endovenosa per fermare (ridurre) l'emorragia interna (questo viene fatto dagli operatori dell'ambulanza). Quando la pressione scende al di sotto di 80 mm Hg. Arte. durante il trasporto viene avviata la terapia infusionale. Vengono introdotte soluzioni colloidali (Polyglukin, Reopolyglucin) 400-1200 ml.

Questi farmaci aumentano il volume del sangue circolante, migliorano la microcircolazione e le proprietà reologiche. Se la pressione del paziente è inferiore a 60 mm Hg. Art., Dapprima eseguono l'infusione e solo dopo il miglioramento dei parametri di pressione e polso, il paziente viene trasportato. La terapia trasfusionale per infusione è una condizione indispensabile per la perdita di sangue. Il tasso di sostituzione dipende dalla quantità di perdita di sangue. Inizialmente, le soluzioni vengono iniettate in un flusso e, dopo la stabilizzazione della pressione, l'infusione viene eseguita a goccia.

L'introduzione del cloruro di calcio è priva di significato, poiché il suo effetto sul sistema di coagulazione è dubbio e l'efficacia di Vikasol è bassa. Il più efficace è l'introduzione di 100 ml di soluzione di acido aminocaproico. In ospedale, il paziente continua a essere iniettato con soluzioni per infusione per reintegrare il volume sanguigno circolante: cristalloidi (soluzione isotonica di cloruro di sodio, Normosol, Disol, soluzione di Ringer) e soluzioni colloidali (albumina, plasma, destrano, gelatina e soluzioni di amido idrossietilico).

Assicurati di iniettare farmaci per fermare il sanguinamento: nella fase iniziale vengono utilizzati agenti emostatici e un po 'più tardi (o in parallelo) - inibitori della fibrinolisi.

Farmaci emostatici per forti emorragie:

  • plasma fresco congelato;
  • concentrato del complesso protrombinico (farmaco Octaplex);
  • fattore VII-a della coagulazione ricombinante (rFVIIa, farmaco NovoSeven);
  • ethamsilato di sodio;
  • octreotide (per sanguinamento gastrointestinale);
  • trombina;
  • fibrinogeno.

Promettente, soprattutto in caso di sanguinamento incontrollato, è l'introduzione del fattore VII-a della coagulazione ricombinante. Il farmaco riduce l'intensità della perdita di sangue e previene (o ritarda) lo sviluppo della sindrome DIC. In parallelo, vengono utilizzati inibitori della fibrinolisi. Gli agenti antifibrinolitici includono acido tranexamico, acido aminocaproico e aprotinina.

L'effetto emostatico dell'acido tranexamico è quasi 20 volte superiore a quello dell'acido aminocaproico, poiché ha una struttura molecolare stabile. Un ulteriore effetto emostatico è dovuto alla stimolazione della sintesi del collagene, che aumenta l'elasticità del coagulo di fibrina, e questo aiuta a fermare il sanguinamento.


Articolo Successivo
Il tasso di neutrofili segmentati nel sangue e le ragioni della sua violazione